IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA NORMATIVE E TARIFFE INCENTIVANTI - IL CONTO ENERGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA NORMATIVE E TARIFFE INCENTIVANTI - IL CONTO ENERGIA"

Transcript

1 IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA NORMATIVE E TARIFFE INCENTIVANTI - IL CONTO ENERGIA Norma CEI e il documento ENEL DK 5940 In Italia la norma CEI definisce i criteri per l installazione di impianti di produzione di energia elettrica in corrente alternata, funzionanti in isola o in parallelo con sistemi di I o II categoria, mentre il documento ENEL DK 5940, edizione 2.2, dell aprile 2007, stabilisce i criteri di allacciamento di impianti di produzione di energia elettrica alla rete BT di ENEL Distribuzione, con potenza da 1 a 20 kw di potenza. Questo documento sostituisce e abroga il precedente ENEL DK La norma CEI definisce sistemi di I categoria, i sistemi di tensione nominale da 50 V fino a 1 kv in corrente alternata, o da 120 V fino a 1,5 kv in corrente continua; i sistemi di II categoria, invece, sono i sistemi a tensione nominale oltre 1 kv in corrente alternata e oltre 1,5 kv in corrente continua, fino a 30 kv. La norma prende in considerazione gli impianti di potenza maggiore di 1 kw e include nel suo campo d applicazione l energia prodotta da celle fotovoltaiche. Il documento ENEL stabilisce che, per impianti con potenza fino a 6 kw, il collegamento alla rete sia monofase, oltre tale taglia il collegamento deve essere trifase, con la possibilità di collegare, fra le fasi ed il neutro, generatori monofase di potenza anche non uguale purché lo squilibrio complessivo (differenza fra la potenza installata sulla fase con più generazione e quella con meno generazione) non superi 6 kw. Il collegamento alla rete non deve perturbare il servizio di ENEL e nel caso ciò dovesse accadere il collegamento in parallelo dovrebbe interrompersi automaticamente, così come nel caso di assenza di tensione sulla rete pubblica.

2 La norma CEI da indicazioni specifiche sullo schema da adottare per il collegamento alla rete pubblica: esso deve assicurare l avviamento, l esercizio e l arresto dell impianto senza guasti o anomalie, nonché l arresto della conversione quando intervengano guasti o anomalie nell impianto di produzione di energia elettrica. Inoltre la norma prevede che, in funzione del tipo di guasto o anomalia, entrino in azione diversi dispositivi e protezioni coordinabili ma indipendenti, installati come rappresentato in figura 1 e attivati nel modo schematizzato in tabella 1. La norma CEI prevede inoltre, in merito ai convertitori, che quelli trifase, che funzionano in parallelo alla rete elettrica di I categoria, devono essere dotati di separazione metallica tra la parte in corrente continua e la rete pubblica in corrente alternata. I convertitori grid connected sono spesso dotati di separazione galvanica tramite trasformatore. Nei convertitori monofase, secondo la norma CEI, la separazione metallica può essere sostituita da una protezione di tipo elettromeccanico. Fig. 1: Schema a blocchi di un impianto fotovoltaico funzionante in parallelo alla rete pubblica

3 Evento Dispositivo della rete pubblica Dispositivo generale Dispositivo di interfaccia Dispositivo di generatore Guasto/anomalia rete pubblica intervento primo livello - intervento secondo livello intervento terzo livello Guasto/anomalia rete produttore intervento terzo livello intervento primo livello intervento secondo livello intervento terzo livello Guasto impianto di produzione (generatore) - intervento terzo livello intervento secondo livello intervento primo livello Tab. 1: Ordine di intervento sequenziale dei dispositivi di protezione in funzione dell evento che si manifesta in esercizio. Il Conto energia La produzione di energia elettrica fotovoltaica ha avuto in Italia un difficile passato, principalmente a causa dell alto costo d investimento richiesto, che si traduceva in costi di generazione elettrica molto superiori a quelli dei sistemi di produzione tradizionali. Il mancato decollo del fotovoltaico nel nostro Paese è stato legato soprattutto alla mancanza di tariffe incentivanti che garantissero ai produttori un equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio. Fino al 2005 l incentivazione per l energia

4 fotovoltaica era infatti basata esclusivamente sull erogazione di contributi in conto capitale, idonei a finanziare il % del costo di investimento iniziale. Le modalità di incentivazione per la produzione di energia elettrica fotovoltaica sono radicalmente cambiate con l approvazione del Decreto del Ministero delle attività produttive del 28 luglio 2005, recante Criteri per l incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. Tale decreto, che recepisce la Direttiva Europea 77/2001 per lo sviluppo del mercato di energia elettrica da fonte rinnovabile, è stato emanato in attuazione del Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, che all art.7 stabiliva che il Ministro delle attività produttive, di concerto con il Ministro dell ambiente e della tutela del territorio, e d intesa con la Conferenza Unificata, avrebbe dovuto definire, entro sei mesi dalla data di pubblicazione del medesimo decreto delegato, uno o più decreti attuativi per l incentivazione della produzione di energia elettrica da fonte solare. La principale novità introdotta dal decreto 28 luglio 2005 è rappresentata dal cosiddetto conto energia, una forma di incentivazione volta alla remunerazione dell energia elettrica prodotta attraverso la tecnologia fotovoltaica, e non più all erogazione di contributi sul solo costo d investimento iniziale, come accadeva in passato. In sintesi il Decreto, che si rivolge a persone fisiche e giuridiche, ai soggetti pubblici, nonché ai condomini di unità abitative e/o di edifici, introduce un incentivazione in conto energia per l installazione di 100 MW di impianti fotovoltaici di potenza nominale non inferiore a 1 kw e non superiore a 1000 kw, entranti in esercizio, a seguito di nuova costruzione o rifacimento, in data successiva al 30 settembre I punti di forza del meccanismo d incentivazione in conto energia, fanno leva sulle seguenti caratteristiche: - l incentivo è concesso all energia effettivamente prodotta dall impianto per un periodo comparabile con la sua vita tecnica: ciò

5 costituisce una garanzia affinché il proprietario s impegni a realizzare ed esercire al meglio l impianto; - eventuali inefficienze in sede di realizzazione e gestione ricadono sul proprietario che si assume i rischi economici dell iniziativa; - il recupero del costo dell impianto, totalmente anticipato dall investitore, è legato all entità e alla durata delle tariffe incentivanti, che devono essere sufficienti a garantire un congruo ritorno economico della spesa iniziale. Il decreto sul conto energia introduce una sostanziale differenza operativa tra i cosiddetti impianti piccoli (P n < 20 Kw) e medio-grandi (20 kw < P n 1000 kw). Per quanto riguarda gli impianti di potenza nominale inferiore a 20 kw, l energia elettrica da essi prodotta beneficia, oltre a quanto previsto dal Decreto 28 luglio 2005, dell esonero dal presentare denuncia di officina di produzione di energia elettrica presso l Ufficio Tecnico di Finanza e della disciplina dello scambio sul posto (o net metering) di cui all art. 6 del D. Lgs. 387/03. Se il soggetto responsabile dell impianto sceglie di avvalersi del servizio dello scambio sul posto, la tariffa incentivante viene applicata soltanto all energia elettrica prodotta e consumata dalle utenze del soggetto stesso, mentre l eventuale surplus di energia immessa in rete e non consumata nei tre anni successivi non riceve incentivi. La disciplina dello scambio sul posto continuerà a valere anche al termine del periodo ventennale di incentivazione specifica per il fotovoltaico. Se invece il soggetto responsabile non si avvale del servizio di scambio sul posto, ma sceglie di cedere l energia alla rete alle stesse condizioni degli impianti con potenza superiore a 20 kw, la produzione che ha diritto agli incentivi è tutta l energia elettrica prodotta, misurata all uscita del gruppo di conversione della corrente continua in corrente alternata.

6 Oltre all introduzione delle tariffe incentivanti, un altro aspetto importante del Decreto 28 luglio 2005 è la fissazione di un obiettivo nazionale di potenza nominale fotovoltaica cumulata da installare entro il 2015 pari a 300 MW. Questo obiettivo è conforme alla direttiva Europea 77/2001, la quale indicava per l Italia un obiettivo al 2010 del 25% di energia elettrica da fonte rinnovabile rispetto al consumo interno lordo. Al fine di ridurre l impatto territoriale dell intervento, il Decreto del 25 luglio 2005 ripartisce tra le varie categorie di impianto la quota di potenza incentivabile: il 60% dei 100 MW oggetto di incentivo è dedicato agli impianti piccoli (1 kw Pn 20 kw) e medi (20 kw < Pn 50 kw), il restante 40% agli impianti grandi (50 kw < Pn < 1000 kw). L'Autorità per l'energia Elettrica e il Gas (AEEG) con la Delibera n 188/05 adottata il 14 settembre 2005, ha affidato al Gestore del Sistema Elettrico (GSE) il ruolo di "soggetto attuatore", cioè di soggetto preposto a ricevere le domande e ad erogare le tariffe incentivanti. Il GSE deve inoltre gestire l iter post-ammissione, che consiste nella verifica della documentazione inviata dai soggetti responsabili a seguito dell ammissione alle tariffe incentivanti, e nel monitoraggio delle scadenze legate agli adempimenti previsti dalla normativa, a partire dalla comunicazione di inizio lavori fino all entrata in esercizio dell impianto. Ai sensi di quanto previsto dalla Delibera AEEG, compete al GSE anche l organizzazione e la gestione delle attività di sopralluogo, per l effettuazione delle quali può avvalersi eventualmente della collaborazione di soggetti terzi abilitati e/o enti di ricerca, di certificazione e/o istituti universitari qualificati nel settore specifico. Entro il 31 ottobre di ogni anno, il GSE deve inoltre trasmettere al Ministero delle attività produttive (attuale Ministero dello sviluppo economico), al Ministero dell ambiente e della tutela del territorio, alle Regioni e Province autonome e all Autorità per l energia elettrica e il gas, un Rapporto contenente le domande ricevute, gli elenchi e le graduatorie redatte, l ubicazione degli impianti fotovoltaici

7 in costruzione ed esercizio, la potenza annualmente entrata in esercizio, la relativa produzione energetica. L introduzione del conto energia in Italia è stata accompagnata da una risposta da parte degli operatori del settore e dell opinione pubblica superiore ad ogni previsione, tanto che nel solo periodo di operatività relativo al 2005 (19 settembre - 31 dicembre), le domande di ammissione agli incentivi presentate al GSE, hanno sfiorato le unità, per una potenza totale di oltre 345 MW, superiore al valore limite di 100 MW di potenza cumulata incentivabile prevista dal DM del Per far fronte a questo boom di domande, il 6 febbraio 2006 il Ministero delle Attività Produttive, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio ha emesso un nuovo Decreto, con il quale ha elevato a 500 MW la potenza nominale cumulata incentivabile, introducendo, però, anche un limite annuale di 85 MW di potenza massima incentivabile a partire dal 2006 fino al La seguente tabella riassume i limiti previsti dal legislatore per la potenza cumulata incentivabile annuale e totale, suddivisa per classi di potenza dell impianto: Potenza dell impian to Capacità cumulabile totale Potenza incentivabile per anno 1 50 kw 360 MW 60 MW kw 140 MW 25 MW Totale 500 MW 85 MW Tab. 2 Potenza cumulata incentivabile totale e annuale secondo il DM 6 febbraio 2006 In particolare, il decreto del 2006 sancisce una sanatoria nei confronti delle domande presentate nel 2005 e non ammesse ai benefici delle tariffe incentivanti per esaurimento del limite di potenza cumulata di 100 MW.

8 A seguire, anche l AEEG ha emesso la nuova Delibera n. 40/06 per adeguare le modalità d erogazione delle tariffe incentivanti al nuovo Decreto. Ai decreti interministeriali 28 luglio 2005 e 6 febbraio 2006 sono seguite ulteriori modifiche e integrazioni, volte a superare alcune problematiche riscontrate nei precedenti Decreti e a semplificare la complessità gestionale del meccanismo di incentivazione. La legge attualmente in vigore, che stabilisce i criteri e le modalità per incentivare la produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici è il DM 19 Febbraio 2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 23 Febbraio e in vigore dal 26 febbraio Anche in questo caso l AEEG ha adeguato le modalità d erogazione delle tariffe incentivanti al nuovo Decreto emanando una nuova Delibera. Tariffe incentivanti previste dal DM 19 febbraio 2007 Secondo quanto stabilito dal DM 19 Febbraio 2007, le tariffe incentivanti si differenziano in base alla potenza nominale e alla tipologia di impianto. Più in particolare il decreto suddivide gli impianti in tre categorie: - impianti non integrati - impianti parzialmente integrati - impianti integrati. I primi sono quelli in cui moduli sono installati a terra o in modo non complanare alle superfici su cui sono fissati. Sono considerati parzialmente integrati gli impianti i cui moduli sono installati su tetti piani e terrazzi senza sostituire i materiali su cui appoggiano e in modo complanare alle superfici su cui sono fissati.

9 Infine si considerano integrati architettonicamente gli impianti in cui i moduli sostituiscono i materiali di rivestimento di tetti, coperture, facciate o la struttura di copertura di pensiline, pergole e tettoie. Di seguito si riassumono le tariffe incentivanti previste dal decreto 2007, suddivise in base a taglia e tipologia di impianto. Potenza Impianto non Impianto parzialmente Impianto nominale integrato integrato integrato 1-3 kw 0,40 / kwh 0,44 / kwh 0,49 / kwh 3-20 kw 0,38 / kwh 0,42 / kwh 0,46 / kwh > 20 kw 0,36 / kwh 0,40 / kwh 0,44 / kwh Tab. 3 Tariffe incentivanti previste dal DM 19 Febbraio 2007 Tali tariffe, valide fino al 31 dicembre 2008, si aggiungono ai ricavi derivanti dalla vendita alla rete dell energia elettrica prodotta o ai risparmi sulla bolletta elettrica, nel caso in cui l energia prodotta sia utilizzata per alimentare le utenze del soggetto responsabile collegate all impianto. Dall' 1 gennaio 2009 al 31 dicembre 2010 le tariffe saranno ridotte del 2% all'anno. La tariffa incentivante verrà sempre corrisposta per 20 anni e avrà valore costante per tutto il periodo incentivante. A partire dal 2009 verranno emanati decreti ogni 2 anni con i quali verranno aggiornate di volta in volta le tariffe incentivanti a cui avranno diritto gli impianti. Se ciò non avverrà, avranno validità le tariffe valide nell'anno Il Decreto 19 febbraio 2007 prevede alcuni casi particolari in cui possono essere applicate delle maggiorazioni alle tariffe incentivanti: - Per impianto non integrato con Potenza superiore a 3 kw e con autoconsumo superiore al 70% di quello prodotto (+5%);

10 - Per enti locali in comuni con n. abitanti < 5000 (+ 5 %); - Per impianti integrati in aziende agricole (+ 5 %); - Nel caso di bonifica di tetti in eternit (+ 5 %); - Nel caso di un uso efficiente dell'energia e di un abbattimento dei consumi energetici (la percentuale dell incentivo è pari alla metà della percentuale di riduzione di fabbisogno di energia ) Quest ultimo caso si verifica ad esempio se l impianto alimenta edifici dotati di attestato di qualificazione energetica, con una riduzione dei consumi esterni superiori al 10%. Il Decreto del 2007 abolisce il limite superiore di potenza nominale incentivabile, pertanto possono beneficiare degli incentivi tutti gli impianti di potenza nominale non inferiore a 1 kw, stabilmente collegati alla rete elettrica o a piccole reti isolate, entrati in esercizio tra l 1 ottobre 2005 e la data di entrata in vigore del decreto suddetto. Non sono ammessi agli incentivi gli impianti che hanno già beneficiato delle tariffe previste dai decreti interministeriali 28 luglio 2005 e 6 febbraio Per gli impianti entrati in esercizio da più di due anni è possibile effettuare un aumento di potenza di almeno 1 kw p (potenziamento); in tal caso avrà diritto all'incentivo la sola potenza aggiunta. Il decreto del 2007 innalza ulteriormente fino a 1200 Mwp la potenza nominale cumulata incentivabile. Avranno diritto all'incentivo anche tutti gli impianti in costruzione che entreranno in esercizio entro 14 mesi dalla data del raggiungimento dei 1200 Mwp installati Procedura per l accesso agli incentivi Secondo quanto prescritto dal DM 19 febbraio 2007, per accedere agli incentivi bisogna inoltrare al GSE il progetto preliminare dell'impianto e richiedere al medesimo gestore la connessione alla rete.

11 Nel caso di impianti di potenza nominale non inferiore a 1 kw e non superiore a 20 kw, il soggetto richiedente deve anche precisare se intende avvalersi o meno del servizio di scambio sul posto per l'energia elettrica prodotta. Il DM 19 febbraio 2007 specifica che gli impianti fotovoltaici di potenza non superiore a 20 kw sono da considerare impianti non industriali, e dunque non assoggettabili alla procedura di valutazione d'impatto ambientale. L unico documento autorizzativo necessario per poter realizzare l impianto, se questo non ricade in aree naturali protette, è la denuncia di inizio attività. A inizio lavori il soggetto richiedente deve inviare una comunicazione al GSE; allo stesso modo a impianto ultimato, il soggetto che ha realizzato l'impianto deve trasmettere al gestore di rete la comunicazione di ultimazione dei lavori. Quindi, entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dell'impianto, il responsabile dell impianto stesso è tenuto a far pervenire al soggetto attuatore (GSE) la richiesta di concessione della tariffa incentivante, unitamente alla documentazione finale di entrata in esercizio. Tale documentazione deve contenere: - Fotografie dell impianto; - Scheda tecnica dell impianto (ubicazione, potenza, tensione prima e dopo l inverter); - Caratteristiche tecniche dei moduli e dell inverter; - Produzione attesa; - Certificato di collaudo dell impianto. Entro sessanta giorni dalla data di ricevimento della richiesta completa di tutta la documentazione, il GSE comunica al soggetto responsabile la tariffa riconosciuta. Risultati del primo anno di operatività del conto energia

12 Come detto in precedenza, l introduzione del conto energia in Italia ha suscitato una risposta molto positiva da parte dell opinione pubblica e degli operatori del settore. Può essere interessante, a questo proposito, analizzare i risultati conseguiti durante il primo anno di operatività del Decreto, in termini di domande pervenute al GSE e di potenza elettrica entrata in esercizio. Tali risultati, se da un lato dimostrano l entusiasmo con cui è stato accolto il meccanismo incentivante introdotto dal conto energia, dall altro mettono anche in luce alcune problematiche riscontrabili nei primi due Decreti (DM 28 luglio 2005 e DM 6 febbraio 2006) e in parte risolte dal Decreto attualmente in vigore (DM 19 febbraio 2007). I dati che seguono sono stati estratti da un rapporto redatto in data 11 gennaio 2007 dal Gestore dei Servizi Elettrici (GSE), in cui si illustrano i principali risultati ottenuti nel periodo settembre 2005-ottobre 2006, relativi all incentivazione in conto energia degli impianti fotovoltaici Domande presentate Nel primo anno di operatività del conto energia, le attività hanno in prevalenza interessato la fase istruttoria di ammissione alle tariffe incentivanti. Anche se nel corso di questo primo periodo si sono registrate quattro scadenze per la presentazione delle domande di ammissione (30 settembre 2005, 31 dicembre 2005, 31marzo 2006, 30 giugno 2006), di fatto, a causa delle modifiche normative introdotte dal DM 6 febbraio 2006, è opportuno far riferimento ai seguenti cinque periodi distinti: 3 trimestre 2005 (dal 19/9 al 30/9) 4 trimestre 2005 (dal 1/10 al 31/12) 1 trimestre 2006, fase 1 (dal 1/1 al 15/2) 1 trimestre 2006, fase 2 (dal 1/3 al 31/3)

13 2 trimestre 2006 (dal 1/6 al 30/6) Nei primi tre periodi, che comprendono il terzo ed il quarto trimestre del 2005 e l intervallo temporale tra il primo gennaio e il 15 febbraio 2006 (prima dell entrata in vigore del nuovo decreto ministeriale), le domande ammesse non hanno risentito del limite sulla potenza massima incentivabile. Nel quarto periodo, relativo alle domande presentate nel marzo 2006, le iniziative ammesse all incentivazione sono state condizionate dal limite di potenza massima annua incentivabile di 85 MW (60 MW per impianti fino a 50 kw e 25 MW per impianti maggiori di 50 kw), introdotto dal DM 6 febbraio Per tale motivo, molte iniziative tecnicamente ammissibili non sono rientrate tra quelle incentivabili. Nel quinto periodo, relativo alla scadenza del giugno 2006, sono state presentate circa nuove domande, ma queste ultime, pur registrate e protocollate, non sono state esaminate a causa del raggiungimento nel trimestre precedente dei limiti di potenza annua incentivabile previsti dalla legge. Nella figura seguente si illustra l andamento cumulato delle domande presentate al GSE dal 19 settembre 2005 al 30 giugno Fig. 2 Andamento cumulato delle domande presentate nel

14 Domande ammesse all incentivo Nelle tabelle seguenti si riassumono i risultati dell attività d istruttoria svolta dal GSE nel periodo che va da dal 19 settembre 2005 al 31 marzo NUMEROSITA Classe di potenza Domande esaminate Domande ammesse Domande idonee non ammesse Domande respinte 1kW <P<20 kw kw <P< 50 kw Tot.parziale 1kW <P<50 kw kw <P< 1000 kw TOTALE Tab. 4 Domande ammesse e respinte nel periodo 19 settembre marzo 2006 Fig. 3 Ripartizione per classi di potenza dell impianto delle domande ammesse nel periodo 19 settembre marzo 2006

15 NUMEROSITA Classe di potenza 3 trim trim trim 2006 TOTALE 1kW <P<20 kw 14,0 26,7 10,6 51,4 20 kw <P< 50 kw 46,6 110,0 80,6 237,2 50 kw <P< 1000 kw 27,0 43,7 28,3 99,1 TOTALE 87,7 180,5 119,5 387,7 Tab. 5 Potenza cumulata degli impianti ammessi all incentivazione nel periodo 19 settembre marzo 2006 Fig. 4 Ripartizione per classi di potenza dell impianto della potenza cumulata ammessa all incentivazione nel periodo 19 settembre marzo 2006

16 L analisi delle iniziative ammesse in relazione alle classi di potenza su cui si articola il meccanismo d incentivazione, evidenzia la situazione riportata in tabella: Tipologia di impianto (classe) % potenza ammessa Potenza media dell impianto 1-20 kw 13 % 7 kw kw 61 % 46 kw >50 kw 26 % 650 kw Tab. 6 Caratteristiche degli impianti ammessi Problematiche riscontrate E interessante notare come i dati precedentemente analizzati, relativi al primo anno di operatività del conto energia e facenti quindi riferimento ai DM 28 luglio 2005 e 6 febbraio 2006, mostrano una marcata preferenza degli operatori verso gli impianti di media e grande taglia, visti come un opportunità imprenditoriale in grado di garantire un congruo ritorno del capitale investito, mentre le iniziative di soggetti interessati a realizzare impianti di piccola taglia, prevalentemente finalizzati alla produzione di energia per i propri fabbisogni elettrici, rappresentano solo un esigua percentuale. I dati analizzati, relativi ai soli anni , evidenziano due principali problematiche riscontrabili nella prima fase di operatività del conto energia, che se non opportunamente risolte avrebbero potuto ostacolare la creazione di un industria nazionale in grado di competere sul mercato globale: - il limite troppo restrittivo sulla potenza incentivabile annuale (100 MW, secondo il DM 28 luglio 2005; 500 MW secondo il DM 6 febbraio 2006); - la non sufficiente incentivazione degli impianti di piccola taglia integrati negli edifici.

17 Il Decreto attualmente in vigore (DM 16 febbraio 2007), ha in parte risolto le problematiche presenti nel vecchio quadro normativo, innalzando a MW il limite massimo di potenza incentivabile e dando un forte impulso alla realizzazione dei piccoli impianti, specie se integrati architettonicamente. In questo senso il legislatore sembra essere volto ad orientare il processo di diffusione del fotovoltaico verso applicazioni più promettenti, in termini di potenziale di diffusione, e che consentano un minor utilizzo del territorio. Sistemi di incentivazione In Italia, dal settembre 2005, è attivo il meccanismo d incentivazione in conto energia per promuovere la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici: non si tratta di un finanziamento alla installazione degli impianti, bensì di incentivi alla produzione di energia elettrica. Questo schema di incentivazione è stato introdotto in Italia, da parte del Ministro delle Attività Produttive di concerto col Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio, con il D.M. 28 luglio 2005, e poi ampliato dal D.M. 6 febbraio 2006, che ha innalzato la potenza complessivamente incentivabile da 100 a 500 MW. Infine, il decreto 19 febbraio 2007 ha introdotto il Nuovo Conto Energia, che disciplina l accesso alle tariffe incentivanti per 20 anni. Il nuovo DM 19/02/07 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23/02/2007 è diventato operativo solo dopo la pubblicazione della delibera dell AEGG (Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) n. 90/07, avvenuta il 13/04/07, che ha definito le condizioni e le modalità per l erogazione delle tariffe incentivanti. Le modifiche più significative, rispetto alla precedente disciplina, riguardano: l abolizione della fase istruttoria preliminare all ammissione alle tariffe incentivanti; in base al nuovo decreto, infatti, la richiesta di incentivo deve

18 essere inviata al GSE solo dopo l entrata in esercizio degli impianti fotovoltaici; l abolizione del limite annuo di potenza incentivabile, sostituito da un limite massimo cumulato; una maggiore articolazione delle tariffe, con l intento di favorire le applicazioni di piccola taglia architettonicamente integrate in strutture o edifici; l introduzione di un premio per impianti fotovoltaici abbinati all uso efficiente dell energia. Le tipologie di impianto che possono accedere all incentivo sono: Non integrato: moduli appoggiati al suolo o su tetti e terrazze in modo non complanare. Parzialmente integrato: moduli posizionati su elementi di arredo urbano, superfici sterne dei fabbricati, in modo complanare alle superfici, ma senza sostituirne i materiali d appoggio (allegato 2, DM 19/02/2007). Con integrazione architettonica: i moduli sostituiscono parte delle superfici dei fabbricati o degli elementi di arredo urbano. Un esempio è quello di figura 2.11, in cui il modulo sostituisce il materiale di rivestimento del tetto (allegato 3, DM 19/02/2007). Le tariffe sono erogate in base al livello di integrazione e alla potenza nominale installata per un periodo di venti anni, a decorrere dalla data di entrata in esercizio dell impianto e rimangono costanti, non subiscono cioè aggiornamenti ISTAT, per l intero periodo. La misura degli incentivi è quella riportata nella seguente tabella 7: Non Parzialmente Integrati Integrati Integrati kwp /kwh /kwh /kwh 1-3 0,40 0,44 0,49

19 3-20 0,38 0,42 0,46 > 20 0,36 0,40 0,44 Tab. 7: Incentivi previsti dal Conto Energia Queste tariffe sono applicabili agli impianti entrati in esercizio nel periodo intercorrente tra l entrata in vigore della delibera 90/07 dell AEEG e il 31 dicembre Per gli impianti che entreranno in esercizio dal 1 gennaio 2009 al 31 dicembre 2010, i valori indicati nella tabella precedente saranno decurtati del 2% per ciascuno degli anni di calendario successivi al 2008, rimanendo poi costanti per il periodo di venti anni di erogazione dell incentivo. Dopo il 31 dicembre 2010 le tariffe saranno ridefinite mediante appositi decreti interministeriali, in mancanza dei quali continueranno ad essere applicate le tariffe per impianti entrati in esercizio nel Queste tariffe possono essere incrementate del 5% in diversi casi, non cumulabili tra loro, quali: Impianti di potenza maggiore di 3 kwp, non integrati, i cui soggetti responsabili impiegano l energia prodotta per conseguire il titolo di auto produttori, impianti i cui soggetti responsabili sono scuole pubbliche o paritarie o strutture sanitarie pubbliche, impianti integrati architettonicamente installati in sostituzione di coperture in eternit o contenenti amianto, impianti i cui soggetti responsabili sono comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti. È prevista l applicazione di un premio aggiuntivo se la realizzazione dell impianto fotovoltaico in utenze immobiliari è accompagnata da interventi per la riduzione del fabbisogno energetico dell edificio, o se, sulla base di idonea certificazione, tali edifici siano caratterizzati da un fabbisogno di energia, per metro quadro di superficie utile, pari al 50% di quello riportato nell allegato C del decreto 192/05. Gli incentivi non sono applicabili all energia prodotta dagli impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano stati concessi incentivi pubblici di natura nazionale,

20 regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, eccedenti il 20% del costo dell investimento da sostenere per la costruzione dell impianto stesso. Gli incentivi possono essere concessi all energia prodotta dagli impianti fotovoltaici in cui il soggetto responsabile 1 dell edifico sia una scuola pubblica o paritaria di qualunque ordine o grado o una struttura sanitaria pubblica, per la cui realizzazione siano stati concessi incentivi pubblici di natura regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, anche se eccedenti il 20% del costo dell investimento. Infine le tariffe incentivanti non sono cumulabili con i certificati verdi e con i titoli di efficienza energetica. Le modalità per l entrata in esercizio e l ammissione agli incentivi sono specificate all interno della delibera 90/07 dell AEEG: i beneficiari delle tariffe possono essere persone fisiche, giuridiche, soggetti pubblici, condomini di unità abitative. Questi soggetti, devono preliminarmente inoltrare al gestore della rete nazionale il progetto preliminare dell impianto e richiederne la connessione alla rete, poi, entro 60 giorni dall entrata in esercizio, devono far pervenire al GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) la richiesta di incentivazione, pertinente alla tipologia di impianto. Dopo un massimo di 60 giorni dalla ricezione della richiesta, il GSE comunica al soggetto responsabile la tariffa riconosciuta. Per gli impianti di potenza compresa tra 1 e 20 kwp occorre specificare nella richiesta se si desidera avvalersi del regime di scambio sul posto o di vendita dell energia, per gli impianti di potenza oltre 20 kwp è obbligatorio accedere al regime di vendita. Lo scambio sul posto rappresenta l opzione economicamente più vantaggiosa poiché offre la possibilità di compensare l energia immessa in rete nei periodi di sovraproduzione con quella assorbita, mediante un conguaglio finale: in tal modo l energia prodotta è valorizzata al prezzo del mancato acquisto. Oltre alla taglia esiste 1 Il soggetto responsabile dell impianto è colui che ha diritto, nel rispetto del nuovo DM 19/02/07, a richiedere ed ottenere le tariffe incentivanti dal GSE. Possono richiedere e beneficiare delle tariffe incentivanti come soggetti responsabili: persone fisiche, persone giuridiche, soggetti pubblici, condomini di unità abitative e/o di edifici

21 un altro vincolo all accesso al regime di scambio sul posto: l energia immessa in rete non può superare il fabbisogno annuo dell utenza, se ciò si verifica l eccedenza non ha diritto a remunerazione ma viene soltanto portata a credito per gli anni successivi, fino ad un massimo di 3, dopo i quali il credito viene annullato. Lo scambio sul posto, disciplinato dalla delibera AEEG n. 28/06, è un servizio, che può essere erogato dal gestore di rete locale (Enel, Acea, A2A, Hera, ecc...) e sarà esteso, secondo quanto previsto dalla Finanziaria 2008, fino a potenze di picco dell impianto pari a 200 kw: tale norma sarà operativa dopo la pubblicazione di una apposita delibera dell AEEG che dovrà ridefinire le regole e le modalità per usufruire di questo servizio. Un ulteriore fonte di ricavo per il cliente che accede al conto energia è costituita dalla valorizzazione dell energia elettrica prodotta dall impianto, che può essere autoconsumata (anche con il sistema dello scambio sul posto) oppure venduta al mercato. L autoconsumo dell energia prodotta costituisce una fonte di ricavo implicita, nel senso che costituisce un risparmio (riduzione della bolletta elettrica), in quanto consente di non acquistare dalla rete l energia elettrica nella misura corrispondente all energia autoconsumata. La vendita dell energia elettrica prodotta e non autoconsumata costituisce invece una fonte di ricavo esplicita. Per la vendita dell energia prodotta dall impianto fotovoltaico si possono utilizzare due diverse modalità: indiretta mediante la stipula di una convenzione di ritiro dedicato con il GSE, ai sensi della delibera AEEG n. 280/07; diretta attraverso la vendita in borsa o ad un grossista (contratto bilaterale). Vendita indiretta ai sensi della delibera AEEG n. 280/07 Ai sensi della delibera AEEG n. 280/07, il soggetto che acquista l energia immessa nella rete è il GSE, indipendentemente dalla rete alla quale è connesso l impianto, con il quale il soggetto responsabile stipula una convenzione. Per l accesso al regime di ritiro dedicato, il produttore riconosce al GSE un corrispettivo per il recupero dei costi amministrativi pari allo 0,5% del controvalore della remunerazione dell energia

22 ritirata, fino a un massimo di euro all anno per impianto (articolo 4, delibera AEEG 280/07). Inoltre, il GSE fa da tramite nei rapporti di regolazione dei corrispettivi di trasmissione che il produttore deve ricevere o corrispondere per il servizio di trasmissione dell energia elettrica. Per l energia elettrica immessa in rete e oggetto della convenzione, il GSE riconosce al produttore, per ciascuna ora, il prezzo di mercato riferito alla zona in cui è collocato l impianto (articolo 6, delibera 280/07). Tali prezzi sono consultabili sul sito del GSE e vengono forniti come prezzo medio mensile e come prezzi unici mensili, riferiti ad una specifica zona di mercato in /MWh immesso in rete. Il prezzo medio mensile è calcolato come media ponderata, per ciascuna fascia oraria, dei prezzi orari zonali, sulle quantità di energia complessivamente vendute in ogni relativo punto di dispacciamento gestito dal GSE. I prezzi unici mensili sono calcolati come media, per ciascun mese, dei prezzi zonali orari, ponderata sulle quantità di energia complessivamente vendute in ogni relativo punto di dispacciamento gestito dal GSE. Si riporta nella seguente tabella l articolazione delle fasce orarie così come definita dalla delibera AEEG 181/06. Tab. 8: articolazione fasce orarie (delibera AEEG 181/06) Si presenta inoltre l andamento dei prezzi di vendita per la zona di mercato Centro Nord, da Gennaio a Giugno 2008.

23 FASCIA PREZZO F1 F2 F3 Media MEDIO ( /MWh) Gennaio ,03 98,58 56,13 93,58 Febbraio ,60 93,12 58,33 86,35 Marzo ,06 85,84 57,63 78,51 Aprile ,13 85,94 56,40 83,16 Maggio ,51 86,00 51,76 81,09 Giugno ,98 81,66 55,27 84,97 Tab. 9: andamento dei prezzi di vendita dell energia elettrica Per gli impianti di potenza attiva nominale fino a 1 MW sono stati definiti prezzi minimi garantiti (articolo7, delibera 280/07) aggiornati periodicamente dall AEEG. I prezzi minimi garantiti, richiesti dal produttore alla presentazione dell istanza, vengono riconosciuti dal GSE limitatamente ai primi 2 milioni di kwh di energia elettrica immessa su base annua. Nel caso in cui, al termine di ciascun anno solare, la valorizzazione a prezzi minimi garantiti dovesse risultare inferiore a quella ottenibile a prezzi di mercato, il GSE riconoscerà al produttore il relativo conguaglio. Questo tipo di vendita indiretta dell energia prodotta ed immessa in rete dall impianto è, di norma, quello consigliabile per le produzioni caratteristiche degli impianti fotovoltaici sia per la semplicità gestionale che per la maggiore redditività dei prezzi minimi garantiti dalla 280/07 rispetto ai prezzi di mercato. Vendita diretta attraverso la vendita in borsa o la vendita ad un grossista

24 I soggetti responsabili degli impianti di produzione di energia elettrica possono anche scegliere di vendere direttamente l energia in borsa previa iscrizione al mercato dell energia elettrica. Tali soggetti, per essere ammessi al mercato gestito dal Gestore del Mercato Elettrico - GME, devono presentare al GME una domanda di ammissione, sottoscrivere un Contratto di adesione ed impegnarsi, tra l altro, a pagare un corrispettivo di accesso, un corrispettivo fisso annuo e un corrispettivo per ogni MWh scambiato. Infine, i soggetti responsabili possono decidere di cedere l energia elettrica prodotta ed immessa in rete attraverso un contratto bilaterale con un trader o grossista di energia elettrica ad un prezzo di cessione direttamente negoziato con tale soggetto, il quale può provvedere a regolare con Terna tutti i corrispettivi derivanti dal servizio di dispacciamento. Questo tipo di vendita diretta è, di norma, utilizzato per poter vendere sul mercato le produzioni di energia provenienti da impianti produttivi di grande taglia. Aggiornamento Normativo al primo trimestre 2009 All inizio del 2009 sono state emanate ulteriori direttive dall AEEG e Decreti ministeriali che hanno modificato ulteriormente il quadro normativo relativo alla richiesta di incentivi per la realizzazione di impianti Fotovoltaici. Uno degli aspetti che giustificherebbero il cambiamento normativo riguarda la legge 244/07 e l estensione dello scambio sul posto a tutti gli impianti alimentati con fonti rinnovabili di potenza fino a 200 kwp. In sintesi, le motivazioni della modifica tecnico-economica dello scambio sul posto relative alla delibera dell Autorità 74/08 sono da imputare ad alcuni fattori: lo scambio sul posto finora non aveva tenuto conto del differente valore dell energia elettrica immessa e prelevata;

25 lo schema previsto dalla delibera n. 28/06 non consente di rendere trasparenti i costi che, per effetto dell applicazione dello scambio sul posto, sono trasferiti alla generalità degli utenti del sistema elettrico; tali costi, con l incremento dei soggetti ammessi allo scambio sul posto in termini di numerosità e di potenza degli impianti di produzione, potrebbero divenire rilevanti. Come cambia Con il nuovo regime sarà consentita all utente che ha la titolarità o la disponibilità di un impianto, ad esempio fotovoltaico, la compensazione tra il valore associabile all energia elettrica prodotta e immessa in rete e il valore associabile all energia elettrica prelevata e consumata in un periodo differente da quello in cui avviene la produzione. Secondo la delibera AEEG 74/08 l'attuale regime di scambio sul posto, regolato dai gestori di rete, avrà termine il 31 dicembre Pertanto, tutti i soggetti attualmente in regime di scambio sul posto che intendano proseguire con lo stesso regime anche nel 2009, dovranno stipulare entro il 31 marzo 2009 un'apposita convenzione con il GSE utilizzando il portale applicativo disponibile a partire dal 20 novembre Nel caso di fonti rinnovabili, vengono restituite le componenti variabili, espresse in c /kwh, relative alla tariffa di trasmissione, alla tariffa di distribuzione, agli oneri generali e al dispacciamento. Nel caso in cui la valorizzazione dell energia immessa sia superiore a quella dell energia prelevata, tale maggiore valorizzazione per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili viene riportata a credito negli anni solari successivi (senza più il limite di tre anni). Non può essere liquidata perché, per le fonti rinnovabili, è vietata la vendita nell ambito dello scambio sul posto (DLgs 387/03); Ad esempio, nel caso del fotovoltaico, con il nuovo regime di scambio sul posto, in caso di saldo positivo per

26 l utente si accumula un credito in euro valido per sempre. Nel precedente regime di scambio sul posto il credito era in kwh e poteva essere utilizzato solo nell arco di 3 anni. Il credito è restituito dal GSE trimestralmente e versato sul conto corrente dell utente, mentre prima era a conguaglio nella bolletta del distributore elettrico una volta l anno. Con il nuovo regime di scambio sul posto si introduce la misura dell energia per fascia oraria, a differenza della precedente disciplina in cui la misura dell energia era indifferenziata (uguale per giorno o notte) Va precisato che il saldo maturato al 31 dicembre 2008 non viene perduto. I gestori di rete hanno l obbligo di comunicare il valore del saldo al GSE entro il 25 febbraio 2009 e il GSE provvederà a valorizzarlo attribuendo un controvalore unitario pari alla media aritmetica nazionale dei valori dei prezzi zonali orari. Il valore così ottenuto viene considerato dal GSE per il calcolo del contributo in conto scambio. Per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili verrà utilizzato per calcolare il credito per gli anni solari successivi.

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 Incentivi: il Conto Energia Il Conto energia arriva in Italia attraverso la Direttiva comunitaria per le fonti rinnovabili (Direttiva 2001/77/CE), che viene recepita con l'approvazione da parte del Parlamento

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Francesco Trezza GSE - Direzione Operativa - Unità Ingegneria Seminario Assolombarda Milano, 20-02- 2007 www.gsel.it

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA IL NUOVO CONTO ENERGIA

IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA IL NUOVO CONTO ENERGIA 1 PREMESSA MGS SOLAR TECHNOLOGY ha costruito questo opuscolo estrapolando il contenuto da varie fonti d informazioni del settore fotovoltaico, ritenendole affidabili e comprensibili.

Dettagli

Impianti fotovoltaici: tecnologia e forme di incentivazione statale

Impianti fotovoltaici: tecnologia e forme di incentivazione statale Impianti fotovoltaici: tecnologia e forme di incentivazione statale Giovanni Pisu pisu@sardegnaricerche.it 1 1 Come è fatto un Impianto Fotovoltaico? 2 2 DECRETO 19 FEBBRAIO 2007. Che cosa è il Nuovo Conto

Dettagli

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Ing. Salvatore Favuzza

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007

IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007 IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007 AUTOMAZIONE 2000 Prendi il controllo! www.automazione2000.it 1 Chi può beneficiare del Conto Energia? Persone fisiche Persone giuridiche Soggetti pubblici

Dettagli

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013 INFORMATIVA 02/2010 Il terzo Conto Energia: 2011-2013 Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 08/10/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 L attuale Conto Energia... 4 1.1 Introduzione...

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO ED IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA. IL FOTOVOLTAICO ED IL NUOVO CONTO ENERGIA (Aggiornato al 01/01/2009)

IL FOTOVOLTAICO ED IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA. IL FOTOVOLTAICO ED IL NUOVO CONTO ENERGIA (Aggiornato al 01/01/2009) PRESENTA IL FOTOVOLTAICO ED IL NUOVO CONTO ENERGIA (Aggiornato al 01/01/2009) 1 PREMESSA MGS SOLAR TECHNOLOGY ha costruito questo opuscolo estrapolando il contenuto da varie fonti d informazioni del settore

Dettagli

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia.

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia. TERZO CONTO ENERGIA: Possono usufruire degli incentivi definiti nel Decreto tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

Incentivi e Agevolazioni Solare. Fotovoltaico

Incentivi e Agevolazioni Solare. Fotovoltaico Incentivi e Agevolazioni Solare Fotovoltaico Conto Energia 2007 Il Decreto Tariffe Incentivanti Procedure e documentazione IL DECRETO Decreto Ministeriale 19 Febbraio 2007 - G.U. n n 43-21/02/07. Ministero

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia Bergamo 8 novembre 2007 INCENTIVI E LA CONNESSIONE ALLA RETE a cura di Raul Ruggeri ARGOMENTI FORMA DI INCENTIVAZIONE CONNESSIONE ALLA RETE RICONOSCIMENTO INCENTIVO

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica da fonte

Dettagli

GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO

GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO Premessa Il presente documento vuole essere una guida semplice, ma il più esauriente possibile, per consentire

Dettagli

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia?

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia? FAQ Cosa è il Conto energia? Con il Decreto Ministeriale del 05 Maggio 2011 è stato introdotto il nuovo Quarto Conto Energia per il riconoscimento degli incentivi Statali ai proprietari di impianti fotovoltaici.

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007.

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. 1. GENERALITA Tariffe incentivanti e periodo di diritto (DM 19/02/207 art.6) La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. L impianto

Dettagli

FAQ. Si precisa che nel seguito non vengono fornite risposte alle domande che riguardano i criteri per la valutazione delle domande di ammissione.

FAQ. Si precisa che nel seguito non vengono fornite risposte alle domande che riguardano i criteri per la valutazione delle domande di ammissione. Studio RUSSORESEARCH FAQ QUESITI FREQUENTI SULLA PROCEDURA DI AMMISSIONE ALLE TARIFFE INCENTIVANTI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI CUI AL DM 28.7.2005 E ALLA DELIBERA AEEG N. 188/05 Aggiornamento al 23

Dettagli

Novità e chiarimenti sul Conto Energia

Novità e chiarimenti sul Conto Energia Novità e chiarimenti sul Conto Energia Maurizio Cuppone - Direzione Operativa www.gsel.it 2 Indice Il nuovo conto energia Il riconoscimento dell integrazione architettonica Il ritiro dedicato e lo scambio

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Il DM 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Aosta, 09 Dicembre 2010 3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Rosalia Guglielminotti Parleremo di : IL TERZO CONTO ENERGIA COME FUNZIONA E PRINCIPALI NOVITA INSTALLARE UN IMPIANTO

Dettagli

Fotovoltaico: aspetti economici e nuovo Conto Energia

Fotovoltaico: aspetti economici e nuovo Conto Energia Il costo di un impianto fotovoltaico Un impianto fotovoltaico è costituito da differenti componenti che determinano il valore complessivo dell investimento e della spesa. In generale, per impianti di piccole,

Dettagli

Ing. Michele Lauritano

Ing. Michele Lauritano Ing. Michele Lauritano Prima Conto Capitale Programma Tetti fotovoltaici (2001) Oggi Conto Energia Vecchio Conto Energia (DM 28/07/2005 e integrazione con DM 6/02/2006) Nuovo Conto Energia (DM 19/02/2007)

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

CONTO ENERGIA LE TRENTA DOMANDE PIU CALDE (Fonte FV n. 6 anno V, novembre-dicembre 2008)

CONTO ENERGIA LE TRENTA DOMANDE PIU CALDE (Fonte FV n. 6 anno V, novembre-dicembre 2008) CONTO ENERGIA LE TRENTA DOMANDE PIU CALDE (Fonte FV n. 6 anno V, novembre-dicembre 2008) 1) Che cosa s intende per meccanismo d incentivazione in conto energia? Il Conto Energia è un incentivo per l installazione

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici

I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici IL FOTOVOLTAICO PER LE IMPRESE I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici Workshop CERSAA 18 dicembre 2009 INDICE Il Conto Energia: incentivi per gli impianti fotovoltaici Modalità di cessione

Dettagli

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici Ing.

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA COMMENTARIO V CONTO ENERGIA Premesse a) Incremento del costo indicativo cumulato annuo a 6.700 milioni di euro (il V C.E. termina 30 gg dopo il raggiungimento); b) Il V C.E. parte dopo 45 giorni dalla

Dettagli

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto INFORMATIVA 01/2010 La disciplina dello scambio sul posto Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 01/04/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 La disciplina dello scambio sul posto...

Dettagli

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio Ing. Luigi Corona 1 PRODUZIONE DA FONTI RINNOVABILI: PROGETTO 1000 TETTI FOTOVOLTAICI SU 1000 SCUOLE Nel 2008 CEV ha promosso il Progetto 1000 tetti fotovoltaici

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica dell energia solare. Francesco De Mango

Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica dell energia solare. Francesco De Mango Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica dell energia solare Francesco De Mango Direzione operativa Trento, 17 aprile 2008 www.gsel.it 2 Il

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO. Maurizio Cuppone

IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO. Maurizio Cuppone IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO Maurizio Cuppone I risultati del Conto Energia Numerosità e potenza degli impianti in esercizio 45.000 40.000 35.000 30.000 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 -

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016. ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016. ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016 2016 IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale Sala Aulo Vibenna ASSTRA

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

Guida al IV Conto Energia. DM 5 maggio 2011 2011-2016

Guida al IV Conto Energia. DM 5 maggio 2011 2011-2016 Guida al IV Conto Energia DM 5 maggio 2011 2011-2016 Periodo di applicazione dal 1 giugno 2011 al 31 dicembre 2016 Criteri del regime di sostegno Il regime di sostegno è assicurato secondo : obiettivi

Dettagli

FOTOVOLTAICO E CONTO ENERGIA II DM 19/02/2007. Plebani per. Ind. Federico

FOTOVOLTAICO E CONTO ENERGIA II DM 19/02/2007. Plebani per. Ind. Federico FOTOVOLTAICO E CONTO ENERGIA II DM 19/02/2007 Plebani per. Ind. Federico 1 IL FOTOVOLTAICO Il solare fotovoltaico è la trasformazione diretta di luce in corrente mediante celle solari. Quando vengono irradiate

Dettagli

IV CONTO ENERGIA 2011/2016 D.M. 05 MAGGIO 2011

IV CONTO ENERGIA 2011/2016 D.M. 05 MAGGIO 2011 MAIM ENGINEERING srl Incentivi per il Fotovoltaico IV IV CONTO ENERGIA 2011/2016 D.M. 05 MAGGIO 2011 Beneficiari del Conto Energia Persone fisiche Persone giuridiche Soggetti Pubblici Condomini di unità

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CONTO ENERGIA PER IMPIANTI SOLARI -FOTOVOLTAICI -

LINEE GUIDA SUL CONTO ENERGIA PER IMPIANTI SOLARI -FOTOVOLTAICI - SOCIETA PROGETTAZIONE COSTRUZIONE MONTAGGI IMPIANTI ELETTRICI MT/BT E TECNOLOGICI SISTEMI ENERGIA RINNOVABILI SEDE LEGALE - OFFICINA - UFFICI AMMINISTRATIVI 03100 FROSINONE - Via Armando Fabi, 327 Tel.

Dettagli

Energia Solare per gli Hotel e il Turismo

Energia Solare per gli Hotel e il Turismo Avvocati, Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Energia Solare per gli Hotel e il Turismo Cagliari, 23 Marzo 2010 1 Incentivi al Fotovoltaico: il Conto Energia II Condizioni per l accesso alle tariffe

Dettagli

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto Gestire il boom fotovoltaico A cura di QualEnergia e ANEA Le novità sullo scambio sul posto Ing. Gervasio Ciaccia Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Autorità

Dettagli

Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie

Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie 1. Premessa Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Dettagli

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti Impianti fotovoltaici su immobili pubblici e risparmio energetico nella pubblica amministrazione: Un opportunità per il riequilibrio dei conti (A cura dell Ing. Gianluca Toso) 1. Cenni sul Nuovo Conto

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Verona, Solarexpo, 16 maggio 2008 Andrea Galliani

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

CONTO ENERGIA. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici. Envipark

CONTO ENERGIA. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici. Envipark CONTO ENERGIA Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici L energia solare La potenza radiante del sole prima di entrare nell atmosfera è in media

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88 Disposizioni in materia di misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione. (pubblicata nella G.U. n 97 del

Dettagli

Lo scambio sul posto (SSP)

Lo scambio sul posto (SSP) Lo scambio sul posto (SSP) Il modulo approfondisce le caratteristiche e le condizioni relative al regime di "Scambio su posto", presentandone definizioni, procedure, modalità e regole tecniche. Il meccanismo

Dettagli

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia In sintesi i contenuti del decreto e della delibera dell Autority L incentivazione per la produzione

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005)

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Conto Energia. Il GSE è il soggetto attuatore che qualifica gli impianti fotovoltaici, eroga gli incentivi ed effettua attività di verifica.

Conto Energia. Il GSE è il soggetto attuatore che qualifica gli impianti fotovoltaici, eroga gli incentivi ed effettua attività di verifica. The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. it does not necessarily reflect the opinion of the European Communities. The European Commission is not responsible for

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

Arriva il V Conto Energia

Arriva il V Conto Energia Arriva il V Conto Energia ecco le risposte alle domande più frequenti BibLus-net 11 luglio 2012 Decreto 5 luglio 2012 V Conto Energia Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012 il Decreto Ministeriale

Dettagli

IL PROJECT LEASING per Impianti fotovoltaici

IL PROJECT LEASING per Impianti fotovoltaici IL PROJECT LEASING per Impianti fotovoltaici 1 IL NUOVO CONTO ENERGIA (Decreto Ministeriale del 15 febbraio 2007) Potenziali clienti Il conto energia: è un incentivo statale nato per diffondere l utilizzo

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corso: I sistemi fotovoltaici connessi in rete e integrati negli

Dettagli

Il 4 Conto Energia in breve

Il 4 Conto Energia in breve Il 4 Conto Energia in breve DECRETO 5 maggio 2011 Gazzetta n. 109 del 12 maggio 2011 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. 1 1 Premessa: La breve vita del

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

SISTEMI FOTOVOLTAICI

SISTEMI FOTOVOLTAICI INTRODUZIONE AI SISTEMI FOTOVOLTAICI TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA Sez. 1 Considerazioni generali Premessa Il sole è una fonte di energia inesauribile, almeno per le nostre prospettive temporali. L energia solare

Dettagli

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico Il Governo italiano ha presentato il 19 febbraio scorso il "Nuovo piano sull'efficienza energetica, sulle rinnovabili e sull'eco industria", con

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

I PRIMI TRE CONTI ENERGIA

I PRIMI TRE CONTI ENERGIA I PRIMI TRE CONTI ENERGIA Camera dei deputati Servizio studi, 11 marzo 2013 Il Primo Conto energia (D.M. 28 luglio 2005, modificato dal D.M. 6 febbraio 2006) In sostituzione del precedente sistema di incentivazione

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Allegato A E DICHIARA ALTRESÌ CHE

Allegato A E DICHIARA ALTRESÌ CHE DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE TARIFFE INCENTIVANTI PREVISTE DAL DECRETO MINISTERIALE 28 LUGLIO 2005 PER L IMPIANTO FOTOVOLTAICO DENOMINATO, DI POTENZA NOMINALE (O MASSIMA, O DI PICCO, O DI TARGA) PARI A.

Dettagli

Guida alla lettura del V Conto Energia

Guida alla lettura del V Conto Energia Guida alla lettura del V Conto Energia Manuale pratico per l applicazione del decreto ministeriale 5 luglio 2012 (aggiornata al 5/9/2012) Sommario Finalità del decreto... 3 Disciplina transitoria... 4

Dettagli

Fotovoltaico: analisi economica

Fotovoltaico: analisi economica Fotovoltaico: analisi economica ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 1 Impianto fotovoltaico: non solo un impianto Nel momento in cui si

Dettagli

Divisione sistemi-fotovoltaico

Divisione sistemi-fotovoltaico Divisione sistemi-fotovoltaico Come è fatto un impianto fotovoltaico? I sistemi solari fotovoltaici sono realizzati attraverso moduli fotovoltaici, costituiti da diverse celle, che, se esposte al sole,

Dettagli

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013 SOMMARIO Pag. 2. CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: MODIFICATO IL BANDO E LE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO Pag. 3. RINNOVABILI TERMICHE: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pagina 1 di 5 Documenti collegati comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA

Dettagli

Ver. 1.00 giugno 2007

Ver. 1.00 giugno 2007 Ver. 1.00 giugno 2007 1 INDICE 3. Le fonti rinnovabili 4. Energia Elettrica o Acqua Calda 5. Come Funziona? 6. Conto Energia 7. Beneficiari 8. Potenza dell impianto 9. Tipi di impianto 10. Non integrato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto KING - FAVARA L impianto, denominato Impianto KING - FAVARA, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione. Ha

Dettagli

DM 19.2.2007- CONTO ENERGIA - benefici economici dei nuovi incentivi e procedura normativa per la produzione e vendita di energia fotovoltaica

DM 19.2.2007- CONTO ENERGIA - benefici economici dei nuovi incentivi e procedura normativa per la produzione e vendita di energia fotovoltaica DM 19.2.2007- CONTO ENERGIA - benefici economici dei nuovi incentivi e procedura normativa per la produzione e vendita di energia fotovoltaica Di Luisa Capicotto Avvocato foro di Roma Specializzato in

Dettagli

Conto energia: qualche numero

Conto energia: qualche numero INCONTRO TECNICO DI APPROFONDIMENTO Giornata dell solare Bari, 24 maggio 2012 Realizzazione di un impianto fotovoltaico Analisi della convenienza economico/finanziaria Intervento a cura di Massimo Leone

Dettagli