La traduzione brevettuale: caratteristiche, problematiche e spunti operativi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La traduzione brevettuale: caratteristiche, problematiche e spunti operativi"

Transcript

1 La traduzione brevettuale: caratteristiche, problematiche e spunti operativi Sara Porporato, Alltrad Citation: Porporato, Sara (2014), La traduzione brevettuale: caratteristiche, problematiche e spunti operativi, mediazioni 16, ISSN Che cos è un brevetto Prima di illustrare le caratteristiche principali della traduzione brevettuale, è opportuno comprendere cosa si intende con il termine brevetto e quali sono le sue finalità. La World Intellectual Property Organization (WIPO, in italiano: Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale, OMPI), l agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Ginevra, in Svizzera, istituita nel 1967 con la finalità di promuovere la protezione della proprietà intellettuale nel mondo attraverso la cooperazione tra gli Stati, fornisce, sul sito Internet dell organizzazione stessa 1, la seguente definizione di brevetto: What is a patent? A patent is an exclusive right granted for an invention, which is a product or a process that provides, in general, a new way of doing something, or offers a new technical solution to a problem. What does a patent do? 1 La presente definizione è reperibile nella pubblicazione What is a patent all indirizzo 1

2 A patent provides protection for the invention to the owner of the patent. The protection is granted for a limited period, generally 20 years. Il brevetto per invenzione è quindi un titolo giuridico rilasciato per un invenzione, che sancisce un diritto di esclusiva per il richiedente relativo all attuazione e alla commercializzazione di una nuova soluzione tecnica per un determinato periodo di tempo. Il Codice civile definisce il diritto di esclusività nel seguente modo 2 : Chi ha ottenuto un brevetto per un invenzione industriale ha il diritto esclusivo di attuare l invenzione e di disporne entro i limiti e alle condizioni stabilite dalla legge. Il diritto si estende anche al commercio del prodotto a cui l`invenzione si riferisce. Lo scopo principale del brevetto è quello di proteggere un invenzione, impedendo alla concorrenza di riprodurla e sfruttarla per un determinato periodo di tempo senza il consenso del titolare del brevetto in questione. Questo titolo giuridico conferisce pertanto al titolare un diritto esclusivo di sfruttamento dell invenzione in un territorio e non può essere rinnovato alla scadenza. Sopraggiunta la scadenza, l invenzione può essere riprodotta dalla concorrenza. Sul sito dell OMPI si legge infatti 3 : In principle, the patent owner has the exclusive right to prevent or stop others from commercially exploiting the patented invention. In other words, patent protection means that the invention cannot be commercially made, used, distributed, imported or sold by others without the patent owner s consent. L inventore del brevetto può essere un singolo individuo, sebbene, in misura sempre maggiore, sia rappresentato da un organizzazione, un impresa o una società che spesso coordina e finanzia la ricerca volta a sviluppare l oggetto del 2 Si rimanda al Codice civile, Libro V, Titolo IX Dei diritti sulle opere dell ingegno e sulle invenzioni industriali, Capo II Del diritto di brevetto per invenzioni industriali, articolo Questa definizione è reperibile all indirizzo 2

3 brevetto. Gli inventori possono essere, ad esempio, i ricercatori di un laboratorio o centro di ricerca la cui attività è finanziata da un azienda che, una volta brevettata l invenzione, godrà dei diritti di sfruttamento della stessa. È possibile richiedere la protezione di un invenzione a livello nazionale oppure depositare il brevetto in sede europea o internazionale, ottenendo un brevetto giuridicamente valido in più Stati. Perché la domanda di brevetto sia accolta, l invenzione deve soddisfare alcuni requisiti fondamentali. La European Patent Convention (Convenzione sul brevetto europeo, in prosieguo, CBE ) elenca all articolo 52, paragrafo 1, i principali requisiti di brevettabilità per i brevetti europei 4 : European patents shall be granted for any inventions, in all fields of technology, provided that they are new, involve an inventive step and are susceptible of industrial application. Il requisito principale è quello della novità 5, secondo cui l oggetto del brevetto non deve essere mai stato prodotto o brevettato in precedenza in nessuna parte del mondo, ossia non deve rientrare nello stato della tecnica. Ai sensi dell articolo 46 del Codice della proprietà industriale 6 : Lo stato della tecnica è costituito da tutto ciò che è stato reso accessibile al pubblico nel territorio dello Stato o all estero prima della data del deposito della domanda di brevetto, mediante una descrizione scritta od orale, una utilizzazione o un qualsiasi altro mezzo. 4 La Convention on the grant of european patents o European patent convention (Convenzione sulla concessione dei brevetti europei o Convenzione sul brevetto europeo) è un accordo stipulato il 5 ottobre 1973 a Monaco di Baviera, al fine di istituire una procedura comune per la concessione di brevetti; è pubblicato sul sito Internet dell Ufficio europeo dei brevetti all indirizzo: 5 Ai sensi dell articolo 54 della CBE: An invention shall be considered to be new if it does not form part of the state of the art. 6 Si rimanda all articolo 46, paragrafo 2, del Codice della proprietà industriale. 3

4 Il secondo requisito è quello dell originalità o attività inventiva 7, secondo cui il trovato non deve risultare ovvio ad un esperto del settore e deve costituire pertanto un progresso rispetto allo stato della tecnica. L invenzione deve inoltre soddisfare il requisito di industrialità 8, ossia essere applicabile e riproducibile a livello industriale. Vi sono inoltre alcune limitazioni inerenti al contenuto del brevetto che riguardano, tra le altre cose, i metodi matematici o le teorie scientifiche 9. Al fine di ottenere il diritto di esclusiva per un invenzione, è necessario presentare una domanda di brevetto. 2. La domanda di brevetto europeo e le caratteristiche del documento brevettuale Ai sensi dell articolo 78 della CBE, la domanda di brevetto europeo da presentare all Ufficio europeo dei brevetti deve contenere i seguenti documenti: (a) a request for the grant of a European patent; (b) a description of the invention; (c) one or more claims; (d) any drawings referred to in the description or the claims; (e) an abstract, 7 All articolo 56 la CBE dispone che: An invention shall be considered as involving an inventive step if, having regard to the state of the art, it is not obvious to a person skilled in the art. If the state of the art also includes documents within the meaning of Article 54, paragraph 3, these documents shall not be considered in deciding whether there has been an inventive step. 8 All articolo 57 la Convenzione definisce il requisito di industrial application : An invention shall be considered as susceptible of industrial application if it can be made or used in any kind of industry, including agriculture. 9 A tal proposito si rimanda all articolo 52 della CBE, paragrafi 2 e 3. 4

5 and satisfy the requirements laid down in the Implementing Regulations. Il documento brevettuale è quindi strutturato secondo un impostazione ben precisa. Esso presenta innanzitutto un titolo, nelle tre lingue dell Ufficio europeo dei brevetti (inglese, francese e tedesco), che indica l oggetto del brevetto. A titolo puramente esemplificativo, si veda il seguente brevetto 10 : German: Reverse Transkription und Amplifikation von RNA bei simultaner Degradierung von DNA English: Reverse transcription and amplification of RNA with simultaneous degradation of DNA French: Transcription renversée et amplification de l ARN avec la dégradation simultanée de l ADN Segue la sezione più corposa del brevetto, costituita dalla descrizione dell invenzione in una delle lingue dell Ufficio. La descrizione è anch essa articolata secondo una struttura precisa, che prevede innanzitutto un introduzione in cui è illustrato il campo tecnico in cui si ascrive l invenzione. Osserviamo l incipit del brevetto dal titolo Vorrichtung zum Halten von Taschen 11, che descrive un dispositivo che consente di reggere borse in mancanza di superfici d appoggio adeguate: Die Erfindung betrifft eine Vorrichtung zum Halten von Taschen, vorzugsweise Handtaschen, wie sie aus der US-A bekannt ist. La prima frase del brevetto definisce in breve l oggetto dell invenzione e cita i documenti brevettuali correlati, per passare successivamente alla definizione di un problema tecnico. Poiché l invenzione deve costituire una soluzione a un problema tecnico irrisolto o risolto in modo insoddisfacente, la prima parte della 10 Questo brevetto, reperibile sul sito Internet dell Ufficio europeo dei brevetti all indirizzo tratta la trascrizione inversa e l amplificazione dell RNA con simultanea degradazione del DNA. 11 Questo brevetto dal titolo Vorrichtung zum Halten von Taschen è reperibile sul sito Internet dell Ufficio europeo dei brevetti all indirizzo 5

6 descrizione è solitamente volta a elencare i problemi a cui si intende porre rimedio, evidenziando gli inconvenienti o le lacune riscontrate nelle soluzioni note nello stato della tecnica. Nel brevetto in questione l invenzione intende offrire una soluzione per custodire una borsa nel caso in cui non siano presenti superfici d appoggio o ganci a cui appenderla senza essere costretti, come spesso succede, a depositarla sul pavimento: In Taschen, insbesondere Handtaschen werden oftmals wertvolle Gegenstände und/oder Gegenstände transportiert, die griffbereit sein sollten. Bei einem stationären Aufenthalt ist es oftmals wünschenswert, die Tasche zu verwahren. Sofern keine Stellflächen vorhanden sind, kann sie gegebenenfalls an Haken aufgehängt werden. Häufig sind jedoch weder Stellflächen noch Haken vorhanden und die Tasche könnte höchstens auf den - oftmals nicht sauberen - Fußboden abgestellt werden. Segue la definizione più precisa dello scopo dell invenzione, qui introdotta dalla frase: Aufgabe der Erfindung ist es, ( Il compito/lo scopo dell invenzione è ), ossia fornire un dispositivo che consenta di reggere borse in modo semplice, che possa essere montato e smontato rapidamente e che presenti un ingombro ridotto: Aufgabe der Erfindung ist es, eine Vorrichtung der eingangs genannten Art anzugeben, mit dem Taschen einfach gehalten werden können, das schnell und einfach montiert und demontiert werden kann und das einen geringen Platzbedarf aufweist. In seguito l autore illustra la soluzione dell invenzione, seguita dai vantaggi che essa comporta. Erfindungsgemäß wird dies dadurch erreicht, dass die Vorrichtung ein Auflageelement mit einer Auflagefläche, ein mit dem Auflageelement verbundenes Winkelelement und ein Hakenelement umfasst, dass das Hakenelement gegenüber dem Winkelelement um eine Schwenkachse verschwenkbar ist, und dass das Auflageelement mit dem Hakenelement in einer geschlossenen Stellung einen Verschluss ausbildet. Osservando il testo citato, è possibile sin d ora notare lo stile ripetitivo tipico dei brevetti. In un unica frase ricorrono diversi composti con il suffisso -element ( Auflageelement ossia elemento d appoggio, Winkelelement ossia 6

7 elemento angolare e Hakenelement ossia elemento a gancio ), tutti ripetuti più volte. La descrizione illustra in seguito le possibili forme di realizzazione dell invenzione, segnalando eventualmente le forme di realizzazione cosiddette preferite, nonché il contenuto dei disegni allegati alla domanda. Il trovato viene illustrato dettagliatamente facendo riferimento ai disegni, in cui gli elementi dell invenzione sono associati a numeri di riferimento; a titolo esemplificativo si noti che, nel caso del brevetto precedentemente citato, l elemento di appoggio ( Auflageelement ) è indicato nelle figure con il numero 2 mentre l elemento a gancio ( Hakenelement ) è indicato con il numero 5. La descrizione dettagliata dell invenzione riporta, accanto ai componenti citati, il relativo numero di riferimento indicato nelle figure affinché l esperto del settore possa riconoscere nelle immagini gli elementi citati nel testo e comprenderne meglio il funzionamento. A titolo esemplificativo, si osservi un paragrafo della descrizione dettagliata dell invenzione precedentemente citata in cui sono riportati i numeri di riferimento: In den Fig. 1 bis 17 sind Ausführungsformen erfindungsgemäßer Vorrichtungen 1 zum Halten von Taschen, vorzugsweise Handtaschen, dargestellt, welche ein Auflageelement 2 mit einer Auflagefläche 21, ein mit dem Auflageelement 2 verbundenes Winkelelement 4 und ein Hakenelement 5 umfasst. Di regola, il testo illustra una o più forme di realizzazione dell invenzione, ossia le possibili varianti per la realizzazione della medesima invenzione, segnalando eventualmente la forma di realizzazione o le forme di realizzazione indicate come preferite ; tuttavia, considerata la valenza giuridica del brevetto, la descrizione precisa che la portata della protezione non si limita alle sole forme di realizzazione descritte. La descrizione si conclude spesso, infatti, con una sezione in cui si puntualizza che le forme di realizzazione descritte hanno un carattere puramente esemplificativo e che tali forme di realizzazione o caratteristiche dell invenzione possono essere combinate altrimenti senza discostarsi dalla portata dell invenzione rivendicata: 7

8 Weitere erfindungsgemäße Ausführungsformen weisen lediglich einen Teil der beschriebenen Merkmale auf, wobei jede Merkmalskombination, insbesondere auch von verschiedenen beschriebenen Ausführungsformen, vorgesehen sein kann. Il testo citato sottolinea che sono possibili altre forme di realizzazione secondo l invenzione che presentino anche solo alcune delle caratteristiche citate nella descrizione, nonché qualsiasi combinazione delle caratteristiche menzionate. La descrizione dettagliata dell invenzione è seguita dalla parte più importante del brevetto che è costituita dalle rivendicazioni : è la sezione che elenca le caratteristiche tecniche dell invenzione, precedentemente illustrate nella descrizione, e ha lo scopo di definire l oggetto per il quale si richiede la tutela giuridica. Proprio per questo motivo essa riveste un importanza particolare. Si legge infatti all articolo 69 della CBE: Extent of protection (1) The extent of the protection conferred by a European patent or a European patent application shall be determined by the claims. Nevertheless, the description and drawings shall be used to interpret the claims. Questa sezione è strutturata sotto forma di un elenco numerato di rivendicazioni: la prima rivendicazione è detta indipendente poiché rappresenta la rivendicazione principale, mentre le rivendicazioni successive sono dette dipendenti. Possono anche sussistere più rivendicazioni indipendenti se il brevetto in questione presenta più di un oggetto. Nei brevetti depositati presso l Ufficio europeo dei brevetti, questa sezione è pubblicata nelle tre lingue dell Ufficio. Citiamo, a titolo esemplificativo, la seconda rivendicazione del brevetto in questione per mostrarne la struttura: 2. Vorrichtung nach Anspruch 1, dadurch gekennzeichnet, dass das Auflageelement (2) eine Vertiefung (23) für die Aufnahme wenigstens eines Teiles des Hakenelementes (5) aufweist. 2. An apparatus according to claim 1, characterized in that the support element (2) comprises a depression (23) for accommodating at least a part of the hook element (5). 8

9 2. Dispositif selon la revendication 1, caractérisé en ce que l élément d appui (2) présente un creux (23) pour recevoir au moins une partie de l élément en forme de crochet (5). Dopo le rivendicazioni sono allegate le tavole dei disegni che raffigurano gli elementi essenziali dell invenzione e consentono agli esperti del settore di comprendere meglio la descrizione dell invenzione. Il documento contiene inoltre un riassunto che offre una breve presentazione dell invenzione, un breve abstract di circa parole che spesso già presenta la terminologia principale che ricorrerà nell intero brevetto. 3. La traduzione dei brevetti L articolo 65 della CBE definisce il regime di traduzione dei brevetti europei accordando agli Stati contraenti la facoltà di richiedere al titolare del brevetto la traduzione del brevetto nella lingua nazionale dello Stato in cui desidera ottenere la copertura: Any Contracting State may, if the European patent as granted, amended or limited by the European Patent Office is not drawn up in one of its official languages, prescribe that the proprietor of the patent shall supply to its central industrial property office a translation of the patent as granted, amended or limited in one of its official languages at his option or, where that State has prescribed the use of one specific official language, in that language [ ]. Prima del 2008, per ottenere la copertura nei singoli Stati era necessario tradurre il brevetto nelle rispettive lingue di tali Stati. Considerate le ingenti spese connesse alla traduzione brevettuale, sono state avanzate alcune proposte per ridurre tali costi; in questo contesto nel 2000 è stato presentato il cosiddetto Accordo di Londra 12, che mira a ridurre i costi di traduzione dei 12 Per maggiori informazioni sull Agreement on the application of Article 65 EPC (London Agreement), si rimanda al sito Internet dell Ufficio europeo dei brevetti all indirizzo 9

10 brevetti europei. Tale accordo prevede la rinuncia degli Stati contraenti alle esigenze di traduzione ai sensi dell articolo 65 della CBE. L accordo è tuttavia facoltativo, pertanto alcuni Stati contraenti della CBE, tra cui l Italia, non vi hanno ancora aderito. 3.1 Aspetti principali della traduzione brevettuale L aspetto principale della traduzione brevettuale è la letterarietà. Perotto descrive la traduzione dei brevetti con le seguenti parole: Questa traduzione deve essere assolutamente fedele al testo originale riproducendone, tutto laddove è possibile, anche sintassi e punteggiatura. Ciò risponde a un esigenza di totale corrispondenza dei concetti espressi dall inventore, che nella lingua obiettivo vanno espressi come un vero e proprio calco, fermo restando, da parte del traduttore, l uso corretto della lingua in cui traduce il brevetto. (Perotto, 2008:57) La traduzione è quindi orientata al testo di partenza e intende riprodurlo il più fedelmente possibile per non rischiare, data la valenza giuridica del testo, di alterare la portata giuridica della protezione concessa. Contrariamente alla traduzione specializzata di testi tecnici come manuali di istruzioni o specifiche tecniche, in cui il traduttore può scegliere, ai fini di una migliore leggibilità e chiarezza, di modificare in una certa misura la sintassi della frase, eliminare alcune ripetizioni o cercare sinonimi, migliorando la forma rispetto al testo di partenza, il traduttore brevettuale è maggiormente vincolato al testo di partenza. Un altro principio fondamentale impone di mantenere sempre lo stesso traducente per il medesimo termine della lingua d origine; tale principio è applicabile in particolare per i sostantivi associati nel testo a un numero di riferimento: una volta individuato il traducente idoneo, il traduttore non ricorrerà all uso di sinonimi. Prendendo ad esempio il brevetto citato precedentemente, i termini Winkelelement, Auflageelement e Hakenelement saranno tradotti sempre con gli stessi traducenti, nel nostro caso elemento angolare, elemento d appoggio ed elemento a gancio, ripetuti ogniqualvolta compaiono 10

11 nel testo di partenza, rispettando quindi anche la ripetitività del testo precedentemente osservata. 4. Il linguaggio brevettuale In ragione delle caratteristiche e della finalità dei brevetti menzionate in precedenza, i brevetti si distinguono per un linguaggio caratterizzato da una commistione di linguaggio tecnico, da un lato, e di linguaggio giuridico e burocratico dall altro. Considerata la natura dei documenti brevettuali risulta evidente che l oggetto del brevetto può rientrare in campi tecnici molto diversi tra loro, implicando il ricorso a un alto tecnicismo, specifico del campo tecnico in questione. Tra gli aspetti del linguaggio tecnico-scientifico presenti nel linguaggio brevettuale, si possono annoverare, a titolo esemplificativo, la preferenza per lo stile nominale, la predominanza di verbi alla forma impersonale e passiva, il ricorso a un lessico prettamente denotativo che mira ad eliminare ogni possibile ambiguità e, infine, considerato il carattere di novità proprio del brevetto, il ricorso a neologismi. In particolare l uso dei verbi presenta degli aspetti interessanti che tratteremo più dettagliatamente in seguito. Come già accennato in precedenza, poiché si tratta di documenti con valore legale, i testi brevettuali presentano inoltre alcuni aspetti tipici del linguaggio giuridico-burocratico. Perotto cita, a tal proposito, le seguenti caratteristiche: tecnicismi di varia natura: es. previo, tassativo, demandare, espletare; connettivi deittici aulico-letterarizzanti: es. ove, pertanto, purché, nonché; spiccata tendenza alla nominalità: es. per il rilascio della presa d atto, ai fini della concessione; [ ] sintassi impersonale: es. si allega, viene stabilita la possibilità di, si fa presente la necessità che, il richiedente, l interessato, l esperto nella tecnica; alta ricorrenza del participio presente: es. le istituzioni operanti, un attestato comprovante, avente per oggetto; uso frequente del gerundio: es. fermo restando che [ ]. (ibid.:50-51) 11

12 Tra le peculiarità del linguaggio brevettuale mi pare interessante sottolineare, in questa sede, l uso dei verbi, che spesso sono verbi generici come comprendere, presentare, avere La traduzione di tali verbi riveste un importanza particolare in ambito brevettuale poiché verbi come comprendere, includere, costituire, che potrebbero essere considerati pressoché sinonimi in altri contesti, acquisiscono significati diversi nell ambito dei brevetti. Si osservino a tal proposito le indicazioni pubblicate sul sito web dell Ufficio europeo dei brevetti nella sezione Guidelines for examination a proposito dell uso dei verbi comprising e consisting of nelle rivendicazioni 13 : While in everyday language the word comprise may have both the meaning include, contain or comprehend and consist of, in drafting patent claims legal certainty normally requires it to be interpreted by the broader meaning include, contain or comprehend. On the other hand, if a claim for a chemical compound refers to it as consisting of components A, B and C by their proportions expressed in percentages, the presence of any additional component is excluded and therefore the percentages should add up to 100%. La differenza tra questi due verbi in ambito brevettuale consiste quindi nel fatto che il verbo comprise è usato quando l autore non intende escludere altri elementi dall elenco che segue, mentre consist of è più limitativo e prevede l esclusione di qualsiasi altro elemento. La scelta della giusta traduzione di tali verbi è quindi di primaria importanza. Sempre restando nell ambito dei verbi, si è precedentemente sottolineato come nei brevetti prevalgano le forme impersonali. Occorre aggiungere che in inglese è molto frequente l uso della forma in ing, sia per la costruzione delle frasi finali, sia come forma participiale, come risulta dal brano seguente (il corsivo è nostro) 14 : 13 Si rimanda al sito dell Ufficio europeo dei brevetti: 14 Questo brevetto dal titolo Automated method for preparing blood sample analysis and automated device therefor è reperibile sul sito dell Ufficio europeo dei brevetti 12

13 The invention concerns a method for preparing total blood sample analyses and a device (1) for implementing said method, said samples being preserved in tubes (3) comprising at least one means for identifying (8) the sample, said device comprising: at least one compartment forming the storage zone (6, 11, 12) for said tubes (3, 19, 23) before and after analysis, and at least one means for reading (9) said identifying means (8) of said tubes; [ ] Da una lettura più attenta di questa citazione emerge anche la ripetizione del termine said, che ricorre con frequenza nel linguaggio brevettuale. I brevetti presentano, in generale, molti termini ed espressioni convenzionali; ne elenchiamo alcuni a titolo esemplificativo: According to the invention, selon l invention, erfindungsgemäß, secondo l invenzione According to claim 1, selon la revendication 1, nach Anspruch 1, secondo la rivendicazione 1 Preferred embodiments, modes de réalisation préférés, bevorzugte Ausführungsformen, forme di realizzazione preferite The present invention relates to, la présente invention concerne, die vorliegende Erfindung betrifft, la presente invenzione si riferisce a State of the art, état de la technique, Stand der Technik, stato della tecnica. Tornando ai tempi verbali, come già sottolineato in precedenza, prevalgono forme passive e impersonali, come si può notare nei seguenti esempi (la sottolineatura è nostra): Toutefois, il a été constaté qu une telle composition adhésive à base de copolyamide(s) verra son adhésion chuter fortement dans de l éthanol chaud ou au contact prolongé dans des mélanges polaire/apolaire tel la bio-essence (éthanol/essence à base d hydrocarbures apolaires) chaude L esempio è tratto dal brevetto Composition adhésive et structure comprenant au moins une couche de ladite composition, disponibile all indirizzo 13

14 Außerdem wurde festgestellt, dass insbesondere bei unsymmetrischen oder verschiedenartig gekrümmten Anordnungen der Blechlagen Knicke der Metallfolien und/oder Kanalverschlüsse auftreten können 16. Per quanto concerne i modi verbali è interessante rilevare l uso del gerundio nelle frasi secondarie in cui avviene una ripresa del discorso specificando le informazioni fornite nella frase principale (la sottolineatura è nostra): The use of this vaccine preparation according to the invention comprises the following steps: [ ] c) The specific entry of this vaccine preparation via the hair follicles, the small size of the particles allowing their diffusion through the epithelium of the hair follicles 17. Nella ripresa del discorso, in frasi simili a quella sopra citata in cui l inglese presenta la forma in ing e in tedesco la frase è solitamente introdotta da wobei, la traduzione italiana ricorre frequentemente all uso del gerundio presente (in questo caso, per la frase inglese alla lettera c) si propone la traduzione l ingresso specifico di questa preparazione vaccinale attraverso i follicoli piliferi, le dimensioni ridotte delle particelle consentendone la diffusione attraverso l epitelio dei follicoli piliferi ). Lo stesso vale per il seguente esempio dal francese (la sottolineatura è nostra) in cui il verbo pouvant può essere tradotto con il gerundio ( i substrati S1 e S2 potendo essere della stessa natura o di natura differente ): La présente invention concerne l assemblage par collage d un premier substrat S1 à base d élastomère thermoplastique (abrégé TPE) et/ou de polyamide (PA) homopolymère ou copolymère, et d un second substrat S2, les substrats S1 et S2 pouvant être de même nature ou de nature différente L esempio è tratto dal brevetto Abgasbehandlungseinheit mit Metallfolien geringer Materialdicke, disponibile all indirizzo 17 L esempio è tratto dal brevetto Vaccination by transcutaneous targeting, disponibile all indirizzo 18 L esempio è tratto dal brevetto Utilisation d un promoteur d adhérence dans une solution de nettoyage (www.epo.org). 14

15 Un altro aspetto importante è costituito dall uso di acronimi, sigle e abbreviazioni. Per facilitare la lettura e la comprensione del brevetto nonché l interpretazione delle figure allegate, si può ricorrere all uso di acronimi o abbreviazioni di varia natura. Osservando il testo francese appena citato notiamo il ricorso ad acronimi come TPE o PA, il cui uso è attestato in ambito scientifico, nonché l uso di sigle (substrato S1 e S2) utilizzate nel brevetto per permettere al lettore di individuare nelle figure gli elementi contrassegnati con le sigle indicate. Tali scelte rispondono all esigenza di chiarezza che contraddistingue tutti i documenti brevettuali. Un altra caratteristica peculiare dei brevetti è il ricorso a frasi piuttosto articolate. Questa scelta che sembrerebbe in contraddizione con l esigenza di chiarezza precedentemente illustrata poiché rende la comprensione della frase meno immediata, risponde in realtà alla necessità di illustrare i concetti espressi con precisione e nei minimi dettagli. Alla scadenza del brevetto, infatti, l invenzione deve poter essere riprodotta dagli esperti del settore e quindi la descrizione deve essere particolarmente minuziosa. 5. Conclusione Dalle caratteristiche illustrate appare evidente che il traduttore brevettuale è chiamato a confrontarsi con un elevato grado di tecnicità; per la comprensione del testo è pertanto importante acquisire la conoscenza per lo meno di alcune nozioni di base nell ambito trattato. D altro canto, tali testi presentano frequenti ripetizioni sia di singoli termini che di intere espressioni e lo stile utilizzato è piuttosto arido. Da questo punto di vista, pertanto, la traduzione può risultare relativamente rapida. In ragione della ripetitività dei testi brevettuali, si sta diffondendo il ricorso a strumenti di traduzione assistita che consentono un recupero delle numerose ripetizioni 15

16 presenti all interno del testo e la creazione di una memoria di traduzione che può essere utile anche per traduzioni successive. La lingua dei brevetti è spesso poco elegante, poiché l eleganza formale passa in secondo piano rispetto all esigenza di presentare il contenuto in modo chiaro e dettagliato. Dal punto di vista formale, il traduttore brevettuale è vincolato allo stile del testo di partenza, che non va adattato in fase di traduzione. Considerata la delicatezza dei documenti, il cliente può inoltre chiedere al traduttore di non correggere determinati refusi presenti nel testo per non rischiare di modificare la portata della tutela giuridica richiesta. In questi casi si è soliti segnalare al cliente i possibili refusi in un file a parte, senza correggere in sede di traduzione. A seconda della formazione del traduttore le difficoltà correlate alla traduzione brevettuale possono essere di varia natura: se il traduttore, come spesso accade, ha una formazione umanistica, sarà necessario acquisire adeguate conoscenze, per lo meno di base, nel settore interessato. Eventuali carenze possono essere colmate con un accurata documentazione, nonché mediante la creazione e l uso di glossari specifici che possono rivelarsi molto utili. 6. Bibliografia Agreement on the application of Article 65 EPC. (consultato il 4/12/2014) Bartolini, F. (a cura di) (2014) Codice civile e di procedura civile e leggi complementari, Piacenza: La Tribuna. Codice della proprietà industriale. (consultato il 7/12/2014) Convention on the Grant of European Patents (XV edizione). (consultato il 5/12/2014) 16

17 OMPI, Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale. Perotto, F. (2008) La traduzione brevettuale, Roma: Aracne. Ufficio europeo dei brevetti. (consultato il 6/12/2014) 17

LEXIS-NEXIS PATENTS SEARCH FORM

LEXIS-NEXIS PATENTS SEARCH FORM 1 LEXIS-NEXIS PATENTS SEARCH FORM Si accede al modulo Patents dal menù dall area di ricerca US Legal. Indicazioni generali sui brevetti e nomenclatura Il brevetto è un titolo giuridico rilasciato dall

Dettagli

Le convenzioni internazionali

Le convenzioni internazionali Le convenzioni internazionali La convenzione di Parigi Patent Cooperation Treaty European Patent Convention Community Patent Convention Accordi TRIPs e European Innovation Scoreboard Deposito secondo la

Dettagli

Modalità e limiti nella protezione del Software

Modalità e limiti nella protezione del Software Modalità e limiti nella protezione del Software Università degli Studi di Verona 14 Maggio, 2012 Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano Ing. Valentina Bovo Argomenti 1. Perché proteggere il software?

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 11 giugno 2014 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

ECONOMIA DEL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO

ECONOMIA DEL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2008 2009 Corso di laurea in ingegneria gestionale ECONOMIA DEL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Parte II Invernizzi Pierluigi Brevetti

Dettagli

L IMPORTANZA DEI BREVETTI E DELLE RICERCHE BREVETTUALI PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE

L IMPORTANZA DEI BREVETTI E DELLE RICERCHE BREVETTUALI PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE L IMPORTANZA DEI BREVETTI E DELLE RICERCHE BREVETTUALI PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE ALESSANDRO ZAMPAGNA Direttore Centuria RIT - Romagna Innovazione Tecnologia L INNOVAZIONE E IL BREVETTO QUALI FATTORI

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

CS 10 SICURMATIC TON 0,6-2 260

CS 10 SICURMATIC TON 0,6-2 260 0,6-2,5 CS 10 SICURMATIC Gli attacchi rapidi SICURMATIC sono dotati di cilindro idraulico a doppio effetto con sistema di sicura anteriore automatica. Tutti i movimenti interni di questi attacchi sono

Dettagli

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 Lucia Baldi Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 ARACNE Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Ascoli Piceno, 4 giugno 2013 Dott. Filippo Re Collaboratore Unioncamere Marche nel Progetto per la valorizzazione e la tutela dei titoli di

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLE DOMANDE DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLE DOMANDE DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLE DOMANDE DI BREVETTO PER MODELLO DI UTILITA Normativa di riferimento: DECRETO LEGISLATIVO 10 febbraio 2005 n. 30 "Codice della proprietà industriale"; DECRETO 13 gennaio

Dettagli

Brevetto unitario: aspetti procedurali

Brevetto unitario: aspetti procedurali Brevetto unitario e Tribunale unificato dei brevetti Le nuove opportunità per la tutela delle invenzioni in Europa Brevetto unitario: aspetti procedurali Ing. Giuseppe Vitillo European and Italian patent

Dettagli

INVENZIONI e BREVETTI Introduzione per futuri ingegneri

INVENZIONI e BREVETTI Introduzione per futuri ingegneri INVENZIONI e BREVETTI Introduzione per futuri ingegneri Università degli Studi di Bologna Sede di Forlì Seconda Facoltà di Ingegneria Corso di Disegno Tecnico Industriale Docente Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI (D.Lgs. 10 Febbraio 2005, n 30 pubblicato

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

TUTELA DEL SOFTWARE. C.C.I.A.A. Verona, 16 Marzo, 2011. Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano - Torino

TUTELA DEL SOFTWARE. C.C.I.A.A. Verona, 16 Marzo, 2011. Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano - Torino TUTELA DEL SOFTWARE Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano - Torino Ing. C.Silvano Reniero Ing. Valentina Bovo www.renieroassociati.it e-mail: info@renieroassoiati.it Tel. 045-8014033 Argomenti

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione FACOLTÀ DI INGEGNERIA II 31 maggio 2011 La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione Relatore: Ing. Giuseppe Quinterno Jacobacci & Partners S.p.A. 1 Proprietà Intellettuale e Industriale

Dettagli

MUSTER FÜR DIE BESCHREIBUNG EINER PATENTANMELDUNG MODELLO DI DESCRIZIONE PER UNA DOMANDA DI BREVETTO

MUSTER FÜR DIE BESCHREIBUNG EINER PATENTANMELDUNG MODELLO DI DESCRIZIONE PER UNA DOMANDA DI BREVETTO HANDELS-, INDUSTRIE-, HANDWERKS- UND LAND- WIRTSCHAFTSKAMMER BOZEN CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLZANO PATENTE UND MARKEN BREVETTI E MARCHI MUSTER FÜR DIE BESCHREIBUNG

Dettagli

Guida rapida all acquisto di traduzioni Con centinaia di agenzie di traduzione e migliaia di traduttori freelance presenti sul territorio nazionale, non è facile orientarsi nel mercato delle traduzioni,

Dettagli

STUDIO TORTA Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare

STUDIO TORTA Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare Ing. Corrado Modugno Studio Torta S.r.l. Il patrimonio intangibile di una azienda Contratti Accordi Know How Brevetti Design Marchi Tipologia di brevetti

Dettagli

PROPRIETÀ INTELLETTUALE. Antonio Rodriguez Hita 18-03-2015

PROPRIETÀ INTELLETTUALE. Antonio Rodriguez Hita 18-03-2015 PROPRIETÀ INTELLETTUALE Antonio Rodriguez Hita 18-03-2015 Che cos'è la proprietà intellettuale? Norme e principi che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani. La legge attribuisce

Dettagli

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Ufficio Marchi e Brevetti Centro P.I.P. Patent Information Point Guida al deposito Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Resp: Paola Bonzagni tel. 0532-783.804

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI Preparate da : ing. Mario Gallo e-mail : mario.gallo_mg@libero.it 1 Che cos è un brevetto 2 Tipologie di brevetti 3 Come si ottiene un brevetto

Dettagli

BREVETTI E BIOTECNOLOGIE. Copyright, dott. Marco Spadaro 2004

BREVETTI E BIOTECNOLOGIE. Copyright, dott. Marco Spadaro 2004 BREVETTI E BIOTECNOLOGIE Copyright, dott. Marco Spadaro 2004 1 Tabella 1 EP PUBBLICATE NEL 2000 (ESPACENET) C 01 659 INORGANICA C02 460 TRATTAMENTO RIFIUTI C03 578 VETRO C04 532 CEMENTO C05 79 FERTILIZZANTI

Dettagli

European Patent Litigation Certificate EPLC. COMMENTI SICPI SU RULES 11 E 12

European Patent Litigation Certificate EPLC. COMMENTI SICPI SU RULES 11 E 12 European Patent Litigation Certificate EPLC COMMENTI SICPI SU RULES 11 E 12 www.sicpi.org segreteria@sicpi.org AGREEMENT ON EPC Art. 48(2) 2. Parties may alternatively be represented by European Patent

Dettagli

PATENTS. December 12, 2011

PATENTS. December 12, 2011 December 12, 2011 80% of world new information in chemistry is published in research articles or patents Source: Chemical Abstracts Service Sources of original scientific information in the fields of applied

Dettagli

LA TUTELA DEL SOFTWARE IN ITALIA

LA TUTELA DEL SOFTWARE IN ITALIA LA TUTELA DEL SOFTWARE IN ITALIA Overview delle principali norme e procedure Ing. Gianluigi Cutropia Ancona, 4 ottobre 2010 Agenda La Protezione del software: quali le difficoltà Le Modalità: Il diritto

Dettagli

CLINICAL TRIALS E DIMOSTRAZIONE DELL ATTIVITA INVENTIVA

CLINICAL TRIALS E DIMOSTRAZIONE DELL ATTIVITA INVENTIVA CLINICAL TRIALS E DIMOSTRAZIONE DELL ATTIVITA INVENTIVA ESPERIENZA IN SEDE EPO Esperimenti successivi al brevetto come evidenza di attività inventiva in sede EPO Il problema tecnico oggettivo: formulazione

Dettagli

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 Gestione dei brevetti corretta ed efficiente I punti fondamentali da ricordare nella gestione

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI PRIMO DEPOSITO O DI RINNOVAZIONE PER MARCHIO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI PRIMO DEPOSITO O DI RINNOVAZIONE PER MARCHIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI PRIMO DEPOSITO O DI RINNOVAZIONE PER MARCHIO MODULO C l. Istruzioni di carattere generale. La domanda e gli eventuali

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

Hyppo Swing gate opener

Hyppo Swing gate opener Hyppo Swing gate opener - Instructions and warnings for installation and use IT - Istruzioni ed avvertenze per l installazione e l uso - Instructions et avertissements pour l installation et l utilisation

Dettagli

La protezione del design

La protezione del design La protezione del design Il design cattura l attenzione, suscita sensazioni. Conferisce un valore aggiunto anche agli oggetti di tutti i giorni, rendendoli inconfondibili. E spesso l aspetto di un oggetto

Dettagli

nella seduta di mercoledì

nella seduta di mercoledì 2003-2004 TESTI APPROVATI nella seduta di mercoledì 24 settembre 2003 P5_TA-PROV(2003)09-24 EDIZIONE PROVVISORIA PE 336.399 INDICE TESTI APPROVATI DAL PARLAMENTO P5_TA-PROV(2003)0402 Brevettabilità delle

Dettagli

INSTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO NAZIONALI

INSTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO NAZIONALI CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLZANO B R E V E T T I E M A R C H I INSTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDE DI BREVETTO NAZIONALI AVVISI: Le domande ed istanze relative ai

Dettagli

Il Salone della Proprietà Industriale

Il Salone della Proprietà Industriale Il Salone della Proprietà Industriale Roberto Dini - Presidente, LES Italia Parma, 24 settembre 2012 Roberto Dini Consulente in Proprietà Industriale in Italia Mandatario Abilitato presso l Ufficio Europeo

Dettagli

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano.

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Marta Manfrin Consulente brevettuale, Società Italiana Brevetti

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI

GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI SETTORE TUTELA DEL MERCATO E AMBIENTE Unità Organizzativa Regolazione del Mercato Tel. 0523/386227-218 - 230 brevetti@pc.camcom.it GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI La domanda per ottenere

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

L inglese per l informatica: aspetti linguistici, stilistici e traduttivi nei manuali d uso

L inglese per l informatica: aspetti linguistici, stilistici e traduttivi nei manuali d uso L inglese per l informatica: aspetti linguistici, stilistici e traduttivi nei manuali d uso Serena Semproni - Specializzanda in traduzione tecnico-scientifica Lo scopo del presente articolo è quello di

Dettagli

Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it. Tiziana Ianniello. (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012)

Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it. Tiziana Ianniello. (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012) Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it Tiziana Ianniello (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012) Il Parlamento Europeo approva il nuovo sistema di protezione unitaria del

Dettagli

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Il risultato della Ricerca e la sua Brevettabilità Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Monza, 29 Febbraio 2012 Giuseppe Romano Il percorso di un idea Il settore: medicina/diagnostica/chirurgia

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

LINGUA INGLESE PROGRAMMA INTEGRATO DA CONOSCENZE, ABILITA E COMPETENZE CLASSI 1^M E 1^P

LINGUA INGLESE PROGRAMMA INTEGRATO DA CONOSCENZE, ABILITA E COMPETENZE CLASSI 1^M E 1^P LINGUA INGLESE PROGRAMMA INTEGRATO DA, ABILITA E COMPETENZE CLASSI 1^M E 1^P Libro di testo: NETWORK 1, Paul Radley (OUP) Student s Book e Workbook, Student s Audio CD, Class Audio CDs, My Digital Book

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SVOLTA CLASSE 2F

PROGRAMMAZIONE SVOLTA CLASSE 2F LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN A.S. 2014/2015 Materia: Inglese Prof. Sara De Angelis PROGRAMMAZIONE SVOLTA CLASSE 2F Nel corso dell a.s. 2014/2015 sono stati sviluppati i seguenti contenuti: 1.

Dettagli

Standard di documentazione Linee guida per la rappresentazione dei processi

Standard di documentazione Linee guida per la rappresentazione dei processi ALLEGATO B Standard Parte 2 Standard di documentazione Linee guida per la rappresentazione dei processi Pagina 1 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 1.2 RIFERIMENTI...3

Dettagli

BREVETTO UNITARIO E CORTE UNIFICATA:

BREVETTO UNITARIO E CORTE UNIFICATA: BREVETTO UNITARIO E CORTE UNIFICATA: A CHE PUNTO SIAMO? Strategie per la tutela delle invenzioni in Europa Tutela della IP nell Unione Principio della libera circolazione delle merci in UE Marchio Comunitario

Dettagli

Il campo Numero Elementi può essere compilato solo nel caso di Deposito Multiplo; occorre indicare il numero di elementi che compongono il deposito

Il campo Numero Elementi può essere compilato solo nel caso di Deposito Multiplo; occorre indicare il numero di elementi che compongono il deposito ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER DISEGNO O MODELLO E DEPOSITO MULTIPLO MODULO O l. Istruzioni di carattere generale La domanda gli eventuali

Dettagli

La fedeltà nella traduzione brevettuale e le sue conseguenze

La fedeltà nella traduzione brevettuale e le sue conseguenze Intellectual Property Office IL BREVETTO: ASPETTI GIURIDICI E TRADUTTIVI La fedeltà nella traduzione brevettuale e le sue conseguenze Trieste, 18 marzo 2011 Università degli Studi di Trieste Avv. Davide

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

A chi spetta il diritto al brevetto?

A chi spetta il diritto al brevetto? LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE PRESSO LE UNIVERSITÀ E GLI EPR -CPI ART. 65 - REGOLAMENTO D ATENEO Perugia, 29 giugno 2015 ufficio.ilo@unipg.it A chi spetta il diritto al brevetto? Inventore Datore di lavoro

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

Mark Scheme (Results) Summer 2007

Mark Scheme (Results) Summer 2007 Mark Scheme (Results) Summer 2007 GCE GCE Italian (6566/02) Edexcel Limited. Registered in England and Wales No. 4496750 Registered Office: One90 High Holborn, London WC1V 7BH 6566/02 Reading and Writing

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

Ricerca ed analisi brevettuale: Quali vantaggi per le aziende?

Ricerca ed analisi brevettuale: Quali vantaggi per le aziende? Ricerca ed analisi brevettuale: Quali vantaggi per le aziende? Ing. Giacomo Tazzini L azienda Attiva nella ricerca nell ambito IP dal 2002 Attiva nelle soluzioni business dal 2008 Marchio spin off dal

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Il deposito di un brevetto

Il deposito di un brevetto Il deposito di un brevetto Avete sviluppato un idea e vi state chiedendo quale sia la strategia migliore per proteggerla da possibili attacchi da parte di un concorrente? La legislazione in materia di

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

La costituzione di società di capitali con socio estero

La costituzione di società di capitali con socio estero S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La costituzione di società di capitali con socio estero D.ssa Lorenza Guglielmi 08 marzo 2011 Verifica condizioni di reciprocità per intestazione quote/assunzione

Dettagli

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity Network for Tuning Standards and Quality of Education Programmes in Speech and Language Therapy/Logopaedics across

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI Ufficio Brevetti e della Proprietà Intellettuale Via Bogino 9-10124 Torino Tel. 011-670.4374/4381/4170 Fax 011-670.4436 ufficio.brevetti@unito.it

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather Catalogo generale Le chiusure, sono presenti sul mercato della pelletteria dalla nascita del prodotto e sono contraddistinte dalla famosa scatola marrone. Il marchio e la qualità, non necessitano di particolare

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

http://www-5.unipv.it/eduroam/

http://www-5.unipv.it/eduroam/ EduRoam - UniPv http://www-5.unipv.it/eduroam/ Page 1 of 1 30/01/2014 EduRoam è un servizio internazionale che permette l'accesso alla rete wireless agli utenti mobili (roaming users) in tutte le organizzazioni

Dettagli

SOFTLINE 82. Benvenuti. Anwendungstechnik, Dirk Lehmann

SOFTLINE 82. Benvenuti. Anwendungstechnik, Dirk Lehmann Benvenuti Anwendungstechnik, Dirk Lehmann Affianco alla qualità dei profili, le direttive di lavorazione descrizioni del sistema con i relativi certificati procedure del controllo produttivo formano le

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

Lezione 11 Livello principiante

Lezione 11 Livello principiante Lezione 11 Livello principiante Parte 1 - L orario (livello formale) e le parti della giornata. Le domande per chiedere l ora sono le seguenti (hanno lo stesso identico significato, scegliete pure quella

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

Indice dei contenuti

Indice dei contenuti Gesttiione Knowlledge Base Serrviiziio dii Conttactt Centterr 055055 Manualle dii consullttaziione Indice dei contenuti 1. Introduzione... 4 2. Modalità di accesso alle informazioni... 5 2.1. Accesso diretto

Dettagli

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE 44 CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! 55 COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE PREMESSAPREMESSA COME TUTELARE

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 04.12.2013 Cessione di partecipazioni estere Potestà impositiva Categoria: Imposte dirette Sottocategoria: Varie La tassazione della plusvalenza

Dettagli

LA PROTEZIONE DEL SOFTWARE

LA PROTEZIONE DEL SOFTWARE 16 ottobre 2015 Spazio Attivo di Roma Tecnopolo Tiburtino LA PROTEZIONE DEL SOFTWARE STUDIO TORTA Software & Hardware Programma per elaboratore (software): insieme di istruzioni elementari che, applicate

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle cellule staminali Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Disposizioni della

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! BREVETTO, DIRITTI D AUTORE, MODELLI DI UTILITA

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! BREVETTO, DIRITTI D AUTORE, MODELLI DI UTILITA OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! BREVETTO, DIRITTI D AUTORE, MODELLI DI UTILITA Cos' è la Proprietà intellettuale?? Settore del diritto che si riferisce

Dettagli

Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare?

Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare? 1 Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare? Roberto Dini Torino, 13 Maggio 2014 2 Brevetto Unitario e Tribunale Unificato dei Brevetti Regolamento(EU) No. 1257/2012 del

Dettagli

Policy sulla Proprietà Intellettuale

Policy sulla Proprietà Intellettuale Policy sulla Proprietà Intellettuale 1. Missione e scopi di AriSLA - Finalità della Policy 1.1 Missione della Fondazione Italiana di Ricerca per la SLA - Sclerosi Laterale Amiotrofica (di seguito, la Fondazione

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

RISPOSTE A RICHIESTE DI CHIARIMENTI

RISPOSTE A RICHIESTE DI CHIARIMENTI RISPOSTE A RICHIESTE DI CHIARIMENTI Oggetto: procedura per l affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro temporaneo da destinare ai servizi di FRONT OFFICE, CUP/CASSA, DATA ENTRY E CALL CENTER,

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli