CONTRATTI SERVIZIO ENERGIA NUOVO METODO AEEG MODALITA DI APPLICAZIONE DEGLI INDICI REVISIONALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTI SERVIZIO ENERGIA NUOVO METODO AEEG MODALITA DI APPLICAZIONE DEGLI INDICI REVISIONALI"

Transcript

1 CONTRATTI SERVIZIO ENERGIA NUOVO METODO AEEG MODALITA DI APPLICAZIONE DEGLI INDICI REVISIONALI Per Contratto Servizio Energia si intende l atto contrattuale che disciplina l erogazione dei beni e servizi necessari a mantenere le condizioni di comfort negli edifici, nel rispetto delle vigenti leggi in materia di uso razionale dell energia, di sicurezza e di salvaguardia dell ambiente, provvedendo nel contempo al miglioramento del processo di produzione, trasformazione e di utilizzo dell energia. I contratti Servizio Energia operano nei comparti: Privato Residenziale Condominiale Pubblico Ospedaliero Pubblico Uffici Scuole Pubblico Residenziale Condominiale Le società che operano nel settore sono definite E.S.Co (Energy Service company) o Società di Servizi Energetici. Per effettuare le proprie prestazioni, le E.S.Co utilizzano diverse fonti di energia primaria o vettori energetici quali: Gas naturale GPL Gasolio a basso tenore di zolfo Energia termica da Reti di teleriscaldamento Fonti rinnovabili Trattandosi generalmente di contratti pluriennali, gli importi relativi alle prestazioni eseguite devono essere indicizzati all andamento dei prezzi delle fonti energetiche utilizzate e dei costi della mano d opera. I capitolati od contratti che regolano l esecuzione SE contemplano le modalità con cui, nel corso di valenza del contratto stesso, si procederà all aggiornamento periodico dei valori contrattuali indicando specificatamente i valori di riferimento dei combustibili, liquidi o gassosi, le date cui gli stessi fanno riferimento e le percentuali di incidenza degli stessi; analoga parametrizzazione viene indicata per il costo della mano d opera ed in alcuni casi per i costi dei materiali. Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 1

2 I Capitolati d Appalto o Contratti indicano inoltre le fonti di riferimento che forniscono questi dati. E evidente che i valori economici di riferimento dei combustibili o della mano d opera vanno intesi come punti di partenza ovvero il cosi detto P 0n mentre i vari valori successivi saranno i cosi detti P 1(n+1) P 2(n+2) P 3(n+3) P X(n+x) Il rapporto tra i vari valori costituirà l indice di aggiornamento dei prezzi contrattuali. I metodi di determinazione dei valori, cui fare riferimento per la determinazione degli indici di aggiornamento contrattuale, devono rimanere costanti nel tempo nella loro composizione per garantire ad entrambi i soggetti, Committente ed E.S.Co, la congruità degli stessi I Capitolati d appalto od i Contratti di norma fanno riferimento Per i combustibili liquidi, di norma alle quotazioni riportate dalle rilevazioni effettuate quindicinalmente dalle C.C.I.A.A. (rilevazione ex post) Per il gas naturale, in mancanza di una rilevazione ufficiale ex post come quelle effettuate dalle C.C.I.A.A., alle condizioni economiche del servizio di tutela AEEG, ossia le pubblicazioni predisposte dall AEEG per il mercato tutelato note impropriamente come Listini AEEG, comunicato stampa trimestrale AEEG, listini pubblicati dalle società di vendita locali, prezzo del distributore locale, ecc. Per i combustibili solidi o il calore prodotto da impianti di teleriscaldamento, tipicamente si fa riferimento al tipo di combustibile utilizzato. Alcune casistiche riportano delle modalità di adeguamento alle condizioni economiche del servizio di tutela del gas naturale. Per la mano d opera ai listini Assistal, alle pubblicazioni della CCIAA od ancora a Prezziari editi delle Regioni. Sulle modalità di rilevazione o sulla composizione dei prezzi dei combustibili liquidi nulla e cambiato, va ricordato che detti prezzi sono al momento liberi ovvero non regolati da alcun soggetto pubblico se non per la componente erariale. Invece per il gas è intervenuta nel corso del 2013 una riforma tariffaria, predisposta dell AEEG, che cambia radicalmente e sostanzialmente il metodo di determinazione delle tariffe, assumendo per la prima volta il mercato spot come mercato di riferimento secondo l indirizzo della Comunità Europea. Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 2

3 LA RIFORMA TARIFFARIA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI TUTELA DEL GAS NATURALE REGOLATO DALL AEEG L evoluzione del contesto (di mercato e normativo) ha comportato la necessità di definire la riforma delle condizioni economiche di tutela per permettere a tutti i clienti finali che acquistano gas naturale di usufruire delle condizioni del mercato all ingrosso spot, con prezzi "allineati" a quelli europei. La riforma, messa in atto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, ha comportato un cambiamento radicale della struttura del prezzo del gas che si è sviluppata in due fasi: una con un intervento graduale a partire dall 1 aprile 2013 e l altra con la messa a regime di una struttura di prezzo completamente trasformata, a partire dall 1 ottobre E stato pertanto modificato il metodo di determinazione dei prezzi ed è stato assunto un nuovo mercato di riferimento non confrontabile con quello utilizzato negli ultimi 10 anni. La novità principale consiste nel passaggio del calcolo della componente gas dagli indicatori dei contratti di importazione del gas a lungo termine (media dei prodotti petroliferi e del cambio $/ ) ai prezzi rilevati sul mercato a termine del gas TTF (Title Transfer Facility), hub olandese, in attesa dell avvio del mercato a termine italiano PSV (piattaforma di scambio virtuale). Le delibere dell AEEG in essere sino a tutto il I Trim 2013 si basavano sulle seguenti componenti: CCI = Componente Commercializzazione all Ingrosso CCI = 95% f (Gasolio, Olio Combustibile Denso, Brent, /$) + 5% f mercato spot Adeguamento del prezzo : 9_2_3 ovvero I valori delle componenti sopra indicate vanno rilevati con le seguenti modalità I valori dei 9 mesi precedenti il periodo N Si escludono i 2 mesi precedenti il periodo N validità per I 3 mesi successivi Aspetto fondamentale i prezzi presi in considerazione sono quotati in dollari e risentono quindi delle fluttuazioni dei cambi Dollaro /Euro Di seguito si riportano principali novità contenute nelle delibere dell AEEG con cui ha attuato la riforma. Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 3

4 I fase regolatoria per il II e III Trimestre delibera ARG/GAS/124/2013 Per avvicinarci alle metodologia europea l AEEG pur mantenendo la struttura della delibera sin allora in vigore (263/12) incrementa significativamente il concetto di mercato spot attribuendogli un incidenza del 20% rispetto al totale della componente CCI Ne consegue inoltre che anche le altre componenti, variano in quanto tengono conto della diversa incidenza delle suddette componenti. Di seguito si allega una tabella sintetica riportante le componenti e le differenze introdotte della riforma: COMPONENTI Struttura del prezzo (ante riforma e prima fase della riforma) Ante riforma Prima fase riforma Prezzo di approvvigionamento (materia prima e stoccaggio) Servizio di trasporto CCI Qs QTi QE QT (per TTF) QCItint QCIgross indice basato sui contratti lungo termine 95% e mercato spot 5% indice basato sui contratti lungo termine 80% e mercato spot 20% ribilanciamento del valore ribilanciamento del valore Prezzo di commercializzazione QVD frais supplémentaires QOA ribilanciamento del valore II fase regolatoria dal IV Trimestre delibera ARG/GAS/196/2013 Il riferimento passa al 100% su mercato SPOT TTF In questa fase vengono sostituite la totalità delle componenti di riferimento per i costi di approvvigionamento e la remunerazione della filiera. Scompaiono pertanto tutte le componenti che si riferiscono ai mercati a lungo termine oil (media dei prodotti petroliferi e del cambio $/ ). Con la delibera 196/13 viene eliminata la CCI e introdotta la CMEM= f ( TTF) Adeguamento del prezzo: 2_3_3 ovvero I valori delle componenti sopra indicate vanno rilevati con le seguenti modalità: Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 4

5 Due mesi prima del periodo(trimestre) N (2) si rilevano le quotazioni del TTF per consegne nel trimestre successivo (prezzi forward) valori del successivo periodo N validità per i 3 mesi successivi (periodo N) Aspetto fondamentale i prezzi presi in considerazione sono quotati in Euro Si riporta di seguito una tabella sintetica in cui sono elencate le componenti utilizzate nelle delibere AEEG ante e post riforma da cui si evince una chiara riforma strutturale del prezzo: COMPONENTI Prezzo di approvvigionamento (materia prima e stoccaggio) Struttura del prezzo (ante riforma e prima fase della riforma) CCI non esisteva QCIgross Qs non esisteva QE non esisteva QT (per TTF) QCItint C MEM Struttura del prezzo (II fase della riforma) non esiste più P FOR QT PSV QT int QT MCV non esiste più non esiste più CCR Servizio di trasporto QTi QTF i QT i non esisteva QTV t Prezzo di commercializzazione QVD QVD Costi aggiuntivi QOA non esiste più Gradualità della riforma non esisteva GRAD non esisteva C PR A riprova di quanto sopra esposto, si riportano i prezzi 4 Trimestri 2013 calcolati in funzione di: Mercato oil ante riforma (263/12) (*) Mercato I fase regolatoria (124/13) (**) Mercato II fase regolatoria (196/13) (***) Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 5

6 1. trim trim trim trim /12 c/smc 46,198 44,910 (*) 44,030 (*) 43,073 (*) Variazioni Trim Vs -1,288-0,880-0,956 Trim precedente -2,79% -1,96% -2,17% Variazioni -1,288-2,168-3,124 progressive -2,79% -4,69% -6,76% 124/13 c/smc 44,897 (**) 42,948 42,359 41,598 (**) Variazioni Trim Vs -1,949-0,589-0,761 Trim precedente -4,34% -1,37% -1,80% Variazioni -1,949-2,538-3,299 progressive -4,34% -5,65% -7,35% 196/13 c/smc 38,754 (***) 36,821 (***) 37,705 (***) 37,963 Variazioni Trim Vs -1,932 0,884 0,258 Trim precedente -4,99% 2,40% 0,69% Variazioni -1,932-1,049-0,790 progressive -4,99% -2,71% -2,04% I valori privi di (*) sono dati pubblicati dall AEEG mentre quelli con (*) sono calcolati in base alle delibere AEEG di riferimento Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 6

7 Dall esame delle suddette tabelle è evidente che i tre metodi di calcolo portano a differenti valori ed andamenti non raffrontabili tra di loro. Le ragioni del diverso andamento risiedono principalmente nella differenti modalità di analizzare i dati, la 263/12 utilizza valori economici determinati su dati pregressi del mercato oil (9 mesi antecedenti) mentre la 196/13 utilizza valori economici determinati su dati futuri del mercato TTF (forward 3 mesi futuri). IMPATTO DELLE DELIBERE INTRODOTTE DALL AEEG SUI CONTRATTI IN ESSERE Principalmente i Capitolati d Appalto od i Contratti in essere hanno come riferimento di indicizzazione i valori che scaturiscono dalle condizioni TIVG previste sino alla delibera 263/2012/R/GAS, comprensivi di accise e addizionali regionali. Occorre rilevare che le E.S.Co. non sono considerate dall AEEG soggetti finali rientranti nel mercato tutelato; pertanto le offerte presentate, gli appalti aggiudicati od i contratti stipulati e conseguentemente gli acquisti effettuati delle stesse sono trattati sul mercato libero. Ciò nonostante i Capitolati d Appalto ed i Contratti di Servizio Energia fanno riferimento per l aggiornamento dei corrispettivi legati al gas proprio alle formule indicate dall AEEG per la formulazione dei prezzi del mercato tutelato. Inoltre con il DL 69/13 Decreto del fare si è ristretto l ambito di applicazione del mercato tutelato ai soli clienti domestici escludendo pertanto quanti erano ricompresi nella precedente definizione di clienti vulnerabili quali, le utenze relative ad attività di servizio pubblico, tra cui ospedali, case di cura e di riposo, carceri, scuole, e altre strutture pubbliche e private che svolgono un'attività riconosciuta di assistenza nonché i clienti civili e non civili con consumo non superiore a metri cubi annui. Le E.S.Co. hanno accettato di utilizzare, nei Capitolati d Appalto ed i Contratti di Servizio Energia le formule proposte, riconoscendo di fatto all AEEG una sorta di Terzietà non essendo inoltre disponibili sino ad ora altri parametri ufficiali di indicizzazione. L introduzione del nuovo metodo per il calcolo del prezzo di tutela, che ha comportato come illustrato nelle pagine precedenti l abolizione della CCI e l introduzione della CMEM, che a sua volta incorpora la PFOR, non rende possibile effettuare un corretto raffronto tra i due valori pre e post riforma ai fini dell aggiornamento dei corrispettivi per l energia, visto che prendono in considerazione parametri totalmente diversi tra loro. Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 7

8 L aggiornamento dei contratti deve quindi avvenire a parametri costanti ovvero mantenendo inalterata la composizione degli indici. E stato pertanto necessario, per consentire un corretto aggiornamento dei valori contrattuali, predisporre le quotazioni per il II III e IV Trimestre 2013 secondo i parametri della delibera ARG/GAS/263/12, per il calcolo della CCI, con aggiornamento dell indice it secondo le quotazioni dei prodotti petroliferi al II, III, IV trim 2013 e la delibera ARG/GAS/578/12 per gli altri corrispettivi A decorre dal I trimestre 2014 e per i trimestri successivi si opererà prendendo in considerazione le variazioni tra il IV Trimestre 2013 e il I trimestre 2014 secondo la delibera 196/13. COME DEVONO ESSERE DETERMINATI I PARAMETRI DEL II Trimestre 2013, III Trimestre 2013, IV Trimestre 2013 Come indicato in precedenza le quotazioni del II Trimestre 2013, III Trimestre 2013 IV Trimestre 2013 devono obbligatoriamente seguire le disposizioni fissate dall AEEG 263/12 e 578/12 in quanto non sono applicabili altre metodologie di calcolo per superare il periodo transitorio Si riprendono i principi della delibera di seguito sintetizzati, che si allega integralmente per completezza Attività di distribuzione e misura libero e tutelato Metodologia in essere al 1 Gennaio 2013 Delibera 263/12 Condizioni economiche di riferimento attività di vendita mercato tutelato TIVG espresse in GJ compresa quota fissa QVD Commercializzazione vendita al dettaglio CCI Commercializzazione all'ingrosso PCS 38,52 QTI Servizio trasporto PCS ambito QS Servizio Stoccaggio PCS ambito QOA ( ) Oneri aggiuntivi /anno /m3s /GJ /GJ /GJ /GJ Accise ed Addizionali Regionali /m 3 s /anno /m 3 s /m 3 s /m 3 s /m 3 s /m 3 s /m 3 s /m 3 s - - Totale Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 8

9 ELENCO DELIBERE UTILIZZATE PER CALCOLO PREZZO GAS II III IV TRIMESTRE 2013 Stante quanto esposto nelle pagine precedenti sulla importanza della CCI si ritiene opportuno riportare integralmente i contenuti dell Art 6 dalla delibera AEEG 263/12 e più precisamente : Art. 6 - Componente relativa alla commercializzazione all ingrosso: 6.1 La componente relativa alla commercializzazione all ingrosso CCIt, nel trimestre t-esimo, è calcolata come somma dei seguenti elementi: a) QCI, espresso in /GJ, pari al corrispettivo fisso a copertura di altri oneri di commercializzazione del gas all ingrosso, non compresi in quelli di cui alla successiva lettera b) e fissato pari a 0, /GJ; b) QEt, espresso in /GJ, pari al corrispettivo variabile a copertura dei costi di approvvigionamento del gas naturale nel trimestre t-esimo, calcolato secondo la formula: QEt = [a x PTOP,t + (1 a) x PMKT,t], dove: a è il peso attribuito al corrispettivo PTOP,t pari a 0,95: PTOP,t è l indice calcolato ai sensi del comma 6.3; PMKT,t è l indice, espresso in /GJ, pari alla media aritmetica delle quotazioni forward trimestrali OTC relative al trimestre t-esimo del gas, presso l hub TTF, rilevate da Platts con riferimento al secondo mese solare antecedente il trimestre t-esimo. Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 9

10 6.2 Il corrispettivo QCI, di cui al comma 6.1, lettera a) è determinato come somma delle quote: a) QCItint, espressa in /GJ, a copertura dei costi di natura infrastrutturale sostenuti fino all immissione del gas in Rete Nazionale, nonché di quelli per il servizio di stoccaggio strategico di cui all articolo 12, comma 11-bis, del decreto legislativo n. 164/00 e fissata pari a 0, /GJ; b) QCIgross, espressa in /GJ, a copertura di altre partite relative all attività di vendita all ingrosso del gas naturale, comprensive di un equa remunerazione dell attività svolta e fissata pari a 0, /GJ. 6.3 Il corrispettivo PTOP,t di cui al comma 6.1, lettera b), è determinato con riferimento al primo giorno del trimestre t-esimo di ciascun anno, mediante la seguente formula: PTOP,t = 6, x It 0,259696, dove It è l indice dei prezzi di riferimento, arrotondato al terzo decimale, così calcolato: It = a GASOLIOt / GASOLIO0 + b BTZt / BTZ0 + c BRENTt / BRENT0, dove: - a è il peso attribuito all indice del prezzo del gasolio, pari a 0,41; - GASOLIOt è la media, arrotondata al quarto decimale, riferita al periodo intercorrente tra il decimo ed il penultimo mese precedente il trimestre t-esimo, delle medie mensili delle quotazioni CIF Med Basis del gasolio 0.1, pubblicate da Platts Oilgram Price Report, espresse in $ per tonnellata metrica e trasformate in centesimi di /kg considerando la media mensile dei valori del cambio /$ calcolata da Banca d Italia; - GASOLIO0 è il valore base di GASOLIOt, relativo al periodo compreso tra i mesi di giugno 2008 e febbraio 2009, arrotondato al quarto decimale, pari a 55,8337 centesimi di /kg; - b è il peso attribuito all indice del prezzo dell olio combustibile a basso tenore di zolfo, pari a 0,46; - BTZt è la media, arrotondata al quarto decimale, riferita al periodo intercorrente tra il decimo ed il penultimo mese precedente il trimestre t-esimo, delle medie mensili delle quotazioni CIF Med Basis dell olio combustibile a basso tenore di zolfo, pubblicate Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 10

11 da Platts Oilgram Price Report, espresse in $ per tonnellata metrica e trasformate in centesimi di /kg, considerando la media mensile dei valori del cambio /$ calcolata da Banca d Italia; - BTZ0 è il valore base di BTZt relativo al periodo compreso tra i mesi di giugno 2008 e febbraio 2009, arrotondato al quarto decimale, pari a 32,1787 centesimi di /kg; - c è il peso attribuito all indice del prezzo del Brent dated, pari a 0,13; - BRENTt é la media, arrotondata al quarto decimale, riferita al periodo intercorrente tra il decimo ed il penultimo mese precedente il trimestre t-esimo, delle medie mensili delle quotazioni spot average del Brent dated pubblicate da Platts Oilgram Price Report, espresse in $ per barile e trasformate in centesimi di /kg sulla base di un coefficiente pari a 7,4 barili per tonnellata metrica, considerando la media mensile dei valori del cambio /$ calcolata da Banca d Italia; - BRENT0 è il valore base del BRENTt relativo al periodo compreso i mesi di giugno 2008 e febbraio 2009, arrotondato al quarto decimale, pari a 41,5377 centesimi di /kg; - t sono i trimestri di ogni anno a partire dall 1 gennaio. 6.4 Nel caso in cui, in ciascun trimestre, la differenza tra QEt e QEt-1 sia minore, in valore assoluto, a 0, /GJ, QEt è posto uguale a QEt L elemento QEt e la componente CCIt sono aggiornati e pubblicati dall Autorità prima dell inizio di ciascun trimestre. ; Poiché alcuni dei valori per la determinazione dell indice It sono desumibili da documenti non riproducibili e considerato che l AEEG con l introduzione del nuovo metodo ha cessato la pubblicazione di quest indice, si è ritenuto opportuno, per avere conferma della correttezza dei nostri conteggi, confrontarli con i dati pubblicati sul portale degli acquisti della Pubblica Amministrazione ACQUISTINRETEPA.IT che utilizza analogo metodo e parametro per l aggiornamento delle proprie tariffe pubbliche. I dati da noi calcolati coincidono perfettamente con quanto pubblicato e qui di seguito riportiamo gli indici It pubblicati e rilevabili sul sito ACQUISTINRETEPA.IT It var % I Trim 2013 II Trim ,468 III Trim ,430-2,6% IV Trim ,390-2,8% Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 11

12 Oltre ai valori così individuati occorre calcolare gli altri oneri per le varie componenti che non hanno subito l impatto delle nuove delibere descrizione Componenti oneri che non hanno subito modifiche per effetto riforma denominazione (secondo modalità comunicato AEEG) delibera di definizione frequenza aggiornamento corrispettivo delibera corrispettivo t1 - - annuale 553/12/R/GAS (valida per l'anno 2013) distribuzione e misura imposte che comprendono le accise imposte che comprendono le addizionali regionali TD IMP+IVA - - ADD+IVA - - t2 - - annuale UG2 - distribuzione e - misura in vigore dal /12/R/GAS (valida per l'anno 2013) 64/09/R/GAS UG1 GS trimestrale trimestrale 123/13/R/COM (II trim 13) - 279/R/COM (III trim 13) - 405/13/R/COM (IV trim RE - - trimestrale 13) RS - - trimestrale imposte che comprendono le accise imposte che comprendono le addizionali regionali - na testo unico accise + circolare 2/E agenzia delle dogane - na norme regionali I valori contrattuali andranno quindi aggiornati per il II III e IV Trimestre 2013 con i parametri come sopra individuati. I valori aggiornati del IV Trimestre 2013 assumeranno, da qui in avanti, come riferimento per i futuri aggiornamenti dei prezzi contrattuali il prezzo del gas determinato con la metodologia prevista nella 196/13 per l analogo ambito e scaglione utilizzati per gli aggiornamenti effettuati con la delibera 263/12 Verrà determinato pertanto un nuovo prezzo di riferimento contrattuale Pertanto il P 0n sarà sostituito da un P 0Nn (P Zero Nuovo n = IV Trimestre 2013) Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 12

13 II TRIMESTRE 2013 Ricalcolo prezzi Delibera 263/12 dal 1 aprile 2013 coefficiente Pcs: 0,03852 (GJ/mc) Ambito territoriali centro-sud nord occidentale nord orientale centrale orientale Valle d'aosta, Piemonte, Liguria Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia- Romagna Toscana, Umbria, Marche Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata centro-sud occidentale Lazio, Campania meridionale Calabria, Sicilia Quota energia ( /Sm3) Sm3/anno: da 0 a 120 0, , , , , , da121 a 480 0, , , , , , da 481 a , , , , , , da a , , , , , , da a , , , , , , da a , , , , , , da a 1 mln 0, , , , , , oltre 1 mln 0, , , , , , SECONDO LE REGIONI DI APPARTENENZA ANDRANNO SOMMATE LE ACCISE E LE ADDIZIONALI REGIONALI SI PROCEDERA INOLTRE ALL'ADEGUAMENTE DEL PCS (38,52) Al PCS D'AMBITO Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 13

14 III TRIMESTRE 2013 Ricalcolo prezzi Delibera 263/12 dal 1 luglio 2013 coefficiente Pcs: 0,03852 (GJ/mc) Ambito territoriali centro-sud nord occidentale nord orientale centrale orientale Valle d'aosta, Piemonte, Liguria Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia- Romagna Toscana, Umbria, Marche Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata centro-sud occidentale Lazio, Campania meridionale Calabria, Sicilia Quota energia ( /Sm3) Sm3/anno: da 0 a 120 0, , , , , , da121 a 480 0, , , , , , da 481 a , , , , , , da a , , , , , , da a , , , , , , da a , , , , , , da a 1 mln 0, , , , , , oltre 1 mln 0, , , , , , SECONDO LE REGIONI DI APPARTENENZA ANDRANNO SOMMATE LE ACCISE E LE ADDIZIONALI REGIONALI SI PROCEDERA INOLTRE ALL'ADEGUAMENTE DEL PCS (38,52) Al PCS D'AMBITO Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 14

15 IV TRIMESTRE 2013 Ricalcolo prezzi Delibera 263/12 dal 1 ottobre 2013 coefficiente Pcs: 0,03852 (GJ/mc) Ambito territoriali centro-sud nord occidentale nord orientale centrale orientale Valle d'aosta, Piemonte, Liguria Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia- Romagna Toscana, Umbria, Marche Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata centro-sud occidentale Lazio, Campania meridionale Calabria, Sicilia Quota energia ( /Sm3) Sm3/anno: da 0 a 120 0, , , , , , da121 a 480 0, , , , , , da 481 a , , , , , , da a , , , , , , da a , , , , , , da a , , , , , , da a 1 mln 0, , , , , , oltre 1 mln 0, , , , , , SECONDO LE REGIONI DI APPARTENENZA ANDRANNO SOMMATE LE ACCISE E LE ADDIZIONALI REGIONALI SI PROCEDERA INOLTRE ALL'ADEGUAMENTE DEL PCS (38,52) Al PCS D'AMBITO Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 15

16 COME DEVONO ESSERE DETERMINATI I PARAMETRI DEL I Trimestre 2014 I valori contrattuali del IV 2013 saranno aggiornati a decorrere dal 1 Gennaio 2014 in base alle variazioni intercorse tra i due trimestri e comunicate dall AEEG in base alla delibera 196/13. A mero titolo di esempio si allega il prospetto relativo al ambito nord orientale Comune di Milano Regione Provincia Comune LOMBARDIA MI Milano PCS MJ/m Regione Scaglioni IV TRIM I TRIM ott-dic-13 gen-mar-14 LOMBARDIA1 1 0,4675 0,4726 LOMBARDIA2 2 0,7207 0,7193 LOMBARDIA3 3 0,6927 0,6917 LOMBARDIA4 4 0,7043 0,7036 LOMBARDIA5 5 0,6794 0,6802 LOMBARDIA6 6 0,6430 0,6460 LOMBARDIA7 7 0,6168 0,6280 LOMBARDIA8 8 0,6058 0,6183 Scaglione 5 0,6794 0,6802 0,0080 0,12% La Segreteria Agesi resta disponibile a fornire ogni ulteriore chiarimento od informazione riguardo le metodologie di calcolo e delle fonti utilizzate. Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 16

17 Allegati : SERVIZIO DI TUTELA Definizione di cliente Vulnerabile Legge 9 agosto 2013 n.98 Delibera AEEG 263/2012/r/gas Delibera AEEG 533/2012/r/gas Delibera AEEG 578/2012/r/gas Delibera AEEG 581/2012/r/gas Delibera AEEG 123/2013/r/gas Delibera AEEG 124/2013/r/gas Delibera AEEG 196/2013/r/gas Delibera AEEG 279/2013/r/gas Delibera AEEG 405/2013/r/gas ipovis=catdoc&id_cat=946&vetrina=pa&idl=&nome=gas+naturale+6&orderby=attivazione& pag ina=1& element=paginazione&frompage=convenzioni.jsp&categoria=1&altribsemp=&nomebsem p=&user_id=9d621efd-c454-39a9-a475-bd1f828bb103&adfgen_menuid=0 cliccare su Corrispettivi (xlsx) Modalità di applicazione degli indici revisionali Pagina 17

Guida alla Convenzione. per la fornitura di Gas Naturale 2

Guida alla Convenzione. per la fornitura di Gas Naturale 2 Guida alla Convenzione per la fornitura di Gas Naturale 2 1 Premessa... 2 2 Oggetto della Convenzione... 2 2.1 Durata della Convenzione e dei contratti... 2 2.2 Fornitura di gas naturale... 2 3 Modalità

Dettagli

SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE

SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE Corrispettivi previsti dall offerta PREZZO FISSO - DOMESTICO di Argos energia Srl alla data del 01/04/2014 valida fino alla data

Dettagli

+ α P TOP 13,s. = α P TOP 13,s MEM,s

+ α P TOP 13,s. = α P TOP 13,s MEM,s Meccanismo per la promozione della rinegoziazione dei contratti pluriennali di approvvigionamento di gas naturale Calcolo dell importo dell elemento A PR 1. L importo inziale in dell elemento A PR, per

Dettagli

Materia prima_cmem+ccr

Materia prima_cmem+ccr Materia prima variazione N delibera C MEM CCR N delibera /GJ /GJ /GJ /GJ ott-13 8,873656 406/2013/R/GAS 8,056789 0,816867 196/2013/R/GAS nov-13 8,873656 8,056789 0,816867 dic-13 8,873656 8,056789 0,816867

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ENERGIA PER VARI EDIFICI UBICATI NEL TERRITORIO PROVINCIALE

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ENERGIA PER VARI EDIFICI UBICATI NEL TERRITORIO PROVINCIALE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ENERGIA PER VARI EDIFICI UBICATI NEL TERRITORIO PROVINCIALE CHIARIMENTO N 18 1) Con riferimento alla Vs. risposta n 3 (chiarimento n 15 ), siamo a rappresentare

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE ENERGY SUPPLIER Codice contratto CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE P 2945 PROCESS CYAN OFFERTA PREZZO FISSO GAS WEB ENERGY SUPPLIER Per la somministrazione del gas naturale ai sensi del Contratto,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 672/2014/R/GAS AGGIORNAMENTO, PER IL TRIMESTRE 1 GENNAIO - 31 MARZO 2015, DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE PER IL SERVIZIO DI TUTELA E MODIFICHE

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE PI CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE P 2945 PROCESS CYAN OFFERTA Pfor PIVACONDOMINI ENERGY SUPPLIER Per la somministrazione del gas naturale ai sensi del Contratto, il CLIENTE dovrà corrispondere

Dettagli

C O M U N E D I R O N C H I S

C O M U N E D I R O N C H I S C O M U N E D I R O N C H I S C.A.P. 33050 PROVINCIA DI UDINE D E T E R M I N A Z I O N E REG. N. 32/2014 Impegno n. OGGETTO: Adesione convenzione CONSIP "GAS NATURALE 6" per la fornitura di gas naturale

Dettagli

FORNITURA DI GAS NATURALE ALLEGATO 3 - CAPITOLATO TECNICO

FORNITURA DI GAS NATURALE ALLEGATO 3 - CAPITOLATO TECNICO FORNITURA DI GAS NATURALE ALLEGATO 3 - CAPITOLATO TECNICO Allegato 3 Capitolato Tecnico Pagina 1 di 9 PREMESSA L Agenzia Intercent-ER ha pubblicato una procedura di gara distinta in 10 Lotti per la fornitura

Dettagli

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA 19 SETTEMBRE 2013 QUESTA PRESENTAZIONE NON COSTITUISCE UN DOCUMENTO UFFICIALE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente.

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente. Modulo offerta economica validità dell offerta fino al 31/05/2013, prezzi fissi per 12 mesi della data di attivazione della fornitura. HOME ENERGY GAS WEB (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTA la legge 9 gennaio 1991, n. 9, ed in particolare l articolo 22, comma 5, secondo cui, nell ambito del regime giuridico degli impianti di produzione di energia

Dettagli

Mercato del Gas Naturale. La riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela

Mercato del Gas Naturale. La riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Mercato del Gas Naturale La riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Ing. F. Santini Direttore Area Mercato dell Energia Torino, 16 luglio 2013 La riforma delle condizioni economiche

Dettagli

Guida alla Convenzione. per la fornitura di Energia Elettrica. Lotti 1 e 2

Guida alla Convenzione. per la fornitura di Energia Elettrica. Lotti 1 e 2 Guida alla Convenzione per la fornitura di Energia Elettrica Lotti 1 e 2 1 Premessa... 2 2 Oggetto della Convenzione... 2 2.1 Durata della Convenzione e dei contratti... 2 2.2 Fornitura di energia elettrica...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA DELIBERAZIONE 30 MARZO 2009, -ARG/gas 40/09

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA DELIBERAZIONE 30 MARZO 2009, -ARG/gas 40/09 RELAZONE TECNCA RELATVA ALLA DELBERAZONE 30 MARZO 2009, -ARG/gas 40/09 AGGORNAMENTO DELLE CONDZON ECONOMCHE D FORNTURA DEL GAS NATURALE PER CLENT N REGME D TUTELA PRESUPPOST PER L AGGORNAMENTO PER L TRMESTRE

Dettagli

CIRA-CF-12-1276 0 JOB COMMESSA 3+4 DATE/DATA DATE/DATA DATE/DATA DATE/DATA 04/10/2012 04/10/2012 04/10/2012 04/10/2012

CIRA-CF-12-1276 0 JOB COMMESSA 3+4 DATE/DATA DATE/DATA DATE/DATA DATE/DATA 04/10/2012 04/10/2012 04/10/2012 04/10/2012 DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF-12-1276 0 REV.: DISTRIBUTION STATEMENT NATURA DOCUMENTO PROJECT PROGETTO JOB COMMESSA WP RISTRETTO ARCHIVIO PROGRESSIVO DI ARCHIVIO NO. OF PAGES /CIRA/ACQU 1320 3+4 DELIVERABLE

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 APRILE 2014 162/2014/R/GAS CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI TUTELA DEL GAS NATURALE: DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE CCR PER L ANNO TERMICO 2014-2015, INDIVIDUAZIONE DELLA FONTE DELLE

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE 3 5 4 6 1 2 7 8 9 10 11 Pag. 1 di 9 12 13 14 15 16 18 19 Pag. 2 di 9 20 Pag. 3 di 9 21 Pag. 4 di 9 22 Pag. 5 di 9 RIEPILOGO DATI FATTURA 1 INTESTATARIO DELLA FORNITURA: sono i dati che identificano il

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche

eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche eni3 è il primo pacchetto integrato gas, luce e carburanti di eni per chi vuole gestire le spese per la casa e avere ulteriori vantaggi per l auto blocchi

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da ottobre gas +5,4%, energia elettrica +1,7% Ma per effetto dei nuovi prezzi europei il 2014 si chiuderà con un risparmio

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) in vigore dall 1 ottobre 2011 Versione modificata con deliberazioni

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da gennaio deciso calo per la bolletta elettricità -3%, in lieve riduzione il gas -0,3% sull anno risparmi per oltre 72 euro

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012 IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA VICENZA 29 MARZO 2012 La filiera del mercato del gas naturale Approvvigionamento Sistema infrastrutturale Vendita Produzione nazionale Importazione GNL

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) in vigore dall 1 ottobre 2012 Versione modificata con deliberazioni

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - III trimestre 2012 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta per

Dettagli

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Tariffazione dell energia elettrica Classificazione dei costi dell energia elettrica Costi di generazione (oneri finanziari, costi di smantellamento, costi d esercizio,

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA Nel servizio di maggior tutela le tariffe di riferimento sono definite

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - IV trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./1

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./1 Data 12 Gennaio 2015 Protocollo: 05/15/ML/cm Servizio: Politiche Industria Contrattazione Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Oggetto: Comunicato Autorità per l Energia su riduzione energia elettrica

Dettagli

Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura

Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Tariffa di vendita (Offerta

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

OFFERTA AMMAZZA LA BOLLETTA UTENZE DOMESTICHE Gas e Energia Elettrica verde

OFFERTA AMMAZZA LA BOLLETTA UTENZE DOMESTICHE Gas e Energia Elettrica verde OFFERTA AMMAZZA LA BOLLETTA UTENZE DOMESTICHE Gas e Energia Elettrica verde Valida per adesioni entro il 28/02/2016 REQUISITI PER LA FORNITURA DI GAS KILL THE BILL Domestico Dual è l offerta per i siti

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM

CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM Hanno diritto alle condizioni economiche di tutela per il settore del gas naturale le seguenti tipologie di punti

Dettagli

Versione modificata con deliberazioni ARG/gas 69/09, 209/09, 42/10 e 43/10

Versione modificata con deliberazioni ARG/gas 69/09, 209/09, 42/10 e 43/10 TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Versione modificata con deliberazioni ARG/gas 69/09, 209/09,

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA Hanno diritto alle condizioni economiche di tutela per

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia gas naturale Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - III trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro COMUNICATO Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro Milano, 29 settembre 2015 Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell anno, in aumento le bollette nell ultimo trimestre,

Dettagli

DCO 24/2014/R/GAS Mercato del gas naturale. Determinazione delle componenti relative ai costi di approvvigionamento del gas naturale

DCO 24/2014/R/GAS Mercato del gas naturale. Determinazione delle componenti relative ai costi di approvvigionamento del gas naturale DCO 24/2014/R/GAS Mercato del gas naturale. Determinazione delle componenti relative ai costi di approvvigionamento del gas naturale nei mercati all ingrosso (C MEM ) e delle attività connesse (CCR) a

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA 3 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO

ENERGIA ELETTRICA 3 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO ENERGIA ELETTRICA 3 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO Allegato 3 Capitolato Tecnico Pagina 1 di 10 PREMESSA Il presente Capitolato Tecnico descrive le condizioni minime che il Fornitore deve rispettare nel

Dettagli

LA BOLLETTA. dott.ssa Antonella Volante. Movimento Consumatori Verona

LA BOLLETTA. dott.ssa Antonella Volante. Movimento Consumatori Verona LA BOLLETTA dott.ssa Antonella Volante Movimento Consumatori Verona Progetto PTD2 Energia, realizzato dalle Associazioni Consumatori facenti parte del CNCU con il contributo del Fondo Sanzioni dell Autorità

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile doppia riduzione delle bollette, elettricità -1,1% e gas -3,8% In un anno la spesa per il gas è diminuita di oltre

Dettagli

studiografico yykk Marketing Turistico

studiografico yykk Marketing Turistico studiografico yykk Marketing Turistico SERVIZI INTEGRATI GESTIONE MAILING. ORGANIZZIAMO E GESTIAMO I VOSTRI DIRECT MAILING SPEDIZIONE DI AUGURI, INVITI, FATTURE, LISTINI - CAMPAGNE ELETTORALI STAMPA IMBUSTAMENTO

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche Ambiente e Utilities ICET 4 Indice Costo Energia Terziario a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche aprile 2016, numero 4 Sintesi Energia Elettrica Prevista una riduzione

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

Facile Fisso 12! F0 0,0618. Id. E100172-1 0,0648 0,0562. Id. E100173-1 F1 F2 F3 0,0649 0,0646 0,0523

Facile Fisso 12! F0 0,0618. Id. E100172-1 0,0648 0,0562. Id. E100173-1 F1 F2 F3 0,0649 0,0646 0,0523 Facile Il prezzo della fornitura di energia elettrica, al netto delle imposte e di quanto espressamente previsto nelle condizioni generali di fornitura (CGF) per tutti i punti di prelievo indicati nell

Dettagli

APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DI TUTELA

APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DI TUTELA Approvazione del Testo integrato delle attività di vendita al dettaglio di gas naturale e gas diversi da gas naturale distribuiti a mezzo di reti urbane (TIVG) Delibera ARG/gas 64/09 1) APPLICAZIONE DEL

Dettagli

GARA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA CAPITOLATO TECNICO

GARA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA CAPITOLATO TECNICO Premessa GARA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA CAPITOLATO TECNICO Intercent-ER ha intenzione di stipulare una convenzione per la fornitura di energia elettrica, alla quale potranno aderire le Amministrazioni,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11 Presupposti e fondamenti per la determinazione del valore del contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2012 di cui ai decreti ministeriali 20 luglio

Dettagli

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 dicembre 2012 Pagina 1 di 7 PREMESSA

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

- rilevazione al 1 ottobre 2012 -

- rilevazione al 1 ottobre 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 ottobre 2012 - In sintesi Tornano le tensioni al rialzo sui prezzi del gas naturale per le imprese lucane

Dettagli

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati.

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati. Circolare n. 1/2013 Pagina 1 di 7 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2013 del 15 gennaio 2013 Deducibilità dall Irpef / Ires dell Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

ALLEGATO B - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE

ALLEGATO B - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Valido dall 1 ottobre 2013 Versione modificata con le deliberazioni

Dettagli

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE 4 Le bollette dei vettori energetici appaiono generalmente quasi un documento oscuro, quasi cripticocriptate. Vengono In esse si trovanoinnumerevoliriportate

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

Bolletta sintetica. Descrizione. Elementi minimi obbligatori 1

Bolletta sintetica. Descrizione. Elementi minimi obbligatori 1 Pag. 1 di 5 Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente finale e che riporta le informazioni relative

Dettagli

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Roma, 24 novembre 2015 Sommario Struttura dei prezzi per i clienti finali Clienti ed energia nel servizio di maggior tutela Quotazioni dei prodotti energia Portafoglio di AU 2 Sistema elettrico nel contesto

Dettagli

Indice Costo Elettricità Terziario

Indice Costo Elettricità Terziario ICET Indice Costo Elettricità Terziario NOTA METODOLOGICA Documento realizzato da Confcommercio-Imprese per l Italia Informazioni: Direzione Comunicazione e Immagine Confcommercio Tel 065866.228-219 email:stampa@confcommercio.it

Dettagli

Energia: dal 1 gennaio 2016 doppio calo per le bollette italiane, elettricità -1,2% gas -3,3%, sull anno risparmi per quasi 60 euro

Energia: dal 1 gennaio 2016 doppio calo per le bollette italiane, elettricità -1,2% gas -3,3%, sull anno risparmi per quasi 60 euro COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio 2016 doppio calo per le bollette italiane, elettricità -1,2% gas -3,3%, sull anno risparmi per quasi 60 euro al via anche le riforme collegate al nuovo periodo di regolazione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica Informativa in base Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (Attuazione della direttiva 96/92/CE norme per il mercato

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLETTA DEL GAS

GUIDA ALLA BOLLETTA DEL GAS GUIDA ALLA BOLLETTA DEL GAS PACCHETTO SIMPLE Scopri la NUOVA BOLLETTA, l abbiamo disegnata in base alle vostre richieste per renderla ancora PIÙ SEMPLICE E FACILE DA LEGGERE www.romagas.it Roma Gas & Power

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

MERCATO DEL GAS NATURALE

MERCATO DEL GAS NATURALE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 58/2013/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE NEL SERVIZIO DI TUTELA - ORIENTAMENTI FINALI - SEGUITI DEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 471/2012/R/GAS

Dettagli

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze)

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Il gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energial Elettrica ed il Gas ) Delibere Fiera di Verona,

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Concessioni (2014/23/UE): l in house providing e il rinnovo dei rapporti esistenti

Il recepimento della Direttiva Concessioni (2014/23/UE): l in house providing e il rinnovo dei rapporti esistenti Il recepimento della Direttiva Concessioni (2014/23/UE): l in house providing e il rinnovo dei rapporti esistenti Roma, 9 marzo 2015 Camera dei Deputati I numeri delle partecipate I risultati dello studio

Dettagli

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl Gestione costi energetici 18/03/2010 ENERGIA: VOCE DI COSTO

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare.

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. Nuova linea grafica, chiarezza nei contenuti e facilità di consultazione sono le caratteristiche principali della nuova bolletta

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 GENNAIO 2008 Oggetto: Disposizioni in materia di aliquota di imposta sul valore aggiunto sul gas naturale per combustione per usi civili

Dettagli

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015 Modalità di redazione dell elenco anagrafe delle Opere incompiute di cui all art.44-bis del DL 6/12/2011 n.201, convertito con modificazioni dalla legge 22/12/2011 n.214, ed in riferimento al Decreto 13

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

FORNITURA GAS NATURALE PER IL PERIODO 01/10/2016 30/09/2017 PER LA SOCIETA ASM AZIENDA SPECIALE POMIGLIANO D'ARCO http://www.asmpomigliano.

FORNITURA GAS NATURALE PER IL PERIODO 01/10/2016 30/09/2017 PER LA SOCIETA ASM AZIENDA SPECIALE POMIGLIANO D'ARCO http://www.asmpomigliano. FORNITURA GAS NATURALE PER IL PERIODO 01/10/2016 30/09/2017 PER LA SOCIETA ASM AZIENDA SPECIALE POMIGLIANO D'ARCO http://www.asmpomigliano.it/ CAPITOLATO FORNITURA ASTA 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA

Dettagli

Prezzi dell'energia elettrica in Lombardia: rilevazione trimestrale, ottobre 2013

Prezzi dell'energia elettrica in Lombardia: rilevazione trimestrale, ottobre 2013 a cura dell'ufficio Servizi informativi - Energia dell'unione Industriali Grafici Cartotecnici Trasformatori Carta e Affini della Provincia di Milano Numero 2/14 Prezzi dell'energia elettrica in Lombardia:

Dettagli

Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento

Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento Egidio Fedele Dell Oste Direzione Tariffe Milano - Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 La filiera del gas Approvvigionamento

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

La struttura del mercato gas

La struttura del mercato gas La struttura del mercato gas STEFANO SCARCELLA Direzione Mercati Autorità per l energia elettrica e il gas IL MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA: NORMATIVA E OPPORTUNITA Vicenza 25 maggio 2010 Autorità

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Mercato libero Validità offerta: fino al 25 gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA CASA Codice: ATFDC/2015 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

COD.PROMO. Proposta di Contratto per Clienti Domestici SOMMINISTRAZIONE DI GAS NATURALE E ENERGIA ELETTRICA DOCUMENTO D'IDENTITA' * / / FAC-SIMILE

COD.PROMO. Proposta di Contratto per Clienti Domestici SOMMINISTRAZIONE DI GAS NATURALE E ENERGIA ELETTRICA DOCUMENTO D'IDENTITA' * / / FAC-SIMILE CODICE CONVENZIONI CODICE INCARICATO COD.PROMO PER INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI SUL CONTRATTO servizio clienti 800 900 700 fax 800 909 962 web eni.com Eni spa - mercato retail g&p, Casella Postale n.71

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli