Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni"

Transcript

1 Capitolo Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità, né di derivabilità). Sia poi x 0 A, 0 un arbitrario incremento di x 0 su A. Si dice che la f(x) è crescente [decrescente] nel punto x 0 se esiste un numero positivo σ tale che, per ogni incremento che abbia valore assoluto minore di σ, il corrispondente incremento y della funzione risulti dello stesso segno di [di segno opposto a ]. In altre parole, dire che y = f(x) è crescente nel punto x 0 significa che esiste un σ > 0 tale da aversi y > 0 per 0 < < σ; (9.1) dire che y = f(x) è decrescente nel punto x 0 significa che esiste un σ > 0 tale da aversi y < 0 per 0 < < σ. (9.2) Si noti che questo concetto di crescenza (o decrescenza) in un punto è un concetto in piccolo ed è distinto da quello già noto di crescenza (o decrescenza) in un intervallo che invece è un concetto in grande. Si dice che la f(x) ha in x 0 un punto di massimo relativo [minimo relativo] se esiste un numero positivo σ tale che, per ogni incremento che abbia valore assoluto minore di σ, il corrispondente incremento y della funzione risulti sempre non positivo [non negativo]. In altre parole, dire che x 0 è un punto di massimo relativo significa che esiste un σ > 0 tale da aversi y 0 per 0 < < σ; (9.3) dire che x 0 è un punto di minimo relativo significa che esiste un σ > 0 tale da aversi Se in luogo della (9.3) vale la condizione più restrittiva y 0 per 0 < < σ. (9.4) y < 0 per 0 < < σ; (9.5) si dice che x 0 è un punto di massimo relativo proprio; analogamente, se in luogo della (9.4) sussiste la y > 0 per 0 < < σ. (9.6) si dice che x 0 è un punto di minimo relativo proprio. 85

2 Capitolo 9. Anche questi concetti sono in piccolo, perché riguardano soltanto i valori assunti dalla funzione in un opportuno intorno del punto x 0 ; essi non vanno confusi con i concetti di massimo o minimo assoluto nell intervallo A, che sono concetti in grande, perché si riferiscono ai valori della funzione in tutto A. Aggiungendo ora l ipotesi che la funzione f(x) sia derivabile nel punto x 0 che si considera, si ottengono i due seguenti importanti risultati. 9.1.I Se nel punto x 0 A la f(x) è derivabile ed è f (x 0 ) > 0 [f (x 0 ) < 0], allora la funzione è crescente in x 0 [decrescente in x 0 ]. 9.1.II Il punto x 0 A sia per la f(x) di massimo o di minimo relativo. Allora, se x 0 è interno all intrvallo A e se in x 0 la f(x) è derivabile, si ha necessariamente f (x 0 ) = 0. Queste due proposizioni risultano intuitive da un punto di vista geometrico. La 9.1.I dice che se nel punto del grafico corrispondente a x 0 esiste la tangente (non parallela all asse y) e questa sale verso destra [verso sinistra], allora la funzione è crecente [decrescente] nel punto x 0. La 9.1.II afferma che, se x 0 è un punto di massimo o di minimo relativo interno ad A e se nel corrispondente punto del grafico esiste la tangente, questa è necessariamente parallela all asse x; si osservi che è essenziale che x 0 sia interno ad A, perché se è ad un estremo non è detto affatto che nel punto corrispondente del grafico la tangente risulti parallela all asse x. Diamo ora altri importanti risultati relativi a funzioni definite in un intervallo chiuso e limitato [a, b], che siano in esso continue e derivabili in ogni punto interno. 9.1.III (Teorema di Rolle) Sia f(x) continua in [a, b] e derivabile in ogni punto interno all intervallo stesso. Se la f(x) assume valori uguali negli estremi dell intervallo, se cioè f(a) = f(b), allora esiste almeno un punto ξ (a, b) in cui la derivata della f(x) è nulla. 9.1.IV (Teorema di Cauchy) Siano f(x), g(x) continue in [a, b] e derivabili in ogni punto interno; Sia inoltre sempre g (x) 0 in (a, b). Allora esiste almeno un punto ξ (a, b) tale da aversi f(b) f(a) g(b) g(a) = f (ξ) g (ξ). (9.7) 9.1.V (Teorema di Lagrange) Se f(x) è continua in [a, b] e derivabile in ogni punto interno, esiste almeno un punto ξ (a, b) tale da aversi f(b) f(a) = (b a)f (ξ). (9.8) Il teorema di Lagrange che è un caso particolare del teorema di Cauchy e comprende, come caso particolare, il teorema di Rolle ha un notevole significato geometrico. La (9.8) esprime infatti che, considerando il grafico della f(x) in [a, b], esiste almeno un punto C (di ascissa ξ) di tale grafico in cui la tangente (di coefficiente angolare f (ξ)) risulta parallela al segmento che unisce i punti A = (a, f(a)) e B = (b, f(b)). Una notevole conseguenza del teorema di Lagrange è la seguente: 86

3 9.2. Concavità e convessità in piccolo; punti di flesso 9.1.VI Se la f(x) è continua in [a, b], derivabile in ogni punto interno, con derivata sempre nulla, allora f(x) è costante in tale intervallo. A questa proposizione si può anche dare la forma seguente: 9.1.VII Se f(x), g(x) sono continue in [a, b], derivabili in ogni punto interno ed è sempre f (x) = g (x), le due funzioni differiscono per una costante. 9.2 Concavità e convessità in piccolo; punti di flesso Sia y = f(x) una funzione derivabile in un dato intervallo A, x 0 un punto interno ad A e un incremento di x 0 su A. Indichiamo con t 0 la retta tangente al grafico della funzione in quel suo punto P 0 che ha ascissa x 0. Può allora accadere che, nelle vicinanze del punto P 0, i punti del grafico distinti da P 0 siano situati al di sopra della tangente t 0, come pure può accadere che, nelle vicinanze di P 0, tali punti siano situati al di sotto di t 0. Nel primo caso si dice che nel punto P 0 la curva y = f(x) volge la concavità verso l alto (oppure la convessità verso il basso); nel secondo caso si dice che in tale punto essa volge la concavità verso il basso (la convessità verso l alto). Poiché l ordinata del punto P del grafico corrispondente all ascissa x 0 + vale f(x 0 ) + y e quella del punto Q della tangente t 0 corrispondente alla stessa ascissa vale f(x 0 ) + dy, il primo punto starà al di sopra del secondo se y > dy, starà al di sotto se y < dy. Tenendo poi conto che richiediamo soltanto che una di queste proprietà valga nelle vicinanze di P 0, cioè per abbastanza piccolo, possiamo esprimere in modo preciso i precedenti concetti con la definizione seguente: si dice che nel punto P 0 la curva di equazione y = f(x) volge la concavità verso l alto se esiste un σ > 0 tale che per 0 < < σ risulti sempre > 0 (9.9) si dice che nel punto P 0 la curva di equazione y = f(x) volge la concavità verso il basso se esiste un σ > 0 tale che per 0 < < σ risulti sempre < 0 (9.10) Si dice che il punto P 0 è un punto di flesso della curva di equazione y = f(x) se in tale punto la curva attraversa la tangente t 0, nel senso che, per valori di x minori di x 0 e prossimi ad esso, si hanno punti del grafico situati da una parte di t 0, mentre, per valori di x maggiori di x 0 e prossimi ad esso, si hanno punti del grafico situati dall altra parte di t 0. Potremmo dire che il grafico passa dal di sotto al di sopra della tangente, oppure dal di sopra al di sotto, ma è meglio includere anche il caso in cui il grafico possa avere, sia a sinistra che a destra di x 0, punti in comune con t 0 e dire pertanto che il grafico è dapprima non al di sopra di t 0 e poi non al di sotto, oppure prima non al di sotto e poi non al di sopra di t 0. 87

4 Capitolo 9. Poiché il fatto che il grafico non sia al di sopra di t 0 si traduce nella y dy ed il fatto che non sia al di sotto equivale alla y dy, possiamo dire che, supposto abbastanza piccolo, si ha nel primo caso 0 se < 0, 0 se > 0 e quindi sempre e nel secondo 0 0 se < 0, 0 se > 0 e quindi sempre 0. Ciò ci conduce alla seguente precisa definizione: si dice che il punto x 0 è punto di flesso della curva y = f(x) se esiste un σ > 0 tale che per 0 < < σ il rapporto ()/ non assuma mai valori di segno opposto, ossia se risulta sempre 0 oppure 0. (9.11) Se in luogo delle (9.11) si hanno le disuguaglianze in senso stretto, cioè se per 0 < < σ si ha sempre > 0 oppure < 0, (9.12) si dice che P 0 è un punto di flesso proprio. Valgono i seguenti risultati: 9.2.I Se la derivata f (x) è crescente [decrescente] nel punto x 0, allora la curva y = f(x) volge nel punto P 0 la concavità verso l alto [verso il basso]. 9.2.II Se la derivata f (x) ha nel punto x 0 un punto di massimo o di minimo relativo, allora la curva y = f(x) ha in P 0 un punto di flesso. Se si tratta di massimo o di minimo relativo proprio, allora si ha un flesso proprio. 9.2.III Se nel punto x 0 si ha f (x 0 ) > 0 [f (x 0 ) < 0] la curva y = f(x) volge nel punto P 0 la concavità verso l alto [verso il basso]. 9.2.IV Se il punto P 0 è punto di flesso per la curva y = f(x), allora si ha necessariamente f (x 0 ) = 0. 88

5 9.3. Formula di Taylor 9.3 Formula di Taylor Consideriamo una funzione f(x) definita in un intervallo A. Fissato x 0 A, facciamo su f(x) l ipotesi seguente: α) per un certo intero positivo n, la f(x) è derivabile in A fino all ordine n 1 ed esiste la derivata n-esima almeno nel punto x 0. Possiamo allora associare alla f(x) il seguente polinomio di grado n: f(x 0 ) + f (x 0 )(x x 0 ) + f (x 0 ) 2! (x x 0 ) f (n) (x 0 ) (x x n! 0 ) n = n k=0 f (k) (x 0 ) (x x k! 0 ) k. (9.13) Questo polinomio in generale non coincide con f(x) e pertanto, per avere f(x), occorrerà aggiungere ad esso un certo termine correttivo R n (x). In generale possiamo dunque scrivere f(x) = n k=0 f (k) (x 0 ) (x x k! 0 ) k + R n (x), (9.14) ma va osservato che questa formula non avrebbe alcuna importanza se non si riuscisse ad indicare una qualche proprietà o a dare una qualche espressione di R n (x). Ciò è effettivamente possibile, donde l importanza della formula (9.14) che si chiama la formula di Taylor di punto iniziale x 0 e di ordine n della funzione f(x); il termine R n (x) si chiama il resto della formula stessa. Notiamo che, ponendo x = x 0 +, la (9.14) si può anche scrivere f(x 0 + ) f(x 0 ) = n k=1 ovvero, per quanto detto alla fine del capitolo 8: f (k) (x 0 ) (x x k! 0 ) k + R n (x 0 + ) (9.15) f = df + 1 2! d2 f + 1 3! d3 f n! dn f + R n (x 0 + ); (9.16) quest ultima mette in evidenza come la formula di Taylor esprima l incremento f per mezzo dei differenziali successivi. Il primo importante risultato riguardante la formula di Taylor è il seguente: 9.3.I Nell ipotesi α) sopra menzionata per la f(x), il resto R n (x 0 + ) della formula di Taylor gode della proprietà espressa dalla R n (x 0 + ) = o( n ) ( 0). (9.17) 89

6 Capitolo 9. In virtù della (9.17) si può dunque scrivere f = df + 1 2! d2 f + 1 3! d3 f n! dn f + o( n ) (9.18) e questa estende la proprietà f = df + o() già vista nel capitolo 8, ove abbiamo anche osservato che, se f (x 0 ) 0, il differenziale df fornisce la parte principale dell incremento f. Nel caso in cui sia f (x 0 ) = 0, supposto per maggiore generalità f (x 0 ) = f (x 0 ) =... = f (n 1) (x 0 ) = 0, f (n) (x 0 ) 0, dalla (9.18) segue f = 1 n! dn f + o( n ). cioè, nel caso considerato, la parte principale dell incremento f è proporzionale al differenziale di ordine n della funzione. La 9.3.I esprime una proprietà del resto della formula di Taylor, ma non ne fornisce un espressione; quest ultima può essere ottenuta facendo sulla f(x) un ipotesi più restrittiva della α). Assumendo infatti che β) la f(x) è in A derivabile fino all ordine n ed esiste la derivata (n + 1)-esima almeno nel punto x 0, si ottiene il seguente risultato: 9.3.II Nell ipotesi β), il resto R n (x 0 + ) della formula di Taylor (9.15) ha l espressione seguente (resto di Peano): n+1 [ ] R n (x 0 + ) = f (n+1) (x (n + 1)! 0 )ω() (9.19) ove ω() indica un infinitesimo per 0. Altre espressioni per il resto, maggiormente adatte all impiego nelle applicazioni pratiche della formula di Taylor, possono essere ricavate facendo ulteriori ipotesi sulla f(x) ed utilizzando concetti non ancora introdotti. Ci occuperemo di ciò in seguito. Per concludere, osserviamo che, se l intervallo A contiene il punto x = 0, assumendolo come punto iniziale, la formula di Taylor (9.14) diventa f(x) = n k=0 che viene comunemente indicata come formula di Mac Laurin. f (k) (0) x k + R k! n (x); (9.20) 9.4 Criteri per il riconoscimento della natura dei punti di una funzione Per decidere se in un punto x 0 una funzione f(x), supposta derivabile, è crescente o decrescente, si può applicare il 9.1.I secondo il quale se f (x 0 ) > 0 la f(x) è crescente in x 0, se è f (x 0 ) < 0 la f(x) è decrescente in x 0. Tale criterio non è utile nel caso f (x 0 ) = 0. 90

7 9.5. Asintoti D altra parte non abbiamo ancora un criterio per decidere se x 0 è punto di massimo o di minimo relativo perché il 9.1.II esprime soltanto che condizione necessaria affinché x 0 supposto interno all intervallo A ove la f(x) è definita sia tale, è che risulti f (x 0 ) = 0. È facile constatare che questa condizione non è affatto sufficiente. Ammesso che la f(x) possegga derivate di ordine superiore al primo, è possibile dare un criterio che permette di decidere la natura di un punto x 0 in cui risulti f (x 0 ) = 0. Supponendo n 2, e x 0 interno all intervallo A, mediante l impiego della formula di Taylor, si può infatti ottenere il seguente risultato: 9.4.I Se nell intervallo A la funzione f(x) è derivabile almeno n 1 volte ed ammette nel punto x 0 la derivata n-esima risultando f (x 0 ) = f (x 0 ) =... = f (n 1) (x 0 ) = 0, f (n) (x 0 ) 0, (9.21) allora: 1) se n è pari ed è f (n) (x 0 ) > 0, il punto x 0 è punto di minimo relativo proprio; 2) se n è pari ed è f (n) (x 0 ) < 0, il punto x 0 è punto di massimo relativo proprio; 3) se n è dispari ed è f (n) (x 0 ) > 0, il punto x 0 è punto di flesso proprio e la f(x) è crescente in esso; 4) se n è dispari ed è f (n) (x 0 ) < 0, il punto x 0 è punto di flesso proprio e la f(x) è decrescente in esso. Analogamente, le proposizioni 9.2.II e 9.2.IV non permettono ancora di decidere se un punto x 0, in cui si abbia f (x 0 ) = 0 sia punto di flesso oppure se in esso la curva volga la concavità verso l alto o verso il basso. Si ha al riguardo il seguente risultato, ove supponiamo n 3 e x 0 interno all intervallo A: 9.4.II Se nell intervallo A la funzione f(x) è derivabile almeno n 1 volte ed ammette nel punto x 0 la derivata n-esima risultando f (x 0 ) = f (x 0 ) =... = f (n 1) (x 0 ) = 0, f (n) (x 0 ) 0, allora: 1) se n è pari ed è f (n) (x 0 ) > 0, la curva y = f(x) volge in x 0 la concavità verso l alto; 2) se n è pari ed è f (n) (x 0 ) < 0, la curva y = f(x) volge in x 0 la concavità verso il basso; 3) se n è dispari, il punto x 0 è punto di flesso proprio. 9.5 Asintoti Consideriamo una curva di equazione y = f(x) e sia P (x, y) un punto generico di essa. Se la f(x) è definita in un intervallo A privato di uno o più punti x 0, x 1,... (che saranno punti singolari per la funzione) e se in qualcuno di essi la f(x) è infinita, oppure se è definita in un intervallo A illimitato, è chiaro che il punto P (x, y) si allontana indefinitamente dall origine 91

8 Capitolo 9. O (nel senso che OP ), nel primo caso perché la sua ordinata y può assumere valori arbitrariamente grandi in valore assoluto, nel secondo caso perché lo stesso avviene almeno per la sua ascissa x. Nei casi predetti, diremo che una data retta r è un asintoto per la curva y = f(x) se avviene che, mentre il punto P si allontana indefinitamente, la sua distanza da tale retta tende a zero. Esaminiamo il primo caso. Se lim f(x) = + x x 0 è evidente che la retta verticale x = x 0 gode della proprietà enunciata e perciò tale retta è un asintoto della curva. La curva y = f(x) ha dunque un asintoto verticale in ogni punto in cui la f(x) è infinita. Esaminiamo il secondo caso. Supposto che f(x) sia definita nell intervallo A illimitato, prendiamo in esame il punto P (x, y) del grafico quando x tende all infinito. Se il punto P si allontana ammettendo un asintoto r, tale asintoto non può evidentemente essere verticale, e si potrà quindi rappresentare con un equazione del tipo y = mx + n. La distanza del punto P (x, y) da tale retta r vale 1 e, se r è un asintoto, deve dunque essere y mx n 1 + m 2 lim (y mx n) = 0 (9.22) x e quindi a maggior ragione lim x y mx n x ( y = lim x x m n ) = 0. x Ne segue m = lim x e si ha pertanto questo primo risultato: condizione necessaria affinché esista un asintoto è che esista finito il limite f(x) lim = m. (9.23) x x Se ciò accade, dalla (9.22) segue poi y x n = lim (y mx) x 1 Basta tracciare da P la perpendicolare a r e calcolare la distanza di P dal punto Q in cui detta perpendicolare incontra la retta r. 92

9 9.6. Studio del grafico di una funzione onde un altra condizione necessaria è che, col numero m fornito dalla (9.23), esista finito anche il limite lim [f(x) mx] = n. (9.24) x Viceversa, supposte verificate le due predette condizioni, è immediato constatare che, con i numeri m, n forniti dalle (9.23),(9.24), la retta y = mx + n risulta effettivamente un asintoto per la curva y = f(x). Se uno solo dei limiti (9.23),(9.24) non esiste o esiste infinito, la curva non ha asintoto. Si noti anche che può risultare m = 0. Allora si ha un asintoto orizzontale y = n con n = lim x f(x). Nelle formule precedenti abbiamo scritto semplicemente limite per x, ma va tenuto presente che in certi casi si tratterà del limite per x se l intervallo A è del tipo (, a], oppure del limite per x + se l intervallo A è del tipo [a, + ). Inoltre, anche nel caso in cui A sia illimitato tanto a sinistra che a destra, può darsi che, considerando separatamente i limiti per x e per x +, questi forniscano valori diversi in una almeno delle (9.23),(9.24); si avranno allora due asintoti, uno per la parte di curva che si allontana indefinitamente a sinistra, l altro per la parte di curva che si allontana a destra. Può accadere che esista l asintoto per una di queste parti e non per l altra. 9.6 Studio del grafico di una funzione Abbiamo fin qui derivato un complesso di regole pratiche per lo studio del grafico di una funzione f(x) definita in un insieme costituito da uno o più intervalli. Occorre per prima cosa determinare tale insieme di definizione e ciò porta a mettere in evidenza gli eventuali punti singolari della funzione stessa. In ognuno di questi punti singolari si studierà il limite della funzione y = f(x). Converrà anche subito studiare il limite della f(x) per x (se l insieme di definizione è illimitato), distinguendo se occorre il limite per x e quello per x +. Se si ottengono limiti determinati e finiti, nasceranno per la curva y = f(x) uno o due asintoti orizzontali; se invece si ottengono limiti determinati e infiniti, occorrerà cercare, con il metodo presentato in precedenza, se la curva ammette degli asintoti del tipo y = mx + n con m 0. Dopo ciò, converrà occuparsi della derivata della funzione, cercando se vi siano punti in cui tale derivata non esiste oppure esiste e vale zero. Tutti questi punti, assieme ai punti singolari della funzione, determinano di solito un gruppo di intervalli in ognuno dei quali la derivata è continua e diversa da zero; perciò in ciascuno di essi la f (x) ha segno costante. Dunque, in quegli intervalli in cui la f (x) > 0 la f(x) è crescente, in quelli in cui f (x) < 0 la f(x) è decrescente. Restano allora subito individuati i punti di massimo o di minimo relativo: sarà di massimo ogni punto non singolare passando attraverso il quale la f(x) da crescente 93

10 Capitolo 9. diventa decrescente, di minimo quelli attravereso i quali la funzione da decrescente diventa crescente. Si vede così che il solo studio dei segni della derivata prima può spesso permettere la determinazione completa dei punti di massimo o di minimo relativo della funzione (senza ricorrere alle derivate successive). Similmente si potranno studiare la concavità ed i flessi della curva, prendendo in esame i segni della derivata seconda. In quegli intervalli in cui f (x) > 0 la curva volge la concavità verso l alto, in quelli in cui f (x) < 0 volge la concavità verso il basso; inoltre in ogni punto x 0 in cui si ha f (x 0 ) = 0, verificandosi il cambiamento di segno della f (x) mentre x passa per il punto x 0, cade un flesso della curva y = f(x). 9.7 Ricerca del minimo e del massimo assoluti di una funzione Accenniamo alla questione della ricerca del minimo e del massimo assoluti di una funzione y = f(x) in un dato intervallo A. L unico caso in cui si possa a priori affermare che essi esistono è quello in cui la f(x) è continua nell intervallo A chiuso e limitato. In tal caso, i punti di massimo e di minimo assoluto o sono punti ove la f(x) non è derivabile, oppure sono gli estremi dell intervallo A oppure sono punti di A ove la f(x) è derivabile e la derivata vale zero. Pertanto, sempre nel caso predetto, basterà individuare tutti i punti x che godono di una delle proprietà dette, calcolare la funzione in ognuno di essi e fra i valori che così risultano scegliere il più piccolo ed il più grande. In ogni altro caso, l esistenza del minimo o del massimo assoluto in A non è assicurata. Si può solo dire che se il minimo assoluto (od il massimo assoluto) esiste esso cade necessariamente in uno dei punti x sopra menzionati. Si possono allora cercare detti punti x e calcolare la funzione in essi. Se fra i valori ottenuti non ce n è uno più piccolo (o uno più grande), si potrà concludere che il minimo assoluto (od il massimo assoluto) non esiste. Se fra i valori ottenuti ce n è uno più piccolo m (o uno più grande M) si potrà concludere che, se il minimo assoluto (od il massimo assoluto) esiste, esso vale necessariamente m (o M); da ciò sarà possibile dedurre l esistenza del minimo assoluto (o del massimo assoluto) soltanto se si riuscirà a dimostrare che in A è sempre f(x) m (oppure f(x) M). In casi di questo genere, la cosa migliore è studiare il grafico della funzione in A, con il che il problema si risolve immediatamente. 94

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Esercizi sullo studio completo di una funzione

Esercizi sullo studio completo di una funzione Esercizi sullo studio completo di una funzione. Disegnare il grafico delle funzioni date, utilizzando ogni informazione utile che si può ricavare dalla funzione e dalle sue derivate prima e seconda. a.

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

SOLUZIONI D = (-1,+ ).

SOLUZIONI D = (-1,+ ). SOLUZIONI. Data la funzione f() ( ) ln( ) a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli intervalli in cui f() risulta positiva e quelli in cui risulta negativa c) determina le eventuali intersezioni

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

UNO STUDIO DI FUNZIONE CON DERIVE a cura del prof. Guida. 4 x

UNO STUDIO DI FUNZIONE CON DERIVE a cura del prof. Guida. 4 x UNO STUDIO DI FUNZIONE CON DERIVE a cura del prof. Guida Con questa guida si vuol proporre un esempio di studio di funzione con Derive. La versione che ho utilizzato per questo studio è la 6.0. Consideriamo

Dettagli

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere)

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere) Che cos è una funzione? Assegnati due insiemi X e Y si ha una funzione elemento di X uno e un solo elemento di Y. f : X Y se esiste una corrispondenza che associa ad ogni Osservazioni: l insieme X è detto

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Studio di una funzione. Schema esemplificativo

Studio di una funzione. Schema esemplificativo Studio di una funzione Schema esemplificativo Generalità Studiare una funzione significa determinarne le proprietà ovvero Il dominio. Il segno. Gli intervalli in cui cresce o decresce. Minimi e massimi

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

G6. Studio di funzione

G6. Studio di funzione G6 Studio di funzione G6 Come tracciare il grafico di una funzione data Nei capitoli precedenti si sono svolti tutti gli argomenti necessari per tracciare il grafico di una funzione In questo capitolo

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30 Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 830 A ESERCIZIO 1 (8 punti) Data la funzione = 1 + sin x 2 2 x (a) determinare lo sviluppo di MacLaurin al terzo ordine della funzione ; (b) determinare

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia \ I[ è la scrittura matematica che esprime un legame tra la variabile y e la variabile x; tale legame consiste in una serie di operazioni da eseguirsi su x per ottenere y (f indica l insieme delle operazioni

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

DOMINIO = R INTERSEZIONI CON ASSI

DOMINIO = R INTERSEZIONI CON ASSI STUDIO DELLA FUNZIONE CUBICA a cura di Maria Teresa Bianchi La funzione è razionale intera ed è espressa in forma normale da: #1: y = a x + b x + c x + d I coefficienti del polinomio di grado a secondo

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1.

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1. NOME:... MATRICOLA:.... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 007/008 Analisi Matematica, Esame scritto del 08.0.008 Indicare per quali R vale la seguente diseguaglianza : + >. Se y - - è il grafico

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x)

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x) Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f() 1 Ecco i passi utili allo studio di una funzione reale: Determinare il dominio della funzione Ricercare l eventuale intersezione

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA: Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 204 Prima prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10 FUNZIONE OMOGRAFICA ASINTOTO VERTICALE: ASINTOTO ORIZZONTALE: 1 abbiamo verificato che, applicando all iperbole equilatera base, la dilatazione verticale di coefficiente 7 e la traslazione di vettore di

Dettagli