Sul n. 21 dell ottobre 2012 abbiamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sul n. 21 dell ottobre 2012 abbiamo"

Transcript

1 26 NUMERO STAMPA AnnidiAttività anno XXIV ottobre 2013 bimestrale di cultura politica attualità NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO GARDOLO via Soprasasso, 32 tel La VALDASTICO a Trento-nord? Tutt altro che improbabile! Sul n. 21 dell ottobre 2012 abbiamo già parlato del progetto dell Autostrada della Valdastico, e della possibilità che finisca per congiungersi con l Autobrennero proprio a nord di Trento, in zona di Lavis. La Serenissima, la società che la propone (quella che già gestisce la Brescia-Padova), e che ha fatto fare il progetto, ha avanzato 6 tracciati possibili dicendo che il suo preferito è quello che sbuca su Besenello, perché è il più breve e quindi farebbe spendere loro meno denari. Ma il CIPE approvando il progetto fino al confine della provincia di TN in speranzosa attesa che la PAT approvi il tratto che passa in Trentino ha lasciato aperta la possibilità di farla continuare su Besenello o a nord di Trento. La società proponente, spalleggiata dalla Regione Veneto e anche dal governo nazionale, sta facendo pressioni fortissime sulla Provincia perché approvi il progetto, nonostante i pesanti ed irreversibili impatti ambientali sui territori attraversati ed il nuovo inquinamento che riverserebbe in valle dell Adige. E queste pressioni si intrecciano alla partita per il rinnovo della concessione dell Autobrennero, per la quale sono già partite le procedure per una gara europea. Il ministro Lupi dice apertamente: approvate il progetto della Valdastico anche per il Trentino e avrete il rinnovo della concessione senza passare per la gara (ne abbiamo parlato sul numero scorso). Il tracciato su Besenello è più comodo per la società proponente, ma avrebbe una controindicazione anche viabilistica (oltre agli impatti ambientali) nelle gallerie della Autobrennero a Trento-sud. Portando ad un aumento di traffico sulla Autobrennero creerebbe La società proponente sta facendo pressioni fortissime sulla Provincia perché approvi il progetto. ingorghi frequentissimi alle gallerie che verrebbero a funzionare come collo di bottiglia, riversando quindi nuovo pesante inquinamento su Trento. Per questo, nel caso la PAT fosse portata a cedere alle pressioni, dando l OK alla realizzazione della nuova autostrada, l ipotesi di farla arrivare direttamente a Lavis, tagliando fuori Trento, mi pare tutt altro che improbabile. Nelle pagine seguenti trovate la descrizione di quali sarebbero gli impatti sulla conca di Pergine e sulla zona a nord di Trento, tratta dalla stessa Relazione illustrativa ai documenti progettuali. [continua in pagina 2] SOGNO d una notte di fine estate Ho sognato che a Trento, nel palazzo di fronte al monumento dedicato al sommo poeta, le cose erano cambiate. Le nuove inquiline e i nuovi inquilini erano illustri sconosciuti, al punto che appena entrati avevano dovuto chiedere una guida per capire dove si trovassero i vari uffici: essendo in massima parte giovani, sembravano anche un po imbarazzati e facevano quasi tenerezza. [continua in pagina 3] S T U D I O D E N T I S T I C O Dr. Panzolato Manuel ODONTOIATRIA ESTETICA ODONTOIATRIA PER BAMBINI SBIANCAMENTI DENTALI IMPLANTOLOGIA RIPARAZIONE PROTESI IN GIORNATA Via Aeroporto, 1 GARDOLO tel Electric and Electronic equipment for Caravaning and Boating Da oltre 30 anni leader nella progettazione e produzione di accessori elettrici ed elettronici per i settori caravaning e boating. Via Vienna, 4 - z.i. Spini di Gardolo (settore D) Trento Tel Fax

2 2 NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO Attualità [continua da pag. 1 LA VALDASTICO A TRENTO-NORD?...] Leggete, avrete un idea di quali sconvolgimenti qualcuno sta provando a progettare per queste zone. Per fare una autostrada inutile, che collega Vicenza a Trento risparmiando una mezzora sul collegamento au- tostradale che già c è via Verona, al costo di un paio di miliardi (nelle previsioni!!!). La prossima legislatura provinciale sarà quella in cui la PAT deciderà di rifiutare il permesso di passaggio alla nuova autostrada o si piegherà alle pressioni. È bene che i cittadini lo abbiano ben presente. Tra l altro, sul tratto sud della Valdastico quello fra Vicenza e Rovigo neanche il tempo di completare l opera e già s è dovuta muovere la Direzione distrettuale anti-mafia di Venezia, che ha iscritto nel registro degli indagati 27 persone (fra cui l ex presidente della autostrada Schneck) con l accusa di traffico illegale di rifiuti: secondo il pm potrebbero essere rifiuti di fonderia occultati nel sottofondo dell autostrada, che hanno inquinato di cromo i campi attraversati e i canali di irrigazione. Animali erano infatti morti per aver bevuto acqua nei canali a fianco del cantiere. Oltre al danno le beffe. Roberto Antolini Tratto da Pergine Valsugana S.S. 47 alla A22 Superato lo svincolo di Pergine Valsugana il tracciato autostradale con il viadotto Fersina (L=947 m) supera il torrente omonimo, la linea ferroviaria e la statale della Valsugana, piegando poi decisamente verso ovest per riportarsi verso la valle dell Adige che viene raggiunta tramite due tratti in galleria (galleria Madrano L media =2.175 m e galleria S. Agnese L media = m ) intervallate da un breve tratto all aperto di circa 210 m dove è ubicato il viadotto Valgranda (L=176) m. La galleria S. Agnese prevede l uscita all aperto nella valle dell Adige in trincea, sottopassando la statale S.S. 12, la ferrovia del Brennero e riemergendo nella piana successiva per collegarsi con l interconnessione di Lavis all Autostrada A22 del Brennero. La progressiva convenzionale di fine intervento è stata assunta pari a km m, in corrispondenza dell ultima sezione dove le 2+2 corsie autostradali sono complanari. La conformazione dell interconnessione autostradale è stata oggetto di attente valutazioni per tener conto non solo delle problematiche relative all esercizio autostradale della A22 (difficoltà a realizzare sottopassi al rilevato autostradale che richiederebbero deviazioni provvisorie di difficile attuazione per la vicinanza del ponte sull Adige), ma per le interferenze con il tessuto territoriale che conta la pista ciclabile sull argine sinistro dell Adige, la viabilità comunale e provinciale (S.P. 1 di destra Adige), i canali idraulici di scolo e di irrigazione anche di dimensioni notevoli e da ultimo la presenza di un metanodotto con annesso ponte tubo di scavalco dell Adige. Lo schema proposto prevede di collegare la direzione in destra mano A22 sud verso A31 staccando la pista prima dell attraversamento dell Adige da parte della A22, mentre le altre tre manovre vengono portate a nord del citato metanodotto, prevedendo uno scavalco dell Adige ed una intersezione con schema a pseudo-trombetta. Tutte le curvature dell interconnessione sono state valutate cercando di trovare un ragionevole equilibrio tra i raggi di curvatura e il consumo di territorio, con velocità di progetto di 40 km/h per le manovre indirette e 70 km/h per le manovre dirette. Il riepilogo degli sviluppi per tipologia di intervento del tracciato 1 sono riepilogati nella tabella a sinistra. Nell immagine la zona dell interconnessione con la A22 a Lavis, dalla quale si evince la presenza del viadotto autostradale (A22) sull Adige, il ponte tubo di un metanodotto e la pista ciclabile arginale. Sviluppi per tipologia di intervento del Tracciato T1 Lunghezza [m] % sul tot. Sviluppo complessivo Sviluppo in galleria ,61% Sviluppo in viadotto ,50% Sviluppo tratti all aperto ,89% A NORD DI TRENTO Periodico bimestrale iscritto al Registro Stampa n del Tribunale di Trento, in data PROPRIETÀ Associazione culturale IL GRUPPO Via Caproni 15, Roncafort (TN) - DIRETTORE RESPONSABILE Ugo Bosetti REDAZIONE c/o Anna Mussi ( ) Un nome per il portico di Gardolo AnnidiAttività Il giorno 7 settembre è stato intitolato a Sabino U- ber il portico pedonale di Via Sant Anna. La proposta di intitolazione era stata presentata a suo tempo al consiglio Circoscrizionale da Luciano Casotti, presidente della Commissione Cultura, e dopo l approvazione dello stesso aveva ottenuto anche il favore della maggioranza del Consiglio Comunale. Nel frattempo le classi quinte delle elementari di Gardolo (grazie alla collaborazione della circoscrizione ed in particolare dei consiglieri Lenzi e Campestrini hanno abbellito il portico con manufatti e vetri artistici che testimoniano le attività che si erano svolte in quel sito quando ancora lo stesso era suddiviso in locali. Sabino aveva fortemente voluto la realizzazione del portico per il transito in sicurezza dei pedoni in Via S.Anna. Da ciò è derivata la certezza della scelta mirata di quel sito per dedicarlo a Sabino. Il gruppo Donne E.B. Battisti è orgoglioso di questa iniziativa non solo perchè Sabino era il marito, padre e fratello di tre socie fondatrici del gruppo, un cronista puntuale delle attività del nostro gruppo, e principalmente testimone attivo della vita sociale e politica del nostro paese. Il gruppo Donne E.B. Battisti RESPONSABILE PUBBLICITÀ Gianni Angelini ( ) IN REDAZIONE Renato Beber, Maria Giovanna Conci, Franco Faes, Alberto Mattedi, Anna Mussi, Luisa Nicolini, Alessandro Serra TIRATURA/DIFFUSIONE 5000 copie REALIZZAZIONE GRAFICA E STAMPA litografica Trento - Ottobre-Novembre 2103 Mostra fotografica sulla 2 guerra mondiale a Gardolo e presentazione del libro sullo stesso tema Via E. Sestan, 29 I Trento I tel I fax I

3 numero 26 ottobre 2013 Radio ADELANTE: la radio di Gardolo Sulla tua strada passeggia ormai sempre più spesso la necessità di pensare al futuro ma di agire adesso. Nel 2011, è nata Radio Adelante che ha come scopo principale quello di dare voce al territorio di Gardolo e dintorni. Adesso. Ma cos è questo adesso? In un mondo liquido, in cui il progresso è la parola d ordine, il presente sembra essere svuotato della sua consistenza. Oltretutto, il loro progresso non ha nulla a che fare col nostro futuro. Cerchiamo quindi di creare nuove occasioni in cui poter essere protagonisti, anche per dare una nuova prospettiva a questioni che altrimenti passerebbero sotto silenzio. Il nostro essere giovani non implica una presa di posizione di tipo sindacale, ma la possibilità di notare cose che gli occhi adulti e stanchi si sono abituati a vedere, senza reagire. Così, nel 2011, è nata Radio Adelante, u- na web radio che ha come scopo principale quello di dare voce non solo a chi effettivamente la voce ce la mette, ma anche al territorio di Gardolo e dintorni. Il percorso fatto con la radio ci ha portati ad essere particolarmente sensibili al tema dell informazione e così, quando è arrivato il momento di farci sentire, noi c eravamo. Non ci piaceva proprio la campagna pubblicitaria leghista di gennaio Non ci piaceva perché, oltre a fomentare xenofobia, diceva una mezza verità e, allo stesso tempo, u- na mezza bugia. A tale proposito, si ricordi il cartellone riportante Un immigrato sposato con quattro figli può ricevere dalla provincia fino a euro. Tutto questo senza lavorare. Non è questa l informazione che vorremmo: un informazione fatta di slogan e titoli ad effetto, in cui la persona non è portata a guardare al di là del cartellone, fermandosi quindi in superficie. Perché non pretendere un informazione limpida, assoluta da interessi politici? Perché non far sì che il cittadino possa esserne al contempo fruitore e promotore? Apprezzando molto, quindi, l invito da parte della redazione di A Nord di Trento di scrivere su questo periodico, abbiamo intenzione di sfruttare lo spazio che ci è stato af- 3 fidato occupandoci di tutto ciò che ci sta intorno, sempre con quella prospettiva diversa che un giovane può dare. Lo staff di Radio Adelante Nuove realtà [continua da pag. 1 SOGNO DI UNA NOTTE DI FINE ESTATE] Erano stati eletti con voti di preferenza e- spressi direttamente dai cittadini; per la campagna elettorale non avevano speso nulla, né di fondi propri, né tantomeno di fondi pubblici; si erano presentati liberi da vincoli ideologici, non intendevano restaura- re nessuno dei sistemi sociali che avevano dimostrato - nella storia anche recente - il proprio fallimento; i giornali locali, invece di giocare al toto-elezioni e di scommettere sulla vittoria dei candidati più quotati, avevano dato a ciascuno lo stesso spazio per esprimere le proprie idee in merito alla soluzione dei problemi più urgenti; le domande erano state poste direttamente dai cittadini e non riguardavano affatto l ultimo libro letto o il piatto preferito, bensì: disoccupazione, ambiente, trasparenza nella pubblica amministrazione; per presentarsi alla sfida dovevano possedere una fedina penale, civile, fiscale immacolata (dovevano appunto essere dei candidati candidi) e già questo aveva messo fuori gioco molte vecchie conoscenze; erano rimasti d accordo che contando la popolazione della provincia più donne che uomini il numero maggiore di rappresentanti sarebbe sta- Le nuove inquiline e i nuovi inquilini erano illustri sconosciuti in massima parte giovani, un po imbarazzati e facevano quasi tenerezza. to riservato al gentil sesso; si erano auto-esclusi gli imprenditori di successo che avevano preferito continuare a fare gli imprenditori di successo, assicurandosi in tal modo la riconoscenza di lavoratori dipendenti, conoscenti, clienti e fornitori; si erano auto-esclusi pure i professionisti di fama, che avevano optato per continuare a rivestire il loro ruolo, con conseguente profonda gratitudine da parte dei loro utenti; erano rimasti fuori dall agone coloro che già campavano di politica da più di cinque anni: erano dovuti tornare all occupazione precedente, se mai ne avevano avuta una, altrimenti anche per loro c era l esperienza abbastanza comune della disoccupazione; il continuo e franco contatto con gli elettori non era uno slogan da schiaffare su cartelloni delle dimensioni di un mini-appartamento, bensì un impegno sottoscritto prima delle elezioni, al mancato rispetto era prevista la decadenza da eletto; si accontentavano di u- no stipendio, omnicomprensivo, di euro: a chi abitava in città veniva data in comodato gratuito una bicicletta e chi veniva da lontano aveva diritto all uso gratuito dei mezzi pubblici, ma la maggior parte di loro aveva rinunciato a questi privilegi per dimostrare che potevano benissimo usare i propri mezzi o pagarsi un abbonamento; chiunque poteva entrare nel palazzo e vederli al lavoro, per nulla distratti dai fatti propri (cellulari, tablet, computer venivano lasciati in custodia all esterno della sala riunioni fino alla fine dei lavori); la ridicola gabbietta utilizzata in precedenza per le votazioni segrete era stata regalata ad una scuola materna per trasformarla in teatrino delle marionette: ora si votava solo in modo palese; gli eletti non temevano di incontrare le persone comuni, di rispondere alle loro domande, di farsi carico di risolvere i loro problemi, perché godevano di stima, fiducia e benevolenza da parte di tutti i cittadini. MaGiCo * STRUMENTI MUSICALI ED ACCESSORI * * LABORATORIO RIPARAZIONE * Gardolo (Trento) via Brennero, 141 Fax Tel

4 Ritorno al passato 4 NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO Mostra STORICO fotografica Si è svolta a Spini dal 12 al 21 luglio presso la sala civica una mostra storico fotografica nell ambito dell iniziativa Noi quartiere Spini di Gardolo dedicata ai lavori rurali e all evoluzione della zona da campagna a centro abitativo. La mostra è stata organizzata dal comitato Amizi del pont dei Vodi in collaborazione con Alberto Mattedi. Perché una mostra storico fotografica? Ci sono così tanti testi ricchi di fotografie e racconti un po per tutti i gusti, c è internet in tutte le case, ma in tutto questo manca una cosa: la socialità, il ritrovarsi assieme e non perché si deve far qualcosa ma per il semplice gusto di trovarsi e rivedersi. Gardolo 26 luglio Soldati che posano sul ponte della Roggia. 1. Pedrolli Oscar 2. Lazzari Carlo 3. Decarli Oscar 4. Mattedi Luigi Gianni Aldo 7. Manincor Bruno 8. Gilli Massimino 9. Cainelli Clemente 10. Pocher Marco 11. Caracristi Aldo Stiamo preparando una mostra sui caduti-dispersi più immagini di guerra della II a Guerra Mondiale, ricerchiamo materiale fotografico e documenti. Sfogliare un libro, un album da soli non può rendere ciò che l esperienza può raccontare e viceversa non può essere motivo di condivisione, la mia intenzione è proprio quella di trovarci e far parlare tra loro due mondi, quello che un po ha vissuto queste foto e quello che non può altro che immaginarle. Vorrei tanto che questi due mondi così lontani, ma in realtà così vicini, comunicassero tra loro e si potessero scambiare nuove emozioni. Quante cose non sappiamo sul nostro passato che vorremo sapere ma se non troviamo i momenti e le occasioni per poterne parlare, per poterci confrontare con chi le ha vissute, come potremmo costruire il nostro futuro! Secondo me la storia è ciò che ci può permettere di costruire un futuro migliore, custode di esperienze e vissuti che dovremmo ascoltare maggiormente per trasmettere alle nuove generazioni saperi mai sopiti. Ecco il perché di una mostra: il passaggio di notizie che altrimenti potrebbero andar perdute nella frenesia quotidiana. Non è retorica, perché sono convinto che i momenti di incontro siano importanti per una società sempre più divisa ed alla ricerca di risposte. Un ringraziamento particolare a tutti coloro che, privati ed enti pubblici, hanno concesso l utilizzo delle proprie foto e a coloro che in diverse maniere abbiano dato un contributo alla realizzazione di questa mostra. Una bellissima emozione durante il percorso della mostra è trovare un anziano che illustri qualche foto, nei mie tanti incontri non sapete che soddisfazione sia per un ANZIANO parlare del suo passato, siamo sempre di corsa, non sappiamo più ascoltare. Per finire un piccolo SUGGERIMENTO, le foto che avete a casa cercate di commentarle con i genitori, con i nonni, non lasciate che diventino FOTO mute. Alberto Mattedi Nello specifico ricerchiamo notizie di: ANDREATTA GIUSEPPE 1910 BATTISTATA UMBERTO 1915 BAZZANELLA CARLO 1918 BERTEOTTI FAUSTO 1915 BERTOLDI MARIO 1919 CAINELLI LUIGI 1919 CAMIN LUIGI 1921 CAMIN NATALE 1914 CANEPPELE LUIGI 1913 CAPPELLETTI VELIO 1913 CESTARI VITTORIO 1918 CHEMELLI EZIO 1921 CONCI PIETRO 1919 DALLAPE BARTOLOMEO 1920 DEGASPERI ALDO 1920 DIVINA LUIGI 1920 FAES LINO 1912 FRIZZERA ALCIDE 1918 GALVAGNI ENRICO 1914 GARZETTI ALBINO 1920 GIANNI MARIO 1922 GILLI TITO 1914 MANINCOR CARLO 1919 MATTEDI LUIGI 1919 MATTEDI MANSUETO 1919 MAZZALAI LEONE 1913 MERLER ALFEO 1914 MERLER CARMELO 1912 MERLER MARIO MERLER REMO 1909 MICHELI LUIGI 1922 PAISSANI ELIO 1918 PAISSANI GIUSEPPE 1919 PAISSANI VIRGILIO 1923 PEDROLLI BRUNO 1921 PEDROLLI SERGIO 1910 PEGORETTI MARIO 1921 POCHER VITTORINO 1912 SLOMP SESTO 1912 SOVILLA VITTORIO 1917 ZADRA ERNESTO 1922 ZADRA LUIGI 1923 ZATELLI TULLIO 1920 Per eventuali contatti ed informazioni telefonare ore serali ad Alberto CANOVERI de SOTO Dopo l ottimo riscontro avuto l anno scorso, abbiamo deciso con entusiasmo di organizzare, anche quest anno, il ritrovo dei canoveri de soto. La macchina organizzatrice si è messa in moto per tempo e quindi già ai primi del mese di agosto erano fissati i tempi e modi per operare. La nostra comunità, cosi ci piace definirla, anche se piccola è molto coesa e desiderosa di poter promuovere questo tipo di incontri dove la gente assapora il gusto di rivivere alcuni momenti di vita comune in Canova de soto. Ci siamo trovati per fissare la data del secondo ritrovo, e tutti d accordo si è deciso per il giorno 31 agosto Tipologia uguale a quella dello scorso anno, con una variante di non poco conto, siamo riusciti ad avere un tendone a protezione di eventuale malaugurata pioggia. Menù: canederli in brodo o con burro fuso, wurstel, braciola e pasta de luganega, pane, pomodori, cappucci, dolci vari, caffè e resentin. Si informano gli interessati, alcuni personalmente molti altri con invito scritto. Siamo al mattino del 31 agosto e si fanno gli ultimi controlli, ed ultimi eventuali aggiustamenti alla macchina organizzatrice in modo che tutto possa filare liscio. Anche quest anno è stato deciso di dare ad ogni capo famiglia un piccolo omaggio, raffigurante il nostro il centro storico di Canova de soto, che diventerà anche il nostro logo. Arrivano i primi amici e mentre per la maggior parte ormai si tratta di un ritorno, per alcuni è la prima volta, e quindi sono presi dalle domande del tipo: chi set ti? ottenendo risposte tipo: ma son la o el...fiol o fiola del..., no te ricordet... Abbiamo avuto il piacere di rivedere persone che mancavano da Canova de soto da oltre 50 anni. Sono ormai tutti a tavola ad assaporare quanto da noi preparato, e con nostra grande soddisfazione rileviamo che sono presenti oltre 140 persone. Più tardi ci ha allietato della sua presenza anche don Franco. Siamo ai commiati e tutti non fanno altro che ringraziarci per questa bella serata, auspicando che la stessa possa ripetersi anche per il Siamo felici dei consensi ottenuti, ma pensiamo e ne siamo più che convinti che dobbiamo essere noi a ringrazi are gli intervenuti, poiché senza la loro presenza i nostri sforzi sarebbero risultati vani. Quindi cari amici canoveri de soto, grazie per la vostra massiccia ed entusiasta presenza ed arrivederci al terzo ritrovo del Diego

5 numero 26 ottobre 2013 TRENTO - IL CAIRO... la storia continua Il progetto Maestri Burattini di cui abbiamo parlato nello scorso numero, ha dato alla luce un progetto figlio: Maestro terapeuta. L idea del progetto è nata durante la narrazione e le chiacchierate sulle storie dei ragazzi di Sr Teresa con Aurora che ha sentito forte la necessità di fare qualcosa per i ragazzi, che andasse al di là della sola donazione. Ha compreso che l esigenza di fondo è quella del sostegno psicologico e, data la sua vocazione scolastica, ha pensato di trovar loro un sostegno in questo senso. Ex studentessa del Rosmini, ora al secondo anno di psicologia a Padova, ha esposto il suo pensiero a Padre Giovanni Esti, durante la sua visita estiva in Italia. Avendo seguito assieme a me il progetto Maestri Burattini, P. Giovani ha aderito con entusiasmo all idea aiutando Aurora a definire obiettivi e struttura finanziaria del progetto. Ora si tratta di lanciare il progetto e di farlo camminare perché, come ci insegna Padre Govanni, una delle cose principali nell azione di aiuto dell altro, è quella della continuità. Trattandosi poi del fragile mondo interiore dei ragazzi, è ancora più importante garantire u- na presenza costante che li aiuti a cresceraton) in modo che possano elaborare il loro vissuto ed acquisire una serenità maggiore che dia loro la capacità di continuare a scrivere la loro storia e, in futuro, aiutare altri bambini a fare percorsi di guarigione interiore. Ogni classe, che decide di prendere parte al progetto, si dovrà impegnare a versare un euro al mese per ciascun alunno della classe. Si potranno avere notizie e aggiornamenti riguardo il progetto accedendo al sito tenuto da Ilaria Costa, insegnante di italiano al Cairo da tre anni, che ha anche collaborato con l orfanotrofio. Quello che viene offerto secondo criteri di diagnosi professionale è un pacchet- Ecco qui una storia significativa raccontata da sour Teresa, la loro mamma... A.S, frequenta la terza superiore, è molto timido, parla poco, si sente rifiutato da suor Afaf e dagli altri. È un bel ragazzo ma lui si sente molto brutto. Soffre tanto perché la mamma, che era molto malata, è morta quando era piccolo. Lui è l ultimo di otto: 7 maschi e una femmina. Dopo la morte della mamma il papà ha portato A. al Buon Samaritano e gli altri fratelli in altri orfanotrofi. Il padre è molto povero, fa il contadino e lavora come operaio nei campi degli altri.si è risposato e ha avuto altri bambini, per cui la povertà è aumentata. A. si sente senza futuro per via della povertà della famiglia. Io cerco di aiutarlo ad accettarsi, gli faccio capire che è molto bello e che è amato da Dio e da me. Salam! 5 Esperienze di vita re elaborando i loro pesanti vissuti. Non solo. Uno dei pensieri che sta dietro a quest idea e ai ragionamenti di Aurora, è la convinzione che guarire le ferite di 16 fra bambini e ragazzi, consenta a loro di diventare a loro volta maestri terapeuti in grado di aiutare gli altri. Insomma: seminare per far progredire. Ma ora passiamo ad una scheda molto sintetica del progetto: Il progetto intende raccogliere fondi grazie all aiuto degli Istituti Superiori di Trento per garantire il supporto psicologico ai bambini dell orfanotrofio del Cairo Il buon samaritano (alias Sheto pro capite - per anno con i seguenti servizi: 20 ore d incontro individuale con psicologo dell età evolutiva, 40 ore d incontro terapeutico come dinamica di gruppo, 40 pasti per le terapie di gruppo ed una piccola merenda per quello individuale (il progetto dettagliato nella parte finanziaria e accessoria, sarà pubblicato sul sito net). Aurora, compatibilmente con gli impegni universitari, ed in ogni caso supportata da un gruppo di amici, presenterà il prgetto ai presidi delle scuole in autunno. Per l anno 2014 il progetto Maestro Terapeuta si pre- fissa d aiutare 16 bambini disagiati ed è comunque aperto alla generosità di chiunque deisderi dare il proprio contributo. Simonetta Gabrielli Intestazione del conto: Maestro Terapeuta - Cordi Jesu Cairo - Egitto MONDO APERTO - ONLUS V.lo Pozzo, VERONA - 045/ Banca Etica > BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A IBAN: IT 68 V SOLUZIONE DEL CRUCIVERBA DI PAGINA 12 P A M P A L U G O E R T A R I O M A O R O L O I C O N C A V O S T I N C E M E R E N G A S C I C A L C A R E P I A N A A O R I T A R D O S S A B I N O O S A C N I C A S A R A B R U S T O L A T S R R A N T E G A F A S O L E G E O A Z Z E R A R E C O L L I S I O N E A F FARMACIA DI GARDOLO dott. RENATO BRANDOLANI Dietetica applicata - Omeopatia - Fitoterapia - Preparazioni galeniche - Analisi LA FARMACIA CHE COLLABORA CON I MIGLIORI ESPERTI di NATUROPATIA, IRIDOLOGIA E RIFLESSOLOGIA VIA SOPRASSASSO, 32 - GARDOLO (TN) - Tel

6 Iniziative 6 TUT GARDOLO n FESTA... e la festa continua! Quest anno la 33 edizione di Tut Gardol n Festa si è svolta nei giorni settembre tra spiazzi e porteghi, con la collaudata formula che permette di conoscere scorci di Gardolo molto suggestivi. È una manifestazione molto impegnativa dal punto di vista organizzativo e resa possibile soltanto grazie alla generosa collaborazione tra il direttivo del C.C.A.G e le tante associazioni del Sobborgo. Nei 13 portici allestiti si sono potuti assaporare ottime pietanze tradizionali e gustosi piatti etnici, e nel contempo realizzare contatti umani e scambi culturali tra la popolazione ormai multietnica di Gardolo. Sono state allestite delle mostre molto interessanti: quella micologica( quest anno era a rischio per la carenza di materia prima), il laboratorio del legno a cura dello scultore Federico Bernard, la mostra fotografica Piedi Mani e Volti di Adelfo Bayer, le Ciavi e seradure de sti ani di Marco Santuari, La radio agli albori di Sergio Uber, quella di pittura del gruppo Belle arti La Fontana in collaborazione con gli amici di Neufahrn Der Farbklecks e infine Immagini di un territorio unico: a nord di Trento, a sud di Bolzano a cura della Circoscrizione di Gardolo. Quest anno abbiamo proposto due novità: la gara podistica non competitiva Do pasi per le frazion de Gardol,svoltasi domenica 1 settembre, e la Caccia al tesoro nascosto di Gardolo. Tanti spettacoli in piazza Libertà e nei portici per adulti e bambini e vari tornei sportivi hanno fatto divertire e allietare il folto pubblico che ha riempito durante i tre giorni di festa il centro storico di Gardolo. E questo certamente ci ha ripagato delle tante fatiche. Grazie a tutti i volontari e ai proprietari che con grande spirito di collaborazione hanno messo a disposizione i loro portici e... appuntamento al 2014 per la 34 a edizione di Tut Gardol n Festa. C.C.A.G. OMAGGIO al GREP Premessa: una ricercatrice inglese di Cambridge, tale Molly Fox, ha dimostrato, dati alla mano, che u- na pulizia eccessiva del corpo ha un rovescio della medaglia: un rischio elevato di sviluppare demenza, declino cognitivo e Alzheimer, tre patologie da brivido! Il perché: il nostro sistema immunitario, dopo millenni passati a far fuori batteri, microbi, agenti patogeni, virus e altri microrganismi, ospiti abituali della nostra pelle, si sarebbe impigrito perché sostituito in questa lotta da sapone, bruschino, vasche da bagno, docce, bagnoschiuma, idromassaggi eccetera: al giorno d oggi avrebbe perso la capacità di difenderci con efficacia! La prova? I cittadini dei Paesi dove ci si lava di più, tipo i pulitissimi Svizzeri e Islandesi, hanno il 12% di probabilità in più di sviluppare malattie neurodegenerative e infettive rispetto ad altri meno adusi al sapone come quelli di Cina e Ghana. Spavento, stordimento e dubbi: saremo costretti a rivalutare gli aggettivi brodec, engrepà, brodegon, smuzeg, sporcon come sinonimi di persone molto attente alla salute? Sarà il caso di trasformare il bagno in caneva o almeno coltivare ortiche nella vasca per evi- tare la malsana tentazione di sguazzarci dentro un oretta? Forse che quei de zità (Trent), per decenni additati come modelli de net da imitare, sarebbero stati invece da tenere alla larga a pedate perché portatori potenziali di gravi patologie? Anni per eliminare cessi costruiti con quattro assi direttamente sopra le concimaie, per portare in casa l acqua corrente, per allestire un bagno con WC, doccia e bidet e perfino la Jacuzzi, senza riciclo e con lampade abbronzanti, sono stati anni di rincorsa alle malattie? Ebbene, la risposta è sì a tutti quattro i dubbi: troppa pulizia ci lascia disarmati di fronte agli attacchi di tanti pericoli. Il rimedio? Tenetevi forte: un po de grep, quell untuoso impasto di pelle morta, sudore, polvere, sebo, resti di parassiti, popò di acaro, forfora, strati di micosi ecc... popolato da microbi, batteri & soci che una volta costringevano il sistema immunitario a stare sempre con le rece su drite. Caro, vecchio e amato grep.. ti ricordi? Ben spalmato da dietro gli orecchi alla punta dei piedi, eri misurato a dedi : fino a mezzo ti tenevano come una seconda pelle, fino a u- no eri roba da laorentoni che non si fermavano mai, a due per chi aveva la fontana dall altra parte del paese e a tre beh.. cominciavi ad esser un po tanto anche per allora! Poi, in pochi anni sei stato spazzato via da saponette, bagni, detergenti e bruschini con l accusa di non fa respirare la pelle, di alloggiare e sfamare pidocchi, di portare malattie, rovinare la biancheria, di rendere irrespirabile l aria per centinaia di metri eccetera. Di te restarono rare tracce solo nei ricordi e nelle barzellette. Zia, in visita al mas del nipote ngrepà, scorge in cucina na caora: Pora bestia.. ma come fat a tegnirla chi.. no sentet che spuza? Nipote: No preocuparte zia.. la se abitua ben! Ora, grazie a Molly, è giunto il momento di restituirti l onore: la notizia che una pelle troppo pulita soddisfa occhi e naso ma non difende dall Alzheimer e affini ti darà nuovo slancio! Il vecchio detto Ogni lavada l è na strazada riferito ai vestiti verrà rivisto e adattato agli esseri umani di oggi: Chi si lava si straza! Forse l Asl non ci spedirà pieghevoli con l invito a tenerti addosso almeno fino a mezzo dito ma lo slogan Più grep per tutti! potrebbe diventare un grido di rivendicazione generale! Semmai, a questo punto il problema sarà: come ngreparse adeguatamente? Mhmm.. qualcuno sa come si fa? Fino agli anni 50 e 60 erano (eravamo?) tutti capaci! Consideriamo la giornata tipo di un gardoloto di inizio novecento: alle sei va in stalla a governar le bestie, poi in bici alla Ferriera. Alle cinque torna a casa e via nei campi col carretto del camerel a concimare verze, patate e fasòi, mez crazidel de chi, mez de là. Prima di cena sega e spacca qualche quintale di legna, copa en cunel e sgosa il camino dal graniz. Alle sette a tavola, poi onze le rode del car e ancora in stalla a monzer e via in bici al casel. Alle nove, dritto a letto senza passare per vasche o docce, un Ave Maria col segn dela cros e buonanotte! Una settimana e grep e salute e- rano garantiti! Con la vita di oggi, invece, prima di averne addosso abbastanza da essere al sicuro, ci sarà da aspettare mesi, forse anni! Ce la faremo? Tranquilli: sarà presto disponibile come balsamo in farmacie e nei migliori supermercati in pratiche confezioni per single, coppie Lui- Lei e Lui-Lui, per famiglie e gruppi d acquisto. A pubblicizzarlo la stessa dicitura dell amaro Petrus: Occidit qui non servat (in libera traduzione: O l te copa o e l te fa ben)! La scelta ora è solo vostra: brodeghi o marodeghi? Meditate gente... meditate! UB

7 numero 26 ottobre 2013 Bolzano. Un INCENERITORE che pare un museo di arte contemporanea In Alto Adige è finalmente operativo l inceneritore modello, costruito secondo il detto typisch Südtiroler chi fa da sé fa per sé. Tuttavia, per pagare questo bendidio ci dovranno pensare almeno tutti quegli altoatesini che vorranno conferire i propri rifiuti all impianto di Bolzano. Il teleriscaldamento, tuttora al palo, è sempre stato un tema caro ai verdi Stefano Fattor, ex assessore comunale all ambiente ora presidente di Ecocenter, e Helmuth Moroder, ex consigliere comunale ora city manager. Per loro, così come per l assessora Patrizia Trincanato, nota per balbettare cose strampalate però in linea col detto di cui sopra, carriera e qualche migliaio di euro in più al mese valgono più di qualsiasi lentius, profundius, suavius, come diceva Alex Langer. Per Argante Brancalion è una patacca bollente: Per portare a- vanti il teleriscaldamento occorrono 60 milioni da spendere nei prossimi 6 anni. Ma nessuno li ha. Per trovarne almeno 30 Ecotherm cerca di vendere il proprio 50% a SE- AB alla quale però mancano 4,8 milioni di Euro per saldare il conto, poi dovrà trovarne altri 30 per portare avanti il progetto. I Verdi altoatesini, sponsor instancabili di inceneritore e teleriscaldamento, potrebbero coerentemente cominciare ad organizzare qualche lotteria all anno per raccogliere fon- di per i loro gioielli. In Trentino si è dovuto convenire, invece, che la termovalorizzazione è una fregatura, archiviando il progetto di Ischia Podetti. Ora, il Comune di Trento, che conta gli stessi abitanti di Bolzano e presenta analoghe criticità gestionali nella raccolta dei rifiuti, si pone l obiettivo di valorizzare, riciclandola, la frazione dei pannolini, con una rd al 74% (l Adige, 3 a- gosto 2013), destinata ad andare oltre. Pratica virtuosa o reale che non è mai piaciuta, tra i tanti rappresentanti istituzionali, agli assessori altoatesini Michl Laimer (diventato ex, in seguito al processo per lo scandalo Sel) e Florian Mussner e al presidente Luis Durnwalder, ai costruttori e alle banche. I trentini potrebbero, perciò, non aver ancora capito i vantaggi della scienza e della tecnologia pro combustioni di parte, se hanno invece speso per il Muse (l Adige, 29 luglio pag. 9 - pag. 10) la metà dei soldi spesi per bruciare i rifiuti altoatesini. L assessore Mussner guarda avanti, forse fin oltre la sua legislatura, proponendosi promotore turistico: il termovalorizzatore oltre che sicuro è anche bello architettonicamente e sarà un biglietto da visita per i turisti che I nuovi rifiuti prodotti non si deve sapere né vedere dove finiscono, sia che preferiscano viaggiare di giorno o di notte (e a quali costi). NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO arrivano da sud. La nuova offerta turistica della regione Trentino Alto Adige potrebbe prevedere in futuro la visita-pacchetto ai due Musei: una al Muse della scienza e un altra a quell inceneritore che - secondo il giornalista Marco Angelucci - pare un museo di arte contemporanea (Corriere dell Alto Adige, 25 luglio 2013). Non si sa se il sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli abbia mai pensato di ridurre o riciclare qualcosa, forse le ceneri di quell inceneritore che si è visto sfrecciare davanti come un treno in corsa come ha sostenuto - senza possibilità di fermarlo: sia le ceneri pesanti, pericolose, sia quelle leggere, tossiche, che sommano a tonn/anno. Scriveva Spagnolli il 10 agosto 2006: Non accetto in alcun modo che chiunque ci dipinga come dei malfattori per scelta Le soluzioni più virtuose, nel contesto in cui ci troviamo, sono quelle che abbiamo scelto e siamo pronti a dimostrarlo in qualsiasi sede e con qualsiasi interlocutore. Oggi, dati e costi alla mano, Spagnolli dovrebbe poter dimostrare che la Sua soluzione è la più virtuosa, non scordando che la fame di rifiuto in Alto Adige è il primo gebot* di quell esemplare opera di architettura 7 da tonn/anno che non prevede alcuna architettura capace di smaltire anche i nuovi rifiuti prodotti, peggiori di quelli in entrata all impianto. Di questi, infatti, non si deve né sapere né vedere dove finiscono, sia che preferiscano viaggiare di giorno o di notte (e a quali costi). In Trentino si procede al Quarto aggiornamento del piano provinciale dei rifiuti, con auspicabile progressiva pianificazione verso riduzione della quota residua indifferenziata, secondo alcuni eternamente non riciclabile.** In Alto Adige l aggiornamento del Piano rifiuti non si fa accontentandosi dell inaugurazione dell inceneritore modello e di rassicurare che, ieri come in futuro, tutte le emissioni saranno monitorate in tempo reale e non sforeranno mai i limiti di legge. Buone combustioni e tasse agli altoatesini, almeno fino al , sperando (per Ecocenter e futuri gestori) che anche i trentini nel frattempo possano conferire al nuovo inceneritore qualche migliaio di tonnellate/anno da termovalorizzare, chissà quando per teleriscaldare l ecologica Bolzano di CasaClima. Redazione Ecce Terra Attualità -Fai da Te In questo numero del giornale vi voglio raccontare la storia di una signora, che in questo mio racconto chiamerò Rina, (come la mia nonna che da sempre mi ha insegnato cosa conta nella vita) che u- no di questi giorni è passata in negozio. In una calda mattinata d estate la signora Rina entra timidamente in negozio e mi porta un suo dipinto da incorniciare. Il dipinto è molto semplice ma allo stesso tempo molto espressivo. Appena lo vedo mi torna alla mente quando da bambino (e non solo) leggevo e rileggevo la storia che il dipinto raffigura. Quella storia che, ogni volta, cambiava a seconda dell età, l umore, il momento. Non c è una volta che leggendo Il Piccolo Principe io non abbia riscoperto, come per magia, una parte di me che ancora non conoscevo. La signora Rina sembra interpretare il mio pensiero e mi dice: questa è la mia storia preferita perché mi ha insegnato cosa è davvero importante. Io annuisco ma la signora Rina vede sul mio viso un piccolo punto di domanda. Sorride e mi dice: I legami, questo è quello che conta nella vita.. era così per la volpe ed è così anche per me. Che cosa vuol dire addomesticare? È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire <creare dei legami>... Un quadro che crea legami... Mentre parla estrae da una borsa di stoffa il libro, lo apre e mi fa leggere il suo dialogo preferito (capisco che è il suo preferito perché è sottolineato in rosso)... Che cosa vuol dire addomesticare? Gli uomini disse la volpe, hanno dei fucili e cacciano. È molto noioso! Allevano anche delle galline. È il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline? No, disse il piccolo principe. Cerco degli amici. Che cosa vuol dire addomesticare? È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire <creare dei legami>... Creare dei legami? Certo, disse la volpe. Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l uno dell altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo. Mentre leggo la signora Rina mi dice: i legami sono la cosa più importante anche se spesso ce lo dimentichiamo. Ognuna li crea come può e io lo faccio anche attraverso la pittura. Io esprimo me stessa, il mio desiderio di stare con gli altri e il valore che do alle persone anche con i tuoi colori, quindi ti ringrazio perché mi permetti di fare questo e sicuramente lo permetti a tanti altri che non te lo dicono. Io non so cosa dire, sorrido, aiuto la signora Rina a scegliere la sua cornice, in silenzio, uno di quei silenzi piacevoli e ricchi di significato. Quando la signora Rina esce dal negozio mi sento felice, felice non per i complimenti ma perché, ho donato senza sapere anche se ho ricevuto molto di più. Ho voluto condividere con voi questa mia magica esperienza prima di tutto per ringraziare la signora Rina ma anche per fare altrettanto con tutti voi che con i vostri dipinti riuscite ad esprimere voi stessi (o magari imparerete a farlo, io ve lo consiglio) o a creare dei legami con chi si delizia gli occhi guardandoli. RIZZARDI Colori e Cornici srl Via Ernesto Sestan, Trento 0461/ /

8 Associazioni 8 Quando l ARTE incontra il SOCIALE Quando dico che mi sto specializzando in arte terapia una delle prime domande che mi sento rivolgere è: Ma quale arte? In effetti arte è una parola che apre a un mondo variegato fatto da discipline e approcci diversi. Quindi provo a rispondere in questo articolo. Non ho intenzione di approfondire qui il concetto di arte perché ci vorrebbe un trattato a sé. Ci basta sapere che un prodotto artistico può sprigionare emozioni intense e immediate e ci da l opportu- nità di condividerle con più persone anche se non si conoscono. Ecco che ogni qualvolta si passa da fruitori a creatori in prima persona del processo creativo artistico tutte le emozioni trovano una via efficace ed immediata per esprimersi. Questo succede con tutte le arti: musica, pittura, danza, recitazione, narrativa le declinazioni dell arte terapia sono a loro volta numerose perché spaziano dalla danza al cinema al teatro. Qui mi limiterò alle quattro discipline nel quale si declina il Corso di formazione Triennale in Arte Terapia promosso da Art.ED.O. e gestito per il Trentino dall associazione OndaSalus: musico terapia, danza-movimento terapia, dramma-teatro terapia e arte terapia plastico-pittorica. Tutte queste discipline d aiuto hanno in comune l utilizzo della comunicazione non verbale, il coinvolgimento del fruitore come parte attiva, l adottare e il personalizzare le varie tecniche volta per volta e il campo di applicazione è sia preventivo, riabilitativo che terapeutico. Vediamole ora in dettaglio: Musico terapia: favorisce, attraverso il suono, la comunicazione, la relazione, l apprendimento e l organizzazione le necessità mentali e sociali. Usa a questo scopo non solo gli strumenti musicali quali la chitarra, il pianoforte e via dicendo, ma tutto quello che è suono e ritmo. Si possono usare sassi, bastoni oltre ovviamente alla voce e qualsiasi oggetto produca rumore. I suoni i rumori sono all origine della vita, pensiamo al grembo materno, ma anche lo stesso respiro è suono, viviamo immersi nei suoni. Provare ad a- scoltarli a decodificarli può riuscire a metterci in contatto con le nostre origini. Danza-movimento terapia: si propone di veicolare attraverso il corpo la messa in scena delle emozioni e delle pulsioni più profonde dell essere umano. Tutti noi danziamo, ci muoviamo attraverso i gesti quotidiani, questi gesti parlano di noi. Capirli e sperimentarne di nuovi da l opportunità di modificare, comprendere comportamenti che generano malessere. Di solito il laboratorio di questo tipo viene fatto in una stanza protetta, confortevole, avvalendosi di sottofondi musicali, meditativi. Dramma-teatro terapia: utilizza il linguaggio del teatro e quindi la messa in scena e la creazione di propri personaggi allo scopo di accompagnare le persone in un processo di consapevolezza di sé stessi, dei propri limiti e dei propri confini corporei, relazionali e sociali. Rende armonico il rapporto tra corpo, voce, mente nella relazione con l altro, se stessi e la propria creatività interpretativa. Dà l opportunità di mettere in scena attraverso personaggi, altri da noi, i nostri dolori, le frustrazioni che così mascherate ci danno l opportunità di guardarle in faccia con meno angoscia. Arte terapia plastico-pittorica: per mezzo di materiali quali la creta, i colori di ogni genere come matite o pennelli dà la possibilità di una espressività fatta di simboli, disegni, macchie e manufatti di ogni tipo che permettono, se ben veicolati, di favorire la comunicazione con il mondo esterno a un livello profondamente emotivo. I nostri pensieri e sentimenti più profondi riescono ad esprimersi con più facilità attraverso le immagini. Il bambino per dirla con le parole di Walter Benjamin non gioca solo a fare il commerciante o il maestro ma anche il mulino Le quattro discipline del Corso di formazione Triennale in Arte Terapia: Musico terapia, Danza-movimento terapia, Dramma-teatro terapia, Arte terapia plastico-pittorica a vento o il treno. Purtroppo andando avanti con l età ci convinciamo di aver perso queste capacità, questa fantasia ma sono solo sopite dentro di noi. Riuscire a portarle alla nostra coscienza apre a meravigliosi mondi inesplorati. Sempre di più con l evolversi dell arte terapia le sfumature che diversificano le varie discipline si contaminano l una con l altra, favorendone l utilizzo in contemporanea da parte dell arte terapista. La persona che si accosta a questo tipo di percorso, sia esso utente o aspirante arte terapista, non deve necessariamente aver già acquisito competenze nella disciplina scelta ma sentirsi a proprio agio con essa. Per ulteriori informazioni vi invito a visitare il sito - Cinzia Zeni L INFORMATICA per anziani e pensionati ACLI GARDOLO In una società che si orienta sempre più verso l informatizzazione dei servizi, l apprendimento e la familiarità con le nuove tecnologie informatiche da parte di anziani e pensionati, può contribuire a migliorarne la qualità della vita. Le tecnologie informatiche e multimediali sono diventate parte integrante della vita odierna e il loro u- tilizzo facilita l accesso a diversi servizi offerti da Enti e Istituzioni, come ad esempio la possibilità di evitare file e attese prenotando servizi o effettuando pagamenti tramite internet. L informatica può essere vista, i- noltre, come uno strumento utile a stimolare il dialogo intergenerazionale, sia nella fase dell apprendimento che nell utilizzo di nuovi strumenti di comunicazione messi a disposizione da internet (blog, facebook, gruppi di discussione, newsletter). ISCRIVITI AI NOSTRI CORSI !!! DA OTTOBRE 2013 A MAGGIO 2014 SONO APERTE LE ISCRIZIONI AI SEGUENTI CORSI DI INFORMATICA PER OVER 50, ORGA- NIZZATI DALL AREA FORMAZIONE ACLISTA (FORMAZIONE E SVILUPPO) E FAP ACLI. MODULO A: corso base di 20 ore complessive prevede l insegnamento delle prime nozioni del computer, scrittura, prime nozioni di Excel e informazioni basilari per l uso di internet. MODULO B: corso di approfondimento - a- vanzato di 20 ore complessive viene completato il programma riguardante i moduli Word ed Excel, internet e posta elettronica con vari esercizi. Per coloro che avessero già una conoscenza di base del computer proponiamo corsi brevi quali: Corso di quattro lezioni per approfondire Word ed Excel Corso di quattro lezioni per conoscere i social network,internet e scaricare foto sul pc. I Corsi saranno svolti presso l Aula di Informatica situata in Via Endrici 20 a Trento e saranno diretti da due validi ed esperti insegnanti. Per le iscrizioni, che saranno accolte entro il 28 settembre 2013, e tutte le informazioni necessarie è possibile rivolgersi presso: FAP ACLI TRENTO, Via Roma 57- II piano 0461/ RIV. TABACCHI N. 136 Ric. Lotto TN0972 POMAROLLI ERALDO Trento - Via Soprasasso, 32/7 tel. 0461/990311

9 numero 26 ottobre 2013 NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO 9 Impedenziometria corporea L esame consente di valutare, in rapporto al proprio peso, altezza ed età, la composizione del corpo del soggetto misurando i seguenti parametri: massa grassa (in kg e in %) massa magra (in kg e in %) volume di acqua corporea (indice di corretta idratazione) fabbisogno energetico. L esame richiede pochi minuti e non è necessario preavviso. È importante eseguirlo prima e durante programmi dietetici ipocalorici per verificare che la perdita di peso non colpisca la parte magra (muscolare) ma soltanto la massa grassa della corporatura. È importante anche per valutare il grado di idratazione per eventualmente correggere apporti idrici insufficienti. Esame delle pelle La pelle non solo è un organo molto importante per la funzione di rivestimento e protezione dell organismo, ma anche un elemento che gioca un importante ruolo nel nostro approccio sociale con importanti risvolti anche psicologici. Per individuare, misurare e monitorare i problemi della nostra pelle, in farmacia può essere eseguito un esame con specifiche sonde in grado di misurare, in modo oggettivo, l idratazione, la presenza di sebo, l elasticità, il ph, la melanina, la qualità della circolazione sanguigna, la porosità della pelle. Dall analisi dei risultati ottenuti, il farmacista potrà consigliare i comportamenti e/o i trattamenti specifici per migliorareo o mantenere lo stato di salute della pelle. Per l esecuzione dell esame è preferibile prendere un appuntamento e recarsi in farmacia con la pelle ben detersa e non truccata. Il costo dell esame varia in base al numero di parametri valutati. Esame del cuoio capelluto e del capello È possibile eseguire una valutazione delle condizioni del cuoio capelluto misurando il ph, l idratazione, la presenza di sebo, la presenza di forfora, per meglio individuare e risolvere eventuali problemi generalmente legati a fenomeni irritativi o desquamativi del cuoio capelluto. Riguardo al benessere dei capelli, è anche possibile valutare, con una telecamera ad alto ingrandimento, l integrità del fusto, la densità dei capelli completamente formati (numero/cm2) e la densità dei capelli vellus. È perciò possibile valutare oggettivamente la necessità di eseguire trattamenti anticaduta e seguirne nel tempo l efficacia. Esame urine Non solo farmaci! Holter motorio-metabolico...ovvero i NUOVI SERVIZI in farmacia Riprendiamo l articolo pubblicato la volta scorsa proseguendo nel parlare dei servizi offerti dalle farmacie. 2 Consiste nell indossare per alcuni giorni un dispositivo portatile che, programmato in base alle caratteristiche individuali del soggetto, misura e registra, grazie ai sensori incorporati, i seguenti parametri: calorie consumate per metabolismo basale (quello non legato all attività fisica); calorie consumate per attività fisica aerobica; numero di passi compiuti (per valutare lo stile di vita motorio utile al benessere cardiovascolare) tempo trascorso da sdraiati e tempo di sonno, per mettere in evidenza eventuali anomalie della qualità del sonno. Il dispositivo, che consiste in un bracciale di un paio di centimetri di altezza posizionato sul braccio dominante, va indossato per almeno 3 giorni, meglio 5 giorni se si svolge un attività sportiva molto intensa. Al termine della registrazione, il dispositivo viene riconsegnato alla farmacia che estrapola i dati e li analizza fornendo i consigli idonei allo specifico caso. L holter motorio-metabolico, nei soggetti in sovrappeso, consente di conoscere e valutare se sia più indicato modificare la dieta, aumentare l attività fisica o mettere in atto interventi volti a modificare il metabolismo basale. Da non sottovalutare inoltre la capacità dell esame di valutare la qualità del sonno: differenze importanti tra tempo trascorso da sdraiati e tempo di sonno, possono rappresentare un campanello d allarme per individuare episodi di apnea notturna, spesso sconosciuti ai soggetti che ne soffrono e con effetti negativi sul benessere cardiovascolare (possono causare elevata pressione arteriosa durante il sonno e, da studi recenti, possono aumentare il rischio di ictus cerebrovascolare). Attività di prevenzione e consiglio strutturato Holter motorio-metabolico In collaborazione con le società scientifiche dei medici di base, la Farmacia partecipa a programmi nazionali di prevenzione e promozione del benessere di diversi distretti dell organismo. Qualche esempio: benessere cardiovascolare; benessere gastrointestinale; benessere del sonno; benessere della donna in menopausa; corretto comportamento alimentare. L attività consiste in un colloquio durante il quale il soggetto risponderà ad alcune domande anamnestiche mirate al problema e, su richiesta, potrà eseguire specifiche misurazioni di autoanalisi (per esempio glicemia, colesterolo, impedenziometria,...). Il questionario si concluderà con l elaborazione di una scheda personalizzata nella quale, in forma grafica e con l ausilio dei colori rosso e verde, vengono messi in evidenza gli eventuali punti critici e le possibilità d intervento per migliorare il benessere. Oltre alla scheda personale vengono consegnati opuscoli informativi sul tema trattato. Per accedere a questo tipo di attività di consiglio è necessario prendere un appuntamento con la Farmacia, anche telefonicamente, e concordare preventivamente se sia necessario presentarsi a digiuno o meno. L esame delle urine è entrato nella prassi dei controlli sanitari di laboratorio in quanto le urine, come liquido di scarto prodotto dal nostro organismo, sono in grado di dare molte informazioni sullo stato di salute. In particolare, con un esame delle urine, non invasivo e di semplice esecuzione, si possono cogliere campanelli di allarme sullo stato metabolico, sulla funzionalità renale, sulla presenza infezioni delle vie urinarie. Il test richiede un paio di minuti con apparecchiatura che rilascia uno scontrino con il valore dei 10 parametri misurati che sono: sangue (segnala la presenza di piccole ferite dovute a piccoli calcoli o infezioni come la cistite o uretrite; nei soggetti di sesso maschile può essere indicativo di ipertrofia prostatica); bilirubina (la sua presenza può indicare anemia emolitica, perniciosa o talassemia o ancora malattie epatiche di varia natura); urobilinogeno (quando presente in quantità eccessiva, è sintomo di infezione in corso o di alterazione della funzionalità epatica); corpi chetonici (se presenti, sono indicativi della presenza di diabete o epatite cronica; i corpi chetonici però possono essere presenti nelle urine anche dopo un intenso sforzo fisico o diete eccessivamente prive di carboidrati); proteine (se presenti, segnalano disfunzione renale, anemia, diabete, cistite,...); nitriti (la presenza di nitriti può essere legata al consumo di alimenti con un eccessiva quantità di conservanti; tuttavia, la loro presenza, specie quando sono presenti anche i leucociti, è indicativa di specifiche infezioni batteriche); glucosio (la presenza del glucosio nelle urine è indice di iperglicemia, come nel diabete, o della presenza di danni renali); ph (un valore alterato rispetto alla normalità, è segno di diverse patologie metaboliche quali il diabete, la sindrome di Cushing, la sepsi urinaria...); peso specifico (valori superiori o inferiori a quelli normali sono indicativi di diverse patologie o anche dell utilizzo di sostanze farmacologiche o d abuso); leucociti (cioè globuli bianchi; la loro presenza nelle urine, esclusi i grossi traumi, è indicativa, principalmente, di infezioni delle vie urinarie in corso). Il risultato dell esame delle urine in un soggetto sano deve essere totalmente negativo. In presenza di valori anomali è necessario presentare il risultato al medico che deciderà se intraprendere una terapia farmacologica o indirizzare il soggetto a successivi esami diagnostici di approfondimento. Per l esecuzione è necessario recarsi in farmacia con una provetta di urine, meglio se quelle mattutine. Non occorre preavviso. Mineralometria ossea ad ultrasuoni del calcagno L osteoporosi è una condizione patologica in cui l impoverimento minerale delle ossa rende le stesse più fragili e più facilmente soggette a rottura soprattutto a livello vertebrale o femorale. La patologia colpisce prevalentemente le donne in età pre- e post-menopausale come conseguenza del calo dei livelli ormonali estrogenici. Per la diagnosi, fino a qualche anno fa, era necessario eseguire la MOC (mineralometria ossea computerizzata) disponibile soltanto in strutture ospedaliere o ambulatoriali radiologiche. Da qualche anno a questa parte, invece, si è resa disponibile una nuova tipologia di esame, eseguibile su larga scala ed in pochi istanti, che consente di misurare la densità ossea con l impiego di ultrasuoni, in modo non invasivo ed assolutamente sicuro. Eseguita la misurazione di Mineralometria ossea ad ultrasuoni, l apparecchio indicherà il valore di T score rilevato e da qui l indicazione di: Osteopenia: se T score compreso tra -1 e -2,5; Osteoporosi: se T score inferiore a -2,5; Osteoporosi stabilizzata: se T score inferiore a -2,5 con almeno una frattura osteoporotica. La presenza di osteopenia o addirittura di osteoporosi mette in evidenza la necessità di intraprendere trattamenti che mirino a recuperare la mineralizzazione delle ossa con l obiettivo di prevenire le importanti ed invalidanti conseguenze dell osteoporosi. Per l esecuzione dell esame è necessario disporre di una specifica ed impegnativa apparecchiatura, quindi si consiglia di contattare la farmacia e fissare un appuntamento per la giornata di presenza dello strumento. Esame delle intolleranze alimentari È noto che alcuni disturbi dermatologici o gastrointestinali o neurologici, non riconducibili a vere patologie, sono spesso correlati a reazioni anomale dell organismo a particolari sostanze contenute negli alimenti o nelle bevande. Si parla quindi di intolleranze alimentari, ben distinte, per cause e possibilità di trattamento, dalle allergie. La valutazione della presenza di intolleranze alimentari è eseguita in farmacia mediante un prelievo di sangue capillare (una piccola puntura sul polpastrello di un dito). Il campione prelevato viene inviato dalla farmacia al laboratorio specializzato che eseguirà l analisi, la diagnosi e, su richiesta dell interessato, fornirà anche una dieta personalizzata per la risoluzione del problema formulata da un medico dietologo. Il costo degli esami è variabile a seconda del numero di alimenti o bevande che si intenda testare e a seconda della richiesta, o meno, del programma dietetico. Per l esecuzione del test non occorre prenotazione, ma è importante che il soggetto non modifichi la propria dieta prima di eseguire il test che, altrimenti, potrebbe dare risultati falsamente negativi. - n l a l - e Dott.ssa Francesca Di Fonso La Farmacia di Roncafort Via L. Caneppele 31 - TRENTO Salute

10 V+ita vissuta I 75 anni più belli di questo secolo che stanno per finire. Il primo quarto di secolo ( ) non ha strabiliato con scoperte di risonanza mondiale mentre c è da ricordare, negativamente, il periodo della prima grande guerra. Nel secondo quarto di secolo ( ) ricordo (essendo nato nel 1923) che ho potuto vivere, da quando ero piccolino, un susseguirsi di grandi scoperte e innovazioni, che di anno in anno, ci hanno migliorato la vita. In particolare la luce elettrica che, anche se scoperta molti anni prima, finalmente entrava in tutte le case anche quelle più povere: nelle stalle, nelle cantine che fino ad allora si illuminavano con candele o nel migliore dei casi con lucerne a petrolio. Abbiamo inaugurato la luce nella stalla dei Mattedi, in Via Tosetti, all incirca nei primi anni trenta, in occasione di una recita di una commedia rappresentata da noi piccoli attori ai primi passi nel calcare le scene. Su quel palco, dove si faceva il filò nelle lunghe sere autunnali ed invernali, che fino a quel momento era stato rischiarato dalla luce di una candela o al massimo due che riproducevano ombre irreali sui muri, si sono accese, per l occasione, alcune lampadine di pochi Watt, per dare al palco l illusione di essere a teatro. Quel- 10 NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO Tre quarti di secolo Saggio fascista le lampadine hanno segnato nei miei ricordi un qualche cosa di magico. Sempre nei primi anni trenta, o a metà degli anni stessi (1935/36) è arrivata la radio, non nelle case, ma a scuola. Un aula tutta dedicata a quel grande cassone che dispensava ciacere e musica. Tutte le classi, a turno, si recavano in quello stanzone per ascoltare l ora di trasmissione dedicata ai programmi scolastici e alla propaganda fascista. Erano gli anni della guerra d Africa. La radio ci propinava a tutte le ore le vittorie, dei nostri soldati, sull esercito del Negus Aille Selassiè. Noi, ragazzi balilla, avevamo un bel lavoro a spostare bandierine su quella grande cartina geografica dell Africa Orientale, per segnare l avanzata delle nostre truppe che guadagnavano l Impero. Il periodo fascista, per me, è un ricordo di amore-odio. Nel periodo scolare, infatuati da una propaganda che ci lavava il cervello, si era trascinati in un atmosfera che per i ragazzi era di esaltazione, si faceva ginnastica in divisa, saggi ginnici con moschetti che erano quasi armi vere, u- na banda (quella del maestro Fumai) che a farci parte era come toccare il cielo col dito. Ricordo quell oceanico raduno in Piazza del Duomo, quando è arrivato a Trento il Duce. Ore e ore inquadrati come sardine nelle scatole, sotto il sole, tanto che a decine sono stati portati via dalla Croce Rossa perché si sono sentiti mancare stramazzando al suolo. Per noi ragazzi queste cose potevano anche entusiasmare, ma poi, quando voltavamo la medaglia e vivevamo avvenimenti come quello che ho vissuto in una Vigilia di Natale in casa Pedrolli, dove abitavo, l infatuazione per quel regime si trasformava in o- dio. I fatti sono andati così: era una vigilia di Natale, nella stessa casa abitavamo noi Tomasi e la famiglia Andreatta. Il papà Giovanni, socialista e antifascista, sua moglie Ida, i figli Lea e Gino, ragazzi come me. Stavamo preparando il presepio in casa Andreatta, l euforia di noi ragazzi era al massimo, il giorno dopo sarebbe stato Natale. Tutti presi con muschio, capanna, personaggi, pecore e Re Magi. Verso sera quell atmosfera Natalizia si trasformò in tragedia. Due militari fascisti in borghese si presentarono e, mostrando un ingiunzione di arresto, portarono Giovanni al confino... [continua sul prossimo numero] Lettere al Giornale NORDIC WALKING a Gardolo Lunedì 26 agosto è iniziato un corso di Nordic Walking organizzato dalla circoscrizione di Gardolo. Tre sere in settimana ci siamo trovati un gruppo di circa 20 persone al parco di Melta e dopo i primi giorni le nostre passeggiate si sono allargate in Gardolo e zone limitrofe. Roberto Pedrolli, il nostro i- struttore, ha avuto la capacità di rendere veramente gradevoli questi incontri e di avere creato una piacevolissima atmosfera. Gli allievi del corso vogliono perciò ringraziare la circoscrizione di Gardolo ed in particolare Claudio Scaramuzza per aver attivato questa interessante ed utile iniziativa sperando che vengano fatti altri eventi di questo tipo. Gli allievi SCI-CLUB GARDOLO... CORSI DI PRESCIISTICA Mercoledì 2 ottobre inizia la ginnastica presciistica, presso la palestra delle Scuole E- lementari S. Anna. Gli incontri si svolgeranno nelle giornate di lunedì e mercoledì dalle ore 20 alle ore 21, fino a mercoledì 18 dicembre 2013 per poi proseguire da mercoledì 8 gennaio fino a lunedì 31 marzo Per le iscrizioni, che si faranno direttamente in palestra, è necessari presentare copia del certificato medico di buona salute. Ricordiamo di portare delle scarpe da ginnastica pulite per la palestra. Per info: Lo Sci Club inoltre organizza CORSI DI SCI che, neve permettendo, inizieranno sabato 11 gennaio Ulteriori informazioni all inizio di dicembre mentre le eventuali iscrizioni si potranno fare all incirca verso il 13 dicembre. il Direttivo Polo sociale di Gardolo e Meano CAPIAMOCI OFFICINA

11 numero 26 ottobre 2013 L uso del BICARBONATO di sodio Il bicarbonato è un ottimo alleato naturale per le mille attività quotidiane. Il bicarbonato di sodio è uno degli ingredienti più versatili che possiamo trovare in casa: grazie ai suoi innumerevoli utilizzi il bicarbonato di sodio va a sostituire tutte quelle sostanze chimiche dannose per la nostra salute e per l ambiente. Dalla pulizia della cucina alla cura della nostra persona, ecco per voi una guida all uso del bicarbonato di sodio. BICARBONATO DI SODIO IN CASA Per le superfici lavabili - Attraverso l uso del bicarbonato di sodio la casa sarà sempre splendente: lo si può avere semplicemente preparando una soluzione formata da bicarbonato ed acqua e strofinando vigorosamente la superficie lavabile della vostra cucina, una volta risciacquato avrete degli ottimi risultati. Come detersivo per i pavimenti - Un ottimo detersivo naturale da adoperare anche per pulire il pavimento in ceramica aggiungendo alla soluzione un bicchiere di aceto bianco. Per l argenteria - Per avere dell argenteria brillante più che mai, passate con un panno umido sul vostro oggetto un emulsione di tre parti di bicarbonato ed una parte d acqua, volendo potete usare anche il bicarbonato da solo, risciacquate con acqua tiepida ed asciugate per bene. Contro gli acari - Non ne potete più degli odiosi acari che si annidano sui vostri tappeti allora cospargeteli con del bicarbonato, lasciandolo agire per un intera notte; in seguito rimuovete il tutto aiutandovi con l aspirapolvere. Quest ultimoprocesso vi permetterà inoltre di rimuovere i cattivi odori dalla vostra aspirapolvere. Per lavare i piatti - Un cucchiaio di bicarbonato dentro l acqua per lavare piatti e pentole aiuta a rimuovere le macchie o- stinate e potenzia l effetto del detersivo utilizzato per il loro lavaggio. Contro le macchie nei muri - Anche voi ritrovate sulle pareti della vostra casa delle macchie, sopratutto nei pressi dei caloriferi: strofinate con della mollica di pane intrisa di bicarbonato la parte, così da permettere al muro di tornare bianco e splendente. CONTRO I CATTIVI ODORI I cattivi odori in frigorifero - Uno dei luoghi dove è frequente la formazione di cattivi odori è il frigorifero, ponendo al suo interno una ciotolina con circa 200 g di bicarbonato da cambiare di tanto in tanto la puzza andrà via. Mentre per una pulizia periodica delle pareti interne del frigorifero servitevi di una soluzione composta da 4 cucchiai di bicarbonato in un litro d acqua. Macchie e cattivi odori della caffetteria - Questo prodotto miracoloso permette di eliminare macchie e cattivi odori anche dalla nostra caffettiera grazie ad una soluzione fatta da un bicchiere di aceto di mele e due cucchiai di bicarbonato. Nelle lettiere dei gatti - A beneficiare del bicarbonato di sodio saranno anche i vostri amici animali, spargendolo sul fondo della gabbietta o della lettiera si previene il formarsi di cattivi odori. Per la biancheria - Cospargetene un po anche sul fondo della cesta della biancheria sporca oppure ponete al suo interno un sacchettino microforato contenente la polvere, allo stesso modo potete preservare il vostro armadio aggiungendo qualche goccia di olio essenziale così da eliminare gli odori e profumare i vostri capi. Come disinfettante - Di solito il bicarbonato di sodio usato in questi modi dura circa due mesi. Invece di gettarlo nella spazzatura vi consigliamo di versarlo in tutti gli scarichi così da pulire e disinfettare. INGREDIENTE SEGRETO NELLE RICETTE Per lievitare le torte - Per permettere alla vostra torta di lievitare aggiungete un cucchiaino di bicarbonato al lievito utilizzato. Ricordate il bicarbonato aiuta la lievitazione, ma non può sostituire la funzione del lievito. Se desiderate eliminare completamente il lievito, basta la punta di un cucchiaino di bicarbonato mescolato con un vasetto di yogurt. Per frittate morbide - Mentre per ottenere una frittata morbida e soffice vi consigliamo di mettere la punta di un cucchiaino di bicarbonato ogni 3 uova. La medesima dose sarà necessaria per rendere il vostro bollito meno duro e stoppaccioso. Per i legumi - Volete cucinare legumi e verdure in poco tempo? Un cucchiaio di bicarbonato ogni litro d acqua a- iuterà la cottura al contempo eliminando l amaro delle verdure. Contro le acidità - Il bicarbonato di sodio ha anche la funzione di smorzare l acidità del vostro sugo, non esagerate ne basta solo una punta. PER IL BENESSERE DELLA PERSONA Per la pulizia dei denti - Partendo da un gesto estremamente importante come la pulizia dei denti coadiuvate l uso del comune dentifricio mettendo una volta a settimana un po di bicarbonato sullo spazzolino, spazzolando normalmente. Per rendere il sapore più gradevole, aggiungete poche gocce d olio essenziale di menta. Non usate troppo spesso, il bicarbonato potrebbe danneggiare lo smalto dei denti. Per la protesi dentaria - Sciogliendo due cucchiaini di bicarbonato in una tazza d acqua calda, potrete pulire a fondo il vostro apparecchio o protesi dentaria. Sarà un ottimo rimedio per togliere i fastidiosi rimasugli di cibo che si incastrano al suo interno. Per rilassare i piedi - Il bicarbonato permette anche di avere sollievo dopo una Fonte: Fa la Cosa Giusta! 20 modi per utilizzarlo al meglio Fa la Cosa Giusta! Trento è un viaggio. È un viaggio nel tempo e nello spazio, che parte dal presente e da Trento e arriva nel passato e nel futuro, in fondo all Italia e ai quattro angoli del mondo. Quando entri nei padiglioni di Trento Fiere è autunno inoltrato e le Dolomiti poco lontane sono spesso imbiancate dalla prima neve. Eppure, dentro, la prima cosa che colpisce è il calore, persino fra gli stand degli agricoltori, che sono nel cortile dove qualche volte il termometro non è molto generoso. È un calore fatto di incontri, di chiacchiere, di sorrisi, di storie ascoltate e raccontate, di amicizie che incrociano di nuovo trame interrotte un anno prima. Fra i duecento espositori che popolano il quartiere fieristico di Trento, ogni anno sono molti i ritorni, perchè, come dicono loro, Ci sono talmente tante persone qualificate sia tra gli operatori che tra i visitatori, che anche per noi diventa un momento di confronto e di ascolto di nuove idee. E sono moltissimi i visitatori che ogni anno fanno della edizione trentina della fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili un appuntamento fisso del loro calendario, l occasione non solo per fare la spesa, ma anche per incontrare di nuovo chi ha prodotto il dentifricio che adorano, i pantaloni tanto comodi, i pannelli solari con cui fanno la doccia gratis da anni, o le scarpe che non sono così comode come pensavano e su cui vogliono proporre delle modifiche. In mezzo agli stand si viaggia fra le stagioni, con le marmellate che conservano il sole dell estate, le castagne e la frutta fresca appena raccolti in autunno, le essenze e le tisane che hanno catturato l energia della primavera, gli aromi del vino che solo u- no o più inverni hanno permesso di affinarsi. Si viaggia negli anni, per riscoprire mestieri e prodotti del passato che rispettavano l ambiente e non sprecavano risorse tanto da essere indicazioni importanti verso un futuro come tutti lo vorrebbero. E si riscopre così che a lavare i pannolini si guadagna in salute e in denaro, che un auto può essere sufficiente per soddisfare le esigenze di mobilità di molte famiglie, che dalle piante possono venire i rimedi per la maggior parte dei malanni, che la canapa, il lino e perfino il bambù sono degli ottimi sostituti dei tessuti sintetici. Dal Trentino arrivano la maggior parte dei formaggi, della frutta e della verdura, ma poi ci sono gli olii d oliva e le arance del sud, la cioccolata e i salumi del Piemonte, la pasta e le salse della Toscana, il pesce dell Adriatico, il riso del Veneto. Per non parlare dei prodotti del commercio equo e solidale che portano a Trento le ricchezze del sud del mondo, o degli e- spositori di turismo responsabile che in quel sud aiutano i visitatori ad andarci con consapevolezza e attenzione. Anche in questa nona edizione, dal 25 al 27 ottobre, non saranno solo gli e- spositori a tenere occupati i visitatori. I più piccoli troveranno un angolo dedicato a loro, dove potranno sostare e divertirsi mentre i genitori visiteranno la fiera o saranno impegnati a seguire il ricco programma culturale o nelle attività dei quasi 30 laboratori, prima di mangiare tutti insieme al GAStorante, il punto ristoro curato dai GAS trentini in collaborazione con i cuochi di Slow Food. E per un fine settimana completo fra i colori dell autunno ai piedi delle Dolomiti, chi viene da fuori provincia potrà approfittare dell occasione anche per concedersi un fine settimana nelle strutture di turismo diffuso della Val dei Mocheni, o per visitare il nuovo Museo della Scienza, a pochi passi dalla fiera.altre informazioni, programma aggiornato ed elenco espositori sul sito giornata in piedi, basta aggiungere due cucchiai in acqua tiepida/calda, ponete in ammollo le vostre gambe per almeno minuti. Unendo un pochino d acqua ad un cucchiaio di bicarbonato riuscirete attraverso questa pasta a combattere la tallonite, passandola sulle zone ruvide per ammorbidirle. Per capelli morbidi - Per dei capelli morbidi e lucenti vi consigliamo di amalgamare un cucchiaino di bicarbonato allo shampoo che utilizzate di solito, permetterà di eliminare i residui di calcare dell acqua e delle sostanze dei prodotti di styling. Il bicarbonato di sodio come deodorante - Creare un deodorante fai da te usando il bicarbonato è semplice applicatelo su piedi ed ascelle aiutandovi con le dita o con un piumino da cipria. Se preferite un deodorante liquido invece scioglietene due cucchiaini in un bicchiere d acqua, lasciate riposare per 24 ore e trasferite il tutto in un contenitore spray, magari riciclando la confezione di un vecchio deodorante. Dario Pedrotti Coordinatore Fiera Fa la Cosa Giusta! Trento 9 a Edizione ottobre skype: dariobici - Tel Fax Maria Giovanna Tarullo Ecologia Roncafort - Gardolo (TN) tel fax RIPARAZIONI MACCHINE AGRICOLE E INDUSTRIALI - COSTRUZIONI IN FERRO

12 12 NORDdiTrento e... in Piazza a GARDOLO Storia Un po di storia di Gardolo attraverso le sue vie: VIA AL PONT DEI VODI VIA AL PONT DEI VODI, Spini. Fino ai primi anni 90, soltanto una strada bianca affiancata da fossi, vigne e pomari portava a Spini. Poi un alluvione di case, capannoni, il carcere, lavorazioni del porfido ecc... hanno trasformato l area in un vero pezzo di città. Non potevano mancare strade di servizio, piazzette e vie, una delle quali è stata intitolata Via al Pont dei Vodi, un nome che non dirà niente ai men che trentenni ma che significò due anni di corse disperate allo stol più vicino, miseria e terrore per migliaia di persone e, per qualcuno, perfino la morte. Dopo l inaugurazione del 1858 il ponte funzionò ininterrottamente fino all autunno del 43 in piena seconda guerra mondiale. A quel tempo transitava sopra i suoi vodi il 90 per cento o più dei rifornimenti alle forze tedesche combattenti in Italia, essendo l altra via d entrata, il Tarvisio, troppo scomodo e decentrato e la Svizzera neutrale. Per gli Americani divenne un punto strategico da distruggere ad ogni costo sicché, appena fu a tiro dei loro aeroplani, per lui iniziarono i guai: ogni giorno stormi di velivoli mitragliavano e lanciavano ordigni di ogni genere, incendiari, al fosforo, a schegge, a scoppio ritardato ecc. Quando si trattava di bombardare gli Americani Un po di storia di Gardolo attraverso le sue vie: Via Silvio Pegoretti. Spesso abitiamo in vie o piazze intitolate a persone il cui nome non ci dice assolutamente nulla oppure trae origine da toponimi locali per noi totalmente privi di significato. Un esempio a Trento Nord? via Giuseppe Tosetti, via Gaspare Crivelli, via Crosare, via Carpenedi ecc.. Da qui la proposta di Fabio Giacomoni: presentare il titolare (con attenzione speciale ai Gardoloti!) di una via o piazza di Gardolo, Roncafort, Canova ecc... ed il perché di tanto riconoscimento! In questo numero via al Pont dei Vodi, a Spini. non badavano a spese: cominciavano a sganciare un chilometro prima dell obiettivo e finivano uno dopo. Per chi si trovava in mezzo era dura! Numerose case coloniche andarono distrutte come il 15 dicembre 44 al Mas dei Sordomuti quando morirono due contadini. Oltretutto gli aviatori americani non erano tutti dei duri e puri John Wayne e spesso, pur di evitare di mettere il sedere nelle cannonate della Flak, antiaerea sotto comando tedesco ma fatta funzionare perlopiù da trentini, sganciavano le bombe dove il rischio era ridotto (Sarche, Verla, Vigo, Camparta) o approfittavano del minimo danno all aereo per vedersi costretti ad atterrare in Svizzera (e mettere le chiappe sicuro!). Ogni incursione causava danni al ponte ma il rombo degli aerei non aveva ancora finito di rintronare gli orecchi che già centinaia di uomini correvano a rimetterlo in funzione. Ai lavori provvedeva la mitica Todt, organizzazione dalle maniere brusche ma efficaci che, utilizzando prigionieri di guerra di mezza Europa e affamati locali, riusciva regolar- mente ad aggiustarlo e a prepararlo per il... bombardamento del giorno dopo!! A quel tempo ebbe grandissima diffusione il motto: Magna, bevi e godi ma sta lontan dal pont dei Vodi, rimasto nella parlata comune per decenni. Era un invito a non rischiare per qualche lira la vita al ponte ma a godersela (per il poco che si poteva allora!) da un altra parte (lontan dai Vodi). Non che da parte americana se la cavassero a luganeghe e champagne! Bombardare per un dollaro e 66 al giorno sfidando l antiaerea metteva addosso una strizza micidiale, spesso liquida: in queste incursioni, infatti, venivano abbattuti dal tre al cinque per cento degli aerei con punte del 10. Il pont dei Vodi poi, oltre che dall antiaerea era ben protetto dal Soprasasso e da altre montagne sui duemila metri sicché gli aviatori erano costretti a sganciare da alta quota perdendo in efficacia. L unica via per centrare il bersaglio era la direzione sud-nord ma quelli della Flak, piazzati a Martignano, Fai, Candriai, Povo ben lo sapevano e li aspettavano col dito sul grilletto. Fortunatamente a fine aprile 45 ritorna la pace! Il ponte ricostruito per l ultima volta, diventa un passaggio strategico della rinascita economica italiana! Ugo Bosetti CRUCIVERBA italo-trentino-gardoloto a cura di Ugo Bosetti Questa volta il cruciverba contiene ben trenta parole in dialetto! Troppe? Poche? Facili? Difficili? Mentre ci pensate, ecco la sfida di Natale: un cruciverbone di Natale 20x16 (il doppio del solito!!) con almeno cinquanta parole dialettali! Come sempre, le definizioni che hanno per risposta una parola in dialetto, ad esempio la 1 orizzontale, sono affiancate da asterischi, uno* per i termini ancora di uso comune, due** per quelli utilizzati più raramente e tre*** per quelli ormai in bocca e orecchi di chi ha passato, ahilui, più volte gli anta. Grazie a Rosy per la collaborazione!! A proposito, se avete qualche parola dialettale di mettere nel cruciverba, inviatela tramite la de Il Gruppo Roncafort : ORIZZONTALI: 1- Sempliciotto, fessacchiotto (*). 9- Ripido (*). 12- Colpo secco (*). 13- Orologio (*). 15- Il contrario di convesso. 17- Ubriaco, rigido, indurito (*). 18- Tra la ele e la ene (*). 19- Noto pesce affumicato (*). 20- Due assicelle da neve. 21- Una roccia tipo Paganella. 23- Piano (*). 24- Targa di Aosta. 25- Il contrario di anticipo. 29- Il nome del compianto giornalista Uber. 32- Sacco (*). 34- Né sì né no. 35- Malga in cui si lavora il latte (*). 39- Bruciacchiato, tostato (**). 42- Trieste in auto. 43- Raucedine (***). 44- Fagiolo (*). 46- Mare greco. 47- Mettere a zero. 49- Scontro. 50- Ape (**). VERTICALI: 1- Fango (*). 2- Sapore, gusto. 3- Cesta per la legna(**). 4- Poco (*). 5- Acre, non dolce. 6- Labbro (*). 7- Targa di Gorizia. 8- C è la costellazione di quella maggiore e di quella minore. 9- Sciroppo. 10- Dissodatore di terreni (**). 11- Fiume della Lombardia. 14- La metà di otto. 16- Incarichi faticosi,doveri. 22- Verme della frutta o verdura (**). 23- In auto a Palermo. 26- Antico popolo del Perù. 27- Tua (*). 28- Pesce di mare. 30- Porticine per armadietti (*). 31- Gas ricavato da residui vegetali. 32- Strappo (**). 33- Ottimo con la polenta (*). 36- Essere, trovarsi, rimanere. 37- Abbastanza (*). 38- Allevato, di allevamento (***). 40- Rifugio antiaereo (**). 41- Lacci per scarpe (*). 44- Fieno (*). 45- Vento del Garda. 48- Giù (*)

Il mio universo, mia mamma

Il mio universo, mia mamma Il mio universo, mia mamma Anna Orsola D Avino IL MIO UNIVERSO, MIA MAMMA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Anna Orsola D Avino Tutti i diritti riservati Dedicato alla donna stupenda che

Dettagli

Esempio : Esercizio 1

Esempio : Esercizio 1 Completare con il verbo essere o avere al presente. se la frase inizia con Sig. (Signor) un nome e una virgola, usare il "Lei" Giorgio, sei stanco? Sig. Rossi, ha il passaporto? Esercizio 1 Elena e Bruna

Dettagli

Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene...

Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene... Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene... E lì, tutto parla di noi pochi oggetti, alcune piccole cose,

Dettagli

La maschera del cuore

La maschera del cuore La maschera del cuore Francesco De Filippi LA MASCHERA DEL CUORE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Francesco De Filippi Tutti i diritti riservati Al mio prof Renato Lo Schiavo che ha permesso

Dettagli

In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente

In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente la bellezza di descrivere l oggetto che ci rappresenta e scoprire cosa significa per l altro il suo oggetto. x che è stato bello! Ho capito più cose

Dettagli

7 soluzioni per gestire clienti difficili

7 soluzioni per gestire clienti difficili 7 soluzioni per gestire clienti difficili Ciao E ti do il benvenuto in questo Video Articolo dal titolo 7 soluzioni per gestire clienti difficili. Alzi la mano a chi non è capitato come professionista

Dettagli

Matteo Torluccio IPIA Alberghetti 4 A TL

Matteo Torluccio IPIA Alberghetti 4 A TL Matteo Torluccio IPIA Alberghetti 4 A TL REPORT N 2 La tua strategia personale per entrare nel mondo del lavoro. Quando finirò la scuola media superiore avrò in mano un diploma di tecnico delle industrie

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE DI SAN FIORANO (LO) PRESENTA IL GIRO DEL MONDO COL PULMINO ANNO SCOLASTICO 2009/2010

LA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE DI SAN FIORANO (LO) PRESENTA IL GIRO DEL MONDO COL PULMINO ANNO SCOLASTICO 2009/2010 LA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE DI SAN FIORANO (LO) PRESENTA IL GIRO DEL MONDO COL PULMINO ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Vogliamo raccontarvi signore e signori la grande storia degli esploratori. Partiron

Dettagli

Il progetto Che carattere! ha il preciso scopo di creare collegamenti diretti, anzi, di interscambio tra lettura, scrittura e vita dei ragazzi.

Il progetto Che carattere! ha il preciso scopo di creare collegamenti diretti, anzi, di interscambio tra lettura, scrittura e vita dei ragazzi. Il progetto Che carattere! ha il preciso scopo di creare collegamenti diretti, anzi, di interscambio tra lettura, scrittura e vita dei ragazzi. narrazione, ma si sottovaluta l aspetto psicologico dei personaggi,

Dettagli

IL MIO PEGGIOR AMICO. dai 9 anni. Margaret Peterson Haddix

IL MIO PEGGIOR AMICO. dai 9 anni. Margaret Peterson Haddix dai 9 anni IL MIO PEGGIOR AMICO Margaret Peterson Haddix Illustrazioni di Simone Massoni Serie Arancio n 120 Pagine: 144 Codice: 978-88-566-9905-0 Anno di pubblicazione: 2010 L AUTRICE Scrittrice e giornalista

Dettagli

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari Alice Stefano Ferrari ha preparato un documentario che s intitola A braccia aperte pubblicato nel 2009 che parla di un ragazzo, Christian che è alla ricerca di

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli

DOMENICA 16 DICEMBRE CONSEGNA DEI LIBRI ALLA SCUOLA MURATORI DI SAN FELICE SUL PANARO

DOMENICA 16 DICEMBRE CONSEGNA DEI LIBRI ALLA SCUOLA MURATORI DI SAN FELICE SUL PANARO DOMENICA 16 DICEMBRE CONSEGNA DEI LIBRI ALLA SCUOLA MURATORI DI SAN FELICE SUL PANARO Ci siamo trovati di buon mattino immersi nella nebbia. Eravamo 2 famiglie della scuola Massaua: Davide di 2C, con la

Dettagli

PROGETTO LETTURA. Spazi: la biblioteca della scuola. Tempi: il progetto ha una durata annuale e prevede orari alternati fra le 5 sezioni.

PROGETTO LETTURA. Spazi: la biblioteca della scuola. Tempi: il progetto ha una durata annuale e prevede orari alternati fra le 5 sezioni. PROGETTO LETTURA Destinatari: l uso della biblioteca è garantito a tutti i bambini della scuola dell infanzia; il progetto lettura è finalizzato prevalentemente ai bambini di 5 anni. Spazi: la biblioteca

Dettagli

RECUPERARE I RAPPORTI UMANI E VALORIZZARE LE RELAZIONI INTERPERSONALI

RECUPERARE I RAPPORTI UMANI E VALORIZZARE LE RELAZIONI INTERPERSONALI RECUPERARE I RAPPORTI UMANI E VALORIZZARE LE RELAZIONI INTERPERSONALI I rapporti umani sono sempre più trascurati, perché la nostra grande preoccupazione sono le cose e non le relazioni umane. I rapporti

Dettagli

Ciao, il mio nome è Giovanni, ma per tutti sono don Bosco! Sono nato il 16 Agosto 1815 a pochi chilometri da Torino. I miei genitori: papà Francesco

Ciao, il mio nome è Giovanni, ma per tutti sono don Bosco! Sono nato il 16 Agosto 1815 a pochi chilometri da Torino. I miei genitori: papà Francesco Ciao, il mio nome è Giovanni, ma per tutti sono don Bosco! Sono nato il 16 Agosto 1815 a pochi chilometri da Torino. I miei genitori: papà Francesco e mamma Margherita, sono contadini; ho due fratelli

Dettagli

IL MONDO INTORNO A ME ALLA SCOPERTA DEL MIO PAESE

IL MONDO INTORNO A ME ALLA SCOPERTA DEL MIO PAESE IL MONDO INTORNO A ME ALLA SCOPERTA DEL MIO PAESE è un paese più piccolo della città TIPO NOVELLARA, IO ABITO A NOVELLARA dove ci sono tante nebbie e le persone vanno a lavorare DOVE PASSANO LE MACCHINE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA MAGGIOLINO - GAGGIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TITOLO PROGETTO: Sulle tracce di Calder: dalla creatività all'arte DESTINATARI: Sezione A, i bambini dei

Dettagli

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici 2 IO PER TE... TU PER NOI Daniela Maria Tortorici 3 A mio marito che ha creduto in me e mi ha convinta a scrivere questo libro. A mia figlia che è la ragione della mia vita. Ai miei genitori che sono dei

Dettagli

Non è colpa di Pandora

Non è colpa di Pandora TEAM Siamo tre ragazze di 22 anni. Studiamo a Milano e Non è colpa di Pandora, oltre ad essere il nome del nostro progetto, è quello della nostra associazione. L abbiamo fondata per continuare un percorso

Dettagli

IL VARIOPINTO MONDO DELLE EMOZIONI

IL VARIOPINTO MONDO DELLE EMOZIONI IL VARIOPINTO MONDO DELLE EMOZIONI IDEE PER EDUCARE ALL INTELLIGENZA EMOTIVA Tombolo Serate forma-ve 2016 Relatore: Federico Mucelli ALCUNE TESTIMONIANZE PER INIZIARE Mio figlio mi dice tu;o Sa più mio

Dettagli

SCEGLIERE LA SCUOLA DELL'INFANZIA

SCEGLIERE LA SCUOLA DELL'INFANZIA Newsletter Febbraio 2017 SCEGLIERE LA SCUOLA DELL'INFANZIA a cura di Dott.ssa Consuelo Maritan,Psicologa ad orientamento dinamico breve SCEGLIERE LA SCUOLA DELL'INFANZIA I primi mesi dell anno sono il

Dettagli

I genitori sono i veri protagonisti della salute dei propri figli, fin dal concepimento e dai primi giorni di vita del bambino.

I genitori sono i veri protagonisti della salute dei propri figli, fin dal concepimento e dai primi giorni di vita del bambino. Senza l apporto delle famiglie, senza una buona collaborazione e un efficace scambio di informazioni tra gli operatori del settore e i familiari dei pazienti, il sistema sanitario non potrebbe funzionare.

Dettagli

Le regole della scuola sono molto simili alle regole della società, che sono state scritte non per dispetto ma per il nostro bene.

Le regole della scuola sono molto simili alle regole della società, che sono state scritte non per dispetto ma per il nostro bene. Le regole della scuola sono molto simili alle regole della società, che sono state scritte non per dispetto ma per il nostro bene. Se riuscissimo a rispettare tutte le regole sia in una piccola comunità

Dettagli

Gaia C. E Martina. Martina, Gaia C. e Giulia B.

Gaia C. E Martina. Martina, Gaia C. e Giulia B. Anno Scolastico 2013-2014 Gaia C. E Martina Il museo virtuale ci è piaciuto tantissimo!! In particolare ci sono piaciuti i miti e poter osservare meglio i reperti delle ricche e raffinate civiltà del mar

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: LA RIFORMA PROTESTANTE BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre le novità portate da Lutero DIDATTIZZAZIONE e

Dettagli

PROVINCIA DI PESCARA. Domanda 1 DIRITTO A PARTECIPARE PARTECIPAZIONE ALLE DECISIONI

PROVINCIA DI PESCARA. Domanda 1 DIRITTO A PARTECIPARE PARTECIPAZIONE ALLE DECISIONI Indagine campionaria sulle richieste dei bambini nella Provincia 1 PROVINCIA DI PESCARA Centro Provinciale di Documentazione e Analisi sull infanzia e l adolescenza Risultati del questionario sui bisogni

Dettagli

2 dicembre 2015, Parma Assemblea Provinciale del Servizio Civile

2 dicembre 2015, Parma Assemblea Provinciale del Servizio Civile Primo gruppo: Luis Cesar Cesari Composto da 10 ragazzi Argomento di discussione: organizzazione e formazione. Non coincidenza dei progetti, discrepanza nelle responsabilità affidate ai volontari, scarso

Dettagli

DAL 23 AL 29 NOVEMBRE

DAL 23 AL 29 NOVEMBRE DAL 23 AL 29 NOVEMBRE Acquario Purtroppo è un periodo in cui dovete pensare a tante cose e siete un po agitati. Dovete stare attenti, soprattutto venerdì. Le maggiori difficoltà sorgeranno con persone

Dettagli

Le strade dell amore. L amore è nel cuore

Le strade dell amore. L amore è nel cuore Le strade dell amore L amore è nel cuore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Maria Loreta Gallo LE STRADE DELL AMORE L amore

Dettagli

SCOPRI LE TUE RISORSE

SCOPRI LE TUE RISORSE www.studentiefuturo.it Questionario di Orientamento - 1 per le Scuole Secondarie di Primo Grado (MEDIE) SCOPRI LE TUE RISORSE (a cura di PAOLA BIANCHI - EMILIA FILOSA) Il presente questionario contiene

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Dio Padre è sempre con noi Non siamo mai soli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Nella fatica sei con noi, Signore Leggi il catechismo

Dettagli

Concorso la Passione di assistere Residenza il Mughetto Ceresole d Alba (Cn)

Concorso la Passione di assistere Residenza il Mughetto Ceresole d Alba (Cn) Concorso la Passione di assistere Residenza il Mughetto Ceresole d Alba (Cn) Progetto in divenire Laboratorio di arteterapia Compagni Sempreverdi L arte ha il potere di consolare, di lenire il dolore,

Dettagli

Cosa scrivere su un blog aperto da tempo

Cosa scrivere su un blog aperto da tempo Cosa scrivere su un blog aperto da tempo Questo articolo non sarà su come aprire e pianificare un blog (sono post già presenti, gli ultimi sono di Michele Papaleo e Alessandro Scuratti, ma ognuno di noi

Dettagli

Talismani per Camerino

Talismani per Camerino Talismani per Camerino Il progetto Talismani per Camerino è stato realizzato dall'associazione MENOPERMENO dal 3 al 5 aprile 2017 presso la scuola elementare Ugo Betti di Camerino. Il progetto ha la finalità

Dettagli

TMA. Cognome e Nome. Scuola

TMA. Cognome e Nome. Scuola TMA Cognome e Nome Scuola Sesso Classe ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Leggete le seguenti affermazioni e date una delle quattro risposte possibili a seconda di quanto credete che siano «vere» per voi.

Dettagli

FICCAR LO VISO A FONDO

FICCAR LO VISO A FONDO USCITA DIDATTICA STRADA PER LA COMPETENZA FICCAR LO VISO A FONDO (Dante. Inferno, Canto IV, v. 11) SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO FICCAR LO VISO A FONDO Dante DESIDERA GUARDARE A FONDO, CAPIRE IN PROFONDITÁ

Dettagli

UNA NUVOLA DRAGO. MA QUANTA FRETTA ABBIAMO, MAMME?

UNA NUVOLA DRAGO. MA QUANTA FRETTA ABBIAMO, MAMME? UNA NUVOLA DRAGO. MA QUANTA FRETTA ABBIAMO, MAMME? giovedì 15 settembre 2016 Autore Guido Quarzo, illustrazioni Febe Sillani - Il leone verde 2016 Arrivata all'ultima pagina di questo albo, consigliato

Dettagli

Dal male il bene? L errore secondo alcuni concorrenti delle Olimpiadi della Matematica

Dal male il bene? L errore secondo alcuni concorrenti delle Olimpiadi della Matematica Dal male il bene? L errore secondo alcuni concorrenti delle Olimpiadi della Matematica Ludovico Pernazza Livorno, 16 ottobre 2014 Lo scopo dell indagine Una delle caratteristiche della matematica che rende

Dettagli

Un progetto dell Istituto scolastico di Porza in collaborazione con l Assemblea dei genitori e l Ispettorato scolastico

Un progetto dell Istituto scolastico di Porza in collaborazione con l Assemblea dei genitori e l Ispettorato scolastico Un progetto dell Istituto scolastico di Porza in collaborazione con l Assemblea dei genitori e l Ispettorato scolastico Anno scolastico 2010 / 2011 Non possiamo andare avanti così! I guai a ricreazione,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE. Le tipologie di testo che si prestano maggiormente ad essere oggetto di pianificazione sono:

LA PIANIFICAZIONE. Le tipologie di testo che si prestano maggiormente ad essere oggetto di pianificazione sono: LA PIANIFICAZIONE La pianificazione di un testo è un'attività che spesso viene recepita dagli alunni come non utile, faticosa e difficile. Quello che viene affrontato nella Scuola Primaria è un avvio ad

Dettagli

Prima della lettura. Che cosa farà secondo te Ginevra? Formula delle ipotesi.

Prima della lettura. Che cosa farà secondo te Ginevra? Formula delle ipotesi. Prima della lettura Che cosa farà secondo te Ginevra? Formula delle ipotesi. Episodio 9 Quando siamo scese Christian era in cucina. Dove eravate? ha chiesto. In solaio ha risposto la nonna. Christian è

Dettagli

06_laboratorio di progettazione partecipata con i bambini immigrati

06_laboratorio di progettazione partecipata con i bambini immigrati Laboratorio di progettazione partecipata con i bambini Voglio un(a) Prato per giocare: ragazzina, colorata e accogliente Percorso di pianificazione partecipata e comunicativa per la definizione di linee

Dettagli

PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI

PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI L apprendimento nella scuola dell infanzia deve essere attivo, costruttivo e cooperativo e deve stimolare nei bambini la voglia di conoscere. Dai tre ai sei anni, infatti,

Dettagli

Progetto DSA: Guida al metodo di studio

Progetto DSA: Guida al metodo di studio Progetto DSA: Guida al metodo di studio CESPD - Centro Studi e Ricerche per la Disabilità Scuola di Psicologia Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia Scuola di Ingegneria Dipartimento di

Dettagli

Barbara Pozzo. La vita che sei. varia

Barbara Pozzo. La vita che sei. varia Barbara Pozzo La vita che sei varia Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07690-6 Prima edizione BUR settembre 2014 Realizzazione editoriale: Langue&Parole, Milano

Dettagli

Legge sui disabili. Spiegata in linguaggio semplice

Legge sui disabili. Spiegata in linguaggio semplice Legge sui disabili Spiegata in linguaggio semplice Importante Le leggi non possono essere scritte in linguaggio semplice. Le leggi hanno regole proprie. Si dice anche requisiti giuridici. Per questo motivo

Dettagli

organizzato da sul tema

organizzato da sul tema organizzato da sul tema Gli alunni, attraverso varie interviste rivolte ai loro nonni e bisnonni, hanno raccolto le testimonianze di chi ha vissuto nel tempo l esperienza della festa della Madonna della

Dettagli

19 NOVEMBRE 2010 COME FARE UNA MAPPA?

19 NOVEMBRE 2010 COME FARE UNA MAPPA? 19 NOVEMBRE 2010 COME FARE UNA MAPPA? Quando ci siamo incontrati con tutti gli altri bambini, ci siamo presi l incarico di costruire la mappa del futuro BOSCO DELLA COSTITUZIONE. Ma come si costruisce

Dettagli

PROGETTO PRIMAVERA FESTEGGIARE L ARRIVO DELLA PRIMAVERA

PROGETTO PRIMAVERA FESTEGGIARE L ARRIVO DELLA PRIMAVERA PROGETTO PRIMAVERA Il compito di un insegnante non si limita alla trasmissione di conoscenze ma è quello più complesso di formare persone responsabili, autonome, capaci di stabilire relazioni equilibrate

Dettagli

Jani, Jani, Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. la storia di Malala Yousafzai. la storia di Malala Yousafzai

Jani, Jani, Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. la storia di Malala Yousafzai. la storia di Malala Yousafzai Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo Jani, Jani, la storia di Malala Yousafzai la storia di Malala Yousafzai Erika.Lerma Erika.Lerma Jani, la storia di Malala Yousafzai

Dettagli

scuola Convegno nazionale Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30

scuola Convegno nazionale Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30 scuola dell Convegno nazionale La GRANDE scuola per i piccoli. Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30 Istituto San Zeno Via don Giovanni Minzoni

Dettagli

Certificazione di Italiano come Lingua Straniera. Quaderno di esame. Livello: A1 Integrazione in Italia

Certificazione di Italiano come Lingua Straniera. Quaderno di esame. Livello: A1 Integrazione in Italia Certificazione Quaderno di esame Livello: A1 Integrazione in Italia Sessione: Dicembre 2016 Certificazione Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi.

Dettagli

Fa musica. Progetto didattico

Fa musica. Progetto didattico Fa musica Progetto didattico Anno scolastico 2016/2017 Fa' musica L educazione musicale può essere considerata un vero e proprio strumento educativo che consente di intervenire in diversi ambiti della

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona IL TAVOLO DI COMUNITA 2013-2014 LA CARTA EDUCATIVA DI ERBUSCO 2 QUADRIMESTRE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Il 26 Novembre 2012, presso il teatro comunale, era stata

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. - spedizione in abbonamento postale N D.L. 353/2003 (conv in L. 27/02/2004 n 46) art.1, Comma 2 DCB Bologna.

Poste Italiane S.p.A. - spedizione in abbonamento postale N D.L. 353/2003 (conv in L. 27/02/2004 n 46) art.1, Comma 2 DCB Bologna. Anno 46 Numero 3 Giugno 2007 Periodico in distribuzione gratuita ai soci dell AVIS. Direttore Responsabile: Dario Bresciani. Registrazione Tribunale di Bologna 17-10-1962 n.3011. Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

GENITORI E INSEGNANTI INSIEME

GENITORI E INSEGNANTI INSIEME GENITORI E INSEGNANTI INSIEME Riflessioni sulla co-responsabilità educativa Scuola Comunale dell Infanzia Suor Tommasina Pozzi A.S. 2014-2015 UN PO DI STORIA Dal 2002 abbiamo intrapreso un lungo cammino

Dettagli

Perché studiare Infermieristica?

Perché studiare Infermieristica? Perché studiare Infermieristica? Perchè mi piace il contatto umano, relazionarmi con le persone e provare empatia. Perché posso prendermi cura di persone e questo mi gratifica e mi dà molte soddisfazioni.

Dettagli

RICICLAGGIO CREATIVO

RICICLAGGIO CREATIVO Asilo nido IL CUCCIOLO Anno sc.2011/2012 L immaginazione non ha confini RICICLAGGIO CREATIVO I materiali di scarto acquisiscono un significato interessante PREMESSA Si chiama Riciclo Creativo l arte del

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1 VORSCHAU. Che fai stasera? Vieni a prendere un caffè a casa mia? - scrive Libero.

Pasta per due. Capitolo 1 VORSCHAU. Che fai stasera? Vieni a prendere un caffè a casa mia? - scrive Libero. Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL TUO VOTO CONTA!!! ELEZIONI AMMINISTRATIVE 5 GIUGNO 2016

IL TUO VOTO CONTA!!! ELEZIONI AMMINISTRATIVE 5 GIUGNO 2016 IL TUO VOTO CONTA!!! ELEZIONI AMMINISTRATIVE 5 GIUGNO 2016 INTRODUZIONE ABBIAMO CERCATO PAROLE SEMPLICI E IMMAGINI PER AIUTARTI A CAPIRE COME SI VOTA. CHIEDI A UN AMICO O A UN MEMBRO DELLA FAMIGLIA DI

Dettagli

!"#$%&'("')*+% I 5 Pilastri del triatleta che ha poco tempo

!#$%&'(')*+% I 5 Pilastri del triatleta che ha poco tempo !"#$%&'("')*+% I 5 Pilastri del triatleta che ha poco tempo Il Secondo Pilastro del Triatleta Allenamento Efficiente & Efficace Quando, come nel nostro caso, non si ha molto tempo per allenarsi, bisogna

Dettagli

Il mio Albero di Natale

Il mio Albero di Natale Carlo Ancelotti a cura di Giorgio Ciaschini Il mio Albero di Natale Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-017143-7 Prima edizione: novembre 2013 L Editore

Dettagli

Palazzo del Quirinale, 15 giugno Sintesi

Palazzo del Quirinale, 15 giugno Sintesi Intervento del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro all Incontro con una Delegazione di partecipanti all VIII Assemblea Nazionale dell Associazione Italiana Donatori organi Palazzo del Quirinale,

Dettagli

Perché si diventa volontari?

Perché si diventa volontari? Perché si diventa volontari? Per amore del prossimo. Per amore del mondo o forse anche per amore di sé, per potersi confrontare con l altro, e per condividere pensieri ed azioni con l altro. Le ragioni

Dettagli

Gruppo rosso: LE RELATIVE

Gruppo rosso: LE RELATIVE Gruppo rosso: LE RELATIVE 1. Inserite negli spazi vuoti i pronomi relativi opportuni. Lʼesercizio è avviato! nel quale che a cui che del quale che con il quale per il quale del quale dal quale alle quali

Dettagli

Teatro 7 Lab, spettacolo culinario

Teatro 7 Lab, spettacolo culinario Teatro 7 Lab, spettacolo culinario Milano, via Thaon di Revel, nel cuore del quartiere Isola; un unica stanza affacciata sulla strada, una sola grande cucina al centro e un lungo tavolo per una ventina

Dettagli

Intervento Giuseppe Recchi, Presidente Telecom Italia

Intervento Giuseppe Recchi, Presidente Telecom Italia Digital Championship Intervento, Presidente Telecom Italia 23 aprile 2015 Grazie Riccardo. Intanto ti sei scelto la tua città per partire. Ma... era... si vede che la città è parte di un lungo tour, ma

Dettagli

PROGETTO COMI E STATE BAMBINI 2012

PROGETTO COMI E STATE BAMBINI 2012 PROGETTO COMI E STATE BAMBINI 2012 Si informano i signori genitori, che il servizio sarà aperto per cinque giorni alla settimana dal 11 giugno al 7 settembre dalle ore 8,00 alle 16.00 e per mezza giornata

Dettagli

FOTOGRAFIA: FINESTRA O SPECCHIO?

FOTOGRAFIA: FINESTRA O SPECCHIO? FOTOGRAFIA: FINESTRA O SPECCHIO? A metà ottobre ho avuto modo di prendere parte alle giornate di studio organizzate a Bibbiena per i docenti e collaboratori del Dipartimento Didattica della FIAF. Due giornate

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: SCUOLA DELL INFANZIA

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: SCUOLA DELL INFANZIA BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: SCUOLA DELL INFANZIA 1 COMPETENZE Il piacere e la scelta di leggere - All'interno di un ambiente motivante e stimolante, sviluppare la consapevolezza

Dettagli

Questionario per le mamme dei bambini che frequentano gli Asili Nido, le Scuole Materne e le Scuole Elementari 1

Questionario per le mamme dei bambini che frequentano gli Asili Nido, le Scuole Materne e le Scuole Elementari 1 Questionario per le mamme dei bambini che frequentano gli Asili Nido, le Scuole Materne e le Scuole Elementari 1 1. Se Lei avesse più tempo a disposizione, a cosa lo dedicherebbe? 2. E soddisfatta del

Dettagli

Venerdì 13 maggio il Giubileo dei bambini: le scuole dell'infanzia in Cattedrale con il Vescovo

Venerdì 13 maggio il Giubileo dei bambini: le scuole dell'infanzia in Cattedrale con il Vescovo Venerdì 13 maggio il Giubileo dei bambini: le scuole dell'infanzia in Cattedrale con il Vescovo In foto da sinistra: Sergio Canevari, Alessandra Albertini, Nicoletta Bignami e Manuela Gnaccarini Anche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ANGELO MUSCO. Il teatro a scuola DESCRIZIONE MODALITA ORGANIZZATIVA SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA

ISTITUTO COMPRENSIVO ANGELO MUSCO. Il teatro a scuola DESCRIZIONE MODALITA ORGANIZZATIVA SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO ANGELO MUSCO Il teatro a scuola DESCRIZIONE MODALITA ORGANIZZATIVA SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA Insegnante Enrica Mallo ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa Il laboratorio è

Dettagli

ESAME DI MATURITA` DI ITALIANO - 3 CREDITI - PARTE PRIMA. (40 punti in totale)

ESAME DI MATURITA` DI ITALIANO - 3 CREDITI - PARTE PRIMA. (40 punti in totale) בחינת בגרות בשפה איטלקית: דוגמה ל- 3 יח"ל ESAME DI MATURITA` DI ITALIANO - 3 CREDITI - Modello d'esame PARTE PRIMA A. COMPRENSIONE DEL TESTO (40 punti in totale) Leggere e rispondere alle domande Matteo

Dettagli

Progetto La comunità dell'ecomuseo alla ricerca della sua memoria: i nostri migranti negli anni Cinquanta. Campestrin Quinto, Telve nato nel 1933

Progetto La comunità dell'ecomuseo alla ricerca della sua memoria: i nostri migranti negli anni Cinquanta. Campestrin Quinto, Telve nato nel 1933 Progetto La comunità dell'ecomuseo alla ricerca della sua memoria: i nostri migranti negli anni Cinquanta Campestrin Quinto, Telve nato nel 1933 Perché ha deciso di emigrare? Ho deciso di emigrare perché

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN 1 A SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso settembre - dicembre 2010 ESAME FINALE LIVELLO 2 A Nome: Cognome: CI Numero tessera: 1 A 2 A PROVA DI ASCOLTO N. 1 Ascolta il dialogo e rispondi alle

Dettagli

RELAZIONE FINALE RACCONTI MIGRANTI

RELAZIONE FINALE RACCONTI MIGRANTI RELAZIONE FINALE RACCONTI MIGRANTI Il progetto Racconti Migranti è stato ammesso a finanziamento di 803.57 euro relativo al bando regionale: DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 520 DEL 10/02/2015. Sostegno

Dettagli

ALLE PORTE DEL CENTRO STORICO DI PERUGIA

ALLE PORTE DEL CENTRO STORICO DI PERUGIA ALLE PORTE DEL CENTRO STORICO DI PERUGIA Casa Yog, così è stato chiamato l antico casale situato nel cuore dell Umbria, a pochi minuti dal centro storico di Perugia, immerso nel verde delle campagne umbre

Dettagli

Definire una strategia per l impresa online: dagli obiettivi al piano operativo

Definire una strategia per l impresa online: dagli obiettivi al piano operativo CAPITOLO PMI online MODULO Definire una strategia per l impresa online: dagli obiettivi al piano operativo A CURA DI Miriam Bertoli - Consulente di marketing digitale Obiettivi del modulo Entro la fine

Dettagli

OBIETTIVO DELL'INDAGINE: Come studiano gli studenti (tempo, modo). Capire il loro metodo di studio e se hanno un buon metodo di studio.

OBIETTIVO DELL'INDAGINE: Come studiano gli studenti (tempo, modo). Capire il loro metodo di studio e se hanno un buon metodo di studio. OBIETTIVO DELL'INDAGINE: Come studiano gli studenti (tempo, modo). Capire il loro metodo di studio e se hanno un buon metodo di studio. Ma cosa intendiamo noi per buon metodo di studio? Qualcosa che mi

Dettagli

Il risparmio energetico e la tutela dell ambiente

Il risparmio energetico e la tutela dell ambiente Il risparmio energetico e la tutela dell ambiente Dai consumi energetici agli impatti sull ambiente: una guida per imparare a usare le risorse energetiche in modo responsabile ed efficiente e contribuire

Dettagli

La partita. La vita è quella cosa che accade mentre tu stai facendo altri progetti. John Lennon. Capitolo 1

La partita. La vita è quella cosa che accade mentre tu stai facendo altri progetti. John Lennon. Capitolo 1 4 La vita è quella cosa che accade mentre tu stai facendo altri progetti. John Lennon Capitolo 1 Napoli. Ore 18.00. Una strana telefonata fra due amici. - Pronto, Margherita? - Ciao, Ciro. Dimmi. - Allora

Dettagli

La Santa Sede INIZIATIVA "IL TRENO DEI BAMBINI" PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

La Santa Sede INIZIATIVA IL TRENO DEI BAMBINI PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO La Santa Sede INIZIATIVA "IL TRENO DEI BAMBINI" PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO Atrio dell'aula Paolo VI Sabato, 3 giugno 2017 [Multimedia] Ragazzi e ragazze,

Dettagli

E stata una vacanza breve ma intensa, tranquilla e rilassante. Di seguito alcune foto.

E stata una vacanza breve ma intensa, tranquilla e rilassante. Di seguito alcune foto. ISOLA D ELBA 2011 Per motivi di carattere famigliare che non sto ad elencare, abbiamo purtroppo dovuto rinunciare alle vacanze programmate fin dallo scorso autunno, in Normandia e Bretagna. Non solo, abbiamo

Dettagli

IL TUO VOTO CONTA!!! ELEZIONI AMMINISTRATIVE 11 GIUGNO 2017

IL TUO VOTO CONTA!!! ELEZIONI AMMINISTRATIVE 11 GIUGNO 2017 IL TUO VOTO CONTA!!! ELEZIONI AMMINISTRATIVE 11 GIUGNO 2017 INTRODUZIONE ABBIAMO CERCATO PAROLE SEMPLICI E IMMAGINI PER AIUTARTI A CAPIRE COME SI VOTA. CHIEDI A UN AMICO O A UN MEMBRO DELLA FAMIGLIA DI

Dettagli

Quando la fotografia parla alle coscienze PROGETTI EDUCATIONAL MOSTRE&VISITE GUIDATE. CONFERENZE. PRESENTAZIONI LIBRI.

Quando la fotografia parla alle coscienze PROGETTI EDUCATIONAL MOSTRE&VISITE GUIDATE. CONFERENZE. PRESENTAZIONI LIBRI. Quando la fotografia parla alle coscienze PROGETTI EDUCATIONAL MOSTRE&VISITE GUIDATE. CONFERENZE. PRESENTAZIONI LIBRI. 7-29 ottobre 2017 Un evento internazionale a Lodi Il Festival della Fotografia Etica

Dettagli

Leregoledicomportamentoadunafesta. Le regole per stabilire una nuova amicizia

Leregoledicomportamentoadunafesta. Le regole per stabilire una nuova amicizia Leregoledicomportamentoadunafesta Le regole per stabilire una nuova amicizia Leregolepercapireseuncompagnosicomportadabullo Le amicizie nate sui social network Le regole di comportamento ad una festa La

Dettagli

Smart app progettare app per il lavoro nella Scuola in Ospedale

Smart app progettare app per il lavoro nella Scuola in Ospedale Smart app progettare app per il lavoro nella Scuola in Ospedale Clinic 15 e 16 settembre 2017 I bisogni in chiave di ricerca - Avere a disposizione uno spazio di lavoro per la didattica a distanza: intuitivo,

Dettagli

LA MEDICINA COME NON L'HAI MAI VISTA!

LA MEDICINA COME NON L'HAI MAI VISTA! LA MEDICINA COME NON L'HAI MAI VISTA! LA SEDE Quattro passi nel 400 Il MUSME ha sede nel complesso monumentale dell antico Ospedale di San Francesco Grande, primo ospedale di Padova, costruito nel 1414

Dettagli

Metàloghi e Minotauri

Metàloghi e Minotauri Metàloghi e Minotauri Metalogo di Giuseppe O. Longo Padre - Ah, stai disegnando... Figlia - Sì... ma non è finito, non dovresti guardare ancora. P - Ormai ho guardato... Un Minotauro!... Be, sei proprio

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre Ufficio della Certificazione dell italiano L2 CERTIFICATO. cert.it A seconda sessione autunnale

Università degli Studi Roma Tre Ufficio della Certificazione dell italiano L2 CERTIFICATO. cert.it A seconda sessione autunnale Università degli Studi Roma Tre Ufficio della Certificazione dell italiano L2 CERTIFICATO cert.it A1 2016 seconda sessione autunnale Ascoltare 4 prove (Questa prova vale 25 punti) Prova n. 1 Ascolta i

Dettagli

dr.ssa Lorella Gabriele

dr.ssa Lorella Gabriele dr.ssa Lorella Gabriele Obiettivo del corso Fornire metodologie, strategie per riconoscere e decodificare il linguaggio del corpo. Parte teorica Parte laboratoriale Argomenti Linguaggio Linguaggio e Comunicazione

Dettagli

I- [ A ] Leggi il seguente testo : Samar è una studentessa egiziana del Cairo. Lei frequenta un corso di letteratura

I- [ A ] Leggi il seguente testo : Samar è una studentessa egiziana del Cairo. Lei frequenta un corso di letteratura Prova scritta( 2) 2011 I- [ A ] Leggi il seguente testo : Samar è una studentessa egiziana del Cairo. Lei frequenta un corso di letteratura italiana di tre mesi a Milano. Le sue colleghe Laila e Samira

Dettagli

Qualcuno mi dice che non tutti i bambini hanno fatto le stesse cose e mi invita ad entrare in un aula, quella della seconda elementare.

Qualcuno mi dice che non tutti i bambini hanno fatto le stesse cose e mi invita ad entrare in un aula, quella della seconda elementare. I filosofi bambini A Giugno finisce la scuola e, si sa, molti istituti concludono il loro anno con manifestazioni e spettacoli di vario tipo che, in qualche modo, rievocano l impegno profuso dagli allievi,

Dettagli

LE Parole TUO FIGLIO PER CRESCERE. Alessio Roberti IL FUTURO DI CHI AMI È IN CIÒ CHE DICI ADESSO

LE Parole TUO FIGLIO PER CRESCERE. Alessio Roberti IL FUTURO DI CHI AMI È IN CIÒ CHE DICI ADESSO LE Parole PER CRESCERE TUO FIGLIO IL FUTURO DI CHI AMI È IN CIÒ CHE DICI ADESSO Alessio Roberti Di fatto un genitore che parla, parla e poi ancora parla... non sta comunicando, sta monologando si deve

Dettagli

PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE. La scelta dei questionari

PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE. La scelta dei questionari PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE La scelta dei questionari Due questionari Questionario conoscitivo Questionario sulle strategie di studio Due questionari Questionario conoscitivo 1. Età 2. Lingua

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Certificazione di Italiano come Lingua Straniera. Livello CILS A2

Università per Stranieri di Siena. Certificazione di Italiano come Lingua Straniera. Livello CILS A2 Università per Stranieri di Siena Certificazione di Italiano come Lingua Straniera GIUGNO 2002 Livello CILS A2 MODULO ADULTI IN ITALIA Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Studiare non è tra le attività preferite dei figli

Dettagli

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 AGENDA le tecniche di vendita La tua strategia di vendita 2 Le slide di questo corso puoi scaricarle nel sito: www.wearelab.com www.brunobruni.it 3 BREVE RIEPILOGO Cambio

Dettagli