PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO"

Transcript

1 PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO NOVEMBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco Gabellini Rilevazione Dati: dott.sa Daniela Piccinino Elaborazione dati: Antonio Formentini L autore del Report (Antonio Formentini) desidera ringraziare vivamente il Signor Marco Andreatini e la Dottoressa Chiara Perlini dell Ufficio Statistica del Comune di Pesaro, per la cortese disponibilità. Fermo restando che l intero contenuto del Report, e gli eventuali errori ed omissioni, devono essere attribuiti solo ed esclusivamente all autore. 1

2 CONTENUTO: PREMESSA:SCOPO ED INDICATORI UTILIZZATI pag. 3 VARIAZIONI DELL INDICE NIC pag. 4 CAPITOLO PRIMO: GENERI ALIMENTARI E BEVANDE ANALCOLICHE QUADRO GENERALE VARIAZIONE DEI PREZZI OTTOBRE/NOVEMBRE pag CARNI pag FRUTTA pag LATTE, FORMAGGI, UOVA pag OLII pag ORTAGGI pag PANE E CEREALI pag PESCI E PRODOTTI ITTICI pag ZUCCHERO pag BEVANDE ANALCOLICHE pag. 32 CAPITOLO SECONDO: BEVANDE ALCOLICHE 2.1 VINO pag.34 CAPITOLO TERZO:PRODOTTI PER L IGIENE 3.1 PRODOTTI PER L IGIENE DIVERSI pag.35 CAPITOLO QUARTO: SERVIZI QUADRO GENERALE VARIAZIONE DEI PREZZI OTTOBRE/NOVEMBRE pag PUBBLICI ESERCIZI pag SERVIZI ASSICURATIVI pag SERVIZI PER LA CASA pag SERVIZI MEDICI /ASSISTENZIALI pag SERVIZI TRASPORTO pag. 44 CAPITOLO QUINTO: COMBUSTIBILI pag. 45 2

3 PREMESSA: SCOPO ED INDICATORI UTILIZZATI. Con il secondo numero di Occhio al prezzo ci si propone un duplice scopo. Da una parte si fornirà una descrizione del livello dei prezzi fatto registrare dai beni e servizi inclusi nel paniere definito precedentemente. Dall altra si considereranno le variazioni, dello stesso, verificatesi tra il mese di ottobre 2003 ed il mese di novembre Il paniere dei prodotti di riferimento si compone di 52 unità precedentemente definite da un apposita commissione. Al fine di rendere più agevole la consultazione dei dati, si è pensato di raggruppare i prodotti in oggetto in cinque macrogruppi costituiti a loro volta da opportuni sottoinsiemi. I macrogruppi individuati sono elencati di seguito: 1. Generi alimentari e bevande analcoliche 2. Bevande alcoliche 3. Prodotti per l igiene 4. Servizi 5. Combustibili Gli indicatori utilizzati 1 sia in termini statici (valori riferiti al novembre 2003) sia in termini dinamici (valori riferiti alla variazione ottobre/novembre 2003) sono rappresentati rispettivamente dalla Media aritmetica dei prezzi rilevati, dalla Media geometrica dei prezzi rilevati, dallo Scarto quadratico medio (SQM), dal Coefficiente di variazione (C.V.). Il significato di tali indicatori è esposto nel numero precedente 2. Ad essi si è aggiunto un altro indicatore, l indice NIC, per fornire una panoramica generale del livello dei prezzi e delle corrispondenti variazioni nell ambito nazionale. L indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), ha come riferimento l intera popolazione presente sul territorio nazionale e l insieme di tutti i beni e servizi acquistati dalle famiglie ed aventi un effettivo prezzo di mercato. E l indice più completo e con maggiori possibilità analitiche, è adoperato principalmente per fini di studio, per deflazionare i consumi ed altri aggregati di contabilità nazionale, e per le più ampie comparazioni sul piano territoriale nazionale ed internazionale. 1 Nelle tabelle saranno utilizzate le seguenti abbreviazioni. Max: Prezzo massimo Min: Prezzo minimo M.Arit.:Media aritmetica M.Geom.:Media geometrica = Prezzo medio SQM: Scarto quadratico medio C.V.: Coefficiente di variazione 2 Il precedente numero di Occhio al prezzo può essere prelevato al seguente indirizzo: 3

4 Un accenno merita la struttura del report. In primo luogo si illustreranno le variazioni dell indice NIC. Si passerà poi all esposizione, dei principali indicatori relativi ai macrogruppi sopra definiti, sia in riferimento al mese di novembre 2003 sia in relazione alle variazioni subite dagli stessi tra il mese di ottobre ed il mese di novembre Per il gruppo merceologico Generi alimentari bevande analcoliche, si presenterà una sintesi delle più rilevanti modificazioni registrate dai prezzi dei prodotti inclusi all interno di questo insieme. 4

5 VARIAZIONI DELL INDICE NIC Nel novembre 2003 l indice generale dei prezzi al consumo per l intera collettività al lordo dei tabacchi ha registrato rispetto al mese di ottobre una variazione del più 0,2% (tab.1). Tabella1:Indice generale nazionale dei prezzi al consumo,al lordo dei tabacchi,gennaio/novembre 2003 Periodo 2003 Indice generale nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (1995=100) Var.(%) Rispetto al periodo precedente Var.(%) Rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente gennaio 120,6 0,4% 2,8% febbraio 120,8 0,2% 2,6% marzo 121,2 0,3% 2,7% aprile 121,5 0,2% 2,7% maggio 121,8 0,2% 2,7% giugno 121,9 0,1% 2,7% luglio 122,1 0,2% 2,7% agosto 122,4 0,2% 2,8% settembre 122,6 0,2% 2,8% ottobre 122,7 0,1% 2,6% novembre 123,0 0,2% 2,5% Fonte: Istat Nel confronto con il corrispondente mese dell anno precedente l indice in esame ha presentato una variazione di più 2,5%. Tale variazione è inferiore alle analoghe variazioni relative ad i mesi precedenti (tab.1). 5

6 CAPITOLO PRIMO GENERI ALIMENTARI E BEVANDE ANALCOLICHE Quadro generale variazioni dei prezzi medi ottobre/novembre 2003 Nel periodo ottobre/novembre 2003, le sogliole ed i merluzzi, compresi nel gruppo merceologico Pesci e prodotti ittici hanno registrato le diminuzioni di prezzo maggiori in assoluto. Il prezzo delle sogliole, è diminuito di 1,35 Euro al Kg., il prezzo dei merluzzi è diminuito di 0,81 Euro al Kg (grafico 1, tab.2). Grafico1: Prezzi di Novembre2003 e variazione assoluta dei prezzi Ottobre/Novembre2003 del gruppo merceologico Generi alimentari e bevande analcoliche Prezzi Novebre 2003 Prosciutto crudo Carne fresca di bovino Pecorino 24,0 22,5 21,0 19,5 18,0 16,5 15,0 13,5 12,0 10,5 9,0 7,5 6,0 4,5 3,0 1,5 0,0 Carne fresca di suino Vongole Pomodori Banane Bietole Mortadella I Qualità Merluzzi Sogliole 0,2 0,1 0,0-0,1-0,2-0,3-0,4-0,5-0,6-0,7-0,8-0,9-1,0-1,1-1,2-1,3-1,4 Variazione assoluta Prezzi Nov._Ott.2003 Nel gruppo merceologico Carni la Mortadella di I qualità (1 Kg) ha registrato la riduzione di prezzo medio maggiore (-0,50 Euro). La Carne fresca di suino adulto ha fatto registrare una riduzione del prezzo medio di 0,14 Euro al Kg (tab.2). Nell ambito del gruppo merceologico Frutta le Banane hanno registrato la riduzione del prezzo medio più rilevante (- 0,33 Euro al Kg) (tab.2). 6

7 I Pomodori e le Bietole, nell ambito del gruppo merceologico Ortaggi tra il mese di ottobre ed il mese di novembre 2003 registrano la riduzione del prezzo medio maggiore (-0,21 Euro al Kg) (tab.2). Il Prosciutto crudo rappresenta il prodotto che ha fatto registrare, in valore assoluto, l incremento di prezzo maggiore (+ 0,08 Euro al Kg) (tab.2). Tabella 2 : Confronto Prezzi Ottobre/Novembre 2003, prodotti appartenenti al gruppo merceologico Generi alimentari e bevande analcoliche Generi alimentari e B. Analcoliche Ottobre Novembre Nov- Ott. Var.% Acqua minerale 2,65 2,65 0,00 0,00% Banane 1,62 1,34-0,28-17,50% Bietole verdi da costa fina o larga 1,47 1,26-0,21-14,20% Biscotti comuni stampati 1,71 1,73 0,02 1,30% Caffe' tostato 2,18 2,18 0,00 0,00% Carne fresca bovino adulto, I taglio 14,79 14,85 0,06 0,40% Carne fresca suina con osso 7,80 7,66-0,14-1,80% Farina di frumento 0,49 0,49 0,00 0,00% Insalata lattuga cappuccia 1,52 1,49-0,03-1,70% Latte intero fresco 1,30 1,30 0,00 0,00% Limoni gialli 1,83 1,75-0,07-4,10% Mele golden delicious 1,74 1,71-0,03-1,60% Merluzzi o naselli 14,48 13,68-0,81-5,60% Mortadella I qualita' 10,22 9,71-0,50-4,90% Olio di semi di mais 1,73 1,76 0,03 1,80% Olio extra vergine di oliva 4,31 4,34 0,03 0,70% Pane 1,23 1,22-0,01-0,70% Parmigiano Reggiano 15,64 15,64 0,00 0,00% Passata di pomodoro 0,78 0,79 0,01 1,10% Pasta di semola di grano duro 0,63 0,63 0,00 0,00% Pasto in pizzeria 5,15 5,15 0,00 0,00% Patate comuni 0,85 0,80-0,05-5,60% Pecorino 12,46 12,50 0,05 0,40% Pere william 1,67 1,68 0,01 0,70% Petto di pollo 9,99 9,98-0,01-0,10% Pomodori da insalata costoluto 2,50 2,29-0,21-8,30% Prosciutto crudo 23,27 23,35 0,08 0,30% Sogliole 19,30 17,95-1,35-7,00% Stracchino o crescenza 10,13 10,09-0,04-0,40% Succo di frutta 1,48 1,48 0,00 0,10% Uova di gallina 1,21 1,21 0,00 0,00% Vongole 6,77 6,59-0,18-2,70% Zucchero 0,93 0,93 0,00 0,00% Fonte:n.s. elaborazione su indagine diretta 7

8 La dispersione dei prezzi rilevati intorno ai prezzi medi Nel mese di novembre 2003 l Insalata rappresenta il prodotto che presenta il coefficiente di variazione più elevato 52,5% (grafico 2). Grafico 2: Coefficiente di variazione dei prodotti appartenenti al gruppo merceologico Generi alimentari e bevande analcoliche, Novembre 2003 Insalata lattuga cappuccia (1Kg) Pomodori da insalata costoluto (1 Kg) Passata di pomodoro (700 Gr.) Pasta di semola di grano duro (500Gr) Carne fresca suina con osso (1Kg) Bietole verdi da costa fina o larga (1kg) Pere William (1 kg) Patate comuni (1 Kg) Banane (1 kg) Merluzzi o naselli (1Kg) Limoni gialli (1 kg) Vongole (1Kg) Acqua minerale (Conf.6 bot. 1,5 L.) Caffè tostato (250 Gr.) Carne fresca bovino adulto, I taglio (1Kg) Mortadella I qualità (1Kg) Uova di gallina (6 Uova) Sogliole (1Kg) Petto di pollo (1Kg) Olio di semi di mais (1.L.) Pecorino (1 kg) Stracchino o crescenza (1 kg) Biscotti comuni stampati (500Gr.) Olio extra vergine di oliva (1L.) Succo di frutta (1 Litro) Prosciutto crudo (1Kg) Mele golden delicious (1 kg) Parmigiano Reggiano (1 kg) Farina di frumento (1Kg) Pane ( 1Kg) Latte intero fresco (1 L) 30,1% 29,1% 26,3% 26,3% 24,1% 23,4% 23,1% 22,2% 21,4% 20,0% 19,5% 18,5% 18,4% 16,7% 16,4% 15,4% 15,1% 14,8% 12,3% 11,7% 11,5% 10,5% 9,2% 8,5% 7,5% 6,1% 4,9% 4,5% 0,0% 37,7% 52,5% 8

9 Tra i prodotti che presentano una minore dispersione dei prezzi rilevati dal prezzo medio si possono ricordare il Latte che presenta un C.V. pari allo 0% il Pane (C.V. = 4,5%), la Farina di frumento (C.V. = 4,9%), il Parmigiano reggiano (C.V. = 6,1%) (grafico 2). Per quanto riguarda le variazioni del Coefficiente di variazione occorse tra l ottobre ed il novembre 2003, dal grafico 3 si ricava che tutti i prodotti sotto la retta a quarantacinque gradi hanno registrato a novembre un C.V. più elevato rispetto all analogo indicatore relativo ad ottobre. Tra essi si evidenziano i Pomodori, l Insalata, i Biscotti, le Patate comuni, lo Stracchino il Parmigiano. I prodotti che giacciono sulla retta a quarantacinque gradi non hanno registrato variazioni del C.V. tra il mese di novembre ed il mese di ottobre. Grafico 3: Confronto C.V. Novembre_C.V. Ottobre 2003, prodotti inclusi nel gruppo merceologico Generi alimentari e bevande analcoliche C.V. Ottobre 60,0% C.V. Nov.< C.V. Ott. Pomodori 30,0% Sogliole Banane Vongole Insalata Patate comuni Biscotti Stracchino C.V. Nov > C.V. Ott. 0,0% Parm. Pecorino 0,0% 30,0% 60,0% C.V. Novembre In fine i prodotti che si trovano al di sopra della retta a quarantacinque gradi registrano nel mese di novembre un C.V. più basso rispetto all analogo indicatore calcolato nel mese di ottobre. Nell ambito di questi prodotti sono incluse le Sogliole le Vongole le Banane. 9

10 1.1 CARNI In base alle rilevazioni di novembre 2003 il prezzo massimo della Carne fresca bovino adulto, I taglio è di Euro 18,10 al Kg il prezzo minimo è di 11,80 Euro al Kg. Il prezzo medio (media geometrica) è di 15,07 Euro.Questo fa si che mediamente la differenza tra le rilevazioni effettuate ed il prezzo medio è di 2,77 Euro. Il coefficiente di variazione (rapporto percentuale tra lo Scarto quadratico medio e la media aritmetica) è pari al 18,4%. Di conseguenza la Carne bovino adulto I taglio è tra i prodotti che presentano una maggiore variabilità relativa dei prezzi rilevati, (nell ambito naturalmente del gruppo merceologico di appartenenza) l indicatore in esame risulta essere inferiore solo all analogo indicatore riferito alla carne fresca suina con osso (tab.3, grafico 4). Tabella 3: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Carni Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Carni Max Min M. arit M. geom. SQM C.V. Carne fresca bovino adulto, I taglio (1Kg) 18,10 11,80 15,07 14,85 2,77 18,4% Carne fresca suina con osso (1Kg) 11,36 5,95 7,90 7,66 2,22 28,1% Mortadella I qualità (1Kg) 12,14 7,15 9,86 9,71 1,65 16,7% Petto di pollo (1Kg) 12,91 8,70 10,09 9,98 1,52 15,1% Prosciutto crudo (1Kg) 26,35 20,09 23,43 23,35 2,00 8,5% La Carne fresca suina con osso presenta un prezzo massimo di 11,36 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 5,95 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 7,90 Euro al Kg. Mediamente lo scarto dal prezzo medio dei prezzi rilevati è 2,22 Euro. Di conseguenza il coefficiente di variazione è del 28,1%. Tale valore indica che il prodotto in questione si caratterizza per la maggiore variabilità relativa dei prezzi rilevati rispetto al prezzo medio(tab.3 grafico 4). La Mortadella I qualità presenta un prezzo massimo di 12,14 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 7,15 Euro. Il prezzo medio è 9,71 Euro. La differenza tra il prezzo medio ed i prezzi rilevati mediamente è di 1,65 Euro. Il coefficiente di variazione è del 16,7%. (tab.3 grafico 4). 10

11 Il Petto di pollo ha fatto segnare un prezzo massimo equivalente a 12,91 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 8,70 Euro al Kg, Il prezzo medio è di 10,09 Euro al Kg. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è mediamente di 1,52 Euro al Kg. Il coefficiente di variazione è del 15,1% (tab.3, grafico 4). Il Prosciutto crudo presenta un prezzo massimo di 26,35 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 20,09 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 23,35 Euro al Kg. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è mediamente di 2,00 Euro al Kg. Il coefficiente di variazione è equivalente all 8,5%. Da ciò si ricava che il prosciutto crudo presenta la minore variabilità relativa dei prezzi rilevati rispetto al prezzo medio, nell ambito del gruppo merceologico in considerazione (tab.3, grafico 4). Grafico 4 :Prezzi massimi minimi e medi del gruppo merceologico carni Novembre 2003 (Media geometrica uguale al prezzo medio) 26,35 23,35 18,10 20,09 11,80 14,85 11,36 5,95 7,66 12,14 7,15 9,71 12,91 8,70 9,98 Carne fresca bovino adulto, I taglio (1Kg) Carne fresca suina con osso (1Kg) Mortadella I qualità (1Kg) Petto di pollo (1Kg) Prosciutto crudo (1Kg) Max Min Media geometrica 11

12 Variazione dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 La Carne fresca di suino adulto non ha fatto registrare variazioni del prezzo massimo e del prezzo minimo. Il prezzo medio ha fatto registrare una lievissima variazione 0,4%. Lo SQM è variato dello 0,6%. Di conseguenza il C.V. ha fatto registrare una variazione pari allo 0,2% (tab.4, grafico 5) La Carne fresca suino adulto non ha fatto segnare variazioni per quanto riguarda le quotazioni massime e minime. Il prezzo medio ha subito una variazione negativa dell 1,6%. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è aumentato del 5,0%. Di conseguenza il C.V. è aumentato del 6,8% (tab.4, grafico 5). Tabella 4: Variazioni prezzi massimi, minimi, medi, dei prodotti appartenenti al gruppo merceologico carni, ottobre/novembre2003 CARNI Max Min M.arit. M.geom. SQM C.V. Carne fresca bovino adulto, I taglio (1Kg) 0,0% 0,0% 0,4% 0,4% 0,6% 0,2% Carne fresca suina con osso (1Kg) 0,0% 0,0% -1,7% -1,6% 5,0% 6,8% Mortadella I qualità (1Kg) 0,0% -7,1% -4,3% -4,9% 26,9% 32,6% Petto di pollo (1Kg) 0,0% 0,0% 0,0% -0,1% 1,0% 1,0% Prosciutto crudo (1Kg) 0,0% 0,0% 0,3% 0,3% -1,1% -1,4% Fonte: n.s.elaborazione su indagine diretta Grafico 5 :Variazione dei prezzi massimi minimi e medi dei prodotti del gruppo merceologico carni ottobre/novembre ,0% 0,0% 0,4% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,3% -0,1% -1,6% -4,9% -7,1% Carne fresca bovino adulto, I taglio (1Kg) Carne fresca suina con osso (1Kg) Mortadella I qualità (1Kg) Petto di pollo (1Kg) Prosciutto crudo (1Kg) Max Min Media geometrica Fonte:n.s. elaborazione su indagine diretta 12

13 La Mortadella di prima qualità non ha fatto registrare variazioni nel prezzo minimo, mentre il prezzo massimo ha subito una variazione negativa del 7,1%. Tale variazione ha inciso sul prezzo medio che è variato del meno 4,9%. Lo SQM è aumentato del 26,9%, ciò dimostra che la tendenza al ribasso non si è verificata in tutti i punti di rilevazione (tab.4, grafico 5). Il Petto di pollo non ha fatto registrare variazioni particolarmente significative degli indicatori in esame (tab.4, grafico 5). Il prosciutto crudo a fronte di un aumento dello 0,3% del prezzo medio ha fatto segnare una riduzione dello SQM pari all 1,1%. Di conseguenza il C.V. è diminuito dell 1,4% (tab.4, grafico 5). 13

14 1.2 FRUTTA In base alle quotazioni del mese di novembre 2003 le Banane presentano un prezzo massimo di 1,57 Euro al kg. Il prezzo minimo è di 1,00 Euro al kg. Il prezzo medio è di 1,29 Euro al kg.. Lo scarto dalla media è di 0,20 euro. Il coefficiente di variazione è del 15,2% (tab.5 grafico 6). Tabella 5:Prezzi, massimi,minimi,medi,e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Frutta, Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) Max Min Media aritmeticamedia geometrica SQM C.V Banane (1 kg) 2,07 1,00 1,37 1,34 0,32 23,1% Limoni gialli (1 kg) 2,28 1,00 1,80 1,75 0,39 21,4% Mele golden delicious (1 kg) 2,35 1,10 1,77 1,71 0,13 7,5% Pere William (1 kg) 2,40 1,00 1,74 1,68 0,42 24,1% Grafico 6 :Prezzi massimi minimi e medi del gruppo merceologico Frutta,Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 2,28 2,35 2,40 2,07 1,75 1,71 1,68 1,34 1,00 1,00 1,10 1,00 Banane (1 kg) Limoni gialli (1 kg) Mele golden delicious (1 kg) Pere William (1 kg) Max Min Media geometrica 14

15 I Limoni gialli presentano un prezzo massimo equivalente a 2,28 Euro al kg. Il prezzo minimo è 1,00 Euro al kg. Il prezzo medio è di 1,75 Euro al kg. Mediamente i prezzi rilevati si discostano dal prezzo medio per 0,39 Euro. Il coefficiente di variazione è pari al 21,4% (tab.5 grafico 6). Le Mele golden delicious fanno registrare un prezzo massimo di 2,35 Euro ed un prezzo minimo di 1,10 Euro. Il prezzo medio è di 1,71 Euro. Lo scarto quadratico medio è di 0,13 Euro. Il coefficiente di variazione è del 7,5%. Di conseguenza questo prodotto presenta la minore variabilità dei prezzi rilevati dal prezzo medio (tab.5, grafico 6). Le Pere William presentano un prezzo massimo di 2,40 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 1 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 1,68 Euro al Kg. Lo scarto quadratico medio è di 0,42 Euro. Il coefficiente di variazione è del 24,1%. Ciò implica che nel mese di novembre il prodotto in questione presenta la maggiore variabilità dei prezzi rilevati dal prezzo medio (tab.5 grafico 6). Variazione dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 Le Banane si distinguono per una variazione negativa del prezzo massimo corrispondente al 24,2%. Il prezzo minimo ha fatto segnare una variazione negativa del 9,1%. Il prezzo medio, conseguentemente, è diminuito del 20,3%. Nel mercato in esame, sembra essersi verificata una generale tendenza al ribasso dei prezzi Tabella 6: Variazioni prezzi massimi, minimi, medi, dei prodotti appartenenti al gruppo merceologico Frutta, ottobre/novembre2003 FRUTTA Max Min M.arit. M. geom. SQM C.V Banane (1 kg) -24,2% -9,1% -20,9% -20,3% -34,6% -17,4% Limoni gialli (1 kg) 5,1% 0,0% -3,8% -4,1% 6,8% 10,9% Mele golden delicious (1 kg) 0,0% 0,0% -3,0% -1,6% -18,0% -15,4% Pere William (1 kg) -7,7% 0,0% 0,3% 0,7% -9,0% -9,2% Lo SQM, infatti, ha fatto registrare una variazione negativa del 34,6%. Il C.V. dunque si è ridotto del 17,4% (tab.6 grafico 7). I Limoni gialli hanno fatto registrare una variazione positiva del prezzo massimo del 5,1%. Il prezzo minimo non ha subito variazioni. Il prezzo medio ha registrato una variazione negativa 15

16 del 4,1%. Lo SQM è aumentato del 6,8%. Il C.V. è aumentato del 10,9%. Di conseguenza la tendenza al ribasso non ha coinvolto la maggioranza dei punti di rilevazione (tab.6, grafico 7). Le Mele golden delicious non presentano variazioni del prezzo massimo e minimo. Il prezzo medio è diminuito dell 1,6%. Lo SQM è diminuito del 18,0%. Di conseguenza il C.V. ha registrato una variazione negativa equivalente al 15,4% (tab.6, grafico 7). Grafico 7: Variazioni prezzi massimi, minimi, medi, dei prodotti appartenenti al gruppo merceologico Frutta, ottobre/novembre2003 5,1% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,7% -4,1% -1,6% -9,1% -7,7% -24,2% -20,3% Banane (1 kg) Limoni gialli (1 kg) Mele golden delicious (1 kg) Pere William (1 kg) Max Min Media geometrica Le Pere William hanno registrato una variazione negativa del prezzo massimo equivalente al 7,7%. Il prezzo minimo non registrato variazioni. Il prezzo medio è aumentato dello 0,7%. Lo SQM è diminuito del 9,2%. Di conseguenza il C.V. registra una riduzione del 9,2% (tab.6, grafico 7). 16

17 1.3 LATTE FORMAGGI UOVA In base alle rilevazioni effettuate nel novembre 2003 Il Latte presenta un prezzo di 1,30 Euro al litro.tale valore non registra oscillazioni in termini di quotazione massima e minima (tab.7, grafico 8). Tabella 7: Prezzo massimo minimo, medio, scarto quadratico medio del gruppo merceologico Latte formaggi uova Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Latte,formaggi,uova Max Min M. arit. M. geom. SQM C.V. Latte intero fresco (1 L) 1,30 1,30 1,30 1,30 0,00 0,0% Parmigiano Reggiano (1 kg) 17,15 13,90 15,67 15,64 0,96 6,1% Pecorino (1 kg) 15,00 10,79 12,58 12,50 1,54 12,3% Stracchino o crescenza (1 kg) 12,46 8,75 10,16 10,09 1,18 11,7% Uova di gallina (6 Uova) 1,60 0,95 1,22 1,21 0,20 16,4% Grafico 8:Prezzi massimi, minimi e medi del gruppo merceologico Latte formaggi uova Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 17,15 15,64 15,00 13,90 12,50 12,46 10,79 10,09 8,75 1,30 1,30 1,30 1,60 0,95 1,21 Latte intero fresco (1 L) Parmigiano Reggiano (1 kg) Pecorino (1 kg) Stracchino o crescenza (1 kg) Uova di gallina (6 Uova) Max Min Media geometrica 17

18 Il Parmigiano reggiano presenta un prezzo massimo di 17,15 Euro al kg ed un prezzo minimo di 13,90 euro al kg. Il prezzo medio è di 15,64 euro al kg. Mediamente i prezzi rilevati si discostano dal prezzo medio per 0,96 Euro al kg. Il coefficiente di variazione è pari al 6,1%. Di conseguenza il prodotto in esame presenta la minore variabilità relativa all interno del gruppo merceologico di appartenenza (tab.7, grafico 8). Il Pecorino presenta un prezzo massimo di 15,00 Euro al kg. ed un prezzo minimo di 10,79 Euro al kg. Il prezzo medio è di 12,50 Euro al kg. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 1,55 Euro al kg. Il coefficiente di variazione è equivalente al 12,3%. Di conseguenza, il prodotto in esame insieme alle uova di gallina presenta la maggiore variabilità relativa dei prezzi rilevati all interno del gruppo merceologico di riferimento (tab.7 grafico 8). Lo Stracchino presenta un prezzo massimo di 12,46 Euro al Kg. ed un prezzo minimo di 8,75 Euro al Kg.. Il prezzo medio è di 10,09 Euro al Kg. Lo SQM è di 1,18 Euro al Kg. Il C.V. è dell 11,7% (tab.7 grafico 8). Le Uova di gallina presentano un prezzo massimo di 1,60 Euro per una confezione da sei uova ed un prezzo minimo di 0,95 Euro.Il prezzo medio è di 1,21 Euro a confezione.lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è ridotto, 0,20 Euro a confezione. Il coefficiente di variazione è pari al 16,4%. Da ciò discente che il prodotto si distingue per la maggiore variabilità relativa all interno del gruppo merceologico di riferimento (tab.7 grafico 8). Nell intervallo di tempo Ottobre/Novembre 2003 non si rilevano variazioni dei prezzi particolarmente significative in relazione ad i prodotti in esame (tab.8). Tabella 8: Variazioni prezzi massimi, minimi, medi, dei prodotti appartenenti al gruppo merceologico Latte formaggi uova, ottobre/novembre2003 Latte,formaggi,uova Max Min M. arit. M.geom. SQM C.V. Latte intero fresco (1 L) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Parmigiano Reggiano (1 kg) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Pecorino (1 kg) 0,0% 0,0% 0,0% 0,4% -0,1% -0,1% Stracchino o crescenza (1 kg) 0,0% 0,0% -0,4% -0,4% 1,4% 1,8% Uova di gallina (6 Uova) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 18

19 1.4 OLII Nel mese di novembre 2003 l Olio di semi di mais presenta una quotazione massima di 2,32 Euro al litro ed una quotazione minima di 1,44 Euro al litro. Il prezzo medio è di 1,76 Euro al litro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,26 Euro. Il coefficiente di variazione è del 14,8%. Di conseguenza il prodotto in esame presenta una variabilità relativa dei prezzi rilevati superiore all olio extra vergine di oliva (tab. 9 grafico 9) Tabella 9: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Olii Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Olio Max Min M. arit. M. geom. SQM C.V. Olio di semi di mais (1.L.) 2,32 1,44 1,78 1,76 0,26 14,8% Olio extra vergine di oliva (1L.) 5,27 3,83 4,37 4,34 0,46 10,5% Fonte:n.s. elaborazione su indagine diretta Grafico 9: Prezzi massimi, minimi e medi del gruppo merceologico Olii Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 5,27 3,83 4,34 2,32 1,44 1,76 Olio di semi di mais (1.L.) Olio extra vergine di oliva (1L.) Max Min Media geometrica 19

20 L Olio extra vergine di oliva presenta un prezzo massimo di 5,27 Euro al litro ed un prezzo minimo di 3,83 Euro al litro. Il prezzo medio è di 4,34 Euro al litro Lo scarto quadratico medio è di 0,46 Euro al litro Il coefficiente di variazione è pari al 10,5% (tab. 9 grafico 9). Variazione dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 Tra l Ottobre ed il Novembre 2003 l Olio di semi di mais si distingue per una variazione del prezzo massimo pari al 15,4%. Il prezzo minimo non ha fatto rilevare alcuna variazione Il prezzo medio ha subito un incremento dell 1,8%. Lo SQM è aumentato del 34,5%. Di conseguenza il C.V. ha subito un incremento del 31,6% (tab.10, grafico 10). L Olio extra vergine di oliva non a fatto registrare variazioni del prezzo massimo e minimo. Il prezzo medio è aumentato dello 0,7%. Lo SQM ha subito un incremento del 4,0%. Il C.V. di conseguenza è aumentato del 3,2% (tab.10, grafico 10). Tabella 10: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Olii Ottobre/Novembre 2003 Oli Max Min M.arit. M. geom. SQM C.V. Olio di semi di mais (1.L.) 15,4% 0,0% 2,2% 1,8% 34,5% 31,6% Olio extra vergine di oliva (1L.) 0,0% 0,0% 0,8% 0,7% 4,0% 3,2% Fonte:n.s. elaborazione su indagine diretta Grafico 10: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Oli Ottobre/Novembre ,4% 0,0% 1,8% 0,0% 0,0% 0,7% Olio di semi di mais (1.L.) Olio extra vergine di oliva (1L.) Max Min M. geometrica Fonte:n.s. elaborazione su indagine diretta 20

21 1.5 ORTAGGI Nel mese di novembre 2003 le Bietole verdi da costa fina o larga presentano un prezzo massimo di 2,00 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 0,95 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 1,26 Euro al Kg. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è mediamente di 0,34 Euro. Il coefficiente di variazione risulta equivalente al 26,5% (tab.11 grafico 11). Tabella 11: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Ortaggi Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Ortaggi Max Min M.arit. M. geom. SQM C.V. Bietole verdi da costa fina o larga (1kg) 2,00 0,95 1,31 1,26 0,34 26,3% Insalata lattuga cappuccia (1Kg) 2,26 0,68 1,60 1,49 0,84 52,5% Passata di pomodoro (700 Gr.) 1,35 0,60 0,82 0,79 0,25 30,1% Patate comuni (1 Kg) 1,06 0,44 0,83 0,80 0,19 23,4% Pomodori da insalata costoluto (1 Kg) 3,65 1,20 2,45 2,29 1,18 48,1% Grafico 11: Prezzo massimo, minimo, medio del gruppo merceologico Ortaggi Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) 3,65 2,00 2,26 2,29 0,95 1,26 0,68 1,49 1,35 0,60 0,79 1,06 0,80 1,20 0,44 Bietole verdi da costa fina o larga (1kg) Insalata lattuga cappuccia (1Kg) Passata di pomodoro (700 Gr.) Patate comuni (1 Kg) Pomodori da insalata costoluto (1 Kg) Max Min Media geometrica 21

22 L Insalata presenta un prezzo massimo di 2,26 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 0,68 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 1,49 Euro al Kg. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,84 Euro al Kg. Il coefficiente di variazione è del 52,5% Da ciò discende che il prodotto in esame presenta la maggiore variabilità relativa dei prezzi rilevati rispetto al prezzo medio all interno del gruppo merceologico di appartenenza (tab.11 grafico 11). La Passata di pomodoro presenta un prezzo massimo di 1,35 Euro per 700 gr. ed un prezzo minimo di 0,60 Euro per 700 Gr. Il prezzo medio è di 0,79 Euro (700 Gr.). Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è mediamente di 0,25 Euro. Di conseguenza il coefficiente di variazione è del 30,1% (tab.11 grafico 11). Le Patate comuni presentano un prezzo massimo di 1,06 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 0,44 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 0,80 Euro al Kg. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,19 Euro. Il coefficiente di variazione è pari al 23,4%. Tale valore risulta essere il più basso all interno del gruppo merceologico di riferimento (tab.11 grafico 11). I Pomodori da insalata costoluto presentano un prezzo massimo di 3,65 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 1,20 Euro al Kg. Il prezzo medio è di 2,29 Euro al Kg. Lo SQM è di 1,18 Euro al Kg. Di conseguenza il C.V. è pari al 48,1%. E evidente allora che il prodotto in questione presenta insieme all Insalata la maggiore dispersione dei prezzi rilevati intorno al prezzo medio (tab.12 grafico 13). Variazione dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 Nell intervallo di tempo compreso tra il mese di Ottobre ed il mese di Novembre le Bietole verdi di costa fina o larga hanno fatto segnare un decremento del prezzo massimo pari al 3,4%. Il prezzo minimo è diminuito del 5,0%. Il prezzo medio ha fatto segnare una riduzione del 14,2% (tab.12 grafico 12). Tabella12: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Ortaggi Ottobre/Novembre 2003 Ortaggi Max Min M. arit. M.geom. SQM C.V. Bietole verdi da costa fina o larga (1kg) -3,4% -5,0% -14,9% -14,2% -18,7% -4,4% Insalata lattuga cappuccia (1Kg) -1,7% -31,3% 2,0% -1,7% 109,1% 105,0% Passata di pomodoro (700 Gr.) 0,0% 0,0% 1,4% 1,1% 3,9% 2,4% Patate comuni (1 Kg) 9,3% -26,7% -3,4% -5,6% 73,6% 79,8% Pomodori da insalata costoluto (1 Kg) -2,4% -7,0% -7,7% -8,3% 38,2% 49,7% 22

23 La tendenza al ribasso verificatasi nella maggior parte dei punti di rilevazione è dimostrata dalla riduzione dello SQM del 18,7%. Il C.V. è diminuito di conseguenza del 4,4% (tab.13 grafico 14). L Insalata lattuga cappuccia ha registrato una riduzione del prezzo massimo dell 1,7%. Il prezzo minimo è diminuito del 31,3%. Il prezzo medio si è ridotto dell 1,7%. La riduzione dei prezzi non si è verificata in tutti i punti di rilevazione. Lo SQM, infatti, è aumentato del 109,1%. Il C.V. conseguentemente ha fatto segnare un incremento del 105,0%. Il mercato in questione ha fatto segnare gli incrementi percentuali maggiori degli indicatori di variabilità. (tab.12 grafico 12). Grafico 12: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Ortaggi Ottobre/Novembre ,3% 0,0% 0,0% 1,1% -3,4% -5,0% -1,7% -1,7% -5,6% -2,4% -7,0% -8,3% -14,2% -26,7% -31,3% Bietole verdi da costa fina o larga (1kg) Insalata lattuga cappuccia (1Kg) Passata di pomodoro (700 Gr.) Patate comuni (1 Kg) Pomodori da insalata costoluto (1 Kg) Max Min Media geometrica La Passata di pomodoro (700 gr.) non ha registrato variazioni dei prezzi massimi e minimi. Il prezzo medio è aumentato dell 1,1%. Lo SQM è aumentato del 3,9%. Il C.V. ha subito un incremento del 2,4%.Questo implica che gli aumenti di prezzo non si sono verificati in tutti i punti di rilevazione (tab.12 grafico 12). Le Patate comuni hanno fatto registrare un incremento del prezzo massimo pari al 9,3%. Il prezzo minimo è diminuito del 26,7%. In ragione di ciò il prezzo medio è diminuito del 5,6%. La tendenza al ribasso dei prezzi non ha interessato tutti i punti di rilevazione. Lo SQM, 23

24 infatti, è aumentato del 73,6%. Il C.V. è aumentato del 79,8% in virtù della riduzione del prezzo medio e dell aumento dello SQM (tab.12 grafico 12). I Pomodori da insalata costoluto presentano una riduzione del prezzo massimo equivalente al 2,4%. Il prezzo minimo si è ridotto del 7,7%. Il prezzo medio ha segnato una riduzione dell 8,3%. Lo SQM è aumentato del 38,2%. Ragione per cui il C.V. si è distinto per un aumento del 49,7% (tab.12 grafico 12). 24

25 1.6 PANE E CEREALI Nel mese di novembre 2003 la quotazione massima dei Biscotti comuni stampati è pari a 2,14 Euro (500 Gr.) la quotazione minima a 1,56 Euro. Il prezzo medio è di 1,73 euro. Lo scarto quadratico medio è di 0,65 Euro. Il coefficiente di variazione è del 37,2%. Quindi il prodotto in esame si distingue, insieme alla pasta di semola di grano duro, per la variabilità relativa dei prezzi rilevati, maggiore rispetto ai prodotti inclusi nello stesso gruppo di appartenenza (tab.13 grafico 13). Tabella 13: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Pane e cereali Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) Pane e cereali Max Min M. arit. M. geom. SQM C.V. Biscotti comuni stampati (500Gr.) 2,14 1,56 1,74 1,73 0,65 37,2% Farina di frumento (1Kg) 0,52 0,44 0,49 0,49 0,02 4,9% Pane ( 500 Gr.) 1,37 1,20 1,22 1,22 0,05 4,5% Pasta di semola di grano duro (500Gr) 0,98 0,48 0,65 0,63 0,19 29,1% Grafico 13: Prezzo massimo, minimo, medio del gruppo merceologico Pane e cereali Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 1,3% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% -0,7% -5,2% Biscotti comuni stampati (500Gr.) Farina di frumento (1Kg) Pane ( 500 Gr.) Pasta di semola di grano duro (500Gr) Max Min Media geometrica 25

26 La Farina di frumento presenta un prezzo massimo di 0,52 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 0,44 Euro. Il prezzo medio è di 0,49 Euro al Kg. Lo scarto quadratico medio è pari a 0.02 Euro. Il coefficiente di variazione, è pari al 4,9% (tab.13 grafico 13). Il Pane presenta un prezzo massimo di 1,37 Euro al Kg ed un prezzo minimo di 1,20 Euro al Kg. Il prezzo medio è pari a 1,22 Euro al Kg. Lo scarto dalla media risulta equivalente a 0,05 Euro. Il coefficiente di variazione è del 4,5%. In ragione di ciò il mercato in esame presenta la minore variabilità relativa dei prezzi (tab.13 grafico 13). La Pasta di semola di grano duro presenta un prezzo massimo di 0,98 Euro (500 Gr.) ed un prezzo minimo di 0,48 Euro (500 Gr.). Il prezzo medio è di 0,63 Euro (500 Gr.). Lo scarto dal prezzo medio è di 0,19 Euro. Il C.V. è pari al 29,1% (tab.13 grafico 13). Variazione dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 I Biscotti comuni stampati tra il mese di Ottobre ed il mese di Novembre non hanno fatto registrare variazioni del prezzo massimo e minimo. Il prezzo medio è aumentato dell 1,3%. Gli aumenti del prezzo medio non sono dovuti ad un aumento generalizzato dei prezzi relativi al prodotto in esame. Lo SQM, infatti, ha subito una variazione del 263,7%. Di conseguenza anche il C.V. è aumentato del 258,5% (tab.14, grafico 14). Tabella14: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Pane e cereali Ottobre/Novembre 2003 Pane e cereali Max Min M. arit. M. geom. SQM** C.V. Biscotti comuni stampati (500Gr.) 0,0% 0,0% 1,5% 1,3% 263,7% 258,5% Farina di frumento (1Kg) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Pane ( 1Kg) -5,2% 0,0% -0,8% -0,7% -31,3% -30,7% Pasta di semola di grano duro (500Gr) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% La Farina di frumento non ha fatto registrare alcuna variazione degli indicatori in esame. 26

27 Il Pane si è distinto per un decremento del prezzo massimo del 5,2%. Il prezzo minimo non ha subito variazioni. Il prezzo medio è diminuito dello 0,7%. Lo SQM ha fatto registrare una riduzione del 31,3%. Il C.V., pertanto, è diminuito del 30,7% (tab.14, grafico 14). Grafico 14: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Pane e cereali Ottobre/Novembre ,3% 0,0%0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% -0,7% -5,2% Biscotti comuni stampati (500Gr.) Farina di frumento (1Kg) Pane ( 1Kg) Pasta di semola di grano duro (500Gr) Max Min Media geometrica La Pasta di semola di grano duro (500 gr.) non ha fatto registrare variazioni degli indicatori in esame (tab.14, grafico 14). 27

28 1.7 PESCI E PRODOTTI ITTICI Nel mese di novembre 2003 il prezzo massimo dei Merluzzi è di 17,00 Euro al kg ed il prezzo minimo è di 8,95 Euro al kg. Il prezzo medio è di 13,68 Euro al kg. I prezzi rilevati mediamente si discostano dal prezzo medio per un ammontare di 3,13 Euro al kg. Il coefficiente di variazione è equivalente al 22,2%. Il prodotto, quindi presenta la maggiore variabilità dei prezzi rilevati dal prezzo medio (tab.15 grafico 15). Tabella 15: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Pesci e prodotti ittici Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Pesci e prodotti Ittici Max Min M.arit. M. geom. SQM C.V. Merluzzi o naselli (1Kg) 17,00 8,95 14,07 13,68 3,13 22,2% Sogliole (1Kg) 21,50 14,00 18,17 17,95 2,80 15,4% Vongole (1Kg) 9,00 4,38 6,73 6,59 1,35 20,0% Grafico 15: Prezzo massimo, minimo, medio del gruppo merceologico Pesci e prodotti ittici Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 21,50 17,00 17,95 13,68 14,00 8,95 9,00 4,38 6,59 Merluzzi o naselli (1Kg) Sogliole (1Kg) Vongole (1Kg) Max Min Media geometrica 28

29 Le Sogliole presentano un prezzo massimo di 21,50 Euro al kg ed un prezzo minimo di 14,00 Euro al kg. Il prezzo medio è di 17,95 Euro al kg. Mediamente lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 2,80 Euro al kg. Il coefficiente di variazione risulta pari al 15,4% Di conseguenza questo prodotto presenta la minore variabilità relativa delle quotazioni rilevate dal prezzo medio (tab.15 grafico 15). Le Vongole presentano un prezzo massimo di 9,00 Euro al kg, ed un prezzo minimo di 4,38 Euro al kg. Il prezzo medio è di 6,59 Euro al kg. Mediamente lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 1,35 Euro. Il C.V. è pari al 20% (tab.15 grafico 15). Variazioni dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 Nell intervallo intercorso tra il mese di ottobre ed il mese di novembre 2003 i Merluzzi hanno fatto segnare una riduzione del prezzo massimo del 10,5%. Il prezzo minimo si è ridotto del 5,8%. Tali variazioni hanno contribuito a determinare una riduzione del prezzo medio pari al 5,6%. Nella maggioranza dei punti di rilevazione si è verificata una riduzione dei prezzi. Lo SQM,infatti, ha subito una riduzione del 4,7%. In ragione delle variazione ora descritte il C.V. è aumentato dello 0,9% (tab.16 grafico 16). Tabella 16: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Pesci e prodotti ittici Ottobre/Novembre 2003 Pesci e prodotti Ittici Max Min M. arit. M.geom. SQM C.V. Merluzzi o naselli (1Kg) -10,5% -5,8% -5,5% -5,6% -4,7% 0,9% Sogliole (1Kg) -14,0% 4,5% -7,9% -7,0% -30,7% -24,8% Vongole (1Kg) -10,0% 12,9% -4,5% -2,7% -29,8% -26,4% Le Sogliole hanno fatto registrare una riduzione del prezzo massimo pari al 14%. Il prezzo minimo è aumentato del 4,5%. Il prezzo medio si è ridotto del 7,0%. E possibile affermare che si è verificata una riduzione dei prezzi nella maggior parte dei punti di rilevazione. Lo SQM, infatti, si è ridotto del 30,7%. Conseguentemente alle variazioni dello SQM e del prezzo medio il C.V. è diminuito del 24,8% (tab.16 grafico 16). 29

30 Grafico 16: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Pesci e prodotti ittici Ottobre/Novembre ,9% 4,5% -10,5% -5,8% -5,6% -14,0% -7,0% -10,0% -2,7% Merluzzi o naselli (1Kg) Sogliole (1Kg) Vongole (1Kg) Max Min Media geometrica Le Vongole hanno fatto registrare una variazione negativa del prezzo massimo pari al 10,0%. Il prezzo minimo è aumentato del 12,9%. Il prezzo medio si è ridotto del 2,7%. Nei punti di rilevazione esaminati è prevalsa una tendenza al ribasso dei prezzi. Lo SQM, si è ridotto, infatti, del 29,8%. Di conseguenza anche il C.V. ha fatto segnare una riduzione del 26,4% (tab.16 grafico 16). 30

31 1.8 ZUCCHERO Nel mese di novembre 2003 il prezzo massimo dello Zucchero è di 1,25 Euro il prezzo minimo è di 0,79 Euro.il prezzo medio è di 0,93 Euro. Lo scarto quadratico medio è di 0,15 Euro. Il coefficiente di variazione è del 16,1% (tab.17 grafico 17). Tabella 17: Prezzo massimo, minimo,medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Zucchero Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) Zucchero Max Min M. arit. M. geom. SQM** C.V. Zucchero 1,25 0,79 0,94 0,93 0,15 0,16 Grafico 17: Prezzo massimo,minimo,medio del gruppo merceologico Zucchero Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 1,25 0,79 0,93 Max Min Media geometrica Max Min Media geometrica Tra il mese di ottobre ed il mese di novembre non si registrano variazioni nei prezzi rilevati. 31

32 1.9 BEVANDE ANALCOLICHE Nel mese di novembre 2003 il prezzo massimo dell Acqua minerale è di 3,42 Euro per una confezione di sei bottiglie da 1,5 Litri, il prezzo minimo è di 1,50 Euro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,53 Euro a confezione. Il coefficiente di variazione è pari al 20%. Per tanto, il prodotto in esame presenta la maggiore variabilità relativa dei prezzi dal prezzo medio all interno del gruppo di appartenenza (tab.18 grafico 18). Tabella 18: Prezzo massimo,minimo,medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Bevande analcoliche Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) Bevande analcoliche Max Min M. arit. M.geom. SQM C.V. Acqua minerale (Conf.6 bot. 1,5 L.) 3,42 1,50 2,71 2,65 0,53 19,5% Caffè tostato (250 Gr.) 2,84 1,64 2,22 2,18 0,41 18,5% Succo di frutta (1 Litro) 1,65 1,17 1,48 1,48 0,14 9,2% Grafico 18: Prezzo massimo,minimo,medio del gruppo merceologico Bevande analcoliche Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 3,42 2,65 2,84 2,18 1,50 1,64 1,65 1,48 1,17 Acqua minerale (Conf.6 bot. 1,5 L.) Caffè tostato (250 Gr.) Succo di frutta (1 Litro) Max Min Media geometrica 32

33 Il Caffè tostato presenta un prezzo massimo di 2,84 Euro per una confezione di 250 Grammi ed un prezzo minimo di 1,64 Euro.per l analoga confezione (tab.18 grafico 18). Il prezzo medio è di 2,18 Euro per una confezione di 250 Gr. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,41 Euro a confezione Il coefficienti di variazione risulta, quindi, pari al 18,9%(tab.18 grafico 18). Il Succo di frutta presenta un prezzo massimo di 1,65 Euro al Litro ed un prezzo minimo di 1,17 Euro al Litro. Il prezzo medio è di 1,48 Euro al Litro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,14 Euro al litro. Il coefficiente di variazione è del 9,3%. Tale valore risulta essere il più basso del gruppo di appartenenza (tab.18 grafico 18). Tra il mese di ottobre 2003 ed il mese di novembre 2003 i prodotti appartenenti al gruppo merceologico in esame non hanno registrato significative variazioni dei prezzi (tab.19). Tabella 29: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Bevande analcoliche Ottobre/Novembre 2003 Bevande analcoliche Max Min M. arit M. geom. SQM C.V. Acqua minerale (Conf.6 bot. 1,5 L.) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Caffè tostato (250 Gr.) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Succo di frutta (1 Litro) 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% -0,2% -0,3% 33

34 CAPITOLO SECONDO BEVANDE ALCOLICHE 2.1 VINO Nel mese di novembre 2003 Il Vino comune presenta un prezzo massimo di 1,65 Euro al Litro ed un prezzo minimo di 1,06 Euro al Litro. Il prezzo medio è di 1,20 Euro al Litro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,17 Euro al Litro. Il coefficiente di variazione è del 14,2% (tab.20 grafico 20). Il prodotto in esame tra il mese di ottobre ed il mese di novembre non presenta alcuna variazione dei prezzi rilevati. Tabella 20: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Bevande alcoliche Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Vino comune Max Min M. arit. M. geom. SQM C.V. Vino comune (1 Litro) 1,65 1,06 1,22 1,21 0,17 14,2% Grafico 20: Prezzo massimo,minimo,medio del gruppo merceologico Bevande alcoliche Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) 1,65 1,06 1,21 Max Min Media geometrica Max Min Media geometrica 34

35 CAPITOLO TERZO PRODOTTI PER L IGIENE Nel mese di novembre 2003 il prezzo massimo del Bagno schiuma è di 2,50 Euro per una confezione di 2,50 Ml, il prezzo minimo è di 1,49 Euro. Il prezzo medio è 1,89 Euro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,35 Euro. Il coefficiente di variazione, quindi, è del 18,0%. Di conseguenza il prodotto presenta la maggiore variabilità relativa all interno del gruppo di appartenenza (tab.21 grafico 21). Tabella 21: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Prodotti per l igiene Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Prodotti per l'igiene Max Min M. arit. M. geom. SQM C.V. Bagno schiuma (2,50 ML) 2,50 1,49 1,92 1,89 0,35 18,0% Carta igienica (4 pz) 2,06 1,22 1,65 1,62 0,79 48,2% Detersivo lavatrice (3 kg) 8,59 5,20 6,49 6,40 1,13 17,4% Grafico 21: Prezzo massimo,minimo,medio del gruppo merceologico Prodotti per l igiene Novembre 2003(Media geometrica uguale al Prezzo medio) 8,59 6,40 5,20 2,50 1,49 1,89 2,06 1,62 1,22 Bagno schiuma (2,50 ML) Carta igienica (4 pz) Detersivo lavatrice (3 kg) Max Min Media geometrica 35

36 La Carta igienica presenta un prezzo massimo di 2,06 Euro per una confezione di 4 pezzi ed un prezzo minimo di 1,22 Euro per l analoga confezione. Il prezzo medio è di 1,62 Euro per una confezione di 4 pezzi. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è di 0,79 Euro. Il coefficiente di variazione è del 48,2% (tab.21 grafico 21). Il Detersivo lavatrice in polvere presenta un prezzo massimo di 8,59 Euro per una confezione di 3 kg, ed un prezzo minimo di 5,20 Euro per l analoga confezione. Il prezzo medio è di 6,40 Euro. Lo scarto dalla media dei prezzi rilevati è pari ad 1,13 Euro. Il coefficiente di variazione è del 17,4% (tab.21 grafico 21). Variazione dei prezzi Ottobre/Novembre 2003 Il Bagno schiuma non presenta variazioni dei prezzi nel periodo considerato (tab.22, grafico 22). Tabella 22: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Prodotti per l igiene Ottobre/Novembre 2003 Prodotti per l'igiene Max Min M.arit. M. geom. SQM C.V. Bagno schiuma (2,50 ML) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Carta igienica (4 pz) 0,0% -0,5% -1,9% -2,2% 177,7% 183,1% Detersivo lavatrice (3 kg) 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% La Carta igienica non ha registrato variazioni nel prezzo massimo. Il prezzo minimo è diminuito dello 0,5%. Il prezzo medio ha registrato una variazione negativa del 2,2%. La riduzione dei prezzi non ha interessato la generalità dei punti di rilevazione. Lo SQM, infatti, è aumentato del 177,7%. Di conseguenza il C.V. ha fatto registrare una variazione del 183,1% (tab.22, grafico 22). 36

37 Il Detersivo lavatrice non presenta alcuna variazione dei prezzi nel periodo in esame (tab.22, grafico 22). Grafico 22: Variazione dei prezzi massimi, minimi, medi, del gruppo merceologico Prodotti per l igiene Ottobre/Novembre ,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% -0,5% -2,2% Bagno schiuma (2,50 ML) Carta igienica (4 pz) Detersivo lavatrice (3 kg) Max Min Media geometrica 37

38 CAPITOLO QUARTO SERVIZI 1.1. Variazioni dei prezzi del settore dei servizi Ottobre/Novembre 2003 I diversi comparti dei servizi hanno dimostrato una generale stabilità dei prezzi. Tra l ottobre ed il novembre 2003 non si è riscontrata alcuna variazione dei prezzi rilevati (tab.23). Tabella 23: Prodotti appartenenti al gruppo merceologico Servizi: Valori assoluti prezzi Ottobre/Novembre e relativa differenza. Prezzi Ottobre Prezzi Novembre Diff.Nov_Ott. Analisi sangue 11,15 11,15 0,00 Dentista otturazione 90,81 90,81 0,00 Retta asilo nido 277,33 277,33 0,00 Caffe' espresso al bar 0,84 0,84 0,00 Cinema 6,71 6,71 0,00 Pasto in pizzeria 5,15 5,15 0,00 Assicurazione auto - benzina 934,14 934,14 0,00 Assicurazione auto - diesel 794,99 794,99 0,00 Assicurazione moto 222,23 222,23 0,00 Acqua potabile spesa compl. 307,97 307,97 0,00 Gas per riscaldamento 890,81 890,81 0,00 Tariffa rifiuti solidi 1,29 1,29 0,00 Trasporti urbani - abbonamento mensile 24,00 24,00 0,00 Trasporti urbani - biglietto 0,75 0,75 0,00 38

39 4.1 PUBBLICI ESERCIZI Il Caffè espresso al bar, secondo le rilevazioni effettuate nel mese di novembre, presenta un prezzo massimo di 0,85 Euro ed un prezzo minimo di 0,80 Euro.Il prezzo medio è di 0,84 Euro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal prezzo medio è irrisorio, Euro 0,04. Il coefficiente di variazione è del 5,2%. (tab.24 grafico 23). Tabella 24: Prezzo massimo, minimo, medio e scarto quadratico medio del gruppo merceologico Pubblici esercizi Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) Pubblici esercizi Max Min M.arit. M. geom. SQM C.V. Caffe' espresso al bar 0,85 0,80 0,84 0,84 0,04 5,2% Cinema 6,71 6,71 6,71 6,71 0,00 0,0% Pasto in pizzeria 6,20 4,80 5,17 5,15 0,52 10,0% Grafico 23: Prezzo massimo, minimo, medio del gruppo merceologico Pubblici esercizi Novembre 2003 (Media geometrica uguale al Prezzo medio) 6,71 6,71 6,71 6,20 4,80 5,15 0,85 0,80 0,84 Caffe' espresso al bar Cinema Pasto in pizzeria Max Min Media geometrica Il prezzo del Biglietto per il Cinema è di 6,71 Euro. Tale prezzo non presenta oscillazioni (tab.25 grafico 24). 39

40 Il Pasto in pizzeria presenta un prezzo massimo di 6,20 Euro ed un prezzo minimo di 4,80 Euro. Il prezzo medio è di 5,15 Euro. Lo scarto dei prezzi rilevati dal valore medio è di 0,52 Euro. Il coefficienti di variazione è del 10,0%. Di conseguenza il servizio in esame presenta la maggiore variabilità relativa dei prezzi all interno del gruppo di appartenenza (tab.24 grafico 23). Nel periodo ottobre/novembre 2003 i servizi in esame non hanno fatto registrare alcuna variazione dei prezzi rilevati. 40

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO OTTOBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

Progetto Osservatorio Regionale Prezzi MINIPANIERE UMBRO

Progetto Osservatorio Regionale Prezzi MINIPANIERE UMBRO Progetto Osservatorio Regionale Prezzi Regione dell'umbria Giunta Regionale Assessorato Attività Produttive Istituto Nazionale di Statistica Comune di Spoleto MINIPANIERE UMBRO Università degli Studi di

Dettagli

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat Osservatorio Regionale Prezzi Spesa consapevole per il benessere dei consumatori Convegno Nazionale Usci Attori coinvolti Dal 2003 la Regione dell Umbria ha promosso la realizzazione di un importante progetto

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO-FEBBRAIO 2010 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MARZO - APRILE 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. APRILE - MAGGIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

GRAFICO 4 ORTOFRUTTA 1. Quotazione massima, quotazione minima, quotazione (media) delle referenze più vendute

GRAFICO 4 ORTOFRUTTA 1. Quotazione massima, quotazione minima, quotazione (media) delle referenze più vendute Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni marzo 213 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 9 3 aprile 213 La presente pubblicazione mensile

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO - FEBBRAIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio con il coordinamento scientifico di Novembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati:

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio.

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio. Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Seconda edizione Note metodologiche Ufficio Sistema Statistico Direzione Risorse Umane

Dettagli

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec LA PRESENTE TABELLA HA LO SCOPO DI INDICARE LE MAGGIORI VARIAZIONI DI PREZZO RISCONTRATE DURANTE IL MESE DI RIFERIMENTO NEL MERCATO DI VICENZA. I VALORI ESPRESSI CORRISPONDONO AL VALORE MEDIO TRA TUTTE

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO OTTOBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Francesco

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Dicembre 2013 1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MARZO-APRILE 2007 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI GENNAIO 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI GENNAIO 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI GENNAIO 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Aprile 2012 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente Riccardo

Dettagli

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento UNITA DI PRODOTTI CON IVA AL 4% 1 AGLIO Kg. 30 2 ALBICOCCHE Kg. 105 3 ARANCE DA SPREMUTA Kg. 735 4 ASPARAGI Kg. 300 5 BANANE Kg. 3150 6 BASILICO Kg. 60 7 BIETA Kg. 2100 8 BROCCOLI Kg. 60 9 CACIOTTA DI

Dettagli

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del 20 NOVEMBRE 2003

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del 20 NOVEMBRE 2003 1.0 Ripartizione Pianificazione e Programmazione 1.0 Abteilung für Planung und Programmierung 1.1 Ufficio Programmazione, Statistica e Tempi della Città 1.1 Amt für Planung, Statistik und Zeiten der Stadt

Dettagli

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo: LUGLIO 2002 Il Comune di Novara comunica che effettuata la rilevazione nel mese di luglio, gli indici

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro)..

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro).. In riferimento al bando di gara di codesta Amministrazione, si riportano, di seguito, le nostre migliori offerte per la fornitura di GENERI ALIMENTARI E SURGELATI, per la mensa della Scuola dell'infanzia,

Dettagli

COMPLESSIVO -0.5-0.2

COMPLESSIVO -0.5-0.2 Comune di Pistoia - Indice locale dei Prezzi al Consumo per l'intera Collettività Nazionale - Aprile 2015 Codice Descrizione Variazioni % anno prec. mese prec. COMPLESSIVO -0.5-0.2 1 Prodotti alimentari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 COMUNE DI PADOVA COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 Anticipazione degli indici provvisori dei prezzi al consumo del Mese di Gennaio 2004 VARIAZIONI PERCENTUALI DEGLI INDICI N.I.C. ( Intera Collettività

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI GENNAIO 2015 (dati provvisori)

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

SETTORE DI STATISTICA - Lodi Variazioni prodotti Novembre 2010 In Aumento

SETTORE DI STATISTICA - Lodi Variazioni prodotti Novembre 2010 In Aumento SETTORE DI STATISTICA - Lodi Variazioni prodotti Novembre 2010 Var.% Var.% Prodotti Mese Prodotti Mese precedente precedente 01 -- Prodotti alimentari e bevande analcoliche Crostacei freschi 19,7 Limoni

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

SETTORE DI STATISTICA - Lecco. Variazioni prodotti

SETTORE DI STATISTICA - Lecco. Variazioni prodotti SETTORE DI STATISTICA - Lecco Variazioni prodotti Agosto 2011 In Aumento 01 -- alimentari e bevande analcoliche Albicocche 37 B IS Cocomeri-angurie -33 B IS Ananas 24,5 B - Susine -19,7 B IS Zucchine 16,9

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nei mesi di marzo 2008 relativi a: 63 prodotti alimentari 32 prodotti

Dettagli

A proposito di prezzi al consumo agosto 2014

A proposito di prezzi al consumo agosto 2014 C O M U N I C A T O S T A M P A A proposito di prezzi al consumo agosto 2014 Sale l inflazione a Lecco anche se la variazione annuale è ancora negativa (-0,1%); la variazione mensile è +0,8% Per il sesto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI MAGGIO 2013 Nel mese di Maggio,

Dettagli

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Settembre 2012 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente

Dettagli

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Piatti svezzamento Ingredienti 4/12 mesi Brodo vegetale multicereali - semolino e carne Petto di pollo/fesa

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO DIPARTIMENTO XV VI U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA DIPA DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 28 febbraio 2014 Febbraio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di febbraio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPARTIMENTO

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ TERNI ANNO 2009 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ TERNI ANNO 2009 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ TERNI ANNO 2009 Di seguito un approfondimento riguardante l andamento che hanno avuto nel corso del 2009 i prezzi dei vari prodotti facenti

Dettagli

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA MESE: GENNAIO 2014 ANTICIPAZIONE PROVVISORIA

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica Anticipazione del mese di GENNAIO 2015 Indice Prezzi al consumo per l intera collettività - Catanzaro Nel mese

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

F E B B R A I O 2010

F E B B R A I O 2010 Ufficio Statistica Sistema Statistico Nazionale INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE ANTICIPAZIONE PROVVISORIA F E B B R A I O 2010 A Palermo l indice dei prezzi al consumo

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU ALLEGATO N 2 AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino.

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. La collaborazione inizia all'imbarco, l'equipaggio sarà infatti chiamato

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 SALSA AL POMODORO E BASILICO sedano, carota, cipolla, pomodoro, basilico, olio extra vergine di oliva,, parmigiano SALSA X RISOTTO AL POMODORO E BASILICO

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

PREZZI: ECCO TUTTI GLI AUMENTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI!

PREZZI: ECCO TUTTI GLI AUMENTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI! 11/09/2011 COMUNICATO STAMPA PREZZI: ECCO TUTTI GLI AUMENTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI! DALLA LIRA ALL'EURO, AUMENTI MEDI DEL 53% SUI BENI DI LARGO CONSUMO I CONSUMATORI DI CASPER DENUNCIANO: FAMIGLIE MASSACRATE,

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara SERVIZIO STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nel mese di luglio 2007 relativi a: 63 prodotti alimentari 17 prodotti

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DEL COMUNE DI SASSARI Tabelle dietetiche e Menù La nutrizionista La pediatra dell'azienda

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI DICEMBRE 2014 (dati provvisori)

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel. 0523.492591 Fax

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica Anticipazione del mese di SETTEMBRE 2014 Indice Prezzi al consumo per l intera collettività - Catanzaro Nel mese

Dettagli

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita)

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita) SVEZZAMENTO Lo svezzamento rappresenta il momento in cui si introducono gradualmente nell'alimentazione del bambino alimenti di tipo solido diversi dal latte. È consigliabile iniziare lo svezzamento in

Dettagli

Comunicato stampa. 5 Prezzi N. 0352-1006-70. Calo dei prezzi dello 0,4 per cento. Indice nazionale dei prezzi al consumo nel giugno 2010

Comunicato stampa. 5 Prezzi N. 0352-1006-70. Calo dei prezzi dello 0,4 per cento. Indice nazionale dei prezzi al consumo nel giugno 2010 Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 06.07.2010, 9:15 www.ust150anni.ch 5 Prezzi N. 0352-1006-70 Indice nazionale dei prezzi al consumo nel

Dettagli

COMUNE DI LODI UFFICIO STATISTICA statistica@comune.lodi.it

COMUNE DI LODI UFFICIO STATISTICA statistica@comune.lodi.it COMUNE DI LODI UFFICIO STATISTICA statistica@comune.lodi.it L Ufficio Comunale di Statistica comunica che l INDICE DEFINITIVO GENERALE dei prezzi al consumo per l intera comunità (NIC) relativo al mese

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA SETTIM. LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI PRIMA Risotto alla parmigiana Prosciutto crudo o cotto Carote crude SECONDA Gnocchetti

Dettagli

Come sono cambiati i prezzi a Bologna nel periodo 2000-2009. Settembre 2010

Come sono cambiati i prezzi a Bologna nel periodo 2000-2009. Settembre 2010 Come sono cambiati i prezzi a Bologna nel periodo Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L andamento

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPAR DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B

TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B SETTIMANA PARI Pasta e patate Frittata di uovo Zucchine o biete minestrone con riso Hamburger di carne (bovino adulto) pasta al pomodoro

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA ALLEGATO N. 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA DISPOSIZIONI PER LA PREPARAZIONE DEL PASTO E GRAMMATURE

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003

COMUNICATO STAMPA. Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003 Comune di Novara SERVIZIO STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Seduta del

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Area Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA ANTICIPAZIONE PROVVISORIA

Area Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA ANTICIPAZIONE PROVVISORIA Area Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA MESE: APRILE 2015 ANTICIPAZIONE PROVVISORIA Nel mese di Aprile 2015 a seguito della rilevazione

Dettagli