Appello dell 11 Gennaio Esercizio 1 (5 punti) Da una produzione di sfere di metallo si estrae un campione di 15 unità, e viene

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appello dell 11 Gennaio 2007. Esercizio 1 (5 punti) Da una produzione di sfere di metallo si estrae un campione di 15 unità, e viene"

Transcript

1 Appello dell 11 Gennaio 2007 Esercizio 1 (5 punti) Da una produzione di sfere di metallo si estrae un campione di 15 unità, e viene 2 misurato un diametro medio pari 11.1 mm, con una varianza ˆ n,1 pari a 0.09 mm 2. Assumendo la distribuzione dei valori del diametro delle sfere gaussiana si decida, con un rischio del 5%, se il valor medio del diametro sia pari a 11mm o 11.2mm. Esercizio 2 (8 punti) Una fabbrica di produzione di solventi industriali immette giornalmente nell ambiente un certo quantitativo medio di sostanze inquinanti. Descrivere una procedura che verifichi, con una confidenza del 99.5%, che tale quantitativo medio sia pari 0.8 milligrammi, con al più uno scarto del 10%. Esercizio 4 (5 punti) L unione europea vuole stabilire un modello per il flusso migratorio dai paesi del terzo mondo, prendendo in considerazioni 5 indicatori X 1, X 2, X 3, X 4, X 5. Tali indicatori vengono considerati in modelli lineari di complessità crescente e, sulla base di N 20 rilevazioni sperimentali, vengono stimati i parametri dei modelli con la tecnica dei minimi quadrati. La varianza residua per i vari modelli identificati risulta essere [ ]. Determinare una procedura per scegliere il modello con complessità più opportuna. Esercizio 5 (5 punti) Si consideri un processo descritto dal seguente modello dinamico yk a0 a1yk 1... amyk m k, k iid... Descrivere una procedura che, a partire dalla sequenza dei dati sperimentali y k, permetta di stabilire qual è la memoria del processo, ovvero il valore m più opportuno. Appello del 23 Marzo 2007 Ex. 1 La quantità X (espressa in milligrammi) di una sostanza nociva contenuta in una confezione di disinfettante per la casa si può assumere distribuita secondo una legge Normale di media 12.4 e varianza 2 2. Per un campione di n 100 confezioni si calcoli il valore di che assicura che la media campionaria di X sia compresa tra 11.4 e 13.4, con una confidenza dell 80%. (4 punti) Ex. 2 Il peso X (Kg) di un sacco di fertilizzante per impieghi agricoli sia distribuito secondo 2 la legge Normale di parametri e incogniti. Si estraggono casualmente 70 sacchi dalla produzione odierna ed i loro pesi danno luogo ai seguenti dati:

2 xi 432, xi 3800 i 1 i 1 a) Stimare i parametri incogniti della distribuzione (4 punti) b) Cosa cambierebbe nei riguardi delle stime ottenute al punto a) se X non fosse distribuita secondo la legge Normale. (2 punti) Ex. 3 In una ricerca per lo studio dell efficacia di un nuovo farmaco antidepressivo i pazienti depressi sono stati divisi a caso in tre gruppi. Al primo gruppo è stato somministrato un placebo, al secondo gruppo una dose bassa del farmaco, al terzo gruppo una dose moderata. Dopo due settimane di trattamento i pazienti sono stati sottoposti ad un analisi il cui valore è tanto più alto quanto più il soggetto è depresso; si sono ottenuti i seguenti risultati Placebo Low Dose Moderate Dose Eseguire un test per valutare l efficacia del farmaco allo studio. (15 punti) Ex. 4 Il consumo energetico di un impianto industriale abbia il seguente andamento temporale nell arco di una giornata per due produzioni tipiche a) b) a) Si determini un semplice modello che rappresenti l andamento temporale nel primo caso e si indichi una procedura per stimarne i parametri. (4 punti) b) In che modo il modello e la procedura di stima definita in a) possono essere adattati all andamento del consumo nel secondo caso? (4 punti) Appello del 3 Luglio 2007 Ex.1 Il proprietario di un ristorante rileva che ogni giorno viene scartato un certo quantitativo di alimenti X, espresso in kg, che si suppone avere distribuzione gaussiana 2 con 9. Il proprietario vuole verificare l ipotesi nulla 19 contro l ipotesi

3 alternativa del capocuoco 17. Definire una procedura per verificare quale delle due ipotesi sia più verosimile. (8 punti) Ex. 2 Come si dovrebbe modificare la procedura del precedente esercizio se la varianza dello spreco giornaliero di alimenti fosse incognita? (5 punti) Ex4. Si consideri un processo descritto dal seguente modello dinamico yk a0 a1yk 1 k dove k è una sequenza i.i.d., con valor medio lentamente variabile nel tempo e varianza costante. Descrivere una procedura che, a partire dalla sequenza dei dati sperimentali y k, permetta di stimare in modo opportuno i parametri del modello. (5 punti) Appello del 15 Settembre 2007 Es1. Per una v.a. X sia ipotizzata la seguente distribuzione Delineare una procedura per verificare che tale ipotesi sia corretta. (5 punti) Es2. Nel caso che la risposta nell Es1 sia positiva, determinare un intervallo di confidenza del 95% per la stima del valor medio di X (5 punti) Es4. Sia assegnata la seguente serie storica yk a0 a1yk 1 a2yk 2 k Stimare i parametri del modello nei seguenti due casi a) il rumore abbia valor medio costante incognito, e varianza costante (4 punti) 2 b) il rumore abbia valor medio nullo ma varianza k che cambia ad ogni passo (4 punti)

4 Appello del 19 Dicembre 2007 Es1. Un metodo per lo sminamento dei terreni consiste in una differente risposta delle mine al riscaldamento (dovuta ai materiali costruttivi) rispetto al terreno. Per testare tale tecnica sono state interrate delle mine (disinnescate!!!) in 15 lotti su 30 di terreno di 1 m 2. I lotti sono stati successivamente riscaldati con le stesse modalità ( Watt/ m 2 per 300 s), ed è stata successivamente rilevata la temperatura di raffreddamento per ciascuno di essi dopo lo stesso intervallo di tempo trascorso dal riscaldamento. Definire una procedura per valutare l attendibilità di tale metodo nel segnalare la presenza di mine. (5 punti) Es2. Si vuole valutare l efficacia di un diserbante su tre erbe infestanti (Setaria viridis, Agropyron repens, Abutilon theophrasti). A tale scopo, vengono individuati 30 lotti di terreno di 2 m 2 ciascuno, nei quali verranno seminate le tre erbe infestanti. In un terzo dei lotti non viene somministrato diserbante; nei rimanenti due terzi la somministrazione del diserbante avviene secondo due modalità: a) mescolato insieme al terreno; b) distribuito in superficie. L efficacia del diserbante viene valutata misurando lo sviluppo dei getti delle piantine (cm). Definire una procedura che permetta di decidere: 1) se il diserbante è efficace (5 punti); 2) Se sì, quale delle due somministrazioni è più efficace (3 punti). Es3. La Unioncamere Emilia-Romagna ha svolta un indagine statistica per caratterizzare lo sviluppo economico delle regioni d Italia secondo vari indicatori. La figura seguente mostra uno dei risultati parziali ottenuti dallo studio effettuato. Ogni bolla rappresenta una regione, e si è voluta valutare la correlazione tra Indice di Ricchezza e spese per beni di lusso. Descrivere come è stato ottenuto il risultato mostrato in figura; commentare la validità di tale risultato. Cosa hanno di diversoveneto e LAzio secondo il modello identificato? (5 punti)

5 Es4. Molti analisti finanziari ritengono il prezzo di un titolo fortemente legato alla variabilità del suo tasso di variazione. Tale variabilità viene definita come volatilità storica, ed è calcolata mediante: k n 1 1 pk h log n 1 p h 0 k h 1 La volatilità così definita costituisce una misura del rischio (o del guadagno) derivante dall'acquisto (o dalla vendita) del titolo sulla base del prezzo da questo assunto in un determinato istante. Uno dei modelli proposti per la previsione giornaliera del prezzo è il seguente pk 1 0 1pk 2 k k 1, dove k 1 è una sequenza i.i.d.. Descrivere una procedura per l identificazione del modello e per la verifica della sua attendibilità. (5 punti) Es5. L ultimo decennio ha mostrato un accentuazione della variabilità climatica con contrasti termici rilevanti sia in senso positivo che negativo e manifestazioni estreme pluviometriche ed idrologiche. In Figura sono rappresentate 3 serie storiche di termometrie che mostrano una tendenza termica in crescita. Determinare un semplice modello che descriva l andamento temporale di una generica termometria di quelle indicate in figura e definire una procedura di identificazione del suddetto modello. (10 punti) Appello del 12 Gennaio 2008 Es.1 Una delle principali caratteristiche che definiscono la qualità di un calcestruzzo è la resistenza meccanica a compressione (N/mm 2 ), misurata su provini cubici di 20cm di diametro. Questa dipende sostanzialmente dal tipo di mescolatore utilizzato (a turbina, a doppio asse, planetario) e dal tempo di miscelazione (20s, 40s, 60s). Definire una procedura per valutare l efficienza della miscelazione. (5 punti) Es.2 E necessario valutare la copertura anticorpale per il virus dell'influenza in un centro sociale per anziani composto da 200 ospiti. Viene prelevato un campione di

6 sangue da 20 soggetti presi a caso, e poi, sul siero, si effettua la titolazione degli anticorpi. Determinare un intervallo di confidenza del 95% per il valor medio della concentrazione di anticorpi. In che modo è possibile rendere tale intervallo di lunghezza pari ad un valore assegnato L? (5 punti) Es. 3 Nel grafico 1 sono riportate delle curve ottenute testando una popolazione di 150 animali costituita da soggetti con una certa infezione (curva rossa) e soggetti non infetti (curva verde) Stabilire un limite di separazione (soglia o cut-off) fra infetti e sani, ossia di stabilire un valore del titolo al di sopra del quale l'animale viene ritenuto infetto e al di sotto del quale viene ritenuto sano. Si supponga che i due gruppi abbiano la stessa varianza (10 punti) Es.4 Il Gap è un salto nella serie storica dei prezzi, si ha, quando le quotazioni aprono in una fascia di prezzo più alta o più bassa rispetto alla chiusura del giorno precedente. Di Gap ve ne sono di varie tipologie, quando se ne verificano due consecutivi vengono chiamati Runaway Gap ed è abbastanza raro vederli sugli indici azionari. Negli ultimi 10 anni su Standard & Poor s 500) (qui utilizziamo l'etf SPY), si sono verificati 4 Runaway Gap rialzisti con le caratteristiche della passata settimana successivamente il mercato azionario ha sempre proseguito nella tendenza rialzista. Definire un semplice modello del primo ordine ( o di memoria pari ad 1) della sequenza di figura e definire una procedura per la stima dei giorni di salto. 13 punti

7 Appello del 14 Aprile 2008 Es1. Si vuole confrontare la spesa media per l assicurazione auto in Lombardia e nel Lazio. Per questo motivo si selezionano casualmente 20 automobilisti, 10 per ciascuna regione. La tabella seguente riporta il costo dell assicurazione in euro Lombardia Lazio Come si può stabilire se in una regione si paga mediamente di più che nell altra? (5punti) Es3. Nella figura in alto, la linea rossa rappresenta l andamento dell IVA evasa (fonte Agenzia delle Entrate). Nella figura in basso viene rappresentata la sola componente ciclica, cioè la componente di variazione dei dati della figura in alto rispetto al trend di lungo periodo (linea blu figura in alto). Descrivere la procedura per ottenere tale componente ciclica. (8 punti). Es. 1 Il primario di un reparto ospedaliero auspica che il numero di giorni di degenza nel suo reparto sia minore di 6. Supponendo che la distribuzione dei giorni di degenza in tale reparto 2 abbia distribuzione N(μ, ), con 2 5 e μ incognita, eseguire un test con significatività del 5% per decidere se μ è uguale a 6 oppure minore di 6, avvalendosi dei seguenti dati, di giorni di degenza, di 8 pazienti scelti casualmente {1, 3, 4, 2, 3, 5, 1, 3}. (8 punti)

8 Es.2 Un azienda farmaceutica ha sintetizzato un farmaco per favorire la crescita del sistema osseo. Si ritiene che le condizioni ambientali possano influenzare l efficacia del farmaco. A tale scopo il farmaco è stato somministrato, con le stesse modalità e dosi, a due campioni di cavie: uno presente nell area del Mediterraneo (di dimensione n 1 12 ) e l altro nei paesi del Nord Europa (di dimensione n 2 9 ). I valori campionari della lunghezza delle cavie (in cm) è la seguente: Eseguire una procedura per testare l influenza dell ambiente sull efficacia del farmaco. (10 punti) Es.3 Gli americani passano in media 8.5 minuti al giorno a leggere i quotidiani (USA today, 10 aprile 2008). Un ricercatore è dell'opinione che gli individui che hanno cariche di tipo dirigenziale passino un tempo superiore alla media nazionale a leggere i quotidiani e a tale proposito ha selezionato un campione di manager e con i dati ottenuti vuole testare l'ipotesi nulla H0 : 8.6 contro l'alternativa H1 : 8.6 a) Quali sono le conseguenze di compiere l'errore del primo tipo nel giudizio sul comportamento dei manager? b) Quali sono le conseguenze di compiere l'errore del secondo tipo nel giudizio sul comportamento dei manager? (4 punti) Es.4 Spiegare quali problemi si avrebbero nello stimare il modello: 2 lnyi 0 1ln Xi 2ln Xi i (4 punti) Quali parametri del modello possono essere stimati correttamente? (2 punti) Es.5 Sulla confezione di un prodotto anticongelante per auto è riprodotta la tabella sottostante, che mostra la temperatura di congelamento della soluzione composta da un litro di anticongelante e dalla percentuale di acqua indicata. In altre parole il prodotto puro congela a -44 C, diluito in parti uguali con acqua congela a -30 C, e così via. DILUIZIONE TEMPERATURA ( C) Determinare un modello ragionevole per questi dati. Si osservi che in questo caso un modello lineare T = ax + b è completamente fuori luogo, perché?

9 Appello del Es1. Molti studi epidemiologici riguardano l'incidenza della temperatura apparente (cioè percepita) sulla mortalità. Utilizzando i dati della tabella determinare se esiste un effetto significativo della temperatura sulla mortalità. (10 punti) Es.2 Tre tipi di fondo per vernici (primer) è applicato su alluminio in due modi: immersione (dipping, D), a spruzzo (spraying, S). L'esperimento consiste nel

10 determinare la forza di adesione della vernice dipendentemente dal fondo e dal metodo utilizzati. In base ai valori della tabella valutare se la forza di adesione risente singolarmente del primer e del metodo di applicazione, o risente del loro effetto combinato. (10 punti) adhf primer applic D D D D D D D D D S S S S S S S S S Es. 3 Lo speck Senfter è buono! Delineare una procedura per controllare che la produzione dei cubotti di speck abbia media pari a 0.5 Kg, come dichiarato, con un rischio del 5%. (5 punti)

11 Es.4 Il grafico mostra l'andamento del prezzo del greggio dal 1988 al 2008 (Sole 24 ore). NYMX CRUDEOIL (126.25, , , ) Cosa si può dire circa l'andamento del prezzi prima e dopo il 1998 (3 punti) 2. Descrivere una procedura per supportare le osservazioni fatte al punto 1). (5 punti) Appello del 11 Giugno 2009 Es.1. Valore medio e deviazione standard di calcio nel sangue É stato determinato il contenuto di calcio nel sangue utilizzando due metodi analitici. Il metodo A ha dato i seguenti risultati in mg/l: 40,2 40,8 41,3 40,5 39,7 Il metodo B ha dato i seguenti risultati in mg/l: 40,1 40,3 40,7 39,9 39,5 40,1 Calcolare il valore medio e la deviazione standard per ciascuna serie di misure Supponendo che il valore vero sia 40,4 dire quale dei due metodi è più preciso, quale è più accurato. (S.M. 5 punti) Es. 2. Dopo un periodo di osservazione di 28 mesi, in una popolazione di circa pazienti con un aumentato rischio di eventi cardiovascolari, si è valutata l'efficacia dell associazione di aspirina ( mg/die) e clopidogrel (75 mg/die) nei riguardi della riduzione di rischio di eventi cardiovascolari.

12 Nelle colonne 2 e 3 viene riportato l'aumento percentuale degli eventi elencati in colonna 1. Definire una procedura per la verifica dell' efficacia dell'associazione dei farmaci suddetti. (S.M. 8 punti) Es. 3. Tredici stampanti multifunzione a confronto Test di qualità In quanto multifunzione, abbiamo effettuato i nostri test qualitativi sia in modalità testo che in modalità foto. Ogni qualvolta è stato possibile, tutte le foto sono state stampate su carta fotografica A4 lucida dei medesimi produttori della stampante. Qui i test effettuati: La stampa in modalità standard di testo contenente caratteri da 2 a 71 punti La stampa di foto con un contrasto pesante tra i colori chiari La stampa di foto in bianco e nero La stampa di foto di un paesaggio con molte variazioni di blu e verde Test sul costo d'utilizzo Qui ci sono i test approntati:

13 Durata della vita della sola cartuccia nera, quando si stampa un documento con una copertura del nero del 25% Durata della vita delle cartucce a colori e fotografiche quando si stampa un documento A4 contenente il 25% di nero, il 25% di azzuro, il 25% di magenta e il 25% di giallo I calcoli sono stati eseguiti in funzione del prezzo delle cartucce, ricavato da un sito di e-commerce. Quando possibile, abbiamo usato cartucce degli stessi produttori. Come classifichereste le 13 stampanti? (S.M. 10 punti). Es. 4. Forums - Il Commercialista Telematico > Argomenti di discussione > Studi di settore intervallo di confidenza Username Password Username Entra Ricordami? #1 (permalink) , mylen Junior Member Data registrazione: Messaggi: 23 intervallo di confidenza Qualcuno di voi mi potrebbe gentilmente spiegare cosa si intende per "intervallo di confidenza" e per "ricavo puntuale e "ricavo minimo ammissibile""? Grazie mille. #2 (permalink) , danilo sciuto Administrator Data registrazione: Residenza: Grand Baie (Mauritius) Messaggi: 11,595

14 Citazione: Originalmente inviato da mylen Qualcuno di voi mi potrebbe gentilmente spiegare cosa si intende per "intervallo di confidenza" e per "ricavo puntuale e "ricavo minimo ammissibile""? Grazie mille. E' un concetto di statistica. In breve, l'intervallo di confidenza è dato dall'insieme di ricavi di anormalità tollerata. Quelli compresi tra il ricavo minimo e quello puntuale, infatti. Cosa avreste risposto voi? (S.M. 5 punti). Es.5 Media Pesata Quattro studenti misurano il peso di un blocco di metallo con bilance aventi differente grado di precisione ottenendo i seguenti risultati: studente 1 peso = g studente 2 peso = g studente 3 peso = g studente 4 peso = g Si chiede, quale è la miglior stima del peso e quale è la sua incertezza. Indicare, inoltre, il grado di compatibilità tra la misura che ha dato il più piccolo valore e quello più grande. (S. 5 punti) Es. 6. Serie dei rendimenti dell indice azionnario MIDEX della borsa di Milano; identificare il modello ARCH(1) del tipo : y c y t t 1 t h z, h : N(0,1), i z t t t t 2 2 t t 1 (M. 5 punti)

15 Appello del 6 Luglio 2009 Es1. Lotta alla zanzara tigre nel Comune di Cesena. Sono state considerate due zone simili dal punto di vista urbanistico ed ecologico, secondo i valori di un opportuno indice. Ciascuna zona è divisa in 11 aree contraddistinte da un valore del suddetto indice. Una delle due zone è stata trattata con un larvicida biologico a base di B.T.I. (bacillus thuringiensis var. israelensis). Nelle aree vengono collocate ovitrappole che permettono di misurare la media delle uova delle zanzare per ovitrappola e per settimana. I dati sono riportati in tabella a) Determinare se il trattamento larvicida ha avuto un effetto significativo (MS,5 punti). b) alla luce del risultato del punto a) commmentare i dati del 18/7 e del 29/8. (MS,2 punti). Es.2 La tabella mostra i risultati sperimentali di una campagna di trattamento fungicida contro la ticchiolatura del melo. Stabilire una classificazione dei vari prodotti in base ai dati di tabella (ignorare le sigle vicino ai dati) (MS,10 punti).

16 Es.3. Andamento delle precipitazioni sul Mediterraneo centro occidentale per il periodo La linea tratteggiata mostra il change point stimato (si tratta del 1978). Le tre linee orizzontali sovrapposte alla spezzata che collega i valori rappresentano rispettivamente la media dell intero periodo e le medie del periodo che precede e che segue il change point. Definire una procedura per la stima del change point, delle medie prima e dopo il change point, delle componenti cicliche sovrapposte alle medie prima e dopo il change point. (MS, 8 punti) Es.4. Andamento del numero delle macchie solari e della temperatura terrestre misurata sulla superficie del mare (SST) (linee nere non smooth ); si noti la diminuzione della temperature negli anni e la corrispondente diminuzione delle macchie solari. Definire una procedura per valutare il grado ci correlazione tra le due serie storiche. (M, 6 punti)

17 Es5. Si studi la relazione tra lo sviluppo di capacità logiche nella adolescenza (misurate con un test logictest) e il tempo speso settimanalmente ai videogame (vg) o alla televisione (tv). vg: tv: logictest: (S, 6 punti) Appello del Es2. In un trattamento contro la stipsi infantile, la dieta viene integrata con due tipi di acqua: acqua dell acquedotto di Milano e acqua Uliveto. L efficacia del trattamento viene misurata dalla quantità di markers radioopachi espulsi nelle feci. L insieme di pazienti monitorati ha fornito i dati riportati in tabella. Trascurando, in prima approssimazione, la deviazione standard (D.S.) delle misure, determinare quale tipo di acqua ha dato risultati migliori (5 punti). Cosa cambierebbe se si tenesse conto delle D.S. delle misure (3 punti)? Es3. Il modello di Koyck nell'analisi degli investimenti, pone in relazione la quantità di vendite S t di un prodotto, con le spese in pubblicità A t distribuite su n periodi di tempo St St 1 0 At... nat n t dove t è un disturbo aleatorio. Descrivere in dettaglio una procedura per l'identificazione del modello di Koyck sulla base delle misure disponibili di vendite S t e di investimenti in pubblicità A t. (7 punti)

18 Es4. Determinare se c e un fattore geografico per quanto riguarda l insorgenza della malattia (8 punti) Appello del 27 Gennaio 2010 Es.1 La seguente tabella è dedotta da dati ISTAT per l'anno 2007 Numero di opere per classi di prezzo in euro e numero di pagine (in classi)_anno 2007 da 5 a 48 da 49 a 100 da 101 a 200 gratuite o fuori commercio fino a 5 euro da 5 a 10 euro da 10 a 20 euro da 20 a 30euro oltre 30 euro totale Determinare il comportamento degli Italiani nei riguardi della lettura: prediligono opere brevi a buon prezzo, oppure opere non brevi indipendentemente dal prezzo, oppure opere che costano poco indipendentemente dalla lunghezza? (10 punti).

19 Es.2. Nella figura è rappresentato un tipico andamento del fabbisogno giornaliero di energia. Definire una procedura per stimare come variano di ora in ora, nell'arco della giornata, media e trend del consumo (5 punti). Cosa ci si dovrebbe aspettare da tale analisi, in base al grafico di figura? (3 punti) Es. 3. Popolazione residente nei 246 comuni marchigiani al ISTAT 4155,70 La tabella indica come si compone la popolazione nelle Marche, in base alla dimensione dei comuni. Volendo valutare la media della diffusione di servizi di E-government (ad esempio n accessi mensili portali per il pagamento delle bollette del gas e dell'energia elettrica) come determinereste il campione (5 punti)? Se dovessimo considerare la composizione del campione solo in termini di province, indipendentemente dalla dimensione dei comuni, come strutturereste il campione (3 punti)?. Come utilizzereste le due informazioni contemporaneamente (2 punti)? Es. 4. Questo grafico illustra le variazioni dei moti terrestri e le risultanti variazioni nel flusso di radiazione solare alle alte latitudini, oltre che i cicli di glaciazione osservati. In accordo con la teoria di Milanković, la precessione degli equinozi, la variazione nell'inclinazione assiale e le variazioni dell'eccentricità orbitale sono responsabili dei periodi di anni dei cicli di glaciazione in un era glaciale, a causa delle variazioni della luce solare

20 irradiante la terra in luoghi e tempi differenti, in particolare durante le le estati alle alte latitudini. Queste variazioni nell'orbita terrestre sono prevedibili conseguenze delle interazioni tra la Terra, la Luna e gli altri corpi celesti del sistema solare. Definire una procedura per determinare l'influenza delle componenti del moto terrestre sulla radiazione solare (forcing solare); spiegare come determinare la componente che ha più influenza delle altre (5 punti)

21 Appello del 16 Febbraio 2010 Es.1. Tabella 1-1: rateo di emissione di ossidi di azoto (NOx), particolato fine (PM10) - componente primaria, benzene, monossido di carbonio (CO) in g/km/s dovuto al traffico veicolare nei giorni feriali sulle autostrade, strade provinciali e strade statali (elaborazioni in ARPAV). Calcolare se c è sostanziale differenza nel grado di inquinamento tra le tipologie di strade cui si riferisce la Tabella. (10 punti)

22 Es.2. Qualità acqua. Estratto dai rapporti di prova delle analisi interne di qualità dell'azienda Pubbliservizi Brunico con indicazione dei valori limite e dei valori indicativi relativi all'acqua potabile nel Comune di Brunico e dintorni (aggiornato a tutto il 21/10/2009) Il grado di acidità dell acqua potabile (valore PH) deve essere compreso tra 6.5 e 9.5. Dal campione di dati rilevati determinare con che confidenza si possa ritenere che l acqua sia potabile. (5 punti) Es.3. red - 1 month period, blue - 10 year running mean, green - average (solid), ± sigma (dashed) YEARS : AVERAGE SIGMA (RMS) COEFF OF VAR SKEWNESS MEDIAN MAXIMUM VALUE MINIMUM VALUE 0.830, NUMBER OBS 116.

23 Dall esame della figura e spiegare come, in base ai dati rappresentati dalla linea rossa, sono stati ottenuti: l andamento della linea blu, le linee verdi orizzontali, le statistiche elencate sotto la figura. (5 punti). Es.4. Una compagnia di televisione via cavo asserisce che il 60% degli abitanti della zona di esercizio possiede la televisione via cavo, mentre una compagnia di televisione satellitare crede che il precedente valore sia troppo grande, dopo aver effettuato un rilevamento per cui 81 abitazioni avevano la televisione via cavo e 69 ne erano sprovviste. La compagnia di televisione via cavo afferma che tale differenza è solo dovuta al caso. A quale delle due compagnie dareste ragione, con una confidenza del 95%? (8 punti). Appello del 30 Aprile 2010 Es1. In un esperimento un gruppo di bambini è stato assegnato a caso a 3 trattamenti, allo scopo di determinare se certi esercizi accelerano il tempo in cui i bambini imparano a camminare da soli. I risultati indicano l età in mesi in cui i bambini hanno cominciato a camminare: Esercizi attivi Esercizi passivi No esercizi a) Verificare se esiste differenza nell età in cui questi gruppi di bambini hanno cominciato a camminare (5 punti).b) Verificare se esiste un tipo di esercizi che rende i bambini più precoci nel camminare (3 punti). Es2. Come rispondereste a questa domanda (5 punti)

24 Es 3. Statistica applicata all'edilizia. Assegnati i dati presenti in tabella Calcolare se il prezzo di vendita (migliaia di euro) delle case dipenda maggiormente dal valore accertato dell'immobile (migliaia di euro) o dall'età dell'immobile (anni) (6 punti). Es4. In relazione al problema precedente, dagli stessi dati, si può ritenere che l'età della casa determini un fattore sistematico di variazione del prezzo di vendita? (7 punti) Es5. Global near surface air temperatures I punti blu del grafico rappresentano la misura media annuale delle variazioni di temperatura del pianeta. La linea continua è ottenuta facendo la media dei dati ogni 5 anni. Descrivere una procedura per ottenere un andamento del tipo di quello continuo ma che, meglio di questo, rappresenti l'andamento medio della temperatura. Giustificare il fatto che il metodo proposto dia luogo ad un andamento migliore di quello proposto in figura (5 punti)

25 Share Appello del 21 Giugno 2010 Es1. I dati in tabella rappresentano i rilevamenti dello share Auditel nell'arco del giorno per RAI, Mediaset e altre emittenti., in un dato giorno. 02:00 02:00 07:00 09:00 09:00 12:00 12:00 15:00 15:00 18:00 18:00 20:30 20:30 23:00 23:00 02:00 Totale emittenti RAI 1 RAI 2 RAI Tot. RAI CANALE 5 ITALIA 1 RETEQUATTRO Tot. MEDIASET La Altre Terrestri Emittenti Totale TV SAT {**) Totale TV DTT {***) Totale Altre {***) Determinare quale azienda possiede lo share migliore dalle alle (10 punti).

26 Es2. Efficacia di un farmaco. Il profilo statistico è costituito da un andamento supposto gaussiano dove in ascisse è riportata la dose, D, crescente di un farmaco; in ordinate è riportato il numero di persone N(D) che manifestano un effetto in funzione della dose somministrata. Dal grafico, si vede che un numero basso di persone presenta effetti anche dopo l'assunzione di piccole dose (area in grigio); la maggior parte delle persone richiede una quantità di farmaco compresa in una mezza deviazione standard (area in blu); una piccola quantità di persone mostra scarsa sensibilità al farmaco anche con elevate dosi. Le due curve gaussiane a destra, si riferiscono a due farmaci diversi, A e B, somministrati a due popolazioni di uguale consistenza numerica. La curva gaussiana del farmaco B, è spostata verso destra rispetto al farmaco A. Posto che le gaussiane sottendano le stesse aree, è evidente che il farmaco A, con dosaggi minori di quelli richiesti dal farmaco B, produce la stessa risposta terapeutica. Questo significa che il farmaco A è più potente del farmaco B. Commentare le affermazioni in grassetto. Sono proprio corrette? Fareste delle affermazioni differenti? (3 punti) Es3. Si sperimenta l'effetto sul suino dell'aggiunta alla razione di una miscela «probiotica» costituita da batteri normalmente presenti nella flora intestinale del suino. L'ipotesi da Determinare se il trattamento ha avuto effetto. (8 punti)

STATISTICA (I MODULO INFERENZA STATISTICA) Esercitazione I 27/4/2007

STATISTICA (I MODULO INFERENZA STATISTICA) Esercitazione I 27/4/2007 Esercitazione I 7/4/007 In una scatola contenente 0 pezzi di un articolo elettronico risultano essere difettosi. Si estraggono a caso due pezzi, uno alla volta senza reimmissione. Quale è la probabilità

Dettagli

Statistica per l azienda 19.06.2014 (1)

Statistica per l azienda 19.06.2014 (1) Statistica per l azienda 19.06.2014 (1) COGNOME NOME Matr. Firma Modulo: singolo con Informatica con StatII & PDRM con Mat. & PDRM altro (specificare) Attenzione: Il presente foglio deve essere compilato

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA

ELEMENTI DI STATISTICA Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali PROGETTAZIONE E GESTIONE DEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione 6 ORE ELEMENTI DI STATISTICA Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico

Dettagli

Inferenza statistica. Statistica medica 1

Inferenza statistica. Statistica medica 1 Inferenza statistica L inferenza statistica è un insieme di metodi con cui si cerca di trarre una conclusione sulla popolazione sulla base di alcune informazioni ricavate da un campione estratto da quella

Dettagli

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica negli esperimenti reali si effettuano sempre un numero finito di misure, ( spesso molto limitato ) l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica descrittiva

Dettagli

Temi di Esame a.a. 2012-2013. Statistica - CLEF

Temi di Esame a.a. 2012-2013. Statistica - CLEF Temi di Esame a.a. 2012-2013 Statistica - CLEF I Prova Parziale di Statistica (CLEF) 11 aprile 2013 Esercizio 1 Un computer è collegato a due stampanti, A e B. La stampante A è difettosa ed il 25% dei

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA Capitolo zero: STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA La STATISTICA è la scienza che si occupa di fenomeni collettivi che richiedono lo studio di un grande numero di dati. Il termine STATISTICA deriva dalla

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI 1. L azienda Wood produce legno compensato per costruzioni

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 6

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 6 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 6 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Stima puntuale per la proporzione Da un lotto di arance se ne estraggono 400, e di queste 180

Dettagli

DEFINIZIONE La statistica è una scienza che si propone di definire con dei numeri cose che non si possono numerare ne misurare.

DEFINIZIONE La statistica è una scienza che si propone di definire con dei numeri cose che non si possono numerare ne misurare. Appunti di Statistica DEFINIZIONE La statistica è una scienza che si propone di definire con dei numeri cose che non si possono numerare ne misurare. PROCESSO STATISTICO L indagine statistica comprende

Dettagli

Tabella per l'analisi dei risultati

Tabella per l'analisi dei risultati Vai a... UniCh Test V_Statistica_Eliminatorie Quiz V_Statistica_Eliminatorie Aggiorna Quiz Gruppi visibili Tutti i partecipanti Info Anteprima Modifica Risultati Riepilogo Rivalutazione Valutazione manuale

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

Statistica Statistica 1+2 (COSTANZO MISURACA) C. di L. in Economia Aziendale - Appello del 11/01/2013. Cognome Nome Matr Firma

Statistica Statistica 1+2 (COSTANZO MISURACA) C. di L. in Economia Aziendale - Appello del 11/01/2013. Cognome Nome Matr Firma Statistica Statistica 1+2 (COSTANZO MISURACA) C. di L. in Economia Aziendale - Appello del 11/01/2013 I seguenti dati rappresentano i valori di mercato di 30 azioni scambiate sulla borsa di New York (in

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Brugnaro Luca Boscaro Gianni (2009) 1

Brugnaro Luca Boscaro Gianni (2009) 1 STATISTICA PER LE PROFESSIONI SANITARIE - LIVELLO BASE Brugnaro Luca Boscaro Gianni (2009) 1 Perché la statistica Prendere decisioni Bibliografia non soddisfacente Richieste nuove conoscenze Raccolta delle

Dettagli

Statistiche campionarie

Statistiche campionarie Statistiche campionarie Sul campione si possono calcolare le statistiche campionarie (come media campionaria, mediana campionaria, varianza campionaria,.) Le statistiche campionarie sono stimatori delle

Dettagli

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 LEZIONE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA PROF. CRISTIAN SIMONI Indice 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 1.1. Popolazione --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Statistica. L. Freddi. L. Freddi Statistica

Statistica. L. Freddi. L. Freddi Statistica Statistica L. Freddi Statistica La statistica è un insieme di metodi e tecniche per: raccogliere informazioni su un fenomeno sintetizzare l informazione (elaborare i dati) generalizzare i risultati ottenuti

Dettagli

Continua sul retro 42.1 39.7 38.0 38.7 41.4 37.5 38.6 40.5 39.8 38.0 36.9 40.3 42.0 41.3 40.4 39.1 38.4 42.0

Continua sul retro 42.1 39.7 38.0 38.7 41.4 37.5 38.6 40.5 39.8 38.0 36.9 40.3 42.0 41.3 40.4 39.1 38.4 42.0 Statistica per l azienda Esame del 19.06.12 COGNOME NOME Matr. Firma Modulo: singolo con Informatica con StatII & PDRM con Mat. & PDRM altro (specificare) Attenzione: Il presente foglio deve essere compilato

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Esercitazione dott. Davide Massidda D1. Qual è lo scopo delle tecniche di analisi fattoriale applicate ai test psicologici? Qual è la differenza tra

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Statistica corso base Canale N Z prof. Francesco Maria Sanna. Prove scritte di esame a.a. 2012-13

Statistica corso base Canale N Z prof. Francesco Maria Sanna. Prove scritte di esame a.a. 2012-13 Statistica corso base Canale N Z prof. Francesco Maria Sanna Prova scritta del 8/1/2013 Prove scritte di esame a.a. 2012-13 Esercizio 1 (5 punti). Nella seguente tabella è riportata la distribuzione delle

Dettagli

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici Test non parametrici Test non parametrici Il test T di Student per uno o per due campioni, il test F di Fisher per l'analisi della varianza, la correlazione, la regressione, insieme ad altri test di statistica

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Grafici Grafico a barre Servono principalmente per rappresentare variabili (caratteri) qualitative, quantitative e discrete. Grafico a settori circolari (torta)

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI

CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI VERO FALSO CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI 1. V F Un ipotesi statistica è un assunzione sulle caratteristiche di una o più variabili in una o più popolazioni 2. V F L ipotesi nulla unita

Dettagli

Tema A. 1.2. Se due eventi A e B sono indipendenti e tali che P (A) = 1/2 e P (B) = 2/3, si può certamente concludere che

Tema A. 1.2. Se due eventi A e B sono indipendenti e tali che P (A) = 1/2 e P (B) = 2/3, si può certamente concludere che Statistica Cognome: Laurea Triennale in Biologia Nome: 26 luglio 2012 Matricola: Tema A 1. Parte A 1.1. Sia x 1, x 2,..., x n un campione di n dati con media campionaria x e varianza campionaria s 2 x

Dettagli

Test di Ipotesi Intervallo di confidenza Rossella Baldini

Test di Ipotesi Intervallo di confidenza Rossella Baldini Inferenza Statistica Test di Ipotesi Intervallo di confidenza Rossella Baldini 1 Statistiche o Statistica? Le statistiche mediche sono affermazioni numeriche di contenuto medico: Quante persone ogni anno

Dettagli

Teoria della Stima. Stima della Media e di una Porzione di Popolazione. Introduzione. Corso di Laurea in Scienze Motorie AA2002/03 - Analisi dei Dati

Teoria della Stima. Stima della Media e di una Porzione di Popolazione. Introduzione. Corso di Laurea in Scienze Motorie AA2002/03 - Analisi dei Dati Teoria della Stima. Stima della Media e di una Porzione di Popolazione Introduzione La proceduta in base alla quale ad uno o più parametri di popolazione si assegna il valore numerico calcolato dalle informazioni

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Appunti: Teoria Dei Test

Appunti: Teoria Dei Test Appunti: Teoria Dei Test Fulvio De Santis, Luca Tardella e Isabella Verdinelli Corsi di Laurea A + E + D + G + R 1. Introduzione. Il test d ipotesi è un area dell inferenza statistica in cui si valuta

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Introduzione Livelli di significatività Verifica di ipotesi sulla media di una popolazione normale Verifica di ipotesi sulla varianza di una popolazione normale Verifica di ipotesi

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola:

ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola: ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola: ISTRUZIONI: Per la prova è consentito esclusivamente l uso di una calcolatrice tascabile, delle tavole della normale e della t di Student. I risultati degli

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CdL in SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE SIMULAZIONE della PROVA SCRITTA di STATISTICA 23/03/2011

FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CdL in SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE SIMULAZIONE della PROVA SCRITTA di STATISTICA 23/03/2011 FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CdL in SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE SIMULAZIONE della PROVA SCRITTA di STATISTICA 23/3/2 ESERCIZIO (2+2+2+2) La seguente tabella riporta la distribuzione della variabile "Stato Civile"

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

! Si suppone che il peso della popolazione maschile di tesserati di una certa Federazione

! Si suppone che il peso della popolazione maschile di tesserati di una certa Federazione ! Un paziente non-fumatore (e che non ha mai fumato) si presenta dal medico in quanto lamenta una forma di tosse cronica. Il paziente viene sottoposto a una biopsia al polmone. La biopsia fornisce tre

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Il controllo statistico di processo

Il controllo statistico di processo Il controllo statistico di processo Torino, 02 ottobre 2012 Relatrice: Monica Lanzoni QUALITÀ DI DI UN UN PRODOTTO: l'adeguatezza del del medesimo all'uso per per il il quale quale è stato stato realizzato

Dettagli

Il Sole Variazioni dell energia solare entrante: Obliquità orbitale Attualmente l asse di rotazione terrestre è inclinato di 23.4 rispetto alla perpendicolare sul piano orbitale terrestre. Ogni 41 000

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST I diritti d autore sono riservati. Ogni sfruttamento commerciale non autorizzato sarà perseguito. Statistica 1 Parte A 1.1 La formula µ = x ± s n

Dettagli

1 Associazione tra variabili quantitative COVARIANZA E CORRELAZIONE

1 Associazione tra variabili quantitative COVARIANZA E CORRELAZIONE 1 Associazione tra variabili quantitative ASSOCIAZIONE FRA CARATTERI QUANTITATIVI: COVARIANZA E CORRELAZIONE 2 Associazione tra variabili quantitative Un esempio Prezzo medio per Nr. Albergo cliente (Euro)

Dettagli

Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione

Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione Emanuele Taufer Vendite Simbologia Reddito Statistical learning A cosa ci serve f? 1 Previsione 2 Inferenza Previsione Errore riducibile e errore

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie Università del Piemonte Orientale Corso di dottorato in medicina molecolare aa 2002 2003 Corso di Statistica Medica Inferenza sulle medie Statistica U Test z Test t campioni indipendenti con uguale varianza

Dettagli

Esercitazioni del corso di Statistica - III canale Prof. Mortera e Vicard a.a. 2010/2011

Esercitazioni del corso di Statistica - III canale Prof. Mortera e Vicard a.a. 2010/2011 Esercitazioni del corso di Statistica - III canale Prof. Mortera e Vicard a.a. 2010/2011 Esercizi di statistica descrittiva 1. Secondo i dati ISTAT 1997 sull occupazione, la Lombardia e il Veneto presentano

Dettagli

Esplorazione dei dati

Esplorazione dei dati Esplorazione dei dati Introduzione L analisi esplorativa dei dati evidenzia, tramite grafici ed indicatori sintetici, le caratteristiche di ciascun attributo presente in un dataset. Il processo di esplorazione

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Servizio statistica luglio 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono:

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

Probabilità. Esperimento, risultati e spazio campionario

Probabilità. Esperimento, risultati e spazio campionario Probabilità La probabilità è usata nel linguaggio comune per dare indicazioni quantitative sul verificarsi di certi eventi: i) probabilità di incorre in un data patologia causa l abuso di alcol, fumo,

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

Esercizi di riepilogo Statistica III canale, anno 2008

Esercizi di riepilogo Statistica III canale, anno 2008 Esercizio 1 - Esercizio 5 esame 22 giugno 2004 Esercizi di riepilogo Statistica III canale, anno 2008 Data la seguente distribuzione di 100 dipendenti di un azienda in base al tempo impiegato (in minuti)

Dettagli

STIMARE valori ed eseguire ANALISI DI REGRESSIONE

STIMARE valori ed eseguire ANALISI DI REGRESSIONE STIMARE valori ed eseguire ANALISI DI REGRESSIONE È possibile impostare una serie di valori che seguono una tendenza lineare semplice oppure una tendenza con crescita esponenziale. I valori stimati vengono

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Risolvi le seguenti equazioni e disequazioni fra [ 0 ; 2 π ]

Risolvi le seguenti equazioni e disequazioni fra [ 0 ; 2 π ] IV A GAT PRIMA VERIFICA DI MATEMATICA 3 ottobre 0 Risolvi le seguenti equazioni e disequazioni fra [ 0 ; π ].. 3... 6. 7. 8. Risultati:. = π/6 e = 7π/6. =π/ ; =π/6 ; =π/6 3. =π/3 ; =π/3. =π/3 ; =π/3. π/

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Nella verifica delle ipotesi è necessario fissare alcune fasi prima di iniziare ad analizzare i dati. a) Si deve stabilire quale deve essere l'ipotesi nulla (H0) e quale l'ipotesi

Dettagli

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza.

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza. VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD Si definisce varianza campionaria l indice s 2 = 1 (x i x) 2 = 1 ( xi 2 n x 2) Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della

Dettagli

Statistica. Esercitazione 15. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it. Università degli studi di Cassino. Statistica. A. Iodice

Statistica. Esercitazione 15. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it. Università degli studi di Cassino. Statistica. A. Iodice Esercitazione 15 Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Università degli studi di Cassino () 1 / 18 L importanza del gruppo di controllo In tutti i casi in cui si voglia studiare l effetto di un certo

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Specialità. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Analisi della varianza

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Specialità. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Analisi della varianza Università del Piemonte Orientale Corsi di Specialità Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Analisi della varianza Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologie

Dettagli

Esercitazione #5 di Statistica. Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione)

Esercitazione #5 di Statistica. Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione) Esercitazione #5 di Statistica Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione) Dicembre 00 1 Esercizi 1.1 Test su media (con varianza nota) Esercizio n. 1 Il calore (in calorie per grammo) emesso

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

La statistica nella ricerca scientifica

La statistica nella ricerca scientifica La statistica nella ricerca scientifica Pubblicazione dei risultati Presentazione dei dati e la loro elaborazione devono seguire criteri universalmente validi Impossibile verifica dei risultati da parte

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito: RICERCA OPERATIVA Prerequisiti Rappresentazione retta Rappresentazione parabola Equazioni e disequazioni Ricerca Operativa Studio dei metodi e delle strategie al fine di operare scelte e prendere decisioni

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

CONTROLLI STATISTICI

CONTROLLI STATISTICI CONTROLLI STATISTICI Si definisce Statistica la disciplina che si occupa della raccolta, effettuata in modo scientifico, dei dati e delle informazioni, della loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

EMBA PART TIME 2012 ROMA I ANNO

EMBA PART TIME 2012 ROMA I ANNO BUSINESS STATISTICS: ASSIGNMENT II: EMBA PART TIME 2012 ROMA I ANNO PROF. MOSCONI ESERCIZIO 1: USO DEL MODELLO DI REGRESSIONE PER DETERMINARE IL VALORE DEGLI IMMOBILI. ESERCIZIO 2: PREVISIONE DI VARIABILI

Dettagli

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali:

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: la sensibilità diagnostica o clinica, la specificità diagnostica o clinica, l incidenza

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA 3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA La caratterizzazione meccanica delle fibre di juta è stata effettuata in collaborazione con il Dott. S. S. Tripathy [21], sia per la conduzione sperimentale

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Metodi di previsione

Metodi di previsione Metodi di previsione Giovanni Righini Università degli Studi di Milano Corso di Logistica I metodi di previsione I metodi di previsione sono usati per ricavare informazioni a sostegno dei processi decisionali

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Controllo Statistico della Qualità. Qualità come primo obiettivo dell azienda produttrice di beni

Controllo Statistico della Qualità. Qualità come primo obiettivo dell azienda produttrice di beni Controllo Statistico della Qualità Qualità come primo obiettivo dell azienda produttrice di beni Qualità come costante aderenza del prodotto alle specifiche tecniche Qualità come controllo e riduzione

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7.1. FONTI DEI DATI Per la realizzazione dell atlante sanitario della Regione Piemonte sono state utilizzate le basi dati dei seguenti sistemi

Dettagli