Relazione annuale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione annuale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese"

Transcript

1 Relazione annuale per il periodo 20 Novembre 2006 (data di costituzione del Fondo) 31 Dicembre 2007 (Audited) Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement)

2 Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base delle informazioni contenute nella presente relazione. Le sottoscrizioni sono valide solo se effettuate sulla base del prospetto in vigore accompagnato dall ultima relazione annuale e dalla più recente relazione semestrale, qualora pubblicata successivamente. La presente relazione annuale è traduzione fedele in lingua italiana della relazione annuale al 31 Dicembre 2007 predisposta dalla Società di Gestione. Pioneer Asset Management S.A.

3 Indice Relazione annuale Pioneer P.F Commento annuale sugli investimenti nel mercato globale Prospetto del patrimonio netto Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto Prospetto statistico delle quote Prospetto degli Investimenti Pioneer P.F. - Euro Protect Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Pioneer P.F. - Global Defensive Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti swaps in essere Pioneer P.F. - Global Defensive Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti swaps in essere Pioneer P.F. - Global Dynamic Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Pioneer P.F. - Global Dynamic Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Pioneer P.F. - Global Progressive Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Pioneer P.F. - Opti Cash Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti su paniere azionario a termine in essere Nota Integrativa al bilancio Relazione della Società di revisione contabile Gestione e Amministrazione Informazioni per i Detentori di quote Pioneer P.F. - Relazione Annuale

4 Pioneer P.F. - Relazione annuale 2007 Commento sugli investimenti globali nell anno Il 2007 è stato un anno tumultuoso per i mercati finanziari globali, con preoccupazioni in merito alle prospettive di crescita negli Stati Uniti che si sono tradotte in una volatilità significativa sui mercati finanziari globali. I rischi negativi per la crescita statunitense generati dalla crisi del credito hanno causato preoccupazioni sui mercati finanziari e hanno portato a un incremento importante dell avversione al rischio. Il settore finanziario ha subito gli effetti maggiori, poiché gli investitori temevano che le perdite sui prestiti ad alto rischio principalmente collegati all edilizia abitativa (chiamati anche mutui sub-prime) avrebbero portato a una stretta del credito fino a colpire le prospettive di crescita generali. Il mercato statunitense dell edilizia abitativa residenziale ha iniziato a indebolirsi nel 2006, mentre l inasprimento della politica monetaria ha incrementato i costi della capacità di indebitamento. L aumento dei tassi di interesse ha causato un incremento delle mancate restituzioni dei prestiti, in particolare per quanto riguarda i mutui sub-prime. Di pari passo, con l aumento delle mancate restituzioni, a partire dalla metà del 2007 sono nate preoccupazioni in merito a un eventuale diffusione del problema al mercato del debito più generale. L avversione al rischio è salita e il finanziamento interbancario da parte delle banche si è prosciugato. Di conseguenza, i premi di rischio versati dagli emittenti di obbligazioni corporate sono saliti drasticamente, mentre gli investitori hanno fatto affidamento sulla sicurezza offerta dai titoli di Stato (USA, area dell euro) i cui rendimenti sono calati in modo netto in previsione di un brusco rallentamento della crescita del PIL statunitense. I timori di una recessione hanno colpito l economia USA, spingendo la Federal Reserve (Fed) a tagliare i tassi dal 5,25% al 4,25% nel La crescita del PIL statunitense ha rallentato dal 3% al 2% circa nel 2007 quando si sono fatti sentire gli effetti di un netto calo degli investimenti nell edilizia abitativa residenziale, anche se la spesa delle famiglie si è dimostrata resistente grazie a un modesto incremento dei salari. Letture inferiori dell inflazione inerziale negli Stati Uniti hanno consentito alla Fed la flessibilità necessaria per tagliare i tassi di interesse nella seconda metà del 2007, mentre la crisi del credito andava peggiorando. Nel corso di tale periodo, la Banca Centrale Europea (BCE) si è astenuta dal praticare ulteriori aumenti dei tassi per contrastare l inflazione e anche le principali banche europee hanno registrato perdite notevoli a causa dell esposizione ai prestiti ad alto rischio. Quando a luglio è scoppiata la crisi dei mutui sub-prime, gli indici azionari generali erano ai massimi storici. Le azioni hanno sofferto nella seconda metà del 2007, perdendo a una parte significativa dei guadagni dei sei mesi precedenti. L iniziativa della Fed mirata a tagliare i tassi ha dato vita a una breve ripresa a settembre che ha riportato la maggior parte degli indici ai massimi di luglio. Tuttavia, alla fine dell esercizio una valutazione più accurata delle perdite correlate ai mutui sub-prime da parte delle banche principali ha scatenato ulteriori preoccupazioni e un altra netta correzione dei prezzi delle azioni con un periodo di rinnovata avversione al rischio globale. Nel 2007, i titoli appartenenti al settore primario maggiormente penalizzati sono stati quelli finanziari. Le banche di investimento statunitensi sono calate del 18% a causa di una politica aggressiva di prestiti che ha esposto le banche non solo ai mutui ipotecari sub-prime, ma anche a clienti estremamente indebitati come i gruppi di investimento privati impegnati in acquisizioni effettuate tramite il ricorso all indebitamento. Nonostante le politiche di credito più prudenti, le banche europee hanno assistito a una riduzione simile dei prezzi delle proprie azioni con crescenti preoccupazioni in merito all esposizione ad alto rischio tramite derivati di credito. La ragguardevole capitalizzazione dei titoli bancari ha pesato enormemente sui principali indici dei titoli europei, in particolare in Gran Bretagna dove si è avuta anche una stasi dell edilizia abitativa. Nonostante i rendimenti quasi invariati degli indici dei titoli europei rispetto alla fine del 2006, la divergenza del settore era netta. Anche i settori ciclici, i cui profitti sono più sensibili al ciclo commerciale, hanno subito pressioni in ragione delle preoccupazioni relative alla crescita economica, mentre gli investitori si sono rivolti a titoli difensivi con un flusso costante di guadagni. Di conseguenza, i settori dei servizi di pubblica utilità e dei prodotti principali di consumo hanno superato le medie del mercato sia negli Stati Uniti che in Europa, mentre i titoli dei venditori al dettaglio e altri titoli dei prodotti discrezionali di consumo sono rimasti indietro rispetto alle medie generali del mercato. I titoli tecnologici sono stati incoraggiati da profitti superiori alle previsioni nel 2007 e sono stati inoltre in grado di battere le medie del mercato nella maggior parte delle località. Altri settori obbligati ad affrontare la tempesta dei mutui subprime, ad esempio energia ed estrazione mineraria, hanno beneficiato dell aumento dei prezzi delle materie prime, mentre la domanda da parte delle aree con una forte crescita economica, ad esempio Cina e India, non è mai cessata. Per la stessa ragione, i mercati asiatici ed emergenti si sono dimostrati più resistenti alle preoccupazioni globali e sono stati in grado di sostenere un rialzo quasi fino al termine dell esercizio. Il mercato giapponese non ha beneficiato di ottimismo in termini di crescita economica ed è piombato in ribasso dopo avere perso oltre il 20% rispetto ai massimi di metà 2007 a causa di crescenti preoccupazioni in merito a un rafforzamento della valuta, più precisamente rispetto al dollaro USA. Dopo avere spinto al rialzo il mercato, gli esportatori principali, perlopiù nei settori della produzione automobilistica e dell elettronica di consumo, hanno dovuto ridurre le stime dei rendimenti futuri a causa delle prospettive di indebolimento della domanda statunitense. Inoltre, si prevedeva che la competitività delle aziende giapponesi subisse effetti negativi a causa dell apprezzamento dello yen. Spaventata da un clima sia economico che politico in deterioramento, la banca centrale del Giappone si è astenuta dall incoraggiare ulteriormente l aumento dei tassi di interesse. La spesa nazionale è rimasta debole perché le aziende erano ancora impegnate a ristrutturare i bilanci e tenere sotto controllo la crescita dei salari. 2 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

5 Il dollaro USA si è mantenuto debole per tutto il 2007, poiché la Federal Reserve ha tagliato più volte i tassi al fine di evitare una recessione, rendendo quindi le attività in dollari USA meno attraenti per gli investitori alla ricerca di rendimento, mentre altre banche centrali hanno mantenuto i tassi a livelli elevati. L euro è aumentato sostanzialmente di valore rispetto al dollaro USA con un apprezzamento del 10% circa nel corso dell anno. Contro il dollaro USA hanno pesato anche le aspettative secondo le quali detentori importanti di riserve straniere, ad esempio la Cina e i paesi arabi esportatori di petrolio, avrebbero presto abbandonato il lungo testa a testa con la valuta statunitense. Anche la ragione per tale decisione ha rappresentato un fattore fondamentale, perché una forte crescita nella maggior parte delle economie emergenti ha portato a un aumento dell inflazione, a malapena contenuta dall incremento dei tassi di interesse nazionali. L apprezzamento dello yen giapponese è stato causato in parte dalla chiusura dei carry trade, una strategia secondo la quale un investitore vende una determinata valuta con un tasso di interesse relativamente basso (ad esempio lo yen) e utilizza i fondi per acquistare una valuta diversa con un tasso di interesse superiore. Di pari passo con la diffusione delle preoccupazioni per i mutui sub-prime, gli investitori sono diventati più avversi al rischio e hanno evitato numerosi tipi di transazioni con indebitamento, inclusi i carry trade. lo sviluppo della crisi dei mutui sub-prime. I rendimenti dei titoli di Stato decennali hanno raggiunto il livello più alto in 5 anni a giugno, grazie a preoccupazioni in merito all inflazione, ma sono scesi nella seconda metà del 2007 quando sono aumentate le preoccupazioni in merito alle prospettive di crescita globale. I mercati europei non sono stati in grado di contrastare la tendenza globale delle obbligazioni corporate, mentre la minore propensione al rischio degli investitori ha favorito l acquisto sicuro di titoli di Stato a spese dei prodotti a spread. Il differenziale tra i rendimenti dei titoli di Stato e i rendimenti delle obbligazioni corporate, una misura del rischio di credito, si è allargato per gli emittenti sia di tipo investment-grade (rating elevato) che di tipo ad alto rendimento (rating ridotto). Alcuni paesi europei si sono rivelati più sensibili alla crisi del credito e hanno condiviso alcune preoccupazioni per l economia statunitense. Nel Regno Unito, il governo ha dovuto salvare una banca specializzata nel credito fondiario in grave difficoltà assumendone il controllo, mentre la Banca d Inghilterra ha fatto ricorso a tagli dei tassi per prevenire un drastico rallentamento economico. Sul mercato valutario, la sterlina a perso terreno rispetto all euro per tale motivo. Una sostenuta crescita continua nelle economie emergenti ha posizionato queste ultime quasi in parità rispetto a quelle più sviluppate come fonti di crescita del PIL globale, con contributi importanti provenienti sia dalle transazioni che dalla domanda nazionale (sia consumi che investimenti). A differenza dei cicli precedenti, è sembrato che le prospettive per l economia dell eurozona fossero appena toccate da un euro forte e dal potenziale impatto negativo sulle esportazioni. Nonostante la crescita mediocre della spesa nazionale, l aumento della domanda sia di merci di consumo che di beni strumentali da parte dei paesi asiatici in via di sviluppo ha compensato l indebolimento della domanda statunitense. Un ruolo determinante è stato svolto dalla Germania, l economia più grande dell Europa, in parte a causa di un insieme di riforme economiche. Un indicatore affidabile della fiducia degli ambienti commerciali, l indice IFO tedesco, è aumentato raggiungendo vette da record all inizio del 2007 ma è sceso in modo modesto durante il resto dell anno. La crescita complessiva del PIL è stata confermata al 2,7% su base annua nel 2007, comunque superiore alla tendenza a lungo termine. Con una crescita economica resistente, la BCE ha mantenuto una forte vigilanza contro l inflazione. Spinti dal rialzo dei prezzi delle materie prime, più precisamente del greggio, il quale è arrivato poco sotto il limite dei 100 dollari USA al barile, i prezzi al consumo si sono mantenuti ben al di sopra del tasso annuale di aumento pari al 2% e hanno oltrepassato il 3% alla fine dell anno (la rilevazione più alta dopo la nascita dell Unione Monetaria Europea). Una crescita più forte e un inflazione superiore rispetto agli Stati Uniti hanno limitato il ribasso dei rendimenti obbligazionari in Europa, i quali sono scesi di pari passo con Pioneer P.F. - Relazione Annuale

6 Prospetto del patrimonio netto al 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Euro Global Global Protect (2) Defensive (1) Defensive Plus (1) EUR EUR EUR Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti a termine in valuta Utile netto non realizzato su contratti su paniere azionario a termine in essere Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Attività liquide Margini su futures Dividendi maturati Interessi maturati Crediti risultanti da sottoscrizioni Crediti risultanti da vendita di titoli Reddito maturato su prestito titoli Totale attività Passività Scoperto bancario Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti di swap Risconti passivi risultanti da riscatti Risconti passivi risultanti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri risconti passivi Totale passività Valore Patrimoniale Netto (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. 4 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

7 Prospetto del patrimonio netto al 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Global Global Global Dynamic (2) Dynamic Plus (1) Progressive (2) EUR EUR EUR Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti a termine in valuta Utile netto non realizzato su contratti su paniere azionario a termine in essere Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Attività liquide Margini su futures Dividendi maturati Interessi maturati Crediti risultanti da sottoscrizioni Crediti risultanti da vendita di titoli Reddito maturato su prestito titoli Totale attività Passività Scoperto bancario Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti di swap Risconti passivi risultanti da riscatti Risconti passivi risultanti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri risconti passivi Totale passività Valore Patrimoniale Netto (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

8 Prospetto del patrimonio netto al 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Opti Cash Plus (3) Combined EUR EUR Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti a termine in valuta Utile netto non realizzato su contratti su paniere azionario a termine in essere Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Attività liquide Margini su futures Dividendi maturati Interessi maturati Crediti risultanti da sottoscrizioni Crediti risultanti da vendita di titoli Reddito maturato su prestito titoli Totale attività Passività Scoperto bancario Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti di swap Risconti passivi risultanti da riscatti Risconti passivi risultanti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri risconti passivi Totale passività Valore Patrimoniale Netto (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. 6 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

9 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo 20 novembre 2006 (data di costituzione del Fondo) 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Euro Global Global Protect (2) Defensive (1) Defensive Plus (1) EUR EUR EUR Proventi Dividendi, netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di negoziazione - ( ) (24.281) Commissioni di deposito e amministrazione (17.266) ( ) ( ) Taxe d abonnement (16.452) ( ) - Commissioni professionali (1.003) (15.789) (10.302) Commissioni per stampe e pubblicazioni (702) (27.668) (16.804) Interessi su swap - ( ) ( ) Altri oneri (3.823) (35.150) (66.370) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi / (perdite) nette di gestione ( ) Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Valore patrimoniale netto all inizio del periodo Proventi (perdita) netti di gestione ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) ( ) Utile / (perdita) netti su valuta 290 ( ) ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su contratti a termine in valuta (2.852) Utile / (perdita) netti realizzati su contratti future ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su opzioni Utile / (perdita) netti realizzati su swap - ( ) ( ) Utile / (perdita) netti del periodo ( ) (25.428) ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti a termine in valuta (825) ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti su paniere azionario a termine in essere Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti future ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su swap - (1.335) (1.335) Variazione netta dell utile / (perdita) non realizzati del periodo ( ) ( ) Incremento / (Decremento) del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) ( ) Sottoscrizioni / (rimborsi) netti Valore patrimoniale netto al termine del periodo (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

10 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo 20 novembre 2006 (data di costituzione del Fondo) 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Global Global Global Dynamic (2) Dynamic Plus (1) Progressive (2) EUR EUR EUR Proventi Dividendi, netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di negoziazione (92.560) (4.190) ( ) Commissioni di deposito e amministrazione (45.134) ( ) (83.878) Taxe d abonnement (15.625) (82.825) (13.052) Commissioni professionali (2.722) (8.460) (5.141) Commissioni per stampe e pubblicazioni (7.745) (14.316) (12.160) Interessi su swap Altri oneri (7.972) (88.926) (70.951) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi / (perdite) nette di gestione ( ) ( ) Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Valore patrimoniale netto all inizio del periodo Proventi (perdita) netti di gestione ( ) ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) Utile / (perdita) netti su valuta ( ) ( ) ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su contratti a termine in valuta (6.855) ( ) ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su contratti future ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su opzioni ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su swap Utile / (perdita) netti del periodo ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti a termine in valuta (63.854) ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti su paniere azionario a termine in essere Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti future ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su swap Variazione netta dell utile / (perdita) non realizzati del periodo ( ) ( ) Incremento / (Decremento) del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) ( ) Sottoscrizioni / (rimborsi) netti Valore patrimoniale netto al termine del periodo (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. 8 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

11 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo 20 novembre 2006 (data di costituzione del Fondo) 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Opti Cash Plus (3) Combined EUR EUR Proventi Dividendi, netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) Commissioni di negoziazione - ( ) Commissioni di deposito e amministrazione (18.849) ( ) Taxe d abonnement (12.639) ( ) Commissioni professionali (1.816) (45.233) Commissioni per stampe e pubblicazioni (1.271) (80.666) Interessi su swap - ( ) Altri oneri (66.495) ( ) Totale costi ( ) ( ) Proventi / (perdite) nette di gestione Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Valore patrimoniale netto all inizio del periodo - - Proventi (perdita) netti di gestione Utile / (perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) Utile / (perdita) netti su valuta - ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su contratti a termine in valuta - ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su contratti future (59.860) Utile / (perdita) netti realizzati su opzioni - ( ) Utile / (perdita) netti realizzati su swap - ( ) Utile / (perdita) netti del periodo ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti a termine in valuta Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti su paniere azionario a termine in essere Variazione netta dell utile / (perdita) su contratti future Variazione netta dell utile / (perdita) su swap - (2.670) Variazione netta dell utile / (perdita) non realizzati del periodo ( ) Incremento / (Decremento) del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) Sottoscrizioni / (rimborsi) netti Valore patrimoniale netto al termine del periodo (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

12 Prospetto statistico delle quote al 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Euro Global Global Protect (2) Defensive (1) Defensive Plus (1) EUR EUR EUR Valore patrimoniale netto per quota classe A (a distribuzione annuale) 31 Dicembre ,61 - Quote in circolazione al 31 Dicembre ,460 - Valore patrimoniale netto per quota classe A (coperta ad accumulazione) 31 Dicembre ,82-31 Dicembre 2007 in CZK (5) - 979,01 - Quote in circolazione al 31 Dicembre , Dicembre ,62 29,31-31 Dicembre 2007 in SKK (4) 995,46 985,05 - Quote in circolazione al 31 Dicembre , ,010 - Valore patrimoniale netto per quota classe A (ad accumulazione) 31 Dicembre ,14 5,95 5,05 31 Dicembre 2007 in USD (3) - $8,70 $7,38 Quote in circolazione al 31 Dicembre , , ,830 Valore patrimoniale netto per quota classe B (a distribuzione) 31 Dicembre ,56-31 Dicembre 2007 in USD (3) - 8,13 - Quote in circolazione al 31 Dicembre ,810 - Valore patrimoniale netto per quota classe B (ad accumulazione) 31 Dicembre ,63-31 Dicembre 2007 in USD (3) - 8,24 - Quote in circolazione al 31 Dicembre ,850 - Valore patrimoniale netto per quota classe C (ad accumulazione) 31 Dicembre ,73 4,86 Quote in circolazione al 31 Dicembre , ,930 Valore patrimoniale netto per quota classe E (ad accumulazione) 31 Dicembre ,15 5,21 Quote in circolazione al 31 Dicembre , ,640 Valore patrimoniale netto per quota classe F (ad accumulazione) 31 Dicembre ,85 4,98 Quote in circolazione al 31 Dicembre , ,060 Valore patrimoniale netto per quota classe I (ad accumulazione) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio (3) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 USD = EUR. (4) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 EUR = SKK. (5) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 EUR = CZK. Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. 10 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

13 Prospetto statistico delle quote al 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Pioneer P.F. - Global Global Global Dynamic (2) Dynamic Plus (1) Progressive (2) EUR EUR EUR Valore patrimoniale netto per quota classe A (a distribuzione annuale) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe A (coperta ad accumulazione) 31 Dicembre ,95-34,58 31 Dicembre 2007 in CZK (5) 955,83-919,54 Quote in circolazione al 31 Dicembre , , Dicembre ,72-27,89 31 Dicembre 2007 in SKK (4) 965,01-937,01 Quote in circolazione al 31 Dicembre , ,140 Valore patrimoniale netto per quota classe A (ad accumulazione) 31 Dicembre ,17 4,88 46,99 31 Dicembre 2007 in USD (3) - $7,14 - Quote in circolazione al 31 Dicembre , , ,720 Valore patrimoniale netto per quota classe B (a distribuzione) 31 Dicembre Dicembre 2007 in USD (3) Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe B (ad accumulazione) 31 Dicembre Dicembre 2007 in USD (3) Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe C (ad accumulazione) 31 Dicembre ,64 - Quote in circolazione al 31 Dicembre ,030 - Valore patrimoniale netto per quota classe E (ad accumulazione) 31 Dicembre ,88 4,97 4,67 Quote in circolazione al 31 Dicembre , , ,110 Valore patrimoniale netto per quota classe F (ad accumulazione) 31 Dicembre ,85 4,75 4,64 Quote in circolazione al 31 Dicembre , , ,730 Valore patrimoniale netto per quota classe I (ad accumulazione) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio (3) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 USD = EUR. (4) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 EUR = SKK. (5) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 EUR = CZK. Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

14 Prospetto statistico delle quote al 31 dicembre 2007 Pioneer P.F. - Opti Cash Plus (3) EUR Valore patrimoniale netto per quota classe A (a distribuzione annuale) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe A (coperta ad accumulazione) 31 Dicembre Dicembre 2007 in CZK (5) - Quote in circolazione al 31 Dicembre Dicembre Dicembre 2007 in SKK (4) - Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe A (ad accumulazione) 31 Dicembre Dicembre 2007 in USD (3) - Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe B (a distribuzione) 31 Dicembre Dicembre 2007 in USD (3) - Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe B (ad accumulazione) 31 Dicembre Dicembre 2007 in USD (3) - Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe C (ad accumulazione) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe E (ad accumulazione) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe F (ad accumulazione) 31 Dicembre Quote in circolazione al 31 Dicembre Valore patrimoniale netto per quota classe I (ad accumulazione) 31 Dicembre ,15 Quote in circolazione al 31 Dicembre ,210 (1) Primo NAV calcolato il 19 Marzo (2) Primo NAV calcolato il 2 Aprile (3) Primo NAV calcolato il 2 Maggio (3) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 USD = EUR. (4) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 EUR = SKK. (5) Il tasso di cambio applicato al 31 Dicembre 2007 era di 1 EUR = CZK. Le Note integrative costituiscono parte integrante del bilancio. 12 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

15 Pioneer P.F. - Euro Protect Prospetto degli investimenti al 31 dicembre 2007 (denominato in Euro) Quantità Valuta Descrizione dei titoli Valore di mercato % Attività nette Valori mobiliari e strumenti del mercato monetario ammessi ad una quotazione ufficiale Emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali, strumenti di debito Emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali Titoli di stato ,00 EUR Germany (Govt of) 3,250% 4/Lug/ ,75 Totale emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali, strumenti di debito ,75 Azioni Materiali di base Prodotti chimici 3.821,00 EUR Air Liquide , ,00 EUR Bayer AG , ,00 EUR BASF AG ,74 Ferro e acciaio ,00 EUR Arcelor Mittal ,45 Comunicazioni Sistemi radiotelevisivi ,00 EUR Vivendi ,29 Servizi di telecomunicazione ,00 EUR Deutsche Telekom AG , ,00 EUR France Telecom SA , ,00 EUR Telecom Italia SpA , ,00 EUR Telefonica SA ,35 Beni di consumo, ciclici Case automobilistiche ,00 EUR Daimler AG , ,00 EUR Renault SA , ,00 EUR Volkswagen AG ,79 Beni di consumo, non ciclici Cosmetici e igiene personale 3.992,00 EUR L Oreal SA ,90 Servizi per il settore alimentare 8.686,00 EUR Carrefour SA , ,00 EUR Groupe Danone , ,00 EUR Unilever NV ,56 Energia Petrolio e gas - produzione ,00 EUR ENI SpA , ,00 EUR Repsol YPF SA , ,00 EUR Total SA ,66 Le note ivi riportate costituiscono parte integrante del presente bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

16 Pioneer P.F. - Euro Protect Prospetto degli investimenti al 31 dicembre 2007 (denominato in Euro) Quantità Valuta Descrizione dei titoli Valore di mercato % Attività nette Finanziari Banche ,00 EUR Banco Bilbao Vizcaya Argentaria SA , ,00 EUR Banco Santander Central Hispano SA , ,00 EUR BNP Paribas , ,00 EUR Credit Agricole SA , ,00 EUR Deutsche Bank AG , ,00 EUR Fortis , ,00 EUR Fortis-Strip VVPR 148 0, ,00 EUR Intesa Sanpaolo SpA , ,00 EUR Societe Generale , ,00 EUR UniCredito Italiano SpA ,76 Servizi finanziari 3.180,00 EUR Deutsche Boerse AG ,99 Assicurazioni ,00 EUR Aegon NV , ,00 EUR Allianz SE - Reg , ,00 EUR Assicurazioni Generali SpA , ,00 EUR AXA SA , ,00 EUR ING Groep NV , ,00 EUR Muenchener Rueckversicherungs AG ,00 Salute Farmaceutica ,00 EUR Sanofi-Aventis ,33 Industriali Materiali edili 5.934,00 EUR Compagnie de Saint-Gobain ,88 Società diversificate 4.066,00 EUR LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SA ,77 Apparecchiature elettriche 3.800,00 EUR Schneider Electric SA ,81 Apparecchiature elettroniche ,00 EUR Koninklijke Philips Electronics NV ,11 Engineering e costruzioni 7.500,00 EUR Vinci SA ,87 Macchinari diversi ,00 EUR Siemens AG - Reg ,36 Tecnologie Software ,00 EUR SAP AG ,17 Apparecchiature per telecomunicazioni ,00 EUR Alcatel-Lucent , ,00 EUR Nokia OYJ ,77 Le note ivi riportate costituiscono parte integrante del presente bilancio. 14 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

17 Pioneer P.F. - Euro Protect Prospetto degli investimenti al 31 dicembre 2007 (denominato in Euro) Quantità Valuta Descrizione dei titoli Valore di mercato % Attività nette Utilità Elettricità ,00 EUR E.ON AG , ,00 EUR Enel SpA , ,00 EUR Iberdrola SA , ,00 EUR RWE AG , ,00 EUR Suez SA ,98 Totale azioni ,49 Totale valori mobiliari e strumenti del mercato monetario ammessi ad una quotazione ufficiale ,24 Totale titoli ,24 Valore patrimoniale netto ,00 Contratti di futures finanziari in essere al 31 dicembre 2007 (denominati in Euro) Data Quantità Contratto Valuta Impegno Quotazione Utile / perdita di scadenza (corta) / lunga di contratt. (in valuta contratt.) di mercato locale non realizzati (in valuta contratt.) (nella valuta del fondo) 10-mar-2008 (41) 10 Year Euro-Bund Future (EUX) EUR ( ) mar-2008 (560) DJ Euro Stoxx 50 Future (EUX) EUR ( ) ( ) Totale perdita netta non realizzata su Contratti di futures finanziari ( ) Contratti di Cambio a termine in essere al 31 dicembre 2007 (denominati in Euro) Data Valuta Importo Valuta Importo Utile / perdita di scadenza Acquistato Venduto non realizzati 31-gen-08 SKK EUR (672) 31-gen-08 SKK EUR (153) Totale perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine (825) Le note ivi riportate costituiscono parte integrante del presente bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

18 Pioneer P.F. - Global Defensive Prospetto degli investimenti al 31 dicembre 2007 (denominato in Euro) Quantità Valuta Descrizione dei titoli Valore di mercato % Attività nette Valori mobiliari e strumenti del mercato monetario ammessi ad una quotazione ufficiale Obbligazioni strutturate Finanziari Servizi finanziari ,00 EUR Lehman Brothers Tsy Company 0,000% 20/Lug/ ,96 Totale obbligazioni strutturate ,96 Emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali, strumenti di debito Emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali Titoli di stato ,00 EUR Belgium (Govt of) 3,750% 28/Mar/ , ,00 EUR France (Govt of) OAT 3,750% 25/Apr/ , ,00 EUR Germany (Govt of) 3,750% 4/Gen/ , ,00 EUR Germany (Govt of) 4,250% 4/Gen/ , ,00 EUR Germany (Govt of) 4,500% 4/Gen/ , ,00 EUR Germany (Govt of) 4,750% 4/Lug/ , ,00 EUR Italy (Govt of) 3,750% 1/Ago/ , ,00 EUR Italy (Govt of) BOT 0,000% 16/Giu/ , ,00 EUR Italy (Govt of) BPT 5,000% 1/Feb/ , ,00 EUR Italy (Govt of) BPT 5,250% 1/Nov/ ,03 Totale emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali, strumenti di debito ,26 Obbligazioni Finanziari Banche ,00 EUR Citibank Intl 0,000% 6/Ago/ ,52 Totale obbligazioni ,52 Totale valori mobiliari e strumenti del mercato monetario ammessi ad una quotazione ufficiale ,74 Valori mobiliari e strumenti del mercato monetario negoziati su altri mercati regolamentati e valori mobiliari recentemente ammessi Emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali, strumenti di debito Emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali Titoli di stato ,00 EUR France (Govt of) BTAN 3,500% 12/Lug/ ,25 Totale emittenti sovranazionali, governi e autorità pubbliche locali, strumenti di debito ,25 Totale valori mobiliari e strumenti del mercato monetario negoziati su altri mercati regolamentati e valori mobiliari recentemente ammessi ,25 Altri valori mobiliari e strumenti del mercato monetario Obbligazioni strutturate Finanziari Servizi finanziari ,00 USD Goldman Sachs Intl Certificate 0% 15/Giu/ ,47 Totale obbligazioni strutturate ,47 Totale altri valori mobiliari e strumenti del mercato monetario ,47 Le note ivi riportate costituiscono parte integrante del presente bilancio. 16 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

19 Pioneer P.F. - Global Defensive Prospetto degli investimenti al 31 dicembre 2007 (denominato in Euro) Quantità Valuta Descrizione dei titoli Valore di mercato % Attività nette Organismi di investimento collettivo in valori mobiliari 5.273,00 EUR AllianceBernstein - Global High Yield Portofolio , ,00 EUR CAAM Arbitrage Var , ,00 EUR Db x-trackers II iboxx Global Inflation Linked , ,00 EUR Db x-trackers II iboxx Sovereign Eurozone , ,00 USD Dexia Quant - Equities USA , ,00 EUR DWS Eurorenta , ,00 EUR ETFS Agriculture DJ-AIGCSM , ,00 USD Fidelity Funds - Asian Special Situations Fund , ,00 USD Franklin Templeton Global Total Return , ,00 EUR Franklin Templeton Investments Global Bond A , ,00 USD Goldman Sachs Funds Sicav - US Core Equity Portfolio , ,00 JPY IFDC - Japan Dynamic Fund , ,00 EUR Indexchange - Dow Jones Euro Stoxx Select Dividend 30 EX , ,00 USD ING L Renta Fund - Emerging Markets Debt Local Currency , ,00 EUR IShares MSCI AC Far East ex-japan , ,00 EUR IShares MSCI Japan Fund , ,00 EUR JPMorgan GBI EMU ETF , ,00 EUR Lyxor ETF EuroMTS Global , ,00 EUR Lyxor ETF MSCI Europe , ,00 EUR Pioneer Funds - Euro Research - I , ,00 EUR Pioneer Absolute Return Equity , ,00 EUR Pioneer Funds - U.S. Research Fund - I , ,00 EUR Schroder International Selection Fund - European Equity Alpha - C , ,00 EUR Schroder International Selection Fund Global High Yield - C AC ,98 Totale organismi di investimento collettivo in valori mobiliari ,96 Altri organismi di investimento collettivo ,00 EUR IShares DJ Euro Stoxx Select Dividend ,44 Totale altri organismi di investimento collettivo ,44 Totale titoli ,86 Valore patrimoniale netto ,00 Le note ivi riportate costituiscono parte integrante del presente bilancio. Pioneer P.F. - Relazione Annuale

20 Pioneer P.F. - Global Defensive Prospetto degli investimenti al 31 dicembre 2007 (denominato in Euro) Contratti di futures finanziari in essere al 31 dicembre 2007 (denominati in Euro) Data Quantità Contratto Valuta Impegno Quotazione Utile / perdita di scadenza (corta) / lunga di contratt. (in valuta contratt.) di mercato locale non realizzati (in valuta contratt.) (nella valuta del fondo) 10-mar-2008 (315) 2 Year Euro-Schatz Future (EUX) EUR ( ) mar Year Euro-Bund Future (EUX) EUR ( ) 19-mar S&P 500 Index Future (CME) USD mar DJ Euro Stoxx 50 Future (EUX) EUR mar FTSE 100 Index Future (LIF) GBP mar Year US Treasury Note Future (CBT) USD Totale utile netto non realizzato su Contratti di futures finanziari Contratti di Cambio a termine in essere al 31 dicembre 2007 (denominati in Euro) Data Valuta Importo Valuta Importo Utile / perdita di scadenza Acquistato Venduto non realizzati 31-gen-2008 CZK EUR gen-2008 CZK EUR (328) 31-gen-2008 CZK EUR (6.790) 31-gen-2008 CZK EUR (52) 31-gen-2008 EUR CZK (92.659) 31-gen-2008 EUR ZAR (71.676) 31-gen-2008 EUR SEK gen-2008 EUR SEK gen-2008 EUR JPY gen-2008 EUR USD gen-2008 EUR USD gen-2008 EUR USD (60.401) 31-gen-2008 EUR USD (5.958) 31-gen-2008 GBP EUR ( ) 31-gen-2008 JPY EUR ( ) 31-gen-2008 SEK EUR (75.091) 31-gen-2008 SEK EUR (74.813) 31-gen-2008 SGD EUR (38.696) 31-gen-2008 SKK EUR (39) 31-gen-2008 TRY EUR gen-2008 TRY EUR gen-2008 USD CAD (3.164) 31-gen-2008 USD EUR ( ) 31-gen-2008 ZAR EUR ( ) Totale perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine ( ) Contratti Swap in essere al 31 dicembre 2007 (denominati in Euro) Data Contratto Sottostante Tasso Valuta Nominale Utile / perdita di scadenza di interesse non realizzati 25-giu-2017 Total Return Swap Apollo Investment Europe Limited Euribor 1m + 50 bps EUR (1.335) Totale perdita netta non realizzata su contratti swap (1.335) Le note ivi riportate costituiscono parte integrante del presente bilancio. 18 Pioneer P.F. - Relazione Annuale 2007

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Conoscere la Borsa promuove gli investimenti sostenibili

Conoscere la Borsa promuove gli investimenti sostenibili Valutazione finale 14 dicembre 21 Conoscere la Borsa promuove gli investimenti sostenibili Ance quest anno Conoscere la Borsa a dato a molti giovani europei la possibilitá di confrontarsi con il mercato

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Ignis Asset Management

Ignis Asset Management Ignis Asset Management Indice 2 Storia di Ignis 3 Ignis oggi 4 Eredità 5 Punti di forza 6 Capacità: innovazione, competenza ed esperienza 7 Panoramica sui prodotti 8 Assistenza clienti: il potere delle

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

VARIAZIONI DELLA GAMMA ishares Conferma di fusioni e altre modifiche dei fondi ishares 27 maggio 2015

VARIAZIONI DELLA GAMMA ishares Conferma di fusioni e altre modifiche dei fondi ishares 27 maggio 2015 AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI SVIZZERI VARIAZIONI DELLA GAMMA ishares Conferma di fusioni e altre modifiche dei fondi ishares 27 maggio 2015 1. Premesse Il 1 luglio 2013, BlackRock ha completato l'acquisizione

Dettagli

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo Schroder International Selection Fund Prospetto informativo (Società di investimento a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese) Febbraio 2015 Italia Schroder International Selection Fund

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Informazioni importanti

Informazioni importanti 0515 Informazioni importanti Sul presente Prospetto - Il Prospetto fornisce informazioni sul Fondo e sui Comparti e contiene informazioni che i potenziali investitori devono conoscere prima di procedere

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Modulo di sottoscrizione

Modulo di sottoscrizione Modulo di sottoscrizione Il presente Modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia di azioni di JPMORGAN INVESTMENT FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese a struttura multicomparto e multiclasse.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

SANPAOLO ASSET MANAGEMENT Fra tradizione e innovazione

SANPAOLO ASSET MANAGEMENT Fra tradizione e innovazione Structured Products Italia 1/11 Ottobre 26 SANPAOLO ASSET MANAGEMENT Fra tradizione e innovazione Alberto Castelli - Direttore Commerciale, Marketing e Prodotti Gianluigi Fusar Poli - Responsabile Gestioni

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 1 INDICE 1 CONOSCERE LASSETL CLASS E IL MERCATO 2 I VANTAGGI AD INVESTIRE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli