ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Le competenze alfabetiche funzionali dei ragazzi che a 18 anni si trovano nel sistema di istruzione secondario: il gruppo di controllo 1

2 Perché un gruppo di controllo L indagine sulle competenze alfabetiche dei ragazzi che a 18 anni non si trovano nel sistema di istruzione/formazione è completata dalla rilevazione delle stesse competenze nei ragazzi che alla stessa età si trovano a scuola. In questo modo si raggiungono due scopi: 1) verificare se e quanto la permanenza nel sistema di istruzione contribuisce a rendere migliori le performance dei diciottenni, 2) registrare le reazioni degli studenti a prove funzionali che (vedi relazione Rivelazione sulle competenze alfabetiche della popolazione a 18 anni parte prima, paragrafo Gli strumenti dell indagine ), sono testate da strumenti che non richiedono conoscenze disciplinari specifiche, ma verificano, in relazioni ai compiti presenti nella vita quotidiana, la capacità di reperire informazioni e produrle, interpretare tabelle, grafici e fare calcoli. Il gruppo di controllo non è stato costruito sulla base di un campione probabilistico, ma di un campione per quote che esamina, nelle varie aree geografiche, separatamente, le performance degli studenti che ricevono una istruzione prevalentemente culturale (istruzione ) e quelle degli studenti della istruzione tecnica e professionale. Nella presentazione dei risultati, il gruppo di controllo viene diviso in due parti: i licei e tutti gli altri istituti. In questo secondo gruppo abbiamo evidenziato i risultati degli studenti degli istituti professionali, che sono le scuole che hanno il tasso più alto di abbandono e rappresentano una tipologia di studente più vicina a quella dei ragazzi che non si trovano a scuola. Il gruppo di controllo è composto per il 51,4% di ragazze e per il 48,6% di ragazzi ed è così distribuito nelle tre aree geografiche:il 37,5% al Nord, il 21,9% al Centro e il 40,6% al Sud Isole. La tabella 1 presenta per tipologia di scuole frequentate la presenza degli studenti nelle tre aree geografiche. Tab.1 Presenza degli studenti nelle aree geografiche e tipologie di scuole (valori percentuali) Istituto di Istituto istruzione professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Nord 32,4 40,9 36,0 Centro 24,5 17,0 15,2 Sud-Isole 43,1 42,1 48,8 Totale

3 La carriera scolastica dei diciottenni studenti Le ripetenze La regolarità del percorso scolastico di questi giovani è stata misurata a partire dalla domanda relativa ad eventuali ripetenze nella classe attualmente frequentata, in quella precedente e nella scuola dell obbligo (elementare e media). Il 2,3% dei rispondenti sta ripetendo la classe in corso, il 18,2% quella precedente; le ripetenze nella scuola elementare sono meno dello 0,5% mentre nella scuola media sono il 2,8%. E stato possibile ricostruire il percorso scolastico, dalla scuola elementare alla scuola media chiedendo ai ragazzi intervistati se hanno o meno ripetuto uno o più anni di scuola, prima dell iscrizione alla scuola media superiore. Analizzando per singole tipologie di scuole la percentuale di ripetenti (tab.2) si nota bene come avvenga l orientamento dei giovani alla conclusione della scuola media: al liceo si indirizza chi alla scuola media è risultato più bravo, ai professionali chi è stato bocciato più volte. Tab.2 Ripetenza nella scuola media inferiore per tipologia di scuola (valori percentuali) Istituto di Istituto Totale istruzione professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Si 3,1 43,8 53,2 100 No 37,5 14,1 48,4 100 In ogni tipologia di scuola, le ragazze ripetenti sono sempre di meno rispetto ai ragazzi, tranne che negli istituti professionali dove troviamo il 50% di ragazze e il 50% di ragazzi che stanno ripetendo la classe in corso. Negli istituti di istruzione, invece, il 57,1% dei ripetenti sono maschi e il 42,9% sono femmine, mentre nelle altre tipologie di scuola la differenza è ancora più evidente (la percentuale dei ragazzi ripetenti è pari all 87,1% contro il 12,9% di ragazze). Per quello che riguarda la ripetenza della classe precedente all ultima, la situazione non cambia molto; le ragazze sono in genere meno rispetto ai ragazzi. 3

4 Il lavoro Il 55,2% degli studenti intervistati dichiara di aver già lavorato; La tabella 3 illustra il fenomeno nelle varie tipologie di scuola. Tab.3 Ha già lavorato/tipologia di scuola (valori percentuali) Istituto di Istituto istruzione professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Si 37,3 80,6 55,6 No 62,7 19,4 44,4 Totale L 80,6% di chi frequenta istituti professionali ha già avuto esperienze lavorative, contro il 37,3% dei liceali. Questo dato sollecita due riflessioni: i giovani che frequentano gli istituti professionali sono quelli che sperimentano più precocemente il lavoro e questo in genere è la conseguenza di una situazione socio-economica poco favorevole. L esperienza di lavoro già vissuta, orienta questi ragazzi direttamente al lavoro. Queste riflessioni sono confermate dal dato (vedi paragrafo Orientamento verso percorsi post-secondari ), relativo alla scelta tra lavoro o prosecuzione degli studi dopo il conseguimento del diploma. E interessante vedere la distribuzione territoriale degli studenti che hanno già sperimentato il lavoro. A Nord e al Centro i liceali lavoratori sono il 40% mentre a Sud sono il 28%. I lavoratori tra gli studenti dei professionali sono l 87% al Sud, il 70% al Centro e il 78% a Nord. L età in cui è stata svolta, per la prima volta, un attività lavorativa, è un dato che merita particolare attenzione, non sono molti coloro che fin dall infanzia hanno intrapreso una attività lavorativa ma, anche la presenza, seppur minima, di lavoro minorile deve far riflettere. Negli istituti professionali il 4,2% sostiene di aver avuto la prima esperienza lavorativa tra i 7 e gli 11 anni invece solo l 1% dei liceali dichiara di aver lavorato tra gli 11 e i 14 anni. Agli studenti è stato, inoltre chiesto di indicare in quale settore hanno svolto l attività lavorativa. Quasi tutti gli studenti hanno dichiarato (Tab.4) di aver lavorato nel settore delle professioni relative alle vendite. Tab.4 Professioni relative alle vendite/tipologia di scuola (valori percentuali)* Istituto di istruzione Istituto professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Professioni relative alle 54,6 52,2 46,1 vendite * Il 100% dei casi nelle tipologie di scuola si ottiene sommando tutte le altre calorie professionali che non vengono riportate per rendere più agevole la lettura dei dati. La seconda categoria (Tab.5) più ricorrente è quella degli agricoltori, forestali e zootecnici. 4

5 Tab.5 Agricoltori zootecnici e forestali/tipologia di scuola (valori percentuali)* Istituto di istruzione Istituto professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Agricoltori zootecnici e 8,5 23,3 20,8 forestali * Il 100% dei casi nelle tipologie di scuola si ottiene sommando tutte le altre calorie professionali che non vengono riportate per snellire la presentazione dei dati. L insieme delle attività svolte da questi giovani, riportate entro la classificazione delle professioni ISTAT (costruita sulle classificazione internazionale delle professioni ISCO-1992), presentano questo quadro: il 48,3% ha svolto attività riferibili alla classe 05 (vendita e servizi alle famiglie e alle persone); il 19% alla classe 06 (agricoltori e zootecnici, pescatori ecc.); il 10,4% è impegnato in attività riconducibili alla classe 07 (artigiani, operai specializzati); il 12,9% appartiene alle classi 03 e 04 (Professioni esecutive nell'amministrazione e nella gestione/professioni intermedie tecnici); il 4,4% appartiene alla classe 09 (personale non qualificato); il 3,9% appartiene alla classe 08 (addetto ad impianti fissi e mobili ed ai montaggi industriali); l 1% appartiene alla classe 01 (professioni intellettuali intermedie). Fig.1 Attività lavorative 10,4% 3,9% 4,4% 1,0% 12,9% 19,0% 48,3% Professioni esecutive relative all'amministrazione, gestione/professioni intermedie (tecnici) Professioni relative alle vendite ed ai servizi per famiglie Agricoltori, forestali, zootecnici e addetti pesca/caccia Artigiani, operai specializzati Cond. Impianti/Operat. Macc. fissi-mobili/op. montaggio indu. Personale non qualificato Professioni intellettuali intermedie 5

6 Se consideriamo le due categorie di lavoro estreme: vendita, servizi alle famiglie e alle persone che è la più citata e la categoria professioni intellettuali intermedie, che è la meno citata, la distribuzione nelle varie tipologie di scuola è la seguente: negli istituti di istruzione il 54,6% di coloro che hanno lavorato dichiara di aver svolto attività che rientrano nella categoria vendita servizi alle famiglie e alle persone, negli istituti professionali per la stessa categoria troviamo il 52,2% degli studenti, quindi in entrambe i casi più della metà della popolazione rispondente rientra in questa categoria. Per le professioni intellettuali intermedie, i ragazzi degli istituti di istruzione sono il 2%, invece quelli degli istituti professionali non arriva allo 0,5%. Orientamento verso percorsi post-secondari Il percorso di studi nella secondaria appare significativo nella scelta tra prosecuzione degli studi o lavoro. Il 60% dei nostri studenti non pensa di lavorare subito dopo il diploma, questi sono l 85% dei liceali contro il 24% degli studenti dei professionali. Solo il 18% dei nostri studenti esclude di proseguire una qualsiasi attività di studio o formazione, questi sono il 3,5% dei liceali contro il 34% degli studenti dei professionali. E stato chiesto a quelli che intendono proseguire gli studi di indicare l area disciplinare verso cui si orienteranno. La tabella 6 illustra queste aspirazioni per le varie tipologie di scuola frequentata. Tab.6 Area disciplinare dopo le scuole superiori secondo la tipologia di scuola frequentata (valori percentuali) Istituto di istruzione Istituto professionale Totale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Sanitaria 56,2 9,2 34,6 100 Scientifica-tecnologica 43,2 6,2 50,7 100 Umanistica 58,4 5,2 36,4 100 Giuridico-politica-economica 52,2 5,4 42,4 100 Ingegneria-architettura 39,5 9,2 51,3 100 Non specifica area didattica 8,3 32,0 59,8 100 Si è proposto agli studenti, che desiderano continuare gli studi, di esprimere una la preferenza tra corsi accademici, corsi professionalizzanti corsi artistici e musicali. Le tabelle 7,8,9 illustrano le risposte per tipologia di scuola frequentata. Tab.7 Corso artistico musicale dopo le superiori/tipologia di scuola (valori percentuali) Istituto di Istituto Totale istruzione professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Si 44,1 14,4 41,5 100 No 35, ,

7 Tab.8 Corso professionale dopo le superiori/tipologia di scuola (valori percentuali) Istituto di istruzione Istituto Totale professionale (Istruzione tecnica,istruzione artistica, Si 14,9 25,6 59,4 100 No 42,5 11,9 45,6 100 Tab.9 Corso universitario dopo le superiori/tipologia di scuola (valori percentuali) Istituto di istruzione Istituto Totale professionale (Istruzione tecnica,istruzione artistica, Si 53 5,9 41,1 100 No 8,7 30,1 61,2 100 Il confronto tra istituti di istruzione e professionali conferma le differenze già delineate. I ragazzi che frequentano gli istituti classici sono più propensi a scegliere corsi artistico-musicali e corsi universitari; sono rispettivamente il 44,1% e il 53% contro il 14,4% e il 5,9% di chi si trova negli istituti professionali. Infatti, questi ultimi, tendono a proseguire nei loro settori di competenza: il 25,6% dichiara di voler frequentare corsi professionali dopo le superiori. Abitudini culturali L indagine permette di ricostruire alcune abitudini culturali degli studenti diciottenni, attraverso la raccolta di informazioni relative alla lettura di libri e giornali, alla fruizione di spettacoli televisivi e cinematografici e alla partecipazione ad attività associative. L abitudine alla lettura - Lettura di libri La frequenza di lettura di libri è rilevata, separatamente, per tre tipi di testi: narrativa, libri a contenuto tecnologico, libri a contenuto scientifico. Diamo i dati relativi ai non lettori. Il 3,9% dei giovani che frequentano istituti di istruzione non legge mai un libro di narrativa, la percentuale di non lettori aumenta sensibilmente se consideriamo i giovani dei professionali che sono il 24,5% con uno scarto di circa 20 punti percentuali, per le altre tipologia di scuola siamo intorno al 15,6%. Il 31,9% dei ragazzi che frequenta istituti professionali non legge mai un libro tecnologico contro il 48,7% di chi frequenta istituti di istruzione con uno scarto di circa 17 punti percentuali, per le altre scuole la percentuale è pari al 36,1%. I ragazzi che sostengono di non aver mai letto libri a contenuto scientifico si aggirano per tutti i tipi di scuola intorno al 30-35%. - Lettura quotidiani I ragazzi sono stati interrogati sulle abitudine di lettura di quotidiani: di informazione, di sport e di economia. Emerge con chiarezza che, per tutte le tipologie di scuola, i quotidiani meno letti sono quelli di economia, i liceali sono il 64,8%, gli studenti dei professionali sono il 59,4%, quelli degli altri tipi di scuola il 50,4%. 7

8 La percentuale di chi non legge mai quotidiani sportivi diminuisce sensibilmente in tutte le tipologie di scuola, infatti: i ragazzi degli istituti di istruzione sono il 35,4%, quelli degli istituti professionali sono il 25,1%, i frequentanti altri tipi di scuola sono il 28%. La percentuale di coloro che non legge mai quotidiani di informazione si riduce al 2,2% nella istruzione, al 6,9% negli istituti professionali e al 3,6% negli altri tipi di scuola. I quotidiani più letti sono quelli a carattere informativo, infatti in tutti i tipi di scuola la metà degli studenti dice di leggere spesso un quotidiano di informazione. - Lettura riviste I ragazzi sono stati interrogati sulla loro abitudine alla lettura di riviste: scientifiche, tecnologiche, attualità, economia, sportive e politiche. Le riviste meno lette sono quelle di economia, infatti per tutti i tipi di scuola almeno il 50% dei ragazzi dice non leggerle mai. Quelle più lette sono le riviste di attualità per tutti i tipi di scuola la percentuale di chi legge spesso tali riviste è almeno del 40% circa. Attività ricreativo-culturali Ai giovani intervistati è stato chiesto di indicare con quale frequenza vanno a teatro, al cinema, ai concerti e nei musei. I ragazzi degli istituti classici, sono quelli che dedicano più tempo a tutte queste attività ricreative e culturali. Il dato emerge se si confrontano le percentuali di ragazzi che hanno detto di non frequentare mai teatri, cinema, concerti e musei. Tab.10 Attività ricreativo-culturali/tipologia di scuola (valori percentuali)* Istituto di istruzione Istituto professionale (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Non vado mai a teatro 29,1 61,5 46,4 Non vado mai al cinema 2,7 7,8 6,6 Non vado mai ai 38,9 50,7 44,9 concerti Non visito mai i musei 3,9 23,3 14,7 Per ogni tipologia di scuola il 100% dei casi si ottiene sommando alla categoria mai le percentuali relative alle altre possibili risposte registrate: vado al più di tre volte al mese; due/tre volte al mese, una volta al mese. In tutte le tipologie di scuole i ragazzi, tra le attività considerate, preferiscono certamente il cinema. La televisione I ragazzi hanno dato informazioni anche sul tipo di programmi televisivi che preferisco guardare. I ragazzi degli istituti di istruzione preferiscono guardare i telegiornali (50,7% dice di vederli molto spesso), mentre il 27,6% dei ragazzi dice di non vedere mai programmi sportivi. I giovani che frequentano gli istituti professionali non hanno le stesse preferenze. I programmi più visti da questi ragazzi sono i film, il 47,8% dice di vederli molto spesso. I programmi che vedono meno i ragazzi del professionale sono quelli educativi; il 20% dice di non vederli mai. 8

9 Partecipazione ad associazioni La domanda in cui si è chiesto ai ragazzi se fanno parte o meno di associazioni, include le seguenti opzioni: fai parte di una associazione parrocchiale, volontariato, culturale e sportiva. Per i ragazzi intervistati fare parte di una associazione di qualsiasi tipo non è importante, infatti, in tutte le tipologie di scuola, più del 50% della popolazione dichiara di non far parte di una associazione. Tra quelli che dichiarano di far parte di una associazione, la più frequentata è quella sportiva e questo dato ricorre per tutte le tipologie di scuola:? Istituti di istruzione 28,4%? 31,3%? (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, 30,2% Per gli Istituti di istruzione e professionali, l associazione meno frequentata è quella culturale:? Istituti di istruzione 13,3%? 8,4% Nel caso delle altre tipologie di istituti l associazione meno frequentata è quella del volontariato:? (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, 13,3%. Quali sono le competenze di questi giovani? Si può rispondere a questa domanda analizzando le risposte che i/le giovani hanno dato, in relazione alle prove cognitive contenute nel fascicolo; queste prove di competenza alfabetica funzionale sono le stesse che sono state sottoposte ai ragazzi che sono fuori della scuola e sono volte ad accertare: 1. la comprensione del significato di parole in un testo in prosa ed entro un contesto d uso; 2. la capacità di utilizzare in modo appropriato alcuni termini per inserirli correttamente in un modulo; 3. la capacità di produrre informazione (si tratta di prove di comprensione di un breve articolo). (Vedi relazione Rivelazione sulle competenze alfabetiche della popolazione a 18 anni parte prima, paragrafo Gli strumenti dell indagine ). La distribuzione delle risposte esatte entro le tre tipologie di prove è la seguente: 1. Comprensione del significato di parole in un testo in prosa ed entro un contesto d uso. Istituto di istruzione Istituti professionali (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Remunerativo 97,2% 91,9% 94,9% Lavoro a 38,6*% 48,1% 27,4% domicilio Causale 42,9% 25,7% 34,7% *Gli studenti del liceo classico conoscono, in genere, la definizione del termine domicilio, ma non quella specifica di lavoro a domicilio. 2. Capacità di utilizzare in modo appropriato alcuni termini per compilare correttamente un modulo. Istituto di Istituti istruzione professionali (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Modulo completo 42,9% 25,7% 34,7% Compilazione parziale 31,7% 53,4% 43,3% 9

10 Modulo completo L espressione risposte corrette indica la compilazione completa del modulo (Conto corrente postale), l espressione risposte errate indica qualsiasi inesattezza presente nella compilazione. Per ottenere il 100% dei casi, nei titoli di studio, occorre aggiungere il numero delle mancate risposte che si ottiene per differenza. Modulo parziale L espressione risposte corrette indica che non ci sono errori nelle parti di modulo che sono state compilate ma sono presenti degli spazi vuoti. L espressione risposte errate indica, oltre alle risposte errate, anche quelle in cui la causale è presente, ma non nell apposito spazio. Anche in questo caso per ottenere il 100% dei casi occorre aggiungere il numero delle mancate risposte. 3. Capacità di produrre informazione, si tratta di prove di comprensione di un breve articolo. Istituto di Istituti istruzione professionali (Istruzione tecnica, Istruzione artistica, Cosa deve saper fare. 73,2% 49,4% 59,2% Perché un non si improvvisa 62,9% 57,9% 55,1% Indica almeno due prodotti.. 92,6% 77,6% 80,1% Nelle figure che seguono sono riportati i risultati ottenuti dai ragazzi alle prove divisi per tipologia di scuola, per ottenere il 100% dei casi, nelle varie scuole, occorre aggiungere il numero delle mancate risposte che si ottiene per differenza. Fig.2 Remunerativo significa/tipologia di scuola 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Risposta corretta Istituti istruzione Risposta errata I ragazzi non hanno avuto problemi nel rispondere a questo item di competenza lessicale nelle tre tipologie di scuole il numero di ragazzi che ha risposto in modo errato non raggiunge il 10%. 10

11 Fig.3 Lavoro a domicilio significa/tipologia di scuola 80% Risposta corretta Risposta errata 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Istituti istruzione Fig.4 Causale/Tipologia di scuola 80% Risposta corretta Risposta errata 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Istituti istruzione Il problema della disparità tra scuole in relazione alle competenze lessicali emerge con chiarezza dai risultati relativi a questo item. I ragazzi che hanno avuto maggiori problemi, con il termine causale, sono quelli che frequentano gli istituti professionali, più del 60% non ha compreso il significato di questa parola. 11

12 Fig.5 Compilazione di un modulo/tipologie di scuole 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Istituti istruzione Risposta corretta Modulo completo Risposta errata Modulo completo Risposta corretta Modulo parziale Risposta errata Modulo parziale I due item che compongono questa prova hanno la struttura di una prova funzionale: lo stimolo fornisce tutte le informazioni necessarie per la compilazione e un modulo vuoto, che deve essere riempito. L informazione è formata di parole, di nomi propri e di cifre (si tratta di un pagamento). L item evoca un particolare caso di pagamento, pagamento ad un ente pubblico per cui si richiede la esplicitazione della causale. Sono state rilevate due modalità di risposta. La prima modalità: modulo compilato in modo completo (causale di versamento compresa). La prova risulta difficile per tutti i ragazzi, in nessuna delle tipologie di scuola si raggiunge almeno il 50% di risposte corrette (Modulo completo) ma, è evidente, che i ragazzi degli istituti professionali hanno avuto più problemi degli altri, solo il 26% ha compilato il modulo in tutte le sue parti. La seconda modalità: modulo compilato senza l indicazione corretta della causale. La prova risulta molto più facile, in questo caso i ragazzi degli istituti professionali sono più del 50% anche se il 20% di questi giovani non è in grado di compilare un modulo postale, neanche parzialmente. Inoltre è possibile verificare che l incompetenza funzionale, a causa della quale il modulo non risulta completo, dipende dalla incompetenza lessicale (il significato del termine causale è ignorato o non compreso vedi sopra). La minore competenza di chi frequenta gli istituti professionali è confermato. 12

13 Fig.6 Cosa deve saper fare il venditore di automobili Tipologie di scuola 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Risposta corretta Risposta errata Istituti istruzione Fig.7 Perché un venditore di automobili non si improvvisa Tipologie di scuola 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Risposta corretta Risposta errata Istituti istruzione 13

14 Fig.8 Indica almeno due prodotti accessori Tipologie di scuola 100% Risposta corretta Risposta errata 80% 60% 40% 20% 0% Istituti istruzione Per tutti e tre le prove relative alla capacità di produrre informazione i ragazzi degli istituti classici hanno raggiunto risultati nettamente migliori rispetto a quelli dei ragazzi degli istituti professionali (alla prova relativa all item Cosa deve saper fare il venditore di automobili più del 50% dei ragazzi dei professionali non ha saputo rispondere correttamente). L item più facile per tutti gli studenti è quello in cui si richiede, di elencare alcuni prodotti accessori:le risposte errate sono meno del 10% negli istituti classici e meno del 20% nei professionali. 14

15 I risultati degli studenti e dei non studenti: confronto Studenti e non studenti hanno svolto gli stessi compiti, utilizzando gli stessi strumenti. La tabella 11 illustra le percentuali corrette delle risposte dei due gruppi ed evidenzia come la frequenza della scuola in genere permette di svolgere meglio tutte le prove, anche se queste non sono di tipo scolastico. Tab.11 -Il vantaggio degli studenti STUDENTI NON STUDENTI TIPOLOGIA DI PROVA Risposte correte (%) Risposte corrette (%) Comprensione del significato di parole in un testo in prosa ed entro un contesto d uso.? Remunerativo? Lavoro a domicilio? Causale Capacità di utilizzare in modo appropriato alcuni termini per compilare correttamente un modulo.? Modulo completo? Compilazione parziale Capacità di produrre informazione, si tratta di prove di comprensione di un breve articolo.? Cosa deve saper fare il venditore di automobili? Perché un venditore di automobili non si improvvisa? Indica almeno due prodotti accessori 95,5 *36,7 36,3 36,3 38,5 64,1 59,5 85,4 *Appare utile sottolineare questo risultato, che è l unico in cui i non studenti hanno risultati migliori di quelli degli studenti. Gli studenti, in percentuale maggiore dei non studenti, non conoscono la definizione di lavoro a domicilio e si riferiscono in modo generico al significato di domicilio. Fig.9 Remunerativo significa/risposte corrette 53,3 *45,5 8,7 8,4 36,1 25,5 31,0 45,8 Non studenti Istituti istruzione 0% 20% 40% 60% 80% 100% 15

16 Fig.10 Lavoro a domicilio/risposte corrette Non studenti Isituti istruzione 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fig.11 Causale/Risposte corrette Non studenti Istituti istruzione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 16

17 Fig.12 Compilazione di un modulo/risposte corrette Istituti istruzione Non studenti Modulo completo Modulo parziale 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Fig.13 Cosa deve saper fare un venditore di automobli Risposte corrette Non studenti Istituti istruzione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 17

18 Fig.14 Perché un venditore di automobili non si improvisa Risposte corrette Non studenti Istituti istruzione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Fig.15 Indica almeno due prodotti accessori Risposte corrette Non studenti Istituti istruzione 0% 20% 40% 60% 80% 100% 18

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati Un anno dopo I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro Sergio Pollutri Istat ERM sede per le Marche Macerata, 24 ottobre 2014 Indice 1. Premessa 2. L indagine

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione indagata si manifesta una sovrarappresentazione dei laureati provenienti da contesti familiari avvantaggiati dal punto

Dettagli

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto L indagine internazionale ALL raccoglie elementi importanti che riguardano la

Dettagli

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI APPROFONDIMENTO LOCALE TRENTINO Gentile Insegnante, grazie per aver accettato di compilare il questionario. Il questionario

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI

ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI Lo scenario Qual è la condizione occupazionale di coloro che sono stati studenti nei Collegi universitari italiani? Quale tipo di percorso formativo hanno

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità.

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. 5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. Il presente capitolo si propone di completare l approfondimento sugli esiti scolastici andando a considerare in dettaglio i giudizi

Dettagli

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali Quadro di confronto tra le attività di tempo libero praticate negli anni Attività del tempo libero praticante almeno una volta nei tre mesi precedenti all'intervista

Dettagli

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli)

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli) CAPITOLO II Utenti che non hanno scaricato contenuti digitali nell ultimo anno ma sono consapevoli della possibilità di acquistare contenuti culturali da internet (non downloader consapevoli) I COMPORTAMENTI

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Quale futuro per i diplomati?

Quale futuro per i diplomati? Quale futuro per i diplomati? A Milano, martedì 11 dicembre 2007, quinto convegno AlmaDiploma. Identikit di quasi settemila ragazzi usciti a luglio dalle scuole superiori Chi sono i diplomati italiani,

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 Tra gli interventi di orientamento rivolti alle scuole secondarie di primo grado si può prendere in considerazione, quale esempio, il progetto

Dettagli

FONDAZIONE FITZCARRALDO

FONDAZIONE FITZCARRALDO FONDAZIONE FITZCARRALDO INDAGINE SUL PUBBLICO DEI FESTIVAL DI PIEMONTE DAL VIVO ABSTRACT DELLA RICERCA Gli obiettivi della ricerca La popolazione di riferimento dell indagine è quella del pubblico dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

Le attività culturali in Svizzera analisi approfondita dell indagine 2008. Attività culturali diffuse, ma praticate in modo eterogeneo

Le attività culturali in Svizzera analisi approfondita dell indagine 2008. Attività culturali diffuse, ma praticate in modo eterogeneo Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 11.04.2011, 9:15 16 Cultura, media, società dell'informazione, sport N. 0352-1102-70 Le attività culturali

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità.

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. 5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. Il presente capitolo si propone di completare l approfondimento sugli esiti scolastici andando a considerare in dettaglio i giudizi

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Note metodologiche. 1. Fonti e universi di riferimento

Note metodologiche. 1. Fonti e universi di riferimento Note metodologiche Il Profilo dei Diplomati AlmaDiploma 2014 utilizza in modo integrato i dati amministrativi forniti dagli Istituti coinvolti nel Progetto AlmaDiploma e le informazioni ricavate dai questionari

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000 ASSOCIAZIONE DOTTORANDI E DOTTORI DI RICERCA ITALIANI LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL Nel dicembre del la sezione di Bologna dell ADI ha condotto un questionario tra gli iscritti ai

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano

Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano Gli stranieri nella scuola secondaria di II grado della Provincia di Milano Un breve estratto, arricchito di dettagli e approfondimenti, dalla ricerca Gli studenti stranieri nel sistema di istruzione secondaria

Dettagli

Insuccesso formativo e dispersione scolastica

Insuccesso formativo e dispersione scolastica Insuccesso formativo e dispersione scolastica Un estratto dei risultati della ricerca compiuta a partire dai dati del Progetto Arianna del Comune di Torino Torino, 5 marzo 2013 Che cos è Arianna? Da oltre

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa Buongiorno a tutti. Analizzeremo oggi alcuni dei risultati tratti dall indagine Doxa Junior&Teens, realizzata da oltre vent anni e che, in diverse occasioni,

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

I PERCORSI POST-DIPLOMA DEI GIOVANI PRATESI. Rassegna stampa

I PERCORSI POST-DIPLOMA DEI GIOVANI PRATESI. Rassegna stampa I PERCORSI POST-DIPLOMA DEI GIOVANI PRATESI Rassegna stampa Novembre 2011 PROVINCIA DI PRATO Comunicato stampa Venerdì 4 novembre 2011 I giovani e il lavoro, i percorsi post diploma dei ragazzi

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI di Serena Cesetti 1. Aspetti introduttivi Questo studio, presentato al 4 Convegno Nazionale AlmaDiploma

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio 1 94 7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO 7.1 La mobilità per lavoro e studio Sempre più nelle società avanzate assumono un peso rilevante nel condizionare la qualità della vita dei cittadini una serie di

Dettagli

Scheda SUA - Sezione Qualità QUADRO C1. Corso di laurea in INFORMATICA. (Classe L-31)

Scheda SUA - Sezione Qualità QUADRO C1. Corso di laurea in INFORMATICA. (Classe L-31) Scheda SUA - Sezione Qualità QUADRO C1 Corso di laurea in INFORMATICA (Classe L-31) INDICE INTRODUZIONE LE SCHEDE E I MODELLI DI ANALISI METODOLOGIA DI RACCOLTA DEI DATI E TEMPI DI RILEVAZIONE GLOSSARIO

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

OPERATORE DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

OPERATORE DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? OPERATORE DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale Facoltà che prepara gli OPERATORI DELLA

Dettagli

Il mercato del lavoro a Messina

Il mercato del lavoro a Messina COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO DI STATISTICA Dirigente: Dott. Nunzia Crisafulli 2009 Il mercato del lavoro a Messina Relazione a cura del: Dott. Maurizio Mondello Dipartimento di Statistica Comune di Messina

Dettagli

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino Benvenuta! Benvenuto! Le scuole di Torino e provincia ti aspettano: andare a scuola è un tuo diritto, ma anche un dovere. Conoscere i propri diritti e sapere come accedere ai servizi è fondamentale per

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

SETTIMANA DELL ORIENTAMENTO

SETTIMANA DELL ORIENTAMENTO I numeri dell istruzione SETTIMANA DELL ORIENTAMENTO, Fiera della Pesca 27-30 ottobre 2009 MARCHE DIPLOMATI PER 100 PERSONE DI 19 ANNI ANNO SCOLASTICO 2006/2007 95,0 78,8 69,0 94,2 89,4 94,6 84,0 79,9

Dettagli

età sesso luogo-abitazione scuola superiore esperienza insegnamento 1 2 2 2 1 2 2 2 2 2 1 2 3 2 2 2 1 2 4 2 2 2 1 2 5 3 2 2 1 2 6 2 2 2 1 2 7 3 2 1 1

età sesso luogo-abitazione scuola superiore esperienza insegnamento 1 2 2 2 1 2 2 2 2 2 1 2 3 2 2 2 1 2 4 2 2 2 1 2 5 3 2 2 1 2 6 2 2 2 1 2 7 3 2 1 1 età sesso luogo-abitazione scuola superiore esperienza insegnamento 1 1 1 3 1 4 1 5 3 1 6 1 7 3 1 1 8 3 1 9 3 1 10 3 1 11 3 1 1 1 13 4 1 1 14 3 1 15 1 16 1 17 1 18 1 19 1 0 1 1 1 1 3 3 1 4 1 Come analizzare

Dettagli

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010.

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010. Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015 Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010 (Maggio 2015) La presente pubblicazione fa riferimento a dati elaborati a Marzo 2015.

Dettagli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli Giugno 2010 Sistema Statistico nazionale Ufficio Comunale di Statistica Direzione Risorse Tecnologiche Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente Riccardo

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

L offerta formativa nel turismo

L offerta formativa nel turismo L offerta formativa nel turismo Orientarsi nel panorama universitario italiano Dossier a cura del Centro Studi TCI dicembre 23 Tci Dario Bianchi Marco L. Girolami Matteo Montebelli Nicolò Pozzetto Massimiliano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Le Linee guida per la formazione nel 2010 e il rilancio dei contratti a contenuto formativo Roma, 6 maggio 2010 Emmanuele Massagli Ricercatore

Dettagli

TEST DI ORIENTAMENTO PER LA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE

TEST DI ORIENTAMENTO PER LA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE TEST DI ORIENTAMENTO PER LA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE Scuola Italia via Italia n 10 - Roma studente Francesco M. classe III A N.B. Ricorda che quanto leggerai è totalmente riservato, vincolato dal

Dettagli

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona Segretariato Cantonale Via Balestra 19 CH - 6901 Lugano tel.: 091-91 15 51 fax: 091-93 53 65 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona N. rif. V. rif. Lugano, 14 marzo 008

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA

LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA PERCHE' IL PROGETTO DAL TALENTO AL LAVORO - L'Università italiana soffre di un tasso di abbandono elevato (18%

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

L analisi del contesto

L analisi del contesto 1 L analisi del contesto La struttura scolastica è formata da 5 sezioni +1 terza La popolazione scolastica è costituita da: 316 allievi di cui 55% maschi e 45%femmine, di questi solo il 2% sono allievi

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1 ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO pg 1 TIPOLOGIA DELLA SCUOLA MEDIA Aree disciplinari e diversi percorsi di studio Conoscenza di sé le proprie attitudini il proprio modo di porsi nei confronti dell impegno

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2006 e il 2012 la quota dei laureati di cittadinanza estera è aumentata, passando dal 2,3 al 3,0 per cento. Quasi il 60 per cento dei laureati esteri provengono

Dettagli

Piano Offerta Formativa Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico

Piano Offerta Formativa Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Piano Offerta Formativa Liceo co e Linguistico Statale G. Pico Linee generali del POF Liceo G. Pico sulla base del nuovo ordinamento Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2010-11 nell ambito del Servizio

Dettagli

Consulta le note metodologiche. Collettivo selezionato. Collettivo selezionato. Collettivo

Consulta le note metodologiche. Collettivo selezionato. Collettivo selezionato. Collettivo Selezionato: anno di laurea: 2013 tipo di corso: laurea di primo livello Ateneo: Calabria Facoltà/Dipartimento/Scuola: Studi umanistici (Dip.) gruppo disciplinare: tutti classe di laurea: lingue e culture

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

I laureati e lo studio

I laureati e lo studio 28 aprile 2006 I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati Indagine 2004 Informazioni e chiarimenti: Servizio Popolazione, istruzione e cultura Viale Liegi, 13-00198 Roma Paola Ungaro

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Liceo Linguistico Profilo Quadro orario Attività caratterizzanti Stage Certificazioni www.istituto-albert.it Profilo del Liceo Linguistico Gli studenti, a conclusione del percorso

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Graf. 1 - Totale corsi per adulti ripartiti per tipologia 18,16% CPC (Tot. 3.400) CILS (Tot. 3.209) CBM (Tot. 12.112)

Graf. 1 - Totale corsi per adulti ripartiti per tipologia 18,16% CPC (Tot. 3.400) CILS (Tot. 3.209) CBM (Tot. 12.112) 1.4 - I Corsi Complessivamente i corsi per adulti attivati nell a.s. 26/7 sono stati 18.721 1, così ripartiti: 3.4 corsi del primo ciclo di istruzione (pari al 18,16% del totale), 3.29 corsi a favore di

Dettagli

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I P O S S I BI L I A partire dall anno scolastico 2010/2011, la scuola secondaria di secondo grado avrà un nuovo assetto.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. MORANTE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. MORANTE Pubblicata 22/10/2010 1 INDICE: 1. Obiettivi dell indagine. 2. Metodologia. 3. Campione di imprese monitorate. 4. Risultati ottenuti. 5. Conclusioni. 6. Allegati. 2 1 - Obiettivi dell indagine L indagine

Dettagli

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 IL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA -1 Alcune definizioni: 2 Tasso

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Gli indirizzi di studio

Gli indirizzi di studio Gli indirizzi di studio L Istituto Caniana rappresenta oggi un polo scolastico della GRAFICA e della MODA di primo piano a livello nazionale. Lo dimostra il fatto, ad esempio, che nell anno scolastico

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA)

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA) Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA) Indice Laureati 2012 per tipo di diploma I gruppi disciplinari di laurea

Dettagli