Copyright Esselibri S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Esselibri S.p.A."

Transcript

1 CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione La filosofia del prodotto La filosofia della vendita La filosofia del marketing. 1. LA FILOSOFIA DELLA PRODUZIONE La filosofia della produzione è stato il primo concetto ad orientare la condotta di mercato delle imprese. Questo concetto si basa sul fatto che i consumatori preferiscono acquistare prodotti a basso costo e con una elevata diffusione sul mercato. L impresa orientata alla produzione concentrerà quindi i suoi sforzi al fine di ottenere una più elevata efficienza produttiva e una vasta e capillare distribuzione. Questa ipotesi risulta fondata in almeno due casi: 1) quando la domanda di un prodotto risulta superiore all offerta dello stesso, il consumatore privilegerà la possibilità di ottenere il prodotto comunque esso sia, piuttosto che ricercarne versioni con particolari caratteristiche; 2) quando il costo del prodotto risulta troppo elevato e per ridurlo occorre aumentarne la produzione al fine di cercare di raggiungere una quota di mercato più elevata. 2. LA FILOSOFIA DEL PRODOTTO La filosofia del prodotto, a differenza del concetto di produzione analizzato in precedenza, si basa sulla convinzione che i consumatori si orienteranno, per i loro acquisti, verso quei prodotti in grado di offrire un più elevato livello di qualità e migliori prestazioni senza tenere in considerazione l eventuale prezzo più elevato. Le imprese che rientrano in quest ottica si adoperano a migliorare la qualità della loro produzione puntando su quel tipo di clientela disposto anche a pagare un prezzo maggiore pur di ottenere una qualità migliore e servizi aggiuntivi (Es.: lavatrice Míele). Questo concetto può portare l azienda ed i suoi dirigenti ad affezionarsi troppo al prodotto stesso, riducendo in tal modo la loro obiettività in modo tale da condurli ad apportare ad esso continui miglioramenti che in realtà non vengono apprezzati dal mercato. Si parla in questo caso di miopia di marketing che, come abbiamo già detto, nei precedenti paragrafi, consiste in un eccessivo grado di concentrazione su quanto costituisce

2 14 Capitolo Secondo l oggetto della produzione dell impresa e in una scarsa capacità di saper guardare ciò che accade sul mercato. 3. LA FILOSOFIA DELLA VENDITA L impresa che parte dal presupposto che i consumatori, lasciati liberi di decidere, non acquisteranno beni o servizi in misura adeguata, abbracciano il concetto di vendita. Ecco allora che diventa indispensabile realizzare un sistema di vendita aggressivo, che consenta di condizionare almeno in parte la libertà di decisione del consumatore e lo induca all acquisto guidato di un quantitativo maggiore dei prodotti di una specifica impresa. Il concetto in questione viene applicato soprattutto per quei prodotti definiti a domanda debole come assicurazioni, enciclopedie ecc. Esso viene applicato anche da organizzazioni senza scopo di lucro come i partiti politici per convincere gli elettori e vendere l immagine del candidato. Le imprese lo praticano anche nel caso di un eccesso di produzione per vendere ciò che producono piuttosto che produrre ciò che possono vendere. Ma lo scopo del marketing è quello di rendere superflua tale attività e portare l impresa a produrre ciò che il mercato richiede in modo che i prodotti od i servizi offerti si vendano da soli. Infatti, se l operatore di marketing svolge un buon lavoro di identificazione dei bisogni del consumatore, di sviluppo dei prodotti appropriati e di definizione di efficaci politiche di prezzo, distributive e promozionali, ne conseguirà un agevole processo di vendita. 4. LA FILOSOFIA DEL MARKETING Le imprese che si orientano al marketing devono conseguire i propri obiettivi partendo da una chiara definizione dei bisogni e dei desideri dei consumatori per arrivare a soddisfarli in modo più efficiente ed efficace della concorrenza. Questo concetto costituisce un orientamento d impresa che si è andato affermando in contrapposizione ai precedenti, verso la metà degli anni 50. Si parla in questo caso di aziende marketing oriented. Un azienda è marketing oriented non già se vende sul mercato ciò che produce, bensì se produce ciò che si può vendere. Il concetto di marketing si fonda su quattro pilastri principali, e cioè: la focalizzazione di mercato; l orientamento al cliente; il coordinamento delle attività di marketing; la redditività. Come si evince dallo schema che segue, il concetto di marketing assume come punto di partenza i clienti obiettivo ed i loro bisogni e desideri. Con

3 Le filosofie adottabili dall impresa in relazione ai mercati questa premessa l impresa procede a coordinare tutte le attività connesse al soddisfacimento dei clienti tenendo presente il conseguimento dei propri profitti. Il concetto di marketing si traduce in un orientamento ai bisogni e desideri del cliente, sostenuto da uno sforzo integrato di marketing diretto a generare la soddisfazione del cliente come mezzo per perseguire gli obiettivi dell organizzazione. Vecchio concetto di VENDITA Nuovo concetto di MARKETING Fabbrica Mercato Kotler, Scott, Marketing management, ISEDI Evoluzione del concetto di marketing da product oriented a customer oriented Punto di partenza Centro della attenzione Prodotto Bisogni del cliente Mezzi Vendita e promozione Profitto con volumi di vendita Cordinamento Profitto con delle attività la soddisfazione di Marketing del Cliente Passiamo ora ad analizzare nel dettaglio gli elementi che sono alla base del concetto di marketing: A) Scelta del target di mercato Una delle difficoltà che ciascuna impresa incontra nel corso della sua attività è quella di non poter soddisfare i bisogni di tutta l umanità, non riuscendo a controllare ogni tipologia di mercato, quindi, il primo passo da compiere per lo sviluppo di una efficace strategia di marketing è la scelta del mercato obiettivo, anche detto mercato target. Fini 15

4 16 Capitolo Secondo Tale scelta avviene seguendo, generalmente, un processo costituito da una serie di fasi: fase 1 - identificazione del target: l impresa decide di rivolgersi ad un gruppo di persone o di organizzazioni sulla base delle caratteristiche di queste ultime, dei propri prodotti, degli obiettivi prefissati e delle risorse che ha a disposizione, sapendo di poter rispondere nei modi e nei tempi giusti alle esigenze dei propri clienti o di quelli potenziali. Le possibili strategie che un impresa può adottare sono tre: strategia di targeting indifferenziato: consiste nel rivolgersi a clienti di un mercato obiettivo di un dato prodotto, che hanno bisogni omogenei. Tale strategia viene solitamente impiegata da imprese che producono beni alimentari di prima necessità; strategia di targeting concentrato: si attua quando il mercato si presenta abbastanza eterogeneo, ovvero con gruppi di persone che esprimono bisogni diversi per un dato prodotto. Pensiamo, ad esempio, ai capi di abbigliamento: esistono persone che prediligono un modo di vestire casual, altre che, invece, preferiscono lo stile classico, altre ancora scelgono di seguire la moda e quindi preferiscono abiti che fanno tendenza. In questo caso, quindi, l impresa decide di concentrare gli sforzi in un solo segmento di mercato, costituito da individui con caratteristiche simili, specializzandosi nella produzione di un determinato bene. Ciò può rappresentare un vantaggio, ma racchiude in sé un rischio elevato, in quanto se le vendite di un impresa dipendono da un unico segmento e accade che la domanda di tale prodotto si riduce, si determina una situazione di disequilibrio economico-finanziario. Cha cos è la segmentazione del mercato? La segmentazione del mercato è un processo di frazionamento del mercato in più segmenti, ciascuno costituito da un particolare gruppo di consumatori o utilizzatori. I requisiti che una segmentazione dovrebbe soddisfare sono: omogeneità all interno dei segmenti; diversità di ogni segmento rispetto agli altri; misurabilità; consistenza; maneggevolezza. Lo scopo della segmentazione è quello di consentire all impresa di individuare il segmento o i segmenti cui indirizzare i suoi prodotti e quindi di scegliere il tipo di strategia da adottare.

5 Le filosofie adottabili dall impresa in relazione ai mercati La scelta del mercato/obiettivo deve avvenire sulla base di una serie di valutazioni relative ai diversi segmenti di mercato: misurabilità omogeneità interna/ eterogeneità esterna significatività accessibilità I segmenti di mercato devono essere facilmente misurabili al fine di valutarne l attrattività, fissare gli obiettivi e controllare i risultati. I segmenti di mercato devono avere un elevato grado di omogeneità all interno di ciascuno di essi e una forte eterogeneità tra essi. Ciò favorisce il raggiungimento dei benefici attesi, i processi di acquisto e l esposizione ai media. I segmenti di mercato devono essere significativi in termini di presenza di persone, quota di mercato, potenziale di crescita del segmento stesso, grado di soddisfazione della clientela. I segmenti di mercato devono essere raggiungibili senza un eccessiva dispersione di risorse, attraverso il supporto di politiche focalizzate. strategia di targeting differenziato: si attua quando l impresa decide di rivolgersi a due o più segmenti di mercato, predisponendo per ciascuno di essi un determinato marketing mix. Pensiamo, ad esempio, alla Mercedes, nota casa automobilistica che ha differenziato i suoi prodotti facendo sfilare nelle vetrine dei suoi negozi oggetti che nulla hanno a che fare con lo sfarzo sfrenato ed inaccessibile ai più, della classica automobile: si tratta di biciclette, penne stilografiche, portachiavi e tutto quello che ci sta in mezzo; fase 2 determinazione dei parametri di segmentazione da impiegare: i parametri più significativi e maggiormente utilizzati dall impresa sono: parametri demografici: età, sesso, composizione familiare, reddito, livello di istruzione, occupazione ecc.; parametri geografici: dimensioni della città, densità di popolazione, clima, sviluppo economico ecc.; parametri psicografici: personalità, motivazioni, stili di vita ecc.; parametri comportamentali: atteggiamento innovativo, atteggiamento conservatore, aspettative, fidelizzazione, sensibilità al prezzo ecc. 17

6 18 Capitolo Secondo Il processo di scelta dei parametri di segmentazione è una fase molto delicata, in quanto un errore di valutazione da parte dell azienda si può tradurre in un insuccesso della strategia adottata; fase 3 definizione dei segmenti di mercato: in questa fase le imprese devono definire nel dettaglio le caratteristiche di ciascun segmento scelto, in modo da essere quanto più attente nella soddisfazione dei bisogni dei potenziali gruppi di clienti. È il momento in cui le imprese fanno i conti con i propri punti di forza e di debolezza, con gli obiettivi prefissati e con le risorse disponibili al fine di prendere le decisioni di marketing più adeguate ed attraenti per il mercato; fase 4 valutazione dei segmenti di mercato: una volta definiti i segmenti di mercato e individuate le caratteristiche principali su cui lavorare per avere successo sul mercato, le imprese devono procedere ad una valutazione più analitica di quei segmenti che ritengono più rilevanti. I fattori oggetto di valutazione sono il potenziale di mercato, ovvero la quantità complessiva di prodotto che potrà essere acquistata in un dato intervallo di tempo; il potenziale di vendita, ovvero la percentuale massima di potenziale di mercato che un impresa, in un determinato settore produttivo, può ottenere per un dato prodotto; l analisi della concorrenza; l analisi dei costi e delle risorse necessarie per sviluppare un piano di marketing adeguato; fase 5 scelta del mercato obiettivo: fare la scelta giusta significa centrare l obiettivo, attuare una politica di marketing di successo, guadagnare un vantaggio competitivo nei confronti della concorrenza, viceversa l impresa dovrà scontrarsi con un calo significativo delle vendite, con un aumento dei costi e con notevoli perdite finanziarie. B) Customer Satisfaction È necessario che l impresa adotti, il punto di vista del cliente, e non il proprio. Ciò richiede un contatto costante con i clienti attuali e con quelli potenziali. Non essendo possibile che un determinato prodotto o servizio soddisfi tutte le esigenze, l impresa dovrà effettuare delle scelte. Operando in questo modo, essa dovrà però evitare di adottare il suo punto di vista a favore di quello del cliente che è colui che dovrà prendere la fondamentale decisione dell acquisto.

7 Le filosofie adottabili dall impresa in relazione ai mercati Per riuscire nell intento, l impresa dovrà studiare le varie tipologie di clienti che si possono raggruppare in due grandi categorie, e cioè: i clienti potenziali; i clienti affezionati. Ma qual è il comportamento di un cliente soddisfatto? Un cliente soddisfatto: acquista di nuovo; esprime un giudizio favorevole sull impresa; presta meno attenzione ai prodotti della concorrenza; acquista altri prodotti dall impresa. La customer satisfaction può essere vista come il risultato di un processo comparativo tra due termini in successione: il valore atteso, definito all inizio del processo; il valore percepito, risultante alla fine del processo. Essa può, quindi, essere ricondotta ad un problema di valore: maggiore è il valore che il cliente attribuisce a quanto ottenuto, maggiore è la sua soddisfazione. Il cliente farà una comparazione tra le aspettative che un determinato prodotto o servizio gli promette ed il risultato finale o performance ottenuto dopo l uso. Sia le Aspettative che la Percezione della Performance ottenuta sono, di conseguenza, legate anche ad un problema di qualità percepita. Per raggiungere la Customer Satisfaction dei suoi clienti occorre che l impresa abbia un efficace sistema di ascolto, che costituisce una fondamentale fonte di informazione. A questo scopo vengono istituiti uffici reclami che si sono rivelati una fonte preziosa di idee per migliorare i prodotti od i servizi offerti. Negli ultimi anni si sta diffondendo il Customer Relationship Management (CRM), che rappresenta una strategia di marketing che completa il processo di spostamento della focalizzazione dell attività aziendale dal prodotto al cliente, iniziata in precedenza dalla Customer Satisfaction. Tale strategia ha come scopo principale quello di massimizzare la durata del ciclo di vita del cliente e prolungare il periodo durante il quale la relazione tra la clientela e l azienda è soddisfacente e redditizia. Lo sviluppo di una strategia di CRM richiede uno sforzo notevole sia dal punto di vista organizzativo che culturale da parte delle imprese, interessate alla sua implementazione. 19

8 20 Capitolo Secondo Realizzare una strategia di CRM significa generare un ciclo continuo suddiviso in due fasi principali: 1) la prima fase, legata al marketing, consiste nell analisi delle relazioni esistenti tra l azienda e la clientela, nella segmentazione delle loro preferenze e successivamente nella definizione dei target in base ai dati raccolti; 2) la seconda fase si serve dei risultati ottenuti dai dati raccolti per progettare e produrre beni e servizi da commercializzare sulla base delle indicazioni sulle preferenze dei consumatori. Il processo di implementazione del CRM si può suddividere in sette punti, di seguito elencati: 1) identificazione dei clienti; 2) analisi e interpretazione delle informazioni raccolte; 3) segmentazione della clientela; 4) offerta per i clienti più profittevoli; 5) personalizzazione della relazione; 6) fidelizzazione della clientela; 7) feed-back. Fidelizzazione clientela Feed-back Personalizzare la relazione Identificazione clienti CLIENTE Offerta clienti profittevoli Interpretazione dati Identificazione clienti profittevoli Segmentazione clientela

9 Le filosofie adottabili dall impresa in relazione ai mercati C) Come coordinare le funzioni di Marketing Possiamo distinguere in coordinamento esterno la necessità di coordinare le varie funzioni di marketing, vendita, promozione, ricerca di mercato, assistenza e servizio alla clientela ecc. e coordinamento interno la necessità che tra tutte le funzioni aziendali si instauri un costante rapporto di integrazione, nella comune prospettiva di raggiungere la customer satisfaction. Quando l impresa comunica abitualmente con il personale, per formarlo e motivarlo a servire la clientela in modo efficiente ed efficace, si dice che essa stia applicando il marketing interno. A questo punto si vede chiaramente che la piramide organizzativa interna all impresa viene completamente ribaltata portando al vertice, in ordine di importanza, la clientela, seguita, subito dopo, dal personale che ha contatto costante con essa, cioè il Front-line, poi dalla Dirigenza Intermedia ed infine dall Alta Direzione. Clienti Front-Line Management Intermedio Alta Direzione D) Come raggiungere l obiettivo «Profitto» Il profitto è l obiettivo fondamentale per ogni impresa a scopo di lucro. Il concetto di marketing ha come compito quello di facilitare l impresa nel raggiungimento di questo obiettivo fornendole tutti i supporti utili a rendere alla clientela un servizio migliore di quello della concorrenza. Le aziende che non mantengono il contatto con il mercato e con i consumatori-utilizzatori, che non conoscono l evoluzione della domanda, si troveranno a dover errare nella scelta dei prodotti, delle politiche e delle strategie d intervento nel mercato e di conseguenza saranno destinate a soccombere. 21

10 22 Capitolo Secondo Possiamo definire marketing oriented quelle aziende che si propongono di: identificare e soddisfare le esigenze della domanda; ottimizzare la loro posizione nel mercato; massimizzare la capacità reddituale di lungo periodo; adattarsi ai cambiamenti ambientali meglio è più rapidamente di quanto siano in grado di fare i concorrenti. La maggior parte delle imprese ancora tutt oggi si rende conto dell importanza del marketing solo quando vi sono costrette da alcune situazioni tipiche: diminuzione delle vendite. Quando le imprese si trovano di fronte ad una caduta delle vendite, vengono generalmente prese dal panico, ed allora si ricordano dell esistenza del marketing al quale ricorrono, all ultimo momento, nella speranza che esso possa risolvere i loro problemi; sviluppo più lento del previsto. Uno sviluppo troppo lento può portare le imprese ad intraprendere azioni di marketing alla ricerca di nuovi mercati di sbocco e di nuove opportunità; modificazione dei comportamenti d acquisto. La turbolenza dei mercati porta al mutamento accelerato delle esigenze dei consumatori. In questi casi si rivela necessaria una specifica competenza di marketing per poter continuare a produrre, di volta in volta, qualcosa di nuovo che possa avere valore per i consumatori; aumento della concorrenza. Le imprese possono subire attacchi da parte di imprese concorrenti dotate di una superiorità sul piano del marketing. Indotte alla sfida si convertono molto spesso al concetto di marketing; aumento dei costi di Marketing. Quando i costi di pubblicità, promozione e ricerca diventano troppo elevati le imprese si trovano di fronte alla necessità di razionalizzare la funzione di marketing. La conversione delle aziende all orientamento al Marketing trova sulla sua strada alcuni ostacoli: una resistenza organizzata da parte di alcuni settori che non vedono di buon occhio lo sviluppo dell orientamento al mercato dell impresa perché questo minaccia il loro potere aziendale. È il caso dei settori direttamente connessi alla produzione e alla R&S; un lento apprendimento del reale significato del marketing che ha grosse difficoltà ad essere assimilato dalle imprese;

11 Le filosofie adottabili dall impresa in relazione ai mercati un rapido oblio quando la direzione non è fortemente motivata ad opporsi alla tendenza dei settori interni all impresa a dare sempre minore spazio alle tecniche del marketing. L adozione del concetto di marketing da parte delle imprese porta notevoli vantaggi all impresa stessa che in questo modo: limita i rischi connessi alla produzione perché sa quanto produrre, che cosa produrre e per chi produrre; riesce a sfruttare meglio e con più razionalità le opportunità che le offre il mercato; riesce a coordinare meglio le sue attività interne per raggiungere il suo obiettivo, cioè il profitto; Essa avvantaggia anche i consumatori i quali riescono in questo modo a: soddisfare i propri bisogni con una più ampia scelta di prodotti; ottenere beni e servizi più idonei alle loro esigenze; trovare i beni ed i servizi nel luogo a loro più comodo; ed il sistema economico stesso che riesce in questo modo a: vendere meglio anche senza aumentare i quantitativi venduti; mantenere una certa stabilità dei prezzi; stimolare lo sviluppo economico. 23

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION

QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION Azienda Autonoma di Cura Soggiorno e Turismo dell Isola di Capri QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION Rapporto di ricerca a cura di N. Carlo Lauro e Vincenzo Esposito Vinzi, Dipartimento di

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli