MANUALE D'USO. Italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE D'USO. Italiano"

Transcript

1 MANUALE D'USO 15P0048A3 CRM90 CONVERTITORI TRIFASE CA/CC BIDIREZIONALI RIGENERATIVI INTERAMENTE DIGITALI 16/06/98 R.01 VERS. SOFTWARE V Italiano Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze contenute in esso in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza d'uso e di manutenzione. Questa macchina dovrà essere destinata al solo uso per il quale è stata espressamente concepita. Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso. Il Costruttore non può essere considerato responsabile per eventuali danni causati da usi impropri, erronei ed irragionevoli. L'Elettronica Santerno si ritiene responsabile della macchina nella sua configurazione originale. Qualsiasi intervento che alteri la struttura o il ciclo di funzionamento della macchina deve essere eseguito od autorizzato dall'ufficio Tecnico della Elettronica Santerno. L'Elettronica Santerno non si ritiene responsabile delle conseguenze derivate dall'utilizzo di ricambi non originali. L'Elettronica Santerno si riserva di apportare eventuali modifiche tecniche sul presente manuale e sulla macchina senza obbligo di preavviso. Qualora vengano rilevati errori tipografici o di altro genere, le correzioni saranno incluse nelle nuove versioni del manuale. L'Elettronica Santerno si ritiene responsabile delle informazioni riportate nella versione originale del manuale in lingua italiana. Proprietà riservata - Riproduzione vietata. L'Elettronica Santerno tutela i propri diritti sui disegni e sui cataloghi a termine di legge. Elettronica Santerno S.p.A. Via G. Di Vittorio, Casalfiumanese (Bo) Italia Tel Fax Assistenza Clienti Tel Fax Ufficio Vendite Tel Fax

2 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Sommario PROCEDURA ESSENZIALE DI MESSA IN SERVIZIO... Pag. 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 8 TABELLA CARATTERISTICHE TECNICHE E ACCESSORI INDUTTANZA TRIFASE DI COMMUTAZIONE DIMENSIONI D INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE CRM A SCHEMA A BLOCCHI CRM A TOPOGRAFIA POTENZA CRM90 GR1 180 A MAX TOPOGRAFIA POTENZA CRM90 GR1 250 A MIN DIMENSIONI D INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE CRM A SCHEMA A BLOCCHI CRM A TOPOGRAFIA POTENZA CRM A TOPOGRAFIA POTENZA CRM90 900A e 1200A CONNESSIONI DI SEGNALE TOPOGRAFIA SCHEDA COMANDO ES600/ TOPOGRAFIA SCHEDA PILOTAGGIO ES630/ MORSETTIERA SCHEDA COMANDO ES MORSETTIERA SCHEDA PILOTAGGIO ES MORSETTIERA DI POTENZA TASTIERA E DISPLAY ALFA NUMERICO TARATURA AUTOMATICA SCHEMA A BLOCCHI DEL CONTROLLO PROSPETTO PARAMETRI PRINCIPALI ELENCO DEI PARAMETRI INTERVENTO ALLARMI E RESET ELENCO DEGLI ALLARMI COMUNICAZIONE SERIALE CARATTERISTICHE EMC E FILTRO IN INGRESSO NORME PER INSTALLAZIONE, TARATURA E MANUTENZIONE APPENDICE: TARATURA MANUALE PARAMETRI UTENTE MODIFICATI RISPETTO AL VALORE DI DEFAULT /69

3 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 PROCEDURA ESSENZIALE DI MESSA IN SERVIZIO Nel seguito della presente sezione sono riportate le principali verifiche ed operazioni da effettuare per una regolazione ottimale del convertitore CRM90. Si suppone che l Utente abbia già dimestichezza con l utilizzo della tastiera: in caso contrario si faccia riferimento alla sezione TASTIERA E DISPLAY ALFANUMERICO. La presente sezione vuol solo fornire una traccia che può essere utilmente seguita per una corretta messa a punto: per ogni ulteriore informazione sulla funzione dei vari morsetti hardware o parametri software, e per ogni altro dettaglio in generale, si vedano le corrispondenti sezioni del presente manuale. In particolare, fare costante riferimento alla sezione CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE insieme alla sezione CONNESSIONI DI SEGNALE per un corretto utilizzo dei terminali hardware, e alla sezione ELENCO DEI PARAMETRI per la corretta impostazione dei parametri software. 1. VERIFICHE PRELIMINARI 1.1 All atto dell installazione, verificare che la tensione nominale di rete sia compresa nel range di tensione di alimentazione predisposto sul convertitore, ricavabile dal documento posto nella tasca adesiva sul fianco dello stesso. Nella configurazione standard il convertitore può essere alimentato da una tensione compresa nell intervallo Vca / 45 65Hz. Se l alimentazione trifase non è derivata dalla rete ma da un gruppo elettrogeno, può essere necessario impostare convenientemente i parametri #88 (variazione massima di frequenza ammessa) e #89 (ritardo scrittura allarme A03 di frequenza instabile), i cui valori di default sono rispettivamente 1Hz/s di soglia di allarme, e l intervento immediato dell allarme. 1.2 Verificare inoltre che la taglia del convertitore non sia sovradimensionata rispetto alla corrente nominale del motore: in pratica è opportuno che tale corrente non sia inferiore a circa il 70% della corrente nominale del convertitore. 1.3 Effettuare un controllo accurato del cablaggio, facendo riferimento alla sezione CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE, e alla sezione CONNESSIONI DI SEGNALE, riportate nel presente manuale. Qualora, solo per il caso della retroazione di dinamo tachimetrica, si richieda l isolamento galvanico dei circuiti analogici della scheda di comando ES600 rispetto alla rete trifase di alimentazione, occorre sfilare i jumper J1 e J2 presenti su tale scheda (vedi la sezione TOPOGRAFIA SCHEDA DI COMANDO ES600/3). Qualora si richieda l isolamento galvanico degli ingressi digitali della scheda di comando ES600, con l utilizzo di una tensione 0-24Vcc esterna, occorre eliminare i ponti a stagnare BR2 e BR3 presenti su tale scheda (vedi la sezione TOPOGRAFIA SCHEDA DI COMANDO ES600/3). 1.4 A seconda della tensione continua V EC richiesta per l eccitazione, verificare che il valore della tensione alternata a disposizione per alimentare i morsetti 39 e 40 sia stata prevista con un valore pari a V EA = V EC Tale verifica non è ovviamente necessaria nel caso si utilizzi un deflussatore esterno: nel seguito viene fatto riferimento al ns. tipo DF Escludere l alimentazione al lato alternata del circuito di eccitazione in ingresso ai mors. 39/40 (togliendo ad es. il fusibile di almeno una fase) e scollegare e cortocircuitare tra loro i cavi originariamente collegati ai mors. 43/44, per escludere l allarme di mancanza campo. Nel caso si utilizzi un deflussatore esterno, è sufficiente sfilare il jumper SW2, presente sulla scheda ES536 del DF2, se esso è in pos. I, oppure tenere aperto il contatto tra i mors. 10/11 se esso è in pos. E. Inoltre, scollegare e cortocircuitare tra loro i cavi originariamente collegati ai mors. 12/ Scollegare infine il cavo originariamente presente sul mors. 28 (RUN / STAND-BY). 3/69

4 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 2. CONTROLLI E CONFIGURAZIONI PRINCIPALI 2.1 Alimentare l apparecchiatura, ad esclusione della sezione di potenza, e controllare sulla scheda di comando ES600 l accensione dei seguenti tre LED: LED1 +15V LED2-15V LED3 +5V Se sul display compare la visualizzazione di un allarme, effettuarne il reset (ad esempio premendo contemporaneamente i due pulsanti INC e DEC). Nel caso in cui la visualizzazione dell allarme non scompaia dal display (se quindi la causa dell allarme persiste) consultare il manuale alla sezione ELENCO DEGLI ALLARMI. Qualora l allarme di cui non si riesce a fare il reset fosse l allarme A04 Rete fuori tolleranza, effettuare le operazioni descritte al punto seguente, e alla fine effettuare il reset. 2.2 Se necessario, impostare sul parametro #17 - salvando su E 2 PROM con il tasto ENTER - il corretto valore nominale della tensione trifase di alimentazione a disposizione, il cui valore di default immesso in fabbrica è 380V. L eventuale modifica di tale parametro, come per qualunque altro, richiede l aver prima portato ad 1 il valore del parametro #14. E opportuno effettuare il salvataggio su E 2 PROM anche per tutte le altre impostazioni che verranno indicate nel seguito della presente procedura, in caso contrario i dati immessi verranno persi allo spegnimento dell apparecchiatura. 2.3 Verificare che l eventuale gruppo di ventilazione funzioni con regolarità soffiando aria dal basso verso l alto. 2.4 Portarsi sul parametro #49 ed impostare il valore percentuale della corrente nominale del motore rispetto alla corrente nominale del convertitore (valore di default: 100%). Eventualmente impostare anche un appropriata costante termica sul parametro #50, seguendo le indicazioni di massima riportate nel presente manuale (valore di default: 10 min). 2.5 Portarsi sul parametro #73 ed accertarsi che il tipo di retroazione di velocità impostato (configurazione di default: retroazione di dinamo tachimetrica) sia quello desiderato. 2.6 Se la retroazione è da dinamo tachimetrica, impostare sul parametro #12 (valore di default: 400Vcc) la f.c.e.m. (forza controelettromotrice) che si avrà ad n max (velocità massima che si intende effettivamente tarare), ricavata per proporzione dalla tensione di armatura che si avrebbe alla velocità nominale (vedi per maggiori chiarimenti la sezione APPENDICE: TARATURA MANUALE). Se è presente un deflussatore esterno, sul parametro #12 va direttamente impostata la tensione di armatura nominale del motore, ed inoltre occorre impostare il corretto valore del parametro #79 (valore di default: 100%). 2.7 Se invece la retroazione è da armatura, impostare sul parametro #12 la massima tensione di armatura che si intende tarare in uscita (valore di default: 400Vcc). 3. AUTOTARATURA DI CORRENTE 3.1 Dopo essersi accertati che il contatto sul mors. 15 (MARCIA / ARRESTO) verso lo 0V sia inizialmente aperto, porre il parametro #14 al valore 2 e avviare l autotaratura di corrente tramite il tasto ENTER, chiudendo il teleruttore KM quando richiesto, accertandosi della chiusura del contatto sul mors. 15. Se interviene l allarme A01 Errato senso ciclico, scambiare la prima e la terza fase sulla terna di alimentazione a monte del punto di diramazione delle alimentazioni di controllo e di potenza: successivamente, rialimentando il convertitore, occorrerà resettare tale allarme. Ripetere comunque le operazioni descritte al paragrafo precedente, in modo da riportarsi nelle stesse condizioni. 4/69

5 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 3.2 Nel contempo verificare anche che tra il mors. 36 e la barra 46, e tra il mors. 38 e la barra 48, non vi sia alcuna tensione alternata. Verificare quindi che vi sia identità di fase ai terminali 36 e 46 ed ai terminali 38 e 48, altrimenti cablare i suddetti morsetti con le corrette fasi. 3.3 A questo punto ricollegare il cavo inizialmente presente sul mors. 28 e tramite il tasto ENTER lanciare definitivamente l autotaratura di corrente. Al termine dell autotaratura si dovranno ritrovare sui quattro parametri calcolati in questa fase (parametri #18, #19, #45, #46) dei valori generalmente diversi da quelli di default, e diversi dai limiti estremi ammessi: in particolare dovrà essere # e # Se così non fosse, verificare che la rete non sia eccessivamente squilibrata nelle tre tensioni di fase. Successivamente, dopo tale verifica, rilanciare l'autotaratura di corrente. 3.4 Disalimentare l apparecchiatura e ripristinare gli originari collegamenti di eccitazione (vedi paragrafo 1.5). In particolare, se è presente un deflussatore esterno, riposizionare il jumper SW2 in pos. I, oppure ripristinare il contatto tra i mors. 10/11 se il jumper era invece in pos. E, lasciando però scollegati e cortocircuitati i cavi originariamente collegati ai mors. 12/ AUTOTARATURA DI VELOCITÀ 4.1 Alimentare l apparecchiatura e verificare la presenza del valore nominale della tensione continua per il campo ai mors. 41 e 42. Se è presente un deflussatore esterno, alimentare lo stesso, regolando il trimmer multigiri RV5 (che è opportuno sia inizialmente in posizione tutta antioraria) in modo da poter misurare una corrente continua per il campo pari al valore nominale. 4.2 Dopo essersi accertati che il contatto sul mors. 15 verso lo 0V sia inizialmente aperto, porre il parametro #14 al valore 3 e avviare l autotaratura di velocità tramite il tasto ENTER, chiudendo il teleruttore KM (e quindi i contatti sui mors. 15 e 28 verso lo 0V) quando richiesto, e lanciando poi definitivamente, tramite nuovamente il tasto ENTER, l autotaratura: in questa fase verranno calcolati i parametri #28 e #29. Nel caso della retroazione da dinamo tachimetrica, se interviene l allarme A11 Guasto dinamo occorre generalmente invertire tra loro i due cavetti della dinamo, a meno che il collegamento stesso non abbia delle interruzioni su uno o su entrambi i cavi: successivamente, rialimentando il convertitore, occorrerà resettare tale allarme. Al termine dell autotaratura di velocità si dovranno ritrovare sui due parametri calcolati in questa fase (parametro #28 e #29) dei valori generalmente diversi da quelli di default, e diversi dai limiti estremi ammessi. 5. FUNZIONAMENTO COME CONTROLLO DI VELOCITÀ 5.1 Se occorre effettuare un controllo di velocità, occorre anzitutto regolare la velocità massima (vedi al punto successivo). Se è presente un deflussatore esterno, nel corso di tale regolazione andranno tarati anche i restanti trimmer RV2, RV1, RV4 (fare riferimento al MANUALE D USO del DF2). Al termine di tale messa a punto, vanno ristabiliti gli originari collegamenti ai mors. 12/ La regolazione della velocità massima si ottiene aumentando gradualmente il riferimento di velocità verso il valore massimo, e fissando la velocità desiderata, se si è in retroazione da dinamo tachimetrica, attraverso il trimmer multigiri RV5 della schedina ES602 (montata su connettori), mentre se si è in retroazione di armatura, come già detto, agendo sul parametro #12. Quando sul mors. 2 e/o 3 risulta impostato il massimo riferimento di velocità, il parametro #01 visualizzerà un valore di circa il 100%. Analogamente, quando il massimo riferimento di velocità viene impostato sul mors. 4, il parametro #09 visualizzerà un valore di circa il 100%. I valori visualizzati sui suddetti due parametri tengono comunque anche conto dell eventuale guadagno interno applicato rispettivamente tramite i parametri #15 e #16 (vedi più oltre). Accertarsi che alla massima velocità, la tensione continua in uscita non superi il valore nominale di armatura del motore (normalmente 400Vcc per alimentazione trifase a 380Vca). 5/69

6 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 La stabilità di funzionamento diventa generalmente più critica al diminuire del valore massimo tarato per la velocità (ruotando il suddetto trimmer in antiorario oppure abbassando il valore del suddetto parametro). 5.3 Oltre a tale regolazione sulla retroazione è possibile una regolazione sul riferimento in ingresso ai mors. 2/3/4 tramite i parametri #15 e #16 (valori di default: 1). In accordo con quanto evidenziato con l avvertenza al punto 5.2, per regolare velocità massime di rotazione particolarmente basse è opportuno non agire sulla regolazione della retroazione, ma deamplificare il riferimento tramite i due suddetti parametri. 5.4 I valori di riferimento per la marcia ad impulsi vanno impostati sui parametri #21 e #22 (valori di default: +5% e -5%). 5.5 Per evitare overshoot di velocità può essere opportuno inserire l adattamento automatico dei parametri (per default escluso) tramite i parametri #81 85, in modo da fronteggiare variazioni rapide di riferimento a carico costante, ad esempio nel caso in cui non si usino rampe. Tale adattamento risulta utile anche nel caso di variazioni rapide di carico a riferimento costante: nei due casi è diversa l impostazione da effettuare sul parametro #85, come illustrato nella sezione APPENDICE: TARATURA MANUALE. 6. GESTIONE DELLE RAMPE NEL CONTROLLO DI VELOCITÀ 6.1 Si possono inserire delle rampe per i riferimenti di velocità ai mors. 2/3 impostando convenientemente i parametri #23, #24 e #25 (valori di default: 0s), o anche inserire degli arrotondamenti tramite i parametri #26 e #27 (valori di default: 0s). Tra i tempi di rampa ed i tempi di arrotondamento dev essere verificata una determinata relazione di diseguaglianza, riportata nel presente manuale, alla sezione ELENCO DEI PARAMETRI, come commento alla figura che illustra il significato dei parametri # I tempi di rampa possono anche essere variati dall esterno in modo continuo per mezzo dell ingresso analogico configurandolo opportunamente tramite il parametro #57 (per default escluso), o possono essere ridotti a zero per mezzo dell ingresso digitale configurandolo opportunamente tramite il parametro #74 (per default con significato di CLIM). 6.3 Le rampe per la marcia ad impulsi sono invece definite dal parametro #20 (per default le stesse applicate ai mors. 2 e 3), e conseguentemente, a seconda della scelta fatta su di esso, dai parametri #23, #25, #26 e #27, oppure dai parametri #75 e #76 (valori di default: 0s). 6.4 Con rampe di durata media può essere conveniente l inserimento dell aumento automatico del tempo integrale tramite il parametro #80 (per default escluso). 7. OPZIONI NEL CONTROLLO DI VELOCITÀ 7.1 E possibile selezionare un unica polarità per il riferimento di velocità in ingresso sui mors. 2/3 (e per quello interno globale) tramite il parametro #54 (per default bipolare). Il riferimento minimo è impostabile, a patto che il parametro #54 sia stato adeguatamente configurato, tramite il parametro #55 (valore di default: 0%), mentre il riferimento limite massimo può essere fissato sul parametro #56 (valore di default: 100%). Nel caso in cui non venga predisposto un riferimento minimo di velocità, se con riferimento zero il motore tende lentamente a ruotare, la deriva di velocità può essere corretta agendo sul parametro #30 (valore di default: 0%). 7.2 Per l inversione di polarità del riferimento di velocità può essere usato l ingresso digitale configurabile tramite corrispondente impostazione sul parametro #74 (per default con significato di CLIM). 7.3 Infine, per selezionare eventualmente i quadranti operativi agire sul parametro #47 (per default tutti abilitati). 6/69

7 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 8. CONTROLLO DI CORRENTE (COPPIA) 8.1 Occorre effettuare un controllo di corrente (coppia) in casi quali ad esempio i controlli di tiro su un materiale in svolgimento o avvolgimento, oppure quando si controllano macchine meccanicamente solidali ad altre, tra le quali occorra definire una corretta ripartizione di coppia. 8.2 Nel primo caso solitamente si attua una semplice regolazione esterna del limite di corrente, selezionando opportunamente l ingresso analogico configurabile sul mors. 4 tramite il parametro #57 (per default escluso), con polarità del segnale utilizzato selezionabile sul parametro #77 (per default positiva) e livello del segnale inviato regolabile internamente tramite il parametro #16 (valore di default: 1). In questa modalità di funzionamento, il riferimento di velocità dev essere tale da mantenere, in ogni istante, il convertitore in limite di corrente. 8.3 Nel secondo caso solitamente si attua una diretta impostazione del riferimento di corrente: si può agire sul parametro #61 se si desidera una configurazione permanente, oppure sul parametro #74 (per default con significato di CLIM) se si desidera l attivazione da comando sull ingresso digitale, con livello del segnale inviato regolabile internamente tramite il parametro #15 (valore di default: 1). 9. OPZIONI NEL CONTROLLO DEL LIMITE DI CORRENTE 9.1 Sia nel controllo di velocità che in quello di corrente, rimane comunque attiva la limitazione interna di corrente, fissata generalmente ad un unico livello sui parametri #32 e #33 (valori di default: 100%), sempre come percentuale del valore nominale della corrente di motore fissata sul parametro #49 (valore di default: 100%). Più in particolare, se si desidera una regolazione a due livelli, occorre agire anche sui parametri #34 36 (valori di default: 100%), mentre per una regolazione iperbolica vanno impostati i parametri #37 e #38 (valori di default: 100%). 9.2 Rispettando un certo duty-cycle massimo, è possibile avere una sovralimitazione di corrente a seguito di richieste gravose di coppia tramite i parametri #39 (valore di default: 2s), #41 e #42 (valori di default: 100%). 9.3 Configurando invece opportunamente l ingresso digitale tramite il parametro #74 (per default con tale significato di CLIM) è anche possibile avere un abbassamento del limite di corrente, definibile sul parametro #43 (valore di default: 50%). 10. I/O ANALOGICI E DIGITALI 10.1 L ingresso analogico configurabile viene definito dal parametro #57 (per default escluso), mentre l uscita analogica configurabile viene definita dal parametro #58 (per default 0V) L ingresso digitale configurabile viene definito dal parametro #74 (per default con significato di CLIM), mentre l uscita digitale configurabile viene definita dal parametro #86 (configurata per default come soglia di velocità ST), con valori di soglia e di isteresi fissati dai parametri #31 e #87 (valori di default: 25 (2.5) % e 5%, rispettivamente) Infine, le uscite analogiche già predefinite sono due: OUT V e OUT I. Per la seconda di esse, può essere definita la polarità del segnale in uscita tramite il parametro #59 (per default bipolare). 11. BACK-UP E RESTORE DEI PARAMETRI CORRENTI 11.1 Al termine della messa in servizio della macchina, allorché si è certi della bontà delle varie impostazioni effettuate, è consigliabile effettuare un back-up dei parametri correnti ponendo il parametro #14 al valore 6, in modo da poter, all occorrenza, rendere disponibile il comando di restore dei parametri di back-up (effettuabile ponendo il parametro #14 al valore 7) Si consiglia sempre comunque di prendere nota di tutti quei parametri i cui valori sono stati variati rispetto a quello di default, utilizzando l apposita scheda riportata in chiusura del MANUALE D USO. 7/69

8 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 CARATTERISTICHE GENERALI Applicazione: Alimentazione: IL CRM90 È UN CONVERTITORE TRIFASE CA/CC REVERSIBILE COMPLETAMENTE DIGITA- LE, ADATTO ALL ALIMENTAZIONE DEL CIRCUITO D ARMATURA DI MOTORI C.C., ALLO SCOPO DI ATTUARE UN CONTROLLO DI VELOCITÀ O DI COPPIA, CON FUNZIONAMENTO NEI QUATTRO QUADRANTI. IN ALTERNATIVA, È CONFIGURABILE PER ALIMENTAZIONE ELETTROMAGNETI O CARICHI INDUTTIVI IN GENERALE. Da rete trifase (o da gruppo elettrogeno: V.par.#88 e #89) Vca +10/-15% (per moduli con V R =1400V), Hz (con adattamento automatico). Predisposizione per altre tensioni d alimentazione a richiesta. Predisposizione per tensioni di alimentazione diverse sul controllo e sulla potenza a richiesta. Tensione di uscita:±400vcc per rete 380Vca. Ponte di conversione: Doppio ponte trifase totalcontrollato a interblocco realizzato con tiristori modulari. Ventilazione: Naturale con flusso d aria verticale fino al.70; forzata dal tipo.100 in poi. Possibilità di montaggio THROUGH PANEL per le taglie maggiori. Sovraccaricabilità: +30% della corrente nominale per 20 s con riduzione automatica al valore di limitaz. di corrente se il sovraccarico tende a permanere oltre il tempo ammissibile. Sovraccaricabilità fino al 200% max a partire da correnti inferiori. Funzione ripetibile con duty cycle del 13,5%. Alimentazione avvolgimento di campo: Raddrizzatore interno, protetto da fus. extrarapido solo per CRM max, per l alimentaz. dell avvolgim. di campo del motore c.c., con segnalazione di mancanza eccitazione mediante contatto isolato di relé. Regolazione: A doppio anello di retroazione completamente digitale; interno per controllo corrente di armatura, esterno per controllo velocità. Regolatore di velocità di tipo adattativo, con parametri automaticamente variabili in funzione dell errore di velocità. Reazione di velocità: Da dinamo tachimetrica oppure da tensione d armatura: vedi parametro #73. Caratteristiche operative:funzionamento e reversibilità completa nei quattro quadranti: funzionamento come motore o come freno in entrambi i sensi di rotazione. L inversione della velocità si ottiene invertendo la polarità del segnale di riferimento. Possibilità di esclusione indipendente di uno o più dei 4 quadranti operativi (v. par. #47). Possibilità di funzion. a potenza costante (v. par. #37 e #38), tramite deflussaggio di armatura. Previsto funzionamento con deflussaggio esterno di campo (v. par. #79). Taratura automatica: Il convertitore calcola autonomamente i parametri ottimali da inserire negli anelli di corrente e di velocità e riconosce le caratteristiche fondamentali del motore (resistenza e indutt. d armatura, rapporto forza contro-elettromotrice/veloc. angolare) e del carico. Interfaccia seriale standard: È fornita di serie un interfaccia seriale per il colloquio e la parametrizzazione a distanza. Lo standard elettrico è l RS485; il protocollo usato è l ANSI X3.28, per collegamenti multi drop tra un master (tipicamente un PC) e un numero di convertitori fino a 32 (slave). Su richiesta è fornito il modem di conversione optoisolato RS485/RS232-C per il collegamento diretto con un PC. Precisione: Risoluzione: ± 0.1% della velocità nominale per: variaz. di carico fino al 100% della coppia nom.; variazione della tensione di rete di +10/-15% rispetto al valore nominale; variazioni di temperatura di ±10 C. 0.01% della velocità nominale a regime. Rif. esterni di velocità: Ingressi in tensione ± 10 Vcc (impedenza di ingresso 20 kω). Possibilità di variazione del guadagno degli ingressi (v. par. #15 e #16). Inversione elettronica di polarità (v. par. #74). 8/69

9 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Possibilità di taglio polarità (v. par. #54), di inserzione velocità minima (v. par. #55) o massima (v. par. #56). Funzione di rampa: Interamente digitale con regol. indipendente, eventualmente esterna, della durata del tempo di accelerazione o decelerazione, in maniera indipendente per entrambe le direzioni di marcia. Comando esterno di azzeramento dei tempi di rampa. Possibiltà di arrotondamento iniziale e finale rampe con funzione del 2 ordine. Allungamento automatico delle rampe di accelerazione e decelerazione nel caso in cui il carico sia tale da richiedere una coppia prossima a quella massima. Se la coppia resistente diventa pari a quella motrice, il riferimento in rampa di accelerazione rimane congelato al valore attuale: ciò evita l accumulo dell errore di velocità e rende minimo il tempo di permanenza del convertitore nella condizione di limite di corrente. In tal modo la rampa generata internamente al convertitore risulta sempre raccordata alla velocità reale del motore. Segnali analogici in uscita: Segnale di tensione OUT V con doppia polarità proporzionale alla velocità di rotaz. del motore. Segnale di corrente OUT I, eventualmente filtrato, proporzionale alla corrente di armatura erogata (polarità doppia o singola solo positiva). Segnale aux OUT AUX configurabile da tastiera (vedi parametro #58), ad es. come uscita rampe, riferimento di corrente (per funzionamento in modo SLAVE), potenza attiva assorbita, sincronizzatore per compensazioni di inerzia. Relé interno per soglia di velocità o di corrente e per raggiunta velocità impostata: Relé configurabile da tastiera (vedi parametro #86) con valore di soglia e di isteresi impostabili. Relé interno per commutazioni elettromeccaniche: Per segnalazione di motore fermo. Relé interno di allarme: Per segnalaz. di allarme intervenuto. Intercambiabilità scheda comando ES600: Nella scheda di comando ES600 è presente una EEPROM (memoria non volatile) in cui vengono memorizzati (al termine delle tarature automatiche o su richiesta dell utilizzatore) i parametri caratteristici del convertitore e delle varie regolazioni, eccetto le tarature di velocità massima e dei segnali in uscita di corrente e di velocità che risiedono sulla schedina estraibile ES602 (abbinata al circuito stampato ES600/3): la ES602 e la EEPROM sono facilmente asportabili ed inseribili su un eventuale ricambio, assicurando così la completa intercambiabilità del convertitore in caso di guasto, senza la necessità di ripetere la messa in servizio. Possibilità di comando ripristino dalla EEPROM dei parametri di default o di una particolare configurazione di cui sia stato in precedenza effettuato il BACK-UP. Ingressi digitali: Protezioni: Comandabili da PLC con uscite statiche (open collector NPN). Possibilità di isolamento galvanico. Per limitare la corr. di cortocircuito, per ridurre le deformazioni della tensione di rete e il di/dt della corr. di linea: reattanze di commutaz. fornite a parte, da montare a cura dell utilizzatore. Per ridurre l eccessivo dv/dt sui tiristori: filtri RC individuali. Da cortocircuito: fusibili extrarapidi, da montare esternamente. Da sovraccarichi: limitazione di corrente tarabile in diversi modi (vedi parametri #32..43). Da errato senso ciclico e/o discordanza di fase tra mod. di comando e sez. di potenza: allarme A01. Da frequenza di rete instabile o fuori tolleranza: allarmi A02 e A03. Da tensione di rete fuori tolleranza: allarme A04. Da mancanza fasi: allarme A05. Da rottura o errato colleg. dinamo tach.: all. A11. Da surriscaldamento del motore mediante immagine termica dello stesso: allarme A14. Da mancata o scarsa ventilazione mediante pastiglia termica sul dissipatore: allarme A31. Temperatura nominale di funzionamento: Da 0 a 40 C ambiente. Declassare del 4% per ogni grado di aumento. Umidità relativa: % (senza condensa). Altitudine max di funzionamento: 1000m (s.l.m.). Declassare dell'1% per ogni 100m di aumento. Peso: 13 kg per CRM90.10,.20 e e /69

10 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 TABELLA CARATTERISTICHE TECNICHE E ACCESSORI PER ALIMENTAZIONE Vca (per moduli con V R =1400V) (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) CRM A 13A 40mm M 35/40A 35/40A 30W 6 00T/80 00T/ A 26A 40mm M 35/40A 35/40A 60W 6 00T/80 00T/ A 52A 40mm M 35/40A 50A 120W 6 00T/80 00T/80 GRANDEZZA A 91A 72mm M 100A 100A 210W 6 00T/80 00T/ A 130A 220V 72mm M 100A 125A 300W 100mA 6 00T/80 00T/ A 195A 220V 72mm M 160A 200A 450W 100mA 8 00T/80 00T/ A 234A 220V 72mm M 160A 200A 540W 100mA 8 00T/80 00T/ A 325A 220V 72mm M 250A 315A 750W 200mA 8 00T/80 00T/ A 429A 220V 72mm M 315A 375/400A 990W 200mA 8 00T/80 00T/80 GRANDEZZA 2 CRM A 220V 84mm M 450A 550A 1230W 600mA 10 2T/80 2T/ A 650A 220V 84mm M 550A 700A 1500W 600mA 10 2T/80 3T/ A 780A 220V 84mm M 550A 700A 1800W 600mA 10 2T/80 3T/ A 1170A 220V 84mm M 800A 1000A 2700W 600mA 10 3T/80 3T/80 GR. 2A CRM A 1560A 200V 84mm M 1000A 1250A 3600W 2A 12 3T/80 3T/80 N.B.: NON SOVRADIMENSIONARE il convertitore rispetto al motore, onde evitare un peggioramento delle caratteristiche di controllo, fino al blocco delle operazioni di autotaratura. Scegliere quella taglia di convertitore che risulti comparabile o immediatamente superiore rispetto alla corrente nominale del motore. N.B.: Si raccomanda l'impiego, sul lato alternata e sul lato continua, di fusibili EXTRARAPIDI, del valore indicato in tabella, al fine di evitare possibili guasti alla sezione di potenza. (1) Corrente massima erogabile in modo continuativo (corrente massima di limitazione). (2) Corrente massima di sovralimitazione, erogabile per l intervallo di tempo impostato con il parametro #39, pari al 130% della corrente massima erogabile in modo continuativo. (3) Valori efficaci di alimentazione del ventilatore di raffreddamento (quando presente). (4) Altezza profilo del dissipatore. (5) Dimensioni del filetto dei morsetti di potenza (6) Taglia dei fusibili extrarapidi lato alternata (660V). (7) Taglia del fusibile extrarapido lato continua (660V). (8) Perdite per riscaldamento nel convertitore. 10/69

11 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 INDUTTANZA TRIFASE DI COMMUTAZIONE Risulta necessario inserire sulla linea di alimentazione un'induttanza trifase. Questa consente notevoli vantaggi: - Riduce le distorsioni della tensione di rete dalla forma sinusoidale, nel punto in cui il convertitore risulta allacciato. - Riduce i gradienti di corrente di linea che possono provocare disturbi radio ed altri indotti su linee vicine (vedi anche la sez. Caratteristiche EMC e Filtro in ingresso). Sono disponibili due serie di induttanze trifasi, denominate tipo L2 e tipo L4, che si distinguono, a parità del valore nominale di corrente, per il valore di induttanza, e quindi per la diversa caduta di fase (circa 6V per il tipo L2 ed 1V per il tipo L4.). Di seguito vengono riportate le caratteristiche delle induttanze in funzione della taglia del convertitore. Convertitore Corrente nominale INDUTTANZA TIPO L2 INDUTTANZA TIPO L4 induttanza Codice Valore induttivo Codice Valore induttivo CRM A IM mH 3x 150µH IM ".20 18A IM mH 3x 150µH IM GRANDEZZA 1 ".40 35A IM mH 3x 150µH IM ".70 70A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH CRM A IM mH IM µH GRANDEZZA 2 " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH GR. 2A CRM A - - IM µH 11/69

12 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A Vedi figura 1. 1 Vite di messa a terra (dimensioni del filetto: M6). 2 Morsetti V1 e V2, tipo Faston, per l alimentazione del ventilatore di raffreddamento (presente per CRM ). Utilizzare per il cablaggio gli appositi FASTON isolati forniti a corredo. 3 Morsettiera scheda Comando ES Morsettiera scheda Pilotaggio ES Morsettiera di Potenza. 6 Direzione del flusso d aria di raffreddamento. 7 Fissaggio a pannello verticale tramite n 4 viti M5. 8 Spazio libero da lasciare inferiormente e superiormente rispetto all intero ingombro del convertitore, in modo da permettere al flusso d aria di raffreddamento di attraversare liberamente lo stesso. 9 Dissipatore. 10 Ventilatore (presente per CRM ). A-B N.B.: Per accedere all interno del convertitore, allentare le due viti A e le due viti B, far scorrere il telaio superiore verso l alto fino a liberare le viti B dalle asole di ritenuta, quindi ribaltare il telaio verso l esterno. CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE CRM A Vedi figura 2. L1/L2/L3 FU1/FU2/FU3 FU4 FU5/FU6 FU7 FU8/FU9 KM L RL1 TC M A B N.B.: EF Rete trifase di alimentazione 50/60Hz (standard Vca, per moduli con V R =1400V). Fusibili extrarapidi lato alternata per protezione ponte CA/CC. Fusibile extrarapido lato continua per protezione ponte CA/CC. Fusibili ritardati per protezione primario autotrasformatore TC. Fusibile ritardato per protezione elettroventilatore di raffreddamento. Fusibili 500 ma min per protezione connessione ai morsetti 36/38 dalla rete trifase. Teleruttore di alimentazione ponte CA/CC. Impedenza trifase di commutazione. Relé interno per segnalazione mancanza corrente di campo. Autotrasformatore (eventuale) per alimentazione campo motore C.C. La tensione alternata V EA sul secondario è ricavabile dalla tensione continua V EC (tensione di campo) richiesta tramite la seguente formula: V EA =V EC 1,11 Motore in corrente continua. N.B.: Per ottimizzare la stabilità, escludere l eventuale SERIE STABILIZZATRICE. Ponte in funzione con riferimento di velocità positivo e convertitore erogante corrente motrice. Ponte in funzione con riferimento di velocità negativo e convertitore erogante corrente motrice. Per l individuazione dei ponti A e B a livello di schema elettrico e di disposizione meccanica, vedi figura 3, figura 4, figura 5, nelle pagine seguenti. Filtro trifase contro l'interferenza Elettromagnetica (EMI). Vedi la sez. CARATTERISTICHE EMC E FILTRO IN INGRESSO. 12/69

13 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.1 - Dimensioni d ingombro e di fissaggio CRM /69

14 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Fig.2 - Schema connessioni di potenza e di alimentazione CRM /69

15 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.3 - Schema a blocchi CRM /69

16 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Fig.4 - Topografia Potenza CRM90 GR1 180A max. 16/69

17 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.5 - Topografia Potenza CRM90 GR1 250A min. 17/69

18 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A Vedi figura 6a (CRM A) e figura 6c (CRM A), per ingombri esterni. 1 Vite di messa a terra (dimensioni del filetto: M8). 2 Morsettiera scheda Comando ES Morsettiera scheda Pilotaggio ES Morsettiera alimentazione eccitazione. 5 Connessioni di Potenza (barre). 6A 6B Direzione del flusso principale d aria di raffreddamento. Direzione del flusso secondario d'aria di raffreddamento. 7 Fissaggio a pannello verticale tramite nº4 viti M6 (per il posizionamento dei 4 fori vedi figura 6b). 8 Spazio libero da lasciare inferiormente e superiormente rispetto all intero ingombro del convertitore, in modo da permettere al flusso d aria di raffreddamento di attraversare liberamente lo stesso. 9 Sostegni laterali (n.2). 10 Ventilatori (n.3 per CRM90 900Amax, n.2 per CRM A). A B N.B.: Per accedere all interno del convertitore, ruotare le quattro viti A di un quarto di giro in senso antiorario, svitare completamente la vite B e aprire il telaio. Vedi figura 6b per dime di fissaggio e montaggio "THROUGH PANEL" 11 Apertura da praticare nel pannello verticale di sostegno per il montaggio THROUGH PANEL. Per realizzare tale montaggio togliere le n.6 viti C (vedi figura 6a e 6c) per poter asportare i due sostegni laterali. 12 Vista laterale di posizionamento per il montaggio THROUGH PANEL: esso risulta conveniente ove esista già un condotto di ventilazione forzata in cui incanalare il flusso principale 6A, oppure nei casi in cui è più efficace condizionare la parte posteriore del quadro piuttosto che l'intero volume in cui il convertitore risulta installato. CONNESSIONI DI POTENZA E DI ALIMENTAZIONE CRM A Vedi figura 7. L1/L2/L3 FU1/FU2/FU3 FU4 FU5/FU6 FU7 FU8/FU9 FU10 KM L TC M A B N.B.: EF Rete trifase di alimentazione 50/60Hz (standard Vca, per moduli con V R =1400V). Fusibili extrarapidi lato alternata per protezione ponte CA/CC. Fusibile extrarapido lato continua per protezione ponte CA/CC. Fusibili ritardati per protezione primario autotrasformatore TC. Fusibile extrarapido protezione ponte raddrizzatore per alimentazione campo motore c.c. Fusibili 500 ma min per protezione connessione ai morsetti 36/38 dalla rete trifase. Fusibile 2A min per CRM90 900Amax (2,5Amin per CRM A) per protezione connessione ai morsetti 55/56 dalla rete trifase. Teleruttore di alimentazione ponte CA/CC. Impedenza trifase di commutazione. Autotrasformatore (eventuale) per alimentazione campo motore C.C. La tensione alternata V EA sul secondario è ricavabile dalla tensione continua V EC richiesta tramite la seguente formula: V EA =V EC 1,11 Motore in corrente continua (circuito di armatura + circuito di campo). Ponte in funzione con riferimento di velocità positivo e convertitore erogante corrente motrice. Ponte in funzione con riferimento di velocità negativo e convertitore erogante corrente motrice. Per l individuazione dei ponti A e B a livello di schema elettrico e di disposizione meccanica, vedi fig.8 e fig.9, nelle pagine seguenti. Filtro trifase contro l'interferenza Elettromagnetica (EMI). Vedi la sez. CARATTERISTICHE EMC E FILTRO IN INGRESSO. 18/69

19 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.6a - Dimensioni di ingombro CRM A /69

20 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Fig.6b - Dimensioni di fissaggio e montaggio "THROUGH PANEL" per CRM A X 150 mm per 900A max 242 mm per 1200A 20/69

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

SMART Più MANUALE UTENTE

SMART Più MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE 01/2003 INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ARCHITETTURA DELLO STRUMENTO... 3 2.1 Linea seriale RS485. Rete fino a 31 analizzatori... 4 2.2 Linea seriale RS485. Rete con più di 31 analizzatori...

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili IT MANUALE TECNICO MT SBC 0 Videocitofonia a colori con cablaggio a fili Assistenza tecnica Italia 046/750090 Commerciale Italia 046/75009 Technical service abroad (+9) 04675009 Export department (+9)

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

2 - TRASPORTO MOBILETTO

2 - TRASPORTO MOBILETTO Istruzioni per l'uso I Indice 1 - GENERALITA' 3 1.1 NORME DI SICUREZZA GENERALI 3 1.2 CAMPO DI UTILIZZO 4 1.3 DIMENSIONI D'INGOMBRO 4 1.4 DATI TECNICI 5 2 - TRASPORTO MOBILETTO 5 3 - ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Istruzioni per l uso GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Significato dei simboli sullo strumento Isolamento continuo doppio o rinforzato Segnalazione di un pericolo, (Attenzione, consultare

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale D. Iannuzzi, E. Pagano, P. Tricoli Report RSE/2009/46 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Interfacce 24 V AC/DC con relé e zoccolo

Interfacce 24 V AC/DC con relé e zoccolo Interfacce V /D con relé e zoccolo ± Interfacce a giorno con comune ingresso negativo o positivo e comune contatti unico odice 0 0 0 0 0 0 0 00 V ± 0% V /D V /D V /D V /D V /D V /D V /D V /D contatti 0

Dettagli

Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650

Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650 Altivar Process EAV64310 05/2014 Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650 Manuale di installazione 05/2014 EAV64310.01 www.schneider-electric.com Questa documentazione contiene la descrizione

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Centralina rivelazione e spegnimento

Centralina rivelazione e spegnimento Centralina rivelazione e spegnimento 3 zone rivelazione e 1 zona spegnimento Certificata CPD in accordo alle EN 12094-1:2003, 54-2 e 54-4 Manuale D uso 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del manuale 4 1.2 Prima

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER Versione 1.0 del 18.08.2009 Sommario Schermata iniziale Pag. 3 Descrizione tasti del menu Pag. 3 Pagina principale Pag. 4 Pagina set allarmi Pag.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

ESCON 70/10. Servocontrollore Numero d'ordine 422969. Manuale di riferimento. ID documento: rel4744

ESCON 70/10. Servocontrollore Numero d'ordine 422969. Manuale di riferimento. ID documento: rel4744 Manuale di riferimento Servocontrollore ESCON Edizione novembre 2014 ESCON 70/10 Servocontrollore Numero d'ordine 422969 Manuale di riferimento ID documento: rel4744 maxon motor ag Brünigstrasse 220 P.O.Box

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 37 di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it L'integrato LM37 Questo integrato, che ha dimensioni identiche a quelle di un normale transistor di media potenza tipo TO.0,

Dettagli