2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA"

Transcript

1 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo agli elemeti fiiti ha trovato il più largo uso ei settori dei processi di lavorazioe per deformazioe plastica perché è il più adatto allo studio dei processi ei loro dettagli quali previsioe delle tesioi e delle deformazioi idotte della deformazioe. Il ome deriva dal fatto che il corpo di cui si studia la deformazioe viee suddiviso i u certo umero di elemeti di dimesioi fiiti itercoessi attraverso i odi, che garatiscoo la cotiuità fisica del corpo. Per ogi elemeto viee calcolata la matrice di rigidezza, cioè ua matrice che mette i relazioe le forze applicate ai odi di ogi elemeto co gli spostameti dei stessi odi. Le varie matrici elemetari vegoo composte per formare la matrice di rigidezza complessiva del corpo discretizzato, rispettado le codizioi di compatibilità degli spostameti dei odi e di equilibrio degli stessi. L espressioe formale dell equazioe di govero per i corpi deformabili cotiui risultata del pricipio dei lavori virtuali è riportata i seguito: Mu& = F (3) ext F it ella (.) u& & è il vettore di accelerazioe per tutti i odi; F ext il vettore delle forze estere applicate; F it il vettore delle forze itere; M la matrice di masse diagoale. L equazioe di govero può essere itegrata utilizzado diversi tipi di formulazioe e diversi metodi d itegrazioe. I seguito sarao presetati solo alcui elemeti geerali che riguarda questi vari metodi, per poter dopo idetificare i pratica le differeze fra i diversi codici agli elemeti fiiti utilizzati el campo dello stampaggio di lamiera. Politecico di Torio Pagia di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

2 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... Formulazioi Lagrage ed Eulero Il termie di formulazioe si riferisce al modo i quale soo scelte le variabili idipedeti per u problema. Fuzioe di questo modo può essere idetificata tre tipi di formulazioi. Formulazioe Lagrage I ua formulazioe Lagrage ogi particola del corpo studiato è caratterizzata dalle sue coordiate iiziali e il tempo come variabile idipedete, e le coordiate attuali soo scelti come variabile dipedete: ( x0, y0, z0 t) ( x0, y0, z0 t) ( x y, z t) x = x, y = y, (4) z = z, 0, 0 0 La prima cosegueza di ua formulazioe Lagrage, è che la derivata aturale per ua fuzioe o per ua quatità scalare è uguale co la derivata parziale. df f = (5) t I ua rappresetazioe Lagrage co elemeti fiiti, le variabili dipedeti idicherao la posizioe (i coordiati) dei odi della rete che si cofodoo co quelli dei puti fisici materiali. I questo caso la mesh si sposterà isieme co il materiale. La secoda cosegueza dalla formulazioe Lagrage, è che la coservazioe dell eergia e della massa sarà automatica, solo le equazioi di coservazioe del volume devoo essere risolte. Formulazioe Eulero La formulazioe di Eulero è opposta a quella di tipo Lagrage. Qui si scrive: ( x, y, z t) ( x, y, z t) ( x, y, z t) vx = vx, v = v (6) v y y, z = vz, df f I questo caso le variabili dipedeti soo le velocità, dove e la rete co gli t elemeti o si sposta, ma si spostao i puti materiali verso la rete stazioaria perché i coordiati soo variabili idipedeti e dove l equazioe di cotiuità è costruita per risolvere la coservazioe della massa. Formulazioe arbitraria Lagrage-Eulero Questo modo di formulazioe combia i due tipi di formulazioi presetate prima. I questo caso la rete co gli elemeti fiiti si sposta i accordo co il spostameto defiito di utilizzatore e il materiale fluisce sopra il spostameto della mesh. Politecico di Torio Pagia di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

3 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe..3. Modalità d itegrazioe L approccio d itegrazioe esplicita Per esemplificare questo metodo d itegrazioe si cosidera u sistema elastico oscillatorio che ha ua masse m ua costate k e ua forza estera F(t), figura 33.a, e ua asse di tempo discretizzata, figura 33.b. F(t) a K m t t - t -/ t t +/ t + tempo t b t +/ Fig. 33. Il sistema elastico cosiderato, e l asse di tempo L equazioe che esprime l equilibrio diamico del sistema elastico è u equazioe differeziale: d x m k x = + F() t (7) I questa equazioe si cosiderao coosciuti: x e (dx/) -/. Bisoga trovare x + e (dx/) +/. L equilibrio diamico al tempo t è espressa dalla prossima equazioe: d x m = F k x (8) Come la parte destra è coosciuta i questo caso si può applicare la differeza cetrale: Politecico di Torio Pagia 3 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

4 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe d x (a) = m ( F ) k x (b) (c) dx dx d x = + t + / dx x + = x + t+ / + / (9) Le equazioi valide quado: m t < (0) k Dove m è la massa odale e k rigidità odale, oppure la forza ecessaria per otteere u uita di spostameto ella direzioe del grado di libertà cosiderato. Questo el caso i quale tutti i odi vicii soo fissi ella situazioe di ua struttura co più di u grado di libertà. Risulta che bisoga fare attezioe al modo i quale viee scelto t i tale modo da rispettare la codizioe (.8): t+ / = t+ t = t t + / t / () I coclusioe si può affermare che quest approccio è stabile ma i modo codizioato (dalla relazioe 0). L approccio d itegrazioe implicita Si cosidera lo stesso sistema elastico illustrato i figura 33.a, e u asse di tempo discretizzato come i figura 34. t - t t + Fig. 34. L asse di tempo discretizato per l itegrazioe implicita L equazioe differeziale che viee scritta è: Politecico di Torio Pagia 4 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

5 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe d x m + kx = F () I questo caso si cooscoo: x e (dx/). Bisoga trovare: x + e (dx/) +. L equilibrio diamico al mometo t + è espresso dalla prossima equazioe: d x m + kx+ = F+ (3) + i cui x + o è coosciuto. Aziché cercare ua soluzioe diretta per x + e (d x/ ) + i questo caso si usao le prossime relazioi di sostituzioe: dx + d x = + ( x x )/ t + dx = + dx / t (4) I questo modo si ottiee: d x + = ( x x + x )/( t) + (5) che viee sostituito ella equazioe (3), otteedo: m t m t ( x x ) + k x+ = F+ (5) L equazioe (5) può essere risolta dallo spostameto scoosciuto al tempo t + m x + = + k (6) t Le altre variabili soo otteute i seguito utilizzado equazioi di tipo (4). Quest approccio d itegrazioe lavora idipedete dal valore di t. e quidi stabile seza essua codizioe. Il passo di tempo, t., i u aalisi implicita sarà da 00 fio a 000 volte maggiore da quello utilizzato i u aalisi esplicita. Comuque, l icremeto di tempo i u aalisi esplicita e piccolo, e approssimazioi per spostameti piccoli soo giustificate el corso di u icremeto. Questo o e valido i u aalisi implicita. Per risolvere il sistema di equazioi el metodo implicito bisoga fare iterazioi e imporre codizioi di covergeza, o ecessarie el metodo esplicito. Politecico di Torio Pagia 5 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

6 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe.. DESCRIZIONE GENERALE DEI CODICI FEM... Elemeti geerali Dati i vataggi del metodo degli elemeti fiiti, a questa ora possoo essere trovati sul mercato u gra umero di codici commerciali. Questi metodi hao a base la stessa teoria degli elemeti fiiti ma presetoo diverse differeze tra loro. I primo luogo i codici agli elemeti fiiti possoo essere d uso geerale oppure specializzati. I codici d uso geerale hao la possibilità di aalizzare u gra umero di processi molto diversi come sarebbe: calcolo delle strutture el campo elastico, trasferimeto termico di calore, processi di lavorazioe plastica dei metalli, processi per materiali plastici, campi elettromagetici ecc. Esempi di codici agli elemeti fiiti d uso geerale soo: MARC, ABAQUS, NASTRAM, ANSYS et. al. Questi codici possoo lavorare i ambiete UNIX oppure WINDOWS. La maggior parte dei codici co buoe performace d uso geerale lavora sul supporto UNIX. La complessità dei processi aalizzati co gli elemeti fiiti ha fatto ecessario lo sviluppo d alcui codici specializzati per processi be defiiti. I questo modo le scelte per i codici soo aumetate, soo cresciute le velocità di lavoro e ache divetato più facile ad usare u codice specializzato ivece di uo d uso geerale. Come esempi di codici specializzati per processi di lavorazioe plastiche possoo essere dati: DEFORM, FORGE, MARC-Autoforge, AUTOFORM, PAM- STAMP, ecc. I secodo luogo i codici agli elemeti fiiti possoo usare ua formulazioe Lagrage oppure Euler. Per quato riguarda il metodo d itegrazioe questo può essere implicito o esplicito.... Gli elemeti dei codici agli elemeti fiiti La parte pricipale di u programma agli elemeti fiiti è il solutore, che usa u tipo di formulazioe ed u metodo d itegrazioe be defiito. Il solutore può compilare u file d iput scritto i u formato particolare. Nell ultimo tempo si cerca di usare u tipo di formato simile i tutti i codici. I ogi caso, soo differeze rilevati fra diversi codici trovati sul mercato. Possibile di scrivere direttamete co u editore di testo il file d iput ecessario per u processo da aalizzare. Quado il processo di aalizzare è molto complesso e molto grade diveta molto difficile quest operazioe di scrivere il file d iput per processare. Partedo da queste cosiderazioi, i veditori dei codici agli elemeti fiiti hao messo a puto dei programmi d utilità pratica, che aiutao l utete a costruire il file d iput seza essere ecessario a scriverlo i u editore di testo. Questi programmi soo chiamati preprocessors perché dao la possibilità all utete di lavorare iizialmete i dati del modello aalizzato. Politecico di Torio Pagia 6 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

7 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe Il solutore, dopo che compila il file d iput, salva i risultati otteuti dall aalisi effettuata i u file co u formato particolare. Per vedere i risultati, il programma co gli elemeti fiiti mette a disposizioe u postprocessor che aiuta l utete a vedere ed aalizzare i risultati otteuti. Partedo dalle cosiderazioi fate fio adesso si può dire che la struttura geerale di u codice agli elemeti fiiti è composta da tre parti pricipali, figura 35. dati iiziali preprocessor + solutore + postprocessor risultati fiali Il codice FEM Fig. 35. Struttura del codice agli elemeti fiiti Come si vede dalla figura 35 i dati iiziali lavorati co l aiuto del preprocessor soo aalizzati co il solutore e dopo i risultati fiali vegoo visualizzati co il postprocessor. Questa è ua vista molto semplice sul modo i quale fuzioa u codice FEM...3. Diagramma di flusso per u processo di simulazioe Idipedetemete dal codice agli elemeti fiiti utilizzato, metodologia per u processo di simulazioe FEM è la stessa. La metodologia di lavoro co diversi programmi, può essere molto be descritta co u diagramma di flusso. Il diagramma di flusso per u processo di simulazioe cotiee u umero di sequeze che soo riportate i figura 36. Per i processi di simulazioe i primo luogo è ecessario cocettualizzare il processo, quidi defiire il modello di simulazioe per il caso reale. Per realizzare questa tappa bisoga cooscere i processi di lavorazioe e lo sviluppo del codice agli elemeti fiiti a disposizioe. Cooscedo i dati richiesti dal codice FEM si adatta il caso reale per otteere il modello di simulazioe, i tale modo che alla fie i risultati metterao i evideza il comportameto del processo reale. U esempio su questa tappa può essere fatto per u processo semplice di ricalcatura di uo spezzoe cilidrico, figura 37.a. Come si vede ella figura 37.a il processo di ricalcatura ha due asse di simmetria: e. Partedo da questa particolarità del processo può essere simulato solo u quarto della belletta. Cosiderado ache il fatto che, il processo è assialsimmetrico e il codice ha ella sua libreria u elemeto D assialsimmetrico può essere costruito il modello di simulazioe rappresetato i figura 37.b. Politecico di Torio Pagia 7 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

8 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe La semplicità del modello fa possibile la rappresetazioe della mazzetta come u corpo rigido illustrato da ua liea ella figura 37.b. E ovvio che i questa fase di cocettualizare, da u processo reale si arriva a u modello da simulare molto semplice sulla base delle particolarità presetate del processo e del codice FEM. I mometo i quale si è stabilito come sarà rappresetato il processo reale el modello FEM si passa alla secoda tappa dove si costruisce il modello, i fatto il file d iput per il solutore. Per questo scopo si usa il preprocessore del programma. Cocettualizzare il processo Coosceza dei processi di lavorazioe e dei codici agli elemeti fiiti Costruire il modello Simulazioe del processo Aalizzare i risultati NO Soo i risultati validi? SI Soluzioi teciche per il processo di progettazioe e di lavorazioe Fig.36. Il diagramma di flusso per u processo di simulazioe Politecico di Torio Pagia 8 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

9 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe mazzette corpo rigido belletta rettagolo co la mesh a b Fig. 37. Processo di ricalcatura e il modello per simulazioe FEM Il file d iput viee compilato dal solutore, e sarà salvato u file co tutti i risultati richiesti. Questi risultati possoo essere aalizzati usado il postprocessore del codice a disposizioe. L aalisi di questi risultati prima deve arrivare alla risposta affermativa oppure egativa che riguarda la validità dei valori trovati. I valori d output possoo o accotetare l utete da due puti di vista. Primo, si il file d iput ha avuto degli errori che riguardao i parametri del processo oppure proprio il modo di costruire il modello o è stato il più idicato, l utete basato su u esperieza di lavoro i quest area può idetificare gli sbagli e decidere di ritorare alla tappa cocerete la costruzioe del modello. Secodo, si i risultati o soo buoi dal puto di vista delle risposte cercate si ritora di uovo ella secoda tappa del diagramma di flusso. Quado la risposta alla domada coteuta el diagramma di flusso è affermativa i risultati trovati soo aalizzati. I risultati soo dopo utilizzati per dare soluzioi teciche per i processi di progettazioe e per quelli di lavorazioe. Politecico di Torio Pagia 9 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

10 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe.3. APPLICAZIONI FEM NELLO STAMPAGGIO DI LAMIERA.3.. Possibilità per simulazioi FEM Le operazioi di stampaggio di lamiera possoo essere simulate usado codici FEM d uso geerale ma ache specializzati. La scelta di uo oppure di u altro codice dipede del tipo di aalisi che si itede svolgere, oche dalla complessità del processo e del prodotto fiale. I codici per lo stampaggio di lamiera possoo essere classificati secodo il tipo di itegrazioe (implicita o esplicita). Per idividuare le differeze fra questi metodi prediamo come esempio u processo semplice di imbutitura per ua coppa circolare, che viee riportato i figura 38, co tutti i compoeti che realizzao quest operazioe. puzoe premilamiera matrice (stampo+fuorifigura) Fig. 38. Processo d imbutitura per ua coppa circolare Questo processo può essere simulato i due variati: simulazioe icremetale (esplicita), simulazioe i u solo passo (implicita). La prima possibilità di simulazioe è riportata i figura 39.a. Utilizzado ua simulazioe icremetale, tutti i compoeti del processo devoo essere presi i cosiderazioe. I più, bisoga imporre le caratteristiche ciematiche, le forze e le velocità per il premilamiera e per il puzoe. Questo metodo permette la massima precisioe i simulazioe, ma richiede u costo i termii di risorse hardware e tempi di calcolo elevati. La secoda possibilità, più veloce cosiste el fare la simulazioe i u solo passo (implicita). Questo tipo di simulazioe cosete di determiare solo lo stadio fiale della lamiera, metre co la prima si possoo determiare passi itermedi. Pertato la secoda si può cosiderare come ua simulazioe semplificata del processo. La simulazioe implicita, ioltre può essere codotta co metodo diretto o iverso (figura 39.b e 39.c). Politecico di Torio Pagia 0 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

11 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe puzoe premilamiera lamiera fuorifigura stampo a. simulazioe icremetale esplicita lamiera fuorifigura stampo b. simulazioe implicita diretta superficie iiziale della lamiera fuorifigura c. simulazioe implicita iversa stampo Fig. 39. Variate di simulazioe per i processi di stampaggio di lamiera I ua simulazioe diretta è ecessario cooscere la geometria dello stampo, la geometria e le caratteristiche della lamiera e la pressioe sul premilamiera. I ua simulazioe iversa è ecessario d avere solo la forma del pezzo stampato. Su questa forma è fatta ua rete co degli elemeti fiiti. I odi della rete soo proiettati sul piao della lamiera. Quest ultima è usata sovete per otteere ua prima visualizzazioe dei possibili problemi ei processi di stampaggio. Le simulazioi i u solo passo richiedoo tempi di calcolo molto ridotti i cofroto alla simulazioe icremetale. Politecico di Torio Pagia di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

12 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe.3.. Cosiderazioi sui risultati otteuti co la simulazioe umerica La simulazioe agli elemeti fiiti cosete di otteere u gra umero di risultati, che riguardao il processo aalizzato, come sarao ad esempio le deformazioi e le tesioi el materiale del pezzo stampato e le pressioi sulle superfici di cotatto. Tutti questi risultati possoo essere utili per il processo di virtual prototypig, che cosete di abbassare il tempo e i costi per il processo di progettazioe. Ioltre, la simulazioe agli elemeti fiiti può cosetire di ottimizzare i risultati per il processo reale di stampaggio, cambiado i parametri di lavoro egli itervalli co valori d'utilità pratica. Per dare delle soluzioi teciche, validi el processo reale, occorre iterpretare i risultati più sigificati otteuti co la simulazioe. Nel caso dello stampaggio di lamiera, i dati di processo, come il rapporto d imbutitura verso la stiratura del materiale, soo cotrollati dalla forza di pressioe sulla premilamiera e dalle codizioi d attrito ell iterfaccia di cotatto (premilamiera/lamiera, stampo/lamiera, fuorifigura/lamiera). Gradi forze d'attrito sulle iterfaci limitao lo scorrimeto su queste iterfacie e aumetao la trazioe radiale della lamiera. I alcui casi per limitare lo slittameto è utilizzato il rompigrize. Per otteere u imbutitura ottima è molto importate poter cotrollare lo scorrimeto della lamiera sotto il premilamiera. Quado lo scorrimeto è troppo basso il materiale sarà sottoposto a trazioi molto elevate, lamiera sarà stirata che può causare feomei di rottura. Nel caso i cui il materiale può scorrere facilmete tesioi circofereziali di compressioe sarebbero create. Queste tesioi di compressioe possoo causare delle grize el pezzo stampato. Per i pezzi semplici, com'è ache l'esempio presetato, u itervallo molto largo di codizioi d iterfaccia può essere abbastaza buoo da otteere dei risultati geerali validi. Per i pezzi tridimesioali complessi, le codizioi sull'iterfaccia di cotatto devoo essere teute i u itervallo molto stretto per otteere u prodotto buoo. La determiazioe di quest'itervallo, o è semplice. Questo ache perché ei pezzi complessi soo variazioi molto diverse d altezza d imbutitura che cambia le tesioi el materiale, facedo difficile di cotrollare i parametri di cotatto per tutto il pezzo stampato. Partedo da queste cosiderazioi risulta che per migliorare i dati otteuti i ua simulazioe per u processo di stampaggio, i parametri d'iput che possoo essere cambiati riguardao la pressioe sulla premilamiera e le codizioi d'attrito. Ioltre, per i pezzi complessi, si può variare la geometria della lamiera iiziale perché alcue volte si possoo effettuare traciature ella lamiera che cosetoo di cambiare il flusso di materiale verso le diverse zoe del pezzo stampato. U'opzioe molto utile ei processi di stampaggio di lamiera, è quella che permette di cofrotare lo stato di deformazioe egli elemeti della lamiera co lo stato di deformazioe permesso, descritto da ua curva limite di formabilità. Il diagramma limite di deformabilità, di solito, è determiata co prove sperimetali semplici d'imbutitura per ua coppa semisfera, prove Erickse oppure altre prove sperimetali. Nei casi i quali u diagramma sperimetale o è dispoibile è possibile di ricavarlo partedo dai dati di materiali esisteti. Il primo parametro di qual è bisogo e l'espoete d'icrudimeto trovato ell'equazioe che descrive il comportameto del materiale. Politecico di Torio Pagia di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

13 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe Per u materiale utilizzato i u modello d imbutitura si può ricavare il diagramma limite di deformabilità co dati calcolati e puti sperimetali. Il puto d itersezioe della curva co l asse delle deformazioi maggiori è determiato co la seguete relazioe: FLD0 = ( 3,3 + 4, t ) (7) 0, dove è il coefficiete d icrudimeto e t lo spessore della lamiera iiziale. Mettedo i valori corrispodeti per il materiale i discussioe si ottiee il valore cercato. Utilizzado alcui valori a disposizioe che riguardao il materiale si ottiee u diagramma limite che è illustrato i figura 40.. def.max curva limite pr. Erickse pt. sperim def.mi. Fig. 40. Il diagramma limite di formabilità per il materiale cosiderato I codici specializzati FEM permettoo di visualizzare gli elemeti dal pezzo stampato ei quali la deformazioe ha superato la curva limita, e ache la posizioe dei puti corrispodeti per gli elemeti sul diagramma di formabilità. I figura 4 è riportata il diagramma, ricavato per il materiale studiato, co tutti i puti corrispodeti per gli elemeti della lamiera alla fie della simulazioe. Politecico di Torio Pagia 3 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

14 Politecico di Torio Sistemi di Produzioe Fig. 4. Il diagramma limite e i puti corrispodeti per gli elemeti della lamiera I questo caso si osserva che tutti i puti che soo datti della combiazioe delle deformazioi miori e maggiori per ogi elemeto soo sotto la curva limite di formabilità. Ioltre la maggior parte degli elemeti preseta deformazioi maggiori di trazioe (stiratura) e deformazioi miori di compressioe. Politecico di Torio Pagia 4 di 4 Data ultima revisioe 0/04/0 Autore: Doel BASUC

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S S0 X k, co X k k co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti e ideticamete

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Viene imposto uno spostamento alla traversa e si misura il carico applicato (F) Si misura l allungamento in un tratto del provino ( L)

Viene imposto uno spostamento alla traversa e si misura il carico applicato (F) Si misura l allungamento in un tratto del provino ( L) Prova di trazioe UNI 55/86 556/79 Macchia di prova coloe traversa mobile provio cella di carico morsetti basameto Viee imposto uo spostameto alla traversa e si misura il carico applicato (F) Si misura

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci.

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci. Formula per la determiazioe della uccessioe geeralizzata di Fiboacci. A cura di Eugeio Amitrao Coteuto dell articolo:. Itroduzioe......... uccessioe di Fiboacci....... 3. Formula di Biet per la successioe

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

1 Limiti di successioni

1 Limiti di successioni Esercitazioi di matematica Corso di Istituzioi di Matematica B Facoltà di Architettura Ao Accademico 005/006 Aa Scaramuzza 4 Novembre 005 Limiti di successioi Esercizio.. Servedosi della defiizioe di ite

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

DIDATTICA DI DISEGNO E DI PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI PROF. CARMELO MAJORANA ING. LAURA SGARBOSSA MODULO DUE

DIDATTICA DI DISEGNO E DI PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI PROF. CARMELO MAJORANA ING. LAURA SGARBOSSA MODULO DUE DIDTTIC DI DISEGNO E DI ROGETTZIONE DELLE COSTRUZIONI ROF. CRELO JORN ING. LUR SGRBOSS ODULO DUE IL ROBLE DELL TRVE DI DE SINT VENNT (RTE B) TERILE DIDTTICO D UTILIZZRE IN UL (SCUOL SUERIORE) Esempio di

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

PROBLEMI DINAMICI. 6.1 Equazioni di equilibrio dinamico. L'equazione di equilibrio dinamico di un corpo discretizzato in n elementi finiti è:

PROBLEMI DINAMICI. 6.1 Equazioni di equilibrio dinamico. L'equazione di equilibrio dinamico di un corpo discretizzato in n elementi finiti è: Corso 202/203 Atoio Patao - Dipartimeto di Meccaica, iversità di Palermo 6. Equazioi di equilibrio diamico L'equazioe di equilibrio diamico di u corpo discretizzato i elemeti fiiti è: 6.)... M C K F dove:

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante Io domai. La tutela del miore e la geitorialità attraverso progetti itegrati Il cogego pesate equipe: T. Toscai G. Fracii G. Mote Istituto Terapia Familiare di Bologa Alle Radici del Dao I bambii che restao

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA parte / U test statistico è ua regola di decisioe Effettuare u test statistico sigifica verificare IPOTESI sui parametri. STATISTICA INFERENZIALE STIMA PUNTUALE STIMA PER INTERVALLI TEST PARAMETRICI

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia Itroduzioe Metodi diretti Elimiazioe di Gauss Decomposizioe LU Casi particolari Metodi Iterativi Geeralità e covergeza Metodi di base Cei sui metodi basati sul gradiete Cei sui metodi multigriglia 1 Itroduzioe

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA Corso di Laurea i Ig Edile Politecico di Bari AA 2008-2009 Prof ssa Letizia Bruetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA 2 Idice Spazi vettoriali Cei sulle strutture algebriche 4 2 Defiizioe di spazio vettoriale

Dettagli

Distribuzione di un carattere

Distribuzione di un carattere Distribuzioe di u carattere Dopo le fasi di acquisizioe e di registrazioe dei dati, si passa al loro cotrollo e quidi alle loro elaborazioe. Si defiisce distribuzioe uitaria semplice di u carattere l elecazioe

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA

GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA Pubblicazioi dell I.S.U. Uiversità Cattolica GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI

Dettagli

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI OLUMI DI INASO PER L INARIANZA IDRAULICA 1. Premessa I queste brevi ote si preseta il metodo semplificato delle piogge illustradoe l implemetazioe i u foglio di calcolo

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli