Approccio alla gestione del vomito nel gatto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approccio alla gestione del vomito nel gatto"

Transcript

1 Approccio alla gestione del vomito nel gatto Linee guida del consiglio europeo dell emesi Supportato da

2 Il consiglio europeo sull emesi si impegna nel creare e sviluppare le migliori pratiche per la gestione del vomito, della nausea e delle rispettive cause nel gatto. Dott. Patrick Devauchelle DVM Centre de Cancérologie Veterinaire Università di veterinaria Maisons-Alfort, Francia Prof. Jonathan Elliott MA, VetMB, PhD, Cert. SAC Dipl. ECVPT, MRCVS Royal Veterinary College, Regno Unito Dott. Clive Elwood MA, VetMB, PhD, Cert. SAC Dipl. ACVIM, Dipl. ECVIM, MRCVS Direttore sanitario Davies Veterinary Specialists, Regno Unito Dott.ssa Valérie Freiche Clinique Vétérinaire Alliance Bordeaux, Francia Dott. Alex German BVSc, PhD, CertSAM, Dipl. ECVIM, MRCVS Department of Veterinary Clinical Sciences, Small Animal Hospital, University of Liverpool, Regno Prof. Ed Hall MA, VetMB, PhD, Dipl. ECVIM, MRCVS School of Veterinary Sciences University of Bristol, Regno Unito Dott. Erik den Hertog DVM Medisch Centrum voor Dieren, Amsterdam Paesi Bassi Prof. Reto Neiger Dipl. ACVIM, Dipl. ECVIM-CA, PhD Justus-Liebig University Giessen, Germania Dott. Dominique Peeters DVM, PhD, Dipl. ECVIM-CA Dipartimento di Medicina interna (piccoli animali) Università di Liegi, Belgio Dott. Xavier Roura DVM, PhD, Dipl. ECVIM-CA Fundació Hospital Clínic Veterinari Universitat Autònoma de Barcelona, Spagna Prof. Massimo Gualtieri DVM, PhD Direttore dell Unità di chirurgia Dipartimento di Scienze cliniche veterinarie, Università di Milano, Italia 2

3 Introduzione Il vomito è un problema frequentemente riportato in medicina felina e compare in associazione a numerose patologie. Si tratta di uno dei disturbi più comunemente riportati nei gatti visitati negli ambulatori veterinari. In questo documento il Consiglio europeo sull emesi illustra delle linee guida per la diagnosi e la gestione del vomito nel gatto, basate sulla revisione di evidenze scientifiche pubblicate e sull opinione degli esperti. Riflesso emetico e cause del vomito Il vomito nel gatto è un riflesso coordinato complesso, che risulta nell espulsione del contenuto gastrico, guidato da neuroni distribuiti all interno del midollo allungato. Questi neuroni possono essere attivati da stimoli periferici provenienti dal tratto gastro-intestinale o da altri organi o, ancora, da stimoli centrali, come lesioni occupanti spazio e tossine presenti nel torrente circolatorio che agiscono a livello centrale. Anche gli stimoli vestibolari (cinetosi) possono causare il vomito nel gatto, sebbene, come accade in altre specie, la sensibilità sia soggettiva. Infine, anche gli input provenienti dal mesencefalo e dal proencefalo possono stimolare il vomito. Cause di vomito acuto Nel gatto il vomito acuto può essere associato all espulsione di palle di pelo, a reazioni avverse al cibo o ai farmaci, all ingestione di piante, ad agenti infettivi, come ad esempio il virus della panleucopenia felina, o all emesi autolimitante da causa indeterminata (la cosiddetta gastrite acuta ). I gatti portati in ambulatorio per il vomito hanno maggiori probabilità, rispetto ai cani, di richiedere un trattamento e delle indagini cliniche. Questo è dovuto al fatto che i gatti tendono a soffrire meno di vomito autolimitante, hanno maggiori probabilità di disidratarsi, (a causa delle loro dimensioni), e rischiano maggiormente di andare incontro ad anoressia e a conseguente lipidosi. La visita iniziale ha lo scopo di determinare il livello di severità del processo patologico. In questo modo sarà possibile distinguere i gatti che necessiteranno di un numero limitato di ulteriori esami e che potranno essere trattati in modo sintomatico da quelli che dovranno essere sottoposti ad altre indagini o che richiederanno un trattamento specifico. Tra questi ultimi vi sono: gatti con sospetta ostruzione gastrointestinale, corpi estranei o peritonite settica, oppure gatti disidratati. Cause di vomito cronico Le cause comuni di vomito cronico nel gatto includono l enterite, la pancreatite cronica, le reazioni avverse al cibo, le patologie epatiche, l ipertiroidismo e le patologie renali croniche terminali. Tuttavia molte altre condizioni sembrano essere associate al vomito nel gatto. La diagnosi clinica iniziale può fornire indicazioni circa la causa scatenante del vomito e chiarire quali ulteriori indagini cliniche e, successivamente, quali trattamenti specifici sarà necessario intraprendere. 3

4 Visita clinica e valutazione iniziale La visita ha inizio con la registrazione di età, razza e sesso del gatto, insieme all identificazione degli eventuali sintomi presenti negli altri gatti conviventi. L età è importante perché alcune malattie sono più frequenti nei gatti giovani, ad esempio l ingestione di corpi estranei, intussuscezione o malattie infettive, come la panleucopenia infettiva, i parassiti o l enterite da coronavirus, mentre altre malattie come ipertiroidismo, patologie renali croniche o neoplasie gastrointestinali o epatobiliari risultano più comuni nei gatti anziani. La razza è un elemento importante (ad es. i gatti Siamesi sono predisposti all adenocarcinoma gastrointestinale). Alcuni disturbi possono interessare solo un sesso. Per la valutazione dei gatti che vomitano è essenziale ottenere un anamnesi completa. Le informazioni essenziali durante la visita iniziale comprendono: Distinzione del vomito dal rigurgito (sono presenti conati di vomito?) Insorgenza e progressione dei sintomi Descrizione del vomito Ematemesi Corrispondenza temporale in relazione ai pasti Presenza concomitante di costipazione e tenesmo Presenza di diarrea, ematochezia, melena Appetito, stato nutrizionale e perdita di peso Apporto di fluidi (aumentato, ridotto o normale) Minzione (incluse disuria ed anuria) Presenza di dolore addominale Variazioni della dieta, recente terapia farmacologica, accesso a tossine o corpi estranei Stato vaccinale Sintomi dermatologici concomitanti Ptialismo e abbattimento Ambiente in cui vive l animale Trattamento ormonale per la prevenzione dell estro Emorragie vaginali, scolo vulvare 4

5 Esame obiettivo L esame obiettivo deve includere le seguenti osservazioni: Palpazione addominale (dolorabilità o distensione/versamento addominali, masse) Temperatura rettale (ipotermia, febbre) Esame del cavo orale (presenza di corpi estranei, inclusa l area sub linguale), ispezione anale Colore delle mucose apparenti (pallore, ittero) Frequenza cardiaca, auscultazione Turgore cutaneo Comportamento (depressione) Respirazione (dispnea) Dimensione della vescica Ingrossamento dei linfonodi Palpazione dell area cervicale Scolo nasale Scolo vaginale Esame neurologico Criteri per ulteriori esami Da segnalamento, anamnesi ed esame obiettivo il clinico dovrebbe essere in grado di classificare il paziente con malessere lieve (gatto generalmente stabile senza criteri per ulteriore valutazione o trattamento) o malato (gatto instabile con uno o più criteri per un eventuale intervento), stabilire un elenco dei problemi ed identificare le indagini diagnostiche e il trattamento appropriati. I gatti con emesi semplice, lieve, acuta e autolimitante non richiedono ulteriori indagini e possono essere trattati in modo sintomatico e semplicemente monitorati. In questi casi i sintomi si risolvono generalmente dopo 1-2 giorni, con o senza terapia sintomatica e di supporto. I criteri suggeriti per eseguire ulteriori valutazioni e gestione dei problemi identificati in un gatto che vomita includono: Vomito con le seguenti caratteristiche: frequente ed acuto molto abbondante di odore fetido o contenente sangue Melena Palpazione addominale anormale Dolore addominale Gonfiore addominale o presenza di versamento addominale Perdita di peso/crescita stentata Febbre Grave disidratazione/ipovolemia Ipotermia/shock Poliuria/polidipsia Bradicardia (assoluta o relativa al volume circolatorio) Grave malessere (abbattimento, depressione, letargia) 5

6 Presenza di altri reperti anormali all esame obiettivo, come pallore delle mucose, ittero, sintomi neurologici, aritmie, ingrossamento della tiroide rilevato alla palpazione, ingrossamento dei linfonodi, scolo vaginale Cronicità (durata >3 settimane) Fallimento del trattamento sintomatico Approccio diagnostico Se sono presenti segni di disidratazione, shock o ipotermia è necessario trattare il gatto con fluidoterapia endovenosa di emergenza ed eseguire ulteriori esami, come l esame emocromocitometrico, il profilo biochimico e l analisi delle urine. Se non vengono rilevate anormalità alla palpazione addominale è indicato attendere i risultati della valutazione ematologica, dei parametri biochimici e delle urine. Nei gatti di età superiore a 6 anni è necessario considerare la misurazione del T4 totale. È indicato eseguire delle radiografie al torace se il gatto presenta tosse, dispnea o tachipnea, se vengono rilevate anormalità all auscultazione, se l addome si presenta inaspettatamente vuoto alla palpazione e/o si sospetta una patologia esofagea in base all anamnesi clinica alla visita. Nei gatti che vomitano è consigliabile la diagnostica per immagini dell addome, in particolare se vengono rilevate anomalie alla palpazione addominale (ad es., dolore addominale, masse o ispessimento intestinale). L ecografia è l esame più appropriato da eseguire in molti casi, sebbene le informazioni ottenute siano spesso complementari ai reperti ottenuti tramite radiografie. È inoltre possibile considerare le radiografie con mezzo di contrasto, l endoscopia, la celiotomia esplorativa o la laparoscopia. Se il gatto è itterico si raccomanda di eseguire sempre un ecografia (con esame citologico dopo ago aspirato del fegato, biopsia epatica e/o colecistocentesi). Vi sono numerose cause di ostruzione gastrointestinale negli animali da compagnia, ma molte di queste vengono più frequentemente osservate nel gatto e includono: corpi estranei lineari, palle di pelo ( tricozoiti ), neoplasie intestinali focali e megacolon. Quando i reperti degli esami di diagnostica per immagini suggeriscono un ostruzione è necessario eseguire una celiotomia esplorativa o, in caso di megacolon, è necessario svuotare il colon sotto anestesia. Nei casi in cui sia necessario eseguire ulteriori indagini cliniche o se vengono identificate anormalità con i test diagnostici iniziali può essere consigliabile eseguire altri esami diagnostici. Questi test includono una dieta ad eliminazione, altri esami del sangue (ad es., immunoreattività tripsino-simile, immunoreattività della lipasi pancreatica, folati e cobalamina, lattato, test sulla coagulazione), sierologia (ad es., test per il virus della leucemia felina e dell immunodeficienza felina), esami delle feci (ad es., flottazione), test per il Trichomonas foetus, test per il virus della panleucopenia, esame del vomito, analisi del versamento peritoneale o toracico (esami citologico e colturale), esame citologico su campione ottenuto con ago aspirato di organi anormali o eventuali masse, test di ricerca Dirofilaria (nelle aree endemiche), endoscopia e tecniche di imaging avanzate. L endoscopia può essere usata per esaminare direttamente il tratto alimentare e per prelevare campioni bioptici per l istopatologia, un esame meno invasivo della celiotomia esplorativa. Trattamento sintomatico Il vomito è un fenomeno piuttosto sgradevole per i gatti ed è stressante per i proprietari. Può essere associato a conseguenze avverse, come anoressia, perdita di peso, avversione per il cibo e alterazione dell equilibrio idrico, acido-base ed elettrolitico. Inoltre, nei gatti disfagici o gravemente debilitati può portare a polmonite ab ingestis. In attesa dei risultati delle indagini cliniche, le terapie di supporto nei gatti che vomitano possono includere la fluido-terapia e il ripristino dell equilibrio elettrolitico e antiemetici. In alcuni casi gli antiemetici possono essere controindicati, ad esempio quando si sospetta un ostruzione gastrointestinale. Possono risultare necessari altri interventi d urgenza, in base della situazione clinica. 6

7 Trattamento antiemetico Gli antiemetici più efficaci nei gatti sembrano essere quelli che agiscono sui recettori NK 1 o 5HT 3*1-3. Sebbene vengano spesso riportati come antiemetici di prima scelta l uso della D2-antagonista metoclopramide rimane dubbio come antiemetico centrale nel gatto 1. La metoclopramide può essere efficace quando si desidera ottenere un azione procinetica gastrointestinale, come ad esempio nel caso dell ileo o dello svuotamento gastrico ritardato. Anche l effetto procinetico della metoclopramide rimane dubbio nel gatto. Per la prevenzione della cinetosi associata al vomito nel gatto, in condizioni di laboratorio, è nota l efficacia degli antagonisti dei recettori NK 1 (ad es., maropitant). 4 Tuttavia, a differenza del cane, nel gatto il maropitant non è attualmente autorizzato per la prevenzione del vomito da cinetosi. Si ritiene che gli antistaminici siano efficaci per la cinetosi in alcune specie, ma nel gatto gli H 1 -antagonisti non sembrano prevenire questo problema. Inoltre, il maropitant è efficace nel trattamento e nella prevenzione dell emesi e nella riduzione della nausea nel gatto dovuta ad antiemetici centrali come l agonista alfa-2 adrenergico xylazina. 5,6 Gestione della dieta Molti gatti con vomito presentano buona condizione clinica generale ed il fenomeno è autolimitante. I consigli dietetici per questi animali hanno una scarsa base scientifica. Nonostante ciò, la natura autolimitante dei sintomi clinici in questi casi e l assenza di evidenza del contrario, indicano che queste pratiche per il momento continueranno ad essere applicate. Le raccomandazioni alimentari standard per i gatti con disturbi gastrointestinali acuti comprendono il digiuno per 24 ore, seguito da una dieta blanda e altamente digeribile somministrata in piccole quantità 3-4 volte al giorno per 3 7 giorni. Si ritiene che un digiuno a breve termine permetta all intestino di riposare, riducendo di conseguenza le secrezioni gastrointestinali e il numero di batteri presenti, evitando nel contempo gli effetti avversi delle particelle di cibo non assorbite ed osmoticamente attive. In realtà l intestino può essere messo a riposo anche somministrando una dieta altamente digeribile, poiché viene rapidamente assimilata nella parte prossimale del piccolo intestino. Nonostante ciò, il proseguimento dell alimentazione potrebbe esacerbare il vomito e la diarrea (se presente). Per questi motivi, il digiuno probabilmente risulterà la strategia più ampiamente adottata. È necessario monitorare gli animale durante il digiuno soprattutto nel caso dei gattini e di gatti malati, specialmente se sono obesi, a causa del rischio di lipidosi epatica. Non esistono evidenze dirette a favore o contro l uso precoce della nutrizione enterale nei gatti con vomito acuto gestiti in ambulatorio. Il termine dieta blanda viene usato di frequente, ma chiarito molto raramente. La maggior parte dei cibi in scatola è certamente blanda, a causa del loro sapore e della facile assimilazione, mentre i cibi secchi possono essere meno adatti. Esistono scarse evidenze a supporto del passaggio ad una dieta contenente una fonte proteica nuova. Lo stomaco felino è meno dilatabile di quello di altre specie, perché il tratto alimentare di questa specie è adattato a piccoli pasti frequenti. È necessario impiegare una dieta umida (o liquida) a contenuto energetico moderato e a basso contenuto di fibra, somministrata in piccoli pasti frequenti. Se si sospetta che la causa dei sintomi gastrointestinali cronici sia una reazione avversa al cibo somministrare una dieta basata su ingredienti nuovi. In questi casi è possibile usare anche una dieta a base di idrolisato proteico. Al contrario dei casi di vomito acuto persistente con malattia autolimitante i fabbisogni nutritivi dei gatti ricoverati sono diversi e, solitamente, non è consigliabile mantenere il digiuno, mentre è necessario prendere in considerazione la nutrizione enterale precoce. È importante inoltre preferire la nutrizione enterale nei gatti con peritonite acuta grave. * Maropitant è un antagonista del recettore NK1. L ondansetron è un farmaco che agisce tramite i recettori 5HT3, ma che non è autorizzato per l uso veterinario nell UE. 7

8 Monitoraggio Per il monitoraggio, utilizzare tecniche appropriate in base alla malattia scatenante. Queste tecniche possono includere: valutazione clinica frequente durante il ricovero (specialmente dopo l intervento chirurgico), indagini di laboratorio, misurazione indiretta della pressione sanguigna e diagnostica per immagini. Periodicità delle valutazioni di controllo: quando viene somministrato un trattamento sintomatico in un gatto con sospetto di malattia autolimitante è appropriato impiegare un trattamento antiemetico iniziale per 24 ore. Se il vomito prosegue, e gli altri sintomi non sono migliorati o se compaiono nuovi sintomi (ad es. peggioramento dell appetito o del comportamento o ancora dell aspetto della diarrea), è necessario visitare nuovamente l animale non oltre 48 ore dalla prima visita. È necessario avvisare i proprietari del fatto che i farmaci antiemetici possono mascherare i sintomi del vomito associato ad una malattia concomitante e chiedere loro di ritornare prima per la visita di controllo se non notano alcun miglioramento, se il vomito si ripresenta dopo un iniziale miglioramento o se si verifica un peggioramento clinico. Gli altri sintomi che indicano una malattia concomitante (ad es., anoressia, letargia, febbre, dolore addominale, ecc.) non vengono mascherati da questi farmaci ed è necessario accertarne la presenza. Alla visita di controllo, ricercare segni patognomonici che indichino la necessità di ulteriori indagini cliniche, gestione e trattamento da effettuare come appropriato. Vomito nei gatti affetti da tumore I gatti con tumori benigni e maligni possono vomitare a causa loro (ad es., del tratto alimentare, del sistema epatobiliare o del pancreas) o a causa degli effetti paraneoplastici. Inoltre, nel gatto la chemioterapia anti-tumorale è associata alla nausea e al vomito e può condurre a conseguenze avverse, inclusa l anoressia. Alcuni farmaci chemioterapici tendono maggiormente a determinare vomito rispetto ad altri, come ad esempio: ciclofosfamide, ifosfamide (vomito lieve e autolimitante), doxorubicina, metotressato, mitoxantrone, idarubicina, clorambucile, piroxicam e vincristina. Chemioterapia anti-tumorale idonea deve essere eseguita solo se sono disponibili competenze, esperienza e strutture appropriate. Il trattamento anti-emetico e anti-nausea rappresenta una parte importante nella corretta gestione della chemioterapia in cui vomito e nausea sono effetti collaterali anticipati o riconosciuti del trattamento. Riferimenti bibliografici 1. Trepanier L. Acute emesis in cats. Rational treatment selection. Journal of Feline Medicine and Surgery 2010;12: Ramsey D et al. Clinical efficacy and safety of Cerenia (Maropitant citrate) injectable solution for the treatment of vomiting in cats. Abstract presentato all incontro ECVIM; sett Maastricht. 3. Santos LC, et al. A randomized, blinded, controlled trial of the antiemetic effect of ondansetron on dexmedetomidine-induced emesis in cats. Vet Anaesth Analg 38: , Hickman MA, et al: Safety, pharmacokinetics and use of the novel NK-1 receptor antagonist maropitant (Cerenia ) for the prevention of emesis and motion sickness in cats. J Vet Pharmacol Ther 31: , Cerenia Riassunto delle caratteristiche del prodotto Cerenia Discussione scientifica EMA

9 Vomito acuto o cronico (>3 settimane)? Cronico, vedere pagina 10 Vomito acuto Anamnesi 1. Cause comuni di vomito acuto Emesi acuta autolimitante Reazioni avverse alla dieta, palle di pelo, erba, ecc. Agenti infettivi, ad es, virus della panleucopenia, parassiti, enterite da coronavirus Sindrome del vomito emorragico acuto nel gatto Età (le malattie infettive come la panleucopenia sono più comuni nei gatti giovani)? Descrizione del vomito (palla di pelo, piante, erba, sangue)? Variazioni della dieta, recente terapia farmacologica, accesso a tossine? Sintomi negli altri gatti presenti nell ambiente domestico? Gatto che vive all aperto? Stato vaccinale? Gli altri sintomi clinici indicano una malattia concomitante? Esame obiettivo Palpazione addominale Temperatura rettale Ulteriori test diagnostici da considerare Radiografie toraciche quando si sospetta una malattia esofagea Radiografie e/o ecografie addominali se si sospetta un ostruzione intestinale o se vengono osservate anormalità alla palpazione addominale Esame delle feci per la ricerca di parassiti, test fecale per il virus della panleucopenia, sierologia per FeLV/FIV 2. Importanti considerazioni nel vomito acuto Livello di gravità Disidratazione Ostruzione uretrale? Se sono presenti segni di shock, disidratazione o ipotermia: Fluidoterapia EV Esami ematologici Profilo biochimico urgente Analisi delle urine Sintomi di FLUTD? Cateterizzazione Profilo biochimico Analisi delle urine Ecografia addominale Anamnesi Insorgenza e progressione dei sintomi Presenza di diarrea Appetito, stato nutrizionale e perdita di peso Apporto di fluidi (aumentato, ridotto o normale?) Minzione (incluse disuria ed anuria) Presenza di dolore addominale Esame obiettivo Disidratazione, pallore delle mucose, ipotermia, tachicardia Dimensione della vescica Turgore cutaneo 3. Altre cause importanti da considerare nel vomito acuto Ostruzione esofagea (la differenza tra rigurgito e vomito nel gatto non è sempre chiara) Ostruzione intestinale. Pancreatite Corpi estranei Peritonite settica Corpi estranei lineari Palle di pelo Neoplasia intestinale focale Megacolon Anamnesi Vomito o rigurgito (presenza di conati di vomito?) Ematemesi Corrispondenza temporale in relazione ai pasti Esame obiettivo Palpazione addominale Esame del cavo orale (presenza di corpi estranei, inclusa l area sotto la lingua) Ispezione dell ano (corpi estranei lineari) Distensione/versamento addominale Dispnea, tachipnea, auscultazione Ulteriori esami diagnostici Presenza di dolore addominale Accesso a corpi estranei Ptialismo e abbattimento Sospetto di malattia esofagea, dispnea, tachipnea o reperti anormali all auscultazione: radiografie toraciche Dolore addominale, masse, ispessimento intestinale: diagnostica per immagini dell addome (ecografia, radiografie, radiografie con mezzo di contrasto, 9 endoscopia, celiotomia esplorativa o laparoscopia), biopsie

10 Acuto, vedere pagina 9 Vomito acuto o cronico (>3 settimane)? Vomito cronico 1. Cause comuni di vomito cronico Enterite Reazioni avverse al cibo Pancreatite Patologie epatiche Uremia Costipazione Neoplasia Ipertiroidismo Anamnesi Insorgenza e progressione dei sintomi Ematemesi Corrispondenza temporale rispetto al cibo Presenza di diarrea, ematochezia, melena Appetito, stato nutrizionale e perdita di peso Presenza concomitante di costipazione o tenesmo Esame obiettivo Palpazione addominale Mucose apparenti (ittero?) Distensione/versamento addominale Esame del cavo orale (ulcere uremiche?) Ulteriori indagini diagnostiche da considerare Ematologia, profilo biochimico, analisi delle urine Dieta ad esclusione Ecografia con esame citologico su campione ottenuto con ago aspirato del fegato, biopsia e/o colecistocentesi Endoscopia 2. Numerose altre cause da considerare: approccio diagnostico Nessuna anormalità evidente rilevata: iniziare con esame ematologico, profilo biochimico ed analisi delle urine Palpazione dell area cervicale Palpazione addominale normale? Attendere prima i risultati degli esami di laboratorio Considerare la diagnostica per immagini dell addome in tutti i gatti con vomito, particolarmente se non vengono rilevate anormalità alla palpazione Dispnea, tachipnea o auscultazione anormale? Anamnesi di patologie cardiache? Radiografie toraciche e/o ecocardiografia Altri esami diagnostici da considerare Dieta ad eliminazione Altri esami del sangue (TLI, PLI, folati, cobalamina, lattato, test sulla coagulazione e misurazione del T4 totale nei gatti di età >6 anni) Sierologia (FeLV, FIV) Esami delle feci (flottazione), test per la panleucopenia, test per il Tritrichomonas Esame del vomito (Ollulanus tricuspis) Esame del versamento peritoneale o toracico Esame citologico su campione ottenuto con ago aspirato di organi anormali o eventuali masse Test per l infestazione da dirofilaria nelle aree endemiche Imaging avanzato Endoscopia con biopsie 10

11 Trattamento e gestione dell emesi Trattamento sintomatico Nei gatti che stanno generalmente bene o ricevono una terapia di supporto in attesa dei risultati delle indagini cliniche Terapia con fluidi ed elettroliti Trattamento anti-emetico Antagonisti del recettore NK1 (ad es., maropitant) Antagonisti dei recettori 5-HT3 (ad es., ondansetron) D2-antagonisti (metoclopramide) Dubbio come antiemetico centrale nel gatto Dubbio come procinetico gastrointestinale Per la cinetosi: Maropitant: efficace Bloccanti dei recettori H1: non efficaci Gestione della dieta Per i disordini gastrointestinali acuti Digiuno per 24 ore Se viene somministrata una dieta altamente digeribile, l intestino viene messo a riposo Il proseguimento dell alimentazione potrebbe esacerbare il vomito e la diarrea Digiuno? Prestare attenzione nei gatti obesi e malati! In seguito: dieta blanda altamente digeribile in piccole quantità 3 4 volte al giorno Nelle patologie gastrointestinali croniche Dieta basata su ingredienti nuovi Dieta con idrolisato proteico Fabbisogni nutritivi dei gatti ricoverati Il digiuno non è raccomandato Nutrizione enterale precoce (anche nei gatti con pancreatite grave) 11

12 Supportato da IT92639 Pubblicazione riservata ai Sigg. Medici Veterinari e Farmacisti Zoetis Italia srl - Via Andrea Doria 41 M Roma -

www.zoetis.it IT90737 Materiale riservato ai Medici Veterinari ed ai Farmacisti

www.zoetis.it IT90737 Materiale riservato ai Medici Veterinari ed ai Farmacisti www.zoetis.it IT90737 Materiale riservato ai Medici Veterinari ed ai Farmacisti Approccio al trattamento dell emesi nel cane Linee guida dello European Emesis Council Lo European Emesis Council si impegna

Dettagli

European Emesis Council Knowledge Statement

European Emesis Council Knowledge Statement Nausea European Emesis Council Knowledge Statement Supported by Lo European Emesis Council si impegna a definire e sviluppare un corretto approccio medico all emesi canina e alle sue cause. Per ulteriori

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

Caso Clinico 2. Un caso clinico di FIP essudativa trattata con l interferone omega felino. Storia del caso. Esame fisico. Caso clinico 2 GATTO

Caso Clinico 2. Un caso clinico di FIP essudativa trattata con l interferone omega felino. Storia del caso. Esame fisico. Caso clinico 2 GATTO Caso clinico 2 Takuo Ishida - DVM, PhD., Dip. JCVP. - Direttore Medico dell Ospedale per Animali Akasaka Presidente del Comitato Giapponese dei Veterinari L.P. - Vice Presidente dell Associazione Giapponese

Dettagli

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE RICONOSCERE LA COLICA COLICA non è una patologia specifica ma è un termine che indica in modo generale un dolore addominale. Il dolore addominale può originare da

Dettagli

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

DIARREA IN CORSO DI NEOPLASIE. Dott. Daniela De Leonardis Ospedale Veterinario Croce Azzurra

DIARREA IN CORSO DI NEOPLASIE. Dott. Daniela De Leonardis Ospedale Veterinario Croce Azzurra DIARREA IN CORSO DI NEOPLASIE Dott. Daniela De Leonardis Ospedale Veterinario Croce Azzurra Meccanismi patogenetici Infiltrazione neoplastica della parete intestinale Sindrome paraneoplastica Insufficienza

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce

MALNUTRIZIONE. MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì. rappresenta uno stato patologico che si stabilisce Deborah Taddio Dietista ASL CN1 Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione MALNUTRIZIONE MALNUTRIZIONE non significa mangiare poco, bensì rappresenta uno stato patologico che si stabilisce quando non vengono

Dettagli

MALATTIE VIRALI EMERGENTI DEL GATTO. 1. Introduzione

MALATTIE VIRALI EMERGENTI DEL GATTO. 1. Introduzione MALATTIE VIRALI EMERGENTI DEL GATTO 1. Introduzione Negli ultimi anni il gatto ha in Italia raggiunto un traguardo per certi versi impensabile: ha, infatti, superato dal punto di vista numerico il cane,

Dettagli

Avvelenamenti. Dott. Michele Massoni

Avvelenamenti. Dott. Michele Massoni Avvelenamenti Dott. Michele Massoni Di fronte ad un avvelenamento, che sia dimostrato o solamente sospettato, qualunque sia il tossico responsabile e qualunque sia la via di assunzione di quest ultimo,

Dettagli

IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA. Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli

IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA. Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Agadir, 18 25 luglio 2008 Aniello (8 anni) Dall età di 6 anni Aniello riferisce ripetuti

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE E SUE COMPLICANZE Valeria De Carli Deluca Colugnat VANTAGGI DELLA NET Minori complicanze Minori costi è necessaria l integrità del tratto gastrointestinale TIPI DI

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini Brochure per i Pazienti/Genitori TM Cos é l RVU? Il vostro bambino è affetto da una patologia nota con il nome di reflusso vescico-ureterale (RVU). Esistono

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA

Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA U.O. Clinicizzata di Chirurgia Generale Ospedale R. Guzzardi di Vittoria Direttore: Prof. V. Minutolo La perforazione avviene in genere per l erosione

Dettagli

LA COLONSCOPIA L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: AIGO PER I PAZIENTI:

LA COLONSCOPIA L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: AIGO PER I PAZIENTI: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LA COLONSCOPIA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO LA COLONSCOPIA Cos è la

Dettagli

TUMORE DEL COLON-RETTO: UNA RISPOSTA ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI DEL PAZIENTE. Collana per saperne di più

TUMORE DEL COLON-RETTO: UNA RISPOSTA ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI DEL PAZIENTE. Collana per saperne di più TUMORE DEL COLON-RETTO: UNA RISPOSTA ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI DEL PAZIENTE. Collana per saperne di più Prof. Valter Ferrando Dott. Emanuele Romairone Dott. Edoardo Rimini Dott. Stefano Scabini CHIRURGIA

Dettagli

COMPLICANZE RESPIRATORIE

COMPLICANZE RESPIRATORIE ATELETTASIA: collasso di gruppi di alveoli che continuano ad essere vascolarizzati (ma non sono più ventilati! Quindi c è un alterazione degli scambi O2/CO2) Più l atelettasia dura nel tempo, più difficile

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

Appropriatezza nella EGDS Marco Orsello UOA Gastroenterologia AOU Novara Appropriatezza Misura di quanto una scelta o intervento diagnostico o terapeutico siano adeguati rispetto alle esigenze del paziente

Dettagli

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini scheda 01.05 Diagnostica per immagini 01.05 pag. 2 Cos è Le patologie ricercate MediClinic offre la possibilità di effettuare, in condizioni di massima sicurezza e confortevolezza, i due principali esami

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Rigurgito & Vomito # 2. Corso di Clinica Medica, Terapia e Radiologia prof. Alessandro ZOTTI

Rigurgito & Vomito # 2. Corso di Clinica Medica, Terapia e Radiologia prof. Alessandro ZOTTI Rigurgito & Vomito # 2 Corso di Clinica Medica, Terapia e Radiologia prof. Alessandro ZOTTI Da Ettinger e Feldman: Textbook of Veterinary Internal Medicine, seventh edition, Saunders Elsevier, 2010 Principali

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA LA STIPSI INTESTINO CRASSO DEFINIZIONE:CRITERI DI ROMA 2 -SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA EVACUAZIONE e/o DI OSTRUZIONE ANALE -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

Dettagli

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio 28 Obiettivi della presentazione Fornire una visione generale sui fattori di rischio, segni e sintomi,

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Occlusione intestinale

Occlusione intestinale Alcuni dati Occlusione intestinale Complicanza frequente in pazienti con cancro in fase avanzata, particolarmente se la patologia primaria è addominale o pelvica Sopravvivenza media dopo comparsa di occlusione:

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing)

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

Arriva al cuore del problema. Cardiopet probnp. Un semplice esame del sangue può aiutarvi a diagnosticare una cardiopatia.

Arriva al cuore del problema. Cardiopet probnp. Un semplice esame del sangue può aiutarvi a diagnosticare una cardiopatia. Arriva al cuore del problema Un semplice esame del sangue può aiutarvi a diagnosticare una cardiopatia IDEXX Vet Med Lab per diagnosticare un problema cardiaco del vostro paziente Diagnosi precoce delle

Dettagli

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Sigla: 515014 Tipo esame: scritto Valutazione esame: voto

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Foglio illustrativo PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA?

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? 1 COSA SIGNIFICA MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? Le patologie autoimmuni sistemiche rappresentano condizioni poco

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei L'acqua presente nei compartimenti corporei è ricca di sali o elettroliti un elettrolitita disciolto in acqua si separa in ioni si dividono

Dettagli

Magda Gerou-Ferriani DVM, CertSAM, DipECVIM-Ca www.intermedvet.com

Magda Gerou-Ferriani DVM, CertSAM, DipECVIM-Ca www.intermedvet.com Alimentazione felina: principi fisiologici essenziali, vecchi luoghi comuni da sfatare e nuovi concetti Magda Gerou-Ferriani DVM, CertSAM, DipECVIM-Ca www.intermedvet.com Il gatto non è un piccolo cane.

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

Piante velenose o tossiche per gatti e cani

Piante velenose o tossiche per gatti e cani Piante velenose o tossiche per gatti e cani La salute e, a volte, anche la vita dei nostri amici animali sono messe in pericolo non solo da certi alimenti che in buona fede possiamo dare loro (ne ho già

Dettagli

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale Nicola Petrosillo INMI L. Spallanzani La malattia da virus Ebola (MVE) è caratterizzata dall insorgere improvviso di febbre e malessere generale, accompagnata

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

UNISVET PROGRAMMA 2012

UNISVET PROGRAMMA 2012 UNISVET PROGRAMMA 2012 CONGRESSI ROME, 11-13 MAY 2012 ANGELICUM CONGRESS CENTRE INTERNATIONAL SMALL ANIMAL GASTROENTEROLOGY SYMPOSIUM Alex German BVSc PhD DipECVIM-ca CertSAM MRCVS Senior Lecturer in Small

Dettagli

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Iperadrenocorticismo nel cane

Iperadrenocorticismo nel cane Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo. E una patologia endocrina molto frequente

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO L APPARATO DIGERENTE E URINARIO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO CONOSCENZA ANATOMICA E FISIOLOGICA DEGLI APPARATI E DELLE PROBLEMATICHE AD ESSI LEGATE. 3

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010 LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA Prof. Alessandro Piccolomini AOUS - CHIRURGIA 2 Siena - 26 Maggio 2010 Il dolore come espressione di patologia

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani GLI ESAMI DEL SANGUE Quando un cane manifesta sintomi di malessere e viene portato dal veterinario per una visita, il più delle volte per individuare al più

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA Gentile Signora, Gentile Signore, la nostra équipe ha pensato di proporre una guida per il paziente che deve iniziare il trattamento chemioterapico. Il

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Con il termine patologia delle basse vie urinarie (FLUTD) si indica il

Dettagli

Limitazioni d uso dei medicinali contenenti domperidone

Limitazioni d uso dei medicinali contenenti domperidone 1 settembre 2014 EMA/465179/2014 Il 23 aprile 2014 il gruppo di coordinamento per le procedure di mutuo riconoscimento e decentrate - medicinali per uso umano (CMDh) ha approvato le raccomandazioni relative

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO. Una malattia in costante aumento

LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO. Una malattia in costante aumento LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO Una malattia in costante aumento La filariosi cardiopolmonare del cane e del gatto è una grave malattia parassitaria trasmessa dalle zanzare, ampiamente conosciuta e diffusa

Dettagli

Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata

Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata Mestre, 25 settembre 2011 Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata Veronica Marchetti Ospedale Didattico Veterinario Mario Modenato Università di Pisa v.marche)@vet.unipi.it

Dettagli

Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA QUETIAPINA ZENTIVA 25 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 100 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 200 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 300

Dettagli

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

US e tumori gastrointestinali

US e tumori gastrointestinali US e tumori gastrointestinali L ecografia nei tumori gastrointestinali V.Arienti Centro di Ricerca in Ecografia Internistica ed Interventistica Divisione di Medicina Interna Ospedale Maggiore C.A. Pizzardi

Dettagli