marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione"

Transcript

1 marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione

2 Indice Obiettivo della Revisione Attività del revisore Il rischio di revisione e le componenti del rischio Obiettivo della revisione delle rimanenze Procedure La conta fisica Il test di cut-off Le conferme esterne La valorizzazione del magazzino 2

3 Obiettivo della revisione contabile» L'obiettivo della revisione contabile è quello di acquisire ogni elemento necessario per consentire al revisore di esprimere un giudizio se il bilancio sia redatto, in tutti gli aspetti significativi, in conformità al quadro normativo di riferimento.» Al termine del lavoro il revisore è chiamato ad esprimere un giudizio professionale ossia che il bilancio sia redatto nel suo complesso con chiarezza e rappresenti in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria ed il risultato economico della società.» Le fonti sono costituite dai principi di revisione e controllo qualità (ISA) pubblicati dal International Auditing and Assurance Standards Board (IAASB) del International Federation of Accountants (IFAC) nel 2009 (tradotti in Italiano nel dicembre 2010 dal CNDCeEC). In particolare per le Rimanenze di magazzino si fa riferimento al ISA 500 e ISA 501 «Elementi probativi» 3

4 Attività del revisore» Un revisore che svolge la revisione contabile in conformità ai principi di revisione ottiene una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi.» Secondo principi contabili IAS, un informazione è significativa se la sua mancanza o la sua imprecisa rappresentazione potrebbe influenzare le decisioni economiche degli utilizzatori da prendere sulla base del bilancio.» La significatività dipende dalla dimensione e dalla natura della voce in esame da valutare nelle particolari circostanze della sua omissione o imprecisione.» Al fine di ottenere la ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, il revisore acquisisce ogni elemento probativo ritenuto necessario.» La ragionevole sicurezza attiene dunque all'intero processo di revisione.» Il revisore non può ottenere una sicurezza assoluta a causa delle limitazioni intrinseche nel processo di revisione che influenzano la capacità del revisore di individuare errori significativi (per esempio l utilizzo di verifiche a campione). 4

5 Il rischio di revisione» Il concetto di ragionevole sicurezza implica l esistenza del rischio che il revisore esprima un giudizio non appropriato.» Il rischio che il revisore esprima un giudizio non appropriato nel caso in cui il bilancio sia significativamente errato è definito rischio di revisione.» Rischio di revisione = Giudizio professionale non corretto» La ragionevole sicurezza si ottiene quando il revisore ha ridotto il rischio di revisione ad un livello accettabilmente basso. 5

6 Le componenti del rischio» Il rischio intrinseco o inerente è la suscettibilità di un asserzione a contenere un errore che può essere significativo, considerato singolarmente o in aggregato con altri errori, e ciò indipendentemente dalla presenza o meno di controlli interni ad essa riferiti.» Per esempio» Calcoli complessi hanno una maggiore probabilità di essere errati rispetto a calcoli semplici.» Saldi costituiti da importi che derivano da stime contabili generano un rischio più elevato rispetto a saldi determinati in base a dati certi.» Circostanze esterne come lo sviluppo tecnologico potrebbe rendere certi prodotti obsoleti e quindi aumentare il rischio di sopravvalutazione delle giacenze di magazzino. 6

7 Le componenti del rischio» Il rischio di controllo è il rischio che un errore che potrebbe essere contenuto in un asserzione e che potrebbe essere significativo, considerato singolarmente o congiuntamente ad altri errori, non sia prevenuto o individuato e corretto tempestivamente dal controllo interno dell impresa.» Questo rischio è correlato all efficacia della struttura del controllo interno e alla sua effettiva applicazione rispetto al raggiungimento degli obiettivi dell impresa relativi al processo di predisposizione del bilancio della stessa. 7

8 Le componenti del rischio» Il rischio di individuazione è il rischio che il revisore non individui un errore contenuto in un asserzione, che potrebbe essere significativo, singolarmente o congiuntamente ad altri errori.» Il rischio di individuazione è correlato all efficacia delle procedure di revisione ed alla loro applicazione da parte del revisore.» Il rischio di individuazione non può essere completamente eliminato in quanto: il revisore normalmente non esamina completamente una classe di operazioni, può non scegliere procedure appropriate o applicarle in modo errato o interpretarle in modo non corretto. Il rischio di individuazione ed in conseguenza il rischio di revisione può essere ridotto da un adeguata pianificazione della revisione. 8

9 Obiettivo della revisione contabile» Riassumento, la conoscenza di questi rischi e la valutazione della loro importanza è un elemento essenziale per l approccio di revisione.» Infatti, l entità delle verifiche di dettaglio su operazioni e saldi si riduce in presenza di minori livelli di rischio inerente, di controllo e di analisi comparativa secondo il seguente schema: Rischio di Controllo ALTO MEDIO BASSO ALTO ALTO ALTO ALTO ==> rischio su procedure di analisi comparativa MEDIO ALTO ALTO MEDIO ALTO BASSO ALTO MEDIO BASSO Rischio Inerente o intrinseco ALTO ALTO ALTO MEDIO ==> rischio su procedure di analisi comparativa MEDIO ALTO MEDIO MEDIO MEDIO BASSO MEDIO MEDIO BASSO ALTO MEDIO MEDIO BASSO ==> rischio su procedure di analisi comparativa MEDIO MEDIO MEDIO BASSO BASSO BASSO BASSO BASSO BASSO AMPIEZZA DEL CAMPIONE 9

10 Obiettivo della revisione delle Rimanenze» Al fine di esprimere un giudizio sull area Magazzino è necessario identificare gli obiettivi di revisione a fronte delle relative asserzioni e collegarli con il sistema di controllo interno e le procedure di revisione al fine di ottenere sufficienti elementi probativi a supporto. Identificazione degli obiettivi di revisione / Asserzioni (ISA 500):» Obiettivo di esistenza/manifestazione» Obiettivo di completezza» Obiettivo di accuratezza» Obiettivo di competenza» Obiettivo di corretta valutazione» Obiettivo di corretta esposizione/classificazione» Obiettivo di uniformità dei principi 10

11 Obiettivo della revisione delle Rimanenze Differenza tra obiettivo e asserzione:» L obiettivo è verificare l attendibilità, appropriatezza, inerenza, manifestazione completezza corretta classificazione di un operazione contabile, in modo da consentire al revisore la sicurezza dei dati che compongono il bilancio d esercizio.» L asserzione si può definire come una dichiarazione che afferma che una premessa è vera. 11

12 Obiettivi Obiettivo di esistenza:» Il magazzino esiste fisicamente; le vendite e acquisti si riferiscono a transazioni effettivamente avvenute ed esistenti Obiettivo di completezza:» Tutti gli acquisti e vendite di merci e prodotti sono stati riconosciuti e registrati; tutti i beni di proprietà dell impresa sono stati identificati. Obiettivo di accuratezza:» Le registrazioni delle transazioni sono matematicamente corrette e le registrazioni contabili sono accurate e riflesse in contabilità. Obiettivo di competenza:» Tutte le operazioni sono state registrate nel corretto periodo di competenza. 12

13 Obiettivi Obiettivo di corretta valutazione:» Le rimanenze sono correttamente valutate ed esposte nel bilancio secondo corretti principi contabili (OIC.13); Obiettivo di corretta esposizione/classificazione» I conti sono correttamente classificati e la nota integrativa contiene tutte le informazioni; Obiettivo di uniformità dei principi:» In caso di modifica dei principi: motivazioni, effetti ed informativa 13

14 Procedure» a) Ottenere la comprensione dell impresa e del contesto in cui opera, incluso il suo controllo interno per valutare i rischi di errori significativi a livello di bilancio e a livello di asserzioni (rilevazione procedurale);» b) Verificare, se necessario o se il revisore lo abbia stabilito, l efficacia operativa dei controlli istituiti dall impresa per la prevenzione o l identificazione e la correzione di errori significativi a livello di asserzioni (le procedure di revisione da eseguirsi a questo scopo sono definite procedure di conformità o test di controllo );» c) individuare errori significativi a livello di asserzioni (le procedure di revisione da eseguirsi a questo scopo sono definite procedure di validità o test di sostanza ed includono le verifiche di dettaglio su classi di operazioni, sui saldi contabili e sull informativa di bilancio, nonché le procedure di analisi comparativa utilizzate come procedure di validità) 14

15 Schema processo Pianificazione Rilevazione procedure Descrizione delle procedure No Procedure scritte? Pianificazione Yes Valutazione delle procedure Comunicazione al management No Procedure affidabili? Yes Controllo Interno Data fine ES Partecipazioe all inventario fisico? O Data Succ Tie up Final Conclusione

16 Procedure a) Ottenere la comprensione dell impresa e del contesto in cui opera, incluso il suo controllo interno per valutare i rischi di errori significativi a livello di bilancio e a livello di asserzioni;» Il revisore deve valutare il sistema di controllo interno definito come il processo configurato e messo in atto dai responsabili delle attività di governance, dalla direzione e da altro personale dell impresa al fine di fornire una ragionevole sicurezza per il raggiungimento degli obiettivi aziendali con riguardo all attendibilità dell informativa economico finanziaria, all efficienza ed efficacia della gestione e al rispetto delle leggi e dei regolamenti.» Procederà pertanto a: 16

17 Procedure Individuare tramite documentazione procedurale ed interviste con i responsabile e addetti della società tutti i passaggi che coinvolgono le Rimanenze di magazzino nell ambito dei cicli di Vendita / Acquisto; in sintesi gli step seguiti sono:» Emissione/ricevimento dell ordine dal Cliente/Fornitore;» Emissione/ricevimento del documento di trasporto e conseguente movimentazione a magazzino;» Contabilizzazione dei movimenti;» Ricevimento della fattura;» Registrazione della fattura;» Pagamento.» Registrazione pagamento.» Riportiamo a titolo di esempio il flusso procedurale del Ciclo Acquisti 17

18 Procedure Ciclo Acquisti» Richiesta d acquisto Autorizzazione all acquisto Esiste una procedura di pianificazione dei fabbisogni dal quale scaturisca la richiesta di acquisto? La richiesta viene formalizzata su un supporto cartaceo o informatico? Esiste il visto del responsabile di reparto? Esistono altre modalità di richiesta d acquisto direttamente gestite dei capi reparto? Che tipo di monitoraggio viene effettuato? 18

19 Procedure Ciclo Acquisti» Emissione dell ordine Autorizzazione Tutte le richieste di acquisto pervengono all Ufficio acquisti Esiste il visto dell Ufficio Acquisti per l emissione? Completezza dell ordine In caso di più ordini per ogni richiesta di acquisito, vi è un controllo che consenta di accertare che gli ordini emessi coprano la richiesta? Le fatture contabilizzate devono riportare gli estremi della contabilizzazione. Accuratezza ordine Viene effettuato un controllo di corrispondenza tra i dati della richiesta di acquisito e quelli dell ordine? Scelta del fornitore più conveniente Esiste un elenco costantemente aggiornato, per individuare i fornitori a cui richiedere le offerte? Si richiedono offerte da parte di più fornitori per lo stesso ordine? L offerta scelta è sempre la più conveniente in termini di prezzo qualità condizioni di pagamento? 19

20 Procedure Ciclo Acquisti» Ricevimento merce Accuratezza E istituita una procedura di rilevazione della data di ricevimento della merce presso il magazzino dell azienda? Viene effettuato un controllo sulla correttezza formale dell eventuale documento di trasporto ricevuto? La scritta da pagare deve essere riportata sulle fatture, e solamente sul documento originale, dopo aver effettuato il confronto con le relative bolle d entrata e gli ordini. 20

21 Procedure Ciclo Acquisti Ricevimento fattura Completezza Esiste una procedura per il ricevimento della posta e lo smistamento delle fatture all ufficio preposto? Accuratezza I dati della fattura corrispondono a quelli dell ordine? Esiste la spunta di controllo dei dati suddetti da parte dell Ufficio Acquisti? Esiste una procedura che segnali periodicamente la lista delle fatture e dei DDT non accoppiati rispettivamente ai DDT e fatture? 21

22 Procedure Ciclo Acquisti» Registrazione della fattura Competenza La fattura o il debito per la fattura da ricevere vengono registrati nello stesso esercizio amministrativo di quello di ricevimento della merce? Accuratezza L importo della registrazione corrisponde a quello della fattura? Viene apposto un timbro di registrazione sulla fattura? Viene dato un numero di protocollo? Correttezza Viene verificata la corretta movimentazione dei conti? 22

23 Procedure Ciclo Acquisti» Pagamento Autorizzazione Esiste il visto sull ordine di pagamento, da parte dell Ufficio Acquisiti? Chi autorizza il pagamento della fattura è un soggetto diverso da chi lo effettua? Accuratezza L importo del pagamento, riportato sull ordine di pagamento e sulla contabile bancaria di addebito, corrisponde a quello della fattura? Puntualità Esiste uno scadenziario fornitori? Vengono rispettati i termini di pagamento? 23

24 Procedure Ciclo Acquisti» Registrazione pagamento Accuratezza L importo della registrazione corrisponde a quello della contabile bancaria di addebito? Correttezza Vengono movimentati i conti corretti? Completezza L avvenuto pagamento viene evidenziato sulla fattura o, in alternativa il programma di contabilità possiede dei controlli sulla possibilità che vengono effettuati dei doppi pagamenti? 24

25 Procedure b) Verificare, se necessario o se il revisore lo abbia stabilito, l efficacia operativa dei controlli istituiti dall impresa per la prevenzione o l identificazione e la correzione di errori significativi a livello di asserzioni; le procedure di revisione da eseguirsi a questo scopo sono definite procedure di conformità o test di controllo ;» (Se dopo aver compreso il sistema di controllo interno, ottieni un elevato livello di rassicurazione, svilupperai un efficace ed efficiente lavoro attraverso l effettuazione di procedure di conformità mirate ad ottenere maggiori elementi probativi sull efficacia dei controlli interni).» Sulla base delle indicazioni emerse in sede di rilevazione delle procedure e con riferimento ai controlli ritenuti essenziali, predisporre tests secondo le linee guida sotto esposte: 25

26 Procedure» Descrivere nell ambito del ciclo magazzino le procedure oggetto dei test.» Definire i controlli ritenuti essenziali su cui focalizzare i test che a titolo di esempio potrebbero riguardare: -carichi e scarichi di quantità di magazzino (asserzione completezza) -sistemi di accumulo dei costi per la valorizzazione dei prodotti -individuazione dei prodotti obsoleti, ecc. -partecipazione all inventario fisico» Definire la fonte, il metodo, l estensione del campione di voci/dati da testare per ciascuna modalità operativa.» Concludere sui risultati dei test, evidenziando la valutazione delle eventuali eccezioni riscontrate, confermare l estensione delle verifiche da effettuare sui saldi con riferimento a quanto previsto dal programma o sintetizzare le verifiche aggiuntive. 26

27 Procedure c) Individuare errori significativi a livello di asserzioni; le procedure di revisione da eseguirsi a questo scopo sono definite procedure di validità o test di sostanza (ed includono le verifiche di dettaglio su classi di operazioni, sui saldi contabili e sull informativa di bilancio, nonché le procedure di analisi comparativa utilizzate come procedure di validità) Le verifiche riguarderanno:» Accuratezza Analisi delle voci di magazzino per classi, delle variazioni con l anno precedente e registrazioni di bilancio ;» Esistenza fisica Inventario fisico delle rimanenze e conferme esterne;» Competenza procedura di Cut-off;» Valutazione valorizzazione merci e prodotti finiti; obsolescenza;» Analisi comparative: prevede la comparazione del saldo oggetto di analisi sia con i dati di bilanci di periodi precedenti, sia con grandezze di tipo qualitativo (es. raffronto con budget e con anno precedente, riconciliazioni magazzino-contabilità, analisi rettifiche all inventario, indici di rotazione delle materie) 27

28 Inventario fisico / conta fisica del Magazzino» ISA 501: Quando le rimanenze di magazzino sono significative nell ambito del bilancio, il revisore deve ottenere sufficienti ed adeguati elementi probativi relativamente alla loro esistenza e alla loro condizione, assistendo alla rilevazione delle rimanenze durante l inventario fisico a meno che tale presenza non sia praticamente possibile. 28

29 La conta fisica» ISA 501: nel pianificare la partecipazione alla rilevazione fisica o lo svolgimento di procedure alternative, il revisore deve considerare: la natura dei sistemi contabili e di controllo interno adottati per quanto riguarda le movimentazioni del magazzino; la varie tipologie di rischio (intrinseco, di controllo e di individuazione) e la significatività del magazzino; l adeguatezza delle procedure e delle istruzioni per la rilevazione fisica del magazzino; il periodo di svolgimento della rilevazione fisica; l ubicazione delle rimanenze; la necessità della presenza di un esperto. 29

30 La conta fisica Note pratiche sulle procedure di Audit per la conta fisica delle rimanenze:» Prima della conta - aspetti Organizzativi;» Partecipare alla conta fisica» Completare la conta delle rimanenze» Conclusioni 30

31 La conta fisica» Prima della conta, aspetti organizzativi:» Prima dell inizio dell inventario può essere necessario ottenere una serie di documenti di controllo, ad esempio: Planimetria dello stabilimento Lista dei materiali presso terzi Lista merci in viaggio Lista merci in c/lavoro Copia delle circolarizzazioni ai terzisti inviate dalla società Lista dei materiali rottamabili Elenco cartellini Tabulati contabili utilizzati nelle conte 31

32 La conta fisica» ma anzitutto è necessario che il cliente abbia implementato ed abbia controllato la reale applicazione di una procedura di inventario (il revisore deve cercare di rendersi conto se le squadre di conta sono sufficientemente preparate)» Le procedure minime per la conta fisica devono ricoprire questi aspetti: Una dettagliata Programmazione e personale coinvolto Nessun movimento fisico delle rimanenze durante la conta fisica (o procedura eccezionale) Tecniche di conta Controllo di esistenza e completezza Procedure di Cut off Controllo delle conte 32

33 La conta fisica» Il riesame critico delle procedure di conta fisica delle rimanenze deve sempre essere fatto tenendo presente che : l applicazione di queste procedure garantirà che I risultati delle conte delle rimanenze rappresentino una base affidabile per concludere sull esistenza, completezza, cut-off e valutazione delle rimanenze? Ci sono aspetti che potrebbero essere modificati/implementati nelle procedure che potrebbero modificare il rischio frodi o errori nei risultati delle conte? 33

34 La conta fisica» Durante le operazioni inventariali le merci non devono essere movimentate (l ideale sarebbe che l inventario fosse svolto a impianti fermi); se questo non è possibile occorre separare:» I beni pervenuti in magazzino ma non di competenza;» I beni da consegnare prima della fine dell esercizio;» I beni eventualmente ancora da usare in produzione prima della fine dell esercizio.» Il revisore deve attentamente e criticamente valutare la validità della procedura utilizzata dalla società per gestire l inventario svolto in corso di produzione. 34

35 La conta fisica» Tecniche di conta: il revisore deve comprendere se ci sono e sono utilizzati correttamente adeguati strumenti di conta;» Unità di misura: verificare sempre se le unità di misura utilizzate nelle procedure di conta sono le stesse che sono riportate sui tabulati di magazzino;» Esempio anomalia: un azienda che produce viti carica a magazzino le giacenze a unità; il personale effettua l inventario contando le scatole (ciascuna delle quali contiene migliaia di viti).» Assicurarsi che i conteggi vengano effettuati senza l ausilio del dato contabile 35

36 La conta fisica» Esistenza e completezza: assicurarsi che le conte inventariali coprano tutte le aree in cui si trovano le rimanenze assicurarsi che tutte le rimanenze siano contate e che siano contate una sola volta assicurarsi che tutti I luoghi da contare siano chiaramente individuati e labellati e marcati quando le conte sono finite assicurarsi che sia possibile seguire sequenzialmente i fogli conta per validare la loro completezza verificare la procedura di conta o conferma delle rimanenze presso terzi verificare le procedure per garantire che le merci di terzi siano chiaramente identificate 36

37 La conta fisica» Controllo delle conte: Visitare il luogo in cui le rimanenze sono conservate Osservare la conformità con le procedure delle conte fisiche Osservare se il personale comprende il lavoro che deve fare Osservare che non ci siano movimenti di rimanenze durante le conte Osservare e informarsi su prodotti obsoleti o slow-moving e scarti» Selezionare un campione per la verifica della correttezza dei conteggi effettuati rispettivamente: A giudizio sulla base degli items più significativi come valorizzazione finale; A giudizio sulla base degli items che presentano la maggiore movimentazione; Secondo tecniche di campionamento statistico con o senza variabili stratificate. (rammentare che l obiettivo della verifica è spesso «procedurale» e non «a copertura» in conseguenza l obiettivo non è la conta in quanto tale ma la validazione della procedura). 37

38 La conta fisica» Effettuare sistematicamente una conta addizionale se si identifica una differenza tra conta/foglio conta e mastro rimanenze.» Ciò al fine di concludere se una eventuale differenza rilevata nei nostri controlli è reale e non sia invece dovuta da una prima conta mal eseguita.» Identificare le informazioni / l evidenza che può essere usata nella fase successiva alla conta : Numero di riferimento Luogo Numero di etichetta Descrizione Fase di completamento per i work-in-progress Unità di misura Quantità contata dalla società Quantità contata dal Revisore Altri dettagli rilevanti 38

39 La conta fisica» Le operazioni da svolgere a conclusione dell inventario fisico possono riassumersi in: Analisi della lista finale inventariale; Validare la concordanza tra le quantità contate e le quantità incluse nelle rimanenze; Analisi del trattamento delle differenze inventariali identificate durante le conte; Osservare la conformità alla procedura del cliente per le conte addizionali per controllare l integrità delle differenze segnate; Qualora la conta fisica delle rimanenze sia svolta ad una data diversa dalla data di riferimento del bilancio effettuare una riconduzione alla data di chiusura del bilancio; Formalizzazione delle conclusioni. 39

40 Il test di cut off E un test procedurale effettuato per valutare la completezza e la competenza delle registrazioni di magazzino.» Valutare le procedure adottate dalla Società per minimizzare i possibili errori di cut-off.» Selezionare un campione di: ricevimento di merci, trasferimenti interni a reparti e/o depositi e spedizioni sia prima che dopo la data di inventario, con un criterio rigidamente cronologico (partecipare alla selezione)» Verifica (in sede di Final) della corretta registrazione contabile per competenza dei carichi e scarichi di cui al punto precedente, sulla base delle schede di magazzino e di ogni altra idonea documentazione. 40

41 Il test di cut off» Gli elementi da riportare e da confrontare fra di loro criticamente per giungere a una conclusione sulla correttezza o meno del cut-off sono: Data bolla Data presa in carico dei trasportatori (data e firma) Timbro di entrata (uscita) merce emesso dalla Logistica, se previsto dalla procedura Data registrazione di carico/scarico magazzino Clausola di trasporto Data fattura di vendita e di registrazione a magazzino» Attenzione ad eventuale «merce in transito» 41

42 Clausola di trasporto: INCOTERMS» Gli International Commercial Terms è la serie di termini utilizzati nel campo delle importazioni ed esportazioni, valida in tutto il mondo, che definisce in maniera univoca e senza possibilità di errore ogni diritto e dovere competente ai vari soggetti giuridici coinvolti in una operazione di trasferimento di beni da una nazione ad un'altra.» Sono facoltative» Occorre tenerne conto quando, in assenza di specifici accordi contrattuali, si vuole identificare il momento in cui si ha il passaggio del rischio tra compratore e venditore. 42

43 INCOTERMS» Gruppo E : Massima obbligazione per il compratore EXW. Ex Works (località)» Gruppo F : Trasporto principale a carico compratore FCA. Free Carrier (località) FAS. Free Alongside Ship (porto specifico di partenza) FOB. Free On Board (porto specifico di partenza)» Gruppo C: Trasporto principale a carico venditore; rischi a carico compratore CFR. Cost and Freight (porto specifico di arrivo) BEST WEcSTERN MILTON MILANO CIF. Cost, Insurance and Freight (porto specifico di arrivo) CPT. Carriage Paid To (punto specifico di arrivo) CIP. Carriage and Insurance Paid to (punto specifico di arrivo)» Gruppo D : Massima obbligazione per il venditore DAF. Delivered At Frontier (confine specifico) DES. Delivered Ex Ship (porto specifico) DEQ. Delivered Ex Quay (porto specifico) DDU. Delivered Duty Unpaid (località) DDP. Delivered Duty Paid (località) 43

44 Il test di cut off» Esempio Finalizzazione del test: VENDITE documentazione ante data chiusura bilancio 31 dicembre data data data data bolla Scarico a fattura coge (proprietà) magazzino CLIENTE (cliente) note 30-dic 30-dic 30-dic 30-dic OK 30-dic 30-dic 30-dic 10-gen devo controllare registrazione in fatture da emettere 30-dic 30-dic 10-gen 10-gen devo controllare registrazione in fatture da emettere 30-dic 10-gen 10-gen 10-gen l'effetto a CE è il margine che è di dicembre ; rettifico - magazzino e + fatture da emettere (N/S) 30-dic 10-gen 10-gen 30-dic errore nel magazzino (mancato scarico)- sopravalutazione magazzino 30-dic 10-gen 30-dic 10-gen l' effetto a CE è il margine che è di dicembre ; rettifico - magazzino e + fatture da emettere/cliente (N/S) VENDITE documentazione post data chiusura bilancio 31 dicembre data data data data bolla Scarico a fattura coge (proprietà) magazzino CLIENTE (cliente) note 10-gen 30-dic 30-dic 30-dic errore perchè passaggio proprietà in gennaio;fatturazione anticipata. L'effetto a CE è margine anticipato (N/S) 10-gen 30-dic 30-dic 10-gen errore perchè passaggio proprietà in gennaio;sottovalutazione del magazzino => rettifico magazzino 10-gen 30-dic 10-gen 10-gen (sistema cont. magazz. forzato o bolla emessa in anticipo) ; per società errore sottovalut. Stock =>rettifico stock 10-gen 10-gen 10-gen 10-gen OK 10-gen 10-gen 10-gen 30-dic errore in coge ; ricavo di competenza esercizio successivo (teoricamente impossibile) 10-gen 10-gen 30-dic 10-gen errore nella procedure di fatturazione (data FT ante bolla); ok in coge nessun effetto a CE 44

45 Il test di cut off acquisti : documentazione ante data chiusura bilancio 31 dicembre data data data data carico a fattura magazzino fornitore bolla (proprietà) coge (fornitore) note 30-dic 30-dic 30-dic 30-dic OK 30-dic 30-dic 30-dic 10-gen controllare che la FT sia registrata in ft da ricevere 30-dic 30-dic 10-gen 10-gen controllare che la FT sia registrata in ft da ricevere (problema fornit.) 30-dic 10-gen 10-gen 10-gen non effetto significativo a CE salvo eventuale effetto sul valore magazzino (ex costo medio) 30-dic 10-gen 10-gen 30-dic errore nel magazzino (mancato carico)- sottovalutazione magazzino => rettifica +magazzino 30-dic 10-gen 30-dic 10-gen non effetto significativo a CE salvo eventuale effetto sul valore magazzino (ex costo medio) acquisti : documentazione post data chiusura bilancio 31 dicembre data data data data carico a fattura magazzino fornitore bolla (proprietà) coge (fornitore) note 10-gen 30-dic 30-dic 30-dic (impossisbile teoricamente) ; per società non effetto significativo a CE (effetto sul val magazz.) 10-gen 30-dic 30-dic 10-gen (impossisbile teoricamente) ; per società errore sopravalut. Stock => rettifico - magazzino 10-gen 30-dic 10-gen 10-gen (sistema cont. Magazz. forzato) ; per società errore sopravalut. Stock => rettifico -magazzino 10-gen 10-gen 10-gen 10-gen OK 10-gen 10-gen 10-gen 30-dic errore in coge ; costo di competenza esercizio successivo => rettifico coge storno costi 10-gen 10-gen 30-dic 10-gen OK per società (problema per fornitore - fatturazione anticipata) 45

46 Le conferme esterne» Nell ambito delle previsioni del ISA 505, si definisce conferma esterna il processo di acquisizione e di valutazione degli elementi probativi tramite una comunicazione diretta di una terza parte in risposta ad una richiesta di informazioni su aspetti di una determinata voce, operazione o informazione che incidono su asserzioni formulate dalla direzione nel bilancio.» Nel decidere in quale misura ricorrere alle conferme esterne, il revisore valuta le caratteristiche dell ambiente in cui opera l entità sottoposta a revisione e il comportamento dei potenziali destinatari nel rispondere alle richieste di conferma diretta. 46

47 Le conferme esterne» Se significative, occorre chiedere conferma ai terzisti delle giacenze presso di loro alla data di chiusura dell esercizio per materiale in possesso di terze parti presso magazzini fiduciari in conto lavorazione o deposito (ISA 505)» Minore è il livello accertato di rischio intrinseco e di controllo e minore sarà la necessità di ricorrere alle procedure di validità per formulare le conclusioni su un asserzione di bilancio.» (ISA 505) Nel caso di merci presso terzi, la conferma esterna può fornire un forte elemento probativo a sostegno della loro esistenza e dei diritti ed obblighi in essere tra società revisionata e terzi depositari, ma potrebbe non fornire un elemento probativo a sostegno della loro valutazione. 47

48 Le conferme esterne» (ISA 505) Nel caso in cui non si riceva risposta, il revisore deve normalmente effettuare una seconda richiesta e, dove lo ritenga necessario, una terza richiesta. Se anche dopo tali richieste successive il revisore non riceve risposta, egli ricorre allo svolgimento di procedure di revisione alternative, la cui natura varia a seconda del conto e dell asserzione oggetto di analisi.» Questo significa che se il terzista non provvede a rispondere, a seconda del grado di rischio intrinseco o di controllo il revisore può valutare il ricorso a procedure alternative, quali il test di cut off o la ricostruzione delle spedizioni al terzista con le bolle di spedizione in conto lavoro. 48

49 Valorizzazione del magazzino» Valorizzazione degli acquisti: il revisore, stante l assunto di flusso dei costi operato dalla società, verifica la valorizzazione delle quantità presenti a magazzino sulla base di un campione di fatture di acquisto merce ritenuto rappresentativo;» Verifica dell obsolescenza: il revisore ottiene i dati relativi alle rotazioni delle merci in magazzino ed opera opportuna svalutazione sui codici con rotazioni talmente basse da poter essere considerati obsoleti» Valutazione al mercato: il revisore ottiene valutazione indipendente del prezzo di vendita di un campione rappresentativo delle merci in magazzino e, qualora eccedesse il valore di carico iscritto in bilancio, opera opportuna svalutazione. (art n. 9 c.c., OIC 13 par. D.II.b) 49

50 Valorizzazione del magazzino» La scelta del campione deve essere effettuata alternativamente: A giudizio sulla base degli items più significativi come valorizzazione finale; A giudizio sulla base degli items che presentano la maggiore movimentazione; Secondo tecniche di campionamento statistico con o senza variabili stratificate. 50

51 Valorizzazione del magazzino» Una volta selezionato il campione il revisore dovrà ripercorrere le modalità di determinazione del costo effettuate dall azienda e verificarne la loro concordanza con le norme di legge ed i principi contabili (art c.c., OIC 13), dunque ricalcolare: Il CMP Il costo e gli strati LIFO o FIFO il costo di produzione/trasformazione adeguamento al valore di mercato 51

52 Grazie

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE. indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE. indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2014

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 402 CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE CONTABILE DI UN IMPRESA CHE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO

IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

Il principio ISA Italia n. 230 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati

Il principio ISA Italia n. 230 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati Il principio 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati - La documentazione della revisione contabile Documentazione di revisione (anche "carte di lavoro"): l'evidenza documentale delle

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli

Cfr (1) Termine internazionale: Cost and freight. Termine italiano: Costo e nolo.

Cfr (1) Termine internazionale: Cost and freight. Termine italiano: Costo e nolo. Cfr (1) Termine internazionale: Cost and freight. Termine italiano: Costo e nolo. il venditore deve sopportare tutte le spese necessarie per trasportare la merce fino al porto di destinazione convenuto.

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Treviso L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE LEGALE 23 novembre 2010 Relatore: dott. Marco Della Putta 1 Indice: a) La pianificazione della

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

Indice. Oggetto del presente principio di revisione internazionale (ISA Italia) 1-6 Data di entrata in vigore... 7 Obiettivi... 8. Definizioni...

Indice. Oggetto del presente principio di revisione internazionale (ISA Italia) 1-6 Data di entrata in vigore... 7 Obiettivi... 8. Definizioni... PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 600 LA REVISIONE DEL BILANCIO DEL GRUPPO CONSIDERAZIONI SPECIFICHE (INCLUSO IL LAVORO DEI REVISORI DELLE COMPONENTI) (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente

ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente Pianificazione del programma di revisione e determinazione del livello significatività dei controlli, materialità dell errore Relatore Prof. Marco Mainardi ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente

Dettagli

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach)

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) di Alberto Pesenato (*) Uno degli aspetti maggiormente critici nell impostazione dell attività

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI NELLA RELAZIONE DEL REVISORE INDIPENDENTE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI NELLA RELAZIONE DEL REVISORE INDIPENDENTE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

DEBITI VERSO FORNITORI

DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO FORNITORI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Obbligazioni per acquisto di merci o servizi. Art. 2424 c.c. D)

Dettagli

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Rif sm/fb 1 Valutazione del SCI da parte del revisore Caso Elettronica Italia Soluzioni Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Nota interpretativa. La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali

Nota interpretativa. La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali Nota interpretativa La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali Febbraio 2012 1 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla REVISIONE della TESORERIA (CASSA e BANCHE) Approfondiamo la «posta» di bilancio dedicata alla ovvero alla revisione delle disponibilità liquide e dei debiti di natura finanziaria,

Dettagli

Processi di. produzione e gestione del magazzino

Processi di. produzione e gestione del magazzino Master in Economia Aziendale & Management Dipartimento di Economia Aziendale E. Giannessi Processi di produzione e gestione del magazzino Alessandro Capodaglio 4/4/2007 Capodaglio e Associati 1 IL MODELLO

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE. Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze

IL PROCESSO DI REVISIONE. Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze IL PROCESSO DI REVISIONE. Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze Universita di Roma Facolta di Economia Corso di Revisione Aziendale - anno 2014-2015

Dettagli

Il CONTROLLO CONTABILE. a cura di Andrea Rossi

Il CONTROLLO CONTABILE. a cura di Andrea Rossi Il CONTROLLO CONTABILE a cura di Andrea Rossi Overview del processo di revisione Fase prelim inare Fase di verifica sul bilancio Determ inazione della materialità Valutazione rischio di individuazione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS)

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali copie dovranno

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Università degli studi di Pavia Obiettivo=Relazione Team di Revisione Principi Contabili/Principi

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 560 EVENTI SUCCESSIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 560 EVENTI SUCCESSIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 560 EVENTI SUCCESSIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente)

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

Area di specializzazione in tecnico del commercio estero. A cura di: Gloria Feltrin

Area di specializzazione in tecnico del commercio estero. A cura di: Gloria Feltrin Area di specializzazione in tecnico del commercio estero A cura di: Gloria Feltrin Il trasporto internazionale Trasporti Prima funzione aziendale marginale Oggi ruolo sempre più importante e decisivo anello

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

DC COOLING Alternative cooling solutions

DC COOLING Alternative cooling solutions Norma interna di riferimento, per le condizioni di trasporto di materiali DC COOLING SRL da elencare in offerta, conferma d ordine e fattura Per evitare e chiarire malintesi in merito alle responsabilità

Dettagli

IL CONTROLLO DEI CREDITI

IL CONTROLLO DEI CREDITI IL CONTROLLO DEI CREDITI Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1. STABILISCO COME

Dettagli

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno Servizio: Nome servizio Pag. 1 1 LA REVISIONE LEGALE (art. 14 D. LGS. 39/2010) Il revisore o la società di revisione incaricati

Dettagli

I crediti Obiettivi di revisione

I crediti Obiettivi di revisione Rif sm/np 1 Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi Rif sm/np 2 I crediti Obiettivi di revisione I principali obiettivi sono: Esistenza (E) Valutazione (V)

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

I nuovi principi di revisione

I nuovi principi di revisione I nuovi principi di revisione «ISA Clarified» di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Il 21 ottobre sul sito del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili sono stati pubblicati i

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE Università RomaTre. Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno Accademico 07-08 1 PREMESSA RACCOLTA SUFFICIENTI ED APPROPRIATI ELEMENTI PROBATIVI LA È SVOLTA IN BASE A VERIFICHE DI CAMPIONI

Dettagli

L inventario di Magazzino

L inventario di Magazzino L inventario di Magazzino Procedure per lo svolgimento di un corretto inventario da parte di consulenti, sindaci e revisori Che cosa è un inventario? L inventario è una procedura sistematica di verifica

Dettagli

3 La revisione del sistema di controllo interno

3 La revisione del sistema di controllo interno 3 La revisione del sistema di controllo interno Secondo i vecchi Principi di revisione italiani, il sistema di controllo interno 1 è l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate

Dettagli

@REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali

@REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali @REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali Indice e sintesi dei contenuti Indice 1. Quadro normativo 2. Descrizione del processo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA 580 ATTESTAZIONI SCRITTE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA 580 ATTESTAZIONI SCRITTE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 580 ATTESTAZIONI SCRITTE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente)

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Anno accademico 2014-2015

Anno accademico 2014-2015 Revisione e Ragioneria societaria Modulo di Revisione Aziendale (Parte IV) Anno accademico 2014-2015 Prof.ssa Anna Paris (anna.paris@unisi.it) Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli

Dettagli

VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE

VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE FIORANNA NEGRI ASSIREVI

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione

Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione Tecniche di revisione e le Carte di lavoro 1 Agenda Tecniche di revisione Aspetti generali Circolarizzazioni Inventario Carte di Lavoro L organizzazione delle carte di lavoro Caso pratico: Carte di lavoro

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 200

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 200 PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 200 OBIETTIVI GENERALI DEL REVISORE INDIPENDENTE E SVOLGIMENTO DELLA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Operational Audit: Macerata Plant Kick-off Detailed scope Daniele 2 Bruni: Esercitazione

Dettagli

Indice. Appendice: Considerazioni in merito all accordo tra il revisore e l esperto esterno del revisore

Indice. Appendice: Considerazioni in merito all accordo tra il revisore e l esperto esterno del revisore Introduzione PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 620 UTILIZZO DEL LAVORO DELL ESPERTO DEL REVISORE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT)

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Indice degli argomenti Introduzione Metodologia Esempi Conclusioni Slide 2 Introduzione Metodologia Esempi

Dettagli

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Generalità Disposizioni del codice civile art. 2424 Disponibilità

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

Misurazione, analisi e miglioramento

Misurazione, analisi e miglioramento Pagina 1 di 8 Manualle Qualliità Misurazione, analisi e miglioramento INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

Principi di Revisione. Luca Bonvino 24 settembre 2014

Principi di Revisione. Luca Bonvino 24 settembre 2014 Principi di Revisione Luca Bonvino 24 settembre 2014 1 La revisione iniziò ad affermarsi all inizio del 1900 come conseguenza del ricorso da parte delle imprese a forme di risparmio diffuso: si trattava

Dettagli

DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE

DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE GENERALITÀ DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE ART. 2424 DISPONIBILITÀ LIQUIDE: O. DEPOSITI BANCARI E POSTALI; O. ASSEGNI; O. DENARO E VALORI IN CASSA ( INCLUDONO

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Logistica magazzino: Inventari

Logistica magazzino: Inventari Logistica magazzino: Inventari Indice Premessa 2 Scheda rilevazioni 2 Registrazione rilevazioni 3 Filtro 3 Ricerca 3 Cancella 3 Stampa 4 Creazione rettifiche 4 Creazione rettifiche inventario 4 Azzeramento

Dettagli

Sezione G => G100 Altri Crediti

Sezione G => G100 Altri Crediti 358 Sezione G => G100 Altri Crediti OBIETTIVI Verificare che i crediti verso altri non clienti: - accertare che i crediti verso altri esposti in bilancio siano relativi a reali transazioni e rappresentino

Dettagli

A) Revisione LEGALE e Revisione VOLONTARIA. B) Revisione DIRETTA e revisione INDIRETTA. C) Revisione INTEGRALE e revisione a CAMPIONE

A) Revisione LEGALE e Revisione VOLONTARIA. B) Revisione DIRETTA e revisione INDIRETTA. C) Revisione INTEGRALE e revisione a CAMPIONE Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo - Torino Le tipologie di revisione dei bilanci Il Controllo contabile Centro Congressi Torino Incontra 17 gennaio 2005 Valter Cantino e Fabrizio Bava

Dettagli

Allegato A Tenuta e redazione delle carte di lavoro

Allegato A Tenuta e redazione delle carte di lavoro Indice 1 Finalità del documento... 2 2 Definizione... 2 3 Obiettivi... 2 4 Requisiti delle carte di lavoro... 2 5 Forma, contenuto ed ampiezza delle carte di lavoro... 3 6 Modalità e principi di compilazione...

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO 1 DOCUMENTO 230: LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO Il revisore può avere una conoscenza approfondita della società revisionata e della sua attività, in ragione dei rapporti

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE DELLE IMPRESE ED ENTI MINORI

CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE DELLE IMPRESE ED ENTI MINORI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE DELLE IMPRESE ED ENTI MINORI Documento

Dettagli

Documento di ricerca n. 190

Documento di ricerca n. 190 ASSIREVI BO Documento di ricerca n. 190 Modello di relazione della società di revisione indipendente sul bilancio sociale o di sostenibilità GRI G4 Il presente Documento di ricerca intende fornire gli

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 315

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 315 PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 315 L IDENTIFICAZIONE E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci CONCETTO DI SCORTA Le scorte sono elementi dell ATTIVO CIRCOLANTE, perche Rappresentano investimenti in fattori produttivi che attendono Di essere consumati o venduti in breve tempo Imprese Industriali

Dettagli

Il PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE

Il PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE Il PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche (beni fungibili);

non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche (beni fungibili); Verifiche di sostanza sul magazzino Premessa Le verifiche di sostanza sul magazzino variano a seconda della natura e dell industria in cui opera l azienda e del fatto che si tratti di un azienda commerciale

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

Metodologie per la determinazione del rischio di revisione

Metodologie per la determinazione del rischio di revisione Metodologie per la determinazione del rischio di revisione di Alberto Pesenato (*) La determinazione del rischio di revisione, richiesta dai principi di revisione ISA Italia adottati dal MEF, si è sviluppata

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA MAGAZZINIERE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA MAGAZZINIERE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA MAGAZZINIERE 1 MAGAZZINIERE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 Accettazione e ricevimento merci (affiancamento del tutor nella esecuzione di interventi

Dettagli

Relazione di revisione

Relazione di revisione COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI Relazione di revisione 24 novembre 2014 Claudio Mariani Membro della Commissione Controllo Societario ODCEC Milano Socio KPMG - Professore a contratto,

Dettagli

Revisione legale e controllo qualità: le «Asserzioni»

Revisione legale e controllo qualità: le «Asserzioni» Revisione legale e qualità: le «Asserzioni» Alberto Pesenato (*) Per poter esprimere un giuzio sul bilancio il revisore legale scompone l obiettivo finale riferito al bilancio nel suo complesso in sotto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli