Conferenza Stampa RETE DI TRASPORTO PUBBLICO: ANALISI DELLA DOMANDA (BIP), INTERVENTI SULL OFFERTA E SULLA VELOCITA COMMERCIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferenza Stampa RETE DI TRASPORTO PUBBLICO: ANALISI DELLA DOMANDA (BIP), INTERVENTI SULL OFFERTA E SULLA VELOCITA COMMERCIALE"

Transcript

1 Conferenza Stampa RETE DI TRASPORTO PUBBLICO: ANALISI DELLA DOMANDA (BIP), INTERVENTI SULL OFFERTA E SULLA VELOCITA COMMERCIALE TORINO, 24 OTTOBRE 2017 Urban Center Comune di Torino

2 PREMESSA ALLE PROPOSTE TRASPORTISTICHE: I DATI DELLA VALIDAZIONE OBBLIGATORIA 2

3 Premessa: dati e analisi Attraverso il Bip e la validazione obbligatoria, si apre una nuova fase di analisi della rete. I punti cardine: 1. Servizi garantiti su tutto il territorio; 2. Modulazione dell offerta anche in base ai nuovi dati disponibili 3. Obiettivo di miglioramento complessivo del sistema. 3

4 Premessa: dati e analisi PRESENZA ORMAI STABILE DI PERSONE CHE VALIDANO (dati settimanali dal 6 febbraio al 15 ottobre) Risalita delle validazioni dopo la fase estiva (ancora da completare con universitari) 4

5 Premessa: dati e analisi TORINESI, OGNI SETTIMANA BIPPANO GRAZIE! 5

6 Premessa: dati e analisi LA CAMPAGNA PROSEGUE OGGI SIAMO AL 33% SULLA RETE DI SUPERFICIE E AL 45% INCLUDENDO ANCHE LA METRO 6

7 LE PROPOSTE TRASPORTISTICHE PRIMA FASE: ENTRO PRIMAVERA

8 Le proposte trasportistiche: prima fase 8

9 Le proposte trasportistiche: prima fase Migliorare l attrattività della rete del trasporto pubblico In questa prima fase, l attrattività del sistema sarà migliorata, esaltando lo schema gerarchico della rete di TPL, attraverso: 1. Individuazione linee di forza della rete GTT; 2. Attuazione di un modello di esercizio più funzionale impostato sulla reale frequentazione delle linee; 3. Miglioramento delle frequenze di passaggio delle linee di forza, coincidenti con quelle più utilizzate; 4. Ottimizzazione e razionalizzazione delle frequenze delle linee meno utilizzate; 5. Miglioramento dell adduzione alle linee di forza; 6. Individuazione e attuazione di specifici progetti per aumentare la velocità commerciale delle linee di forza. Gruppo di lavoro Città di Torino, Gtt, 5t e Iren. 9

10 Le proposte trasportistiche: prima fase Linee categoria ROSSA 10

11 Le proposte trasportistiche: prima fase Linee categoria ROSSA 11

12 Le proposte trasportistiche: prima fase Linee categoria ROSSA Linea 4 intervalli ore di punta 5 minuti Linea 13 intervalli ore di punta 5 minuti (oggi 6 ) Linee 2,3, 10, 15, 16, 18, 55, 56, 68 intervalli ore di punta 6 minuti (oggi 8 ) 12

13 Le proposte trasportistiche: prima fase Linee categoria ARANCIONE Ore di punta intervalli di passaggio 8-10 minuti (oggi 8-12 ) 13

14 Le proposte trasportistiche: prima fase Linee categoria VERDE Ore di punta intervalli di passaggio ogni 15 minuti (oggi ) 14

15 Le proposte trasportistiche: prima fase Linee categoria BLU Ore di punta intervalli di passaggio ogni 30 minuti (oggi ) 15

16 INCREMENTO DELLA VELOCITÀ NEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 16

17 Incremento della velocità nel trasporto pubblico Gruppo di lavoro: MIGLIORAMENTO VELOCITÀ SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER I CITTADINI UNICO OBIETTIVO CONDIVISO CONCENTRARE SFORZI E RISORSE SU ATTIVITÀ PIÙ SIGNIFICATIVE E A MAGGIORE IMPATTO RICERCA DELLE SINERGIE ATTRAVERSO CONDIVISIONE DI INFORMAZIONI E VISIONE UNITARIA DEL SISTEMA 17

18 Incremento della velocità nel trasporto pubblico MIGLIORAMENTO CONTINUO FOTOGRAFIA STATO DI FATTO ATTUAZIONE PRIORITÀ CONSOLIDAMENTO MIGLIORAMENTI RISOLUZIONE PUNTI CRITICI MODIFICA SERVIZIO MONITORAGGIO LINEA 18

19 Incremento della velocità nel trasporto pubblico ORIENTAMENTO DEGLI INVESTIMENTI Nelle prime fasi dell attività con estensione priorità alle linee bus è atteso miglioramento percepibile, man mano che l attività procede e i benefici acquisiti vengono consolidati il miglioramento sarà continuo ma con variazioni minori, partendo sempre da soglie consolidate più alte. I nuovi fondi eventualmente disponibili questi si distribuiscono su attività a maggiore impatto sul sistema sulla base dei risultati delle schede di analisi e non si disperdono in interventi a pioggia. Da logica di inseguimento e adattamento emergenze si passa a logica di pianificazione breve / medio / lungo sulla base di analisi e monitoraggio continuo del sistema TPL. L analisi e il monitoraggio continuo consentono di conoscere il sistema e di guardare da un livello più alto nella sua totalità orientando gli interventi nel futuro. 19

20 Incremento della velocità nel trasporto pubblico PRIORITA SEMAFORICA AI MEZZI PUBBLICI La priorità semaforica è un servizio che permette di garantire il semaforo verde ai mezzi pubblici lungo il loro percorso, con l obiettivo finale di aumentare la velocità commerciale del trasporto pubblico e ridurre i tempi di percorrenza, con evidente vantaggio per gli utenti Nella città di Torino, il servizio di priorità semaforica è già erogato su numerose linee TPL operate da GTT, in particolare: Linee tranviarie: 3, 4, 9, 10, 15, 16 Linee bus: 18 (in fase di attivazione) A partire dall inizio del 2017, la Città di Torino, GTT,Iren e 5T, hanno avviato un progetto strategico per l estensione della priorità semaforica a nuove linee di tram e bus del servizio di trasporto pubblico operato da GTT Estensione della priorità alle linee tranviarie 15 e 16 Sperimentazione della priorità alla linea bus 18 20

21 Incremento della velocità nel trasporto pubblico PRIORITA SEMAFORICA AI MEZZI PUBBLICI Estensione sulla linea 16: i risultati Riduzione media di 4 minuti per direzione Incremento della velocità commerciale del 14% Sulla linea 16, GTT ha potuto modificare la programmazione del servizio della linea a fronte di una maggiore velocità commerciale La priorità semaforica è stata estesa nei primi mesi del

22 Incremento della velocità nel trasporto pubblico PRIORITA SEMAFORICA AI MEZZI PUBBLICI Estensione sulla linea 15: i risultati Riduzione media di 5 minuti per direzione (su un percorso totale di 22 km di andata e ritorno) Incremento della velocità commerciale del 10% La priorità semaforica è stata estesa nei primi mesi del

23 Incremento della velocità nel trasporto pubblico PRIORITA SEMAFORICA AI MEZZI PUBBLICI Future attività: estensione della priorità sulla linea 18 È attualmente in corso l estensione della priorità semaforica alla linea bus 18: il completamento e l avvio del servizio è previsto entro fine

24 Incremento della velocità nel trasporto pubblico PRIORITA SEMAFORICA AI MEZZI PUBBLICI Future attività: estensione della priorità sulla linea 13 A inizio 2018 si inizierà a lavorare all estensione della priorità semaforica alla linea 13: nella primavera del 2018, è prevista l attivazione della priorità semaforica nel tratto di Via Po 24

25 LE PROPOSTE TRASPORTISTICHE SECONDA FASE:

26 Le proposte trasportistiche: seconda fase Sviluppare una nuova rete di TPL secondo i seguenti criteri : rispetto della struttura gerarchica; potenziamento dell intermodalità gomma ferro, adduzione ai maggiori poli di interscambio della rete urbana, suburbana ed extraurbana; potenziamento della rete tranviaria, maggiore integrazione con i servizi su gomma; Ottimizzazione del numero di linee automobilistiche, contenimento delle lunghezze e dei percorsi particolarmente lunghi e tortuosi: linee su gomma, più frequenti e al servizio di più passeggeri, con eliminazione delle sovrapposizioni dei percorsi. 26

27 Le proposte trasportistiche: seconda fase Metropolitana Il piano di potenziamento della metropolitana prevede la messa in esercizio della nuova tratta Lingotto piazza Bengasi Servizio tranviario Il piano di sviluppo del servizio tranviario prevede il potenziamento dell offerta su ferro sia attraverso il ripristino dell esercizio tranviario della linea 10 sulla tratta corso Settembrini - via Massari, sia attraverso il consolidamento e l ottimizzazione della priorità semaforica a tutte le linee (a partire dal 2018), sia attraverso rinnovo del parco attuale. Servizio ferroviario Metropolitano Servizio bus Completamento del sistema con l interconnessione dell SFM A (Torino Caselle Ceres) e la realizzazione dell SFM 5 (Orbassano Torino) e apertura delle stazioni di Dora e Zappata. In relazione agli interventi sul servizio di metropolitana e tram, il piano prevede il progetto di una nuova rete di superficie, afferente alle aree di influenza della metropolitana e dei servizi tranviari ed alle stazioni del Servizio Ferroviario Metropolitano, oltre a una revisione e ottimizzazione complessiva della rete di trasporto da attuarsi a partire dal II semestre Inoltre, negli anni , ci sarà un aumento della flotta di veicoli a trazione elettrica e relativa produzione chilometrica. 27

28 Le proposte trasportistiche: seconda fase Ecorete 2017: Il 35% dell offerta di trasporto pubblico è effettuato con veicoli a trazione completamente elettrica. 2021: Il 40% dell offerta di trasporto pubblico sarà effettuato con veicoli a trazione completamente elettrica. Metro Tram Bus elettrici SFM 28

29 Le proposte trasportistiche: seconda fase RISULTATI ATTESI La revisione del quadro di offerta, insieme ad altre azioni previste, a partire dal rinnovo della flotta, renderanno il servizio più attrattivo. Si stima in prima battuta un incremento del 3% dei passeggeri pari a 7 milioni pax/anno, ossia pax/giorno. 29

30 Le proposte trasportistiche: seconda fase Si sta istituendo un gruppo di lavoro operativo con il coinvolgimento di tutti gli attori interessati (GTT, Città di Torino, Agenzia per la Mobilità Piemontese e Regione Piemonte, 5T, IREN). 30

31 Le proposte trasportistiche: seconda fase GRAZIE DELL ATTENZIONE! 31

GTT Torino: una corsa nel labirinto del rumore

GTT Torino: una corsa nel labirinto del rumore Organizzato da Con il patrocinio di RUMORE, RUMORE, RUMORE, RUMORE... Stato di attuazione dei piani di contenimento ed abbattimento del rumore: il punto di vista delle Aziende di TPL e delle Amministrazioni

Dettagli

Emilio Del Bono Sindaco di Brescia

Emilio Del Bono Sindaco di Brescia Emilio Del Bono Sindaco di Brescia Prima valutazione sull andamento complessivo del TPL a Brescia ad un anno dall entrata in funzione della metropolitana La città media italiana e la sfida alla mobilità

Dettagli

Linee programmatiche del nuovo management aziendale

Linee programmatiche del nuovo management aziendale Linee programmatiche del nuovo management aziendale Commissione congiunta Mobilità, Trasporti, Politiche Ambientali, Protezione Civile, Animali e Verde e Verifica e Controllo Enti Partecipati Luca Bianchi,

Dettagli

MOBILITA SOSTENIBILE. Gruppo Torinese Trasporti. Guido Nicolello Dirigente Responsabile Pianificazione e Programmazione Esercizio TPL 25 febbraio 2008

MOBILITA SOSTENIBILE. Gruppo Torinese Trasporti. Guido Nicolello Dirigente Responsabile Pianificazione e Programmazione Esercizio TPL 25 febbraio 2008 MOBILITA SOSTENIBILE Guido Nicolello Dirigente Responsabile Pianificazione e Programmazione Esercizio TPL 25 febbraio 2008 CHI SIAMO Due storiche realtà del trasporto pubblico, ATM e SATTI, si fondono

Dettagli

MISSIONE E STRUTTURA DELLA DIREZIONE

MISSIONE E STRUTTURA DELLA DIREZIONE MISSIONE E STRUTTURA DELLA DIREZIONE L attuale struttura della, incardinata nell Assessorato alla Viabilità, Infrastrutture, Trasporti e Mobilità della Città di Torino, è il risultato dell evoluzione del

Dettagli

L integrazione fra il T.P.L. e il CAR-SHARING nell esperienza milanese

L integrazione fra il T.P.L. e il CAR-SHARING nell esperienza milanese L integrazione fra il T.P.L. e il CAR-SHARING nell esperienza milanese Filippo Salucci Direttore Settore Attuazione Mobilità e Trasporti Comune di Milano 12 Ottobre 2010 Obiettivi del Car Sharing per la

Dettagli

Il Progetto S.I.MO.NE.: un modello di riferimento nazionale

Il Progetto S.I.MO.NE.: un modello di riferimento nazionale Il Progetto S.I.MO.NE.: un modello di riferimento nazionale Gianfranco Presutti Direttore Direzione Lavoro Sviluppo Progetti Europei e Smart City Città di Torino Rossella Panero Direttore 5T srl Programma,

Dettagli

L'avvio del progetto di bigliettazione elettronica e Nuove modalità di incarrozzamento e controllo evasione a Torino.

L'avvio del progetto di bigliettazione elettronica e Nuove modalità di incarrozzamento e controllo evasione a Torino. L'avvio del progetto di bigliettazione elettronica e Nuove modalità di incarrozzamento e controllo evasione a Torino. Giovanni Foti Direttore TPL, GTT Torino Comitato Convegno tecnico Magna 14 Charta febbraio

Dettagli

Riqualificazione urbana e rete tranviaria

Riqualificazione urbana e rete tranviaria Amerigo Del Buono Direttore Servizi di Superficie Urbana ed Interurbana Il contesto Riqualificazione urbana e rete tranviaria Provincia Monza e Brianza LOTTO 2 (Nord) Brianza Trasporti (AGI NET) LOTTO

Dettagli

Più mobilità e meno gas serra. Linee di indirizzo per la redazione del PUMS metrobo

Più mobilità e meno gas serra. Linee di indirizzo per la redazione del PUMS metrobo Più mobilità e meno gas serra Linee di indirizzo per la redazione del PUMS metrobo Ambiente Mobilità Sviluppo economico Occupazione Cultura 47,1% 42,9% 35,3% 30,7% 26,7% Istruzione e formazione Semplificazione

Dettagli

Progetto 1 Abitare in Borgo

Progetto 1 Abitare in Borgo Progetto 1 Abitare in Borgo Modello innovativo per la riqualificazione urbana e la risposta ai bisogni abitativi. Recupero e adeguamento impiantistico su immobili inagibili del patrimonio comunale al fine

Dettagli

Il progetto CityRegions

Il progetto CityRegions Il progetto CityRegions Paolo Mascia Torino, 8 novembre 2013 This project is implemented through the CENTRAL EUROPE Programme co-financed by the ERDF. Contenuto 1. Il programma europeo 2. Il progetto CityRegions:

Dettagli

CIFI CIRT UniGE AEIT AMT GE

CIFI CIRT UniGE AEIT AMT GE CIFI CIRT UniGE AEIT AMT GE Metropolitana automatica di Torino Esperienze della prima metro driverless italiana I limiti dell automatico Piero LA SCALA Genova 22 maggio 2012 GTT Gruppo Torinese Trasporti

Dettagli

Comune di Molfetta. Prima Conferenza Nazionale sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile Bari, 18 e 19 maggio Cittadella della Cultura

Comune di Molfetta. Prima Conferenza Nazionale sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile Bari, 18 e 19 maggio Cittadella della Cultura Comune di Molfetta MOLFETTA in cifre 59 900 abitanti (9 posto tra le città pugliesi) e 12 600 addetti MOBILITA SISTEMATICA (ISTAT 2011) MOBILITA COMPLESSIVA SU MEZZI MOTORIZZATI(2015) TPL Ferro: circa

Dettagli

Linea storica Torino-Modane. Torino Lione Piattaforma Logistica di Orbassano. San Luigi

Linea storica Torino-Modane. Torino Lione Piattaforma Logistica di Orbassano. San Luigi 18 maggio 2016 Comunicato stampa di Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Città di Torino, Comune di Grugliasco, Comune di Orbassano, Commissario di Governo per la Torino-Lione, Rete Ferroviaria

Dettagli

IL BINARIO METROPOLITANO

IL BINARIO METROPOLITANO DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE e MOBILITA SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA/INTERVENTI TAV E AUTOSTRADE VIA GIOTTO, 4 50121 FIRENZE Tel. 055 262 4299 Fax. 055 262 4430 IL BINARIO METROPOLITANO nell AREA FIORENTINA

Dettagli

Progetto di potenziamento dell offerta integrata dei servizi TPL per il Giubileo Misericordia

Progetto di potenziamento dell offerta integrata dei servizi TPL per il Giubileo Misericordia DIREZIONE REGIONALE UMBRIA Progetto di potenziamento dell offerta integrata dei servizi TPL per il Giubileo Misericordia Offerta prima dell avvio del progetto SERVIZI FERRO DIREZIONE REGIONALE UMBRIA 3,7

Dettagli

L esperienza della metropolitana di Torino: il progetto e lo stato d avanzamento

L esperienza della metropolitana di Torino: il progetto e lo stato d avanzamento L esperienza della metropolitana di Torino: il progetto e lo stato d avanzamento Tommaso Turinetti Regione Piemonte: Direzione Trasporti, Infrastrutture, Mobilità e Logistica Linea 1 della Metropolitana

Dettagli

Il trasporto pubblico locale e la mobilità sostenibile

Il trasporto pubblico locale e la mobilità sostenibile Il trasporto pubblico locale e la mobilità sostenibile La promozione del trasporto pubblico locale e della mobilità sostenibile Il TPL è senz altro il sistema di trasporto più sicuro La Regione interviene

Dettagli

la pedonalizzazione del Centro Storico e futura estensione alle aree decentrate;

la pedonalizzazione del Centro Storico e futura estensione alle aree decentrate; 2.1 I servizi erogati tramite Aziende e Istituzioni 2.2.1 Mobilità e trasporti Il tema della mobilità (pubblica e privata) sul territorio cittadino è affidato al Dipartimento Mobilità e trasporti che si

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 21/49 DELL

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 21/49 DELL 21/49 L 8.4.2008 Oggetto: Programma di investimenti per il rinnovo del parco rotabile delle ferrovie ordinarie e a scartamento ridotto. 57.860.887,41. L Assessore dei trasporti riferisce che l approvazione

Dettagli

Soluzioni tecnologiche per il controllo della mobilità urbana

Soluzioni tecnologiche per il controllo della mobilità urbana Il Governo della Mobilità Urbana 16 febbraio 2011 - Urban Center, Monza Soluzioni tecnologiche per il controllo della mobilità urbana Mauro Borioni - Comune di Bologna, Settore Mobilità ITS utilizzati

Dettagli

OPERE IN ANTICIPAZIONE DELLA NUOVA LINEA TORINO-LIONE TRATTA NAZIONALE

OPERE IN ANTICIPAZIONE DELLA NUOVA LINEA TORINO-LIONE TRATTA NAZIONALE OPERE IN ANTICIPAZIONE DELLA NUOVA LINEA TORINO-LIONE TRATTA NAZIONALE LINEA TORINO S.PAOLO ORBASSANO, FERMATA S.LUIGI DI ORBASSANO ED ITINERARIO INTERNO ALLO SCALO MERCI DELLA NUOVA LINEA SFM5 TORINO

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ADEGUAMENTO E LA RIQUALIFICAZIONE INFRASTRUTTURALE DELLE LINEE FAENTINA E VALDISIEVE

PROTOCOLLO D INTESA PER L ADEGUAMENTO E LA RIQUALIFICAZIONE INFRASTRUTTURALE DELLE LINEE FAENTINA E VALDISIEVE PROTOCOLLO D INTSA PR L ADGUAMNTO LA RIQUALIFICAZION INFRASTRUTTURAL DLL LIN FANTINA VALDISIV Il giorno 4 dicembre 2017 presso la sede del Provveditorato alle OO.PP. Toscana Marche Umbria sita in Firenze

Dettagli

Tratta Solari - Washington - Bolivar

Tratta Solari - Washington - Bolivar Tratta Solari - Washington - Bolivar 1 S. CRISTOFORO S. AMBROGIO S. BABILA FORLANINI FS LINATE DATEO 2 Il tracciato M2 M1 M4 AEROPORTO M4 M3 LINEE SUBURBANE La Blu cambia Milano La linea 4 attraversa trasversalmente

Dettagli

La città di Bolzano come esempio di mobilità sostenibile

La città di Bolzano come esempio di mobilità sostenibile La città di Bolzano come esempio di mobilità sostenibile TRENTO 22.09.2017 Dott.Ing. Ivan Moroder - Ufficio Mobilità del Comune di Bolzano Come ci si muove nella città di Bolzano? Anno 2001 35,2% 17,5%

Dettagli

Logistica, professionalità ed attenzione all ambiente

Logistica, professionalità ed attenzione all ambiente Logistica, professionalità ed attenzione all ambiente Sostenibilità e logistica urbana Roma, 18 settembre 2013 Mag-Di è partner di Presentazione Mag-Di nasce nel 1969 come operatore di servizi logistici.

Dettagli

Intermodalità e gestione integrata del servizio

Intermodalità e gestione integrata del servizio Intermodalità e gestione integrata del servizio Alberto Zorzan ATM Servizi SpA Risorse Comuni 2017 I Comuni per la mobilità sostenibile in Lombardia: esperienze, progetti di sviluppo, risorse e collaborazioni

Dettagli

INPUT PROVENIENTI DAL TERRITORIO INDIRIZZI DI POLITICA URBANISTICA CITTA DI TORINO

INPUT PROVENIENTI DAL TERRITORIO INDIRIZZI DI POLITICA URBANISTICA CITTA DI TORINO STADIO JUVENTUS DI TORINO ARENA ROCK CITTA DI TORINO SHOPPING CENTER INTEGRATO ALLO STADIO JUVENTUS DI TORINO Superficie commerciale 34.000 mq Superficie di vendita 19.500 mq, suddivisi tra: > N. 1 ipermercato

Dettagli

Reggio Calabria: Verso una nuova mobilità sostenibile e intelligente

Reggio Calabria: Verso una nuova mobilità sostenibile e intelligente ITS: la mobilità delle persone e delle merci nella città intelligente Reggio Calabria: Verso una nuova mobilità sostenibile e intelligente La proposta dell Assessorato Pianificazione dello Sviluppo Urbano

Dettagli

IL SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO

IL SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali IL SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO LA MOBILITA SOSTENIBILE Torino - novembre 2007 SFM La Regione Piemonte ha conferito all Agenzia per

Dettagli

Pianificare are re ti re e e servizi inte rvizi grati inte e d intermo inte dal d i per pe una una bilità so ità stenibil ste

Pianificare are re ti re e e servizi inte rvizi grati inte e d intermo inte dal d i per pe una una bilità so ità stenibil ste Pianificare reti e servizi integrati ed intermodali per una mobilità sostenibile, intelligente e di qualità Prof. Italo Meloni Intermodalità È un sistema di offerta di servizi di trasporto che consente

Dettagli

Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti PRMT

Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti PRMT Fondazione Ordine degli Ingegneri, 8 giugno 2016 Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti PRMT I presupposti normativi, le procedure e il percorso di partecipazione Aldo Colombo, Direttore Generale

Dettagli

PUMS Bologna metropolitana

PUMS Bologna metropolitana PUMS Bologna metropolitana Ing. Alessandro Delpiano Città metropolitana di Bologna alessandro.delpiano@cittametropolitana.bo.it 23 ottobre 2017 Kick of meeting in Imola Stato di avanzamento lavori PRIMO

Dettagli

Studio servizio ferroviario Alessandria Ovada. Versione 1.3 [27/04/2017]

Studio servizio ferroviario Alessandria Ovada. Versione 1.3 [27/04/2017] Studio servizio ferroviario Alessandria Ovada Versione 1.3 [27/04/2017] 1. PREMESSA La tratta ferroviaria Alessandria Ovada venne aperta nel 1907. Lunga 33,5 chilometri, a singolo binario e interamente

Dettagli

IL PROGETTO TRAM TRENO DI MULHOUSE. F.O. Rossignolle Amministratore Delegato, TRANSDEV ITALIA

IL PROGETTO TRAM TRENO DI MULHOUSE. F.O. Rossignolle Amministratore Delegato, TRANSDEV ITALIA IL PROGETTO TRAM TRENO DI MULHOUSE F.O. Rossignolle Amministratore Delegato, TRANSDEV ITALIA Forlimpopoli, 7 novembre 2008 INDICE 1.Presentazione del Gruppo TRANSDEV 2.Presentazione geografica del progetto

Dettagli

Il PRIIM dal dire al fare: Verso un TPL di qualità

Il PRIIM dal dire al fare: Verso un TPL di qualità Il PRIIM dal dire al fare: Verso un TPL di qualità Ing. Riccardo Buffoni Dirigente Settore Trasporto pubblico locale Direzione Mobilità Infrastrutture e Trasporto pubblico locale Regione Toscana Firenze,

Dettagli

GTT GRUPPO TORINESE TRASPORTI. La Metropolitana Automatica di Torino

GTT GRUPPO TORINESE TRASPORTI. La Metropolitana Automatica di Torino GTT GRUPPO TORINESE TRASPORTI La Metropolitana Automatica di Torino LA SCELTA DEL TRACCIATO Metro La linea 1 della Metropolitana si inserisce nel programma di miglioramento del sistema di trasporto pubblico

Dettagli

Metrotramvia di superficie a guida vincolata di Verona. Assessore ai LL.PP. e Mobilità - Ing. Carlo Pozzerle

Metrotramvia di superficie a guida vincolata di Verona. Assessore ai LL.PP. e Mobilità - Ing. Carlo Pozzerle Metrotramvia di superficie a guida vincolata di Verona Assessore ai LL.PP. e Mobilità - Ing. Carlo Pozzerle 1990 Rete tramviaria Commissione tecnica istituita dall AMT e coordinata dal Prof. Roberto Visentin

Dettagli

Prime riflessioni sull esperienza del Piano territoriale d Area della Franciacorta

Prime riflessioni sull esperienza del Piano territoriale d Area della Franciacorta XXXVII Conferenza scientifica annuale AISRe Prime riflessioni sull esperienza del Piano territoriale d Area della Franciacorta Michele PEZZAGNO, Maurizio TIRA Ancona, 21 settembre 2016 Core del PTRA 18

Dettagli

MCE 2009 LA GESTIONE E LA FRUIZIONE DI INFRASTRUTTURE TERRITORIALI COMPLESSE Prodotti, servizi e soluzioni. Amerigo Del Buono

MCE 2009 LA GESTIONE E LA FRUIZIONE DI INFRASTRUTTURE TERRITORIALI COMPLESSE Prodotti, servizi e soluzioni. Amerigo Del Buono MCE 2009 LA GESTIONE E LA FRUIZIONE DI INFRASTRUTTURE TERRITORIALI COMPLESSE Prodotti, servizi e soluzioni Amerigo Del Buono Indice Il ruolo di ATM nella mobilità integrata L assetto delle competenze nel

Dettagli

Obiettivi regionali del POR e piani futuri

Obiettivi regionali del POR e piani futuri sistema ferroviario metropolitano regionale Obiettivi regionali del POR 2007-13 e piani futuri Relatore: Ing. Stefano Angelini Direzione Infrastrutture Regione del Veneto Palazzo Grandi Stazioni, 15 novembre

Dettagli

Servizio ferroviario regionale in Lombardia: progetto e prospettive

Servizio ferroviario regionale in Lombardia: progetto e prospettive Brescia 21 settembre 2015 Elena Foresti Regione Lombardia - DG Infrastrutture e Mobilità Servizio ferroviario regionale in Lombardia: progetto e prospettive Il servizio ferroviario regionale oggi FS-RFI:

Dettagli

Il Val era la tecnologia in esercizio da più tempo e con le migliori garanzie di affidabilità.

Il Val era la tecnologia in esercizio da più tempo e con le migliori garanzie di affidabilità. Lione, 30 Novembre 2011 E il 1936 quando per la prima volta a Torino si parla di metropolitana. Iniziano i lavori in Via Roma per la realizzazione di una linea di metropolitana che attraversi il centro

Dettagli

La determinazione del costo standard nei servizi di Trasporto Pubblico Locale: l'esperienza di Regione Lombardia

La determinazione del costo standard nei servizi di Trasporto Pubblico Locale: l'esperienza di Regione Lombardia La determinazione del costo standard nei servizi di Trasporto Pubblico Locale: l'esperienza di Regione Lombardia Roberto Laffi Dirigente Unità Organizzativa Servizi per la Mobilità DG Infrastrutture e

Dettagli

LA METROPOLITANA A RIVOLI: PROPOSTE PER UN NUOVO SISTEMA DI MOBILITA

LA METROPOLITANA A RIVOLI: PROPOSTE PER UN NUOVO SISTEMA DI MOBILITA LA METROPOLITANA A RIVOLI: PROPOSTE PER UN NUOVO SISTEMA DI MOBILITA Rivoli: unica città della cintura priva sia di METRO che di SFM E possibile una soluzione di trasporto metropolitano caratterizzata

Dettagli

Preservare e migliorare la rete regionale Le strategie previste nel Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti

Preservare e migliorare la rete regionale Le strategie previste nel Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti Preservare e migliorare la rete regionale Le strategie previste nel Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti Obiettivo specifico: Migliorare i collegamenti su scala regionale: rete regionale

Dettagli

ALLEGATI. O s s e r v a t o r i o. di lavoro. Valutazioni preliminari sul Nodo

ALLEGATI. O s s e r v a t o r i o. di lavoro. Valutazioni preliminari sul Nodo UADERNI O s s e r v a t o r i o collegamento ferroviario Torino-Lione ALLEGATI Documenti di lavoro Valutazioni preliminari sul Nodo Torino DOCUMENTI DI LAVORO Quadro generale Tavola sinottica dei documenti

Dettagli

Mobilità e intermodalità nel TPL: la visione MM. Massimo Guzzi Direttore Sistemi per la Mobilità

Mobilità e intermodalità nel TPL: la visione MM. Massimo Guzzi Direttore Sistemi per la Mobilità Mobilità e intermodalità nel TPL: la visione MM Massimo Guzzi Direttore Sistemi per la Mobilità 2 Mobilità e TPL Il successo del Trasporto Pubblico Locale si gioca ogni giorno, migliaia di volte, sulla

Dettagli

Il contributo del PON Metro alle Smart Cities

Il contributo del PON Metro alle Smart Cities Il contributo del PON Metro 2014-2020 alle Smart Cities Massimiliano Pacifico PON Città Metropolitane Icity-LAB, Bologna 20 ottobre 2016 1 Massimiliano Pacifico Il contributo del PON Metro 2014-2020 alle

Dettagli

Integrazione tra sistemi ferroviari e metrotramviari a scartamento ridotto il caso Sardegna.

Integrazione tra sistemi ferroviari e metrotramviari a scartamento ridotto il caso Sardegna. Integrazione tra sistemi ferroviari e metrotramviari a scartamento ridotto il caso Sardegna Ing. Carlo Onano Direttore Esercizio Metrotramvie ARST s.p.a. c.onano@arst.sardegna.it 1 Dati tecnici Azienda

Dettagli

Obiettivi del GdL e primi risultati

Obiettivi del GdL e primi risultati Obiettivi del GdL e primi risultati Coordinatore: Vittorio Moreggia Centro Ricerche FIAT Orbassano To Il GdL ha per obiettivi: la definizione di una Architettura aperta e di linee guida per la realizzazione

Dettagli

Studio del traffico al 2015

Studio del traffico al 2015 1 Linea Metropolitana 6 di Napoli SINTESI DEI RISULTATI DELLO STUDIO Napoli, 30 Giugno 2000 2 Tracciato della linea 3 Le motivazioni dello studio I criteri di base per l elaborazione dello studio La metodologia

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE

CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE CONCESSIONE SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SU GOMMA Allegato E al Capitolato : Disciplina tariffaria Concessione servizi tpl Città metropolitana Firenze Allegato E

Dettagli

Nuove soluzioni tecnologiche per lo sviluppo della mobilità, dell infomobilità e della sicurezza cittadina e per la gestione di trasporti di persone

Nuove soluzioni tecnologiche per lo sviluppo della mobilità, dell infomobilità e della sicurezza cittadina e per la gestione di trasporti di persone Nuove soluzioni tecnologiche per lo sviluppo della mobilità, dell infomobilità e della sicurezza cittadina e per la gestione di trasporti di persone e merci, in ambito urbano e interurbano Piattaforma

Dettagli

Nuovo Collegamento Bus con la Stazione di Calderara di Reno

Nuovo Collegamento Bus con la Stazione di Calderara di Reno Comune di Calderara di Reno Reti e Mobilità SpA Agenzia per la mobilità e il trasporto pubblico locale Nuovo Collegamento Bus con la Stazione di Calderara di Reno 2 Giugno 11 La Stazione di Calderara Bargellino

Dettagli

Il Piano di Riqualificazione Energetica ed Innovazione Tecnologica nella Illuminazione Pubblica. Direzione Generale

Il Piano di Riqualificazione Energetica ed Innovazione Tecnologica nella Illuminazione Pubblica. Direzione Generale Il Piano di Riqualificazione Energetica ed Innovazione Tecnologica Direzione Generale direttore.generale@comune.fi.it Il progetto Riqualificazione Energetica ed Innovazione Tecnologica nella Illuminazione

Dettagli

Servizi di Trasporto Pubblico a chiamata nell area metropolitana di Torino

Servizi di Trasporto Pubblico a chiamata nell area metropolitana di Torino Servizi di Trasporto Pubblico a chiamata nell area metropolitana di Torino Servizio di Trasporto Pubblico a chiamata 2 E PREVISTA UNA SIGNIFICATVA IMPLEMENTAZIONE DEL SERVIZIO A PARTIRE DALL APRILE 2016

Dettagli

METROPOLITANA DI TORINO

METROPOLITANA DI TORINO METROPOLITANA DI TORINO TRATTA COLLEGNO-CASCINE CASCINE VICA Oggetto: Progetto, costi e programma di realizzazione della tratta COLLEGNO-CASCINE VICA 17 Febbraio 2015 La Linea 1 della Metropolitana Automatica

Dettagli

Mobilità sostenibile ed elettrica: un nuovo modello per l Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club

Mobilità sostenibile ed elettrica: un nuovo modello per l Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club Mobilità sostenibile ed elettrica: un nuovo modello per l Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club Sostenibilmente. Kyoto Club in collaborazione con Ministero per l Ambiente. Roma, 19

Dettagli

Una mobilità sostenibile per Prato e provincia. Dal Pums ai collegamenti tra i Comuni. Coordinatore Serena Tropepe SINTESI Tavolo 2

Una mobilità sostenibile per Prato e provincia. Dal Pums ai collegamenti tra i Comuni. Coordinatore Serena Tropepe SINTESI Tavolo 2 Una mobilità sostenibile per Prato e provincia. Dal Pums ai collegamenti tra i Comuni. Coordinatore Serena Tropepe SINTESI Tavolo 2 Cos è il Pums, come si integra con gli altri Comuni della Provincia di

Dettagli

Proposta di Riordino del Trasporto Pubblico Urbano/Suburbano di superficie FASE 4. Circoscrizioni 3 e 4 2 a Commissione.

Proposta di Riordino del Trasporto Pubblico Urbano/Suburbano di superficie FASE 4. Circoscrizioni 3 e 4 2 a Commissione. Proposta di Riordino del Trasporto Pubblico Urbano/Suburbano di superficie Circoscrizioni 3 e 4 2 a Commissione FASE 4 27 marzo 2013 Finanziamento e quantità del servizio di trasporto pubblico urbano/suburbano

Dettagli

Conferenza dei Servizi di Prevenzione della Regione Piemonte

Conferenza dei Servizi di Prevenzione della Regione Piemonte Conferenza dei Servizi di Prevenzione della Regione Piemonte Villa Gualino, Torino, 9 dicembre 2009 Area della sicurezza: prevenzione incidenti Laura Marinaro Rosa D Ambrosio Piano Regionale della Prevenzione

Dettagli

Studio servizio ferroviario Alessandria Ovada. Versione 1.2 [27/10/2016]

Studio servizio ferroviario Alessandria Ovada. Versione 1.2 [27/10/2016] Studio servizio ferroviario Alessandria Ovada Versione 1.2 [27/10/2016] 1. PREMESSA La tratta ferroviaria Alessandria Ovada venne aperta nel 1907. Lunga 33,5 chilometri, a singolo binario e interamente

Dettagli

LE STRATEGIE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER LO SVILUPPO DI UNA LOGISTICA INNOVATIVA E SOSTENIBILE

LE STRATEGIE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER LO SVILUPPO DI UNA LOGISTICA INNOVATIVA E SOSTENIBILE LE STRATEGIE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER LO SVILUPPO DI UNA LOGISTICA INNOVATIVA E SOSTENIBILE Ing. Tommaso Simeoni Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi

Dettagli

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Comune di San Lazzaro ATC S.p.A. Presentazione

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Comune di San Lazzaro ATC S.p.A. Presentazione Progetto CIVIS Civis, (o filobus a via guidata) è un sistema di trasporto pubblico di tipo innovativo che collegherà San Lazzaro di Savena al centro storico di Bologna. Il Civis è un progetto attuato da

Dettagli

Gli impatti delle riforme sul sistema della mobilità e delle infrastrutture di trasporto

Gli impatti delle riforme sul sistema della mobilità e delle infrastrutture di trasporto Strettamente riservato Roma, 27 ottobre 2016 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Gli impatti delle riforme sul sistema della mobilità e delle infrastrutture di trasporto 2016 The European

Dettagli

Problematiche realizzative e di esercizio della linea tranviaria Bergamo - Albino

Problematiche realizzative e di esercizio della linea tranviaria Bergamo - Albino Problematiche realizzative e di esercizio Gianni Scarfone Amministratore Delegato TEB S.p.A. Stefano Bernardi Direttore Tecnico TEB S.p.A. Problematiche realizzative e di esercizio 2 Problematiche realizzative

Dettagli

Moving Better. Promuovere la mobilità sostenibile nella Provincia di Monza e della Brianza

Moving Better. Promuovere la mobilità sostenibile nella Provincia di Monza e della Brianza Moving Better Promuovere la mobilità sostenibile nella Provincia di Monza e della Brianza ANIE X Giornata della Ricerca Milano 19.12.2011 Contesto del Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile (PSMS)

Dettagli

Tratta Gelsomini - Segneri San Cristoforo - Tirana

Tratta Gelsomini - Segneri San Cristoforo - Tirana Tratta Gelsomini - Segneri San Cristoforo - Tirana 1 S. CRISTOFORO S. AMBROGIO S. BABILA FORLANINI FS LINATE DATEO 2 Il tracciato M2 M1 M4 AEROPORTO M4 M3 LINEE SUBURBANE La Blu cambia Milano La linea

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/18 DEL

DELIBERAZIONE N. 31/18 DEL Oggetto: Legge regionale 7 dicembre 2005, n. 21. Modifica del Sistema tariffario mediante l introduzione sperimentale di un titolo di viaggio integrato nell area conurbata di Cagliari. L Assessore dei

Dettagli

RISULTATI DELL ATTIVITÀ DI RIPROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI EFFETTUATI NEL RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PREVISTI NEL DECRETO MINISTERIALE ART.

RISULTATI DELL ATTIVITÀ DI RIPROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI EFFETTUATI NEL RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PREVISTI NEL DECRETO MINISTERIALE ART. RISULTATI DELL ATTIVITÀ DI RIPROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI EFFETTUATI NEL 2015 - RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PREVISTI NEL DECRETO MINISTERIALE ART.5 COMMA 2 DPCM 11/03/2013 1. Strategia della Riprogrammazione...

Dettagli

MOMOS. Un modello per la Mobilità Urbana Sostenibile EXPERT PANEL FOR POLLUTING EMISSIONS REDUCTION EXPAPER

MOMOS. Un modello per la Mobilità Urbana Sostenibile EXPERT PANEL FOR POLLUTING EMISSIONS REDUCTION EXPAPER Modello Mobilità Urbana Sostenibile Un modello per la Mobilità Urbana Sostenibile EXPERT PANEL FOR POLLUTING EMISSIONS REDUCTION EXPAPER Roma, 19 gennaio 2017 TRT Trasporti e Territorio - Claudia de Stasio

Dettagli

Investimenti infrastrutturali in Sicilia Nuovo collegamento Palermo - Catania. S.O. Progetto Nodo di Catania

Investimenti infrastrutturali in Sicilia Nuovo collegamento Palermo - Catania. S.O. Progetto Nodo di Catania 11 Novembre 2011 Investimenti infrastrutturali in Sicilia Nuovo collegamento Palermo - Catania Direzione Programmi Investimenti Direttrice Sud S.O. Progetto Nodo di Catania POTENZIAMENTO ITINERARIO MESSINA

Dettagli

Curriculum vitae ING. ALESSANDRO FUSCHIOTTO. Laurea in Ingegneria Civile Trasporti Dati Anagrafici Nato a Città della Pieve (PG) il 18 maggio 1965

Curriculum vitae ING. ALESSANDRO FUSCHIOTTO. Laurea in Ingegneria Civile Trasporti Dati Anagrafici Nato a Città della Pieve (PG) il 18 maggio 1965 Curriculum vitae ING. ALESSANDRO FUSCHIOTTO Titolo di studio: Laurea in Ingegneria Civile Trasporti Dati Anagrafici Nato a Città della Pieve (PG) il 18 maggio 1965 PROFILO SINTETICO E POSIZIONE ATTUALE

Dettagli

AZIONI PER MIGLIORARE LA MOBILITA NELLA CERCHIA DEI BASTIONI RIDUZIONE DELLA CONGESTIONE DOVUTA AI CANTIERI DI M4

AZIONI PER MIGLIORARE LA MOBILITA NELLA CERCHIA DEI BASTIONI RIDUZIONE DELLA CONGESTIONE DOVUTA AI CANTIERI DI M4 AZIONI PER MIGLIORARE LA MOBILITA NELLA CERCHIA DEI BASTIONI RIDUZIONE DELLA CONGESTIONE DOVUTA AI CANTIERI DI M4 OBIETTIVI Da anni il Comune di Milano lavora per migliorare la qualità della mobilità.

Dettagli

La qualità dell aria nell area metropolitana di Torino

La qualità dell aria nell area metropolitana di Torino La qualità dell aria nell area metropolitana di Torino Analisi e prospettive Alessandro Bertello Servizio qualità dell aria e risorse energetiche La gestione della qualità dell aria La gestione della qualità

Dettagli

Strumenti ed iniziative per migliorare il rapporto azienda-cliente. Mirco Armandi Dirigente Sistemi Informa4vi e Sviluppo Tecnologico TPER S.p.A.

Strumenti ed iniziative per migliorare il rapporto azienda-cliente. Mirco Armandi Dirigente Sistemi Informa4vi e Sviluppo Tecnologico TPER S.p.A. Strumenti ed iniziative per migliorare il rapporto azienda-cliente Mirco Armandi Dirigente Sistemi Informa4vi e Sviluppo Tecnologico TPER S.p.A. Enti azionisti Azioni del v.n. di 1 euro % Regione Emilia-Romagna

Dettagli

PUMS Bologna metropolitana

PUMS Bologna metropolitana PUMS Bologna metropolitana Forum per la mobilità sostenibile Laboratorio delle Arti 21/11/2017 Ing. Cleto Carlini Responsabile PGTU BOLOGNA nodo europeo e nazionale passeggeri stazione centrale 58.000.000

Dettagli

ATAC S.p.A Missione possibile (obiettivi 2016)

ATAC S.p.A Missione possibile (obiettivi 2016) ATAC S.p.A Missione possibile (obiettivi 2016) Conferenza stampa 31 marzo 2016 Indice Dati ufficiali su personale e flotta aziendale Più mezzi su strada e lavori in metro per migliorare il servizio Programmi

Dettagli

ALLEGATO 1: ACCORDI DI PROGRAMMA PER LA MOBILITA' SOSTENIBILE E IL TRASPORTO PUBBLICO INTERVENTI AVVIATI E NON ULTIMATI pag.

ALLEGATO 1: ACCORDI DI PROGRAMMA PER LA MOBILITA' SOSTENIBILE E IL TRASPORTO PUBBLICO INTERVENTI AVVIATI E NON ULTIMATI pag. ALLEGATO 1: ACCORDI DI PROGRAMMA PER LA MOBILITA' SOSTENIBILE E IL TRASPORTO PUBBLICO INTERVENTI AVVIATI E NON ULTIMATI pag. 1 di 4 regionale. da Liquidare AdP 99/00 6/III 3 Lotto Paline fermate estrurbane-

Dettagli

Tratta Lorenteggio - Tolstoj Frattini

Tratta Lorenteggio - Tolstoj Frattini Tratta Lorenteggio - Tolstoj Frattini 1 S. CRISTOFORO S. AMBROGIO S. BABILA FORLANINI FS LINATE DATEO 2 Il tracciato M2 M1 M4 AEROPORTO M4 M3 LINEE SUBURBANE La Blu cambia Milano La linea 4 attraversa

Dettagli

Tratta Tricolore Indipendenza Dateo Argonne - Gozzi

Tratta Tricolore Indipendenza Dateo Argonne - Gozzi Tratta Tricolore Indipendenza Dateo Argonne - Gozzi 1 S. CRISTOFORO S. AMBROGIO S. BABILA FORLANINI FS LINATE DATEO 2 Il tracciato M2 M1 M4 AEROPORTO M4 M3 LINEE SUBURBANE La Blu cambia Milano La linea

Dettagli

Gli impatti della manovra economica sul settore del trasporto pubblico locale. I risultati dell indagine ASSTRA. Roma, 14 luglio 2010

Gli impatti della manovra economica sul settore del trasporto pubblico locale. I risultati dell indagine ASSTRA. Roma, 14 luglio 2010 Gli impatti della manovra economica sul settore del trasporto pubblico locale I risultati dell indagine ASSTRA Roma, 14 luglio 2010 Ai fini del concorso delle autonomie territoriali agli obiettivi di finanza

Dettagli

Piano Strategico Metropolitano di Torino

Piano Strategico Metropolitano di Torino AUDIZIONE PER LA FORMAZIONE DEL Piano Strategico Metropolitano di Torino LO STATO DELL ARTE E LE PROSPETTIVE FUTURE PER L AREA LAVORI PUBBLICI Torino, 17 Marzo 2016 Ing. Sandro Petruzzi Direttore Area

Dettagli

1 Cerchia dei Navigli

1 Cerchia dei Navigli Cerchia dei Navigli 1 S. CRISTOFORO S. AMBROGIO S. BABILA FORLANINI FS LINATE DATEO 2 Il tracciato M2 M1 M4 AEROPORTO M4 M3 LINEE SUBURBANE La Blu cambia Milano La linea 4 attraversa trasversalmente la

Dettagli

L AREA METROPOLITANA FIRENZE PRATO PISTOIA

L AREA METROPOLITANA FIRENZE PRATO PISTOIA 3 CONVEGNO NAZIONALE SISTEMA TRAM Tram andare IL RUOLO DELLA TRAMVIA PRATESE NELL AREA METROPOLITANA FIRENZE PRATO - PISTOIA Roma Protomoteca Capitolina 19-20/06/08 1 L AREA METROPOLITANA FIRENZE PRATO

Dettagli

IL CONTRATTO DI SERVIZIO LE PRINCIPALI NOVITA

IL CONTRATTO DI SERVIZIO LE PRINCIPALI NOVITA IL CONTRATTO DI SEIZIO LE PRINCIPALI NOVITA TORINO, MARTEDI 28 GIUGNO 2011 OBIETTIVI DI PARTENZA 1 2 3 4 5 RIVEDERE IL SISTEMA PENALI SU SOPPRESSIONI PUNTUALITA QUALITA RIPROGRAMMARE IL SEIZIO RINNOVARE

Dettagli

RISULTATI DELL ATTIVITÀ DI RIPROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI EFFETTUATI NEL RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PREVISTI NEL DECRETO MINISTERIALE ART.

RISULTATI DELL ATTIVITÀ DI RIPROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI EFFETTUATI NEL RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PREVISTI NEL DECRETO MINISTERIALE ART. RISULTATI DELL ATTIVITÀ DI RIPROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI EFFETTUATI NEL 2014 - RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PREVISTI NEL DECRETO MINISTERIALE ART.5 COMMA 2 DPCM 11/03/2013 1. Strategia della Riprogrammazione...

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Direzione NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA' Direttore TARTAGLIA VINCENZO Classificazione DIREZIONALE Servizio Descrizione dettagliata dell'obiettivo DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILIT' Dirigente TARTAGLIA

Dettagli

Ferrovie Regionali esperienze e proposte

Ferrovie Regionali esperienze e proposte RAILMED A PROJECT FOR MEDA 2020 Lecce, 11 ottobre 2012 f o r u m sul Sistema Integrato dei Trasporti nell Area del Mediterraneo intervento dell ing. Massimo NITTI Direttore Generale Trasporto di Ferrotramviaria

Dettagli

La Strategia Nazionale Aree Interne. Madonie area prototipale. Muovere le IDEE Per muovere le PERSONE Pesaro 15/16 Settembre 2017

La Strategia Nazionale Aree Interne. Madonie area prototipale. Muovere le IDEE Per muovere le PERSONE Pesaro 15/16 Settembre 2017 Muovere le IDEE Per muovere le PERSONE Pesaro 15/16 Settembre 2017 La Strategia Nazionale Aree Interne Madonie area prototipale Alessandro Ficile - SO.SVI.MA. Spa Agenzia di Sviluppo Madonie Estensione:

Dettagli

Piano Unitario di Valutazione (PUV) della programmazione unitaria

Piano Unitario di Valutazione (PUV) della programmazione unitaria Piano Unitario di Valutazione (PUV) della programmazione unitaria 2007-2013 impostato secondo le linee guida dell Unità di valutazione DPS/MISE approvato con DGR 182/2008 e aggiornato con DGR 958/2009

Dettagli

I sistemi di trasporto intelligenti: programmazione, infrastruttura e servizi in Regione Toscana

I sistemi di trasporto intelligenti: programmazione, infrastruttura e servizi in Regione Toscana I sistemi di trasporto intelligenti: programmazione, infrastruttura e servizi in Regione Toscana REGIONE TOSCANA Posizione baricentrica rispetto all Italia e al Mediterraneo 11,5 mln di arrivi e 42 mln

Dettagli

UN NUOVO APPROCCIO AL SERVIZIO FRA TECNOLOGIE E CONTROLLO SOCIALE. Dott. Luca Chiti Responsabile del progetto bigliettazione elettronica

UN NUOVO APPROCCIO AL SERVIZIO FRA TECNOLOGIE E CONTROLLO SOCIALE. Dott. Luca Chiti Responsabile del progetto bigliettazione elettronica UN NUOVO APPROCCIO AL SERVIZIO FRA TECNOLOGIE E CONTROLLO SOCIALE Dott. Luca Chiti Responsabile del progetto bigliettazione elettronica Coordinato da: Organizzato da: GO PASS: La rivoluzione del biglietto

Dettagli

ENTE DI GOVERNO DEL BACINO TERRITORIALE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DELLA PROVINCIA DI PADOVA

ENTE DI GOVERNO DEL BACINO TERRITORIALE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DELLA PROVINCIA DI PADOVA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E TRANVIARIO URBANO ED EXTRAURBANO DEL BACINO TERRITORIALE DELLA INNOVAZIONE E SERVIZI PER LA

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA NELL INTEGRAZIONE TARIFFARIA E NELLA LOTTA ALL EVASIONE

L IMPORTANZA DELLA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA NELL INTEGRAZIONE TARIFFARIA E NELLA LOTTA ALL EVASIONE L IMPORTANZA DELLA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA NELL INTEGRAZIONE TARIFFARIA E NELLA LOTTA ALL EVASIONE Mauro Paoletti mauro.paoletti@grandabus.it Nuove tecnologie per la Bigliettazione ROMA 4 Maggio 2017

Dettagli

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna Accordo Territoriale relativo agli assetti territoriali, urbanistici, infrastrutturali della Nuova Stazione Ferroviaria di Bologna ai sensi dell art. 15. L.R. 20/2000 Bologna, 18 Luglio 2006 Obiettivi

Dettagli