Le Carceri nel Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Carceri nel Veneto"

Transcript

1 Le Carceri nel Veneto I

2 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE II

3 Le Carceri nel Veneto Indice Prefazione - Presidente della Giunta Regionale...pag. V Prefazione - Provveditore Regionale alle Carceri...pag. VI Premessa - Direttore Generale ULSS 16 Padova...pag. VII Introduzione - Responsabile dell Osservatorio...pag. IX PARTE PRIMA Gli Istituti Penitenziari del Veneto...pag. 1 Le Case Circondariali...pag. 2 Le Case di Reclusione...pag. 10 Le Aziende Socio-Sanitarie Locali...pag. 12 La Popolazione Detenuta...pag. 14 PARTE SECONDA I riferimenti normativi...pag. 31 La normativa nazionale...pag Ordinamento Penitenziario...pag Medicina penitenziaria e tossicodipendenza in ambito penale-penitenziario...pag Attività dei lavoratori detenuti...pag. 34 La normativa regionale...pag Deliberazioni della Giunta Regionale...pag Protocollo d Intesa tra Ministero della Giustizia e Regione Veneto dell 8 aprile pag. 36 III

4 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE PARTE TERZA Gli enti che operano con il carcere...pag. 39 Provincia di BELLUNO...pag. 41 Provincia di PADOVA...pag. 42 Provincia di ROVIGO...pag. 47 Provincia di TREVISO...pag. 49 Provincia di VENEZIA...pag. 52 Provincia di VERONA...pag. 55 Provincia di VICENZA...pag. 58 Le iniziative educative, culturali, ricreative e sportive finanziate dalla Giunta Regionale del Veneto...pag. 62 PARTE QUARTA Gli Osservatori sul Carcere in Italia...pag. 77 Appendice: link utili...pag. 80 IV

5 Le Carceri nel Veneto Prefazione Prima di tutto si vuole esprimere un vivissimo apprezzamento per questa iniziativa che dimostra una sensibilità non comune, soprattutto la volontà di rendersi conto del problema carcere e di quanto può essere fatto per migliorare il sistema nel suo complesso. E sempre bene fare su questo tema delle riflessioni e ci si augura che questo Bollettino, curato dall Osservatorio Regionale sulla popolazione detenuta ed in esecuzione penale esterna, fissi davvero lo sguardo sul carcere. Per quanto può interessare più specificatamente la sfera della politica regionale, due sono i punti che è opportuno sottolineare. Il primo riguarda la realizzazione del nuovo sistema integrato, previsto dalla normativa vigente in materia, al fine di dare piena attuazione agli impegni per la territorializzazione della pena, l edilizia penitenziaria, la tutela della salute, l assistenza sanitaria e socio-riabilitativa dei detenuti tossicodipendenti ed alcool dipendenti, gli interventi trattamentali e la formazione congiunta degli operatori. Per la verità, in parte ciò è già stato messo in atto col Protocollo d intesa tra il Ministero della Giustizia e la Regione del Veneto, siglato l 8 aprile 2003, ma è necessario che questa collaborazione interistituzionale diventi sempre più attiva e ricca con il coinvolgimento degli Enti locali e delle varie Associazioni di Volontariato. Ciò per rendere più forte l intesa dell azione di coordinamento tra i diversi livelli istituzionali e tra i differenti attori del sistema. Il secondo punto concerne il rafforzamento dell ideale riabilitativo, affinché i programmi riabilitativi e rieducativi costituiscano il punto di forza attorno al quale ruotino tutte le altre misure. E l ideale della riabilitazione che deve primeggiare e dare il senso vero della funzione della penalità, che deve comunque sempre essere vista nello spirito della solidarietà, della giustizia e della ricostruzione sociale. Si ritiene che sia importante rilevare questi due punti focali per far si che il cammino che si intende iniziare sia il più possibile rispondente alle politiche improntate ad un welfare state inclusivo e solidale. Giancarlo Galan Presidente della Giunta Regionale Regione Veneto V

6 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Prefazione È con estremo piacere che come Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Regione Veneto vedo la nascita dell Osservatorio Regionale sulla popolazione detenuta ed in esecuzione penale esterna e la stesura del bollettino relativo alle attività intraprese dal suddetto Osservatorio. Tale iniziativa non può che essere considerata non solo degna di attenzione, sia da parte nostra che da parte di tutti coloro che lavorano o collaborano in qualche modo in ambito penitenziario, ma anche come costitutiva di un nuovo, efficace punto di riferimento e fonte di informazioni per chiunque desideri, in qualche modo, avvicinarsi a tale istituzione. Sono quindi convinto che l Osservatorio costituirà, in tal senso, uno snodo focale all interno della fitta rete di istituzioni, associazioni, enti sia pubblici che privati che ruotano intorno al carcere, e ne favorirà senz altro lo sviluppo e la reciproca comunicazione e collaborazione, ponendosi, inoltre, come organismo a disposizione di ciascuna istituzione, associazione o ente che ad esso vorrà fare riferimento. Un altro aspetto di fondamentale importanza nel quale l Osservatorio avrà un incidenza ed un ruolo di notevole portata, è il contatto tra il mondo carcerario ed il territorio. In questo modo si contribuirà a far sì che il carcere venga visto non come isola nel territorio, ma come parte del territorio stesso. Dal canto loro, gli Istituti avranno a disposizione un ulteriore, utile strumento di comunicazione con l esterno, per far conoscere la propria realtà, le proprie esigenze, i propri problemi e, non in ultima istanza, le proprie potenzialità di collaborazione e reintegrazione. Auspico pertanto una crescita in linea con le aspettative da esso suscitate e, assicuro fin da ora la più ampia disponibilità per una collaborazione attiva all interno di questo progetto, laddove essa possa, in qualsiasi modo, contribuire a portare i frutti sperati. Dott. Felice Bocchino Il Provveditore Regionale VI

7 Le Carceri nel Veneto Premessa Presentiamo con piacere questo primo Bollettino dell Osservatorio Regionale sulla Popolazione Detenuta e in esecuzione Penale Esterna. Un Osservatorio che rappresenta la logica continuazione di un lavoro svolto con continuità ed impegno dal Dipartimento Dipendenze e dalla Unità Funzionale Carcere di questa ULSS 16. Già a conclusione del I e del II Congresso Nazionale su Tossicodipendenza e Carcere, da questi organizzati nel 2000 e 2003, erano emersi temi critici che coinvolgevano il mondo del carcere ed il territorio. Innanzitutto era stata sottolineata e sentita viva la necessità di rinforzare il collegamento e la collaborazione tra Istituti Penitenziari ed il Territorio stesso. In secondo luogo era stata evidenziata la necessità di un processo di informazione e di formazione continua e comune degli operatori interni ed esterni al carcere, compresa la Polizia Penitenziaria. In questo contesto, nel Marzo 2004 ci è stata affidata dalla Regione Veneto l attivazione dell Osservatorio Regionale sulla Popolazione Detenuta e in Esecuzione Penale Esterna. La collaborazione con esperti di livello nazionale ed internazionale apre a questo Osservatorio una dimensione di rilievo non solo regionale, ma anche nazionale; l articolazione dei prodotti di ricerca, inoltre, e il diretto coinvolgimento di Associazioni ed Enti del privato-sociale che operano in ambito carcerario potranno stimolare confronti costruttivi con realtà ed esperienze simili, presenti in altri contesti. Questo Osservatorio si propone non solo di costituire una ricca fonte di informazioni e di iniziative, volte non soltanto alla mera divulgazione di dati, ma soprattutto a produrre progettualità e suggerire soluzioni operative. Un Osservatorio Regionale così pensato vorrebbe in tal senso contribuire al miglioramento del sistema dei servizi pubblici e del privato-sociale per la popolazione detenuta ed in esecuzione penale esterna, fungendo al tempo stesso da valido supporto alle attività progettuali svolte in questo stesso ambito dalla Regione Veneto. L Osservatorio Regionale riveste anche importanti compiti di carattere istituzionale primo tra tutti il delineare suggerimenti per lo sviluppo dell attività normativa della Regione Veneto in ambito penitenziario. L auspicio è quindi di uno sviluppo sempre maggiore di questo Osservatorio affinché possa essere crocevia di comunicazione e punto di incontro e collaborazione tra Regione Veneto, Aziende Sanitarie e Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria. Dott. Fortunato Rao Direttore Generale ULSS 16 Padova VII

8 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE VIII

9 Le Carceri nel Veneto Introduzione Il Bollettino che presentiamo nasce nell intento di costruire progressivamente una mappa conoscitiva degli universi che ruotano, entro i confini della Regione Veneto, intorno e dentro al carcere, nella consapevolezza che questo rappresenti un crocevia di interessi, diritti e realtà differenti: da quelli politici ed istituzionali a quelli del volontariato e del privato sociale, entrambi in interazione, in un continuo processo di discussione critica, a quelli, non ultimi, della popolazione detenuta. Questo che pubblichiamo rappresenta solo il primo di una serie di studi che si propongono di in-formare chi già lavora con e nelle carceri, e chi ha intenzione di affacciarvisi, circa i problemi legati agli Istituti di Pena, alla detenzione e all esecuzione penale non detentiva. Interfaccia fra le diverse realtà coinvolte, il Bollettino si propone come luogo in cui le informazioni dell Osservatorio Regionale sono raccolte e organizzate in modo organico e trasparente, e quindi rese disponibili per la consultazione. Esso, però, non vuole rappresentare unicamente il momento finale di un processo di ricerca, recupero e organizzazione di dati provenienti da fonti informative differenti, ma anche il punto di partenza di un percorso di riflessione sulle problematiche emerse e di elaborazione di ipotesi interpretative unificanti ed alternative circa il fenomeno carcere. In tal modo, questo e i successivi report, con il contributo di tutte le attività in cui l Osservatorio Regionale sulla Popolazione Detenuta e in Esecuzione Penale Esterna è impegnato, potranno costituire un utile riferimento per monitorare costantemente la realtà penitenziaria regionale e per orientare, poi, gli interventi e le risorse ad essa destinate. Per quanto riguarda questa prima pubblicazione, essa è volta a fornire gli strumenti utili per muoversi nel territorio studiato, consapevoli che, sebbene la mappa non esaurisca il territorio, essa rappresenti un riferimento indispensabile per orientarsi e raggiungere la meta. La prima sezione si concentrerà quindi sugli Istituti Penitenziari del Veneto, precisandone le sedi, gli organismi istituzionali di riferimento, i referenti per l Azienda Sanitaria Locale e l organizzazione strutturale, per poi descriverne la popolazione e l andamento. I dati statistici presi in considerazione monitorano: - le presenze e gli ingressi in carcere, nel primo semestre del 2004; - i dati socio-demografici che caratterizzano la popolazione detenuta; - l incidenza di detenuti stranieri; - le condizioni sanitarie dei detenuti, vagliando l incidenza di tossicodipendenza e HIV; - la condizione giuridica dei detenuti; - il lavoro e la partecipazione a corsi professionali. IX

10 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE La seconda sezione cercherà di riassumere, per aree tematiche, i rimandi legislativi che regolamentano l organizzazione carceraria nazionale, per poi esaminare in modo più dettagliato le disposizioni normative e i protocolli d intesa che riguardano la regione Veneto. Una terza sezione del Bollettino sarà interamente dedicata agli enti pubblici, privati e del privato sociale che lavorano, entro la Regione Veneto, con il carcere. Di tali strutture sarà fornito un elenco, evidenziandone, per alcuni, le finalità operative e il tipo di attività svolta. All interno di tale sezione, sono inoltre presentati i progetti relativi alle iniziative sportive, educative, ricreative e culturali attuati all interno delle carceri venete. Infine, ci confronteremo con altre realtà regionali italiane che hanno istituito un osservatorio sul carcere, per esaminarne gli obiettivi perseguiti ed i risultati raggiunti e da questi trarre spunto per gli sviluppi del nostro lavoro. L attività di monitoraggio, studio e ricerca cercherà di mettere in chiaro alcune zone dell universo carcerario ritenute tipicamente in ombra : la sanità e i diritti connessi alla salute, il legame, che rischia di divenire di equivalenza, fra immigrazione, emarginazione, criminalità e detenzione e, infine, i rapporti fra carcere e territorio, considerando, in particolare, le possibilità di esecuzione penale esterna, così come si realizzano e così come potrebbero essere ripensate. Dott. Daniele Berto Responsabile dell Osservatorio I prossimi bollettini Carcere e Sanità (numero 2) Carcere e Immigrazione (numero 3) Le misure alternative (numero 4) X

11 Le Carceri nel Veneto - Parte Prima - Gli Istituti Penitenziari del Veneto Gli Istituti Penitenziari del Veneto sono coordinati da: Provveditorato Regionale per il Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Provveditore: dott. Felice Bocchino Sede: Piazza Castello, PADOVA Tel Fax I Detenuti in Esecuzione Penale Esterna sono monitorati dai CSSA (v. singole province) e coordinati da: Uffico Esecuzione Penale Esterna c/o Provveditorato Regionale dott.ssa Chiara Ghetti Nelle pagine seguenti presentiamo una scheda sintetica di tutti gli Istituti Penitenziari della Regione Veneto 1

12 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Le Case Circondariali Casa Circondariale di BELLUNO Direttore Dott.ssa Immacolata Mannarella Sede Via Baldenich, 11 Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - guardia medica attiva per 6 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 18 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Cardiologo - Dermatologo - Ginecologo - Oculista - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - sala per radiografie. 2

13 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di PADOVA Direttore Dott.ssa Antonella Reale Sede Via Due Palazzi, 25/A Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Padova CSSA: Padova Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 1 infermiere di ruolo; - 5 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 32 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Chirurgo - Dermatologo - Infettivologo - Oculista - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria. 3

14 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Casa Circondariale di ROVIGO Direttore Dott. Fabrizio Cacciabue Sede Via Verdi, 2/A Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Padova CSSA: Padova Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 2 infermieri di ruolo; - guardia medica attiva per 6 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 4 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Odontoiatra - Infettivologo - Psichiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale. 4

15 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di TREVISO Direttore Dott. Francesco Massimo Sede Via S. Bona Nuova, 5/B Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 1 infermiere non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 24 ore al giorno, suddivise fra il personale a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Chirurgo - Dermatologo - Infettivologo - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra - Ortopedico - Psichiatra - Psicologo - Urologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato. 5

16 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Casa Circondariale di VENEZIA GIUDECCA Direttore Sede Dott.ssa Gabriella Straffi Via Sant Eufemia Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 1 infermiere non di ruolo; - guardia medica attiva per 6 ore nei giorni feriali e di 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 12 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria. 6

17 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di VENEZIA S. MARIA MAGGIORE Direttore Dott.ssa Gabriella Straffi Sede Via S. Croce, 324 Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 2 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 15 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 24 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Psicologo - Dermatologo - Infettivologo - Odontoiatra - Psichiatra Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria. 7

18 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Casa Circondariale di VERONA MONTORIO Direttore Dott. Salvatore Erminio Sede Via S. Michele, 15 Telefono e Fax Strutture di riferimento Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Verona CSSA: Verona Organizzazione del Presidio Sanitario Personale sanitario e servizio infermieristico: - 2 medici di ruolo; - 7 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 36 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Cardiologo - Chirurgo - Dermatologo - Ginecologo - Infettivologo - Oculista - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra - Psichiatra - Psicologo - Urologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - infermeria attrezzata, in grado di assicurare la degenza, le terapie infusionali e l'ossigenoterapia. 8

19 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di VICENZA Direttore Dott.ssa Irene Iannucci Sede Via Dalla Scola, 150 Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Verona Ufficio di sorveglianza: Verona CSSA: Verona Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 2 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 15 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 24 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Psicologo - Cardiologo - Chirurgo - Dermatologo - Ortopedico - Odontoiatra - Psichiatra Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; infermeria attrezzata, in grado di assicurare la degenza, le terapie infusionali e l'ossigenoterapia. 9

20 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Le Case di Reclusione Casa di Reclusione di PADOVA Direttore Dott. Salvatore Pirruccio Sede Via Due Palazzi, 35 Telefono e Fax Strutture di riferimento Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Padova CSSA: Padova Organizzazione del Presidio Personale sanitario e servizio infermieristico: Sanitario - 2 medici di ruolo; - 6 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 36 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Dermatologo - Cardiologo - Chirurgo - Ginecologo - Infettivologo - Neurologo - Oculista - Odontoiatra - Ortopedico - Otorinolaringoiatra - Psichiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale e in cui è prevista la presenza di 2 medici e 2 infermieri non di ruolo; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - sala per ecografie e radiografie. 10

21 Le Carceri nel Veneto Casa di Reclusione Femminile di VENEZIA GIUDECCA Direttore Dott.ssa Gabriella Straffi Sede Via S. Eufemia, 50 Telefono e Fax Strutture di riferimento Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Organizzazione del Presidio Personale sanitario e servizio infermieristico: Sanitario - 1 medico di ruolo; - 3 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 12 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 18 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Dermatologo - Ginecologo - Infettivologo - Oculista - Odontoiatra - Pediatra - Psichiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; in cui è prevista la presenza di 1 medico; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - infermeria attrezzata, in grado di assicurare la degenza e le terapie infusionali. 11

22 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Le Aziende Socio-Sanitarie Locali AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO Referente area carcere: Dott.ssa Silvana Valle Coordinatrice carcere e referente: Dott.ssa Fabia Costantini c/o SER.T. Belluno Via Sala, Belluno Tel.: Fax: AZIENDA ULSS N. 2 FELTRE (BL) Gli Operatori per il carcere fanno riferimento direttamente al SER.T. di Belluno AZIENDA ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA (VI) Referente area carcere: Dott. Luigi Piloni c/o SER.T. Bassano del Grappa Via Mons. Negrin, Bassano del Grappa (VI) Tel.: AZIENDA ULSS N. 4 ALTO VICENTINO Responsabile: Dott. Lorenzo Rossetto Referente area carcere: Dott.ssa Livia Dall Alba c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via S. Rocco, Thiene (VI) Tel.: AZIENDA ULSS N. 5 OVEST VICENTINO Referente area carcere: Dott.ssa Maria Grazia Rossetto c/o Dipartimento delle Dipendenze Patologiche Via Pieve, Montecchio Maggiore (VI) Tel.: AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Referente area carcere: Dott. Giorgio Chemello c/o SER.T. Vicenza Via Rodolfi, Vicenza Tel.: (centralino) AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO Referente area carcere: Dott.ssa Michela c/o SER.T. Via Spellanzon, Conegliano (TV) Tel.: SER.T Dott.ssa Frezza AZIENDA ULSS N. 8 ASOLO Referente area carcere: Dott. Graziano Bellio c/o SER.T. Via Ospedale, Castelfranco Veneto Tel.: AZIENDA ULSS N. 9 TREVISO Referente area carcere: Dott. Michele Pozzobon c/o Ser.T. Servizio Tossicodipendenze Via Castellana, Treviso Tel.: AZIENDA ULSS N. 10 VENETO ORIENTALE Responsabile Dipartimento Dipendenze: Dott. Davide Banon c/o SER.T. Via Verdi, San Donà di Piave (VE) Tel.: AZIENDA ULSS N. 12 VENEZIANA Referente area carcere: Dott.ssa Amedea Lo Russo Coordinatrice aspetti sanitari: Dott.ssa Marina Pattes c/o SER.T. Dorsoduro, Venezia Tel.:

23 Le Carceri nel Veneto AZIENDA ULSS N. 13 MIRANO Gli Operatori per il carcere fanno riferimento ai SER.T. di Padova o di Venezia AZIENDA ULSS N. 14 CHIOGGIA Referente area carcere: Dott.ssa Luigina Spinosa c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via Madonna Marina, Chioggia (VE) Tel.: AZIENDA ULSS N. 15 ALTA PADOVANA Referente area carcere: Dott.ssa Franca Bonin c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via P. Cosma, Camposampiero (PD) Tel.: AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA Responsabile Unità Funzionale Carcere: Dott. Daniele Berto c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via dei Colli, Padova Tel.: AZIENDA ULSS N. 17 ESTE Responsabile: Dott. Giancarlo Zecchinato c/o Dipartimento Funzionale per le Dipendenze Via Rovignana, Monselice (PD) Tel.: AZIENDA ULSS N. 18 ROVIGO Responsabile Unità Funzionale Carcere: Dott. Giovanni Caniato c/o SER.T. Rovigo Via Gramsci, Rovigo Tel.: AZIENDA ULSS N. 19 ADRIA Responsabile: Dott. Andrea Finessi Referente carcere: Dott.ssa Sabrina Gazzetta c/o Dipartimento Dipendenze SER.T. Via Matteotti, 14 - Taglio di Po (RO) Tel.: AZIENDA ULSS N VERONA Responsabile Unità Funzionale Carcere: Dott. Emilio Renda c/o Dipartimento Dipendenze Via Germania, Verona Tel.: Dipartimento Dipendenze Tel.: Dott. Renda / AZIENDA ULSS N. 21 LEGNAGO Referente area carcere: Dott.ssa Federica Guarda c/o SER.T. Tossicodipendenze e Alcolismo Via Cadorna, Legnago (VR) Tel.: AZIENDA ULSS N BUSSOLENGO Referente area carcere: Dott. Raffaele Ceravolo c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Corso Vittorio Emanuele, Villafranca Veronese (VR) Tel.:

24 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE La popolazione detenuta 1 Presentiamo in questa sezione alcuni dati sulla popolazione detenuta nelle carceri della Regione Veneto. La prima parte è riferita ai dati relativi al primo semestre 2004 seguita da successive analisi di tipo socio-demografico e giuridico. Alla fine sono riportate due ulteriori tabelle relative all ultimo trimestre del 2004; infine sono riportati i dati che è stato possibile ottenere al 31 dicembre I dati si riferiscono al primo semestre del Fonte: Ministero della Giustizia, 14

25 Le Carceri nel Veneto Presenze e ingressi ISTITUTO Tipo CAPIENZA DETENUTI POSIZIONE GIURIDICA Regolamentare PRESENTI Condannati Imputati D U Tot D U Tot D U Tot D U Tot BELLUNO C.C PADOVA C.C PADOVA C.R ROVIGO C.C TREVISO C.C VENEZIA GIUDECCA CRF VENEZIA GIUDECCA SAT C.C VENEZIA SANTA MARIA MAGGIORE C.C VERONA MONTORIO C.C VICENZA C.C Totale regione INGRESSI DALLA LIBERTA' DONNE UOMINI 0 italiani stranieri OssCar ASL 16 Padova 15

26 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Dati Socio-demografici Soggetti presenti nelle carceri del Veneto: Distribuzione per SESSO Donne 6,6% UOMINI DONNE Uomini 93,4% OssCar ASL 16 Padova Soggetti presenti nelle carceri del Veneto: distribuzione per NAZIONALITA' Italiani 49% Stranieri 51% Italiani Stranieri OssCar ASL 16 Padova 16

27 Le Carceri nel Veneto Soggetti presenti nelle carceri del Veneto: distribuzione per STATO CIVILE 26% 2% 3% 5% 1% 63% Celibe/nubile Coniugato/a Vedovo/a Divorziato/a Separato/a legalmente Non rilevato OssCar ASL 16 Padova Soggetti ristretti negli istituti penitenziari del Veneto: distribuzione per ETA' % ,25 9,13 18,33 19,88 18,15 12,27 8,12 8,41 1,95 0,29 0, >70 n.r. Classi di età OssCar ASL 16 Padova 17

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

BurVeT n. 63 del 1 luglio 2016

BurVeT n. 63 del 1 luglio 2016 BurVeT n. 63 del 1 luglio 2016 La presente rubrica comprende una selezione dei concorsi già pubblicati nel Bollettino Ufficiale, per i quali non sono ancora scaduti i termini di presentazione delle domande.

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo

Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo Corso di formazione con attribuzione di 18 crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna

Dettagli

CONCORSI IN SCADENZA PER POSTI A TEMPO INDETERMINATO. Ente Posti numero e qualifica Titolo di studio Scadenza Bollett. Uff.

CONCORSI IN SCADENZA PER POSTI A TEMPO INDETERMINATO. Ente Posti numero e qualifica Titolo di studio Scadenza Bollett. Uff. 90 CONCORSI IN SCADENZA PER POSTI A TEMPO INDETERMINATO La presente rubrica comprende una selezione dei concorsi già pubblicati nel Bollettino Ufficiale, per i quali non sono ancora scaduti i termini di

Dettagli

CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI

CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI L Ufficio di Esecuzione Penale Esterna ( codice fiscale 90086400273) nella persona del Direttore

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

Indagine conoscitiva presenza disabili, DSA e BES nelle scuole del Veneto

Indagine conoscitiva presenza disabili, DSA e BES nelle scuole del Veneto Indagine conoscitiva presenza disabili, DSA e BES nelle scuole del Veneto Report, gennaio 2015 Con nota prot. 14346 del 10 novembre 2014 è stata avviata l indagine volta a conoscere i dati quantitativi

Dettagli

Volontariato, mediazione culturale, scuole e università in carcere

Volontariato, mediazione culturale, scuole e università in carcere Volontariato, mediazione culturale, scuole e università in carcere Elaborazione del Centro Studi di Ristretti Orizzonti, basata sull articolo I numeri del trattamento, di Antonella Barone, in Le Due Città

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

Dirigente Generale - Provveditore Regionale

Dirigente Generale - Provveditore Regionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cantone Carmelo Data di nascita 24/12/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente Generale -

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. PROTOCOLLO D INTESA Tra Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria - Provveditorato Regionale di Bari Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Puglia Atteso

Dettagli

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE CASA CIRCONDARIALE BARI Area Trattamentale Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività La Cooperativa Sociale Articolo 3 ONLUS nasce a Milano nel dicembre del 1998 dalla volontà e dal lavoro di un gruppo di operatrici sociali con particolari

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete PRONTO SOCCORSO PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete

L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete Area Penale DEFINIZIONE: Una cornice di lavoro e di riflessione che mette in sistema gli operatori e

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

CONCORSI IN SCADENZA PER POSTI A TEMPO INDETERMINATO BurVeT n. 101 del 7 dicembre 2012

CONCORSI IN SCADENZA PER POSTI A TEMPO INDETERMINATO BurVeT n. 101 del 7 dicembre 2012 COMUNE CONCORSI IN SCADENZA PER POSTI A TEMPO INDETERMINATO BurVeT n. 101 del 7 dicembre 2012 La presente rubrica comprende una selezione dei concorsi già pubblicati nel Bollettino Ufficiale, per i quali

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale ATTARDO PAOLO 16/12/1952 II Fascia MINISTERO

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23)

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23) giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1357 del 26 maggio 2008 pag. 1/7 Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE Area Devianza Target di riferimento: Stranieri tossicodipendenti e/o alcoldipendenti detenuti e/o in misura alternativa Area Dipendenza Target di riferimento Stranieri

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Coordinamento degli interventi giudiziari, sanitari e di ordine pubblico relativi a pazienti psichiatrici coinvolti in vicende giudiziarie

Coordinamento degli interventi giudiziari, sanitari e di ordine pubblico relativi a pazienti psichiatrici coinvolti in vicende giudiziarie [ALLEGATO - A] Protocollo di intesa tra Giudici del settore penale del Tribunale di Como, la Procura della Repubblica di Como, la Camera Penale di Como, l ASL di Como, la Prefettura di Como, le Forze dell

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue.

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue. 70 17.9.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 38 b) Bilancio: integrazione di ulteriori 70.000 c) Tempi di realizzazione: 1 anno d) Soggetti da coinvolgere: Soggetti toscani partecipanti

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete PRONTO SOCCORSO PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI (TRAUMI, USTIONI, AVVELENAMENTI, SOFFOCAMENTO): RICONOSCIMENTO E INTERVENTO NEI CASI OSSERVATI IN AMBITO OSPEDALIERO E SANITARIO Roma, 20 febbraio

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SULL ORGANIZZAZIONE DELLA SANITA PENITENZIARIA Premessa Il Decreto del Presidente del

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

CONSULENZA PSICOLOGICA PER GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA E GLI OPERATORI DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

CONSULENZA PSICOLOGICA PER GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA E GLI OPERATORI DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CORSO PER PSICOLOGI e MEDICI DEL LAVORO Febbraio-Marzo 2015 In collaborazione con: DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROVVEDITORATO REGIONALE PER IL VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA E TRENTINO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS CHI SIAMO

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS CHI SIAMO CHI SIAMO La nostra storia L Associazione Comunità Il Gabbiano onlus opera in Lombardia dal 1983 per la promozione e la tutela della dignità della persona, in particolare nei casi in cui sono presenti

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE. Tra

ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE. Tra ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE Tra COMUNE DI GALATINA Via Umberto I 40-73013 (LE) - Codice Fiscale: 80008170757 rappresentato dal dr. Cosimo MONTAGNA, sindaco pro

Dettagli

S T A T U T O. Associazione di Volontariato Penitenziario. CRIVOP Onlus Sicilia

S T A T U T O. Associazione di Volontariato Penitenziario. CRIVOP Onlus Sicilia Allegato A S T A T U T O Associazione di Volontariato Penitenziario CRIVOP Onlus Sicilia OGGETTO Articolo 1 "CRIVOP Onlus Sicilia" è un'associazione di volontariato penitenziario che non ha fini di lucro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche ACCORDO tra la Regione Marche e il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche per favorire l inclusione socio-lavorativa di persone sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria.

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile?

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? IV Workshop 2013 Coordinamento Nazionale PASSI Dati PASSI a supporto delle politiche per la sicurezza stradale Gianluigi

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UFFICIO DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI VERCELLI E CASA CIRCONDARIALE DI IVREA E COMUNE DI BUROLO

CONVENZIONE TRA L UFFICIO DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI VERCELLI E CASA CIRCONDARIALE DI IVREA E COMUNE DI BUROLO CONVNZION TRA L UFFICIO DI SCUZION PNAL STRNA DI VRCLLI CASA CIRCONDARIAL DI IVRA COMUN DI BUROLO L Ufficio di esecuzione penale esterna (di seguito denominato UP) di Vercelli (Codice Fiscale 94023060026),

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi. Inserimento/reinserimento al lavoro: inoccupati, disoccupati o in mobilità

10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi. Inserimento/reinserimento al lavoro: inoccupati, disoccupati o in mobilità 10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi Tabella 1 Tipologie e durate Regioni/Provin ce autonome Tipologie regolate Durata massima (proroghe comprese) Durata minima Abruzzo Formativi e di

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Promuovere e consolidare la rete di volontari della giustizia Agire Sociale CSV Ferrara, aderisce all invito della

Dettagli

L evoluzione del Carcere dall Unità d Italia a oggi ( con particolare riferimento alla finalità rieducativa della pena)

L evoluzione del Carcere dall Unità d Italia a oggi ( con particolare riferimento alla finalità rieducativa della pena) L evoluzione del Carcere dall Unità d Italia a oggi ( con particolare riferimento alla finalità rieducativa della pena) 1891- Regolamento generale degli stabilimenti carcerari e dei riformatori governativi,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL.

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 6-09-1999 REGIONE PUGLIA Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 94 del 8

Dettagli

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s.

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE ISTITUTO PENALE PER MINORENNI Cesare Beccaria Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. Minori ACCORDI OPERATIVI IN MERITO AGLI INTERVENTI

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2012 CARCERE E DROGHE

SUMMER SCHOOL 2012 CARCERE E DROGHE SUMMER SCHOOL 2012 CARCERE E DROGHE TRA RETORICA SECURITARIA E BUONE PRATICHE DI ACCOGLIENZA MISURE ALTERNATIVE: norme, attori, soggetti deboli DIPENDENZE E MISURE ALTERNATIVE EFFETTORE GIUDIZIARIO - EFFETTORE

Dettagli

C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O.

C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O. C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O. COLLEGIO ITALIANO DEI PRIMARI OSPEDALIERI DI ODONTOIATRIA, ODONTOSTOMATOLOGIA E CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Associazione Nazionale Primari Ospedalieri È stato pubblicato in Gazzetta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-08-2013 (punto N 6 ) Delibera N 715 del 26-08-2013 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenza - U.O. Extracomunitari e Minoranze Etniche Consultorio Multietnico Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Consultorio

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli