Servizi di Igiene Ambientale. Dichiarazione Ambientale Regolamento CE 761/2001 EMAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi di Igiene Ambientale. Dichiarazione Ambientale 2008-2009-2010 Regolamento CE 761/2001 EMAS"

Transcript

1

2 Servizi di Igiene Ambientale Dichiarazione Ambientale Regolamento CE 761/2001 EMAS 2

3 3

4 INDICE: Informazioni per il pubblico...5 Termini e definizioni...7 La politica ambientale di AMNU...9 L Organigramma di AMNU...11 Principi ispiratori del progetto...13 La storia di AMNU Indirizzi e numeri utili...20 La sede di AMNU...21 Servizi ed attività di AMNU...22 Raccolta rifiuti urbani...22 Raccolta rifiuti speciali...22 Gestione centri raccolte differenziate...23 Spazzamento stradale...26 Attività escluse dal campo di applicazione EMAS...26 Onoranze funebri...26 Polizia Mortuaria...26 Servizi cimiteriali...26 Sistema di Gestione Ambientale...28 Individuazione aspetti ambientali e significatività degli aspetti ambientali che tali aspetti determinano...28 Criteri di valutazione della significatività degli aspetti ambientali...29 Aspetti ambientali diretti...29 Aspetti ambientali indiretti...29 Altri aspetti ambientali indiretti...53 Programma ambientale anno

5 Informazioni per il pubblico AMNU attraverso la Dichiarazione Ambientale fornisce informazioni sugli aspetti ambientali delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, quali enti pubblici, imprese, associazioni e a tutta la popolazione. La dichiarazione Ambientale è disponibile presso la sede della società in Viale dell Industria 4/L, Pergine Valsugana e sul sito internet Per informazioni rivolgersi a: DIR: Roberto Bortolotti RSG: Alessandro Buosi Telefono Fax Numero verde (gratuito per il cliente) CAMPO DI APPLICAZIONE SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE (RACCOLTA, TRASPORTO ED AVVIO A RECUPERO/SMALTIMENTO DI RIFIUTI DIFFERENZIATI ED INDIFFERENZIATI, GESTIONE DEI CENTRI RACCOLTA MATERIALI E DEL CENTRO RACCOLTA ZONALE DI PERGINE VALSUGANA), SERVIZIO DI SPAZZAMENTO STRADALE Classificazione NACE ( ) N dipendenti e addetti 44 Verificatore Bureau Veritas ITALIA S.p.A. Viale Monza Milano (I) n Accreditamento IT-V-0006 Aggiornamento annuale dei dati: 5

6 La prossima dichiarazione sarà predisposta e convalidata entro 3 anni dalla presente, annualmente saranno predisposti e convalidati (da parte di un verificatore accreditato) gli aggiornamenti della Dichiarazione Ambientale, che conterranno i dati ambientali relativi all anno di riferimento ed il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati. Le statistiche, i risultati e le informazioni riportate in questa dichiarazione ambientale sono aggiornate in relazione alla disponibilità dei dati presenti alla data del 17 gennaio

7 Termini e definizioni Ambiente Area circostante al luogo in cui opera l organizzazione, comprendente aria, acqua, terreni, risorse naturali, flora, fauna, persone e loro interazioni; (in questo contesto l area circostante si estende dall interno dell organizzazione al sistema globale) Analisi ambientale iniziale Esauriente analisi iniziale dei problemi, dell impatto e delle prestazioni ambientali connesse all attività di una organizzazione APPA Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente Aspetto Ambientale Elemento di un attività, prodotto o servizio di un organizzazione che può interagire con l ambiente. Un aspetto ambientale significativo (AAS) è un aspetto ambientale che determina un impatto ambientale significativo Audit Ambientale Processo di verifica sistematico e documentato per conoscere e valutare, con evidenza oggettiva, se il sistema di gestione ambientale di una organizzazione è conforme ai criteri definiti dall organizzazione stessa per l audit del sistema di gestione ambientale e per comunicare i risultati di questo processo alla direzione CRM Centro Raccolta Materiali CRZ Centro Raccolta Zonale Dichiarazione Ambientale Dichiarazione preparata dalla Società conforme a quanto previsto dal Regolamento EMAS II Impatto Ambientale Qualunque modificazione dell ambiente, negativa o benefica, totale o parziale, conseguente ad attività, prodotti o servizi di un organizzazione Miglioramento continuo Processo di accrescimento del sistema di gestione ambientale per ottenere miglioramenti della prestazione ambientale complessiva in accordo con la politica ambientale dell organizzazione Obiettivo ambientale Il fine ultimo ambientale complessivo, derivato dalla politica ambientale, che un organizzazione decide di perseguire e che è quantificato ove è possibile Parti Interessate Individui o gruppi di individui, interessati o influenzati dalle prestazioni ambientali dell organizzazione 7

8 Politica ambientale Obiettivi e principi generali di azioni di un organizzazione rispetto all ambiente, ivi compresa la conformità a tutte le pertinenti disposizioni regolamentari sull ambiente e l impegno ad un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali; tale poltica ambientale costituisce il quadro per fissare e riesaminare gli obiettivi ed i target ambientali Prestazioni Ambientali Risultati misurabili del sistema di gestione, legati al controllo, da parte dell organizzazione, degli aspetti ambientali basati su obiettivi e politica ambientale Regolamento EMAS II Regolamento CE n 761/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 marzo 2001 sull adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema volontario di ecogestione ed audit (EMAS) Sistema di gestione La parte del sistema di gestione che comprende la struttura ambientale organizzativa, le attività di pianificazione, le responsabilità, le prassi, le procedure, i processi, le risorse per elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica ambientale Traguardo ambientale Dettagliata richiesta di prestazione, possibilmente quantificata, riferita a una parte o all insieme di una organizzazione, derivante dagli obiettivi ambientali e che bisogna fissare e realizzare per raggiungere questi obiettivi 8

9 La politica ambientale di AMNU Il Consiglio di Amministrazione di AMNU ha definito la propria politica ambientale e si è assicurato che la stessa: o sia appropriata alla natura, alla dimensione e agli impatti ambientali delle sue attività, prodotti o servizi; o includa un impegno al miglioramento continuo e alla prevenzione dell inquinamento; o includa un impegno ad essere conforme alla relativa legislazione e regolamentazione ambientale applicabile e agli altri requisiti sottoscritti dall organizzazione; o fornisca il quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli obiettivi e traguardi ambientali; o sia documentata, resa operante, mantenuta attiva e diffusa a tutto il personale; o sia disponibile al pubblico. La politica ambientale è stata approvata dal consiglio di amministrazione della società come di seguito riportata. 9

10 La politica ambientale di AMNU AMNU, società con capitale sociale totalmente pubblico è stata costituita nel 1997 per fornire ai cittadini dei servizi che aiutano a migliorare l ambiente ed a prevenire l inquinamento. AMNU opera in una parte di territorio significativa della Provincia di Trento, provincia che da sempre pone una particolare attenzione alla tutela ambientale. Una costante individuabile nella modalità di erogazione di tutti i servizi è la ferrea volontà del Consiglio di Amministrazione di operare ponendo una particolare attenzione alla salvaguardia ed alla tutela dell ambiente in conformità alla legislazione ed alla regolamentazione ambientale vigente. Il Consiglio di Amministrazione ritiene che adottare delle metodologie operative in grado di migliorare i rapporti con il territorio porti al miglioramento delle prestazioni ambientali, ponendo una particolare attenzione all aumento della percentuale dei rifiuti raccolti in maniera differenziata ed una attenta gestione dei servizi cimiteriali. AMNU stanzia annualmente un budget per effettuare investimenti sia tecnologici che gestionali considerando oltre all aspetto finanziario, gli impatti ambientali correlati. Soprattutto negli ultimi anni AMNU ha dedicato una particolare attenzione alla comunicazione organizzando serate, dedicando appositi sportelli ed inviando costantemente del materiale informativo al fine di coinvolgere in maniera sempre più fattiva la popolazione e gli enti presenti sul territorio in cui opera. AMNU al fine di mantenere un efficace e costante controllo sull attività svolta e di migliorare continuamente le proprie prestazioni ha deciso di adottare un sistema di gestione ambientale conforme al Regolamento EMAS II a garanzia di tutte le parti interessate e quale opportunità di crescita per tutto il personale che collabora con l azienda. Pergine Valsugana 24 gennaio 2007 Il Presidente del Consiglio di Amministrazione 10

11 L Organigramma di AMNU CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DIRETTORE GENERALE SERVIZI COMMERCIALI E Rappresentante Direzione Responsabile Sistema AMMINISTRAZIONE AREA OPERATIVA Servizi informatici Tariffa Igiene Ambientale Contabilità Segreteria - rifiuti Servizi Igiene Officina Onoranze Funebri Ambientale Servizi Cimiteriali Sportello Vice caposervizio Igiene Ambientale Operatori Funebri Autisti Operatori Cimiteriali 11

12 L organico previsto per il 2008 conterà 49 dipendenti, così suddivisi: 2 dirigenti; 10 impiegati di cui 3 part-time; 37 operai, così suddivisi: 26 addetti alla raccolta dei rifiuti urbani e speciali; 3 addetti alle onoranze funebri; 4 addetti nei servizi cimiteriali; 3 addetti allo spazzamento stradale; 1 addetto all officina interna. Ad essi si aggiungeranno quattro dipendenti a tempo determinato, necessari per fare fronte all incremento dell attività stagionale legata al turismo estivo. 12

13 Principi ispiratori del progetto Il raggiungimento della registrazione EMAS per i soggetti coinvolti rappresenta uno strumento moderno che consente di gestire e migliorare il rapporto della popolazione con il proprio territorio. Le organizzazioni che fanno parte del progetto: Comune di Baselga di Pinè - Comune di Bedollo - Comune di Sant Orsola Terme 13

14 La storia di AMNU. La storia di AMNU inizia nel 1968, allorché il Comune di Pergine Valsugana deliberò di costituire una Azienda Municipalizzata per la gestione dei servizi di igiene urbana, onoranze funebri e trasporto infermi. La competenza del servizio trasporto infermi fu poi trasferita alle Aziende Sanitarie Locali. Nel corso del decennio AMNU allargò il proprio bacino di competenza, svolgendo i servizi di igiene ambientale nei comuni dell'alta Valsugana; si attrezzò inoltre per svolgere i servizi di spazzamento stradale, sia manuale che meccanico. Nei primi anni '90, AMNU ha svolto, su incarico della Provincia Autonoma di Trento, i servizi di raccolta pile esauste, farmaci scaduti ed involucri vuoti degli antiparassitari su tutto il territorio provinciale. Il 4 dicembre 1997, sedici dei diciotto Comuni dell'alta Valsugana serviti da AMNU (Baselga di Piné, Bedollo, Bosentino, Calceranica al Lago, Caldonazzo, Centa San Nicolò, Civezzano, Fierozzo, Fornace, Frassilongo, Levico Terme, Palù del Fersina, Pergine Valsugana, Sant'Orsola Terme, Tenna, Vattaro, Vignola Falesina, Vigolo Vattaro) hanno costituito AMNU, con sede a Pergine Valsugana in Viale dell Industria 4/L. Il capitale sociale è totalmente pubblico e la struttura operativa ed amministrativa sono derivati dal conferimento da parte del Comune di Pergine Valsugana, dell Azienda Municipalizzata Nettezza Urbana Trasporti Funebri. 14

15 Attualmente il bacino di utenza di AMNU è rappresentato dal Comprensorio C4 Alta Valsugana con le esclusioni di Lavarone e Luserna, accorpati, per la raccolta rifiuti, al Comprensorio C10 della Vallagarina. I Comuni serviti, nonché soci, sono: Baselga di Piné; Bedollo; Bosentino; Calceranica al Lago; Caldonazzo; Centa San Nicolò; Civezzano; Fierozzo; Fornace; Frassilongo; Levico Terme; Palù del Fersina; Pergine Valsugana; Sant Orsola Terme; Tenna; Vattaro; Vignola Falesina; Vigolo Vattaro. 15

16 per un bacino di utenza di oltre abitanti equivalenti. AMNU gestisce inoltre 6 sedi periferiche (5 CRM - Centro Raccolta Materiali ed un CRZ - Centro Raccolta Zonale). Tra le sue attività rientrano anche lo spazzamento stradale, sia meccanico che manuale, ed i servizi di onoranze funebri (pompe funebri e servizi cimiteriali). 16

17 Gli ultimi risultati raggiunti In merito all attività svolta da AMNU durante l esercizio 2007, si segnalano le seguenti iniziative: Area ambiente: o avvio dei lavori per la realizzazione del CRZ di Levico Terme la cui apertura è prevista per la prossima primavera; o distribuzione gratuita alle utenze domestiche di sacchetti biodegradabili, da utilizzarsi per il conferimento del rifiuto umido organico; o attenta riorganizzazione delle raccolte differenziate all interno dei cimiteri per eliminare la frazione di fiori e piante da avviare a smaltimento; o seguendo le indicazioni fornite dai Soci, predisposizione dei piani operativi di dettaglio per l abbandono del criterio della superficie nel metodo di calcolo della quota fissa relativa alla tariffa di igiene ambientale per le utenze domestiche, nonché delle bozze per i nuovi regolamenti comunali; o gestione integrale della tariffa personalizzata in tutti i Comuni del bacino con l estensione anche ai Comuni di Levico Terme e di Tenna; o progettazione e ricerca di finanziamento per una indagine motivazionale da condursi assieme al Dipartimento di Scienze Cognitive dell Università di Trento, relativa al fenomeno degli smaltimenti irregolari dei rifiuti. Posizione in merito a quanto riportato nel Terzo aggiornamento al Piano provinciale per lo smaltimento dei rifiuti Il documento licenziato dalla P.A.T. in data 18/08/2006, riprendendo gli obiettivi indicati dall assembla dei Sindaci dei Comuni trentini del 21/11/2005, ha stabilito il limite massimo di rifiuto da avviare al termovalorizzatore in una quantità pro capite pari a 175 Kg/anno per abitante equivalente. Con la delibera n del 30 dicembre 2005, la Giunta Provinciale aveva introdotto l obbligatorietà per tutti i Comuni dell applicazione di una tariffa correlata alla effettiva quantità di rifiuti prodotti a partire dal 2008; l entrata in vigore di quest ultimo obbligo è stata rimandata all esercizio Con soddisfazione, AMNU ha già superato abbondantemente tali obiettivi in tutti i Comuni serviti. AMNU nel 2007 ha portato a regime il nuovo sistema di raccolta differenziata, cogliendo l importante risultato di ridurre al 25% la quantità di rifiuto residuo smaltito in discarica, corrispondente ad una produzione pro capite di 95 kg/anno. Questi valori sopravanzano gli obiettivi che la Provincia Autonoma aveva fissato per il

18 Previsioni nella raccolta rifiuti Alla luce dei risultati registrati e del completamento della riorganizzazione, è atteso per il 2008 un leggero incremento (356 t +1,7% circa) del totale dei rifiuti raccolti, che si attesteranno sulle tonnellate ed un aumento, ancorché limitato, delle raccolte differenziate (+1,7% rispetto alla previsione 2007 con t). La percentuale media annuale di raccolta differenziata si attesterà attorno al 74,2% per tutti i Comuni del bacino. A tali quantità devono essere aggiunti i rifiuti da spazzamento stradale meccanico (circa t/anno) che secondo quanto previsto dal III aggiornamento dal piano provinciale per lo smaltimento dei rifiuti non incidono sulla percentuale di raccolta differenziata. Tra i rifiuti differenziati le principali frazioni consistono nel rifiuto organico (4.334 t), in carta/cartoni (4.213 t), in vetro/lattine (circa t) e in verde/ramaglie (2.286 t). Nella tabella seguente è riportata la previsione delle raccolte di rifiuti (i dati sono espressi in Kg): Rifiuti urbani R.s.u. indifferenziati Carta Cartoni Vetro Barattoli Ferro Legno Ramaglie Organico Indumenti Plastica imballaggi / mista Plastica secondaria Pneumatici Frigoriferi TV - Computer RUP Centri di Raccolta Farmaci Pile Batterie Rifiuti indifferenziati Rifiuti differenziati Totale rifiuti Percent. raccolte differenziate 74,20% 74,30% 74,50% Andamento rifiuti 1,70% 1,73% 1,74% 18

19 Investimenti 2007: Con gli investimenti del 2007 si è giunti al completamento del parco mezzi e dei contenitori personalizzati, che consentono di quantificare il rifiuto residuo prodotto dalle singole utenze. Nella tabella seguente sono riportati, in migliaia di Euro, gli investimenti previsti: Investimenti 2007 Migliaia di Automezzi 188 Contenitori 108 Officina 35 Funebre e cimiteriale 46 Amministrazione e servizi generali 33 Totale investimenti

20 Indirizzi e numeri utili Sede aziendale: Viale dell Industria 4/L Pergine Valsugana (TN) Centri Raccolta Materiale: CRZ CRM Pergine Valsugana...Via Petrarca 25 CRM Civezzano...Via Fersina Avisio 2/A CRM Vigolo Vattaro...Località Fornaci 37/A CRM Baselga di Piné...Località Le Meie 1 CRM Sant Orsola Terme...Località Stefani 31/B CRM Caldonazzo...S.P. per Monterovere 2 Numeri utili: Sede aziendale: Telefono Fax Numero verde (gratuito per il cliente) Reperibilità Onoranze Funebri (24 ore su 24): Telefono Sito internet: Posta elettronica: informazioni ufficio tariffa igiene servizio igiene servizio Informazioni e reclami: Telefono Fax Numero verde

21 La sede di AMNU La sede di AMNU è a Pergine Valsugana in Viale dell'industria 4/L, nel medesimo complesso in cui hanno sede il Corpo Volontario dei Vigili del Fuoco ed il Cantiere Comunale. 21

22 Servizi ed attività di AMNU I servizi erogati da AMNU sono i seguenti: Raccolta rifiuti urbani La raccolta dei rifiuti urbani avviene mediante cassonetti stradali per rifiuti differenziati (umido, carta, plastica, verde/ramaglie e vetro) e contenitori personalizzati per il rifiuto secco residuo; le altre tipologie di rifiuti si devono conferire presso i CRM. Lo scarico avviene secondo quanto previsto dal disciplinare tecnico e secondo la turnazione prestabilita. Le frequenze minime e massime sono le seguenti: Servizio Frequenza minima Frequenza massima Raccolta rifiuti urbani Mensile Estiva 2 gg./settimana -Invernale 1 gg./settimana Raccolta rifiuti speciali AMNU effettua la raccolta dei rifiuti speciali presso il Centro di Raccolta Zonale di Pergine Valsugana in Via Petrarca o su chiamata. Riportiamo di seguito l elenco delle iscrizioni in possesso di AMNU Iscrizione Descrizione Data scadenza Categoria 1 classe D Raccolta e trasporto di rifiuti urbani e assimilati 08 novembre 2010 Categoria 2 classe F Raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi individuati ai 12 febbraio 2008 sensi dell art. 33 del D.Lgs 22/97, avviati al recupero in Categoria 4 classe F modo effettivo ed oggettivo Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi 08 novembre 2010 Categoria 5 classe F Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi 08 novembre 2010 Categoria 6B classe F Gestione di impianti fissi di titolarità di terzi nei quali si 08 novembre 2010 effettuano le operazioni di smaltimento e di recupero di cui agli all. B e C del D.Lgs. 22/ Gestione di impianti di Raccolta e trasporto dei propri rifiuti stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi Raccolta e trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedente trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno 08 giugno 2011 (pagamento 50 annuale) 22

23 Gestione centri raccolte differenziate Unitamente alle raccolte differenziate stradali, svolte a mezzo di cassonetti e campane, AMNU gestisce, con la collaborazione di terze parti, i centri per la raccolta differenziata (Centro Raccolta Materiali CRM e Centro Raccolta Zonale CRZ). Presso i CRM è possibile conferire rifiuti urbani domestici in maniera differenziata, nonché i rifiuti ingombranti, secondo quanto previsto dallo specifico regolamento, esposto presso il centro o reperibile sul sito Presso il CRZ di Pergine Valsugana è possibile conferire anche rifiuti speciali e assimilati, prodotti dalle attività non domestiche dell intero bacino servito. Su chiamata e a pagamento, AMNU effettua servizi di raccolta domiciliare di rifiuti ingombranti e speciali. 23

24 Si riportano a titolo esemplificativo due immagini realizzate per informare gli utenti sull esatta metodologia di separazione dei rifiuti: 24

25 25

26 Spazzamento stradale Lo spazzamento stradale, meccanico e manuale, viene effettuato sia in modo diretto sia avvalendosi di ditte specializzate. Consiste nella pulizia programmata del suolo pubblico con interventi diversificati, previsti dai contratti di servizio. Nel periodo estivo viene curata la pulizia delle spiagge con frequenza giornaliera. Le principali frequenze di servizio sono le seguenti: Servizio Frequenza minima Frequenza massima Spazzamento manuale Bimestrale Giornaliera Spazzamento meccanico Semestrale Settimanale Pulizia spiagge invernale Mensile Quindicinale Pulizia spiagge estiva 3 gg./settimana 7 gg./settimana Attività escluse dal campo di applicazione EMAS Onoranze funebri AMNU svolge tutti i servizi di onoranza funebre, compreso il servizio di cremazione. Il servizio è su richiesta e a titolo oneroso. AMNU è in grado di offrire un servizio di pronto intervento, garantito 24 ore su 24, sia per servizi funebri, sia per il recupero di vittime di incidenti stradali e/o infortuni. I trasporti di salme sono effettuati esclusivamente con mezzi idonei e da personale interno specializzato. Polizia Mortuaria Nel rispetto della vigente normativa, per i Comuni che ne hanno fatto richiesta, AMNU provvede a tutte le operazioni di Polizia Mortuaria, in coordinamento con l A.S.L. e con le Forze dell Ordine. Servizi cimiteriali Per i Comuni che ne hanno fatto richiesta, AMNU cura la manutenzione dei cimiteri, effettuando tutte le operazioni relative alle inumazioni, alle tumulazioni, nonché alla bonifica, quando necessario, di interi quadri o dell intero camposanto. Le operazioni più elementari, quali inumazioni, tumulazioni, esumazioni, estumulazioni, sono richieste dai familiari del defunto, mentre le attività di bonifica del cimitero sono richieste direttamente dalle Amministrazioni Comunali. Per tutti gli interventi citati, AMNU si avvale di personale interno specializzato e di idonei mezzi meccanici; per far fronte a possibili picchi di lavoro e per le operazioni più elementari, AMNU può utilizzare risorse esterne all azienda. 26

27 Attualmente AMNU si occupa del: servizio di gestione integrale dei cimiteri nei comuni di: Pergine Valsugana; Baselga di Piné; Civezzano; Sant Orsola Terme; Tenna; Frassilongo; servizio di scavo fossa per il Comune di Calceranica al Lago; attività di esumazione su chiamata. Queste attività, che non rappresentano l attività principale dell azienda e che sono chiaramente distinte da quelle inerenti al servizio di igiene ambientale ed hanno unità operative a se stanti, non sono state inserite nel campo di applicazione in quanto, pur dedicando a queste lo stesso grado di attenzione verso l ambiente ed applicando anche a questi servizi la politica ambientale della società, non sono ancora state gestite utilizzando la documentazione implementata per il sistema di gestione ambientale. 27

28 Sistema di Gestione Ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale è documentato attraverso una serie di documenti che fissano le modalità gestionali e operative al fine di svolgere l attività nel rispetto nella normativa ambientale. Tali documenti risultano così suddivisi: o Manuale del Sistema di Gestione Ambientale o Procedure PR n Titolo Rif.to EMAS II 01 Gestione dei documenti e delle registrazioni I-A Gestione delle non conformità e dei reclami I-A Azioni correttive e preventive I-A Audit ambientali I-A Individuazione e significatività degli aspetti ambientali I-A Gestione delle prescrizioni legali e valutazione conformità legislativa I-A Gestione delle comunicazioni interne ed esterne I-A Formazione, sensibilizzazione e competenze I-A Controlli operativi e gestione scadenze I-A Riesame della Direzione I-A.6 11 Gestione delle sostanze pericolose I-A Gestione delle emergenze I-A Valutazione dei fornitori I-A.4.6 o Moduli di registrazione o Dichiarazione Ambientale Individuazione aspetti ambientali e significatività degli aspetti ambientali che tali aspetti determinano Aspetto Ambientale: Impatto Ambientale: elemento delle attività dei prodotti o dei servizi di un organizzazione che può interagire con l ambiente; qualsiasi modifica all ambiente, positiva o negativa derivante in tutto o in parte dalle attività dai prodotti o dai servizi di un organizzazione. 28

29 AMNU ha identificato e valuta periodicamente gli aspetti ambientali che possono determinare significativi impatti ambientali. L analisi ambientale iniziale è stata eseguita prendendo in considerazione tutte le attività svolte dall organizzazione. Per ogni attività sono stati individuati gli aspetti ambientali correlati e i relativi impatti come previsto dal Regolamento n. 761/2001 allegato VI. Sono stati analizzati sia gli aspetti ambientali diretti, ovvero sotto il diretto controllo gestione dell organizzazione sia gli aspetti ambientali indiretti, ovvero quelli su cui l organizzazione non ha un controllo diretto ma che è comunque in grado di influenzare. L analisi ambientale viene periodicamente riconsiderata al fine di verificare se esistono nuovi aspetti ambientali, diretti o indiretti, che devono essere valutati. Criteri di valutazione della significatività degli aspetti ambientali Aspetti ambientali diretti Ogni aspetto ambientale diretto che determina un impatto ambientale viene valutato attribuendo ad esso un FATTORE DI SIGNIFICATIVITÀ (S). Questo fattore scaturisce dalla combinazione di più parametri: - la probabilità che l evento accada (P); - la conformità legislativa (C) - la quantificazione dell impatto (per i consumi di risorse) / pericolosità (per le emissioni ecc..) (Q); - la migliorabilità delle attività da cui scaturisce l impatto (M); - la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività, ecc.) (SC). Per cui il fattore di significatività è espresso come: S = (C + Q + M + SC) * P Aspetti ambientali indiretti Il punteggio per la valutazione sugli aspetti ambientali indiretti viene attribuito valutando : - la probabilità che l evento accada (P) - la possibilità per AMNU di intervenire sull aspetto ambientale (A); - la quantificazione dell impatto provocato dall aspetto ambientale (Q); - la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività, ecc.) (SC). 29

30 - l impatto socio economico (oneri economici derivanti da maggiori costi, comportamenti/attività/procedure che gravano sugli stakeholders) (I) Per cui il fattore di significatività è espresso come: S = (A+Q + SC + I) * P La valutazione dell impatto viene registrata in un apposito documento Valutazione degli aspetti ambientali e deve essere interpretata nel modo seguente: PUNTEGGIO VALUTAZIONE GESTIONE DELL IMPATTO 0 15 NON SIGNIFICATIVO SIGNIFICATIVO > 30 MOLTO SIGNIFICATIVO se un impatto ambientale individuato risulta non significativo deve essere mantenuta sotto controllo la sua conformità legislativa se un impatto ambientale individuato risulta significativo deve essere mantenuta sotto controllo la sua conformità legislativa. I controlli previsti dalla normativa sono integrati da controlli operativi stabiliti dall azienda e riportati nello scadenzario ambientale e deve essere oggetto di attività di studio al fine di individuare quando possibile interventi di miglioramento (anche a medio o lungo termine). se un impatto ambientale individuato risulta molto significativo devono essere applicate le regole inerenti i controlli previste per gli impatti significativi e devono essere intrapresi interventi di miglioramento immediati Il Responsabile del sistema di gestione Ambientale (RSG) provvede, in collaborazione con la Direzione, a rivalutare ed eventualmente ad identificare eventuali nuovi aspetti ambientali. 30

31 Aspetti ambientali con impatto ambientale molto significativo o Nessuno Aspetti ambientali con impatto ambientale significativo o o o o o o o o o Rifiuti (Acqua proveniente da lavaggio camion e spazzamento strade) Rifiuti (Gestione rifiuti cimiteriali) Rifiuti (Attività di gestione e raccolta adozione nuovi mezzi e tecnologie) Energia (Consumo carburante per movimentazione mezzi) Aspetti visivi (Gestione sede CRM e CRZ) Aspetti visivi (Gestione Cassonetti) Interazione con altri (collaborazione con altri enti per organizzazione iniziative) Interazione con altri (formazione ed informazione per gli utenti) Interazione con altri (gestione fornitori di servizi di trasporto e smaltimento) Carattere nero = aspetti ambientali diretti Carattere rosso aspetti ambientali indiretti 31

32 Aria Emissioni in atmosfera Emissioni provenienti dalle caldaie : (aspetto non significativo) La sede di AMNU è riscaldata da una centrale termica alimentata a metano composta da tre caldaie di potenza complessiva pari a 405 kw La centrale termica è controllata e manutentata con cadenza semestrale da una ditta esterna specializzata in tali attività. Rendimento caldaie sede Minimo ammissibile 93% 90% 87% 84% media 2002 media 2003 media 2004 media 2005 media 2006 media 2007 caldaia 1 caldaia 2 caldaia 3 Il Centro di Raccolta Zonale è riscaldato da una caldaia con potenza inferiore a 35 kw 32

Dichiarazione Ambientale

Dichiarazione Ambientale Gronlait Dichiarazione Ambientale 2009 DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2009 Edizione 1 Revisione 02 del 24/02/2009 Redatta secondo i requisiti del Regolamento CE n. 761/2001 e s.m.i. Codici attività NACE: 38.11

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2010

Dichiarazione Ambientale 2010 Gronlait Dichiarazione Ambientale 2010 DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2010 Edizione 1 Revisione 03 del 20/05/2010 Redatta secondo i requisiti del Regolamento CE n. 1221/2009 e s.m.i. Codici attività NACE: 38.11

Dettagli

Carta dei Servizi Pubblici

Carta dei Servizi Pubblici AMNU S.p.A. Viale dell Industria 4/L 38057 PERGINE VALSUGANA (TN) Carta dei Servizi Pubblici Pubblici in vigore dal 1 gennaio 2003 revisione 10 del 15 maggio 2013 1 PREMESSA... 1 2 PRINCIPI FONDAMENTALI...

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

Sella. Alessandro Buosi

Sella. Alessandro Buosi Sella Alessandro Buosi Dichiarazione Ambientale DICHIARAZIONE AMBIENTALE Seconda Edizione (triennio 2014) Revisione 01 del 16.01. Redatta secondo i requisiti del Regolamento CE n. 1221/2009 e s.m.i. Codici

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo 1 Servizi in appalto I servizi oggetto dell appalto consistono nell espletamento, da parte dell appaltatore, secondo le modalità

Dettagli

Prati imperiali Kaserbisn. Alessandro Buosi

Prati imperiali Kaserbisn. Alessandro Buosi Prati imperiali Kaserbisn Alessandro Buosi Dichiarazione Ambientale 2015 DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2015 Terza Edizione (triennio 2015 2017) Revisione 01 del 26.01.2015 Redatta secondo i requisiti del Regolamento

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI

Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI Edizione N.3 Luglio 2008 INDICE PREMESSA pag. 3 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA pag. 3 MINI DIZIONARIO DEI TERMINI AZIENDALI pag. 3 PRINCIPI

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

RIFIUTI AGGIORNAMENTO 2013

RIFIUTI AGGIORNAMENTO 2013 RIFIUTI AGGIORNAMENTO 2013 Rifiuti La riduzione dei rifiuti, prima ancora della differenziazione, contribuisce a mitigare l impatto ambientale delle attività umane. 1 RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE

Dettagli

Senza titolo. Alessandro Buosi

Senza titolo. Alessandro Buosi Senza titolo Alessandro Buosi Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014 DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2014 Seconda Edizione (triennio 2012-2014) Revisione 03 del 20.01.2014 Redatta secondo i

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) ton Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-381 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 21) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% 74% 72% %RD (con spazzamento)

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 INDICE ART. 1 FINALITÀ 3 ART. 2 DEFINIZIONI 3 ART. 3 ESCLUSIONI 4 ART. 4 RAPPORTI CON ALTRE NORME 5 ART. 5 NORME PER LA GESTIONE DEI

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale marca da bollo 16,00 Pagina 1 di 5 OFFERTA ECONOMICA Gara del / / LISTA A n prog. PRESTAZIONI d'appalto manodopera Importo totale compreso costi per la manodopera PRESTAZIONI E/O SERVIZI 1 3 4 5 Svuotamento

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Carta dei Servizi di Igiene Urbana

Carta dei Servizi di Igiene Urbana Carta dei Servizi di Igiene Urbana LATINA AMBIENTE S.p.A. Carta dei Servizi di Igiene Urbana INDICE Premessa...2 Articolo 1 Riferimenti normativi...3 Articolo 2 Profilo Aziendale...4 Articolo 3 Principi

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

ABA CDEFBDFE A#$#%&*##%!'$A( )$%$A$A ! "! ! * + +, ", - , B$%+FBA.A!FBB FDF*////////////////

ABA CDEFBDFE A#$#%&*##%!'$A( )$%$A$A ! ! ! * + +, , - , B$%+FBA.A!FBB FDF*//////////////// ABA CDEFBDFE ABCDEFE ECFEC! "A#$#%&#%!'$A()$%$A$A A#$#%&*##%!'$A( )$%$A$A! "! #EE$FDB%&'EF(DEFD(AFE'"((FED)! * + +, ", -, B$%+FBA.A!FBB FDF*//////////////// Lista delle categorie dei servizi previsti per

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

C O M U N E D I V O L L A

C O M U N E D I V O L L A C O M U N E D I V O L L A P R O V I N C I A D I N A P O L I - IV SETTORE - Appalto: per il Servizio di spazzamento e raccolta differenziata integrata con il sistema porta a porta Piano industriale per

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO Comune di Toscolano-Maderno CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO CHE COS È Il CENTRO DI RACCOLTA comunale o intercomunale (o isola ecologica ) è un area presidiata ed allestita ove si svolge

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA

NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA Art. 1 - Organi preposti al controllo In attuazione di quanto disposto dal Decreto Legislativo 05/02/1997 n 22

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti

QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti QUADRO CONOSCITIVO SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE 6. RIFIUTI 6. Rifiuti 6 RIFIUTI... 2 6.1 PIANO PROVINCIALE GESTIONE RIFIUTI (PPGR)... 2 6.1.1 Obiettivi di recupero del PPGR della Provincia di Parma...

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Comune di CASTEL MAGGIORE

Comune di CASTEL MAGGIORE Comune di CASTEL MAGGIORE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO INTRODUZIONE Nell elaborazione del piano economico finanziario preventivo per l anno, relativo alla gestione dei rifiuti solidi urbani nel territorio

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ECOCENTRI COMUNALI E DELLE AREE ATTREZZATE DI RAGGRUPPAMENTO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ECOCENTRI COMUNALI E DELLE AREE ATTREZZATE DI RAGGRUPPAMENTO Direzione generale dell ambiente Servizio atmosferico e del suolo gestione rifiuti e bonifiche LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ECOCENTRI COMUNALI E DELLE AREE ATTREZZATE DI RAGGRUPPAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato»

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato» SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Ne abbiamo le discariche piene! Il costo dei rifiuti. «Cittadino informato, cittadino salvato» Cagliari (Lazzaretto di Sant Elia), 17 novembre 2012 Il costo

Dettagli

COMPENDIO DEI DATI QUANTITATIVI LEGATI AI CONSUMI DI RISORSE DEL PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA. Consumo di carburante per gli automezzi del Parco

COMPENDIO DEI DATI QUANTITATIVI LEGATI AI CONSUMI DI RISORSE DEL PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA. Consumo di carburante per gli automezzi del Parco COMPENDIO DEI DATI QUANTITATIVI LEGATI AI CONSUMI DI RISORSE DEL PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA 1. Consumo di carburante per gli automezzi del Parco Nella tabella di seguito riportata vengono indicati

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2.464 Produzione RSU 2008 [t] 774 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 269 Numero famiglie porta a porta/organico 870 Produzione

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli