CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 46

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 46"

Transcript

1 Arcavacata, CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 46 Alle ore 10:00 del 5 luglio 2007, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica, come da convocazione del 27/06/2007, prot. n. 142, si è riunito il Consiglio di Corso di Laurea e di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica per discutere il seguente o.d.g.: 1) COMUNICAZIONI 2) PRATICHE STUDENTI 3) QUESTIONI DIDATTICHE 4) VARIE ED EVENTUALI Per il primo gruppo (da considerare per la verifica dell esistenza del numero legale) sono presenti: i Proff. G. Danieli, G. Florio, F. Furgiuele, L. Pagnotta e A. Poggialini, ed i ricercatori Ingg. C. Maletta e D. Ombrello. Sono assenti giustificati: i Proff. M. L. Luchi, D. Kaliakatsos, F. Malara, D. Menniti, M. Muzzupappa ed E. Papoff; i Ricercatori L. Bruno, M. Carini, C. De Bartolo, G. Gatti, D. Mundo e A. Trombetta. Per i rappresentati degli studenti sono presenti A. Algieri e G. Parrotta; è assente ingiustificata la rappresentante degli studenti A. Caiazza. Per il secondo gruppo sono presenti i Proff. S. Bova, V. Marinelli e M. Amelio ed il ricercatore L. De Napoli. Assume la presidenza il Presidente del C.C.L. Prof. Franco Furgiuele, mentre segretario è l Ing. Carmine Maletta. Il Presidente, constatata l esistenza del numero legale, dichiara valida l adunanza ai sensi dell art. 18 del Regolamento Generale Universitario. 1) COMUNICAZIONI Il Presidente riferisce sui lavori della Commissione Budget dei C.d.S., costituita dai Proff. F. Aggarbati, G. Di Massa, F. Furgiuele, L. Palopoli e P. Veltri e coordinata dal Prof. G. Florio. La commissione è giunta alla conclusione che se la Facoltà ritiene di continuare a erogare l attuale offerta formativa è necessario pensare ad un incremento del carico didattico per i Professori di Prima e Seconda fascia. L incremento dovrebbe portare il carico didattico ad almeno 80 ore, rimuovendo l attuale divieto per i Professori di adempiere il carico didattico con le sole ore di lezioni. Il Presidente riferisce che la suddetta commissione ha inoltre pensato che l unica strada praticabile per valutare il budget dei CdS sia in CFU. Le motivazioni fornite sono le seguenti: ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

2 l offerta formativa si basa sui CFU; il costo di 1 CFU può variare, a seconda delle ore di lezioni, esercitazioni e laboratorio erogate, da un minimo di 520 sino a 900; riuscire ad aver un controllo della spesa; concedere ampia autonomia ai C.d.S. la progettazione del D.M. 270 con un Budget in CFU è sicuramente la strada più agevole. Il Presidente riferisce sulla comunicazione ricevuta dalla Preside sulla delibera di Facoltà del a proposito dei criteri d ammissione alla laurea specialistica, dall a.a , per la verifica della preparazione degli studenti provenienti da altre Facoltà o da altri Atenei. Come molti dei presenti ricorderanno, la delibera del CdF del , relativa ai criteri d ammissione alla laurea specialistica dall a.a , prevedeva che: Il Consiglio di Facoltà delibera di non fissare alcun numero e di consentire agli studenti di iscriversi purché soddisfino i requisiti curriculari e superino la prova per la verifica della preparazione personale; saranno esonerati dalla prova coloro che hanno conseguito la laurea triennale con un voto uguale o maggiore a una soglia che sarà stabilita da ogni CdLS e che comunque non potrà essere inferiore a 92/110. Modalità e termini della prova saranno stabilite da ogni singolo CdLS. L esonero non riguarderà coloro che provengono dal percorso professionalizzante i quali, a prescindere dal voto di laurea, dovranno sostenere la prova. Tale delibera è stata trasmessa ai CdLS in data , prot. n. 962, e dagli stessi confermata e inserita nel verbale del CdF del Nell ultimo CdF del , nel rivedere i criteri d ammissione alla laurea specialistica per la verifica della preparazione degli studenti provenienti da altre Facoltà o da altri Atenei, è stata assunta una delibera difforme rispetto alla precedente per quanto riguarda gli studenti interni provenienti dal Percorso Professionalizzante, senza che i CCLS avessero avuto modo di discuterne. La Preside propone ai CCLS di non variare la delibera del , e confermata dal CdF del , relativa agli studenti interni provenienti dal Percorso Professionalizzante e di lasciare ad ogni CCLS la possibilità di decidere tra le seguenti opzioni: definire un eventuale soglia di esonero per gli studenti esterni, comunque non inferiore a quella stabilita per gli interni; rendere la prova obbligatoria per tutti; prevederla in funzione dell esame dell analisi del curriculum. La Preside invierà la suddetta proposta a tutti i membri del CdF e successivamente convocherà un Consiglio straordinario di Facoltà per l eventuale approvazione. Il Presidente riferisce sull adeguamento dei manifesto degli studi al DM 270 da parte di altri atenei. Il Presidente cede la parola al Prof. Bova, che riferisce di un incontro ATA, svoltosi a Modena, avente per oggetto la collaborazione Industria-Università. Il Presidente riferisce di un analogo incontro, sponsorizzato dalla Henkel, svoltosi a Vicenza. Il Presidente riferisce che il inviato il ai docenti afferenti al CCS in Ingegneria Meccanica è dovuto alle lamentele da parte dei rappresentanti degli ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

3 studenti, i quali gli hanno riferito che alcuni docenti hanno chiesto di potere svolgere ore di lezioni oltre il (termine del 3 periodo didattico). In effetti, solo un collega ha manifestato questa intenzione, ma in seguito al suddetto ha receduto dal tale proposito. 2) PRATICHE STUDENTI Mario PICERNO Lo studente Mario PICERNO, avendo conseguito il la laurea in Ingegneria Meccanica N.O., presso l Università della Calabria, con la votazione di 104/110, chiede di potersi iscrivere agli insegnamenti della Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica di seguito elencati: Costruzione di Macchine, 7 CFU; Ottimizzazione, 4 CFU. Il consiglio all unanimità approva la richiesta dello studente. Enrico SPENA Lo studente Enrico SPENA, avendo conseguito il la laurea in Ingegneria Meccanica N.O., presso l Università della Calabria, con la votazione di 97/110, chiede di potersi iscrivere agli insegnamenti della Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica di seguito elencati: Modelli per l Ingegneria 1, 6 CFU; Costruzione di Macchine, 7 CFU; Ottimizzazione, 4 CFU. Il consiglio all unanimità approva la richiesta dello studente. Barbara FUOCO La studentessa Barbara FUOCO, avendo conseguito il la laurea in Ingegneria Meccanica N.O., presso l Università della Calabria, con la votazione di 86/110, chiede di potersi iscrivere agli insegnamenti della Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica di seguito elencati: Modelli per l Ingegneria 1, 6 CFU; Costruzione di Macchine, 7 CFU; Ottimizzazione, 4 CFU. Il consiglio all unanimità approva la richiesta della studentessa. Iris CORREGGIA La studentessa Iris CORREGGIA (matr. n ), iscritta al Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica, chiede di potere sostituire quale insegnamento a scelta Centrali Termoelettriche (3 CFU) con Francese (4 CFU) del Corso di Laurea in Scienze Tutistiche. Alla richiesta ha allegato il piano di studi presentato on line. Il consiglio all unanimità approva la richiesta della studentessa ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

4 Mohamed EL HICHAMI Come da comunicazione trasmessa al Ministero dell Insegnamento Superiore del Marocco, Il Prof. F. Furgiuele ha dato la sua disponibilità a ricoprire la funzione di tutor, incaricato a monitorare la carriera dello studente Mohamed El Hichami. Giuseppe DE MASI Lo studente Giuseppe DE MASI (matr. n ), iscritto al 2 anno del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica, chiede l approvazione del seguente piano di studi: 1 anno Complementi di Matematica (4 CFU), superato con la votazione di 26/30; Complementi di Controlli Automatici (4 CFU), superato con la votazione di 29/30; Sistemi di Acquisizione Dati (4 CFU), superato con la votazione di Linguaggi di Programmazione (5 CFU), superato con la votazione di 28/30; Meccanica delle Vibrazioni (4 CFU), superato con la votazione di 29/30; Modelli per l Ingegneria 1 (6 CFU), superato con la votazione di 27/30; Fertigungsverfahren, in sostituzione di Complementi di Tecnologia Meccanica (5 CFU), superato con la votazione di 27/30 (verbale del CCL n. 33 del ); Meccanica dei Robot (4 CFU), superato con la votazione di 26/30; Anatomia Funzionale (3 CFU a scelta), superato senza voto (verbale del CCL n. 33 del ); Costruzione di Macchine (7 CFU), superato con la votazione di 27/30; Praktikum Qualitätsmanagment, in sostituzione di Ottimizzazione (4 CFU), superato senza voto (verbale del CCL n. 34 del ); Modelli per l Ingegneria 2 (4 CFU), superato con la votazione di 27/30; Selezione e Valutazione dei Materiali Ingegneristici (4 CFU), superato con la votazione di 28/30; Biomacchine (3 CFU a scelta), superato senza voto (verbale del CCL n. 33 del ); 2 anno Gestione dei Sistemi di Produzione (6 CFU), superato con la votazione di 27/30; Analisi Sperimentale delle Tensioni (6 CFU), superato con la votazione di 28/30; CAD Praktikum, in sostituzione di Strumenti e Metodi per la Prototipazione Virtuale (5 CFU), superato senza voto (verbale del CCL n. 33 del ); Centrali Termoelettriche (3 CFU a scelta), superato senza voto (verbale del CCL n. 33 del ); ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

5 Werkzeugmaschinen, in sostituzione di Progettazione Meccanica (6 CFU), superato con la votazione di 27/30 (verbale del CCL n. 33 del ); Progettazione dei Processi Industriali (5 CFU), superato con la votazione di Metodi di Progettazione Industriale (5 CFU), superato con la votazione di 30 e lode/30; Biomeccanica (3 CFU a scelta), superato senza voto (verbale del CCL n. 33 del ); Tesi di laurea (20 CFU). Il Consiglio all unanimità approva il manifesto degli studi proposto dall allievo De Masi. Claudia ZITO La studentessa Claudia ZITO (matr. n ), iscritta per l a.a. 2006/2007 Fuori Corso per la 4 a volta al 3 anno del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica, indirizzo Progettazione e Produzione Industriale, chiede il riconoscimento dell insegnamento di Disegno di Macchine V.O. (verbale del CCL n. 8 del ) in sostituzione di Disegno Tecnico Industriale superato presso l Università degli Studi di Bologna. Il Presidente riferisce che ha già comunicato alla Segreteria Studenti che la richiesta deve essere accolta in quanto la convalida di Disegno di Macchine V.O. con Metodi di Rappresentazione Tecnica (5 CFU) e Disegno di Macchine (5 CFU) è di automatica approvazione, pertanto chiede al Consiglio di volere ratificare. Il Consiglio all unanimità ratifica. Marco AMBROGIO Lo studente Marco AMBROGIO (matr. n ), iscritto per l a.a. 2006/2007 al 2 anno del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica, chiede la sostituzione dei 6 CFU a scelta con la frequenza al Corso di Perfezionamento in Industrial Design. Gli insegnamenti previsti nel piano di studi sono Intelligenza Artificiale (5 CFU) ed Elementi di Energia Solare (3 CFU). Si precisa che con l insegnamento di Intelligenza Artificiale il piano di studi dello studente Ambrogio sarebbe risultato pari a 122 CFU, a fronte dei 120 CFU previsti dal Manifesto degli Studi del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica. Il Presidente ritiene, sulla base della delibera del CCS dell 11/05/2004 (verbale n. 16), che la sostituzione richiesta dallo studente Ambrogio sia ammissibile e ne chiede l approvazione al Consiglio. Il Consiglio all unanimità approva. Il Piano di studi presentato dallo studente, per un totale di 120 CFU, è il seguente: 1 anno Complementi di Matematica (4 CFU), da sostenere; Complementi di Controlli Automatici (4 CFU), superato con la votazione di Sistemi di Acquisizione Dati (4 CFU), superato con la votazione di 27/30; Linguaggi di Programmazione (5 CFU), superato con la votazione di ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

6 Meccanica delle Vibrazioni (4 CFU), superato con la votazione di 28/30; Modelli per l Ingegneria 1 (6 CFU), da sostenere; CAD/CAM, in sostituzione di Complementi di Tecnologia Meccanica (5 CFU), superato con la votazione di 29/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Dynamics of Machinery, in sostituzione di Meccanica dei Robot (4 CFU), superato con la votazione di 27/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Machine Elements, in sostituzione di Costruzione di Macchine (7 CFU), superato con la votazione di 27/30 (verbale del CCL n. 40 del ); FEM-Light (Applied Finite Element Modelling), in sostituzione di Modelli per l Ingegneria 2 (4 CFU), superato con la votazione di 28/30 e Ottimizzazione (4 CFU), superato con la votazione di 28/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Selezione e Valutazione dei Materiali Ingegneristici (4 CFU), da sostenere; Biomacchine (3 CFU a scelta), superato con la votazione di 27/30 (verbale del CCL n. 40 del ); 2 anno Gestione dei Sistemi di Produzione (6 CFU), superato con la votazione di 27/30; Analisi Sperimentale delle Tensioni (6 CFU), superato con la votazione di 28/30; Strumenti e Metodi per la Prototipazione Virtuale (5 CFU), superato con la votazione di 30 e lode /30; Progettazione Meccanica (6 CFU), da sostenere; Progettazione dei Processi Industriali (5 CFU), superato con la votazione di 29/30; Metodi di Progettazione Industriale (5 CFU), superato con la votazione di 30 e lode/30; Biomeccanica (3 CFU a scelta), superato con la votazione di 28/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Corso di Perfezionamento in Industrial Design (6 CFU), senza voto; Tesi di laurea (20 CFU). Lidia Alessia GENTILE La studentessa Lidia Alessia GENTILE (matr. n ), iscritta per l a.a. 2006/2007 al 2 anno del Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica, chiede la sostituzione dei 6 CFU a scelta con la frequenza al Corso di Perfezionamento in Industrial Design. Gli insegnamenti previsti nel piano di studi sono Centrali Termoelettriche (3 CFU) ed Elementi di Energia Solare (3 CFU). Il Presidente ritiene, sulla base della delibera del CCS dell 11/05/2004 (verbale n. 16), che la sostituzione richiesta dalla studentessa Gentile sia ammissibile e ne chiede l approvazione al Consiglio ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

7 Il Consiglio all unanimità approva. Il Piano di studi presentato dalla studentessa, per un totale di 120 CFU, è il seguente: 1 anno Complementi di Matematica (4 CFU), da sostenere; Complementi di Controlli Automatici (4 CFU), superato con la votazione di 26/30; Sistemi di Acquisizione Dati (4 CFU), superato con la votazione di 27/30; Linguaggi di Programmazione (5 CFU), superato con la votazione di 28/30; Meccanica delle Vibrazioni (4 CFU), superato con la votazione di Modelli per l Ingegneria 1 (6 CFU), da sostenere; CAD/CAM, in sostituzione di Complementi di Tecnologia Meccanica (5 CFU), superato con la votazione di 29/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Dynamics of Machinery, in sostituzione di Meccanica dei Robot (4 CFU), superato con la votazione di 27/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Machine Elements, in sostituzione di Costruzione di Macchine (7 CFU), superato con la votazione di 23/30 (verbale del CCL n. 40 del ); FEM-Light (Applied Finite Element Modelling), in sostituzione di Modelli per l Ingegneria 2 (4 CFU), superato con la votazione di 28/30 e Ottimizzazione (4 CFU), superato con la votazione di 28/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Selezione e Valutazione dei Materiali Ingegneristici (4 CFU), da sostenere; Biomacchine (3 CFU a scelta), superato con la votazione di 23/30 (verbale del CCL n. 40 del ); 2 anno Gestione dei Sistemi di Produzione (6 CFU), superato con la votazione di Analisi Sperimentale delle Tensioni (6 CFU), superato con la votazione di 28/30; Strumenti e Metodi per la Prototipazione Virtuale (5 CFU), superato con la votazione di Progettazione Meccanica (6 CFU), da sostenere; Progettazione dei Processi Industriali (5 CFU), superato con la votazione di 29/30; Metodi di Progettazione Industriale (5 CFU), superato con la votazione di 30 e lode/30; Biomeccanica (3 CFU a scelta), superato con la votazione di 28/30 (verbale del CCL n. 40 del ); Corso di Perfezionamento in Industrial Design (6 CFU), senza voto; Tesi di laurea (20 CFU) ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

8 Gaetano ALLEVATO Lo studente Gaetano ALLEVATO (matr. n ), iscritto per l a.a. 2006/2007 al 1 anno F.C. del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica N.O., indirizzo Formativo, chiede il passaggio all orientamento professionalizzante Progettazione e Produzione Industriale. L allievo Allevato, oltre a riportare l elenco degli esami sostenuti, allega una dichiarazione del Prof. M. Muzzupappa, responsabile del progetto Faster, nella quale è riportato che l attività di tirocinio dello studente Allevato svolta nell ambito della realizzazione della vettura da competizione Formula SAE Italy è quantizzabile in 10 CFU. Il piano di studi proposto dallo studente, costituito da 181 CFU a fronte dei 180 CFU previsti dal manifesto, è il seguente: 1 anno - Algebra Lineare e Geometria (5 CFU), superato con la votazione di 18/30; - Calcolo 1 (4 CFU), superato con la votazione di 21/30; - Fisica 1 (6 CFU), superato con la votazione di 28/30; - Introduzione all Informatica (2 CFU), superato con la votazione di 23/30; - Calcolo 2 (4 CFU), superato con la votazione di 18/30; - Fondamenti di Informatica (4 CFU), superato con la votazione di 25/30; - Chimica (5 CFU), superato con la votazione di 21/30; - Fisica 2 (5 CFU), superato con la votazione di 20/30; - Calcolo 3 (4 CFU), superato con la votazione di 18/30; - Meccanica dei Fluidi (4 CFU), da sostenere; - Metodi di Rappresentazione Tecnica (5 CFU), superato con la votazione di 19/30; - Chimica Applicata (4 CFU), superato con la votazione di 27/30; - Fondamenti di Meccanica Teorica e Applicata (5 CFU), superato con la votazione di 22/30; 2 anno - Elettrotecnica (4 CFU), superato con la votazione di 24/30; - Fondamenti e Applicazioni di Termodinamica (6 CFU), superato con la votazione di 22/30; - Matematica Applicata (3 CFU), superato con la votazione di 30 e lode/30; - Comportamento Meccanico dei Materiali (5 CFU), da sostenere; - Tecnologia Generale dei Materiali (3 CFU), superato con la votazione di 18/30; - Macchine (6 CFU), superato con la votazione di 27/30; - Macchine Elettriche (3 CFU), superato con la votazione di 27/30; - Tecnologia Meccanica (5 CFU), superato con la votazione di 25/30; - Meccanica Applicata alle Macchine (5 CFU), superato con la votazione di - Trasmissione del Calore (4 CFU), superato con la votazione di 19/30; - Disegno di Macchine (5 CFU), superato con la votazione di 24/30; - Sistemi energetici (4 CFU), superato con la votazione di 28/30; - Teoria e Pratiche delle Misure (5 CFU), superato con la votazione di 24/30; ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

9 - Inglese (5 CFU), sostenuto; 3 anno - Impianti Industriali (6 CFU), superato con la votazione di 21/30; - Elementi Costruttivi delle Macchine (6 CFU), da sostenere; - Strumentazione Industriale (5 CFU), superato con la votazione di 24/30; - Tecnologia Meccanica II (6 CFU), da sostenere; - Disegno Assistito da Calcolatore (5 CFU), superato con la votazione di - Economia e Organizzazione Aziendale (4 CFU), superato con la votazione di 19/30; - Elementi di Relazioni Aziendali (2 CFU), superato con la votazione di - Meccanica Sperimentale (4 CFU), da sostenere; - Stage (10 CFU); - Prova Finale (4 CFU); - Motori a Combustione Interna (4 CFU a scelta), superato con la votazione di 27/30; - Oleodinamica (3 CFU a scelta), superato con la votazione di 26/30; - Laboratorio di Robotica ( 3 CFU a scelta), superato con la votazione di 24/30; Altre attività - Anatomia Funzionale (3 CFU), superato con la votazione di - Statistica e Calcolo delle Probabilità (3 CFU), superato con la votazione di 20/30; - Sistemi di Acquisizione Dati (5 CFU), superato con la votazione di 23/30; Il Presidente propone, considerato che il piano di studi proposto dallo studente Allevato è di 192 CFU, di utilizzare i 12 CFU in esubero per gli insegnamenti di Tecnologia Meccanica II (6 CFU) e Meccanica Sperimentale (4 CFU) non ancora superati. In particolare i suddetti esami si intendono superati con la votazione di 24/30 (voto medio dei 12 CFU in esubero) previo un colloquio integrativo da concordare con i docenti di Tecnologia Meccanica II e Meccanica Sperimentale, il cui esito dovrà essere comunicato a questo Consiglio. Il Consiglio all unanimità approva la richiesta dello studente con la precisazione proposta dal Presidente. 3) QUESTIONI DIDATTICHE Il Presidente riferisce che l ingegnere G. Ambrogio chiede di completare il suo carico didattico con le 16 ore di lezione e le 15 di esercitazione dell'insegnamento di Tecnologia Meccanica attivato al 2 anno del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica. Il Consiglio, all unanimità, approva la richiesta dell Ing. Ambrogio. Il Presidente chiede al CCS se intende confermare per il prossimo a.a. 2007/2008 il contratto ai seguenti docenti: ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

10 Laurea Triennale: Orazio MAINIERI per il sottomodulo di ING-IND/10 CICLI A VAPORE DELLE CENTRALI TERMOELETTRICHE 1 CFU, relativo all insegnamento di ING-IND/10 - FONDAMENTI ED APPLICAZIONI DI TERMODINAMICA 6 CFU; Stefano CHIAUSSA per il sottomodulo di ING-IND/16 TECNICHE DI LAVORAZIONE CON LASER 1 CFU, relativo all insegnamento di ING- IND/16 TECNOLOGIA MECCANICA II 5 CFU; Anna SALVO per l insegnamento di M-PSI/06 ELEMENTI DI RELAZIONI AZIENDALI 2 CFU; Antonio IANFASCIA per il sottomodulo di ING-IND/14 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI 1 CFU, relativo all insegnamento di ING-IND/14 MECCANICA SPERIMENTALE 4 CFU; Leopoldo D ANGELO per l insegnamento di ING-IND/17 SERVIZI DI STABILIMENTO 3 CFU; Mauro MARCHIONNI per l insegnamento di ING-IND/08 OLEODINAMICA 3 CFU; Irina TRUBITSYNA per l insegnamento di ING-INF/05 INFORMATICA APPLICATA 3 CFU. Il Consiglio all unanimità approva. Inoltre, il Presidente verifica insieme ai componenti il CCS la possibilità di coprire per contratto l insegnamento di ING-IND/12 TEORIA E PRATICA DELLE MISURE 5 CFU, del 2 anno. Laurea Specialistica: Orazio MAINIERI per l insegnamento di ING-IND/10 CENTRALI TERMOELETTRICHE 3 CFU; Ermenegildo GIUZIO per l insegnamento di BIO/16 ANATOMIA FUNZIONALE 3 CFU; Francesco Maria COLACINO per l insegnamento di BIO/34 BIOMECCANICA 3 CFU; Il Consiglio all unanimità approva. Inoltre, il Presidente verifica insieme ai componenti il CCS la possibilità di coprire per supplenza l insegnamento di BIO/34 BIOMACCHINE 3 CFU e del sottomodulo di ING-IND/16 MODELLI NUMERICI PER LA PRODUZIONE 2 CFU dell insegnamento di Modelli per l Ingegneria II. Il Presidente chiede al Prof. Florio, quale coordinatore della Commissione Budget dei C.d.S., di voler illustrare ai presenti, con maggiori dettagli di quelli forniti nelle comunicazioni, la proposta della commissione. Il Prof. Florio accetta ed illustra con l abituale chiarezza la proposta della commissione, fornendo puntualmente i chiarimenti richiesti. Il Presidente riferisce che il Prof. M. Cucumo, docente dell insegnamento di Trasmissione del Calore del 2 anno del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica, ha ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

11 chiesto, con nota del , che venga nominato un Presidente per la prossima commissione di esame in quanto dovrà sostenere l esame del suddetto insegnamento il proprio figlio, Dario CUCUMO (matr. n ). Il Presidente, che ha provveduto a nominare tempestivamente il Presidente della Commissione nella persona del Prof. V. Marinelli, chiede al Consiglio di ratificare la suddetta nomina. Il consiglio all unanimità ratifica. 4) VARIE ED EVENTUALI Non essendovi altri argomenti da discutere o deliberare la seduta viene chiusa alle ore Il Segretario (Ing. Carmine Maletta) Il Presidente (Prof. Ing. Franco Furgiuele) ARCAVACATA DI RENDE (CS) Tel Fax

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 44

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 44 Arcavacata, 14-03-2007 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 44 Alle ore 9:30 del 14 marzo 2007, presso l Aula Seminari del Dipartimento di

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 75

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 75 Arcavacata, 10-02-2011 CONSIGLIO DI VERBALE N. 75 Alle ore 11.00 del 10 febbraio 2011, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica cubo 44C, come da convocazione del 7 febbraio 2011, prot. n.

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ENERGETICA SEDUTA DEL 24/11/2004 VERBALE N 10

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ENERGETICA SEDUTA DEL 24/11/2004 VERBALE N 10 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ENERGETICA SEDUTA DEL 24/11/2004 VERBALE N 10 Alle ore 9:00 del giorno 24 Novembre 2004, presso la Sala Riunioni della Presidenza di Ingegneria,

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 48

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 48 Arcavacata, 09-10-2007 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 48 Alle ore 10 del 09 ottobre 2007, presso l Aula Seminari del Dipartimento di

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 83

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 83 CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 83 Alle ore 10.30 del 24 febbraio 2012, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica cubo 44C, come da convocazione del 16 febbraio

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 41

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 41 Arcavacata, 17-10-2006 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 41 Alle ore 10:00 del 17 Ottobre 2006, presso l Aula Seminari del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Arcavacata, 27-01- 2004 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Arcavacata, 27-01- 2004 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA Arcavacata, 27-01- 2004 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA SEDUTA DEL 27/01/2004 VERBALE N 13 Alle ore 10.30 del 27 gennaio 2004, presso la

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 66

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 66 Arcavacata, 9-12-2009 CORSO D STUD N NGEGNERA MECCANCA CONSGLO D CORSO D STUD N NGEGNERA MECCANCA VERBALE N. 66 Alle ore 15.30 del 9 dicembre 2009, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica,

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 95

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 95 CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 95 Alle ore 9.30 del 30 settembre 2013, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica -cubo 44C, come da convocazione del 24/09/2013

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA SEDUTA DEL 10/09/2004 VERBALE N.

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA SEDUTA DEL 10/09/2004 VERBALE N. Arcavacata, 10-09-2004 CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA E CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA SEDUTA DEL 10/09/2004 VERBALE N. 19 Alle ore 10.00 del 10 Settembre 2004, presso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA VERBALE N 07 DEL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA DELL INDUSTRIA ALIMENTARE Seduta del 08 maggio 2007 Addì martedì

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 98

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 98 CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 98 Alle ore 10.00 del 23 gennaio 2014, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica -cubo 44C, come da convocazione del 16/01/14 prot.

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Arcavacata, 14-09-2011 CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 79

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Arcavacata, 14-09-2011 CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MECCANICA VERBALE N. 79 Arcavacata, 14-09-2011 CONSIGLIO DI VERBALE N. 79 Alle ore 10.30 del 14 settembre 2011, presso l Aula Seminari del Dipartimento di Meccanica cubo 44C, come da convocazione del 5 settembre 2011, prot. n.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA (FIRST LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) Denominazione e classe di appartenenza È

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale (Approvato CdF 13-6-2012) 1. Elaborazione della tesi e presentazione del titolo 1.1 La prova

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (FIRST LEVEL DEGREE IN INDUSTRIAL AND MANAGEMENT ENGINEERING) Denominazione e classe di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

Criteri di accesso alla Laurea Magistrale

Criteri di accesso alla Laurea Magistrale Criteri di accesso alla Laurea Magistrale 1. Ammissione ad un corso di Laurea Magistrale 1.1 Per essere ammessi ad un corso di Laurea Magistrale (LM) attivato presso il Dipartimento di Ingegneria ai sensi

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ENERGETICA SEDUTA DEL 29/10/2010 VERBALE N 47

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ENERGETICA SEDUTA DEL 29/10/2010 VERBALE N 47 ONSIGLIO DI ORSO DI LAUREA SPEIALISTIA IN INGEGNERIA ENERGETIA SEDUTA DEL 29/10/2010 VERBALE N 47 Alle ore 10:30 del giorno 29 ottobre 2010, presso l'aula riunione del Dipartimento di Meccanica, come da

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Regolamento Didattico Art. 1 Attivazione del Corso di Studio

Dettagli

Verbale del Consiglio del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale - DIMEG Seduta del 12 Febbraio 2014

Verbale del Consiglio del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale - DIMEG Seduta del 12 Febbraio 2014 Verbale del Consiglio del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale - DIMEG Seduta del 12 Febbraio 2014 Il giorno 12 Febbraio 2014 alle ore 11,30, presso la sala Seminari del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali FAOLTA DI INGEGNERIA ORSO DI LAUREA SPEIALISTIA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE LASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali Il orso di Laurea Specialistica in Ingegneria dell Automazione ha come

Dettagli

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESTRATTO DEL VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE DEL 12-12-2012 Il giorno 12-12-2012 alle ore 15,30 presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni,

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Si possono ovviamente dare vari casi. A titolo di esempio consideriamo alcuni casi possibili:

Si possono ovviamente dare vari casi. A titolo di esempio consideriamo alcuni casi possibili: V FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA INFORMATICA (SEDE DI COMO) REGOLE PER IL PASSAGGIO DAL VECCHIO ORDINAMENTO AL NUOVO ORDINAMENTO Novembre 2004 Studenti del Corso di Laurea V.O. Il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo

INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo POLITECNICO DI MILANO 2002/2003 III Facoltà di Ingegneria di Milano - Leonardo ANNO ACCADEMICO 2002/2003 Regolamenti Didattici dei Corsi di Studio in INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo Corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n.... - Prot. n.... Anno... Tit.... Cl.... Fasc....

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del piano di studi personale Laurea triennale in Ingegneria Elettronica (Nuovo Ordinamento)

Istruzioni per la compilazione del piano di studi personale Laurea triennale in Ingegneria Elettronica (Nuovo Ordinamento) Consiglio di Corso di Studi in INGEGNERIA ELETTRONICA Istruzioni per la compilazione del piano di studi personale Laurea triennale in Ingegneria Elettronica (Nuovo Ordinamento) Il piano di studi personale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 36/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DEI SISTEMI ENERGETICI (Classe 36/S delle Lauree Specialistiche in Ingegneria Meccanica)

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DEI SISTEMI ENERGETICI (Classe 36/S delle Lauree Specialistiche in Ingegneria Meccanica) CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DEI SISTEMI ENERGETICI (Classe 36/S delle Lauree Specialistiche in Ingegneria Meccanica) Regolamento didattico Art. 1. Attivazione 1. Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale 1 Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Le novità del DM270 2 Accento sugli aspetti metodologici piuttosto che su quelli professionalizzanti Separazione netta livelli

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008 UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008 Nel seguito saranno

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Indice: Premessa, Borse di studio, Internazionalizzazione 1) Titoli accademici 2) Requisiti di ammissione 3) Periodo

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA NORME PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI LAUREA MAGISTRALE PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI E DELL AMBIENTE A) ESAME DI LAUREA Art. 1 Ammissione

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2009/2010 Anni attivati I, II III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli obiettivi

Dettagli

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse POSTER (1/2) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011)

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011) REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011) Cap. 1 Commissioni di Laurea Art. 1 Membri delle Commissioni di Laurea.

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA Via Eudossiana, 18-00184 Roma Corso di laurea a distanza in Ingegneria Elettronica, Consorzio Nettuno RACCOLTA DELLE DELIBERE,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA DELL ATMOSFERA E METEOROLOGIA vedi anche sito internet http://www.adgb.df.unibo.it/cdl/ Presidente del Corso di Laurea in Fisica: Prof. Anna Cavallini Dipartimento di Fisica cavallini@bo.infn.it

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

ATTENZIONE: QUESTO MODULO DOVRA ESSERE UTILIZZATO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER LE MODIFICHE E PER LE PRESENTAZIONI STRAORDINARIE

ATTENZIONE: QUESTO MODULO DOVRA ESSERE UTILIZZATO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER LE MODIFICHE E PER LE PRESENTAZIONI STRAORDINARIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI E BIOCATALISI F77 PIANO DI STUDI Anno Accademico 2008/09 ATTENZIONE:

Dettagli

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO DELLE PROVE FINALI PER I CORSI DI LAUREA EX DM 270/04 (Approvato CDF 9-3-2011) 1. Riferimenti normativi. 1.1. Decreto Ministeriale 22-10-2004 n. 270, art. 10 (Obiettivi ed attività

Dettagli

I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE

I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-31 Ingegneria Gestionale NORMATIVA DI RIERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO DI RIERIMENTO: Ingegneria Industriale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

Facoltà di INGEGNERIA

Facoltà di INGEGNERIA UNVERSTÀ D ROMA LA SAPENZA Facoltà di NGEGNERA Regolamento Didattico del Corso di Laurea in NGEGNERA MECCANCA Sede di Roma Appartenente alla classe n 10 (ngegneria ndustriale) 1. Obiettivi formativi Nell

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

1 a Facoltà di Ingegneria SEDE DI FOGGIA

1 a Facoltà di Ingegneria SEDE DI FOGGIA POLITECNICO DI BARI Regolamento Didattico del Corso di Laurea in INGEGNERIA GESTIONALE Classe 10 INGEGNERIA INDUSTRIALE 1 a Facoltà di Ingegneria SEDE DI FOGGIA ALLEGATO N.3 al Verbale n. 20 del Consiglio

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico 1 Art. 1. Attivazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico 1. Presso la Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) Art 1. Denominazione È istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea

Dettagli

PIANI DI STUDIO LAUREA (MATR. N46) La Commissione approva all unanimità i seguenti piani di studio.

PIANI DI STUDIO LAUREA (MATR. N46) La Commissione approva all unanimità i seguenti piani di studio. PIANI DI STUDIO LAUREA (MATR. N46) La Commissione approva all unanimità i seguenti piani di studio. MATRICOLA ESITO 1 N46000501 APPROVATO Si approva piano di studi con i seguenti insegnamenti a scelta

Dettagli

Corso di Laurea in Disegno Industriale

Corso di Laurea in Disegno Industriale Corso di Laurea in Disegno Industriale Classe 4 Classe delle Lauree in Disegno Industriale Obiettivi del Corso di Laurea e Figura Professionale Il Corso di Laurea ha come obiettivo la formazione di tecnici

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

CORSI DI LAUREA MAGISTRALE: REQUISITI E PROCEDURE DI AMMISSIONE A.A. 2015/16

CORSI DI LAUREA MAGISTRALE: REQUISITI E PROCEDURE DI AMMISSIONE A.A. 2015/16 REQUISITI DI AMMISSIONE Titolo di studio laurea o diploma universitario triennale conseguito da non oltre 10 anni o da conseguire entro il 30 aprile 2016 Lingua straniera Curriculum lingua inglese livello

Dettagli

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria.

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE ARTICOLO 1 Valore ed efficacia del Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE (classe L-19 Scienze dell educazione e della formazione)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/2013/3422 del 28/10/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 2897 del 04.09.2013; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2007/2008

Dettagli