MANUALE D'USO. Italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE D'USO. Italiano"

Transcript

1 MANUALE D'USO 15P0048A3 CRM90 CONVERTITORI TRIFASE CA/CC BIDIREZIONALI RIGENERATIVI INTERAMENTE DIGITALI 16/06/98 R.01 VERS. SOFTWARE V Italiano Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze contenute in esso in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza d'uso e di manutenzione. Questa macchina dovrà essere destinata al solo uso per il quale è stata espressamente concepita. Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso. Il Costruttore non può essere considerato responsabile per eventuali danni causati da usi impropri, erronei ed irragionevoli. L'Elettronica Santerno si ritiene responsabile della macchina nella sua configurazione originale. Qualsiasi intervento che alteri la struttura o il ciclo di funzionamento della macchina deve essere eseguito od autorizzato dall'ufficio Tecnico della Elettronica Santerno. L'Elettronica Santerno non si ritiene responsabile delle conseguenze derivate dall'utilizzo di ricambi non originali. L'Elettronica Santerno si riserva di apportare eventuali modifiche tecniche sul presente manuale e sulla macchina senza obbligo di preavviso. Qualora vengano rilevati errori tipografici o di altro genere, le correzioni saranno incluse nelle nuove versioni del manuale. L'Elettronica Santerno si ritiene responsabile delle informazioni riportate nella versione originale del manuale in lingua italiana. Proprietà riservata - Riproduzione vietata. L'Elettronica Santerno tutela i propri diritti sui disegni e sui cataloghi a termine di legge. Elettronica Santerno S.p.A. Via G. Di Vittorio, Casalfiumanese (Bo) Italia Tel Fax Assistenza Clienti Tel Fax Ufficio Vendite Tel Fax

2 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Sommario PROCEDURA ESSENZIALE DI MESSA IN SERVIZIO... Pag. 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 8 TABELLA CARATTERISTICHE TECNICHE E ACCESSORI INDUTTANZA TRIFASE DI COMMUTAZIONE DIMENSIONI D INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE CRM A SCHEMA A BLOCCHI CRM A TOPOGRAFIA POTENZA CRM90 GR1 180 A MAX TOPOGRAFIA POTENZA CRM90 GR1 250 A MIN DIMENSIONI D INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE CRM A SCHEMA A BLOCCHI CRM A TOPOGRAFIA POTENZA CRM A TOPOGRAFIA POTENZA CRM90 900A e 1200A CONNESSIONI DI SEGNALE TOPOGRAFIA SCHEDA COMANDO ES600/ TOPOGRAFIA SCHEDA PILOTAGGIO ES630/ MORSETTIERA SCHEDA COMANDO ES MORSETTIERA SCHEDA PILOTAGGIO ES MORSETTIERA DI POTENZA TASTIERA E DISPLAY ALFA NUMERICO TARATURA AUTOMATICA SCHEMA A BLOCCHI DEL CONTROLLO PROSPETTO PARAMETRI PRINCIPALI ELENCO DEI PARAMETRI INTERVENTO ALLARMI E RESET ELENCO DEGLI ALLARMI COMUNICAZIONE SERIALE CARATTERISTICHE EMC E FILTRO IN INGRESSO NORME PER INSTALLAZIONE, TARATURA E MANUTENZIONE APPENDICE: TARATURA MANUALE PARAMETRI UTENTE MODIFICATI RISPETTO AL VALORE DI DEFAULT /69

3 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 PROCEDURA ESSENZIALE DI MESSA IN SERVIZIO Nel seguito della presente sezione sono riportate le principali verifiche ed operazioni da effettuare per una regolazione ottimale del convertitore CRM90. Si suppone che l Utente abbia già dimestichezza con l utilizzo della tastiera: in caso contrario si faccia riferimento alla sezione TASTIERA E DISPLAY ALFANUMERICO. La presente sezione vuol solo fornire una traccia che può essere utilmente seguita per una corretta messa a punto: per ogni ulteriore informazione sulla funzione dei vari morsetti hardware o parametri software, e per ogni altro dettaglio in generale, si vedano le corrispondenti sezioni del presente manuale. In particolare, fare costante riferimento alla sezione CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE insieme alla sezione CONNESSIONI DI SEGNALE per un corretto utilizzo dei terminali hardware, e alla sezione ELENCO DEI PARAMETRI per la corretta impostazione dei parametri software. 1. VERIFICHE PRELIMINARI 1.1 All atto dell installazione, verificare che la tensione nominale di rete sia compresa nel range di tensione di alimentazione predisposto sul convertitore, ricavabile dal documento posto nella tasca adesiva sul fianco dello stesso. Nella configurazione standard il convertitore può essere alimentato da una tensione compresa nell intervallo Vca / 45 65Hz. Se l alimentazione trifase non è derivata dalla rete ma da un gruppo elettrogeno, può essere necessario impostare convenientemente i parametri #88 (variazione massima di frequenza ammessa) e #89 (ritardo scrittura allarme A03 di frequenza instabile), i cui valori di default sono rispettivamente 1Hz/s di soglia di allarme, e l intervento immediato dell allarme. 1.2 Verificare inoltre che la taglia del convertitore non sia sovradimensionata rispetto alla corrente nominale del motore: in pratica è opportuno che tale corrente non sia inferiore a circa il 70% della corrente nominale del convertitore. 1.3 Effettuare un controllo accurato del cablaggio, facendo riferimento alla sezione CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE, e alla sezione CONNESSIONI DI SEGNALE, riportate nel presente manuale. Qualora, solo per il caso della retroazione di dinamo tachimetrica, si richieda l isolamento galvanico dei circuiti analogici della scheda di comando ES600 rispetto alla rete trifase di alimentazione, occorre sfilare i jumper J1 e J2 presenti su tale scheda (vedi la sezione TOPOGRAFIA SCHEDA DI COMANDO ES600/3). Qualora si richieda l isolamento galvanico degli ingressi digitali della scheda di comando ES600, con l utilizzo di una tensione 0-24Vcc esterna, occorre eliminare i ponti a stagnare BR2 e BR3 presenti su tale scheda (vedi la sezione TOPOGRAFIA SCHEDA DI COMANDO ES600/3). 1.4 A seconda della tensione continua V EC richiesta per l eccitazione, verificare che il valore della tensione alternata a disposizione per alimentare i morsetti 39 e 40 sia stata prevista con un valore pari a V EA = V EC Tale verifica non è ovviamente necessaria nel caso si utilizzi un deflussatore esterno: nel seguito viene fatto riferimento al ns. tipo DF Escludere l alimentazione al lato alternata del circuito di eccitazione in ingresso ai mors. 39/40 (togliendo ad es. il fusibile di almeno una fase) e scollegare e cortocircuitare tra loro i cavi originariamente collegati ai mors. 43/44, per escludere l allarme di mancanza campo. Nel caso si utilizzi un deflussatore esterno, è sufficiente sfilare il jumper SW2, presente sulla scheda ES536 del DF2, se esso è in pos. I, oppure tenere aperto il contatto tra i mors. 10/11 se esso è in pos. E. Inoltre, scollegare e cortocircuitare tra loro i cavi originariamente collegati ai mors. 12/ Scollegare infine il cavo originariamente presente sul mors. 28 (RUN / STAND-BY). 3/69

4 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 2. CONTROLLI E CONFIGURAZIONI PRINCIPALI 2.1 Alimentare l apparecchiatura, ad esclusione della sezione di potenza, e controllare sulla scheda di comando ES600 l accensione dei seguenti tre LED: LED1 +15V LED2-15V LED3 +5V Se sul display compare la visualizzazione di un allarme, effettuarne il reset (ad esempio premendo contemporaneamente i due pulsanti INC e DEC). Nel caso in cui la visualizzazione dell allarme non scompaia dal display (se quindi la causa dell allarme persiste) consultare il manuale alla sezione ELENCO DEGLI ALLARMI. Qualora l allarme di cui non si riesce a fare il reset fosse l allarme A04 Rete fuori tolleranza, effettuare le operazioni descritte al punto seguente, e alla fine effettuare il reset. 2.2 Se necessario, impostare sul parametro #17 - salvando su E 2 PROM con il tasto ENTER - il corretto valore nominale della tensione trifase di alimentazione a disposizione, il cui valore di default immesso in fabbrica è 380V. L eventuale modifica di tale parametro, come per qualunque altro, richiede l aver prima portato ad 1 il valore del parametro #14. E opportuno effettuare il salvataggio su E 2 PROM anche per tutte le altre impostazioni che verranno indicate nel seguito della presente procedura, in caso contrario i dati immessi verranno persi allo spegnimento dell apparecchiatura. 2.3 Verificare che l eventuale gruppo di ventilazione funzioni con regolarità soffiando aria dal basso verso l alto. 2.4 Portarsi sul parametro #49 ed impostare il valore percentuale della corrente nominale del motore rispetto alla corrente nominale del convertitore (valore di default: 100%). Eventualmente impostare anche un appropriata costante termica sul parametro #50, seguendo le indicazioni di massima riportate nel presente manuale (valore di default: 10 min). 2.5 Portarsi sul parametro #73 ed accertarsi che il tipo di retroazione di velocità impostato (configurazione di default: retroazione di dinamo tachimetrica) sia quello desiderato. 2.6 Se la retroazione è da dinamo tachimetrica, impostare sul parametro #12 (valore di default: 400Vcc) la f.c.e.m. (forza controelettromotrice) che si avrà ad n max (velocità massima che si intende effettivamente tarare), ricavata per proporzione dalla tensione di armatura che si avrebbe alla velocità nominale (vedi per maggiori chiarimenti la sezione APPENDICE: TARATURA MANUALE). Se è presente un deflussatore esterno, sul parametro #12 va direttamente impostata la tensione di armatura nominale del motore, ed inoltre occorre impostare il corretto valore del parametro #79 (valore di default: 100%). 2.7 Se invece la retroazione è da armatura, impostare sul parametro #12 la massima tensione di armatura che si intende tarare in uscita (valore di default: 400Vcc). 3. AUTOTARATURA DI CORRENTE 3.1 Dopo essersi accertati che il contatto sul mors. 15 (MARCIA / ARRESTO) verso lo 0V sia inizialmente aperto, porre il parametro #14 al valore 2 e avviare l autotaratura di corrente tramite il tasto ENTER, chiudendo il teleruttore KM quando richiesto, accertandosi della chiusura del contatto sul mors. 15. Se interviene l allarme A01 Errato senso ciclico, scambiare la prima e la terza fase sulla terna di alimentazione a monte del punto di diramazione delle alimentazioni di controllo e di potenza: successivamente, rialimentando il convertitore, occorrerà resettare tale allarme. Ripetere comunque le operazioni descritte al paragrafo precedente, in modo da riportarsi nelle stesse condizioni. 4/69

5 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 3.2 Nel contempo verificare anche che tra il mors. 36 e la barra 46, e tra il mors. 38 e la barra 48, non vi sia alcuna tensione alternata. Verificare quindi che vi sia identità di fase ai terminali 36 e 46 ed ai terminali 38 e 48, altrimenti cablare i suddetti morsetti con le corrette fasi. 3.3 A questo punto ricollegare il cavo inizialmente presente sul mors. 28 e tramite il tasto ENTER lanciare definitivamente l autotaratura di corrente. Al termine dell autotaratura si dovranno ritrovare sui quattro parametri calcolati in questa fase (parametri #18, #19, #45, #46) dei valori generalmente diversi da quelli di default, e diversi dai limiti estremi ammessi: in particolare dovrà essere # e # Se così non fosse, verificare che la rete non sia eccessivamente squilibrata nelle tre tensioni di fase. Successivamente, dopo tale verifica, rilanciare l'autotaratura di corrente. 3.4 Disalimentare l apparecchiatura e ripristinare gli originari collegamenti di eccitazione (vedi paragrafo 1.5). In particolare, se è presente un deflussatore esterno, riposizionare il jumper SW2 in pos. I, oppure ripristinare il contatto tra i mors. 10/11 se il jumper era invece in pos. E, lasciando però scollegati e cortocircuitati i cavi originariamente collegati ai mors. 12/ AUTOTARATURA DI VELOCITÀ 4.1 Alimentare l apparecchiatura e verificare la presenza del valore nominale della tensione continua per il campo ai mors. 41 e 42. Se è presente un deflussatore esterno, alimentare lo stesso, regolando il trimmer multigiri RV5 (che è opportuno sia inizialmente in posizione tutta antioraria) in modo da poter misurare una corrente continua per il campo pari al valore nominale. 4.2 Dopo essersi accertati che il contatto sul mors. 15 verso lo 0V sia inizialmente aperto, porre il parametro #14 al valore 3 e avviare l autotaratura di velocità tramite il tasto ENTER, chiudendo il teleruttore KM (e quindi i contatti sui mors. 15 e 28 verso lo 0V) quando richiesto, e lanciando poi definitivamente, tramite nuovamente il tasto ENTER, l autotaratura: in questa fase verranno calcolati i parametri #28 e #29. Nel caso della retroazione da dinamo tachimetrica, se interviene l allarme A11 Guasto dinamo occorre generalmente invertire tra loro i due cavetti della dinamo, a meno che il collegamento stesso non abbia delle interruzioni su uno o su entrambi i cavi: successivamente, rialimentando il convertitore, occorrerà resettare tale allarme. Al termine dell autotaratura di velocità si dovranno ritrovare sui due parametri calcolati in questa fase (parametro #28 e #29) dei valori generalmente diversi da quelli di default, e diversi dai limiti estremi ammessi. 5. FUNZIONAMENTO COME CONTROLLO DI VELOCITÀ 5.1 Se occorre effettuare un controllo di velocità, occorre anzitutto regolare la velocità massima (vedi al punto successivo). Se è presente un deflussatore esterno, nel corso di tale regolazione andranno tarati anche i restanti trimmer RV2, RV1, RV4 (fare riferimento al MANUALE D USO del DF2). Al termine di tale messa a punto, vanno ristabiliti gli originari collegamenti ai mors. 12/ La regolazione della velocità massima si ottiene aumentando gradualmente il riferimento di velocità verso il valore massimo, e fissando la velocità desiderata, se si è in retroazione da dinamo tachimetrica, attraverso il trimmer multigiri RV5 della schedina ES602 (montata su connettori), mentre se si è in retroazione di armatura, come già detto, agendo sul parametro #12. Quando sul mors. 2 e/o 3 risulta impostato il massimo riferimento di velocità, il parametro #01 visualizzerà un valore di circa il 100%. Analogamente, quando il massimo riferimento di velocità viene impostato sul mors. 4, il parametro #09 visualizzerà un valore di circa il 100%. I valori visualizzati sui suddetti due parametri tengono comunque anche conto dell eventuale guadagno interno applicato rispettivamente tramite i parametri #15 e #16 (vedi più oltre). Accertarsi che alla massima velocità, la tensione continua in uscita non superi il valore nominale di armatura del motore (normalmente 400Vcc per alimentazione trifase a 380Vca). 5/69

6 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 La stabilità di funzionamento diventa generalmente più critica al diminuire del valore massimo tarato per la velocità (ruotando il suddetto trimmer in antiorario oppure abbassando il valore del suddetto parametro). 5.3 Oltre a tale regolazione sulla retroazione è possibile una regolazione sul riferimento in ingresso ai mors. 2/3/4 tramite i parametri #15 e #16 (valori di default: 1). In accordo con quanto evidenziato con l avvertenza al punto 5.2, per regolare velocità massime di rotazione particolarmente basse è opportuno non agire sulla regolazione della retroazione, ma deamplificare il riferimento tramite i due suddetti parametri. 5.4 I valori di riferimento per la marcia ad impulsi vanno impostati sui parametri #21 e #22 (valori di default: +5% e -5%). 5.5 Per evitare overshoot di velocità può essere opportuno inserire l adattamento automatico dei parametri (per default escluso) tramite i parametri #81 85, in modo da fronteggiare variazioni rapide di riferimento a carico costante, ad esempio nel caso in cui non si usino rampe. Tale adattamento risulta utile anche nel caso di variazioni rapide di carico a riferimento costante: nei due casi è diversa l impostazione da effettuare sul parametro #85, come illustrato nella sezione APPENDICE: TARATURA MANUALE. 6. GESTIONE DELLE RAMPE NEL CONTROLLO DI VELOCITÀ 6.1 Si possono inserire delle rampe per i riferimenti di velocità ai mors. 2/3 impostando convenientemente i parametri #23, #24 e #25 (valori di default: 0s), o anche inserire degli arrotondamenti tramite i parametri #26 e #27 (valori di default: 0s). Tra i tempi di rampa ed i tempi di arrotondamento dev essere verificata una determinata relazione di diseguaglianza, riportata nel presente manuale, alla sezione ELENCO DEI PARAMETRI, come commento alla figura che illustra il significato dei parametri # I tempi di rampa possono anche essere variati dall esterno in modo continuo per mezzo dell ingresso analogico configurandolo opportunamente tramite il parametro #57 (per default escluso), o possono essere ridotti a zero per mezzo dell ingresso digitale configurandolo opportunamente tramite il parametro #74 (per default con significato di CLIM). 6.3 Le rampe per la marcia ad impulsi sono invece definite dal parametro #20 (per default le stesse applicate ai mors. 2 e 3), e conseguentemente, a seconda della scelta fatta su di esso, dai parametri #23, #25, #26 e #27, oppure dai parametri #75 e #76 (valori di default: 0s). 6.4 Con rampe di durata media può essere conveniente l inserimento dell aumento automatico del tempo integrale tramite il parametro #80 (per default escluso). 7. OPZIONI NEL CONTROLLO DI VELOCITÀ 7.1 E possibile selezionare un unica polarità per il riferimento di velocità in ingresso sui mors. 2/3 (e per quello interno globale) tramite il parametro #54 (per default bipolare). Il riferimento minimo è impostabile, a patto che il parametro #54 sia stato adeguatamente configurato, tramite il parametro #55 (valore di default: 0%), mentre il riferimento limite massimo può essere fissato sul parametro #56 (valore di default: 100%). Nel caso in cui non venga predisposto un riferimento minimo di velocità, se con riferimento zero il motore tende lentamente a ruotare, la deriva di velocità può essere corretta agendo sul parametro #30 (valore di default: 0%). 7.2 Per l inversione di polarità del riferimento di velocità può essere usato l ingresso digitale configurabile tramite corrispondente impostazione sul parametro #74 (per default con significato di CLIM). 7.3 Infine, per selezionare eventualmente i quadranti operativi agire sul parametro #47 (per default tutti abilitati). 6/69

7 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 8. CONTROLLO DI CORRENTE (COPPIA) 8.1 Occorre effettuare un controllo di corrente (coppia) in casi quali ad esempio i controlli di tiro su un materiale in svolgimento o avvolgimento, oppure quando si controllano macchine meccanicamente solidali ad altre, tra le quali occorra definire una corretta ripartizione di coppia. 8.2 Nel primo caso solitamente si attua una semplice regolazione esterna del limite di corrente, selezionando opportunamente l ingresso analogico configurabile sul mors. 4 tramite il parametro #57 (per default escluso), con polarità del segnale utilizzato selezionabile sul parametro #77 (per default positiva) e livello del segnale inviato regolabile internamente tramite il parametro #16 (valore di default: 1). In questa modalità di funzionamento, il riferimento di velocità dev essere tale da mantenere, in ogni istante, il convertitore in limite di corrente. 8.3 Nel secondo caso solitamente si attua una diretta impostazione del riferimento di corrente: si può agire sul parametro #61 se si desidera una configurazione permanente, oppure sul parametro #74 (per default con significato di CLIM) se si desidera l attivazione da comando sull ingresso digitale, con livello del segnale inviato regolabile internamente tramite il parametro #15 (valore di default: 1). 9. OPZIONI NEL CONTROLLO DEL LIMITE DI CORRENTE 9.1 Sia nel controllo di velocità che in quello di corrente, rimane comunque attiva la limitazione interna di corrente, fissata generalmente ad un unico livello sui parametri #32 e #33 (valori di default: 100%), sempre come percentuale del valore nominale della corrente di motore fissata sul parametro #49 (valore di default: 100%). Più in particolare, se si desidera una regolazione a due livelli, occorre agire anche sui parametri #34 36 (valori di default: 100%), mentre per una regolazione iperbolica vanno impostati i parametri #37 e #38 (valori di default: 100%). 9.2 Rispettando un certo duty-cycle massimo, è possibile avere una sovralimitazione di corrente a seguito di richieste gravose di coppia tramite i parametri #39 (valore di default: 2s), #41 e #42 (valori di default: 100%). 9.3 Configurando invece opportunamente l ingresso digitale tramite il parametro #74 (per default con tale significato di CLIM) è anche possibile avere un abbassamento del limite di corrente, definibile sul parametro #43 (valore di default: 50%). 10. I/O ANALOGICI E DIGITALI 10.1 L ingresso analogico configurabile viene definito dal parametro #57 (per default escluso), mentre l uscita analogica configurabile viene definita dal parametro #58 (per default 0V) L ingresso digitale configurabile viene definito dal parametro #74 (per default con significato di CLIM), mentre l uscita digitale configurabile viene definita dal parametro #86 (configurata per default come soglia di velocità ST), con valori di soglia e di isteresi fissati dai parametri #31 e #87 (valori di default: 25 (2.5) % e 5%, rispettivamente) Infine, le uscite analogiche già predefinite sono due: OUT V e OUT I. Per la seconda di esse, può essere definita la polarità del segnale in uscita tramite il parametro #59 (per default bipolare). 11. BACK-UP E RESTORE DEI PARAMETRI CORRENTI 11.1 Al termine della messa in servizio della macchina, allorché si è certi della bontà delle varie impostazioni effettuate, è consigliabile effettuare un back-up dei parametri correnti ponendo il parametro #14 al valore 6, in modo da poter, all occorrenza, rendere disponibile il comando di restore dei parametri di back-up (effettuabile ponendo il parametro #14 al valore 7) Si consiglia sempre comunque di prendere nota di tutti quei parametri i cui valori sono stati variati rispetto a quello di default, utilizzando l apposita scheda riportata in chiusura del MANUALE D USO. 7/69

8 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 CARATTERISTICHE GENERALI Applicazione: Alimentazione: IL CRM90 È UN CONVERTITORE TRIFASE CA/CC REVERSIBILE COMPLETAMENTE DIGITA- LE, ADATTO ALL ALIMENTAZIONE DEL CIRCUITO D ARMATURA DI MOTORI C.C., ALLO SCOPO DI ATTUARE UN CONTROLLO DI VELOCITÀ O DI COPPIA, CON FUNZIONAMENTO NEI QUATTRO QUADRANTI. IN ALTERNATIVA, È CONFIGURABILE PER ALIMENTAZIONE ELETTROMAGNETI O CARICHI INDUTTIVI IN GENERALE. Da rete trifase (o da gruppo elettrogeno: V.par.#88 e #89) Vca +10/-15% (per moduli con V R =1400V), Hz (con adattamento automatico). Predisposizione per altre tensioni d alimentazione a richiesta. Predisposizione per tensioni di alimentazione diverse sul controllo e sulla potenza a richiesta. Tensione di uscita:±400vcc per rete 380Vca. Ponte di conversione: Doppio ponte trifase totalcontrollato a interblocco realizzato con tiristori modulari. Ventilazione: Naturale con flusso d aria verticale fino al.70; forzata dal tipo.100 in poi. Possibilità di montaggio THROUGH PANEL per le taglie maggiori. Sovraccaricabilità: +30% della corrente nominale per 20 s con riduzione automatica al valore di limitaz. di corrente se il sovraccarico tende a permanere oltre il tempo ammissibile. Sovraccaricabilità fino al 200% max a partire da correnti inferiori. Funzione ripetibile con duty cycle del 13,5%. Alimentazione avvolgimento di campo: Raddrizzatore interno, protetto da fus. extrarapido solo per CRM max, per l alimentaz. dell avvolgim. di campo del motore c.c., con segnalazione di mancanza eccitazione mediante contatto isolato di relé. Regolazione: A doppio anello di retroazione completamente digitale; interno per controllo corrente di armatura, esterno per controllo velocità. Regolatore di velocità di tipo adattativo, con parametri automaticamente variabili in funzione dell errore di velocità. Reazione di velocità: Da dinamo tachimetrica oppure da tensione d armatura: vedi parametro #73. Caratteristiche operative:funzionamento e reversibilità completa nei quattro quadranti: funzionamento come motore o come freno in entrambi i sensi di rotazione. L inversione della velocità si ottiene invertendo la polarità del segnale di riferimento. Possibilità di esclusione indipendente di uno o più dei 4 quadranti operativi (v. par. #47). Possibilità di funzion. a potenza costante (v. par. #37 e #38), tramite deflussaggio di armatura. Previsto funzionamento con deflussaggio esterno di campo (v. par. #79). Taratura automatica: Il convertitore calcola autonomamente i parametri ottimali da inserire negli anelli di corrente e di velocità e riconosce le caratteristiche fondamentali del motore (resistenza e indutt. d armatura, rapporto forza contro-elettromotrice/veloc. angolare) e del carico. Interfaccia seriale standard: È fornita di serie un interfaccia seriale per il colloquio e la parametrizzazione a distanza. Lo standard elettrico è l RS485; il protocollo usato è l ANSI X3.28, per collegamenti multi drop tra un master (tipicamente un PC) e un numero di convertitori fino a 32 (slave). Su richiesta è fornito il modem di conversione optoisolato RS485/RS232-C per il collegamento diretto con un PC. Precisione: Risoluzione: ± 0.1% della velocità nominale per: variaz. di carico fino al 100% della coppia nom.; variazione della tensione di rete di +10/-15% rispetto al valore nominale; variazioni di temperatura di ±10 C. 0.01% della velocità nominale a regime. Rif. esterni di velocità: Ingressi in tensione ± 10 Vcc (impedenza di ingresso 20 kω). Possibilità di variazione del guadagno degli ingressi (v. par. #15 e #16). Inversione elettronica di polarità (v. par. #74). 8/69

9 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Possibilità di taglio polarità (v. par. #54), di inserzione velocità minima (v. par. #55) o massima (v. par. #56). Funzione di rampa: Interamente digitale con regol. indipendente, eventualmente esterna, della durata del tempo di accelerazione o decelerazione, in maniera indipendente per entrambe le direzioni di marcia. Comando esterno di azzeramento dei tempi di rampa. Possibiltà di arrotondamento iniziale e finale rampe con funzione del 2 ordine. Allungamento automatico delle rampe di accelerazione e decelerazione nel caso in cui il carico sia tale da richiedere una coppia prossima a quella massima. Se la coppia resistente diventa pari a quella motrice, il riferimento in rampa di accelerazione rimane congelato al valore attuale: ciò evita l accumulo dell errore di velocità e rende minimo il tempo di permanenza del convertitore nella condizione di limite di corrente. In tal modo la rampa generata internamente al convertitore risulta sempre raccordata alla velocità reale del motore. Segnali analogici in uscita: Segnale di tensione OUT V con doppia polarità proporzionale alla velocità di rotaz. del motore. Segnale di corrente OUT I, eventualmente filtrato, proporzionale alla corrente di armatura erogata (polarità doppia o singola solo positiva). Segnale aux OUT AUX configurabile da tastiera (vedi parametro #58), ad es. come uscita rampe, riferimento di corrente (per funzionamento in modo SLAVE), potenza attiva assorbita, sincronizzatore per compensazioni di inerzia. Relé interno per soglia di velocità o di corrente e per raggiunta velocità impostata: Relé configurabile da tastiera (vedi parametro #86) con valore di soglia e di isteresi impostabili. Relé interno per commutazioni elettromeccaniche: Per segnalazione di motore fermo. Relé interno di allarme: Per segnalaz. di allarme intervenuto. Intercambiabilità scheda comando ES600: Nella scheda di comando ES600 è presente una EEPROM (memoria non volatile) in cui vengono memorizzati (al termine delle tarature automatiche o su richiesta dell utilizzatore) i parametri caratteristici del convertitore e delle varie regolazioni, eccetto le tarature di velocità massima e dei segnali in uscita di corrente e di velocità che risiedono sulla schedina estraibile ES602 (abbinata al circuito stampato ES600/3): la ES602 e la EEPROM sono facilmente asportabili ed inseribili su un eventuale ricambio, assicurando così la completa intercambiabilità del convertitore in caso di guasto, senza la necessità di ripetere la messa in servizio. Possibilità di comando ripristino dalla EEPROM dei parametri di default o di una particolare configurazione di cui sia stato in precedenza effettuato il BACK-UP. Ingressi digitali: Protezioni: Comandabili da PLC con uscite statiche (open collector NPN). Possibilità di isolamento galvanico. Per limitare la corr. di cortocircuito, per ridurre le deformazioni della tensione di rete e il di/dt della corr. di linea: reattanze di commutaz. fornite a parte, da montare a cura dell utilizzatore. Per ridurre l eccessivo dv/dt sui tiristori: filtri RC individuali. Da cortocircuito: fusibili extrarapidi, da montare esternamente. Da sovraccarichi: limitazione di corrente tarabile in diversi modi (vedi parametri #32..43). Da errato senso ciclico e/o discordanza di fase tra mod. di comando e sez. di potenza: allarme A01. Da frequenza di rete instabile o fuori tolleranza: allarmi A02 e A03. Da tensione di rete fuori tolleranza: allarme A04. Da mancanza fasi: allarme A05. Da rottura o errato colleg. dinamo tach.: all. A11. Da surriscaldamento del motore mediante immagine termica dello stesso: allarme A14. Da mancata o scarsa ventilazione mediante pastiglia termica sul dissipatore: allarme A31. Temperatura nominale di funzionamento: Da 0 a 40 C ambiente. Declassare del 4% per ogni grado di aumento. Umidità relativa: % (senza condensa). Altitudine max di funzionamento: 1000m (s.l.m.). Declassare dell'1% per ogni 100m di aumento. Peso: 13 kg per CRM90.10,.20 e e /69

10 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 TABELLA CARATTERISTICHE TECNICHE E ACCESSORI PER ALIMENTAZIONE Vca (per moduli con V R =1400V) (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) CRM A 13A 40mm M 35/40A 35/40A 30W 6 00T/80 00T/ A 26A 40mm M 35/40A 35/40A 60W 6 00T/80 00T/ A 52A 40mm M 35/40A 50A 120W 6 00T/80 00T/80 GRANDEZZA A 91A 72mm M 100A 100A 210W 6 00T/80 00T/ A 130A 220V 72mm M 100A 125A 300W 100mA 6 00T/80 00T/ A 195A 220V 72mm M 160A 200A 450W 100mA 8 00T/80 00T/ A 234A 220V 72mm M 160A 200A 540W 100mA 8 00T/80 00T/ A 325A 220V 72mm M 250A 315A 750W 200mA 8 00T/80 00T/ A 429A 220V 72mm M 315A 375/400A 990W 200mA 8 00T/80 00T/80 GRANDEZZA 2 CRM A 220V 84mm M 450A 550A 1230W 600mA 10 2T/80 2T/ A 650A 220V 84mm M 550A 700A 1500W 600mA 10 2T/80 3T/ A 780A 220V 84mm M 550A 700A 1800W 600mA 10 2T/80 3T/ A 1170A 220V 84mm M 800A 1000A 2700W 600mA 10 3T/80 3T/80 GR. 2A CRM A 1560A 200V 84mm M 1000A 1250A 3600W 2A 12 3T/80 3T/80 N.B.: NON SOVRADIMENSIONARE il convertitore rispetto al motore, onde evitare un peggioramento delle caratteristiche di controllo, fino al blocco delle operazioni di autotaratura. Scegliere quella taglia di convertitore che risulti comparabile o immediatamente superiore rispetto alla corrente nominale del motore. N.B.: Si raccomanda l'impiego, sul lato alternata e sul lato continua, di fusibili EXTRARAPIDI, del valore indicato in tabella, al fine di evitare possibili guasti alla sezione di potenza. (1) Corrente massima erogabile in modo continuativo (corrente massima di limitazione). (2) Corrente massima di sovralimitazione, erogabile per l intervallo di tempo impostato con il parametro #39, pari al 130% della corrente massima erogabile in modo continuativo. (3) Valori efficaci di alimentazione del ventilatore di raffreddamento (quando presente). (4) Altezza profilo del dissipatore. (5) Dimensioni del filetto dei morsetti di potenza (6) Taglia dei fusibili extrarapidi lato alternata (660V). (7) Taglia del fusibile extrarapido lato continua (660V). (8) Perdite per riscaldamento nel convertitore. 10/69

11 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 INDUTTANZA TRIFASE DI COMMUTAZIONE Risulta necessario inserire sulla linea di alimentazione un'induttanza trifase. Questa consente notevoli vantaggi: - Riduce le distorsioni della tensione di rete dalla forma sinusoidale, nel punto in cui il convertitore risulta allacciato. - Riduce i gradienti di corrente di linea che possono provocare disturbi radio ed altri indotti su linee vicine (vedi anche la sez. Caratteristiche EMC e Filtro in ingresso). Sono disponibili due serie di induttanze trifasi, denominate tipo L2 e tipo L4, che si distinguono, a parità del valore nominale di corrente, per il valore di induttanza, e quindi per la diversa caduta di fase (circa 6V per il tipo L2 ed 1V per il tipo L4.). Di seguito vengono riportate le caratteristiche delle induttanze in funzione della taglia del convertitore. Convertitore Corrente nominale INDUTTANZA TIPO L2 INDUTTANZA TIPO L4 induttanza Codice Valore induttivo Codice Valore induttivo CRM A IM mH 3x 150µH IM ".20 18A IM mH 3x 150µH IM GRANDEZZA 1 ".40 35A IM mH 3x 150µH IM ".70 70A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH CRM A IM mH IM µH GRANDEZZA 2 " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH " A IM mH IM µH GR. 2A CRM A - - IM µH 11/69

12 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A Vedi figura 1. 1 Vite di messa a terra (dimensioni del filetto: M6). 2 Morsetti V1 e V2, tipo Faston, per l alimentazione del ventilatore di raffreddamento (presente per CRM ). Utilizzare per il cablaggio gli appositi FASTON isolati forniti a corredo. 3 Morsettiera scheda Comando ES Morsettiera scheda Pilotaggio ES Morsettiera di Potenza. 6 Direzione del flusso d aria di raffreddamento. 7 Fissaggio a pannello verticale tramite n 4 viti M5. 8 Spazio libero da lasciare inferiormente e superiormente rispetto all intero ingombro del convertitore, in modo da permettere al flusso d aria di raffreddamento di attraversare liberamente lo stesso. 9 Dissipatore. 10 Ventilatore (presente per CRM ). A-B N.B.: Per accedere all interno del convertitore, allentare le due viti A e le due viti B, far scorrere il telaio superiore verso l alto fino a liberare le viti B dalle asole di ritenuta, quindi ribaltare il telaio verso l esterno. CONNESSIONI DI POTENZA E ALIMENTAZIONE CRM A Vedi figura 2. L1/L2/L3 FU1/FU2/FU3 FU4 FU5/FU6 FU7 FU8/FU9 KM L RL1 TC M A B N.B.: EF Rete trifase di alimentazione 50/60Hz (standard Vca, per moduli con V R =1400V). Fusibili extrarapidi lato alternata per protezione ponte CA/CC. Fusibile extrarapido lato continua per protezione ponte CA/CC. Fusibili ritardati per protezione primario autotrasformatore TC. Fusibile ritardato per protezione elettroventilatore di raffreddamento. Fusibili 500 ma min per protezione connessione ai morsetti 36/38 dalla rete trifase. Teleruttore di alimentazione ponte CA/CC. Impedenza trifase di commutazione. Relé interno per segnalazione mancanza corrente di campo. Autotrasformatore (eventuale) per alimentazione campo motore C.C. La tensione alternata V EA sul secondario è ricavabile dalla tensione continua V EC (tensione di campo) richiesta tramite la seguente formula: V EA =V EC 1,11 Motore in corrente continua. N.B.: Per ottimizzare la stabilità, escludere l eventuale SERIE STABILIZZATRICE. Ponte in funzione con riferimento di velocità positivo e convertitore erogante corrente motrice. Ponte in funzione con riferimento di velocità negativo e convertitore erogante corrente motrice. Per l individuazione dei ponti A e B a livello di schema elettrico e di disposizione meccanica, vedi figura 3, figura 4, figura 5, nelle pagine seguenti. Filtro trifase contro l'interferenza Elettromagnetica (EMI). Vedi la sez. CARATTERISTICHE EMC E FILTRO IN INGRESSO. 12/69

13 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.1 - Dimensioni d ingombro e di fissaggio CRM /69

14 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Fig.2 - Schema connessioni di potenza e di alimentazione CRM /69

15 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.3 - Schema a blocchi CRM /69

16 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Fig.4 - Topografia Potenza CRM90 GR1 180A max. 16/69

17 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.5 - Topografia Potenza CRM90 GR1 250A min. 17/69

18 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI FISSAGGIO CRM A Vedi figura 6a (CRM A) e figura 6c (CRM A), per ingombri esterni. 1 Vite di messa a terra (dimensioni del filetto: M8). 2 Morsettiera scheda Comando ES Morsettiera scheda Pilotaggio ES Morsettiera alimentazione eccitazione. 5 Connessioni di Potenza (barre). 6A 6B Direzione del flusso principale d aria di raffreddamento. Direzione del flusso secondario d'aria di raffreddamento. 7 Fissaggio a pannello verticale tramite nº4 viti M6 (per il posizionamento dei 4 fori vedi figura 6b). 8 Spazio libero da lasciare inferiormente e superiormente rispetto all intero ingombro del convertitore, in modo da permettere al flusso d aria di raffreddamento di attraversare liberamente lo stesso. 9 Sostegni laterali (n.2). 10 Ventilatori (n.3 per CRM90 900Amax, n.2 per CRM A). A B N.B.: Per accedere all interno del convertitore, ruotare le quattro viti A di un quarto di giro in senso antiorario, svitare completamente la vite B e aprire il telaio. Vedi figura 6b per dime di fissaggio e montaggio "THROUGH PANEL" 11 Apertura da praticare nel pannello verticale di sostegno per il montaggio THROUGH PANEL. Per realizzare tale montaggio togliere le n.6 viti C (vedi figura 6a e 6c) per poter asportare i due sostegni laterali. 12 Vista laterale di posizionamento per il montaggio THROUGH PANEL: esso risulta conveniente ove esista già un condotto di ventilazione forzata in cui incanalare il flusso principale 6A, oppure nei casi in cui è più efficace condizionare la parte posteriore del quadro piuttosto che l'intero volume in cui il convertitore risulta installato. CONNESSIONI DI POTENZA E DI ALIMENTAZIONE CRM A Vedi figura 7. L1/L2/L3 FU1/FU2/FU3 FU4 FU5/FU6 FU7 FU8/FU9 FU10 KM L TC M A B N.B.: EF Rete trifase di alimentazione 50/60Hz (standard Vca, per moduli con V R =1400V). Fusibili extrarapidi lato alternata per protezione ponte CA/CC. Fusibile extrarapido lato continua per protezione ponte CA/CC. Fusibili ritardati per protezione primario autotrasformatore TC. Fusibile extrarapido protezione ponte raddrizzatore per alimentazione campo motore c.c. Fusibili 500 ma min per protezione connessione ai morsetti 36/38 dalla rete trifase. Fusibile 2A min per CRM90 900Amax (2,5Amin per CRM A) per protezione connessione ai morsetti 55/56 dalla rete trifase. Teleruttore di alimentazione ponte CA/CC. Impedenza trifase di commutazione. Autotrasformatore (eventuale) per alimentazione campo motore C.C. La tensione alternata V EA sul secondario è ricavabile dalla tensione continua V EC richiesta tramite la seguente formula: V EA =V EC 1,11 Motore in corrente continua (circuito di armatura + circuito di campo). Ponte in funzione con riferimento di velocità positivo e convertitore erogante corrente motrice. Ponte in funzione con riferimento di velocità negativo e convertitore erogante corrente motrice. Per l individuazione dei ponti A e B a livello di schema elettrico e di disposizione meccanica, vedi fig.8 e fig.9, nelle pagine seguenti. Filtro trifase contro l'interferenza Elettromagnetica (EMI). Vedi la sez. CARATTERISTICHE EMC E FILTRO IN INGRESSO. 18/69

19 CRM90 MANUALE D'USO 15P0048A3 Fig.6a - Dimensioni di ingombro CRM A /69

20 15P0048A3 MANUALE D'USO CRM90 Fig.6b - Dimensioni di fissaggio e montaggio "THROUGH PANEL" per CRM A X 150 mm per 900A max 242 mm per 1200A 20/69

MANUALE D'USO. Italiano

MANUALE D'USO. Italiano MANUALE D'USO 150060A2 CTM90 CONVERTITORI TRIFASE CA/CC UNIDIREZIONALI TOTALCONTROLLATI INTERAMENTE DIGITALI 16/06/98 VERS. SOFTWARE C1.04 1.16 R.01 Italiano Il presente manuale costituisce parte integrante

Dettagli

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione MANUALE ISTRUZIONI Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE CONFORMITA EMC Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione Via Ugo Foscolo, 20 - CALDOGNO - VICENZA - ITALIA Tel.:0444-905566

Dettagli

WESTCAR S.R.L SSA. SOFT STARTER a controllo analogico con BY PASS integrato. Manuale di istruzioni. Cod. 14197 Ed. 06-2005

WESTCAR S.R.L SSA. SOFT STARTER a controllo analogico con BY PASS integrato. Manuale di istruzioni. Cod. 14197 Ed. 06-2005 WESTCAR S.R.L By SSA SOFT STARTER a controllo analogico con BY PASS integrato Manuale di istruzioni Cod. 14197 Ed. 06-2005 Indice 1 Generalità 2 1.1 Sicurezza 2 1.2 Avvertenze 2 1.3 Garanzia 2 1.4 Descrizione

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

MANUALE AZIONAMENTO BRUSHLESS

MANUALE AZIONAMENTO BRUSHLESS Indice Pag. 1 MANUALE AZIONAMENTO BRUSHLESS Via Ilaria Alpi N 6 - zona industriale - Lonato (BS) Cap.25017 Tel. 030/9913491r.a. Fax. 030/9913504 http://www.re-elettronica.com info@re-elettronica.com Indice

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R

MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R Utilizzo: Le schede di frenatura Frenomat2 e Frenostat sono progettate per la frenatura di motori elettrici

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

AZIONAMENTO REVERSIBILE MOS-FET AMRR(4-6/10/15) Manuale di Istruzione

AZIONAMENTO REVERSIBILE MOS-FET AMRR(4-6/10/15) Manuale di Istruzione AZIONAMENTO REVERSIBILE MOS-FET AMRR(4-6/10/15) Manuale di Istruzione NORME DI SICUREZZA Le Apparecchiature Elettriche / Elettroniche possono costituire un rischio per la sicurezza delle persone. L'Utente

Dettagli

presentazione MOTOINVERTER monofase

presentazione MOTOINVERTER monofase presentazione MOTOINVERTER monofase Presentazione. Con Altair-M, Melegari Motori presenta la propria nuovissima serie di motoinverter monofase V/F con motore asincrono trifase standard. Un innovativo controllo

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller.

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. Istruzioni per l uso Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. T( C) Controller B 170 T1 7 4 8 5 9 6 Eurotherm 2132i start

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCC276V42C. Manuale di installazione

Gruppo di alimentazione ALSCC276V42C. Manuale di installazione Gruppo di alimentazione ALSCC276V42C Manuale di installazione PAGINA 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCC276V42C è stato progettato in conformità alla normativa EN 54-4 ed. 1999.

Dettagli

- 15G0078A120 - MODULO DEVICENET ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB

- 15G0078A120 - MODULO DEVICENET ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB - 5G0078A0 - MODULO DEVICENET ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-/ASAB Emesso il 5/06/0 R. 0 Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000

TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000 ELCOM S.R.L. TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000 ( Rev. 0.3s ) MANUALE USO TASTIERA EL.-5000 I pulsanti hanno le seguenti funzioni: Comando di START abilitazione alla marcia con accensione

Dettagli

1. Norme di sicurezza

1. Norme di sicurezza maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 24/1 Codice prodotto: 249630, 249631, 249632, 318305, 381510 Manuale d'istruzioni Edizione Settembre 2009 Il DEC (Digital EC Controller) è un servoamplificatore

Dettagli

10. Funzionamento dell inverter

10. Funzionamento dell inverter 10. Funzionamento dell inverter 10.1 Controllo prima della messa in servizio Verificare i seguenti punti prima di fornire alimentazione all inverter: 10.2 Diversi metodi di funzionamento Esistono diversi

Dettagli

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA Informazioni generali I moduli di frenatura elettronici Frenomat e Frenostat sono in grado di frenare motori asincroni, sono senza manutenzione e non producono abrasione ed inquinamento. Riducono i tempi

Dettagli

EASYREMOTE. Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017

EASYREMOTE. Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017 Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY INFORMAZIONI GENERALI Caratteristiche

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli

SCOPO FUNZIONALE DELL'APPARECCHIO

SCOPO FUNZIONALE DELL'APPARECCHIO H2X_2 H2X02 = 5 Vac H2X2 = 230 Vac H2X22 = 24 Vac H2X32 = 24 Vdc OHMETRO CON DUE SOGLIE DI ALLARME DOTAZIONE All'interno dell'imballaggio sono presenti:! manuale d'uso! avvertenze! dispositivo! due staffe

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE)

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE) NUOVA OMAS Srl Via Roma, 81/B - 14040 Cortiglione (AT) ITALIA Capitale sociale 60.000 i.v. Registro imprese di Asti - C.F. e P. IVA nr. 01284700059 Http: //www.nuovaomas.it - E-Mail: info@nuovaomas.it

Dettagli

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICUREZZA COMPAGNIA RIUNITE S.p.A. Manuale d uso CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICOR S.p.A. Sede Comm. Amm.: Via Pisacane N 23/A 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39-023539041

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione 1. INFORMAZIONI UTILI ALLA SICUREZZA 1.1 ALIMENTAZIONE La derivazione del sistema dovrà avvenire da circuito con presenza di tensione permanente a 230 Vca, 50 Hz con classe di isolamento I. Il morsetto

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO MC-62 Vintage Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO Manuale di Istruzioni TRE i SYSTEMS S.r.l. Via del Melograno N. 13-00040 Ariccia, Roma Italy

Dettagli

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM MANUALE DEL CONTROLLO ELETTRONICO UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM Il sistema di controllo elettronico presente a bordo delle unità

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B ISTRUZIONE TECNICA CENTRALI 5 e 10 ZONE Rev.B Indice manuale tecnico Principi generali di funzionamento pag. 03 Installazione meccanica. pag. 06 Descrizione del frontale della centrale pag. 08 Chiave elettromeccanica.

Dettagli

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE TRASFORMATORI Le macchine statiche sono dimensionate per una potenza standard con bassa tensione di lavoro, mentre gli avvolgimenti sono suddivisi in più sezioni per consentire il maggior numero possibile

Dettagli

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 119/92 PER ESCLUSIVO CONTROLLO DEI MOTORI ASINCRONI MONOFASE ROWAN PROVVISTI DI DINAMO TACHIMETRICA

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 119/92 PER ESCLUSIVO CONTROLLO DEI MOTORI ASINCRONI MONOFASE ROWAN PROVVISTI DI DINAMO TACHIMETRICA MANUALE ISTRUZIONI Cod. 119/92 PER ESCLUSIVO CONTROLLO DEI MOTORI ASINCRONI MONOFASE ROWAN PROVVISTI DI DINAMO TACHIMETRICA CONFORMITA EMC Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione Via

Dettagli

MOTOINVERTER MONOFASE Ver. 2.4

MOTOINVERTER MONOFASE Ver. 2.4 MOTOINVERTER MONOFASE Ver. 2.4 Si propone ai Costruttori di motori, agli Assemblatori e agli Utilizzatori evoluti un nuovo concetto di variazione di velocità per mezzo di inverter V/F, dei motori asincroni

Dettagli

Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I)

Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I) Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 5.1 GENERALITÀ 2 5.2 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE 5 5.2.1 Termistori motore 5 5.2.2 INT 69 VS 5 5.2.3 INT 69 RCY 6

Dettagli

Nessun jumper o dip-switch. Lista cronosequenziale degli eventi/allarmi

Nessun jumper o dip-switch. Lista cronosequenziale degli eventi/allarmi AVVIATORI STATICI PAG. -2 ADXM...BP Corrente nominale avviatore Ie 6 45A. Potenza nominale motore 2,2 22kW (400V). Relè di by-pass incorporato. Protezione totale contro le sovratemperature. Tempi di accelerazione

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

CENTRALE MONOZONA EN54

CENTRALE MONOZONA EN54 Via Somalia, 15-17 - 41122 Modena Italia Tel. +39 059 451708 - Fax. +39 059 451697 - +39 059 4906735 info@opera-access.it - www.opera-italy.com CENTRALE MONOZONA EN54 52002 ADVANCED FIRE CONTROL SYSTEM

Dettagli

Centralina di regolazione con gestione a distanza

Centralina di regolazione con gestione a distanza Centralina di regolazione con gestione a distanza L apparecchio regola la temperatura dell acqua di mandata dell impianto di riscaldamento. Adatte per tutti i tipi di impianti di riscaldamento di condomini,

Dettagli

SERVICE MANUAL ASCIUGABIANCHERIA. Asciugabiancheria a condensa con pompa di calore ENV06 HP

SERVICE MANUAL ASCIUGABIANCHERIA. Asciugabiancheria a condensa con pompa di calore ENV06 HP SERVICE MANUAL ASCIUGABIANCHERIA Electrolux Home Italia S.p.A. Numero di pubblicazione Corso Lino Zanussi, 30 I - 33080 Porcia PN - 599 71 61 36 Fax: + 39 0434 394096 IT Asciugabiancheria a condensa con

Dettagli

THERMOSALD CONTROLLO PIATTINA SCR PER SALDATURA AD IMPULSI DI POLIETILENE E FILM PLASTICO. 3E S.r.l. Sede Legale Via Turati n 55 40134 BOLOGNA

THERMOSALD CONTROLLO PIATTINA SCR PER SALDATURA AD IMPULSI DI POLIETILENE E FILM PLASTICO. 3E S.r.l. Sede Legale Via Turati n 55 40134 BOLOGNA THERMOSALD CONTROLLO PIATTINA SCR PER SALDATURA AD IMPULSI DI POLIETILENE E FILM PLASTICO 3E S.r.l. Sede Legale Via Turati n 55 40134 BOLOGNA Sede Amm / Prod. / Comm. : Via 1 Maggio n 6/2 40057 QUARTO

Dettagli

SEO 2SEV/4S-AA DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO -

SEO 2SEV/4S-AA DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO - IP65 C 11 0051-CPD-0315 DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO - L installazione deve essere effettuata da personale specializzato rispettando le

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

Potenza richiesta W min 20 - max 40 (vedi paragrafo 3.1) Corrente in uscita ma min 800 - max 2600 (vedi paragrafo 1) 0 10 V ±10 V 4 20 ma

Potenza richiesta W min 20 - max 40 (vedi paragrafo 3.1) Corrente in uscita ma min 800 - max 2600 (vedi paragrafo 1) 0 10 V ±10 V 4 20 ma 9 50/11 D EDMM* AMPLFCATORE DGTALE PER ALOLE PROPORZONAL N ANELLO APERTO SERE 0 EDMM1 monosolenoide EDMM doppio solenoide EDMM3 canali indipendenti monosolenoide MONTAGGO SU GUDE TPO: DN EN 500 PRNCPO

Dettagli

BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE

BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI >ITALIANO MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE TAU srl via E. Fermi, 43-36066 Sandrigo (VI) Italia - Tel ++390444750190

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326)

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Vista D insieme.. Visualizzazione

Dettagli

COMBINATORE TELEFONICO SA031

COMBINATORE TELEFONICO SA031 COMBINATORE TELEFONICO SA0 INTRODUZIONE Il binatore telefonico modello SA0 è stato progettato per essere collegato alle più uni centrali d allarme, consentendo all occorrenza l invio di telefonate verso

Dettagli

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 MOSKITO-F Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 Manuale di installazione ed uso Made in Italy PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE

Dettagli

maxon motor maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 50/5 Codice prodotto: 230572 Manuale d'istruzioni Edizione Ottobre 2008

maxon motor maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 50/5 Codice prodotto: 230572 Manuale d'istruzioni Edizione Ottobre 2008 maxon motor maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 50/5 Codice prodotto: 230572 Manuale d'istruzioni Edizione Ottobre 2008 Il DEC (Digital EC Controller) è un servoamplificatore ad 1 quadrante

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

REGARD. ISTRUZIONI PER L USO E L INSTALLAZIONE DELLE SCHEDE CANALE REGARD 4-20 ED Ex

REGARD. ISTRUZIONI PER L USO E L INSTALLAZIONE DELLE SCHEDE CANALE REGARD 4-20 ED Ex REGARD ISTRUZIONI PER L USO E L INSTALLAZIONE DELLE SCHEDE CANALE REGARD 4-20 ED Ex 4 Edizione, Gennaio 1998 Draeger Safety Italia S.p.A. Via Galvani, 7 20094 CORSICO (MI) Tel. (02) 48697321 Fax. (02)

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI

CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Il controllore è composto da due schede assemblate su un pannello frontale d alluminio di 3mm di spessore. Sul pannello viene posizionata anche la serigrafia su poliestere,

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

-250 Controllo filtro 400V con regolazione dell energia solare

-250 Controllo filtro 400V con regolazione dell energia solare Istruzioni per l uso e di montaggio -250 Controllo filtro 400V con regolazione dell energia solare Art. Nr.: 3100000440 Dati Tecnici: Dimensioni: Tensione di esercizio: Assorbimento di potenza del controllo:

Dettagli

03.03.mmm REV.2 09/01

03.03.mmm REV.2 09/01 03.03.mmm REV.2 09/01 Via del Lavoro, 80-40056 CRESPELLANO (Bologna) ITALY - ( +39 051/733.383 - Fax. +39 051/733.620 P.O. BOX, 150-40011 ANZOLA EMILIA (Bologna) - ITALY Power Factor Regulator cosφ V A

Dettagli

DISPLAY A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485

DISPLAY A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485 P_003 rev.06 Pag. 1 DISPLAY A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485 MANUALE UTENTE italiano P_003 rev.06 Pag. 2 P_003 rev.06 Pag. 3 INDICE Pag. 1. AVVERTENZE 4 2. DESCRIZIONE APPARECCHIO 4 3. DESCRIZIONE

Dettagli

AT92B3805 Guida rapida di installazione Informazioni generali del prodotto

AT92B3805 Guida rapida di installazione Informazioni generali del prodotto AT92B3805 Guida rapida di installazione Informazioni generali del prodotto IT F1 = F6,3A Protezione circuiti ausiliari batteria 12Vdc F2 = F2A Protezione teleruttore rete F3 = F2A Protezione teleruttore

Dettagli

Varispeed J7 CIMR-J7AZ. Configurazione del sistema. Piccolo, semplice e intelligente

Varispeed J7 CIMR-J7AZ. Configurazione del sistema. Piccolo, semplice e intelligente CIMR-J7AZ Varispeed J7 Piccolo, semplice e intelligente con controllo V/f Dimensioni compatte 150% del sovraccarico per 60 secondi Rilevamento del sovraccarico Funzione di protezione termica del motore

Dettagli

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid DL SGWD SMART GRID Questo sistema didattico è stato progettato per lo studio e la comprensione dei concetti legati alla gestione intelligente dell energia elettrica. Questo concetto, chiamato Smart Grid,

Dettagli

ALM-6816 INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE

ALM-6816 INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE ALM-6816 INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE Installazione e Programmazione v1.4 1 SISTEMA MARSS Solar Defender In questa guida sono contenute le specifiche essenziali di installazione e configurazione del

Dettagli

combinatore telefonico GSM + PSTN combinatore telefonico GSM

combinatore telefonico GSM + PSTN combinatore telefonico GSM www.protexitalia.it combinatore telefonico GSM + PSTN & combinatore telefonico GSM manuale Skorpion Dual Com (articolo SKRDCM) & manuale Skorpion Gsm (articolo SKRGSM) versione 30 luglio 2008 PROTEX Italia

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

SIEMENS SIMOVERT P. Generatore di tensione regolato mediante transistors con annesso convertitore per corrente continua.

SIEMENS SIMOVERT P. Generatore di tensione regolato mediante transistors con annesso convertitore per corrente continua. Manuale d'uso dell'inverter Simovert P serie 6SE20 pag. 1 di 10 SIEMENS SIMOVERT P Generatore di tensione regolato mediante transistors con annesso convertitore per corrente continua. Serie 6SE20. Convertitore

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Combinatore Telefonico MINITRIS PSTN Art. 1799MINITRIS-PSTN MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità... 4

Dettagli

Combinatore telefonico GSM

Combinatore telefonico GSM Combinatore telefonico GSM Manuale certificazioni CE, CEI 79-2 SINTESI elettronica - Via Celli 1 60126 Ancona www.sintesinet.it 2 3 Indice I collegamenti... Introduzione e caratteristiche... Avviare il

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

SUWIRA QUADRO DI COMANDO PER TENDE DA SOLE ISTRUZIONI PER L USO

SUWIRA QUADRO DI COMANDO PER TENDE DA SOLE ISTRUZIONI PER L USO QUADRO DI COMANDO PER TENDE DA SOLE ISTRUZIONI PER L USO IS_04_06_IT INDICE 1. 2. INTRODUZIONE...3 INSTALLAZIONE...4 2.1 ALLACCIAMENTO ELETTRICO...4 2.2 ANTENNA RADIO... 4 3 PANNELLO DI CONTROLLO...5 4

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

CBA 1000. Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro CARATTERISTICHE

CBA 1000. Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro CARATTERISTICHE CBA 1000 Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro Prova interruttori e microhmmetro 200 A in uno solo strumento. Misura dei tempi di 6 contatti principali, 6 resistivi e 4 ingressi ausiliari. Sino a

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

Servoazionamento Digitale - TWIN-N & SPD-N

Servoazionamento Digitale - TWIN-N & SPD-N Servoazionamento Digitale TWIN-N, SPD-N www.parker.com/eme/it/twinn Servoazionamento Digitale - TWIN-N & SPD-N Breve panoramica Descrizione TWIN-N è una serie di servoamplificatori completamente digitali,

Dettagli

Alimentatore a singola uscita ad elevata affidabilità con potenze fino a 600 W

Alimentatore a singola uscita ad elevata affidabilità con potenze fino a 600 W ALIMENTATORI SWITCHING S82J Alimentatore a singola uscita ad elevata affidabilità con potenze fino a 600 W Potenza di uscita da 10 W a 600 W. Tensioni di uscita: 5 V, 12 V, 15 V o 24 V. Ampio campo della

Dettagli

RollerDrive EC300. High Power Brushless (HPBL)

RollerDrive EC300. High Power Brushless (HPBL) RollerDrive EC300 High Power Brushless (HPBL) 41 Il Motorullo veloce Vita media teorica: 20'000 ore di lavoro. Alte velocità, fino a 2 m/s. Elettronica integrata nel motore per una semplice installazione.

Dettagli

Curtarolo (Padova) AZIENDA CERTIFICATA ISO9001 SENSORE VOLUMETRICO A DOPPIA TECNOLOGIA CON ANTIACCECAMENTO TR90D

Curtarolo (Padova) AZIENDA CERTIFICATA ISO9001 SENSORE VOLUMETRICO A DOPPIA TECNOLOGIA CON ANTIACCECAMENTO TR90D Curtarolo (Padova) AZIENDA CERTIFICATA ISO9001 SENSORE VOLUMETRICO A DOPPIA TECNOLOGIA CON ANTIACCECAMENTO TR90D 1 CAPITOLO 1...3 generalità...3 CAPITOLO 2...3 Caratteristiche generali...3 CAPITOLO 3...3

Dettagli

Manuale Driver per porte automatiche azionate da motori DC.

Manuale Driver per porte automatiche azionate da motori DC. Manuale Driver per porte automatiche azionate da motori DC. Informazioni generali: Il Dirver è un azionamento per motori DC retroazionati tramite encoder è alimentatro da rete tramite un trasformatore,il

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

electronic Inverter ACM S3 Gamma di potenza 0.75...37.0kW ACM S3 / I / 09.05

electronic Inverter ACM S3 Gamma di potenza 0.75...37.0kW ACM S3 / I / 09.05 electronic Inverter ACM S3 ACM S3 / I / 09.05 Gamma di potenza 0.75...37.0kW ACM S3 L inverter per tutte le applicazioni A distanza di quasi 30 anni dalla presentazione del suo primo inverter per controllo

Dettagli

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W SPECIFICHE Tensione alimentazione inverter monofase Tensione alimentazione inverter trifase Corrente max all uscita delle 3 fasi Potenza massima in uscita IP da 100

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SBD (AB1 E )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SBD (AB1 E ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SBD (AB1 E ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE 1) CARATTERISTICHE GENERALI pag. 1 2) ATTENZIONE pag. 1 3) DATI TECNICI pag. 1 4) INSTALLAZIONE pag. 2 5) COLLEGAMENTI

Dettagli

FIELDBUS CM CLEVER MULTIMACH DISTRIBUTORI

FIELDBUS CM CLEVER MULTIMACH DISTRIBUTORI FIELDBUS CM CLEVER MULTIMACH 1 INTRODUZIONE INTRODUZIONE DATI TECNICI GENERALI Connessioni bocche valvole Attacco alimentazione piloti sul terminale tipo 1-11 Numero massimo piloti Numero massimo valvole

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SED (AR2 SE ) ISTRUZII PER IL MTAGGIO E LA MANUTENZIE 1. NOTE GENERALI 1 2. DATI TECNICI 2 3. MTAGGIO 2. COLLEGAMENTI ELETTRICI 3 5. TARATURE 5.1 FINE CORSA 5.2 MICROINTERRUTTORI

Dettagli

Pannello comandi a distanza

Pannello comandi a distanza Pannello comandi a distanza Istruzioni d uso caldaie INDICE Informazioni generali... 4 Descrizione del pannello comandi... 6 Descrizione dei tasti... 6 Descrizione del display... 7 Utilizzo del pannello

Dettagli

Manuale Easy Tronic Micro II (firmware V06)

Manuale Easy Tronic Micro II (firmware V06) (firmware V06) Il presente manuale prende in esame la scheda Easy Troni Micro II, prodotto che si prefigge di controllare e di eseguire il processo di funzionamento di un compressore d aria a vite. Definizione

Dettagli

ISMG Inverter Solare. Descrizione Generale. Selezione Modello. Codice d Ordine ISMG 1 50 IT. Approvazioni RD 1663/2000 RD 661/2007 DK5940

ISMG Inverter Solare. Descrizione Generale. Selezione Modello. Codice d Ordine ISMG 1 50 IT. Approvazioni RD 1663/2000 RD 661/2007 DK5940 ISMG 1 60 Descrizione Generale Elevato range d ingresso fotovoltaico (da 100VCC a 450VCC) e controllo MPP Tracking Fino a 2 / 3 MPP Tracking indipendenti controllati da un esclusiva tecnologia Smart MPPT

Dettagli

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della Le serie e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della gamma Comparato per uso industriale. DENOMINAZIONE: Sul servocomando sono riportate le seguenti indicazioni: Marchio e nome della società

Dettagli

MOTOINVERTER monofase presentazione

MOTOINVERTER monofase presentazione MOTOINVERTER monofase presentazione Presentazione. Con RR6, presentiamo la nuovissima serie di motoinverter monofase V/F con motore asincrono trifase standard. Un innovativo controllo dei parametri di

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Leggere le istruzioni prima dell'uso. Questo dispositivo di controllo deve essere installato secondo i regolamenti

Dettagli

Rivelatori fughe gas Metano e GPL Serie GSX - GSW

Rivelatori fughe gas Metano e GPL Serie GSX - GSW Rivelatori fughe gas Metano e GPL Serie GSX - GSW Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche - Funzionamento mediante elettronica a microprocessore - Disponibili nelle versioni per

Dettagli

Manuale d uso e funzionamento

Manuale d uso e funzionamento Manuale d uso e funzionamento Comando Remoto per Caldaria 55.1 e 100.1 Condensing A B C Selezione stato funzionamento Impostazione orologio e temperature Programma settimanale D E F G Modifica valore visualizzato

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE w w w.pr otexital i a. it Combinatore Telefonico GSM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 8 numeri di telefono per canale 2 canali vocali o sms programmabili 2 teleattivazioni 2 risposte a teleattivazioni Display

Dettagli

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE Scheda ASD234A - rev. 1.40 Manuale di installazione ed uso SPECIAL GAME s.r.l. Via L. Volpicella, 223 80147 Barra (NA) Tel +39 081 572 68 54 Fax +39 081 572 15 19 www.specialgame.it

Dettagli

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Sistema multi-funzione per la verifica di tutte le tipologie di relè: elettromeccanici,

Dettagli

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE Introduzione Lo strumento DUCA47-72 è un multimetro digitale per il montaggio a pannello che consente la misura delle principali grandezze

Dettagli

CONVERTITORI DI FREQUENZA STATICI

CONVERTITORI DI FREQUENZA STATICI CONVERTITORI DI FREQUENZA STATICI GAMMA FASI POTENZE FREQUENZE V OUT PAGINA GM0 MONOFASE 500-1000W 50/60Hz 0:270Vac Pag. 2 VMM MONOFASE 3-7.5k 50/60Hz 0:226Vac Pag. 6 VTM TRI-MONOFASE 7-17.5k 50/60Hz 0:270Vac

Dettagli

Azionamenti in Corrente Continua

Azionamenti in Corrente Continua Convertitori La tensione variabile necessaria per regolare la velocità in un motore a c.c. può essere ottenuta utilizzando, a seconda dei casi, due tipi di convertitori: raddrizzatori controllati (convertitori

Dettagli