Programma mandato amministrativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma mandato amministrativo"

Transcript

1 1

2 Programma mandato amministrativo PATTO CON I CITTADINI DI CASTENASO LA PISCINA E LA SCUOLA LE PERSONE AL CENTRO IL LAVORO È LA NOSTRA PRIORITÀ L AMBIENTE MERITA TUTTA LA NOSTRA ENERGIA IL FUTURO È DEI NOSTRI GIOVANI LA NUOVA POLITICA SOCIALE E SANITARIA LA SICUREZZA E INTORNO A NOI LA NUOVA SOCIETÀ: CASTENASO SIAMO NOI PAROLE CHIAVE Persone Coesione sociale Partecipazione Efficienza e trasparenza Sicurezza PRIORITA Lavoro Ambiente Piscina, scuola, ciclabile Servizi alla persona Giovani e Cultura 2

3 1. PATTO CON I CITTADINI DI CASTENASO Castenaso siamo tutti noi. Dobbiamo lavorare insieme, amministrazione e cittadini, rinnovando un patto di fiducia fondato sulla piena trasparenza e sull etica della responsabilità. Nei cinque anni del mandato abbiamo ridotto per ben due volte le indennità politiche di Sindaco e Giunta, consentendo di finanziare il fondo sociale destinato alle famiglie in difficoltà economiche e alle persone che hanno perso il lavoro. Non abbiamo chiesto alcun rimborso per le attività svolte durante il mandato. In questa ottica di recupero delle risorse abbiamo valorizzato e alienato il patrimonio disponibile comunale attraverso la razionalizzazione delle spese e il contenimento degli sprechi; per questo sono stati irrigiditi i controlli sugli aiuti alle persone realmente bisognose e sono stati incentivati gli investimenti privati sul territorio. I B M - B e il mantenimento di tariffe e tassazioni locali ba C. O g h fatte continueremo a curare h con umiltà e dedizione: vogliamo che funzioni. Le donne e gli uomini candidati in questa lista si riconoscono nei valori del centrosinistra italiano, quello che si richiama alle esperienze riformiste degli ultimi mesi, in un contesto storico funzionale a conseguire un obiettivo decisivo: rimeditare in maniera profonda le pratiche dell'elaborazione politica perseguite negli ultimi decenni. Questa squadra di cittadini di Castenaso intende impegnarsi e collaborare per il benessere collettività dei cittadini di Castenaso. Questo è il nostro senso della politica, la gestione della città secondo regole di onestà morale ed intellettuale, responsabilità e sobrietà, oltre il dovuto rispetto della Legge e dei ruoli e con la massima trasparenza possibile per rafforzare la partecipazione dei cittadini alla vita democratica. Ci impegniamo direttamente con tutti i cittadini di Castenaso a rappresentare un esempio reale ed effettivo di questi principi, garantendo un lavoro congiunto ed una presenza continua e costante nei vari momenti della vita del nostro paese. Ci teniamo al nostro paese, alla nostra città! E siamo fieri di impegnarci per Castenaso. 3

4 2. LA PISCINA E LA SCUOLA Siamo un Comune con una elevatissima quota di verde pubblico pro capite, ben 26 metri quadrati, ai quali vanno aggiunti altri 13 di verde sportivo. Abbiamo la fortuna di avere molte attività sportive (29 società sportive al 2014), che fanno divertire ragazzi e adulti e spesso danno ottimi risultati anche sul piano agonistico. Il valore sociale dello sport è quello di promuovere senso di uguaglianza e integrazione, lavorare insieme per obiettivi comuni. In questi anni abbiamo lavorato sugli impianti insieme alle società sportive per favorire al meglio la nostra ricca realtà associativa (copertura Palazzetto dello Sport, palestra e illuminazione baseball, stadio Negrini nuove convenzioni sportive). Abbiamo fatto qualcosa, adesso è il momento della piscina. N g C so, sorgerà una piscina, che è già stata progettata e sarà costruita con capitali esclusivamente privati. Insieme alla Giunta si è per mesi lavorato per presentare al Consiglio Comunale una proposta che fosse adeguata, fattibile economicamente e gestibile dal punto di vista economico-finanziario. E il Consiglio Comunale ha approvato la nostra proposta, che porteremo avanti. L h ed una più profonda. S g. Accanto alla piscina sorgerà il nuovo polo scolastico (a cominciare dalla scuola media), realizzato secondo le più recenti normative antisismiche, modulabile negli anni e ad alta efficienza energetica, di cui esiste già un progetto di fattibilità. Una nuova scuola per i nostri giovani: sono la risorsa più preziosa della comunità! Castenaso, con la valorizzazione delle proprie radici culturali anche nelle frazioni, che affondano in un passato di comunità vitali e unite, dovrà continuare ad essere un paese dove si vive bene, indipendentemente da età, sesso, religione o etnia, con una forte h to aiuto solidale che rende migliore una società, che aumenta non solo la sicurezza, ma anche la percezione della sicurezza di trovarsi in un ambito protetto, tra persone amiche e che fa essere orgogliosa una comunità di essere tale. 3. LE PERSONE AL CENTRO Vogliamo costruire C h C g h g d il merito. Castenaso è un paese dove non mancano i luoghi di ritrovo: molte aree verdi, il mercato del mercoledì mattina e quello del sabato pomeriggio, un centro sociale, una parrocchia attivissima, campi sportivi, il Suelo per i giovani.. La rete di questa realtà è in contatto con S daco e la Giunta, che in questi anni ha saputo ascoltare, prestando attenzione alle differenti tematiche affrontate dai cittadini con cui è tuttora vivo il desiderio di stabilire un filo diretto. 4

5 O g A S utilizzare Facebook e Twitter per ascoltare le opinioni dei cittadini e comunicare con loro, (tali modalità si sono rivelate molto per appianare allarmismi e fornire informazioni in tempo reale g g, il sisma di maggio 2012 e alcune questioni riguardanti la scuola). P g nistrativa, cercando di gg g g g in primis in quanto tale e poi quale appartenente ad una famiglia, anche di fatto, un gruppo organizzato od una impresa, occorre individuare, tra tutti gli aspetti in cui si declina la vita quotidiana,. Il programma di governo per i prossimi cinque anni non contiene proclami e grandi progetti, ma i punti cardini su cui proseguire il lavoro insieme: un paese può vivere solo se i suoi abitanti partecipano alle attività! Per questo, oltre al presente programma, troverete un questionario: perché questo possa essere il programma che dà voce a tutti e per dare la possibilità a tutti di fare di Castenaso una città più bella e funzionale. 4. IL LAVORO È LA NOSTRA PRIORITÀ Ci impegniamo a collaborare con tutte le imprese presenti sul territorio per mantenere e recuperare posti di lavoro mediante incentivi, bassa tassazione e semplificazione: per la salvaguardia dei posti di lavoro deve avvenire quindi sia attraverso C g g base alla celebre Legge Regionale Emilia Romagna n. 41 del L g h g g. Vogliamo cercare di creare una fitta rete di interrelazioni tra la scuola e le associazioni di g g assecondandone le attitudini in un contesto reale di conoscenza delle possibilità offerte dal mondo del lavoro, avendo la consapevolezza che si suoi confini non sono più quelli della g E h P. Il miglioramento delle relazioni tra il Comune e le attività commerciali avverrà anche attraverso lo sviluppo di sistemi informatici e applicazioni tecnologiche. 5. L AMBIENTE MERITA TUTTA LA NOSTRA ENERGIA È prevista dal PAES, il Piano d Azione per l Energia Sostenibile, fotovoltaici sui tetti degli edifici pubblici (già realizzata sul Palazzetto dello Sport e sul ) g g g g g predisponendo pannelli solari o fotovoltaici con criteri di economicità che si traducano non solo nella ricerca del minor costo immediato, ma anche nel risparmio futuro, economico e ambientale. La sfida riguarda tutti: settore pubblico, associazioni, cittadini e aziende. A Castenaso ridurre le emissioni di gas serra del 20 %, alzare al 20 % la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare al 20 % il risparmio g h -energia U E. 5

6 La realizzazione di un vero e proprio parco naturalistico, protetto per fauna e flora, intorno I g realizzazione comincia ad intravvedersi in un centro di Castenaso caratterizzato da una importante area verde che ne potrà rappresentare il cuore pulsante ed un ottimo punto di ritrovo in mezzo alla natura. Nel prossimo biennio troverà attuazione la progettazione della valorizzazione piazza verde della Bassa Benfenati, cuore del paese e con l esso destinato a spazi pubblici (pensiamo ad un Lounge bar, un luogo in cui ascoltare musica, mangiare e bere qualcosa insieme, il cibo è socializzante!) Questa area verde centrale diventerà veramente a piazza tanto attesa, luogo di incontro per tutti, un polmone verde in cui trovarsi e riunirsi per le più svariate occasioni, potendo diventare il punto di approdo e partenza di molte iniziative collettive e pubbliche oltre che individuali e private con un punto di ristoro e magari un punto di noleggio biciclette con cui addentrarsi nei vari percorsi naturalistici di collegamento con Fiesso e Villanova. Verrà anche realizzato un parcheggio a servizio dei negozi del centro. Il Comune adotterà il Piano della luce, adeguando il RUE in attuazione alla Nuova direttiva sull'inquinamento Luminoso DGR. n.1688 del 18/11/2013 e si doterà di una illuminazione pubblica a LED (bando di gara in uscita nel 2014). Confermiamo il nostro NO alla raccolta porta a porta, dandoci come priorità assoluta la riduzione della quantità di rifiuti, promuovendo le attività di riduzione, riciclo e riuso degli gg g termo-valorizzato. Dietro al Palazzo Comunale verrà realizzata una fontana di Acqua del Sindaco per g. Verrà installato un distributore di energia per la ricarica dei veicoli elettrici. Queste proposte sono ulteriori passi che il nostro comune farà, che si aggiungono ad altri fatti negli anni precedenti conf C un distributore alla spina di latte tra la scuola Nasica e piazza Zapelloni, davanti al chiosco alla Stellina C rifornirsi di acqua da bere erogate da fontanine curate dal comune (con relativo abbattimento dei rifiuti in plastica), un fornito mercato dei contadini e filiera corta, il sabato, contenitori per il Recupero di olio alimentare usato (dall'olio si può produrre elettricità e ). C g g estensione della zona urbana di Bologna a tutto il territorio comunale: per vivere meglio e ridurre zzo dei mezzi privati (che, oltre a ridurre le emissioni inquinanti, migliora la qualità g ) g qualità. Castenaso presenta circa 5 km di percorsi ciclabili esistenti nel Capoluogo, a servizio degli abitati di Villanova e Castenaso Marano. C, ci impegnamo perché venga realizzato un collegamento ciclabile fra Castenaso e Villanova, lungo la via Bargello (già progettato), sfruttando il tombamento del fosso, fino al semaforo. C ogni azione quotidiana sia di grandi interventi e strategie, ma anche di piccole azioni, h g C. C g g. 6

7 6. IL FUTURO È DEI NOSTRI GIOVANI Come è stato fatto per la scuola Nasica intendiamo riprogettare in modo condiviso gli spazi per i giovani e realizzare percorsi casa-scuola sicuri. Gli spazi pubblici sono un punto di incontro fondamentale e quelli nel verde lo sono a maggior ragione dato che nel periodo estivo e primaverile svolgono una importantissima funzione di aggregazione di bambini, ragazzi, famiglie e adulti, per cui una maggiore dotazione di attrezzature, sicure e fruibili ed una accurata manutenzione costituiscono gli strumenti di miglioramento a disposizione della amministrazione. Oltre al Suelo (luogo di incontro dove poter esercitare quel livello di autonomia gestionale tale da consentire una reale esplicazione della creatività giovanile, ubicato tra Castenaso e Fiesso), intendiamo aprire un nuovo Centro Giovani a Villanova, da utilizzare per una moltitudine di attività di vario tipo, dallo spazio libero, ai corsi di recupero scolastico, dalla sede di associazioni giovanili, alle trasmissioni radio, e con la massima fascia di apertura possibile, dovendo la comunità trovare il modo di rendere spazi vivibili anche i luoghi gg o per presentazioni di autori e libri, o di sera come teatri naturali di iniziative culturali e ludiche od ospitanti laboratori per acquisire vecchie e nuove manualità. Verranno installate nuove zone WI-FI g C S F. In stretta collabor A convenzionali. L g h g h servizio di autobus h g meriterà seri approfondimenti, come il miglioramento del servizio Saturday Night Bus (per cui è in corso un progetto) che collega il Comune con Bologna il sabato sera e notte. Verrà inoltre migliorato il trasporto scolastico Castenaso-Villanova. Verranno dati aiuti e garanzie alle società sportive per gli investimenti in attrezzature e collaborazione per le attività estive. Vogliamo valorizzare il Cinema Italia, il vero centro culturale di Castenaso. S g g gg concreto di buoni comportamenti. Accanto alle già numerose iniziative promosse con il L ANPI h h intervenendo proprio nella formazione, presentandosi ai concittadini di minore età per farsi g. E g pr hé materna, sia per il servizio reso direttamente ai più piccoli, che per quello reso alle giovani madri, già oppresse da problemi quotidiani di gestione familiare e lavorativa piuttosto complessi, o l h h nostro territorio, insegnando ai nostri figli le regole dello stare insieme e della sana competizione, mentre svolgono una importantissima azione formativa attività fisica, per cui sarà necessario mantenere in essere buone relazioni con quelle associazioni sportive convenzionate con il Comune per la gestione delle strutture ed occuparsi delle relative manutenzioni. 7

8 Non si può non citare in questo ambito il rilevante ruolo delle iniziative culturali cui aggiungere sicuramente nuove ipotesi di lavoro proposte e realizzate dai ragazzi stessi sui temi che più li coinvolgono, dalla tecnologia comunicativa, ai nuovi giochi cercando di censire ogni forma spontanea di interessenza per poter offrire la risposta giusta in termini di spazio e collaborazione. Sarebbe interessante anche riuscire a trovare forme di coinvolgimento dei genitori e dei nonni in ambiti comuni o in formule di gioco apprendimento comuni per favorire quella conoscenza intergenerazionale e quella condivisione di sapere che la società moderna va perdendo. Inoltre non si potrà non considerare in ambito congiunto agli interventi sociali la necessità di individuare forme di agevolazioni per giovani coppie che intendono concretizzare un progetto di vita insieme, attraverso le quote sociali di edilizia h g P S C abbassare i costi di realizzazione e di vendita, mediante autocostruzione, ma anche con formule variegate di affitto in conto vendita o patto di riscatto. Educare alla salute attraverso lo studio della corretta alimentazione potrebbe essere, ad esempio, un ottimo elemento di coinvolgimento dei produttori agricoli e dei commercianti per contribuire allo sviluppo del territorio in modo coerente con la nostra politica di perseguimento del benessere collettivo e solidale. I g to g ò g gh g h g. Prevenzione, insegnamento, coinvolgimento ed attenzione di tutti devono essere i cardini g C h h con i gestori dei locali e dei pubblici esercizi affinché si rendano attori essi stessi di un processo virtuoso di autocontrollo personale e collegiale, oltre che, naturalmente,. 7. LA NUOVA POLITICA SOCIALE E SANITARIA Confermiamo la nostra scelta di rimanere nel Distretto Pianura Est. Questo ci ha permesso di trasformare il Poliambulatorio in Casa della Salute (progetto in corso di realizzazione) e di migliorare il servizio di Guardia Medica h24 a Castenaso. Verrà creata una ONLUS Comunale per la gestione di alcuni servizi sussidiari mediante contributi volontari e finanziamenti privati. Verrà realizzato il nuovo centro della Città in via XXI ottobre e inaugurata la Casa delle Associazioni a Casa Bondi. Verrà fatta una azione di controllo e revisione per quanti usufruiscono di servizi e agevolazioni. Verrà attuata una revisione degli accordi con le attività produttive sul territorio per agevolare persone in difficoltà e offrire contributi per le nuove assunzioni. Attualmente il Comune di Castenaso offre una vasta gamma di servizi per lo più a copertura economica ridotta, vale a dire con esborso del Comune superiore a delle rette. In un momento di crisi economica in cui le risorse diminuiscono deve crescere il senso di solidarietà di un comunità che crede in se stessa e nelle sue possibilità di farcela e di tornare a crescere insieme, nella profonda convinzione che il nostro benessere e quello delle nostre famiglie non può non passare attraverso il benessere della comunità in cui viviamo. 8

9 I servizi di assistenza agli anziani dovranno essere indirizzati alla prevenzione, in modo da evitare forme di isolamento h morte civile prima e fisica poi. Dovremo cercare di individuare forme di solidarietà ed auto sostentamento, anche solo morale, tra vicini, forme di aiuto alla ricerca di badanti e assistenze domiciliari, in collaborazione con le numerose associazioni di volontariato presenti sul territorio, invitando un numero maggiore di persone a collaborare con esse o a sostenerle anche economicamente. A g handicap nelle scuole, dovremo cercare di concedere sollievo alle famiglie che affrontano con coraggio e abnegazione il problema, sia favorendo forme di collaborazione ed auto sostegno solidale, sia forme di lavoro che consentano alle persone che sono in grado di svolgere un attività di dimostrare che possono procurarsi il g cui sono legate più ad aspetti psicosomatici che a reali conseguenze delle patologie. N bbligo morale insistente, più che in altri ambiti, sulla pubblica amministrazione di controllare che chi usufruisce di agevolazioni e servizi pubblici ne abbia veramente bisogno e non abbia le capacità economiche per contribuire ai costi. Attivando forme di controllo anche radicali sia documentali, che sostanziali, sia con i mezzi in dotazione ed il personale a disposizione, ma anche rinnovando e potenziando la collaborazione con la Guardia di Finanza già in essere. Gli ottimi rapporti instaurati negli ultimi anni con le realtà produttive e le loro associazioni di categoria sono il terreno fertile per cercare accordi di collaborazione per trovare momenti della settimana o del mese in cui favorire gli acquisti multipli o di persone meno abbienti ed anziane. L g h g ASL g di cui è un ottimo esempio per tutta la Provincia il poliambulatorio di via Marconi. Non si può tralasciare il corretto rapporto con la ASL ed il Distretto Sanitario proprio g g h informazione e diffusione delle migliore pratiche per prevenire problemi piuttosto che reagire al loro insorgere. Strumenti diversi, ma da mettere in campo tutti, insieme, per meglio resistere ai prossimi h A S P D -Damiani (già Casa di Riposo) che nonostante le riforme normative continuerà a mantenere quel forte carattere di territorialità e connessione con la realtà di Castenaso che ne ha contraddistinto la nascita e la attività sino ad oggi. L C erà, quindi, a mettere in campo tutte le energie ed azioni positive affinché le persone possano continuare a difendere la propria dignità direttamente, con i più opportuni aiuti, ma senza snaturare le propria vita ed i propri amati rapporti umani e sociali. 8. LA SICUREZZA E INTORNO A NOI Crediamo nello sviluppo di una nuova concezione relativa alla protezione complessiva della persona e della sua dignità in casa, in famiglia e nella società. Verrà fatta una manutenzione dei marciapiedi e del marmo stradale per agevolare i disabili. Verrà revisionato il Lotto II bis in modo da ridurre la spesa e salvaguardare Cà O. Ribadiamo la nostra ferma opposizione al Passante Nord nel tracciato tra Castenaso e Villanova. 9

10 Gli investimenti a regime ridotto dovranno essere indirizzati al completamento della rete di piste ciclabili ed alle manutenzioni di strade, marciapiedi, edifici pubblici, scuole e strutture sportive. Sarà necessario sperimentare formule di coinvolgimento di capitali privati ed intercettazione di flussi economici attraverso le forme di cooperazione pubblico privato consentite dalla Legge come ad esempio per la realizzazione della piscina. Castenaso siamo noi, il contributo collettivo di ciascuno consente di migliorare non solo h g e di apprendimento, sia perché crea quel rapporto di vicinanza e di conoscenza tra le persone che porta alla coesione ed alla integrazione. Una società coesa e integrata rende anche più forte la percezione di sicurezza complessiva, trovandosi tra persone conosciute è più facile sentirsi sicuri. Il controllo del proprio territorio operato da ciascuno è certamente capillare e continuo, ma cercheremo A N Carabinieri che attraverso il preziosissimo contributo dei suoi volontari ha contribuito a mantenere Castenaso città sicura e tranquilla, ma anche di implementare quello da parte F, perché il nostro sano territorio grazie a g g. 10

11 9. LA NUOVA SOCIETÀ: CASTENASO SIAMO NOI Ci proponiamo di amministrare questo Comune da cittadini, consapevoli delle difficoltà presenti e future, ma anche fiduciosi nelle risorse e nelle capacità nostre e di chi ci circonda, pronti ad ascoltare e coinvolgere tutti sulle future scelte amministrative. Per il benessere della nostra comunità: il Comune si prende cura dei bambini, delle famiglie, degli anziani, dei disabili, scegliendo di impiagare le scarse risorse disponibili per privilegiare, in questo momento di difficoltà, la continuità dei servizi esistenti; il cittadino ò ( P V h o associazioni di volontariato). Il Comune può promuovere il Cinema Italia, la Biblioteca e le attività culturali che vi si svolgono; il cittadino può.. frequentarle! Il Comune può porre attenzione alle feste e alle ricorrenze, valorizzare la Costituzione, continuare a donarne copia ai ragazzi che compiono 18 anni, prendere in considerazione le tematiche etiche, culturali, civili (pari opportunità, testamento biologico, coppie di fatto..); il cittadino può partecipare, vivere e difendere la Costituzione italiana, incontrarsi per parlarne, scambiarsi informazioni e riflessioni). Il Comune può C g C g zi; il cittadino può prestarsi ad un aiuto per i compiti o a dare una mano. Il Comune può dotarsi di una attesa pista ciclabile, cercare di accedere a bandi europei; il cittadino può contribuire alla manutenzione dei beni della comunità fornendo le proprie competenze. Il Comune può proseguire sulla strada della riduzione dei rifiuti e del miglioramento della qualità della raccolta differenziata, con campagne di informazione per i cittadini; il cittadino può differenziare sempre di più e conferire correttamente i diversi rifiuti e acquistare prodotti sfusi o comunque con il minor imballaggio possibile. Il Comune può Aumentare il presidio della polizia locale e migliorare la sicurezza stradale in alcuni punti particolari; il cittadino può segnalare situazioni sospette. Vorremmo un Comune che aiuta i suoi cittadini e che non ha, al contempo, paura di chiedere loro aiuto, che mantiene alto il livello qualitativo dei servizi anche grazie alla g h si impegnano volontariamente per dare un senso diverso allo stare insieme ed al crescere. Con responsabilità e coscienza. Grazie. Stefano Sermenghi 11

IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. La seguente legge:

IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. La seguente legge: Legge Regionale 13 dicembre 2012, n. 43 Norme per il sostegno dei Gruppi acquisto solidale (GAS) e per la promozione dei prodotti agricoli da filiera corta, a chilometro zero, di qualità. IL CONSIGLIO

Dettagli

PROGETTO E TEMPO DI NONNI. Bando Benessere «da 0-100» Attività per bambini, ragazzi e genitori. valorizzare i nonni nel loro ruolo educativo

PROGETTO E TEMPO DI NONNI. Bando Benessere «da 0-100» Attività per bambini, ragazzi e genitori. valorizzare i nonni nel loro ruolo educativo «E TEMPO DI NONNI» Stefania Campestrini-Referente Tecnico Distretto Famiglia Valle dei Laghi Monica Pisoni-Coordinatrice Centro Famiglie della Valle dei Laghi PROGETTO Bando Benessere «da 0-100» Attività

Dettagli

La Medicina che vorrei 10 marzo 2016

La Medicina che vorrei 10 marzo 2016 Risultati finali del questionario proposto ai giovani di Medicina La Medicina che vorrei 0 marzo 206 Questionario rivolto ai giovani di Medicina di età compresa tra i 7 e i 25 anni. E stato scritto e curato

Dettagli

COMUNE DI PORTOCANNONE ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DOMENICA 05 GIUGNO 2016

COMUNE DI PORTOCANNONE ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DOMENICA 05 GIUGNO 2016 COMUNE DI PORTOCANNONE ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DOMENICA 05 GIUGNO 2016 Programma amministrativo della lista Trasparenza Partecipazione ed Impegno per Portocannone Per le elezioni

Dettagli

Progetto di zona

Progetto di zona rzm. rzf. Progetto di zona 2016-2019 1. Promuovere e curare la formazione e la crescita delle Comunità Capi Condividere le varie attività per individuare le buone prassi. Scambio delle attività di e di

Dettagli

LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA. Documento di lavoro a cura di Paola Lecchi. RISCHIO: conoscere per prevenire

LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA. Documento di lavoro a cura di Paola Lecchi. RISCHIO: conoscere per prevenire LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA Documento di lavoro a cura di Paola Lecchi RISCHIO: conoscere per prevenire CONTENUTI - FINALITA NUCLEI FONDANTI DI COMPETENZA Scuola primaria CONTENUTI / FINALITA

Dettagli

I VALORI DELLA NOSTRA LISTA

I VALORI DELLA NOSTRA LISTA I VALORI DELLA NOSTRA LISTA La nostra formazione si presenta ai cittadini di Cisliano, con una proposta sui valori morali forti ed animata dall impegno di operare esclusivamente nell interesse della collettività.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Forum - 4 incontro CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Parco Nazionale dell Aspromonte 26.10.2016 Il percorso di costruzione del Piano Valutazione della situazione attuale Patrimonio naturale, storico

Dettagli

POLITICA AZIENDALE DESTRI S.R.L.

POLITICA AZIENDALE DESTRI S.R.L. Pag. 1 di 5 DESTRI S.R.L. Destri S.r.l., consapevole dell importanza della Qualità del servizio reso ai propri clienti, del miglioramento della Sicurezza dei propri lavoratori e della protezione dell ambiente,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale M. Amiata

Istituto Comprensivo Statale M. Amiata Piano dell Offerta Formativa A. S. 2012-2013 Istituto Comprensivo Statale M. Amiata Scuola secondaria di Primo Grado E. Curiel Ufficio di Segreteria: via Pace/Lambro, 92 Tel. 02-8257921 Fax. 02-8241526

Dettagli

P R O G E T T O A U R O R A

P R O G E T T O A U R O R A PROGETTO AURORA CALCIO PALLACANESTRO PALLAVOLO SCIMONTAGNA GINNASTICA Introduzione Il Gruppo Sportivo Aurora San Francesco (che attualmente comprende le sezioni: calcio, pallacanestro, pallavolo, sci montagna,

Dettagli

FERROVIERI INSIEME. MENTE E CORPO IN MOVIMENTO!

FERROVIERI INSIEME. MENTE E CORPO IN MOVIMENTO! 9 FERROVIERI INSIEME. MENTE E CORPO IN MOVIMENTO! Descrizione Rinnovo dell accesso e delle dotazioni sportive esterne del polo sportivo di via Carta; cinema, teatro, musica e incontri al giardino del centro

Dettagli

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ POLITICA DI COESIONE STORIA L Unione europea (UE) comprende 28 Stati membri che costituiscono una comunità e un mercato unico di 503 milioni di cittadini.

Dettagli

giovani comune di campi bisenzio Questionario

giovani comune di campi bisenzio Questionario comune di campi bisenzio Questionario giovani Lo scopo principale del seguente questionario è quello di volgere la nostra attenzione al mondo giovanile per liberarne e investirne le risorse, ascoltandone

Dettagli

Resoconto Patto dei sindaci Stato del piano d azione per l energia sostenibile al Comune di Agrate Brianza

Resoconto Patto dei sindaci Stato del piano d azione per l energia sostenibile al Comune di Agrate Brianza Resoconto Patto dei sindaci Stato del piano d azione per l energia sostenibile al 2013 Comune di Agrate Brianza Il patto dei Sindaci Cos è? il principale movimento europeo che vede coinvolte le autorità

Dettagli

ENGIE per le Città. Energie Rinnovabili

ENGIE per le Città. Energie Rinnovabili ENGIE per le Città Energie Rinnovabili La Smart City? Più sostenibile e pulita con ENGIE Lo sviluppo economico incessante, che ha contraddistinto gli ultimi settant anni di storia mondiale, pone l accento

Dettagli

La mia decisione di candidarmi a Sindaco di Petronà nasce dall esigenza. di apportare un contributo di cambiamento alla storia politica della nostra

La mia decisione di candidarmi a Sindaco di Petronà nasce dall esigenza. di apportare un contributo di cambiamento alla storia politica della nostra La mia decisione di candidarmi a Sindaco di Petronà nasce dall esigenza di apportare un contributo di cambiamento alla storia politica della nostra cittadina. La mia candidatura rappresenta un atto di

Dettagli

La nostra casa comune

La nostra casa comune La nostra casa comune Che cosa può fare la politica locale per migliorare le condizioni ambientali? Quali risorse può mettere in campo per sensibilizzare i cittadini al benessere comune? Ecologia L ecologia,

Dettagli

Considerazioni sul percorso formativo di accompagnamento al Progetto Adolescenza. Bruna Zani e Luigi Guerra

Considerazioni sul percorso formativo di accompagnamento al Progetto Adolescenza. Bruna Zani e Luigi Guerra Giornata conclusiva del percorso formativo Progetto Adolescenza Considerazioni sul percorso formativo di accompagnamento al Progetto Adolescenza Bruna Zani e Luigi Guerra Alma Mater Studiorum - Università

Dettagli

SINTESI DEL DOCUMENTO

SINTESI DEL DOCUMENTO SINTESI DEL DOCUMENTO 1 Il Comitato di Distretto del Mobile Imbottito, nell attuale scenario di crisi, al fine di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei dipendenti delle

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile

Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile Comune di Latina - Servizio

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO REGISTRAZIONE EMAS DEL COMUNE DI BELLUNO. Dott. Roberto Cariani. Belluno. Ecosistema Urbano 13 ottobre 2008

COMUNE DI BELLUNO REGISTRAZIONE EMAS DEL COMUNE DI BELLUNO. Dott. Roberto Cariani. Belluno. Ecosistema Urbano 13 ottobre 2008 COMUNE DI BELLUNO REGISTRAZIONE EMAS DEL COMUNE DI BELLUNO Dott. Roberto Cariani Belluno. Ecosistema Urbano 13 ottobre 2008 1 Introduzione Attraverso le presenti slides si intende presentare il percorso

Dettagli

SE CI CREDIAMO DIPENDE DA NOI

SE CI CREDIAMO DIPENDE DA NOI SE CI CREDIAMO DIPENDE DA NOI Nella mia proposta programmatica voglio iniziare dal partito perch ritengo che vada ridisegnato questo concetto in termini moderni, attuali, del nuovo tempo. Dobbiamo riuscire

Dettagli

A PIEDI O IN BICI, CON LE AMICHE E CON GLI AMICI

A PIEDI O IN BICI, CON LE AMICHE E CON GLI AMICI A PIEDI O IN BICI, CON LE AMICHE E CON GLI AMICI Come progettare e realizzare mobilità sostenibile dei bambini e delle bambine nei percorsi casa scuola, promuovendo comportamenti salutari PER CITTA AMICHE

Dettagli

Pegognaga Smart City. Un piccolo Comune che guarda al futuro

Pegognaga Smart City. Un piccolo Comune che guarda al futuro Smart City Exhibition Dalla città al territorio: infrastrutture, strumenti e processi per un ecosistema abilitante Bologna 23 Ottobre 2014 Pegognaga Smart City Un piccolo Comune che guarda al futuro con

Dettagli

E.R.I.C.A. soc. coop. per la Provincia di Roma. ComposTiAmo ragazzi!

E.R.I.C.A. soc. coop. per la Provincia di Roma. ComposTiAmo ragazzi! E.R.I.C.A. soc. coop. per la Provincia di Roma ComposTiAmo ragazzi! Incontri informativi per la promozione del compostaggio domestico E.R.I.C.A. soc. coop. Settore Educativo Eleonora Cerulli Educatrice

Dettagli

LA TUTELA DELL AMBIENTE NEI TRATTATI

LA TUTELA DELL AMBIENTE NEI TRATTATI EUROPA E AMBIENTE LA TUTELA DELL AMBIENTE NEI TRATTATI n 1957: Trattato di Roma, istitutivo della CEE riferimento indiretto all ambiente nel preambolo (misure di tutela da inserire nell ambito delle azioni

Dettagli

Strumenti per comunicare lo sviluppo rurale: l esperienza del GAL Marghine

Strumenti per comunicare lo sviluppo rurale: l esperienza del GAL Marghine Strumenti per comunicare lo sviluppo rurale: l esperienza del GAL Marghine Il Gal Marghine Il GAL Marghine coinvolge 10 comuni del Centro Sardegna (Prov. Nuoro), per un area di 534 Kmq ed una popolazione

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI VERBANIA. II incontro del gruppo di lavoro Verbania 23 marzo 2015

IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI VERBANIA. II incontro del gruppo di lavoro Verbania 23 marzo 2015 IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI VERBANIA II incontro del gruppo di lavoro Verbania 23 marzo 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA Arch. Andrea Ammenti Le

Dettagli

30 ENERGIA IN COMUNE Descrizione Obiettivi Dove Budget indicativo Proponente

30 ENERGIA IN COMUNE Descrizione Obiettivi Dove Budget indicativo Proponente 30 ENERGIA IN COMUNE Descrizione La proposta prevede l installazione presso il parcheggio in concessione a cooperativa sociale Insieme di n. 3 colonnine destinate alla ricarica di automobili e biciclette

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : CITTADINANZA E COSTITUZIONE Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

Questionario conoscitivo sulla sicurezza percepita nel territorio dei comuni di Urgnano, Spirano e Pognano

Questionario conoscitivo sulla sicurezza percepita nel territorio dei comuni di Urgnano, Spirano e Pognano COMUNE DI URGNANO Via C. Battisti, 74 24059 URGNANO (BG) UFFICIO POLIZIA LOCALE Tel. 035.4871540 Fax 035.896746 polizialocale@urgnano.eu Questionario conoscitivo sulla sicurezza percepita nel territorio

Dettagli

Prima Serata 6 Giugno 2011

Prima Serata 6 Giugno 2011 2.0 11 Prima Serata 6 Giugno 2011 Programma dell incontro 1. Progetto Des «il sole è per tutti» 2. Analisi dei valori Des all interno dell offerta 3. Proposta fotovoltaico 4. Proposta termico 5. Eventuali

Dettagli

COESIONE SOCIALE A MILANO

COESIONE SOCIALE A MILANO COESIONE SOCIALE A MILANO Si svolge a Milano da novembre 2016 a luglio 2018 un progetto cittadino per la promozione di coesione sociale promosso dal Comune di Milano Assessorato alla Sicurezza. 5 parole

Dettagli

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA L'obiettivo del progetto è quello di promuovere una didattica svolta per l'ambiente, basata sui comportamenti, sui valori e sui cambiamenti. Lo

Dettagli

Fonti : ANCI Regione Emilia Romagna Alessandro Rossi

Fonti :  ANCI Regione Emilia Romagna Alessandro Rossi Fonti : http://www.eumayors.eu/ ANCI Regione Emilia Romagna Alessandro Rossi Cosa è il «Patto dei Sindaci»? Il 29 gennaio 2008, nell ambito della seconda edizione della Settimana europea dell energia sostenibile

Dettagli

SCHEDA BANDO AIUTI AI GIOVANI AGRICOLTORI

SCHEDA BANDO AIUTI AI GIOVANI AGRICOLTORI AIUTI AI GIOVANI AGRICOLTORI ID Bando BA16-0566 Tempistica Le domande possono essere presentate entro il 15/11/2016 Territorio di riferimento Regione Puglia Oggetto Per favorire lo sviluppo integrato delle

Dettagli

Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.1, LETTERE A., B. e C.

Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.1, LETTERE A., B. e C. Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.1, LETTERE A., B. e C. DELL ALLEGATO A) 1 SOGGETTO RICHIEDENTE (ente capofila) PROVINCIA DI

Dettagli

Le Organizzazioni Interprofessionali nella riforma della PAC. Cesena - 23 settembre 2014

Le Organizzazioni Interprofessionali nella riforma della PAC. Cesena - 23 settembre 2014 Le Organizzazioni Interprofessionali nella riforma della PAC Cesena - 23 settembre 2014 Reg.(UE) n. 1308/2013 sull organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli - Le OI sono previste per tutti

Dettagli

MANIFESTO EUROPEO SUI GIOVANI E LO SPORT

MANIFESTO EUROPEO SUI GIOVANI E LO SPORT CONSIGLIO D EUROPA 8^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Lisbona, 17 18 maggio 1995 MANIFESTO EUROPEO SUI GIOVANI E LO SPORT Articolo 1 Obiettivo Articolo 2 Definizioni Articolo 3

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 187/S05 DEL 05/08/2008

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 187/S05 DEL 05/08/2008 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 187/S05 DEL 05/08/2008 Oggetto: DGR n. 843/08: istituzione premio in denaro per il finanziamento di un progetto rivolto agli anziani come risorsa

Dettagli

Progetto gioco- sport dei plessi Collodi e Italo Stagno

Progetto gioco- sport dei plessi Collodi e Italo Stagno Progetto gioco- sport dei plessi Collodi e Italo Stagno Attività di gioco- sport per i bambini di scuola Primaria. Anno Scolastico 2015-2016 Premessa Il presente progetto vuole essere riproposto nella

Dettagli

Patto dei Sindaci e Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Patto dei Sindaci e Piano di Azione per l Energia Sostenibile Patto dei Sindaci e Piano di Azione per l Energia Sostenibile L amministrazione comunale, le attività produttive e i cittadini per una città più pulita Previsioni conseguenze interventi Lunedì 8 Ottobre

Dettagli

Intervento del Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo

Intervento del Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo Intervento del Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo Magnifico Rettore, Presidente della Conferenza dei Rettori, Mancini, Autorità, signore e signori, cari studenti, desidero fare

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Preganziol Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Preganziol I risultati del questionario Preganziol 29/06/2015 1- LA VOSTRA ABITAZIONE A. Tipologia dell edificio Famiglie n. di proprietà

Dettagli

Sinceri auguri, Adriano Costantini Sindaco di Leggiuno

Sinceri auguri, Adriano Costantini Sindaco di Leggiuno Cari Concittadini, E finito l anno 2011. Un anno importante. L anno nel quale avete nuovamente riposto la Vostra fiducia sull Amministrazione che rappresento. Un risultato che mi ha reso e mi rende veramente

Dettagli

La Politica per la Qualità verso la Cultura dell Accessibilità Universale

La Politica per la Qualità verso la Cultura dell Accessibilità Universale Se non riuscite a descrivere quello che state facendo come se fosse un Processo, non sapete cosa state facendo! William Edwards Deming Sommario Processi direzionali 2 5.1 La Politica e gli Obiettivi per

Dettagli

ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE:

ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE: ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE: LE BUONE PRATICHE DI FOSSANO Francesco Balocco Sindaco TELERISCALDAMENTO CENTRALE DI COGENERAZIONE PRESSO STABILIMENTO MICHELIN VANTAGGIO PER L AZIENDA (CONSERVAZIONE

Dettagli

PRESENTAZIONE ARCH. ENRICO MASSAGRANDE

PRESENTAZIONE ARCH. ENRICO MASSAGRANDE CITTA DI OPPEANO Provincia Di Verona PRESENTAZIONE ARCH. ENRICO MASSAGRANDE Assessore esterno del Comune di Oppeano, con delega a: lavori pubblici, viabilità, arredo urbano, urbanistica, edilizia privata

Dettagli

un libro è un libro un libro non è un libro.

un libro è un libro un libro non è un libro. L'accesso alla cultura è il punto di partenza per una società civile forte. Un sistema che non promuove la lettura, l'editoria indipendente e la diffusione della cultura si atrofizza. Ma se un libro non

Dettagli

Le nuove iniziative della Regione Piemonte a favore dell efficienza energetica

Le nuove iniziative della Regione Piemonte a favore dell efficienza energetica ENERGIA, INNOVAZIONE ed EFFICIENZA ENERGETICA 3 dicembre 2015 Vercelli Le nuove iniziative della Regione Piemonte a favore dell efficienza energetica 1 Ing. Mauro Bertolino Settore Sviluppo Energetico

Dettagli

La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance

La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance di Gianluca Passaro Innovazione Organizzazione Comunicazione Vincoli ed Opportunità L evoluzione normativa propone obblighi, ma li propone come

Dettagli

2 dicembre 2015, Parma Assemblea Provinciale del Servizio Civile

2 dicembre 2015, Parma Assemblea Provinciale del Servizio Civile Primo gruppo: Luis Cesar Cesari Composto da 10 ragazzi Argomento di discussione: organizzazione e formazione. Non coincidenza dei progetti, discrepanza nelle responsabilità affidate ai volontari, scarso

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO GLI STRUMENTI DELLA LEGALITA DEI CENTRI DI PROMOZIONE DELLA LEGALITA (CPL)

ACCORDO QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO GLI STRUMENTI DELLA LEGALITA DEI CENTRI DI PROMOZIONE DELLA LEGALITA (CPL) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio V A.T. Como - Settore regionale Ordinamenti e Politiche per gli Studenti Via Pola, 11 20124

Dettagli

come funziona assemblea cavallerizza?

come funziona assemblea cavallerizza? come funziona assemblea cavallerizza? gestione e cura quotidiana dello spazio progettualità a lungo termine (polo culturale) obiettivo: salvare la cavallerizza strategia politica progettazione e gestione

Dettagli

Quale Pordenone domani

Quale Pordenone domani Quale Pordenone domani Contributo per una discussione culturale I dati che seguono sono stati raccolti nell intento di avere una prima indicazione di problemi, bisogni ed anche sogni attraverso cui aprire

Dettagli

Progetto 1 Abitare in Borgo

Progetto 1 Abitare in Borgo Progetto 1 Abitare in Borgo Modello innovativo per la riqualificazione urbana e la risposta ai bisogni abitativi. Recupero e adeguamento impiantistico su immobili inagibili del patrimonio comunale al fine

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la

PROTOCOLLO D INTESA. tra la PROTOCOLLO D INTESA tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

Progetto di azioni formative rivolte alla famiglia ( parte sperimentale del Programma Domus)

Progetto di azioni formative rivolte alla famiglia ( parte sperimentale del Programma Domus) Progetto di azioni formative rivolte alla famiglia ( parte sperimentale del Programma Domus) Premessa Il progetto presentato si muove nell ambito di una strategia di sostegno delle famiglie romane, realizzando:

Dettagli

UDINE per l'efficienza energetica:

UDINE per l'efficienza energetica: UDINE per l'efficienza energetica: - Patto dei Sindaci - PAES - Progetto INFINITE Solutions - Fondo per il PAES Alessandro Mazzeschi Comune di Udine - Agenzia Politiche Ambientali 2 febbraio 2017 SGUARDO

Dettagli

CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE PROGETTO CASA BUONA Filiera per una Città Sostenibile

CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE PROGETTO CASA BUONA Filiera per una Città Sostenibile CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE PROGETTO CASA BUONA Filiera per una Città Sostenibile Programma di lavoro per la costruzione di una città a basse emissioni climalteranti in cammino verso lo sviluppo sostenibile

Dettagli

Servizi sociali e abitativi. Dati riferiti al 2015.

Servizi sociali e abitativi. Dati riferiti al 2015. ASSESSORATO ALLA COMUNITÀ E ALLE FAMIGLIE Servizi sociali e abitativi. Dati riferiti al 2015. Sostegno al reddito e lotta alla povertà - Erogazione di contributi economici per 610.000 (551 nuclei con minori,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ATTIVITA ALTERNATIVA. all insegnamento della RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ATTIVITA ALTERNATIVA. all insegnamento della RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DON F. MOTTOLA TROPEA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ATTIVITA ALTERNATIVA all insegnamento della RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA ATTIVITA ALTERNATIVA ALL I.R.C. L esigenza di un attività

Dettagli

Gruppo Civico per Torregrotta -Democrazia Partecipata- Analisi risultato dell indagine conoscitiva sui servizi e gestione del territorio a Torregrotta

Gruppo Civico per Torregrotta -Democrazia Partecipata- Analisi risultato dell indagine conoscitiva sui servizi e gestione del territorio a Torregrotta In collaborazione con: Analisi risultato dell indagine conoscitiva sui servizi e gestione del territorio a Torregrotta Associazione Gruppo Civico per Torregrotta -Democrazia Partecipata- Associazione Umanesimo

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con deliberazione G.C. n. 36 del 12/03/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

Dettagli

NOTIZIE DAL MOSSOTTI: fatti e parole a cura delle studentesse e degli studenti

NOTIZIE DAL MOSSOTTI: fatti e parole a cura delle studentesse e degli studenti NOTIZIE DAL MOSSOTTI: fatti e parole a cura delle studentesse e degli studenti articolo n. 27/2016 Cittadini a scuola e nel mondo. Percorsi interdisciplinari alla scoperta del vivere con gli altri. Evento

Dettagli

Linee Guida in materia di inclusione sociale a favore delle persone sottoposte a provvedimenti dell Autorità Giudiziaria

Linee Guida in materia di inclusione sociale a favore delle persone sottoposte a provvedimenti dell Autorità Giudiziaria COMMISSIONE NAZIONALE CONSULTIVA E DI COORDINAMENTO PER I RAPPORTI CON LE REGIONI, GLI ENTI LOCALI ED IL VOLONTARIATO Ufficio per i rapporti con le Regioni, gli Enti Locali ed il Terzo settore - D.A.P.

Dettagli

Il Comune di Napoli e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Il Comune di Napoli e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Il Comune di Napoli e il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Ing. Michele Macaluso Direttore ANEA Il target 20 20-20 dell Unione Europea ridurre le proprie emissioni di CO2 del 20% entro il

Dettagli

Tavolo Tecnico Intersettoriale Monza: città dei bambini e dei ragazzi 20 novembre 2003 settembre 2006

Tavolo Tecnico Intersettoriale Monza: città dei bambini e dei ragazzi 20 novembre 2003 settembre 2006 Tavolo Tecnico Intersettoriale Monza: città dei bambini e dei ragazzi 20 novembre 2003 settembre 2006 Il bambino è un soggetto titolare di diritti, che la comunità ha il dovere di riconoscere. Il bambino

Dettagli

Verso una Strategia nazionale per il Consumo e Produzione Sostenibili (SCP)

Verso una Strategia nazionale per il Consumo e Produzione Sostenibili (SCP) Verso una Strategia nazionale per il Consumo e Produzione Sostenibili (SCP) La Politica integrata di prodotto e il GPP come strumenti fondamentali della SCP La Strategia europea La rinnovata strategia

Dettagli

L esperienza Concreta del Comune di SAN LORENZO BELLIZZI (CS)

L esperienza Concreta del Comune di SAN LORENZO BELLIZZI (CS) L esperienza Concreta del Comune di SAN LORENZO BELLIZZI (CS) Cersosimo Antonio Sindaco San Lorenzo Bellizzi (CS) LEAP Slovenia Il Comune di San Lorenzo Bellizzi è situato a nord-est della provincia di

Dettagli

COMUNE DI BASILIANO PERCORSO COMUNALE DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI PROGRAMMAZIONE ANNO 2006

COMUNE DI BASILIANO PERCORSO COMUNALE DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI PROGRAMMAZIONE ANNO 2006 PROGRAMMAZIONE ANNO Punto Giovani Obiettivi Promozione di una comunità solidale e consapevole Dare un servizio ai giovani per renderli cittadinanza attiva e dare loro risposte concrete. Collegamento tra

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, Tresigallo (FE) Tel. 0533/ Fax 0533/

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, Tresigallo (FE) Tel. 0533/ Fax 0533/ Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

L ESPERIENZA DEI GAS: DA CONSUMATORI A CITTADINI

L ESPERIENZA DEI GAS: DA CONSUMATORI A CITTADINI Mangiare a scuola Torino 7 maggio 2011 L ESPERIENZA DEI GAS: DA CONSUMATORI A CITTADINI Relatore: Mauro Testa, GAS del Sole - Milano I Gruppi di Acquisto Solidale Sono gruppi di cittadini che non si riconoscono

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE FVG: LE MISURE A FAVORE DELL AGRICOLTURA SOCIALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE FVG: LE MISURE A FAVORE DELL AGRICOLTURA SOCIALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 DELLA REGIONE FVG: LE MISURE A FAVORE DELL AGRICOLTURA SOCIALE Adottato con decisione della Commissione C(2015) 6589 final del 24 settembre 2015 Convegno Lo sviluppo

Dettagli

Nuova classificazione

Nuova classificazione Nuova classificazione? Anche i bambini vivono nelle nostre città La difficile accessibilità per i bambini Nelle aree protette come i campi gioco è possibile realizzare l accessibilità, anche se non tutte

Dettagli

ATTIVITA 3 incontri di 6 ore complessive

ATTIVITA 3 incontri di 6 ore complessive PROGETTO In tutto il mondo e in Europa lo sport è da sempre un fattore di integrazione dei ragazzi nella scuola e nella comunità. Consapevoli di questo potere dello sport la Pallacanestro Olimpia EA7 -

Dettagli

A SCUOLA CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA

A SCUOLA CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA A SCUOLA CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA Classe... Anno Scolastico 2o12-2013 Scuola... Sezione... Percorsi scolastici per le scuole di Bologna e Ferrara Legenda PERCORSO ADATTO A SCUOLE: PRIMARIE (dalla

Dettagli

L educazione ambientale nelle scuole lombarde per la lotta allo spreco alimentare

L educazione ambientale nelle scuole lombarde per la lotta allo spreco alimentare Città di Palazzolo sull Oglio L educazione ambientale nelle scuole lombarde per la lotta allo spreco alimentare L esperienza dell ASL di Brescia e del Comune di Palazzolo sull Oglio Laura Antonelli - Alessandra

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016 RIANO, 5 GIUGNO

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016 RIANO, 5 GIUGNO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016 RIANO, 5 GIUGNO PROGRAMMA ELETTORALE LISTA Riano ci piace CANDIDATO SINDACO MARINELLA RICCERI IL COMUNE PER I CITTADINI: COMUNICAZIONE, EFFICIENZA E TRASPARENZA Prosecuzione

Dettagli

UN PROGETTO CHE SI EVOLVE

UN PROGETTO CHE SI EVOLVE UN PROGETTO CHE SI EVOLVE Zuccoli Alessandro CMB 4 dicembre 2012 Anno 2009: L INIZIO Anno 2012 LA CONTINUITA Cos è Sicuri per Mestiere? È un progetto che favorisce i comportamenti individuali di sicurezza

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona IL TAVOLO DI COMUNITA 2013-2014 LA CARTA EDUCATIVA DI ERBUSCO 2 QUADRIMESTRE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Il 26 Novembre 2012, presso il teatro comunale, era stata

Dettagli

COMUNE DI SERRE Provincia di Salerno

COMUNE DI SERRE Provincia di Salerno COMUNE DI SERRE Provincia di Salerno ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 11 GIUGNO 2017 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA SERRE DEMOCRATICA RIPARTE IL FUTURO CANDIDATO SINDACO LUIGI CORNETTI Il gruppo politico SERRE

Dettagli

LA TIPOLOGIA DEL NOSTRO PROGETTO

LA TIPOLOGIA DEL NOSTRO PROGETTO Siamo un gruppo da anni impegnato con iniziative culturali che mettono al centro della vita locale dei territori e dell iniziativa sociale il valore dei giovani che si riconoscono nei principi di libertà,

Dettagli

DENTRO TUTTI...NESSUNO ESCLUSO UN PARCO PER TUTTI, NORMODOTATI E DISABILI, ASSIEME PER CRESCERE E INTERAGIRE

DENTRO TUTTI...NESSUNO ESCLUSO UN PARCO PER TUTTI, NORMODOTATI E DISABILI, ASSIEME PER CRESCERE E INTERAGIRE 14 Descrizione Obiettivi DENTRO TUTTI...NESSUNO ESCLUSO UN PARCO PER TUTTI, NORMODOTATI E DISABILI, ASSIEME PER CRESCERE E INTERAGIRE Il progetto propone di rendere il parco inclusivo, accessibile, usufruibile

Dettagli

Mobilità sostenibile ed elettrica: un nuovo modello per l Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club

Mobilità sostenibile ed elettrica: un nuovo modello per l Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club Mobilità sostenibile ed elettrica: un nuovo modello per l Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club Sostenibilmente. Kyoto Club in collaborazione con Ministero per l Ambiente. Roma, 19

Dettagli

Il contesto PROGETTO AALBORG 10 PRESUD CARTA DELLA TERRA

Il contesto PROGETTO AALBORG 10 PRESUD CARTA DELLA TERRA Venezia, 14.11.2014 L Accordo Comune di Venezia-MATTM per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica e l utilizzo di fonti di energia rinnovabile: un opportunità di sviluppo per Venezia Il contesto

Dettagli

A SCUOLA CI ANDIAMO DA SOLI UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE

A SCUOLA CI ANDIAMO DA SOLI UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Laboratorio città delle bambine e dei bambini UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE PERCORSO STANDARD RIPROPOSTO ANCHE NEL 2009 Obiettivi e strategie Comitato tecnico Polizia municipale Nonni

Dettagli

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Tenendo conto di quanto indicato dal Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 14 ottobre 2015 e dall allegato D delle

Dettagli

AZIENDE ZOOTECNICHE e AGROALIMENTARI. audit energetico. Viale Col di Lana 12b Milano.

AZIENDE ZOOTECNICHE e AGROALIMENTARI. audit energetico. Viale Col di Lana 12b Milano. AZIENDE ZOOTECNICHE e AGROALIMENTARI audit energetico Viale Col di Lana 12b Milano 02 87065805 www.greenin.engineering info@greenin.engineering L utenza La percezione collettiva vede le imprese agricole,

Dettagli

Programma di promozione e sviluppo del gioco di Rugby

Programma di promozione e sviluppo del gioco di Rugby Programma di promozione e sviluppo del gioco di Rugby Il Nostro Proposito L ulteriore crescita quantitativa e qualitativa del rugby di base per la realizzazione di un Italia vincente in continuità La Nostra

Dettagli

STRATEGIE OPERATIVE. per lo SVILUPPO. dei P.A.E.S. PIANI DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

STRATEGIE OPERATIVE. per lo SVILUPPO. dei P.A.E.S. PIANI DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE STRATEGIE OPERATIVE per lo SVILUPPO dei P.A.E.S. PIANI DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Per info: SIM INGEGNERIA SRL - info@simingegneria.it, tel. 0985/801134; Referente South Italy Arch. S. Martorelli

Dettagli

Carta delle Isole del Mediterraneo

Carta delle Isole del Mediterraneo Carta delle Isole del Mediterraneo per un Europa dei Cittadini più coesa e solidale 1 Premesso che Le Isole rappresentano un momento di fermento particolare e costituiscono una esperienza unica come innovazione

Dettagli

Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e

Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e monitoraggio Istituto degli Innocenti Contenuti Premessa e contesto

Dettagli

Grazie a Maurizio Montalti, amico di Cesena, che ha disegnato per noi il logo.

Grazie a Maurizio Montalti, amico di Cesena, che ha disegnato per noi il logo. Assessorato Servizi Socio Scolastici, Pubblica Istruzione, Edilizia Scolastica, Pari Opportunità Assessorato Servizi alla persona, Associazionismo e volontariato, Politiche familiari Associazione Voce

Dettagli

I BENI COMUNI. Nota allegata al Bando per progetti emblematici provinciali 2017 (a cura del Prof. Gregorio Arena Presidente LABSUS)

I BENI COMUNI. Nota allegata al Bando per progetti emblematici provinciali 2017 (a cura del Prof. Gregorio Arena Presidente LABSUS) I BENI COMUNI Nota allegata al Bando per progetti emblematici provinciali 2017 (a cura del Prof. Gregorio Arena Presidente LABSUS) 1. Che cosa sono i beni comuni Nel nostro ordinamento i beni rientrano

Dettagli

2001 Istituzione del Laboratorio della Città Possibile Progetto-contenitore capace di raccogliere, coordinare e valorizzare i progetti già presenti e

2001 Istituzione del Laboratorio della Città Possibile Progetto-contenitore capace di raccogliere, coordinare e valorizzare i progetti già presenti e 2001 Istituzione del Laboratorio della Città Possibile Progetto-contenitore capace di raccogliere, coordinare e valorizzare i progetti già presenti e di promuovere nuova progettualità, basata sulla partecipazione

Dettagli

Introduzione... 2 C 1 INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO... 4

Introduzione... 2 C 1 INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO... 4 EDILIZIA SCOLASTICA Riqualificazione degli edifici scolastici pubblici: efficienza energetica, messa a norma degli impianti,abbattimento delle barriere architettoniche, dotazione di impianti sportivi,

Dettagli

Analisi della qualità dell inclusione. Questionari famiglie scuola primaria

Analisi della qualità dell inclusione. Questionari famiglie scuola primaria Analisi della qualità dell inclusione Questionari famiglie scuola primaria Anno scolastico 2013-2014 Questionari compilati Villanova Monteleone 89 alunni Olmedo 170 alunni 41 SI 48 NO 117 63 SI NO Romana

Dettagli

Formulario per la progettazione del Coordinamento Territoriale d Ambito

Formulario per la progettazione del Coordinamento Territoriale d Ambito Formulario per la progettazione del Coordinamento Territoriale d Ambito Udine (Unione del Friuli Centrale) RICAMBIO GENERAZIONALE Obiettivo generale del progetto e dei progetti di tutti i CTA: Far crescere

Dettagli