Approccio alla gestione del vomito nel gatto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approccio alla gestione del vomito nel gatto"

Transcript

1 Approccio alla gestione del vomito nel gatto Linee guida del consiglio europeo dell emesi Supportato da

2 Il consiglio europeo sull emesi si impegna nel creare e sviluppare le migliori pratiche per la gestione del vomito, della nausea e delle rispettive cause nel gatto. Dott. Patrick Devauchelle DVM Centre de Cancérologie Veterinaire Università di veterinaria Maisons-Alfort, Francia Prof. Jonathan Elliott MA, VetMB, PhD, Cert. SAC Dipl. ECVPT, MRCVS Royal Veterinary College, Regno Unito Dott. Clive Elwood MA, VetMB, PhD, Cert. SAC Dipl. ACVIM, Dipl. ECVIM, MRCVS Direttore sanitario Davies Veterinary Specialists, Regno Unito Dott.ssa Valérie Freiche Clinique Vétérinaire Alliance Bordeaux, Francia Dott. Alex German BVSc, PhD, CertSAM, Dipl. ECVIM, MRCVS Department of Veterinary Clinical Sciences, Small Animal Hospital, University of Liverpool, Regno Prof. Ed Hall MA, VetMB, PhD, Dipl. ECVIM, MRCVS School of Veterinary Sciences University of Bristol, Regno Unito Dott. Erik den Hertog DVM Medisch Centrum voor Dieren, Amsterdam Paesi Bassi Prof. Reto Neiger Dipl. ACVIM, Dipl. ECVIM-CA, PhD Justus-Liebig University Giessen, Germania Dott. Dominique Peeters DVM, PhD, Dipl. ECVIM-CA Dipartimento di Medicina interna (piccoli animali) Università di Liegi, Belgio Dott. Xavier Roura DVM, PhD, Dipl. ECVIM-CA Fundació Hospital Clínic Veterinari Universitat Autònoma de Barcelona, Spagna Prof. Massimo Gualtieri DVM, PhD Direttore dell Unità di chirurgia Dipartimento di Scienze cliniche veterinarie, Università di Milano, Italia 2

3 Introduzione Il vomito è un problema frequentemente riportato in medicina felina e compare in associazione a numerose patologie. Si tratta di uno dei disturbi più comunemente riportati nei gatti visitati negli ambulatori veterinari. In questo documento il Consiglio europeo sull emesi illustra delle linee guida per la diagnosi e la gestione del vomito nel gatto, basate sulla revisione di evidenze scientifiche pubblicate e sull opinione degli esperti. Riflesso emetico e cause del vomito Il vomito nel gatto è un riflesso coordinato complesso, che risulta nell espulsione del contenuto gastrico, guidato da neuroni distribuiti all interno del midollo allungato. Questi neuroni possono essere attivati da stimoli periferici provenienti dal tratto gastro-intestinale o da altri organi o, ancora, da stimoli centrali, come lesioni occupanti spazio e tossine presenti nel torrente circolatorio che agiscono a livello centrale. Anche gli stimoli vestibolari (cinetosi) possono causare il vomito nel gatto, sebbene, come accade in altre specie, la sensibilità sia soggettiva. Infine, anche gli input provenienti dal mesencefalo e dal proencefalo possono stimolare il vomito. Cause di vomito acuto Nel gatto il vomito acuto può essere associato all espulsione di palle di pelo, a reazioni avverse al cibo o ai farmaci, all ingestione di piante, ad agenti infettivi, come ad esempio il virus della panleucopenia felina, o all emesi autolimitante da causa indeterminata (la cosiddetta gastrite acuta ). I gatti portati in ambulatorio per il vomito hanno maggiori probabilità, rispetto ai cani, di richiedere un trattamento e delle indagini cliniche. Questo è dovuto al fatto che i gatti tendono a soffrire meno di vomito autolimitante, hanno maggiori probabilità di disidratarsi, (a causa delle loro dimensioni), e rischiano maggiormente di andare incontro ad anoressia e a conseguente lipidosi. La visita iniziale ha lo scopo di determinare il livello di severità del processo patologico. In questo modo sarà possibile distinguere i gatti che necessiteranno di un numero limitato di ulteriori esami e che potranno essere trattati in modo sintomatico da quelli che dovranno essere sottoposti ad altre indagini o che richiederanno un trattamento specifico. Tra questi ultimi vi sono: gatti con sospetta ostruzione gastrointestinale, corpi estranei o peritonite settica, oppure gatti disidratati. Cause di vomito cronico Le cause comuni di vomito cronico nel gatto includono l enterite, la pancreatite cronica, le reazioni avverse al cibo, le patologie epatiche, l ipertiroidismo e le patologie renali croniche terminali. Tuttavia molte altre condizioni sembrano essere associate al vomito nel gatto. La diagnosi clinica iniziale può fornire indicazioni circa la causa scatenante del vomito e chiarire quali ulteriori indagini cliniche e, successivamente, quali trattamenti specifici sarà necessario intraprendere. 3

4 Visita clinica e valutazione iniziale La visita ha inizio con la registrazione di età, razza e sesso del gatto, insieme all identificazione degli eventuali sintomi presenti negli altri gatti conviventi. L età è importante perché alcune malattie sono più frequenti nei gatti giovani, ad esempio l ingestione di corpi estranei, intussuscezione o malattie infettive, come la panleucopenia infettiva, i parassiti o l enterite da coronavirus, mentre altre malattie come ipertiroidismo, patologie renali croniche o neoplasie gastrointestinali o epatobiliari risultano più comuni nei gatti anziani. La razza è un elemento importante (ad es. i gatti Siamesi sono predisposti all adenocarcinoma gastrointestinale). Alcuni disturbi possono interessare solo un sesso. Per la valutazione dei gatti che vomitano è essenziale ottenere un anamnesi completa. Le informazioni essenziali durante la visita iniziale comprendono: Distinzione del vomito dal rigurgito (sono presenti conati di vomito?) Insorgenza e progressione dei sintomi Descrizione del vomito Ematemesi Corrispondenza temporale in relazione ai pasti Presenza concomitante di costipazione e tenesmo Presenza di diarrea, ematochezia, melena Appetito, stato nutrizionale e perdita di peso Apporto di fluidi (aumentato, ridotto o normale) Minzione (incluse disuria ed anuria) Presenza di dolore addominale Variazioni della dieta, recente terapia farmacologica, accesso a tossine o corpi estranei Stato vaccinale Sintomi dermatologici concomitanti Ptialismo e abbattimento Ambiente in cui vive l animale Trattamento ormonale per la prevenzione dell estro Emorragie vaginali, scolo vulvare 4

5 Esame obiettivo L esame obiettivo deve includere le seguenti osservazioni: Palpazione addominale (dolorabilità o distensione/versamento addominali, masse) Temperatura rettale (ipotermia, febbre) Esame del cavo orale (presenza di corpi estranei, inclusa l area sub linguale), ispezione anale Colore delle mucose apparenti (pallore, ittero) Frequenza cardiaca, auscultazione Turgore cutaneo Comportamento (depressione) Respirazione (dispnea) Dimensione della vescica Ingrossamento dei linfonodi Palpazione dell area cervicale Scolo nasale Scolo vaginale Esame neurologico Criteri per ulteriori esami Da segnalamento, anamnesi ed esame obiettivo il clinico dovrebbe essere in grado di classificare il paziente con malessere lieve (gatto generalmente stabile senza criteri per ulteriore valutazione o trattamento) o malato (gatto instabile con uno o più criteri per un eventuale intervento), stabilire un elenco dei problemi ed identificare le indagini diagnostiche e il trattamento appropriati. I gatti con emesi semplice, lieve, acuta e autolimitante non richiedono ulteriori indagini e possono essere trattati in modo sintomatico e semplicemente monitorati. In questi casi i sintomi si risolvono generalmente dopo 1-2 giorni, con o senza terapia sintomatica e di supporto. I criteri suggeriti per eseguire ulteriori valutazioni e gestione dei problemi identificati in un gatto che vomita includono: Vomito con le seguenti caratteristiche: frequente ed acuto molto abbondante di odore fetido o contenente sangue Melena Palpazione addominale anormale Dolore addominale Gonfiore addominale o presenza di versamento addominale Perdita di peso/crescita stentata Febbre Grave disidratazione/ipovolemia Ipotermia/shock Poliuria/polidipsia Bradicardia (assoluta o relativa al volume circolatorio) Grave malessere (abbattimento, depressione, letargia) 5

6 Presenza di altri reperti anormali all esame obiettivo, come pallore delle mucose, ittero, sintomi neurologici, aritmie, ingrossamento della tiroide rilevato alla palpazione, ingrossamento dei linfonodi, scolo vaginale Cronicità (durata >3 settimane) Fallimento del trattamento sintomatico Approccio diagnostico Se sono presenti segni di disidratazione, shock o ipotermia è necessario trattare il gatto con fluidoterapia endovenosa di emergenza ed eseguire ulteriori esami, come l esame emocromocitometrico, il profilo biochimico e l analisi delle urine. Se non vengono rilevate anormalità alla palpazione addominale è indicato attendere i risultati della valutazione ematologica, dei parametri biochimici e delle urine. Nei gatti di età superiore a 6 anni è necessario considerare la misurazione del T4 totale. È indicato eseguire delle radiografie al torace se il gatto presenta tosse, dispnea o tachipnea, se vengono rilevate anormalità all auscultazione, se l addome si presenta inaspettatamente vuoto alla palpazione e/o si sospetta una patologia esofagea in base all anamnesi clinica alla visita. Nei gatti che vomitano è consigliabile la diagnostica per immagini dell addome, in particolare se vengono rilevate anomalie alla palpazione addominale (ad es., dolore addominale, masse o ispessimento intestinale). L ecografia è l esame più appropriato da eseguire in molti casi, sebbene le informazioni ottenute siano spesso complementari ai reperti ottenuti tramite radiografie. È inoltre possibile considerare le radiografie con mezzo di contrasto, l endoscopia, la celiotomia esplorativa o la laparoscopia. Se il gatto è itterico si raccomanda di eseguire sempre un ecografia (con esame citologico dopo ago aspirato del fegato, biopsia epatica e/o colecistocentesi). Vi sono numerose cause di ostruzione gastrointestinale negli animali da compagnia, ma molte di queste vengono più frequentemente osservate nel gatto e includono: corpi estranei lineari, palle di pelo ( tricozoiti ), neoplasie intestinali focali e megacolon. Quando i reperti degli esami di diagnostica per immagini suggeriscono un ostruzione è necessario eseguire una celiotomia esplorativa o, in caso di megacolon, è necessario svuotare il colon sotto anestesia. Nei casi in cui sia necessario eseguire ulteriori indagini cliniche o se vengono identificate anormalità con i test diagnostici iniziali può essere consigliabile eseguire altri esami diagnostici. Questi test includono una dieta ad eliminazione, altri esami del sangue (ad es., immunoreattività tripsino-simile, immunoreattività della lipasi pancreatica, folati e cobalamina, lattato, test sulla coagulazione), sierologia (ad es., test per il virus della leucemia felina e dell immunodeficienza felina), esami delle feci (ad es., flottazione), test per il Trichomonas foetus, test per il virus della panleucopenia, esame del vomito, analisi del versamento peritoneale o toracico (esami citologico e colturale), esame citologico su campione ottenuto con ago aspirato di organi anormali o eventuali masse, test di ricerca Dirofilaria (nelle aree endemiche), endoscopia e tecniche di imaging avanzate. L endoscopia può essere usata per esaminare direttamente il tratto alimentare e per prelevare campioni bioptici per l istopatologia, un esame meno invasivo della celiotomia esplorativa. Trattamento sintomatico Il vomito è un fenomeno piuttosto sgradevole per i gatti ed è stressante per i proprietari. Può essere associato a conseguenze avverse, come anoressia, perdita di peso, avversione per il cibo e alterazione dell equilibrio idrico, acido-base ed elettrolitico. Inoltre, nei gatti disfagici o gravemente debilitati può portare a polmonite ab ingestis. In attesa dei risultati delle indagini cliniche, le terapie di supporto nei gatti che vomitano possono includere la fluido-terapia e il ripristino dell equilibrio elettrolitico e antiemetici. In alcuni casi gli antiemetici possono essere controindicati, ad esempio quando si sospetta un ostruzione gastrointestinale. Possono risultare necessari altri interventi d urgenza, in base della situazione clinica. 6

7 Trattamento antiemetico Gli antiemetici più efficaci nei gatti sembrano essere quelli che agiscono sui recettori NK 1 o 5HT 3*1-3. Sebbene vengano spesso riportati come antiemetici di prima scelta l uso della D2-antagonista metoclopramide rimane dubbio come antiemetico centrale nel gatto 1. La metoclopramide può essere efficace quando si desidera ottenere un azione procinetica gastrointestinale, come ad esempio nel caso dell ileo o dello svuotamento gastrico ritardato. Anche l effetto procinetico della metoclopramide rimane dubbio nel gatto. Per la prevenzione della cinetosi associata al vomito nel gatto, in condizioni di laboratorio, è nota l efficacia degli antagonisti dei recettori NK 1 (ad es., maropitant). 4 Tuttavia, a differenza del cane, nel gatto il maropitant non è attualmente autorizzato per la prevenzione del vomito da cinetosi. Si ritiene che gli antistaminici siano efficaci per la cinetosi in alcune specie, ma nel gatto gli H 1 -antagonisti non sembrano prevenire questo problema. Inoltre, il maropitant è efficace nel trattamento e nella prevenzione dell emesi e nella riduzione della nausea nel gatto dovuta ad antiemetici centrali come l agonista alfa-2 adrenergico xylazina. 5,6 Gestione della dieta Molti gatti con vomito presentano buona condizione clinica generale ed il fenomeno è autolimitante. I consigli dietetici per questi animali hanno una scarsa base scientifica. Nonostante ciò, la natura autolimitante dei sintomi clinici in questi casi e l assenza di evidenza del contrario, indicano che queste pratiche per il momento continueranno ad essere applicate. Le raccomandazioni alimentari standard per i gatti con disturbi gastrointestinali acuti comprendono il digiuno per 24 ore, seguito da una dieta blanda e altamente digeribile somministrata in piccole quantità 3-4 volte al giorno per 3 7 giorni. Si ritiene che un digiuno a breve termine permetta all intestino di riposare, riducendo di conseguenza le secrezioni gastrointestinali e il numero di batteri presenti, evitando nel contempo gli effetti avversi delle particelle di cibo non assorbite ed osmoticamente attive. In realtà l intestino può essere messo a riposo anche somministrando una dieta altamente digeribile, poiché viene rapidamente assimilata nella parte prossimale del piccolo intestino. Nonostante ciò, il proseguimento dell alimentazione potrebbe esacerbare il vomito e la diarrea (se presente). Per questi motivi, il digiuno probabilmente risulterà la strategia più ampiamente adottata. È necessario monitorare gli animale durante il digiuno soprattutto nel caso dei gattini e di gatti malati, specialmente se sono obesi, a causa del rischio di lipidosi epatica. Non esistono evidenze dirette a favore o contro l uso precoce della nutrizione enterale nei gatti con vomito acuto gestiti in ambulatorio. Il termine dieta blanda viene usato di frequente, ma chiarito molto raramente. La maggior parte dei cibi in scatola è certamente blanda, a causa del loro sapore e della facile assimilazione, mentre i cibi secchi possono essere meno adatti. Esistono scarse evidenze a supporto del passaggio ad una dieta contenente una fonte proteica nuova. Lo stomaco felino è meno dilatabile di quello di altre specie, perché il tratto alimentare di questa specie è adattato a piccoli pasti frequenti. È necessario impiegare una dieta umida (o liquida) a contenuto energetico moderato e a basso contenuto di fibra, somministrata in piccoli pasti frequenti. Se si sospetta che la causa dei sintomi gastrointestinali cronici sia una reazione avversa al cibo somministrare una dieta basata su ingredienti nuovi. In questi casi è possibile usare anche una dieta a base di idrolisato proteico. Al contrario dei casi di vomito acuto persistente con malattia autolimitante i fabbisogni nutritivi dei gatti ricoverati sono diversi e, solitamente, non è consigliabile mantenere il digiuno, mentre è necessario prendere in considerazione la nutrizione enterale precoce. È importante inoltre preferire la nutrizione enterale nei gatti con peritonite acuta grave. * Maropitant è un antagonista del recettore NK1. L ondansetron è un farmaco che agisce tramite i recettori 5HT3, ma che non è autorizzato per l uso veterinario nell UE. 7

8 Monitoraggio Per il monitoraggio, utilizzare tecniche appropriate in base alla malattia scatenante. Queste tecniche possono includere: valutazione clinica frequente durante il ricovero (specialmente dopo l intervento chirurgico), indagini di laboratorio, misurazione indiretta della pressione sanguigna e diagnostica per immagini. Periodicità delle valutazioni di controllo: quando viene somministrato un trattamento sintomatico in un gatto con sospetto di malattia autolimitante è appropriato impiegare un trattamento antiemetico iniziale per 24 ore. Se il vomito prosegue, e gli altri sintomi non sono migliorati o se compaiono nuovi sintomi (ad es. peggioramento dell appetito o del comportamento o ancora dell aspetto della diarrea), è necessario visitare nuovamente l animale non oltre 48 ore dalla prima visita. È necessario avvisare i proprietari del fatto che i farmaci antiemetici possono mascherare i sintomi del vomito associato ad una malattia concomitante e chiedere loro di ritornare prima per la visita di controllo se non notano alcun miglioramento, se il vomito si ripresenta dopo un iniziale miglioramento o se si verifica un peggioramento clinico. Gli altri sintomi che indicano una malattia concomitante (ad es., anoressia, letargia, febbre, dolore addominale, ecc.) non vengono mascherati da questi farmaci ed è necessario accertarne la presenza. Alla visita di controllo, ricercare segni patognomonici che indichino la necessità di ulteriori indagini cliniche, gestione e trattamento da effettuare come appropriato. Vomito nei gatti affetti da tumore I gatti con tumori benigni e maligni possono vomitare a causa loro (ad es., del tratto alimentare, del sistema epatobiliare o del pancreas) o a causa degli effetti paraneoplastici. Inoltre, nel gatto la chemioterapia anti-tumorale è associata alla nausea e al vomito e può condurre a conseguenze avverse, inclusa l anoressia. Alcuni farmaci chemioterapici tendono maggiormente a determinare vomito rispetto ad altri, come ad esempio: ciclofosfamide, ifosfamide (vomito lieve e autolimitante), doxorubicina, metotressato, mitoxantrone, idarubicina, clorambucile, piroxicam e vincristina. Chemioterapia anti-tumorale idonea deve essere eseguita solo se sono disponibili competenze, esperienza e strutture appropriate. Il trattamento anti-emetico e anti-nausea rappresenta una parte importante nella corretta gestione della chemioterapia in cui vomito e nausea sono effetti collaterali anticipati o riconosciuti del trattamento. Riferimenti bibliografici 1. Trepanier L. Acute emesis in cats. Rational treatment selection. Journal of Feline Medicine and Surgery 2010;12: Ramsey D et al. Clinical efficacy and safety of Cerenia (Maropitant citrate) injectable solution for the treatment of vomiting in cats. Abstract presentato all incontro ECVIM; sett Maastricht. 3. Santos LC, et al. A randomized, blinded, controlled trial of the antiemetic effect of ondansetron on dexmedetomidine-induced emesis in cats. Vet Anaesth Analg 38: , Hickman MA, et al: Safety, pharmacokinetics and use of the novel NK-1 receptor antagonist maropitant (Cerenia ) for the prevention of emesis and motion sickness in cats. J Vet Pharmacol Ther 31: , Cerenia Riassunto delle caratteristiche del prodotto Cerenia Discussione scientifica EMA

9 Vomito acuto o cronico (>3 settimane)? Cronico, vedere pagina 10 Vomito acuto Anamnesi 1. Cause comuni di vomito acuto Emesi acuta autolimitante Reazioni avverse alla dieta, palle di pelo, erba, ecc. Agenti infettivi, ad es, virus della panleucopenia, parassiti, enterite da coronavirus Sindrome del vomito emorragico acuto nel gatto Età (le malattie infettive come la panleucopenia sono più comuni nei gatti giovani)? Descrizione del vomito (palla di pelo, piante, erba, sangue)? Variazioni della dieta, recente terapia farmacologica, accesso a tossine? Sintomi negli altri gatti presenti nell ambiente domestico? Gatto che vive all aperto? Stato vaccinale? Gli altri sintomi clinici indicano una malattia concomitante? Esame obiettivo Palpazione addominale Temperatura rettale Ulteriori test diagnostici da considerare Radiografie toraciche quando si sospetta una malattia esofagea Radiografie e/o ecografie addominali se si sospetta un ostruzione intestinale o se vengono osservate anormalità alla palpazione addominale Esame delle feci per la ricerca di parassiti, test fecale per il virus della panleucopenia, sierologia per FeLV/FIV 2. Importanti considerazioni nel vomito acuto Livello di gravità Disidratazione Ostruzione uretrale? Se sono presenti segni di shock, disidratazione o ipotermia: Fluidoterapia EV Esami ematologici Profilo biochimico urgente Analisi delle urine Sintomi di FLUTD? Cateterizzazione Profilo biochimico Analisi delle urine Ecografia addominale Anamnesi Insorgenza e progressione dei sintomi Presenza di diarrea Appetito, stato nutrizionale e perdita di peso Apporto di fluidi (aumentato, ridotto o normale?) Minzione (incluse disuria ed anuria) Presenza di dolore addominale Esame obiettivo Disidratazione, pallore delle mucose, ipotermia, tachicardia Dimensione della vescica Turgore cutaneo 3. Altre cause importanti da considerare nel vomito acuto Ostruzione esofagea (la differenza tra rigurgito e vomito nel gatto non è sempre chiara) Ostruzione intestinale. Pancreatite Corpi estranei Peritonite settica Corpi estranei lineari Palle di pelo Neoplasia intestinale focale Megacolon Anamnesi Vomito o rigurgito (presenza di conati di vomito?) Ematemesi Corrispondenza temporale in relazione ai pasti Esame obiettivo Palpazione addominale Esame del cavo orale (presenza di corpi estranei, inclusa l area sotto la lingua) Ispezione dell ano (corpi estranei lineari) Distensione/versamento addominale Dispnea, tachipnea, auscultazione Ulteriori esami diagnostici Presenza di dolore addominale Accesso a corpi estranei Ptialismo e abbattimento Sospetto di malattia esofagea, dispnea, tachipnea o reperti anormali all auscultazione: radiografie toraciche Dolore addominale, masse, ispessimento intestinale: diagnostica per immagini dell addome (ecografia, radiografie, radiografie con mezzo di contrasto, 9 endoscopia, celiotomia esplorativa o laparoscopia), biopsie

10 Acuto, vedere pagina 9 Vomito acuto o cronico (>3 settimane)? Vomito cronico 1. Cause comuni di vomito cronico Enterite Reazioni avverse al cibo Pancreatite Patologie epatiche Uremia Costipazione Neoplasia Ipertiroidismo Anamnesi Insorgenza e progressione dei sintomi Ematemesi Corrispondenza temporale rispetto al cibo Presenza di diarrea, ematochezia, melena Appetito, stato nutrizionale e perdita di peso Presenza concomitante di costipazione o tenesmo Esame obiettivo Palpazione addominale Mucose apparenti (ittero?) Distensione/versamento addominale Esame del cavo orale (ulcere uremiche?) Ulteriori indagini diagnostiche da considerare Ematologia, profilo biochimico, analisi delle urine Dieta ad esclusione Ecografia con esame citologico su campione ottenuto con ago aspirato del fegato, biopsia e/o colecistocentesi Endoscopia 2. Numerose altre cause da considerare: approccio diagnostico Nessuna anormalità evidente rilevata: iniziare con esame ematologico, profilo biochimico ed analisi delle urine Palpazione dell area cervicale Palpazione addominale normale? Attendere prima i risultati degli esami di laboratorio Considerare la diagnostica per immagini dell addome in tutti i gatti con vomito, particolarmente se non vengono rilevate anormalità alla palpazione Dispnea, tachipnea o auscultazione anormale? Anamnesi di patologie cardiache? Radiografie toraciche e/o ecocardiografia Altri esami diagnostici da considerare Dieta ad eliminazione Altri esami del sangue (TLI, PLI, folati, cobalamina, lattato, test sulla coagulazione e misurazione del T4 totale nei gatti di età >6 anni) Sierologia (FeLV, FIV) Esami delle feci (flottazione), test per la panleucopenia, test per il Tritrichomonas Esame del vomito (Ollulanus tricuspis) Esame del versamento peritoneale o toracico Esame citologico su campione ottenuto con ago aspirato di organi anormali o eventuali masse Test per l infestazione da dirofilaria nelle aree endemiche Imaging avanzato Endoscopia con biopsie 10

11 Trattamento e gestione dell emesi Trattamento sintomatico Nei gatti che stanno generalmente bene o ricevono una terapia di supporto in attesa dei risultati delle indagini cliniche Terapia con fluidi ed elettroliti Trattamento anti-emetico Antagonisti del recettore NK1 (ad es., maropitant) Antagonisti dei recettori 5-HT3 (ad es., ondansetron) D2-antagonisti (metoclopramide) Dubbio come antiemetico centrale nel gatto Dubbio come procinetico gastrointestinale Per la cinetosi: Maropitant: efficace Bloccanti dei recettori H1: non efficaci Gestione della dieta Per i disordini gastrointestinali acuti Digiuno per 24 ore Se viene somministrata una dieta altamente digeribile, l intestino viene messo a riposo Il proseguimento dell alimentazione potrebbe esacerbare il vomito e la diarrea Digiuno? Prestare attenzione nei gatti obesi e malati! In seguito: dieta blanda altamente digeribile in piccole quantità 3 4 volte al giorno Nelle patologie gastrointestinali croniche Dieta basata su ingredienti nuovi Dieta con idrolisato proteico Fabbisogni nutritivi dei gatti ricoverati Il digiuno non è raccomandato Nutrizione enterale precoce (anche nei gatti con pancreatite grave) 11

12 Supportato da IT92639 Pubblicazione riservata ai Sigg. Medici Veterinari e Farmacisti Zoetis Italia srl - Via Andrea Doria 41 M Roma -

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott

Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Close window to return to IVIS Enciclopedia della Nutrizione clinica del cane Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Medico Veterinario, Scientific Publishing Manager, Royal Canin Communication Group

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Aggiornamenti scientifici sulla gestione dell'alimentazione nei disturbi gastrointestinali del gatto

Aggiornamenti scientifici sulla gestione dell'alimentazione nei disturbi gastrointestinali del gatto Aggiornamenti scientifici sulla gestione dell'alimentazione nei disturbi gastrointestinali del gatto 2 Nestlé Purina PetCare ha una lunga tradizione nella comprensione delle esigenze e delle caratteristiche

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Con il termine patologia delle basse vie urinarie (FLUTD) si indica un

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop Informazioni sullo schema di Chemioterapia Chop Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli