Calore, temperatura e passaggi di stato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calore, temperatura e passaggi di stato"

Transcript

1 Calore, temperatura e passaggi di stato Temperatura e calore sono due concetti molto simili, al punto tale che molto spesso vengono utilizzati come sinonimi. In realtà i due termini esprimono due concetti legati tra loro ma dal significato fisico molto diverso. Per illustrare i concetti che i due termini esprimono possiamo utilizzare una piccola esperienza, consideriamo due corpi di uguali dimensioni posti a contatto. Siano uno più caldo e uno più freddo: il corpo rosso è più caldo il corpo azzurro è più freddo Se prendiamo un termometro e misuriamo la temperatura otteniamo due valori diversi Dopo un certo intervallo di tempo il corpo caldo allora si raffredda e il corpo freddo si scalda, sino al punto in cui la situazione sarà di equilibrio, cioè: Se prendiamo un termometro e misuriamo la temperatura otteniamo due valori uguali. Che cosa è successo? Il termometro misura uno stato del corpo, infatti: all istante iniziale il termometro misura per i due corpi due valori diversi; successivamente, dopo che essi sono stati posti a contatto per un certo intervallo di tempo, rileva due valori uguali. Evidentemente si è verificato un stato un trasferimento di una grandezza. Questo trasferimento si è arrestato quando i corpi hanno la stessa temperatura, infatti il termometro non rileva nessuna variazione negli istanti successivi, pertanto non avviene alcun cambiamento. Il termometro, quindi, rileva un valore di stato del corpo che si può leggere su una scala graduata tale proprietà è la temperatura. La grandezza che si trasferisce da un corpo all altro invece è il calore. Possiamo ora definire calore e temperatura: Definizione: si definisce temperatura quella grandezza fisica che esprime lo stato termico di un corpo.

2 La temperatura è una proprietà intensiva, cioè una caratteristica di un sistema che non dipende dalle dimensioni o dalla quantità di materia del sistema(cioè da proprietà estensive). Definizione: il calore è la forma nella quale l'energia passa da un sistema fisico ad un altro a causa della differenza di temperatura. Tornando all esempio dei due corpi posti a contatto possiamo dare la seguente definizione. Definizione: si definisce equilibrio termico tra due o più corpi lo stato in cui i corpi a contatto raggiungono uno stato in cui non avvengono più cambiamenti, cioè in cui non avviene più trasferimento di calore. Riportiamo ora un enunciato basato sull'osservazione più che sulla teoria. Principio zero della termodinamica: se due corpi A e B, sono in equilibrio termico con un terzo corpo C allora anche i corpi A e B sono in equilibrio termico tra loro. Il termometro Per misurare la temperatura è necessario un termometro, strumento che sfrutta l equilibrio termico associato a misurazione della dilatazione termica subita dai corpi. Il convenzionale termometro a mercurio misura la variazione di volume del mercurio posto in un capillare di vetro, quando viene messo in contatto termico con il corpo di temperatura ignota. L'allungamento della colonna di mercurio è proporzionale alla temperatura del corpo. Il termometro a mercurio viene attribuito a Gabriel Fahrenheit che introdusse nel 1714 la scala di temperature in uso ancora oggi, mentre la scala centigrada si deve a Anders Celsius nel Come costruire la scala di un termometro Per "tarare" le scale in entrambi i casi si sono utilizzati gli stessi due punti di calibrazione, la temperatura di congelamento e di ebollizione dell acqua (alla pressione di 1 atmosfera). La scala Celsius associa ai due punti le temperature di 0 e 100 mentre la Fahrenheit 32 e 212. La scala viene poi suddivisa in modo da avere la misura della temperature tra i due punti di calibrazione.per temperature maggiori di quella di ebollizione o minori del punto di congelamento dell acqua, si estendono le numerazioni (in scala) oltre i due punti di riferimento.

3 Taratura del termometro a zero gradi centigradi Taratura del termometro a 100 gradi centigradi Il classico termometro Quindi possiamo concludere che: la temperatura misura uno stato di un corpo; il calore è una forma di energia; temperatura e calore sono legati tra loro; ad un determinato calore di un corpo corrisponde una ben precisa temperatura. Pertanto temperatura ed energia sono legati tra oro, ma non rappresentano lo stesso concetto.

4 Le scale di misura della temperatura Con il metodo indicato in precedenza è possibile tarare il termometro, tuttavia vi sono più scale della temperatura che assegnano ai punti di riferimento indicati in precedenza valori diversi. Vediamo come passare da una rappresentazione all altra. Scala Celsius La scala Celsius delle temperature è progettata perché il punto di congelamento dell'acqua sia a 0 gradi e il punto di ebollizione a 100 gradi, entrambi alla pressione atmosferica standard. Poiché ci sono cento divisioni tra questi due punti di riferimento, il termine di riferimento per questo sistema è il grado centigrado o centesimale. Scala Farenheit Fahrenheit è una scala di temperatura proposta dal fisico tedesco Gabriel Fahrenheit, tutt'ora in uso negli Stati Uniti d'america e in Giamaica. In questa scala il punto di congelamento dell'acqua è di 32 gradi Fahrenheit, mentre il punto di ebollizione si trova a 212 gradi, si suddividono poi i due estremi in 180 gradi. Scala Kelvin o scala assoluta Lo zero assoluto è la temperatura più bassa che teoricamente si possa ottenere e corrisponde a 0 Kelvin, cioè 273,1 C. Si può mostrare con le leggi della termodinamica che la temperatura non può mai essere esattamente pari allo zero assoluto, anche se è possibile raggiungere temperature molto prossime ad esso. Allo zero assoluto le molecole e gli atomi di un sistema possiedono il minor quantitativo possibile di energia cinetica, cioè ovvero il più basso livello di energia cui possono giungere. L'impossibilità di raggiungere lo zero assoluto è una conseguenza del secondo principio della termodinamica (che vedremo nel capitolo successivo) che normalmente è espresso come la proprietà dell'entropia di un sistema chiuso di non poter mai diminuire. Per illustrare meglio il significato di cosa rappresenti lo zero assoluto bisogna tener presente che la temperatura è legata alla misura dell'energia interna di un corpo, intesa come somma di energia cinetica e potenziale. Raggiungere lo zero assoluto significherebbe quindi riuscire ad annullare l'energia cinetica delle molecole che compongono il corpo. In questo stato le molecole che lo compongono si fermano completamente (anche nel loro moto oscillatorio rispetto al posizione di equilibrio) e la temperatura è la più bassa possibile: questa temperatura si chiama zero assoluto.

5 A temperature molto basse, prossime allo zero assoluto, la materia esibisce molte proprietà inusuali, quali la superconduttività (che vedremo in seguito in relazione al passaggio di corrente elettrica nei conduttori). Gli scienziati mediante l'uso di speciali macchine termiche sono riusciti a portare un corpo ad un solo milionesimo di C dallo zero assoluto Al 200, la temperatura più bassa mai 10 ottenuta è stata di 4, 10 K, conseguita al MIT (Massachusetts Institute of Technology). La Nebulosa Boomerang è stata recentemente scoperta come il posto più freddo conosciuto, al di fuori dei laboratori, con una temperatura di soli 272 C (1 K). La nebulosa è a.000 anni luce dalla Terra (nella costellazione del Centauro). Si noti come l'esistenza di un limite inferiore della temperatura non implichi l'esistenza di una temperatura massima raggiungibile. Infatti non essendoci limite superiore all'energia cinetica non c'è limite superiore alla temperatura. Riportiamo una tabella con alcune curiosità meteorologiche riguardanti temperature estreme. La temperatura più alta registrata sulla Terra. Al-'Aziziyah, Libia Il 13 settembre 1922 la colonnina di mercurio raggiunse 7,8 C. La temperatura più bassa registrata sulla Terra. Vostok, Antartide Presso la stazione russa di Vostok il 21 luglio 1983 viene registrata la temperatura esterna di - 89, C. Fonte: Nello spazio cosmico ci sono molte componenti che possono depositare energia scaldando un corpo. Considerando invece una porzione di spazio, la temperatura equivalente dovuta alle diverse componenti radiative o particellari si può affermare che essa sia compresa tra i 3 e i gradi Kelvin ovvero tra 270 e 268 gradi centigradi. Fonte:

6 Tabella di conversione delle temperature Conversione da a formula Celsius Farenheit F = C 1, celsius Kelvin K = C + 273, 1 Farenheit Celsius ( F 32) C = Farenheit Kelvin ( F + 49,67) K = Kelvin Celsius C = K 273, 1 Kelvin Farenheit F = ( K 1,8 ) 49, 67 1,8 1,8 Il calore è una forma di energia, in particolare esso è energia termica. Quindi il trasferimento di calore implica un trasferimento di energia termica. Il flusso di calore, o in maniera equivalente di energia, non viene misurato per motivazioni storiche in joule, unità di misura dell energia, bensì utilizzando la kilocaloria (kcal), definita come segue: Definizione: si definisce kilocaloria la quantità di calore che si deve fornire ad un litro d acqua per innalzare la temperatura di 1 C da 14, C a 1, C. Tale definizione può essere formulata utilizzando anche i grammi, ricordando che 1 litro d acqua equivale ad una massa di 1 kg, si ha Definizione: si definisce caloria la quantità di calore che si deve fornire ad un grammo d acqua per innalzare la temperatura di 1 C da 14, C a 1, C. Osservazione: la kcal è l unità di misura utilizzata per esprimere il valore energetico degli alimenti. Dal punto di vista microscopico, fornire calore ad una sostanza significa aumentare il moto di agitazione termica delle particelle che lo compongono, pertanto si aumenta in questo modo l energia cinetica media del corpo. Tale moto di agitazione termica è caratteristico di ogni sostanza, cioè se forniamo la stessa quantità di calore a due sostanze diverse, a causa dei differenti legami di coesione molecolare delle due sostanze, in generale si ha che la temperatura nei due corpi non aumenta nella stessa misura.

7 Si ha inoltre che la quantità di calore necessaria per far variare la temperatura di una sostanza è in relazione di proporzionalità diretta con la massa m della sostanza (ovvio, più sostanza ho, più deve essere il calore fornito per farne aumentare la temperatura). Quindi per far aumentare la temperatura ( t) di una certa sostanza avente massa m è necessaria una quantità di calore Q Cioè Q direttamente proporzionale m T Inoltre è necessario tener presente i legami di coesione molecolare caratteristico della sostanza per aumentare l energia cinetica delle particelle, quindi Q = mc T Dove c è il calore specifico della sostanza, costante di proporzionalità propria del materiale che si considera e che descrive la relazione della struttura molecolare. Definizione: si definisce calore specifico di una sostanza la quantità di calore necessaria per aumentare di 1 kelvin la temperatura di un'unità di massa della sostanza. Osservazione Dalla relazione precedente si deduce che Q c = m T quindi kg K kg K Q kcal J [ c ] = = = m T L aumentare del calore specifico per una sostanza richiede una maggiore quantità di calore per far aumentare la temperatura del materiale. Osservazioni Quindi se una sostanza che ha calore specifico elevato e si trova ad una alta temperatura significa che ha immagazzinato una grande quantità di calore. Ad esempio l acqua ha calore specifico elevato, quando si beve un caffè è possibile scottarsi in quanto la quantità di calore accumulata è notevole.

8 Calore specifico di alcune comuni sostanze Sostanza Stato Calore specifico J kg K Alluminio solido 880 Acqua liquido 4186 Acqua Ghiaccio solido (0 C) 2260 Aria (secca) gassoso 100 Azoto gassoso 1042 Diamante solido 02 Elio gassoso 190 Ferro solido 444 Grafite solido 720 Idrogeno gassoso Litio solido 382 Mercurio liquido 139 Olio liquido 2000 Ossigeno gassoso 920 Oro solido 129 Ottone solido 377 Piombo solido 130 Rame solido 38 Per determinare il valore del calore specifico per una sostanza si utilizza il calorimetro delle mescolanze, strumento (isolato termicamente dall esterno) in grado di misurare scambi di calore tra sostanze e nei vari passaggi di stato.

9 La temperatura di equilibrio Dati due corpi m 1,m2 a temperature diverse t 1 < t2, una volta posti a contatto modificano il loro stato sino a giungere all equilibrio, cioè quella situazione in cui hanno la stessa temperatura. Però tale temperatura dipende oltre che dalle temperature iniziali anche dalle masse dei due corpi, infatti se un corpo ha massa 10 kg e l altro ha mass 10 grammi è evidente che si dovrà tener presente anche di questo dato. Inoltre si deve tener conto del calore specifico, cioè del modo in cui si lascia attraversare dal calore. Allora il fatto che il calore acquistato da una sostanza è pari al calore ceduto dall altra, si avrà Q Q 1 = m1c1 t 1 2 m2c2 t2 cioè: m = Q1 = Q2 1c1 t1 = m2c2 t2 Possiamo indicare la temperatura di equilibrio con t eq, quindi: t1 = teq t1 > t2 = teq t2 < 0 0 Allora sostituendo si ha: m ( t t ) = m c ( t ) 1c1 eq eq t2 m 1c1t eq m1c1t1 = m2c2teq + m2c2t2 m 1c1t eq + m2c2teq = m1c1t1 + m2c2t2 ( m1c1 + m2c2 ) = m1c1t1 m2c2t 2 t eq + m c t t eq = m1c1 + + m2c2t m c Che rappresenta la formula per determinare la temperatura di equilibrio tra due corpi di masse m 1,m 2 di diverso materiale, aventi temperature diverse Osservazione Se i due corpi posti a contatto sono costituiti dallo stesso materiale, la formula diventa: m t 1 1 t eq = m1 + + m2t m 2 2

10 Equivalenza tra calore ed energia Se utilizziamo un trapano per perforare una parete di cemento armato, notiamo che dopo un certo intervallo di tempo la punta si surriscalda a tal punto che, se versiamo dell acqua per raffreddarla, in situazioni in cui il carico di lavoro sia pesante, parte del liquido evapora quando viene a contatto con il metallo. Non essendovi presenza di fuoco, ed avendo un passaggio di stato, viene trasferito del calore che deve essere generato dall attrito causato dal moto rotatorio del trapano sul muro. A stabilire l esatta corrispondenza tra calore ed energia fu James Joule che tramite un esperienza riuscì a quantificare il rapporto tra le due quantità. Con questa esperienza Joule determinò l'equivalente meccanico del calore: 1 kcal = 4186J oppure 1 cal = 4, 186J Cioè servono 4186J di lavoro meccanico per aumentare la temperatura di 1 kg di acqua di un grado. Cambiamenti di stato Gli stati in cui possiamo trovare la materia sono tre: solido, liquido, aeriforme. I tre diversi momenti sono caratterizzati da diversi stati di aggregazione delle molecole. Nel caso dei solidi le molecole della materia sono vincolate ad occupare una regione di spazio ben definita. Possono oscillare attorno ad un punto, rimanendo sempre nella regione di spazio cui sono legate. La struttura che caratterizza questo stato della materia è quindi costituita da molecole che non possono muoversi liberamente nello spazio circostante ma sono vincolate ad una disposizione e a posizioni pressoché fisse. Nel caso di un liquido i legami molecolari sono meno forti rispetto al caso precedente, infatti le molecole si possono muovere con più libertà, non dovendo occupare una posizione fissa. Infatti un liquido assume la forma del recipiente che lo contiene, fatto irrealizzabile se le molecole occupassero posizioni vincolate, come nel caso dei solidi. Le molecole presentano in questo stato una forza di coesione meno forte dei solidi, ma tale da tenerle vincolate in modo che esse non possano muoversi indipendentemente le une dalle altre. Nello stato aeriforme infine i legami molecolari sono molto deboli che le molecole possono distanziarsi tra loro e occupare qualunque posizione dello spazio senza particolari legami con le altre particelle. La posizione di ogni singola molecola dipende dalle condizioni iniziali del moto aeriforme, dalle interazioni con l ambiente (dove con ambiente si intende le eventuali interazioni con altre molecole, come gli urti, oppure l azione di forze esterne).

11 La temperatura in cui avviene una trasformazione ha un nome che la contraddistingue, la seguente tabella riassume le possibili combinazioni stato iniziale cambiamento si stato stato finale 1 Solido Fusione liquido 2 Solido Sublimazione aeriforme 3 Liquido Solidificazione solido 4 Liquido Vaporizzazione aeriforme Aeriforme Condensazione Liquido 6 Aeriforme Brinamento solido Per quanto riguarda la vaporizzazione essa può avvenire secondo due modalità: evaporazione: un processo lento che interessa solo gli strati superficiali del liquido, in quanto essi hanno legami molecolari più deboli con la parte restante della sostanza; ebollizione: un processo rapido, che avviene ad un temperatura ben determinata (in genere ma non sempre causato dall aumento del calore fornito alla sostanza). Schema dei passaggi di stato brinamento solidificazione condensazione solido liquido aeriforme fusione vaporizzazione Il calore latente sublimazione Quando si fornisce (o si sottrae) calore ad un oggetto esso risponde alla sollecitazione aumentando (o diminuendo) la sua temperatura. Vi sono tuttavia delle situazioni in cui pur fornendo (o sottraendo) calore il corpo non aumenta (o diminuisce) la temperatura. Cosa accade allora se la temperatura rimane costante ma vi è un trasferimento di calore? Semplicemente il corpo si trova in un punto in cui sta cambiando stato e il calore che viene fornito serve per poter passare da uno stato di aggregazione della materia all altro.

12 Soltanto quando tutta la sostanza è passata di stato, continuando a fornire calore, la temperature riprende a salire. Ad esempio se riscaldiamo una massa d acqua, essa aumenterà la sua temperatura sino a 100 C, successivamente se forniamo ancora calore la temperatura rimane costante ma l acqua inizia ad evaporare, soltanto quando tutta l acqua è evaporata e si continua a fornire calore, la temperatura del gas (vapore acqueo) inizia di nuovo ad aumentare. Il calore necessario per far passare di stato una determinata sostanza è detto calore latente. Definizione: il calore latente λ è la quantità di energia necessaria per ottenere un cambiamento di fase per una massa di 1 kg di una sostanza. Quindi il calore latente per ottenere un cambiamento di stato per una massa m di una certa sostanza è Q = mλ Calore latente e temperatura al cambio di stato di sostanze comuni alla pressione atmosferica Sostanza Cal. latente di fusione J kg T di fusione C Cal. latente di vaporizzazione J kg T di ebollizione C Alcool etilico , Idrogeno 0, , Azoto 0, Ossigeno Mercurio Acqua Oro 0, , , , , , , , Come si vede dalla tabella ogni sostanza ha due calori latenti uno per la fusione, uno per l ebollizione.

13 La definizione e la formula Q = mλ per il calore latente non contengono riferimenti a variazioni di temperatura, infatti durante un passaggio di stato si ha che la temperatura rimane costante e il calore fornito viene utilizzato per modificare i legami tra le molecole. Pertanto il calore latente non dipende dalla temperatura, in quanto un passaggio di stato avviene soltanto ad una temperatura ben precisa che dipende dalla sostanza. Se non si arriva a tale temperatura non ha senso parlare di calore latente. Pertanto il calore latente, una volta arrivati alla temperatura di un passaggio si stato, dipende soltanto dalla natura del materiale e dalla sua massa. Osservazione Nel passaggio di stato liquido solido si ha una diminuzione di volume (poiché le particelle tendono ad avvicinarsi). L unica eccezione è l acqua che solidificandosi aumenta il proprio volume Osservazione (utile per gli esercizi) Se si deve innalzare la temperatura di un corpo si utilizza l equazione Q = mc T Se si deve far cambiare di stato un corpo si utilizza l equazione Q = mλ. Posti due corpi a contatto il calore acquistato da una sostanza è pari al calore ceduto dall altra. Data una massa m, per portarla da una temperatura t 1 ad una temperatura t 2 e se tra t 1 e t 2 vi è una temperatura t in cui la sostanza cambia di stato, è necessario: calcolare la quantità di calore per portare la sostanza dalla temperatura t 1 alla temperatura t calcolare la quantità di calore latente per far cambiare di stato la sostanza calcolare la quantità di calore per portare la sostanza dalla temperatura t alla temperatura t 2 Analoghe osservazioni nel caso in cui si sottragga calore ad un corpo, cioè gli si fa diminuire la temperatura. Osservazione Data una sostanza s il calore latente di fusione corrisponde con il calore latente di solidificazione, cioè la quantità di calore che si deve fornire per farlo fondere è uguale alla quantità di calore che gli si deve togliere per farlo solidificare. Analogamente Data una sostanza s il calore latente di vaporizzazione corrisponde con il calore latente di condensazione, cioè la quantità di calore che si deve fornire per farlo vaporizzare è uguale alla quantità di calore che gli si deve togliere per farlo condensare.

14 Trasmissione nel calore La trasmissione del calore può avvenire in modo naturale, cioè senza spendere energia, sia forzatamente, cioè compiendo lavoro. Nel primo caso si ha un trasferimento da un ambiente (o da un corpo) a temperatura maggiore ad uno a temperatura minore. Nel secondo caso invece si trasferisce calore da un ambiente(o da un corpo) a temperatura minore ad un altro avente temperatura maggiore. E necessario quindi svolgere un lavoro per riuscire a compiere questo tipo di trasferimento, si può pensare ad esempio al lavoro svolto da un condizionatore d estate per abbassare la temperatura di una stanza: compie un lavoro (consumando energia elettrica) per trasferire calore dall interno all esterno. La trasmissione naturale del calore può avvenire in tre modi: conduzione convezione irraggiamento La conduzione è la trasmissione del calore che avviene per contatto tra due corpi aventi temperatura diverse. Essa è caratteristica dei corpi solidi. Tale passaggio avviene a causa degli scambi di energia a livello molecolare tra le particelle adiacenti delle superfici a contatto. I materiali si suddividono in due categorie, la cui causa è la struttura molecolare dell oggetto: conduttori termici : sostanze che si lasciano attraversare dal calore isolanti termici: sostanze che non si lasciano attraversare dal colore, bloccando il flusso di calore. La convezione consiste nelle scambio di calore per un fluido(gas o liquido) quando entra in contatto con un corpo la cui temperatura è maggiore di quella del fluido stesso. Aumentando di temperatura, il fluido a contatto con l'oggetto si espande e diminuisce di densità, generando moti convettivi, cioè il fluido a temperatura maggiore (e densità minore) sale e il fluido a temperatura minore (e densità maggiore) scende verso il basso. Una volta che il fluido sceso si riscalda sale di nuovo verso l alto generando un moto interno del fluido, detto appunto convettivo. Il moto convettivo è un moto macroscopico. Osservazione

15 La brezza marina è una conseguenza di un moto convettivo dell aria: scambio di calore tra l aria più fredda a contatto con l acqua e gli strati più alti di aria calda. L esempio classico di moto convettivo consiste nell acqua posta su una sorgente di calore. La parte dell acqua vicina alla sorgente si riscalda ed essendo più calda (e meno densa) risale, allora l acqua più fredda degli strati superficiali scende. Essa a sua volta si riscalda e risale prendendo il posto degli strati d acqua calda saliti in precedenza. Si instaura così un moto d acqua i cui flussi vengono detti correnti convettive. L irraggiamento consiste in una forma di trasmissione del calore che non richiede contatto diretto tra le sostanze tra cui avviene il flusso termico. Non necessita nemmeno di un mezzo per propagarsi, infatti questa è la modalità di trasferimento di tra il Sole e la Terra. Secondo questo processo il trasferimento di calore avviene sotto forma di onde elettromagnetiche, per cui il calore può propagarsi anche nel vuoto e non solo attraverso la materia. Un onda infatti trasporta energia. Osservazione L irraggiamento avviene dal corpo a temperatura maggiore a quello a temperatura minore, in realtà, l energia si propaga in entrambe le direzioni ma con minore intensità da quello freddo a quello

16 caldo. Infatti, se un corpo emanasse soltanto e non assorbisse mai energia elettromagnetica la sua temperatura raggiungerebbe lo zero assoluto che rappresenta un valore ideale. Irraggiamento solare L emissione e l assorbimento dipendono dalla natura del corpo e da alcune caratteristiche della sua superficie: un corpo avente una superficie scura è un buon assorbitore. Un esempio di irraggiamento, oltre ai raggi solari, è rappresentato dall azione di scaldarsi nelle vicinanze di un fuoco: la combustione emette radiazioni infrarosse responsabili dell azione riscaldante. La pelle è composta in gran parte d acqua le cui molecole hanno frequenza di vibrazione estremamente simile alla frequenza delle radiazioni infrarosse, per cui la pelle è particolarmente sensibile a tale sollecitazione, assorbendo l energia delle onde. Tale fenomeno è detto assorbimento per risonanza.

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Termodinamica I FENOMENI TERMICI Temperatura

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro Cos è il calore? Per rispondere si osservino le seguenti immagini Temperatura e calore Il calore del termosifone fa girare una girandola Il calore del termosifone fa scoppiare un palloncino Il calore del

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN)

È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN) È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN) È STRETTAMENTE LEGATA ALLA VELOCITÀ DI VIBRAZIONE DELLE MOLECOLE IN UN CORPO: SE LA TEMPERATURA DI UN CORPO AUMENTA LE

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI SISTEMA parte di materia e/o spazio, idealmente isolata, su cui si concentra ntra l attenzione dell osservatore AMBIENTE ESTERNO tutto ciò che sta al di fuori, ma pur sempre

Dettagli

I fenomeni termici e le leggi dei gas

I fenomeni termici e le leggi dei gas modulo c indice glossario costanti calcolatrice I fenomeni termici e le leggi dei gas unitàc1 La temperatura e l equilibrio termico unitàc2 Il calore e i passaggi di stato 1 La temperatura 2 La dilatazione

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

Termodinamica: legge zero e temperatura

Termodinamica: legge zero e temperatura Termodinamica: legge zero e temperatura Affrontiamo ora lo studio della termodinamica che prende in esame l analisi dell energia termica dei sistemi e di come tale energia possa essere scambiata, assorbita

Dettagli

DOCENTE:S. CERESA MIO

DOCENTE:S. CERESA MIO DOCENTE:S. CERESA MIO 1 La chimica è la scienza che studia le proprietà, la composizione e le trasformazioni delle sostanze presenti in natura o prodotte artificialmente dall uomo. Oggetto di studio della

Dettagli

Sono state usate altre scale ma sono tutte in disuso (Reamur e Rankine ad esempio).

Sono state usate altre scale ma sono tutte in disuso (Reamur e Rankine ad esempio). Le scale termometriche (UbiMath) - 1 Scale termometriche La temperatura di un corpo non dipende dalle nostre sensazioni. Le sensazioni di caldo e freddo dipendono dal calore che i vari oggetti scambiano

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Trasformazioni termodinamiche I o principio della Termodinamica Gas perfetti Gas reali pag.1 Temperatura Proprietà

Dettagli

Corso di Fisica Generale 1

Corso di Fisica Generale 1 Corso di Fisica Generale 1 corso di laurea in Ingegneria dell'automazione ed Ingegneria Informatica (A-C) 22 lezione (18 / 12 /2015) Dr. Laura VALORE Email : laura.valore@na.infn.it / laura.valore@unina.it

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno PROPAGAZIONE DEL CALORE CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO EFFETTI DEL CALORE DILATAZIONE TERMICA nei SOLIDI CAMBIAMENTI DI STATO CUBICA LINEARE nei LIQUIDI nei GAS di Davide M. MATERIALI: -pentola con

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 5: Energia, Lavoro e Calore

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 5: Energia, Lavoro e Calore L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 5: Energia, Lavoro e Calore Introduzione al concetto di energia Energia cinetica, potenziale e

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI LEZIONE 5-6 G PERFETTI, CLORE, ENERGI TERMIC EERCITZIONI 1: OLUZIONI Gas Perfetti La temperatura è legata al movimento delle particelle. Un gas perfetto (ovvero che rispetta la legge dei gas perfetti PV

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

Che cosa è la materia?

Che cosa è la materia? Che cosa è la materia? Tutti gli oggetti e le sostanze che ci stanno intorno sono costituite da materia. Ma che cosa è la materia? Il banco, la cattedra occupano uno spazio nell aula a causa del loro volume,

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

vantaggi energetici economici ambientali

vantaggi energetici economici ambientali vantaggi energetici economici ambientali Indice L energia solare Principi base Come funziona un sistema solare termico Funzionamento Classificazioni I componenti dell impianto 2 La tecnologia del solare

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

Il calore come forma di energia. prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia

Il calore come forma di energia. prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Il calore come forma di energia prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Alcune definizioni Il calore è definito come quella forma

Dettagli

Il vetro e l isolamento termico Scambi termici

Il vetro e l isolamento termico Scambi termici Scambi termici Una parete vetrata separa generalmente due ambienti di diversa temperatura. Come per qualsiasi altro tipo di parete, anche attraverso il vetro ha luogo uno scambio dall'ambiente più caldo

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Qual è la differenza fra la scala Celsius e la scala assoluta delle temperature?

Qual è la differenza fra la scala Celsius e la scala assoluta delle temperature? ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DANIELE CRESPI Liceo Internazionale Classico e Linguistico VAPC02701R Liceo delle Scienze Umane VAPM027011 Via G. Carducci 4 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) www.liceocrespi.it-tel.

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

All aperto, in una giornata fredda, ci si chiede come fare per riscaldare le mani?

All aperto, in una giornata fredda, ci si chiede come fare per riscaldare le mani? Temperatura e calore All aperto, in una giornata fredda, ci si chiede come fare per riscaldare le mani? Le strofino forte forte Le metto in tasca o le infilo sotto le ascelle Ho freddo ai piedi, ho le

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Si classifica come una grandezza intensiva

Si classifica come una grandezza intensiva CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA La temperatura È osservata attraverso gli effetti che provoca nelle sostanze e negli oggetti Si classifica come una grandezza intensiva Può essere considerata una stima del

Dettagli

SCIENZE INTEGRATE FISICA

SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE DISCIPLINA ORE SETTIMANALI TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO MODULO 1: Il moto e l energia I concetti di sistema di riferimento e le grandezze cinematiche. I diversi tipi di rappresentazione del

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Le energie in gioco sono di vario tipo: energia associata ai flussi entranti e uscenti (potenziale, cinetica, interna), Calore scambiato con l ambiente,

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO Lo Stato Gassoso Gas Vapore Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente MACROSCOPICO microscopico bassa densità molto comprimibile distribuzione

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA LE MACCHINE TERMICHE Sono sistemi termodinamici che trasformano il calore in lavoro. Operano ciclicamente, cioè

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

LEGGE GAS PERFETTI. Gas perfetto è governato dalla legge: PV=nRT=(N/NA) RT. kb=1.38*10-23 (J/K) cost Boltzmann

LEGGE GAS PERFETTI. Gas perfetto è governato dalla legge: PV=nRT=(N/NA) RT. kb=1.38*10-23 (J/K) cost Boltzmann LEGGE GAS PERFETTI Gas perfetto è governato dalla legge: PV=nRT=(N/NA) RT PV=NkBT dove kb=r/na kb=1.38*10-23 (J/K) cost Boltzmann TEORIA CINETICA DEI GAS Scopo: legame tra quantità macroscopiche e microscopiche

Dettagli

Complementi di Termologia. I parte

Complementi di Termologia. I parte Prof. Michele Giugliano (Dicembre 2) Complementi di Termologia. I parte N.. - Calorimetria. Il calore è una forma di energia, quindi la sua unità di misura, nel sistema SI, è il joule (J), tuttavia si

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

VERIFICA DELLA SOSTA TERMICA di FUSIONE E SOLIDIFICAZIONE DELL ACIDO STEARICO

VERIFICA DELLA SOSTA TERMICA di FUSIONE E SOLIDIFICAZIONE DELL ACIDO STEARICO FRANCESCA ESPOSITO 12/10/ 11, LABORATORIO di FISICA, LICEO LEONARDO DA VINCI, GALLARATE VERIFICA DELLA SOSTA TERMICA di FUSIONE E SOLIDIFICAZIONE DELL ACIDO STEARICO MATERIALE UTILIZZATO I materiali che

Dettagli

I.S.S Via Silvestri Roma S. A. Liceo Scientifico L. Malpighi Classe III F A. S. 2014-2015 Prof. Silvia Nocera PROGRAMMA DI FISICA MECCANICA

I.S.S Via Silvestri Roma S. A. Liceo Scientifico L. Malpighi Classe III F A. S. 2014-2015 Prof. Silvia Nocera PROGRAMMA DI FISICA MECCANICA I.S.S Via Silvestri Roma S. A. Liceo Scientifico L. Malpighi Classe III F A. S. 2014-2015 Prof. Silvia Nocera MECCANICA PROGRAMMA DI FISICA L energia meccanica Il lavoro La potenza Energia cinetica Forze

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : "RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO"

ISTITUTO TECNICO NAUTICO L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO 1 ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. RIZZO" - RIPOSTO ------------------------------------ ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 CLASSE : SECONDA SEZIONE : D MATERIA D'INSEGNAMENTO : FISICA E LABORATORIO DOCENTI : PROF.

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

13 La temperatura - 8. Il gas perfetto

13 La temperatura - 8. Il gas perfetto La mole e l equazione del gas perfetto Tutto ciò che vediamo intorno a noi è composto di piccolissimi grani, che chiamiamo «molecole». Per esempio, il ghiaccio, l acqua liquida e il vapore acqueo sono

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

ESERCIZI TEORIE DEL CALORE DOMANDE IL CALORE SPECIFICO DOMANDE CALORE E LAVORO DOMANDE CALCOLI

ESERCIZI TEORIE DEL CALORE DOMANDE IL CALORE SPECIFICO DOMANDE CALORE E LAVORO DOMANDE CALCOLI 20 test (30 minuti) TEST INTERATTIVI 1 TEORIE DEL CALORE A quanti biscotti equivale l energia necessaria a scaldare 1 kg d acqua da 15 C a 100 C? [circa 4 biscotti] 1 Nel Trattato del calorico e della

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

LA TRASMISSIONE DEL CALORE

LA TRASMISSIONE DEL CALORE LA TRASMISSIONE DEL CALORE Il calore è una forma di energia trasferita tra corpi a temperatura differente. Non è un fluido misterioso contenuto nei corpi ma energia in transito. Possiamo interpretare i

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici ,OPDWHULDOHGLGDWWLFRFKHVHJXHqVWDWRVFHOWRWUDGRWWRHDGDWWDWRGDO*UXSSRGLFKLPLFD GHOO,7,60DMRUDQDGL*UXJOLDVFR7RULQR0DUFR)DODVFD$QJHOR&LPHQLV3DROD&RVFLD /RUHGDQD$QJHOHUL$QWRQHOOD0DUWLQL'DULR*D]]ROD*UD]LD5L]]R*LXVL'L'LR

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli