Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.comune.leffe.bg.it"

Transcript

1 Notiziario dell amministrazione comunale di Leffe MARZO 2009 ATTIVITA ECONOMICHE E PRODUTTIVE AMBIENTE E TERRITORIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA ATTIVITA ISTITUZIONALI INTERVENTI SOCIALI ISTRUZIONE CULTURA E SPORT

2 IN QUESTO NUMERO: ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE pag. 2 5 Sportello innovazione: attività in corso Distretto Urbano del Commercio della ValGandino Iniziative per lo sviluppo commerciale e turistico AMBIENTE E TERRITORIO pag Piano di Governo del Territorio Lavori pubblici Raccolta rifiuti e piattaforma ecologica Giornata del verde pulito INNOVAZIONE TECNOLOGICA pag Banda larga, sviluppi e progetti Aggiornamento sistemi informatici Municipio, Scuole, Sala Consiliare ATTIVITÀ ISTITUZIONALI pag Il Comune con i cittadini, contro la crisi Gruppo consigliare INTERVENTI SOCIALI pag Servizi alla persona Il Nido della Valgandino ISTRUZIONE - CULTURA - SPORT pag Il piano di diritto allo Studio Vivere insieme in un ambiente sostenibile / Campionato di giornalismo Assessorato alla cultura Il Bucintoro del terzo millennio Il Museo del Tessile Manifestazioni sportive Notiziario dell Amministrazione Comunale di Leffe Marzo 2009 Autorizzazione Tribunale di Bergamo n 11 del Direttore responsabile: Gianni Pezzoli In redazione: Giuseppe Carrara, Marisa Carrara, Giuseppe Lacavalla Foto e grafica: Bruno Pezzoli, Giuseppe Lacavalla Impaginazione e stampa: Tipografia Radici Due - Gandino Finito di stampare il Tiratura n copie Legge 675/96 - art. 13 La pubblicazione edita dal Comune di Leffe viene distribuita gratuitamente a tutti i cittadini di Leffe. In qualsiasi momento ogni cittadino potrà chiedere la cancellazione dei suoi dati, per questo uso, con una semplice comunicazione in Comune.

3 L INFORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO Siamo alla seconda edizione del Notiziario Comunale, per il quale abbiamo stabilito una cadenza d uscita annuale: scegliere gli argomenti della pubblicazione, organizzare i contenuti e strutturarli in macrotematiche non è così immediato come si può pensare. Anzi, nella stesura dello schema iniziale e nello sviluppo dei vari temi, ci si rende davvero conto di quante attività e di quanti impegni l Amministrazione, in collaborazione con le altre istituzioni e i cittadini, si fa carico. Non bastano queste pagine per dare visibilità a tutto, ma per fortuna il Comune di Leffe ha un sito internet funzionante ed aggiornato che i cittadini possono quotidianamente consultare per le varie informazioni. Per questo troverete nell edizione numero 2 del notiziario una selezione di avvenimenti e impegni del Comune, che ambiscono a dare una visione d insieme della vita amministrativa. L aspetto che forse si noterà a prima vista è il colore verde della copertina: non solo una nuova veste grafica, ma soprattutto un richiamo visivo agli aspetti che per questo 2009 stanno più a cuore all Amministrazione. Gli sforzi del Sindaco, degli assessori e dei consiglieri si stanno concentrando sulle tematiche di tutela ambientale e del territorio, a partire proprio da tutte le azioni intraprese nel campo della raccolta differenziata e dello smaltimento corretto dei rifiuti. Ancora una volta, dunque, le necessità dei cittadini si rispecchiano nelle priorità e nei programmi dell Amministrazione: il progetto di crescita e sviluppo del nostro Comune si delinea sempre più come una serie di azioni volte ad uno Sviluppo Sostenibile della comunità, dove gli aspetti di crescita economica e sociale si coniugano con quelli di protezione dell ambiente in cui viviamo e in cui vogliamo che i nostri giovani vivano in futuro. Marisa Carrara Consigliere Delegato Informazione al Cittadino Augurando buona lettura a tutti, colgo l occasione per ringraziare gli Amministratori ed il personale del Comune di Leffe. Attraverso questo notiziario si percepisce come il lavoro di ogni persona contribuisce a rendere efficace il programma amministrativo definito con le linee programmatiche. Ogni delega che il Sindaco conferisce ai vari assessori e consiglieri, l azione di ogni gruppo consigliare, il lavoro quotidiano di ogni ufficio, ma anche il contributo necessario della cittadinanza fanno sì che le scelte che andremo a compiere, in particolare per la definizione del Piano di Governo del Territorio (PGT), saranno maggiormente equilibrate ed opportune. Voglio inoltre ringraziare la Comunità leffese per la bella opportunità che mi è stata data di poter amministrare il bene comune: un esperienza impegnativa e complessa, dove conciliare l interesse di tutti, spesso diventa impossibile. A mio avviso però, il buon senso prevale sempre e così da ogni problema si riesce sempre a trarre qualche insegnamento positivo. Cordialmente, Giuseppe Carrara Sindaco 1

4 ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE Sportello innovazione: attività in corso Lo sportello innovazione è un laboratorio interattivo dove le imprese possono porre quesiti e problematiche di qualsiasi natura per trovare in tempi rapidi ed in modo efficace, soluzioni o strade da percorrere. Riteniamo opportuno ricordare sinteticamente cosa è stato fatto e cosa si può ancora fare. Nel 2008, sono state circa una trentina le aziende che hanno potuto usufruire dei servizi offerti da Sportello Innovazione. Attraverso contributi della Camera di Commercio di Bergamo, della Regione Lombardia o del Ministero del Lavoro, le aziende hanno ottenuto un aiuto concreto a sostegno delle attività riguardanti la gestione, l organizzazione e lo sviluppo dell impresa. Nel 2009, tutti gli imprenditori che lo ritengono utile, possono usufruire di queste opportunità di approfondimento e crescita, attraverso vari strumenti finanziati: - Impresa donna: si rivolge alle imprese condotte da donne. - Crea Impresa: si rivolge ad aspiranti imprenditori che vengono aiutati a muovere i primi passi in una logica di impresa. - Rating Point: l imprenditore viene aiutato a stabilire parametri finanziari aziendali che abbiano efficacia nell affrontare i problemi posti da Basilea2 e più in generale i rapporti con gli Istituti di credito. - Innovazione e sviluppo: vengono aiutati gli imprenditori in avvio d impresa, quelli impegnati in un passaggio generazionale delle attività e quelli impegnati in importanti riorganizzazioni aziendali. Inoltre lo sportello per il 2009 si propone di organizzare corsi di formazione: - Corsi professionalizzanti: rivolti agli imprenditori che desiderano aggiornarsi su aspetti specificamente riguardanti la propria attività. - Corsi di organizzazione aziendale: rivolti agli imprenditori interessati ad acquisire competenze specifiche su aspetti che riguardano il fare impresa : marketing, sistemi informativi, controllo gestione, rete commerciale, gestione personale, legislazione di settore ecc.. - Corsi di inglese: corsi rivolti agli imprenditori e organizzati su due livelli: primo accesso e linea esperti. Nello specifico, teniamo a precisare che nel mese di marzo partirà il corso di inglese e di informatica. Nei mesi successivi l intenzione è di organizzare altri due corsi: - Costi sotto controllo : elementi base per una corretta determinazione del costo di prodotto - Come comunico la mia impresa?! : utile per costruire la propria identità aziendale e un minimo di comunicazione esterna. Ricordiamo che lo Sportello Innovazione di Leffe, gestito da CNA Bergamo e Associazione Artigiani, si rivolge a tutte le Piccole Medie Imprese e agli artigiani ed è aperto il Giovedì dalle alle (consultare l area Industria ed artigianato sul sito internet del Comune di Leffe: 2 Gianfranco Bosio Consigliere delegato all Industria ed Artigianato

5 Distretto Urbano del Commercio della ValGandino Entro aprile 2009 conosceremo l esito del bando per la creazione dei distretti urbani del commercio promosso dalla Ragione Lombardia. I Comuni di Leffe, Gandino, Casnigo, Peja e Cazzano Sant Andrea attraverso il coordinamento progettuale di Confesercenti hanno presentato un progetto integrato PUBBLICO-PRIVATO. In sintesi, le Amministrazioni hanno richiesto finanziamenti volte a riqualificare l assetto dei propri territori ed il contesto urbano (per Leffe si è inserito l intervento di sistemazione del parcheggio di Via Locatelli); le attività commerciali hanno presentato richiesta per il rinnovo dei propri esercizi. A differenza dei precedenti bandi regionali che prevedevano la possibilità di individuare zone precise e centrali in questo caso si è data la possibilità a tutte le attività presenti sul territorio di richiedere il finanziamento (che sarà di circa il 60% dell intervento). Leffe ne conta 10 ed in Valle hanno aderito un totale di circa trenta commercianti. Il progetto di intervento complessivo ammonta a circa euro ( pubblici e circa privati) dei quali ( a favore dei progetti pubblici e a favore dei privati) coperti da Regione Lombardia. Inoltre, qualora il progetto andasse in porto, la Camera di commercio metterà a disposizione 100 mila euro annui (per 3 anni) al fine di promuovere tutte quelle attività e manifestazioni volte ad aumentare il flusso di persone nei paesi del distretto. Ci sarà pertanto la possibilità di potenziare le Feste e le Manifestazioni che in questi anni abbiamo promosso ed organizzato ed in modo coordinato agli altri Comuni di sviluppare un programma di eventi e di promozione del territorio che potrà sostenere la competitività delle nostre attività commerciali. Il lavoro di predisposizione del bando ha già posto importanti basi di collaborazione fra le Amministrazioni; sperando che la risposta sia positiva si continuerà in ogni caso a collaborare con gli altri Comuni per creare un vero e proprio unico Distretto. Emanuela Bosio Consigliere delegato al commercio 3

6 Iniziative per lo sviluppo commerciale e turistico NOTTE BIANCAZZURRA La stagione 2007/2008 dell AlbinoLeffe è andata a gonfie vele. Per l amministrazione e per i leffesi arrivare ai play off è stato motivo di orgoglio. Pertanto il 5 luglio 2008 un nutrito gruppo di tifosi e volontari ha organizzato una serata di festeggiamenti, che ha visto l esibizione di diversi gruppi musicali e di intrattenimento. La notte BiancAzzurra ha richiamato nella piazza di Leffe una folla di persone: grandi e piccini hanno potuto godere degli spettacoli in programma e del servizio di numerosi commercianti che, per l occasione hanno avuto lo spazio per dare sfogo alla propria creatività e professionalità. CONCORSO D ELEGANZA PER FIAT 500 E BIANCHINE Da un paio di anni la nostra amministrazione comunale organizza un concorso di bellezza dedicato alle 500. Da tutta Italia arrivano appassionati con le loro piccole utilitarie colorate che sfilano tra le strade del nostro paese portando allegria e divertimento. La fortuna di una giornata splendida ha richiamato anche quest anno un bel po di gente, anche grazie alla collaborazione dei commercianti che, rimanendo aperti tutto il giorno, hanno favorito il buon esito della manifestazione. Si è trattato di un tuffo nel passato tra storia e poesia e con un po di nostalgia, soprattutto tra i meno giovani. Come anche in occasione della manifestazione dell arte e dei mestieri di un tempo la gente ha dimostrato di apprezzare con piacere la riscoperta di un passato ormai lontano, ma che è ancora assai vivo tra la memoria della gente. Per la cronaca la manifestazione ha visto la partecipazione di circa 50 esemplari. Regina del concorso 2008 è stata la Fiat Giardiniera D anno 1962 di Alice Pozzoni. Emanuela Bosio Consigliere delegato al Commercio 4

7 IMPARA L ARTE E METTILA DA PARTE Nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 settembre 2008 Leffe ha ospitato la mostra-mercato Impara l arte e mettila da parte, una manifestazione culturale volta a promuovere l artigianato e la creatività dell uomo. Qui riportiamo un estratto della lettera di ringraziamento di Guido Pirovano (Fondatore e portavoce Artigiani Girovaghi Lombardi) indirizzata all amministrazione comunale per il supporto e la collaborazione. Ci siamo chiesti il perché di tanta Vostra professionalità e siamo giunti a una reale deduzione: la città di Leffe ha una realtà artigianale non indifferente e alcune di queste aziende, in tempi precedenti, si sono trasformate in aziende industriali. La voce degli artigiani è tutta rivolta alle amministrazioni come la Vostra che contribuiscono realmente a rafforzare queste imprese e che grazie a Voi la gente ci conosca e in futuro venga ad acquistare nei nostri laboratori. Nella manifestazione erano presenti parecchie attività che rischiano l estinzione; la Vostra iniziativa è stata anche un occasione per far vedere alle future generazioni l operosità e l ingegno del popolo Lombardo. LUCI E COLORI DI NATALE & BABBO NATALE È ARRIVATO A LEFFE Il mercatino natalizio è ormai una consuetudine a Leffe: ogni anno richiama nel centro del paese leffesi e non, per assaporare il clima e le tradizioni del Natale. Questa settima edizione è stata arricchita dalla collaborazione di una trentina di commercianti leffesi che hanno messo a disposizione numerosi premi per i loro clienti. Dal 13 al 20 dicembre, infatti, i negozi che aderivano all iniziativa distribuivano ad ogni acquisto un biglietto. Il 20 dicembre Babbo Natale ha estratto i biglietti vincenti e ha assegnato i premi ai fortunati vincitori! 5

8 AMBIENTE E TERRITORIO Piano di Governo del Territorio Come già precedentemente comunicato, la Regione Lombardia, con Legge n.12 del 2005, ha istituito il Piano di Governo del Territorio ( P.G.T. ), in sostituzione dei vecchi Piani Urbanistici e Regolatori in vigore dal L Amministrazione Comunale ha avviato ufficialmente il procedimento ed ha compiuto la prima scelta importante: la nomina del tecnico progettista che dovrà guidarci in questo percorso e concretizzare le nostre esigenze. A questo scopo sono state proposte alcune serate orientative ai componenti del Gruppo di Lavoro Territorio ed Ambiente, ai consiglieri comunali ed ai tecnici del territorio, invitando alcuni architetti urbanisti che avevano già redatto dei P.G.T. in altri comuni. I 4 incontri svoltisi nel 2008 con l architetto Fornoni (assessore all urbanistica della provincia di Bergamo), con gli architetti Manzoni, Ruggeri e Tosetti ed infine con l arch. Baggi sono risultati molto utili ai fini della conoscenza della materia urbanistica. E stato quindi indetto il concorso per l incarico della progettazione del P.G.T. al quale hanno partecipato diversi studi professionali e, dopo un attenta analisi contemplante sia l esperienza che gli aspetti tecnici e, non ultimo, l aspetto economico, la scelta è ricaduta sullo studio dell arch. Baggi di Bergamo, al quale è stato dato l incarico ufficiale il 9 febbraio Primo impegno che l Amministrazione ha chiesto al progettista è stato quello di organizzare alcuni incontri con la cittadinanza secondo il seguente programma. Venerdì 17 aprile 2009 assemblea pubblica, rivolta a tutti i cittadini Giovedì 7 maggio 2009 Incontro rivolto al mondo dell Associazionismo sociale, culturale, sportivo e ricreativo Giovedì 14 maggio 2009 Incontro rivolto ai Commercianti Giovedì 21 maggio 2009 Incontro rivolto alle attività produttive (mondo artigiano, industriale ed agricolo) 6 Altra grossa novità che caratterizzerà i P.G.T., oltre al coinvolgimento attivo della cittadinanza, è l armonizzazione del Piano del nostro Comune con quelli dei paesi vicini, in quanto diversi aspetti, quali lo sviluppo dell industria, dell artigianato, del commercio, del turismo e dello sport, sono comuni a tutta la nostra valle. In funzione di questo è stato siglato un accordo di programma fra i comuni della Valgandino che, con il supporto dell Università di Bergamo (grazie alla Provincia di Bergamo che ha finanziato il progetto e la comunità Montana che lo coordina), armonizzeranno i propri strumenti urbanistici fra di loro. Verrà istituito un apposito sportello per le richieste ed i chiarimenti dei cittadini, sempre con la presenza del tecnico progettista ed il supporto dell ufficio tecnico. Diventerà quindi ancora più operativo il gruppo tecnico di lavoro il quale vaglierà le richieste filtrandole soprattutto in funzione dell interesse pubblico. E evidente che il nostro territorio è ormai saturo di costruzioni e riteniamo importante puntare sul recupero degli edifici esistenti piuttosto che creare nuove cementificazioni; si è comunque aperti anche a qualsiasi proposta immobiliare che tenga conto di un miglioramento del territorio. Nonostante il periodo di crisi, abbiamo notato che nel nostro paese ferve comunque una notevole attività edilizia e ciò fa ben sperare nel conseguente indotto e in un successivo aumento della popolazione. E ormai pronto per l approvazione il nuovo Regolamento Edilizio in sostituzione dell attuale, ormai obsoleto, in modo che le norme siano più consone ai tempi e soprattutto più chiare e meno soggette a dubbie interpretazioni.

9 LOTTIZZAZIONE INDUSTRIALE INIZIO PAESE E PRIMO TRATTO TERZA VIA D ACCESSO Sono ormai state definiti con i privati e gli Enti preposti, tutti i dettagli per la realizzazione della lottizzazione industriale che prevede anche la realizzazione del primo tratto della terza via d accesso al paese con il collegamento per raggiungere la zona PIP di via Cav. Martinelli. Nelle trattative e grazie al supporto della commissione Urbanistica, l Amministrazione ha ottenuto anche la predisposizione di un tratto di pista ciclabile che andrà a collegare il centro del paese con la zona delle piscine la quale, a breve, verrà servita dalla pista ciclopedonale della Valseriana. PIANO INTEGRATO BERGITEX Proseguono a ritmo serrato i lavori nel complesso che vedrà sorgere (oltre che nuove residenze, posti auto e aree commerciali) il nuovo CENTRO CIVICO di Leffe. Il gruppo di lavoro territorio ed ambiente ha vagliato con i progettisti la predisposizione delle aree pubbliche tra cui la nuova piazza e gli spazi dedicati agli ambienti ad uso pubblico. Sembra ormai condivisa l idea che la biblioteca potrà trovarvi spazio. Sarà anche questo un tema che potrà essere affrontato nella definizione del PGT. CONCLUSIONE Ringraziamo fin d ora tutti i cittadini, le associazioni, gli imprenditori, i commercianti, professionisti in generale che parteciperanno alla realizzazione del PGT. Siamo convinti che sarà senz altro un momento di crescita e di confronto per tutta la popolazione certi che gli strumenti urbanistici che ci regoleranno per i prossimi anni rispecchieranno finalmente le reali esigenze della popolazione. A cura di Abele Capponi, Santo Pezzoli, Giuseppe Carrara 7

10 Lavori pubblici Fra i numerosi interventi strutturali effettuati e da promuovere a favore del patrimonio comunale (Immobili, strade, parchi etc.) riteniamo importante, in modo sintetico, descriverne alcuni: Parcheggio di Via Locatelli L area in oggetto è utilizzata come parcheggio per diverse esigenze (scuola, palestra, oratorio, centro del paese in occasione di fiere e manifestazioni, residenti etc.). Viste le pessime condizioni, l Amministrazione ha ritenuto necessario intervenire alla sua riqualificazione. Con la prossima estate 2009 l area verrà pertanto fornita di un fondo adeguato, illuminata, abbellita con verde e naturalmente definita negli spazi destinati a parcheggio. Sul tratto iniziale di Via Costi verrà realizzato un marciapiedi. Costo complessivo dell intervento (progettazione e IVA incluse): euro (con possibilità di finanziamento di circa euro dalla Regione). Muro e marciapiedi di Via Locatelli Ormai fatiscente e pericoloso sarà rifatto il muro di contenimento posto nel primo tratto di Via Locatelli. Grazie alla concessione della Parrocchia verrà inoltre allargato il marciapiedi. Il costo dell opera è di euro. Impianto elettrico di Palazzo Mosconi e Palazzo Comunale Gli impianti elettrici dovevano essere messi a norma di legge. E stato rifatto nella sua interezza l impianto di illuminazione e di distribuzione elettrica del Palazzo Mosconi (sede del Centro Ricreativo Anziani e di alcune Associazioni) per un costo complessivo di euro. L intervento al Palazzo Comunale ha comportato una spesa di euro. Redazione PRIC (Piano Regolatore dell Illuminazione Pubblica) L impianto di illuminazione risale agli anni 80. Il Piano in oggetto ha definito tutti gli interventi necessari per la sua sistemazione. Con la precedente Amministrazione si è rifatta la zona centrale del paese. Ad oggi abbiamo predisposto un progetto di euro di intervento per la zone di: - Vie Cap. O. Lucchini - Dott. Mele; - Vie G. Leopardi - R. Sanzio - M. Buonarroti; - Via Costi; - Vie D. Chiesa - C. Battisti; - Via Locatelli (dall incrocio con via D. Chiesa). Anche per questo progetto potremo avere un contributo della Regione fino all 80% a fondo perduto. Adeguamento Palestra Scuole Medie Anche in questo caso la maggior parte delle risorse destinate alla sistemazione dell immobile in oggetto sono servite a ripristinare gli impianti elettrici. Inoltre (dopo che lo scorso anno si sono tinteggiati e sistemati gli spogliatoi) si è sostituita la tappezzeria sul perimetro della palestra, tinteggiati i muri, sostituite le porte del calcetto e sistemato lo spogliatoio dell arbitro. Costo totale euro di cui finanziati da Regione Lombardia. Centro Sportivo Carlo Martinelli In fase di definizione il disciplinare di incarico per la progettazione di tutti quegli interventi volti a recuperare gli immobili e le aree del Centro Sportivo. In particolare l opera prevede: a) Il rifacimento dell impianto elettrico della palazzina del custode. b) L abbattimento delle barriere architettoniche e il rifacimento dell ingresso. c) L intervento negli spogliatoi sotto la tribuna per il 8

11 contenimento energetico. d) La realizzazione di un campetto polivalente nell area adiacente l attuale campo da tennis (acquisita anni fa dall Amministrazione comunale). e) L abbattimento del muro realizzato nel 2000 (a spese del Comune) nei pressi delle panchine divenuto pericoloso e non più a distanza di sicurezza dal rettangolo di gioco. Tutti questi interventi costituiscono un importante passaggio per valorizzare il centro sportivo, sempre più utilizzato dai nostri ragazzi per le finalità educative che lo sport infonde loro. L intervento è stimato all incirca nell ordine dei euro. Centro sportivo consortile (Piscine) E terminata l operazione di recupero dell area un tempo destinata a palestra. Nella parte sottostante è ormai funzionante da tempo l intera area destinata al fitness. Nell area soprastante si è ricavata una pista indoor di atletica e un campetto polivalente. Questo spazio potrà essere utilizzato per particolari eventi che prevedano un afflusso fino a 1500 persone. Per il resto si può dire che il centro funziona ormai a pieno regime. Parco San Martino (Titanic) Attraverso il rilievo effettuato si stima che la sistemazione delle numerose situazioni di degrado dell immobile comporteranno una spesa di circa Stiamo verificando la possibilità di richiedere i danni a chi di dovere (progettista, costruttore etc.) qualora ne esistano i presupposti. E stato pubblicato un nuovo bando per la gestione del bar dopo la rinuncia del precedente locatario. Nuova gestione del Parco di Via Viani Dopo 12 anni, cambia la gestione del Parco di via Viani. All attività di bar non sarà concesso vendere alcolici e posizionare macchine da gioco (tipo slot machine). Asfaltature e rifacimento di marciapiedi Nel 2008 sono stati spesi euro per il rifacimento di diversi tratti di asfaltature e di alcuni marciapiedi. A cura di Abele Capponi, Santo Pezzoli, Giuseppe Carrara 9

12 Raccolta rifiuti e piattaforma ecologica Motivazioni e percorso per giungere all Accordo Intercomunale L attuale situazione di piazzola ecologica mobile a disposizione del cittadino nella mattinata del sabato in via Stadio risulta insufficiente e inadeguata rispetto alle esigenze della popolazione. Si è ritenuto pertanto utile individuare una soluzione alternativa al fine di assicurare al cittadino un servizio migliore e alla amministrazione una gestione efficiente. In questo contesto si è preso atto della disponibilità del Comune di Gandino alla gestione associata della propria piattaforma, già funzionale e idonea, ed è nata l opportunità di un Accordo Intercomunale. L Accordo, oltre a risolvere l attuale situazione di Leffe, mira anche a nuovi obiettivi in tema di politiche ambientali (controllo della gestione dei rifiuti, promozione della raccolta differenziata, educazione ambientale) e possibili economie di scala fra comuni limitrofi. Con queste prospettive le Amministrazioni coinvolte hanno individuato il percorso attraverso due modalità, entrambe regolate da apposite Convenzioni: la gestione associata della piattaforma per la raccolta differenziata (delibera di consiglio n. 2 del ) e la costituzione di una stazione appaltante unica per l affidamento dei servizi (delibera di consiglio n. 3 del ). In sintesi la gestione associata permette di assicurare servizi qualitativamente validi ed elevati, spuntando condizioni vantaggiose e perseguendo economie di scala. Inoltre è indispensabile per il successo delle politiche di smaltimento differenziato e recupero dei rifiuti il convinto coinvolgimento dei cittadini è presso le abitazioni che si realizza la separazione dei rifiuti, primo concreto passo della raccolta differenziata. Per le informazioni e i dettagli relativi alla raccolta a domicilio vedere il calendario allegato a questa pubblicazione. Per il servizio della piattaforma ecologica Intercomunale consultare l ultima pagina di questa pubblicazione. Matteo Lacavalla Delegato all Ambiente e Territorio Stazione Meteorologica comunale La stazione meteo-climatica, attiva da oltre un anno, presso l Istituto Comprensivo Comunale consente l acquisizione in tempo reale di tutti i principali parametri meteoclimatici: temperatura, umidità relativa, pressione atmosferica, velocità e direzione del vento e precipitazioni. Questa stazione è inserita nella Rete Nazionale di rilevamento dati dell Associazione Meteonetwork (www.meteonetwork.it) in collaborazione con il Centro Epson Meteo. Attraverso un apposito software i dati trasmessi sono consultabili, sul sito del Comune, da tutta la cittadinanza, la quale può controllare in tempo reale le condizioni meteo-ambientali in atto sul territorio. La stazione meteo fornisce, inoltre, un notevole aiuto alle attività didattiche dei corsi di meteorologia attivati nelle scuole comunali. L utilizzo della strumentazione consente di integrare le lezioni e fornire agli studenti un supporto tecnologico e pratico di sicuro interesse. Il Corso di ambiente e meteorologia si svolge da 2 anni presso l Istituto comprensivo di Leffe ed offre un percorso che pone le basi per qualsiasi tipo di conoscenza nell ambito ambientale. Lo scopo è dare le basi scientifiche e morali per comprendere tutto quello che sta accadendo al nostro Pianeta negli ultimi anni, capire quello che si sta facendo e quello che si dovrà fare per salvaguardarlo. Matteo Lacavalla 10

13 Giornata del verde pulito Il prossimo 19 Aprile è in programma la Giornata del verde pulito, un appuntamento istituito dalla Regione Lombardia, che per questa occasione provvede, con piccoli finanziamenti, all acquisto delle attrezzature necessarie alla pulizia di ciascun paese. Leffe si è sempre mostrato un paese molto sensibile a questa iniziativa, forte di un nutrito gruppo di volontari che fanno capo a diverse Associazioni del territorio e che hanno sostenuto con entusiasmo questo progetto. Armati di scope, badili, carriole, decespugliatori, soffiatori, sacchi, guanti ecc. ci si incammina lungo i sentieri facendo pulizia di tutto il fogliame e i rami che li ostruiscono. La filosofia che anima i nostri cuori è rendersi utili, essere persone attive, propositive, dotate di senso civico e che siano da esempio a tutta la cittadinanza, ma soprattutto ai più giovani, sul significato di tutelare l ambiente, tenerlo pulito nel rispetto delle leggi. Raccontare cosa in questi anni abbiamo trovato nei boschi potrebbe aiutare a dare un idea di quanto poco rispetto fino a ieri vi era per il patrimonio boschivo. Come è possibile gettare pneumatici,lavatrici, eternit,scarpe, water, rifiuti scarti industriali e scarti edili senza nutrire un senso di colpa? L ambiente è patrimonio di tutti e tutti abbiamo la responsabilità di tutelarlo nel rispetto delle generazioni future. E una questione di cultura che, in primis, non solo le scuole, ma essenzialmente le famiglie devono trasmettere ai giovani. Stesso discorso vale per tutte quelle azioni poco civili che quotidianamente e magari inconsciamente senza renderci conto facciamo anche nelle strade del paese come gettare mozziconi per terra, come lasciare gli escrementi dei propri cani sui marciapiedi senza fermarsi a raccoglierli, come svuotare i porta ceneri delle macchine in qualsiasi luogo ci si trovi. PERCHE? Avere una casa pulita è sintomo di igiene, ma la casa non è solo quella che sta all interno delle quattro mura domestiche, è altresì il giardino il cui fogliame invade i marciapiedi ostruendo parzialmente il passaggio pedonale, lo stesso marciapiede o strada che circonda le vostre case che seppure su suolo pubblico a volte necessita di essere ripulito senza aspettare che sia sempre lo spazzino comunale a farlo per voi. Vogliamo solo rendere coscienti tutti i cittadini che basta poco per aiutare non solo noi stessi, ma anche il nostro Comune ad essere più vivibile. Facciamo appello a tutte le persone giovani, ma non solo, che vogliono aderire a questa giornata a dare la propria disponibilità, contattando il Comune ( ). Gianmario Zambaiti, Matteo Lacavalla 11

14 INNOVAZIONE TECNOLOGICA Banda larga, sviluppi e progetti La banda larga, ossia la possibilità di connettersi a internet a velocità elevate, consente di avere servizi qualitativamente e quantitativamente superiori da un punto di vista telematico. Esempi di questa tecnologia sono la IPTV (televisione via internet), la comunicazione VOIP (telefonia via internet) e una superiore velocità effettiva di connessione alla rete. Il nostro paese fortunatamente è provvisto di ADSL (a differenza di alcuni vicini), ma questo tipo di connessione si fa sempre meno soddisfacente riguardo alle esigenze della cittadinanza e delle aziende. L Amministrazione Comunale si sta muovendo su due fronti paralleli per portare nuove tecnologie di connessione sul nostro territorio. Il primo è rappresentato dalla volontà di essere inseriti nel sistema in fibra ottica della Provincia di Bergamo, creato e gestito da ABM ICT (società controllata dalla Provincia) e commercializzato con il marchio BIG TLC. Il secondo riguarda la copertura wireless con segnale Wi-Max grazie alla connessione di Linkem, operatore vincitore di una licenza regionale presso il Ministero delle Telecomunicazioni. Al momento sono in corso valutazioni e incontri con entrambi gli operatori, la presenza di uno non esclude la presenza dell altro, in quanto fornitori sì di servizi concorrenti (telefonia ed internet) ma tramite mezzi diversi (fibra ottica il primo, wi-max il secondo). Lo scenario verso il quale ci proiettiamo è quello della reale possibilità di indipendenza da Telecom Italia, e la creazione di una maggiore concorrenza nel settore telecomunicazioni sul nostro territorio. Naturalmente questa azione non è svolta in solitudine, ma contestualmente con gli altri comuni della Val Gandino, per fare in modo che le aziende in questione capiscano l importanza strategica del nostro territorio. Luigi Clivati Assessore alle Nuove Tecnologie Sito internet comunale, una porta sempre aperta È passato quasi un anno dal lancio del sito web del Comune di Leffe (www.comune.leffe.bg.it) e, ad inizio marzo, il numero totale delle visite ha raggiunto la ragguardevole cifra di utenti, con una media mensile di 3300 visitatori, e quasi contatti mensili. Queste cifre sono sicuramente importanti e testimoniano la volontà dei cittadini leffesi di interagire con l amministrazione anche attraverso il web, un canale veloce, comodo e aperto 24 ore su 24. In questi mesi il sito si è arricchito di nuovi servizi e nuove modalità di informazione, partendo dalla creazione delle pagine principali di uffici, settori e servizi alla cittadinanza, sino alla pubblicazione online degli atti amministrativi. Uno strumento usato anche dalle scuole, le medie in particolare, per pubblicizzare alcune delle loro attività, come il concorso fotografico e la stazione meteorologica. L ultimo servizio aggiunto in ordine temporale è la possibilità di visualizzare e scaricare le delibere della Giunta Comunale e del Consiglio Comunale, attraverso il tasto Delibere posto nella sezione Servizi Online. Si accede così ad un motore di ricerca che consente la consultazione delle delibere dal 2004 sino ad oggi, catalogate per settore, anno, organo emanante e per parola chiave. Naturalmente questo non è il punto di arrivo, il Progetto Sito Web prosegue verso l introduzione di nuovi servizi e verso l approdo al cosiddetto e-government, attraverso il quale si potranno compilare comodamente da casa le dichiarazioni sostitutive, ricevere i certificati anagrafici, iscriversi a servizi comunali, calcolare l ICI dovuta, effettuare ogni sorta di pagamento attraverso carta di credito. Luigi Clivati 12

15 Aggiornamento dei sistemi informatici del Municipio e delle Scuole Nel corso dell anno è stato aggiornato il sistema informatico municipale al fine di renderlo più efficace ed efficiente rispetto alle nuove esigenze. In particolare sono stati effettuati interventi presso l ufficio tecnico che, in vista della redazione del PGT, dispone ora di strumenti all avanguardia in grado di gestire nuove risorse come le aerofotogrammetrie e di interfacciarsi al meglio con la cittadinanza e i tecnici del territorio. Un altro intervento ha riguardato il potenziamento dei server centrali in vista di un integrazione dei sistemi esistenti con quello dell e-government che, a sua volta, consente di incrementare la sicurezza interna dei dati e la capacità di gestire traffico in entrata e in uscita. Anche alle scuole il sistema informatico è stato modernizzato. Il sistema delle scuole elementari, sul quale si era già intervenuto recentemente, è stato mantenuto al passo con i tempi attraverso l aggiornamento dei software didattici di gestione e la verifica dello stato dell hardware; alle scuole medie è stata portata a termine la sostituzione delle macchine. Entrambi i laboratori sono ora completi e moderni. Gli interventi sono stati realizzati in collaborazione con la direzione ed il personale docente degli istituti. Questi laboratori sono stati prestati in più occasioni al Comune per la realizzazione di corsi informatici rivolti alla cittadinanza, permettendo così lo sfruttamento di queste importanti risorse anche in contesti extra scolastici. Il sistema multimediale della Sala Consiliare La Sala Consiliare del Municipio cambia volto e viene modernizzata grazie all installazione di un sistema multimediale per conferenze e videoconferenze. Il sistema si compone di un pannello al plasma Full HD da 63 collegato ad un impianto audio per conferenze, della copertura wireless della sala per l accesso ad internet, e della possibilità di collegare ogni sorta di apparecchio a tale sistema. La Sala diventa quindi un centro conferenze utilizzabile per qualsiasi tipo di attività, anche extra-amministrativa, come corsi di formazione, serate a tema, visione di filmati e altre iniziative simili. L opera è stata realizzata grazie al contributo fornito dalla Comunità Montana Media Valle Seriana proprio in previsione di un suo utilizzo sinergico con lo Sportello Innovazione P.M.I. Naturalmente anche l attività comunale beneficerà di questa innovazione, rendendo più facile la fruizione dei Consigli Comunali da parte del pubblico presente, e supportando le serate culturali che normalmente vi si svolgono. Luigi Clivati Assessore alle Nuove Tecnologie 13

16 ATTIVITÀ ISTITUZIONALI Il Comune con i cittadini, contro la crisi La crisi del sistema della finanza sta trasferendo progressivamente i suoi effetti sull economia reale e sul reddito delle persone. L Amministrazione ha deciso di schierarsi a fianco dei suoi cittadini proseguendo, nonostante le crescenti difficoltà di bilancio, la politica che l ha contraddistinta sin dall inizio del proprio mandato, ovvero non aumentare la tassazione gravante sui leffesi senza penalizzare l erogazione di servizi. L unica tariffa che verrà ritoccata è quella inerente la raccolta dei rifiuti (meno di una decina di euro a famiglia per un abitazione di circa 100 mq) in seguito alla sottoscrizione della convenzione per l utilizzo della piattaforma ecologica del Comune di Gandino e dell aumento del costo di smaltimento dei rifiuti. L incremento è stato effettuato in ottemperanza alle disposizioni della legge vigente, la quale prevede che nel bilancio la spesa sostenuta dal Comune per la raccolta dei rifiuti debba trovare copertura nelle entrate emergenti dallo stesso tributo. Il contenimento delle tasse viene applicato sebbene in questa sfavorevole congiuntura sia venuto a mancare l attore principale: lo Stato che, sostenendo il motto facciamo più cose con meno risorse, non solo ha effettuato ingenti tagli ai trasferimenti, ma soprattutto ha lasciato fondati dubbi sulla restituzione integrale dell ICI sulla prima casa, che quindi finirebbe per gravare sulle casse comunali. Come ci muoveremo? Per quanto riguarda le entrate correnti, porteremo a termine l opera iniziata nel corso del 2008, ovvero la verifica e l accertamento degli immobili e delle aree insistenti sul territorio comunale al fine di applicare una tassazione BILANCIO PREVENTIVO ANNO 2009 (in corso di approvazione) Dati espressi in migliaia di euro ENTRATE CORRENTI ENTRATE TRIBUTARIE I.C.I. (su terreni ed immobili) Tassa raccolta rifiuti solidi urbani 330 Altre imposte e tasse 217 Totale entrate tributarie TRASFERIMENTI Trasferimenti correnti dello Stato 757 Assegnazioni fondi dalla Regione 45 Totale trasferimenti 802 ENTRATE EXTRATRIBUTARIE Entrate per servizi forniti 206 Proventi da beni dell ente 129 Proventi diversi (rimborsi) 169 Totale entrate extratributarie 504 TOTALE ENTRATE CORRENTI Utilizzo oneri per gestione corrente 80 TOTALE A PAREGGIO SPESE CORRENTI SPESE CORRENTI Organi istituzionali e personale 975 Funzionamento uffici 127 Utenze e smaltimento rifiuti 584 Manutenzioni 122 Istruzione 210 Servizi sociali 342 Sport Cultura e Commercio 68 Interessi passivi su mutui 143 Fondo riserva 8 Totale spese correnti RIMBORSO FINANZIAMENTI Rimborso quota capitale di mutui 374 Totale rimborso finanziamenti 374 TOTALE SPESE CORRENTI TOTALE A PAREGGIO

17 equa a tutti i contribuenti. Sul fronte delle spese correnti siamo consapevoli che si dovranno sopportare, oltre all ordinario incremento dei costi relativi alle materie prime, ai vari servizi e al personale, oneri nascenti da un numero sempre maggiore di problematiche sociali. Per limitare l impatto di questo aumento di spese, l Amministrazione sta operando sul recupero di produttività ed efficienza delle risorse con ricorso sempre più ampio all informatizzazione e allo snellimento di tutte le procedure pubbliche. Come succede in gran parte degli enti locali, gli equilibri del bilancio di gestione verranno garantiti utilizzando, nei limiti di quanto concesso dalla Legge, una quota di oneri di urbanizzazione a copertura delle spese. Lo sforzo compiuto per non ridurre i servizi prestati e mantenere contenuto il livello complessivo della pressione fiscale porta ad una inevitabile sofferenza nella spesa per nuovi investimenti. L intenzione dell Amministrazione è quella di non rinunciare all esecuzione di quelle opere a suo tempo programmate e ritenute necessarie alle esigenze del Paese. La copertura di queste spese si otterrà con il ricorso a mutui ed alle compensazioni urbanistiche. Nel corso del 2009 si prevedono la riqualificazione del parcheggio di via Locatelli antistante alle scuole elementari (costo euro ,00), il miglioramento dell impianto di illuminazione ed altre manutenzioni straordinarie sul patrimonio comunale per circa euro ,00. Marco Gallizioli Assessore al Bilancio IL CENTRO DESTRA PER LEFFE In questo 2008 ci siamo posti come obiettivo di ottenere che all interno delle scelte amministrative vi fosse spazio per le nostre proposte. Vogliamo scelte politiche che puntino verso una Leffe sicura, curata e pulita, dove le fasce più in difficoltà e le famiglie vengano sempre più sostenute, soprattutto in questo periodo di difficile crisi, e dove la piccola e media imprese venga aiutata e supportata nel proprio lavoro. Tra le varie richieste portate in Consiglio segnaliamo la problematica delle aree verdi, per la quale recentemente abbiamo presentato una mozione oltre che ad alcune interpellanze chiedendo che fossero stanziati i fondi necessari per recuperare le zone più degradate, poiché la cittadinanza deve avere il diritto di poter usufruire di questi spazi al 100%. Inoltre crediamo sia necessario un maggiore presidio del territorio da parte della Polizia Locale, per garantire sicurezza alla popolazione oltre che, ovviamente, educare al rispetto del codice della strada. Riguardo ai giovani invece abbiamo presentato una mozione per chiedere di stanziare aiuti per le giovani coppie Leffesi che si sposano e decidono di fissare la loro residenza in Leffe. Il futuro sono loro: vogliamo che il futuro del nostro paese sia costruito sui valori della famiglia e del matrimonio. Oggi più che mai riteniamo che l amministrazione abbia l obbligo morale di dare un aiuto concreto a chi opera una scelta importante come quella di comprare casa, sposarsi, creare una famiglia. Infine, in merito alle opere pubbliche ci sentiamo in dovere di segnalare che, secondo noi, il prevedere un opera di rivalutazione del parcheggio sito accanto alle Scuole Medie, per un costo complessivo di euro, in questo particolare momento risulta essere non prioritaria. Non perché i parcheggi non servano, ma preferiremmo che quei soldi (e prevista l accensione di un mutuo per euro) venissero investiti, creando una sorta di fondo di solidarietà, per venire incontro a tutti i cittadini che si trovano, a causa dell attuale crisi, senza lavoro e con una famiglia da mantenere. Questi sono solo i primi piccoli passi da percorrere per ottenere quello che tutti Noi Leffesi sogniamo: la rinascita del nostro paese. E continueremo a batterci affinché questo sogno si realizzi. Giovanni Giacomo Salvoldi, Silvia Beltrami, Luca Tironi LISTA LEGA NORD, FORZA ITALIA, ALLEANZA NAZIONALE PER LEFFE 15

18 INTERVENTI SOCIALI I Servizi alla persona Un Amministrazione attenta ai problemi e alle necessità dei suoi cittadini, deve mettere al primo posto lo STAR BENE delle Persone, nel rispetto dei loro bisogni. Nel bilancio del nostro Comune, una grossa fetta delle risorse è destinata ai Servizi alla Persona che, con l entrata in vigore della Legge 328, sono gestiti dalla Società SERVIZI SOCIOSANITARI VALSERIANA alla quale aderiscono i 18 Comuni del distretto di Albino. Quest anno tutti i Comuni verseranno una quota pro abitante di 24. Questi fondi, unitamente ad un contributo della Comunità Montana, permettono di dare vita a una rete di servizi rivolti ai minori, ai portatori di handicap, alla famiglia e agli anziani. All interno del nostro Comune è attivo da anni il Segretariato Sociale: tutti coloro che si trovano a vivere un disagio possono contattare l Assistente Sociale Dott.ssa Federica Mologni, che è a disposizione per orientare i cittadini verso il servizio più pertinente in modo discreto ed efficiente. Di seguito sono presentati i vari servizi offerti suddivisi in base alla categoria di popolazione. AREA ANZIANI Erogazione di Buoni sociali (provvidenze economiche a favore di persone anziane fragili, beneficiarie dell indennità di accompagnamento, assistite a domicilio). Servizio di Assistenza Domiciliare, effettuato da due Ausiliarie Socio-Assistenziali che accedono al domicilio dell anziano per l effettuazione dell igiene personale. Il servizio ha costi differenziati sulla base del livello di reddito ISEE della famiglia, il costo massimo è di euro 10,20 all ora. Consegna dei pasti a domicilio. Servizio Trasporto: per l effettuazione di visite mediche, esami del sangue ecc.. Il servizio è effettuato da volontari e prevede un costo di 0,30 euro al Km per il rimborso del carburante. Servizio telesoccorso: prevede l installazione al domicilio di un particolare apparecchio telefonico che, in caso di necessità, collega direttamente la persona alla Croce Blu di Gromo. Inserimenti presso i Centri diurni integrati, strutture protette semiresidenziali a carattere socio-assistenziale, finalizzati al recupero o al mantenimento 16 delle abilità residue dell anziano nell ambito della sfera motoria, cognitiva e relazionale; Inserimenti temporanei o definitivi presso le Case di riposo del territorio, per gli anziani che non sono più in grado di rimanere al proprio domicilio. AREA DISABILITÀ Attraverso l ausilio una rete di interventi e di servizi sociali, educativi, lavorativi, formativi, riabilitativi ecc. viene formulato un progetto personalizzato che favorisce un approccio globale alla persona e garantisce costantemente la valutazione delle abilità e dei bisogni durante l intero arco della vita. I servizi per disabili possono riguardare: Assistenza scolastica, finalizzata a garantire agli alunni disabili un progetto educativo che favorisca una piena integrazione nella scuola e nel contesto sociale attraverso l assegnazione di un assistente educatore. Sportello tutela e curatela per promuovere e supportare la figura del curatore o dell amministratore di sostegno. Progetti Mirati di Territorio, ovvero interventi socio occupazionali a favore di disabili che, a causa delle loro patologie, non possono essere inseriti nel mondo del lavoro. Servizi formazione all autonomia (Percorsi paralleli): servizi diurni che accolgono disabili e, attraverso l effettuazione di attività ergoterapiche e riabilitative, perseguono lo scopo di potenziare la loro autonomia. Spazio autismo: per persone autistiche è prevista

19 la frequenza di cicli educativi presso lo spazio autismo di Bergamo. Centro Diurno Disabili: accoglienza giornaliera in strutture protette nelle quali i disabili, assistiti da personale educativo qualificato, sono coinvolti in attività educative e socializzanti. Progetto Scuola Secondaria superiore: è un progetto rivolto ai soggetti disabili frequentanti gli istituti superiori, viene realizzato in orario extra scolastico col sostegno di un educatore. SADH (servizio di assistenza domiciliare disabili): intervento di supporto ai familiari, effettuato da personale educativo qualificato, per lo svolgimento di funzioni di accudimento e di socializzazione. Servizio di Integrazione Lavorativa: è un servizio mirato a favorire l inserimento nel mercato del lavoro di persone disabili o svantaggiate che necessitano di un intervento di mediazione con le realtà produttive del territorio. Servizio Tempo Libero: il servizio cura in particolare il versante ludico e ricreativo, proponendo ai disabili attività ricreative e socializzanti. Residenze Sanitarie Disabili: inserimento in comunità in sostituzione al nucleo familiare. Progetto Mattone solidale: è un progetto rivolto a persone con patologie psichiatriche aventi difficoltà nel reperire un alloggio. AREA MINORI E FAMIGLIA Quest area comprende tutti gli interventi a sostegno del nucleo familiare, nello specifico: Servizi per l infanzia: sono attivi sul territorio la Scuola dell Infanzia e l asilo Nido, è inoltre in essere una convenzione per l accesso a tutti gli asilo nido dei comuni in rete. Sostegno alla natalità: prevede l erogazione di contributi economici attraverso assegni di maternità e assegni per il nucleo familiare. Interventi di sostegno economico: per le famiglie in difficoltà economica sono previsti temporanei interventi a sostegno del nucleo familiare. Segnaliamo inoltre che il Comune ha raccolto nei mesi di gennaio e febbraio le domande per ottenere il Bonus Energia elettrica. Buoni sociali per il sostegno alle famiglie numerose: per le famiglie con 4 o più figli è previsto un sostegno economico per pagare le rette dei servizi per l infanzia e altri servizi aggregativi. Servizio Famiglia: questo servizio, gestito per tutti i Comuni dell ambito territoriale dalla Società Servizi socio-sanitari Valseriana, offre una consulenza sociale e psicologica a persone, famiglie e coppie che vivono momenti di difficoltà emotiva, relazionale ed educativa. Per informazioni è attivo un centralino telefonico il mercoledì mattina dalle 9.30 alle al numero Presso l ufficio 17 servizi sociali del comune si può inoltre ritirare il volantino esplicativo del Servizio Famiglia. Spazi aggregativi: esperienze rivolte ai minori in età scolare con accompagnamento educativo nella gestione del rapporto con l impegno scolastico e il tempo libero; si svolgono con la collaborazione dell oratorio e sono lo spazio ScuolaAmica (scuole elementari), il Progetto Ulisse (scuole medie), il progetto Piccolo Mondo in oratorio e il CRE. Progetto Interculturalità: prevede interventi di mediazione culturale nelle scuole di ogni ordine e grado e nell ambito dei servizi di tutela minori. Servizio affidi: le finalità del servizio sono quelle di favorire la crescita di una cultura dell accoglienza sul nostro territorio, e offrire sostegno e accompagnamento alle famiglie affidatarie. Servizio tutela minori (gestito a livello di ambito territoriale): si occupa di minori in situazioni di disagio e pregiudizio derivanti da situazioni di trascuratezza, maltrattamento, abuso, tali da rendere necessario un intervento di tutela anche in collaborazione con l Autorità Giudiziaria Minorile. L assistente sociale Federica Mologni è presente presso l ufficio Servizi Sociali il lunedì mattina dalle 9.00 alle 12.00, il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle e dalle alle Per essere ricevuti è necessario fissare un appuntamento, telefonando al numero Segnaliamo inoltre che ha riaperto il distretto ASL a Gandino, lo sportello è aperto il martedì e il venerdì dalle 8.30 alle 12.30, il telefono è Vi informiamo infine che il Servizio di continuità assistenziale (Guardia medica) può essere richiesto gratuitamente tutti i giorni dalle 20 alle 8, il sabato e i festivi anche dalle 8 alle 20, i giorni prefestivi (non di sabato) dalle 10 alle 20, telefonando al numero fisso oppure al cellulare Giuseppina Cattaneo Assessore ai Servizi sociali

20 Il Nido della Valgandino Il Nido d Infanzia Comunale PINOCCHIO, inaugurato nel 2008 dopo che l Amministrazione Comunale di Leffe aveva provveduto alla ristrutturazione dei locali, è il naturale sviluppo di quei servizi alla prima infanzia ed alle famiglie che i Comuni della Valgandino avevano avviato a partire dal Il Nido, destinato ai bambini fino a tre anni, fa parte della rete dei Nidi d Infanzia della Val Seriana che si è costituita in questi anni per offrire a tutte le famiglie un servizio omogeneo per qualità e con rette uguali. Le rette di frequenza, concordate tra tutti i Comuni, sono in rapporto al reddito certificato attraverso la dichiarazione ISEE ed al tempo di frequenza. Gli orari di frequenza (da settembre a luglio) sono articolati in part-time con orari oppure oppure ; tempo pieno dalle 7.30 alle e tempo prolungato dalle 7.30 alle 18.00, per poter venire incontro alle diverse esigenze delle famiglie. Il Nido Pinocchio, situato vicino alle scuole elementari e gestito dalla cooperativa La Fenice, è un ambiente accogliente, sicuro, con ampi locali luminosi, ideato ed arredato a misura di bambino, pensato per il suo benessere e come risposta ai suoi bisogni. Inoltre vi è un ampio giardino per le attività in esterno. Al Nido i bambini sono seguiti da educatrici professionalmente preparate e la progettazione educativa è garantita dalla supervisione di una psicopedagogista con lunga esperienza nel settore. Le educatrici sono a disposizione delle famiglie per scambi informativi quotidiani. L asilo nido organizza inoltre incontri serali con la psicopedagogista ed altri esperti per approfondire le tematiche riguardanti l educazione dei bambini. Per chi volesse visitare il Nido è disponibile il numero Telefonando è possibile concordare con le educatrici un incontro od una visita. Accanto al Nido è aperto il Centro Gioco. Nel Centro Gioco i bambini da 0 a 4 anni trovano uno spazio pensato e costruito per loro, tanti giochi e materiali creativi, altri bambini con cui giocare, educatrici che propongono giochi, fiabe, attività. I genitori trovano uno spazio per scambiarsi idee, consigli, esperienze. Il Centro Gioco é aperto il lunedì dalle 9 alle 11,30 ed il mercoledì dalle 9 alle 11,30 e dalle 16 alle 18,30. Ci si può iscrivere alla mattina o al pomeriggio. La quota di partecipazione è di 30 euro mensili. Negli orari di apertura è possibile visitare il Centro Gioco e prendere contatto con le educatrici. Per avere altre informazioni è possibile, sempre negli orari di apertura, telefonare al numero La solidarietà, un valore condiviso dalle associazioni sul nostro territorio Osservando il tessuto sociale del nostro paese troviamo le radici della solidarietà, che si esprime nella gratuità dell ascolto-accoglienza dell altro. Praticando volontariato una persona si arricchisce di esperienze, di relazioni e promuove l incontro e lo scambio tra tutte le persone. Fare dono del proprio tempo, significa mettere al centro della propria attenzione le persone con i loro bisogni, i loro diritti e le loro potenzialità perché anche i meno fortunati possano crescere e realizzarsi, trovare soluzioni ai loro problemi o conforto nei momenti più difficili della vita. Non bastano poche persone a produrre benessere sociale, ognuno deve fare la sua parte e assumersi le proprie responsabilità. Quindi un invito ad entrare in una o più associazione e dare un po del proprio tempo affinché siano rispettati i diritti di tutti, vi siano più servizi nella vita sociale e soprattutto perchè tutti i cittadini vivano meglio. 18 Giovanna Bosio Consigliere delegato associazioni e volontariato

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Cari Concittadini, presentiamo questo opuscolo che ha lo scopo di fornire a tutti voi una semplice e migliore conoscenza di alcuni servizi che l Amministrazione

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Prefazione... 1. Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2. 1.1. Che cos è la Carta dei Servizi... 2. 1.2. I principi generali... 2

Prefazione... 1. Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2. 1.1. Che cos è la Carta dei Servizi... 2. 1.2. I principi generali... 2 Edizione del Novembre 2015 Responsabile del servizio Dott.ssa Caterina PREVER LOIRI Prefazione... 1 Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. Che cos è la... 2 1.2. I principi generali... 2 2. POLITICA

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

VADEMECUM POIC. A cura dell Assessorato al Turismo ed Attività Produttive - SUAP Comune di Olbia

VADEMECUM POIC. A cura dell Assessorato al Turismo ed Attività Produttive - SUAP Comune di Olbia VADEMECUM POIC A cura dell Assessorato al Turismo ed Attività Produttive - SUAP Comune di Olbia 1. Cosa sono i POIC? Con la sigla POIC si intendono i Piani Operativi per la Imprenditoria Comunale: una

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

L Assessore Sara Grigis

L Assessore Sara Grigis RELAZIONE AL PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 I comuni sono chiamati a svolgere una funzione sempre più importante nell ambito dell Istruzione e della Formazione, elementi universalmente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA

ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA ELEZIONI DELEGATO ARCHITETTI PER LA PROVINCIA DI VICENZA 2015-2020 CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA

Dettagli

Continuiamo a lavorare per offrire sempre più opportunità a chi vive in Lombardia.

Continuiamo a lavorare per offrire sempre più opportunità a chi vive in Lombardia. Regione Lombardia continua ad investire sull educazione e sulla formazione dei giovani nella consapevolezza che da loro dipende il futuro di tutta la società. Dopo la sperimentazione dello scorso anno,

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA)

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI Il presente regolamento(composto da n. 10 articoli) è stato approvato dal

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

Allegato A 1. Finalità e oggetto dell azione Generazione Web Lombardia

Allegato A 1. Finalità e oggetto dell azione Generazione Web Lombardia Allegato A AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA PER L ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute U.O. Terza Età e Case di Riposo Direzione AVVISO PUBBLICO Reperimento di Strutture residenziali per le persone anziane disponibili all inserimento

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

ISCRIZIONI. Convitto Nazionale Pietro Longone. via degli Olivetani, 9 - Milano. anno scolastico 2015-2016. presentazione del 28 NOVEMBRE 2014

ISCRIZIONI. Convitto Nazionale Pietro Longone. via degli Olivetani, 9 - Milano. anno scolastico 2015-2016. presentazione del 28 NOVEMBRE 2014 Convitto Nazionale Pietro Longone via degli Olivetani, 9 - Milano ISCRIZIONI anno scolastico 2015-2016 presentazione del 28 NOVEMBRE 2014 Convitto Nazionale Pietro Longone via degli Olivetani, 9 - Milano

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe - Zara

Istituto comprensivo Arbe - Zara Istituto comprensivo Arbe - Zara Viale Zara n. 96-20125 MILANO - C.F. 80124730153 - Cod. mecc. MIIC8DG00L Milano tel 6080097 - fax 02 60730936 sito scuola: www.icarbezara.gov.it e-mail : SEGRETERIA : segreteria.arbezara@tiscali.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli