Allianz Global Investors Selection Funds Plc

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allianz Global Investors Selection Funds Plc"

Transcript

1 Una società d investimento multicomparto con capitale variabile e con responsabilità disgiunta dei comparti quale società per azioni di diritto irlandese ai sensi dei Companies Acts dal 1963 al 2009 con numero di registrazione costituito come organismo d investimento collettivo in valori mobiliari ai sensi delle Normative della Comunità Europea del 2003 (Organismi d investimento collettivo in valori mobiliari) RELAZIONE ANNUALE CERTIFICATA Per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011

2 INDICE Pagina Gestione e amministrazione della Società 1 Relazione della gestione 2-3 Dichiarazione della Responsabilità degli amministratori 4 Relazione e responsabilità della Banca depositaria 5 Relazione della società di revisione 6-7 Relazione del Gestore degli Investimenti 8-13 Stato patrimoniale Risultato delle operazioni Variazioni dell attivo netto attribuibili ai titolari di azioni a partecipazione redimibili Nota integrativa del Bilancio Dettaglio degli Investimenti Prospetto movimentazione portafoglio

3 GESTIONE ED AMMINISTRAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE GESTORE DEGLI INVESTIMENTI Livio Raimondi Allianz Global Investors Italia SGR S.p.A Pierangelo Buffa Piazza Velasca 7/9 Philip Clarke Milano John Finnegan Italia BANCA DEPOSITARIA AMMINISTRATORE E CONSERVATORE DEL REGISTRO RBC Dexia Investor Services Bank S.A., RBC Dexia Investor Services Ireland Limited Filiale di Dublino George s Quay House George s Quay House 43 Townsend Street 43 Townsend Street Dublino 2 Dublino 2 Irlanda Irlanda SEGRETARIO SEDE LEGALE Philip Clarke Allianz House 2 St. Catherine s Road Elmpark Glenageary Merrion Road Co. Dublino Dublino 4 Irlanda Irlanda SOCIETÀ DI REVISIONE KPMG CONSULENTI LEGALI Chartered Accountants Dillon Eustace 1 Harbourmaster Place 33 Sir John Rogerson's Quay IFSC Dublino 2 Dublino 1 Irlanda Irlanda 1

4 RELAZIONE SULLA GESTIONE Per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 Gli Amministratori presentano la propria relazione sulla gestione annuale per l esercizio chiuso al 31 dicembre Data di Costituzione Allianz Global Investors Selection Funds Plc (la Società ) è una società di investimento multicomparto costituita in Irlanda dalla Banca Centrale d'irlanda sotto forma di Organismo di investimento collettivo in valori mobiliari ai sensi della Normativa della Comunità Europea del 2011 (Normativa UCITS). La Società è organizzata come una società di investimento con capitale variabile ai sensi delle normative del OICVM. La Società è un fondo a comparti multipli e, alla data della presente relazione, sei degli otto comparti presentano due classi di azioni offerte come investimento, mentre I restanti due comparti detengono una sola classe di azioni. Attività principali e descrizione L attività principale della Società è l investimento collettivo in valori mobiliari del capitale raccolto mediante pubblico collocamento o istituzioni che lo rappresentino e che operino sulla base del principio della ripartizione dei rischi. Allo stato attuale, i comparti della Società sono distribuiti principalmente in Italia e si prevede che questo paese continui a rappresentare il principale obiettivo di mercato della Società. La Società sta aumentando gli investimenti da parte delle istituzioni e questo canale rappresenta attualmente il 90% degli investimenti societari rispetto al canale retail. Rischi ed Incertezze La politica di Misurazione del rischio e la Gestione del rischio è stata concordata con il Gestore degli Investimenti ed indica le norme ed i limiti da applicare agli investimenti. La divisione di gestione del rischio e per la compliance costituite in seno al gestore degli investimenti, indipendenti dai gestori del portafoglio, monitorano e provvedono al rendiconto delle attività delle suddette procedure. Un analisi degli obiettivi della gestione dei rischi finanziari e delle relative politiche della Società, nonché della gestione delle stesse, sono riportati alla Nota 10 del bilancio. Risultati La posizione finanziaria e i risultati per il periodo sono riportati da pagina 14 a pagina 19. Alla fine del periodo non è stato versato o dichiarato alcun dividendo. Nonostante le azioni siano azioni a capitalizzazione, la Società non intende procedere ad alcuna distribuzione in relazione alle azioni. Una descrizione dettagliata dell andamento del mercato e della politica di gestione di ciascun comparto è inclusa nella Relazione sulla Gestione da pagina 8 a pagina 13. Eventi dopo la chiusura del periodo Il Fondo ha accettato un offerta da parte del Ministro delle Finanze greco di scambiare le proprie unità di Obbligazioni di Stato della Repubblica ellenica (3,113% con scadenza 20/02/2013) con le obbligazioni in sostituzione indicate alla Nota 14 della presente relazione. Dal 31 dicembre 2011 non sono stati rilevanti eventi significativi che richiedessero emendamenti o da divulgare in questo bilancio. Amministratori I nomi delle persone che hanno svolto la funzione di Amministratori per l intera durata del periodo in oggetto sono riportati a pagina 1. Interesse degli amministratori Gli Amministratori e la Segreteria (ivi compresi le partecipazioni di famiglia) non detengono alcuna partecipazione nella Società alla data del 31 dicembre Codice di Corporate Governance Gli Amministratori fanno presente che è stato emesso un nuovo codice di Corporate Governance da parte dell Irish Funds Industry Association. Questo codice è applicabile su base volontaria per gli Organismi autorizzati irlandesi di investimento collettivo, in effetto dal 1 gennaio 2012, con un periodo di transizione di un anno per l applicazione dello stesso. Gli Amministratori stanno attualmente valutando le implicazioni dell applicazione del Codice sulla Società durante questo periodo di transizione. 2

5 RELAZIONE SULLA GESTIONE (segue) Per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 Scritture contabili Al fine di garantire la corretta tenuta dei registri in conformità con la Sezione 202 del Companies Act (legge sulle società) del 1990, gli Amministratori della Società hanno conferito l incarico a una società di servizi, la RBC Dexia Investor Services Ireland Limited ( Amministratore ). I registri e le scritture contabili sono conservati presso gli uffici dell Amministratore, in George s Quay House, 43 Townsend Street, Dublino 2. Società di Revisione La Società di revisione, KPMG Chartered Accountants, Registered Auditor, ha manifestato la propria disponibilità a proseguire il suo mandato in conformità con la Sezione 160(2) del Company Act Per conto del Consiglio Amministratore Amministratore Data: 19 aprile

6 Responsabilità degli amministratori in relazione alla Relazione sulla gestione e al Bilancio Gli Amministratori sono responsabili della redazione della Relazione sulla gestione e del bilancio in conformità con le leggi e normative applicabili. Il diritto societario richiede agli Amministratori di redigere i bilanci per ciascun esercizio. Ai sensi di legge, gli Amministratori hanno deliberato di redigere il bilancio della società in conformità con i Principi contabili generalmente accettati in Irlanda, ivi compreso il diritto applicabile e i principi contabili emanati dal comitato Accounting Standards Board e promulgati dall Institute of Chartered Accountants in Irlanda. Il bilancio della società deve, ai sensi di legge, deve rappresentare in modo veritiero e corretto la condizione della Società e il suo utile o perdita per l esercizio in oggetto. Nel redigere il bilancio, gli Amministratori sono tenuti a: selezionare delle politiche contabili idonee e applicarle coerentemente; procedere con giudizi e stime improntati ai criteri di ragionevolezza e prudenza; e redigere il bilancio sulla base della continuazione delle attività, salvo laddove risulti inappropriato presumere che la Società continui le proprie attività. Gli Amministratori sono responsabili della tenuta dei registri e delle scritture contabili adeguate che presentino con ragionevole precisione, in qualsiasi momento, la posizione finanziaria della società e consentano agli stessi di assicurare che il bilancio sia conforme ai Companies Acts dal 1963 al 2009 e con il Regolamento della Comunità Europea del 2011 (Regolamento UCITS). Gli Amministratori sono altresì responsabili di implementare le misure di cui dispongono al fine di tutelare le attività della società e di evitare e mettere in luce eventuali frodi o altre irregolarità. Gli Amministratori, inoltre, sono responsabili della redazione di una Relazione sulla Gestione conforme ai requisiti di cui nei Companies Acts. Per conto del Consiglio di Amministrazione Amministratore Amministratore Data: 19 aprile

7 RELAZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA Relazione della Banca Depositaria agli Azionisti Per l anno chiuso al 31 dicembre 2011 Come richiesto dalle Notifiche UCITS della Banca Centrale d Irlanda, abbiamo il piacere di sottoporre alla vostra attenzione la nostra relazione. A nostro parere, Allianz Global Investors Selection Funds plc (la Società )è stata gestita, per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011: (i) (ii) In conformità con le limitazioni imposte agli investimenti e ai poteri di assunzione di prestiti della Società imposte dall Atto costitutivo e dallo Statuto, dal Regolamento della Comunità Europea del 2011 (Regolamento UCITS) (i Regolamenti ) e, Altrimenti in conformità con le disposizioni di cui all Atto costitutivo e allo Statuto e nei Regolamenti. RBC DEXIA INVESTORS SERVICES BANK S.A. Data: 4 aprile 2012 DUBLIN BRANCH 5

8 Relazione della Società di revisione agli azionisti di Allianz Global Investors Selection Funds Plc Abbiamo sottoposto a revisione la versione in lingua inglese del bilancio di Allianz Global Investors Selection Funds plc per il periodo chiuso al 31 dicembre 2011, contenente il Risultato delle Operazioni, Stato patrimoniale, Variazioni dell attivo netto attribuibile ai titolari di azioni a partecipazione redimibili con la relativa nota integrativa e la Tabella degli Investimenti. Questo bilancio è stato redatto in conformità alle politiche contabili riportate nello stesso. La presente relazione è indirizzata esclusivamente ai soci della società, in qualità di organo, in conformità con la sezione 193 del Companies Act del La nostra revisione è stata compiuta in modo tale da poter dichiarare ai soci della società quanto richiesto in una relazione della società di revisione ed esclude altri propositi. Nella misura massima consentita dalla legge, non accettiamo od assumiamo alcuna responsabilità nei confronti di altri diversi dalla società e dai soci della società, come organo, per la nostra revisione, per la presente relazione o per le opinioni da noi espresse. Rispettive Responsabilità degli amministratori e della società di revisione La responsabilità degli Amministratori per la redazione della relazione annuale sulla gestione e del bilancio in conformità con le leggi applicabili dei principi contabili emanati dal comitato Accounting Standards Board e promulgati dall Institute of Chartered Accountants in Irlanda (i Principi Contabili Generalmente Accettati in Irlanda) sono riportati nella Dichiarazione sulle responsabilità degli Amministratori a pagina 4. La nostra responsabilità è di sottoporre a verifica contabile il bilancio in conformità con i relativi requisiti legali e normativi e secondo i Principi Contabili Internazionali per la revisione contabile (vigenti nel Regno Unito e in Irlanda). Stiamo a riportarvi il nostro parere sul fatto che il bilancio permette una rappresentazione corretta e veritiera e che è propriamente redatta in conformità con i Companies Acts dal 1963 al 2009 e con il Regolamento della Comunità Europea del 2011 (Regolamento UCITS). Siamo altresì a riportarvi che, a nostro parere, sono stati tenuti adeguatamente sia i registri che le scritture contabili a cura della società e che le informazioni fornite nella Relazione della gestione sono conformi a quelle indicate a bilancio. Inoltre, si precisa che ci sono stati forniti i chiarimenti e le informazioni necessarie alla redazione della nostra revisione e che il bilancio della società è conforme ai registri ed alle scritture contabili. Vi comunichiamo altresì se, secondo nostro parere, vi è omissione di divulgazione di eventuali informazioni richieste ai sensi di legge in materia di compensi agli Amministratori od attività ed interessi degli Amministratori e, laddove possibile, includere tali informazioni nella nostra relazione. Abbiamo letto la versione in lingua inglese delle altre informazioni contenute nel bilancio e abbiamo provveduto a valutarne la coerenza con il bilancio certificato. Altre informazioni sono composte dalla Relazione sulla gestione, dalla relazione della Banca depositaria e dalla Relazione del gestore degli investimenti. Qualora si rilevassero eventuali errori od incongruenze sostanziali rispetto al bilancio, considereremo le eventuali implicazioni della nostra relazione. Le nostre responsabilità non si estendono a nessun altra informazione. Basi del parere Abbiamo condotto la revisione in conformità con i Principi Contabili Internazionali per la revisione contabile (vigenti nel Regno Unito e in Irlanda) emanati dal comitato Auditing Practices Board. La revisione include la verifica, sulla base di un test, delle pezze giustificative relative agli importi e alle dichiarazioni di cui nel bilancio. Comprende inoltre una valutazione delle stime sostanziali e dei giudizi formulati dagli Amministratori nella redazione del bilancio, e dell adeguatezza delle politiche contabili in relazione alle circostanze in cui opera la società, così come della loro applicazione coerente e divulgazione adeguata. Abbiamo pianificato e svolto la nostra revisione in modo tale da ottenere tutte le informazioni ed i chiarimenti ritenuti necessari al fine di raccogliere prove sufficienti a fornire una ragionevole garanzia del fatto che il bilancio è esente da errori, sia di natura fraudolenta che accidentali o ascrivibili ad altra irregolarità. Nell elaborazione del nostro parere abbiamo altresì valutato la complessiva adeguatezza della presentazione delle informazioni nel bilancio. 6

9 Relazione della Società di revisione agli azionisti di Allianz Global Investors Selection Funds Plc (segue) Parere A nostro parere: Il bilancio offre una rappresentazione corretta e veritiera, in conformità con i principi contabili generalmente accettati in Irlanda, della situazione della società al 31 dicembre 2011 e della sua riduzione delle attività nette attribuibile alle azioni a partecipazione redimibili per l esercizio a tale data; Il bilancio è stato redatto correttamente in conformità con i Companies Acts dal 1963 al 2009 e con il Regolamento della Comunità Europea del 2011 (Regolamento UCITS). Ci sono stati forniti tutti i chiarimenti e le informazioni necessarie alla redazione della nostra revisione. A nostro parere, la società ha tenuto adeguatamente i registri. Il bilancio è conforme sia ai registri che alle scritture contabili. A nostro parere, le informazioni contenute nella Relazione sulla gestione sono coerenti con il bilancio. Garrett O Neill A nome e per conto di KPMG Chartered Accountants, Statutory Audit Firm Data: 19 aprile 2012 Dublino 7

10 RELAZIONE DEL GESTORE DEGLI INVESTIMENTI PER IL 2011 Quadro Macroeconomico Il 2011 è stato il primo anno caratterizzato dal prolungamento della ripresa economica che coinvolgeva tutte le principali aree geografiche del mondo e che era iniziata nel Tuttavia il quadro macroeconomico generale nel secondo trimestre registra un eccezionale involuzione, indotta soprattutto dalle conseguenze del terremoto in Giappone e quindi in Europa dall intensificarsi delle tensioni sui debiti sovrani nei paesi periferici. Il consolidamento delle finanze pubbliche in Europa è stato il problema dominante, senza dimenticare la situazione fiscale negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in Giappone. I mercati finanziari maggiormente penalizzati sono stati quelli europei i quali, con l acutizzarsi della crisi, hanno toccato con mano l indebolimento dell Unione Monetaria Europea, soprattutto dovuta dall assoluta mancanza di coordinamento tra le politiche fiscali dei diversi paesi e i meccanismi di governance dell Unione Europea. Nei paesi emergenti la crescita economica si è attestata su valori decisamente positivi nonostante il trend inflazionistico abbia richiesto, a partire dal 2010, una serie di politiche restrittive, riducendo quindi il loro contributo alla crescita economica globale. L andamento dei prezzi in tutte le aree delle principali valute si è costantemente mantenuto a livelli più elevati rispetto a quelli stabiliti dalle banche centrali. Nei paesi occidentali la crisi finanziaria e l allentamento delle pressioni inflazionistiche nell ultima parte dell anno hanno permesso di mantenere le politiche monetarie fortemente espansionistiche. Negli Stati Uniti la crescita economica si è attestata intorno all 1,8% circa, con un lieve miglioramento nel terzo e nel quarto trimestre. Il tasso di disoccupazione ha visto un lieve calo, dal 9,4% della fine del 2010 all 8,5% relativo al mese di dicembre 2011, e per la prima volta il mercato immobiliare ha mandato segnali di stabilizzazione in termini di disponibilità di unità abitative in vendita e di nuove concessioni di licenze edilizie. L andamento dei prezzi durante l anno si è attestato a livelli decisamente più alti rispetto a quelli stabiliti dalla Fed: in particolare l inflazione di base, che a dicembre era del 2,2%, è stata influenzata dall andamento dei prezzi delle importazioni, dei generi alimentari e degli affitti. Durante l anno il tasso interbancario (Fed Funds rate), il tasso medio intorno al quale ruotano tutti gli altri tassi della politica monetaria statunitense, è rimasto stabile allo 0,25%. Negli Stati Uniti la crescita economica si è attestata intorno all 1,8% circa, con un lieve miglioramento nel terzo e nel quarto trimestre. Il tasso di disoccupazione ha visto un lieve calo, dal 9,4% della fine del 2010 all 8,5% relativo al mese di dicembre 2011, e per la prima volta il mercato immobiliare ha mandato segnali di stabilizzazione in termini di disponibilità di unità abitative in vendita e di nuove concessioni di licenze edilizie. L andamento dei prezzi durante l anno si è attestato a livelli decisamente più alti rispetto a quelli stabiliti dalla Fed: in particolare l inflazione di base, che a dicembre era del 2,2%, è stata influenzata dall andamento dei prezzi delle importazioni, dei generi alimentari e degli affitti. Durante l anno il tasso interbancario (Fed Funds rate), il tasso medio intorno al quale ruotano tutti gli altri tassi della politica monetaria statunitense, è rimasto stabile allo 0,25%. In Europa ha prevalso una netta divisione tra le economie forti (in particolare la Germania, che ha registrato un tasso di crescita intorno al 3%) e le economie più deboli, duramente colpite dalla crisi del debito pubblico. La progressione del divario del differenziale di rendimento tra i titoli di Stato dei cosiddetti paesi periferici e dei paesi core è diventata importante in aprile quando le cifre del budget greco deficitario, peggiori di quanto previsto dagli enti internazionali, hanno rivelato la possibilità di perdite di capitale degli investitori privati. Il contagio ha rapidamente colpito il Portogallo, la Spagna e a partire dal mese di luglio, anche l Italia. A livello istituzionale sono stati apportati parecchi interventi a sostegno, legati soprattutto a misure di politica monetaria. A livello fiscale, nei cosiddetti paesi periferici sono state applicate misure restrittive e in alcuni casi addirittura riforme strutturali. I governi di Grecia, Portogallo, Spagna e Italia hanno cambiato con risultati positivi grazie al coordinamento di decisioni centralizzate. La crisi è stata oggetto di numerosi summit europei e nel mese di dicembre è stato raggiunto un accordo al fine di realizzare una maggiore integrazione fiscale e per incrementare le risorse dell EFSF (Fondo Europeo per la Stabilità Finanziaria) al fine di sostenere i paesi in difficoltà. La BCE ha svolto un ruolo di primaria importanza grazie ai poteri acquisiti in virtù di precedenti trattati. Senza arrivare a sostenere direttamente le emissioni di Stato, ha messo in atto diverse misure di natura straordinaria: acquisizioni di titoli di stato su mercati secondari, forti finanziamenti di banche sotto forma di rifinanziamento a lungo termine, riduzione dei tassi di finanziamento all 1% nel mese di dicembre. In generale l architettura istituzionale europea non è stata trasformata in maniera significativa, ma i passi intrapresi a livello locale e comunitario rappresentano comunque un evoluzione verso una maggiore integrazione politica ed economica. Nel corso del 2011, l economia britannica ha registrato un aumento del tasso di crescita dello 0,9% circa e del tasso d inflazione ben oltre il 4%. L indipendenza monetaria dall Eurozona e le politiche di allentamento quantitativo hanno salvato il Regno Unito da una crisi del debito simile a quella che ha colpito altri paesi europei. In occasione del summit di dicembre la Gran Bretagna ha confermato la propria estraneità alle politiche fiscali e monetarie dell Unione Europea. L andamento dell economia giapponese è stato duramente colpito dal terremoto di marzo. La contrazione generale è stata pari a circa lo 0,8%, con un tasso d inflazione ancora negativo e una generale fragilità nel settore manifatturiero (-3,3% la cifra registrata dalla produzione industriale). Lo Yen non ha risentito in maniera particolare della debole situazione fiscale delle finanze pubbliche giapponesi (disavanzo di bilancio dell 8,9%). 8

11 RELAZIONE DEL GESTORE DEGLI INVESTIMENTI PER IL 2011(segue) Le economie dei paesi emergenti hanno registrato una crescita che porta ancora il segno ampiamente positivo (una media del 5,7% secondo le stime di J. P. Morgan). Ancora una volta i dati migliori sono quelli provenienti dai paesi asiatici (Cina +9%, India +7,4%), seguiti da quelli dell America Latina. L inflazione è rimasta elevata, con la conseguenza che le banche centrali hanno mantenuto le politiche monetarie restrittive. Nella seconda metà dell anno, nelle principali economie emergenti gli indici anticipatori del ciclo economico hanno messo in evidenza un rallentamento della crescita. L andamento dei mercati finanziari Mercato valutario Nel corso dell anno l Euro ha registrato una svalutazione nei confronti del Dollaro del 3% e un calo più marcato, dell 8% circa, nei confronti dello Yen. Tra il primo e il secondo semestre, il corso della valuta europea ha dato segnali fortemente discordanti. Nei primi mesi del 2011, infatti, l Euro si è consolidato nei confronti del Dollaro, fino a raggiungere circa l 1,49 tra aprile e maggio, quando la BCE ha deciso di aumentare i tassi ufficiali di interesse. L intensificarsi della crisi dei debiti sovrani e la conseguente crisi di fiducia nell Eurozona ha determinato un progressivo indebolimento dell Euro nei confronti delle altre principali valute. Alla fine dell anno l Euro si è attestato ai livelli di 1,30 rispetto al Dollaro e di 99,9 rispetto allo Yen, tenendo conto che, all inizio del periodo, i valori erano rispettivamente di 1,34 e 108,80. USD/EUR GBP/EUR YEN/EUR YEN/USD % variazione -3,2% -2,5% -8,2% -5,1% I mercati obbligazionari Nel corso dei due semestri dello scorso anno i mercati azionari hanno visto flussi e andamenti diversi. Nella prima parte dell anno, le aspettative di una crescita economica, positive a livello generale, anche all interno dell Eurozona ma più in particolare in Germania, oltre alla maggiore fiducia sentita verso un possibile superamento della crisi del debito sovrano, hanno spinto verso l alto i rendimenti dei titoli tedeschi decennali, che hanno toccato il 3,5%. Successivamente, l aggravarsi della crisi dell Eurozona ha portato ad un inversione di tendenza con una forte contrazione dei titoli emessi dai paesi più solidi dell Unione Europea: i rendimenti offerti dai titoli tedeschi decennali hanno raggiunto il valore minimo di 1,6%, per attestarsi alla fine del periodo intorno all 1,8%. L andamento dello spread tra i titoli di Stato tedeschi e quelli dei cosiddetti paesi perifieri ha registrato elevate tensioni e un divario considerevole, soprattutto nella seconda parte dell anno, quando l instabilità dell Eurozona ha colpito i rendimenti di paesi considerati forti, come la Francia. Nel periodo, le obbligazioni societarie hanno risentito di una diffusa avversione al rischio, registrando un allargamento dello spread soprattutto nel settore finanziario, quello maggiormente colpito dalle pesanti incertezze legate alla crisi dell Eurozona. Mercati obbligazionari Indice CGBI USA CGBI Euro CGBI UK CGBI Giappone % variazione (valuta locale) 9,6% 3,4% 16,9% 2,2% % variazione (in Euro) 13,3% 3,4% 19,9% 11,3% Mercati azionari Il 2011 è stato un anno difficile per i principali mercati azionari, ad eccezione del mercato americano (Indice S&P 500), che ha registrato un andamento leggermente positivo. Il mercto europeo (Indice MSCI Europe) ha riportato un calo superiore al 9%, quello giapponese (Indice MSCI Japan) ha avuto un crollo superiore al 18% ed infine, anche le borse dei paesi emergenti (Indice MS Emg. Mkts Index) hanno mostrato i segni di importati correzioni in media intorno al 12,7%. Mentre nella prima parte dell anno le borse hanno registrato, nell insieme, una performance considerata positiva, il secondo semestre è stato caratterizzato da un netto aumento della volatilità. La crisi dei cosiddetti paesi periferici ha rappresentato il fattore scatenante di una serie di crolli. In questo contesto, il mercato italiano (Indice FTSE MIB) ha perso circa il 22%, rivelandosi uno dei peggiori in Europa. Le aspettative per una politica fiscale più restrittiva, in particolare in Europa, ha generato presso gli investitori una crescente preoccuzazione per il drastico crollo dei consumi e degli investimenti da parte delle aziende. I settori maggiormente penalizzati si sono rivelati i settori ciclici (quali quelli delle materie prime e dei beni industriali), e le banche, che hanno sofferto per l esposizione dei titoli governativi dei paesi periferici oltre che per la necessità di dover far fronte a forti ricapitalizzazioni. Al contrario, i settori ritenuti come dei settori anticiclici, quali il settore farmaceutico e l industria dei beni di consumo non discrezionali, hanno chiuso l anno con un andamento sostanzialmente positivo. Tra i settori anticiclici, gli unici ad essere 9

12 RELAZIONE DEL GESTORE DEGLI INVESTIMENTI PER IL 2011 (segue) penalizzati sono state le aziende dei servizi, sempre a causa delle preoccupazioni generate dalla pressione fiscale. In generale le aziende più grandi hanno mantenuto il loro capitale particolarmente stabile e continuano a registrare flussi di cassa molto elevati. Tra le nazioni europee il fattore paese ha continuato ad assumere un importanza sempre maggiore ed è alla base del processo di riassegnamento degli investimenti in favore dei mercati considerati più sicuri fuori dall Eurozona, come la Svizzera e il Regno Unito. I paesi maggiormente colpiti sono risultati quelli a cui manca un politica fiscale rigorosa (come Grecia, Italia e Portogallo) diretta a sanare il debito pubblico. Al di là degli indicatori, ciò che ha maggiormente pesato sui mercati è la mancanza di fiducia da parte degli investitori nelle autorità politiche europee, ritenute incapaci di gestire la crisi in atto con misure serie ed efficaci. Indice MS dei Indice S&P 500 MSCI Europa MSCI UK MSCI Giappone mercati emergenti % variazione (valuta locale) 1,5% -9,3% -1,8% -18,7% -12,7% % variazione (in Euro) 4,9% -8,1% 0,7% -11,5% -15,7% Aspettative Il futuro della crescita economica sembra essere molto diverso nelle principali aree geografiche: quasi ridotta, se non addirittura con il segno meno in Europa, in fase di recupero e vicina al proprio potenziale negli Stati Uniti e sempre positiva nei paesi emergenti. Il livello eccessivo di indebitamento che colpisce molte delle principali economie occidentali continua a rappresentare un enorme osctacolo sul cammino verso una maggiore crescita economica. Misure fiscali più restrittive sono inevitabili e una politica monetaria espansionistica non è in grado di stimolare da sola tassi di crescita più soddisfacenti. In questo contesto macroeconomico, il livello dei tassi d interesse e quello dei rendimenti offerti dai mercati obbligazionari sono destinati a rimanere a livelli molto bassi sia in Europa che negli Stati Uniti. L andamento dei mercati azionari rifletterà le prospetive di crescita e sarà condizionato dalle politiche a sostegno del contenimento del debito, ma sarà altresì sostenuto dai livelli di valutazione attualmente sacrificati e dalla reddittività delle imprese ancora soddisfacente, anche se parzialmente in calo. I COMPARTI ALLIANZ EURO LIQUIDITY Andamento del mercato Nel 2011 la crisi del debito sovrano di alcuni paesi dell Eurozona è stato il tema dominante del mercato obbligazionario che ha visto l alternarsi di periodi di euforia a periodi di pessimismo nero in merito alle notizie provenienti dall Europa. Più in particolare, il corso dei mercati ha registrasto due fasi ben distinte: il primo trimestre è stato caratterizzato da un certo ottimisto dettato dal recupero dell economia globale e dal superamento della crisi del debito europeo, con l Italia e la Spagna che sembravano immuni dalla crisi registrata negli altri paesi cosiddetti periferici, quali l Irlanda e il Portogallo. D altro canto, la restante parte dell anno è stata dominata da un clima di preoccupazioni crescente sulla crescita economica e sulla sostenibilità dei debiti sovrani, inducendo la BCE ad intervenire ad agosto per acquisire titoli sul mercato secondario. A novembre e a dicembre la BCE ha effettuato due riduzioni dei tassi di referimento ufficiali, portandoli all 1%. Nel corso del 2011, il rendimento lordo dei Buoni del Tesoro trimestrali ha visto una crescita progressiva, passando all 1,33% dell inizio dell anno fino al 6% di novembre, nel pieno della crisi di fiducia, per tornare poi al 2,85% alla fine dell anno. D altra parte, i titoli trimestrali tedeschi sono saliti dallo 0,25% all 1% nel mese di giugno, durante la fase di normalizzazione dei tassi ma, con l aggravante della crisi del debito dei cosiddetti paesi periferici, sono stati visti come bene rifugio dagli investitori, e alla fine dell anno ha raggiunto un rendimento negativo pari a -0,177%. La crisi del debito sovrano ha inoltre dominato il corso del mercato dei titoli aziendali, che ha evidenziato un allargamento dello spread, soprattutto nel settore finanziario, colpito dalle forti incertezze legate alla crisi dell Eurozona, con richieste pressanti di capitalizzazione e la difficoltà generalizzata di accesso al mercato. Politica di gestione Nel corso dell anno, la politica di gestione ha mantenuto il valore della durata media finanziaria del portafoglio entro un limite superiore allo 0,5/anno; la collocazione del portafoglio è stata attivamente gestiva su diversi orizzonti di scadenza. La percentuale del fondo investito nei Buoni del Tesoro italiani è stata mantenuta costante e concentrata su scandenze a breve termine. Nel corso del primo semestre sono state messe in atto strategie protezionistiche contro il rischio di possibili aumenti dei tassi d interesse. Al fine di proteggere il fondo dagli effetti della crisi di fiducia circa un quinto del portafoglio è stato collocato su titoli tedeschi; una gran parte dei beni investiti in Italia è stato 10

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità)

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Il nuovo fondo salva stati Testo TRATTATO CHE ISTITUISCE IL MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli