Catene Leggere Libere nel Siero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catene Leggere Libere nel Siero"

Transcript

1 Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA USA Telephone: CURE (2873) (USA & Canada) Fax:

2 Indice degli argomenti Introduzione 5 Il Mieloma Multiplo e Le Proteine Monoclonali 5 Cosa sono le catene leggere libere? 6 Come vengono individuate e misurate le proteine monoclonali? 8 Analisi delle catene leggere libere del nel siero: valori normali e anormali 13 Rapporto Kappa/Lambda 14 Come può essere utile il dosaggio delle catene leggere libere nel siero rispetto al trattamento? 16 Livelli di Freelite e valutazione della risposta al trattamento 20 I Pazienti che ricevono maggiori benefici dall analisi delle catene leggere libere del siero 22 Informazioni relative all IMF 24 Glossario 27 Questo opusculo c é possibile grazie alla sussidio educativo di Binding Site 2010, International Myeloma Foundation, North Hollywood, California (VIII20X)

3 Introduzione Il presente opuscolo Le è stato consegnato per darle maggiori informazioni su un test di laboratorio, il dosaggio delle catene leggere libere nel siero. Questo test è anche conosciuto col nome di Freelite. Dopo aver letto il presente opuscolo, Lei dovrebbe essere in grado di rispondere alle seguenti domande: Cosa sono le catene leggere libere? Quale relazione esiste tra le catene leggere libere ed il mieloma multiplo? Quale aiuto può fornire nella diagnosi e nell monitoraggio della risposta alla terapia del mieloma multiplo il test Freelite? Lo scopo di questa guida tascabile è quello di fornirle delle informazioni generali. Esso non intende sostituirsi alle indicazioni che le vengono date dallo Staff medico ed infermieristico che la assistono ai quali, invece, Lei potrà porre domande in merito al Suo piano terapeutico. Le definizioni di tutte le parole scritte in grassetto potranno essere consultate nel glossario al fondo del presente opuscolo. Il Mieloma Multiplo e le proteine monoclonali Il Mieloma Multiplo è un tumore delle plasmacellule del midollo osseo. Mieloma è sinonimo di mieloma multiplo. La funzione principale delle normali plasmacellule è quella di produrre anticorpi, conosciuti anche come immunoglobuline, che hanno 4 5

4 un ruolo importante nel combattere le infezioni. Ogni plasmacellula produce un solo tipo di immunoglobulina. Esistono differenti tipi di plasmacellule nel corpo, e ognuna di esse produce solamente un tipo di immunoglobulina. Il risultato è la produzione di una vasta varietà di immunoglobuline. Nel mieloma multiplo, una particolare plasmacellula (clone) si duplica un gran numero di volte, causando un eccessiva produzione di un tipo di immunoglobulina chiamata proteina monoclonale o proteina-m, conosciuta anche come proteina del mieloma, paraproteina o picco monoclonale. L identificazione della proteina-m è importante per la diagnosi, e la misurazione dei suoi livelli è utile per monitorare l efficacia del trattamento. Cosa sono le catene leggere libere? Strutturalmente, le normali immunoglobuline (Ig) sono composte da unità più piccole chiamate catene pesanti e catene leggere, che insieme formano un gran complesso (vedere Figura 1). Esistono 5 tipi di catene pesanti e Figura 1. Struttura dell immunoglobulina (anticorpo). ad ogni tipo viene assegnata una lettera specifica. Questi 5 tipi di immunoglobuline sono abbreviate come IgG, IgA, IgM, IgD e IgE. Ci sono due tipi di catene leggere e possono essere di tipo kappa (κ) e lambda (λ o L). Ogni plasmacellula produce solo un tipo di catena pesante e un tipo di catena leggera. Complessivamente, esistono 10 sottotipi di immunoglobuline normali (vedere Tabella 1). Tabella 1. Sottotipi di immunoglobuline IgG kappa IgA kappa IgM kappa IgD kappa IgE kappa IgG lambda IgA lambda IgM lambda IgD lambda IgE lambda Le catene pesanti e le catene leggere sono prodotte separatamente all interno delle plasmacellule e vengono assemblate formando così un immunoglobulina completa. Quando le catene leggere si uniscono alle catene pesanti, le catene leggere vengono indicate col nome di catene leggere legate. Tuttavia, quando le catene leggere non sono attaccate alle catene pesanti, esse vengono chiamate catene leggere libere. Per ragioni sconosciute, le plasmacellule producono solitamente un numero maggiore di catene leggere rispetto a quelle richieste per formare un immunoglobulina completa o proteina monoclonale. Le catene leggere in eccesso entrano nel sangue come catene leggere libere (non unite alle catene pesanti) 6 7

5 proteine nel siero (SPEP), l elettroforesi delle proteine nelle urine (UPEP) e/o l analisi delle catene leggere libere del siero(freelite). Se un tipo di catene leggere (kappa o lambda) viene prodotto in eccesso, è molto probabile vi sia la presenza di proteine monoclonali. e ciò avviene sia in condizioni normali che nei soggetti affetti da mieloma o patologie correlate, come ad esempio la gammopatia monoclonale di incerto significato (MGUS). La quantità di di catene leggere che viene prodotta è correlata all attività del mieloma o alla crescita delle plasmacellule. Come vengono individuate e misurate le proteine monoclonali? Le proteine monoclonali possono essere individuate e dosate nel sangue e/o nelle urine. Quando vengono misurate nel sangue, tutte le cellule vengono rimosse, lasciando solo il liquido giallo chiamato siero. Se si ha un sospetto di mieloma, il Suo medico valuterà la presenza di una proteina monoclonale anomala (proteina-m). Vari test potranno essere eseguiti per individuare la presenza della proteina-m, inclusi l elettroforesi delle Elettroforesi del Siero e delle Urine Due test molto usati per misurare i livelli della proteina-m e per monitorare le risposte al trattamento sono la SPEP e l UPEP. La proteina-m viene identificata come picco al tracciato della SPEP o dell UPEP (vedere Figura 2). I test SPEP e UPEP servono a misurare i livelli di proteina-m, ma non ad indentificare il tipo di proteina-m presente. Perciò, questo tipo di test non può identificare i sottotipi di proteine-m come IgG kappa, IgA lambda, ecc (Tabella 1). Immunofissazione Un secondo tipo di elettoforesi, conosciuta come immunofissazione (IFE) viene eseguita per identificare i sottotipi di proteina-m che vengono prodotti dalle cellule del mieloma. I sottotipi di proteina-m possono essere identificati mediante l immunofissazione (vedere Figura 2) ma generalmente, essa non è in grado di quantificare il livello dei sottotipi di proteina-m presenti nel campione. La SPEP può essere inizialmente eseguita per determinare se, e in che quantità, è presente la proteina-m. Se la SPEP dimostra la presenza di proteina M, verrà eseguita l immunofissazione (IFE) per determinare quale sottotipo di proteina-m sia presente. 8 9

6 alb α1 α2 β alb α1 α2 β Figura 2. Illustra SPEP (sinistra in alto), UPEP (sinistra in basso) IFE (destra). I test SPEP, UPEP, e IFE presentano vantaggi e svantaggi. Per quanto riguarda gli svantaggi, tutte e tre le metodiche infatti mostrano una scarsa sensibilità nel rilevare la presenza delle catene leggere libere e queste debbono essere estremamente elevate perché vengano identificate con questi sistemi. Per esempio, il livello normale di catene leggere libere nel sangue è approssimativamente di 10 mg per litro (mg/l). ma tale livello SPE l SPE l lgg 2 lgg 2 lga 3 lga 3 lgm 4 lgm 4 κ 5 κ 5 λ 6 λ dovrebbe essere 50 superiore per essere rilevato con la SPEP e almeno 15 volte i valori normali per essere osservate con l IFE. Dosaggio delle catene leggere libere nel siero L analisi delle catene leggere libere nel siero è in grado di rilevarle nel sangue quando sono presenti a valori normali (non elevati).e importante sapere che questi dosaggi sono in grado di riconoscere anche livelli appena aumentati delle catene quando non sono rilevabili né alla SPEP nè all IFE. Ciò significa che il mieloma multiplo può essere individuato molto più velocemente di quanto non possano fare la SPEP o l IFE, e che è particolarmente utile quando il mieloma riproduce solo una quantità minima di catene leggere. L analisi delle catene leggere libere del siero viene eseguita preferibilmente sul siero e non sulle urine a causa degli effetti di filtrazione renale. Parte della normale funzione dei reni è quella di prevenire il rilascio di proteine dal corpo alle urine. Da ciò ne deriva che, un elevato livello di proteina monoclonale, può essere rilevato più facilmente nel sangue che non nelle urine. Pertanto, l analisi delle catene leggere libere del siero ha sostituito la necessità di eseguire studi sulle urine in pazienti affetti da mieloma multiplo alla diagnosi o da disordini plasmacellulari ad esso correlati, anche se comunque tali studi risultano essere ancora importanti per quanto riguarda l amiloidosi AL alla diagnosi. L analisi delle catene leggere libere su 10 11

7 sempre meglio eseguire l esame della SPEP (elettroforesi delle proteine del siero) e l IFE (immunofissazione), per rilevare livelli elevati di immunoglobuline, in combinazione con l analisi delle catene leggere libere del siero, per rilevare la presenza di catene libere leggere come consigliato dall International Myeloma Working Group. siero viene, quindi, considerata più efficace. Inoltre, il campione delle urine delle 24 ore risulta difficile da raccogliere, trasportare e conservare rispetto a quello su siero; tuttavia, gli studi sulle urine risultano utili per mostrare altri aspetti correlati al mieloma, come ad esempio il danno renale. Come altri test che rilevano la proteina-m, l analisi delle catene leggere libere nel siero presenta tanto vantaggi che svantaggi. Come già accennato, uno dei vantaggi offerti da questo particolare tipo di analisi è che essa risulta molto più sensibile rispetto alla SPEP, UPEP e IFE. Un altro vantaggio è che il dosaggio delle catene leggere libere nel siero è automatizzato e perciò richiede meno tempo per essere eseguito rispetto a SPEP, UPEP e IFE. Tuttavia, sebbene l analisi delle catene leggere libere nel siero sia eccellente nell individuarle, essa non è in grado di identificare le immunoglobuline intatte e alcuni tipi di mieloma secernono solo immunoglobuline intatte. Pertanto, è In persone affette da un particolare tipo di mieloma che produce solo catene leggere (mieloma di Bence Jones) si osserva un aumento dei livelli di catene leggere kappa o lambda che dipende dal numero di catene leggere prodotte dal mieloma. Tuttavia la produzione di catene leggere in eccesso può verificarsi in misura maggiore o minore anche in tutti i mielomi e non solo in quello a catene leggere o di Bence Jones. Pertanto, la valutazione delle catene libere leggere può essere utilizzata per diagnosticare e monitorare la maggior parte delle persone affette da mieloma multiplo indipendentemente dal sottotipo di mieloma. Analisi delle catene leggere libere del nel siero: valori normali e anormali I livelli normali delle catene leggere libere nel siero sono*: Kappa: 3,3 19,4 mg/l* Lambda: 5,7 26,3 mg/l* Rapporto Kappa/lambda ratio: 0,26 1,65** Nota: l unità qui utilizzata è mg/l (milligrammo/litro); altri laboratori utilizzano unità 12 13

8 differenti. E importante controllare l unità utilizzata quando si confrontano i valori di laboratorio. Altra Nota: Nei pazienti con il danno renale, è raccomandato interpretare i risultati del rapporto di Kappa/Lambda con una gamma di riferimento modificato di 0,37 3,1. Le catene leggere prodotte dalle cellule del mieloma sono esclusivamente di tipo kappa o lambda e la presenza di esse dipende dal tipo di mieloma. Quindi, se le cellule del mieloma producono catene leggere di tipo kappa, conseguentemente aumentano nel sangue i loro livelli. Allo stesso modo se le cellule del mieloma producono catene leggere di tipo lambda, saranno i livelli di queste ad aumentare. Il Suo medico curante prenderà nella debita considerazione i valori delle catene leggere libere del siero insieme ad altre informazioni cliniche in modo da dare un interpretazione complessiva dei risultati Uno specialista ematologo od oncologo è la figura professionale meglio qualificata per ogni decisione in merito. Rapporto kappa/lambda Il rapporto kappa/lambda delle catene leggere libere del siero è importante per la diagnosi e per il monitoraggio del mieloma, cosi come pure i valori di entrambe le catene. Quando è molto alto il valore della kappa o quello della lambda e quello dell altra catena è normale o basso, allora il rapporto risulta essere alterato ed indica che il mieloma è attivo. Se i valori di entrambe le catene leggere kappa e lambda sono aumentati il rapporto può rientrare entro i valori normali e questo indica, generalmente, che si tratta di una malattia diversa dal mieloma, come ad esempio una disfunzione renale. Quando i reni non funzionano correttamente, entrambi i tipi di catene leggere vengono trattenuti nel sangue e non sono rimosse dai reni. Il risultato è un livello aumentato di catene kappa o lambda nel sangue. Generalmente, in questo caso, l anomalo incremento dei livelli di catene leggere non è un risultato diretto di un mieloma in fase attiva

9 A volte, anche se entrambi i livelli kappa e lambda rientrano nei valori normali, il rapporto può essere alterato. In questo caso, si potrebbe essere in presenza di un mieloma che continua sia pure debolmente a rimanere attivo con conseguente produzione in eccesso di catene leggere anomale. Un rapporto kappa/lambda normale dopo il trattamento rappresenta una remissione particolarmente buona che è definita come risposta completa stringente. La normalizzazione del rapporto kappa/lambda correla con remissioni possibilmente più lunghe, e sono in corso studi clinici per definire la natura di questa relazione. Come può essere utile il dosaggio delle catene leggere libere nel siero rispetto al trattamento? L analisi delle catene leggere libere del siero può essere utile in differenti modi: 1. Per la valutazione della risposta e della recidiva precoci Dato che le catene leggere libere vengono filtrate dai reni piuttostovelocemente (in circa due ore), altrettanto rapidamente si verificano delle variazioni dei loro livelli nel sangue dovute all effetto della terapia. Pertanto, se vi è una buona risposta al trattamento, le cellule del mieloma vengono distrutte interrompendo la produzione di catene leggere libere portando così, in poche ore o pochi giorni, ad una diminuizione delle loro concentrazioni nel sangue. In questo caso, la diminuizione di catene leggere libere si manifesta più velocemente rispetto alla diminuizione di IgG o IgA, in quanto queste componenti vengono eliminate più lentamente nel corpo. La riduzione delle concentrazioni delle catene leggere libere può quindi essere considerata, un indicatore molto sensibile di una risposta precoce al trattamento. Cosi, in modo del tutto tipico, la risposta al trattamento può essere identificata grazie all analisi delle catene leggere libere del siero in termini di ore o giorni, mentre ci possono volere circa tre settimane per poterla valutare con l SPEP e l IFE. Al momento della comparsa di una recidiva, le sensibilità del dosaggio delle catene leggere libere nel siero importatesi dimostra cruciale. Anche quantità minime di mieloma che iniziano ad ingrandirsi in corso di recidiva producono livelli di catene leggere libere 16 17

10 che sono nella gran parte dei casi quantificabili. I livelli di catene leggere libere nel siero, sia kappa che lambda, dipendono dal tipo di mieloma, e spesso si innalzano prima dell aumento delle IgG e IgA e altre immunoglobuline possono venir identificate con l SPEP o l IFE. La diagnostica per immagini, come l FDG-PET o la CT-PET sono comunque utili per la valutazione della presenza di malattia minima. 2. monitoraggio di pazienti con bassi livelli di proteine del mieloma (proteina-m) Il mieloma che produce bassi livelli di proteina-m è stato tradizionalmene non-secernente o iposecernente. Due nuovi termini sono usati oggi: oligosecernente e paucisecernente. Nel 70% e l 80% circa dei soggetti con questo tipo di mieloma si evidenziano anomalie quantificabili della proteina-m nel siero che possono essere valutate attraverso l analisi delle catene leggere libere del siero. Il test Freelite è stato incorporato nei criteri di risposta per la valutazione dell efficacia del trattamento del mieloma con livelli bassi di proteina-m (vedere Tabella 2 sottostante) Tabella 2. Risposta al trattamento nel mieloma iposecernente utilizzando il test Freelite Risposta completa Risposta parziale Rapporto delle catene leggere normalizzato Diminuizione 50% nella diffrenza tra la catena leggera prodotta dalle cellule del mieloma e l altra catena leggera. 3. Arruolamento negli studi clinici Gli studi clinici sono l unica via attraversala quale è possibile rendere disponibili i nuovi farmaci e scoprire potenziali nuove cure. Le persone affette da mieloma possono partecipare a studi clinici centrati sulla sicurezza e l efficacia dei nuovi trattamenti. Per far si che un paziente sia eleggibile a partecipare ad una sperimentazione, ci deve essere un modo per monitorare i livelli di proteina-m nel sangue e nelle urine. Pazienti con mieloma iposecernente (precedentemente definito come non secernente ) venivano solitamente esclusi dagli studi clinici in quanto non esistevano metodi per monitorare le loro concentrazioni di proteina-m. Ma dal momento in cui si è resa disponibili l analisi delle catene leggere libere del siero, i livelli di proteina- M possono essere monitorati nel sangue di tutti i pazienti. Perciò, pazienti con malattia iposecernente (anche chiamata oligisecernente o paucisecernente) oggi potrebbero essere eleggibili a partecipare a studi clinici. 4. Indicatore dell attività della malattia Uno studio condotto dalla Mayo Clinic ha dimostrato come in pazienti con MGUS che presentavano un rapporto alterato delle catene leggere libere, abbiano la tendenza al progredire della malattia verso un mieloma in fase attiva, o una condizione maligna raccontata. Le alterazioni dei livelli di Freelite sono utili per delineare lo stato della malattia in gran parte dei pazienti con mieloma, e non soltanto in quelli con la variante di Bence Jones o non secernente

11 5. Valutazione di una risposta completa stringente al trattamento Uno degli obiettivi della terapia del mieloma è quello di ridurre il più possibile i livelli di proteina-m e a volte di eliminarli completamente. Se il rapporto delle catene leggere libere si normalizza dopo il trattamento esso funziona come un indicatore molto buono e sensibile dell elevata efficacia del trattamento stesso ed segnala che i livelli di paraproteine a catena leggera sono stati ridotti al minimo. Se il rapporto delle catene leggere libere si normalizza col trattamento il risultato viene definito una risposta stringente ratificata come la miglior risposta possibile secondo i Criteri internazionali della risposta alla terapia per il mieloma multiplo. Per definizione una risposta stringente completa al trattamento include anchei normali SPEP, UPEP e IFE e l assenza di cellule del mieloma nel midollo osseo, avvalorata da test specifici. Livelli di Freelite e valutazione della risposta al trattamento I livelli di Freelite nel siero possono essere usati allo stesso modo dei livelli di proteina monoclonale per definire la risposta al trattamento ma essi possono anche essere usati più frequentemente e precocemente nelle primissime settimane di terapia. Alcune persone affette da mieloma trovano questo processo utile per valutare i loro livelli di catene leggere libere nel siero usando tabelle o fogli elettronici in analogia a quanto viene comunemente fatto dai pazienti diabetici, relativamente alla misurazione ed al controllo della glicemia. Un potente strumento per seguire i risultati dei test di laboratorio e per visualizzare e stampare tabelle è il Myeloma Manager disponibile in inglese per il momento sul sito Specifici criteri per valutare una buona risposta o una risposta completa sono stati stabiliti dall International Myeloma Working Group e sono riassunti nella Tabella 3. Tabella 3. Risposta completa stringente e risposta completa Risposta completa stringente Risposta completa Risposta completa (definita di sotto) e la normalizzazione del rapporto delle catene leggere libere e assenza di cellule del mieloma nel midollo osseo. Immunofissazione negativa nel siero e nelle urine, scomparsa di qualsiasi plasmocitoma e plasmacellule 5% nel midollo osseo. In sintesi, l analisi delle catene leggere libere del siero offre molti vantaggi per la diagnosi e per il monitoraggio del trattamento: L introduzione dell analisi delle catene leggere libere del siero può migliorare la sensibilità dei protocolli l individuazione e per la diagnosi di mieloma. L analisi delle catene leggere libere del siero insieme ad altri test può fornire informazioni ulteriori nei soggetti con MGUS 20 21

12 L utilizzo dell analisi delle catene leggere libere del siero per monitorare il trattamento evidenzia risposte allo stesso più precocemente rispetto ad altri test di laboratorio come la SPEP La sensibilità aumentata dell analisi delle catene leggere libere del siero rispetto all IFE potrebbe consentire di identificare con maggior precocità una recidiva di malattia. L utilizzo dell analisi delle catene leggere libere del siero è raccomandato nella diagnosi, la prognosi, e per monitorare la malattia nelle direttive dell International Myeloma Working Group. I Pazienti che ricevono maggiori benefici dal dosaggio delle catene leggere libere del siero Pazienti con mieloma che presentano anomali valori delle catene leggere libere del siero all inizio del trattamento. Il monitoraggio con il metodo delle catene leggere libere del siero permette spesso una più rapida valutazione dell efficacia del trattamento. Soggetti con bassissimi livelli di catene leggere all esame della SPEP, dell UPEP e dell IFE. che generalmente sono affette da mieloma non secernente (iposecernente, oligosecernente, o paucisecernente). Circa il 70% delle persone affette da mieloma multiplo non secernente può essere monitorato attraverso l analisi delle catene leggere libere del siero. Pazienti affetti da AL amiloidosi che si manifesta con depositi di catene leggere e che potrebbero avere o meno un mieloma attivo. Monitorare i livelli di catene leggere può essere molto utile per valutare lo stato della malattia. Pazienti con depositi di catene leggere (mieloma di Bence Jones). I vantaggi maggiori dell analisi delle catene leggere libere del siero in questi casi sono: Maggiore comodità dei prelievi di sangue rispetto alla raccolta delle urine delle 24 ore* Sensibilità di gran lugna superiore dei test sul sangue, che permette di identificare anche livelli modicamente aumentati nel sangue che non sono identificabili invece nelle urine. * Importante è notare che la raccolta delle urine delle 24 ore è comunque raccomandata e necessaria sia per valutare l escrezione delle catene leggere che per monitorare i danni renali

13 Informazioni relative all IMF Una persona può fare la differenza, Due possono fare un miracolo. Brian D. Novis Fondatore dell IMF Il mieloma è un piccolo tumore del midollo osseo complesso e spesso misdiagnosticato che colpisce e distrugge l osso. Il mieloma colpisce approssimativamente persone nel mondo. Sebbene al momento non vi sia una cura per il mieloma, i medici si avvalgono di diverse modalità di trattamenti per aiutare i pazienti affetti da questa patologia a vivere meglio e più a lungo. La Fondazione Internazionale del Mieloma (IMF) fu fondata nel 1990 da Brian e Susie Novis subito dopo che a Brian venne diagnosticato il mieloma all età di 33 anni. Era il sogno di Brian che in futuro i pazienti potessero accedere facilmente alle informazioni di carattere medico e ad un supporto psicologico durante la loro battaglia contro il mieloma. Egli fondò l IMF allo scopo di raggiungere 3 obiettivi: trattamento, istruzione e ricerca., fornendo anche un ampio ventaglio di servizi per i pazienti, le loro famiglie, gli amici e i medici. Sebbene Brian sia mancato 4 anni dopo la diagnosi della sua malattia, il suo sogno non è morto con lui. Oggi l IMF conta oltre membri a livello internazionale ed è la prima organizzazione dedicata esclusivamente al mieloma e a tutt oggi rimane la più numerosa. L IMF fornisce programmi e servizi al fine di aiutare la ricerca, la diagnosi, le terapie e la gestione del mieloma. Questa fondazione si assicura che nessuno debba combattere il mieloma da solo. Noi ci preoccupiamo dei pazienti di oggi, mentre lavoriamo verso la cura di domani. Come può aiurarti l IMF? EDUCAZIONE DEL PAZIENTE PACCHETTO INFORMATIVO Il nostro Pacchetto-Informazioni IMF gratuito fornisce informazioni omnicomprensive sul mieloma, sulle differenti opzioni terapeutiche, sulla gestione della malattia e sui servizi offerti dell IMF, ivi compresa la famosa Guida per il Paziente. ACCESSO INTERNET E sempre possibile collegarsi e registrarsi al sito (disponibile 24 ore su 24) per avere accesso alle informazioni sul mieloma, sull IMF, sull istruzione e sui programmi di supporto. Messagiero di Mieloma Si iscriva per ricevere il bolletino elettronico «newsletter» trimestrale gratuito via per avere informazioni importanti sul mieloma. SEMINARI PER PAZIENTI E FAMILIARI Incontri con i principali esperti nel trattamento del mieloma per conoscere i recenti sviluppi nella terapia e nella ricerca

14 <<MYELOMA TODAY>> BOLLETTINO D INFORMAZIONE GIORNALIERO SUL MIELOMA (in inglese) Il nostro bollettino d informazione trimestrale è disponibile gratis per la sottoscrizione nel sito web. SUPPORTO LINEA DIRETTA DEL MIELOMA: CURE (2873) La linea diretta dell IMF (in inglese), gratis negli Stati Uniti e in Canada, con personale qualificato e specialistico ed in frequente interazione con i membri del nostro gruppo di consulenti scientifici. GRUPPO DI SUPPORTO Una rete mondiale di più di 100 gruppi di supporto organizza regolari incontri per i membri della comunità dei pazienti con mieloma e incontri annuali per i rappresentanti dei gruppi di supporto. RICERCA BANK ON A CURE Questa banca di DNA fornirà dati genetici per la i ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci. IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI STADIAZIONE (ISS) Questo sistema aggiornato di stadiazione del mieloma migliorerà la capacità dei medici di selezionare il trattamento più appropriato per ogni paziente. Glossario Anticorpo: proteina prodotta da alcuni globuli bianchi del corpo che aiuta a combattere l infezione. Globulo bianco: cellula prodotta dal midollo osseo che aiuta a combattere infezioni e/o malattie. Immunoglobulina: anticorpo. Midollo osseo: tessuto molle e spugnoso che si trova nelle ossa più grandi e che produce globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Mieloma multiplo: tumore che nasce dalle plasmacellule nel midollo osseo. Le plasmacellule, nei pazienti affetti da mieloma multiplo, formano anticorpi anomali, i quali possono danneggiare l osso, il midollo osseo e altri organi. Plasmacellula: particolare tipo di globulo bianco che produce anticorpi. Plasmocitoma: tumore costituto da plasmacellule tumorali. Proteina: gruppo di elementi che può formare una cellula. Proteina monoclonale (proteina M): immunoglobulina anomala prodotta dalle cellule del mieloma. Un elevato livello di proteina monoclonale indica la presenza di numerose cellule mielomatose. La proteina monoclonale può essere composta da immunoglobuline intatte, catene libere leggere, oppure da entrambi. Risposta completa stringente: normalizzazione del rapporto delle catene leggere libere e assenza di cellule del mieloma nel midollo osseo dopo il trattamento 26 27

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Nella maggior parte dei casi, chi legge quest opuscolo ha da poco ricevuto una

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Era considerato insuperabile. Ora lo abbiamo reso ancora migliore. MIGLIORE IN OGNI PARTICOLARE, IMBATTIBILE

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Riconoscimenti RICONOSCIMENTI Il marchio MedDRA è proprietà di IFPMA per conto di ICH. Dichiarazione di responsabilità e copyright Questo documento è protetto

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli