Servizi di Igiene Ambientale. Dichiarazione Ambientale Regolamento CE 761/2001 EMAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi di Igiene Ambientale. Dichiarazione Ambientale 2008-2009-2010 Regolamento CE 761/2001 EMAS"

Transcript

1

2 Servizi di Igiene Ambientale Dichiarazione Ambientale Regolamento CE 761/2001 EMAS 2

3 3

4 INDICE: Informazioni per il pubblico...5 Termini e definizioni...7 La politica ambientale di AMNU...9 L Organigramma di AMNU...11 Principi ispiratori del progetto...13 La storia di AMNU Indirizzi e numeri utili...20 La sede di AMNU...21 Servizi ed attività di AMNU...22 Raccolta rifiuti urbani...22 Raccolta rifiuti speciali...22 Gestione centri raccolte differenziate...23 Spazzamento stradale...26 Attività escluse dal campo di applicazione EMAS...26 Onoranze funebri...26 Polizia Mortuaria...26 Servizi cimiteriali...26 Sistema di Gestione Ambientale...28 Individuazione aspetti ambientali e significatività degli aspetti ambientali che tali aspetti determinano...28 Criteri di valutazione della significatività degli aspetti ambientali...29 Aspetti ambientali diretti...29 Aspetti ambientali indiretti...29 Altri aspetti ambientali indiretti...53 Programma ambientale anno

5 Informazioni per il pubblico AMNU attraverso la Dichiarazione Ambientale fornisce informazioni sugli aspetti ambientali delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, quali enti pubblici, imprese, associazioni e a tutta la popolazione. La dichiarazione Ambientale è disponibile presso la sede della società in Viale dell Industria 4/L, Pergine Valsugana e sul sito internet Per informazioni rivolgersi a: DIR: Roberto Bortolotti RSG: Alessandro Buosi Telefono Fax Numero verde (gratuito per il cliente) CAMPO DI APPLICAZIONE SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE (RACCOLTA, TRASPORTO ED AVVIO A RECUPERO/SMALTIMENTO DI RIFIUTI DIFFERENZIATI ED INDIFFERENZIATI, GESTIONE DEI CENTRI RACCOLTA MATERIALI E DEL CENTRO RACCOLTA ZONALE DI PERGINE VALSUGANA), SERVIZIO DI SPAZZAMENTO STRADALE Classificazione NACE ( ) N dipendenti e addetti 44 Verificatore Bureau Veritas ITALIA S.p.A. Viale Monza Milano (I) n Accreditamento IT-V-0006 Aggiornamento annuale dei dati: 5

6 La prossima dichiarazione sarà predisposta e convalidata entro 3 anni dalla presente, annualmente saranno predisposti e convalidati (da parte di un verificatore accreditato) gli aggiornamenti della Dichiarazione Ambientale, che conterranno i dati ambientali relativi all anno di riferimento ed il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati. Le statistiche, i risultati e le informazioni riportate in questa dichiarazione ambientale sono aggiornate in relazione alla disponibilità dei dati presenti alla data del 17 gennaio

7 Termini e definizioni Ambiente Area circostante al luogo in cui opera l organizzazione, comprendente aria, acqua, terreni, risorse naturali, flora, fauna, persone e loro interazioni; (in questo contesto l area circostante si estende dall interno dell organizzazione al sistema globale) Analisi ambientale iniziale Esauriente analisi iniziale dei problemi, dell impatto e delle prestazioni ambientali connesse all attività di una organizzazione APPA Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente Aspetto Ambientale Elemento di un attività, prodotto o servizio di un organizzazione che può interagire con l ambiente. Un aspetto ambientale significativo (AAS) è un aspetto ambientale che determina un impatto ambientale significativo Audit Ambientale Processo di verifica sistematico e documentato per conoscere e valutare, con evidenza oggettiva, se il sistema di gestione ambientale di una organizzazione è conforme ai criteri definiti dall organizzazione stessa per l audit del sistema di gestione ambientale e per comunicare i risultati di questo processo alla direzione CRM Centro Raccolta Materiali CRZ Centro Raccolta Zonale Dichiarazione Ambientale Dichiarazione preparata dalla Società conforme a quanto previsto dal Regolamento EMAS II Impatto Ambientale Qualunque modificazione dell ambiente, negativa o benefica, totale o parziale, conseguente ad attività, prodotti o servizi di un organizzazione Miglioramento continuo Processo di accrescimento del sistema di gestione ambientale per ottenere miglioramenti della prestazione ambientale complessiva in accordo con la politica ambientale dell organizzazione Obiettivo ambientale Il fine ultimo ambientale complessivo, derivato dalla politica ambientale, che un organizzazione decide di perseguire e che è quantificato ove è possibile Parti Interessate Individui o gruppi di individui, interessati o influenzati dalle prestazioni ambientali dell organizzazione 7

8 Politica ambientale Obiettivi e principi generali di azioni di un organizzazione rispetto all ambiente, ivi compresa la conformità a tutte le pertinenti disposizioni regolamentari sull ambiente e l impegno ad un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali; tale poltica ambientale costituisce il quadro per fissare e riesaminare gli obiettivi ed i target ambientali Prestazioni Ambientali Risultati misurabili del sistema di gestione, legati al controllo, da parte dell organizzazione, degli aspetti ambientali basati su obiettivi e politica ambientale Regolamento EMAS II Regolamento CE n 761/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 marzo 2001 sull adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema volontario di ecogestione ed audit (EMAS) Sistema di gestione La parte del sistema di gestione che comprende la struttura ambientale organizzativa, le attività di pianificazione, le responsabilità, le prassi, le procedure, i processi, le risorse per elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica ambientale Traguardo ambientale Dettagliata richiesta di prestazione, possibilmente quantificata, riferita a una parte o all insieme di una organizzazione, derivante dagli obiettivi ambientali e che bisogna fissare e realizzare per raggiungere questi obiettivi 8

9 La politica ambientale di AMNU Il Consiglio di Amministrazione di AMNU ha definito la propria politica ambientale e si è assicurato che la stessa: o sia appropriata alla natura, alla dimensione e agli impatti ambientali delle sue attività, prodotti o servizi; o includa un impegno al miglioramento continuo e alla prevenzione dell inquinamento; o includa un impegno ad essere conforme alla relativa legislazione e regolamentazione ambientale applicabile e agli altri requisiti sottoscritti dall organizzazione; o fornisca il quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli obiettivi e traguardi ambientali; o sia documentata, resa operante, mantenuta attiva e diffusa a tutto il personale; o sia disponibile al pubblico. La politica ambientale è stata approvata dal consiglio di amministrazione della società come di seguito riportata. 9

10 La politica ambientale di AMNU AMNU, società con capitale sociale totalmente pubblico è stata costituita nel 1997 per fornire ai cittadini dei servizi che aiutano a migliorare l ambiente ed a prevenire l inquinamento. AMNU opera in una parte di territorio significativa della Provincia di Trento, provincia che da sempre pone una particolare attenzione alla tutela ambientale. Una costante individuabile nella modalità di erogazione di tutti i servizi è la ferrea volontà del Consiglio di Amministrazione di operare ponendo una particolare attenzione alla salvaguardia ed alla tutela dell ambiente in conformità alla legislazione ed alla regolamentazione ambientale vigente. Il Consiglio di Amministrazione ritiene che adottare delle metodologie operative in grado di migliorare i rapporti con il territorio porti al miglioramento delle prestazioni ambientali, ponendo una particolare attenzione all aumento della percentuale dei rifiuti raccolti in maniera differenziata ed una attenta gestione dei servizi cimiteriali. AMNU stanzia annualmente un budget per effettuare investimenti sia tecnologici che gestionali considerando oltre all aspetto finanziario, gli impatti ambientali correlati. Soprattutto negli ultimi anni AMNU ha dedicato una particolare attenzione alla comunicazione organizzando serate, dedicando appositi sportelli ed inviando costantemente del materiale informativo al fine di coinvolgere in maniera sempre più fattiva la popolazione e gli enti presenti sul territorio in cui opera. AMNU al fine di mantenere un efficace e costante controllo sull attività svolta e di migliorare continuamente le proprie prestazioni ha deciso di adottare un sistema di gestione ambientale conforme al Regolamento EMAS II a garanzia di tutte le parti interessate e quale opportunità di crescita per tutto il personale che collabora con l azienda. Pergine Valsugana 24 gennaio 2007 Il Presidente del Consiglio di Amministrazione 10

11 L Organigramma di AMNU CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DIRETTORE GENERALE SERVIZI COMMERCIALI E Rappresentante Direzione Responsabile Sistema AMMINISTRAZIONE AREA OPERATIVA Servizi informatici Tariffa Igiene Ambientale Contabilità Segreteria - rifiuti Servizi Igiene Officina Onoranze Funebri Ambientale Servizi Cimiteriali Sportello Vice caposervizio Igiene Ambientale Operatori Funebri Autisti Operatori Cimiteriali 11

12 L organico previsto per il 2008 conterà 49 dipendenti, così suddivisi: 2 dirigenti; 10 impiegati di cui 3 part-time; 37 operai, così suddivisi: 26 addetti alla raccolta dei rifiuti urbani e speciali; 3 addetti alle onoranze funebri; 4 addetti nei servizi cimiteriali; 3 addetti allo spazzamento stradale; 1 addetto all officina interna. Ad essi si aggiungeranno quattro dipendenti a tempo determinato, necessari per fare fronte all incremento dell attività stagionale legata al turismo estivo. 12

13 Principi ispiratori del progetto Il raggiungimento della registrazione EMAS per i soggetti coinvolti rappresenta uno strumento moderno che consente di gestire e migliorare il rapporto della popolazione con il proprio territorio. Le organizzazioni che fanno parte del progetto: Comune di Baselga di Pinè - Comune di Bedollo - Comune di Sant Orsola Terme 13

14 La storia di AMNU. La storia di AMNU inizia nel 1968, allorché il Comune di Pergine Valsugana deliberò di costituire una Azienda Municipalizzata per la gestione dei servizi di igiene urbana, onoranze funebri e trasporto infermi. La competenza del servizio trasporto infermi fu poi trasferita alle Aziende Sanitarie Locali. Nel corso del decennio AMNU allargò il proprio bacino di competenza, svolgendo i servizi di igiene ambientale nei comuni dell'alta Valsugana; si attrezzò inoltre per svolgere i servizi di spazzamento stradale, sia manuale che meccanico. Nei primi anni '90, AMNU ha svolto, su incarico della Provincia Autonoma di Trento, i servizi di raccolta pile esauste, farmaci scaduti ed involucri vuoti degli antiparassitari su tutto il territorio provinciale. Il 4 dicembre 1997, sedici dei diciotto Comuni dell'alta Valsugana serviti da AMNU (Baselga di Piné, Bedollo, Bosentino, Calceranica al Lago, Caldonazzo, Centa San Nicolò, Civezzano, Fierozzo, Fornace, Frassilongo, Levico Terme, Palù del Fersina, Pergine Valsugana, Sant'Orsola Terme, Tenna, Vattaro, Vignola Falesina, Vigolo Vattaro) hanno costituito AMNU, con sede a Pergine Valsugana in Viale dell Industria 4/L. Il capitale sociale è totalmente pubblico e la struttura operativa ed amministrativa sono derivati dal conferimento da parte del Comune di Pergine Valsugana, dell Azienda Municipalizzata Nettezza Urbana Trasporti Funebri. 14

15 Attualmente il bacino di utenza di AMNU è rappresentato dal Comprensorio C4 Alta Valsugana con le esclusioni di Lavarone e Luserna, accorpati, per la raccolta rifiuti, al Comprensorio C10 della Vallagarina. I Comuni serviti, nonché soci, sono: Baselga di Piné; Bedollo; Bosentino; Calceranica al Lago; Caldonazzo; Centa San Nicolò; Civezzano; Fierozzo; Fornace; Frassilongo; Levico Terme; Palù del Fersina; Pergine Valsugana; Sant Orsola Terme; Tenna; Vattaro; Vignola Falesina; Vigolo Vattaro. 15

16 per un bacino di utenza di oltre abitanti equivalenti. AMNU gestisce inoltre 6 sedi periferiche (5 CRM - Centro Raccolta Materiali ed un CRZ - Centro Raccolta Zonale). Tra le sue attività rientrano anche lo spazzamento stradale, sia meccanico che manuale, ed i servizi di onoranze funebri (pompe funebri e servizi cimiteriali). 16

17 Gli ultimi risultati raggiunti In merito all attività svolta da AMNU durante l esercizio 2007, si segnalano le seguenti iniziative: Area ambiente: o avvio dei lavori per la realizzazione del CRZ di Levico Terme la cui apertura è prevista per la prossima primavera; o distribuzione gratuita alle utenze domestiche di sacchetti biodegradabili, da utilizzarsi per il conferimento del rifiuto umido organico; o attenta riorganizzazione delle raccolte differenziate all interno dei cimiteri per eliminare la frazione di fiori e piante da avviare a smaltimento; o seguendo le indicazioni fornite dai Soci, predisposizione dei piani operativi di dettaglio per l abbandono del criterio della superficie nel metodo di calcolo della quota fissa relativa alla tariffa di igiene ambientale per le utenze domestiche, nonché delle bozze per i nuovi regolamenti comunali; o gestione integrale della tariffa personalizzata in tutti i Comuni del bacino con l estensione anche ai Comuni di Levico Terme e di Tenna; o progettazione e ricerca di finanziamento per una indagine motivazionale da condursi assieme al Dipartimento di Scienze Cognitive dell Università di Trento, relativa al fenomeno degli smaltimenti irregolari dei rifiuti. Posizione in merito a quanto riportato nel Terzo aggiornamento al Piano provinciale per lo smaltimento dei rifiuti Il documento licenziato dalla P.A.T. in data 18/08/2006, riprendendo gli obiettivi indicati dall assembla dei Sindaci dei Comuni trentini del 21/11/2005, ha stabilito il limite massimo di rifiuto da avviare al termovalorizzatore in una quantità pro capite pari a 175 Kg/anno per abitante equivalente. Con la delibera n del 30 dicembre 2005, la Giunta Provinciale aveva introdotto l obbligatorietà per tutti i Comuni dell applicazione di una tariffa correlata alla effettiva quantità di rifiuti prodotti a partire dal 2008; l entrata in vigore di quest ultimo obbligo è stata rimandata all esercizio Con soddisfazione, AMNU ha già superato abbondantemente tali obiettivi in tutti i Comuni serviti. AMNU nel 2007 ha portato a regime il nuovo sistema di raccolta differenziata, cogliendo l importante risultato di ridurre al 25% la quantità di rifiuto residuo smaltito in discarica, corrispondente ad una produzione pro capite di 95 kg/anno. Questi valori sopravanzano gli obiettivi che la Provincia Autonoma aveva fissato per il

18 Previsioni nella raccolta rifiuti Alla luce dei risultati registrati e del completamento della riorganizzazione, è atteso per il 2008 un leggero incremento (356 t +1,7% circa) del totale dei rifiuti raccolti, che si attesteranno sulle tonnellate ed un aumento, ancorché limitato, delle raccolte differenziate (+1,7% rispetto alla previsione 2007 con t). La percentuale media annuale di raccolta differenziata si attesterà attorno al 74,2% per tutti i Comuni del bacino. A tali quantità devono essere aggiunti i rifiuti da spazzamento stradale meccanico (circa t/anno) che secondo quanto previsto dal III aggiornamento dal piano provinciale per lo smaltimento dei rifiuti non incidono sulla percentuale di raccolta differenziata. Tra i rifiuti differenziati le principali frazioni consistono nel rifiuto organico (4.334 t), in carta/cartoni (4.213 t), in vetro/lattine (circa t) e in verde/ramaglie (2.286 t). Nella tabella seguente è riportata la previsione delle raccolte di rifiuti (i dati sono espressi in Kg): Rifiuti urbani R.s.u. indifferenziati Carta Cartoni Vetro Barattoli Ferro Legno Ramaglie Organico Indumenti Plastica imballaggi / mista Plastica secondaria Pneumatici Frigoriferi TV - Computer RUP Centri di Raccolta Farmaci Pile Batterie Rifiuti indifferenziati Rifiuti differenziati Totale rifiuti Percent. raccolte differenziate 74,20% 74,30% 74,50% Andamento rifiuti 1,70% 1,73% 1,74% 18

19 Investimenti 2007: Con gli investimenti del 2007 si è giunti al completamento del parco mezzi e dei contenitori personalizzati, che consentono di quantificare il rifiuto residuo prodotto dalle singole utenze. Nella tabella seguente sono riportati, in migliaia di Euro, gli investimenti previsti: Investimenti 2007 Migliaia di Automezzi 188 Contenitori 108 Officina 35 Funebre e cimiteriale 46 Amministrazione e servizi generali 33 Totale investimenti

20 Indirizzi e numeri utili Sede aziendale: Viale dell Industria 4/L Pergine Valsugana (TN) Centri Raccolta Materiale: CRZ CRM Pergine Valsugana...Via Petrarca 25 CRM Civezzano...Via Fersina Avisio 2/A CRM Vigolo Vattaro...Località Fornaci 37/A CRM Baselga di Piné...Località Le Meie 1 CRM Sant Orsola Terme...Località Stefani 31/B CRM Caldonazzo...S.P. per Monterovere 2 Numeri utili: Sede aziendale: Telefono Fax Numero verde (gratuito per il cliente) Reperibilità Onoranze Funebri (24 ore su 24): Telefono Sito internet: Posta elettronica: informazioni ufficio tariffa igiene servizio igiene servizio Informazioni e reclami: Telefono Fax Numero verde

21 La sede di AMNU La sede di AMNU è a Pergine Valsugana in Viale dell'industria 4/L, nel medesimo complesso in cui hanno sede il Corpo Volontario dei Vigili del Fuoco ed il Cantiere Comunale. 21

22 Servizi ed attività di AMNU I servizi erogati da AMNU sono i seguenti: Raccolta rifiuti urbani La raccolta dei rifiuti urbani avviene mediante cassonetti stradali per rifiuti differenziati (umido, carta, plastica, verde/ramaglie e vetro) e contenitori personalizzati per il rifiuto secco residuo; le altre tipologie di rifiuti si devono conferire presso i CRM. Lo scarico avviene secondo quanto previsto dal disciplinare tecnico e secondo la turnazione prestabilita. Le frequenze minime e massime sono le seguenti: Servizio Frequenza minima Frequenza massima Raccolta rifiuti urbani Mensile Estiva 2 gg./settimana -Invernale 1 gg./settimana Raccolta rifiuti speciali AMNU effettua la raccolta dei rifiuti speciali presso il Centro di Raccolta Zonale di Pergine Valsugana in Via Petrarca o su chiamata. Riportiamo di seguito l elenco delle iscrizioni in possesso di AMNU Iscrizione Descrizione Data scadenza Categoria 1 classe D Raccolta e trasporto di rifiuti urbani e assimilati 08 novembre 2010 Categoria 2 classe F Raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi individuati ai 12 febbraio 2008 sensi dell art. 33 del D.Lgs 22/97, avviati al recupero in Categoria 4 classe F modo effettivo ed oggettivo Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi 08 novembre 2010 Categoria 5 classe F Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi 08 novembre 2010 Categoria 6B classe F Gestione di impianti fissi di titolarità di terzi nei quali si 08 novembre 2010 effettuano le operazioni di smaltimento e di recupero di cui agli all. B e C del D.Lgs. 22/ Gestione di impianti di Raccolta e trasporto dei propri rifiuti stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi Raccolta e trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedente trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno 08 giugno 2011 (pagamento 50 annuale) 22

23 Gestione centri raccolte differenziate Unitamente alle raccolte differenziate stradali, svolte a mezzo di cassonetti e campane, AMNU gestisce, con la collaborazione di terze parti, i centri per la raccolta differenziata (Centro Raccolta Materiali CRM e Centro Raccolta Zonale CRZ). Presso i CRM è possibile conferire rifiuti urbani domestici in maniera differenziata, nonché i rifiuti ingombranti, secondo quanto previsto dallo specifico regolamento, esposto presso il centro o reperibile sul sito Presso il CRZ di Pergine Valsugana è possibile conferire anche rifiuti speciali e assimilati, prodotti dalle attività non domestiche dell intero bacino servito. Su chiamata e a pagamento, AMNU effettua servizi di raccolta domiciliare di rifiuti ingombranti e speciali. 23

24 Si riportano a titolo esemplificativo due immagini realizzate per informare gli utenti sull esatta metodologia di separazione dei rifiuti: 24

25 25

26 Spazzamento stradale Lo spazzamento stradale, meccanico e manuale, viene effettuato sia in modo diretto sia avvalendosi di ditte specializzate. Consiste nella pulizia programmata del suolo pubblico con interventi diversificati, previsti dai contratti di servizio. Nel periodo estivo viene curata la pulizia delle spiagge con frequenza giornaliera. Le principali frequenze di servizio sono le seguenti: Servizio Frequenza minima Frequenza massima Spazzamento manuale Bimestrale Giornaliera Spazzamento meccanico Semestrale Settimanale Pulizia spiagge invernale Mensile Quindicinale Pulizia spiagge estiva 3 gg./settimana 7 gg./settimana Attività escluse dal campo di applicazione EMAS Onoranze funebri AMNU svolge tutti i servizi di onoranza funebre, compreso il servizio di cremazione. Il servizio è su richiesta e a titolo oneroso. AMNU è in grado di offrire un servizio di pronto intervento, garantito 24 ore su 24, sia per servizi funebri, sia per il recupero di vittime di incidenti stradali e/o infortuni. I trasporti di salme sono effettuati esclusivamente con mezzi idonei e da personale interno specializzato. Polizia Mortuaria Nel rispetto della vigente normativa, per i Comuni che ne hanno fatto richiesta, AMNU provvede a tutte le operazioni di Polizia Mortuaria, in coordinamento con l A.S.L. e con le Forze dell Ordine. Servizi cimiteriali Per i Comuni che ne hanno fatto richiesta, AMNU cura la manutenzione dei cimiteri, effettuando tutte le operazioni relative alle inumazioni, alle tumulazioni, nonché alla bonifica, quando necessario, di interi quadri o dell intero camposanto. Le operazioni più elementari, quali inumazioni, tumulazioni, esumazioni, estumulazioni, sono richieste dai familiari del defunto, mentre le attività di bonifica del cimitero sono richieste direttamente dalle Amministrazioni Comunali. Per tutti gli interventi citati, AMNU si avvale di personale interno specializzato e di idonei mezzi meccanici; per far fronte a possibili picchi di lavoro e per le operazioni più elementari, AMNU può utilizzare risorse esterne all azienda. 26

27 Attualmente AMNU si occupa del: servizio di gestione integrale dei cimiteri nei comuni di: Pergine Valsugana; Baselga di Piné; Civezzano; Sant Orsola Terme; Tenna; Frassilongo; servizio di scavo fossa per il Comune di Calceranica al Lago; attività di esumazione su chiamata. Queste attività, che non rappresentano l attività principale dell azienda e che sono chiaramente distinte da quelle inerenti al servizio di igiene ambientale ed hanno unità operative a se stanti, non sono state inserite nel campo di applicazione in quanto, pur dedicando a queste lo stesso grado di attenzione verso l ambiente ed applicando anche a questi servizi la politica ambientale della società, non sono ancora state gestite utilizzando la documentazione implementata per il sistema di gestione ambientale. 27

28 Sistema di Gestione Ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale è documentato attraverso una serie di documenti che fissano le modalità gestionali e operative al fine di svolgere l attività nel rispetto nella normativa ambientale. Tali documenti risultano così suddivisi: o Manuale del Sistema di Gestione Ambientale o Procedure PR n Titolo Rif.to EMAS II 01 Gestione dei documenti e delle registrazioni I-A Gestione delle non conformità e dei reclami I-A Azioni correttive e preventive I-A Audit ambientali I-A Individuazione e significatività degli aspetti ambientali I-A Gestione delle prescrizioni legali e valutazione conformità legislativa I-A Gestione delle comunicazioni interne ed esterne I-A Formazione, sensibilizzazione e competenze I-A Controlli operativi e gestione scadenze I-A Riesame della Direzione I-A.6 11 Gestione delle sostanze pericolose I-A Gestione delle emergenze I-A Valutazione dei fornitori I-A.4.6 o Moduli di registrazione o Dichiarazione Ambientale Individuazione aspetti ambientali e significatività degli aspetti ambientali che tali aspetti determinano Aspetto Ambientale: Impatto Ambientale: elemento delle attività dei prodotti o dei servizi di un organizzazione che può interagire con l ambiente; qualsiasi modifica all ambiente, positiva o negativa derivante in tutto o in parte dalle attività dai prodotti o dai servizi di un organizzazione. 28

29 AMNU ha identificato e valuta periodicamente gli aspetti ambientali che possono determinare significativi impatti ambientali. L analisi ambientale iniziale è stata eseguita prendendo in considerazione tutte le attività svolte dall organizzazione. Per ogni attività sono stati individuati gli aspetti ambientali correlati e i relativi impatti come previsto dal Regolamento n. 761/2001 allegato VI. Sono stati analizzati sia gli aspetti ambientali diretti, ovvero sotto il diretto controllo gestione dell organizzazione sia gli aspetti ambientali indiretti, ovvero quelli su cui l organizzazione non ha un controllo diretto ma che è comunque in grado di influenzare. L analisi ambientale viene periodicamente riconsiderata al fine di verificare se esistono nuovi aspetti ambientali, diretti o indiretti, che devono essere valutati. Criteri di valutazione della significatività degli aspetti ambientali Aspetti ambientali diretti Ogni aspetto ambientale diretto che determina un impatto ambientale viene valutato attribuendo ad esso un FATTORE DI SIGNIFICATIVITÀ (S). Questo fattore scaturisce dalla combinazione di più parametri: - la probabilità che l evento accada (P); - la conformità legislativa (C) - la quantificazione dell impatto (per i consumi di risorse) / pericolosità (per le emissioni ecc..) (Q); - la migliorabilità delle attività da cui scaturisce l impatto (M); - la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività, ecc.) (SC). Per cui il fattore di significatività è espresso come: S = (C + Q + M + SC) * P Aspetti ambientali indiretti Il punteggio per la valutazione sugli aspetti ambientali indiretti viene attribuito valutando : - la probabilità che l evento accada (P) - la possibilità per AMNU di intervenire sull aspetto ambientale (A); - la quantificazione dell impatto provocato dall aspetto ambientale (Q); - la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività, ecc.) (SC). 29

30 - l impatto socio economico (oneri economici derivanti da maggiori costi, comportamenti/attività/procedure che gravano sugli stakeholders) (I) Per cui il fattore di significatività è espresso come: S = (A+Q + SC + I) * P La valutazione dell impatto viene registrata in un apposito documento Valutazione degli aspetti ambientali e deve essere interpretata nel modo seguente: PUNTEGGIO VALUTAZIONE GESTIONE DELL IMPATTO 0 15 NON SIGNIFICATIVO SIGNIFICATIVO > 30 MOLTO SIGNIFICATIVO se un impatto ambientale individuato risulta non significativo deve essere mantenuta sotto controllo la sua conformità legislativa se un impatto ambientale individuato risulta significativo deve essere mantenuta sotto controllo la sua conformità legislativa. I controlli previsti dalla normativa sono integrati da controlli operativi stabiliti dall azienda e riportati nello scadenzario ambientale e deve essere oggetto di attività di studio al fine di individuare quando possibile interventi di miglioramento (anche a medio o lungo termine). se un impatto ambientale individuato risulta molto significativo devono essere applicate le regole inerenti i controlli previste per gli impatti significativi e devono essere intrapresi interventi di miglioramento immediati Il Responsabile del sistema di gestione Ambientale (RSG) provvede, in collaborazione con la Direzione, a rivalutare ed eventualmente ad identificare eventuali nuovi aspetti ambientali. 30

31 Aspetti ambientali con impatto ambientale molto significativo o Nessuno Aspetti ambientali con impatto ambientale significativo o o o o o o o o o Rifiuti (Acqua proveniente da lavaggio camion e spazzamento strade) Rifiuti (Gestione rifiuti cimiteriali) Rifiuti (Attività di gestione e raccolta adozione nuovi mezzi e tecnologie) Energia (Consumo carburante per movimentazione mezzi) Aspetti visivi (Gestione sede CRM e CRZ) Aspetti visivi (Gestione Cassonetti) Interazione con altri (collaborazione con altri enti per organizzazione iniziative) Interazione con altri (formazione ed informazione per gli utenti) Interazione con altri (gestione fornitori di servizi di trasporto e smaltimento) Carattere nero = aspetti ambientali diretti Carattere rosso aspetti ambientali indiretti 31

32 Aria Emissioni in atmosfera Emissioni provenienti dalle caldaie : (aspetto non significativo) La sede di AMNU è riscaldata da una centrale termica alimentata a metano composta da tre caldaie di potenza complessiva pari a 405 kw La centrale termica è controllata e manutentata con cadenza semestrale da una ditta esterna specializzata in tali attività. Rendimento caldaie sede Minimo ammissibile 93% 90% 87% 84% media 2002 media 2003 media 2004 media 2005 media 2006 media 2007 caldaia 1 caldaia 2 caldaia 3 Il Centro di Raccolta Zonale è riscaldato da una caldaia con potenza inferiore a 35 kw 32

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli