ROSSINI LUX FUND. Rendiconto di gestione annuale certificato al 31 dicembre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ROSSINI LUX FUND. Rendiconto di gestione annuale certificato al 31 dicembre 2009"

Transcript

1 ROSSINI LUX FUND Fondo Comune d Investimento di diritto lussemburghese a Comparti Multipli Rendiconto di gestione annuale certificato al 31 dicembre 2009 Nessuna sottoscrizione può essere effettuata sulla base dei rendiconti di gestione. Le sottoscrizioni sono valide solo se sono state effettuate sulla base del prospetto informativo corrente, completato dall ultimo rendiconto annuale e dal rendiconto semi annuale, se quest ultimo è più recente del rendiconto annuale. La presente è traduzione fedele del rendiconto di gestione annuale al 31 dicembre 2009 in francese. In caso di divergenze farà in ogni caso fede la versione in lingua francese.

2 ROSSINI LUX FUND Indice

3 ORGANIZZAZIONE DEL FONDO ROSSINI LUX FUND SEDE SOCIALE 8, avenue de la Liberté L-1930 Lussemburgo SOCIETÁ DI GESTIONE Banca Delle Marche Gestione Internazionale Lux S.A. 8, avenue de la Liberté L-1930 Lussemburgo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ DI GESTIONE Presidente Pier Franco GIORGI (fino al 4 maggio 2009) Direttore Centrale di Banca Delle Marche S.p.A, Iesi (An) residente ad Ancona Italia Presidente Maurizio BOCCHINI (dal 4 maggio 2009) Responsabile Finanza di Banca Delle Marche S.p.A., Iesi (An) residente a Jesi Italia Amministratore Delegato Maurizio BOCCHINI (fino al 4 maggio 2009) Responsabile Finanza di Banca Delle Marche S.p.A., Iesi (An) residente a Jesi Italia Amministratore Delegato Alessandro DUCA (dal 4 maggio 2009) Responsabile di l Ufficio di Gestito di Risparmio Banca Delle Marche S.p.A., Iesi (An) residente ad Ancona Italia Amministratore Henry KELLY Direttore Generale di Banca Delle Marche Gestione Internazionale Lux S.A., Lussemburgo residente a Lussemburgo Amministratore Ciro BEFFI Direttore Generale di Eurizon Capital S.A., Lussemburgo residente a Lussemburgo 3

4 ORGANIZZAZIONE DEL FONDO ROSSINI LUX FUND Amministratore Pierre BOUCHOMS ConDirettore Generale Eurizon Capital S.A., Lussemburgo residente a Lussemburgo BANCA DEPOSITARIA Sanpaolo Bank S.A. 8, avenue de la Liberté L-1930 Lussemburgo AGENTE AMMINISTRATIVO, AGENTE DI REGISTRAZIONE E DI TRASFERIMENTO AGENTE PAGATORE Sanpaolo Bank S.A. 8, avenue de la Liberté L-1930 Lussemburgo Sanpaolo Bank S.A 8, avenue de la Liberté L-1930 Lussemburgo GESTORE E CONSULENTE PER GLI INVESTIMENTI Eurizon Capital S.A. 12, avenue de la Liberté L-1930 Lussemburgo SOCIETÀ DI REVISIONE DEL FONDO E DELLA SOCIETÀ DI GESTIONE PricewaterhouseCoopers S.à r.l. Réviseur d entreprises 400, route d Esch L-1471 Lussemburgo 4

5 ORGANIZZAZIONE DEL FONDO ROSSINI LUX FUND COSTITUZIONE Rossini Lux Fund, (di seguito il Fondo ) è stato istituito nel Granducato del Lussemburgo il 14 dicembre 2004 sotto forma di Fondo Comune d Investimento in valori mobiliari di diritto lussemburghese. Il Fondo è regolato dalla parte I della legge del 20 dicembre 2002 sugli Organismi d Investimento Collettivo. Il regolamento di gestione (di seguito il «Regolamento di Gestione»), dopo essere stato approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione Banca Delle Marche Gestione Internazionale Lux S.A. (di seguito la «Società di Gestione») è stato firmato in data 14 dicembre 2004 da Sanpaolo Bank S.A. nella sua qualità di Banca Depositaria del Fondo. Il Regolamento di Gestione è stato depositato presso il «Registre de Commerce et des Sociétés» a Lussemburgo, dove può essere consultato e dove è possibile richiederne la copia, e la menzione del deposito presso la Cancelleria è stata pubblicata nel «Mémorial, Recueil des Sociétés et Associations», il 7 gennaio Il Fondo ha una durata illimitata. ROSSINI LUX FUND Il Fondo è un Fondo Comune di Investimenti a Comparti multipli. I Comparti attualmente attivi sono i seguenti : Rossini Lux Fund Obbligazionario Monetario TV Rossini Lux Fund Obbligazionario Euro Breve Termine Rossini Lux Fund Obbligazionario Euro Medio Termine Rossini Lux Fund Obbligazionario Euro Lungo Termine Rossini Lux Fund Obbligazionario Euro Monetario Rossini Lux Fund Obbligazionario Misto Rossini Lux Fund Bilanciato Rossini Lux Fund Obbligazionario Dollari Rossini Lux Fund Azionario Euro Rossini Lux Fund Azionario Nord America Rossini Lux Fund Azionario Giappone Rossini Lux Fund Obbligazionario Internazionale Rossini Lux Fund Azionario Internazionale Il Comparto Rossini Lux Fund - Obbligazionario Monetario TV è stato lanciato il 20 dicembre I Comparti Rossini Lux Fund - Obbligazionario Euro Monetario e Rossini Lux Fund - Obbligazionario Dollari sono stati lanciati il 13 gennaio I Comparti Rossini Lux Fund - Obbligazionario Euro Breve Termine, Rossini Lux Fund - Obbligazionario Euro Medio Termine e Rossini Lux Fund - Azionario Internazionale sono stati lanciati l 8 febbraio I Comparti Rossini Lux Fund - Obbligazionario Euro Lungo Termine e Rossini Lux Fund - Azionario Euro sono stati lanciati il 16 febbraio Il Comparto Rossini Lux Fund - Azionario Nord America è stato lanciato il 22 febbraio Il Comparto Rossini Lux Fund - Azionario Giappone è stato lanciato il 1 marzo

6 ORGANIZZAZIONE DEL FONDO ROSSINI LUX FUND Il Comparto Rossini Lux Fund - Bilanciato è stato lanciato il 21 luglio Il Comparto Rossini Lux Fund - Obbligazionario Internazionale è stato lanciato il 25 luglio Il Comparto Rossini Lux Fund - Obbligazionario Misto è stato lanciato il 10 agosto Le quote I sono state lanciate il 1 aprile Le diverse quote esistenti disponibili per gli investitori per l insieme dei Comparti sono dettagliate nella nota 9 «Le Quote del Fondo» dell allegato ai prospetti finanziari. In data 7 luglio 2008, Eurizon Capital S.A. ha ceduto il suo ramo d attività "Amministrazione Fondi" a Sanpaolo Bank S.A. e ha deciso di trasferire a quest ultima, in accordo con la Società di Gestione, le funzioni di agente amministrativo, agente di registro e di trasferimento per conto del Fondo a partire da tale data. ASSEMBLEA GENERALE L'Assemblea Generale Annuale della Società di Gestione si riunisce a Lussemburgo, nella sede sociale della Società, l ultimo mercoledì del mese di marzo alle ore 14. INFORMAZIONI AI DETENTORI DI QUOTE I rapporti annuali al 31 dicembre certificati dalla Società di Revisione e i rapporti semi annuali al 30 giugno non certificati sono tenuti gratuitamente a disposizione dei detentori di quote presso gli sportelli della Banca Depositaria, degli altri enti da questa designati e presso la sede sociale della Società di Gestione. I rapporti periodici contengono tutte le informazioni relative al Fondo, alla composizione ed all evoluzione del suo attivo. L'esercizio sociale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre. Il Valore Netto d Inventario è pubblicato ogni giorno sul quotidiano «Il Sole 24 Ore». Il Valore Netto d Inventario così come i prezzi d emissione e di riscatto delle quote del Fondo possono essere richiesti anche alla Banca Depositaria. La lista dei movimenti intervenuti nella composizione del portafoglio titoli per il periodo dal 1 gennaio 2009 al 31 dicembre 2009 è disponibile presso la sede sociale della Società di Gestione del Fondo. Le altre informazioni destinate ai partecipanti sono pubblicate sul «Mémorial», Raccolta delle Società ed Associazioni, a Lussemburgo, se tale pubblicazione è prescritta dal Regolamento di Gestione o dalla legge. 6

7 RAPPORTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL FONDO Andamento dei mercati Nel corso del 2009 l economia mondiale ha toccato il suo punto di minimo, attraversando la più forte recessione dal dopoguerra. Segnali di ripresa sono però emersi nella seconda metà dell anno. Il 2009 è iniziato sulla scia della crisi finanziaria che aveva già caratterizzato il 2008 ed è stato segnato da una marcata contrazione dell attività economica nei principali paesi sviluppati e da un deciso rallentamento dei paesi emergenti. La disoccupazione è cresciuta rapidamente, mentre l inflazione è risultata in calo in tutte le aree economiche. Di fronte al deterioramento del quadro di crescita e alle tensioni sui mercati finanziari le autorità di politica fiscale dei principali paesi hanno predisposto imponenti pacchetti di stimolo all economia, oltre a piani di salvataggio delle banche. Al tempo stesso le banche centrali hanno accompagnato la riduzione dei tassi ufficiali con misure non convenzionali di allentamento quantitativo (quantitative easing), ossia di immissione di liquidità nel sistema finanziario. L azione decisa delle autorità di politica fiscale e monetaria è risultata efficace. A partire dalla primavera sono infatti emersi i primi segnali di stabilizzazione dell economia, che si sono immediatamente tradotti in una risalita delle borse e delle attività finanziarie a maggior grado di rischio. In particolare, nelle economie emergenti i segnali di riaccelarazione della crescita sono emersi già nel secondo trimestre. In USA e zona euro la crescita del PIL ha ritrovato un segno (debolmente) positivo nel terzo trimestre. Il 2009 si è chiuso, quindi, all insegna del dibatto sulla sostenibilità della ripresa in atto. Approfittando dei segnali di stabilizzazione delle economie e della normalizzazione dei mercati finanziari sia la Fed sia la Banca Centrale Europea (BCE) hanno cominciato la graduale rimozione di alcune delle misure straordinarie di liquidità che avevano adottato a inizio anno. Contemporaneamente, hanno però rassicurato i mercati, affermando l intenzione di mantenere i tassi ufficiali fermi per un periodo prolungato. Da ricordare infine, a novembre, i timori sulla sostenibilità dei conti pubblici greci e sulla solvibilità di Dubai, alle prese con il default della holding statale Dubai World. Questi casi hanno evidenziato come il contesto sia ancora caratterizzato da elementi di fragilità in grado di creare volatilità per i mercati, pur non avendo il potenziale di interrompere il lento miglioramento del contesto complessivo. Le borse mondiali hanno segnato nell anno un deciso rialzo partito dai minimi toccati in marzo e favorito da aspettative di ripresa economica in presenza di valutazioni azionarie molto attraenti. L indice MSCI World, espresso in valuta locale e comprensivo dei dividendi, è infatti salito del 25,7%. La performance migliore è stata riportata dai listini dei paesi emergenti che hanno guadagnato il 62% circa. Molto positivo anche 7

8 l andamento della zona euro (+27,3%), della borsa USA (+26,3%) e dell area del Pacifico (+30,6%). I guadagni hanno interessato tutti i principali settori economici. In particolare, la tecnologia (51,5% in valuta locale), le materie prime (49,7% in valuta locale) e i beni di consumo discrezionali (37,6% in valuta locale) hanno messo a segno i rialzi più consistenti, mentre i settori tradizionalmente più difensivi come le utility (4,1% in valuta locale) hanno registrato le performance più contenute. Volgendo lo sguardo ai mercati obbligazionari, il 2009 ha visto un rialzo dei tassi sulle scadenze lunghe dei titoli governativi di USA e Germania. Variazioni modeste, invece, per i tassi a breve. In forte calo i differenziali di rendimento tra i titoli emessi dai paesi core della zona euro e quelli dei paesi periferici, movimento speculare a quello in allargamento del Il differenziale fra il BTP italiano e il Bund tedesco sulla scadenza decennale, ad esempio, è sceso dai 140 punti base di fine 2008 ai 60 punti base di fine Il mercato delle obbligazioni governative globale ha registrato sull anno una performance in valuta locale moderatamente positiva (0,7% incluso il flusso cedolare). La zona Euro ha registrato un guadagno del 4,3% ed i paesi emergenti hanno segnato un rialzo del 25,9%. Il 2009 ha visto una marcata volatilità sui mercati valutari. Nei primi mesi dell anno, quando l economia mondiale era ancora in forte contrazione, il dollaro ha mantenuto la funzione di valuta rifugio, rafforzandosi contro euro fino a portarsi a quota 1,26 (dall 1,40 di fine 2008). Con l emergere dei primi segnali di ripresa e con l aumento della propensione al rischio da parte degli investitori, il dollaro ha iniziato ad indebolirsi. Tale trend, che ha portato il cambio euro-dollaro dall 1,26 d inizio marzo fino all 1,51 di fine novembre, si è interrotto nelle battute finali dell anno. Le sorprese positive che sono venute dai dati economici USA, con particolare riferimento ai dati sul mercato del lavoro, hanno infatti restituito forza al dollaro, che ha chiuso l anno a quota 1,43 contro euro. Durante l anno lo yen si è indebolito contro euro portandosi a quota 134 (dal 127 di fine 2008). La dinamica valutaria ha influito sulle performance dei mercati esterni alla zona euro e convertite nella moneta unica. Il mercato azionario globale vede ad esempio un incremento addizionale nel guadagno convertito in euro (+25,9% rispetto al 25,7% espresso in valuta locale), quello dei paesi emergenti ha amplificato il rialzo al 72,9% (rispetto al 62,3% del risultato in valuta locale) mentre il mercato statunitese ha ridotto il risultato al +22,3% (rispetto al 26,3% se considerato in valuta locale). Il mercato obbligazionario globale ha visto scendere la performance in euro in territorio negativo (-1,3% rispetto al +0,7% del dato in valuta locale). 8

9 Attività del Fondo Al fine del mese di dicembre, il Fondo Comune di Investimento Rossini Lux gestiva 13 comparti per un patrimonio complessivo pari a 590 mio di Eur. Il patrimonio del Fondo ha registrato un saldo annuale negativo della raccolta netta (uguale a -12 mio d Eur), risultato di 272 mio di sottoscrizioni di Eur e di -284 mio di Eur di rimborsi, al quale si aggiunge l'apporto positivo di circa 31 mio di Eur legato all'effetto combinato dell'evoluzione dei mercati e del risultato dell'attività di gestione. Per quanto concerne la ripartizione dei flussi di sottoscrizioni e rimborsi, i saldi più positivi ont sono stati registrati dai comparti azionari (+12 mio di Eur). Il migliore risultato di raccolta è stato conseguito da Azionario Euro (+10 mio di Eur), e da Azionario Internazionale (+2 mio di Eur). I flussi annuali di sottoscrizioni e rimborsi, oltre al patrimonio al 31 dicembre 2009 di tutti i prodotti sono dettagliati nella seguente tabella : DENOMINAZIONE DEI COMPARTI Obbligazionario Monetario Tv Obbligazionario Euro Breve Termine Obbligazionario Euro Medio Termine Obbligazionario Euro Lungo Termine Obbligazionario Euro Monetario Obbligazionario Misto Bilanciato Obbligazionario Dollari Azionario Euro Azionario Nord America Azionario Giappone Obbligazionario Internazionale Azionario Internazionale SOTTOSCRIZIONI EUR RIMBORSI EUR PATRIMONIO EUR ,96 ( ,17) , ,01 ( ,78) , ,71 ( ,84) , ,44 ( ,58) , ,17 ( ,31) , ,55 ( ,00) , ,63 ( ,90) , ,09 ( ,41) , ,73 ( ,89) , ,64 ( ,13) , ,40 ( ,13) , ,80 ( ,88) , ,42 ( ,03) , ,55 ( ,05) ,15 A livello di performance assolute, i comparti Azionari hanno registrato nel 2009 performance positive: - Azionario Euro, Quote R (+24.32%) - Azionario Internazionale, Quote R (+22.46%) - Azionario Nord America, Quote R (+20.01%) - Azionario Giappone, Quote R (+2.09%) 9

10 Per quanto concerne i comparti Misti, hanno registrati le seguenti performance nel 2009 : - Obbligazionario Misto, Quote R (+5.12%) - Bilanciato, Quote R (+13.19%) A livello di performance assolute, i Comparti Obbligazionari hanno registrati le seguenti performance nel 2009 : - Obbligazionari Dollari, Quote R (-7.84%) - Obbligazionari Internazionale, Quote R (-2.95%) I Comparti Monetari hanno presentato le seguenti performance positive : - Obbligazionari Monetario TV, Quote R (+3.69%) - Obbligazionari Euro Monetario, Quote R (+2.48%) Infine per quanto concerne i Comparti di Breve, Medio e Lungo termine nella Zona euro, sono da segnalare le performance seguenti : - Obbligazionari Euro Breve Termine, Quote R (+3.68%) - Obbligazionari Euro Medio Termine, Quote R (+4.59%) - Obbligazionari Euro Lungo Termine, Quote R (+2.88%) Lussemburgo, il 11 marzo 2010 Il Consiglio di Amministrazione 10

11 Relazione della Società di Revisione PricewaterhouseCoopers Société à responsabilité limitée Réviseur d'entreprises 400, Route d'esch B.P L-1014 Luxembourg Telephone Facsimile Ai Detentori di quote di Rossini Lux Fund Abbiamo sottoposto a revisione gli allegati rendiconti finanziari di Rossini Lux Fund e di ogni suo compartimento, vale a dire il prospetto del patrimonio netto e dei portafogli-titoli al 31 dicembre 2009, nonché il prospetto delle operazioni e delle variazioni del patrimonio netto per l esercizio chiuso alla stessa data, così come l allegato contenendo il riepilogo dei principali metodi contabili e altre note esplicative ai rendiconti finanziari. Responsabilità del Consiglio di Amministrazione della società di gestione circa la stesura e la predisposizione dei rendiconti finanziari Il Consiglio di Amministrazione della società di gestione è responsabile della stesura e della predisposizione sincera dei rendiconti finanziari, ai sensi dei requisiti di legge e delle normative relativi alla stesura e alla predisposizione dei rendiconti finanziari vigenti in Lussemburgo. Tale responsabilità comprende la progettazione, l attuazione e il continuo controllo interno relativi alla stesura e alla predisposizione sincera dei rendiconti finanziari privi di anomalie significative derivanti da frodi o errori; la scelta e l applicazione di metodi contabili appropriati; nonché la produzione di stime contabili ragionevoli alla luce delle circostanze. Responsabilità della Società di Revisione La nostra responsabilità consiste nell esprimere un opinione su tali rendiconti finanziari in base alla revisione contabile svolta. Quest ultima è stata condotta secondo le norme di revisione internazionali recepite dall Institut des Réviseurs d Entreprises. Dette norme richiedono da parte nostra l osservanza delle regole di etica e prevedono che venga pianificata ed effettuata la revisione contabile al fine di ottenere la ragionevole assicurazione che i rendiconti finanziari non contengano anomalie significative. R.C.S. Luxembourg B TVA LU

12 Il procedimento di revisione implica l attuazione di procedure finalizzate a raccogliere elementi probatori riguardanti gli importi e le informazioni riportate nei rendiconti finanziari. Compete alla Sociétà di Revisione selezionare le procedure operative, nonché valutare il rischio che i rendiconti finanziari contengano anomalie significative eventualmente derivanti da frodi o errori. Nel valutare il rischio, la Società di Revisione prende in considerazione il controllo interno in vigore nell entità in ordine alla stesura e alla predisposizione sincera dei rendiconti finanziari con l obiettivo di definire di volta in volta le procedure di revisione che meglio si addicono alla situazione, evitando di esprimere un opinione in merito all efficacia. Il procedimento di revisione comporta altresì una valutazione del carattere appropriato dei metodi contabili prescelti e del carattere ragionevole delle stime contabili operate dal Consiglio di Amministrazione della società di gestione, nonché un giudizio sulla predisposizione complessiva dei rendiconti finanziari. Riteniamo che gli elementi probatori raccolti siano sufficienti e appropriati per formulare la nostra opinione. Opinione A nostro giudizio, i rendiconti finanziari allegati forniscono un immagine veritiera della situazione patrimoniale e finanziaria di Rossini Lux Fund e di ogni suo compartimento al 31 dicembre 2009, come anche del risultato delle operazioni e delle variazioni del patrimonio netto per l esercizio chiuso alla stessa data, il tutto in conformità con i requisiti di legge e le normative relativi alla stesura e alla predisposizione dei rendiconti finanziari vigenti in Lussemburgo. Altre informazioni Le informazioni aggiuntive fornite nella relazione annuale sono state anch esse analizzate, sempre nell ambito del nostro incarico, ma non sono state assoggettate a verifiche effettuate secondo i principi di revisione precedentemente descritti. Di conseguenza non ci spetta esprimere un giudizio in merito. Tuttavia non abbiamo alcuna osservazione da fare sulle informazioni riportate nei rendiconti finanziari considerati nella loro globalità. PricewaterhouseCoopers S.à r.l. Lussemburgo, il 26 marzo 2010 Réviseur d entreprises Rappresentata da Christophe Pittie 12 L unica versione della Relazione annuale certificate della Società di Revisione è quella francese. Di conseguenza, la relazione della Società di Revisione si riferisce esclusivamente alla versione francese della Relazione annuale. Le altre versioni sono il risultato di traduzioni affidate dal Consiglio di Amministrazione a traduttori coscienziosi. In caso di discrepanze tra la versione francese e le altre lingue avrà valore solo il testo francese.

13 ROSSINI LUX FUND COMPARATIVO DEI VALORI NETTI D'INVENTARIO DEGLI ULTIMI TRE ANNI

14 ROSSINI LUX FUND COMPARATIVO DEI VALORI NETTI D'INVENTARIO DEGLI ULTIMI TRE ANNI

15 ROSSINI LUX FUND PROSPETTO DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attività Totale attività ,52 Passività Totale passività ( ,37) Totale attivo netto ,15

16 ROSSINI LUX FUND PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attivo netto all'inizio dell'esercizio ,00 Totale ricavi ,18 Totale costi ( ,45) Utile / (perdita) netto(a) degli investimenti ,73 Risultato netto delle operazioni per l'esercizio ,65 Attivo netto alla fine dell'esercizio ,15

17 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO MONETARIO TV PROSPETTO DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attività Totale attività ,60 Passività Totale passività ( ,12) Totale attivo netto ,48 Valuta Valore Netto d Inventario per Quota Numero di Quote in circolazione

18 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO MONETARIO TV PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attivo netto all'inizio dell'esercizio ,85 Totale ricavi ,18 Totale costi ( ,83) Utile / (perdita) netto(a) degli investimenti ,35 Risultato netto delle operazioni per l'esercizio ,84 Attivo netto alla fine dell'esercizio ,48

19 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO MONETARIO TV VALORI MOBILIARI , ,95 94,75 AMMESSI ALLA QUOTAZIONE UFFICIALE , ,95 94,75 Obbligazioni a tasso variabile , ,95 94,55 ITALIA , ,45 89,88 Enti Governativi , ,00 86,29 Finanza , ,45 3,59 GERMANIA , ,40 1,47 Finanza , ,40 0,90 Enti Governativi , ,00 0,57 LUSSEMBURGO , ,00 0,86 Finanza , ,00 0,86 REGNO UNITO , ,70 0,82 Finanza , ,70 0,82

20 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO MONETARIO TV PAESI BASSI , ,80 0,74 Finanza , ,80 0,74 FRANCIA , ,00 0,43 Finanza , ,00 0,43 SVEZIA , ,00 0,28 Enti Governativi , ,00 0,28 SPAGNA , ,40 0,06 Finanza , ,40 0,06 BELGIO , ,20 0,01 Enti Governativi , ,20 0,01 Obbligazioni ordinarie , ,00 0,06 ITALIA , ,00 0,06 Enti Governativi , ,00 0,06 Obbligazioni zero cedula , ,00 0,14 ITALIA , ,00 0,14 Enti Governativi , ,00 0,14 Totale del Portafoglio Titoli , ,95 94,75

21 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE PROSPETTO DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attività Totale attività ,43 Passività Totale passività ( ,16) Totale attivo netto ,27 Valuta Valore Netto d Inventario per Quota Numero di Quote in circolazione

22 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attivo netto all'inizio dell'esercizio ,92 Totale ricavi ,92 Totale costi ( ,01) Utile / (perdita) netto(a) degli investimenti ,91 Risultato netto delle operazioni per l'esercizio ,12 Attivo netto alla fine dell'esercizio ,27

23 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE VALORI MOBILIARI , ,73 98,52 AMMESSI ALLA QUOTAZIONE UFFICIALE , ,73 93,16 Obbligazioni a tasso variabile , ,88 2,43 REGNO UNITO , ,40 0,89 Finanza , ,40 0,89 ITALIA , ,00 0,73 Finanza , ,00 0,73 STATI UNITI , ,88 0,52 Finanza , ,88 0,52 SVEZIA , ,60 0,29 Enti Governativi , ,60 0,29 Obbligazioni ordinarie , ,85 90,73 GERMANIA , ,00 27,04 Enti Governativi , ,00 27,04 ITALIA , ,80 26,49 Enti Governativi , ,80 26,49

24 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE FRANCIA , ,20 16,01 Enti Governativi , ,20 15,28 Finanza , ,00 0,73 SPAGNA , ,00 7,44 Enti Governativi , ,00 7,44 PAESI BASSI , ,00 6,85 Enti Governativi , ,00 6,85 BELGIO , ,00 2,32 Enti Governativi , ,00 2,32 AUSTRIA , ,00 1,57 Enti Governativi , ,00 1,57 FINLANDIA , ,00 1,40 Enti Governativi , ,00 1,40 IRLANDA , ,85 1,17 Finanza , ,85 1,17

25 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE STATI UNITI , ,00 0,44 Finanza , ,00 0,44 NEGOZIATI SU UN ALTRO MERCATO REGOLAMENTATO , ,00 5,36 Obbligazioni ordinarie , ,00 5,36 FRANCIA , ,00 4,68 Enti Governativi , ,00 4,68 IRLANDA , ,00 0,68 Enti Governativi , ,00 0,68 Totale del Portafoglio Titoli , ,73 98,52

26 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE IMPEGNI SU ACQUISTO / VENDITA DI CONTRATTI FUTURES AL 31 DICEMBRE 2009 (2 210,00) ,00

27 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO TERMINE PROSPETTO DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attività Totale attività ,65 Passività Totale passività (52 031,47) Totale attivo netto ,18 Valuta Valore Netto d Inventario per Quota Numero di Quote in circolazione

28 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO TERMINE PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attivo netto all'inizio dell'esercizio ,87 Totale ricavi ,05 Totale costi ( ,96) Utile / (perdita) netto(a) degli investimenti ,09 Risultato netto delle operazioni per l'esercizio ,44 Attivo netto alla fine dell'esercizio ,18

29 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO TERMINE VALORI MOBILIARI , ,35 97,60 AMMESSI ALLA QUOTAZIONE UFFICIALE , ,15 85,47 Obbligazioni a tasso variabile , ,90 0,44 ITALIA , ,90 0,44 Finanza , ,90 0,44 Obbligazioni ordinarie , ,25 85,03 GERMANIA , ,70 26,99 Enti Governativi , ,70 26,99 ITALIA , ,20 20,97 Enti Governativi , ,20 20,97 FRANCIA , ,50 9,45 Enti Governativi , ,50 9,45 SPAGNA , ,00 7,55 Enti Governativi , ,00 7,55 BELGIO , ,00 5,60 Enti Governativi , ,00 5,60 PAESI BASSI , ,40 5,02 Enti Governativi , ,40 5,02

30 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO TERMINE AUSTRIA , ,90 4,63 Enti Governativi , ,90 4,63 IRLANDA , ,10 3,18 Enti Governativi , ,00 2,29 Finanza , ,10 0,89 FINLANDIA , ,45 1,64 Enti Governativi , ,00 0,98 Finanza , ,45 0,66 NEGOZIATI SU UN ALTRO MERCATO REGOLAMENTATO , ,20 12,13 Obbligazioni ordinarie , ,20 12,13 FRANCIA , ,20 12,13 Enti Governativi , ,20 12,13 Totale del Portafoglio Titoli , ,35 97,60

31 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO TERMINE IMPEGNI SU ACQUISTO / VENDITA DI CONTRATTI FUTURES AL 31 DICEMBRE , ,00

32 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO LUNGO TERMINE PROSPETTO DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attività Totale attività ,73 Passività Totale passività (20 673,07) Totale attivo netto ,66 Valuta Valore Netto d Inventario per Quota Numero di Quote in circolazione

33 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO LUNGO TERMINE PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO AL 31 DICEMBRE 2009 IN EURO Attivo netto all'inizio dell'esercizio ,33 Totale ricavi ,72 Totale costi (57 500,19) Utile / (perdita) netto(a) degli investimenti ,53 Risultato netto delle operazioni per l'esercizio ,47 Attivo netto alla fine dell'esercizio ,66

34 ROSSINI LUX FUND - OBBLIGAZIONARIO EURO LUNGO TERMINE VALORI MOBILIARI , ,61 96,06 AMMESSI ALLA QUOTAZIONE UFFICIALE , ,57 92,99 Obbligazioni ordinarie , ,57 92,99 ITALIA , ,28 28,29 Enti Governativi , ,28 28,29 GERMANIA , ,65 21,63 Enti Governativi , ,65 21,63 FRANCIA , ,99 19,98 Enti Governativi , ,99 19,98 PAESI BASSI , ,70 5,78 Enti Governativi , ,70 5,78

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli