Le diverse strategie e procedure di brevettazione alla luce delle recenti modifiche della procedura italiana e della Convenzione sul Brevetto Europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le diverse strategie e procedure di brevettazione alla luce delle recenti modifiche della procedura italiana e della Convenzione sul Brevetto Europeo"

Transcript

1 Le diverse strategie e procedure di brevettazione alla luce delle recenti modifiche della procedura italiana e della Convenzione sul Brevetto Europeo Massimo Barbieri Politecnico di Milano

2 Brevetto per invenzione (1) Definizione di brevetto Documento Documento tecnico - tecnico - legale legale Strumento che consente all inventore di monopolizzareuna soluzione tecnologica Pubblicazione che insegna ai terzi certe soluzioni tecniche Il possesso di un brevetto conferisce al titolare il diritto di vietare ad altri di sfruttare economicamente l invenzione, ma non garantisce il diritto positivo ad attuare l invenzione stessa. Affinchéun invenzione sia attuabile, occorre che non esistano brevetti antecedenti oppure normative che ne vietino l attuazione.

3 Brevetto per invenzione (2) I diritti di proprietà industriale si acquistano solo mediante brevettazione o registrazione. Oggetto di brevettazione sono: le invenzioni i modelli d utilità le nuove varietà vegetali Oggetto di registrazione sono: i marchi i disegni e modelli le topografie di prodotti a semiconduttori Il diritto d autore e il marchio di fatto sono diritti non titolati.

4 Brevetto per invenzione (3) Tre principi fondamentali della CUP: Priorità 12 mesi per brevetti d invenzione 6 mesi per marchi, disegni e modelli industriali Indipendenza(dei brevetti) Trattamento nazionale Ogni Stato unionista accorda ai cittadini degli altri Stati membri lo stesso trattamento riservato ai nazionali

5 Brevetto per invenzione (4) Fonte: E. F. Sherry, D. J. Teece Royalties, evolving patent rights, and the value of innovation- Research Policy (2004), 33, p

6 Grace period (1) Domande US (prioritàdal 2000) con origine accademica: (di cui 361 articoli; 299 priorità US) Il grace period (utilizzato da circa 1/3 degli inventori accademici) favorisce la divulgazione. Domande US non estese 2.8 mesi Domande US estese all estero 9.9 mesi Domande US estese come EP 16.2 mesi Le invenzioni US sono divulgate prima di quelle EP e nel caso incui sia effettuata un estensione all estero il tempo di divulgazione aumenta. La mancanza di armonizzazione influenza anche gli inventori US. 10,6 mesi Utilizzo grace period filing 16,1 mesi senza grace period Fonte: C. Franzoni, G. Scellato The grace period in international patent law and its effect on the timing of disclosure- Research Policy (2010), 29, p

7 Grace period (2) Vantaggi tutela gli inventori (da divulgazioni accidentali), ma soprattutto i ricercatori universitari, che hanno urgenza di pubblicare i propri lavori l inventore si riserva il diritto a brevettare in un tempo maggiore, senza incorrere in costi iniziali di deposito Svantaggi l inventore non ètutelato nei confronti di terzi che brevettano invenzioni di miglioramento l inventore non può brevettare all estero il grace period non favorisce i terzi (i cui diritti sono evidenti dopo 30 mesidalla divulgazione e non dopo 18 mesi) Fonte: C. Franzoni, G. Scellato The grace period in international patent law and its effect on the timing of disclosure- Research Policy (2010), 29, p

8 Tutela del segreto industriale Oggetto: informazioni tecniche ed aziendali 1. forma di protezione alternativa al brevetto (protezione aleatoria, conservata solo finché le informazioni rimangono segrete; opponibile solo a coloro che illegittimamente si procurano le informazioni). 2. tutela complementare (valore legato all esperienza, servono ad attuare un invenzione) 3. funzione accessoria alla brevettazione 4. sovrapposizione (es. software: codice sorgente segreto) 5. unica alternativa: se mancano i requisiti di brevettabilitàoppure perchési tratta di informazioni non brevettabili Non èvietato ottenere le informazioni segrete tramite reverse engineering di un prodotto legittimamente procurato néconoscerle a seguito di un atto di rivelazione accidentale.

9 Procedure: aspetti generali (1) Tipologie di procedure di brevettazione Le procedure di brevettazione si distinguono principalmente in due categorie: procedure ad esame sostanziale (Germania, Stati Uniti, Giappone, ) procedure a semplice registrazione (il brevetto viene concesso a seguito di una procedura amministrativa formale) Argomenti a favore dell esame: 1. riduce il numero di cause; 2. maggiore certezza per gli investitori; 3. maggiore qualità

10 Procedure: aspetti generali (2) In Italia All estero entro dodici mesi: Domanda di Priorità Estensione internazionale PCT EP 0 12 EP Fasi nazionali

11 Procedure: aspetti generali (3) Possibilità di deposito a livello internazionale depositi nazionali brevetto europeo procedura PCT Depositi nazionali esame di novitàdifferito(per es. in Germania 7 anni dal deposito, in Giappone 3 anni): in tale periodo la domanda viene esaminata solo su richiesta deltitolare o di un terzo interessato. ricerca separata dalla fase d esame(per es. in Inghilterra il titolare ha tempo 6 mesi per richiedere l esame) esame di novità(non di brevettabilità): in Francia viene eseguita solo una ricerca di novitàed emesso un rapporto di ricerca ed il richiedente ètenuto solo a modificare le rivendicazioni oppure a presentare una relazione di commento suidocumenti presenti nel rapporto di ricerca. La domanda viene accolta d ufficio.

12 Strategie (1) Come ridurre i costi del portafoglio brevettuale PCT (sempre necessario?): mercato di riferimento (EP + US) ricerche di prior art depositare domande provvisorie (es. US costo $ 110) caso in cui si deposita il PCT (applicant US) alcuni Stati possono selezionare l ISA (tassa di ricerca al KIPO $ 729 vs. $ all USPTO e all EPO) limitare il numero (meno tasse) e l ampiezza delle rivendicazioni (per ridurre la prosecuzione) una domanda limitata può essere ampliata depositando eventualmente una Continuation in part Accordo di Londra (elimina in alcuni casi i costi di traduzione; con i soldi risparmiati si potranno: a) effettuare convalide in più Stati; b) pagare le tasse annuali di convalida per più anni; c) effettuare più depositi.

13 Strategie (2) contratti di licenza conoscenza delle leggi brevettuali nazionali Esempio: Iran sono escluse le invenzioni contrarie alle regole islamiche senza esame di merito periodo di grazia di 6 mesi non sono esclusi i programmi per elaboratore tempo di prosecuzione e concessione Generalmente l USPTO concede piùfacilmente i brevetti. Prima azione ufficiale: entro un anno dal deposito In Canada richiesta esame (posticipabile fino a 5 anni dal deposito)

14 Strategie (3) come scrivere la domanda di brevetto? molto ampia (per mascherare la vera invenzione? O perché non è ancora ben definita) depositando successivamente domande divisionali per restringere l ambito di tutela limitata (ma con più depositi entro l anno di priorità) in alcuni settori (biotech) domande con migliaia di pagine sono frequenti ( pagine e rivendicazioni) un maggior numero di rivendicazioni può significare un maggioreambito di tutela; a volte, l aggiunta di rivendicazioni significa dettagliare meglio l invenzione, aggiungendo precisione dati medi: rivendicazioni (da 10 a 18 negli anni ); pagine di descrizione (da 14 a 30 negli anni )

15 Caso PCT Strategie (4) PCT IT PCT EP IT PCT San Marino Legge 25 maggio 2005, n. 79 della Repubblica di San Marino, art.37.3: in attuazione dell art. 43 della Convenzione di Amicizia e buon vicinato tra San Marino e l Italia del 31 marzo 1939, si applicano le seguenti disposizioni: se una invenzione èprotetta da domanda di brevetto o da brevetto sammarinese l attuazione, da parte di terzi, dell invenzione nel territorio italiano costituisce contraffazione o usurpazione del titolo di protezione sammarinese e si possono promuovere azioni giudiziarie secondo quanto disposto dalle leggi italiane. PCT (domanda EP ritirata) modello di utilitàit (richiesta conversione)[art D. Lgs. 10 febbraio n. 30: consente la trasformazione di una domanda EP respinta, ritirata o considerata in una domanda per modello d utilità, purchéne abbia i requisiti] domanda divisionale[art e 161] Caso EP EP IT (richiamando la priorità) EP modello di utilitàit

16 Strategie (5) costi delle cause Il costo delle cause multiple èproibitivo! Èpiùeconomico depositare un opposizione all EPO (i costi variano da a , inclusi onorari del consulente). UK èla giurisdizione piùcostosa (3 volte > rispetto a FR, DE e NL) L esito delle cause è a volte incerto! (es. Epilady vs. Remington) Tribunali di: AT, FR, UK nessuna contraffazione BE, DE, IT, NL accertata la contraffazione Fonte: M. Majer, B. Van Pottelsberghe Economic incongruities in the European Patent System ECARES working paper

17 Strategie (6) Brevetti EP concessi e depositati tra il 1990 e il 1995 (~ ) ~ 30% dei brevetti EP concessi sono stati depositati come PCT nel 2005 il 53% delle domande di brevetto depositate all EPO sono passate attraverso la procedura PCT procedura accelerata: 2% domande divisionali: 4% N medio di priorità: 1 Fonte: N. Van Zeebroeck et al. Filing strategies and patent valueceb Working N 08/016, March 2008

18 La nuova procedura dell UIBM Deposito Ricerca ed opinione Ricorso Pubblicazione Risposta all esaminatore? Rigetto Esame Concessione

19 Procedura nazionale (1) deposito presso UIBM o Camera di Commercio (che la trasmette all UIBM): in forma cartacea oppure online esame formale da parte dell ufficio ricevente emissione del rapporto di ricerca: l EPO effettua la ricerca di anterioritàsulle domande IT depositate dal 1 luglio 2008 (le domande saranno inviate all EPO salvo casi di non brevettabilitàper palese mancanza di novitào per appartenenza alle invenzioni escluse in base agli articoli 45 e 50 C.p.i.) concessione (?) validità(da decidere in sede giudiziale)

20 la domanda può essere depositata dal richiedente (inventore o datore di lavoro) oppure da un consulente in proprietà industriale attraverso un mandato (lettera d incarico) la sezione piùimportante ècostituita dalla relazione tecnica (descrizione, disegni) e dalle rivendicazioni il titolo è meramente indicativo Procedura nazionale (2) nel caso in cui l UIBM decida di non concedere una domanda di brevetto èpossibile appellarsi alla Commissione dei Ricorsi (tramite un avvocato e non un consulente in p.i.) entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione (tassa 340) finchéuna domanda non viene concessa èpossibile correggere aspetti non sostanziali, introdurre nuovi esempi o limitare descrizione, disegni e rivendicazioni (importante ènon ampliare l ambito di protezione) un istanza di limitazione non può essere accolta se è stata instaurata una causa di nullità e finchénon èstato emesso un giudizio

21 Ricerca EPO (1) L EPO è l'autorità competente ad effettuare la ricerca di anteriorità relativamente alle domande di brevetto per invenzione industriale depositate presso l UIBM. Le modalitàsono stabilite da un apposito Accordo stipulato tra il MSE-UIBM e l EPO Viene effettuata una preselezione delle domande (se risulta assolutamente evidente l assenza dei requisiti, la domanda non sarà inviata all EPO) La ricerca di anterioritàriguarda le domande di brevetto per invenzione industriale per le quali non èrivendicata la prioritàai sensi dell'art. 4 del CPI

22 Ricerca EPO (2) Il fascicolo spedito all EPO saràcostituito da titolo, riassunto, descrizione, rivendicazioni e rivendicazioni tradotte in inglese (ed eventualmente la descrizione in inglese). Inoltre, la domanda dovràessere classificata (a livello della sottoclasse) e sarà compito degli esaminatori dell UIBM attribuire la classificazione. La traduzione delle rivendicazioni potràessere eseguita manualmente (scelta consigliata per consentire una ricerca affidabile) oppure affidata all UIBM che provvederàad effettuarla in modo automatico (in questo caso il richiedente dovràpagare una tassa di ricerca di 200 ) La tassa di ricerca èassolta se si presenta la traduzione in inglese delle rivendicazioni. La traduzione della descrizione potràessere realizzata con un traduttore automatico a cura dell EPO; in ogni caso non faràparte del fascicolo (il testo che fa fede èquello in italiano) ma serviràsolo a comprendere le rivendicazioni.

23 Ricerca EPO (3) Affinchél EPO possa redigere il rapporto di ricerca entro 9 mesi dalla data di deposito della domanda italiana, l UIBM dovràspedire il fascicolo all EPO entro 5 mesi dal deposito (la domanda deve essere completa altrimenti i tempi non potranno essere rispettati). Mediamente il 90% delle domande èinviato all EPO entro 4 mesi dal deposito; il 10% può o subire ritardi o essere escluso dall invio per irregolaritàformali o sostanziali. Problemi potrebbero sussistere nel caso di mancanza di unicità dell invenzione: sarà emesso un rapporto di ricerca incompleto e occorrerà depositare una o più domande divisionali. Il rapporto di ricerca emesso èsimile a quello ottenuto per le domande EP o PCT; l opinione scritta (redatta in inglese) ha solo carattere informativo. Attualmente i rapporti di ricerca non sono accessibili ai terzi e qualora si richieda la copia di una domanda di brevetto, tale copia non èaccompagnata dal rapporto di ricerca.

24 Rapporto di ricerca (1) Sono citati i documenti rilevanti per l oggetto della domanda di brevetto con i dati bibliografici Ciascun documento viene contrassegnato con una lettera: X, Y, A, T, P, E, O, L, D Riferimenti alle rivendicazioni rilevanti Indicazione di tutti i membri della famiglia dei documenti citati Classificazione completa della domanda di brevetto

25 Rapporto di ricerca (2) Categorie di documenti citati nei rapporti di ricerca Fonte: D. Harhoff, S. Wagner Modeling the duration of Patent Examination at the European patent Office Discussion paper

26 Rapporto di ricerca (3)

27 Rapporto di ricerca (4) Indicazione dei membri della famiglia brevettuale

28 Esame delle domande Il D.M. del 27 giugno 2008 (art. 6) precisa che saràeffettuato un esame dall UIBM che cominceràdopo la pubblicazione della domanda di brevetto e che prenderà in considerazione il Rapporto di Ricerca e le eventuali argomentazioni e modifiche depositate dal richiedente. L art. 5 del decreto stesso stabilisce che dopo la ricezione del Rapporto di Ricerca il richiedente può(non èquindi obbligatorio) depositare le proprie argomentazioni e modifiche entro i 18 mesi dalla data di deposito della domanda. Pertanto se il rapporto di Ricerca presenta tutte A si potrebbe evitare di depositare argomentazioni e modifiche; nel caso in cui il rapporto di ricerca sia negativo, si possono depositare argomentazioni e modifiche (il tutto deve essere effettuato entro i 18 mesi altrimenti l UIBM potrebbe ignorarle nel suo esame successivo).

29 D. Lgs. N. 131, 13 agosto 2010 Novità legislative (1) Artt. 149 e 152 non vi èpiùl obbligo di depositare una traduzione completa della descrizione e delle rivendicazioni ma èsufficiente un riassunto in lingua italiana che definisca in modo esauriente le caratteristiche dell invenzione Art Contenuto della domanda (possibilitàdi deposito successivo delle rivendicazioni) [Le rivendicazioni] devono essere presentate ove non siano state accluse alla descrizione al momento del deposito, entro iltermine di due mesi dalla data della domanda. In tale caso resta ferma la data di deposito già riconosciuta. Art domanda di brevetto divisionale volontaria (da effettuarsi prima della concessione del brevetto)

30 D. Lgs. N. 131, 13 agosto 2010 Novità legislative (2) Art. 192 (istanze di continuazione) èpossibile richiedere una ripresa della procedura se non èstato rispettato un termine imposto dall UIBM (entro 2 mesi dall atto omesso e pagando una tassa di 300 ), con alcune esclusioni (termini di priorità, opposizione e ricorso, integrazione della domanda o produzione della traduzione, annualitàe il deposito delle rivendicazioni in inglese) Art. 198 l obbligo della presentazione dell istanza di autorizzazione all estero ricorreràsolo qualora la domanda di brevetto riguardi oggetti che potrebbero essere utili per la difesa del Paese (meglio richiedere comunque l autorizzazione oppure effettuare un primo deposito IT e dopo 90 gg. un deposito estero)

31 Alcune considerazioni sulla procedura nazionale 1. se il rapporto di ricerca (SR) viene inviato prima della scadenza della priorità: serve come strumento decisionale per le successive estensioni (PCT, EP, ecc ); se l invenzione è totalmente anticipata si decide di non estendere, altrimenti si possono modificare le rivendicazioni già nella fase internazionale (si ottiene uno sconto sulla tassa di ricerca); 2. se il rapporto di ricerca non è inviato al richiedente in tempo, non si hanno elementi per decidere (i costi di una domanda IT sono comunque piùaccessibili rispetto ad un deposito EP o PCT); 3. il deposito IT conviene se a) sono rispettati i tempi (ricezione del SR e dell opinione di brevettabilità entro 9 mesi dal deposito e b) se la ricerca viene eseguita allo stesso modo di una domanda EP o PCT (occorre verificare se esiste concordanza sui rapporti di ricerca). 4. Sistema di esame snello?

32 Come ottenere tutela in Europa deposito nazionale: depositare domande di brevetto direttamente presso gli uffici nazionali. EP: depositare un unica domanda EP e successivamente convalidare negli Stati d interesse. PCT-nazionale: depositare una domanda PCT e dopo 30 mesi dalla data di prioritàselezionare gli Stati in cui richiedere la tutela [non èpossibile per BE, CY, FR, GR, IE, IT, MC, NL, SI]. Euro-PCT: depositare una domanda PCT e dopo 31 mesi dalla data di priorità effettuare l ingresso in fase regionale EP.

33 Procedura europea (1) Stati contraenti EPC (37) Dal 1 ottobre 2010: Serbia Dal 1 maggio 2010: Albania

34 Procedura europea (2) Non si ottiene un unico brevetto valido nei Paesi designati ma tanti brevetti separati, per cui per ogni Stato designato si dovranno pagare le tasse di mantenimento e ciascuno potràessere abbandonato, decadere, venire revocato, indipendentemente dagli altri, sulla base di decisioni nazionali Ha la stessa procedura di un deposito nazionale ma semplifica di molto sia la fase di deposito, di esame e di rilascio, eliminando gli iter burocratici dei singoli depositi nazionali Il titolo ottenuto ha lo stesso ambito di tutela in tutti i Paesi designati

35 Procedura europea (3) Deposito Ricerca ed opinione Appello Revoca Mantenimento Pubblicazione Mantenimento con rettifiche Rigetto Limitazione Esame Concessione Opposizione

36 Procedura europea (4) Deposito della domanda di brevetto europeo Trasmissione del rapporto di ricerca (6 9 mesi dal deposito, se si tratta di un primo deposito) solo al richiedente Richiesta di esame (entro 6 mesi dal ricevimento del rapporto diricerca): se non viene effettuata la richiesta la domanda è considerata ritirata! Pubblicazione della domanda (dopo 18 mesi) e del rapporto di ricerca Concessione e traduzione delle rivendicazioni in francese e tedesco (dopo 3-4 anni dal deposito) Opposizione Nazionalizzazione (il brevetto europeo concesso èun fascio di brevetti nazionali) Limitazione e revoca

37 Procedura europea (5) Deposito rivendicare la prioritàsulla base di depositi effettuati in stati membri del WTO (Taiwan, Hong Kong, Tailandia) e fino al 16 mese dalla data di deposito deposito in qualsiasi lingua rivendicazioni non necessarie per ottenere una data di deposito possibile il reference filing (riferimento ad una precedente domanda) integrazione di parti mancanti: riferimento alla domanda di priorità Per ottenere una data di deposito è sufficiente: compilare la richiesta identificare il titolare descrizione (o reference filing) data deposito numero domanda ufficio presso cui èstata depositata

38 Procedura europea (6) EPC2000 statistiche (fino a sett. 2009) Deposito posticipato delle rivendicazioni: 140 domande Reference filing: 0,7% (quasi tutte divisionali) di tutte le domande Lingue di deposito: JP, CN Parti mancanti: 222 domande Priorità entro 16 mesi: 268 domande Limitazione Nessun ritardo nelle pubblicazioni! Fonte: L. Zimmermann EPC2000 State of play nearly two years on - World Patent Information (2010), 32, p

39 Procedura europea (7) Verifica degli aspetti formali Identificazione del richiedente, presentazione di una descrizione o di un reference filing (rivendicazioni non piùnecessarie per ottenere una data di deposito), verifica del pagamento tasse di deposito e ricerca e della presenza di eventuali priorità. Preclassificazione Uno dei compiti dell Ufficio èdi suddividere le domande in funzione del settore tecnico ed assegnarle alle varie unitàd esame. Uno dei compiti dell esaminatore non èsolo quello di attribuire una classificazione internazionale alla domanda (IPC) ma anche una europea (ECLA). La classificazione IPC di un brevetto concesso può differire da quella della domanda se sono stati effettuati molti emendamenti alle rivendicazioni.

40 Procedura europea (8) Redazione del rapporto di ricerca e Written Opinion Sulla base delle rivendicazioni (ed eventualmente della descrizione e dei disegni), cita quei documenti rilevanti per novità e attività inventiva oppure semplicemente perché facenti parte dello stato della tecnica In alcuni casi la domanda di brevetto èscritta in modo tale che l EPO emette un rapporto di ricerca incompleto: se manca unità d invenzione (se non sono pagate ulteriori tasse, solo sulla prima invenzione viene effettuata la ricerca) per invenzioni non brevettabili (per es. business methods) se vi sono troppe rivendicazioni indipendenti se alcune rivendicazioni non sono comprensibili In ogni caso una domanda di brevetto non viene respinta nella fase di ricerca Non sono consentite modifiche prima del rapporto di ricerca

41 Procedura europea (9) Con le nuove regole l EPO contatteràil richiedente invitandolo a fornire delucidazioni sulle rivendicazioni non chiare. Formalmente èstata eliminata una possibilitàdi emendare la domanda di brevetto [ovvero (1) prima della pubblicazione e successivamente al ricevimento del rapporto di ricerca e (2) dopo la prima comunicazione ufficiale emessa dall EPO]. Queste due possibilitàsono state accorpate nella replica obbligatoria all invito emesso con il rapporto di ricerca. Il richiedente dovràemendare le rivendicazioni se il rapporto di ricerca ènegativo prima di richiedere l esame (entro 6 mesi dalla pubblicazione del SR, possibile il further processing ) Fonte: Patent Information News, Issue 1, 2010

42 Procedura europea (10) Esame sostanziale Viene eseguito dallo stesso esaminatore che ha condotto la ricerca e redatto la Written Opinion. Solo in casi eccezionali la pratica saràassegnata ad un altro esaminatore, principalmente sulla base della classe principale IPC attribuita alla domanda Se l esame ha esito positivo, saràchiesto al richiedente di approvare il testo come concesso, depositare la traduzione delle rivendicazioni nelle altre due lingue ufficiali e pagare le tasse di concessione In caso contrario, avràinizio un ciclo di notifiche da parte dell esaminatore e di repliche da parte del richiedente, il cui numero dipende da molti fattori Osservazioni di terzi potranno essere prese in considerazione

43 Procedura europea (11) Procedura accelerata richiesta scritta (sia per la ricerca sia per l esame) le richieste non sono pubblicate per le ricerche sui primi depositi EP, l Ufficio esegue sempre una procedura accelerata (invio del SR al richiedente entro 6 mesi dal deposito) ricerca accelerata possibile se il deposito è completo prima comunicazione dell ufficio dopo 3 mesi dal ricevimento della domanda da parte della Divisione d esame successive comunicazioni entro 3 mesi dal ricevimento della risposta del richiedente

44 Procedura europea (12) Fattori che influenzano la durata e l esito dell esame Fattori istituzionali Difficoltà nell eseguire l esame stesso Crescente complessità delle invenzioni Fattori legali (requisiti + patentable subject matter) Turnover Concessione Modifiche alle rivendicazioni EPO 5% 3 esaminatori Flessibilitànelle comunicazioni USPTO 33% individuale Solo 2 modifiche

45 Procedura europea (13) Fonte: P. H. Jensen et al. Application pendency times and outcomes across four patent offices - Melbourne Institute Working Paper No. 6/08 April 2008

46 Procedura europea (14) Il tempo di durata della fase d esame dipende anche dal numero di comunicazioni ricevute N di comunicazioni Tempo di concessione (n di mesi dal deposito della priorità) Fonte: G. Lazaridis, B. Van Pottelsberghe - The rigour of EPO s patentability criteria: An insight into the induced withdrawals - World Patent Information (2007), 29, p

47 Procedura europea (15) Statistica su domande di brevetto EP depositate dal 1982 al 1998 % di concessioni: 59,1% % di rifiuti: 3,9% % di ritiri: 26,5% In media i richiedenti ritirano le domande dopo 3,16 anni; i brevetti sono concessi dopo 4,25 anni, mentre i rifiuti richiedono più tempo (4,43 anni) Motivi del ritardo nelle concessioni: crescita nel n di depositi (e del n di domande in esame: da 24 a 120 nel 1998); complessità delle domande (n delle rivendicazioni da 9,84 a 15,36); crescita del n di domande PCT Fonte: D. Harhoff, S. Wagner The duration of patent examination at the European Patent Office - Management Science (2009), 55 (12), p

48 Procedura europea (16) L USPTO gestisce un n di domande 3 volte maggiore rispetto all EPO! Durata procedura: EPO (49 mesi) JPO (31 mesi) USPTO (27 mesi) Fonte: B. van Pottelsberghe, D. François The cost factor in Patent Systems - J Ind Compet Trade (2009), 9 p

49 Procedura europea (17) Opposizione Tassa: 705 (appello: 1.180) ~ 7,9% dei brevetti EP concessi tra il 1980 e il 1995 hanno ricevuto opposizione (1/3 appello) Durata media: 1,9 anni opposizione 2,1 anni appello Piùdel 97% di tutti i casi di opposizione sono depositati entro 5 giorni dal termine del periodo. Fonte: B. Hall, D. Harhoff Post-grant reviews in the U.S. patent system-design choice and expected impact - Berkeley Technology Law Journal (2004), Vol. 19:1

50 Domande divisionali Procedura europea (18) volontaria Richiesta EPO 1. La domanda base deve essere ancora pending 2. Entro 24 mesi dalla prima comunicazione ufficiale Fonte: Patent Information News, Issue 2, 2010

51 Procedura europea (19) I costi brevettuali possono essere suddivisi in quattro categorie principali: costi di procedura (tasse di deposito, ricerca, esame, designazione degli Stati, concessione e convalida) costi di traduzione (principalmente dopo la concessione del brevetto e dipendenti dal numero di pagine e degli Stati in cui convalidare il brevetto) costi esterni (per la stesura della domanda di brevetto, la fase di prosecuzione e il monitoraggio delle varie scadenze) costi di mantenimento (pagamento delle varie tasse annuali per mantenere in vita il brevetto) costi legali

52 Convalide nazionali Procedura europea (20) Il sistema EP post-concessione èframmentato, complesso e piùcostoso rispetto a USA e JP. Il processo di convalida richiede il deposito di una traduzione del brevetto e il pagamento di una tassa. A partire dal 3 anno del deposito di una domanda EP, il richiedente deve pagare le tasse di rinnovo (all EPO durante la fase d esame e agli uffici nazionali dopo la concessione. Le tasse di convalida (> AT, SE, FI, ES, GR), le tasse di rinnovo (> NL, CH, FI e DK) e i costi di traduzione (elevati in DK, SE e FI) variano sostanzialmente da Stato a Stato. I paese nordici, insieme a Olanda, Svizzera e Austria, possiedono la combinazionetasse/costi piùelevata. Fonte: D. Harhoff et al. Patent validation at the country level The role of fees and translation costs - Research Policy (2008), 32, p

53 Brevetti Europei in Italia Fonte: A. Scutiero I brevetti Europei in Italia: numeri e fatti - Notiziario dell Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale (2010), 1, p

54 London Agreement (1) Fonte: B. Van Pottelsberghe, M. Mejer The London Agreement and the Cost of Patenting in Europe, ECARES working paper 2008_032

55 London Agreement (2) Fonte: B. Van Pottelsberghe Lost Property: the European patent system and why it doesn t work Bruegel Blueprint Series 2009

56 Brevetto comunitario (1) Vantaggi Minor costo Valido in tutti i Paesi dell Unione Europea (e la Turchia?) Per le imprese multinazionali (strumento semplificato) Interesse della struttura burocratica dell Unione Europea (aumento sedi, personale + EPO) Sistema più completo (post-concessione) Svantaggi Traduzione limitata alle rivendicazioni (ma è sufficiente per comprendere l invenzione?) Esclusione dei tribunali (competenti sulle azioni relative alla titolarità dei diritti e le fasi esecutive) e degli uffici brevetti nazionali Annullamento del brevetto nella UE

57 Brevetto comunitario (2) Tassa di partenza: 600 al 6 anno, con un incremento costante di 200 [VCOM200] o 300 [VCOM300] Fonte: J. Danguy, B. Van Pottelsberghe Cost-Benefit Analysis of the Community Patent- ECARES Working Paper

58 Brevetto comunitario (3) Fonte: Sistema di traduzioni per il brevetto EU La posizione di AICIPI (http://www.aicipi.it)

59 Brevetto comunitario (4) Le tasse di rinnovo generano profitti per gli uffici brevetti nazionali ( 327 milioni, di cui 100 milioni per DPMA e 40 per UKIPO). Con il brevetto comunitario tutti gli uffici nazionali (tranne quello tedesco) avrebbero maggiori guadagni! (ciò che si teme èuna perdita di sovranità ) non ci sono speciali trattamenti per le PMI e le Università questione della lingua: il 77% delle domande EP èin inglese (il punto è: l inglese non sarà in futuro soppiantato dal cinese?) Fonte: B. Van Pottelsberghe Europe should stop taxing innovation- World Patent Information 2010 doi: /j.wpi

60 Procedura PCT (1) Convenzione di Washington 1970 (142 Stati): trattato multilaterale in vigore dal 1978 ed efficace per l Italia dal 1985 Unico deposito per ottenere la protezione brevettuale nei 138 Stati membri del Trattato di Cooperazione La domanda internazionale produce, in ogni Stato designato, glistessi effetti legali di una domanda nazionale Il rilascio del brevetto èdi esclusiva competenza dell Ufficio Nazionale designato Possibilità di aumentare il tempo di ingresso nelle fasi nazionali(30/31mesi)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

La valutazione della terza missione nelle università italiane

La valutazione della terza missione nelle università italiane La valutazione della terza missione nelle università italiane Manuale per la valutazione 13 Febbraio 2015 Il presente testo è posto in consultazione pubblica. Commenti e proposte di integrazione o modifica

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI 1 INDICE 1. CENNI STORICI INVENZIONI DISEGNI MODELLI 2. I DIRITTI DI ESCLUSIVA DEL TITOLARE DI UN BREVETTO 2.1. La protezione contro la contraffazione

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) SCHEDA TERZA MISSIONE Indice Parte III: Terza missione Sezione I I.1 - PROPRIETÀ INTELLETTUALE I.1.a - Brevetti

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

ESITI DELLA CONSULTAZIONE SUL MANUALE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA MISSIONE

ESITI DELLA CONSULTAZIONE SUL MANUALE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA MISSIONE ESITI DELLA CONSULTAZIONE SUL MANUALE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA MISSIONE Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 1 aprile 2015 Premessa È stato posto in consultazione pubblica il Manuale per

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

gtld: i nuovi domini web gtld strategies

gtld: i nuovi domini web gtld strategies gtld: i nuovi domini web gtld strategies CEO MEMO 2011 INNOVA ET BELLA 2011 - Riproduzione vietata - www.i-b.com p. 1 gtld: i nuovi domini web gtld strategies Con una decisione rivoluzionaria l ICANN,

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli