Poli%ca Economica per l Innovazione Modulo del corso di Poli%ca Economica e Industriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poli%ca Economica per l Innovazione Modulo del corso di Poli%ca Economica e Industriale"

Transcript

1 Poli%ca Economica per l Innovazione Modulo del corso di Poli%ca Economica e Industriale Maria Alessandra Rossi Cleis, Università di Siena

2 Cosa imparerete da questo modulo? Perché dovremmo preoccuparci di fornire incen?vi all innovazione? Quali metodi alterna?vi di incen?vazione esistono? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei brevef? Quali?pi di innovazioni dovrebbero essere brevegate? SoHware? Biotecnologie? Ha senso brevegare i risulta? della ricerca pubblica?

3 L esplosione dei breve=. Fonte: USPTO (2008)

4 il ruolo sempre più controverso dei breve= Il trend di rafforzamento del sistema di proprietà intelleguale. Estensione della brevegabilità Is?tuzione della Court of Appeal of the Federal Circuit negli Sta? Uni? e proposta di is?tuzione dell European Patent Li?ga?on Protocol in Europa Rafforzamento della protezione a livello internazionale mediante i TRIPs. e il suo impago sulle controversie in materia di brevef (Lanjouw and Shankerman, 2001) Incremento sostanziale del numero delle controversie Tassi di ricorso al sistema giudiziario costan? ma diversi per segore

5 ma anche modalità di u%lizzo della PI sempre più crea%ve

6 Perchè lo Stato dovrebbe intervenire in supporto dell innovazione? Il primo teorema fondamentale dell economia del benessere suggerisce i limi? della mano invisibile di Adam Smith: Se (a) esistono merca? comple? (per tuf i beni che entrano nelle funzioni di u?lità e di produzione) e (b) tuf i merca? sono compe??vi, l equilibrio dell economia è Pareto efficiente In altre parole, se i merca? sono comple? e se tuf gli individui compiono le scelte di consumo e produzione sulla base di un comportamento massimizzante e fronteggiano lo stesso vegore dei prezzi non possono esserci ulteriori scambi mutuamente vantaggiosi. Il Teorema suggerisce che l intervento dello Stato nell economia è gius?ficato se si ha una violazione delle condizioni (a) e (b), ovvero se si ha un fallimento di mercato

7 Le ragioni del supporto dello Stato alla produzione di conoscenza Nella produzione di conoscenza si determina un fallimento di mercato, dovuto al fago che la conoscenza possiede le carageris?che di un bene pubblico: Non escludibilità: è difficile per il creatore di conoscenza escludere gli altri dall accesso una volta che questa sia stata creata Free riding Scarsa appropriabilità dei benefici dell innovazione da parte dell innovatore Non rivalità: al? cos? fissi di produzione/bassi cos? di distribuzione la conoscenza può essere u?lizzata da un numero virtualmente infinito di agen? economici senza diminuzione del beneficio ogenibile da ciascuno. In altre parole il beneficio marginale che ciascun consumatore deriva dal consumo della conoscenza non diminuisce all aumentare del numero dei consumatori dello stesso bene conoscenza.

8 Produzione di un bene privato efficienza di merca% compe%%vi Prezzo Disponibilità a pagare p Costo Marginale Nel caso della produzione di conoscenza: Consumatori Scotchmer, 2004 P = MC = 0 => l innovatore non è in grado di recuperare l inves?mento in innovazione => si ha sogo inves?mento in innovazione.

9 Arrow 1962: Il problema dell appropriabilità L afvità di produzione di informazione da parte di un agente economico genera importan? esternalità posi%ve che beneficiano altri agen? economici senza compensazione per l inventore; In altre parole, date le carageris?che di non rivalità, non escludibilità e trasferibilità del bene informazione si determina una divergenza fra valore privatamente appropriabile e valore sociale dell informazione che ne determina la sogo produzione. Indivisibilità dell informazione, il paradosso fondamentale e i merca? per l informazione Acquisto sub ofmale di informazione (per qualsiasi livello di prezzo e sopragugo se u?lizzata come input nell afvità innova?va) Allocazione sub ofmale dell informazione (per un prezzo posi?vo) Incertezza e processo innova?vo Assicurazione ridurrebbe incen?vi ImperfeGa appropriabilità anche con protezione legale

10 Ancora sull appropriabilità Ovviamente la conoscenza cos?tuisce un bene pubblico impuro: Dis?nzione informazione/conoscenza; Conoscenze tacite/codificate Il problema dell appropriabilità iden?ficato da Arrow incide in diversa misura su diversi contes? innova?vi Inoltre, incide in diversa misura in relazione alla fase della ricerca: ricerca di base/ricerca applicata e in relazione alla?pologia di innovazione: innovazione di processo/di prodoso

11 Soluzioni al problema dell appropriabilità adosate dalle imprese (indipendentemente dall intervento statale) Dimensione dell impresa Segretezza Lead Time Vantaggio di competenza Innovazione con?nua Servizi complementari

12 Strumen% di appropriazione non basa% su PI/1 Dimensione d impresa Le grandi imprese sono in grado di: Distribuire meglio i cos? fissi dell innovazione su una più ampia gamma di afvità; Internalizzare un volume più elevato di spillover. La relazione tra dimensione d impresa e appropriabilità è meno stringente che in passato Segreto Lo Stato protegge l impresa che non divulga il contenuto dell innovazione soltanto se i concorren? accedono ad essa in maniera scorrega Le imprese concorren? hanno la facoltà di scoprire il segreto mediante reverse engineering

13 Strumen% di appropriazione non basa% su PI/2 Lead Time Capacità di entrare per prima sul mercato e conseguire il cosiddego first mover advantage Benefici in termini di (a) capacità di agrarre i consumatori e (b) acquisizione di una posizione privilegiata sulla curva di apprendimento Vantaggio di competenza e innovazione con%nua Garan?scono una protezione dall imitazione Servizi complementari (es. assistenza post vendita) Assicurano la fidelizzazione del cliente Cos?tuiscono un elemento difficilmente replicabile da un concorrente

14 Soluzioni al problema dell appropriabilità predisposte dallo Stato Proprietà intelleguale Inves?mento pubblico: Procurement (acquisto dirego dell innovazione mediante contrago) es. ricerca militare Premi es. misurazione longitudine Finanziamento dirego es. finanziamento ricerca universitaria Sussidi alle imprese

15 La proprietà intellesuale come mezzo di soluzione del problema dell appropriabilità La tutela della proprietà intelleguale crea ar?ficialmente un certo grado di escludibilità sui beni informazione; La possibilità di escludere legalmente gli altri agen? economici dall accesso all informazione ne aumenta il grado di appropriabilità; La diminuzione della differenza fra valore sociale e valore privatamente appropriabile dell informazione aumenta l incen?vo alla creazione; La creazione legale di escludibilità confligge con la proprietà di non rivalità dei beni informazione: l efficienza sta?ca richiederebbe accesso ad essi al costo marginale (zero);

16 Il sistema di proprietà intellesuale Breve= Proteggono l applicazione industriale di un idea innova?va; La protezione viene accordata se alcuni requisi? sono presen?, in par?colare un requisito di originalità; La protezione ha una durata di 20 anni nella maggior parte dei paesi sviluppa?; Copyright/DiriSo d autore Protegge l espressione di un idea crea?va; L idea crea?va non deve essere necessariamente originale; AGribuisce il dirigo esclusivo di copiare, riprodurre, distribuire, adagare e mostrare in pubblico una creazione originale (spesso, ma non sempre, ar?s?ca v.sohware); La protezione ha una durata di 50 anni dopo la morte dell autore in Italia e di 70 anni dopo la morte dell autore negli USA. Marchi Proteggono simboli e segni dis?n?vi che iden?ficano par?colari aziende o prodof; Sono concessi a condizione che il simbolo iden?fica?vo sia chiaramente dis?nguibile; Durano per sempre, o fino a quando non vengono abbandona? o entrano nell uso comune come termini generici

17 Il brevetto/1 Il brevetto attribuisce il diritto di esclusiva sull invenzione per un periodo di tempo limitato (20 anni). il diritto di esclusiva include: il diritto di produrre, usare, mettere in commercio, vendere o importare a tali fini - brevetto di prodotto Il diritto di applicare il procedimento, usare, mettere in commercio, vendere o importare a tali fini il prodotto direttamente ottenuto con il procedimento in questione - brevetto di processo Requisiti di brevettabilità: Industrialità Novità Originalità Liceità In Europa, per essere considerata brevettabile, un innovazione deve avere carattere tecnico

18 Le funzioni del breveso Funzioni del brevego: Funzione incen?vante; Funzione transafva; Funzione di disclosure; Funzione di segnalazione Ovviamente, le 4 funzioni del brevego sono complementari e si influenzano a vicenda. Ciò vale in par?colare per la funzione transafva e la funzione incen?vante.

19 Funzione incen%vante e trade off fra efficienza sta%ca e efficienza dinamica. (cd. reward theory of patents ) TuGavia, la discriminazione di prezzo può ridurre l inefficienza sta?ca mv p m πv lv Perdita nega di monopolio (deadweight loss) Scotchmer, 2004

20 Funzione transa=va I brevef possono svolgere un ruolo rilevante nel facilitare il trasferimento tecnologico e superare il paradosso di Arrow DireGamente, agraverso il trasferimento delle informazioni contenute nel brevego stesso IndireGamente, facilitando lo scambio di informazioni complementari di natura tacita La funzione transafva del brevego è essenziale nel caso di brevef sugli input della ricerca successiva, in par?colare nei contes? di innovazione cumula?va Transazioni che hanno ad oggego brevef: Licensing Cross licensing Patent Pools

21 Funzione di disclosure (cd. contract theory of patents ) La descrizione dell innovazione contenuta nella domanda di brevego ha due obiefvi: Aiuta a definire l estensione del brevego Favorisce la disclosure e quindi la diffusione di conoscenze tecnologiche I database breveguali cos?tuiscono un mezzo di diffusione dell informazione tecnologica L uso dei database breveguali da parte delle imprese varia in modo rilevante da segore a segore L esistenza del brevego può anche facilitare la diffusione agraverso altri mezzi (es. partecipazione dei corporate researchers a conferenze)

22 Funzione di segnalazione Il possesso di brevef funge da segnale della capacità dell impresa di generare innovazioni e profigo Consente di agrarre capitale nella forma di venture capital La rilevanza della funzione di segnalazione è inversamente correlata alla dimensione dell impresa, essendo par?colarmente rilevante per le PMI

23 Vizi e virtù della proprietà intellesuale EX POST Perdita nega di monopolio ( ) EX ANTE Decentralizzazione degli incen?vi (+) Le scelte di inves?mento in innovazione sono prese dagli agen? economici in modo indipendente (senza contragazione direga con l autorità pubblica); La PI implica almeno una forma debole di controllo sull efficienza dell inves?mento innova?vo: gli agen? investono solo se il valore ageso dell innovazione è maggiore del costo dell inves?mento. Costo dell innovazione imposto sugli u?lizzatori (+) Ma quest effego è apprezzabile se i benefici dell innovazione sono concentra? su pochi u?lizzatori, meno apprezzabile se i benefici sono dispersi. Scarso coordinamento del processo innova?vo ( ) Non induce ad inves?re soltanto le imprese più efficien?; Può indurre un numero eccessivo di imprese ad inves?re nella corsa al brevego

24 Aggregazione dell informazione e breve= I brevef non sono in grado di aggregare efficientemente l informazione Due idee (v 1,c 1 ) e (v 2,c 2 ), con 1/r(v 1 ) c 1 1/r(v 2 ) c 2 Problema: indurre l inves?mento solo nell idea più efficiente Il brevego è in grado di ogenere questo risultato? Due soluzioni possibili, che possono entrambe essere inefficien?: Se il valore dei brevef è sufficientemente alto [c 1 (1/2)πv 1 T e c 2 (1/2)πv 2 T] patent race (prob.1/2) duplicazione cos? Se il valore dei brevef è basso [c 1 >(1/2)πv 1 T e c 2 >(1/2)πv 2 T] 1 o 0 imprese entrano, non necessariamente la + efficiente

25 Finanziamento pubblico dell innovazione NB. In condizioni di informazione perfega il finanziamento pubblico dell innovazione sarebbe preferibile alla PI poiché non comporterebbe inefficienze dal punto di vista sta?co. Se lo Stato conoscesse il valore dell innovazione potrebbe ogenere lo stesso livello di innovazione ogenibile mediante brevego corrispondendo all inventore una somma pari al valore appropriabile mediante brevego (πvt), senza perdita nega di monopolio; Problemi dell autorità pubblica: Osservabilità e verificabilità del valore dell invenzione; Osservabilità e verificabilità del costo sostenuto; Rappresentazione contabile non veri?era; Difficoltà di agribuzione dei cos? nella ricerca congiunta; Incertezza del processo innova?vo.

26 Premi Se il valore dell innovazione non è osservabile => è difficile stabilire sia l opportunità di offrire un premio che la dimensione del premio; Se il valore non è verificabile => problemi di hold up da parte dello stato Se il costo non è osservabile => moral hazard da parte del ricercatore NB. La definizione economica di costo si riferisce al minimo costo necessario ad ogenere un dato risultato.

27 Premi (2) I premi possono essere di diverso?po: Targeted prizes: Problema innova?vo iden?ficato ex ante dallo sponsor Ammontare del premio stabilito ex ante AGribuzione del premio condizionale al rispego di standard stabili? exante Blue sky prizes: Problema innova?vo non iden?ficato ex ante dallo sponsor Ammontare del premio stabilito ex post in relazione al valore dell innovazione AGribuzione del premio condizionale al rispego di standard stabili? expost

28 Premi (3) Nello stabilire l ammontare del premio, lo Stato dovrebbe valutare: (a) valore dell innovazione; (b) costo dell innovazione; (c) # ideale di partecipan? In par?colare, lo Stato?ene conto del fago che: Un valore del premio inferiore al valore sociale può non coprire i cos? di innovazione; Un valore del premio superiore al costo dell innovazione può agrarre troppi concorren? Il valore del premio può essere collegato al valore dell invenzione in due modi: Rendendo l agribuzione del premio condizionale ad uno standard di performance verificabile; Rendendo disponibile la PI come alterna?va (specialmente per i blue sky prize)

29 Procurement Lo Stato s?pula un contrago con un certo numero di imprese per la realizzazione di un innovazione; Lo Stato controlla in questo caso l accesso al mercato della ricerca scegliendo gli agen? pubblici o priva? cui affidare la realizzazione di innovazioni; Vantaggi: RispeGo alla PI e ai premi, è possibile un maggiore coordinamento della ricerca e quindi una riduzione della duplicazione degli inves?men? Svantaggi: Il coordinamento del numero di partecipan? al processo innova?vo può ridurre l incen?vo all innovazione; Come per i premi, lo Stato deve conoscere il valore dell innovazione per determinare l ammontare del compenso; Questo svantaggio è molto ridogo se lo sponsor stesso cos?tuisce il maggior acquirente per l invenzione (es. difesa, ricerca spaziale)

30 Ricapitolando. Merca? compe??vi offrono incen?vi subofmali all innovazione La PI non è l unico meccanismo di incen?vazione dell innovazione disponibile; I meccanismi di incen?vazione dell innovazione sono tuf imperfef; Diversi meccanismi di incen?vazione sono adegua? a diversi contes? innova?vi (in relazione alla natura dell informazione posseduta dallo sponsor, alla natura dell innovazione da promuovere, al numero ofmale di imprese da agrarre ecc.)

31 Ricapitolando Proprietà intelleguale: L incen?vo è legato al valore sociale dell innovazione; (+) Il costo dell innovazione è imposto sugli u?lizzatori;(+) Inefficienza sta?ca perdita nega di monopolio ( ) Scarso coordinamento dell innovazione possibilità di gare per il brevego ( ) => Se non è possibile stabilire ex ante il valore dell innovazione la PI può essere più efficiente di un sistema di premi

32 Ricapitolando Premi: No inefficienza sta?ca se innovazione resa ex post liberamente accessibile; (+) Difficoltà di acquisire informazioni sui cos? e sul valore dell innovazione ( ) Problemi di hold up da parte dello stato Problemi di moral hazard da parte del ricercatore Scarso coordinamento dell innovazione possibilità di gare per il premio ( ) => Se è possibile rendere il premio condizionale al valore dell innovazione il sistema dei premi è più efficiente della PI (specialmente se le idee innova?ve sono scarse e il problema della duplicazione degli inves?men? poco rilevante)

33 Ricapitolando Procurement: No inefficienza sta?ca se innovazione resa ex post liberamente accessibile (+) Maggiore coordinamento dell innovazione rispego a premi e PI (+) Il coordinamento può generare una eccessiva riduzione degli incen?vi ( ) Difficoltà di acquisire informazioni sui cos? e sul valore dell innovazione ( ) Problemi di hold up da parte dello stato Problemi di moral hazard da parte del ricercatore

34 Il sistema dei premi come incen%vo all innovazione nel sesore privato: il caso di World leader in prize based open innova%on Based on a web community of scien?sts, engineers, professionals and entrepreneurs worldwide who collaborate to deliver breakthrough solu?ons for some of the world s most progressive organiza?ons The InnoCen?ve Marketplace serves 60 disciplines and sub disciplines, including: Business and Entrepreneurship Life Sciences Chemistry Math and Computer Science Engineering and Design Physical Sciences

35 Possibility to use the model for not for profit purposes

36 Avantages of Innocen%ve s business model Faster %me to market for products With thousands of minds worldwide working on a problem simultaneously, organiza?ons find solu?ons faster than they could with in house R&D resources. Bigger breakthroughs Organiza?ons can tap into the diversity of the InnoCen?ve Marketplace to find gihed individuals they would never otherwise iden?fy. OHen these individuals have a unique perspec?ve that allows them to connect the dots in ways the organiza?on never would. Lower R&D costs Open innova?on redefines the economics of R&D by paying only for success, taking R&D costs off the balance sheet and drama?cally reducing risk. Access to world class talent Address a global shortage of scien?fic and engineering talent by expanding your reach to exper?se outside of your organiza?on. Source: Innocen?ve website

37 Breve= e incen%vi nel caso di innovazioni stand alone Il focus della legeratura sui brevef in presenza di innovazione stand alone è sugli incen?vi ex ante Le ques?oni centrali sono: Quanta protezione devono accordare i brevef? Quali aspef del design del sistema breveguale possono essere u?lizza? per ogenere il livello efficiente di protezione breveguale? Gli strumen? sui quali si è focalizzata l agenzione della legeratura sono: Durata: numero di anni intercorren? fra la registrazione dell invenzione e la scadenza del brevego; Ampiezza: grado di somiglianza che due invenzioni possono avere senza che la successiva violi il brevego dell ideatore della precedente La determinazione dell ampiezza e della durata del brevego incide sulla misura degli incen?vi all innovazione che questo strumento è in grado di offrire

38 Quanta protezione devono assicurare i breve=? La scelta della durata o=male Dis?nzione fra idee innova?ve scarse e idee ampiamente disponibili: la durata ofmale dipende dalla natura del processo innova?vo (grado di duplicazione potenziale degli sforzi) Due modelli di innovazione Nordhaus 1969 (idee scarse) Perché non concedere brevef infini? (e infini? incen?vi)? Iden?ficazione del trade off fra aumento dell incen?vo all innovazione e aumento della perdita nega di monopolio; Aumento della durata implica aumento dell incen?vo ma anche della perdita nega di monopolio sulle invenzioni inframarginali Modelli di gara per il brevego patent race (idee common knowledge ) Problema dell eccesso di entrata Problema dell eccessiva riduzione degli incen?vi La spiegazione della necessità di un limite alla durata del brevego non dipende dalla perdita nega di monopolio (l analisi può essere applicata anche ai premi)

39 Modello con idee scarse cost, c vπt space of ideas (v,c) ( v b,, c b ) vπt ( v a,, c a ) value, v Scotchmer, 2004

40 Nel modello con idee scarse Un aumento della durata del brevego implica: un aumento del numero delle innovazioni realizzabili (quelle per cui vπt > c) un aumento della perdita nega di monopolio sulle invenzioni inframarginali. Nel caso dell idea (va, ca), il valore sociale è dato da: (va/r) lvat, l<1

41 Modello con idee ampiamente disponibili molte imprese sanno come raggiungere un dato obie=vo innova%vo Un compenso molto elevato può indurre una gara per il brevego Problema della duplicazione dello sforzo innova?vo; Problema dell iden?ficazione delle idee innova?ve da perseguire Quali sono gli effef di una gara per il brevego? Duplicazione dei cos? ( ) Aumento della probabilità di successo o della rapidità di ogenimento dei risulta? innova?vi (+) L effego dominante dipende dalle carageris?che dell ambiente innova?vo

42 Modello con probabilità di successo e di fallimento dell innovazione indipenden% Se le probabilità di successo e di fallimento nell innovazione sono indipenden? è difficile definire con esagezza la nozione di duplicazione Si supponga per semplicità che ogni impresa paghi un costo di entrata nella gara pari a c Si supponga che ogni impresa abbia una probabilità indipendente λ di successo in ogni periodo Per ogenere l innovazione possono essere necessari mol? periodi. Un aumento del numero di imprese partecipan? alla gara riduce il tempo necessario all ogenimento del risultato innova?vo ma aumenta i cos?.

43 Tandon 1983 P(n)= 1 p n = probabilità che almeno un impresa ogenga il risultato S = benessere sociale in caso di successo S = (1/r T)v + (1 l)vt = (1/r)v lvt dove T = Σ 1/(1 + r) t P(n)S cn Risultato con libera entrata se il vincitore ottiene tutto il valore sociale ottimale n * n e Scotchmer, 2004 Numero di imprese n

44 Più in generale, il profigo ageso per ogni impresa = (1/n)ΠP(n), dove Π = πvt Il numero di equilibrio delle imprese n e soddisfa (1/ n e )ΠP(n e ) = c Il numero ofmale delle imprese può essere sia maggiore che minore del numero di equilibrio, in relazione al valore di Π cn P(n)S P(n) Π Risultato con libera entrata se il vincitore ottiene Π invece di S Scotchmer, 2004 n * n e Numero di imprese n

45 Nel caso specifico precedente in cui S = Π, sicuramente n e > n*, per via della concavità di P(n) L entrante marginale riceve il profigo medio invece del profigo marginale e non considera l esternalità nega?va che impone sulle altre imprese P(n)S cn Risultato con libera entrata se il vincitore ottiene tutto il valore sociale ottimale n * n e Scotchmer, 2004 Numero di imprese n

46 Riducendo appropriatamente il compenso ogenibile mediante brevego è possibile ridurre il numero di imprese partecipan? alla gara ed eventualmente ogenere il numero ofmale di imprese Se si potesse fissare un valore del brevego per ciascun mercato, si dovebbe avere P(n*) Π = cn* Si no? che Π può anche essere interpretato come un premio in questo caso il valore ofmale di n sarà più elevato perché non si ha perdita nega di monopolio

47 Quanta protezione devono assicurare i breve=? Scelta dell ampiezza o=male Ampiezza dal punto di vista del prodogo Definisce quanto due prodof devono essere simili perché si abbia violazione del primo brevego Ampiezza dal punto di vista tecnologico: Definisce quanto è costoso creare un sos?tuto che non violi il brevego esistente ( inven?ng around )

48 Ampiezza e sos%tu% orizzontali x 1 ( 1 p 2 p, ˆ ) p x 2 ( p 2, ˆ p 1 ) ˆ p ˆ 1 ~ p 1 Π ~ x 1 Π ˆ 1 1 ( 1 p 2 p, ~ ) 2 ~ p = 2 mc Π ˆ 2 Mercato del bene sostituto x 2 ( p 2 p 1, ~ ) Scotchmer, 2004

49 Ampiezza e cos% di entrata Gallini 1992 HP: sos?tu? perfef => l entrata di un impresa comporta un costo K che cos?tuisce una duplicazione P(1) x(p) Le variabili importan? di poli?ca della proprietà intelleguale sono T e K, dove K = costo di entrata è determinato dall ampiezza del brevego P(n) Prezzo compe??vo n*(t,k) = equilibrium number of entrants: (1/n) T p(n) x(p(n)) = K Scotchmer, 2004

50 Ampiezza e cos% di entrata/2 Il costo di entrata K determina dunque: Il numero di imprese che entrano sul mercato in equilibrio Il profigo che il detentore del brevego può ogenere N.B.: se il licensing è possibile, il detentore del brevego può ogenere un profigo superiore a K concedendo una licenza ad un prezzo K a tuge le imprese che trovano conveniente entrare Il licensing induce allo stesso numero di entran? ed allo stesso prezzo di mercato, ma incrementa i profif del detentore del brevego di nk Inoltre, il licensing consente di risparmiare i cos? di duplicazione degli inves?men?

51 Il ra%o test: breve= lunghi e stre= o ampi e brevi? ObieFvo: massimizzare il rapporto fra profigo e perdita nega di monopolio p p p * p * ~ p p ~ x(p * ) ~ ~ x(p) x(p * ) x(p) Scotchmer, 2004

52 Il ruolo del licensing in un contesto di innovazione stand alone Se si considera un contesto di innovazione stand alone, il licensing svolge un ruolo importante ma limitato ad: Assicurare la produzione efficiente (produce l impresa con i CM più bassi) Evitare l imitazione e la duplicazione di inves?men? (v. modello Gallini) Il ruolo del licensing diventa cruciale in un contesto di innovazione cumula%va

53 Tre forme di cumula%vità Innovazioni di base e applicazioni (es. laser e metodi terapeu?ci che lo u?lizzano in medicina) Strumen? di ricerca (research tools) e invenzioni (es. geni e materiale gene?co) Progressione qualita?va di innovazioni (quality ladder) (es. MS DOS/ Windows)

54 Innovazione cumula%va In un contesto di innovazione cumula?va una parte rilevante del valore sociale dell innovazione iniziale risiede nel contributo che essa offre a quelle successive: AGraverso la riduzione del costo necessario a realizzare la seconda innovazione; AGraverso l incremento della probabilità di realizzare la seconda innovazione; AGraverso l incremento della rapidità di realizzazione della seconda innovazione; In alcuni casi, rendendo possibile un innovazione che non sarebbe affago stata realizzata in assenza della prima

55 La divisione del profiso fra innovatori successivi Problema di base: il brevego non deve solo incen?vare una singola innovazione, ma deve anche realizzare una adeguata divisione del profigo fra innovatori successivi. Perché la divisione del profigo è importante? Se il primo innovatore an?cipa che non sarà in grado di ogenere un profigo adeguato a coprire i cos? potrebbe essere indogo a non inves?re; La compe?zione fra gli innovatori successivi può ridurre il prezzo di vendita dell innovazione a tal punto da minare gli incen?vi all innovazione In un contesto di innovazione cumula?va la possibilità del licensing è essenziale per assicurare un efficiente divisione del profigo

56 La divisione del profiso fra innovatori successivi (2) La divisione del profigo deve avere le seguen? proprietà: Gli innovatori devono collefvamente ogenere un profigo sufficiente a coprire i cos?; Ogni innovatore deve essere in grado individualmente di coprire i cos? dell innovazione che realizza Il design del brevego può contribuire a risolvere il problema della divisione del profigo, in par?colare agraverso: BreveGabilità Originalità Ampiezza del brevego

57 Innovazione di base e applicazioni Date due innovazioni successive, x e y, l obiefvo del sistema breveguale è quello di assicurare che: (a) l inves?mento nell applicazione y si abbia quando il valore sociale di y supera il suo costo; (b) Si abbia un trasferimento del surplus sociale generato da y sufficiente ad assicurare l inves?mento in x La disciplina dell invenzione dipendente incide sulla divisione del profigo poiché determina le posizioni contraguali rela?ve delle par?.

58 Innovazioni di base e applicazioni x valore per i consumatori innovazione iniziale in ciascun periodo c 1 costo dell innovazione di base xπt profigo per il?tolare del brevego x((1/r) lt) valore sociale innovazione di base y valore per i consumatori dell applicazione in ciascun periodo c 2 costo dell applicazione y((1/r) lt) valore sociale applicazione In realtà il valore sociale dell innovazione di base include il valore dell innovazione che essa facilita: x((1/r) lt) c 1 + max [0, y((1/r) lt) c 2 ]

59 Scotchmer, 2004

60 Implicazioni Se non è possibile contragare ex ante, è possibile che il brevego non assicuri un profigo sufficiente all impresa che realizza l applicazione; l interesse della società è allineato con l interesse del primo innovatore: la realizzazione della prima innovazione è fondamentale affinchè l applicazione possa essere realizzata; La durata del brevego dovrebbe essere maggiore che nel caso in cui entrambe le innovazioni sono realizzate dalla stessa impresa. infaf, se (x + y)πt c1 c2 è molto vicino a zero, il primo innovatore potrebbe ogenere profif nega?vi il profigo congiunto può essere aumentato aumentando T

61 Il ruolo del licensing in un contesto di innovazione cumula%va In un contesto di innovazione cumula?va il licensing è essenziale non soltanto ad (a) assicurare produzione efficiente e (b) evitare duplicazione degli inves?men?, ma anche a: Consen?re la divisione del profiso fra innovatori successivi Uso degli asset intelleguali come input nel processo innova?vo (research tools) Soluzione di situazioni di dipendenza e promozione dello sviluppo di invenzioni complementari Facilitare il coordinamento dell innovazione (agraverso l ampiezza del brevego v. Kitch 1977)

62 Research Tools e invenzioni Gene 3 Gene 2 Vaccino malaria Gene 1

63 Research tools e innovazioni In presenza di molteplici innovazioni complementari possono generarsi conflif di natura breveguale; In linea di principio, dovremmo aspegarci che tuf i potenziali partecipan? alla transazione abbiano incen?vo a risolvere tali conflif, specialmente se il valore del research tool consiste esclusivamente nel fago che facilita la realizzazione della seconda invenzione; Due problemi possono insorgere: La tragedia degli an?commons (eccessivi cos? di transazione ostacolano lo scambio) Il problema dei monopoli complementari iden?ficato da Cournot

64 La tragedia degli an%commons Tragedia dei commons (Hardin, 1962) Scarsa definizione dei dirif su una risorsa Eccesso di sfrugamento della risorsa Tragedia degli an?commons (Heller e Eisenberg, 1998) Eccessiva definizione e frammentazione dei dirif su di una risorsa Mancato sfrugamento produfvo della risorsa Problemi transafvi: Cos? di ricerca (correla? posi?vamente al grado di dispersione degli asset) Cos? di negoziazione: Problemi di valutazione (asimmetrie informa?ve) Distorsioni nella valutazione (self serving bias) Natura intrinsecamente indefinita del dirigo di proprietà intelleguale I problemi transafvi menziona? sono par?colarmente rilevan? se insorgono ex post, dopo che l innovazione è stata realizzata.

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il sistema di proprietà intellettuale focus sul sistema brevettuale SCHEMA DELLA LEZIONE Il sistema

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il sistema di proprietà intellettuale SCHEMA DELLA LEZIONE Il sistema di proprietà intellettuale

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Le politiche pubbliche di sostegno all innovazione: quadro d insieme Tiriamo le somme: Quali

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE ECONOMIA POLITICA (corso avanzato) CdL in Giurisprudenza Università della Calabria Docente : Marianna Succurro LA PROPRIETA INTELLETTUALE [tratto da Franzoni L.A., Marchesi D.(2006), Economia e politica

Dettagli

Applied Economics Interna0onal Management Module

Applied Economics Interna0onal Management Module Università degli Studi di Trieste Facoltà di Scienze Poli0che Corso di Laurea in Scienze Internazionali e Diploma6che Applied Economics Interna0onal Management Module Viviana Capurso Lesson 04 Entry strategy

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Esternalità. Capitolo 10. Harcourt, Inc. items and derived items copyright 2001 by Harcourt, Inc. Efficienza e fallimenti di mercato

Esternalità. Capitolo 10. Harcourt, Inc. items and derived items copyright 2001 by Harcourt, Inc. Efficienza e fallimenti di mercato Esternalità Capitolo 10 Efficienza e fallimenti di mercato La mano invisibile di Adam Smith fa sì che consumatori e venditori, guidati dal proprio interesse, siano portati a massimizzare il benessere totale

Dettagli

Nella legge italiana (Legge sui Brevetti Italiana, LBI, R.D. 29 giugno 1939, n. 1127 e successive modificazioni) i requisiti sono quattro:

Nella legge italiana (Legge sui Brevetti Italiana, LBI, R.D. 29 giugno 1939, n. 1127 e successive modificazioni) i requisiti sono quattro: Lezione 5: il brevetto Definizione di quali beni sono interessati dalla tutela brevettuale: prodotti, processi, nuovi materiali, nuovi progetti (C, p. 373). Nella legge italiana si fa riferimento a invenzioni,

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI www.bugnion.it Ing. Marco Conti E-mail: marcoconti@bugnion.it ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI PROTEGGERE L INNOVAZIONE TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE

Dettagli

Restrizioni verticali e integrazione verticale

Restrizioni verticali e integrazione verticale Restrizioni verticali e integrazione verticale Spesso le imprese operanti in diversi stadi della filiera produttiva (es. produttore-distributore) sottoscrivono contratti finalizzati a 1. ridurre i costi

Dettagli

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio.

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. 1) Approccio economico tradizionale alla questione della

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

PROPRIETÁ INTELLETTUALE, ESTERNALITÁ E RENDITA Il caso del brevetto. Giuseppe Clerico

PROPRIETÁ INTELLETTUALE, ESTERNALITÁ E RENDITA Il caso del brevetto. Giuseppe Clerico PROPRIETÁ INTELLETTUALE, ESTERNALITÁ E RENDITA Il caso del brevetto Giuseppe Clerico JEL Classification: H10, H23, K11, O31, O34 Parole chiave: brevetto, diritti di proprietà, proprietà intellettuale,

Dettagli

Dall idea al mercato: tutela, valorizzazione e strumenti di agevolazione

Dall idea al mercato: tutela, valorizzazione e strumenti di agevolazione Dall idea al mercato: tutela, valorizzazione e strumenti di agevolazione TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DALLA RICERCA PUBBLICA ALL IMPRESA Alessandro Piras Polo Tecnologico di Pordenone Pordenone, 7 maggio

Dettagli

Questione della cumulabilità della ricerca. Citazione di Newton: Se ho visto lontano è perché sedevo sulle spalle dei giganti (Scotchmer 1991, p.

Questione della cumulabilità della ricerca. Citazione di Newton: Se ho visto lontano è perché sedevo sulle spalle dei giganti (Scotchmer 1991, p. Lezione 7: pro e contro i diritti di proprietà intellettuale Questione della cumulabilità della ricerca. Citazione di Newton: Se ho visto lontano è perché sedevo sulle spalle dei giganti (Scotchmer 1991,

Dettagli

Lezione 13. Cabral cap. 16. A cura Prof. Stefano Capri

Lezione 13. Cabral cap. 16. A cura Prof. Stefano Capri Lezione 13 Cabral cap. 16 A cura Prof. Stefano Capri Tecnologia ed economia Kuznets (Modern Economic Growth: Rate, Structure, and Spread, 1966): caratteristica distintiva della crescita economica moderna

Dettagli

Il modello di business delle biotecnologie

Il modello di business delle biotecnologie Il modello di business delle biotecnologie Luigi Orsenigo IUSS, Pavia Horizon 2020 Napoli, 1 febbraio 2013 Il modello di business delle biotecnologie Silicon Valley Consensus: mutuato da ICT Scienza imprenditoriale:

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY PROGETTO TARGET: START UP E PROPRIETÀ INTELLETTUALE TORINO, 14 MAGGIO 2014 La tutela della proprietà intellettuale

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

Commercio internazionale con merca1 non concorrenziali. Giuseppe De Arcangelis 2012 Economia Internazionale

Commercio internazionale con merca1 non concorrenziali. Giuseppe De Arcangelis 2012 Economia Internazionale Commercio internazionale con merca1 non concorrenziali Giuseppe De Arcangelis 2012 Economia Internazionale 1 Schema delle lezioni Ripasso di microeconomia Commercio internazionale con economie interne

Dettagli

Modello di agenzia: estensioni

Modello di agenzia: estensioni Modello di agenzia: estensioni Estenderemo il modello principale agente in 4 direzioni: -Agenti multipli (yardstick e team prod.) -Differenti azioni con diversa osservabilità (multitasking); -Performance

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo

Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Le vie commerciali dell antica Roma Tre quesiti

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XII LEZIONE 22/10/2012 Perche le imprese si diversificano? La diversificazione può avvenire a beneficio dei proprietari

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

UN APPROCCIO ALLE PRINCIPALI FORME DI COMMERCIO

UN APPROCCIO ALLE PRINCIPALI FORME DI COMMERCIO UN APPROCCIO ALLE PRINCIPALI FORME DI COMMERCIO Le 0pologie v Commercio al degaglio v Commercio all ingrosso v Commercio elegronico v Drop Shipping v Intermediazione Commercio al degaglio La locuzione

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Fallimenti micro Fallimenti nel ottenere l efficienza

Dettagli

Contratto di agenzia

Contratto di agenzia Contratto di agenzia Se l azione e non è osservabile (verificabile), il contratto di first best non è più utilizzabile. La scelta ottimale dell agente con salario fisso è esercitare sforzo nullo; La soluzione

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Brevetti. Economia Industriale. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

Brevetti. Economia Industriale. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria Brevetti Economia Industriale Docente: Gianmaria Martini Foglio Davide Matteo 1007887 Galbusera David 1008007 Ghisleni Fabio 1004798 Lanfranchi Giovanni

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

Scuola di Harvard (paradigma struttura-condotta-performance) SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST

Scuola di Harvard (paradigma struttura-condotta-performance) SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST Le legislazioni Antitrust contemplano 4 punti: 1. Divieto di abuso di posizione dominante 2. Divieto di intesa 3. Controllo delle concentrazioni 4. Istituzione

Dettagli

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia)

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) Capitoli: 1-9 Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) 1 Capitolo 1 Problema 2 Coltivazione di pomodori: prezzo al mercato 30 cent. al KG La produzione finale dipende dall utilizzo di concime

Dettagli

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti L impresa a) Cosa è un impresa? a1) confini dell impresa a2) contratti b) Comportamento c) La diversità delle imprese (a) Impresa e costi di transazione Contrapposizione impresa-mercato (Coase): se i mercati

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Una tassonomia dei mercati

Una tassonomia dei mercati Monopolio capitolo 15 Una tassonomia dei mercati concorrenza perfetta monopolio oligopolio concorrenza monopolistica 1 Concorrenza perfetta tanti venditori, tanti compratori bene omogeneo (identico o perfettamente

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

La dinamica del mercato

La dinamica del mercato La dinamica del mercato Uno dei punti di forza del capitalismo: la sua natura mutevole e predisposta al rapido cambiamento Quindi i mercati anche quando sono in equilibrio non è detto che ci rimangano

Dettagli

Potere di mercato e benessere sociale

Potere di mercato e benessere sociale Potere di mercato e benessere sociale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Cosa si intende con Potere di Mercato (PM)? -

Dettagli

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi MECCANISMI DI REGOLAMENTAZIONE TARIFFARIA Due meccanismi principali Tasso di rendimento del capitale investito (RB-ROR) Tetto ai prezzi (Price Cap) Il meccanismo del tasso di rendimento (RB-ROR) Meccanismo

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Valutazione Scientifica ed Economica dei Brevetti

Valutazione Scientifica ed Economica dei Brevetti Confindustria Bari 10 dicembre 2008 Valutazione Scientifica ed Economica dei Brevetti Antonio Messeni Petruzzelli DIMeG,Politecnico di Bari, Italia Agenda Il brevetto come asset strategico Brevetti e valore

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Obiettivi della lezione. Open Innovation

Obiettivi della lezione. Open Innovation Open Innovation Obiettivi della lezione I modelli di innovazione tradizionale (closed innovation) e le ragioni del loro declino Definire il concetto di open innovation: reti di imprese e mercati della

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Policy Brief N. 1/2012

Policy Brief N. 1/2012 Policy Brief N. 1/2012 Luglio 2012 Transazioni di brevetti: vendite, licensing out, sviluppi di piattaforme e ruolo degli intermediari IP Finance Institute V. Boggio, 65/A 10138 Torino Tel/Fax: +39 011

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

ECONOMIA DEL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO

ECONOMIA DEL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2008 2009 Corso di laurea in ingegneria gestionale ECONOMIA DEL CAMBIAMENTO TECNOLOGICO INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Parte I Invernizzi Pierluigi Conoscenza

Dettagli

XXIV Edizione Premio Marke7ng. Il Caso SIM, XXIV edizione

XXIV Edizione Premio Marke7ng. Il Caso SIM, XXIV edizione XXIV Edizione Premio Marke7ng Il Caso SIM, XXIV edizione La Società Italiana di Marke1ng nasce nel 2002 sul modello della celebre American Marke7ng Associa7on, con l intenzione di porsi come: punto di

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 11: Potere di Mercato David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015. Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione AA 2014-2015

Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015. Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione AA 2014-2015 Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015 Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione Michela Loi Di cosa parleremo oggi? Il processo tradizionale di R&D I paradigmi emergenti

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 Gli strumenti di tutela dell innovazione Titolarità, trasferimento,

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico. www.apre.it

La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico. www.apre.it La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico www.apre.it APRE 2013 L IPR in Horizon 2020 RESULTS (artt. 38-41) RISULTATI PROPRIETA : chi genera i risultati

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Strumenti di incentivo all efficienza produttiva: meccanismi di sussidio e contratti di servizio (Parte 1)

Strumenti di incentivo all efficienza produttiva: meccanismi di sussidio e contratti di servizio (Parte 1) Università del Salento - Facoltà di Economia «A. de Viti de Marco» Master di II livello in Analisi dei Mercati e Sviluppo Locale A.A. 2006/2007 Moduli: Trasporti, Infrastrutture e Sviluppo Economico (M6)

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Economia Capitolo 1 I principi fondamentali

Economia Capitolo 1 I principi fondamentali Economia Capitolo 1 I principi fondamentali PowerPoint Slides by Can Erbil 2004 Worth Publishers, all rights reserved Cosa imparerete: Un insieme di principi per capire le decisioni economiche: Scarsità

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli