Aspirazione ad alta pressione di materiale esplodibile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspirazione ad alta pressione di materiale esplodibile"

Transcript

1 Aspirazione ad alta pressione di materiale esplodibile

2

3 Recupero di polvere fine metallica Le proprietà principali da analizzare delle polveri combustibili/conduttive sono: Granulometria; Il punto d infiammabilità; I limiti di esplosione (LEL, UEL) L energia minima di accensione (MIE) La temperatura minima di accensione dell atmosfera esplosiva. La temperatura minima di accensione di uno strato di polveri. Kst

4 Recupero di polvere fine metallica

5 Recupero di polvere fine metallica Le polveri che generano maggiori problematiche in fase di recupero sono le Polveri metalliche conduttive come: Alluminio. Magnesio. Zirconio. Titanio. Questo per la loro proprietà autoreattiva in determinate condizioni.

6 Recupero di polvere fine metallica Sistema ad inertizzazione: la polvere metallica fine viene aspirata all interno della tanica in un bagno di liquido inertizzante: Per esempio: L olio di paraffina è un buon inertizzante per la polvere fine di alluminio.

7 Recupero di polvere fine metallica Abbiamo creato tale sistema dopo una attenta valutazione del rischio esplosione del nostro sistema aspirante portatile, in riferimento alle varie normative vigenti come la direttiva macchine, la ed altre. Questo ci ha consentito di poter scrivere sul manuale la destinazione d uso per il recupero di polvere metallica, come l alluminio.

8 Responsabilità: Responsabilità del datore di lavoro:quella di assegnare le zone alle proprie aree dil avoro, come definito nella Direttiva 99/92/CE e di determinare la sostanze che l'aspiratore antideflagrante dovrà aspirare. Responsabilità del costruttore:quella di costruire aspiratori antideflagranti che incontrino i requisiti delle categorie definite nella Direttiva 94/9/CE, di informare il datore di lavoro riguardo le sostanze che l'aspiratore antideflagrante può recuperare.

9 Destinazione d uso Le normative Atex, non certificano la destinazione d uso delle strumentazioni, ma certificano dove tali attrezzature possono operare per non essere considerate sorgenti di innesco. La sola marcatura identificativa della strumentazione ATEX non è sufficiente a specificare la destinazione d uso del prodotto a cui è apportata.

10 Da qui la necessità da parte del datore di lavoro di valutare il manuale dell apparecchiatura nella scelta perché come ripetuto preceden Sarà dunque necessario, per una corretta distribuzione delle responsabilità che il produttore asserisca per iscritto (nel manuale) la tipol Da qui la necessità da parte del datore di lavoro di valutare il manuale dell apparecchiatura nella scelta perché come ripetuto precedentemente la sola certificazione non indica l applicazione e la destinazione d uso dell aspiratore antideflagrante ad alta pressione. Sarà dunque necessario, per una corretta distribuzione delle responsabilità che il produttore asserisca per iscritto (nel manuale) la tipologia di materiale che tale strumentazione può aspirare.

11 CERTIFICAZIONE CERTIFICAZIONE ATEX DELL INTERO ASSIEME RILASCIATA DA UN ENTE NOTIFICATO

12 Recupero materiale in zona 22 DIRETTIVA 94/9/CE, ALLEGATO VIII Aspiratori di Categoria 3 Non possono recuperare materiali combustibili/conduttivi ed infiammabili

13 Recupero materiale in zona 22 In Aprile 2011, il presidente del Gruppo Consultivo IEC TC31 Attrezzature per atmosfere esplosive ha adottato la seguente risoluzione: TC 31 sarà / incluso nel testo della IEC informando gli utenti che, contrariamente alle prescrizioni della norma IEC , Allegato CC, gli aspiratori che sono identificati per l'uso in Zona 22, NON sono adatti all'uso in atmosfere in cui sono presenti polveri esplosive.

14 FINALITA 1 : come strumentazione per gli scarti di lavorazione e i rifiuti di materie infiammabili, esplodenti, che devono essere raccolti durante la lavorazione ed asportati frequentemente. 2 :l aspiratore, per le misure per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, non deve essere fonte di innesco.

15 TEST - VERIFICHE Un importante aspetto quando si movimenta, si recupera o si contiene polvere conduttiva o liquidi infiammabili, è il contenimento delle parti a tenuta dell impianto o dell aspiratore mobile. La verifica del reale contenimento avviene attraverso l utilizzo di un DOP TEST.

16 TEST - VERIFICHE Con questo test ci preoccupiamo di controllare tutte le parti di tenuta e penetrazione dell aspiratore, partendo dal filtro assoluto dopo l installazione fino al controllo di tenuta e penetrazione di tutte le guarnizioni, giunture presenti nell aspiratore industriale.

17 TEST VERIFICHE

18 MANUTENZIONE Vantaggi: 1.Garantire la salute dell operatore e dell ambiente di lavoro; 2.Mantenere le performance e la destinazione d uso della strumentazione.

19 MANUTENZIONE Le principali parti sono: 1.Filtro principale, ricambio minimo una volta all anno. 2.Filtro assoluto, ricambio minimo una volta all anno. 3.Controllo delle guarnizioni di tenuta delle varie parti.

20 CONCLUSIONI Richiedere un aspiratore ATEX facendo riferimento alla sola marcatura può essere rischioso. La targhetta ATEX identificativa non ci dà indicazioni sulla destinazione d uso dell aspiratore.

21 CONCLUSIONI Esistono aspiratori ATEX che possono operare in ZONA 1 e 21 ma che non possono aspirare polveri esplosive. La destinazione d uso, quindi le sostanze che l aspiratore ATEX può recuperare è verificabile solo sul manuale d uso.

22 CONCLUSIONI E RINGRAZIAMENTI Vi ringraziamo per l attenzione Vi invitiamo a visitare il sito:

Tiger-Vac International Inc.

Tiger-Vac International Inc. Tiger-Vac International Inc. Corporate Overview, Product Line and Technologies 23/10/2014 Destinazione d uso delle strumentazioni antideflagranti e recupero delle polveri combustibili/metalliche Who is

Dettagli

Tiger-Vac International Inc.

Tiger-Vac International Inc. Tiger-Vac International Inc. Corporate Overview, Product Line and Technologies 23/10/2014 ASPIRATORI INDUSTRIALI ATEX PER RECUPERO DI POLVERI METALLICHE Who is Tiger-Vac Tiger-Vac group si compone di 3

Dettagli

Valutazione del rischio esplosione

Valutazione del rischio esplosione Anno 2008 Valutazione del Rischio Esplosione v.02 1 Definizione di AT.EX.=Atmosphere Explosive Si ha esplosione in presenza contemporanea di combustibile, comburente, sorgente d innesco e condizioni di

Dettagli

La certificazione ATEX. Nota informativa

La certificazione ATEX. Nota informativa La certificazione ATEX Nota informativa PRINCIPI DI SICUREZZA Gli impianti dove vengono lavorate e depositate sostanze infiammabili devono essere progettati, eserciti e mantenuti in modo da ridurre al

Dettagli

ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA

ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA 1999/9/CE 014/34/UE 1999/9/CE Luoghi con pericolo di esplosione, classificazione aree, misura di prevenzione e protezione contro le esplosioni. Valutazione a carico di chi

Dettagli

Zone a rischio di esplosione e incendio: le falegnamerie

Zone a rischio di esplosione e incendio: le falegnamerie Dicembre 2016 Zone a rischio di esplosione e incendio: le falegnamerie Le falegnamerie sono impianti di lavorazione del legno, solitamente rappresentati da capannoni industriali, nei quali una serie di

Dettagli

LE LISTE DI CONTROLLO

LE LISTE DI CONTROLLO LA PREVENZIONE DELLE ESPLOSIONI DA POLVERE NELLE ATTIVITA MOLITORIE LE LISTE DI CONTROLLO 0. DATI IDENTIFICATIVI DELL AZIENDA Azienda: Indirizzo: Attiva dal: Tipologia di azienda: impresa familiare di

Dettagli

Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs.

Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs. Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs. 81/08 data operatore/i Ragione Sociale, Indirizzo, timbro dell

Dettagli

Analisi di Rischio Semiquantitativa in Supporto alle Valutazioni in Presenza di Atmosfere Esplosive (ATEX)

Analisi di Rischio Semiquantitativa in Supporto alle Valutazioni in Presenza di Atmosfere Esplosive (ATEX) XXI Convegno 3ASI Roma, 22-23 Novembre 2005 Analisi di Rischio Semiquantitativa in Supporto alle Valutazioni in Presenza di Atmosfere Esplosive (ATEX) T. Pezzo*, D. Vannucci, G.Uguccioni D Appolonia S.p.A.

Dettagli

Pierluca Bruna Marketing Sicurezza Macchine e Atex Schneider Electric Membro CEI CT 44 e UNI TC 114

Pierluca Bruna Marketing Sicurezza Macchine e Atex Schneider Electric Membro CEI CT 44 e UNI TC 114 Pierluca Bruna Marketing Sicurezza Macchine e Atex Schneider Electric Membro CEI CT 44 e UNI TC 114 La Direttiva ATEX 99/92/CE tutela la sicurezza e la salute dei lavoratori che possono essere esposti

Dettagli

Direttiva Europea ATEX 99/92/CE

Direttiva Europea ATEX 99/92/CE Direttiva Europea ATEX 99/92/CE Gas, vapori, nebbie infiammabili e polveri combustibili: il rischio di esplosione e la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori 1 Direttiva Europea ATEX 99/92/CE

Dettagli

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Capitolo 1 - La direttiva 99/92/CE (DLgs 81/08, Titolo XI) 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Ambito di applicazione 11 1.3 Obblighi generali di

Dettagli

CORSI Formazione professionale in materia di: sicurezza, normativa tecnica, tecnologie impiantistiche e tecniche di visualizzazione

CORSI Formazione professionale in materia di: sicurezza, normativa tecnica, tecnologie impiantistiche e tecniche di visualizzazione CORSI 2013 Formazione professionale in materia di: sicurezza, normativa tecnica, tecnologie impiantistiche e tecniche di visualizzazione I corsi dello Studio Zaghi relativi al settore TECNICO sono nati

Dettagli

D. Lgs. 81/08 Titolo XI

D. Lgs. 81/08 Titolo XI D. Lgs. 81/08 Titolo XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Il presente titolo prescrive le misure per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori esposti al rischio di Atmosfere Esplosive. Tecnico

Dettagli

ELENCO NOMRATIVE VIGENTI SULLA DIRETTIVA ATEX

ELENCO NOMRATIVE VIGENTI SULLA DIRETTIVA ATEX PUBBLICAZIONE IDENTIFICATIVO ITALIA TITOLO NOTE 12/06/2003 d. lgs. N. 233 23/03/1998 D.P.R. N. 126 Direttiva 94/9/CE Attuazione della direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento

Dettagli

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08 DAL D.P.R. 547/55 AL NUOVO DLgs 81/08 DLgs del 9 / 4 / 08 n. 81 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ART. 80. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1) Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali,

Dettagli

ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive

ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Direttiva 94/9/ CE A partire dal 30/06/2003 i prodotti immessi sul mercato, o messi in servizio,

Dettagli

Valutazioni di rischio di atmosfere esplosive: criticità applicative e gestionali

Valutazioni di rischio di atmosfere esplosive: criticità applicative e gestionali Corpo Nazionale Vigili del Fuoco Valutazioni di rischio di atmosfere esplosive: criticità applicative e gestionali francesco.pilo@vigilfuoco.it ATEX DAY 3.04.2013 VENEZIA Pag. 1 COS E LA VALUTAZIONE ATEX?

Dettagli

Rischi da atmosfere esplosive. Copyright Diritti riservati

Rischi da atmosfere esplosive. Copyright Diritti riservati Rischi da atmosfere esplosive Copyright Diritti riservati ATEX = ATmosphères EXplosibles Definizione (art. 288 - D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) Atmosfera esplosiva: una miscela con l aria, a condizioni atmosferiche,

Dettagli

ATEX 2014/34/UE. ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea:

ATEX 2014/34/UE. ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea: ATEX 2014/34/UE ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea: la 2014/34/UE per la regolamentazione di apparecchiature destinate all'impiego in zone a rischio di esplosione;

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX 1/29 Cosa si intende per Atmosfera esplosiva? ATEX E una miscela in aria a condizioni atmosferiche, con sostanze infiammabili allo stato gassoso vapori, nebbie o

Dettagli

Tarature sicure e accurate in aree pericolose con i calibratori portatili a sicurezza intrinseca

Tarature sicure e accurate in aree pericolose con i calibratori portatili a sicurezza intrinseca Tarature sicure e accurate in aree pericolose con i calibratori portatili a sicurezza intrinseca Gli impianti industriali costituiscono frequentemente una zona pericolosa. Molti materiali essenziali per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE PER LA PRESENZA DI GAS, VAPORI O NEBBIE INFIAMMABILI

RELAZIONE TECNICA DI CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE PER LA PRESENZA DI GAS, VAPORI O NEBBIE INFIAMMABILI Via Milano, 12/B 24040 Bonate Sopra (BG) TEL 035/6010028 FAX 035/992035 Web: www.cs-progetti.it @mail: studio@cs-progetti.it - per. ind. Claudio Boschini - per. ind. Simone Plebani - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Classificazione delle aree

Classificazione delle aree Classificazione delle aree con pericolo di esplosione Ing. Maurizio Toninelli Classificazione delle aree Metodo di analisi e di suddivisione convenzionale dei luoghi in ZONE PERICOLOSE e ZONE NON PERICOLOSE

Dettagli

BUONE PRASSI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. Ing. R. Comini ASL di Brescia

BUONE PRASSI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. Ing. R. Comini ASL di Brescia BUONE PRASSI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. R. Comini ASL di Brescia ESPLOSIONI DA POLVERI per il 32% l industria del legno per il 20 % l industria agroalimentare

Dettagli

EUROFINS PRODUCT TESTING ITALY

EUROFINS PRODUCT TESTING ITALY EUROFINS PRODUCT TESTING ITALY Direttive Europee per la certificazione dei prodotti La nuova Direttiva 2014/34/UE ATEX Global Overview 2016.v01 Ambito di applicazione La direttiva 2014/34/UE stabilisce,

Dettagli

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione ATS della Città Metropolitana di Milano SC PSAL SS Sicurezza Elettrica dott. Mauro Baldissin Tecnico della prevenzione 17.05.2016

Dettagli

MARCATURA EX II 2D T 125 C II B IP65. TENSIONE Volt / HZ POTENZA KW / HP 5,5/ 7,5. DEPRESSIONE mm. H2O 2900. PORTATA D ARIA M3/h 525

MARCATURA EX II 2D T 125 C II B IP65. TENSIONE Volt / HZ POTENZA KW / HP 5,5/ 7,5. DEPRESSIONE mm. H2O 2900. PORTATA D ARIA M3/h 525 ASPIRATORE INDUSTRIALE TRIFASE PER POLVERI, LIQUIDI E SOLIDI CERTIFICATO ATEX ZONA 21-POLVERI ESPLOSIVE DG 2 ATEX Z21 CONFORMITÀ ATEX Zona 21 (polvere) MARCATURA EX II 2D T 125 C II B IP65 TENSIONE Volt

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Rischi da esplosione protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

ASPETTI GENERALI DELLA DIRETTIVA ATEX

ASPETTI GENERALI DELLA DIRETTIVA ATEX ASPETTI GENERALI DELLA DIRETTIVA ATEX La direttiva 94/9/CE, nota come ATEX (acronimo delle parole francesi ATmosphères EXplosibles), è una direttiva comunitaria che definisce i requisiti minimi in materia

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs 81/08 smi, DM 10/03/98 TU in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs 81/08 smi, DM 10/03/98 TU in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro Istruzione operativa di sicurezza contro il rischio di esplosione SCOPO 4/06/203 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs 8/08 smi, DM 0/03/98 TU in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro Viale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ANTIDEFLAGRANTI per

CLASSIFICAZIONE ANTIDEFLAGRANTI per 02 500/116 ID CLASSIFICAZIONE ANTIDEFLAGRANTI per VALVOLE ON-OFF E PROPORZIONALI cataloghi di riferimento: valvole di pressione RQM*K*-P* 21 515 PRE(D)*K* 81 315 ZDE3K* 81 515 DZCE*K* 81 605 valvole direzionali

Dettagli

/ 2014

/ 2014 Istruzioni per l'uso (parte rilevante per la protezione antideflagrante) per sonda di livello PS3xxA ai sensi della direttiva UE 94/9/CE Appendice VIII (ATEX), gruppo II, categoria di apparecchi 1D/1G

Dettagli

ATEX: safety devices in Ex zone

ATEX: safety devices in Ex zone ATEX: safety devices in Ex zone Gas, vapori, nebbie infiammabili e polveri combustibili: safety devices in Ex zone 1 ATEX: safety devices in Ex zone Gas, vapori, nebbie infiammabili e polveri combustibili:

Dettagli

Direttiva di Prodotto - 94/9 CE

Direttiva di Prodotto - 94/9 CE Direttiva di Prodotto - 94/9 CE D.P.R. n 126 28 marzo 1998 Regolamento in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Atmosfere Esplosive.

Dettagli

L importanza della Formazione nella Valutazione del Rischio di Esplosione

L importanza della Formazione nella Valutazione del Rischio di Esplosione L importanza della Formazione nella Valutazione del Rischio di Esplosione LA DIRETTIVA ATEX ED IL SUO IMPATTO SULLE INDUSTRIE 14 dicembre 2009 Sala Convegni Confindustria Via Amendola 172/R BARI Relatore

Dettagli

RISCHIO ATMOSFERE ESPLOSIVE

RISCHIO ATMOSFERE ESPLOSIVE Sicurezza sul Lavoro, Direttive ATEX, Direttiva Macchine Safety at Work, ATEX Directives, Machinery Directive RISCHIO ATMOSFERE ESPLOSIVE Ing. Marzio Marigo Analisi degli incidenti del passato L analisi

Dettagli

05/07/2016 Agenzia per la formazione Asl 11 Sovigliana/Vinci (FI) Relatore Roberto Nanni 2

05/07/2016 Agenzia per la formazione Asl 11 Sovigliana/Vinci (FI) Relatore Roberto Nanni 2 05/07/2016 Agenzia per la formazione Asl 11 Sovigliana/Vinci (FI) Relatore Roberto Nanni 1 Il pericolo di esplosione proviene dalla presenza di GAS (vapori o nebbie) infiammabili oppure di polveri combustibili,

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Luoghi con pericolo di esplosione Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

ATEX 94/9/CE -Tutti i rischi di esplosione Qualsiasi Qualsiasi componente componente con con potenziale potenziale sorgente sorgente di di innesco inn

ATEX 94/9/CE -Tutti i rischi di esplosione Qualsiasi Qualsiasi componente componente con con potenziale potenziale sorgente sorgente di di innesco inn La marcatura CE secondo la Direttiva ATEX 94/9/CE (DPR 126/98) di apparecchiature in atmosfere esplosive. INTEL, 19.05.2005 Ing. Ing. Maurizio Toninelli info@ @atexsafetyservice. info atexsafetyservice.it

Dettagli

Nella newsletter dello scorso mese abbiamo iniziato a parlare della classificazione delle aree per la presenza di gas, vapori e nebbie.

Nella newsletter dello scorso mese abbiamo iniziato a parlare della classificazione delle aree per la presenza di gas, vapori e nebbie. LA VENTILAZIONE DELLE AREE PERICOLOSE PER LA PRESENZA DI GAS Nella newsletter dello scorso mese abbiamo iniziato a parlare della classificazione delle aree per la presenza di gas, vapori e nebbie. In questa

Dettagli

MANUTENZIONE ATE A X 1

MANUTENZIONE ATE A X 1 MANUTENZIONE ATEX 1 2 3 4 Aspetti tecnici riguardo l esplosione da polvere e da gas 5 6 7 8 9 LEL e UEL 10 LEL e UEL 100 90 80 70 60 50 LEL UEL 40 30 20 10 0 BENZINA ACETONE ALCOL ETILICO ETERE ETILICO

Dettagli

LA DIRETTIVA ATEX ED IL SUO IMPATTO SULLE INDUSTRIE

LA DIRETTIVA ATEX ED IL SUO IMPATTO SULLE INDUSTRIE Meeting su LA DIRETTIVA ATEX ED IL SUO IMPATTO SULLE INDUSTRIE BARI - Sala Convegni Confindustria 14 Dicembre 2009 Relatore : Ing. Giuseppe Gravina ARPA Puglia DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 90/24 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

TIGER-VAC. Sistemi di aspirazione industriali

TIGER-VAC. Sistemi di aspirazione industriali TIGER-VAC Sistemi di aspirazione industriali Tiger-Vac Europa S.r.l. fa parte di un Gruppo Internazionale, il Gruppo Tiger-Vac, produttore e costruttore di aspiratori industriali specializzati, progettati

Dettagli

Serie ALUBOX Cassette di derivazione in lega di alluminio IP66

Serie ALUBOX Cassette di derivazione in lega di alluminio IP66 Serie UBOX Cassette di derivazione in lega di alluminio IP > CASSETTE - IP Serie UBOX Serie UBOX-EX Dimensioni () Viti per fissaggio coperchio Viti per messa a terra Peso (Kg) 00 x 00 x 59 n 2 M5x0 n M4x

Dettagli

INTRODUZIONE ATEX INDICE

INTRODUZIONE ATEX INDICE INTRODUZIONE ATEX INDICE 1. INFORMAZIONI GENERALI... 2 2. NORMATIVE VIGENTI... 3 3. DIRETTIVA ATEX... 4 3.1 Gruppi e categorie... 4 3.2 Grado di protezione EPL... 4 3.3 Classificazione zone... 5 3.4 Gruppi

Dettagli

Corretta Protezione Dell Esplosione. In Accordo Alla ATEX

Corretta Protezione Dell Esplosione. In Accordo Alla ATEX Corretta Protezione Dell Esplosione In Accordo Alla ATEX CONVEGNO: Il rischio da atmosfere potenzialmente esplosive per le macchine, le direttive ATEX e l impiego l di sistemi di protezione 3 LUGLIO 2009

Dettagli

Con la presente riteniamo utile trasmettervi la seguente informativa sulle Direttive Atex. Alleghiamo :

Con la presente riteniamo utile trasmettervi la seguente informativa sulle Direttive Atex. Alleghiamo : Alla cortese attenzione Egr. Vs. Sig. Responsabile della Sicurezza Con la presente riteniamo utile trasmettervi la seguente informativa sulle Direttive Atex. Alleghiamo : 1. Servizi ICAM 2. Questionario

Dettagli

Direttiva ATEX. Normative per Ambienti con Pericolo di Esplosione

Direttiva ATEX. Normative per Ambienti con Pericolo di Esplosione Direttiva ATEX Normative per Ambienti con Pericolo di Esplosione DIRETTIVE EUROPEE A partire dal 1 luglio 2003 sono entrate definitivamente in vigore: Direttiva ATEX 94/9/CE (direttiva di prodotto) recepita

Dettagli

Certificazione ATEX e IECEx Manuale Aspiratori- Impianti Centralizzati Trasporto Polveri

Certificazione ATEX e IECEx Manuale Aspiratori- Impianti Centralizzati Trasporto Polveri Certificazione ATEX e IECEx Manuale Aspiratori- Impianti Centralizzati Trasporto Polveri Legenda : Istruzioni addizionali per l operatore complemento al manuale uso e manutenzione Zona di applicazione

Dettagli

REV motive power transmission. addendum delphi Ex

REV motive power transmission. addendum delphi Ex REV04 1.1.16 motive power transmission addendum delphi Ex II 3G Ex na IIB T4 Gc (gas) II 3D Ex tc IIIB T125 C Dc (polveri) (-15 C Ta +40 C) Riferimenti normativi: Norm a (ult. ediz.) titolo Dir.2014/34/UE

Dettagli

SEMINARIO TECNICO MATERIALE DIDATTICO

SEMINARIO TECNICO MATERIALE DIDATTICO ORGANISMO DI FORMAZIONE ACCREDITATO, CERTIFICATO ISO 9001 E BS OHSAS 18001 SEMINARIO TECNICO MATERIALE DIDATTICO SEMINARIO TECNICO RISCHIO ESPLOSIONE E APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX Intervento: Ing.

Dettagli

Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione

Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione Prescrizioni particolari per l installazione e l uso in ambienti potenzialmente esplosivi con presenza di gas o polveri combustibili

Dettagli

/ AC528A / AC542A / AC546A / AC551A / AC570A

/ AC528A / AC542A / AC546A / AC551A / AC570A Istruzioni per l'uso (parte rilevante per la sicurezza ATEX) Moduli AS-i (AirBox) AC246A / AC528A / AC542A / AC546A / AC551A / AC570A IT 80008907/00 12/2014 2 Istruzioni per l'uso (parte rilevante per

Dettagli

COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA?

COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA? r COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA? Negli ultimi mesi sono giunte in redazione diverse richieste da parte degli operatori del settore (vedi ad esempio la lettera pubblicata nella pagina a

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AREE A PERICOLO DI ESPLOSIONE

LINEE GUIDA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AREE A PERICOLO DI ESPLOSIONE LINEE GUIDA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AREE A PERICOLO DI ESPLOSIONE Pag. 1 di 15 INDICE DEGLI ARGOMENTI IMPORTANZA DEL DOCUMENTO DI CLASSIFICAZIONE...3 FIGURE COINVOLTE NELLA CLASSIFICAZIONE... 4 SITUAZIONE

Dettagli

TRENTO 01 GIUGNO 06. Prospettive e nuove opportunità. Novità legislative e normative

TRENTO 01 GIUGNO 06. Prospettive e nuove opportunità. Novità legislative e normative TRENTO 01 GIUGNO 06 Prospettive e nuove opportunità Novità legislative e normative Studio Tecnico Zecchini Via Rivedele 24 fraz.ischia 38057 Pergine Valsugana TN Telefono 0461-531756 Fax 0461-7431151Cellulare

Dettagli

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature. SOCIETÀ DI INGEGNERIA PER LE COSTRUZIONI, L AMBIENTE, LA SICUREZZA Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Dettagli

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A 80008909/00 08/2014 Indicazioni per l impiego sicuro in zone potenzialmente esplosive Uso conforme Impiego in zone potenzialmente esplosive

Dettagli

Fonte:

Fonte: Fonte: www.ciemmeci.org Rischio meccanico Definizione Il rischio principale connesso rischio meccanico legato principalmente: alla presenza di elementi di diversa natura in movimento relativo fra loro

Dettagli

NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN

NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN RISCHIO ESPLOSIONE Convegno ATEX 3. Recepimento Normative EN 1 Mantova 2 Aprile 2008 NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN Valdisolo Paolo - ASL Mantova D.Lgs. 233/03 Art. 88-octies. Aree

Dettagli

Rischio da atmosfere esplosive (ATEX) Premessa Obiettivi

Rischio da atmosfere esplosive (ATEX) Premessa Obiettivi Risschi io da attmossfferre esspl lossi ive ((ATTEX)) Premessa Nonostante i continui miglioramenti delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che hanno caratterizzato gli ultimi decenni,

Dettagli

Capire il fascicolo tecnico ATEX

Capire il fascicolo tecnico ATEX Intertek Italia Via Principe di Udine, 114-33030 Campoformido (UD) info.etls-italy@intertek.com www.intertek.it Introduzione Le direttive del nuovo approccio impongono al fabbricante di preparare la documentazione

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE AI SENSI DEL D.P.R. 462/01

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE AI SENSI DEL D.P.R. 462/01 Titolo Riferimento Revisione e data entrata in vigore Approvato da PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE AI SENSI DEL D.P.R. 462/01 PR. PART. ISP/TERRE Rev. 0 del 02/01/2017 IMQ S.p.A.

Dettagli

: redstone GmbH : Sistema di pannelli isolanti Data di pubblicazione: : , 16:11 rivisto il:

: redstone GmbH : Sistema di pannelli isolanti Data di pubblicazione: : , 16:11 rivisto il: 01. Identificazione della sostanza / preparato e del produttore commerciale : sistema di pannelli isolanti redstone : redstone GmbH Casella postale : 33 05 44 Telefono : 0421 / 22 31 49-0 Fax : 0421 /

Dettagli

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A IT 7390938/00 07/2012 Indicazioni per l impiego sicuro in zone potenzialmente esplosive Uso conforme Impiego in zone potenzialmente esplosive

Dettagli

Informazioni aggiuntive. Informazioni aggiuntive per aree pericolose Modelli 73, 74

Informazioni aggiuntive. Informazioni aggiuntive per aree pericolose Modelli 73, 74 Informazioni aggiuntive Informazioni aggiuntive per aree pericolose Modelli 73, 74 Modello R74.100 Modello F73.100 Informazioni aggiuntive modelli 73, 74 Pagina 3-14 06/2017 WIKA Alexander Wiegand SE &

Dettagli

LA DEFLAGRAZIONE DELLE POLVERI E LE DIRETTIVE ATEX

LA DEFLAGRAZIONE DELLE POLVERI E LE DIRETTIVE ATEX UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO degli Impianti Industriali LA DEFLAGRAZIONE DELLE POLVERI E LE DIRETTIVE ATEX RISCHIO DI ESPLOSIONE Cause dei rischi di esplosione in diversi settori produttivi Industria

Dettagli

DIRETTIVA ATEX (CLASSIFICAZIONE E ANALISI LUOGHI PERICOLOSI)

DIRETTIVA ATEX (CLASSIFICAZIONE E ANALISI LUOGHI PERICOLOSI) DIRETTIVA ATEX (CLASSIFICAZIONE E ANALISI LUOGHI PERICOLOSI) Massimo Rizzo, Ingegnere - U.F. TAV e Grandi Opere, Azienda sanitaria 10 Firenze Il titolo XI del D.Lgs. 81/08 contiene le disposizioni relative

Dettagli

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore in inox E7354A

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore in inox E7354A Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore in inox E7354A 7390937/00 07/2012 Indicazioni per l impiego sicuro in zone potenzialmente esplosive Uso conforme Impiego in zone potenzialmente esplosive ai sensi

Dettagli

Rischio Chimico. Definizioni

Rischio Chimico. Definizioni Rischio Chimico Definizioni a) agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come

Dettagli

Liste di controllo per aree e attrezzature specifiche. Alba, 10 dicembre 2015

Liste di controllo per aree e attrezzature specifiche. Alba, 10 dicembre 2015 Liste di controllo per aree e attrezzature specifiche Alba, 10 dicembre 2015 Fasi dell attività a) Studio del comparto e individuazione delle attrezzature critiche che possono generare sorgenti di innesco

Dettagli

So m m a r i o. Introduzione... p.» IX Autore...» X. Ca p i t o l o 1

So m m a r i o. Introduzione... p.» IX Autore...» X. Ca p i t o l o 1 So m m a r i o Introduzione... p.» IX Autore...» X Ca p i t o l o 1 Il fenomeno dell esplosione nell industria 1.1 Le esplosioni nel luogo di lavoro...» 2 1.2 Le esplosioni delle polveri combustibili...»

Dettagli

Norma CEI 31-30 e Guida CEI 31-35 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Classificazione dei luoghi pericolosi

Norma CEI 31-30 e Guida CEI 31-35 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Classificazione dei luoghi pericolosi Norma CEI 31-30 e Guida CEI 31-35 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Classificazione dei luoghi pericolosi 30/05/2003 1 Principi ipotesi di lavoro: E esclusa la possibilità

Dettagli

INDUSTRIA DEI MATERIALI COMPOSITI

INDUSTRIA DEI MATERIALI COMPOSITI INDUSTRIA DEI MATERIALI COMPOSITI Attrezzature per migliorare l ambiente di lavoro www.komsa.it Soluzioni KOMSA per materiali compositi L esposizione alla polvere di materiali compositi può essere la causa

Dettagli

La direttiva Atex 92 tutela la salute dei lavoratori

La direttiva Atex 92 tutela la salute dei lavoratori Il rischio di esplosione nel settore molitorio La direttiva Atex 92 tutela la salute dei lavoratori di Paolo Panzavolta - ANTIM The worker safety directive: Atex 92 Ottemperare alla Legge e una buona pratica

Dettagli

FORMAZIONE PER ADDETTI AMBIENTI CONFINATI E/O SOSPETTI DI INQUINAMENTO

FORMAZIONE PER ADDETTI AMBIENTI CONFINATI E/O SOSPETTI DI INQUINAMENTO Lettera circolare n. 16 del 09/12/2016 FORMAZIONE PER ADDETTI AMBIENTI CONFINATI E/O SOSPETTI DI INQUINAMENTO Come già noto il regolamento per la sicurezza in ambienti confinati e/o sospetti d inquinamento,

Dettagli

PERICOLO DI ESPLOSIONE

PERICOLO DI ESPLOSIONE PERICOLO DI ESPLOSIONE SCHEMA IECEx CERTIFICAZIONE DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE E NON ELETTRICHE (www.iecex.com) La presente informativa si rivolge ai produttori di apparecchiature destinate ad essere

Dettagli

IN ARANCIO (di rilievo) IN verde (entrate in vigore a gennaio) Norme Armonizzate Direttiva macchine Febbraio 2015: Le novità

IN ARANCIO (di rilievo) IN verde (entrate in vigore a gennaio) Norme Armonizzate Direttiva macchine Febbraio 2015: Le novità IN ARANCIO (di rilievo) IN verde (entrate in vigore a gennaio) 1 NORMA PRIMA PUBBLICAZIONE DATA CESSAZIONE PRESUNZIONE DI CONFORMITÀ NORMA SOSTITUITA EN ISO 11200:2014 Acustica Rumore emesso dalle macchine

Dettagli

ALLEGATO 4 - SCHEDA TECNICA PRELIMINARE-

ALLEGATO 4 - SCHEDA TECNICA PRELIMINARE- Produttore Modello Fornitore Anno di inizio produzione Codice CIVAB PARAMETRI CARATTERISTICHE DI SICUREZZA L apparecchio è conforme alla normativa C.E.I 62.5 Norma Europea EN 60601 1 attualmente vigente:

Dettagli

Giunti di Trasmissione TRASCO ATEX

Giunti di Trasmissione TRASCO ATEX Giunti di Trasmissione TRASCO ATEX ALLEGATO ATEX GRM-CERT-EX-IT SIT S.p.A. Viale A. Volta, 2-20090 Cusago (MI) - Italy Tel. +39.02891441 Fax +39.0289144291 - info@sitspa.it www.sitspa.it Allegato ATEX

Dettagli

Accessori e componenti per impianti elettrici in zone Ex

Accessori e componenti per impianti elettrici in zone Ex Accessori e componenti per impianti elettrici in zone Ex Via dei Mille, 12-20061 - Carugate (MI) - Italy Tel. +39 02 25060297 - Fax +39 02 25060298 mail: info@ribco.it PRESSACAVI PRESSACAVO PAGINE CATALOGO

Dettagli

Sicurezza delle attrezzature a pressione e verifiche periodiche

Sicurezza delle attrezzature a pressione e verifiche periodiche Sicurezza delle attrezzature a pressione e verifiche periodiche Dott.ssa Emanuela Tosto WALTER TOSTO SPA Milano, 31 gennaio 2013 Federata Direttiva PED e DM 329/2004 DLgs 93/2000 art.4 - Sicurezza in fase

Dettagli

SLEE. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Elevato grado di protezione IP67 - Esecuzione IIB + H2 (idrogeno) - Zona 1, 2, 21, 22

SLEE. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Elevato grado di protezione IP67 - Esecuzione IIB + H2 (idrogeno) - Zona 1, 2, 21, 22 SLEE - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Elevato grado di protezione IP67 - Esecuzione IIB + H2 (idrogeno) - Zona 1, 2, 21, 22 Staffa di fiss aggio Cerniere per aper tura vano portalampa

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 ESTRAZIONE GAS, PETROLIO, CARBONE, MINERALI E LAVORAZIONE PIETRE Processo Estrazione di gas e petrolio

Dettagli

COS E IL DPR 462/2001?

COS E IL DPR 462/2001? COS E IL DPR 462/2001? È un Decreto del Presidente della Repubblica (pubblicato in Gazzetta Ufficiale N. 6 del 08 Gennaio 2002) che introduce l obbligo, per tutti i datori di lavoro, di richiedere la verifica

Dettagli

COS E IL DPR 462/2001?

COS E IL DPR 462/2001? COS E IL DPR 462/2001? È un Decreto del Presidente della Repubblica (pubblicato in Gazzetta Ufficiale N. 6 del 08 Gennaio 2002) che introduce l obbligo, per tutti i datori di lavoro, di richiedere la verifica

Dettagli

Capitolo 2. Descrizione funzionale

Capitolo 2. Descrizione funzionale Capitolo 2 Uso previsto... 2-3 Varianti di macchina... 2-3 Regimi di lavoro... 2-3 Controindicazioni d uso... 2-3 Assi di Movimento... 2-5 Componenti principali... 2-6 Dimensioni... 2-7 Variante di fornitura...

Dettagli

Proiettore SLFE- 40. Scheda Tecnica Nuovo Prodotto. Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009. Nuovo prodotto: Marcatura

Proiettore SLFE- 40. Scheda Tecnica Nuovo Prodotto. Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009. Nuovo prodotto: Marcatura Pag. 1 di 5 Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009 Nuovo prodotto: Proiettore SLFE- 40 Marcatura CE 0722: II 2 GD Ex de IIB Ex td A21 IP66 T2/T3 T148 C T221 C Ta -25 C +55 C 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 06 SCHEDA INFORMATIVA SULLA GESTIONE DI SVERSAMENTI DI LIQUIDI/SOLIDI DI ORIGINE CHIMICA

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 06 SCHEDA INFORMATIVA SULLA GESTIONE DI SVERSAMENTI DI LIQUIDI/SOLIDI DI ORIGINE CHIMICA ISTRUZIONE OPERATIVA N. 06 SCHEDA INFORMATIVA SULLA GESTIONE DI SVERSAMENTI DI LIQUIDI/SOLIDI DI ORIGINE CHIMICA Revisione 00 - Dicembre 2015 A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza

Dettagli

Pericolo di esplosione: nuove norme

Pericolo di esplosione: nuove norme Pericolo di esplosione: nuove norme Pubblicato il: 03/06/2003 Aggiornato al: 03/06/2003 di Gianfranco Ceresini Una panoramica completa sulle nuove direttive comunitarie per i luoghi con pericolo di esplosione.

Dettagli

Giunti di Trasmissione SITEX ATEX

Giunti di Trasmissione SITEX ATEX Giunti di Trasmissione SITEX ATEX ALLEGATO ATEX GD-CERT-EX-IT SIT S.p.A. Viale A. Volta, 2-20090 Cusago (MI) - Italy Tel. +39.02891441 Fax +39.0289144291 - info@sitspa.it www.sitspa.it Allegato ATEX Questo

Dettagli

La valutazione ATEX e RAMSES 4 Un approccio integrato

La valutazione ATEX e RAMSES 4 Un approccio integrato La valutazione ATEX e RAMSES 4 Un approccio integrato Sergio Colombo, Sindar srl, Lodi Sindar srl, Milano, Corso5-7 Archinti novembre 35, 2002 26900 Lodi www.sindar.it 1 Introduzione Negli ultimi 12 anni

Dettagli

I requisiti di sicurezza degli impianti elettrici e le Norme tecniche CEI.

I requisiti di sicurezza degli impianti elettrici e le Norme tecniche CEI. I requisiti di sicurezza degli impianti elettrici e le Norme tecniche CEI. P.I. Luigi Muzzini Membro CT 64 CEI SICUREZZA ACCETTABILE Il livello di sicurezza accettabile evolve con le condizioni sociali

Dettagli

Verifiche degli impianti elettrici nei locali medici

Verifiche degli impianti elettrici nei locali medici Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Verifiche degli impianti elettrici nei locali medici Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti Prodotti e Insediamenti

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA 17.9.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 251/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione

Dettagli

SECURE (ZONA 2 e 22)

SECURE (ZONA 2 e 22) 1. CARATTERISTICHE TECNICHE CORPO ILLUMINANTE Policarbonato anti UV da 3,5 mm di spessore RIFINITURA ABS con trattamento Antistatico Novodur P2HT. RIFLETTORE Alluminio speculare TENSIONE DI ALIMENTAZIONE

Dettagli

Atex. Serie. Serie Atex

Atex. Serie. Serie Atex 123 Serie Serie Leggi e norme di riferimento Direttiva TEX 94/9/CE Linee guida TEX 94/9/CE EN 60079-0:2012 EN 60079-7:2007 EN 60079-31:2009 pparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati

Dettagli