I G17H Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici"

Transcript

1 Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Il sistema di classificazione dei progetti nel CUP Classificazione CPV a parte M I P G17H Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici C U P G17H Codice Unico di Progetto

2 SOMMARIO IL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE... 2 CATEGORIA SOGGETTO... 2 prima classe: CATEGORIA DELL INVESTIMENTO... 2 seconda classe: LOCALIZZAZIONE... 2 terza classe: FINANZIAMENTO... 2 quarta classe: SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA... 2 prima classe: CATEGORIA DELL INVESTIMENTO TIPO DI OPERAZIONE: CATEGORIA DI OGGETTO PROGETTUALE: CLASSIFICAZIONE CPV (Common Procurement Vocabulary):... 3 Seconda classe: LOCALIZZAZIONE... 3 Terza classe: FINANZIAMENTO... 3 Quarta classe: SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA... 3 a. Categoria dell investimento... 5 a.1. Tipo operazione... 5 a.2. Categoria di progetto... 7 b. Localizzazione c. Finanziamento d. Settore di attività economica del beneficiario... 16

3 IL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE Il sistema CUP rilascia un codice in base alle risposte fornite dall utente alle domande: CHI SEI? COSA VUOI FARE? DOVE LO VUOI FARE? ed utilizza le due seguenti funzionalità: - gestione utenti, finalizzata alla registrazione degli utenti e quindi a consentire loro di accedere al sistema, - richiesta CUP, per l inserimento delle informazioni relative ai progetti e l ottenimento del codice. La funzionalità gestione utenti consente di creare nuove utenze di accesso al Sistema. Il Sistema provvede a notificare all utente, che ne ha fatto richiesta, i dati relativi all utenza creata tramite uno scambio di . Questa funzionalità consente, quindi, di rispondere alla domanda Chi sei?, ed utilizza la tabella di classificazione: CATEGORIA SOGGETTO riportata nelle pagine seguenti, e che riporta articolazioni omogenee con cui è possibile classificare ciascun soggetto responsabile dell attuazione di un progetto di investimento pubblico. Questa classificazione è composta di due livelli: - categoria soggetto: contenente l'elenco delle categorie dei soggetti; - sottocategoria soggetto: contenente un elenco di specifiche delle categorie soggetti. Nella funzionalità richiesta Cup le informazioni sono raggruppate per classe di appartenenza e permettono l evidenziazione di alcune salienti caratteristiche del progetto, rispondendo alle domande Cosa vuoi fare? e Dove lo vuoi fare?. La funzionalità utilizza le seguenti quattro classi: prima classe: CATEGORIA DELL INVESTIMENTO seconda classe: LOCALIZZAZIONE terza classe: FINANZIAMENTO quarta classe: SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA come di seguito presentate: prima classe: CATEGORIA DELL INVESTIMENTO che classifica il progetto secondo un sistema di classificazioni, articolato su tre diverse tabelle: - TIPO DI OPERAZIONE: identifica in cosa consiste il progetto d investimento pubblico: consente di iniziare a rispondere alla domanda cosa vuoi fare. La tabella è strutturata su due livelli di classificazione:. natura: evidenzia il tipo di azione in cui consiste il progetto (realizzazione di lavori pubblici, acquisto di beni o di servizi, concessione di incentivi ad unità produttive, realizzazione di progetti di ricerca, ecc),. tipologia: specifica ulteriormente l'azione prevista dal progetto (nuova realizzazione, restauro, manutenzione, formazione professionale, ecc); - CATEGORIA DI OGGETTO PROGETTUALE: individua le categorie omogenee con cui è possibile descrivere l'oggetto progettuale: consente cioè di specificare, ad esempio: Pagina 2 di 24

4 - nel caso di lavori pubblici, la categoria dell infrastruttura su cui si interviene (scuola, strada, ospedale); - nel caso di concessione di incentivi ad unità produttive, la struttura oggetto dell intervento agevolato (albergo, centro di ricerca, magazzino, ecc.), ovvero il tipo di servizio il cui acquisto s intende agevolare (formazione, trasporti, ecc); - nel caso di progetti di ricerca, il settore in cui rientra l obiettivo della ricerca (ambiente, telecomunicazioni, trasporti, ecc.). La tabella è composta da tre livelli: - settore intervento: contenente un elenco di settori d intervento, - sottosettore intervento: contenente un elenco di specifiche del settore d intervento, - categoria intervento: contenente un elenco di specifiche del sottosettore d intervento. - CLASSIFICAZIONE CPV (Common Procurement Vocabulary): o dizionario comune degli appalti, è un dizionario in cui sono contenuti i codici per identificare i prodotti e i servizi. La tabella è derivata dalla classificazione sviluppata in ambito EUROSTAT per la Commissione Europea. A ciascun codice corrisponde una denominazione che descrive le forniture, i lavori o i servizi. Per la richiesta del CUP questa classificazione è facoltativa. Seconda classe: LOCALIZZAZIONE che definisce l'ambito territoriale specifico in cui si colloca la realizzazione del progetto d investimento pubblico, consentendo di scegliere un unico livello (Comune, Provincia, Regione). Il Sistema permette peraltro la multilocalizzazione su più Comuni, o su più Province, o su più Regioni. Le tabelle che definiscono la localizzazione sono desunte dalla classificazione ISTAT, e si riferiscono a: - Regioni: contenente tutti le Regioni d Italia, - Province: contenente tutti le Province d Italia, - Comuni: contenente tutti i Comuni d Italia. E prevista anche la possibilità di evidenziare una localizzazione fuori dai confini nazionali. Terza classe: FINANZIAMENTO che segnala la copertura finanziaria del progetto in termini di costo, finanziamento pubblico assegnato e tipologia della copertura finanziaria. E possibile attribuire più tipologie di copertura finanziaria. La tabella che definisce le tipologie di copertura finanziaria, tipo di copertura, contiene la descrizione delle diverse titolarità di origine delle risorse economiche. Ove si ricorra a operazioni di finanza di progetto, è possibile evidenziare se si tratta di finanza di progetto pura o assistita (cioè con partecipazione di risorse pubbliche). Quarta classe: SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA che individua l attività prevalente del soggetto beneficiario dell investimento pubblico (nel caso di lavori pubblici, questi campi sono valorizzati automaticamente dal sistema). La tabella è derivata dalla classificazione ISTAT (ATECO 02), di cui utilizza solo 4 livelli (e cioé: sezione, sottosezione, divisione, gruppo). Pagina 3 di 24

5 La documentazione relativa al complessivo sistema di classificazione, utilizzato dal sistema CUP e sopra descritto, è ripartita in tre aree: 1. area soggetti, 2. area progetti: cpv, 3. area progetti: altre classificazioni. Di seguito è allegata la classificazione relativa ai progetti, area altre classificazioni : Pagina 4 di 24

6 ATTIVAZIONE CUP a. Categoria dell investimento a.1. Tipo operazione è una classificazione a due livelli (natura e tipologia). Il primo livello (natura) va scelto dall utente identificando in cosa consiste il progetto d investimento che vuole registrare al sistema CUP. In effetti, il progetto può, ad esempio, consistere: - nell acquisto degli arredi di una scuola ( acquisto di beni ), - nello studio dell efficacia farmacologia di una certa famiglia di molecole ( produzione di servizi ), - nell acquisto di una consulenza per la riorganizzazione di un dipartimento ( acquisto di servizi ), - nell ampliamento di un infrastruttura ( realizzazione di lavori pubblici ), - nell incentivare la manutenzione di un impianto ( concessione di incentivi ad unità produttive ), - nell acquisto di una quota di capitale in una società municipalizzata ( acquisto di partecipazione azionaria ). Il primo livello è infatti così articolato: 01 ACQUISTO DI BENI 02 REALIZZAZIONE E ACQUISTO DI SERVIZI 03 REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI (OPERE ED IMPIANTISTICA) 06 CONCESSIONE DI AIUTI A SOGGETTI DIVERSI DA UNITA PRODUTTIVE 07 CONCESSIONE DI INCENTIVI AD UNITA PRODUTTIVE 08 ACQUISTO DI PARTECIPAZIONI AZIONARIE E CONFERIMENTI DI CAPITALE Individuata la natura dell investimento, cioè il suddetto primo livello, fra le possibilità sopra evidenziate, si deve identificare anche il secondo livello (tipologia), utilizzando la seguente tabella: NATURA TIPOLOGIA 01 ACQUISTO DI BENI 00 NUOVA FORNITURA 08 MANUTENZIONE STRAORDINARIA 99 ALTRO 02 ACQUISTO O REALIZZAZIONE DI SERVIZI 10 ASSISTENZA 11 STUDI E PROGETTAZIONI (INCLUDE REALIZZAZIONE DI APPLICATIVI INFORMATICI) 12 CORSI DI FORMAZIONE 13 CONSULENZE 14 PROGETTI DI RICERCA 99 ALTRO 03 REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI (OPERE ED IMPIANTISTICA) 01 NUOVA REALIZZAZIONE 02 DEMOLIZIONE 03 RECUPERO 04 RISTRUTTURAZIONE 05 RESTAURO 06 MANUTENZIONE ORDINARIA 07 MANUTENZIONE STRAORDINARIA 51 COMPLETAMENTO DI NUOVA REALIZZAZIONE 52 COMPLETAMENTO DI DEMOLIZIONE 53 COMPLETAMENTO DI RECUPERO 54 COMPLETAMENTO DI RISTRUTTURAZIONE Pagina 5 di 24

7 55 COMPLETAMENTO DI RESTAURO 56 COMPLETAMENTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA 57 COMPLETAMENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 58 AMPLIAMENTO 99 ALTRO 06 CONCESSIONE DI AIUTI A SOGGETTI DIVERSI DA UNITA PRODUTTIVE 01 ACQUISTO SERVIZI REALI (INCLUSA FORMAZIONE) 02 NUOVA REALIZZAZIONE 03 RESTAURO 04 RISTRUTTURAZIONE 08 MANUTENZIONE STRAORDINARIA 99 ALTRO 07 CONCESSIONE DI INCENTIVI AD UNITA PRODUTTIVE 01 NUOVA REALIZZAZIONE 04 RISTRUTTURAZIONE 08 MANUTENZIONE STRAORDINARIA 09 AMPLIAMENTO 11 STUDI E PROGETTAZIONI 15 AMMODERNAMENTO 16 RICONVERSIONE 17 RIATTIVAZIONE 18 TRASFERIMENTO 19 ACQUISTO SERVIZI REALI (include FORMAZIONE) 20 ATTIVITA' DI RICERCA 21 INCENTIVI AL LAVORO 99 ALTRO 08 ACQUISTO DI PARTECIPAZIONI AZIONARIE E CONFERIMENTI DI CAPITALE 01 PARTECIPAZIONI AZIONARIE 02 CONFERIMENTI DI CAPITALE 99 ALTRO E possibile osservare che le attività di ricerca compaiono, a livello di tipologia, sia in produzione e acquisto di servizi sia in concessione di incentivi ad unità produttive : nei due casi, ovviamente, il progetto d investimento pubblico è molto diverso: nel primo, il soggetto titolare è responsabile della realizzazione del progetto di ricerca e deve chiedere il CUP -, nel secondo, invece, il progetto di ricerca è affidato all ente (in genere una società privata) che riceve l incentivo, ed il CUP deve essere richiesto dall ente che concede l incentivo. Discorso analogo può essere fatto per le attività di formazione, che compaiono, a livello di tipologia, sia nella natura produzione e acquisto di servizi sia nella natura concessione di incentivi ad unità produttive (in questo caso, la formazione è ricompresa in acquisto servizi reali ): nei due casi, ovviamente, il progetto d investimento pubblico è molto diverso: nel primo, il soggetto titolare è direttamente responsabile dell esecuzione del progetto di formazione ovvero lo acquista da un ente fornitore ; nel secondo, invece, il soggetto responsabile del progetto aiuta un impresa agevolando un intervento di formazione, realizzato nell interesse dell impresa stessa. Pagina 6 di 24

8 a.2. Categoria di progetto è una classificazione a tre livelli (settore, sottosettore e categoria). Il primo livello è così articolato: 01 INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO 02 INFRASTRUTTURE AMBIENTALI E RISORSE IDRICHE 03 INFRASTRUTTURE DEL SETTORE ENERGETICO 04 INFRASTRUTTURE PER L'ATTREZZATURA DI AREE PRODUTTIVE 05 OPERE E INFRASTRUTTURE SOCIALI 06 OPERE, IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER ATTIVITA' PRODUTTIVE E LA RICERCA 07 INFRASTRUTTURE PER TELECOMUNICAZIONI E TECNOLOGIE INFORMATICHE 08 RICERCA SVILUPPO TECNOLOGICO ED INNOVAZIONE 09 SERVIZI ALLE IMPRESE 10 SERVIZI PER LA P.A. E PER LA COLLETTIVITA' 11 FORMAZIONE E SOSTEGNI PER IL MERCATO DEL LAVORO Scelto il settore, cioè il primo livello, dalla seguente tabella si possono identificare anche i successivi (cioè sottosettore e categoria), SETTORE INTERVENTO SOTTOSETTORE INTERVENTO CATEGORIA INTERVENTO 01 INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO 01 STRADALI 011 AUTOSTRADE 012 STRADE STATALI 013 STRADE REGIONALI, PROVINCIALI E COMUNALI 014 PISTE CICLABILI 015 STRADE RURALI 999 ALTRE OPERE STRADALI 02 AEROPORTUALI 021 PISTE 022 AEROSTAZIONI 999 ALTRE OPERE AEROPORTUALI 03 FERROVIE 031 LINEE FERROVIARIE 036 OPERE DI STAZIONE E TERMINALI 999 ALTRE OPERE FERROVIARIE 04 MARITTIME LACUALI E FLUVIALI 041 PORTI COMMERCIALI 042 IDROVIE E OPERE FLUVIALI 043 PORTI PER LA PESCA 045 PORTI TURISTICI 999 ALTRE OPERE MARITTIME E FLUVIALI 05 TRASPORTO URBANO 032 LINEE METROPOLITANE E TRAMVIARIE 036 SISTEMI INTEGRATI E DI TRASPORTO INTELLIGENTI 157 SISTEMI DI PARCHEGGIO 999 ALTRI TRASPORTI URBANI 06 TRASPORTI MULTIMODALI E ALTRE MODALITA' DI TRASPORTO 033 FUNIVIE, SEGGIOVIE, FUNICOLARI 035 TRASPORTI MULTIMODALI ED INTERPORTI 999 ALTRE MODALITA' DI TRASPORTO Pagina 7 di 24

9 02 INFRASTRUTTURE AMBIENTALI E RISORSE IDRICHE 05 DIFESA DEL SUOLO 044 OPERE DI DIFESA ABITATI E SPIAGGE 051 SISTEMAZIONE CORSI D'ACQUA 120 OPERE ED IMPIANTI DI BONIFICA 121 DIFESA DEL SUOLO E REGIMAZIONE ACQUE 122 FORESTAZIONE 141 CONSOLIDAMENTO ABITATI 142 MESSA IN SICUREZZA SITI A RISCHIO SISMICO 999 ALTRE OPERE DI DIFESA DEL SUOLO 10 OPERE DI SMALTIMENTO REFLUI E RIFIUTI 109 IMPIANTI DEPURAZIONE ACQUE 112 IMPIANTI DI STOCCAGGIO E SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE 113 RETI FOGNARIE 115 IMPIANTI SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI 116 IMPIANTI DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI 118 SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI 999 ALTRE OPERE DI SMALTIMENTO REFLUI E RIFIUTI 11 OPERE DI PROTEZIONE, VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DELL'AMBIENTE 117 INTERVENTI PER LA QUALITA' DELL'ARIA 118 RECUPERO E PROTEZIONE DI SITI NATURALI E RURALI 120 INTERVENTI PER LA PROTEZIONE DAL RUMORE 122 PARCHI E RISERVE PROTETTE 123 SISTEMI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE E TELECONTROLLO DELL'INQUINAMENTO 124 STRUTTURE PER LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO AMBIENTALE 999 ALTRE OPERE DI PROTEZIONE, VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE AMBIENTALE 12 RIASSETTO E RECUPERO DI SITI URBANI E PRODUTTIVI 001 RIUTILIZZAZIONE E RECUPERO DI AREE DISMESSE 005 RECUPERO SITI CONTAMINATI E/O DEGRADATI 999 ALTRE OPERE PER IL RIASSETTO E RECUPERO DI SITI PRODUTTIVI 15 RISORSE IDRICHE 110 DIGHE 111 BACINI IRRIGUI, TRAVERSE ED OPERE MINORI DI ACCUMULO 112 OPERE PER LA CAPTAZIONE E ADDUZIONE DELL'ACQUA PER USI NON AGRICOLI O AD USO PLURIMO 113 OPERE PER LA CAPTAZIONE E ADDUZIONE DELL'ACQUA PER ESCLUSIVO USO AGRICOLO 117 DISSALATORI ED OPERE DI POTABILIZZAZIONE 118 RETI IDRICHE URBANE 119 RETI IDRICHE RURALI 120 SERBATOI ED IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO 121 RETI IDRICHE INDUSTRIALI 133 IMPIANTI E RETI IRRIGUE INTERAZIENDALI 999 ALTRE OPERE PER L'UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE 03 INFRASTRUTTURE DEL SETTORE ENERGETICO 06 PRODUZIONE DI ENERGIA 001 IMPIANTI DI COGENERAZIONE 061 IMPIANTI PRODUZIONE IDROELETTRICA 062 IMPIANTI PRODUZIONE TERMOELETTRICA 069 IMPIANTI PRODUZIONE GAS 998 ALTRI IMPIANTI PRODUZIONE ENERGIE RINNOVABILI E ALTERNATIVE 999 ALTRE OPERE PER LA PRODUZIONE E ESTRAZIONE DI ENERGIA 16 DISTRIBUZIONE DI ENERGIA 004 IMPIANTI PER L'EFFICIENZA DELLE RETI E RISPARMIO ENERGETICO 060 RETI DISTRIBUZIONE GAS 065 IMPIANTI DI TRASPORTO E TRASFORMAZIONE ELETTRICA 066 IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA CIVILE E INDUSTRIALE 068 ELETTRIFICAZIONI RURALI 142 METANODOTTI GASDOTTI E SIMILI 999 ALTRE OPERE DI DISTRIBUZIONE ENERGIA 04 INFRASTRUTTURE PER L'ATTREZZATURA DI AREE PRODUTTIVE 39 INFRASTRUTTURE PER L'ATTREZZATURA DI AREE PRODUTTIVE 144 INFRASTRUTTURE CIVILI PER AREE INDUSTRIALI 145 SISTEMAZIONE DEI TERRENI 999 ALTRE INFRASTRUTTURE PER ATTREZZATURE DI AREE PRODUTTIVE 05 OPERE E INFRASTRUTTURE SOCIALI 08 SOCIALI E SCOLASTICHE 081 EDILIZIA SOCIALE, CULTURALE E ASSISTENZIALE Pagina 8 di 24

10 082 ASILI NIDO 083 SCUOLE MATERNE 085 EDILIZIA UNIVERSITARIA 086 EDILIZIA SCOLASTICA 999 ALTRE OPERE DI EDILIZIA SOCIALE 10 ABITATIVE 100 ABITAZIONI RURALI E BORGHI RURALI 103 FABBRICATI RESIDENZIALI URBANI 104 RICOSTRUZIONI PER CALAMITA' NATURALI 105 INFRASTRUTTURE CIVILI PER COMPLESSI RESIDENZIALI 106 RESIDENZE PER COMUNITA' 999 ALTRE OPERE DI EDILIZIA ABITATIVA 11 OPERE PER IL RECUPERO, VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DI BENI CULTURALI 093 EDILIZIA MONUMENTALE 095 INTERVENTI IN AREE ARCHEOLOGICHE 096 RESTAURO E RIQUALIFICAZIONE DI BENI CULTURALI 097 MUSEI ARCHIVI E BIBLIOTECHE 098 OPERE PER IL RECUPERO, VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEL PATRIMONIO RURALE 999 ALTRE OPERE PER LA FRUIZIONE DI BENI CULTURALI 12 SPORT, SPETTACOLO E TEMPO LIBERO 098 IMPIANTI SPORTIVI 100 TEATRI ED ALTRE STRUTTURE PER LO SPETTACOLO 101 STRUTTURE FIERISTICHE E CONGRESSUALI 999 ALTRE STRUTTURE RICREATIVE 30 SANITARIE 111 STRUTTURE OSPEDALIERE 130 ALTRE STRUTTURE PER L'IGIENE LA PROFILASSI E LA TUTELA DELLA SALUTE 150 ALTRI PRESIDI SANITARI TERRITORIALI 153 RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI 999 ALTRE OPERE DI EDILIZIA SANITARIA 31 CULTO 001 CHIESE ED ALTRI LUOGHI DI CULTO 002 EDIFICI PER SERVIZI RELIGIOSI 003 CONVENTI 999 ALTRE OPERE PER IL CULTO 32 DIFESA 090 CASERME 999 ALTRA EDILIZIA MILITARE 33 DIREZIONALI E AMMINISTRATIVE 001 OPERE E INFRASTRUTTURE PER SEDI DI ORGANI ISTITUZIONALI 33 DIREZIONALI E AMMINISTRATIVE 003 OPERE E INFRASTRUTTURE PER SEDI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 004 EDIFICI E INFRASTRUTTURE PER UFFICI 999 ALTRE OPERE DIREZIONALI E AMMINISTRATIVE 34 GIUDIZIARIE E PENITENZIARIE 092 EDILIZIA PENITENZIARIA 094 PRETURE E TRIBUNALI 999 ALTRE OPERE E INFRASTRUTTURE GIUDIZIARIE 36 PUBBLICA SICUREZZA 001 COMMISSARIATI 002 EDIFICI ED INFRASTRUTTURE PER LA PROTEZIONE CIVILE 999 ALTRE OPERE PER LA PUBBLICA SICUREZZA 99 ALTRE OPERE ED INFRASTRUTTURE SOCIALI 096 CIMITERI 191 ARREDO URBANO 192 VERDE PUBBLICO 193 ILLUMINAZIONE PUBBLICA 998 ALTRE INFRASTRUTTURE 999 ALTRE OPERE DI EDILIZIA PUBBLICA 06 OPERE, IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER ATTIVITA' PRODUTTIVE E LA RICERCA 02 OPERE, IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER IL SETTORE SILVO-FORESTALE 001 FORESTAZIONE PRODUTTIVA 005 IMPIANTI PER LA RACCOLTA, TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE PRODOTTI FORESTALI 006 MEZZI ED IMPIANTI DI PREVENZIONE DA CALAMITA' NATURALI 007 IMPIANTI, MACCHINARI E MEZZI TECNICI Pagina 9 di 24

11 129 STRUTTURE PER COLTIVAZIONI FORESTALI (VIVAI,ECC) 999 ALTRE OPERE PER IL SETTORE SILVO-PASTORALE 13 OPERE, IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER L'AGRICOLTURA, LA ZOOTECNIA E LA SILVICOLTURA 027 INTRODUZIONE DI SISTEMI PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA' DEI PRODOTTI 030 IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' O PLURIATTIVITA' IN AZIENDE AGRICOLE 129 IMPIANTI E RETI IRRIGUE AZIENDALI 130 STRUTTURE PER COLTIVAZIONI AGRICOLE PROTETTE (SERRE; ECC.) 131 OPERE SU IMPIANTI PRODUTTIVI (COLTIVAZIONI) AGRICOLI 133 MIGLIORAMENTI FONDIARI AZIENDALI 134 FABBRICATI RURALI 137 IMPIANTI, MACCHINARI E MEZZI TECNICI PER L'AGRICOLTURA E LA ZOOTECNIA 138 STRUTTURE PER LA ZOOTECNIA 145 RETI DI MONITORAGGIO AGROMETEREOLOGICO 150 IMPIANTI COLLETTIVI PER LA TUTELA DELLA QUALITA' E PER LO SVILUPPO DI FORME ASSOCIATIVE DEI PRODUTTORI 151 INTERVENTI PER LA RICOMPOSIZIONE FONDIARIA 152 INDENNITA' COMPENSATIVE SETTORE AGRICOLO E FORESTALE 153 PAGAMENTI AGRO - SILVO AMBIENTALI 999 ALTRE OPERE E STRUTTURE PER L'AGRICOLTURA 14 IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER LA PESCA 139 IMPIANTI DI ACQUACOLTURA 143 STRUTTURE PER LA TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELLA PESCA 144 MEZZI DA PESCA 999 ALTRE ATTREZZATURE PER LA PESCA 39 OPERE, IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER ATTIVITA' INDUSTRIALI E L'ARTIGIANATO 145 INTRODUZIONE TECNOLOGIE RISPETTOSE DELL'AMBIENTE 146 STRUTTURE INDUSTRIALI COMUNI ED ALTRI EDIFICI ATTREZZATI 147 CENTRI E LABORATORI ARTIGIANI 150 IMPIANTI, MACCHINARI ED ANNESSE OPERE MURARIE 999 ALTRE OPERE ED IMPIANTI PER ATTIVITA' INDUSTRIALI 40 OPERE E INFRASTRUTTURE PER LA RICERCA 156 CENTRI DI RICERCA 157 LABORATORI ATTREZZATI PER LA RICERCA 999 ALTRE OPERE ED INFRASTRUTTURE PER LA RICERCA 41 OPERE E STRUTTURE PER IL TURISMO 004 STRUTTURE RICETTIVE PER AGRITURISMO E TURISMO RURALE 155 ALBERGHI 156 CENTRI DI INFORMAZIONE / ACCOGLIENZA 157 ALTRE STRUTTURE DI RICETTIVITA' TURISTICA 999 ALTRE STRUTTURE E IMPIANTI PER IL TURISMO 42 STRUTTURE ED ATTREZZATURE PER IL COMMERCIO E I SERVIZI 149 CENTRI COMMERCIALI 158 MAGAZZINI 160 STRUTTURE PER SERVIZI DI ANNONA 170 IMPIANTI E MACCHINARI PER IL COMMERCIO ED I SERVIZI 999 ALTRE STRUTTURE PER IL COMMERCIO ED I SERVIZI 07 INFRASTRUTTURE PER TELECOMUNICAZIONI E TECNOLOGIE INFORMATICHE 17 INFRASTRUTTURE PER TELECOMUNICAZIONI 171 IMPIANTI RADIOELETTRICI (ANTENNE E TRASMETTITORI) 172 REALIZZAZIONE DI CAVIDOTTI ED ALTRE OPERE CIVILI DI CABLAGGIO 173 POSA CAVI IN DOTTI GIÀ ESISTENTI 174 CABLAGGIO INTERNO AD EDIFICI E DI RETI LOCALI 175 IMPIANTI WIRELESS 176 SISTEMI ED IMPIANTI DI CONTROLLO E VIDEOSORVEGLIANZA 999 ALTRE OPERE ED IMPIANTI PER TELECOMUNICAZIONE 18 TECNOLOGIE INFORMATICHE 181 LOCALI ATTREZZATI PER CENTRI DI SERVIZIO INFORMATICI 182 IMPIANTI ED INFRASTRUTTURE HARDWARE E SOFTWARE PER CENTRI DI SERVIZIO INFORMATICI 999 ALTRE OPERE ED IMPIANTI PER TECNOLOGIE INFORMATICHE Pagina 10 di 24

12 08 RICERCA SVILUPPO TECNOLOGICO ED INNOVAZIONE 60 PROGETTI DI DIFFUSIONE E COOPERAZIONE PUBBLICO-PRIVATA 601 ESPLORAZIONE E UTILIZZAZIONE DELL'AMBIENTE TERRESTRE 602 INFRASTRUTTURE E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO 603 CONTROLLO E TUTELA DELL'AMBIENTE TERRESTRE 604 PROTEZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE UMANA 605 PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E USO RAZIONALE DELL'ENERGIA 606 PRODUZIONE E TECNOLOGIE AGRICOLE, FORESTALI E DELLA PESCA 607 PRODUZIONE E TECNOLOGIE INDUSTRIALI 608 STRUTTURE E RELAZIONI SOCIALI 609 ESPLORAZIONE E UTILIZZAZIONE DELLO SPAZIO 610 ALTRE RICERCHE 61 PROGETTI DI RICERCA PRESSO UNIVERSITA' E ISTITUTI DI RICERCA 611 ESPLORAZIONE E UTILIZZAZIONE DELL'AMBIENTE TERRESTRE 612 INFRASTRUTTURE E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO 613 CONTROLLO E TUTELA DELL'AMBIENTE TERRESTRE 614 PROTEZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE UMANA 615 PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E USO RAZIONALE DELL'ENERGIA 616 PRODUZIONE E TECNOLOGIE AGRICOLE E DELLA PESCA 617 PRODUZIONE E TECNOLOGIE INDUSTRIALI 618 STRUTTURE E RELAZIONI SOCIALI 619 ESPLORAZIONE E UTILIZZAZIONE DELLO SPAZIO 620 ALTRE RICERCHE 62 PROGETTI DI RICERCA PRESSO IMPRESE 621 BIOTECNOLOGIE E SALUTE IN GENERE 622 TECNOLOGIE DEI NUOVI MATERIALI 623 TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE 624 TECNOLOGIE DELLE TELECOMUNICAZIONI 625 TECNOLOGIE PER LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE 626 TECNOLOGIE ENERGETICHE 627 TECNOLOGIE AEROSPAZIALI 628 ALTRE TECNOLOGIE MECCANICHE 629 ALTRE TECNOLOGIE CHIMICHE 999 ALTRE AREE TECNOLOGICHE 09 SERVIZI ALLE IMPRESE 20 SERVIZI ALLE IMPRESE AGRICOLE, FORESTALI E DELLA PESCA 201 ASSISTENZA ALLA GESTIONE DI IMPRESE AGRICOLE E FORESTALI 202 INIZIATIVE PER ATTIVITA' RICREATIVE E DIDATTICHE 203 SERVIZI ALL'ECONOMIA RURALE 204 CENTRI DI INFORMAZIONE DEL PATRIMONIO RURALE 206 INTERVENTI DI PROFESSIONISTI NEL SETTORE DELLA PESCA 208 SERVIZI PER LA TRASFORMAZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE E PROMOZIONE DEI PRODOTTI DELLA PESCA 209 PROMOZIONE DEI PRODOTTI FORESTALI 210 SERVIZI PER LA TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI 211 RICOMPOSIZIONE FONDIARIA 213 SERVIZI PER IL CONTROLLO DI QUALITA' DEI PRODOTTI AGRICOLI 214 SERVIZI TELEMATICI ED INFORMATICI 215 PROMOZIONE DELL'OFFERTA AGRITURISTICA 216 ALTRI SERVIZI ALLE IMPRESE AGRICOLE, FORESTALI E DELLA PESCA 21 SERVIZI ALLE IMPRESE INDUSTRIALI 210 SERVIZI COMUNI INTERAZIENDALI 211 SERVIZI DI CONSULENZA ALLE IMPRESE 212 SERVIZI E APPLICAZIONI TELEMATICHE PER LE PMI 222 SERVIZI COMUNI DI PROMOZIONE DELL'OFFERTA DI PRODOTTI DELL'INDUSTRIA 229 ALTRI SERVIZI ALLE IMPRESE INDUSTRIALI 22 SERVIZI ALLE IMPRESE TURISTICHE 218 SERVIZI COMUNI DI PROMOZIONE DELL'OFFERTA TURISTICA 219 SERVIZI DI CONSULENZA PER LA VALORIZZAZIONE DELL'OFFERTA TURISTICA 220 SERVIZI COMUNI PER LA FRUIZIONE DEI BENI CULTURALI 221 SERVIZI COMUNI PER LA FRUIZIONE DEI BENI AMBIENTALI 999 ALTRI SERVIZI ALLE IMPRESE TURISTICHE 23 SERVIZI DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA 001 SERVIZI FINANZIARI PER LE IMPRESE INDUSTRIALI E COMMERCIALI 205 SERVIZI FINANZIARI ALLE IMPRESE AGRICOLE 25 SERVIZI ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO 231 SERVIZI COMUNI DI PROMOZIONE DELL'OFFERTA COMMERCIALE 232 SERVIZI DI CONSULENZA ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO Pagina 11 di 24

13 239 ALTRI SERVIZI ALLE IMPRESE COMMERCIALI 10 SERVIZI PER LA P.A. E PER LA COLLETTIVITA' 01 SERVIZI E TECNOLOGIE PER L'INFORMAZIONE E LE COMUNICAZIONI 001 INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI PER ATTIVITA' ISTITUZIONALI 002 INFORMAZIONI IN CAMPO AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEI RISCHI 003 MANIFESTAZIONI ED EVENTI INFORMATIVI 004 DISTRIBUZIONE DI AUDIOVISIVI E MATERIALE INFORMATIVO 007 SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI PER LA P.A. 999 ALTRE INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI 02 SERVIZI E APPLICAZIONI INFORMATICHE PER I CITTADINI E LE IMPRESE 001 SERVIZI ED APPLICAZIONI PER IL PUBBLICO 002 SERVIZI ED APPLICAZIONI PER LE PMI 03 AZIONI INNOVATRICI 001 AZIONI PER L'INNALZAMENTO DELLA QUALITA' DELLA VITA IN AREE URBANE 002 AZIONI PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA 30 SERVIZI A SUPPORTO DELLO SVILUPPO E DELLA QUALIFICAZIONE DEL SISTEMA DEI SERVIZI ALL'IMPIEGO 001 POTENZIAMENTO DEI SERVIZI ALL'IMPIEGO - ACQUISIZIONE DI RISORSE 002 COSTRUZIONE E SPERIMENTAZIONE DI PROTOTIPI E MODELLI 003 ORIENTAMENTO, CONSULENZA E FORMAZIONE DEL PERSONALE 004 MESSA IN RETE DEGLI SPI 005 CREAZIONE E SVILUPPO DI RETI / PARTENARIATI 006 ATTIVITÀ PROMOZIONALE PER L'ATTRAZIONE DI PERSONE E IMPRESE 007 CERTIFICAZIONE ED ACCREDITAMENTO OPERATORI 32 DISPOSITIVI E STRUMENTI A SUPPORTO DELLA QUALIFICAZIONE DEL SISTEMA DELL'OFFERTA DI FORMAZIONE 001 COSTRUZIONE E SPERIMENTAZIONE DI PROTOTIPI E MODELLI 002 CERTIFICAZIONE DI QUALITA ED ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI ATTUATORI 003 TRASFERIMENTO BUONE PRASSI 004 ORIENTAMENTO, CONSULENZZA E FORMAZIONE FORMATORI E OPERATORI 005 POTENZIAMENTO STRUTTURE DEI SOGGETTI ATTUATORI 006 CREAZIONE E SVILUPPO DI RETI / PARTENARIATI 33 DISPOSITIVI E STRUMENTI A SUPPORTO DELLA QUALIFICAZIONE DEL SISTEMA DELL'OFFERTA DI ISTRUZIONE 001 COSTRUZIONE E SPERIMENTAZIONE DI PROTOTIPI E MODELLI 002 CERTIFICAZIONE DI QUALITA ED ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI ATTUATORI 003 TRASFERIMENTO BUONE PRASSI 004 ORIENTAMENTO, CONSULENZZA E FORMAZIONE FORMATORI E OPERATORI 005 POTENZIAMENTO STRUTTURE DEI SOGGETTI ATTUATORI 006 CREAZIONE E SVILUPPO DI RETI / PARTENARIATI 34 DISPOSITIVI E STRUMENTI A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE FRA SISTEMI 001 COSTRUZIONE E SPERIMENTAZIONE DI PROTOTIPI E MODELLI D INTEGRAZIONE 002 FORMAZIONE CONGIUNTA DI FORMATORI, DOCENTI, TUTOR AZIENDALI E PERSONALE UNIVERSITA 003 TRASFERIMENTO BUONE PRASSI D INTEGRAZIONE 004 CREAZIONE E SVILUPPO DI RETI / PARTENARIATI 41 SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA ALLA P.A. 403 ASSISTENZA TECNICA ALLA PREPARAZIONE, REALIZZAZIONE E SORVEGLIANZA 410 SISTEMI DI MONITORAGGIO 411 ANALISI SOCIOECONOMICHE 412 ANALISI DI FATTIBILITA' 413 ORIENTAMENTO, CONSULENZA E FORMAZIONE 414 TRASFERIMENTO BUONE PRASSI 415 ADEGUAMENTO E INNOVAZIONE DEGLI ASSETTI ORGANIZZATIVI 416 ATTIVITA' PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI DI CONSULTAZIONE E CONCERTAZIONE DEI PROGRAMMI COFINANZIATI 417 ASSISTENZA ALLA REDAZIONE DI PIANI E PROGRAMMI 499 ALTRE ATTIVITA' DI CONSULENZA E ASSISTENZA TECNICA 92 SERVIZI AI DIPENDENTI DI IMPRESE PRODUTTIVE 001 ASSISTENZA A PERSONE A CARICO (INCLUSO SERVIZI PER L'INFANZIA) 002 SALUTE E SICUREZZA 003 SERVIZI DI TRASPORTO CASA-LAVORO 004 SERVIZI DI MENSA 999 ALTRI SERVIZI AI DIPENDENTI DI IMPRESE PRODUTTIVE 93 SERVIZI ESSENZIALI PER LA POPOLAZIONE RURALE 001 SERVIZI DI TRASPORTO ALLE PERSONE 002 SERVIZI ASSISTENZIALI AGLI ANZIANI E ALL'INFANZIA 003 ATTIVITA' DI SOSTEGNO CULTURALE Pagina 12 di 24

14 004 SERVIZI SANITARI 999 ALTRI SERVIZI 99 ALTRI SERVIZI PER LA COLLETTIVITA' 911 ASSISTENZA SOCIALE ED ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA 999 ALTRI SERVIZI PER LA COLLETTIVITA' 11 FORMAZIONE E SOSTEGNI PER IL MERCATO DEL LAVORO 71 FORMAZIONE PER IL LAVORO 001 FORMAZIONE ALL'INTERNO DELL'OBBLIGO SCOLASTICO 003 FORMAZIONE POST OBBLIGO FORMATIVO E POST DIPLOMA 004 IFTS (ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE) 005 FORMAZIONE NELL'AMBITO DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE LAVORO 006 FORMAZIONE NELL'AMBITO DELL'APPRENDISTATO POST OBBLIGO FORMATIVO 071 ALTA FORMAZIONE NELL'AMBITO DEI CICLI UNIVERSITARI 072 ALTA FORMAZIONE POST CICLO UNIVERSITARIO 081 FORMAZIONE PERMANENTE AGGIORNAMENTO CULTURALE 082 FORMAZIONE PERMANENTE AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E TECNICO 009 FORMAZIONE PER LA CREAZIONE D'IMPRESA 010 FORMAZIONE PER OCCUPATI (O FORMAZIONE CONTINUA) 013 FORMAZIONE NELL'AMBITO DELL'APPRENDISTATO ALL'INTERNO DELL'OBBLIGO FORMATIVO 014 PERCORSI SCOLASTICI FORMATIVI ALL'INTERNO DELL'OBBLIGO FORMATIVO 015 ALTRA FORMAZIONE ALL'INTERNO DELL'OBBLIGO FORMATIVO 020 FORMAZIONE FINALIZZATA AL REINSERIMENTO LAVORATIVO 708 FORMAZIONE CONGIUNTA DI FORMATORI, DOCENTI, TUTOR AZIENDALI E PERSONALE UNIVERSITÀ 709 FORMAZIONE PROFESSIONALE IN AGRICOLTURA E NEL SETTORE FORESTALE 710 FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL SETTORE DELLA PESCA 999 ALTRE ATTIVITA' DI POTENZIAMENTO DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE 72 ALTRI STRUMENTI FORMATIVI E DI WORK-EXPERIENCE 001 TIROCINI 002 PIANI D'INSERIMENTO PROFESSIONALE 003 BORSE DI LAVORO 004 LPU/LSU 005 ALTRE FORME 011 PERCORSI FORMATIVI INTEGRATI PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO 012 PERCORSI FORMATIVI INTEGRATI PER LA CREAZIONE DI IMPRESA 75 CONTRIBUTI ED INCENTIVI AL LAVORO 802 SGRAVI CONTRIBUTIVI 805 INCENTIVI ALLE PERSONE PER LA MOBILITA' GEOGRAFICA PER LA RICERCA DEL LAVORO 806 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA ED ORGANIZZATIVA 808 CONTRIBUTI E PREMI A GIOVANI AGRICOLTORI 809 AIUTI AI LAVORATORI DELLA PESCA 810 SOSTEGNI ALLE IMPRESE PER L'INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI 811 INCENTIVI ALLE PERSONE PER LA FORMAZIONE 812 INCENTIVI ALLE PERSONE PER IL LAVORO AUTONOMO 813 INCENTIVI ALLE PERSONE PER LA MOBILITA' GEOGRAFICA PER IL LAVORO 815 INCENTIVI ALLE PERSONE FINALIZZATE ALLA CONCILIAZIONE 814 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER JOB ROTATION 816 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER JOB SHARING 817 PICCOLI INCENTIVI ALLE IMPRESE SOCIALI 818 INCENTIVI ALLA TRASFORMAZIONE DI FORME DI LAVORO ATIPICO 819 INCENTIVI AI CONTRATTI DI RIALLINEAMENTO RETRIBUTIVO 821 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L'OCCUPAZIONE, INCENTIVAZIONE DEL TEMPO PARZIALE 999 ALTRI CONTRIBUTI ALL'OCCUPAZIONE 80 ALTRI SOSTEGNI PER IL MERCATO DEL LAVORO 800 ORIENTAMENTO E CONSULENZA E INFORMAZIONE 804 OSSERVATORI DEL MERCATO DEL LAVORO 807 SOSTEGNI ALL'USCITA DAL MERCATO DEL LAVORO 813 CREAZIONE DI ASSOCIAZIONE DI OPERATORI FORESTALI 817 AZIONI DI TUTORAGGIO PER AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI 899 ALTRI SOSTEGNI PER IL MERCATO DEL LAVORO Pagina 13 di 24

15 b. Localizzazione è una classificazione a tre livelli (regione, provincia e comune). REGIONE PROVINCIA COMUNE 01 PIEMONTE 001 TORINO AGLIE' AIRASCA ALA DI STURA ALBIANO D'IVREA ALICE SUPERIORE ALMESE ALPETTE ALPIGNANO ANDEZENO ANDRATE ANGROGNA ARIGNANO AVIGLIANA AZEGLIO BAIRO BALANGERO BALDISSERO CANAVESE BALDISSERO TORINESE BALME BANCHETTE BARBANIA BARDONECCHIA BARONE CANAVESE BEINASCO BIBIANA BOBBIO PELLICE BOLLENGO BORGARO TORINESE BORGIALLO BORGOFRANCO D'IVREA omissis... omissis... Pagina 14 di 24

16 c. Finanziamento è una classificazione ad un livello, che descrive la tipologia di copertura finanziaria, ed ammette anche scelte multiple. CODICE DESCRIZIONE 001 STATALE 002 REGIONALE 003 PROVINCIALE 004 COMUNALE 005 ALTRA PUBBLICA 006 COMUNITARIA 007 PRIVATA 008 ALTRA PUBBLICA DA CONFERMARE Pagina 15 di 24

17 d. Settore di attività economica del beneficiario La classificazione adottata dal Sistema CUP è l ATECO 2002, limitata però ai primi quattro livelli della classificazione completa (sezione, sottosezione, divisione e gruppo). Nel caso delle sezioni A (agricoltura, caccia e silvicoltura) e B (pesca, piscicoltura e servizi connessi), la classificazione adottata dal sistema CUP evidenzia al quarto livello non il gruppo ma il sottogruppo dell ATECO 02. Ciccando sul link: è possibile effettuare una ricerca rapida delle voci contenute nella classificazione e scaricare il documento esplicativo Volume completo. Il primo livello, cioè la sezione, è articolato nel seguente modo: A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA B PESCA, PISCICOLTURA E SERVIZI CONNESSI C ESTRAZIONE DI MINERALI D ATTIVITA' MANIFATTURIERE E PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA, GAS E ACQUA F COSTRUZIONI G COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA H ALBERGHI E RISTORANTI I TRASPORTI, MAGAZZINAGGIO E COMUNICAZIONI J ATTIVITA' FINANZIARIE K ATTIVITA' IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, SERVIZI ALLE IMPRESE L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA M ISTRUZIONE N SANITA' E ASSISTENZA SOCIALE O ALTRI SERVIZI PUBBLICI, SOCIALI E PERSONALI P ATTIVITA' SVOLTE DA FAMIGLIE E CONVIVENZE Q ORGANIZZAZIONI E ORGANISMI EXTRATERRITORIALI Scelto il primo livello, cioè la sezione, dalla seguente tabella si possono scegliere gli altri tre livelli (sottosezione, divisione e gruppo). Pagina 16 di 24

18 Attività economica 2002 SEZIONE SOTTOSEZIONE DIVISIONE GRUPPO A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI COLTIVAZIONE DI CEREALI (COMPRESO IL RISO) COLTIVAZIONE DI SEMI E FRUTTI OLEOSI COLTIVAZIONE DI BARBABIETOLA DA ZUCCHERO COLTIVAZIONE DI TABACCO COLTIVAZIONE DI ALTRI SEMINATIVI COLTIVAZIONI MISTE DI CEREALI E ALTRI SEMINATIVI COLTIVAZIONE DI ORTAGGI IN PIENA ARIA COLTIVAZIONE DI ORTAGGI IN SERRA COLTIVAZIONI FLORICOLE E DI PIANTE ORNAMENTALI IN PIENA ARIA COLTIVAZIONI FLORICOLE E DI PIANTE ORNAMENTALI IN SERRA ORTO-COLTURE SPECIALIZZATE VIVAISTICHE E SEMENTIERE IN PIENA ARIA ORTO-COLTURE SPECIALIZZATE VIVAISTICHE E SEMENTIERE IN SERRA COLTIVAZIONI MISTE DI ORTAGGI, SPECIALITÀ ORTICOLE, FIORI E PRODOTTI DI VIVAI IN PIENA ARIA COLTIVAZIONI MISTE DI ORTAGGI, SPECIALITÀ ORTICOLE, FIORI E PRODOTTI DI VIVAI IN SERRA COLTURE VITICOLE COLTURE OLIVICOLE COLTURE AGRUMICOLE COLTURE FRUTTICOLE DIVERSE, COLTIVAZIONE DI PRODOTTI DESTINATI ALLA PREPARAZIONE DI BEVANDE E SPEZIE COLTURE MISTE VITICOLE, OLIVICOLE E FRUTTICOLE ALLEVAMENTO DI BOVINI E BUFALINI, PRODUZIONE DI LATTE CRUDO ALLEVAMENTO DI OVINI E CAPRINI ALLEVAMENTO DI EQUINI ALLEVAMENTO DI SUINI ALLEVAMENTO DI POLLAME E ALTRI VOLATILI ALLEVAMENTO DI CONIGLI ALLEVAMENTO DI ANIMALI DA PELLICCIA APICOLTURA BACHICOLTURA ALLEVAMENTO DI ALTRI ANIMALI N.C.A COLTIVAZIONI AGRICOLE ASSOCIATE ALL'ALLEVAMENTO DI ANIMALI: ATTIVITÀ MISTA ESERCIZIO PER CONTO TERZI E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE CON PERSONALE RACCOLTA, PRIMA LAVORAZIONE (ESCLUSA TRASFORMAZIONE), CONSERVAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALTRE ATTIVITÀ DEI SERVIZI CONNESSI ALL'AGRICOLTURA SVOLTI PER CONTO TERZI SISTEMAZIONE DI PARCHI, GIARDINI E AIUOLE ATTIVITÀ DEI SERVIZI CONNESSI ALL'ALLEVAMENTO DEL BESTIAME, ESCLUSI I SERVIZI VETERINARI CACCIA E CATTURA DI ANIMALI PER ALLEVAMENTO E RIPOPOLAMENTO DI SELVAGGINA, COMPRESI I SERVIZI CONNESSI 02 SILVICOLTURA E UTILIZZAZIONE DI AREE FORESTALI E SERVIZI CONNESSI UTILIZZAZIONE DI AREE FORESTALI SILVICOLTURA GESTIONE DI VIVAI FORESTALI Pagina 17 di 24

19 B SERVIZI CONNESSI ALLA SILVICOLTURA E ALL'UTILIZZAZIONE DI AREE FORESTALI PESCA, PISCICOLTURA E SERVIZI CONNESSI B PESCA, PISCICOLTURA E SERVIZI CONNESSI 05 PESCA, PISCICOLTURA E SERVIZI CONNESSI PESCA IN ACQUE MARINE E LAGUNARI E SERVIZI CONNESSI PESCA IN ACQUE DOLCI E SERVIZI CONNESSI PISCICOLTURA, ACQUACOLTURA IN ACQUA DI MARE, SALMASTRA O LAGUNARE E SERVIZI CONNESSI PISCICOLTURA, ACQUACOLTURA IN ACQUE DOLCI E SERVIZI CONNESSI C ESTRAZIONE DI MINERALI CA ESTRAZIONE DI MINERALI ENERGETICI 10 ESTRAZIONE DI CARBON FOSSILE, LIGNITE, TORBA 10.1 ESTRAZIONE ED AGGLOMERAZIONE DI CARBON FOSSILE 10.2 ESTRAZIONE ED AGGLOMERAZIONE DI LIGNITE 10.3 ESTRAZIONE ED AGGLOMERAZIONE DI TORBA 11 ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E DI GAS NATURALE E SERVIZI CONNESSI, ESCLUSA LA PROSPEZIONE 11.1 ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E DI GAS NATURALE 11.2 ATTIVITÀ DEI SERVIZI CONNESSI ALL'ESTRAZIONE DI PETROLIO E DI GAS, ESCLUSA LA PROSPEZIONE 12 ESTRAZIONE DI MINERALI DI URANIO E DI TORIO 12.0 ESTRAZIONE DI MINERALI DI URANIO E DI TORIO CB ESTRAZIONE DI MINERALI NON ENERGETICI 13 ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI 13.1 ESTRAZIONE DI MINERALI DI FERRO 13.2 ESTRAZIONE DI MINERALI METALLICI NON FERROSI, AD ECCEZIONE DEI MINERALI DI URANIO E DI TORIO 14 ALTRE INDUSTRIE ESTRATTIVE 14.1 ESTRAZIONE DI PIETRE 14.2 ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA E ARGILLA 14.3 ESTRAZIONE DI MINERALI PER LE INDUSTRIE CHIMICHE E LA FABBRICAZIONE DI CONCIMI 14.4 PRODUZIONE DI SALE 14.5 ESTRAZIONE DI ALTRI MINERALI E PRODOTTI DI CAVA D ATTIVITÀ MANIFATTURIERE DA INDUSTRIE ALIMENTARI, DELLE BEVANDE E DEL TABACCO 15 INDUSTRIE ALIMENTARI E DELLE BEVANDE 15.1 PRODUZIONE, LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI CARNE E DI PRODOTTI A BASE DI CARNE 15.2 LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI PESCE E DI PRODOTTI A BASE DI PESCE 15.3 LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI FRUTTA E ORTAGGI 15.4 PRODUZIONE DI OLI E GRASSI VEGETALI E ANIMALI 15.5 INDUSTRIA LATTIERO-CASEARIA E DEI GELATI 15.6 LAVORAZIONE DELLE GRANAGLIE E DI PRODOTTI AMIDACEI 15.7 PRODUZIONE DI PRODOTTI PER L'ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI 15.8 PRODUZIONE DI ALTRI PRODOTTI ALIMENTARI 15.9 INDUSTRIA DELLE BEVANDE 16 INDUSTRIA DEL TABACCO 16.0 INDUSTRIA DEL TABACCO DB INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO 17 INDUSTRIE TESSILI 17.1 PREPARAZIONE E FILATURA DI FIBRE TESSILI 17.2 TESSITURA 17.3 FINISSAGGIO DEI TESSILI 17.4 CONFEZIONAMENTO DI ARTICOLI TESSILI, ESCLUSI GLI ARTICOLI DI VESTIARIO 17.5 ALTRE INDUSTRIE TESSILI 17.6 FABBRICAZIONE DI TESSUTI A MAGLIA 17.7 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI MAGLIERIA Pagina 18 di 24

20 18 CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO; PREPARAZIONE, TINTURA E CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLICCIA 18.1 CONFEZIONE DI VESTIARIO IN PELLE 18.2 CONFEZIONE DI VESTIARIO IN TESSUTO ED ACCESSORI 18.3 PREPARAZIONE E TINTURA DI PELLICCE; CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLICCIA DC INDUSTRIE CONCIARIE, FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI 19 PREPARAZIONE E CONCIA DEL CUOIO; FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DA VIAGGIO, BORSE, MAROCCHINERIA E CALZATURE 19.1 PREPARAZIONE E CONCIA DEL CUOIO 19.2 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DA VIAGGIO, BORSE, MAROCCHINERIA E SELLERIA 19.3 FABBRICAZIONE DI CALZATURE DD INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO 20 INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO, ESCLUSI I MOBILI; 20.1 TAGLIO, PIALLATURA E TRATTAMENTO DEL LEGNO 20.2 FABBRICAZIONE DI FOGLI DA IMPIALLACCIATURA; COMPENSATO, PANNELLI STRATIFICATI, PANNELLI DI 20.3 TRUCIOLATO ED ALTRI PANNELLI DI LEGNO FABBRICAZIONE DI CARPENTERIA IN LEGNO E FALEGNAMERIA PER L'EDILIZIA 20.4 FABBRICAZIONE DI IMBALLAGGI IN LEGNO 20.5 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN LEGNO, IN SUGHERO E MATERIALI DA INTRECCIO DE FABBRICAZIONE DELLA PASTA-CARTA, DELLA CARTA E DEL CARTONE, DEI PRODOTTI DI CARTA; STAMPA ED EDITORIA 21 FABBRICAZIONE DELLA PASTA-CARTA, DELLA CARTA E DEL CARTONE E DEI PRODOTTI DI CARTA E CARTONE 21.1 FABBRICAZIONE DELLA PASTA-CARTA, DELLA CARTA E DEL CARTONE 21.2 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI CARTA E DI CARTONE 22 EDITORIA, STAMPA E RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI 22.1 EDITORIA 22.2 STAMPA ED ATTIVITÀ DEI SERVIZI CONNESSI ALLA STAMPA 22.3 RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI DF FABBRICAZIONE DI COKE, RAFFINERIE DI PETROLIO, TRATTAMENTO DEI COMBUSTIBILI NUCLEARI 23 FABBRICAZIONE DI COKE, RAFFINERIE DI PETROLIO, TRATTAMENTO DEI COMBUSTIBILI 23.1 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DI COKERIA 23.2 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI 23.3 TRATTAMENTO DEI COMBUSTIBILI NUCLEARI DG FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI E DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI 24 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI E DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI 24.1 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI DI BASE 24.2 FABBRICAZIONE DI FITOFARMACI E DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI PER L'AGRICOLTURA 24.3 FABBRICAZIONE DI PITTURE, VERNICI E SMALTI, INCHIOSTRI DA STAMPA E MASTICI 24.4 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI E DI PRODOTTI CHIMICI E BOTANICI PER USI MEDICINALI 24.5 FABBRICAZIONE DI SAPONI, DETERSIVI E DETERGENTI, DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E LA LUCIDATURA, 24.6 DI PROFUMI E COSMETICI FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI 24.7 FABBRICAZIONE DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DH FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE 25 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE 25.1 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA 25.2 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN MATERIE PLASTICHE DI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI 26 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI 26.1 FABBRICAZIONE DI VETRO E DI PRODOTTI IN VETRO 26.2 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CERAMICI NON REFRATTARI, NON DESTINATI ALL'EDILIZIA E DI PRODOTTI 26.3 CERAMICI REFRATTARI FABBRICAZIONE DI PIASTRELLE IN CERAMICA PER PAVIMENTI E RIVESTIMENTI Pagina 19 di 24

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01.11.1p 01.12.00 Coltivazione di riso 01.11.2 01.11.20 Coltivazione di semi oleosi 01.11.3 01.13.30 Coltivazione di barbabietola da zucchero

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI Per individuare correttamente il tipo di corso a cui iscrivere i propri lavoratori occorre applicare quanto stabilito dall Accordo Stato

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013)

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) TABELLA 1 CODICI E DESCRIZIONI ATECO 2007 Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) Codice ATECO A 01.11.10 A 01.11.20 A 01.11.30 A 01.11.40 A 01.12.00 A 01.13.10

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli