Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori SETTIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori SETTIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo"

Transcript

1 Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori SETTIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo

2 Indice delle Lezioni Prima Lezione: Seconda Lezione: Terza Lezione: Quarta Lezione: Quinta Lezione: Sesta Lezione: SeRma Lezione:: OUava Lezione: Fenomenologia e Modello Teorico Assessment_Diagnosi DOP Parent Training_ Tecniche di conduzione Parent Training_ Steps 1-2 Parent Training_ Steps 3-4 Parent Training_ Steps 5-6 Parent Training_ Steps 7-8 Parent Training_ Steps 9-10

3 Di cosa parleremo in questa lezione? ü Ges1re il comportamento opposi1vo in situazioni par1colari: ü Ges1re la disobbedienza nei luoghi pubblichi ü Ges1re il momento del prepararsi al marno ü Ges1re il momento dell andare a dormire ü Ges1re la rivalità tra fratelli ü Ges1re il momento dei compi1 a casa ü La tecnica del disco incantato ü Daily School Card

4 Ges1re alcune situazioni par1colari In questa lezione, parleremo di alcune difficoltà che i genitori si trovano a dover affrontare nella ges9one del comportamento del bambino in situazioni par9colari come ges9re la disobbedienza in luoghi pubblici, il momento dei compi9 a casa, il momento di prepararsi al ma?no o di andare a dormire. Uno degli errori principali che mol7 genitori comme8ono in questo senso, è di non pensare in an7cipo alle difficoltà che potrebbero incontrare in queste situazioni. Solo quando si manifesta il comportamento problema7co, cominciano a pensare a delle soluzioni. Ma questo è il momento più sbagliato per farlo, in quanto non solo saranno arrabbia7 ma, probabilmente, anche più ansiosi per via degli altri che assistono alla scena.

5 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici Ø I genitori hanno un esperienza sufficiente per conoscere i luoghi che probabilmente evocheranno un comportamento di non compliance. Ø Se i genitori dedicassero qualche momento prima di entrare nel luogo in ques0one, alla pianificazione di un intervento possibile in caso di non compliance, questa in alcuni casi potrebbe anche essere evitata. È importante quindi advare 2 strategie : An1cipare Pianificare

6 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici Ø La strategia da mepere in apo è breve piuposto chiara e facilmente u0lizzata dai genitori. In realtà la tecnica non è molto diversa dalle altre viste in precedenza ma include minime modificazioni considerato il fapo che ad esempio non vi è una sedia per il 0meout negli spazi pubblici.

7 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici 1. Prima di entrare in qualche luogo pubblico stabilisci le regole che il bambino deve seguire. Prima di entrare il genitore indica 3 o 4 regole da seguire al bambino; queste potrebbero essere regole che il bambino già conosce. TuPavia il genitore chiederà al bambino di ripeterle a voce alta prima di entrare (per esempio prima di entrare in un negozio il genitore può dire al bambino che: le regole sono: stare vicino ai genitori, non toccare, non mendicare! ). Il bambino poi ripete queste regole. Nelle volte successive il genitore dovrà chiedere al bambino quali sono le regole?. Le regole saranno appropriate ai luoghi in ques0one (ristorante, chiesa casa di altri).

8 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici 2. Stabilire un rinforzo per la compliance. Per i bambini che stanno già u0lizzando il programma dei pun0/geponi, ques0 momen0 possono essere usa0 per rinforzare la compliance alle regole stabilite nel primo punto. Il genitore potrà dire al bambino che potrà guadagnare un certo numero di pun0 se osserverà le regole nel posto in cui stanno entrando. Ad ogni modo bisognerà spiegare al bambino il rinforzo sempre prima. 3. Stabilire una risposta disciplinare alla non compliance. Nel caso in cui il bambino non rispepasse le regole date, i genitori dove possibile risponderanno con un metodo disciplinare che potrebbe essere il 0meout o il costo della risposta, a seconda della gravità della regola non rispepata.

9 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici Non essendovi la sedia di casa, i genitori dovranno individuare velocemente un angolo nascosto dove il bambino potrà scontare il 0meout. 4. Assegnare al bambino un arvità o una responsabilità. Pianificare un advità da assegnare al bambino durante l uscita servirà per molto tempo a ridurre la possibilità che emergano comportamen0 problema. In un negozio questo potrebbe essere apuato chiedendo al bambino di aiutare il genitore a trovare le cose da comprare, a visionare la lista della spesa, a spingere il carrello.

10 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici Ø Una volta entra0 il genitore individua velocemente un potenziale angolo per il 0meout. Ø Periodicamente potrebbe premiare ed elogiare il bambino per il fapo che sta aderendo alle regole e sta svolgendo le advità programmate. E molto importante che i genitori non asperno fino alla fine dell uscita per commentare la condoua del bambino e che diano costan1 feedback posi1vi.

11 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici Ø Se i genitori devono apuare il 0meout, il bambino viene portato all angolo individuato e rimarrà lì fino a quando non avrà il permesso di muoversi. Ø A questo punto la procedura seguita è la stessa che viene usata in casa ecceuo per la pena da scontare: si calcoleranno 30 secondi per ogni anno di età del bambino. Ø In realtà già ques0 brevi intervalli sono efficaci nei pos0 pubblici, questo perché al bambino mancano delle advità più interessan0 rispepo a quelle di casa. Ø I genitori dovranno rimanere vicino al bambino durante il 0meout.

12 Ges1re il comportamento in luoghi pubblici Ø Per i genitori che non preferiscono usare il 0meout possono scegliere le altre tecniche alterna0ve anche perché il 0meout non potrà essere apuato in alcuni luoghi. v Decidere velocemente se portare il bambino all esterno dell edificio e posizionarlo verso la parete in 0meout. v Portare il bambino in macchina e farlo sedere nel sedile posteriore, il genitore può rimanere accanto o fuori dalla macchina. v Annotare il comportamento del bambino sul notebook esplicitamente portato per questo scopo. Al rientro a casa il bambino sconterà il 0meout per ogni regola violata. v Segnare sulla mano del bambino con un penna replay una lineepa per ogni regola non rispepata.

13 Ges1re l imbarazzo dei genitori Discuterai a questo punto delle loro reazioni all u7lizzo della pra7ca. Una reazione che può fortemente impedire l efficacia di questo programma nei pos7 pubblici è l imbarazzo che i genitori avver9ranno nell implementare il metodo mentre altri guardano. Rassicurali del fa8o che le probabilità che un comportamento problema si sviluppi è fortemente rido8o in pos7 pubblici dall a8enzione del genitore e dai rinforzi. Anche se ques7 dovessero manifestarsi saranno sicuramente di intensità inferiore perché il genitore risponderà velocemente e in modo deciso prima di perderne il controllo.

14 Ges1re l imbarazzo dei genitori Ci sono tu8avia mol7 genitori che sono sopraffam dall imbarazzo e quindi non riescono ad usare i metodi efficacemente. Per tali genitori potres7 consigliare anche alcune sedute di terapia razionale emo9va. Questo approccio sos7ene che le emozioni spiacevoli e dei genitori in tali circostanze, sono il risultato di credenze e valutazioni di sé eccessivamente cri7che rispe8o alle interazioni con il bambino. Lo scopo della terapia è quello di sos7tuire queste credenze con a8ribuzioni di sé posi7ve.

15 Ges1re il momento del prepararsi al marno Il mamno, il prepararsi in fre8a e il fare colazione, possono essere momen7 par7colarmente a prova di pazienza, per i genitori di bambini opposi7vi. Ci sono però alcune strategie che possono aiutare a migliorare ne8amente questa parte della giornata. Descrivile nel de8aglio.

16 Ges1re il momento di prepararsi al marno 1- Cerca di capire perché il bambino è così lento al marno. Forse è stanco (se è così, ha bisogno di dormire di piu ) E distrapo da giochi, tablet o TV (se è così, si può dare la regola che al madno non si possono usare queste cose). Il bambino tende forse a carburare lentamente (se è così, si può provare a svegliarlo 5 minu0 prima). 2- Pianifica una strategia per la marna. In un momento di calma spiega chiaramente a tuo figlio che cosa vuoi che faccia al madno. Ad es. Dopo che 7 sei alzato, vorrei che tu venissi a fare colazione piu in fre8a che puoi, in modo che hai poi il tempo per ves7r7 e magari anche un po di tempo per te. Se vuoi puoi associare delle conseguenze posi0ve al comportamento richiesto. Ad es.: Se riesci a finire la colazione entro 15 minu7 da quando 7 sei alzato, potrai poi guardare un po di TV. 3- Ges1sci le tue aspeua1ve. Il risveglio mapu0no è un momento spesso stressante per mol0 bambini e ragazzi. La frenesia della madna accade in tupe le famiglie, non solo nella tua, ricordarlo 0 aiuterà a sen0r0 meno frustrato.

17 Ges1re il momento di andare a dormire Spesso il momento di andare a le8o è piu8osto problema7co nelle famiglie di bambini opposi7vi, poiché il bambino me8e in a8o tu8a una serie di comportamen7 per allontanare sempre di più questo momento. Vediamo come può essere ges7to.

18 Ges1re il momento di andare a dormire 1. Se tuo figlio è impegnato in una qualche arvità par1colare, dagli un tempo per smeuere. Per chiunque sarebbe molto frustrante dover interrompere di colpo un advità piacevole, come il proprio programma preferito o un advità o gioco che si sta facendo o una conversazione via chat (con l ipad o con lo smartphone) per andare subito a lavarsi i den0. Allo stesso modo lo è per tuo figlio, quindi la cosa va fapa gradualmente. Comunica a tuo figlio che ha ancora 5 o 10 minu0 prima di dover interrompere ciò che sta facendo, dopodichè sarai costrepo a togliergli il disposi0vo o a spegnere la TV. 2. Prepara te stesso a questo momento. Il momento del mepere i bimbi a lepo, può essere piuposto fa0coso. Se tu sei stanco e frustrato, è probabile che farai molta più fa0ca a ges0rlo. Non arrivarci di corsa, ma prova a rilassa0 un admo, 5 o 10 minu0 prima sono sufficien0: leggi un libro, chiama un amica, fai qualcosa che 0 faccia staccare un admo dalla rou0ne e dal dovere, in questo modo arriverai meno teso/a al momento del tour de force dell andare a dormire.

19 Ges1re il momento di andare a dormire 3 PermeR a tuo figlio di rallentare un po alla volta. Evita di costringere tuo figlio di dover interrompere con il gioco per andare immediatamente a lepo, ma permedgli di rallentare e avvicinarsi al momento di dormire un po alla volta, mependo la regola, ad esempio, che si può ancora giocare per un po, ma un gioco calmo e tranquillo per 10 minu0 prima di spegnere la luce.

20 Ges1re il momento dei compi1 a casa Le famiglie possono essere diverse, ma la scena spesso è la stessa: il momento dei compi7 a casa, è spesso un momento di grande stress. Spesso lo è non solo per le famiglie in cui ci sono ragazzi opposi7vi, ma in molte altre. In genere i genitori sono par7colarmente nervosi quando i figli devono svolgere i compi7, anche perché temono che se non vengono svol7 bene, questo possa comprome8ere la loro buona riuscita scolas7ca. Ecco che il momento dei compi7, diventa un momento carico di nega7vità emo7va. Di seguito 7 proponiamo alcune regole che possono aiutare i genitori a ges7re in maniera piu tranquilla e u7le, il momento dei compi7 a casa.

21 Ges1re il momento dei compi1 a casa 1- Evita di dare messaggi non verbali nega1vi. E fondamentale che tu non usi un tono nega0vo o svalutante, soprapupo con i tuoi apeggiamen0 non verbali. Ad es. potres0 essere accigliato o chiedere quali compi0 deve fare tuo figlio sbuffando o alzando gli occhi al cielo, ques0 apeggiamen0, al di là di ciò che stai dicendo verbalmente, mepono il ragazzo in un apeggiamento di difesa/sfida. 2- Aiuta tuo figlio a trovare un posto ideale per fare i compi1 La responsabilità di decidere quando e dove fare i compi0, può far sen0re tuo figlio sopraffapo. Piu si sente sopraffapo, piu è probabile che diven0 opposi0vo. Organizza con lui in modo coopera0vo, un posto dedicato per i compi0 e il momento della giornata in cui dovrà farli. Scegli un momento che sia realis0camente accepabile per lui, ad es.: evita il momento in cui fanno il suo programma preferito o in cui è par0colarmente stanco. E importante poi che il luogo sia privo di s0moli e distrazioni.

22 Ges1re il momento dei compi1 a casa 3- Aiutalo a stabilire le priorità. Molto spesso i bambini e ragazzi opposi0vi, hanno anche problemi di concentrazione, scegliere, pertanto, da dove comunicare, può essere par0colarmente frustrante. Aiuta tuo figlio a fare un piano di cosa dovrà fare prima e cosa in un secondo momento, aiutandolo anche a stabilire cosa è prioritario. 4- PermeRgli di fare delle pause concordate. Spesso i ragazzi con comportamen0 opposi0vi, hanno anche difficoltà a concentrarsi a lungo. Può essere molto frustrante l idea di dover stare 3 h a fare i compi0, se invece il momento è organizzato in 15 o 20 minu0 alla volta (per i più piccoli anche 5 o 10 minu0), dopodichè sono previste delle pause, la cosa è molto più ges0bile. Con i bambini par0colarmente opposi0vi e distrad, è stato molto u0le u0lizzare un 0mer dell ipad o uno di quelli da cucina. Il bambino sa che ogni volta che suona il 0mer può fare una pausa di 5 minu0, ma poi dovrà riprendere il suo lavoro.

23 Ges1re il momento dei compi1 a casa 4- Evita di tormentare tuo figlio o di stargli troppo intorno durante i compi1 a casa. Controllare troppo tuo figlio mentre svolge i compi0, non lo aiuterà a migliorare, anzi: lo renderà ancora meno autonomo nel completarli. Peggio ancora se nello stargli addosso tu con0nui a tormentarlo su cosa non sa fare bene. E' piu efficace dargli un aiuto iniziale e lasciare poi che comple0 da solo ogni step, in questo modo si sen0rà meno pressato e diverrà piu autonomo nel realizzare i compi0 5 - Evita di souolineare troppo gli errori durante i compi1. Spesso i genitori dei bambini opposi0vi, tendono ad arrabbiarsi eccessivamente quando i propri figli commepono errori durante i compi0. Questo avviene perché sperimentano una sorta di rabbia di fondo, che non aspepa altro che trovare l ennesima occasione per essere 0rata fuori. Ricorda che devi imparare a ges0re prima di tupo le tue emozioni, per poter ges0re al meglio tuo figlio. Quando tuo figlio sbaglia, evita di sopolineare troppo la cosa, piuposto invitalo a ragionare su come ha lavorato con frasi del 0po Prova a rileggere ciò che hai scri8o /Prova a ricalcolare e controlla bene non mi sembra proprio corre8o

24 Ges1re il momento dei compi1 a casa 6 - Cerca di evitare che il momento dei compi1 si protragga per un tempo infinito. Stabilisci un orario preciso di inizio e termine dei compi0, con delle pause. Se proprio 0 accorgi che tuo figlio impiega un tempo eccessivamente lungo, chiedi un confronto con gli insegnan0 per verificare se anche a scuola ha le stesse difficoltà e ipo0zzate una strategia comune. Le ul0me norma0ve sui ragazzi con Bisogni Educa0vi Speciali, permepono agli insegnan0 di assegnare compi0 personalizza0, anche in assenza di cer0ficazioni su disturbi specifici. 7- Non fare mai i compi1 di tuo figlio al posto suo. Alcuni genitori, esaspera0 dal tempo che i figli impiegano, tendono a fare i compi0 al loro posto. Questo purtroppo non solo non serve a nulla (i compi0 dovrebbero essere finalizza0 a far esercitare ed approfondire in maniera personale ciò che è stato appreso a scuola), ma oltretupo renderà tuo figlio dipendente dal tuo aiuto e ancora meno autonomo. Inoltre contribuirà a farlo sen0re ancora piu inadeguato e incompetente.

25 Ges1re la rivalità tra fratelli Spesso i bambini opposi7vi in casa sono 2 o 3 e li7gano anche tra loro. Le regole che seguono possono aiutare ad arginare la rivalità tra fratelli:

26 Ges1re la rivalità tra fratelli 1- TraUa ciascun figlio come un individuo a sè. Se trad ogni figlio come una persona, differente da te e da suo fratello, gli trasmeperai l idea che ha dirid e doveri diversi dai tuoi, poiché è un altra persona. Non pretendere che si compor0 come te o come suo fratello, ma pretendi che rispedno le stesse regole familiari. 2- RispeUa ciascuno. RispePa gli spazi, giocapoli, ogged di ciascuno e i momen0 in cui ognuno vuole allontanarsi da te o dalla situazione conflipuale con il fratello. 3- Evita di fare paragone tra i tuoi figli o tra tuo figlio e altri ragazzi della sua età. Questa purtroppo è una tendenza 0pica di mol0 genitori, che pensando di fare bene a far paragoni, perché credono, in questo modo, di poter mo0vare i figli ad emulare chi si comporta meglio di loro. In realtà, non c è niente che alimen0 di più la compe0zione tra bambini e ragazzi, come il fare paragoni, poiché questo li fa sen0re inadegua0 e alimenta il senso di rabbia verso gli altri. 4 - Cerca di annotare quando in genere il confliuo emerge maggiormente. Se ad es.: avviene in genere prima di cena o prima della colazione, allora pianifica ques0 momen0 in maniera di farli precedere da scambi calmi e calorosi con loro, in cui facili0 una comunicazione piacevole.

27 Ges1re la rivalità tra fratelli 5- Abbi aspeua1ve realis1che. Cerca di non aspepar0 cose impossibili dai tuoi figli, accepagli per come ciascuno è. Ricorda, poi, che un certo grado di compe0zione tra fratelli è normale in tud i bambini e i ragazzi. 7 - Cerca di u1lizzare riconoscimen1 posi1vi tuue le volte che puoi con entrambi. Ricorda che i ragazzi sfidan0, in genere si sentono incompresi e inadegua0. Se nella relazione con te sperimenteranno comprensione, saranno maggiormente porta0 a rispepare e a comprendere a loro volta anche i fratelli. 8 - Fai sen1re ogni figlio speciale ed importante per te. Cerca di passare del tempo personale con ciascun figlio ogni giorno. 9 - Cerca di ritagliar1 del tempo per ricaricar1 che sia solo per te. Dedica0 ad un hobby, passa del tempo con amici, leggi un libro che 0 piace, qualsiasi cosa che sia solo per te e non legata all essere genitore! 10 - Ricorda che in genere la compe1zione tra fratelli diminuisce con il tempo.

28 La tecnica del disco incantato di fronte alla provocazione A questo punto 7 suggeriamo di spiegare anche un altra tecnica per rispondere ai toni opposi7vi e provocatori del bambino in seguito ad una richiesta del genitore. Quando tuo figlio risponde in maniera opposi0va o provocatoria ad una tua richiesta potres0 usare la tecnica del disco incantato. Per evitare che parta una situazione di conflipo potres0 rispondere come un disco incantato, senza pathos o emozioni di sorta, ma semplicemente ripetendo la richiesta con calma e convinzione. Meglio ancora se u0lizzerai un tono dolce e amorevole nel momento in cui tuo figlio sta usando con te un tono aggressivo o cri0co. Lo spiazzerai e si sen0rà quasi in imbarazzo. E quasi incredibile quanto i toni tornino subito ad un tono più accepabile, se tu non entri nella provocazione, ma con0nui a comunicare con calma.

29 Homework Ø Durante la sedmana i genitori usciranno 2 volte in negozi o in altri luoghi pubblici con lo scopo di mepere in pra0ca le strategie presentate in questo incontro. Dovranno registrare come sempre tupe le informazioni a riguardo. Ø Poiché il prossimo incontro si concentrerà su come i genitori possono migliorare il comportamento a scuola, è necessario determinare se questo cos0tuisce un problema. Porteranno il SSQ compilato dalle insegnan0.

30 Homework I genitori dovranno applicare le strategie di an0cipazione e pianificazione in 2 uscite Homework 1 ContaPare le insegnan0 per il ques0onario SSQ Homework 2

31 Il Parent Training_10 Steps Il programma di Parent Training che descriverò è un adapamento del programma americano del prof. Russel A. Barkley della Medical University of South Carolina in Charleston. Prevede 10 incontri 1 Perché i bambini si comportano male 2 Prestare AUenzione 3 Incrementare l indipendenza 4 Quando la lode non è sufficiente 5 Il Time Out e altri metodi di disciplina 6 Estendere il TimeOut ad alt. condoue 7 An1cipare e Pianificare 8 Migliorare il comportamento a scuola 9 Prevedere i comportamen1 futuri 10 Riepilogo e Feedback

32 8 Migliorare il comportamento a scuola ObieRvi 1.Discutere con i genitori sulla natura di ogni comportamento problema che il bambino mostra a scuola. 2.Insegnare ai genitori una procedura per introdurre una card report giornaliera per il bambino. 1. SSQ Materiali scalepa ScaleUa 1. Revisione degli homework. 2. Discutere con i genitori dei problemi a scuola. 3. Illustrare la report card della scuola Homework 1. Introdurre la report card scolas1ca 3.Con1nuare le tecniche preceden1

33 8 Migliorare il comportamento a scuola Revisione del comportamento del bambino a scuola Ø Mol0 bambini opposi0vi in par0colare quelli con DOP e ADHD hanno problemi di comportamento a scuola, in classe o durante il tempo ricrea0vo. Sarai già a conoscenza di queste difficoltà dalla valutazione iniziale del bambino a8raverso l intervista al genitore. In questo incontro i genitori dovranno consegnare i ques7onari SSQ compila7 dagli insegnan7, puoi anche decidere di chiamare l insegnante per avere informazioni più de8agliate se necessario. Queste informazioni determineranno il passaggio dire8o allo step 9 se non sono emersi problemi a scuola.

34 8 Migliorare il comportamento a scuola Daily school behavior repot card Ø Nonostante la responsabilità principale del comportamento a scuola sia degli insegnan0, i genitori possono ugualmente dare il loro contributo. Ø Una delle cose più efficaci da fare, a parte la creazione di un programma di modificazione comportamentale, è quella di introdurre un rinforzo da casa apraverso la cos1tuzione di una card giornaliera per monitorare il comportamento del bambino a scuola.

35 8 Migliorare il comportamento a scuola Daily school behavior repot card Ø Questa sorta di school card individua i comportamen0 problema elenca0 in una colonna accanto ai quali l insegnante registrerà una valutazione su una scala da 1 a 5. Ø La card deve essere completata ogni giorno e per questo inviata a scuola con il bambino o lasciata all insegnante in copie mul1ple. L insegnante potrà aggiungere informazioni più depagliate scrivendo sul retro di essa. Ø E importante che i genitori visioneranno la card quando il bambino rientrerà da scuola.

36 8 Migliorare il comportamento a scuola Daily school behavior repot card Ø Se i genitori troveranno punteggi buoni (1-2) faranno commen0 posi0vi e incoraggeranno il bambino a con0nuare nella stessa direzione. Ø Se i punteggi sono nega0vi (4-5) possono chiedere al bambino una spiegazione a riguardo ( Come potrai comportar7 la prossima volta per migliorare la valutazione? ). Ø I genitori anche in questo caso possono u0lizzare il sistema dei geponi/ pun0 e far corrispondere una certa somma di pun0 per ogni valutazione posi0va (1= +25; 2= +15 ). Ø Se il bambino non riporta la card a casa al rientro da scuola, non gli saranno concesse le advità principali per quel giorno (guardare la tv, giocare,ecc).

37 8 Migliorare il comportamento a scuola Daily school behavior repot card

38 8 Migliorare il comportamento a scuola Daily school behavior repot card Dovrai consigliare ai genitori di incontrare le insegnan7 del bambino periodicamente per fare un controllo delle card e rilevare eventuali falsi. A questo punto i genitori discuteranno di come introdurre la school card in semmana e di come questa richieda la collaborazione degli insegnan7 alle quali va sicuramente spiegato lo scopo. Nella mia esperienza la maggior parte degli insegnan7 è disposta a collaborare perché il programma risulta efficace anche per la ges7one del comportamento a scuola.

39 8 Modificare il comportamento a scuola Homework I genitori porteranno le school card per la supervisione al prossimo incontro Homework 1 Lo step 9 verrà pos0cipato di una sedmana per avere un periodo di tempo più adeguato per valutare l efficacia della school card Homework 2

40 Cosa ho appreso in questa 7 Lezione? DOMANDE PER LA VERIFICA 1) Come si applica il 1me out fuori casa? 2) Descrivi le strategie di An1cipazione e Pianificazione 3) Come possono controllare i genitori il comportamento del figlio a scuola?

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori SETTIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori SETTIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori SETTIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo Indice delle Lezioni Prima Lezione: Seconda Lezione: Terza Lezione: Quarta

Dettagli

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori PRIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori PRIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Come aiutare i genitori PRIMA LEZIONE corso on- line di Anna La Prova ed Enrica Ciullo Bambini e ragazzi opposi0vi e provocatori. Come aiutare i genitori Corso

Dettagli

Linee guida SINPIA; ADHD: diagnosi e terapie farmacologiche. Approvazione CD: 24 Giugno 2002

Linee guida SINPIA; ADHD: diagnosi e terapie farmacologiche. Approvazione CD: 24 Giugno 2002 Ogni intervento va adattato alle caratteristiche del soggetto in base all età, alla gravità dei sintomi, ai disturbi secondari, alle risorse cognitive, alla sua situazione familiare e sociale Linee guida

Dettagli

LE Parole TUO FIGLIO PER CRESCERE. Alessio Roberti IL FUTURO DI CHI AMI È IN CIÒ CHE DICI ADESSO

LE Parole TUO FIGLIO PER CRESCERE. Alessio Roberti IL FUTURO DI CHI AMI È IN CIÒ CHE DICI ADESSO LE Parole PER CRESCERE TUO FIGLIO IL FUTURO DI CHI AMI È IN CIÒ CHE DICI ADESSO Alessio Roberti Di fatto un genitore che parla, parla e poi ancora parla... non sta comunicando, sta monologando si deve

Dettagli

Istituto Comprensivo di Civezzano. Scuola Primaria di Seregnano CONTRATTO FORMATIVO

Istituto Comprensivo di Civezzano. Scuola Primaria di Seregnano CONTRATTO FORMATIVO Istituto Comprensivo di Civezzano Scuola Primaria di Seregnano CONTRATTO FORMATIVO Anno Scolastico 2008/2009 Perché questo documento? Perché riteniamo che la collaborazione tra insegnanti e famiglia sia

Dettagli

L ITALIANO PER TE

L ITALIANO PER TE L ITALIANO PER TE www.litalianoperte.com Sì italiano: il social network per chi vuole imparare e insegnare l italiano in modo stimolante e divertente. Attraverso la condivisione di materiale già pronto

Dettagli

PARENT TRAINING. Uno degli elementi più importanti del servizio che forniamo al Lovaas Institute è il

PARENT TRAINING. Uno degli elementi più importanti del servizio che forniamo al Lovaas Institute è il PARENT TRAINING Di Nicole Murillo, M.A. Lovaas Institute - Los Angeles Uno degli elementi più importanti del servizio che forniamo al Lovaas Institute è il parent training. Mentre noi possiamo essere gli

Dettagli

Il mio stile di apprendimento

Il mio stile di apprendimento Il mio stile di apprendimento 2009 Diffusione Scolastica Srl - Novara. Pagina fotocopiabile e scaricabile dal sito: www.scuola.com Riduzione e adattamento a cura del Prof. Walter Galli GLI STILI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

p r e s e n t a A F F R O N T A R E U N C O L L O Q U I O C O N S U C C E S S O

p r e s e n t a A F F R O N T A R E U N C O L L O Q U I O C O N S U C C E S S O p r e s e n t a A F F R O N T A R E U N C O L L O Q U I O C O N S U C C E S S O ALCUNI CONSIGLI UTILI Se vieni invitato ad un colloquio di lavoro hai già motivo di essere soddisfatto: il tuo CV e la tua

Dettagli

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Tu:o ciò che devi sapere, fare, evitare QUARTA SETTIMANA

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Tu:o ciò che devi sapere, fare, evitare QUARTA SETTIMANA Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Tu:o ciò che devi sapere, fare, evitare QUARTA SETTIMANA In questa seimana imparerai a: ü Come aumentare l obbedienza con le conseguenze posi1ve ü Come aumentare

Dettagli

BAMBINI IMPOSSIBILI: LA PROVCAZIONE E IL NO

BAMBINI IMPOSSIBILI: LA PROVCAZIONE E IL NO BAMBINI IMPOSSIBILI: LA PROVCAZIONE E IL NO In questo articolo viene preso come riferimento la teoria del rinforzo e la prassi cognitiva-comportamentale nella gestione dei comportamenti problematici dei

Dettagli

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici 2 IO PER TE... TU PER NOI Daniela Maria Tortorici 3 A mio marito che ha creduto in me e mi ha convinta a scrivere questo libro. A mia figlia che è la ragione della mia vita. Ai miei genitori che sono dei

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO. Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato.. Albert Einstein

CONTRATTO FORMATIVO. Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato.. Albert Einstein Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato.. Albert Einstein CONTRATTO FORMATIVO CLASSE 1 D - ANNO SCOLASTICO 2010/11 Attenzione, autocontrollo, organizzazione,

Dettagli

7 soluzioni per gestire clienti difficili

7 soluzioni per gestire clienti difficili 7 soluzioni per gestire clienti difficili Ciao E ti do il benvenuto in questo Video Articolo dal titolo 7 soluzioni per gestire clienti difficili. Alzi la mano a chi non è capitato come professionista

Dettagli

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Chi è l Amministratore di sostegno? E una persona: può essere un mio parente come un genitore o un fratello, oppure una persona che non è della famiglia. L amministratore di

Dettagli

IN CLASSE HO UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

IN CLASSE HO UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO IN CLASSE HO UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Sergio Neri (1937/2000) INCONTRA I GENITORI E USA UN QUESTIONARIO STRUTTURATO PER AVERE LE PRIME INFORMAZIONI SULL ALUNNO I GENITORI SONO I

Dettagli

Communication is key Nome Cognome

Communication is key Nome Cognome Communication is key Nome Cognome Benvenuto! Imparare una nuova lingua ti permetterà di comunicare con moltissime persone! Conoscerai una nuova cultura e avrai l occasione di divertirti Non ti proponiamo

Dettagli

INVESTIRE SAGGIAMENTE E-BOOK

INVESTIRE SAGGIAMENTE E-BOOK INVESTIRE SAGGIAMENTE E-BOOK L' attività di investimento prevede l'acquisto di beni al fine di ottenere un profitto come dividendi, interessi o rendita che porta allo sviluppo di un'operatività di lungo

Dettagli

Come trasformare la competizione in collaborazione;

Come trasformare la competizione in collaborazione; OBIETTIVI Come trasformare la competizione in collaborazione; PRESUPPOSTI La competizione è un opportunità per i dipendenti e per l azienda quando è gestita correttamente; La competizione, quando gestita

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento Curricolo verticale di Lingua Inglese classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. RICEZIONE ORALE (ascolto) 1.1 Comprendere istruzioni, espressioni di uso quotidiano pronunciate chiaramente

Dettagli

IL METODO DI STUDIO. Prof.ssa Donatiello Angela

IL METODO DI STUDIO. Prof.ssa Donatiello Angela IL METODO DI STUDIO Prof.ssa Donatiello Angela Cosa vuol dire studiare? Applicarsi metodicamente all apprendimento di qualcosa (studiare il pianoforte, studiare una lingua straniera, ) Ricercare, indagare

Dettagli

L ITALIANO PER TE

L ITALIANO PER TE L ITALIANO PER TE www.litalianoperte.com Sì italiano: il social network per chi vuole imparare e insegnare l italiano in modo stimolante e divertente. Attraverso la condivisione di materiale già pronto

Dettagli

5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il segno

5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il segno Ciao 5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il segno E ti do il benvenuto in questo video articolo dal titolo 5 caratteristiche del Professionista Libero per lasciare sempre il

Dettagli

Nei luoghi turistici famosi italiani? Si indaga facendo vedere agli italiani la graduatoria con l Italia al primo posto.

Nei luoghi turistici famosi italiani? Si indaga facendo vedere agli italiani la graduatoria con l Italia al primo posto. Nei luoghi turistici famosi italiani? Kinoshita Prima di tutto, proviamo a chiedere quanto gli italiani siano orgogliosi del fatto che il loro paese è il numero uno nell arte della seduzione! Si indaga

Dettagli

INTERVISTA AL GENIO MATEMATICO DELLA PORTA ACCANTO CHIARA ROSAFIO

INTERVISTA AL GENIO MATEMATICO DELLA PORTA ACCANTO CHIARA ROSAFIO INTERVISTA AL GENIO MATEMATICO DELLA PORTA ACCANTO CHIARA ROSAFIO Simone 27 anni laureato a pieni voti presso la normale di Pisa in Fisica, oggi lavora come ricercatore presso il CNR. Tra le sue passioni

Dettagli

Attività di comprensione 1 Scegli l'alternativa corretta.

Attività di comprensione 1 Scegli l'alternativa corretta. Fare acquisti In un negozio di abbigliamento Commessa: Buongiorno. Angela: Buongiorno. Commessa: Come posso aiutarla? Angela: Sto cercando un vestito. Commessa: Ha già qualche idea? Angela: No. Commessa:

Dettagli

COME INSEGNARE I FONDAMENTALI DI GIOCO

COME INSEGNARE I FONDAMENTALI DI GIOCO COME INSEGNARE I FONDAMENTALI DI GIOCO Insegnare è in parte una scienza Un Allenatore deve essere un insegnante ed applicare i principi dell insegnamento Educazione motoria fattori che influenzano l apprendimento

Dettagli

Presentazione a cura di: Dottoressa Raffaella Carchio Psicologa Dottoressa Mariolina Gaggianesi - Psicologa

Presentazione a cura di: Dottoressa Raffaella Carchio Psicologa Dottoressa Mariolina Gaggianesi - Psicologa Presentazione a cura di: Dottoressa Raffaella Carchio Psicologa Dottoressa Mariolina Gaggianesi - Psicologa Carla Litighiamo continuamente, non abbiamo più niente in comune, passa più tempo al lavoro che

Dettagli

SPEAKING ITALIAN TIME: 5-7 minutes

SPEAKING ITALIAN TIME: 5-7 minutes DIRECTORATE FOR QUALITY AND STANDARDS IN EDUCATION Department of Curriculum Management Educational Assessment Unit Subject Proficiency Assessment 2015 SPA LEVEL 1 SPEAKING ITALIAN TIME: 5-7 minutes TEACHER

Dettagli

Modulo: II. La casa Livello: Alfa

Modulo: II. La casa Livello: Alfa 1. La casa Imparare a riconoscere le stanze di una casa e scrivere i loro nomi I nomi delle stanze Verbo essere ed avere, modo indicativo, tempo presente 3 fotocopie per ogni studente con le stanze della

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

La comunicazione in azienda e la ges0one del cliente

La comunicazione in azienda e la ges0one del cliente La comunicazione in azienda e la ges0one del cliente 14 Marzo 2012-1- Gli s0li comunica0vi - 2- esterno interno Esperienze Credenze Valori Comportamen0 A8eggiamen0 Il comportamento è tu9o quanto è osservabile

Dettagli

Leggere in modo Strategico. Guida Gratuita. di Anna La Prova

Leggere in modo Strategico. Guida Gratuita. di Anna La Prova Leggere in modo Strategico Guida Gratuita di Anna La Prova Introduzione Studiare non sempre è un impresa facile, in particolar modo se non si posseggono le strategie giuste per approcciare l apprendimento.

Dettagli

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Tu:o ciò che devi sapere, fare, evitare SUGGERIMENTI PER GLI INSEGNANTI

Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Tu:o ciò che devi sapere, fare, evitare SUGGERIMENTI PER GLI INSEGNANTI Bambini e Ragazzi Opposi1vi e Provocatori. Tu:o ciò che devi sapere, fare, evitare SUGGERIMENTI PER GLI INSEGNANTI In questa sejmana imparerai: ü Come ges1re i problemi di disciplina a scuola ü 14 strategie

Dettagli

CHECKLIST PER INDIVIDUARE LE DIFFICOLTA DEL SINGOLO ALUNNO

CHECKLIST PER INDIVIDUARE LE DIFFICOLTA DEL SINGOLO ALUNNO CHECKLIST PER INDIVIDUARE LE DIFFICOLTA DEL SINGOLO ALUNNO Non tutti i bambini con disturbo dello spettro autistico hanno le stesse difficoltà. Questa checklist aiuta ad individuare le aree di criticità

Dettagli

IL METODO. Supponiamo che ad una festa un amico ti offenda con brutte parole: Come ti sentiresti? Probabilmente arrabbiato

IL METODO. Supponiamo che ad una festa un amico ti offenda con brutte parole: Come ti sentiresti? Probabilmente arrabbiato IL METODO ABC Supponiamo che ad una festa un amico ti offenda con brutte parole: Come ti sentiresti? Probabilmente arrabbiato Ora fermiamoci a riflettere, e cerchiamo di esaminare bene l episodio: 1. Il

Dettagli

Le Buone Maniere sono sempre un ottimo affare

Le Buone Maniere sono sempre un ottimo affare La Business Etiquette Etiquette, in collaborazione con Grand Hotel Majestic, organizza una serie di corsi sulla Business Etiquette, totalmente dedicati all'arte delle buone maniere nel mondo degli affari

Dettagli

VERSIONE ITALIANA DELLA SESM, SCALA DEGLI UTENTI PER MISURARE L EMPOWERMENT NEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE (Ettore Straticò et al.

VERSIONE ITALIANA DELLA SESM, SCALA DEGLI UTENTI PER MISURARE L EMPOWERMENT NEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE (Ettore Straticò et al. VERSIONE ITALIANA DELLA SESM, SCALA DEGLI UTENTI PER MISURARE L EMPOWERMENT NEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE (Ettore Straticò et al., 2007) MODULO A 1. Sigla strumento 2. Identificazione del paziente 3. Età

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE. Le tipologie di testo che si prestano maggiormente ad essere oggetto di pianificazione sono:

LA PIANIFICAZIONE. Le tipologie di testo che si prestano maggiormente ad essere oggetto di pianificazione sono: LA PIANIFICAZIONE La pianificazione di un testo è un'attività che spesso viene recepita dagli alunni come non utile, faticosa e difficile. Quello che viene affrontato nella Scuola Primaria è un avvio ad

Dettagli

SEDUTA INFORMATIVA SUL RICONOSCIMENTO DEI

SEDUTA INFORMATIVA SUL RICONOSCIMENTO DEI SEDUTA INFORMATIVA SUL RICONOSCIMENTO DEI SEGNI INIZIALI DI CRISI Guida per gli operatori Questa guida contiene le informazioni da dare durante una seduta informativa. Le domande da fare (indicate con

Dettagli

Amministratore di Sostegno

Amministratore di Sostegno Palacongressi di Rimini 02-03 Dicembre 2016 Amministratore di Sostegno Una guida per TUTTI Dott.ssa Chiara Fantozzi Dott.ssa Melissa Mariotti Un progetto a cura di Anffas Toscana IL PROGETTO Anffas Toscana

Dettagli

SCOPRI LE TUE RISORSE

SCOPRI LE TUE RISORSE www.studentiefuturo.it Questionario di Orientamento - 1 per le Scuole Secondarie di Primo Grado (MEDIE) SCOPRI LE TUE RISORSE (a cura di PAOLA BIANCHI - EMILIA FILOSA) Il presente questionario contiene

Dettagli

Fare rete: l alunno con AUTISMO a scuola

Fare rete: l alunno con AUTISMO a scuola Fare rete: l alunno con AUTISMO a scuola Strategie didattiche ed educative per l inclusione scolastica 27 marzo 2014 CTI Monza Ovest Dott.ssa Paola Molteni CeDisMa Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità

Dettagli

Come ascoltare i figli e come farsi ascoltare. Uno sguardo pedagogico centrato sull educazione

Come ascoltare i figli e come farsi ascoltare. Uno sguardo pedagogico centrato sull educazione 1 Come ascoltare i figli e come farsi ascoltare Uno sguardo pedagogico centrato sull educazione Come ascoltare 2 nei momenti normali e speciali a) Guardarlo negli occhi; b) Non fare qualcos altro; c) Ascoltare

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe Quinta

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe Quinta QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

ATTIVITA DI GEOMETRIA CLASSE 4^ SCUOLA PRIMARIA DI ARGENTERA CANAVESE, IC GUIDO GOZZANO RIVAROLO CAN.SE

ATTIVITA DI GEOMETRIA CLASSE 4^ SCUOLA PRIMARIA DI ARGENTERA CANAVESE, IC GUIDO GOZZANO RIVAROLO CAN.SE ATTIVITA DI GEOMETRIA CLASSE 4^ SCUOLA PRIMARIA DI ARGENTERA CANAVESE, IC GUIDO GOZZANO RIVAROLO CAN.SE DOCENTE: ZUCCA CRISTIANA INTRODUZIONE L insegnante è partita dall argomento previsto dal programma

Dettagli

Il progetto Safe Surfinge il corso Dispositivi mobili: opportunitàe pericoli per le persone con disabilità intellettiva

Il progetto Safe Surfinge il corso Dispositivi mobili: opportunitàe pericoli per le persone con disabilità intellettiva Il progetto Safe Surfinge il corso Dispositivi mobili: opportunitàe pericoli per le persone con disabilità intellettiva Il progetto Safe Surfing è un progetto fatto da Inclusion Europe e da altre quattro

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

IL METODO DI STUDIO COME SI STUDIA (VERAMENTE)?

IL METODO DI STUDIO COME SI STUDIA (VERAMENTE)? IL METODO DI STUDIO COME SI STUDIA (VERAMENTE)? PREMESSA: SAPERE PERCHÉ Sempre è fondamentale una domanda: perché si studia? È una bella domanda con la quale iniziare insieme l anno di scuola! Avremo tempo

Dettagli

Legge sui disabili. Spiegata in linguaggio semplice

Legge sui disabili. Spiegata in linguaggio semplice Legge sui disabili Spiegata in linguaggio semplice Importante Le leggi non possono essere scritte in linguaggio semplice. Le leggi hanno regole proprie. Si dice anche requisiti giuridici. Per questo motivo

Dettagli

MUSICA, FILM E PIZZERIA: DIVERTIRSI IN COMPAGNIA

MUSICA, FILM E PIZZERIA: DIVERTIRSI IN COMPAGNIA Anna Contardi e Monica Berarducci AIPD Associazione Italiana Persone Down MUSICA, FILM E PIZZERIA: DIVERTIRSI IN COMPAGNIA IDEE E CONSIGLI PER IMPARARE A GESTIRE IL TEMPO LIBERO Collana Laboratori per

Dettagli

LA COMUNICAZIONE. mettere in comune. La radice etimologica della parola vuol dire. Comunicare è:

LA COMUNICAZIONE. mettere in comune. La radice etimologica della parola vuol dire. Comunicare è: LA COMUNICAZIONE La radice etimologica della parola vuol dire mettere in comune Comunicare è: Mobilitare l energia umana verso la realizzazione di obiettivi comuni Hubert Jaoui Il processo comunicazionale

Dettagli

Una nuova versione di pallamano

Una nuova versione di pallamano Flipped classroom Una nuova versione di pallamano COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Progettare Comunicare Collaborare e partecipare Scopo della flipped classroom è quello di giungere all organizzazione di un mini

Dettagli

si comincia Prof. A.Battistelli 1

si comincia Prof. A.Battistelli 1 si comincia Prof. A.Battistelli 1 https://www.youtube.com/watch?v=-pgpxukteic Prof. A.Battistelli 2 Prof. A.Battistelli 3 VOLEVANO FARCELA PER PASSIONE O GRANDE VOLONTÀ Prof. A.Battistelli 4 PER OGNI FASE

Dettagli

IL TIME MANAGEMENT: ORGANIZZARE IL TEMPO E GOVERNARLO

IL TIME MANAGEMENT: ORGANIZZARE IL TEMPO E GOVERNARLO Idee e metodologie per la direzione d impresa Giugno - Luglio 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. : ORGANIZZARE

Dettagli

Federazione Maestri del Lavoro d Italia. PROGETTO Scuola Lavoro «Importanza dello Studio»

Federazione Maestri del Lavoro d Italia. PROGETTO Scuola Lavoro «Importanza dello Studio» Federazione Maestri del Lavoro d Italia PROGETTO Scuola Lavoro «Importanza dello Studio» PARLIAMO DI AUTOSTIMA AUTOSTIMA = Percezione di fiducia e di stima nei propri confronti. Tale percezione si manifesta:

Dettagli

DRILLING: tecniche per ripetere

DRILLING: tecniche per ripetere DRILLING: tecniche per ripetere Cos è? Un esercizio di drilling d ora in poi ED è un momento di ripetizione: lo studente ripete un modello dato, facendo delle piccole variazioni. Facciamo due esempi di

Dettagli

Riepilogo. Interesse. Studi per passione? Ti dedichi maggiormente alle materie che ti interessano di più? 1 di 22 29/09/2015 10:24

Riepilogo. Interesse. Studi per passione? Ti dedichi maggiormente alle materie che ti interessano di più? 1 di 22 29/09/2015 10:24 1 di 22 29/09/2015 10:24 Modifica questo modulo Vedi tutte le risposte Pubblica i dati di analisi Riepilogo Interesse Studi per passione? 52.4% 23.8% 19% sempre 4 19% spesso 11 52.4% talvolta 5 23.8% mai

Dettagli

ADHD ossia Attention deficit Hiperactivity Disorder

ADHD ossia Attention deficit Hiperactivity Disorder DDAI OSSIA Disturbo di deficit di attenzione ed iperattivita ADHD ossia Attention deficit Hiperactivity Disorder DANIELA CHECCHETTO PAOLA VILLA Premessa L ADHD Ha una causa neurobiologica Si caratterizza

Dettagli

Attività 1. Presentazione di un problema reale di stimolo (Il giardiniere e l aiuola)

Attività 1. Presentazione di un problema reale di stimolo (Il giardiniere e l aiuola) LA RETTA 1 Attività 1 Presentazione di un problema reale di stimolo (Il giardiniere e l aiuola) Un giardiniere vuole mettere alla prova il suo nuovo apprendista. Posiziona sul terreno 3 sassi e gli chiede

Dettagli

Indice. 1 È ora di prendere in mano la situazione!... 1

Indice. 1 È ora di prendere in mano la situazione!... 1 Indice 1 È ora di prendere in mano la situazione!............................ 1 1.1 No. Non siete pazzi!........................................ 3 1.2 Sensi ed emozioni: partner nel processo di percezione.............

Dettagli

L2 - SPAGNOLO SAPERI MINIMI DISCIPLINARI

L2 - SPAGNOLO SAPERI MINIMI DISCIPLINARI L2 - SPAGNOLO SAPERI MINIMI DISCIPLINARI 1 L2 - SPAGNOLO SAPERI MINIMI DISCIPLINARI CLASSE I ITE Alla fine del primo anno gli allievi devono essere in grado di utilizzare le 4 abilità comunicative nel

Dettagli

Presentazione a cura di: Dottoressa Raffaella Carchio Psicologa Dottoressa Mariolina Gaggianesi - Psicologa

Presentazione a cura di: Dottoressa Raffaella Carchio Psicologa Dottoressa Mariolina Gaggianesi - Psicologa Presentazione a cura di: Dottoressa Raffaella Carchio Psicologa Dottoressa Mariolina Gaggianesi - Psicologa Tutti quelli fra voi che lavorano sanno che il lavoro, qualunque esso sia, porta via molte energie

Dettagli

Le emozioni in un diario

Le emozioni in un diario Le emozioni in un diario Questo diario è nato con lo scopo di poter meglio comprendere e supportare i bambini nella gestione delle emozioni. Il diario è suddiviso in 2 parti, una per le emozioni positive

Dettagli

STRATEGIE DI MODIFICAZIONE DEL COMPORTAMENTO: Gestione degli antecedenti Gestione delle conseguenze positive Gestione delle conseguenze negative

STRATEGIE DI MODIFICAZIONE DEL COMPORTAMENTO: Gestione degli antecedenti Gestione delle conseguenze positive Gestione delle conseguenze negative STRATEGIE DI MODIFICAZIONE DEL COMPORTAMENTO: Gestione degli antecedenti Gestione delle conseguenze positive Gestione delle conseguenze negative INTERVENTI BASATI SULLE CONSEGUENZE POSITIVE NEGATIVE frequenza,

Dettagli

lyondellbasell.com Comunicazione efficace

lyondellbasell.com Comunicazione efficace Comunicazione efficace Che cosa è la comunicazione? La comunicazione è un processo a doppio senso di scambio di informazioni. Tali informazioni vengono trasmesse con le parole, il tono di voce e il linguaggio

Dettagli

I.C VANVITELLI CASERTA PROGETTO ORIENTAMENTO 2015/16

I.C VANVITELLI CASERTA PROGETTO ORIENTAMENTO 2015/16 I.C VANVITELLI CASERTA PROGETTO ORIENTAMENTO 2015/16 ORIENTIAMO..CI FASI DEL PROGETTO Somministrazione questionario on line in ingresso Riunione genitori-alunni delle classi terze Presentazione del progetto

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre Ufficio della Certificazione dell italiano L2 CERTIFICATO. cert.it A seconda sessione autunnale

Università degli Studi Roma Tre Ufficio della Certificazione dell italiano L2 CERTIFICATO. cert.it A seconda sessione autunnale Università degli Studi Roma Tre Ufficio della Certificazione dell italiano L2 CERTIFICATO cert.it A1 2016 seconda sessione autunnale Ascoltare 4 prove (Questa prova vale 25 punti) Prova n. 1 Ascolta i

Dettagli

DOCUMENTO PER IL PASSAGGIO DI INFORMAZIONI DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA PRIMARIA

DOCUMENTO PER IL PASSAGGIO DI INFORMAZIONI DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA PRIMARIA Allegato n.1 DOCUMENTO PER IL PASSAGGIO DI INFORMAZIONI DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA PRIMARIA Nome e cognome del bambino.. Nato/a il. Scuola dell infanzia di provenienza. Anno scolastico 2013

Dettagli

10 Non provo più interesse o piacere in qualche attività che prima mi piaceva fare (se ti succede, specifica nel diario quali attività)

10 Non provo più interesse o piacere in qualche attività che prima mi piaceva fare (se ti succede, specifica nel diario quali attività) Modulo 2.1 - QUESTIONARIO SULLE CARATTERISTICHE DELLA DEPRESSIONE Per favore, scrivi le tue iniziali e la data e fai un segno sul riquadro vicino a ciascun problema e a ciascun sintomo che hai avuto negli

Dettagli

Gestire classi difficili

Gestire classi difficili Gestire classi difficili Cosa vuol dire difficili? Stabilire e condividere tra gli insegnanti degli standard, cioè delle condotte che essi si aspettano dagli allievi relativamente all autonomia, alla responsabilità,

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Studiare non è tra le attività preferite dei figli

Dettagli

Perché studiare Infermieristica?

Perché studiare Infermieristica? Perché studiare Infermieristica? Perchè mi piace il contatto umano, relazionarmi con le persone e provare empatia. Perché posso prendermi cura di persone e questo mi gratifica e mi dà molte soddisfazioni.

Dettagli

CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE COMPETENZA CHIAVE (Racc. UE 18/12/2006) LA COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE COMPETENZA CHIAVE (Racc. UE 18/12/2006) LA COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZE SPECIFICHE DELLA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE * (Indicazioni per il curricolo 2012) OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comprendere il significato di semplici istruzioni e

Dettagli

Lo STUDIO, questo sconosciuto!

Lo STUDIO, questo sconosciuto! Lo STUDIO, questo sconosciuto! 1.A. che cosa penso della GEOGRAFIA Evidenzia due risposte fra le seguenti, poi scrivi la tua motivazione. Geografia è interessante è noiosa aiuta a capire il mondo è difficile

Dettagli

Pratiche di XP [Beck] Extreme Programming (XP) Story Card. Gioco di pianificazione

Pratiche di XP [Beck] Extreme Programming (XP) Story Card. Gioco di pianificazione Extreme Programming (XP) Pratiche di XP [Beck] Principi di XP Avere feedback rapidamente Assumere la semplicità Cambiamenti incrementali Supportare i cambiamenti Produrre lavoro di qualità Gioco di pianificazione

Dettagli

Energia per il proprio corpo

Energia per il proprio corpo Energia per il proprio corpo Tutti gli animali e le piante hanno bisogno di cibo per vivere e per crescere. Anche il tuo corpo ha bisogno di cibo. Che tipo di cibo serve per vivere e crescere? La foto

Dettagli

Progetto rivolto alle istituzioni. scolastiche e formative per la. presentazione d istanze di sovvenzione. finalizzate alla realizzazione dei progetti

Progetto rivolto alle istituzioni. scolastiche e formative per la. presentazione d istanze di sovvenzione. finalizzate alla realizzazione dei progetti Progetto rivolto alle istituzioni scolastiche e formative per la presentazione d istanze di sovvenzione finalizzate alla realizzazione dei progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica e al successo

Dettagli

IO E LA MAMMA INVECE. r r r r Più o meno così. Più o meno così anche per me. 2. La tua mamma è stata via per alcuni giorni, ma stasera tornerà a casa.

IO E LA MAMMA INVECE. r r r r Più o meno così. Più o meno così anche per me. 2. La tua mamma è stata via per alcuni giorni, ma stasera tornerà a casa. IO E LA MAMMA 1. Un giorno vai al cinema con un tuo amico. Alla fine del film, aspetti fuori la mamma, che deve venirti a prendere per tornare a casa. La mamma però è molto in ritardo. Certi bambini resterebbero

Dettagli

Osservare l interlingua

Osservare l interlingua Osservare l interlingua Protocollo per osservare strutture linguistiche diagnostiche dai 10 ai 15 anni a cura di Stefania Ferrari www.glottonaute.it Protocollo per osservare strutture linguistiche diagnostiche

Dettagli

contenuti del percorso

contenuti del percorso contenuti del percorso INDICE DEI CONTENUTi rockpop code Modulo 0 - come seguire il percorso Ho voluto creare un video per spiegar2 come seguire tu4o il percorso RockPop Code, in modo tale da semplificar2

Dettagli

Manuale d uso Studente (Redattore) Manuale d uso Redattore Pagina 1 di 7

Manuale d uso Studente (Redattore) Manuale d uso Redattore Pagina 1 di 7 Repubblica@SCUOLA Manuale d uso Studente (Redattore) www.repubblicascuola.it Pagina 1 di 7 INDICE 1. INIZIATIVA 2. CAMPIONATO DEGLI STUDENTI 3. CONCORSI 4. ISCRIZIONE 5. ACCESSO 6. SCRIVERE UN TEMA O UNA

Dettagli

Perché andare dallo psicologo?

Perché andare dallo psicologo? Perché andare dallo psicologo? Idee e false credenze: Dal passato.. - Freud e il lettino: in base all'approccio teorico utilizzato ci possono essere diversi modi di entrare in relazione con l altra persona.

Dettagli

PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE. La scelta dei questionari

PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE. La scelta dei questionari PROGETTO PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE La scelta dei questionari Due questionari Questionario conoscitivo Questionario sulle strategie di studio Due questionari Questionario conoscitivo 1. Età 2. Lingua

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Report dal Corso Lavorare in squadra

Report dal Corso Lavorare in squadra Report dal Corso Lavorare in squadra Corso di formazione nazionale sui processi comunica9vi Lecce, 7-8 O?obre 2014 1 Ar9colazione del Corso Al corso hanno partecipato 50 persone (35 amministra9vi delle

Dettagli

Aiutiamo i nostri figli ad andare bene a scuola

Aiutiamo i nostri figli ad andare bene a scuola Aiutiamo i nostri figli ad andare bene a scuola Martedì 8 - Mercoledì 16 maggio 2012 Scuola Media E. Fermi di Lusia Le diapositive 7, 9, 10, 11 sono il prodotto dei lavori di gruppo in cui protagonisti

Dettagli

IL PARENT TRAINING 19/02/2011. Cosa si può fare per il bambino con ADHD? Cosa si può fare per il bambino con ADHD? COSA SI PUO FARE PER L ADHD

IL PARENT TRAINING 19/02/2011. Cosa si può fare per il bambino con ADHD? Cosa si può fare per il bambino con ADHD? COSA SI PUO FARE PER L ADHD COSA SI PUO FARE PER L ADHD L INTERVENTO PSICOEDUCATIVO IN UN OTTICA MULTIFOCALE Mestre, 18 Febbraio 2011 Dott.ssa Tiziana De Meo U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile di San Donà di Piave ULSS n. 10 Veneto

Dettagli

Dida%ca delle lingue moderne (OCI)

Dida%ca delle lingue moderne (OCI) Dida%ca delle lingue moderne (OCI) Anno accademico 2017/18 Prof. Elena Nuzzo Calendario delle lezioni 1. 4 ocobre 2. 5 ocobre 3. 11 ocobre 4. 18 ocobre 5. 19 ocobre 6. 25 ocobre 7. 26 ocobre 8. 8 novembre

Dettagli

S C U O L E D E L L ' I N F A N Z I A E S T E D O V E S T

S C U O L E D E L L ' I N F A N Z I A E S T E D O V E S T ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAGNOLO MELL A S C U O L E D E L L ' I N F A N Z I A E S T E D O V E S T 2014-2015 PROGETTO UGUAGLIANZA-DIVERSITÀ Leggendo le diverse conversazioni che abbiamo tenuto con i bambini

Dettagli

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 AGENDA le tecniche di vendita La tua strategia di vendita 2 Le slide di questo corso puoi scaricarle nel sito: www.wearelab.com www.brunobruni.it 3 BREVE RIEPILOGO Cambio

Dettagli

AUTAMAROCCHI.

AUTAMAROCCHI. AUTAMAROCCHI TIME MANAGEMENT L OTTIMIZZAZIONE DEL TEMPO GIAN LUCA AGOSTINELLI www.autamarocchi.com Our people, our strength Dedicating our daily thoughts to our work, and to our people means expressing

Dettagli

Criteri di osservazione nella scuola dell infanzia IPDA

Criteri di osservazione nella scuola dell infanzia IPDA Criteri di osservazione nella scuola dell infanzia IPDA Iden7ficazione Precoce delle Difficoltà di Apprendimento Ques%onario osserva%vo NON diagnos7co per bambini dell ul7mo anno della scuola dell infanzia

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO - ARTISTICO - ESPRESSIVA LINGUE COMUNITARIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI

Dettagli

Matteo Torluccio IPIA Alberghetti 4 A TL

Matteo Torluccio IPIA Alberghetti 4 A TL Matteo Torluccio IPIA Alberghetti 4 A TL REPORT N 2 La tua strategia personale per entrare nel mondo del lavoro. Quando finirò la scuola media superiore avrò in mano un diploma di tecnico delle industrie

Dettagli

Esempio : Esercizio 1

Esempio : Esercizio 1 Completare con il verbo essere o avere al presente. se la frase inizia con Sig. (Signor) un nome e una virgola, usare il "Lei" Giorgio, sei stanco? Sig. Rossi, ha il passaporto? Esercizio 1 Elena e Bruna

Dettagli

ABILITA DI IMITAZIONE

ABILITA DI IMITAZIONE Curriculum di base ABILITA DI IMITAZIONE : 1. saper imitare movimenti grosso motori 2. saper imitare azioni con oggetti 3. saper imitare movimenti fini motori 4. saper imitare movimenti bocco-fonatori

Dettagli

Test d'ingresso. Corso: Approccio alla didattica della lingua italiana a persone non italofone Anitel anno 2012 Corsista: Maria Saeli

Test d'ingresso. Corso: Approccio alla didattica della lingua italiana a persone non italofone Anitel anno 2012 Corsista: Maria Saeli Compito 1: Ideate un test d'ingresso da somministrare a studenti stranieri all'apertura dell'anno scolastico. Gli studenti sono di prima media e hanno ML diverse. Test d'ingresso 1. Comprensione Ascolto

Dettagli