Le Carceri nel Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Carceri nel Veneto"

Transcript

1 Le Carceri nel Veneto I

2 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE II

3 Le Carceri nel Veneto Indice Prefazione - Presidente della Giunta Regionale...pag. V Prefazione - Provveditore Regionale alle Carceri...pag. VI Premessa - Direttore Generale ULSS 16 Padova...pag. VII Introduzione - Responsabile dell Osservatorio...pag. IX PARTE PRIMA Gli Istituti Penitenziari del Veneto...pag. 1 Le Case Circondariali...pag. 2 Le Case di Reclusione...pag. 10 Le Aziende Socio-Sanitarie Locali...pag. 12 La Popolazione Detenuta...pag. 14 PARTE SECONDA I riferimenti normativi...pag. 31 La normativa nazionale...pag Ordinamento Penitenziario...pag Medicina penitenziaria e tossicodipendenza in ambito penale-penitenziario...pag Attività dei lavoratori detenuti...pag. 34 La normativa regionale...pag Deliberazioni della Giunta Regionale...pag Protocollo d Intesa tra Ministero della Giustizia e Regione Veneto dell 8 aprile pag. 36 III

4 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE PARTE TERZA Gli enti che operano con il carcere...pag. 39 Provincia di BELLUNO...pag. 41 Provincia di PADOVA...pag. 42 Provincia di ROVIGO...pag. 47 Provincia di TREVISO...pag. 49 Provincia di VENEZIA...pag. 52 Provincia di VERONA...pag. 55 Provincia di VICENZA...pag. 58 Le iniziative educative, culturali, ricreative e sportive finanziate dalla Giunta Regionale del Veneto...pag. 62 PARTE QUARTA Gli Osservatori sul Carcere in Italia...pag. 77 Appendice: link utili...pag. 80 IV

5 Le Carceri nel Veneto Prefazione Prima di tutto si vuole esprimere un vivissimo apprezzamento per questa iniziativa che dimostra una sensibilità non comune, soprattutto la volontà di rendersi conto del problema carcere e di quanto può essere fatto per migliorare il sistema nel suo complesso. E sempre bene fare su questo tema delle riflessioni e ci si augura che questo Bollettino, curato dall Osservatorio Regionale sulla popolazione detenuta ed in esecuzione penale esterna, fissi davvero lo sguardo sul carcere. Per quanto può interessare più specificatamente la sfera della politica regionale, due sono i punti che è opportuno sottolineare. Il primo riguarda la realizzazione del nuovo sistema integrato, previsto dalla normativa vigente in materia, al fine di dare piena attuazione agli impegni per la territorializzazione della pena, l edilizia penitenziaria, la tutela della salute, l assistenza sanitaria e socio-riabilitativa dei detenuti tossicodipendenti ed alcool dipendenti, gli interventi trattamentali e la formazione congiunta degli operatori. Per la verità, in parte ciò è già stato messo in atto col Protocollo d intesa tra il Ministero della Giustizia e la Regione del Veneto, siglato l 8 aprile 2003, ma è necessario che questa collaborazione interistituzionale diventi sempre più attiva e ricca con il coinvolgimento degli Enti locali e delle varie Associazioni di Volontariato. Ciò per rendere più forte l intesa dell azione di coordinamento tra i diversi livelli istituzionali e tra i differenti attori del sistema. Il secondo punto concerne il rafforzamento dell ideale riabilitativo, affinché i programmi riabilitativi e rieducativi costituiscano il punto di forza attorno al quale ruotino tutte le altre misure. E l ideale della riabilitazione che deve primeggiare e dare il senso vero della funzione della penalità, che deve comunque sempre essere vista nello spirito della solidarietà, della giustizia e della ricostruzione sociale. Si ritiene che sia importante rilevare questi due punti focali per far si che il cammino che si intende iniziare sia il più possibile rispondente alle politiche improntate ad un welfare state inclusivo e solidale. Giancarlo Galan Presidente della Giunta Regionale Regione Veneto V

6 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Prefazione È con estremo piacere che come Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Regione Veneto vedo la nascita dell Osservatorio Regionale sulla popolazione detenuta ed in esecuzione penale esterna e la stesura del bollettino relativo alle attività intraprese dal suddetto Osservatorio. Tale iniziativa non può che essere considerata non solo degna di attenzione, sia da parte nostra che da parte di tutti coloro che lavorano o collaborano in qualche modo in ambito penitenziario, ma anche come costitutiva di un nuovo, efficace punto di riferimento e fonte di informazioni per chiunque desideri, in qualche modo, avvicinarsi a tale istituzione. Sono quindi convinto che l Osservatorio costituirà, in tal senso, uno snodo focale all interno della fitta rete di istituzioni, associazioni, enti sia pubblici che privati che ruotano intorno al carcere, e ne favorirà senz altro lo sviluppo e la reciproca comunicazione e collaborazione, ponendosi, inoltre, come organismo a disposizione di ciascuna istituzione, associazione o ente che ad esso vorrà fare riferimento. Un altro aspetto di fondamentale importanza nel quale l Osservatorio avrà un incidenza ed un ruolo di notevole portata, è il contatto tra il mondo carcerario ed il territorio. In questo modo si contribuirà a far sì che il carcere venga visto non come isola nel territorio, ma come parte del territorio stesso. Dal canto loro, gli Istituti avranno a disposizione un ulteriore, utile strumento di comunicazione con l esterno, per far conoscere la propria realtà, le proprie esigenze, i propri problemi e, non in ultima istanza, le proprie potenzialità di collaborazione e reintegrazione. Auspico pertanto una crescita in linea con le aspettative da esso suscitate e, assicuro fin da ora la più ampia disponibilità per una collaborazione attiva all interno di questo progetto, laddove essa possa, in qualsiasi modo, contribuire a portare i frutti sperati. Dott. Felice Bocchino Il Provveditore Regionale VI

7 Le Carceri nel Veneto Premessa Presentiamo con piacere questo primo Bollettino dell Osservatorio Regionale sulla Popolazione Detenuta e in esecuzione Penale Esterna. Un Osservatorio che rappresenta la logica continuazione di un lavoro svolto con continuità ed impegno dal Dipartimento Dipendenze e dalla Unità Funzionale Carcere di questa ULSS 16. Già a conclusione del I e del II Congresso Nazionale su Tossicodipendenza e Carcere, da questi organizzati nel 2000 e 2003, erano emersi temi critici che coinvolgevano il mondo del carcere ed il territorio. Innanzitutto era stata sottolineata e sentita viva la necessità di rinforzare il collegamento e la collaborazione tra Istituti Penitenziari ed il Territorio stesso. In secondo luogo era stata evidenziata la necessità di un processo di informazione e di formazione continua e comune degli operatori interni ed esterni al carcere, compresa la Polizia Penitenziaria. In questo contesto, nel Marzo 2004 ci è stata affidata dalla Regione Veneto l attivazione dell Osservatorio Regionale sulla Popolazione Detenuta e in Esecuzione Penale Esterna. La collaborazione con esperti di livello nazionale ed internazionale apre a questo Osservatorio una dimensione di rilievo non solo regionale, ma anche nazionale; l articolazione dei prodotti di ricerca, inoltre, e il diretto coinvolgimento di Associazioni ed Enti del privato-sociale che operano in ambito carcerario potranno stimolare confronti costruttivi con realtà ed esperienze simili, presenti in altri contesti. Questo Osservatorio si propone non solo di costituire una ricca fonte di informazioni e di iniziative, volte non soltanto alla mera divulgazione di dati, ma soprattutto a produrre progettualità e suggerire soluzioni operative. Un Osservatorio Regionale così pensato vorrebbe in tal senso contribuire al miglioramento del sistema dei servizi pubblici e del privato-sociale per la popolazione detenuta ed in esecuzione penale esterna, fungendo al tempo stesso da valido supporto alle attività progettuali svolte in questo stesso ambito dalla Regione Veneto. L Osservatorio Regionale riveste anche importanti compiti di carattere istituzionale primo tra tutti il delineare suggerimenti per lo sviluppo dell attività normativa della Regione Veneto in ambito penitenziario. L auspicio è quindi di uno sviluppo sempre maggiore di questo Osservatorio affinché possa essere crocevia di comunicazione e punto di incontro e collaborazione tra Regione Veneto, Aziende Sanitarie e Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria. Dott. Fortunato Rao Direttore Generale ULSS 16 Padova VII

8 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE VIII

9 Le Carceri nel Veneto Introduzione Il Bollettino che presentiamo nasce nell intento di costruire progressivamente una mappa conoscitiva degli universi che ruotano, entro i confini della Regione Veneto, intorno e dentro al carcere, nella consapevolezza che questo rappresenti un crocevia di interessi, diritti e realtà differenti: da quelli politici ed istituzionali a quelli del volontariato e del privato sociale, entrambi in interazione, in un continuo processo di discussione critica, a quelli, non ultimi, della popolazione detenuta. Questo che pubblichiamo rappresenta solo il primo di una serie di studi che si propongono di in-formare chi già lavora con e nelle carceri, e chi ha intenzione di affacciarvisi, circa i problemi legati agli Istituti di Pena, alla detenzione e all esecuzione penale non detentiva. Interfaccia fra le diverse realtà coinvolte, il Bollettino si propone come luogo in cui le informazioni dell Osservatorio Regionale sono raccolte e organizzate in modo organico e trasparente, e quindi rese disponibili per la consultazione. Esso, però, non vuole rappresentare unicamente il momento finale di un processo di ricerca, recupero e organizzazione di dati provenienti da fonti informative differenti, ma anche il punto di partenza di un percorso di riflessione sulle problematiche emerse e di elaborazione di ipotesi interpretative unificanti ed alternative circa il fenomeno carcere. In tal modo, questo e i successivi report, con il contributo di tutte le attività in cui l Osservatorio Regionale sulla Popolazione Detenuta e in Esecuzione Penale Esterna è impegnato, potranno costituire un utile riferimento per monitorare costantemente la realtà penitenziaria regionale e per orientare, poi, gli interventi e le risorse ad essa destinate. Per quanto riguarda questa prima pubblicazione, essa è volta a fornire gli strumenti utili per muoversi nel territorio studiato, consapevoli che, sebbene la mappa non esaurisca il territorio, essa rappresenti un riferimento indispensabile per orientarsi e raggiungere la meta. La prima sezione si concentrerà quindi sugli Istituti Penitenziari del Veneto, precisandone le sedi, gli organismi istituzionali di riferimento, i referenti per l Azienda Sanitaria Locale e l organizzazione strutturale, per poi descriverne la popolazione e l andamento. I dati statistici presi in considerazione monitorano: - le presenze e gli ingressi in carcere, nel primo semestre del 2004; - i dati socio-demografici che caratterizzano la popolazione detenuta; - l incidenza di detenuti stranieri; - le condizioni sanitarie dei detenuti, vagliando l incidenza di tossicodipendenza e HIV; - la condizione giuridica dei detenuti; - il lavoro e la partecipazione a corsi professionali. IX

10 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE La seconda sezione cercherà di riassumere, per aree tematiche, i rimandi legislativi che regolamentano l organizzazione carceraria nazionale, per poi esaminare in modo più dettagliato le disposizioni normative e i protocolli d intesa che riguardano la regione Veneto. Una terza sezione del Bollettino sarà interamente dedicata agli enti pubblici, privati e del privato sociale che lavorano, entro la Regione Veneto, con il carcere. Di tali strutture sarà fornito un elenco, evidenziandone, per alcuni, le finalità operative e il tipo di attività svolta. All interno di tale sezione, sono inoltre presentati i progetti relativi alle iniziative sportive, educative, ricreative e culturali attuati all interno delle carceri venete. Infine, ci confronteremo con altre realtà regionali italiane che hanno istituito un osservatorio sul carcere, per esaminarne gli obiettivi perseguiti ed i risultati raggiunti e da questi trarre spunto per gli sviluppi del nostro lavoro. L attività di monitoraggio, studio e ricerca cercherà di mettere in chiaro alcune zone dell universo carcerario ritenute tipicamente in ombra : la sanità e i diritti connessi alla salute, il legame, che rischia di divenire di equivalenza, fra immigrazione, emarginazione, criminalità e detenzione e, infine, i rapporti fra carcere e territorio, considerando, in particolare, le possibilità di esecuzione penale esterna, così come si realizzano e così come potrebbero essere ripensate. Dott. Daniele Berto Responsabile dell Osservatorio I prossimi bollettini Carcere e Sanità (numero 2) Carcere e Immigrazione (numero 3) Le misure alternative (numero 4) X

11 Le Carceri nel Veneto - Parte Prima - Gli Istituti Penitenziari del Veneto Gli Istituti Penitenziari del Veneto sono coordinati da: Provveditorato Regionale per il Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Provveditore: dott. Felice Bocchino Sede: Piazza Castello, PADOVA Tel Fax I Detenuti in Esecuzione Penale Esterna sono monitorati dai CSSA (v. singole province) e coordinati da: Uffico Esecuzione Penale Esterna c/o Provveditorato Regionale dott.ssa Chiara Ghetti Nelle pagine seguenti presentiamo una scheda sintetica di tutti gli Istituti Penitenziari della Regione Veneto 1

12 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Le Case Circondariali Casa Circondariale di BELLUNO Direttore Dott.ssa Immacolata Mannarella Sede Via Baldenich, 11 Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - guardia medica attiva per 6 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 18 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Cardiologo - Dermatologo - Ginecologo - Oculista - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - sala per radiografie. 2

13 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di PADOVA Direttore Dott.ssa Antonella Reale Sede Via Due Palazzi, 25/A Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Padova CSSA: Padova Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 1 infermiere di ruolo; - 5 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 32 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Chirurgo - Dermatologo - Infettivologo - Oculista - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria. 3

14 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Casa Circondariale di ROVIGO Direttore Dott. Fabrizio Cacciabue Sede Via Verdi, 2/A Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Padova CSSA: Padova Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 2 infermieri di ruolo; - guardia medica attiva per 6 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 4 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Odontoiatra - Infettivologo - Psichiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale. 4

15 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di TREVISO Direttore Dott. Francesco Massimo Sede Via S. Bona Nuova, 5/B Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 1 infermiere non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 24 ore al giorno, suddivise fra il personale a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Chirurgo - Dermatologo - Infettivologo - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra - Ortopedico - Psichiatra - Psicologo - Urologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato. 5

16 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Casa Circondariale di VENEZIA GIUDECCA Direttore Sede Dott.ssa Gabriella Straffi Via Sant Eufemia Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 1 infermiere non di ruolo; - guardia medica attiva per 6 ore nei giorni feriali e di 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 12 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria. 6

17 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di VENEZIA S. MARIA MAGGIORE Direttore Dott.ssa Gabriella Straffi Sede Via S. Croce, 324 Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 2 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 15 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 24 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Psicologo - Dermatologo - Infettivologo - Odontoiatra - Psichiatra Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria. 7

18 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Casa Circondariale di VERONA MONTORIO Direttore Dott. Salvatore Erminio Sede Via S. Michele, 15 Telefono e Fax Strutture di riferimento Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Verona CSSA: Verona Organizzazione del Presidio Sanitario Personale sanitario e servizio infermieristico: - 2 medici di ruolo; - 7 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 36 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Cardiologo - Chirurgo - Dermatologo - Ginecologo - Infettivologo - Oculista - Odontoiatra - Otorinolaringoiatra - Psichiatra - Psicologo - Urologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - infermeria attrezzata, in grado di assicurare la degenza, le terapie infusionali e l'ossigenoterapia. 8

19 Le Carceri nel Veneto Casa Circondariale di VICENZA Direttore Dott.ssa Irene Iannucci Sede Via Dalla Scola, 150 Telefono e Fax Strutture di riferimento Organizzazione del Presidio Sanitario Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Verona Ufficio di sorveglianza: Verona CSSA: Verona Personale sanitario e servizio infermieristico: - 1 medico di ruolo; - 2 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 15 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 24 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Psicologo - Cardiologo - Chirurgo - Dermatologo - Ortopedico - Odontoiatra - Psichiatra Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; infermeria attrezzata, in grado di assicurare la degenza, le terapie infusionali e l'ossigenoterapia. 9

20 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Le Case di Reclusione Casa di Reclusione di PADOVA Direttore Dott. Salvatore Pirruccio Sede Via Due Palazzi, 35 Telefono e Fax Strutture di riferimento Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Padova CSSA: Padova Organizzazione del Presidio Personale sanitario e servizio infermieristico: Sanitario - 2 medici di ruolo; - 6 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 24 ore al giorno sia nei giorni feriali che nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 36 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Dermatologo - Cardiologo - Chirurgo - Ginecologo - Infettivologo - Neurologo - Oculista - Odontoiatra - Ortopedico - Otorinolaringoiatra - Psichiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale e in cui è prevista la presenza di 2 medici e 2 infermieri non di ruolo; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - sala per ecografie e radiografie. 10

21 Le Carceri nel Veneto Casa di Reclusione Femminile di VENEZIA GIUDECCA Direttore Dott.ssa Gabriella Straffi Sede Via S. Eufemia, 50 Telefono e Fax Strutture di riferimento Provveditorato: Padova Tribunale di sorveglianza: Venezia Ufficio di sorveglianza: Venezia CSSA: Venezia Organizzazione del Presidio Personale sanitario e servizio infermieristico: Sanitario - 1 medico di ruolo; - 3 infermieri non di ruolo; - guardia medica attiva per 12 ore nei giorni feriali e per 24 ore nei giorni festivi; - servizio infermieristico attivo per un massimo di 18 ore al giorno, suddivise fra il personale infermieristico a disposizione. Specialisti che prestano servizio di consulenza, con rapporto di collaborazione: - Dermatologo - Ginecologo - Infettivologo - Oculista - Odontoiatra - Pediatra - Psichiatra - Psicologo Strutture presenti: - presidio per soggetti tossicodipendenti, che opera in collaborazione con il Servizio Tossicodipendenti del servizio sanitario nazionale; in cui è prevista la presenza di 1 medico; - gabinetto odontoiatrico attrezzato per la fornitura della protesi dentaria; - infermeria attrezzata, in grado di assicurare la degenza e le terapie infusionali. 11

22 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Le Aziende Socio-Sanitarie Locali AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO Referente area carcere: Dott.ssa Silvana Valle Coordinatrice carcere e referente: Dott.ssa Fabia Costantini c/o SER.T. Belluno Via Sala, Belluno Tel.: Fax: AZIENDA ULSS N. 2 FELTRE (BL) Gli Operatori per il carcere fanno riferimento direttamente al SER.T. di Belluno AZIENDA ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA (VI) Referente area carcere: Dott. Luigi Piloni c/o SER.T. Bassano del Grappa Via Mons. Negrin, Bassano del Grappa (VI) Tel.: AZIENDA ULSS N. 4 ALTO VICENTINO Responsabile: Dott. Lorenzo Rossetto Referente area carcere: Dott.ssa Livia Dall Alba c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via S. Rocco, Thiene (VI) Tel.: AZIENDA ULSS N. 5 OVEST VICENTINO Referente area carcere: Dott.ssa Maria Grazia Rossetto c/o Dipartimento delle Dipendenze Patologiche Via Pieve, Montecchio Maggiore (VI) Tel.: AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Referente area carcere: Dott. Giorgio Chemello c/o SER.T. Vicenza Via Rodolfi, Vicenza Tel.: (centralino) AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO Referente area carcere: Dott.ssa Michela c/o SER.T. Via Spellanzon, Conegliano (TV) Tel.: SER.T Dott.ssa Frezza AZIENDA ULSS N. 8 ASOLO Referente area carcere: Dott. Graziano Bellio c/o SER.T. Via Ospedale, Castelfranco Veneto Tel.: AZIENDA ULSS N. 9 TREVISO Referente area carcere: Dott. Michele Pozzobon c/o Ser.T. Servizio Tossicodipendenze Via Castellana, Treviso Tel.: AZIENDA ULSS N. 10 VENETO ORIENTALE Responsabile Dipartimento Dipendenze: Dott. Davide Banon c/o SER.T. Via Verdi, San Donà di Piave (VE) Tel.: AZIENDA ULSS N. 12 VENEZIANA Referente area carcere: Dott.ssa Amedea Lo Russo Coordinatrice aspetti sanitari: Dott.ssa Marina Pattes c/o SER.T. Dorsoduro, Venezia Tel.:

23 Le Carceri nel Veneto AZIENDA ULSS N. 13 MIRANO Gli Operatori per il carcere fanno riferimento ai SER.T. di Padova o di Venezia AZIENDA ULSS N. 14 CHIOGGIA Referente area carcere: Dott.ssa Luigina Spinosa c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via Madonna Marina, Chioggia (VE) Tel.: AZIENDA ULSS N. 15 ALTA PADOVANA Referente area carcere: Dott.ssa Franca Bonin c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via P. Cosma, Camposampiero (PD) Tel.: AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA Responsabile Unità Funzionale Carcere: Dott. Daniele Berto c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Via dei Colli, Padova Tel.: AZIENDA ULSS N. 17 ESTE Responsabile: Dott. Giancarlo Zecchinato c/o Dipartimento Funzionale per le Dipendenze Via Rovignana, Monselice (PD) Tel.: AZIENDA ULSS N. 18 ROVIGO Responsabile Unità Funzionale Carcere: Dott. Giovanni Caniato c/o SER.T. Rovigo Via Gramsci, Rovigo Tel.: AZIENDA ULSS N. 19 ADRIA Responsabile: Dott. Andrea Finessi Referente carcere: Dott.ssa Sabrina Gazzetta c/o Dipartimento Dipendenze SER.T. Via Matteotti, 14 - Taglio di Po (RO) Tel.: AZIENDA ULSS N VERONA Responsabile Unità Funzionale Carcere: Dott. Emilio Renda c/o Dipartimento Dipendenze Via Germania, Verona Tel.: Dipartimento Dipendenze Tel.: Dott. Renda / AZIENDA ULSS N. 21 LEGNAGO Referente area carcere: Dott.ssa Federica Guarda c/o SER.T. Tossicodipendenze e Alcolismo Via Cadorna, Legnago (VR) Tel.: AZIENDA ULSS N BUSSOLENGO Referente area carcere: Dott. Raffaele Ceravolo c/o SER.T. Servizio Tossicodipendenze Corso Vittorio Emanuele, Villafranca Veronese (VR) Tel.:

24 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE La popolazione detenuta 1 Presentiamo in questa sezione alcuni dati sulla popolazione detenuta nelle carceri della Regione Veneto. La prima parte è riferita ai dati relativi al primo semestre 2004 seguita da successive analisi di tipo socio-demografico e giuridico. Alla fine sono riportate due ulteriori tabelle relative all ultimo trimestre del 2004; infine sono riportati i dati che è stato possibile ottenere al 31 dicembre I dati si riferiscono al primo semestre del Fonte: Ministero della Giustizia, 14

25 Le Carceri nel Veneto Presenze e ingressi ISTITUTO Tipo CAPIENZA DETENUTI POSIZIONE GIURIDICA Regolamentare PRESENTI Condannati Imputati D U Tot D U Tot D U Tot D U Tot BELLUNO C.C PADOVA C.C PADOVA C.R ROVIGO C.C TREVISO C.C VENEZIA GIUDECCA CRF VENEZIA GIUDECCA SAT C.C VENEZIA SANTA MARIA MAGGIORE C.C VERONA MONTORIO C.C VICENZA C.C Totale regione INGRESSI DALLA LIBERTA' DONNE UOMINI 0 italiani stranieri OssCar ASL 16 Padova 15

26 OSSERVATORIO REGIONALE CARCERE Dati Socio-demografici Soggetti presenti nelle carceri del Veneto: Distribuzione per SESSO Donne 6,6% UOMINI DONNE Uomini 93,4% OssCar ASL 16 Padova Soggetti presenti nelle carceri del Veneto: distribuzione per NAZIONALITA' Italiani 49% Stranieri 51% Italiani Stranieri OssCar ASL 16 Padova 16

27 Le Carceri nel Veneto Soggetti presenti nelle carceri del Veneto: distribuzione per STATO CIVILE 26% 2% 3% 5% 1% 63% Celibe/nubile Coniugato/a Vedovo/a Divorziato/a Separato/a legalmente Non rilevato OssCar ASL 16 Padova Soggetti ristretti negli istituti penitenziari del Veneto: distribuzione per ETA' % ,25 9,13 18,33 19,88 18,15 12,27 8,12 8,41 1,95 0,29 0, >70 n.r. Classi di età OssCar ASL 16 Padova 17

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti Camera Penale di Napoli Il carcere possibile o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti IL CARCERE POSSIBILE ONLUS sede legale Napoli, Centro Direzionale, Palazzo di Giustizia, Camera Penale

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ PREMESSA BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ La SALUTE è uno stato di pieno ben-essere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o di infermità.il godimento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli