Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012"

Transcript

1 Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo (Contributo DINTEC al rapporto Giornata Economia 2013) 1. Il quadro nazionale Nel periodo l EPO ha pubblicato domande di brevetto con titolare un soggetto italiano. L analisi in serie storica mostra un tasso di medio positivo (2,4%), nonostante nel 2012 si continui a registrare una lieve diminuzione delle domande di brevetto pubblicate rispetto agli anni precedenti (Grafico 1). Grafico 1 Domande di brevetto pubblicate per anno Brevetti pubblicati EPO, Italia (v.a. ) Brevetti pubblicati EPO. Dati 2012 provvisori. Negli anni in esame, le tecnologie green, ossia quelle inerenti la Green economy, pur continuando ad avere un peso alquanto contenuto sul totale delle tecnologie brevettate (4,8%), mostrano tuttavia dinamiche di maggiori (tasso di medio del 7,8%), che possono essere lette come il risultato delle diverse policy messe in campo per incentivare tali tecnologie, assecondando sia gli impegni presi in campo europeo, sia le richieste del mercato (Grafico 2). 1

2 Grafico 2 Le tecnologie green (*) brevettate (anni ) Brevetti pubblicati EPO, Italia, (v.a.; tasso medio) medio Brevetti pubblicati EPO ,0 2,4% di cui green 2.443,5 7,8% (*) In base alla IPC Green Inventory sviluppata dallo WIPO in base ai criteri previsti dallo UNFCC, United Nations Framework Convention on Climate Change Grafico 3 Domande di brevetto pubblicate per settore tecnologico * (anni ) Brevetti pubblicati EPO;Italia, (v.a.; tasso di medio) medio ITALIA ,0 2,4% A) Elettronica elettrotecnica B) Strumenti ottici, di mis. e cont , ,7-1,1% 3,1% C) Chimica, farmaceutica ambiente 9.978,9 3,6% D) Meccanica, trasporti ,3 2,5% E) Altri settori 8.372,1 2,9% , , , , , ,0 (*) In base alla tavola di concordanza tecnologica WIPO (vedi nota 1) 2

3 Le tecnologie sviluppate e brevettate nel periodo hanno riguardato prevalentemente i settori tecnologici 1 meccanica e trasporti (39,9% del totale domande di brevetto pubblicate) e chimica, farmaceutica, ambiente (19,4%). Per tali settori tecnologici, si registrano, inoltre, dinamiche di maggiori rispetto al valore medio complessivo. In particolare è il settore tecnologico chimica, farmaceutica, ambiente a crescere con un ritmo più elevato (3,6%). Unico settore tecnologico a far registrare un trend negativo è il settore elettronica-elettrotecnica, al cui interno mostrano il maggior arretramento le domande di brevetto relative alla classe tecniche di comunicazione di base (-10,7%), in parte compensato dall incremento delle domande di brevetto inerenti alla classe comunicazioni digitali (+14,7%). La maggiore propensione a brevettare in alcuni campi tecnologici piuttosto che in altri riflette, inevitabilmente, la composizione produttiva del sistema paese, nonché le diverse strategie a innovare tramite i brevetti adottate dalle diverse componenti produttive. L influenza da parte di fattori istituzionali (policy), della composizione produttiva e dimensionale del sistema economico (tipo di settore economico, dimensione di impresa, numerosità delle imprese), nonché delle diverse strategie di innovazione dei settori è ancora più evidente se si analizza il fenomeno a livello territoriale. 2. Le dinamiche territoriali E la macroarea Italia Centro-Nord a fornire il maggior contributo in termini di numerosità delle domande di brevetto europeo pubblicate (95,7%), a fronte di un contributo alquanto contenuto da parte della macroarea Italia Meridionale (4,3%). Le diverse capacità tecnologiche delle due macroaree sono essenzialmente riconducibili a tre fattori. Un primo fattore è, banalmente, di tipo dimensionale ed è dovuto al fatto che la maggior parte dei soggetti brevettanti risiedono al Centro-Nord. Il secondo fattore, invece, riflette la struttura produttiva delle due macroaree e la diversa propensione a innovare tramite il ricorso alla tutela della proprietà industriale dei settori che la compongono. Tale fattore oltre a incidere sulle capacità tecnologiche delle due macroaree, ne determina anche il diverso orientamento tecnologico, ossia la distribuzione dei brevetti per settore tecnologico. Infine non è da trascurare un terzo fattore istituzionale organizzativo relativo alla presenza o meno di policy nelle due macroaree che incentivano e accompagnano la brevettazione in alcuni settori piuttosto che in altri. Mettendo a confronto le produzioni di domande di brevetto pubblicate da EPO negli anni emerge una maggiore propensione a brevettare tecnologie green nella macroarea Italia Meridionale (Grafico 4). Qui le domande di brevetto green pubblicate pesano sul totale delle domande dell area per circa il 7%, a fronte di una percentuale di circa il 5% nella macroarea Italia Centro-Nord, e mostrano un maggiore tasso di medio (Grafico 5). 1 Individuati applicando la tavola di concordanza tecnologica realizzata dal Fraunhofer e ONPI francese per conto della WIPO. Le circa voci del codice internazionale IPC sono state riclassificate in 5 settori e 35 classi tecnologiche. Dintec ha ulteriormente ampliato la tavola, scomponendo ulteriormente le ultime 3 voci delle classi tecnologiche, con la finalità di adattarla maggiormente alle caratteristiche produttive italiane (vedi nota metodologica). 3

4 Grafico 4 - Domande di brevetto pubblicate per anno e per territorio Brevetti pubblicati EPO, Italia Centro Nord Brevetti pubblicati EPO, Italia Meridionale Brevetti non green 2008 Brevetti green Brevetti non green 2008 Brevetti green Grafico 5 Le tecnologie green brevettate per territorio (anni ) Brevetti pubblicati EPO Brevetti pubblicati EPO, Italia Centro -Nord (v.a.; tasso medio) ,4 medio 2,3% Brevetti pubblicati EPO Brevetti pubblicati EPO, Italia Meridionale (v.a.; tasso medio) 2.208,6 medio 3,2% di cui green 2.297,1 7,8% di cui green 146,3 8,8% E ipotizzabile che sulle diverse performance green delle due macroaree abbia inciso la presenza per l Italia Meridionale di policy mirate allo sviluppo di attività green quali ad esempio quelle contenute e finanziate con i POR, il POIn Energia ed il PON Ricerca e Competitività 2. La distribuzione delle domande di brevetto nell area Centro-Nord per settore tecnologico riflette, inevitabilmente, la distribuzione del dato nazionale, mentre l area Meridionale presenta alcune peculiarità (Grafico 6). 2 Il POIn Energie rinnovabili e risparmio energetico prevede interventi per la promozione della produzione di energia da fonti rinnovabili e per il miglioramento dell efficienza energetica. Il POIn si applica alle regioni Obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia). Gli interventi del PON Ricerca e Competitività e dei POR regionali costituiscono ulteriori strumenti di supporto alle attività di R&S&I in settori classificabili come green. 4

5 Grafico 6 - La distribuzione delle domande di brevetto europeo pubblicate, per settore tecnologico e per macro area territoriale (anni ) E) Altri settori A) Elettronica - elettrotecnica 45,0% 40,0% 35,0% 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 0,0% B) Strumenti ottici, di mis. e contr. D) Meccanica, trasporti C) Chimica, farmaceutica, ambiente Italia Italia Centro - Nord Italia Meridionale Negli anni la macroarea Italia Meridionale ha brevettato, rispetto alla macroarea Italia Centro Nord, una quota maggiore di brevetti nei settori chimica, farmaceutica, ambiente e strumenti ottici, di misura e controllo, a fronte però di una quota minore di brevetti nei settori elettronica-elettrotecnica e meccanica-trasporti. Come detto in precedenza, il diverso profilo tecnologico delle due macroarea riflette inevitabilmente la sottostante struttura produttiva delle due aree, con la presenza più o meno pronunciata di alcuni comparti produttivi caratterizzati da attività economiche che si prestano o meno all utilizzo del brevetto come mezzo di appropriazione dei benefici dell attività innovativa sui mercati internazionali. Il fenomeno è ancora più evidente se, utilizzando la tavola di concordanza tecnologica, si spinge l analisi delle domande di brevetto pubblicate al livello della classe tecnologica di appartenenza (Tabella 1). 5

6 Tabella 1. Graduatoria domande di brevetto pubblicate da EPO per classe tecnologica e macroarea (peso % sul totale area) ITALIA Centro-Nord ITALIA Meridionale rank Classi tecnologiche Peso Classi tecnologiche Peso Trattamento - packaging 8,3% 13. Tecnologie medicali 8,6% Trasporti 7,0% 38. Tecnologie per l'edilizia 8,2% Altre macchine speciali 6,0% 32. Trasporti 7,0% 4 1. Macchine ed app. elettr. 5,4% 29. Altre macchine speciali 6,5% Tecnologie per l'edilizia 5,2% 25. Trattamento - packaging 6,3% Macchine utensili 4,8% 31. Componenti meccanici 5,8% Tecnologie medicali 4,4% 14. Chimica fine organica 5,0% Componenti meccanici 4,3% 16. Prodotti farmaceutici 4,7% Mobile, arredo, attrezz. cucina 4,2% 15. Biotecnologie 4,3% Motori, pompe e turbine 3,5% 27. Motori, pompe e turbine 3,3% Peso cumulato 53,1% Peso cumulato 59,7% La macroarea Italia Meridionale ha sviluppato, negli anni , prevalentemente tecnologie nel campo medicale e nel campo dell edilizia. La macroarea Italia Centro-Nord mostra, negli stessi anni, un maggior orientamento verso la brevettazione di tecnologie relative al packaging e ai trasporti. Le due macroaree mostrano, inoltre, differenti traiettorie di delle tecnologie, come evidenziato dai relativi tassi di (CAGR 3 ). Tabella 2. Graduatoria domande di brevetto pubblicate da EPO per classe tecnologica e macroarea (tasso di medio) ITALIA Centro-Nord medio (%) ITALIA Meridionale medio (%) rank Classi tecnologiche Classi tecnologiche 1 4. Comunicazioni digitali 14,6 23. Ingegneria chimica 19, Analisi materiali biologici 13,4 12. Dispositivi di comando 12, Tecnologie medicali 6,8 10. Strumenti e tecn. di misura 9, Tecniche super. e rivestim. 6,7 14. Chimica fine organica 9, Processi ed appar. termici 6,6 18. Chimica alimentare 8, Nanotecn. 6,4 30. Processi ed appar. termici 7,8 39. Opere pubbliche, infrastr., ind. min. ed estratt. 6,4 13. Tecnologie medicali 6, Motori, pompe e turbine 6,2 5. Tecniche di com. di base 5, Prodotti farmaceutici 5,8 11. Analisi materiali biologici 5, Biotecnologie 5,6 19. Chimica di base 5,5 Totale macroarea 2,3 Totale macroarea 3,2 3 Si evidenzia come il CAGR, utilizzando la media geometrica, è più sensibile alle variazioni delle intensità più piccole e meno sensibile alle variazioni delle intensità più elevate. La variazioni rilevate andrebbe quindi ponderate con la numerosità dei brevetti presenti in ciascuna classe tecnologica 6

7 Nel Centro-Nord tra le tecnologie emergenti troviamo le tecnologie relative alle comunicazioni digitali e all analisi dei materiali biologici. L Italia Meridionale, dal canto suo, sembra investire maggiormente nello sviluppo e protezione di tecnologie relative all ingegneria chimica, ai dispositivi di comando e agli strumenti e tecniche di misura. Negli anni , segnano il passo, nel Centro Nord, le domande di brevetti relative alle tecnologie di comunicazione di base, agli strumenti ottici ed alle altre tecnologie riportate nella Tabella 3, mentre nell Italia Meridionale si registra un forte calo delle domande di brevetto relative alle comunicazioni digitali, alle macchine ed apparecchiature elettriche e così via (Tabella 3). Tabella 2. Le domande di brevetto pubblicate da EPO in diminuzione per classe tecnologica e macroarea (tasso di medio) Classi tecnologiche ITALIA Centro-Nord medio (%) Classi tecnologiche ITALIA Meridionale medio (%) 5. Tecniche di com. di base -11,5 4. Comunicazioni digitali -15,6 9. Strumenti ottici -5,2 1. Macchine ed app. elettr. -14,8 6. Informatica -3,0 28. Macch. pr. carta e tessile -8,1 2. Tecnologie audiovideo -2,9 20. Materiali, metallurgia -5,2 8. Semicondutt. -2,6 21. Tecniche super. e rivestim. -5,2 34. Giochi ed attrezz. Sport -2,3 37. Altri prodotti di consumo -5,2 28. Macch. pr. carta e tessile -2,2 33. Mobile, arredo, attrezz. cucina -1,4 12. Dispoitivi di comando -0,9 27. Motori, pompe e turbine -1,0 3. TLC -0,6 1. Macchine ed app. elettr. -0,2 7

LE STARTUP INNOVATIVE DI UDINE REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO

LE STARTUP INNOVATIVE DI UDINE REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO LE STARTUP INNOVATIVE DI UDINE REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO NOTE PER LA LETTURA DEI REPORT TERRITORIALI DI APPROFONDIMENTO I Report territoriali di approfondimento realizzati nell ambito del

Dettagli

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica Punto 4 dell ordine del giorno Impatto territoriale e settoriale della crisi economica e attività di contrasto poste in essere nel Programma Operativo Le dimensioni i i globali li della crisi i La crisi

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, made in Italy: 59mila marchi e 44mila brevetti depositati in 12 anni Roma 11 maggio 2012 Prodotti di largo consumo, sistema moda, dispositivi elettronici, elettrici,

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005 Sintesi del seminario Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005 Nell'ambito del processo di definizione

Dettagli

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Treviso

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Treviso Treviso, 14 novembre 2014 2 Indice SEZIONE 1. - START UP INNOVATIVE... 5 1.1 LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE START UP INNOVATIVE... 5 Tabella 1 L'evoluzione delle iscrizioni delle start up innovative

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee. I fattori della competitività: innovazione e accoglienza

1. Roma e le altre metropoli europee. I fattori della competitività: innovazione e accoglienza 1. Roma e le altre metropoli europee. I fattori della competitività: innovazione e accoglienza Il fattore innovazione: la capacità brevettuale del territorio. Fattore chiave che segna la strada verso la

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Torino

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Torino Torino, 21 novembre 2014 2 Indice SEZIONE 1. - INFOGRAFICHE... 5 1.1 I NUMERI DELLE START UP INNOVATIVE... 5 1.2 STRUTTURA ECONOMICA DELLE START UP... 6 1.3 GLI ASSET IMMATERIALI DEL TERRITORIO... 7 1.4

Dettagli

La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane

La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane Seconda edizione Febbraio 2011 Aspen Institute Italia Studio curato da IMT Alti Studi Lucca Aspen Institute Italia Interesse

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

MSE, DAL 26 AL 28/4 GIORNATA MONDIALE PROPRIETÀ INTELLETTUALE

MSE, DAL 26 AL 28/4 GIORNATA MONDIALE PROPRIETÀ INTELLETTUALE MSE, DAL 26 AL 28/4 GIORNATA MONDIALE PROPRIETÀ INTELLETTUALE (Teleborsa) - Roma, 20 apr - Valorizzare, promuovere e diffondere l'enorme valore della proprietà intellettuale per favorire lo sviluppo, la

Dettagli

Unioncamere, brevetti: St Microelectronics e Fiat campioni d Italia

Unioncamere, brevetti: St Microelectronics e Fiat campioni d Italia Unioncamere, brevetti: St Microelectronics e Fiat campioni d Italia Roma, 27 gennaio 2009 ST Microelectronics, Centro Ricerche Fiat, G.D. Spa, Pirelli Pneumatici, Pirelli Cavi e Sistemi, Telecom Italia,

Dettagli

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future Simona Calà Antonio Messia Claudia Potena Debora Renzoni Luca Rizzitelli Abstract Obiettivo di questo lavoro è valutare la possibilità di

Dettagli

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Le medie imprese industriali del Nord-Est: ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Reggio Emilia, 27 gennaio 2006 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI E GLI ORIENTAMENTI

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Lauree a indirizzo scientifico: matematica, fisica e geografia

Lauree a indirizzo scientifico: matematica, fisica e geografia Lauree a indirizzo scientifico: matematica, fisica e geografia L'indirizzo scientifico comprende le lauree della classe 22 (scienze e tecnologie della navigazione marittima e aerea), della classe 25 (scienze

Dettagli

Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania

Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania 1 Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania L industria della cultura in Campania produce il 4,4% del valore aggiunto, incidendo per il 4,5% sul mercato dell occupazione. Con questi risultati la

Dettagli

Competitività e innovazione: binomio realizzato dalle imprese marchigiane?

Competitività e innovazione: binomio realizzato dalle imprese marchigiane? Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione industriale Attilio Mucelli a.mucelli@univpm.it Competitività e innovazione: binomio realizzato

Dettagli

Esercizio Valutativo. del PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013. Presentazione e Sintesi dei risultati

Esercizio Valutativo. del PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013. Presentazione e Sintesi dei risultati Esercizio Valutativo del PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013 PROGRAMMA NAZIONALE OPERATIVO RICERCA E COMPETITIVITA Presentazione e Sintesi dei risultati Ministero dello

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi

La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi Management Briefing Intellectual Property Finance Institute C.so Trento, 21 10121 Torino

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi

Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi Progetto co-finanziato dall Unione Europea Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi 1 Le attività dell Enac nel settore della sostenibilità degli aeroporti (1/2)

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale umano e formazione Internazionalizzazione: Esportazioni Investimenti diretti esteri Efficienza

Dettagli

ATTIVITÀ E SERVIZI DELLA RICERCA. Giuseppe Serra VRT 5 novembre 2008

ATTIVITÀ E SERVIZI DELLA RICERCA. Giuseppe Serra VRT 5 novembre 2008 ATTIVITÀ E SERVIZI PER LA VALORIZZAZIONE DEI RISULTATI DELLA RICERCA Giuseppe Serra VRT 5 novembre 2008 Valorizzazione dei risultati della R&S e assistenza allo start up di imprese innovative Servizio

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza

Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo Una delle caratteristiche più importanti del processo di integrazione economica degli ultimi anni è il peso

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Aprile 26 I Numeri del Sud segnalano le disparità esistenti

Dettagli

ITALIAN PATENT BOX. Aspetti tax e IP. Avv. Roberto Valenti e Avv. Antonio Tomassini Palazzo Isimbardi 1 aprile 2014

ITALIAN PATENT BOX. Aspetti tax e IP. Avv. Roberto Valenti e Avv. Antonio Tomassini Palazzo Isimbardi 1 aprile 2014 ITALIAN PATENT BOX Aspetti tax e IP Avv. Roberto Valenti e Avv. Antonio Tomassini Palazzo Isimbardi 1 aprile 2014 L'Europa e l'innovazione Dal report "Intellectual property rights intensive industries:

Dettagli

Giovani chimici per quale industria?

Giovani chimici per quale industria? Giovani chimici per quale industria? Fabbisogni formativi e opportunità nella chimica l Industria incontra l Università Milano, 13 aprile 2005 Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche - Internazionalizzazione

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

La riforma della Legge 488/92

La riforma della Legge 488/92 Ministero delle Attività Produttive IPI Istituto per la Promozione Industriale La riforma della Legge 488/92 Nuovi criteri e modalità per la concessione delle agevolazioni ex lege 488/92 a seguito della

Dettagli

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre 1. Il 7 dicembre l OCSE ha presentato i risultati di PISA 2009. Nello stesso giorno

Dettagli

I.P.S.I.A. GALLARATE. Un po di storia

I.P.S.I.A. GALLARATE. Un po di storia I.P.S.I.A. Un po di storia GALLARATE L Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato assume, dal 1951, l attuale denominazione Andrea Ponti, industriale tessile di fine 800 che mise a

Dettagli

Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere GreenItaly Rapporto NUTRIRE IL FUTURO 2013 Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere L attuale momento della vita economica del Paese AUMENTANO I FALLIMENTI 8.900 nei primi 9 mesi dell anno: +6%

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

Indice di Green Economy 2013

Indice di Green Economy 2013 Indice di Green Economy 2013 CHI SALE E CHI SCENDE NELLA CLASSIFICA REGIONALE DELLA GREEN ECONOMY info@fondazioneimpresa.it - www.fondazioneimpresa.it 4 edizione Allo scopo di comprendere lo stato della

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 1 La crisi internazionale dei mercati ha avuto effetti negativi sui conti delle imprese italiane a partire dall ultimo trimestre

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere: le nicchie di mercato in cui l Italia mostra il suo genio In attesa di un avanzamento sul fronte del brevetto UE unico, riguardo al quale domani ci sarà una

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere GreenItaly L economia verde sfida la crisi Rapporto 2012 Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere GreenItaly Contro la crisi, oltre la crisi VALORIZZARE IL MODELLO D IMPRESA CHE GUIDA LA RICONVERSIONE

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

RELAZIONE AI SENSI DELL ART. 11

RELAZIONE AI SENSI DELL ART. 11 Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico 19 febbraio 2007 come modificato dal d.min. 26 ottobre 2007 e coordinato con il d.min. 7 aprile 2008

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Gli effetti della crisi sulle PMI meridionali Il rischio delle PMI meridionali Le prospettive e le misure necessarie per favorire la ripresa

Dettagli

Sommario. Sintesi della valutazione ex-ante strumenti finanziari pag. ii

Sommario. Sintesi della valutazione ex-ante strumenti finanziari pag. ii Valutazione ex ante degli strumenti finanziari della Regione Toscana da attivare nell ambito della programmazione del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Sintesi Sommario Introduzione...iii

Dettagli

ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI

ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI INTRODUZIONE Il brevetto italiano è stato oggetto, in anni recenti, di un radicale mutamento procedurale che ne ha accresciuto

Dettagli

Sistema Informativo Statistico SISPICAL

Sistema Informativo Statistico SISPICAL REGIONE CALABRIA ASSESSORATO ISTRUZIONE, ALTA FORMAZIONE E RICERCA Sistema Informativo Statistico SISPICAL Analisi dell offerta formativa degli istituti secondari di secondo grado della Regione Calabria

Dettagli

RISORSA SUD. Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia

RISORSA SUD. Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia Presentazione 10 settembre 2015, ore 11 SVIMEZ Via di Porta Pinciana, 6 Roma #RisorsaSud Tre aree di intervento Rilancio degli investimenti produttivi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO I DATI DI GREENITALY DI FONDAZIONE SYMBOLA E UNIONCAMERE DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO 372MILA IMPRESE (24,5% DEL TOTALE) PUNTANO SULLA GREEN

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020

L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020 L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020 Il vigente Piano d Azione italiano per l Efficienza Energetica ( 2007- PAEE),in recepimento della Direttiva 2006/32/CE, prevede un obiettivo di

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA a cura di Sabina Nuti La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione del personale che opera nelle strutture del sistema sanitario regionale. Alcune aziende

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PON Reti e Mobilità Obiettivo Convergenza 2007 2013 Linea di Intervento I.4.1. Regimi di aiuto al settore privato per la realizzazione di infrastrutture logistiche Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione

Dettagli

Numeri del Sud 1. Novità 2. Il punto su A. Obiettivi di servizio B. Indicatori con target QSN Temi per le politiche regionali

Numeri del Sud 1. Novità 2. Il punto su A. Obiettivi di servizio B. Indicatori con target QSN Temi per le politiche regionali Numeri del Sud Bollettino statistico Indicatori delle politiche per lo sviluppo Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici e della Direzione generale per la politica

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

La classifica delle regioni italiane... 4. I ranking indicatore per indicatore... 13

La classifica delle regioni italiane... 4. I ranking indicatore per indicatore... 13 GREEN ITALIA? INDICE DI GREEN ECONOMY E CLASSIFICA DELLE REGIONI ITALIANE SETTEMBRE 2010 SOMMARIO Introduzione... 1 L indice di Green Economy (IGE)... 2 La classifica delle regioni italiane... 4 I ranking

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2011

Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2011 Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2011 Giovanni Murano Comitato Termotecnico Italiano Via Scarlatti 29, 20124 Milano Tel. +39 02 266.265.1 Fax +39 02 266.265.50

Dettagli

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Strettamente riservato Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Documento datato 25 novembre 215 Presentazione del lavoro 27 novembre 215 Terni 215 The European

Dettagli