RENDICONTO DI GESTIONE ANNUALE CERTIFICATO AL 31 DICEMBRE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RENDICONTO DI GESTIONE ANNUALE CERTIFICATO AL 31 DICEMBRE 2014"

Transcript

1 RENDICONTO DI GESTIONE ANNUALE CERTIFICATO AL 31 DICEMBRE 2014 Società d'investimento a Capitale Variabile a Comparti Multipli R.C.S. Luxembourg B Le sottoscrizioni potranno essere effettuate soltanto sulla base dell ultimo prospetto aggiornato accompagnato dall ultima relazione annuale disponibile e dall ultima relazione semestrale, se posteriore alla relazione annuale.

2 INDICE Organizzazione del Fondo 3 Relazione del Consiglio di Amministrazione della Società Relazione della Società di revisione 17 Prospetto Comparativo dei Patrimoni Netti degli ultimi 3 anni Prospetto del Patrimonio Netto consolidato 20 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto consolidato NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM CORPORATE 22 BOND Prospetto del Patrimonio Netto 22 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 23 Portafoglio Titoli 24 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 28 Contratti finanziari a termine 29 NEW MILLENNIUM - EURO EQUITIES 30 Prospetto del Patrimonio Netto 30 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 31 Portafoglio Titoli 32 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 35 NEW MILLENNIUM - GLOBAL EQUITIES (EUR 36 HEDGED) Prospetto del Patrimonio Netto 36 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 37 Portafoglio Titoli 38 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 41 Contratti finanziari a termine 42 NEW MILLENNIUM - Q7 ACTIVE EQUITIES 43 INTERNATIONAL Prospetto del Patrimonio Netto 43 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 44 Portafoglio Titoli 45 Contratti finanziari a termine 47 NEW MILLENNIUM - EURO BONDS SHORT TERM 48 Prospetto del Patrimonio Netto 48 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 49 Portafoglio Titoli 50 NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM HIGH QUALITY 52 BOND Prospetto del Patrimonio Netto 52 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 53 Portafoglio Titoli 54 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 57 Contratti finanziari a termine 58 NEW MILLENNIUM - LARGE EUROPE 59 CORPORATE Prospetto del Patrimonio Netto 59 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 60 Portafoglio Titoli NEW MILLENNIUM - BALANCED WORLD 65 CONSERVATIVE Prospetto del Patrimonio Netto 65 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 66 Portafoglio Titoli 67 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 72 NEW MILLENNIUM - TOTAL RETURN FLEXIBLE 73 Prospetto del Patrimonio Netto 73 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 74 Portafoglio Titoli 75 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 80 NEW MILLENNIUM - INFLATION LINKED BOND 81 EUROPE Prospetto del Patrimonio Netto 81 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 82 Portafoglio Titoli 83 NEW MILLENNIUM - Q7 GLOBALFLEX 85 Prospetto del Patrimonio Netto 85 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 86 Portafoglio Titoli 87 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 92 Contratti finanziari a termine 93 NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM ITALIAN 94 DIVERSIFIED BOND Prospetto del Patrimonio Netto 94 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 95 Portafoglio Titoli 96 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures 99 Contratti finanziari a termine 100 NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM MARKET 101 TIMING Prospetto del Patrimonio Netto 101 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 102 Portafoglio Titoli 103 Contratti finanziari a termine 105 NEW MILLENNIUM - VOLACTIVE 106 Prospetto del Patrimonio Netto 106 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto 107 Portafoglio Titoli 108 Impegni su acquisto/vendita di contratti futures Contratti su opzioni NEW MILLENNIUM AUGUSTUM EXTRA EURO HIGH QUALITY BOND Prospetto del Patrimonio Netto Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto Portafoglio Titoli Note ai Rendiconti Finanziari Appendice non certificata 128 2

3 ORGANIZZAZIONE DELLA SOCIETA CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE Presidente Giampietro NATTINO Presidente Banca Finnat Euramerica S.p.A 49, Piazza del Gesù I Roma (fino al 16 Aprile 2014) Alberto ALFIERO Vice Direttore Generale Banca Finnat Euramerica S.p.A. 49, Piazza del Gesù I Roma (dal 16 Aprile 2014) Amministratori Arturo NATTINO Amministratore Delegato Banca Finnat Euramerica S.p.A 49, Piazza del Gesù I Roma (fino al 16 Aprile 2014) Alberto ALFIERO Vice Direttore Generale Banca Finnat Euramerica S.p.A. 49, Piazza del Gesù I Roma Emanuele BONABELLO Responsabile Gestioni e Relazioni Istituzionali Banca Finnat Euramerica S.p.A 49, Piazza del Gesù I Roma (dal 15 Maggio 2014) Gianluca COSTANTINI Responsabile Pianificazione e Controllo Banca Finnat Euramerica S.p.A 49, Piazza del Gesù I Roma (dal 15 Maggio 2014) Antonio MAUCERI Amministratore Delegato Augustum Opus SIM S.p.A. 6, Via Marina I Milano Nino ADDONIZIO Amministratore Delegato Q7 Fund Management AG 27, Rennweg 3

4 CH Zürich Incaricati dal Consiglio d Amministrazione Sante JANNONI Amministratore Delegato TMF Compliance (Luxembourg) S.A. 11, rue Béatrix de Bourbon L Luxembourg Marco PETRONIO Amministratore TMF Compliance (Luxembourg) S.A. 11, rue Béatrix de Bourbon L Luxembourg 4

5 SEDE LEGALE 49, avenue J.F. Kennedy L Luxembourg DISTRIBUTORE PRINCIPALE E CONSULENTE GENERALE Distributore Principale Advisor For the Sub-Funds NEW MILLENNIUM - Q7 Globalflex, NEW MILLENNIUM - Q7 Active Equities International. Banca Finnat Euramerica S.p.A 49, Piazza del Gesù I Roma Q7 Fund Management AG 27, Rennweg CH Zurich Sub-Fund Co-Manager per i comparti NEW MILLENNIUM - Augustum High Quality Bond, NEW MILLENNIUM - Augustum Corporate Bond, NEW MILLENNIUM - Augustum Italian Diversified Bond, NEW MILLENNIUM - Augustum Market Timing. Augustum Opus SIM S.p.A. 7, via Serbelloni Gabrio I Milano Sub-Fund Co-Manager per i comparti NEW MILLENNIUM - Euro Equities, NEW MILLENNIUM - Global Equities (Eur Hedged), NEW MILLENNIUM - Euro Bonds Short Term, NEW MILLENNIUM - Large Europe Corporate, NEW MILLENNIUM - Balanced World Conservative, NEW MILLENNIUM - Total Return Flexible, NEW MILLENNIUM - Inflation Linked Bond Europe. Banca Finnat Euramerica S.p.A 49, Piazza del Gesù I Roma Sub-Fund Co-Manager per il comparto NEW MILLENNIUM - VolActive. City Fund Management Ltd Gracechurch Street, 5th Floor UK - EC3V 0EH London (dal 23 Ottobre 2013) BANCA DEPOSITARIA State Street Bank Luxembourg S.A. 49, avenue J.F. Kennedy L Luxembourg AMMINISTRAZIONE CENTRALE SOGGETTO INCARICATO DEI PAGAMENTI IN ITALIA State Street Bank Luxembourg S.A. 49, avenue J.F. Kennedy L Luxembourg ICCREA Banca S.p.A , Via Lucrezia Romana I Roma 5

6 State Street Bank S.p.A 10, Via Ferrante Aporti I Milano Société Générale Securities Services S.p.A. 19/A, Via B. Crespi I Milano Banca Monte dei Paschi di Siena 3, Piazza Salimbeni I SIENA Allfunds Bank Via Santa Margherita, 7 I Milano (dal 26 Novembre 2012) REVISORE CONTABILE PricewaterhouseCoopers, Société coopérative 2, rue Gerhard Mercator B.P.1443 L Luxembourg 6

7 REPORT DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Scenario macroeconomico internazionale Il sostanziale azzeramento dei tassi di interesse sugli strumenti di debito governativo può senz altro essere considerato il fenomeno economico più eclatante che ha caratterizzato il Esso ha rappresentato la più evidente dimostrazione empirica non solo della esplicita repressione finanziaria in atto dal 2008 quanto del virtuale azzeramento delle aspettative d inflazione a seguito degli ampi eccessi di capacità inutilizzata e degli ampi deficit di domanda globale determinati dalle incisive politiche di deleveraging implementate un po ovunque da una folta pletora di Paesi. Il crollo dei prezzi petroliferi (-50%), materializzatosi nel corso del secondo semestre dell anno, ha poi contribuito ad amplificare ulteriormente quelle derive deflattive che, in un contesto di difficile inversione positiva dei cicli economici, rischiano di rendere sempre più problematico il riassorbimento dei livelli di debito eccessivo che, al momento, contribuiscono a bloccare l intera domanda globale. Banche Centrali e mercati hanno così spinto i rendimenti dei titoli pubblici a livelli straordinariamente bassi, con i titoli tedeschi e giapponesi a tassi negativi fino alla scadenza dei cinque anni, quelli francesi a rendimenti sotto zero fino alla scadenza dei tre anni e quelli americani a rendimenti di mezzo punto percentuale annuo per le scadenze biennali e poco superiori all 1% per le emissioni quinquennali. Sui decennali di riferimento, i tassi di mercato si sono ridimensionati allo 0,54% a fine anno dall 1,94% di inizio 2014 per i titoli tedeschi; allo 0,82% dal 2,43% per quelli francesi; all 1,88% dal 4,09% per quelli italiani; all 1,6% dal 4,14% per il decennale spagnolo; al 2,66% dal 5,99% per quello portoghese; al 2,17% dal 2,98% per quello americano. Il rendimento medio dei titoli governativi in Eurozona è sceso dal 4,28% nel novembre 2011 allo 0,785% a fine 2014, ai minimi da venti anni. Per usare le parole della Banca dei Regolamenti Internazionali, ciò che è del tutto anormale sta diventando normale in modo inquietante. Un altro aspetto fondamentale nel processo di abbattimento dei rendimenti del reddito fisso governativo è da ascrivere alle incontrovertibili difficoltà di ripristino, da parte dell economia globale, di una crescita economica soddisfacente e prossima al suo potenziale. La crescita del commercio mondiale è rimasta bloccata su livelli deludenti. Complessivamente, la dinamica economica mondiale è rimasta moderata, se comparata con il ciclo degli anni 2000, quando la crescita globale media raggiungeva il 4% annuo. Il contesto macroeconomico è risultato caratterizzato da una crescita americana in continuo progresso ma, contestualmente, da un non indifferente rallentamento del ciclo economico che ha interessato, congiuntamente, Eurozona, Giappone e molti Paesi emergenti. Si è progressivamente affermata, in questo 7

8 particolare contesto storico, la circostanza che vede la crescita americana non più in grado di svolgere quel positivo effetto di trascinamento sul ciclo economico mondiale cui eravamo da sempre abituati. Nel corso dell anno si è quindi assistito ad un progressivo rafforzamento solo della dinamica economica statunitense, con un prodotto interno lordo che, dopo una contrazione del 2% registrata nel primo trimestre, ha raggiunto un incremento annualizzato del 5% nel terzo, con consumi cresciuti dall 1,2% annuo del primo trimestre al 3,2% nel terzo e, infine,conuna spesa pubblica in aumento di 4,6 punti percentuali, sempre nel terzo trimestre, dopo essersi contratta dello 0,8 % nel primo. Deludenti sono apparse, viceversa, le dinamiche economiche dell Eurozona e del Giappone. Il prodotto interno lordo dell area della moneta unica ha sì chiuso il 2014 con una crescita annua dello 0,8%, dopo un biennio recessivo (-0.4% il PIL nel 2013; -0.7% nel 2012) ma ha registrato, dal primo al terzo trimestre, una flessione della crescita annua dall 1% allo 0,8%, con un ridimensionamento progressivo delle dinamiche congiunturali che ha interessato, inizialmente, i Paesi comunitari più fragili quali Francia ed Italia ma si è poi esteso anche ai Paesi della core Europe. La crescita annua del prodotto interno lordo francese ha così subito un rallentamento, dal primo al terzo trimestre, dallo 0,8% allo 0,4%; l Italia ha registrato, nel primo e nel terzo trimestre, una decrescita economica, rispettivamente, dello 0,3% e dello 0,5%; la Germania ha perso, anch essa, un punto percentuale di PIL, passando da una crescita annua del 2,2% all 1,2%. Quanto al Giappone, nonostante le incisive politiche reflazionistiche adottate, l aumento dell IVA sui consumi dal 5% all 8% in aprile ha determinato una ricaduta in recessione tecnica, con un PIL in contrazione annua nel secondo (-6,7%) e nel terzo trimestre (-1,9%) dopo una crescita del 5,8% fatta registrare nel primo quarter dell anno. Il ridimensionamento, nel corso dell anno, delle dinamiche congiunturali, eccezione fatta per l economia americana, ha poi interessato anche i mercati emergenti, colpiti dal rallentamento della domanda globale, da politiche monetarie in molti casi caratterizzate da improvvise evoluzioni restrittive, dal crollo di commodities e petrolio, nonchè dal rialzo del dollaro che rischia di mettere in ginocchio quei Paesi maggiormente indebitati nella valuta americana. Relativamente alle Politiche e Condizioni Monetarie, queste si stanno facendo gradualmente meno accomodanti negli Stati Uniti, con attese di normalizzazione dei tassi ufficiali verso la metà del 2015 mentre sono destinate a rimanere fortemente espansive nell area dell Euro. Gli Stati Uniti stanno ancora mantenendo i tassi di policy ancorati tra lo 0 e lo 0,25 ma hanno definitivamente terminato, in ottobre, i programmi di allentamento quantitativo attraverso i quali sono riusciti a riportare la crescita economica al 3% annuo e ridurre la disoccupazione, nel corso dell ultimo quinquennio, dal 10,2% della forza lavoro al 5,6%. Nell Eurozona, viceversa, alle prese con una disoccupazione ancorata all 11,5%, i concreti pericoli di derive deflattive, alimentate da una continua caduta delle aspettative inflazionistiche, unitamente alle evidenze di incontrovertibile ristagno economico, hanno indotto la BCE a rendere l orientamento della politica monetaria ancora più accomodante. In giugno sono stati introdotti tassi negativi dello 0,1% sui depositi overnight del sistema bancario c/o la Banca Centrale, abbassati allo 0,15% (dallo 0,25%) i tassi di policy, nonché disposte nuove operazioni di rifinanziamento a lungo termine (TLTRO) condizionate all erogazione di nuovi prestiti a famiglie ed imprese. Ulteriori interventi monetari sono stati varati a settembre, con il tasso di rifinanziamento principale abbassato allo 0,05%, il tasso sui depositi overnight portato a -0,2% e l implementazione di un 8

9 programma di acquisto, a partire da ottobre, di un ampio portafoglio di attività finanziarie private, in particolare ABS e covered bonds, ai fini di un allentamento delle condizioni di accesso al credito. Alla fine di ottobre anche la Banca del Giappone ha deciso di rafforzare il proprio programma di espansione quantitativa, con un allungamento della vita residua media dei titoli pubblici nel proprio portafoglio. La crescente divaricazione delle politiche monetarie non ha, per il momento, dato luogo a particolari tensioni finanziarie ma si è osservata una contrazione dei flussi di capitale verso le economie emergenti. I Mercati finanziari A consuntivo 2014 i corsi azionari internazionali hanno registrato: per l indice statunitense S&P500 un incremento annuo del 12,55% mentre l indice Euro Stoxx 50 rappresentativo dei principali titoli dell area dell Euro ha registrato un aumento limitato all 1,09%. Guardando piú in dettaglio i singoli mercati del vecchio continente si rilevaper l indice Ftse100 della borsa inglese una diminuzione del 2,72%; una discesa dello 0,75% per l indice CAC 40 del mercato francese; un incremento del 2,65% per l indice DAX del mercato tedesco; un aumento del 3,8% per l indice Ibex 35 del mercato spagnolo; un aumento del 9,51% per l indice Swiss Mkt del mercato svizzero. Relativamente al mercato italiano, si è registrata una sostanziale stabilità (+0,23%) per l indice azionario FtseMib Sui mercati asiatici, l indice della borsa cinese di Shanghai ha guadagnato il 53%; l indice Hang Seng della Borsa di Hong Kong ha registrato un aumento dell 1,28% mentre l indice Nikkei 225 della borsa giapponese ha offerto un ritorno del 7,12%. Quanto ai mercati emergenti, l indice Bovespa del mercato brasiliano ha registrato una perdita annua del 2,91%; il mercato indiano un incremento del 26,6%; quello turco un aumento del 25% mentre le sanzioni economiche ed il crollo del prezzo del petrolio hanno determinato una flessione del 45% dell indice azionario del mercato russo. Sui mercati delle commodities, i cali di domanda e gli eccessi di offerta hanno determinato forti flessioni non solo nei comparti dell energia ma anche tra i metalli (preziosi ed industriali) e tra i prodotti agricoli. In particolare, i cali di petrolio, minerale di ferro e rame hanno contribuito a portare l indice delle commodities a registrare il maggior periodo di declino dal 1991, con il Bloomberg Commodities Index dei 22 prodotti agricoli, energetici ed industriali più scambiati a segnalare un calo annuo del 17%. Nello specifico, le quotazioni del petrolio greggio della qualità WTI negoziata sul mercato NYMEX hanno perso, nell anno, il 45,6% del proprio valore (la flessione più marcata degli ultimi 30 anni in un contesto non recessivo); l olio da riscaldamento è risultato in caduta del 40%; il gasolio ha perso il 44,7%. Tra i metalli, l argento ha perso il 16,9%; il rame il 14,1%; il platino l 11,6% mentre il palladio è cresciuto del 12,3% e l oro è rimasto sostanzialmente stabile (- 0,31%). Tra i prodotti agricoli, la soia ha perso il 21%; il cotone il 27,7%; il mais il 3,85%; il frumento lo 0,91%. Tra i coloniali, lo zucchero ha perso il 10,54% mentre il caffè ha registrato un aumento pari al 48,9%. Relativamente ai mercati obbligazionari, al raggiungimento di nuovi minimi assoluti nei rendimenti offerti da prenditori sovrani e non sull intero tratto di curva ha fatto seguito un total return pari al 22,3% per i titoli di Stato decennali portoghesi; del 16,6% per quelli spagnoli; del 14,74% per quelli italiani; del 12% per quelli francesi; del 10,46% per quelli tedeschi e del 7,8% per il decennale USA. 9

10 Per quanto riguarda i mercati emergenti il 2014 si è cocnluso con tinte chiaro scure. In effetti ai timori che il tapering aveva generato nel 2013, causando un massiccio disimpegno di capitali da questa asst class, il 2014 è risultato ampiamente poisitivo per i 3/4 dell anno ridimensionando solo nell ultimo trimestre il buon recupero fino a quel momento accumulato. I problemi geo politici della Russia e la recessione che ha colpito di fatto il Brasile hanno infatti ridimensionato quella che altrimenti sarebbe stata una performance di notevole dimensione. Anche il segmento high yield è apparso nel 2014 in gran luce, l affannosa ricerca di rendimenti che la discesa dei tassi a livello globale ha innescato, ha fatto sì che su questo segmento di mercato si appuntasse, con sempre maggiore insistenza, l attenzione di un mercato pronto a barattare con sempre più frequenza notch di rating per punti di rendimento a scadenza. Quanto ai mercati valutari, le aspettative di una incipiente normalizzazione della politica monetaria statunitense, con conseguente prossima divaricazione dei tassi tra area Dollaro ed area Euro, ha portato la divisa USA a rivalutarsi, nel corso dell anno, di circa l 11% rispetto ad un paniere condiviso di valute dei Paesi sviluppati e di quelli emergenti. Con riferimento alle principali divise (sulla base delle quotazioni medie di dicembre 2014 su gennaio 2014), la divisa comune europea si è svalutata di circa il 10% nei confronti del dollaro americano (da 1,362 a 1,231); ha perso il 4,7% nei confronti della sterlina inglese (da 0,827 a 0,788); si è svalutata dal 2,4% nei confronti del franco svizzero (da 1,231 a 1,202) mentre si è rivalutata del 4% nei confronti dello yen giapponese (da 141,5 a 147,1). NEW MILLENNIUM AUGUSTUM CORPORATE BOND Sin dall inizio dell anno, il gestore ha adottato una strategia volta ad incrementare la duration di portafoglio. Le motivazioni sono da ricercare sia nella compressione dei tassi a breve, conseguenza delle politiche monetarie espansive adottate dalle banche centrali, che nelle aspettative di bassi tassi di inflazione. Durante la prima parte dell anno, è stata ridotta in termini di duration la copertura posta in essere sui paesi core e, successivamente, è stata incrementata l esposizione sui paesi periferici dell area euro. Dal punto di vista settoriale è stato incrementato, in particolare, il peso del settore telefonico a discapito di quello automobilistico. Nel secondo semestre è stata inoltre avviata una diversificazione valutaria, che ha portato il comparto ad avere un esposizione massima complessiva pari al 15% circa diviso su un basket di 5 valute. Infine, il gestore ha incrementato l esposizione su emissioni corporate investment grade in dollari di aziende europee, coprendo il rischio di cambio contro euro, per sfruttare il differenziate di tasso di interesse USD contro EUR sulla scadenza 3-5 anni. Il NAV di fine anno del comparto istituzionale è stato pari a 197,88 quello del retail è stato pari a 190,74 con performance rispettivamente del 5,29% e del 4,72%. NEW MILLENNIUM - EURO EQUITIES Il miglioramento del sentiment europeo e le attese per l intervento a sostegno della ripresa del ciclo economico da parte della BCE hanno permesso al mercato europeo di chiudere l anno positivamente. L utilizzo di un rigoroso processo di selezione/ottimizzazione titoli, nell ambito della metodologia sector neutral utilizzata, ha contribuito alla brillante performance ottenuta, sia in termini relativi che assoluti. Parimenti 10

11 premiante è risultata l esposizione azionaria sempre mantenuta elevata. Nel corso dell anno è stata inoltre elaborato ed efficacemente testato un affinamento della metodologia si selezione dei titoli, che verrà implementato nel prossimo anno. NEW MILLENNIUM - GLOBAL EQUITIES (EUR HEDGED) Andamento positivo per le principali piazze azionarie mondiali. La ripresa del ciclo economico e il successivo forte miglioramento degli utili aziendali ha consentito al listino Statunitense di testare nuovi massimi storici. L esposizione azionaria del comparto nel corso dell anno e stata mediamente vicina al 100% con un posizionamento vincente sui mercati USA e Giappone che sono stati tra i migliori performer. A livello settoriale positivo contributo alla performance principalmente dal sovrappeso mantenuto sui settori industriali, tecnologici e finanziari e dal sottopeso nei settori energia, utilities e bancario. Il processo di ottimizzazione perseguito nell anno ha generato inoltre una continua riduzione della TEV. NEW MILLENNIUM Q7 ACTIVE EQUITIES INTERNATIONAL Il patrimonio netto per azione del comparto Active Equities International alla fine del 2014 è stato di per la Classe I, generando una performance annua netta di % e un patrimonio netto per azione per la Classe A di corrispondente ad una minusvalenza netta su base anno di 21.46%. Il fondo e stato investito durante l anno per un 50 per cento almeno in equity, con un esposizione concentrata sui settori energy, gold and mining, e finanziario. A livello geografico la principale esposizione e stata su Italia, Russia, Brasile, Cina e Usa. Durante l anno il fondo ha usato una strategia di copertura mediante opzioni anche se i costi di transazione e di commissioni pagate ai broker sono poi risultati talmente alti da averne vanificato lo scopo. Nella seconda parte dell anno il fondo ha risentito del calo dei prezzi del petrolio da 100 a 50, dell oro da 1350 a 1150 e dell acciao da 140 a 70 con i vari titoli (Eni Vale Goldcorp Newmont Petrobras che ne hanno risentito in modo pesante). Gli ottimi dividendi delle societa non sono stati sufficienti a compensare un calo delle quotazioni dovute al timore di prezzi del petrolio in calo costante non solo nel breve ma anche nel medio periodo. Ed anche i buy back societari non sono bastati a compensare la volatilita dei corsi. Petrobras ha poi risentito dell incertezza legata alle indagini in corso per alcune irregolarita registrate in seno alla società. A livello finanziario la review di ottobre della BCE ha fortemente penalizzato Mps e Carige costrette a nuovi consistenti aumenti di capitale. L incertezza sui tempi e modi degli aumenti ha scoraggiata alcuni investitori che hanno preferito per il momento uscire da questi titoli. Anche il settore mining ha risentito del calo delle quotazioni delle materie prime con titoli che hanno toccato i minimi degli ultimi 10 anni trattando su livelli al di sotto del book value. Un eccessiva over capacity del settore ha penalizzato le quotazioni. Infine a livello valutario il fondo ha risentito del crollo del rublo avendo un esposizione indiretta tramite Adr s/gdr s a titoli russi. La moneta russa nei confronti dell euro è passata dai (01/08/2014) fino ad un massimo di 88.02% (16/12/2014) arrivando a perdere circa il 100 per cento del suo valore (95.40%). Solo l aumento dei tassi ufficiali al 17 ha fermato nel breve il calo della valuta. 11

12 A livello corporate il fondo ha inserito in portafoglio titoli a lunga scadenza di emittenti russi e del governo del Venezuela al fine di avere rendimenti superiori al 5. Le sanzioni contro la Russia hanno portato a una liquidazione dei bond da parte di fondi obbligati a vendite forzose dei titoli. Questo ha portato ad un allargamento degli spread con quotazioni denaro lettera anche di 5-10 punti percentuali. NEW MILLENNIUM - EURO BONDS SHORT TERM Il 2014 è stato un anno molto favorevole per il mercato obbligazionario con tassi in discesa e forte restringimento degli spread da parte dei periferici, guidati dalla Spagna e dall Italia, che hanno impattato positivamente sui risultati del comparto stante le scelte di allocazione effettuate in portafoglio. Nel corso della prima parte dell anno il conflitto russo-ucraino e le elezioni europee non hanno minato la stabilità dell euro. I continui dati macro sotto le attese hanno tuttavia messo sotto pressione la BCE che è dapprima intervenuta con il taglio dei tassi e, nella riunione di settembre, varando nuove misure (acquisto di ABS e di Covered Bond). Sul comparto c è stata per molti mesi una elevata esposizione sui governativi italiani e spagnoli seguita negli ultimi mesi dell anno da un progressivo incremento sulla curva dei titoli core a 5-7 anni fino ad arrivare a duration prossima alla massima consentita (2). L YTM del portafoglio a fine anno era intorno allo 0,5%. NEW MILLENNIUM AUGUSTUM HIGH QUALITY BOND Sin dall inizio dell anno, il gestore ha adottato una strategia volta ad incrementare la duration di portafoglio. Le motivazioni sono da ricercare sia nella compressione dei tassi a breve, conseguenza delle politiche monetarie espansive adottate dalle banche centrali, che nelle aspettative di bassi tassi di inflazione. Durante la prima parte dell anno, è stata ridotta in termini di duration la copertura posta in essere sui paesi core e, successivamente, è stata incrementata l esposizione sui paesi periferici dell area euro. E stata poi ridotta l esposizione sui titoli governativi italiani legati all inflazione a favore di emissioni bancarie italiane a 5-7 anni. Nel quarto trimestre il gestore ha incrementato l esposizione su emissioni in dollari di emittenti europei high grade, coprendo il rischio di cambio contro euro, per sfruttare il differenziate di tasso di interesse USD contro EUR sulla scadenza 3-5 anni. Il NAV di fine anno del comparto istituzionale è stato pari a 149,14 quello del retail è stato pari a 145,70 con performance rispettivamente del 2,34% e del 2,02%. NEW MILLENNIUM - LARGE EUROPE CORPORATE La storica discesa dei tassi europei e degli spread sui titoli, peraltro in un contesto simile a livello globale, ha permesso al comparto di conseguire anche quest anno una notevole performance assoluta. Le banche centrali hanno di fatto contribuito a questo evento impegnate, come sono state, anche se con tempistiche differenti, a contrastare un generalizzato clima di contrazione economica che, durante l anno, si è trasformata in molte aree geografiche in vera e propria recessione. La sempre più pressante ricerca di rendimenti interessanti ha portato gli investitori a porre sempre meno attenzione al rating delle emissioni con il 12

13 risultato di un generalizzato restringimento dei tassi per tutte le categorie di rischio. Solo verso la fine dell anno la crisi Russo-Ucraina ha rialzato notevolmente il premio per il rischio su alcuni emittenti. Pochi i problemi per il comparto che essendosi in media tenuto molto vicino al limite massimo di duration consentito (3,5) è riuscito a contenere in termini relativi lo svantaggio rispetto al benchmark dovuto al suo limite regolamentare di esposizione (max 30%) sugli emittenti riconducibili al segmento finanziario, ben comportatosi nel Il rating medio è intorno a BBB e lo YTM a fine anno 1,3%. NEW MILLENNIUM - BALANCED WORLD CONSERVATIVE Netta, nell anno appena trascorso, la differenza di comportamento tra i mercati azionari europei e quello americano. Quest ultimo ha archiviato una buona performance aiutato dalla FED, che proprio nel 2014 ha concluso la sua ultima tranche di QE che può essere archiviata come un azione che si è dimostrata assolutamente efficace. A due facce invece il 2014 per l Europa, bene la prima parte sulla speranza di una ripresa, male la seconda su dati che non confermavano queste aspettative. Molto buona la performance del comparto che ha fatto nettamente meglio del benchmark grazie ad un attenta lettura tattica dei temi sopra esposti oltre che ad una buona selezione titoli ed al giusto timing nel cogliere la rivalutazione del dollaro contro euro. La componete obbligazionaria, diversificata anche su strumenti RE, HY e debito emergente, ha una duration media di 3,9 e YTM a fine anno pari a 1%. NEW MILLENNIUM TOTAL RETURN FLEXIBLE. La nuova inquietante normalità rappresentata da un sostanziale azzeramento dei rendimenti sugli strumenti di debito governativo e su quelli di emittenti corporate di rating più elevato, rappresenta un particolare problema per la gestione di un comparto quale il Total Return Flexible che si propone di ottenere un rendimento positivo in ogni condizione di mercato mantenendo un moderato livello di rischio. Le politiche ultra espansive delle banche centrali premiano di fatto l assunzione di rischi in termini di duration e di qualità del credito che in contesti normali apparirebbero del tutto irrazionali e che risultano comunque incoerenti con la politica di risk management di questo comparto. Considerando questo scenario si è deciso nel 2014 di suddividere il portafoglio in questo modo: il 66% suddiviso tra obbligazioni di emittenti di buon rating e limitata duration (rendimenti contenuti ma alta affidabilità) e in liquidità, il 14% in obbligazioni di duration e qualità del credito più speculativa e un massimo del 20% in azioni sui mercati azionari U.S.A. ed europei. Per il controllo dei rischi sulla parte più volatile del portafoglio, oltre alla tradizionale forte diversificazione, si è optato per una gestione molto attiva caratterizzata da un attenta selezione e da una rigida applicazione di stop loss. Questa politica ha permesso di ottenere un buon risultato annuale, una limitata volatilità e una ottima capacità difensiva nelle fasi negative dei mercati. NEW MILLENNIUM - INFLATION LINKED BOND EUROPE Anno decisamente difficile sul fronte prezzi con continue revisioni al ribasso delle stime dell inflazione. L inflazione è al di sotto dell obiettivo della Bce da ben 22 mesi consecutivi ed il crollo del prezzo del petrolio se rappresenta da un lato un vantaggio per la crescita, dall altro riduce le aspettative di inflazione a lungo 13

14 termine. Nonostante le difficoltà riscontrate sull asset class il comparto ha conseguito nel 2014 un buon risultato assoluto e relativo grazie all attività effettuata che, in particolare, ha visto la duration salire da circa 1,9 a 3,1, privilegiando titoli linkers molto lunghi sia di Paesi core che italiani, ed aumentare la parte nominale nel tratto breve delle curve. Lo YTM del portafoglio in chiusura d anno era pari allo 0,24%. NEW MILLENNIUM Q7 GLOBALFLEX Il patrimonio netto per azione del comparto Globalflex alla fine del 2014 è stato di per la Classe I, generando una performance annua netta di -3.30% e un patrimonio netto per azione per la Classe A di 99.48, corrispondente ad una minusvalenza netta su base anno dello 4.41%. Nonostante una estrema avversione al rischio ed una bassa esposizione azionaria, nei primi 10 mesi del 2014 il comparto è risucito a tenere testa all andamento dei principali benchmark della categoria. Tuttavia, dai primi di novembre, nel giro di poche settimane, alcuni fattori improvvisi e concomitanti come il crollo del prezzo del petrolio ed il crollo del Rublo hanno determinato una serie di reazioni a catena che hanno influenzato negativamente da un lato le obbligazioni corporate americane delle società esposte in generale al settore energia nel quale il comparto era investito per un 7-8%, dall altro hanno creato panico sulla Russia facendo schizzare gli spread dei titoli coroprate di tale paese e non solo sul settore petrolifero ed energia ma anche sul finanziario su cui il copmarto ha una, seppur limtata, esposizione. Infine, timori di un possibile default del Venezuela hanno fatto crollare le quotazioni dei titoli governativi e semigovernativi di tale paese sotto il 50% del loro valore nominale. Seppur esposto solo con un paio di punti percentuali, il comparto ha sofferto in modo consistente su tale posizione. Nel complesso, questi tre ambiti avrebbero da soli fatto cedere al comparto tra i 7 ed 8 punti percentuali compensati tuttavia in parte dalla performance realizzata su cambi dove vi è sempre stata una esposizione positiva sul dollaro USA. A poso sono invece servite le coperture su indici, dato che i mercati azionari hanno continuato la loro corsa senza farsi influenzare piu di tanto dai fattori elencati sopra. Un cosi repentino calo nel prezzo del petrolio, in condizioni normali (assenza di QU) avrebbe senz altro influenzato negativamente l azionario di tutti i paesi produttori di energia, soprattutto emergenti ma di conseguenza poi anche di quelli principali. Cosi non è stato ed in conclusione il comparto ha dovuto cedere circa 5 punti percentuali distaccandosi in modo notevole dal proprio benchmark che ha invece guadagnato oltre tre punti. NEW MILLENNIUM AUGUSTUM ITALIAN DIVERSIFIED BOND Sin dall inizio dell anno, il gestore ha adottato una strategia volta ad incrementare la duration di portafoglio. Le motivazioni sono da ricercare sia nella compressione dei tassi a breve, conseguenza delle politiche monetarie espansive adottate dalle banche centrali, che nelle aspettative di bassi tassi di inflazione. Durante la prima parte dell anno, è stata ridotta in termini di duration la copertura posta in essere sui paesi core e, successivamente, è stata incrementata l esposizione sul BTP decennale. Dal punto di vista settoriale è stato incrementato, in particolare, il peso del settore telefonico a discapito di quello automobilistico. Inoltre, è stato aumentato il peso di alcuni emittenti italiani corporate a discapito di governativi italiani scadenza 2-5 anni. 14

15 Infine, il gestore ha incrementato l esposizione su emissioni corporate investment grade in dollari di aziende italiane, coprendo il rischio di cambio contro euro, per sfruttare il differenziate di tasso di interesse USD contro EUR sulla scadenza 3-5 anni. Il NAV di fine anno del comparto istituzionale è stato pari a 113,76 quello del retail è stato pari a 110,98 con performance rispettivamente del 3,56% e del 2,92%. NEW MILLENNIUM AUGUSTUM MARKET TIMING Per quanto riguarda l asset allocation, il gestore ha ritenuto opportuno mantenere la stessa diversificazione per classi di investimento, con un peso della componente azionaria al 30% e il peso della componente obbligazionaria al 70%. La ripartizione per area geografica mostra un peso significativo sulle azioni europee; per quanto riguarda la componente obbligazionari si è mantenuta una duration del portafoglio intorno ai 3 anni, mentre è stata avviata una diversificazione valutaria, che ha portato il comparto ad avere un esposizione massima complessiva pari al 8.5% circa nella seconda metà dell anno. Il NAV di fine anno della classe istituzionale è stato pari a e quello della classe retail è stato pari a con performance rispettivamente del 3.47% e del 2,44%. NEW MILLENNIUM VOLACTIVE. Dopo un avvio lento dell anno, quasi atteso dato il regime di bassa volatilità del mercato, il fondo é riuscito gradualmente a far fruttare alcuni dei cambiamenti nel profilo complessivo di volatilità dei mercati. Il fondo presentava un Q2 particolarmente forte trainato principalmente dai modelli di riporto Vix. Agosto è stato un mese particolarmente forte per il fondo con praticamente tutti i modelli che hanno generato pnl positivi mentre il VIX è sceso da 17 a 12 dopo un breve picco alla fine di luglio. La volatilità crescente mostrata verso la fine del 2014 è stata superata con successo e i modelli sembrano pronti ad estrarre valore da questo incremento netto della volatilità. Vale la pena notare che il fondo rimane in linea con gli obiettivi di rendimento, con un forte ritorno ponderato in base al rischio nel 2014, ma la strategia rimane adatta a produrre rendimenti fuori misura, in quanto, storicamente, le strategie di volatilità raggiungono risultati eccellenti in tempi di crisi finanziaria dei mercati azionari, più recentemente nel 2008 e nel 2011 in quanto si dovrebbe continuare a mantenere questo profilo in caso di un altro grave incidente di mercato. Alla fine del 2014 il fondo era cresciuto di un rispettabile 7,15%, in linea con il profilo di rischio e rendimento atteso del prodotto. NEW MILLENNIUM AUGUSTUM EXTRA EURO HIGH QUALITY BOND Il comparto è stato lanciato alla fine del 2014 e ha iniziato ad avere una buona diversificazione in termini di esposizione valutaria fin dal lancio. Alla fine dell esercizio, il portafoglio è investito in 16 differenti valute. Il patrimonio investito nelle principali valute rappresenta oltre il 60% del totale attivo, mentre tra i mercati emergenti il gestore ha favorito le valute ad alto rendimento. 15

16 Nonostante la sua breve vita nel 2014, il comparto ha saputo cogliere i movimenti delle valute nei confronti dell euro. Il prezzo per azione alla fine dell anno per la classe istituzionale è pari a 101,06, per la classe Retail è pari a 101,01, generando una performance pari rispettivamente a 1,06% e 1,01%. Il Consiglio di Amministrazione Lussemburgo,

17 Relazione della Società di Revisione Ai Detentori di quote di NEW MILLENNIUM SICAV Abbiamo sottoposto a revisione i rendiconti finanziari allegati di NEW MILLENNIUM SICAV e di ogni suo comparto, vale a dire il prospetto del patrimonio netto e i portafogli-titoli al 31 dicembre 2014, nonché il prospetto delle operazioni e delle variazioni del patrimonio netto per l esercizio chiuso alla stessa data, così come l allegato contenente il riepilogo dei principali metodi contabili e altre note esplicative ai rendiconti finanziari. Responsabilità del Consiglio di Amministrazione della società di gestione circa la stesura e la predisposizione dei rendiconti finanziari Il Consiglio di Amministrazione della società di gestione è responsabile della stesura e della predisposizione fedele dei rendiconti finanziari, ai sensi dei requisiti di legge e delle normative relativi alla stesura e alla predisposizione dei rendiconti finanziari vigenti in Lussemburgo. Tale responsabilità comprende la progettazione, l attuazione e il continuo controllo interno relativi alla stesura e alla predisposizione fedele dei rendiconti finanziari privi di anomalie significative derivanti da frodi o errori; la scelta e l applicazione di metodi contabili appropriati; nonché la produzione di stime contabili ragionevoli alla luce delle circostanze. Responsabilità della Società di Revisione La nostra responsabilità consiste nell esprimere un opinione su tali rendiconti finanziari in base alla revisione contabile svolta. Quest ultima è stata condotta secondo le norme di revisione internazionali recepite dall Institut des Réviseurs d Entreprises. Dette norme richiedono da parte nostra l osservanza delle regole di etica e prevedono che venga pianificata ed effettuata la revisione contabile al fine di ottenere la ragionevole assicurazione che i rendiconti finanziari non contengano anomalie significative. Il procedimento di revisione implica l attuazione di procedure finalizzate a raccogliere elementi probatori riguardanti gli importi e le informazioni riportate nei rendiconti finanziari. Compete alla Società di Revisione selezionare le procedure operative, nonché valutare il rischio che i rendiconti finanziari contengano anomalie significative eventualmente derivanti da frodi o errori. Nel valutare il rischio, la Società di Revisione prende in considerazione il controllo interno in vigore nell entità in ordine alla stesura e alla predisposizione fedele dei rendiconti finanziari con l obiettivo di definire di volta in volta le procedure di revisione che meglio si addicono alla situazione, evitando di esprimere un opinione in merito all efficacia. Il procedimento di revisione comporta altresì una valutazione del carattere appropriato dei metodi contabili prescelti e del carattere ragionevole delle stime contabili operate dal Consiglio di Amministrazione della società di gestione, nonché un giudizio sulla predisposizione complessiva dei rendiconti finanziari. Riteniamo che gli elementi probatori raccolti siano sufficienti e appropriati per formulare la nostra opinione. PricewaterhouseCoopers, Société coopérative, 2 rue Gerhard Mercator, B.P. 1443, L-1014 Luxembourg T: , F: , Cabinet de révision agréé. Expert-comptable (autorisation gouvernementale n ) R.C.S. Luxembourg B TVA LU

18 Opinione A nostro giudizio, i rendiconti finanziari allegati forniscono un immagine veritiera della situazione patrimoniale e finanziaria di NEW MILLENNIUM SICAV e di ogni suo comparto al 31 dicembre 2014, come anche del risultato delle operazioni e delle variazioni del patrimonio netto per l esercizio chiuso alla stessa data, il tutto in conformità con i requisiti di legge e le normative relativi alla stesura e alla predisposizione dei rendiconti finanziari vigenti in Lussemburgo. Altre informazioni Le informazioni aggiuntive fornite nella relazione annuale sono state anch esse analizzate, sempre nell ambito del nostro incarico, ma non sono state assoggettate a verifiche effettuate secondo i principi di revisione precedentemente descritti. Di conseguenza non ci spetta esprimere un giudizio in merito. Tuttavia non abbiamo alcuna osservazione da fare sulle informazioni riportate nei rendiconti finanziari considerati nella loro globalità. PricewaterhouseCoopers, Société coopérative Lussemburgo, 15 Aprile 2015 Rappresentata da Thierry Blondeau 18

19 COMPARATIVO DEI VALORI NETTI D INVENTARIO DEGLI ULTIMI TRE ANNI 31 dicembre dicembre dicembre 2012 Valuta Totale NAV per Azione Totale NAV per Azione Totale NAV per Azione NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM CORPORATE BOND Azione A EUR 30,501, ,954, ,729, Azione D EUR 4,408, ,873, , Azione I EUR 157,286, ,810, ,345, Totale attivo netto EUR 192,195, ,637, ,678, NEW MILLENNIUM - EURO EQUITIES Azione A EUR 4,494, ,975, ,523, Azione I EUR 13,720, ,229, ,623, Totale attivo netto EUR 18,215, ,205, ,147, NEW MILLENNIUM - GLOBAL EQUITIES (EUR HEDGED) Azione A EUR 3,213, ,672, ,664, Azione I EUR 10,194, ,199, ,408, Totale attivo netto EUR 13,407, ,872, ,072, NEW MILLENNIUM - Q7 ACTIVE EQUITIES INTERNATIONAL Azione A EUR 3,356, ,390, ,705, Azione I EUR , Totale attivo netto EUR 3,357, ,391, ,770, NEW MILLENNIUM - EURO BONDS SHORT TERM Azione A EUR 12,529, ,334, ,515, Azione D EUR 470, , , Azione I EUR 29,352, ,953, ,845, Totale attivo netto EUR 42,351, ,902, ,214, NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM HIGH QUALITY BOND Azione A EUR 22,577, ,533, ,093, Azione D EUR 515, , , Azione I EUR 74,442, ,666, ,342, Totale attivo netto EUR 97,535, ,362, ,530, NEW MILLENNIUM - LARGE EUROPE CORPORATE Azione A EUR 19,646, ,587, ,202, Azione D EUR 1,482, ,273, ,453, Azione I EUR 38,567, ,033, ,234, Totale attivo netto EUR 59,696, ,894, ,890, NEW MILLENNIUM - BALANCED WORLD CONSERVATIVE Azione A EUR 19,223, ,976, ,986, Azione I EUR 1,774, , , Totale attivo netto EUR 20,997, ,977, ,987, NEW MILLENNIUM - TOTAL RETURN FLEXIBLE Azione A EUR 24,296, ,053, ,176, Totale attivo netto EUR 24,296, ,053, ,175, NEW MILLENNIUM - INFLATION LINKED BOND EUROPE Azione A EUR 6,895, ,011, ,070, Azione I EUR 24,698, ,607, ,927, Totale attivo netto EUR 31,594, ,618, ,998, NEW MILLENNIUM - Q7 GLOBALFLEX Azione A EUR 16,410, ,673, Azione I EUR 61, ,649, Totale attivo netto EUR 16,471, ,323, ,884, NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM ITALIAN DIVERSIFIED BOND Azione A EUR 1,828, , Azione D EUR 2,433, ,471, Azione I EUR 61,753, ,884, ,413, Totale attivo netto EUR 66,015, ,830, ,308, NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM MARKET TIMING Azione A EUR 11,994, ,719, Azione D EUR 2,070, , Azione I EUR 26, , Totale attivo netto EUR 14,091, ,058, NEW MILLENNIUM - VOLACTIVE Azione A EUR 3,577, , Azione D EUR 5, , Azione I EUR 15,474, ,508, Totale attivo netto EUR 19,056, ,291, NEW MILLENNIUM - AUGUSTUM EXTRA EURO HIGH QUALITY BOND Azione A EUR 40, Azione D EUR 10, Azione I EUR 5,798, Totale attivo netto EUR 5,848,

20 PROSPETTO DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 IN EUR Attività Portafoglio Titoli al valore di mercato (Nota 2a) 610,945, Liquidità bancarie a vista 13,113, Conti presso brokers 6,697, Contratti di opzioni al valore di mercato (Nota 2e) 3, Utili non realizzati su contratti di cambio a termine (Nota 2c) 509, Utili non realizzati su contratti futures (Nota 2d) 100, Dividendi da ricevere 80, Interessi da ricevere 8,268, Da ricevere su vendita titoli 1,887, Da ricevere su sottoscrizioni 1,093, Altre attività 19, Totale attività 642,718, Passività Scoperti bancari -1,562, Contratti di opzioni al valore di mercato (Nota 2e) -113, Perdite non realizzate su contratti di cambio a termine (Nota 2c) -10,310, Perdite non realizzate su contratti futures (Nota 2d) -1,032, Da pagare su acquisto titoli -367, Da pagare su riscatti -712, Altre passività -3,486, Totale passività -17,585, Totale attivo netto 625,133,

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli