Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009"

Transcript

1 Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO I minerali 09 ottobre 2009 Elisabetta Demattio Responsabile attività educative Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo 1

2 I MINERALI Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo - Che cosa sono i minerali? sono sostanze solide inorganiche hanno generalmente origine naturale sono omogenei per proprietà fisiche presentano composizione chimica tipica e definita (esprimibile mediante una formula) sono caratterizzati da una regolare e ordinata distribuzione di atomi nello spazio (solidi cristallini) NOTA: eccezioni a queste definizioni di minerale sono presenti in tutti i punti elencati. La definizione ha valore puramente statistico. I minerali sono sostanze solide. Il mercurio, anche se in natura compare allo stato liquido, viene considerato un minerale. I minerali sono sostanze inorganiche e si formano attraverso i processi petrogenetici (di formazione delle rocce) I processi di formazione dei minerali sono di tipo inorganico. I più importanti sono: 1. la cristallizzazione in ambiente magmatico a partire da una massa fusa di tipo silicatico (magma o lava) 2. la precipitazione da una soluzione 3. la trasformazione da altri minerali per variate condizioni di temperatura e di pressione. Tutte le sostanze derivate dalla secrezione di piante o dalla trasformazione e accumulo di organismi non vengono considerate minerali: gli idrocarburi, i sali degli acidi organici, certe paraffine e il carbone. Certi minerali possono avere un origine in parte organica: molti calcari, rocce costituite essenzialmente da calcite, derivano dall accumulo di resti scheletrici di organismi marini. Però nonostante questo vengono considerati minerali perché alla loro formazione hanno contribuito profondamente fenomeni geologici inorganici di compressione, dissoluzione e ricristallizzazione (diagenesi). Per alcuni autori certe sostanze organiche come certi idrocarburi pesanti, certi ossalati e l ambra vengono considerate minerali perché durante la loro formazione vengono consolidate e fossilizzate in tempi lunghi e subiscono la stessa diagenesi della roccia inglobante. (L ambra è una resina fossile di conifere, è amorfa, di colore da rosso a giallo; spesso presenta inglobati resti di insetti e di vegetali, talvolta visibili in trasparenza.) 2

3 I minerali si formano generalmente mediante processi naturali Sono considerati minerali anche le sostanze solide cristalline inorganiche contenute nelle meteoriti e nei materiali di origine planetaria. Opinione discorde degli autori se le sostanze artificiali solide, inorganiche e cristalline con le stesse caratteristiche dei minerali debbano essere considerate minerali. Per molti autori le sostanze artificiali (derivate dall attività umana) sintetizzate in laboratorio non vengono considerate minerali fino a quando non si riscontra in natura lo stesso composto e si ha la prova che nella sua formazione non siano intervenuti direttamente né l uomo, né le piante, né gli animali. Per altri autori le sostanze artificiali ottenute per sintesi nell industria e nei laboratori e con caratteristiche da minerali, vengono considerate tali. Ad esempio un residuo di fusione. CARATTERISTICHE FISICHE I minerali si presentano omogenei dal punto di vista delle caratteristiche fisiche Le proprietà fisiche rappresentano spesso preziosi indizi per il riconoscimento dei minerali: alcune di esse come il colore, la trasparenza e la lucentezza possono essere valutate direttamente, altre come la densità e la durezza richiedono semplici misure. L uniformità nelle proprietà fisiche non è però assoluta. Le proprietà fisiche dei minerali si suddividono in due gruppi. Proprietà non direzionali Esse non variano anche se noi variamo la direzione di misura. Sono le proprietà scalari, esprimibili con un numero e con una unità di misura e che non necessitano di specificare la direzione: densità, temperatura di fusione. Ne fanno parte anche le proprietà definite su valutazioni sensoriali e difficilmente esprimibili con un valore numerico. Densità = È massa per unità di volume (g/cm 3 ), numericamente uguale al peso specifico (quante volte il corpo pesa più di un eguale volume di acqua). La densità risulta maggiore nei minerali che hanno gli atomi molto vicini (metalli), bassa quando gli atomi risultano più allontanati (composti con legami covalenti). Si misura con bilancia e contenitore di acqua. leggerissimi G<2 g/cm 3 carnallite, borace leggeri G= 2 3 g/cm 3 quarzo, calcite pesanti G= 3 5 g/cm 3 barite, diamante molto pesanti G= 5 10 g/cm 3 cinabro, scheelite pesantissimi G> 10 g/cm 3 uraninite, oro Esempi: Pirite 5-5,2 g/cm 3, Scheelite 5,9-6,1 g/cm 3, Galena 7,2-7,6 g/cm 3. 3

4 Proprietà direzionali o vettoriali Si esprimono non solo con un numero ma occorre specificare anche la direzione nella quale si è effettuata la misura. Nei minerali è presente almeno una di queste proprietà vettoriali. Alcune cambiano bruscamente valore variando la direzione; si dice che queste proprietà sono discontinue, perché non variano sempre in maniera graduale. Altre variano in maniera continua, come quelle determinate dall attraversamento del corpo da una delle varie forme di energia (luce, calore, elettricità). Anisotropia = variazione delle proprietà fisiche con la direzione (deriva dal fatto che gli atomi sono ordinati in successioni regolari lungo direzioni e su piani del minerale). Velocità di accrescimento, durezza, conducibilità elettrica, proprietà ottiche. (Considerando un cubo di legno con 4 facce parallele alla direzione di accrescimento del tronco e le altre due facce perpendicolari si comprende facilmente questa caratteristica di non uniformità). Esempio della durezza per la quale generalmente le differenze non sono mai molto evidenti a seconda della direzione. Una significante eccezione è costituita dalla cianite, i cui cristalli allungati presentano una durezza simile alla fluorite (4-4,5) se la scalfittura è longitudinale, mentre una durezza tra ortoclasio e quarzo (6-7) se la scalfittura è trasversale. La velocità di accrescimento è in diretta relazione con le caratteristiche del reticolo e del tipo di legame e quindi è discontinua. Proprietà coesive Sono anisotrope discontinue legate alle geometrie del reticolo cristallino. Sfaldatura e frattura Costituisce il diverso comportamento di un minerale sottoposto a rottura e frantumazione. Esso potrà rompersi secondo superfici piane (parallele alle facce cristallografiche) e formare aggregati regolari e geometrici. In questo caso si parla di sfaldatura. Si verifica nei minerali che presentano piani contenenti molti legami e direzioni lungo le quali la coesione è minima. Le sfaldature quando presenti sono generalmente distinte e facili su un piano e meno buone secondo uno o più altri piani ad angolo con il primo, in maniera da dare forme simili a primi o a cubi. Nelle classi di elevata simmetria risultano forme di sfaldatura chiuse come ad esempio cubi per la galena e il salgemma, ottaedri per la fluorite e il diamante, romboedri per la calcite, rombododecaedri per la blenda. La possibilità di sfaldatura può variare da perfetta a impossibile. Diagnostico può risultare l angolo tra i piani di sfaldatura detto appunto angolo di sfaldatura: ad esempio nei pirosseni è di 90 mentre negli anfiboli è di 120. La frattura invece non forma frammenti regolari: le superfici di rottura possono essere concoidi (quarzo e ossidiana), irregolari (ortoclasio) o scheggiose. Avviene nei minerali con legami distribuiti in modo più o meno uguale in tutte le direzioni. La tenacità È legata alla coesione reticolare ed è il modo in cui un minerale reagisce ad un azione meccanica, come schiacciamento, allungamento, ecc. 4

5 fragile si rompe o si sfalda diamante, quarzo malleabile si appiattisce in fogli oro duttile può essere tirato in fili oro settile può essere tagliato con una lama e forma trucioli gesso, cerargite flessibile può essere piegato biotite elastico può essere piegato e ritorna come prima mica La durezza La durezza è una delle proprietà diagnostiche più importanti: è definita come la resistenza che un minerale oppone all abrasione e alla scalfittura. Dipende dalla coesione ma in maniera diversa dalla tenacità: ad esempio il diamante che è il minerale più duro è anche fragile. La scala più utilizzata è quella empirica di Mohs, basata su dieci minerali presi come termini di paragone: il talco è il più tenero, mentre il minerale di durezza massima è il diamante. Per valutare la durezza di un minerale si possono effettuare dei saggi rigandone la superficie con la punta di un minerale di durezza nota. Se il minerale in esame viene rigato ha una durezza a esso inferiore, se questo non avviene presenta una durezza maggiore. Da notare che nella scala di Mohs la differenza di durezza di termini consecutivi non è proporzionale. Scala di Mohs 1. talco 2. gesso 3. calcite 4. fluorite 5. apatite 6. ortoclasio 7. quarzo 8. topazio 9. corindone 10. diamante Per il saggio della durezza vengono anche utilizzate in modo più pratico delle serie di matite di alluminio con la punta formata da un piccolo frammento di minerale di durezza nota. Si possono utilizzare anche oggetti di uso comune. Si deve avere l accortezza di incidere una superficie fresca e pulita, possibilmente un piano di sfaldatura e tracciare sempre linee parallele. tenerissimi rigabili con un unghia durezza 1 2 teneri rigabili con un filo di rame durezza 2 3 semiduri rigabili con un temperino durezza 3½ 4½ duri difficilmente rigabili con un temperino durezza 5 6½ rigabili con un frammento di vetro durezza 6 7 durissimi non rigabili con una lama di acciaio durezza =>7 La durezza può cambiare notevolmente con la direzione, soprattutto in alcuni minerali in cui i legami hanno una disposizione decisamente orientata. La cianite risulta durissima in direzione perpendicolare all allungamento e semidura parallelamente all allungamento. 5

6 Proprietà elettriche La conducibilità elettrica varia con il tipo di legame, oltre che con la direzione. buoni conduttori mediocri conduttori pessimi conduttori, isolanti elementi metallici, certi solfuri e pochi ossidi la maggior parte degli ossidi quasi tutti i minerali con legami ionici o covalenti Tra i minerali non conduttori ve ne sono alcuni che sviluppano una differenza di potenziale se sottoposti a compressione, trazione o torsione (piezoelettrici) o se sottoposti a riscaldamento (piroelettrici). Quarzo, tormalina, emimorfite. Utilizzati per applicazioni industriali (orologi al quarzo). Proprietà magnetiche Nei cristalli il moto degli elettroni può generare non solo un flusso di corrente elettrica ma anche un campo magnetico. Se poniamo i minerali in un campo magnetico generato dall esterno (magnete) essi possono avere un comportamento diverso e si indicano come: ferromagnetici = se ne sono fortemente attratti; magnetite e pirrotina paramagnetici = se ne sono debolmente attratti diamagnetici = se ne sono respinti magnetopolare = se sono in grado di mantenere a lungo il magnetismo indotto (diventano calamite); magnetite e in minor misura altri minerali metallici contenenti Fe come biotite, orneblenda, schörlite. Proprietà radioattive Alcuni minerali contengono uranio oppure elementi affini all uranio (torio, radio) che sono radioattivi ed emettono particelle trasformandosi in altri isotopi o altri elementi: autunite, carnotite, monazite, torbernite, pechblenda, zircone, ecc. 6

7 Proprietà ottiche Il colore Il colore dei minerali, pur essendo un carattere importante, è spesso poco diagnostico se usato da solo. Infatti alcuni minerali presentano tonalità o addirittura colori diversi: ad esempio la fluorite può essere incolore, bianca, rosa, gialla, bruna, verde, azzurra, violetta. In alcuni minerali si è scelta la caratteristica del colore per distinguere le varietà: ad esempio per il quarzo: cristallo di rocca (incolore), quarzo morione (nero), quarzo ametista (violetto). Nei minerali idiocromatici il colore è una proprietà specifica del minerale e può essere utile nella classificazione. Può derivare da un particolare ione che entra nella composizione chimica del minerale (elemento quindi essenziale) oppure derivare dal gioco della luce che può essere riflessa o assorbita in maniera diversa. Azzurrite, lapislazzulo, malachite (dallo ione Cu 2+ ), eritrite (dallo ione Co 2+ ), olivina, almandino (dallo ione Fe 2+ ), rodocrosite (dallo ione Mn 2+ ). Il colore dei minerali opachi (non trasparenti) deriva dalla riflessione di una particolare banda di colore: pirite (giallo oro), calcopirite (giallo ottone), rame (rosso), pirrotina (bronzea), oro, argento, galena. Il colore dei minerali trasparenti deriva dall assorbimento di una particolare parte della luce e della trasmissione del colore complementare rispetto alla lunghezza d onda assorbita: gesso, zolfo (giallo). Nei minerali allocromatici il colore deriva da impurezze (elementi non essenziali, contenuti in traccia chiamati ioni cromofori, generalmente metalli di transizione) oppure da difetti nel reticolo cristallino (centri di colore), oppure da impurità fisiche (piccolissime inclusioni o bolle d aria che deviano la luce). Lo stesso minerale può avere allora colorazioni diverse ma generalmente se puro risulta incolore. Il colore della polvere Il colore della polvere può rivelarsi di notevole aiuto nel riconoscimento in particolare per distinguere tra minerali idiocromatici (a colore proprio) e allocromatici (a colore variabile, non proprio). Lo striscio si ottiene in maniera semplice sfregando il minerale con la superficie ruvida di una scheggia di porcellana. Il colore della polvere dei minerali con colorazione propria (idiocromatici) è normalmente lo stesso del minerale salvo una tonalità più chiara: azzurrite: colore azzurro - polvere blu chiara; lazurite (lapislazzuli): colore blu scuro - polvere blu chiara; crisocolla: colore verde, da verde-blu a blu - polvere verde chiara; atacamite: colore verde, verde scuro, verde nerastro - polvere verde mela; zolfo: colore giallo - polvere giallina o bianca; grafite: colore grigio scuro, nero - polvere grigia metallica scura e brillante; minio: colore da rosso chiaro a bruno rossastro - polvere giallo arancio. 7

8 Talvolta invece i due colori sono diversi, come spesso avviene nei minerali allocromatici i quali sono caratterizzati da una striscia di polvere bianca. pirite: colore giallo, giallo ottone - polvere nero verdastra; ematite: colore nero, grigio-nero, rosso bruno) - polvere rosso ciliegia; galena: colore grigio piombo chiaro o scuro - polvere grigio-nera bluastra; cassiterite: colore bruno, nero, giallo, grigio - polvere bianca, gialla, bruno chiara fluorite: colore vario polvere bianca A volte ci può aiutare per distinguere minerali simili: magnetite e cromite sono distinguibili perché la polvere della striscia è nera per la magnetite e giallo-bruna o bruna per la cromite. La lucentezza È la capacità dei cristalli di riflettere la luce (dipende dall indice di rifrazione ma anche dalla perfezione delle facce e dall assorbimento dei colori). Non è misurabile ma può essere definita tramite il confronto con oggetti conosciuti. Vengono utilizzati i seguenti aggettivi per descriverla: metallica non metallica adamantina vitrea resinosa grassa madreperlacea sericea umida cerea terrosa tipica delle sostanze opache tipica delle sostanze trasparenti (anche submetallica). zircone, cassiterite, blenda quarzo (facce di cristallo) gen. alto indice di rifrazione e colore giallo zolfo, blenda nefelina e quarzo (sulle superfici di frattura) (un po iridescente) miche e talco minerali fibrosi; gesso, amianto minerali poco riflettenti che messi in acqua non si vedono più; fluorite calcedonio non riflettenti perché con superficie rugosa. Può rivelarsi molto utile nella classificazione del minerale. Per determinarla occorre osservare il campione ben illuminato e da più lati perché la lucentezza può dipendere dall angolazione. La superficie deve essere fresca, pulita e senza tracce di alterazione. Birifrazione Fenomeno per il quale un raggio di luce nei cristalli (ad eccezione dei minerali monometrici) si scinde in due raggi di luce (polarizzata linearmente) che vibrano in piani tra loro ortogonali e che si propagano con velocità diverse. È particolarmente evidente nei romboedri di sfaldatura della calcite. Qualsiasi immagine vista attraverso la calcite risulta sdoppiata. Un raggio viene deviato e l altro no e ruotando il romboedro il raggio straordinario (deviato) ruota attorno all ordinario (non deviato). 8

9 I minerali hanno composizione chimica tipica e definita Ogni minerale presenta una composizione chimica tipica, esprimibile mediante una formula. Ad esempio: quarzo SiO 2. Oro Au Fluorite CaF 2 Gesso CaSO 4 2H 2 O Calcopirite CuFeS 2 Ortoclasio KALSi 3O 8 Augite (Ca,Mg,Fe,Fe,Ti,Al) 2 [(Si,Al) 2 O 6 ] Heulandite (Na, K, Ca, Sr, Ba) 5 (Al 9 Si 27 )O 72 26H 2 O Solo poche specie hanno composizione pressoché fisse (quarzo, rutilo, ecc.). La maggior parte dei minerali ha infatti composizione variabile e intermedia tra estremi (cristalli misti). Esiste inoltre sempre la possibilità che alcuni elementi siano presenti in tracce; tale diffuso fenomeno può dare origine a varietà di colore. Le ROCCE al contrario sono aggregati naturali di minerali per lo più diversi (talvolta anche di sostanze vetrose o sostanze di origine organica) tenuti assieme da forze di coesione e aderenza. Costituiscono sulla Terra masse geologicamente indipendenti e cartografabili. eterogenee omogenee costituite da diversi minerali costituite da un solo minerale, monomineraliche Il granito rosa di Predazzo, per esempio, è una roccia magmatica intrusiva, derivata dal lento raffreddamento di un magma iniettatosi in altre rocce in seguito al collasso del vulcano di Predazzo. I cristalli dei diversi minerali sono riconoscibili a occhio nudo: essi sono essenzialmente k-feldspato (ortoclasio), quarzo e biotite. Il marmo è invece una roccia metamorfica monomineralica costituita quasi completamente da calcite. 9

10 I minerali presentano una regolare e ordinata distribuzione di atomi nello spazio (solidi cristallini) - Il reticolo cristallino Nei minerali gli atomi si ripetono secondo tre direzioni collocandosi tra loro a distanze uguali e tipiche per ogni direzione (operazione di traslazione). Questa ripetizione di atomi nello spazio costituisce il reticolo cristallino. All interno del reticolo i vari tipi di atomi sono presenti nel medesimo rapporto quantitativo e in posizioni reciproche identiche (ogni posizione occupata dallo stesso tipo di atomo risulta equivalente). Nel modello del reticolo cristallino del cloruro di sodio NaCl (sale da cucina) la posizione degli atomi di sodio è rappresentata da sferette grigie e quella degli atomi di cloro da sferette rosse. In questo caso il reticolo cristallino è doppio, risultando dallo sviluppo di due celle cubiche a facce centrate, una degli atomi di sodio e una degli atomi di cloro. Non tutte le sostanze cristalline sono dei minerali! Anche molte sostanze organiche, come lo zucchero, si presentano in cristalli. L ordine atomico interno come si manifesta esteriormente? Possiamo averne percezione? Il potere risolutore dell occhio umano non ci permette naturalmente di vedere gli atomi né le celle che derivano dai loro legami. Il reticolo cristallino però si riflette e si manifesta nel cristallo, un solido omogeneo, che di norma si automodella almeno in parte in una forma poliedrica regolare dotata di facce, spigoli e vertici, seguendo rigidi criteri geometrici dettati dalle caratteristiche del reticolo stesso. Le facce sono: le superfici piane gli spigoli: le linee di intersezione di due facce i vertici: i punti di intersezione di tre o più spigoli gli angoli diedri: gli angoli che le facce formano tra di loro 10

11 Cristalli perfetti, irregolari e sproporzionati Partendo dall osservazione di un campione di quarzo, viene introdotto l argomento che solo in condizioni eccezionalmente favorevoli i cristalli possono crescere liberamente nello spazio assumendo forme geometriche perfette dotate di facce regolari su ogni lato e uguali a quelle del solido ideale di cui ricalcano la simmetria. In natura infatti essi vengono ostacolati nella crescita dalla carenza di spazi e appaiono di conseguenza solo parzialmente delimitati da superfici piane e talvolta possono presentarsi quasi completamente informi. Ricordiamo comunque che la condizione cristallina si manifesta necessariamente solo nell intima disposizione regolare e ordinata degli atomi e non necessariamente nella forma esteriore! L ambiente di formazione dei minerali può influenzare non solo la presenza di elementi del cristallo ma anche il reciproco sviluppo di essi, in particolar modo delle facce. Infatti solo molto raramente i minerali presentano forme perfettamente armoniche: ad esempio quarzo con abito prismatico regolare. Spesso sono sproporzionati con le facce sviluppate in maniera diversa. L aspetto essenziale che rimane comunque costante è il valore dei vari angoli tra le facce. Idealmente è infatti possibile formare l immagine di un cristallo regolare a partire da uno sproporzionato solamente spostando le facce parallelamente a se stesse e avvicinandole al centro. Legge sulla costanza dell angolo diedro (Nicola Stenone, 1667): in tutti i cristalli di una stessa sostanza, a parità di temperatura e di pressione, gli angoli diedri che le stesse facce fanno tra di loro, sono sempre uguali. Dimensioni dei cristalli Se le condizioni ambientali lo permettono (presenza di spazio sufficiente e disponibilità di ioni costituenti) i cristalli possono raggiungere dimensioni enormi e peso di svariati quintali. I più famosi in assoluto sono sicuramente i cristalli giganti del Brasile. Generalmente questo non accade ed essi presentano dimensioni molto variabili. Alcuni sono così piccoli da essere riconoscibili solo al microscopio: sostanze microcristalline (calcedonio, agata); altri ancora sono riconoscibili solo utilizzando strumentazioni particolari come i raggi X o il microscopio elettronico: sostanze criptocristalline (minerali argillosi). 11

12 L ordinamento degli atomi La distribuzione regolare e ordinata degli atomi si realizza solamente secondo 14 diverse celle elementari, i più piccoli raggruppamenti geometrici di atomi che ripetendosi nello spazio formano i reticoli cristallini di tutti i minerali. Nei modelli delle celle elementari le sferette rappresentano le posizioni degli atomi. Combinando opportunamente gli elementi di simmetria spaziale (24) con i reticoli elementari (14) si ottengono 230 distribuzioni di punti nello spazio limitate da celle elementari, tutte le possibili distribuzioni che gli atomi possono assumere nei minerali. Ecco la lista delle 14 celle elementari e alcuni minerali che le rappresentano: 1. cubica primitiva: 2. cubica a corpo centrato: granato almandino 3. cubica a facce centrate: fluorite, blenda, rame, galena, salgemma 4. tetragonale primitiva: vesuvianite, gehlenite 5. tetragonale a corpo centrato: wulfenite, calcopirite, scheelite 6. rombica primitiva: cerussite, barite, aragonite 7. rombica a corpo centrato: dawsonite 8. rombica a basi centrate: anidrite 9. rombica a facce centrate: natrolite 10. monoclina primitiva: azzurrite 11. monoclina a basi centrate: diopside, epidoto, gesso, biotite, ortoclasio 12. triclina: albite 13. esagonale: berillo, apatite, zinco, molibdenite 14. romboedrica: rodocrosite, dioptasio, tormalina, dolomite, calcite, ematite. 12

13 Forma esterna dei cristalli, celle elementari e reticoli cristallini I minerali spesso non riflettono nella forma esterna quella della loro cella elementare: un cristallo con cella cubica può non presentare la forma esterna di un cubo: le celle cubiche del suo reticolo si possono infatti organizzare le une sulle altre per formare un ottaedro oppure un tetraedro, senza mancare ai principi geometrici caratteristici. Quali caratteristiche accomunano allora i cristalli e le loro celle elementari? Quello che un cristallo esprime della propria cella elementare è la simmetria. Essa è definita come la ripetizione regolare di parti geometricamente identiche del cristallo come facce, spigoli e vertici. Cristalli cubici di fluorite CaF 2 di colore violetto e un unico cristallo ottaedrico anch esso di fluorite (forma di sfaldatura). Modelli: il modello della cella elementare cubica a facce centrate, caratteristica della fluorite, dove le sferette rappresentano le posizioni degli atomi di calcio; il modello del reticolo cristallino della fluorite, dove le sferette grigie rappresentano la posizione degli atomi di calcio (riconoscibile quindi la cella elementare cubica a facce centrate all interno del reticolo) e le sferette rosse rappresentano le posizioni degli atomi di fluoro. Le sostanze vetrose A differenza dei minerali esse non presentano composizione chimica definita, non sono omogenee per proprietà fisiche e chimiche e soprattutto sono amorfe, termine che indica la mancanza di una regolare disposizione tridimensionale degli atomi (mancanza di reticolo cristallino). Alcune di queste sostanze hanno origine naturale come i vetri vulcanici ossidiana e pomice, rocce costituite prevalentemente da sostanze amorfe. L ossidiana si origina sulla superficie terrestre quando una lava fluida povera di gas si solidifica così rapidamente da impedire agli atomi costituenti di organizzarsi nello spazio secondo un ordine stabilito. Quando si rompe si staccano schegge aventi superfici arrotondate: è la tipica frattura concoide dei vetri. Pseudomorfosi Questo fenomeno avviene quando un minerale conserva la propria forma cristallina originaria pur venendo sostituito da uno o più specie diverse. Le pseudomorfosi si riconoscono spesso per avere proprietà fisiche diverse da quelle del minerale di partenza: ad esempio la pseudomorfosi di talco su spinello è facilmente riconoscibile per il diverso colore e per la differente durezza, essendo il talco molto più tenero. Sono relativamente comuni per i minerali della Valle di Fassa. pseudomorfosi di vesuvianite su gehlenite pseudomorfosi di quarzo su analcime pseudomorfosi di anfibolo su pirosseno (Uralite) psmf. di talco (var.steatite) su spinello 13

14 Polimorfismo In relazione alle condizioni ambientali di formazione una stessa sostanza di composizione chimica definita può organizzarsi secondo differenti reticoli cristallini e presentarsi sotto forme distinte, ciascuna stabile per determinate condizioni di temperatura e pressione. Tali strutture vengono chiamate polimorfi o modificazioni polimorfe e presentano proprietà fisiche e grado di simmetria diversi. Ad esempio il carbonato di calcio CaCO 3 può formare due tipi di minerali: l aragonite e la calcite. Nei modelli dei rispettivi reticoli le sferette grigie rappresentano gli atomi di calcio, le nere di carbonio e le rosse di ossigeno. Un caso particolare di polimorfismo è quello assai raro che presenta due forme dotate di due tipi diversi di legame, come avviene per il carbonio con i suoi due polimorfi: il diamante, che si origina in ambiente di alta temperatura e di alta pressione e che per questo presenta struttura molto compatta e la grafite di bassa pressione e bassa temperatura, molto tenera. Isomorfismo Due o più sostanze a composizione chimica completamente diversa possono tuttavia avere una caratteristica in comune: esse possono presentare una formula chimica simile (per le proporzioni tra i loro atomi costituenti: ad esempio secondo la formula generica XY, come NaCl salgemma=cloruro di sodio e PbS galena=solfuro di piombo) e possono inoltre cristallizzare formando lo stesso tipo di reticolo cristallino, dando vita a forme esterne pressoché identiche. Di conseguenza vengono chiamati minerali isomorfi i minerali che pur avendo una composizione chimica diversa presentano forme cristalline molto simili. Serie isomorfe Il fenomeno delle serie isomorfe (della stessa forma) può esistere quando due sostanze sono molto simili nella formula chimica e presentano lo stesso reticolo cristallino. Quando due sostanze isomorfe A e B presentano ognuno almeno un tipo di atomo molto simile a quello dell altro (per dimensioni e per carica elettrostatica), alcuni atomi tipici per il minerale A potranno entrare nella formazione del reticolo di B e viceversa, senza che né il reticolo né la forma cristallina vengano ad assumere sostanziali differenze (fenomeno della vicarianza). Come conseguenza potranno esistere in natura i due minerali A e B, detti termini puri o estremi (in realtà abbastanza rari) ma anche tutta una serie di minerali detti termini intermedi o soluzioni solide (con composizione variabile nella percentuale degli atomi vicarianti e che sono in definitiva una mescolanza dei termini estremi). Un esempio semplice riuscirà a chiarire il fenomeno: la serie isomorfa delle olivine, dove gli atomi vicarianti sono quelli di magnesio e di ferro, con carica elettrostatica uguale (2+) e con raggio ionico comparabile: dal termine estremo ricco di Mg e privo di Fe, la forsterite Mg 2 SiO 4, si passa attraverso i termini intermedi indicati da un tipo particolare di formula che esprime la vicarianza di Mg e di Fe cioè (Mg, Fe) 2 SiO 4, fino ad arrivare all altro termine estremo, quello ricco di Fe e privo di Mg, la fayalite Fe 2 SiO 4. Mg 2 SiO 4 (Mg, Fe) 2 SiO 4 Fe 2 SiO 4. forsterite termini intermedi fayalite Il fenomeno della vicarianza e quindi della possibilità di termini intermedi e di miscele isomorfe è presente nei gruppi di minerali più diffusi come pirosseni, anfiboli, miche e feldspati. Un esempio è la serie isomorfa di un gruppo di pirosseni che presenta come termini estremi il diopside e l hedenbergite e alcuni termini intermedi come l augite diopsidica, l augite e una varietà di augite, la fassaite. 14

15 Forma, tratto e abito cristallino Per riconoscere un minerale a volte è sufficiente l attenta osservazione di caratteristiche visibili ad occhio nudo come le caratteristiche fisiche e la forma dei cristalli. La forma nei minerali significa l insieme delle facce fisicamente equivalenti: vale a dire l insieme originato dagli elementi di simmetria ripetendo una faccia particolare. Alcune forme sono chiuse come il cubo, altre sono aperte come il prisma e il pinacoide. Si definisce tratto del cristallo la combinazione di tutte le sue forme (derivanti dalle facce presenti). Un esempio è il prisma tetragonale con pinacoide basale. Tratto: prisma tetragonale con pinacoide basale Abito prismatico Abito tabulare Abito aciculare L abito del cristallo è l aspetto che viene determinato dallo sviluppo relativo delle facce e dalla prevalenza di una o più forme sulle altre. Geode e drusa Con questi termini sono indicate cavità naturali delle rocce che vengono riempite secondariamente e in modo incompleto di minerali (il centro della cavità rimane beante). Il termine geode si riferisce a un tipo di cavità grossomodo rotondeggiante od ovoidale, particolarmente comune nelle rocce di tipo magmatico effusivo (nelle lave), dove si origina da una bolla di gas intrappolata dalla massa fusa che si sta solidificando in roccia. Essa viene riempita secondariamente da cristalli, molto spesso di quarzo, che si accrescono dalla superficie interna verso il suo centro. La geode di quarzo esposta si presenta quasi perfettamente sferica, quella vicina si presenta ovoidale e per le piccole dimensioni potrebbe rivelarsi completamente riempita di cristalli. Una drusa è invece una cavità di forma allungata e appiattita che si origina per fessurazione della roccia in seguito al raffreddamento nel caso di rocce magmatiche oppure in seguito a movimenti tettonici. Al suo interno i minerali si dispongono per lo più parallelamente gli uni agli altri e perpendicolarmente alla parete della cavità. L aggregato parallelo esposto costituiva parte di una drusa di quarzo. L accrescimento Cristalli isolati caratterizzati da facce cristalline regolari su ogni lato sono molto rari. Si possono formare ad esempio su rocce molto tenere, come i cristalli di gesso nelle argille. Vengono chiamati biterminati perché non sono cresciuti appoggiati ad una base. Generalmente i cristalli si accrescono almeno appoggiati su una superficie e quindi solo una parte delle facce si può formare completamente. NOTA: in questa guida si è scelto volutamente di non utilizzare il termine ioni, ma semplicemente parlare anche se in modo non scientificamente corretto di atomi o di particelle, con lo scopo di non rendere ulteriormente pesanti gli argomenti trattati e di non generare confusioni. 15

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

5 - MINERALI Sostanze solide, naturali, inorganiche, con una struttura interna ordinata e una limitata varietà di composizione chimica

5 - MINERALI Sostanze solide, naturali, inorganiche, con una struttura interna ordinata e una limitata varietà di composizione chimica 5 - MINERALI Sostanze solide, naturali, inorganiche, con una struttura interna ordinata e una limitata varietà di composizione chimica sono i costituenti elementari delle rocce ROCCE: Miscele solide, naturali,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite.

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite. CENNI DI MINERALOGIA La parte solida della Terra e dei corpi planetari di tipo terrestre accessibili all uomo (meteoriti, rocce lunari) è formata da 88 elementi che si ritrovano in circa 2000 combinazioni

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

STRUTTURA DEI MATERIALI

STRUTTURA DEI MATERIALI STRUTTURADEIMATERIALI CRISTALLINA AMORFA ORDINATAmetalli,ceramici Sonocaratterizzatidaunadisposizioneordinata degliatomi(ioni,molecole)secondounben definitoreticolocristallino.leproprietà ottiche,meccanicheedelettrichesonodiversea

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio.

Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio. Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio. Il modo in cui le particelle costituenti il cristallo sono disposti nello spazio

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Vicenza, 20 giugno 2008

Vicenza, 20 giugno 2008 Vicenza, 20 giugno 2008 Profondi mutamenti nel mondo dei materiali gemmologici durante gli ultimi 20 anni Nuove tecnologie hanno permesso lo sviluppo di: nuove sintesi affinazione dei metodi di sintesi

Dettagli

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro)

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) E dipendente dalla temperatura:capacità di riposizionamento di difetti ed atomi (diffusione

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Di grandi dimensioni. Introvabili. Veri

Di grandi dimensioni. Introvabili. Veri Cosa hanno in comune Napoleone Bonaparte, il famoso scrittore Goethe e l ex cancelliere tedesco Helmut Kohl? Tutti loro, in epoche differenti, hanno amato il collezionismo di minerali. Una passione che

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

il gesso naturale Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli Il gesso naturale Scienza dei materiali dentali

il gesso naturale Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli Il gesso naturale Scienza dei materiali dentali Scienza dei materiali dentali Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli durezza e resistenza (meccanica) tempo di presa relativamente breve massima precisione nella riproduzione

Dettagli

Prof.ssa Annabella De Vito ITG "Rondani" Parma

Prof.ssa Annabella De Vito ITG Rondani Parma I minerali topazio apatite Sono sostanze naturali, in quanto si formano attraverso fenomeni chimico-fisico che avvengono in natura Sono sostanze solide, poichéposseggono forma e volume proprio Sono sostanze

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

dei minerali e le leggende

dei minerali e le leggende Veronica D Ippolito IL NELL ANTICHITÀ L uomo è stato affascinato fin dall antichità dalla bellezza, luminosità e colore dei minerali al punto da conferirgli oltre all uso ornamentale anche un valore simbolico,

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà dei MATERIALI in quanto li descrive singolarmente nel capitolo del materiale trattato; ma io ritengo sia un argomento comune a tutti

Dettagli

minerale roccia cristallo Abito cristallino Punto di fusione La durezza La sfaldatura

minerale roccia cristallo Abito cristallino Punto di fusione La durezza La sfaldatura Minerali e rocce Un minerale è un composto chimico che si trova in natura, come costituente della litosfera, che ha una ben determinata composizione ed una struttura cristallina ben definita. Ad oggi sono

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Gli elementi di transizione

Gli elementi di transizione Gli elementi di transizione A partire dal quarto periodo del Sistema Periodico, nella costruzione della configurazione elettronica degli elementi, dopo il riempimento degli orbitali s del guscio di valenza

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

CORSO GEMME DI COLORE

CORSO GEMME DI COLORE CORSO GEMME DI COLORE WWW.ACCADEMIAORAFAITALIANA.IT CORSO GEMME DI COLORE Il corso tratta tutti gli aspetti gemmologici relativi alle gemme di colore, loro imitazioni, trattamenti e sintesi. E previsto

Dettagli

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

ELEMENTI DI GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA

ELEMENTI DI GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA Corso di laurea in ingegneria civile e ambientale ELEMENTI DI GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA Riconoscimento Rocce Dott.. M. Caggiati ed E. Grottoli TIPI DI ROCCE Magmatiche Metamorfiche Sedimentarie CARATTERISTICHE

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

OSSERVIAMO I CRISTALLI

OSSERVIAMO I CRISTALLI OSSERVIAMO I CRISTALLI PREREQUISITI 1.conoscere la struttura della materia: elementi, molecole, 2.conoscere la struttura molecolare di un corpo solido, 3.conoscere i miscugli omogenei. 6.1. ATTIVITÀ Osservazione

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe TCNGA e DSGN Modulo C Unità 2 Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe 1 Modulo C Unità 2 RRTÀ CARATTRSTC D MATRA 2 a tecnologia è la scienza che studia i materiali, la composizione, le caratteristiche,

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Materiali per le mole abrasive

Materiali per le mole abrasive Materiali per le mole abrasive Le mole abrasive possono essere costruite con diversi materiali in funzione degli impieghi a cui sono destinate. I più comuni materiali sono: L ossido di alluminio Il carburo

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione Indice : 1. INTRODUZIONE p. 1 2. FASI e COSTITUENTI STRUTTURALI p. 3 3. PUNTI CRITICI p. 4 4. TRATTAMENTI TERMICI MASSIVI p. 5 0

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

Tintura. Tintura in botte

Tintura. Tintura in botte Tintura 1 Tintura Si conferisce a tutta la pelle nella sua sezione, la colorazione di base che poi sarà raggiunta in maniera definitiva con la fase di finissaggio (rifinizione) Tintura in botte 2 Le materie

Dettagli

Corso di Gemmologia Generale. Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria

Corso di Gemmologia Generale. Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria Corso di Gemmologia Generale Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria Elemen; Introdu

Dettagli

Corso con Certificazione I.G.I.

Corso con Certificazione I.G.I. Corso con Certificazione I.G.I. CORSO GLOBALE DI ANALISI GEMMOLOGICA SULLE GEMME DI COLORE Il corso tratta tutti gli aspetti gemmologici relativi alle gemme di colore, loro imitazioni, trattamenti e sintesi.

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Cap. 2 - Strutture cristalline.

Cap. 2 - Strutture cristalline. Cap. 2 - Strutture cristalline. Lo studio delle proprietà fisiche dei solidi è iniziato nei primi anni del '900 grazie alla scoperta della diffrazione X da parte dei cristalli. Lo studio delle proprietà

Dettagli

I METALLI NOBILI PROPRIETA

I METALLI NOBILI PROPRIETA I METALLI NOBILI Sono metalli preziosi non tanto per le loro proprietà meccaniche (cioè di resistenza alle sollecitazioni) ma per le loro proprietà tecnologiche e fisiche ed anche perché non sono abbondanti

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

1)Quale tra i seguenti elementi è un gas nobile? a. Si b. Mo c. Ge d. He. 2) L'acqua è:

1)Quale tra i seguenti elementi è un gas nobile? a. Si b. Mo c. Ge d. He. 2) L'acqua è: 1)Quale tra i seguenti elementi è un gas nobile? a. Si b. Mo c. Ge d. He 2) L'acqua è: a. una sostanza elementare b. un composto chimico c. una miscela omogenea d. una soluzione 3) Quale dei seguenti elementi

Dettagli

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno 3 - LA CHIMICA DEL SILICIO 3.1 - Il legame silicio - ossigeno Il silicio e l ossigeno costituiscono insieme il 74 % della massa e quasi il 95 % del volume della litosfera. Il silicio ha numero atomico

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli