Catene Leggere Libere nel Siero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catene Leggere Libere nel Siero"

Transcript

1 Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA USA Telephone: CURE (2873) (USA & Canada) Fax:

2 Indice degli argomenti Introduzione 5 Il Mieloma Multiplo e Le Proteine Monoclonali 5 Cosa sono le catene leggere libere? 6 Come vengono individuate e misurate le proteine monoclonali? 8 Analisi delle catene leggere libere del nel siero: valori normali e anormali 13 Rapporto Kappa/Lambda 14 Come può essere utile il dosaggio delle catene leggere libere nel siero rispetto al trattamento? 16 Livelli di Freelite e valutazione della risposta al trattamento 20 I Pazienti che ricevono maggiori benefici dall analisi delle catene leggere libere del siero 22 Informazioni relative all IMF 24 Glossario 27 Questo opusculo c é possibile grazie alla sussidio educativo di Binding Site 2010, International Myeloma Foundation, North Hollywood, California (VIII20X)

3 Introduzione Il presente opuscolo Le è stato consegnato per darle maggiori informazioni su un test di laboratorio, il dosaggio delle catene leggere libere nel siero. Questo test è anche conosciuto col nome di Freelite. Dopo aver letto il presente opuscolo, Lei dovrebbe essere in grado di rispondere alle seguenti domande: Cosa sono le catene leggere libere? Quale relazione esiste tra le catene leggere libere ed il mieloma multiplo? Quale aiuto può fornire nella diagnosi e nell monitoraggio della risposta alla terapia del mieloma multiplo il test Freelite? Lo scopo di questa guida tascabile è quello di fornirle delle informazioni generali. Esso non intende sostituirsi alle indicazioni che le vengono date dallo Staff medico ed infermieristico che la assistono ai quali, invece, Lei potrà porre domande in merito al Suo piano terapeutico. Le definizioni di tutte le parole scritte in grassetto potranno essere consultate nel glossario al fondo del presente opuscolo. Il Mieloma Multiplo e le proteine monoclonali Il Mieloma Multiplo è un tumore delle plasmacellule del midollo osseo. Mieloma è sinonimo di mieloma multiplo. La funzione principale delle normali plasmacellule è quella di produrre anticorpi, conosciuti anche come immunoglobuline, che hanno 4 5

4 un ruolo importante nel combattere le infezioni. Ogni plasmacellula produce un solo tipo di immunoglobulina. Esistono differenti tipi di plasmacellule nel corpo, e ognuna di esse produce solamente un tipo di immunoglobulina. Il risultato è la produzione di una vasta varietà di immunoglobuline. Nel mieloma multiplo, una particolare plasmacellula (clone) si duplica un gran numero di volte, causando un eccessiva produzione di un tipo di immunoglobulina chiamata proteina monoclonale o proteina-m, conosciuta anche come proteina del mieloma, paraproteina o picco monoclonale. L identificazione della proteina-m è importante per la diagnosi, e la misurazione dei suoi livelli è utile per monitorare l efficacia del trattamento. Cosa sono le catene leggere libere? Strutturalmente, le normali immunoglobuline (Ig) sono composte da unità più piccole chiamate catene pesanti e catene leggere, che insieme formano un gran complesso (vedere Figura 1). Esistono 5 tipi di catene pesanti e Figura 1. Struttura dell immunoglobulina (anticorpo). ad ogni tipo viene assegnata una lettera specifica. Questi 5 tipi di immunoglobuline sono abbreviate come IgG, IgA, IgM, IgD e IgE. Ci sono due tipi di catene leggere e possono essere di tipo kappa (κ) e lambda (λ o L). Ogni plasmacellula produce solo un tipo di catena pesante e un tipo di catena leggera. Complessivamente, esistono 10 sottotipi di immunoglobuline normali (vedere Tabella 1). Tabella 1. Sottotipi di immunoglobuline IgG kappa IgA kappa IgM kappa IgD kappa IgE kappa IgG lambda IgA lambda IgM lambda IgD lambda IgE lambda Le catene pesanti e le catene leggere sono prodotte separatamente all interno delle plasmacellule e vengono assemblate formando così un immunoglobulina completa. Quando le catene leggere si uniscono alle catene pesanti, le catene leggere vengono indicate col nome di catene leggere legate. Tuttavia, quando le catene leggere non sono attaccate alle catene pesanti, esse vengono chiamate catene leggere libere. Per ragioni sconosciute, le plasmacellule producono solitamente un numero maggiore di catene leggere rispetto a quelle richieste per formare un immunoglobulina completa o proteina monoclonale. Le catene leggere in eccesso entrano nel sangue come catene leggere libere (non unite alle catene pesanti) 6 7

5 proteine nel siero (SPEP), l elettroforesi delle proteine nelle urine (UPEP) e/o l analisi delle catene leggere libere del siero(freelite). Se un tipo di catene leggere (kappa o lambda) viene prodotto in eccesso, è molto probabile vi sia la presenza di proteine monoclonali. e ciò avviene sia in condizioni normali che nei soggetti affetti da mieloma o patologie correlate, come ad esempio la gammopatia monoclonale di incerto significato (MGUS). La quantità di di catene leggere che viene prodotta è correlata all attività del mieloma o alla crescita delle plasmacellule. Come vengono individuate e misurate le proteine monoclonali? Le proteine monoclonali possono essere individuate e dosate nel sangue e/o nelle urine. Quando vengono misurate nel sangue, tutte le cellule vengono rimosse, lasciando solo il liquido giallo chiamato siero. Se si ha un sospetto di mieloma, il Suo medico valuterà la presenza di una proteina monoclonale anomala (proteina-m). Vari test potranno essere eseguiti per individuare la presenza della proteina-m, inclusi l elettroforesi delle Elettroforesi del Siero e delle Urine Due test molto usati per misurare i livelli della proteina-m e per monitorare le risposte al trattamento sono la SPEP e l UPEP. La proteina-m viene identificata come picco al tracciato della SPEP o dell UPEP (vedere Figura 2). I test SPEP e UPEP servono a misurare i livelli di proteina-m, ma non ad indentificare il tipo di proteina-m presente. Perciò, questo tipo di test non può identificare i sottotipi di proteine-m come IgG kappa, IgA lambda, ecc (Tabella 1). Immunofissazione Un secondo tipo di elettoforesi, conosciuta come immunofissazione (IFE) viene eseguita per identificare i sottotipi di proteina-m che vengono prodotti dalle cellule del mieloma. I sottotipi di proteina-m possono essere identificati mediante l immunofissazione (vedere Figura 2) ma generalmente, essa non è in grado di quantificare il livello dei sottotipi di proteina-m presenti nel campione. La SPEP può essere inizialmente eseguita per determinare se, e in che quantità, è presente la proteina-m. Se la SPEP dimostra la presenza di proteina M, verrà eseguita l immunofissazione (IFE) per determinare quale sottotipo di proteina-m sia presente. 8 9

6 alb α1 α2 β alb α1 α2 β Figura 2. Illustra SPEP (sinistra in alto), UPEP (sinistra in basso) IFE (destra). I test SPEP, UPEP, e IFE presentano vantaggi e svantaggi. Per quanto riguarda gli svantaggi, tutte e tre le metodiche infatti mostrano una scarsa sensibilità nel rilevare la presenza delle catene leggere libere e queste debbono essere estremamente elevate perché vengano identificate con questi sistemi. Per esempio, il livello normale di catene leggere libere nel sangue è approssimativamente di 10 mg per litro (mg/l). ma tale livello SPE l SPE l lgg 2 lgg 2 lga 3 lga 3 lgm 4 lgm 4 κ 5 κ 5 λ 6 λ dovrebbe essere 50 superiore per essere rilevato con la SPEP e almeno 15 volte i valori normali per essere osservate con l IFE. Dosaggio delle catene leggere libere nel siero L analisi delle catene leggere libere nel siero è in grado di rilevarle nel sangue quando sono presenti a valori normali (non elevati).e importante sapere che questi dosaggi sono in grado di riconoscere anche livelli appena aumentati delle catene quando non sono rilevabili né alla SPEP nè all IFE. Ciò significa che il mieloma multiplo può essere individuato molto più velocemente di quanto non possano fare la SPEP o l IFE, e che è particolarmente utile quando il mieloma riproduce solo una quantità minima di catene leggere. L analisi delle catene leggere libere del siero viene eseguita preferibilmente sul siero e non sulle urine a causa degli effetti di filtrazione renale. Parte della normale funzione dei reni è quella di prevenire il rilascio di proteine dal corpo alle urine. Da ciò ne deriva che, un elevato livello di proteina monoclonale, può essere rilevato più facilmente nel sangue che non nelle urine. Pertanto, l analisi delle catene leggere libere del siero ha sostituito la necessità di eseguire studi sulle urine in pazienti affetti da mieloma multiplo alla diagnosi o da disordini plasmacellulari ad esso correlati, anche se comunque tali studi risultano essere ancora importanti per quanto riguarda l amiloidosi AL alla diagnosi. L analisi delle catene leggere libere su 10 11

7 sempre meglio eseguire l esame della SPEP (elettroforesi delle proteine del siero) e l IFE (immunofissazione), per rilevare livelli elevati di immunoglobuline, in combinazione con l analisi delle catene leggere libere del siero, per rilevare la presenza di catene libere leggere come consigliato dall International Myeloma Working Group. siero viene, quindi, considerata più efficace. Inoltre, il campione delle urine delle 24 ore risulta difficile da raccogliere, trasportare e conservare rispetto a quello su siero; tuttavia, gli studi sulle urine risultano utili per mostrare altri aspetti correlati al mieloma, come ad esempio il danno renale. Come altri test che rilevano la proteina-m, l analisi delle catene leggere libere nel siero presenta tanto vantaggi che svantaggi. Come già accennato, uno dei vantaggi offerti da questo particolare tipo di analisi è che essa risulta molto più sensibile rispetto alla SPEP, UPEP e IFE. Un altro vantaggio è che il dosaggio delle catene leggere libere nel siero è automatizzato e perciò richiede meno tempo per essere eseguito rispetto a SPEP, UPEP e IFE. Tuttavia, sebbene l analisi delle catene leggere libere nel siero sia eccellente nell individuarle, essa non è in grado di identificare le immunoglobuline intatte e alcuni tipi di mieloma secernono solo immunoglobuline intatte. Pertanto, è In persone affette da un particolare tipo di mieloma che produce solo catene leggere (mieloma di Bence Jones) si osserva un aumento dei livelli di catene leggere kappa o lambda che dipende dal numero di catene leggere prodotte dal mieloma. Tuttavia la produzione di catene leggere in eccesso può verificarsi in misura maggiore o minore anche in tutti i mielomi e non solo in quello a catene leggere o di Bence Jones. Pertanto, la valutazione delle catene libere leggere può essere utilizzata per diagnosticare e monitorare la maggior parte delle persone affette da mieloma multiplo indipendentemente dal sottotipo di mieloma. Analisi delle catene leggere libere del nel siero: valori normali e anormali I livelli normali delle catene leggere libere nel siero sono*: Kappa: 3,3 19,4 mg/l* Lambda: 5,7 26,3 mg/l* Rapporto Kappa/lambda ratio: 0,26 1,65** Nota: l unità qui utilizzata è mg/l (milligrammo/litro); altri laboratori utilizzano unità 12 13

8 differenti. E importante controllare l unità utilizzata quando si confrontano i valori di laboratorio. Altra Nota: Nei pazienti con il danno renale, è raccomandato interpretare i risultati del rapporto di Kappa/Lambda con una gamma di riferimento modificato di 0,37 3,1. Le catene leggere prodotte dalle cellule del mieloma sono esclusivamente di tipo kappa o lambda e la presenza di esse dipende dal tipo di mieloma. Quindi, se le cellule del mieloma producono catene leggere di tipo kappa, conseguentemente aumentano nel sangue i loro livelli. Allo stesso modo se le cellule del mieloma producono catene leggere di tipo lambda, saranno i livelli di queste ad aumentare. Il Suo medico curante prenderà nella debita considerazione i valori delle catene leggere libere del siero insieme ad altre informazioni cliniche in modo da dare un interpretazione complessiva dei risultati Uno specialista ematologo od oncologo è la figura professionale meglio qualificata per ogni decisione in merito. Rapporto kappa/lambda Il rapporto kappa/lambda delle catene leggere libere del siero è importante per la diagnosi e per il monitoraggio del mieloma, cosi come pure i valori di entrambe le catene. Quando è molto alto il valore della kappa o quello della lambda e quello dell altra catena è normale o basso, allora il rapporto risulta essere alterato ed indica che il mieloma è attivo. Se i valori di entrambe le catene leggere kappa e lambda sono aumentati il rapporto può rientrare entro i valori normali e questo indica, generalmente, che si tratta di una malattia diversa dal mieloma, come ad esempio una disfunzione renale. Quando i reni non funzionano correttamente, entrambi i tipi di catene leggere vengono trattenuti nel sangue e non sono rimosse dai reni. Il risultato è un livello aumentato di catene kappa o lambda nel sangue. Generalmente, in questo caso, l anomalo incremento dei livelli di catene leggere non è un risultato diretto di un mieloma in fase attiva

9 A volte, anche se entrambi i livelli kappa e lambda rientrano nei valori normali, il rapporto può essere alterato. In questo caso, si potrebbe essere in presenza di un mieloma che continua sia pure debolmente a rimanere attivo con conseguente produzione in eccesso di catene leggere anomale. Un rapporto kappa/lambda normale dopo il trattamento rappresenta una remissione particolarmente buona che è definita come risposta completa stringente. La normalizzazione del rapporto kappa/lambda correla con remissioni possibilmente più lunghe, e sono in corso studi clinici per definire la natura di questa relazione. Come può essere utile il dosaggio delle catene leggere libere nel siero rispetto al trattamento? L analisi delle catene leggere libere del siero può essere utile in differenti modi: 1. Per la valutazione della risposta e della recidiva precoci Dato che le catene leggere libere vengono filtrate dai reni piuttostovelocemente (in circa due ore), altrettanto rapidamente si verificano delle variazioni dei loro livelli nel sangue dovute all effetto della terapia. Pertanto, se vi è una buona risposta al trattamento, le cellule del mieloma vengono distrutte interrompendo la produzione di catene leggere libere portando così, in poche ore o pochi giorni, ad una diminuizione delle loro concentrazioni nel sangue. In questo caso, la diminuizione di catene leggere libere si manifesta più velocemente rispetto alla diminuizione di IgG o IgA, in quanto queste componenti vengono eliminate più lentamente nel corpo. La riduzione delle concentrazioni delle catene leggere libere può quindi essere considerata, un indicatore molto sensibile di una risposta precoce al trattamento. Cosi, in modo del tutto tipico, la risposta al trattamento può essere identificata grazie all analisi delle catene leggere libere del siero in termini di ore o giorni, mentre ci possono volere circa tre settimane per poterla valutare con l SPEP e l IFE. Al momento della comparsa di una recidiva, le sensibilità del dosaggio delle catene leggere libere nel siero importatesi dimostra cruciale. Anche quantità minime di mieloma che iniziano ad ingrandirsi in corso di recidiva producono livelli di catene leggere libere 16 17

10 che sono nella gran parte dei casi quantificabili. I livelli di catene leggere libere nel siero, sia kappa che lambda, dipendono dal tipo di mieloma, e spesso si innalzano prima dell aumento delle IgG e IgA e altre immunoglobuline possono venir identificate con l SPEP o l IFE. La diagnostica per immagini, come l FDG-PET o la CT-PET sono comunque utili per la valutazione della presenza di malattia minima. 2. monitoraggio di pazienti con bassi livelli di proteine del mieloma (proteina-m) Il mieloma che produce bassi livelli di proteina-m è stato tradizionalmene non-secernente o iposecernente. Due nuovi termini sono usati oggi: oligosecernente e paucisecernente. Nel 70% e l 80% circa dei soggetti con questo tipo di mieloma si evidenziano anomalie quantificabili della proteina-m nel siero che possono essere valutate attraverso l analisi delle catene leggere libere del siero. Il test Freelite è stato incorporato nei criteri di risposta per la valutazione dell efficacia del trattamento del mieloma con livelli bassi di proteina-m (vedere Tabella 2 sottostante) Tabella 2. Risposta al trattamento nel mieloma iposecernente utilizzando il test Freelite Risposta completa Risposta parziale Rapporto delle catene leggere normalizzato Diminuizione 50% nella diffrenza tra la catena leggera prodotta dalle cellule del mieloma e l altra catena leggera. 3. Arruolamento negli studi clinici Gli studi clinici sono l unica via attraversala quale è possibile rendere disponibili i nuovi farmaci e scoprire potenziali nuove cure. Le persone affette da mieloma possono partecipare a studi clinici centrati sulla sicurezza e l efficacia dei nuovi trattamenti. Per far si che un paziente sia eleggibile a partecipare ad una sperimentazione, ci deve essere un modo per monitorare i livelli di proteina-m nel sangue e nelle urine. Pazienti con mieloma iposecernente (precedentemente definito come non secernente ) venivano solitamente esclusi dagli studi clinici in quanto non esistevano metodi per monitorare le loro concentrazioni di proteina-m. Ma dal momento in cui si è resa disponibili l analisi delle catene leggere libere del siero, i livelli di proteina- M possono essere monitorati nel sangue di tutti i pazienti. Perciò, pazienti con malattia iposecernente (anche chiamata oligisecernente o paucisecernente) oggi potrebbero essere eleggibili a partecipare a studi clinici. 4. Indicatore dell attività della malattia Uno studio condotto dalla Mayo Clinic ha dimostrato come in pazienti con MGUS che presentavano un rapporto alterato delle catene leggere libere, abbiano la tendenza al progredire della malattia verso un mieloma in fase attiva, o una condizione maligna raccontata. Le alterazioni dei livelli di Freelite sono utili per delineare lo stato della malattia in gran parte dei pazienti con mieloma, e non soltanto in quelli con la variante di Bence Jones o non secernente

11 5. Valutazione di una risposta completa stringente al trattamento Uno degli obiettivi della terapia del mieloma è quello di ridurre il più possibile i livelli di proteina-m e a volte di eliminarli completamente. Se il rapporto delle catene leggere libere si normalizza dopo il trattamento esso funziona come un indicatore molto buono e sensibile dell elevata efficacia del trattamento stesso ed segnala che i livelli di paraproteine a catena leggera sono stati ridotti al minimo. Se il rapporto delle catene leggere libere si normalizza col trattamento il risultato viene definito una risposta stringente ratificata come la miglior risposta possibile secondo i Criteri internazionali della risposta alla terapia per il mieloma multiplo. Per definizione una risposta stringente completa al trattamento include anchei normali SPEP, UPEP e IFE e l assenza di cellule del mieloma nel midollo osseo, avvalorata da test specifici. Livelli di Freelite e valutazione della risposta al trattamento I livelli di Freelite nel siero possono essere usati allo stesso modo dei livelli di proteina monoclonale per definire la risposta al trattamento ma essi possono anche essere usati più frequentemente e precocemente nelle primissime settimane di terapia. Alcune persone affette da mieloma trovano questo processo utile per valutare i loro livelli di catene leggere libere nel siero usando tabelle o fogli elettronici in analogia a quanto viene comunemente fatto dai pazienti diabetici, relativamente alla misurazione ed al controllo della glicemia. Un potente strumento per seguire i risultati dei test di laboratorio e per visualizzare e stampare tabelle è il Myeloma Manager disponibile in inglese per il momento sul sito Specifici criteri per valutare una buona risposta o una risposta completa sono stati stabiliti dall International Myeloma Working Group e sono riassunti nella Tabella 3. Tabella 3. Risposta completa stringente e risposta completa Risposta completa stringente Risposta completa Risposta completa (definita di sotto) e la normalizzazione del rapporto delle catene leggere libere e assenza di cellule del mieloma nel midollo osseo. Immunofissazione negativa nel siero e nelle urine, scomparsa di qualsiasi plasmocitoma e plasmacellule 5% nel midollo osseo. In sintesi, l analisi delle catene leggere libere del siero offre molti vantaggi per la diagnosi e per il monitoraggio del trattamento: L introduzione dell analisi delle catene leggere libere del siero può migliorare la sensibilità dei protocolli l individuazione e per la diagnosi di mieloma. L analisi delle catene leggere libere del siero insieme ad altri test può fornire informazioni ulteriori nei soggetti con MGUS 20 21

12 L utilizzo dell analisi delle catene leggere libere del siero per monitorare il trattamento evidenzia risposte allo stesso più precocemente rispetto ad altri test di laboratorio come la SPEP La sensibilità aumentata dell analisi delle catene leggere libere del siero rispetto all IFE potrebbe consentire di identificare con maggior precocità una recidiva di malattia. L utilizzo dell analisi delle catene leggere libere del siero è raccomandato nella diagnosi, la prognosi, e per monitorare la malattia nelle direttive dell International Myeloma Working Group. I Pazienti che ricevono maggiori benefici dal dosaggio delle catene leggere libere del siero Pazienti con mieloma che presentano anomali valori delle catene leggere libere del siero all inizio del trattamento. Il monitoraggio con il metodo delle catene leggere libere del siero permette spesso una più rapida valutazione dell efficacia del trattamento. Soggetti con bassissimi livelli di catene leggere all esame della SPEP, dell UPEP e dell IFE. che generalmente sono affette da mieloma non secernente (iposecernente, oligosecernente, o paucisecernente). Circa il 70% delle persone affette da mieloma multiplo non secernente può essere monitorato attraverso l analisi delle catene leggere libere del siero. Pazienti affetti da AL amiloidosi che si manifesta con depositi di catene leggere e che potrebbero avere o meno un mieloma attivo. Monitorare i livelli di catene leggere può essere molto utile per valutare lo stato della malattia. Pazienti con depositi di catene leggere (mieloma di Bence Jones). I vantaggi maggiori dell analisi delle catene leggere libere del siero in questi casi sono: Maggiore comodità dei prelievi di sangue rispetto alla raccolta delle urine delle 24 ore* Sensibilità di gran lugna superiore dei test sul sangue, che permette di identificare anche livelli modicamente aumentati nel sangue che non sono identificabili invece nelle urine. * Importante è notare che la raccolta delle urine delle 24 ore è comunque raccomandata e necessaria sia per valutare l escrezione delle catene leggere che per monitorare i danni renali

13 Informazioni relative all IMF Una persona può fare la differenza, Due possono fare un miracolo. Brian D. Novis Fondatore dell IMF Il mieloma è un piccolo tumore del midollo osseo complesso e spesso misdiagnosticato che colpisce e distrugge l osso. Il mieloma colpisce approssimativamente persone nel mondo. Sebbene al momento non vi sia una cura per il mieloma, i medici si avvalgono di diverse modalità di trattamenti per aiutare i pazienti affetti da questa patologia a vivere meglio e più a lungo. La Fondazione Internazionale del Mieloma (IMF) fu fondata nel 1990 da Brian e Susie Novis subito dopo che a Brian venne diagnosticato il mieloma all età di 33 anni. Era il sogno di Brian che in futuro i pazienti potessero accedere facilmente alle informazioni di carattere medico e ad un supporto psicologico durante la loro battaglia contro il mieloma. Egli fondò l IMF allo scopo di raggiungere 3 obiettivi: trattamento, istruzione e ricerca., fornendo anche un ampio ventaglio di servizi per i pazienti, le loro famiglie, gli amici e i medici. Sebbene Brian sia mancato 4 anni dopo la diagnosi della sua malattia, il suo sogno non è morto con lui. Oggi l IMF conta oltre membri a livello internazionale ed è la prima organizzazione dedicata esclusivamente al mieloma e a tutt oggi rimane la più numerosa. L IMF fornisce programmi e servizi al fine di aiutare la ricerca, la diagnosi, le terapie e la gestione del mieloma. Questa fondazione si assicura che nessuno debba combattere il mieloma da solo. Noi ci preoccupiamo dei pazienti di oggi, mentre lavoriamo verso la cura di domani. Come può aiurarti l IMF? EDUCAZIONE DEL PAZIENTE PACCHETTO INFORMATIVO Il nostro Pacchetto-Informazioni IMF gratuito fornisce informazioni omnicomprensive sul mieloma, sulle differenti opzioni terapeutiche, sulla gestione della malattia e sui servizi offerti dell IMF, ivi compresa la famosa Guida per il Paziente. ACCESSO INTERNET E sempre possibile collegarsi e registrarsi al sito (disponibile 24 ore su 24) per avere accesso alle informazioni sul mieloma, sull IMF, sull istruzione e sui programmi di supporto. Messagiero di Mieloma Si iscriva per ricevere il bolletino elettronico «newsletter» trimestrale gratuito via per avere informazioni importanti sul mieloma. SEMINARI PER PAZIENTI E FAMILIARI Incontri con i principali esperti nel trattamento del mieloma per conoscere i recenti sviluppi nella terapia e nella ricerca

14 <<MYELOMA TODAY>> BOLLETTINO D INFORMAZIONE GIORNALIERO SUL MIELOMA (in inglese) Il nostro bollettino d informazione trimestrale è disponibile gratis per la sottoscrizione nel sito web. SUPPORTO LINEA DIRETTA DEL MIELOMA: CURE (2873) La linea diretta dell IMF (in inglese), gratis negli Stati Uniti e in Canada, con personale qualificato e specialistico ed in frequente interazione con i membri del nostro gruppo di consulenti scientifici. GRUPPO DI SUPPORTO Una rete mondiale di più di 100 gruppi di supporto organizza regolari incontri per i membri della comunità dei pazienti con mieloma e incontri annuali per i rappresentanti dei gruppi di supporto. RICERCA BANK ON A CURE Questa banca di DNA fornirà dati genetici per la i ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci. IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI STADIAZIONE (ISS) Questo sistema aggiornato di stadiazione del mieloma migliorerà la capacità dei medici di selezionare il trattamento più appropriato per ogni paziente. Glossario Anticorpo: proteina prodotta da alcuni globuli bianchi del corpo che aiuta a combattere l infezione. Globulo bianco: cellula prodotta dal midollo osseo che aiuta a combattere infezioni e/o malattie. Immunoglobulina: anticorpo. Midollo osseo: tessuto molle e spugnoso che si trova nelle ossa più grandi e che produce globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Mieloma multiplo: tumore che nasce dalle plasmacellule nel midollo osseo. Le plasmacellule, nei pazienti affetti da mieloma multiplo, formano anticorpi anomali, i quali possono danneggiare l osso, il midollo osseo e altri organi. Plasmacellula: particolare tipo di globulo bianco che produce anticorpi. Plasmocitoma: tumore costituto da plasmacellule tumorali. Proteina: gruppo di elementi che può formare una cellula. Proteina monoclonale (proteina M): immunoglobulina anomala prodotta dalle cellule del mieloma. Un elevato livello di proteina monoclonale indica la presenza di numerose cellule mielomatose. La proteina monoclonale può essere composta da immunoglobuline intatte, catene libere leggere, oppure da entrambi. Risposta completa stringente: normalizzazione del rapporto delle catene leggere libere e assenza di cellule del mieloma nel midollo osseo dopo il trattamento 26 27

Comprendere l Elettroforesi delle proteine

Comprendere l Elettroforesi delle proteine Comprendere l Elettroforesi delle proteine International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA & Canada) 818-487-7455 Fax:

Dettagli

Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione

Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (USA & Canada) 818-487-7455 Fax:

Dettagli

Comprensione Revlimid

Comprensione Revlimid Comprensione Revlimid International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA & Canada) 818-487-7455 Fax: 818-487-7454 TheIMF@myeloma.org

Dettagli

LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE

LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE Le gammaglobuline o immunoglobuline (termine abbreviato Ig) sono anticorpi che servono alla difesa dell'organismo contro agenti

Dettagli

Manuale per i Pazienti

Manuale per i Pazienti Manuale per i Pazienti Una pubblicazione dell International Myeloma Foundation Dedicato a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da mieloma e nel contempo ad approfondire la ricerca sulla

Dettagli

Guida Per Il Paziente

Guida Per Il Paziente Guida Per Il Paziente International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607-3421 Hotline (USA and Canada): 800.452.CURE (2873) Tel: 818.487.7455 Fax: 818.487.7454

Dettagli

Guida Per Il Paziente

Guida Per Il Paziente Guida Per Il Paziente International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607-3421 Hotline (USA and Canada): 800.452.CURE (2873) Tel: 818.487.7455 Fax: 818.487.7454

Dettagli

RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI

RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI Giorgio Paladini (1,2,3), Manuela Caizzi (1,2); Elisabetta Gianoli (3) 1. S.C. Ematologia Clinica, AOUTS Ospedali Riuniti di Trieste

Dettagli

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE UO di Oncologia Ospedale del Ceppo, Pistoia DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE NEL MIELOMA MULTIPLO Pistoia 10 Novembre 2012 Dr. ssa Carla Breschi APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTO MIELOMA INDAGINI DI LABORATORIO

Dettagli

Gammopatie Monoclonali

Gammopatie Monoclonali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI - PESCARA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Dietistica Gammopatie Monoclonali Dr.ssa Francesca Santilli Anno Accademico 2008-2009 Definizione

Dettagli

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE NEUCHATEL, Svizzera, 7 aprile/prnewswire/ -- - EMEA sta valutando LENALIDOMIDE come terapia orale per

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL?

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? Informazioni per potenziali partecipanti Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? È ora di affrontare diversamente l amiloidosi AL? L amiloidosi AL è una malattia rara e spesso fatale causata dall accumulo

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

DEFINIZIONE Le gammopatie monoclonali sono quadri clinicolaboratoristici caratterizzati dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di un clone di linfociti B e plasmacellule sintetizzanti immunoglobuline

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Mieloma Multiplo. Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici. Italiano

Mieloma Multiplo. Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici. Italiano Mieloma Multiplo Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici Italiano Mieloma Multiplo Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici Indice 4 Introduzione Pubblicato da Myeloma Euronet AISBL

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO Titolo dello studio Studio di Fase 3b, randomizzato con Revlimid (Lenalidomide) somministrato come terapia di mantenimento verso placebo dopo il trattamento di induzione con Melfalan,

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona biochimica clinica, 2014;38:47-53 Scopo del documento è quello

Dettagli

Le componenti monoclonali: istruzioni per l uso

Le componenti monoclonali: istruzioni per l uso LE GIORNATE LAZIALI DELL APPROPRIATEZZA IN MEDICINA DILABORATORIO 2^ Edizione Le componenti monoclonali: istruzioni per l uso Roma, 20 novembre 2013 Maria Teresa Muratore Riassunto della puntata precedente

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Comprendere. il Desametasone e gli Altri Steroidi

Comprendere. il Desametasone e gli Altri Steroidi Comprendere il Desametasone e gli Altri Steroidi International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA and Canada) 818-487-7455

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

CASO CLINICO Sesso: Maschio 69 anni APR: non patologia significativa APP: riscontro occasionale di

CASO CLINICO Sesso: Maschio 69 anni APR: non patologia significativa APP: riscontro occasionale di CASO CLINICO Sesso: Maschio 69 anni APR: non patologia significativa APP: riscontro occasionale di - proteine totali 7,9 g/dl - gammaglobuline 19% - presenza di sospetta componente monoclonale - obiettività

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

Convivere con le sindromi mielodisplastiche (MDS)

Convivere con le sindromi mielodisplastiche (MDS) Il presente opuscolo non vuole sostituirsi ai consigli del medico che vi ha visitato e che ha diagnosticato il vostro disturbo. Richiedete al medico o al personale infermieristico chiarimenti in merito

Dettagli

,QWURGX]LRQH 6WUXWWXUDGHJOLDQWLFRUSL. Introduzione

,QWURGX]LRQH 6WUXWWXUDGHJOLDQWLFRUSL. Introduzione Indice,QGLFH 1 Indice...1 2 Riassunto...2 3 Nomenclatura...3 3.1 Misure di grandezza...3 3.2 Abbreviazioni...3 4 Introduzione...4 4.1 Struttura degli anticorpi...4 4.1.1 Catene leggere (L, light chains,

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

Test genetici a scopo medico

Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Tutti abbiamo ereditato dai nostri genitori una combinazione unica di geni. Questa costituzione originale e l influenza di vari fattori ambientali

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 11 giugno 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 9 Prime Pagine 14 Rassegna associativa

Dettagli

Il fegato e il deficit di Alpha-1. Alpha-1 Antitripsina 1 ALPHA-1 FOUNDATION

Il fegato e il deficit di Alpha-1. Alpha-1 Antitripsina 1 ALPHA-1 FOUNDATION Il fegato e il deficit di Alpha-1 Alpha-1 Antitripsina 1 ALPHA-1 FOUNDATION 2 Cos e il Deficit di Alpha-1 Antitripsina? L Alpha-1 è una condizione che può causare una grave malattia del polmone negli adulti

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

PDTA 06 Rev. 0 del 20/11/2013

PDTA 06 Rev. 0 del 20/11/2013 PDTA 06 Rev. 0 del 20/11/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 20.11.2013 Dr. U.Russo Prof. A.Federici Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi 2/4 STATO DELLE REVISIONI

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Backgrounder Basilea, 6 novembre 2006 Malattie autoimmuni e artrite reumatoide Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Oltre 60 diverse malattie autoimmuni che

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone

Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone Cosa è importante sapere ONCHQ14NP07519 Introduzione: L Immunoncologia sfrutta l attività del sistema immunitario per aggredire le cellule

Dettagli

informarsi, capire, parlarne Il test del PSA informarsi, capire, parlarne www.aimac.it

informarsi, capire, parlarne Il test del PSA informarsi, capire, parlarne www.aimac.it Il test del PSA informarsi, capire, parlarne Questa brochure si rivolge: agli uomini che non hanno sintomi, ma desiderano sottoporsi ad un controllo generale della salute e, quindi, anche della prostata;

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Opuscolo informativo sulla terapia con talidomide. In attesa di una cura IMF vi aiuta

Opuscolo informativo sulla terapia con talidomide. In attesa di una cura IMF vi aiuta Opuscolo informativo sulla terapia con talidomide In attesa di una cura IMF vi aiuta Note Personale sanitario incaricato della mia cura Medico Telefono Infermiere Telefono Ospedale Centralino Altro Telefono

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

La diagnostica delle malattie renali è difficile:

La diagnostica delle malattie renali è difficile: La diagnostica delle malattie renali è difficile: Le nefropatie sono in genere asintomatiche I reperti non sono eclatanti nè esclusivi Le competenze specialistiche si sovrappongono: gli stessi pazienti

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006 1 IL CARCINOMA DELLA PROSTATA Il carcinoma della prostata rappresenta una grave questione di sanità pubblica e la sua incidenza è destinata ad aumentare nei prossimi anni, a causa del costante aumento

Dettagli

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei I tumori ossei si formano quasi sempre all'interno di un osso e solo molto raramente

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Breve Relazione. della malattia e delle opzioni terapeutiche Mieloma Multiplo. Tumore del midollo osseo

Breve Relazione. della malattia e delle opzioni terapeutiche Mieloma Multiplo. Tumore del midollo osseo Breve Relazione International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607-3421 Hotline (USA and Canada): (800) 452 CURE (2873) Tel: (818) 487-7455 Fax: (818) 487-7454

Dettagli

diario Sindrome Nefrosica Idiopatica

diario Sindrome Nefrosica Idiopatica diario di Sindrome Nefrosica Idiopatica diario Sindrome Nefrosica Idiopatica Medico di riferimento: Contatti: Centro: Col supporto di COS E LA SINDROME NEFROSICA? La sindrome nefrosica non è una malattia

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Neuromed 14 Il Quotidiano del Molise 16/09/2015 MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CORSO DI FORMAZIONE AL NEUROMED 15 Primo Piano Molise 16/09/2015 AI

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

Mieloma Multiplo. Conoscere. Migliorare la Vita Trovare la Cura. Tumore del midollo osseo. TheIMF@myeloma.org myeloma.org

Mieloma Multiplo. Conoscere. Migliorare la Vita Trovare la Cura. Tumore del midollo osseo. TheIMF@myeloma.org myeloma.org Conoscere i dosaggi delle catene leggere libere sieriche e delle catene pesanti/leggere sieriche Una pubblicazione dell International Myeloma Foundation Dedicato a migliorare la qualità della vita dei

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

www.fondazionedamico.org

www.fondazionedamico.org www.fondazionedamico.org COSA SONO Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto chiamato uretere. L urina prodotta dai due

Dettagli

AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri)

AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri) AIFA - Natalizumab (Tysabri) 21/01/2010 (Livello 2) AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri) Comunicato Stampa EMEA FAQ (Domande e Risposte) file:///c /documenti/tysa24.htm [21/01/2010 18.15.06]

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio

I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio I. I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio La maggior parte dei tumori che colpiscono mammella e ovaio sono sporadici, cioè le alterazioni del patrimonio genetico insorgono durante l arco della

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALLA PARTECIPAZIONE ALLO STUDIO

CONSENSO INFORMATO ALLA PARTECIPAZIONE ALLO STUDIO Versione 1 del 29 gennaio 2014 Numero dello studio clinico presso la Fondaz. IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano: INT 24/14 Titolo dello studio clinico: REQUITE: validazione di modelli predittivi

Dettagli

Domande chiave 2014: Aspetti salienti dal 5 vertice annuale dell IMWG (Gruppo di lavoro internazionale sul mieloma)

Domande chiave 2014: Aspetti salienti dal 5 vertice annuale dell IMWG (Gruppo di lavoro internazionale sul mieloma) Domande chiave 2014: Aspetti salienti dal 5 vertice annuale dell IMWG (Gruppo di lavoro internazionale sul mieloma) Dal 2001, i risultati dell International Myeloma Working Group (Gruppo di lavoro internazionale

Dettagli

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia L Aspirato Midollare Informazione per pazienti e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

Tabella 1 : Glucosio Età

Tabella 1 : Glucosio Età Tabella 1 : Glucosio Età V.R. (mg/dl) Fino a 2 giorni 40 60 Da 2 giorni a 1 mese 50 80 Da 1 mese a 12 anni 60 110 Da 12 anni a 60 anni 70 105 Da 60 anni a 70 anni 80 115 Oltre 70 anni 83 105 Tabella 2

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ENDOSCOPIA DIGESTIVA AD ALTA TECNOLOGIA Responsabile dott. Giorgio Battaglia PROTOCOLLO INFORMATIVO: L

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli