Relazione semestrale al 30 giugno 2015 dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati istituiti e gestiti da BancoPosta Fondi SpA SGR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione semestrale al 30 giugno 2015 dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati istituiti e gestiti da BancoPosta Fondi SpA SGR"

Transcript

1 Relazione semestrale al 30 giugno 2015 dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati istituiti e gestiti da BancoPosta Fondi SpA SGR BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine BancoPosta Obbligazionario Euro Medio-Lungo Termine BancoPosta Mix 1 BancoPosta Mix 2 BancoPosta Azionario Euro BancoPosta Azionario Internazionale

2 INDICE Relazione semestrale al 30 giugno 2015 dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati istituiti e gestiti da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine BancoPosta Obbligazionario Euro Medio-Lungo Termine BancoPosta Mix 1 BancoPosta Mix 2 BancoPosta Azionario Euro BancoPosta Azionario Internazionale Nota Illustrativa Premessa Considerazioni generali Mercati Prospettive Regime di tassazione Eventi che hanno interessato i fondi Fondi BancoPosta Situazione Patrimoniale dei Fondi Altre informazioni 1

3 Premessa La Relazione Semestrale dei fondi al 30 giugno 2015 (ultimo giorno di borsa italiana aperta del I semestre 2015), istituiti e gestiti da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR, è stata redatta in conformità alle disposizioni emanate dalla Banca d Italia con Regolamento del 19 gennaio La Relazione Semestrale si compone di una Situazione Patrimoniale accompagnata da una Nota Illustrativa che fornisce, tra l altro, indicazioni sia sulla politica di investimento seguita nella gestione del patrimonio dei fondi nel corso del semestre, sia sulle prospettive di investimento. Poste Italiane S.p.A. Società con socio unico Patrimonio BancoPosta, società controllante di BancoPosta Fondi S.p.A. SGR, rappresenta il Collocatore delle quote del fondo comune di investimento illustrato nella presente Relazione Semestrale. Considerazioni generali Nel primo semestre del 2015 l economia globale ha continuato ad espandersi con velocità moderata, guidata principalmente dalle economie emergenti, seguite da USA, Europa e Giappone che hanno parzialmente recuperato il divario di crescita con quei paesi. L orientamento delle politiche monetarie si è mantenuto espansivo, seppur con diversa intensità, mentre l impostazione delle politiche fiscali ha assunto un tono progressivamente più neutrale, orientato, in Europa in particolare, verso il recupero del reddito disponibile delle famiglie. L evoluzione dello scenario ha dovuto inoltre fare i conti con alcuni fattori imprevisti o prevedibili solo in parte, come l escalation della crisi greca ed il conflitto Russia Ucraina. Le previsioni del Fondo Monetario Internazionale (World Economic Outlook, aprile 2015) collocano la crescita globale per fine 2015 al 3,5% e per fine 2016 al 3,8%, ancora trainata dai paesi emergenti (4,3% nel 2015 e 4,7% nel 2016), seguita da Stati Uniti ed Europa (rispettivamente 3,1% per il 2015 e 3,1% per il 2016, e 1,5% per il 2015 e 1,6% per il 2016), mentre si prevede per il Giappone un passo relativamente più modesto (1% per fine 2015, 1,2% nel 2016). In tale contesto di espansione limitata e disoccupazione ancora elevata l inflazione, complice il netto calo del prezzo del petrolio, ha continuato a muoversi su livelli molto depressi e lontani dalle medie di lungo periodo, tanto che le stime ufficiali sull inflazione nelle economie avanzate si limitano allo 0,4% per fine 2015 e all 1,4% per fine Negli Stati Uniti il PIL del primo trimestre 2015, -0,2% t/t annualizzato, inferiore alle attese, ha risentito in maniera significativa sia delle condizioni metereologiche avverse, sia del ridimensionamento di consumi ed esportazioni, conseguente al rafforzamento del dollaro, tanto che solo di recente si sono concretizzati segnali di recupero dell attività produttiva, in particolare del settore manifatturiero, come testimoniato dall ISM. Il mercato del lavoro da inizio anno ha continuato a registrare progressi lenti ma costanti che hanno portato il tasso di disoccupazione a stabilizzarsi nell intorno dell 5,5%, e i nuovi occupati a tornare oltre le 200 mila unità mensili, dopo la flessione del primo trimestre, senza preoccupazioni sull inflazione che continua a crescere in maniera progressiva ma limitata e inferiore al 2%. Lo scenario descritto di crescita moderata, inflazione sotto controllo e lento miglioramento del mercato del lavoro ha permesso alla FED, una volta riequilibrato il livello di liquidità presente nel sistema economico attraverso il Tapering, di posticipare il primo rialzo dei tassi di interesse previsto fino a qualche tempo fa per la metà del 2015 e oggi atteso per fine anno. D altra parte, in più occasioni, il governatore della FED, Janet Yellen, ha ribadito che l inizio del ciclo di rialzo dei tassi dipenderà dal definitivo consolidamento del quadro economico e dalla sua sostenibilità nel lungo periodo, alimentando previsioni che il prossimo ciclo di politica monetaria sia comunque più limitato per durata ed entità e gestito dalle autorità monetarie anche con l obiettivo di ripristinare una dimensione del bilancio centrale più vicina a livelli di equilibrio. In Area Euro, i segnali di recupero della congiuntura dell ultima parte dell anno 2014 sono proseguiti nel primo trimestre del 2015, con una crescita in termini aggregati di soli 0,4% rispetto al trimestre precedente (1% vs primo trimestre 2014), che, come atteso, si è progressivamente diffusa dai paesi core a quelli periferici (Germania 1,1%, Francia 0,7%, Italia 0,1%, Spagna 2,7%, Portogallo 1,5%), anche per via dell attuazione di nuove misure di politica monetaria della BCE che stanno contribuendo ad allentare le condizioni finanziarie in generale e ad 2

4 agevolare l accesso al credito delle imprese. Inoltre, i progressi compiuti nei risanamenti dei conti pubblici e nelle riforme strutturali, in particolare, in paesi come Spagna e Portogallo che stanno sperimentando un significativo miglioramento della fiducia di imprenditori e consumatori, hanno esercitato un impatto favorevole sulla crescita. A ciò si aggiungano il calo del prezzo del petrolio, che ha rafforzato la dinamica del reddito disponibile reale e la redditività delle imprese e l indebolimento del tasso di cambio dell Euro, che ha favorito le esportazioni e contribuito al nuovo aumento dell inflazione complessiva, la quale, dopo aver raggiunto un punto di minimo all inizio dell anno (-0,6%), ha ricominciato a salire molto lentamente per raggiungere lo 0,3% nel maggio scorso guidata dall aumento di tutte le componenti principali. Proprio l obiettivo di riportare in tempi ragionevoli l inflazione su livelli prossimi al target del 2%, ha spinto la BCE ad annunciare nel gennaio 2015 l avvio del Quantitative Easing (QE), ovvero del piano di acquisto di titoli del debito pubblico da parte della Banca Centrale, per un ammontare mensile di circa 60 miliardi, che avrà durata almeno fino a settembre 2016, per un totale di miliardi. I titoli interessati (titoli di stato, ma anche titoli indicizzati all inflazione, agenzie, sovra nazionali e titoli a tasso variabile) hanno scadenze fra 2 e 30 anni circa. La BCE non potrà acquistare più del 25% di ciascuna emissione dei titoli sul mercato e non potrà superare attraverso tali acquisti il 33% del debito di ciascun Paese. Gli acquisti saranno effettuati in base alla quota di ogni Banca Centrale nazionale nel capitale della BCE e seguiranno un criterio di ripartizione del rischio per cui le Banche Centrali dei Paesi interessati garantiranno una quota pari all 80% del totale, mente il rimanente 20% sarà condiviso tra Banche nazionali e BCE. Dal Quantitative Easing, attivo dallo scorso marzo, sono esclusi i titoli di stato greci, di cui Francoforte detiene già ben più del 33%; pertanto gli istituti di credito Greci dovranno continuare a gestire l emergenza creditizia attraverso ELA (Emergency Liquidity Assistance), vale a dire disponendo di una linea di credito di emergenza concessa dalla BCE, in attesa che si concretizzino le condizioni per l estensione del piano di salvataggio. Tali condizioni, che il governo di Tsipras (a capo del partito Syriza, entrato in carica lo scorso gennaio) sta negoziando con i principali creditori internazionali (EU, BCE e FMI), riguardano una serie di misure correttive e di riforme per ridurre il debito e garantirne la sostenibilità, contrastare l evasione fiscale e controllare la spesa pubblica, ma l incertezza sull esito delle trattative tuttora in corso resta molto elevata. Nell ambito del piano di Quantitative Easing gli acquisti complessivi di titoli pubblici italiani saranno pari a circa 150 miliardi di Euro, e i primi effetti positivi di tali acquisti sono già visibili, ad esempio attraverso il miglioramento delle condizioni di offerta del credito alle imprese. Negli ultimi mesi, infatti, i tassi d interesse medi sono scesi, pur restando superiori ai corrispondenti valori per l Area Euro, e la flessione dei prestiti alle famiglie si è arrestata. A ciò si aggiunga che le banche italiane hanno fatto ampio ricorso alla terza operazione mirata di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO), fattore che può contribuire all espansione del credito sempre con l obiettivo finale di supportare la crescita, tornata positiva nel primo trimestre del 2015 dopo più di un anno di contrazione. A livello di conti nazionali, nei primi mesi del 2015, si sono confermate l espansione dei consumi delle famiglie italiane, l accelerazione delle esportazioni e una lieve ripresa dell accumulazione di capitale. Il tasso di disoccupazione si è lievemente ridotto pur rimanendo sopra il 12% (superiore all 11,1% medio dell Euro zona), prefigurando nel medio termine un lieve miglioramento delle prospettive occupazionali, a cui potrebbero aver concorso gli sgravi contributivi introdotti nel mese di gennaio e la disciplina prevista dal Jobs Act, in vigore da marzo scorso. Come per il resto dell Area Euro, anche in Italia la dinamica dei prezzi è rimasta molto debole: nei primi mesi del 2015 l inflazione al consumo è stata pressoché nulla, ma è verosimile che il punto di minimo possa essere stato già oltrepassato e pertanto i rischi di deflazione si confermano in calo. Mercati Nel primo semestre del 2015 i principali listini azionari internazionali hanno proseguito nella fase di rialzo degli ultimi anni. S&P 500 e Dax hanno raggiunto nuovi massimi storici, il listino tecnologico statunitense Nasdaq ha superato il precedente record toccato appena prima del crollo delle dotcom del 2000, il Nikkei 225 si è attestato sui livelli massimi degli ultimi 15 anni, Eurostoxx 50 e FTSE 100 hanno raggiunto i massimi degli ultimi 7-8 anni. Tutti i listini azionari hanno beneficiato di un 3

5 contesto macroeconomico favorevole a livello globale, di condizioni monetarie accomodanti, dell espansione degli utili societari ed, infine, di una migliore attrattività relativa dell asset class azionaria rispetto a quella obbligazionaria (quest ultima caratterizzata da rendimenti estremamente bassi su base storica). Il miglior andamento del listino europeo rispetto a quello statunitense, che dopo i massimi di maggio 2015 è tornato sui livelli di inizio anno, è imputabile non soltanto alle attese di un miglioramento del ciclo economico in Euro zona dopo anni di stagnazione, ma anche all espansione degli utili societari che dovrebbero beneficiare sia dell indebolimento del cambio, sia di un costo di finanziamento da parte delle società estremamente basso. Il mercato dei titoli governativi europei è stato caratterizzato nella prima parte del semestre 2015 da una significativa riduzione dei rendimenti sui titoli di stato, sia core che periferici, determinata dall annuncio del QE da parte della BCE, dall inaspettato rallentamento del PIL USA e dalla discesa repentina e significativa dei prezzi delle materie prime. Quest ultimo fenomeno, in particolare, ha significativamente contribuito alla discesa delle attese sull inflazione alimentando rischi di deflazione. A ciò si è aggiunta la percezione di una scarsità relativa dei titoli governativi, alla luce dell ammontare significativo degli acquisti mensili della BCE per diversi Paesi EU, che ha guidato il rally dei governativi europei fino al 20 aprile 2015, quando il Bund 10Y ha raggiunto un livello minimo inferiore a 0,08% con la curva tedesca caratterizzata da rendimenti negativi fino alla scadenza 9Y (il minimo del BTP 10Y è stato raggiungo a marzo: 1,13%). Successivamente, il miglioramento dei dati macroeconomici in Euro zona, unito a un moderato rialzo del prezzo del petrolio e quindi a prospettive di miglioramento dello scenario inflazionistico, ha determinato nella seconda parte del trimestre un rialzo significativo dei rendimenti. L aumento si è concentrato sulle scadenze più lunghe, contribuendo ad un movimento di irripidimento della curva. La dinamica degli spread tra paesi core e periferici è stata influenzata nel corso del primo semestre 2015 dalle difficoltà legate alle negoziazioni tra il nuovo governo greco e i principali creditori (BCE/IMF/EU). A partire dalle elezioni di gennaio 2015, la tensione tra le istituzioni creditrici ed il governo ellenico è stata crescente, frenata solo temporaneamente dall estensione degli aiuti concordata nel mese di febbraio, che ha determinato una discesa dello spread BTP Bund sulla scadenza a 10 anni da 140 punti base ad inizio anno fino a 85 punti base. In seguito, l emergere delle incertezze su una possibile ristrutturazione non concordata del debito greco ha provocato un progressivo ampliamento dello spread fino a circa 150 punti base. Nel corso del primo semestre 2015, il Treasury americano ha registrato un graduale aumento del rendimento, dal 2% al 2,40%, legato principalmente alla crescente evidenza, nella seconda parte del 2015, dell inizio di un ciclo di rialzo dei tassi di politica monetaria da parte della FED. Il mercato dei corporate bond ha registrato, nella prima parte del semestre 2015, una evoluzione positiva sia in termini di restringimento degli spread di credito, sia di riduzione dei rendimenti assoluti determinata dall avvio del QE da parte della BCE, il quale ha indirettamente influenzato in modo positivo anche l asset class delle obbligazioni societarie. Nella seconda parte del semestre, invece, in concomitanza con il repentino incremento dei tassi risk-free e l aumento delle tensioni riconducibili al negoziato sul debito greco, si è assistito ad una fase di realizzazioni di profitti con moderato allargamento degli spread di credito (i quali hanno raggiunto livelli lievemente superiori a quelli di inizio anno) e ad un aumento dei rendimenti assoluti. Per quanto riguarda la valuta europea, nei primi mesi del 2015 l Euro ha continuato ad indebolirsi progressivamente (il cambio vs dollaro USA è sceso da 1,20 circa di inizio gennaio a 1,05 circa di metà marzo), complice una sempre più spiccata dicotomia nelle attese sull evoluzione della politica monetaria in Europa, ultra espansiva, e in USA, neutrale, in attesa dell inizio del trend restrittivo. Successivamente, la valuta europea ha recuperato una parte dell indebolimento tornando verso 1,15 sulla scia di un visibile consolidamento della crescita in Europa e di un evoluzione del ciclo USA ben sotto le attese nel primo trimestre 2015, elemento che ha contribuito a spostare le aspettative sulla prima mossa restrittiva della FED da Giugno 2015 a fine anno. 4

6 PRINCIPALI INDICI DI MERCATO Azionario Variazioni* USA S&P 500 Index (Dollaro USA) -0,83% Dow Jones (Dollaro USA) -2,02% Nasdaq (Dollaro USA) 4,38% Europa Eurostoxx 50 Index (Euro) 9,19% DAX Index (Euro) 11,62% CAC 40 Index (Euro) 12,83% FTSE 100 (Sterlina) -0,40% Pacifico Nikkei (Yen) 15,96% Hang Seng Index (Dollaro HKD) 11,70% Italia FTSE Mib (Euro) 18,14% Obbligazionario Variazioni** Europa Germania 1-3 anni (Euro) 0,15% Germania 3-5 anni (Euro) 0,01% Germania 7-10 anni (Euro) -1,25% Italia Italia 1-3 anni (Euro) 0,42% Italia 3-5 anni (Euro) 0,14% Italia 7-10 anni (Euro) -2,26% Corporate Europa Citigroup Eurobig 1-3 0,24% Citigroup Eurobig ,31% Citigroup Eurobig ,13% * Variazioni dei prezzi dal 30 dicembre 2014 al 30 giugno 2015 (fonte Bloomberg). **Variazioni complessive calcolate in base ai livelli degli indici di settore Citigroup (fonte Bloomberg); gli indici obbligazionari sono rappresentativi dell andamento dei titoli con scadenza all interno del segmento considerato (1-3 anni, 3-5 anni, 7-10 anni) PRINCIPALI TASSI DI CAMBIO CONTRO EURO Variazioni* Dollaro USA/Euro -8,26% Yen/Euro -9,24% Sterlina/Euro -6,23% *Variazioni dei prezzi dal 30 dicembre 2014 al 30 giugno 2015, (fonte Bloomberg). Prospettive La crescita si sta traslando progressivamente dalle economie emergenti, in rallentamento, a quelle avanzate in lento consolidamento. Un espansione contenuta continuerà a caratterizzare il business cycle globale, coerente con uno scenario inflazionistico sotto controllo per via del persistere di uno scenario benigno sul prezzo delle materie prime. Quanto descritto manterrà i rendimenti dei mercati obbligazionari lontani da livelli assoluti elevati, pur non esonerandoli da temporanee ulteriori fasi di aumento dell incertezza legata all escalation di qualche focolaio di crisi come quella greca o il conflitto tra Russia e Ucraina. Regime di tassazione Per la trattazione dell argomento si rimanda alla sezione del sito: Eventi che hanno interessato i fondi Il Regolamento Unico di Gestione è stato modificato, con effetto dal 1 gennaio 2015, per recepire l'eliminazione di tutti i riferimenti alla distinzione tra Società Promotrice e Società Gestore. Dalla medesima data la Società di Gestione del Risparmio di tutti i Fondi disciplinati dal Regolamento Unico di Gestione è BancoPosta Fondi S.p.A. SGR; con riferimento a tutti i fondi, la SGR ha conferito una delega d'investimento a Pioneer Investment Management SGRpA, ai sensi dell'art. 33 del D. Lgs. 58/98. 5

7 FONDI BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO EURO BREVE TERMINE Il fondo ha evidenziato nel primo semestre 2015 una variazione negativa pari allo 0,21% rispetto ad una variazione positiva dello 0,16% del benchmark. Entrambe le performance sono espresse al lordo dell effetto fiscale. Il semestre è stato caratterizzato da un generalizzato rialzo dei tassi di rendimento governativi a lungo termine, pur se gli andamenti dei corsi obbligazionari non sono stati unidirezionali nel corso del periodo di riferimento. Nella prima parte del semestre la decisione della BCE di avviare il cosiddetto Quantitative Easing, ovvero l'acquisto di attività finanziarie, ha fornito un supporto generalizzato al mercato obbligazionario europeo. Nella riunione del 22 gennaio la BCE ha infatti annunciato il cosiddetto Expanded Asset Purchase Program, sorprendendo il mercato per dimensione ed estensione temporale della misura. Il piano, implementato a partire dal 9 marzo, prevede acquisti mensili di titoli pubblici e privati per un ammontare pari a 60 mld. Gli acquisti verranno realizzati sull orizzonte temporale marzo settembre 2016 e comunque fino a quando si raggiungerà un sostenuto aggiustamento nel sentiero dell inflazione verso l obiettivo della BCE di un tasso di inflazione inferiore ma prossimo al 2% nel medio termine. In tale contesto favorevole, le trattative tese tra il Governo greco e i creditori internazionali finalizzate al raggiungimento di un nuovo accordo non hanno penalizzato i titoli di Stato degli altri paesi cosiddetti periferici. Anche il mercato obbligazionario USA ha beneficiato di un movimento al ribasso dei rendimenti a lungo termine, sulla scia di dati economici inferiori alle attese e dell'orientamento accomodante della FED. A partire dal mese di aprile, il mercato obbligazionario europeo cosiddetto "core" è stato caratterizzato da un incremento dei rendimenti sulla parte lunga della curva. Alla base di tale andamento sia i segnali positivi derivanti dagli indici di fiducia sia, soprattutto, una revisione al rialzo delle aspettative di inflazione in risposta alla politica accomodante della BCE. La tendenza al ribasso si è estesa al mercato obbligazionario USA, soprattutto sulle scadenze a lungo termine, conseguenza anche del posizionamento del mercato. I titoli di Stato europei cosiddetti periferici sono stati penalizzati inoltre dalle crescenti preoccupazioni per lo stallo delle trattative tra Grecia e creditori internazionali che si sono amplificate nella parte finale del semestre. A fine giugno 2015, dopo settimane di trattative serrate e di accese discussioni, la possibilità di raggiungere il compromesso dell ultimo minuto è infatti svanita con l annuncio della decisione del Governo greco di indire il referendum sull ultima proposta formulata dai creditori internazionali. L'incertezza che ne è derivata ha alimentato la volatilità sui mercati finanziari, sebbene di intensità molto più contenuta rispetto alle precedenti fasi di crisi del 2011 e Il secondo trimestre è stato altresì caratterizzato da un movimento al rialzo dei tassi a lungo termine, con conseguente irripidimento della curva in un contesto di sostanziale stabilità dei tassi di rendimento a breve. Con riferimento al mercato obbligazionario societario europeo, il segmento a più alto merito di credito ha registrato andamenti negativi, a fronte di tassi di riferimento in aumento. I titoli a più basso merito di credito hanno invece beneficiato della fiducia nella dinamica del ciclo economico. Nel semestre, il portafoglio del fondo è stato investito principalmente in titoli governativi di paesi dell Area Euro (significativa l esposizione verso i governativi italiani, contenuta l esposizione verso i governativi francesi e spagnoli, residuale l esposizione verso i governativi tedeschi, olandesi, belgi, austriaci, finlandesi e irlandesi) e in obbligazioni societarie. Sono state inoltre effettuate operazioni in derivati. Nel semestre, il fondo ha mantenuto un investimento medio pari a circa il 78,9% in titoli governativi ed assimilati e pari a circa il 20,4% in obbligazioni societarie, con un incremento dal livello di circa il 20,2% di fine 2014 al livello del 21% di fine giugno La preferenza per i finanziari, in particolare subordinati, già presente a fine 2014, è stata mantenuta nel periodo. L operatività del fondo si è concentrata sia sulla gestione attiva dell esposizione al rischio paese all interno della componente governativa che sulla gestione della duration di portafoglio. Va tuttavia riconosciuto che l orientamento estremamente accomodante della BCE, comprimendo verso livelli prossimi alla zero le aspettative sul tasso di politica monetaria su un periodo di tempo prolungato, rende più complesso in questo particolare momento di mercato, le 6

8 opportunità di gestione, anche tattica, della duration. Con riferimento all Italia, l esposizione in termini di duration è rimasta neutrale su tutto il periodo di riferimento nella considerazione che i rendimenti a breve, più sensibili alla politica monetaria, sono compressi su livelli storicamente bassi, con limitati spazi di movimenti. Con riferimento alla Germania, l esposizione in termini di duration è risultata su un livello prossimo a quello del benchmark nella prima parte del periodo. Alla base di tale scelta il riconoscimento che l orientamento estremamente accomodante della BCE aveva già compresso su livelli bassi i tassi di rendimento a breve termine, limitandone gli spazi di movimenti. A partire da maggio è stata adottata una posizione direzionale marginalmente corta sulla parte a medio termine della curva dei rendimenti tedesca. I livelli dei rendimenti storicamente bassi; il posizionamento lungo degli operatori internazionali sul mercato obbligazionario europeo, con implicazioni in termini di prese di profitto nelle fasi di tensione dei mercati; la scarsa liquidità, che determina movimenti ampi e, in ultimo, le aspettative di miglioramenti della congiuntura economica e dell inflazione sono i fattori alla base di tale decisione. Su tutto il semestre, l esposizione in termini di duration alla Spagna è stata mantenuta su livelli prossimi a quelli del benchmark. Sono state mantenute a zero le esposizioni ai titoli governativi di Grecia e Portogallo. Con riferimento alla duration complessiva di portafoglio la duration media del portafoglio sul semestre è stata pari a circa 13 mesi, valore marginalmente inferiore al benchmark (pari a circa 14 mesi) La duration del portafoglio comprensiva dei derivati - al 30 giugno 2015 risultava pari ad 11 mesi, pari ad 1 anno e 2 mesi la duration del benchmark (50% MTS BOT, 50% Citigroup Euro Big 1-3). Nel semestre, la performance assoluta del fondo è stata influenzata dal basso livello dei rendimenti di mercato e dalle limitate opportunità di investimento legate alla scarsa volatilità su questo segmento della curva. La performance relativa è stata indebolita dalla posizione corta sul titolo di Stato a cinque anni tedesco e dalla selezione titoli nel segmento societario. Al 30 giugno 2015 il 77,4% circa del fondo (valori comprensivi del rateo e percentuali calcolate sul patrimonio netto) risulta investito in titoli governativi ed assimilabili (di cui il 48% circa in titoli di Stato italiani) e il 21% circa in obbligazioni societarie, mentre la parte residuale è investita in liquidità. Alla data sono inoltre presenti esposizioni in derivati (futures su Schatz, Bobl e BTP), che rendono l esposizione netta complessiva inferiore al 100%. In conformità a quanto previsto dal regolamento del fondo, è stato adottato un sistema di valutazione interno del merito creditizio che tiene anche conto, in via non esclusiva, dei giudizi espressi dalle agenzie di rating. Sulla base dei giudizi ottenuti da tale sistema di valutazione interno, allo stato attuale sono presenti nel portafoglio emissioni di non adeguata qualità creditizia in misura residuale. Nel semestre sono state effettuate operazioni in strumenti finanziari derivati, prevalentemente con finalità di copertura, in particolare in futures sul titolo tedesco a 5 anni (Bobl) e sullo Schatz; garantendo una leva non superiore ad 1,3. Prospettive del Fondo L orientamento estremamente accomodante della BCE contribuisce a mantenere bassi i tassi di rendimento sulla parte a breve della curva dei rendimenti europea. Il movimento al rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato dei paesi core nella seconda parte del semestre e prima dell acuirsi della crisi greca, conferma d altra parte l ampio posizionamento lungo degli operatori internazionali sul mercato obbligazionario europeo, con implicazioni in termini di prese di profitto nelle fasi di tensione dei mercati, e la scarsa liquidità, che determina movimenti ampi. Va aggiunto che le azioni di politica monetaria estremamente accomodanti e l orientamento meno restrittivo della politica fiscale si stanno traducendo in un miglioramento, sebbene graduale, del ciclo economico europeo, favorendo un recupero della crescita e dell inflazione che ha un impatto soprattutto sulla parte a medio-lungo termine della curva dei rendimenti. A partire da tali considerazioni, si conferma il mantenimento di una posizione in termini di duration marginalmente negativa. 7

9 Elenco dei principali strumenti finanziari in portafoglio alla data della Semestrale in ordine decrescente di controvalore STRUMENTI FINANZIARI Codice ISIN Controvalore in Euro % incidenza su attività del Fondo BOT 31/07/2015 IT ,655 CTZ 29/04/2016 IT ,974 CTZ 31/12/2015 IT ,950 BOT 14/01/2016 IT ,456 BUNDESOBLIGATION 0,5% 07/04/2017 DE ,663 BTP 2,25% 15/05/2016 IT ,621 BTP 1,15% 15/05/2017 IT ,628 BTP 0,75% 15/01/2018 IT ,454 FRANCE O.A.T. 3,75% 25/04/2017 FR ,432 FRENCH BTAN 1% 25/07/2017 FR ,146 SPANISH GOVT 3,3% 30/07/2016 ES W ,860 SPANISH GOVT 3,8% 31/01/2017 ES J ,820 REP OF AUSTRIA 4% 15/09/2016 AT0000A011T ,816 DEUTSCHLAND REP 4% 04/07/2016 DE ,557 BTP 1,5% 15/12/2016 IT ,509 FRANCE O.A.T. 5% 25/10/2016 FR ,498 RENTENBANK 0,625% 05/09/2016 XS ,338 CASSA DEPOSITI E PRESTITI 1% 26/01/2018 IT ,312 INSTITUTO CREDITO OFICIAL 2,375% 31/10/2015 XS ,301 KFW 0,5% 25/07/2016 DE000A1MBCB ,283 NETHERLANDS GOVT 0,5% 15/04/2017 NL ,238 INTESA SANPAOLO 4,375% 16/08/2016 IT ,097 BK NED GEMEENTEN 2,25% 24/08/2016 XS ,075 SANTAN CON FIN 3,875% 23/03/2016 ES ,075 LA CAIXA 3,5% 31/03/2016 ES ,073 CAISSE AMORT DET 3% 25/02/2016 FR ,998 UBI BANCA 4,5% 22/02/2016 IT ,897 FRENCH BTAN 2,5% 25/07/2016 FR ,808 INSTITUTO CREDITO OFICIAL 4,625% 31/01/2017 XS ,744 BANCO SANTANDER 3,625% 06/04/2017 ES ,741 FADE 1,875% 17/09/2017 ES ,717 BELGIUM 4% 28/03/2018 BE ,699 BANCO BILBAO VIZ 4,25% 18/01/2017 ES ,650 CASSA DEPOSITI E PRESTITI 4,25% 14/09/2016 IT ,637 BELGIAN 3,5% 28/06/2017 BE ,628 NETHERLANDS GOVT 1,25% 15/01/2018 NL ,597 CM - CIC COVERED 3,375% 18/07/2016 FR ,542 BPCE SFH 3,625% 12/05/2016 FR ,540 BANK IRELAND 1,875% 13/05/2017 XS ,539 SOCIETE GENERALE 3,25% 06/06/2016 FR ,539 ING - DIBA 2,75% 29/06/2016 DE000A1KRJA ,538 BEI 0,5% 15/09/2017 XS ,530 EUROPEAN UNION 2,75% 03/06/2016 EU000A1GRYT ,502 SPANISH GOVT 4,5% 31/01/2018 ES Q ,480 EFSF 0,75% 05/06/2017 EU000A1G0BF ,443 LUXOTTICA 4% 10/11/2015 XS ,442 SPANISH GOVT 0,5% 31/10/2017 ES V ,436 INSTITUTO CREDITO OFICIAL 0,5% 15/12/2017 XS ,435 FINNISH GOVT 1,875% 15/04/2017 FI ,308 SOCIETE GENERALE 6,125% 20/08/2018 XS ,304 Di seguito sono dettagliate (in unità di Euro) le variazioni della consistenza del patrimonio in gestione, verificatesi nel corso del primo semestre, dovute a sottoscrizioni (incrementi) e rimborsi (decrementi). Incrementi: Decrementi: a) sottoscrizioni: - sottoscrizioni singole - piani di accumulo - switch in entrata b) rimborsi: - riscatti - piani di rimborso - switch in uscita Raccolta netta del periodo

10 ATTIVITÀ Situazione Patrimoniale al 30/06/2015 SITUAZIONE AL 30/06/2015 Valore complessivo % tot. attività SITUAZIONE A FINE ESERCIZIO PRECEDENTE Valore % complessivo tot. attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,072 A1. Titoli di debito , ,072 A1.1 Titoli di Stato , ,332 A1.2 Altri , ,740 A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R. B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R. C. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI , ,152 C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C 1.1 di cui in Euro C 1.2 di cui in valuta ,054 0, ,152 0,152 C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati C3. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati D. DEPOSITI BANCARI D1. A vista D2. Altri E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITÀ , ,015 F1. Liquidità disponibile F 1.1 di cui in Euro F 1.2 di cui in valuta ,205 7,113 0, ,003 0,926 0,077 F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F 2.1 di cui in Euro F 2.2 di cui in valuta ,001 0, ,012 0,012 F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare F 3.1 di cui in Euro F 3.2 di cui in valuta ,235-5,235 G. ALTRE ATTIVITÀ , ,761 G1. Ratei attivi G2. Risparmio d imposta G3. Altre , ,761 0,000 TOTALE ATTIVITÀ , ,000 9

11 PASSIVITÀ E NETTO SITUAZIONE AL 30/06/2015 Valore complessivo SITUAZIONE A FINE ESERCIZIO PRECEDENTE Valore complessivo H. FINANZIAMENTI RICEVUTI I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati L2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1. Rimborsi richiesti e non regolati M2. Proventi da distribuire M3. Altri N. ALTRE PASSIVITÀ N1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti d imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITÀ VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO NUMERO DELLE QUOTE IN CIRCOLAZIONE , ,198 VALORE UNITARIO DELLE QUOTE 6,658 6,672 MOVIMENTI DELLE QUOTE NEL SEMESTRE Quote emesse ,769 Quote rimborsate ,897 10

12 OBBLIGAZIONARIO EURO MEDIO LUNGO TERMINE Il fondo ha evidenziato nel primo semestre 2015 una variazione negativa dell 1,13% rispetto ad una variazione negativa pari allo 0,84% del benchmark. Entrambe le performance sono espresse al lordo dell effetto fiscale. Il semestre è stato caratterizzato da un generalizzato rialzo dei tassi di rendimento governativi a lungo termine, pur se gli andamenti dei corsi obbligazionari non sono stati unidirezionali nel corso del periodo di riferimento. Nella prima parte del semestre la decisione della BCE di avviare il cosiddetto Quantitative Easing, ovvero l'acquisto di attività finanziarie, ha fornito un supporto generalizzato al mercato obbligazionario europeo. Nella riunione del 22 gennaio la BCE ha infatti annunciato il cosiddetto Expanded Asset Purchase Program, sorprendendo il mercato per dimensione ed estensione temporale della misura. Il piano, implementato a partire dal 9 marzo, prevede acquisti mensili di titoli pubblici e privati per un ammontare pari a 60 mld. Gli acquisti verranno realizzati sull orizzonte temporale marzo settembre 2016 e comunque fino a quando si raggiungerà un sostenuto aggiustamento nel sentiero dell inflazione verso l obiettivo della BCE di un tasso di inflazione inferiore ma prossimo al 2% nel medio termine. In tale contesto favorevole, le trattative tese tra il Governo greco e i creditori internazionali finalizzate al raggiungimento di un nuovo accordo non hanno penalizzato i titoli di Stato degli altri paesi cosiddetti periferici. Anche il mercato obbligazionario USA ha beneficiato di un movimento al ribasso dei rendimenti a lungo termine, sulla scia di dati economici inferiori alle attese e dell'orientamento accomodante della FED. A partire dal mese di aprile, il mercato obbligazionario europeo cosiddetto "core" è stato caratterizzato da un incremento dei rendimenti sulla parte lunga della curva. Alla base di tale andamento sia i segnali positivi derivanti dagli indici di fiducia sia, soprattutto, una revisione al rialzo delle aspettative di inflazione in risposta alla politica accomodante della BCE. La tendenza al ribasso si è estesa al mercato obbligazionario USA, soprattutto sulle scadenze a lungo termine, conseguenza anche del posizionamento del mercato. I titoli di Stato europei cosiddetti periferici sono stati penalizzati inoltre dalle crescenti preoccupazioni per lo stallo delle trattative tra Grecia e creditori internazionali che si sono amplificate nella parte finale del semestre. A fine giugno, dopo settimane di trattative serrate e di accese discussioni, la possibilità di raggiungere il compromesso dell ultimo minuto è infatti svanita con l annuncio della decisione del Governo greco di indire il referendum sull ultima proposta formulata dai creditori internazionali. L'incertezza che ne è derivata ha alimentato la volatilità sui mercati finanziari, sebbene di intensità molto più contenuta rispetto alle precedenti fasi di crisi del 2011 e Il secondo trimestre è stato altresì caratterizzato da un movimento al rialzo dei tassi a lungo termine, con conseguente irripidimento della curva in un contesto di sostanziale stabilità dei tassi di rendimento a breve. Con riferimento al mercato obbligazionario societario europeo, il segmento a più alto merito di credito ha registrato andamenti negativi, a fronte di tassi di riferimento in aumento. I titoli a più basso merito di credito hanno invece beneficiato della fiducia nella dinamica del ciclo economico. Nel semestre, il portafoglio del fondo è stato investito principalmente in titoli governativi di Paesi dell Area Euro (principalmente italiani, tedeschi, francesi e spagnoli) ed in obbligazioni societarie. Sono state inoltre effettuate operazioni in derivati. Nel semestre, il fondo ha mantenuto un investimento medio pari a circa il 78,4% in titoli governativi ed assimilati. Il fondo ha mantenuto un investimento medio pari a circa il 19,7% in obbligazioni societarie, con una variazione dal livello del 17,7% di fine 2014 al livello di 19,2% di fine giugno. La preferenza verso i finanziari, in particolare subordinati, già presente a fine 2014, è stata mantenuta fino alla fine del semestre. Nel corso del periodo di riferimento sono state costruite posizioni corte sugli indici obbligazionari societari che si sono tradotte in una esposizione netta più contenuta soprattutto nella seconda parte del semestre. L operatività del fondo si è concentrata soprattutto sulla gestione attiva dell esposizione al rischio paese all interno della componente governativa e sulla gestione della duration di portafoglio. Con riferimento alla gestione del rischio paese, a gennaio è stata aperta una posizione direzionale corta sul titolo governativo decennale tedesco (circa 3 mesi). Alla base di tale decisione la considerazione che i tassi di rendimento europei a lungo termine, su livelli storicamente bassi nei mercati core, stessero già incorporando attese di un tasso ufficiale su livelli bassi per un lungo periodo di tempo, ulteriormente compressi verso il basso 11

13 dall attesa, prima, e dall annuncio, poi, del Quantitative Easing da parte della BCE. I fattori citati venivano visti come limiti agli spazi per ulteriori cali dei tassi di rendimento core europei. Le esperienze di Quantitative Easing di altre Banche Centrali, come ad esempio la FED, supportavano inoltre l ipotesi di movimento verso l alto della curva dei rendimenti dopo l annuncio della misura non convenzionale da parte della BCE. Va aggiunto che le azioni di politica monetaria estremamente accomodanti e l enfasi posta sull orientamento meno restrittivo della politica fiscale si riteneva potessero determinare un miglioramento, sebbene graduale, del ciclo economico, favorendo un recupero dell inflazione. La parte a lungo termine della curva europea avrebbe pertanto potuto subire l effetto di un incremento del premio al rischio richiesto dagli investitori, anche in risposta all attesa dinamica di aumento dei tassi di rendimento USA. Nel mese è stata inoltre confermata la posizione corta sul titolo di Stato Usa a 5 anni attraverso put ed è stata aperta una posizione corta in futures sul titolo di Stato Usa a 2 anni. Si riteneva infatti che il quadro di crescita in miglioramento fosse coerente con la prosecuzione del processo di normalizzazione della politica monetaria, sebbene graduale e vincolato all evoluzione dello scenario economico. Si riteneva che ciò avrebbe determinato un movimento verso l alto della curva dei rendimenti Usa, in particolare della parte media. Coerentemente con tali considerazioni, nel mese di febbraio è stata inserita una posizione corta sul titolo di Stato Usa a 5 anni tramite futures. Confermata nel mese di marzo secondo le direttrici indicate, ad aprile l esposizione al rischio paese è stata caratterizzata da un incremento della posizione direzionale corta sul titolo governativo a dieci tedesco (incrementata a circa 6,8 mesi). Le posizioni corte citate sono imputabili anche a posizioni corte adottate a fine aprile sulla base di valutazioni tattiche nell ambito di strategie che utilizzano modelli di analisi di trend e analisi tecnica. A maggio la posizione relative corto Italia lungo Germania sulla scadenza a 10 anni, aperta a fine 2014, è stata incrementata (circa 3 mesi). La situazione di incertezza legata alla crisi greca si innesta infatti in un contesto di scarsa liquidità del mercato e posizionamento degli investitori generalmente a favore dei paesi periferici europei. Questi fattori potrebbero amplificare i movimenti del mercato, con conseguente ampliamento degli spread. L intervento contenitivo della BCE nelle situazioni di stress, non annullando del tutto tale ampliamento, dovrebbe favorire una eventuale stabilizzazione degli spread solo su livelli più alti. A inizio giugno è stata inoltre implementata una strategia corto Spagna / lungo Germania sulla scadenza a 10 anni. Alla base di tale decisione la considerazione esposta precedentemente a cui va aggiunto un corollario specifico per il paese, ovvero l incertezza per l esito delle elezioni parlamentari di fine anno. Un eventuale rafforzamento del partito Podemos, che ha già registrato un buon risultato nelle recenti elezioni amministrative, potrebbe avere un impatto sulle valutazioni dei titoli di Stato spagnoli. Nel semestre, sono state mantenute a zero le esposizioni ai titoli governativi di Grecia e Portogallo ed è stata mantenuta una posizione di neutralità rispetto al benchmark sui titoli di Stato spagnoli. Per quanto riguarda la gestione della duration di portafoglio, nel mese di gennaio è stata ridotta dal livello di circa 5 anni di fine 2014 al livello di 4,64 (livello del benchmark 4,89) a fronte dell apertura della posizione direzionale corta sul titolo governativo a 10 anni tedesco (circa 3 mesi) e dell apertura della posizione corta in futures sul titolo di Stato Usa a 2 anni. Nel mese di febbraio la duration del portafoglio è stata ulteriormente ridotta a 4,49, a fronte dell apertura della posizione corta sul titolo di Stato USA a 5 anni tramite futures. Nel mese di marzo l indicatore è passato al livello di 4,87. L incremento della duration è da imputare al fatto che le posizioni corte citate nei paragrafi precedenti sono state compensate da posizioni lunghe adottate sulla base di valutazioni tattiche nell ambito di strategie che utilizzano modelli di analisi di trend e analisi tecnica. Anche le strategie di investimento sull inflazione, caratterizzate da posizioni che beneficiano delle attese di recupero dell inflazione dai livelli storicamente bassi raggiunti, sono alla base dell incremento della duration. Il livello della duration è sceso al livello di 4,22 nel mese di aprile a fronte dell incremento della posizione direzionale corta sul titolo governativo a dieci anni tedesco (incrementata a circa 6,8 mesi). A 4,29 nel mese di maggio, la duration ha chiuso il semestre al livello di 4 anni circa (livello del benchmark 4,78). Alla base di tale andamento l apertura della posizioni relative corte sulla Germania. Nel semestre, il fondo ha registrato una performance negativa in termini assoluti e inferiore al benchmark. La performance assoluta 12

14 negativa è stata determinata dal generalizzato rialzo dei tassi di rendimento. La performance relativa è stata invece indebolita principalmente dalle posizioni di corto di duration sulla curva USA a breve termine e da strategie basate su modelli quantitativi. La duration del portafoglio comprensiva dell impatto dei derivati - al 30 giugno 2015 risultava parti a 4 anni e 1 mese, pari a 4 anni e 9 mesi la duration del benchmark (25% MTS BoT, 75% Citigroup Euro Big). Al 30 giugno 2015, il 79,4% (valori comprensivi del rateo e percentuali calcolate sul patrimonio) circa del fondo risulta investito in titoli governativi ed assimilabili (il 18% circa in titoli di Stato italiani), il 19,2% circa in obbligazioni societarie, mentre la parte residuale è investita in liquidità. Alla data sono inoltre presenti esposizioni in derivati (futures). In conformità a quanto previsto dal regolamento del fondo, è stato adottato un sistema di valutazione interno del merito creditizio che tiene anche conto, in via non esclusiva, dei giudizi espressi dalle agenzie di rating. Sulla base dei giudizi ottenuti da tale sistema di valutazione interno, allo stato attuale sono presenti nel portafoglio emissioni di non adeguata qualità creditizia in misura residuale. Nel semestre sono state effettuate operazioni in strumenti finanziari derivati principalmente con finalità di investimento: in particolare in futures sul titolo italiano a 10 anni, sul titolo USA a 5 anni e sul titolo USA a 2 anni, sulla curva tedesca, inglese e francese, mantenendo un livello di leva non superiore a 1,4. Prospettive del Fondo Continui aggiornamenti delle aspettative degli operatori sia sul quadro macro che, contestualmente, sull evoluzione della politica monetaria delle principali banche centrali possono determinare movimenti marcati dei corsi obbligazionari core. Tale contesto di riferimento enfatizza ulteriormente l importanza di un approccio a matrice che, sviluppato su una pluralità di strategie con un basso livello di correlazione, permette lo sviluppo delle scelte di investimento in un ottica di oculata diversificazione e gestione del rischio. Con riferimento agli Usa si ritiene che la dinamica del ciclo economico risulti coerente con il processo di normalizzazione della politica monetaria. Ciò dovrebbe determinare un movimento verso l alto della parte media della curva dei rendimenti, in un contesto di maggiore volatilità. Con riferimento all Europa, la situazione di incertezza legata alla crisi greca supporta il posizionamento prudente. Si ritiene infatti che la reazione del mercato possa essere asimmetrica, con eventuali incrementi delle quotazioni negli scenari più favorevoli meno consistenti rispetto ad eventuali cali delle quotazioni nel caso di manifestazione di eventi estremi. La situazione di incertezza si innesta infatti in un contesto di scarsa liquidità del mercato e posizionamento degli investitori generalmente a favore dei paesi periferici europei. Questi fattori potrebbero amplificare i movimenti del mercato, con conseguente ampliamento degli spread. L intervento contenitivo della BCE nelle situazioni di stress, non annullando del tutto tale ampliamento, dovrebbe favorire una eventuale stabilizzazione degli spread solo su livelli più alti. A partire da tali scenari, si conferma il mantenimento della posizione corto BTP / lungo Bund, incrementata a maggio e l inserimento della posizione corto Spagna/lungo Germania sulla scadenza a 10 anni. La posizione direzionale corta sul titolo governativo a 10 anni tedesco è invece riconducibile alla convinzione che, dopo l atteso periodo di incremento di volatilità, il mercato si focalizzi nuovamente sul miglioramento della crescita e dell inflazione. Le attese di recupero dell inflazione forniscono inoltre supporto alle strategie che beneficiano di tali movimenti (posizioni costruite via swap, future e titoli legati all inflazione). 13

15 Elenco dei principali strumenti finanziari in portafoglio alla data della Semestrale in ordine decrescente di controvalore STRUMENTI FINANZIARI Codice ISIN Controvalore in Euro % incidenza su attività del Fondo SWEDEN GOVT 3,75% 12/08/2017 SE ,646 BTP 4,5% 01/03/2026 IT ,528 BTP 4% 01/02/2017 IT ,430 DEUTSCHLAND I/L 0,1% 15/04/2023 DE ,999 DEUTSCHLAND REP 2,5% 04/01/2021 DE ,944 NORWEGIAN GOVT 4,25% 19/05/2017 NO ,749 CTZ 29/04/2016 IT ,296 BTP 4,75% 01/09/2021 IT ,115 SPANISH GOVT 3,25% 30/04/2016 ES X ,888 FRANCE O.A.T. 4% 25/04/2018 FR ,837 DEUTSCHLAND REP 0,5% 15/02/2025 DE ,800 FRANCE O.A.T. 1% 25/11/2018 FR ,680 DEUTSCHLAND REP 1,75% 15/02/2024 DE ,660 DEUTSCHLAND REP 4,75% 04/07/2028 DE ,526 FRANCE O.A.T. 1,75% 25/05/2023 FR ,356 BTP 2,5% 01/05/2019 IT ,334 FRANCE O.A.T. 4,75% 25/04/2035 FR ,317 FRANCE O.A.T. 2,5% 25/10/2020 FR ,269 BUNDESOBLIGATION 1% 22/02/2019 DE ,253 DEUTSCHLAND I/L 0,1% 15/04/2026 DE ,152 FRANCE O.A.T. 3,5% 25/04/2026 FR ,136 BTP 0,75% 15/01/2018 IT ,100 BUNDESOBLIGATION 0,75% 24/02/2017 DE ,055 BTP 5% 01/09/2040 IT ,012 SPANISH GOVT 5,5% 30/04/2021 ES B ,950 IRISH GOVT 3,4% 18/03/2024 IE00B6X95T ,892 DEUTSCHLAND REP 2,5% 04/07/2044 DE ,882 SPANISH GOVT 2,1% 30/04/2017 ES I ,832 FRENCH BTAN 1% 25/07/2017 FR ,826 FRANCE O.A.T. 4,5% 25/04/2041 FR ,797 SPANISH GOVT 3,75% 31/10/2018 ES B ,748 NETHERLANDS GOVT 2,25% 15/07/2022 NL ,734 BTP 3,5% 01/03/2030 IT ,727 CAISSE AMORT DET 2,375% 25/01/2024 FR ,693 KFW 2,125% 15/08/2023 DE000A1R07S ,693 BTP 4,75% 01/09/2044 IT ,680 IRISH GOVT 3,9% 20/03/2023 IE00B4S3JD ,660 RENTENBANK 1,875% 11/05/2020 XS ,647 SPANISH GOVT 5,15% 31/10/2044 ES H ,630 REP OF AUSTRIA 1,95% 18/06/2019 AT0000A0VRF ,617 IRISH GOVT 2,4% 15/05/2030 IE00BJ38CR ,612 BEI 1,5% 15/07/2020 XS ,611 NETHERLANDS GOVT 1,25% 15/01/2018 NL ,609 FINNISH GOVT 1,125% 15/09/2018 FI ,599 REP OF AUSTRIA 3,4% 22/11/2022 AT0000A0U3T ,582 BELGIAN 4,25% 28/09/2022 BE ,568 EUROPEAN UNION 1,875% 04/04/2024 EU000A1ZE ,565 IRISH GOVT 5,9% 18/10/2019 IE00B6089D ,542 ESM 1,25% 15/10/2018 EU000A1U98Z ,539 INSTITO CREDITO OFFICIAL 4,75% 30/04/2020 XS ,534 BELGIAN 4,5% 28/03/2026 BE ,515 Di seguito sono dettagliate (in unità di Euro) le variazioni della consistenza del patrimonio in gestione, verificatesi nel corso del primo semestre, dovute a sottoscrizioni (incrementi) e rimborsi (decrementi). Incrementi: Decrementi: a) sottoscrizioni: - sottoscrizioni singole - piani di accumulo - switch in entrata b) rimborsi: - riscatti - piani di rimborso - switch in uscita Raccolta netta del periodo

16 ATTIVITÀ Situazione Patrimoniale al 30/06/2015 SITUAZIONE AL 30/06/2015 Valore complessivo % tot. attività SITUAZIONE A FINE ESERCIZIO PRECEDENTE Valore % complessivo tot. attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,092 A1. Titoli di debito , ,092 A1.1 Titoli di Stato , ,989 A1.2 Altri , ,103 A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R. B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI ,106 B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R ,106 C. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI , ,399 C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C 1.1 di cui in Euro C 1.2 di cui in valuta ,564 0,445 0, ,377 0,296 0,081 C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati C 2.1 di cui in Euro C 2.2 di cui in valuta ,022 0,022 C3. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati D. DEPOSITI BANCARI D1. A vista D2. Altre E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITÀ , ,090 F1. Liquidità disponibile F 1.1 di cui in Euro F 1.2 di cui in valuta ,496 1,358 0, ,162 1,909 0,253 F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F 2.1 di cui in Euro F 2.2 di cui in valuta ,249 10,373 0, ,616 4,616 F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare F 3.1 di cui in Euro F 3.2 di cui in valuta ,310-0,934-10, ,688-0,065-4,623 G. ALTRE ATTIVITÀ , ,419 G1. Ratei attivi , ,283 G2. Risparmio d imposta G3. Altre , ,136 TOTALE ATTIVITÀ , ,000 15

17 PASSIVITÀ E NETTO SITUAZIONE AL 30/06/2015 Valore complessivo SITUAZIONE A FINE ESERCIZIO PRECEDENTE Valore complessivo H. FINANZIAMENTI RICEVUTI I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati L2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1. Rimborsi richiesti e non regolati M2. Proventi da distribuire M3. Altri N. ALTRE PASSIVITÀ N1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti d imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITÀ VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO NUMERO DELLE QUOTE IN CIRCOLAZIONE , ,590 VALORE UNITARIO DELLE QUOTE 8,312 8,407 MOVIMENTI DELLE QUOTE NEL SEMESTRE Quote emesse ,327 Quote rimborsate ,208 16

18 MIX 1 Nel primo semestre 2015, il fondo ha evidenziato una variazione positiva pari allo 0,81% rispetto ad una variazione positiva dello 0,57% del benchmark. Entrambe le performance sono espresse al lordo dell effetto fiscale. Il semestre è stato caratterizzato da un generalizzato rialzo dei tassi di rendimento governativi a lungo termine e da dinamiche positive dei mercati azionari, pur se gli andamenti delle attività finanziarie non sono stati unidirezionali nel corso del periodo di riferimento. Nella prima parte del semestre la decisione della BCE di avviare il cosiddetto Quantitative Easing, ovvero l'acquisto di attività finanziarie, ha fornito un supporto generalizzato al mercato obbligazionario europeo. Nella riunione del 22 gennaio la BCE ha infatti annunciato il cosiddetto Expanded Asset Purchase Program, sorprendendo il mercato per dimensione ed estensione temporale della misura. Il piano, implementato a partire dal 9 marzo, prevede acquisti mensili di titoli pubblici e privati per un ammontare pari a 60 mld. Gli acquisti verranno realizzati sull orizzonte temporale marzo settembre 2016 e comunque fino a quando si raggiungerà un sostenuto aggiustamento nel sentiero dell inflazione verso l obiettivo della BCE di un tasso di inflazione inferiore ma prossimo al 2% nel medio termine. In tale contesto favorevole, le trattative tese tra il Governo greco e i creditori internazionali finalizzate al raggiungimento di un nuovo accordo non hanno penalizzato i titoli di Stato degli altri paesi cosiddetti periferici. Anche il mercato obbligazionario USA ha beneficiato di un movimento al ribasso dei rendimenti a lungo termine, sulla scia di dati economici inferiori alle attese e dell'orientamento accomodante della FED. A partire dal mese di aprile, il mercato obbligazionario europeo cosiddetto "core" è stato caratterizzato da un incremento dei rendimenti sulla parte lunga della curva. Alla base di tale andamento sia i segnali positivi derivanti dagli indici di fiducia sia, soprattutto, una revisione al rialzo delle aspettative di inflazione in risposta alla politica accomodante della BCE. La tendenza al ribasso si è estesa al mercato obbligazionario USA, soprattutto sulle scadenze a lungo termine, conseguenza anche del posizionamento del mercato. I titoli di Stato europei cosiddetti periferici sono stati penalizzati inoltre dalle crescenti preoccupazioni per lo stallo delle trattative tra Grecia e creditori internazionali che si sono amplificate nella parte finale del semestre. A fine giugno, dopo settimane di trattative serrate e di accese discussioni, la possibilità di raggiungere il compromesso dell ultimo minuto è infatti svanita con l annuncio della decisione del Governo greco di indire il referendum sull ultima proposta formulata dai creditori internazionali. L'incertezza che ne è derivata ha alimentato la volatilità sui mercati finanziari, sebbene di intensità molto più contenuta rispetto alle precedenti fasi di crisi del 2011 e 2012, con ampliamento degli spread periferici e calo dei rendimenti sui titoli di Stato tedeschi. Con riferimento al mercato obbligazionario societario europeo, il segmento a più alto merito di credito ha registrato andamenti negativi, a fronte di tassi di riferimento in aumento. I titoli a più basso merito di credito hanno invece beneficiato della fiducia nella dinamica del ciclo economico. Passando ai mercati azionari, nella prima parte del semestre i listini europei hanno evidenziato una maggiore forza rispetto a quelli statunitensi, sostenuti dalle azioni della BCE e da dati, sia di fiducia che reali, che hanno evidenziato una tendenza al miglioramento del ciclo economico europeo. In avvio del secondo trimestre, i listini europei hanno ridimensionato l impatto della rapidità del movimento dei tassi core grazie al ridimensionamento del rischio deflazionistico e alle migliorate aspettative di crescita che in generale giocano a favore dei conti societari e quindi delle quotazioni azionarie. Alla fine di giugno, la rottura delle trattative tra Grecia e investitori internazionali ha penalizzato particolarmente i listini europei, determinando dinamiche negative che hanno ridimensionato i guadagni realizzati da inizio anno. Nel corso del semestre, il fondo è stato investito prevalentemente in titoli obbligazionari governativi ed assimilabili di paesi dell Area Euro (in particolare italiani, francesi, spagnoli, tedeschi, belgi, portoghesi, inglesi e olandesi) per un peso medio pari a circa il 69% e in modo residuale in titoli obbligazionari governativi degli Stati Uniti (0,6%) e del Regno Unito (0,6%); in misura più contenuta in emissioni obbligazionarie societarie con un peso medio del 16,1% circa. Sono state inoltre effettuate operazioni in derivati con riferimento alla componente obbligazionaria governativa che hanno portato l esposizione complessiva al 65,7% circa. Il portafoglio è stato investito in strumenti finanziari di natura azionaria per un peso medio pari a circa il 10,7%. 17

19 Le operazioni effettuate in derivati sulla componente azionaria hanno determinato una esposizione effettiva media pari al 14% circa, valore superiore al benchmark (10% la componente azionaria nel benchmark rappresentata dal MSCI Europe). Con riferimento alla componente obbligazionaria, nel mese di gennaio la posizione in termini di duration è risultata in linea con il dato del benchmark. Con riferimento alla curva dei rendimenti USA, è stata confermata la strategia di flattening della curva sulla parte a 5 e 30 anni, mantenuta su tutto il periodo. Alla base di tale decisione il riconoscimento che nelle fasi di incremento dei tassi ufficiali la curva dei rendimenti si appiattisce. L esposizione in termini di duration all Italia a inizio semestre è stata confermata in sovrappeso (di circa 5 mesi, in linea con il dato di fine 2014) al fine di avvantaggiarsi del carry trade in un contesto di tassi bassi. Alla base di tale strategia inoltre l atteso recupero di fiducia nel paese e le migliorate prospettive di crescita, grazie anche all orientamento estremamente accomodante della BCE e alla maggiore attenzione alla crescita a livello europeo. A partire dal mese di febbraio, l esposizione in termini di duration è risultata inferiore rispetto al livello del benchmark in media di circa 4 mesi per effetto di posizioni di sottopeso sui paesi cosiddetti core. L effetto delle misure di politica monetaria espansiva adottate dalla BCE e l incremento del potere di acquisto delle famiglie a fronte del calo del prezzo del petrolio si riteneva potessero sostenere la crescita europea e determinare un movimento al rialzo dei tassi di rendimento core. La politica monetaria estremamente accomodante dell Istituto Centrale si riteneva avrebbe altresì favorito una maggiore capacità di resilienza dei titoli obbligazionari dei paesi periferici a situazioni di maggiore volatilità. Le stesse considerazioni sono alla base della conferma del sovrappeso sui titoli di Stato periferici, in particolare italiani, su tutto il semestre. Nel mese di giugno è stata decisa la riduzione della sovraesposizione all Italia, in un contesto di incremento dell incertezza e conseguente incremento del premio al rischio per effetto della crisi Grecia. Il livello di duration al 30 giugno è pari a 4 anni e 2 mesi (pari a 4 anni e 7 mesi quella del benchmark). A livello geografico, si è avuta una preferenza per il debito governativo italiano (in media la posizione sui titoli di Stato italiani è stata pari a circa il 34,4%); significative le quote investite in titoli di Stato di altri paesi quali ad esempio Francia (in media il 10,1% circa), Spagna (circa il 9,3%), Germania (8,9% circa), Belgio (3,1% circa). Più contenute le esposizioni a Portogallo (in media 1,8% circa), Regno Unito (0,6% circa), Stati Uniti (0,6%), Paesi Bassi (0,5%), Finlandia (0,3%). Su tutto il semestre, sono state mantenute a zero le esposizioni ai titoli governativi di Grecia e Irlanda. Sul segmento delle obbligazioni societarie è stato mantenuto un investimento medio di circa il 16,1%, con un aumento dal livello dal 15,7% circa di fine 2014 al livello del 16,9% circa di fine giugno, livello superiore al benchmark. All interno della componente obbligazionaria societaria, nel corso del semestre è stata mantenuta la preferenza per le emissioni Investment Grade europee verso quelle statunitensi. Si ritiene infatti che le emissioni societarie europee godono di un vantaggioso rapporto domanda/offerta; negli Stati Uniti inoltre l economia si trova in una fase più avanzata del ciclo economico, con implicazioni anche in termini di incremento del livello di leva finanziaria delle imprese. Con riferimento alla componente azionaria, a inizio gennaio l allocazione effettiva risultava pari a circa il 13%, valore superiore al benchmark. Si segnala inoltre la presenza di strategie di protezione tramite opzioni put sull Eurostoxx 50 a fronte di fattori di rischio (indebolimento della congiuntura economica globale; calo del prezzo del petrolio con impatto sui paesi produttori e sulle società del settore energetico; processo di normalizzazione della politica monetaria USA; crisi Russia-Ucraina; incertezza politica in Grecia). Incrementata al livello del 16,3% nel mese di febbraio e confermata su questi livelli a marzo, l allocazione effettiva è stata ridotta al livello dell 11% circa ad aprile. L intensificarsi di fattori di rischio (in primis le trattative tra Grecia e investitori internazionali) hanno indotto all ampliamento delle strategie di protezione tramite opzioni. Anche nel mese di maggio è stato ampliato il grado di protezione del portafoglio con l inserimento di put sull indice Eurostoxx 50. L esposizione netta di fine periodo risulta pari al 12%, valore superiore al benchmark. A livello settoriale, in apertura di semestre è stato confermato il sovrappeso sul settore finanziario, sui consumi discrezionali e sul settore delle telecomunicazioni. I settori indicati si riteneva dovessero beneficiare del recupero della domanda interna, a fronte del calo del prezzo del petrolio, del deprezzamento dell Euro e dei segnali di miglioramento del ciclo 18

20 del credito. Confermato a inizio periodo il sottopeso sul settore energy, anticipando una debolezza prolungata del prezzo del petrolio. In sottopeso anche il settore industriale, penalizzato dalla debolezza degli investimenti, e il settore dei servizi di pubblica utilità, penalizzato dall attesa dinamica di aumento dei tassi di interesse. A febbraio il posizionamento sul settore energy è stato portato alla neutralità, anticipando una stabilizzazione e un successivo incremento del prezzo del petrolio in un contesto di offerta in calo. Confermato inoltre il sovrappeso sul settore dei consumi discrezionali, supportati dalle buone prospettive della domanda dei paesi sviluppati, a fronte della debolezza del prezzo del petrolio, e delle valutazioni interessanti. Portato in sovrappeso il settore industriale, sostenuto dal cambio favorevole e il conseguente atteso recupero degli investimenti. Nel mese di marzo è stata ridotta l esposizione al settore dei consumi discrezionali, in particolare ai segmenti più esposti allo sviluppo globale a favore dei segmenti più esposti alla domanda domestica. Ad aprile è stato confermato il sovrappeso sul settore finanziario, in particolare sulla componente bancaria, più ciclica rispetto agli assicurativi e che potrebbe essere sostenuta anche da processi di consolidamento. E stata inoltre incrementata la posizione sul settore energy (passata da neutrale a sovrappeso). Incrementato inoltre il sottopeso sul settore dei consumi discrezionali e sul settore dei consumi di base e ridimensionata la sovraesposizione al settore delle telecomunicazioni, che pur rimane sostenuto dal processo di consolidamento e dall interruzione del calo dei margini. Ridotto infine il sovrappeso sul segmento industriale. A maggio è stata ridotta la posizione sul settore energy (passata da sovrappeso a neutrale) prendendo profitto in risposta all incremento del prezzo del petrolio e in attesa di un nulla di fatto nel corso della successiva riunione dell Opec. A giugno è stato ridotto il sovrappeso sul settore finanziario; è stata ulteriormente ridotta la posizione sul settore energy, in risposta ad attese di aumento dell offerta. Confermato inoltre il sottopeso sul settore dei consumi di base: l atteso trend di aumento dei tassi di interesse core, dopo la fase di flight to quality, dovrebbe infatti pesare su questo settore. A determinare la differenza positiva di performance del fondo rispetto al benchmark sul semestre è stata sia la componente obbligazionaria sia la componente azionaria. In particolare sulla componente obbligazionaria, il confronto con il benchmark è stato supportato dalla posizione corta di duration. Con riferimento alla componente azionaria, nel confronto con il benchmark è risultato premiante il sovrappeso effettivo medio sull asset class. Nel corso del semestre sono state poste in essere operazioni in strumenti finanziari derivati sia per finalità di investimento che di copertura, in particolare in futures e opzioni sull indice azionario Eurostoxx 50, sul FTSE Mib, sul DAX, sul FTSE 100, sul Cac 40, sull IBEX 35, sull AEX, sullo SMI, sull OMX e in futures sul titolo governativo a 10 e 5 anni USA, mantenendo una leva entro il valore di 1,4. Al 30 giugno (valori comprensivi del rateo e percentuali calcolate sul patrimonio netto) il portafoglio titoli risulta investito in strumenti finanziari di natura obbligazionaria per un peso pari a circa l 85,8%. In particolare, il 69% circa del fondo è rappresentato da titoli governativi ed assimilabili e il 16,9% circa da obbligazioni societarie. Il 9,4% circa del fondo risulta investito in strumenti di natura azionaria; considerando le posizioni aperte in derivati, alla data in esame l esposizione effettiva al mercato azionario è pari al 12% circa, valore superiore al benchmark. In conformità a quanto previsto dal regolamento del fondo, è stato adottato un sistema di valutazione interno del merito creditizio che tiene anche conto, in via non esclusiva, dei giudizi espressi dalle agenzie di rating. Sulla base dei giudizi ottenuti da tale sistema di valutazione interno, allo stato attuale sono presenti nel portafoglio emissioni di qualità inferiore ad adeguata qualità creditizia in misura residuale. Prospettive del Fondo In prospettiva, l effetto delle misure di politica monetaria espansiva adottate dalla BCE e l incremento del potere di acquisto delle famiglie a fronte del calo del prezzo del petrolio dovrebbero sostenere la crescita europea e fornire sostegno agli indici azionari e, nello specifico, ai settori ciclici. L intensificarsi di fattori di rischio (in primis l incertezza legata alla Grecia) giustifica tuttavia l ampliamento delle strategie di protezione tramite opzioni. L eventuale risoluzione della questione Grecia dovrebbe dal canto suo ridimensionare la volatilità sul mercato obbligazionario europeo. Quest ultimo continua ad essere sostenuto dalla politica monetaria estremamente accomodante dell Istituto Centrale. La diversa fase del ciclo di politica 19

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli