SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA"

Transcript

1 SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA CASI DI ESCLUSIONE DALLA SANATORIA: 1) Opere abusive relative a nuove costruzioni, residenziali e non, realizzate in assenza del titolo abilitativo edilizio e non conformi agli strumenti urbanistici vigenti alla data di entrata in vigore della legge regionale (l esclusione non opera per le pertinenze prive di funzionalità autonoma) DEFINIZIONE DI PERTINENZA URBANISTICA Nella nozione di pertinenza urbanistica rientra l opera, che abbia, comunque, una propria individualità fisica e una propria conformazione strutturale: preordinata a una oggettiva esigenza dell edificio (bene principale) funzionalmente e oggettivamente destinata al servizio dell edificio priva di autonomo valore di mercato non valutabile in termini di cubatura o dotata di un volume minimo tale da non consentire, in relazione alle caratteristiche dell edificio, una sua destinazione autonoma e diversa da quella a servizio dell immobile cui accede. (cfr. Cons. di Stato, sez. V. n. 633 del ) La strumentalità rispetto all edificio, deve essere in ogni caso oggettiva, cioè connaturale alla struttura dell opera e non può desumersi esclusivamente dalla destinazione soggettivamente data dal proprietario o dal possessore. Nota: Si deve rilevare che non è chiaro se con l espressione struttura pertinenziale la legge intenda rimandare alla nozione civilistica di pertinenza (articoli 817 e 818 c.c.) o alla definizione di pertinenza contenuta nell art. 3 del Testo Unico dell edilizia. In questo secondo caso, le pertinenze sarebbero soltanto quelle che non superano il 20% del volume dell edificio principale. Quelle eccedenti la percentuale sono qualificate dal Testo Unico come nuove costruzioni e dunque non potrebbero accedere al condono. 2) Ampliamenti superiori al 20 per cento della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa, a 500 mc. 3) Mutamenti di destinazione d uso, qualora superiori a 500 mc. per singola unità immobiliare e non conformi alle previsioni urbanistiche comunali vigenti alla data di entrata in vigore della legge regionale Nota: riguarda i cambi di destinazione d uso senza opere che non erano condonabili sulla base della normativa statale perché tutte le tipologie di abuso descritte nell Allegato 1 comportavano l esecuzione di opere e (quindi comprendevano i cambi d uso esclusivamente se connessi agli interventi di ristrutturazione o di restauro e risanamento conservativo) 4) Opere abusive nelle aree demaniali, nelle aree a parco regionale, fatte salve le zone di rinvio alla pianificazione comunale, ad eccezione degli interventi di manutenzione straordinaria realizzati in assenza o in difformità dal titolo

2 abilitativo edilizio, ovvero delle opere o modalità di esecuzione non valutabili in termini di superficie e di volume 5) Opere abusive nelle aree a parco naturale, nelle riserve naturali e nei monumenti naturali, ad eccezione degli interventi di manutenzione straordinaria 6) Opere abusive nelle zone vincolate (vincoli idrogeologici e paesaggistici), qualora il vincolo comporti inedificabilità e sia stato imposto prima dell esecuzione delle opere. In tutti gli altri casi, si potrà ottenere la sanatoria, previo parere favorevole dell amministrazione preposta alla tutela del vincolo. CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE 1) Termini e modalità di versamento degli oneri concessori sono deliberati dal Comune per mezzo di provvedimento da assumere entro trenta giorni dall entrata in vigore della legge regionale (termine perentorio) 2) con la stessa delibera il Comune può decidere che gli oneri di urbanizzazione siano incrementati del 50, 30, 20 per cento massimo a seconda della gravità dell abuso(rispettivamente tipologia di illecito 1,2,3); 3) con la stessa delibera il Comune può stabilire che una quota non superiore al 50% degli oneri di urbanizzazione, calcolati in via presuntiva dai richiedenti la sanatoria, sia versata a titolo di anticipazione all atto della presentazione della domanda di sanatoria; 4) gli oneri concessori e il contributo sul costo di costruzione ( dovuto per opere realizzate dopo il )) si calcolano, anche per le domande pregresse, applicando le tariffe vigenti all atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria 5) in assenza della delibera comunale, il contributo di costruzione è corrisposto per intero all atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria. SCADENZE Termine ultimo per la presentazione delle domande di condono e versamento della prima rata dell oblazione e dell anticipazione degli oneri concessori Termine ultimo per il pagamento della seconda rata dell oblazione e dell anticipazione degli oneri concessori Termine ultimo per il pagamento della terza rata dell oblazione e dell anticipazione degli oneri concessori Nota: il Governo sta esaminando un D.L. che prevede lo slittamento dei termini per il versamento della seconda e terza rata di oblazione e oneri concessori rispettivamente al 31 maggio 2005 e 30 settembre Termine ultimo per produrre la documentazione integrativa: 1

3 denuncia in catasto dell'immobile oggetto di illecito edilizio e della documentazione relativa all'attribuzione della rendita catastale; denuncia ai fini ICI ove dovuto, denuncia i fini tassa per la raccolta rifiuti solidi urbani e occupazione del suolo pubblico NOTA IMPORTANTE: Ai sensi del comma 7 dell'art. 4 della L.R. 31/2004 se il Comune non approva con apposita delibera la disciplina in materia del contributo di costruzione ( termine perentorio 6 dicembre) non è dovuta l'anticipazione del contributo di costruzione nemmeno con le modalità previste dalla normativa statale. L'intero contributo verrà corrisposto all'atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria, cioè al rilascio del permesso di costruire in sanatoria ovvero alla maturazione del silenzio- assenso (30 giugno 2007) ESEMPI DI CALCOLO DELL ANTICIPAZIONE DEGLI ONERI CONCESSORI (CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE) (formulati sulla base della legge nazionale, utilizzando la tabella D ed ipotizzando un comune con popolazione fino a abitanti) Nota importante: E opportuno che il conteggio degli oneri concessori (contributo di costruzione) venga formulato sulla base delle tariffe vigenti nell ambito dei singoli Comuni e ciò per evitare di dover effettuare versamenti in eccesso utilizzando la tabella D allegata alla legge 326/2003. Si ricorda, inoltre, che il contributo relativo al costo di costruzione è dovuto solo per opere abusive realizzate dopo il 29 gennaio 1977 Caso a) Edificio residenziale costruito senza concessione edilizia (ora permesso di costruire) e non conforme alle norme urbanistiche ed agli strumenti urbanistici vigenti Dati: Due piani fuori terra con S.U.complessiva di 300 mq ; balconi per una S.N.R. di 30 mq ed un piano interrato avente S.N.R. di 120 mq Nota: agli effetti della legge regionale tale abuso non rientrerebbe nella casistica di opera sanabile in quanto nuova costruzione a meno che non sia conforme allo strumento urbanistico vigente alla data del mq ,60 x ( ) x /mq 38,00 = 14820,00 - prima rata (14820 x 0,30) = 4446,00 da versare entro il seconda rata (14820 x 0,35)=5187,00 da versare entro il terza rata (14820 x 0,35)=5187,00 da versare entro il Caso b) Parte di edificio residenziale, veranda costruita senza concessione edilizia e non conforme alle norme urbanistiche ed agli strumenti urbanistici vigenti Dati: superficie utile mq Mq 15,00 x /mq 38,00 = 570,00 - prima rata 500,00 da versare entro il essendo il 30% dell importo ( 171,00) inferiore all importo minimo previsto di 500,00 - seconda rata 35,00 da versare entro il terza rata 35,00 da versare entro il

4 Caso c) Sopraelevazione di un edificio residenziale esistente, costruita senza la concessione edilizia ma conforme alle norme urbanistiche e agli strumenti urbanistici vigenti L abuso si colloca nella tipologia 2 Dati: si assume che l ampliamento costituito dalla sopraelevazione abbia una superficie utile di 50,00 mq. Nota: agli effetti della legge regionale tale abuso non rientrerebbe nella casistica di opera sanabile ove il volume superi, alternativamente, i 500 mc ovvero il 20% della volumetria della costruzione originaria. mq 50,00 x /mq 38,00 = 1900, 00 - prima rata (1900 x 0,30) = 570,00 da versare entro il seconda rata (1900 x 0,35)=665,00 da versare entro il terza rata (1900 x 0,35)=665,00 da versare entro il Caso d) Frazionamento di un unità immobiliare a destinazione residenziale in tre unità immobiliari. Dati: si assume che l unità immobiliare originaria (realizzata a seguito del rilascio del titolo abilitativo) abbia una superficie complessiva di 380,00 mq. Le unità immobiliari derivate abbiano una superficie rispettivamente di mq 130,00 150,00 100,00 1^ unità: mq 130,00 x /mq 18,00 = 2340,00 - prima rata (2340 x 0,30) = 702,00 da versare entro il seconda rata (2340 x 0,35)=819,00 da versare entro il terza rata (2340 x 0,35)=819,00 da versare entro il si omette il conteggio delle unità 2 e 3 in quanto similare. Caso e) Mutamento di destinazione d uso di un unità immobiliare a destinazione residenziale in un altra a destinazione non residenziale effettuato senza richiedere il titolo abilitativo prescritto dalle norme in vigore. Nota: agli effetti della legge regionale tale abuso non rientrerebbe nella casistica di opera sanabile se il volume della singola unità immobiliare fosse superiore a 500 mc e non conforme alle previsioni urbanistiche comunali vigenti alla data di entrata in vigore della legge Dati: si assume che l unità immobiliare originaria abbia una superficie complessiva di mq 70,00 (realizzata a seguito di rilascio del titolo abilitativo) Mq 70,00 x /mq 18,00 = 1260,00 - prima rata 500,00 da versare entro il essendo il 30% dell importo ( 378,00) inferiore all importo minimo previsto di 500,00 - seconda rata 380,00 da versare entro il terza rata 380,00 da versare entro il NOTA GENERALE: IL COMUNE POTREBBE DELIBERARE CHE LA QUOTA DI ANTICIPAZIONE DEGLI ONERI CONCESSORI (CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE) SIA 3

5 DEL 50%. IN TAL SENSO AGLI ESEMPI PRECEDENTI SI DOVRA SOSTITUIRE LA PERCENTUALE 30 CON 50 E 35 CON 25 ESEMPI DI CALCOLO DELL OBLAZIONE Vengono ripresi gli esempi già utilizzati per la determinazione dell anticipazione degli oneri concessori (contributo di costruzione) con l utilizzo della tabella C allegata alla legge 326/2003 Caso a) -Verificato che l intervento non è superiore al 20% della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa di 500 mc si ha: Oblazione: mq ,60 x ( ) x /mq 100,00 = 39000,00 - prima rata (39000 x 0,30) =11700,00 da versare entro il seconda rata (39000 x 0,35)=13650,00 da versare entro il terza rata (39000 x 0,35)=13650,00 da versare entro il Caso b) Verificato che l intervento non è superiore al 20% della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa di 500 mc si ha: Oblazione: mq 15,00 x /mq 100,00 = 1500,00 Il versamento deve essere effettuato entro il in un unica soluzione essendo risultata l oblazione inferiore all importo minimo previsto di 1700,00 Caso c) Verificato che l intervento non è superiore al 20% della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa di 500 mc (nota 1) si ha: L abuso si colloca nella tipologia 2 Oblazione: mq 50,00 x /mq 80,00 = 4000,00 - prima rata 1700,00 da versare entro il poiché il 30% dell importo è pari a 1200,00 che risulta inferiore al valore minimo previsto di 1700,00 - seconda rata ( )/2= 1150,00 da versare entro il terza rata ( )/2= 1150,00 da versare entro il nota 1: se il volume del fabbricato esistente fosse, in ipotesi, di 360 mc il 20% corrisponderebbe a 72 mc e quindi inferiore al volume dell abuso ipotizzabile in 150,00 mc (50,00 x 3,00). Comunque l abuso è sanabile perché, in alternativa, è inferiore al volume massimo ammissibile di 500 mc Caso d) Il volume vuoto per pieno dell unità immobiliare originaria è pari a mq 380,00 x 3,00 (altezza) = 1140,00 mc che è superiore al limite volumetrico di mc 500, ma trattandosi di un volume costruito legalmente, la circostanza non influisce sulla possibilità di potere presentare l istanza per il conseguimento del titolo abilitativo in sanatoria Oblazione: mq 130 x /mq 60,00 = 7800,00 - prima rata (7800 x 0,30) =2340,00 da versare entro il seconda rata (7800 x 0,35) =2730,00 da versare entro il terza rata (7800 x 0,35)=2730,00 da versare entro il si omette il conteggio delle unità 2 e 3 in quanto similare. Caso e) Il volume vuoto per pieno dell unità immobiliare originaria è pari a mq 70,00 x 3,00 (altezza) = 210,00 mc che risulta inferiore a mc 500, ma trattandosi di un volume costruito legalmente, la circostanza non influisce sulla possibilità di potere presentare 4

6 l istanza per il conseguimento del titolo abilitativi in sanatoria anche se il volume fosse stato superiore a 500 mc Oblazione: mq 70 x /mq 80,00 = 5600,00 - prima rata 1700,00 da versare entro il poiché il 30% dell importo è pari a 1680,00 che risulta inferiore al valore minimo previsto di 1700,00 - seconda rata ( )/2= 1960,00 da versare entro il terza rata ( )/2= 1960,00 da versare entro il Casistica con tipologia 4,5,6 Caso f) Apertura di finestra in un'unità immobiliare esistente, edificata legalmente L'abuso si colloca nella tipologia 6 e di conseguenza l'oblazione da corrispondere ammonta forfetariamente a 516,00 da versare in unica soluzione entro il Caso g) Consolidamento e adeguamento igienico-funzionale di edificio eseguito senza il prescritto titolo abilitativo Si possono presentare 2 casi: 1. l' immobile è ubicato nella zona omogenea A (art. 2 D.M. 1444/1968) 2. l'immobile non è ubicato nella zona omogenea A Nel primo caso l'abuso è collocabile nella tipologia 4, mentre nel secondo caso nella tipologia 5 L'oblazione da versare in un'unica soluzione entro il è pari a 3500,00 nel primo caso e a 1700,00 nel secondo caso Caso h) Ridistribuzione degli ambienti e dei servizi igienici all'interno di un appartamento, attuata mediante la demolizione e ricostruzione dei tavolati e degli impianti L'abuso si colloca nella tipologia 6 e di conseguenza l'oblazione da corrispondere ammonta forfetariamente a 516,00 da versare in unica soluzione entro il

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella Legge n.326

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella Legge n.326 AL COMUNE DI ORSENIGO SETTORE EDILIZIA PRIVATA UFFICIO CONDONO EDILIZIO VIA PER ERBA N. 1 22030 ORSENIGO (CO) PROTOCOLLO GENERALE Marca da bollo *PROGRESSIVO N 00 * (Devono essere presentate tante domande

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n.

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n. ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA UFFICIO CONDONO EDILIZIO Via Edolo,19-20125 Milano PROTOCOLLO GENERALE Imposta di bollo PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA

CITTA DI VENTIMIGLIA Imposta di bollo CITTA DI VENTIMIGLIA PROVINCIA DI IMPERIA Ufficio Edilizia Privata & Urbanistica Numero progressivo (1) (1) il soggetto richiedente dovrà numerare (segnare con numeri progressivi) le domande

Dettagli

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO ESEMPIO N. 1 - Opera realizzata in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conforme alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici (tipologia 1) Il sig.

Dettagli

(il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE

(il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 32 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI

CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI Opere sanabili Emilia Romagna Per ampliamenti e sopraelevazioni (conformi alla normativa urbanistica ma che contrastino con le prescrizioni degli strumenti urbanistici)

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

Il nuovo condono edilizio

Il nuovo condono edilizio Il nuovo condono edilizio Legge provinciale 8 marzo 2004, n. 3 Disposizioni in materia di definizione degli illeciti edilizi (condono edilizio) entrata in vigore il 10 marzo 2004 Piergiorgio Mattei Direttore

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma)

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, 14-00010 Marcellina Rm tel. 0774/427037 fax 0774/426075 Cod. Fisc. 86002050580 Partita IVA 02146041005 COSTO DI COSTRUZIONE ONERI CONCESSORI Diritti

Dettagli

Comune di Provincia di. Domanda di condono edilizio

Comune di Provincia di. Domanda di condono edilizio stemma comune Comune di Provincia di Domanda di condono edilizio ai sensi dell art. 32 del D.L. 269/2003 (conv. L. 326/2003 e mod. L. 191/2004) e ai sensi della Legge Regionale n. 23/2004 marca da bollo

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE

PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE Allegato 2 GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE MODULO A: URBANISTICA E PRATICHE EDILIZIE Cenni generali sul quadro normativo in

Dettagli

Comune di Rapolano Terme

Comune di Rapolano Terme ( P r o vi n c i a d i S i e n a ) TARIFFE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER ATTI ED ATTESTAZIONI IN MATERIA EDILIZIA, URBANISTICA ED AMBIENTE ( e x. A rt 1 0, D. L. 1 8 / 0 1 / 1 9 9 3, n 8 c o n v e r t

Dettagli

Il Dirigente Responsabile

Il Dirigente Responsabile Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Via Santi 60 - Tel. 059/206224 - Fax 059/206164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile

Dettagli

REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO. Provincia di Catania PERIZIA GIURATA. sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria

REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO. Provincia di Catania PERIZIA GIURATA. sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania PERIZIA GIURATA sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria ai sensi dell art.17 comma 1 della L.R. 16 aprile 2003, n. 4 e ss.mm. ed ii. ***********

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

Città di Lecce. Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA DOVUTI AL COMUNE

Città di Lecce. Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA DOVUTI AL COMUNE Città di Lecce Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA DOVUTI AL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 79 DEL 21/09/2009

Dettagli

di Argenta n. 54 del PROVINCIA DI FERRARA SETTORE Urbanistica Demanio Patrimonio

di Argenta n. 54 del PROVINCIA DI FERRARA SETTORE Urbanistica Demanio Patrimonio Comune Determinazione di Argenta n. 54 del 14-02-2013 PROVINCIA DI FERRARA SETTORE Urbanistica Demanio Patrimonio OGGETTO: Modifica agli allegati B e C del Regolamento Urbanistico Edilizio vigente con

Dettagli

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre 2004 - Morbegno Quesito - n. 8 - Relatore Ambito Riferimento legislativo Il condono edilizio dopo la sentenza della corte costituzionale. Analisi comparata delle proposte

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, AL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA. ex-art. 16 D.L. n. 289/

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA. ex-art. 16 D.L. n. 289/ COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di VITERBO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA ex-art. 16 D.L. n. 289/20.05.1992 * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 158

Dettagli

DATO ATTO che le tabelle di cui sopra sono determinate applicando la variazione ISTAT degli indici dei prezzi al consumo Dicembre 2004/2007 ;

DATO ATTO che le tabelle di cui sopra sono determinate applicando la variazione ISTAT degli indici dei prezzi al consumo Dicembre 2004/2007 ; RICHIAMATA la Deliberazione di G.C. n 19/07.03.2008 con la quale venivano approvate le TABELLE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA da versare a favore del Comune per atti di natura edilizia ed urbanistica, disponendo

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 27 giugno 2017 4 luglio 2017

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 6 ottobre 2017 1 FOCUS STANDARD

Dettagli

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena 26/04/2012 N.46 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE - VISTA la Delibera di C.C. n. 41/1997

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI Comune di Giba (C.A.P. 09010) Tel. (0781) 964023-964057 - Fax 964470 REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 04/03/2013)

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O COMUNE DI ROVIGO Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n.

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n. Governo del Territorio Tel. 0583/4281 Fax 0583/428399 e-mail comunedicapannori@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) Italia (www.comune.capannori.lu.it) ORIGINALE Determinazione

Dettagli

Piano Casa Regione Lazio

Piano Casa Regione Lazio Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento

Dettagli

COMUNE DI ORVIETO. SETTORE SERVIZI URBANISTICI Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI ORVIETO. SETTORE SERVIZI URBANISTICI Servizio Edilizia Privata ALLEGATO A DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI URBANISTICA ED EDILIZIA ANNO 2013 Delibera di G.C. N. 121 del 26/09/2013 N. ordine Tipo atto Importo A. Certificazioni di destinazione urbanistica ed attestazioni

Dettagli

ISBN:

ISBN: Contributo di costruzione e opere a scomputo Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-266-8 Contributo di costruzione e opere

Dettagli

DOMANDA RELATIVA ALLA DEFINIZIONE DEGLI ILLECITI EDILIZI

DOMANDA RELATIVA ALLA DEFINIZIONE DEGLI ILLECITI EDILIZI da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE CENTRALE SPORTELLO UNICO Marca da bollo 11,00 DOMANDA RELATIVA ALLA DEFINIZIONE DEGLI ILLECITI EDILIZI ai sensi dell art. 32 del D.L. 30-9-2003

Dettagli

Atto rilasciato dal Comune per regolarizzare opere edilizie eseguite in assenza o in difformità da titolo abilitativo.

Atto rilasciato dal Comune per regolarizzare opere edilizie eseguite in assenza o in difformità da titolo abilitativo. Atto rilasciato dal Comune per regolarizzare opere edilizie eseguite in assenza o in difformità da titolo abilitativo. Come fare la richiesta Per richiedere l'accertamento di conformità è necessario essere

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA AREA URBANISTICA ed ASSETTO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA DI SPETTANZA TOTALE DELL'ENTE (Aggiornato con delibera C.C. n 16

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini ORIGINALE Seduta del 06/02/2014 n. 17 (CON POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA) Oggetto: AGGIORNAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER PRATICHE, ATTI E CERTIFICAZIONI IN MATERIA DI EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI VERDI PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A:

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 REGIONE CAMPANIA Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 v. anche legge regionale n. 1 del 5 gennaio 2011; DGR n. 145 del 12 aprile 2011 (Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica

Dettagli

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R.

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R. Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO "Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi

Dettagli

COMUNE DI OSTIGLIA Via XX Settembre, Ostiglia (Mn) Tel./ fax:

COMUNE DI OSTIGLIA Via XX Settembre, Ostiglia (Mn) Tel./ fax: Oggetto: informativa relativa alle modalità di calcolo del contributo concessorio previsto dall'art.3 della Legge n.10/77. La presente informativa viene formulata allo scopo di rendere note le modalità

Dettagli

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Comune di S. Maria la Carità Riservato al Protocollo Generale del Comune Prot. n. del Riservato all ufficio ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Pratica: N. prot. n. del / / IV Settore Urbanistica - PROGETTO CONDONO

Dettagli

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974.

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Adeguamento, ai sensi dell art. 251 del D.Lgs. n. 267/2000, delle tariffe dei diritti di

Dettagli

S c h e d a t e c n i c a

S c h e d a t e c n i c a Modello 2 Comune di SAN BENIGNO CANAVESE 10080 - P.zza Vittorio Emanuele II n 9 P.IVA 01875020016 Tel. 011-988.01.00 011.988.00.54 fax 011-988.77.99 e-mail: direzione.utc@comunesanbenigno.it Area Tecnica

Dettagli

Studio Legale Spallino

Studio Legale Spallino LEGGE REGIONE LOMBARDIA 11 MARZO 005, N. 1 PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO TITOLO IV - ATTIVITÀ EDILIZIE SPECIFICHE CAPO I - RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI in grassetto le modifiche

Dettagli

NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO

NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO Prot. n. 378/2017/A Verona, 14.02.2017 A TUTTI GLI ISCRITTI ALL ALBO LORO SEDI NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO 2017 - APPROVAZIONE E PUBBLICAZIONE DELLA MODULISTICA

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions )

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions ) 1 Un fabbricato, ubicato nel centro abitato, accatastato alla categoria C/2 può godere del cambio di destinazione d uso come abitazione da accatastare in categoria A e contestualmente godere dell ampliamento

Dettagli

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa...

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa... Premessa........................................... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa........................................ 1 1.1. Cenni sull

Dettagli

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 ABUSI EDILIZI E SANZIONI Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 CHE COSA È UN ABUSO EDILIZIO Intervento in assenza di titolo edilizio Intervento in difformità dal titolo edilizio

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015 COMUNE DI BORGO PRIOLO PROVINCIA DI PAVIA C.A.P. 27040 TEL. (0383) 872214 872265 FAX. (0383) 871371 COD. FISC. 00468890181 ****** Ufficio Tecnico Comunale CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. LA GIUNTA COMUNALE

AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. LA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 17 del 4 febbraio 2009 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. LA GIUNTA COMUNALE Premesso e considerato che: i titoli abilitativi

Dettagli

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE Proposta di Deliberazione N 256 Del 29/11/2016

CONSIGLIO COMUNALE Proposta di Deliberazione N 256 Del 29/11/2016 CONSIGLIO COMUNALE Proposta di Deliberazione N 256 Del 29/11/2016 Oggetto: Gbr s.r.l. parere preventivo ai sensi dell'art. 15 del regolamento edilizio per intervento di demolizione e ricostruzione di un

Dettagli

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI.

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI. Comune di Saletto Provincia di Padova --ooooo ooooo-- REGOLAMENTO COMUNALE CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE

Dettagli

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE:

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNALI ED INTERVENTI AMMISSIBILI BARI 22 FEBBRAIO 2013 Arch. Giacomo Losapio Dirigente Ripartizione Tecnica

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento. Comune di CANAL SAN BOVO

Provincia Autonoma di Trento. Comune di CANAL SAN BOVO Provincia Autonoma di Trento Comune di CANAL SAN BOVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 04 marzo 2008 nr. 01 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3

Dettagli

NORME FONDAMENTALI SULL ABUSIVISMO PER LE PROCEDURE ESECUTIVE E FALLIMENTARI

NORME FONDAMENTALI SULL ABUSIVISMO PER LE PROCEDURE ESECUTIVE E FALLIMENTARI NORME FONDAMENTALI SULL ABUSIVISMO PER LE PROCEDURE ESECUTIVE E FALLIMENTARI Normativa di riferimento: - L. 47/85, - L. 724/94, - D.L. 269/03 (L.R. Lazio 12/2004), - D.P.R. 380/01 - art.13 L. 47/85 sanatoria

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI

Dettagli

COMUNE DI NOLA. Provincia di Napoli UFFICIO TECNICO Settore Urbanistica

COMUNE DI NOLA. Provincia di Napoli UFFICIO TECNICO Settore Urbanistica Prot. n 1392/Urb. del 14 aprile 2010 Oggetto: Delibera di Giunta Comunale n 77 del 02.04.2010. Procedimenti Amministrativi di Edilizia Privata. Tabelle di Aggiornamento dei Diritti di Segreteria e Tabelle

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE ART. 1 DEFINIZIONI Il presente Regolamento intende determinare le modalità e le procedure per la

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE presentato dai deputati: Mancuso, Leontini, Adamo, Caronia, Caputo, Buzzanca, Beninati, D Asero, Pogliese, Torregrossa, Leanza E., Bosco, Limoli, Campagna,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI CUI ALL ART. 167 D.Lgs.42/2004 e LEGGE 308/04

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI CUI ALL ART. 167 D.Lgs.42/2004 e LEGGE 308/04 COMUNE DI PITIGLIANO Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 4 del 22.03.2012 Il Segretario Comunale F.to: Dott.ssa Sommovigo Maria Pia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE Elaborazione: Arch.tto Simona del Bianco Coordinamento : Servizio Urbanistica-Ambiente

Dettagli

COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE 2 Settore Area Tecnica REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

RIDOTTI DEL 20% (Da applicare nella zona A) 2 Oneri Urbanizzazione Primaria. 4 Totale 34,55. 3 Oneri Urbanizzazione Secondaria.

RIDOTTI DEL 20% (Da applicare nella zona A) 2 Oneri Urbanizzazione Primaria. 4 Totale 34,55. 3 Oneri Urbanizzazione Secondaria. Tabella C/A - ONERI DI URBANIZZAZIONE - RESIDENZIALE (per ogni metro cubo di volume) COSTI MEDI COMUNALI PER URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA AGGIORNATI LUGLIO 00 RIDOTTI DEL 0% (Da applicare nella

Dettagli

CONDONO EDILIZIO LEGGE N 724/1994 ART Definizione agevolata delle violazioni edilizie Le disposizioni di cui ai capi IV e V della legge

CONDONO EDILIZIO LEGGE N 724/1994 ART Definizione agevolata delle violazioni edilizie Le disposizioni di cui ai capi IV e V della legge CONDONO EDILIZIO LEGGE N 724/1994 ART.39 39. Definizione agevolata delle violazioni edilizie. - 1. Le disposizioni di cui ai capi IV e V della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (121), e successive modificazioni

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di incentivi economici per il recupero dei fabbricati del centro storico

Regolamento per il riconoscimento di incentivi economici per il recupero dei fabbricati del centro storico Regolamento per il riconoscimento di incentivi economici per il recupero dei fabbricati del centro storico Estensore: Data: Approv. Dal C.C. : Pubblicazione: Aggiornamento: Adottato Dal C.C. : Benfatto

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE COSTO DI COSTRUZIONE. (riportare gli estremi) Successiva variante(**) n. registro prot. del (riportare gli estremi)

ONERI DI URBANIZZAZIONE COSTO DI COSTRUZIONE. (riportare gli estremi) Successiva variante(**) n. registro prot. del (riportare gli estremi) MODULISTICA P20/a MD22 Rev. 3 del 11/10/2016 DIREZIONE AREA TECNICA SEZIONE URBANISTICA/ EDILIZIA PRIVATA ONERI DI URBANIZZAZIONE COSTO DI COSTRUZIONE PROVVEDIMENTI EDILIZI: (** )n. registro prot. del

Dettagli

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI Premessa... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 1.1. Cenni sull evoluzione normativa... 1 1.2. Il Testo Unico.... 3 1.3. La legge 443/2001...

Dettagli

CONDONO EDILIZIO EMILIA ROMAGNA. 17/11/2004 Paola Mengaroni - ANCI E.R.

CONDONO EDILIZIO EMILIA ROMAGNA. 17/11/2004 Paola Mengaroni - ANCI E.R. CONDONO EDILIZIO IN EMILIA ROMAGNA RIFERIMENTI LEGISLATIVI STATALI l. 326/03, art. 32: Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell andamento dei conti pubblici REGIONALI l.r.

Dettagli

LEGGE 23 DICEMBRE 1994, N.724 (stralcio)

LEGGE 23 DICEMBRE 1994, N.724 (stralcio) LEGGE 23 DICEMBRE 1994, N.724 (stralcio) (G.U. 30-12-1994, n.304; supplemento) MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA FINANZA PUBBLICA (Si riportano solo gli articoli di specifico interesse tecnico) Art. 39

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

COMUNE DI CORTONA REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

COMUNE DI CORTONA REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA COMUNE DI CORTONA REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA Riferimenti normativi : Istituito dall'art.10 comma 10 del D.L. n.8 del 18.01.1993 convertito

Dettagli

(conseguente l applicazione dei commi 336 e 337, art. 1, della Legge , n. 311)

(conseguente l applicazione dei commi 336 e 337, art. 1, della Legge , n. 311) SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI Regolamento per la definizione agevolata dell Imposta Comunale sugli Immobili (I.C.I.) (conseguente l applicazione dei commi 336 e 337, art. 1, della Legge 30.12.2004,

Dettagli

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E ALLEGATO A COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA R E L A Z I O N E OGGETTO: Adempimenti Regionali per l attuazione

Dettagli

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore 1 Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia Il Dirigente Responsabile del Settore Modena, 15/10/2007 Protocollo generale n. 133038/2007 Protocollo di settore n. 16539/2007 DO/do

Dettagli

COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo Ufficio Tecnico Settore Edilizia Privata tel /209 fax

COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo Ufficio Tecnico Settore Edilizia Privata tel /209 fax COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo Ufficio Tecnico Settore Edilizia Privata tel. 0761 590208/209 fax. 0761 590230 GUIDA AL CALCOLO DEGLI ONERI CONCESSORI ATTRAVERSO IL PORTALE INFORMATICO

Dettagli

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi CASI E INTERPRETAZIONI Orvieto, 26.10.2015 Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi Geom. Massimo Danti Orvieto, 26.10.2015 LEGGE REGIONALE 01/2015 (TESTO UNICO) Art. 155 (Mutamenti

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions)

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions) 1 La richiesta di chiarimenti formulata dall Amm.ne Com.le di Potenza riguarda l applicazione delle limitazioni contenute nella norma regionale al comma 1-quater dell art. 6 della L.R. n. 25/2012 in sostituzione

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Spett.le UFFICIO EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO VIA G. VACCARI 2 31053 PIEVE DI SOLIGO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) La sottoscritta Ditta: (nel caso di

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 34 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 7-8-2009 6543 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 25 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 34 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 7-8-2009 6543 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 25 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE

Dettagli

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PRATICA EDILIZIA n. INTESTATA A Parte riservata all ufficio I sottoscritt 1) nato/a a prov. il residente in via/p.zza n.

Dettagli

(art art. 19, T.U. 380/01)

(art art. 19, T.U. 380/01) CITTÀ DI MONCALIERI Area Territorio e Infrastrutture Servizio Edilizia Privata DATI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO CONCESSORIO (art. 16 - art. 19, T.U. 380/01) PREMESSA: CONTRIBUTO CONCESSORIO

Dettagli

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA Procedimento Unità organizzativa responsabile istruttoria Breve descrizione procedimenti Normativa Dove ottenere le informazioni Per i procedimenti

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************

COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************ COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************ UFFICIO TECNICO - AREA URBANISTICA REGOLAMENTAZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ALLEGATO A

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ALLEGATO A COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Determinazione degli oneri di urbanizzazione afferenti alle concessioni edilizie in applicazione degli artt. 5 e

Dettagli

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione Edilizia PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria Descrizione (abusi commessi per interventi soggetti a Permessi di costruire e DIA) (abusi commessi per interventi soggetti a SCIA) L'accertamento

Dettagli

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale L.R. 6/2009: GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Regione Emilia-Romagna Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale Dott. Giovanni Santangelo 1 III.

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

Comune di Santa Maria la Carità (NA) PARTE RISERVATA AL TECNICO

Comune di Santa Maria la Carità (NA) PARTE RISERVATA AL TECNICO Comune di Santa Maria la Carità (NA) Riservato all ufficio Pratica N. prot. n. del / / IV Settore Urbanistica - PROGETTO CONDONO EDILIZIO Modello contenente autocertificazioni e autodichiarazioni ai sensi

Dettagli

Città Metropolitana di Torino DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Città Metropolitana di Torino DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 1 Città Metropolitana di Torino DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA - AREE FABBRICABILI AGGIORNAMENTO DEI CRITERI PER IL CALCOLO DEI PROBABILI VALORI VENALI Ufficio Proponente

Dettagli

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dalla Legge Regionale //2008,

Dettagli

Comune di Buggiano Provincia di Pistoia Ufficio Tecnico Sezione Urbanistica MODELLO CALCOLO CONTRIBUTO

Comune di Buggiano Provincia di Pistoia Ufficio Tecnico Sezione Urbanistica MODELLO CALCOLO CONTRIBUTO Comune di Buggiano Provincia di Pistoia Ufficio Tecnico Sezione Urbanistica MODELLO CALCOLO CONTRIBUTO CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI CUI ALL ART.183 DELLA L.R. 65/2014 E RATEIZZAZIONE IN BASE A QUANTO PREVISTO

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 SOMMARIO CAPITOLO 1 EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA UR- BANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 2. Cenni sull evoluzione normativa... 2 3. Il testo unico... 3 4. La legge n. 443/2001... 5

Dettagli