Workshop 2016 NRL-LU Trasmissione dei risultati dei controlli dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti Novità-criticità-risultati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop 2016 NRL-LU Trasmissione dei risultati dei controlli dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti Novità-criticità-risultati"

Transcript

1 Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Workshop 2016 NRL-LU Trasmissione dei risultati dei controlli dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti Novità-criticità-risultati Roberta Aloi (Dirigente Chimico, Ufficio VII Fitosanitari) Roma, 3 marzo 2016

2 Fondamenta legali della trasmissione dei risultati dei controlli REGOLAMENTO 882/2004 ARTICOLO STABILISCE L OBBLIGATORIETA DELLA RELAZIONE SUI CONTROLLI - E I PIANI INTEGRATI ( PER IL PIANO INTEGRATO NAZIONALE L OBBLIGO DI TRASMISSIONE E IL 30 GIUGNO DI OGNI ANNO) REGOLAMENTO 396/2005 STABILISCE I TEMPI (31 AGOSTO DI OGNI ANNO) E L AUTORITA COMPETENTE (EFSA) IN AMBITO EUROPEO PER LA RACCOLTA RISULTATI DEI RESIDUI IN ALIMENTI (art 31 ) DECRETO MINISTERIALE 23 DICEMBRE 1992 E LE NOTE DEL DIRETTORE GENERALE DGISAN STABILISCONO CHE I RISULTATI DEI CONTROLLI SIANO INVIATI DAI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE AL MINISTERO DELLA SALUTE

3 REGOLAMENTO (CE) 396/2005 Art 26 Stati membri eseguono controlli ufficiali sui residui di antiparassitari [.]. Prelievo di campioni, analisi e nell'individuazione dei tipi e livelli di residui oggetto del controllo. I luoghi sono anche presso i punti di distribuzione ai consumatori. Art 27 Ciascuno MS preleva un numero e una serie sufficiente di campioni, affinché i risultati ottenuti siano rappresentativi del mercato, tenendo conto dei risultati dei precedenti programmi di controllo. Luogo deve essere il più vicino possibile al luogo di distribuzione, per consentire di adottare qualsiasi conseguente misura esecutiva. Art 28 I metodi di analisi dei residui di antiparassitari devono essere conformi ai criteri stabiliti dalle pertinenti disposizioni della legislazione comunitaria relativa ai controlli ufficiali per alimenti e mangimi. Tutti i laboratori partecipano alle prove interlaboratorio comunitarie per i residui di antiparassitari ed organizzate dalla Commissione. Art 30 Gli Stati membri stabiliscono programmi nazionali pluriennali (note di indirizzo del direttore generale DGISAN) e partecipano al programma comunitario di controllo dei residui di antiparassitari.

4 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE UE N. 595/2015 DELLA COMMISSIONE relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell'unione per il 2016, il 2017 e il 2018 destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di antiparassitari e a valutare l'esposizione dei consumatori ai residui di antiparassitari nei e sui prodotti alimentari di origine vegetale e animale Esso stabilisce le matrice, gli analiti da ricercare e le modalità di trasmissione dei risultati Stabilisce le modalità di campionamento che devono avvenire secondo la direttiva 2002/63/CE attuata con DM 23 luglio 2003 I campioni devono essere analizzati conformemente alla definizione di residuo specificate nel Regolamento 396/2005

5 Flusso della trasmissione dei dati Registrazione al sistema da parte dei laboratori (nuovi laboratori) o accesso al sistema NSIS Per poter accedere a questo nuovo sistema i Laboratori devono registrarsi al sistema ed effettuare la richiesta profilo utente. Il Ministero della Salute - DGSAN effettua l evasione profilo utente. Invio dati da parte dei Laboratori al Ministero usando il sito internet attraverso il nuovo sistema informativo NSIS FLUSSO RESIDUI PESTICIDI tramite upload del file xml Verifica dei dati a livello centrale e comunicazione alle regioni e ai laboratori tramite note ufficiali e tramite il sistema NSIS Validazione dei risultati dalle regioni Trasmissione ad efsa da parte del Ministero utilizzando la piattaforma DCF di EFSA

6 Standard samples description I regolamenti sul piano coordinato comunitario hanno fissato il modello standard per la trasmissione dei risultati Il modello permette di descrivere i campioni attraverso l utilizzo di campi. Per i campi non liberi L Efsa con l ausilio del network ha stabilito e modificato nel tempo le anagrafi ( file excel con i codici per i campi i campi obbligatori dello standard ) I Campi identificano

7 Le indicazioni sulla compilazione sono riportate nella linea guida italiana per la trasmissione dei risultati dei controlli che è disponibile sul sito del Ministero della salute al seguente percorso

8 paramcode - paramtype La trasmissione 2014 ha visto la modifica sostanziale del significato di paramtype Prima permetteva di distinguere se un parametro era complesso o non complesso (esaltava l aspetto chimico del parametro) Ora Distingue i parametri esaminati secondo la definizione legale (mette in primo piano la legge)

9 Tipi di paramtype P005A = parametro esaminato secondo la definizione legale P004A e P002A = parametro esaminato non seguendo la definizione legale P004A = si usa per i residui la cui definizione comprende più analiti e il residuo non è esaminato per tutti gli analiti della definizione P002A = definizione non legale di residuo - parte di residuo complesso - parametri incogniti

10 Definizione legale di residuo- residuo complesso La definizione legale può variare durante l anno. I regolamenti che modificano la definizione legale entrano in vigore durante l anno La definizione legale varia a seconda dell alimento Una grossa differenza di definizione legale si osserva tra residuo fissato per gli alimenti di origine vegetale e residuo fissato per gli alimenti di origine animale Un altra differenza si osserva tra baby food e gli altri alimenti Esistono anche sostanziali differenze di residuo tra vegetali La definizione di residuo complesso = un residuo la cui definizione legale comprende più componenti i componenti sono chiamati parte del residuo complesso - queste definizioni sono definizioni di lavoro stabilite da EFSA

11 Esempi di paramcode - paramtype Il parametro paramcode deve essere scelto consultando il catalogo foglio PARAM, il data base eu e il matrixtools di efsa. Il tutto deve ovviamente essere in linea con quanto riportato nel rapporto di prova Per le definizioni semplici utilizziamo il codice del parametron e il P005A Per le definizioni complesse si possono riportare solo I parametric RD o riportare gli RD con le parti della somma Nel primo caso riporteremo il codice del parametro somma associato con P005A Nel secondo caso riporteremo il codice del parametron somma associate con P005A e I codici delle parti associate con P002A Quando il codice non in anagrafica quest anno abbiamo aggiunto un parametron il paramtype è P002A

12 Esempi di paramcode - paramtype 2,4-DB 2,4-DB (sum of 2,4-DB and its conjugates, expressed as 2,4-DB) = RF PAR La scelta di tale parametro per gli alimenti di origine vegetale non segue lo SSD Tale definizione è utilizzata per gli alimenti di origine animale non può essere utilizzata per i vegetali la cui definizione è invece 2,4-DB (sum of 2,4-DB, its salts, its esters and its conjugates, expressed as 2,4-DB) = RF PPP Quindi se sono stati esaminati solo il 2,4 DB e i coniugati può essere utilizzato RF PPP come paramcode e P004A come paramtype

13 Esempi di paramcode - paramtype 2,4-DB 2,4-DB (sum of 2,4-DB and its conjugates, expressed as 2,4-DB) = RF PAR La scelta di tale parametro per gli alimenti di origine vegetale non segue lo SSD Tale definizione è utilizzata per gli alimenti di origine animale non può essere utilizzata per i vegetali la cui definizione è invece 2,4-DB (sum of 2,4-DB, its salts, its esters and its conjugates, expressed as 2,4-DB) = RF PPP Quindi se sono stati esaminati solo il 2,4 DB e i coniugati può essere utilizzato RF PPP come paramcode e P004A come paramtype

14 Esempi di paramcode - paramtype

15 Esempi di paramcode - paramtype

16 Esempi di paramcode - paramtype

17 Le informazioni sui parametri sono verificabili anche dal database comunitario

18 Esempi di paramcode - paramtype 2 fenil fenolo Molti casi di definizione legali semplici codificate con paramtype P002a Esiste una sola definizione legale RF PPP = 2 fenil fenolo e quindi tale codice può essere associato con P005A e non con P002A (acrinathrin -- acetamiprid esistono due definizioni legali una per gli alimenti di origine vegetale RF PPP= acetamiprid associato con P005A e non con P002A ed una per gli alimenti di origine animale (AO) RF PPP= Sum of acetamiprid and N-desmethyl-acetamiprid (IM-2-1), expressed as acetamiprid e P005A o P004A Per gli AO i param type associabili al parametro è P004A e P005A nel primo caso se il residuo non viene esaminato completamente nel secondo se è esaminato completamente. Se oltre alla definizione legale riportiamo anche la parte del residuo complesso chiamata acetamiprid allora utilizzeremo la seguente combinazione: RF PPP e P002A

19

20 Esempi di paramcode - paramtype HCH Esistono differenti definizioni legali Hexachlorocyclohexane (alpha)=rf ppp Hexachlorocyclohexane (beta)= RF PPP Hexachlorocyclohexane (HCH), sum of isomers, except the gamma isomer= RF PPP Per tutti il paramtype è P005A

21 Esempi di paramcode - paramtype Clofentezine La definizione legale varia al variare dell alimento vegetale In particolare gli alimenti di origine animale e i cereali hanno la seguente definizione Clofentezine (sum of all compounds containing the 2-chlorobenzoyl moiety expressed as clofentezine) = RF PPP Nel caso sia esaminata la clofentezina solamente, a meno che non sia riportato nel rapporto di prova diversamente, si potrà cambiare il codice della clofentezina RF PPP con quello sopra riportato Per gli altri alimenti di origine vegetale La definizione legale è Clofentezine= RF PPP

22 Esempi di paramcode - paramtype Clofentezine

23 Esempi di paramcode - paramtype Chlorprofam 2014 La definizione legale varia al variare dell alimento Per gli alimenti di origine animale esisteva la seguente definizione legale Chlorpropham and 4-hydroxychlorpropham-O-sulphonic acid (4-HSA),expressed as chlorpropham =RF PPP Un altra definizione era in vigore per gli alimenti di origine vegetale Chlorpropham (chlorpropham and 3-chloroaniline, expressed as chlorpropham)=rf ppp. ulteriori indicazioni erano riportate nel PCC 788/2012 per le patate

24 Esempi di paramcode - paramtype Chlorprofam 2015 La definizione legale varia al variare dell alimento chlorpropham and 3-chloro-4-hydroxyaniline conjugates, expressed as chlorpropham; Per pollame e per le uova e Chlorpropham and 4-hydroxychlorpropham-O-sulphonic acid (4-HSA),expressed as chlorpropham Per gli alimenti di origine animale ad eccezione di pollame, uova e miele Chlorpropham è invece la definizione per tutti gli altri alimenti

25 resevaluation I dati vengono trasmessi per la verifica del rispetto del regolamento 396/2005

26 resevaluation Formetanate - cavolo a testa valore analitico = 0,1 l incertezza 0,05 LMR 0,05 il resevaluation non è J002A ma J031A infatti anche se il giudizio è di conformità tuttavia è superato il limite legale Inoltre nel caso dei prodotti di origine biologica o ritrovamento residuo non ammesso anche se il campione risulta essere non conforme, non essendo non conforme per il regolamento residui non può essere scelto il resevaluation J003A o J031A l unico codice da scegliere è J002A. Tuttavia per segnalare la non conformità è obbligatorio compilare il rescom comunicando che anche se il campione è conforme al regolamento 396/2005 non è conforme per il regolamento 1107/2009 o il regolamento 834/2007 e smi Prestare attenzione alla scelta del codice matrix e prodtreat perché scegliendo in modo non corretto l uno o l altro varia la conformità e anche agli arrotondamenti per gli arrotondamenti automatici di excel Infatti so che ci si può confondere tra tetraconazolo e tebuconazolo, oppure non riportare il prodtreat di un prodotto perché si è abituati a scegliere solo il codice dell alimento che altrimenti risulta non trasformato

27 Matrici e codici del piano coordinato 2015 vegetali Alimento prodcode prodtreat progtype banane P A T999A K009A or K018A broccoli P A T999A K009A or K018A fagioli senza baccello P A T999A or (T998A) K009A or K018A frumento P A T999A K009A or K018A melanzane P A T999A K009A or K018A Olio di oliva vergine P A T104A K009A or K018A peperoni P A T999A K009A or K018A succo di arancia P A T103A K009A or K018A uve da tavola P A T999A K009A or K018A

28 Matrici e codici del piano coordinato 2015 animali alimento prodcode prodtreat progtype Burro P A T134A K009A or K018A Uova di gallina P A T999A K009A or K018A

29 LOQ dei residui complessi Caso in cui non è riscontrata nessuna parte del residuo

30 LOQ dei residui complessi Caso in cui non è riscontrato almeno una parte del residuo

31 Tutti i campi cambiano di nome Il nuovo standard SSD2 Alcuni campi potranno avere più valori (action takencode) Non si userà più il matrix per codificare gli alimenti ma foodex 2 Dalle esperienze dei colleghi degli altri stati è emerso che il grosso impatto e sulla transcodifica sui codici alimenti Il problema è come legare la legge dei residui alla nuova anagrafica Non vi sarà più prodcode e prodtreat ma un unico codice che per alcune specificità potrà essere costituito da più descrittori Prima due campi per la codifica ora un unico campo il cui codice in alcuni casi è composto

32 Risultati globali dei controlli 2014 La relazione è pubblicata sia in italiano che in inglese sul sito del Ministero della salute al seguente percorso : Aree e siti tematici<alimenti<prodotti fitosanitari<controllo ufficiale su residui di fitosanitari < relazione annuale

33 RIEPILOGO RISULTATI DEI CONTROLLI DI RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI IN ALIMENTI ANNO 2014 Prodotti alimentari Totale campioni Campioni con residui assenti Campioni con residui assenti (%) Campioni regolari Campioni con residui inferiori al limite di legge (LMR) Campioni con residui inferiori al limite di legge (%) Campioni con residui superiori al limite di legge (LMR) Frutta , ,8 8 Ortaggi , ,7 19 Cereali , ,5 0 Olio ,9 27 9,1 0 Vino , ,6 0 Baby food ,0 1 1,0 0 Altri prodotti * , ,9 2 Totale , ,2 29 *frutta_trasformata; ortaggi_trasformati; cereali_trasformati; legumi_secchi; piante_da_zucchero non trasformate e trasformate ; semi_frutti_oleaginosi trasformati e non trasformati; te_caffe_erbe_infusionali_cacao; uova; carni trasformate e non trasformate; latte e_derivati; miele; pesci trasformati e non trasformati; spezie

34 Analiti del Piano coordinato comunitario Sono stati considerati conformi allo standard il 96 % dei record Mentre oltre il 70 % è risultato conforme al regolamento In totale per il piano sono stati analizzati 496 analiti ma dei 193 obbligatori Non sono stati analizzati in totale 5 analiti sono: Ione bromuro, clormequat, flubediamide, glifosate, mepiquat

35

36 CONFRONTO CON RISULTATI A LIVELLO UE 2014

37

XII CONVEGNO ISS Attività dell amministrazione pubblica in materia di controllo dei prodotti fitosanitari e dei residui di fitosanitari negli alimenti

XII CONVEGNO ISS Attività dell amministrazione pubblica in materia di controllo dei prodotti fitosanitari e dei residui di fitosanitari negli alimenti Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione XII CONVEGNO ISS Attività dell amministrazione pubblica in materia di controllo dei prodotti fitosanitari e dei residui di

Dettagli

Piano regionale per il controllo dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti di origine animale. Anno 2017

Piano regionale per il controllo dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti di origine animale. Anno 2017 ALLEGATO A Piano regionale per il controllo dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti di origine animale. Anno 2017 Il piano regionale per la verifica dei livelli di residui di prodotti fitosanitari

Dettagli

Analisi di residui di fitofarmaci in alimenti: il percorso analitico e i prossimi obiettivi di APPA BZ. Christian Bachmann Roma, 17/11/2016

Analisi di residui di fitofarmaci in alimenti: il percorso analitico e i prossimi obiettivi di APPA BZ. Christian Bachmann Roma, 17/11/2016 Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.3 Labor für Wasseranalysen und Chromatographie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.3. Laboratorio analisi acque e cromatografia Analisi

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE Raffaella Nappi IZSPLV Corso di formazione PRISA 2017: DAL TERRITORIO AL LABORATORIO Torino - IZSPLV 7 aprile

Dettagli

PRCIF ALLEGATO 6

PRCIF ALLEGATO 6 ASL DI Distretto Dipartimento di Prevenzione Servizio Via Telefono E -mail PEC Fax. PRCIF 2015-2016-2017-2018 ALLEGATO 6 VERBALE DI CAMPIONAMENTO N... DEL Redatto contestualmente a: Monitoraggio Sorveglianza

Dettagli

Controllo ufficiale dei residui di fitofarmaci in matrici alimentari: metodi di campionamento

Controllo ufficiale dei residui di fitofarmaci in matrici alimentari: metodi di campionamento Controllo ufficiale dei residui di fitofarmaci in matrici alimentari: metodi di campionamento Danilo Attard Barbini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria

Dettagli

Ottimizzazione del controllo dei residui di fitofarmaci

Ottimizzazione del controllo dei residui di fitofarmaci 4 Convegno FITOFARMACI e AMBIENTE Ambiente Alimenti Salute Ottimizzazione del controllo dei residui di fitofarmaci Michele Lorenzin APPA Trento 1 situazione attuale a) rispetto delle quantità massime dei

Dettagli

IL FLUSSO INFORMATIVO PESTICIDI (PSD)

IL FLUSSO INFORMATIVO PESTICIDI (PSD) IL FLUSSO INFORMATIVO PESTICIDI (PSD) I Laboratori di controllo ufficiale degli alimenti costituisconoun nodo per la trasmissione ad EFSA dei dati del controllo svolto a livello regionale dalle Aziende

Dettagli

Piano regionale di controllo ufficiale sui prodotti fitosanitari

Piano regionale di controllo ufficiale sui prodotti fitosanitari Allegato al DDG n. 845/2017 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO REGIONALE PER LE ATTIVITA SANITARIE E OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO Servizio 7 - Sicurezza Alimentare

Dettagli

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 28 marzo 2017 (OR. en)

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 28 marzo 2017 (OR. en) Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 28 marzo 2017 (OR. en) 7777/17 AGRILEG 70 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Commissione europea Data: 28 marzo 2017 Destinatario: n. doc. Comm.: D49581/03 Oggetto:

Dettagli

La realtà lombarda e la rete dei Laboratori di Prevenzione delle ATS. ATS Città Metropolitana di Milano Laboratorio di Prevenzione Sonia Vitaliti

La realtà lombarda e la rete dei Laboratori di Prevenzione delle ATS. ATS Città Metropolitana di Milano Laboratorio di Prevenzione Sonia Vitaliti La realtà lombarda e la rete dei Laboratori di Prevenzione delle ATS ATS Città Metropolitana di Milano Laboratorio di Prevenzione Sonia Vitaliti Legge Regionale 23/2015 Riforma del Sistema Sanitario Lombardo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE DECRETO Prodotti

Dettagli

Residui nelle uve e nei mosti

Residui nelle uve e nei mosti Residui nelle uve e nei mosti Dott. Giuseppe Vassanelli Laboratorio enologico agroalimentare VASSANELLI LAB Lunedì 20 Giugno 2016, Servizi Fitosanitari Regione Veneto - Buttapietra INTRODUZIONE Gli agrofarmaci

Dettagli

Aspetti di interesse per i Lab ufficiali IT emersi allo SCoPAFF residui di pesticidi del febbraio 2016

Aspetti di interesse per i Lab ufficiali IT emersi allo SCoPAFF residui di pesticidi del febbraio 2016 Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Workshop 2016 Laboratori Nazionali di Riferimento AO/CF/FV/SRM e Laboratori Ufficiali per l analisi di residui di antiparassitari

Dettagli

Prodotti fitosanitari: etichettatura ai sensi del Regolamento 1107/2009 ed il loro controllo Monica Capasso E Roberta Aloi (Ufficio VII Fitosanitari)

Prodotti fitosanitari: etichettatura ai sensi del Regolamento 1107/2009 ed il loro controllo Monica Capasso E Roberta Aloi (Ufficio VII Fitosanitari) Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Prodotti fitosanitari: etichettatura ai sensi del Regolamento 1107/2009 ed il loro controllo Monica Capasso E Roberta Aloi

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI: ARS ALIMENTARIA Paolo Daminelli, Marina Nadia Losio

LA SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI: ARS ALIMENTARIA Paolo Daminelli, Marina Nadia Losio La gestione dei prodotti alimentari nelle manifestazioni fieristiche Milano, 06 Marzo 2015 LA SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI: ARS ALIMENTARIA Paolo Daminelli, Marina Nadia Losio Paolo Daminelli, IZSLER

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1646/2004 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1646/2004 DELLA COMMISSIONE 21.9.2004 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 296/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1646/2004 DELLA COMMISSIONE del 20 settembre 2004 recante modifica dell allegato I del regolamento (CEE) n. 2377/90 del Consiglio

Dettagli

Metalli negli additivi alimentari. Augusto A. Pastorelli Stefania Morelli

Metalli negli additivi alimentari. Augusto A. Pastorelli Stefania Morelli Metalli negli additivi alimentari Augusto A. Pastorelli Stefania Morelli DETERMINAZIONE ELEMENTI METALLICI FOOD AND FEED 2 Reg (UE) 178/2002 Art. 2 Definizione di «alimento» Ai fini del presente regolamento

Dettagli

PIANO REGIONALE DI CONTROLLO UFFICIALE SULLE MATRICI ALIMENTARI, SUL COMMERCIO E SULL IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI ANNI

PIANO REGIONALE DI CONTROLLO UFFICIALE SULLE MATRICI ALIMENTARI, SUL COMMERCIO E SULL IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI ANNI PIANO REGIONALE DI CONTROLLO UFFICIALE SULLE MATRICI ALIMENTARI, SUL COMMERCIO E SULL IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI ANNI 2015-2016-2017-2018 1) PREMESSA Il sempre maggiore impiego sia nel settore agricolo

Dettagli

Alimenti di origine vegetale: Linea Operativa per il campionamento

Alimenti di origine vegetale: Linea Operativa per il campionamento Alimenti di origine vegetale: Linea Operativa per il campionamento Dott. Marco Morelli, Arpa Emilia Romagna Bologna, 27 settembre 2012 Preparazione curata da Alessandro Bovolenta Il Controllo Ufficiale

Dettagli

AGGIORNAMENTI NEL CONTESTO

AGGIORNAMENTI NEL CONTESTO 1 AGGIORNAMENTI NEL CONTESTO EUROPEO (PARTE II) Angela Sorbo European Union Reference Laboratory for Chemical Elements in Food of Animal Origin (EURL-CEFAO) 2 STRETTA COLLABORAZIONE PARTECIPAZIONE AI RISPETTIVI

Dettagli

Rev. 0 del 22 aprile 2016

Rev. 0 del 22 aprile 2016 Piano di Controllo Ufficiale Alimenti della Regione Emilia Romagna: Residui di Prodotti Fitosanitari in Ortofrutticoli Freschi ed in altre matrici Alimentari Anno 2015 Rev. 0 del 22 aprile 2016 Arpae -

Dettagli

IL SISTEMA DI ALLARME RAPIDO PER GLI ALIMENTI E I MANGIMI RASFF

IL SISTEMA DI ALLARME RAPIDO PER GLI ALIMENTI E I MANGIMI RASFF CONTROLLI UFFICIALI DI ALIMENTI ORIGINE VEGETALE ARPAV effettua attualmente di origine vegetale. i controlli chimici su prodotti I prelievi dei campioni ufficiali sono eseguiti dalle Forze dell Ordine,

Dettagli

Ruolo del. Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM. nel controllo ufficiale degli alimenti e dei mangimi

Ruolo del. Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM. nel controllo ufficiale degli alimenti e dei mangimi Ruolo del Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM nel controllo ufficiale degli alimenti e dei mangimi Ilaria Ciabatti Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza

Dettagli

I Nuovi Regolamenti comunitari

I Nuovi Regolamenti comunitari I Nuovi Regolamenti comunitari Conferenza organizzativa del Dipartimento di Prevenzione Lido di Camaiore 30 marzo 2005 1 Obiettivi della legislazione alimentare Assicurare un alto livello di sicurezza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE DECRETO Prodotti

Dettagli

Alimenti di origine vegetale: Linea Operativa per il campionamento

Alimenti di origine vegetale: Linea Operativa per il campionamento Alimenti di origine vegetale: Linea Operativa per il campionamento Dott. Marco Morelli, Arpa Emilia-Romagna Ferrara, 12 settembre 2013 Il Controllo Ufficiale: significato Il controllo ufficiale è strumento

Dettagli

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 13 gennaio 2016 (OR. en)

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 13 gennaio 2016 (OR. en) Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 13 gennaio 2016 (OR. en) 5209/16 AGRILEG 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Commissione europea Data: 8 gennaio 2016 Destinatario: n. doc. Comm.: D042746/16 Oggetto:

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO SUGLI ADDITIVI

PIANO DI CONTROLLO SUGLI ADDITIVI ATTIVITA' DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI PIANO DI CONTROLLO SUGLI ADDITIVI LINEE GUIDA PER LA RACCOLTA DEI DATI MEDIANTE IL SISTEMA NSIS-ALIMENTI SOMMARIO 1 PREMESSE GENERALI... 3 1.1 Obiettivo della raccolta

Dettagli

TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre Torino Lingotto Fiere

TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre Torino Lingotto Fiere TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre 2011 - Torino Lingotto Fiere ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario supporto analitico e tecnico-scientifico alle ASL e agli altri organi di vigilanza, per

Dettagli

PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti

PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti 2009-2011 2011 Analisi dei risultati anno 2009 Anna Rita Mosetti Ministero della Salute Direzione

Dettagli

PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti

PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti PIANO NAZIONALE di Controllo Ufficiale sulla Presenza di Organismi Geneticamente Modificati negli Alimenti 29 maggio 2006 Incontri di studio: Organismi geneticamente modificati Istituto Zooprofilattico

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE -prodotti di origine vegetale forniti al consumatore per la verifica di residui di sostanze attive di fitosanitari

2. CAMPO DI APPLICAZIONE -prodotti di origine vegetale forniti al consumatore per la verifica di residui di sostanze attive di fitosanitari Allegato 2- Programma regionale per i controlli sulle quantita' massime di Residui di Prodotti Fitosanitari negli alimenti di origine vegetale e animale (ai sensi del DM 23/12/1992)- anni 2015-2018 PREMESSA

Dettagli

RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI

RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI Regione del Veneto U.P. Veterinaria Servizio Sanità Animale e Igiene Alimentare 2012 RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI Maggio 2013 1 RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE ISTITUZIONE DI UN ELENCO DI ENTI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DI CUI AI REGOLAMENTI (CE) N. 396/2005,

Dettagli

alimenti Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli Ministero della Salute

alimenti Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (S.I.A.N)

Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (S.I.A.N) Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (S.I.A.N) A) CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI. Tabella : campioni da effettuare alle produzioni pag. 3 2. Tabella 2: campioni da effettuare alla distribuzione

Dettagli

Angela Santilio*, Maria Carmela Amico**e Lucilla Rossi**

Angela Santilio*, Maria Carmela Amico**e Lucilla Rossi** DEI LIMITI MASSIMI DEI RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE DERRATE AGRICOLE Angela Santilio*, Maria Carmela Amico**e Lucilla Rossi** *Istituto Superiore di Sanità Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione

Dettagli

Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore

Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore Regolamenti comunitari riguardanti la sicurezza alimentare ( 2^ parte ) Relazione della Dott.ssa Candida Fattore I regolamenti contenuti nel pacchetto igiene rivedono un po tutte le regole della sicurezza

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo

LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo CONTROLLO DELLA SICUREZZA DEI CIBI NELL UNIONE EUROPEA o Controlli sulla sicurezza alimentare o Sistemi di sicurezza o Legislazione

Dettagli

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 1º aprile 2015 (OR. en)

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 1º aprile 2015 (OR. en) Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 1º aprile 2015 (OR. en) 7699/15 AGRILEG 72 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Commissione europea Data: 31 marzo 2015 Destinatario: n. doc. Comm.: D036787/03 Oggetto:

Dettagli

in G.U. n. 239 del sommario Art. 1. Campo di applicazione DM SANITA 06_08_01 Pag: 1

in G.U. n. 239 del sommario Art. 1. Campo di applicazione DM SANITA 06_08_01 Pag: 1 DM SANITA 06_08_01 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLA SANITA 6 8 2001 Recepimento delle direttive n. 2001/35/CE, n. 2001/39/CE e n. 2001/48/CE e Modifica del Decreto del Ministro della Sanità 19 maggio 2000,

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE

GESTIONE DEL RISCHIO IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE GESTIONE DEL RISCHIO IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE Dott. Silvio Borrello Direttore Generale, DG Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione Ministero della Salute I CAMBIAMENTI SOCIO - ECONOMICI la globalizzazione,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE DECRETO Prodotti

Dettagli

LINEE GUIDA 2015 PER LA RACCOLTA DEI DATI MEDIANTE IL SISTEMA NSIS-ALIMENTI

LINEE GUIDA 2015 PER LA RACCOLTA DEI DATI MEDIANTE IL SISTEMA NSIS-ALIMENTI PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO ALIMENTI E BEVANDE ATTIVITA' DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI LINEE GUIDA 2015 PER LA RACCOLTA DEI DATI MEDIANTE IL SISTEMA NSIS-ALIMENTI SOMMARIO SOMMARIO... 2 0 STORIA DEL DOCUMENTO...

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROVVEDIMENTO 16 aprile 2014. Specifiche tecniche previste dall articolo 34, comma 1 del decreto del Ministro della giustizia in data 21 febbraio 2011 n. 44, recante regolamento

Dettagli

PDF creato con FinePrint pdffactory versione dimostrativa

PDF creato con FinePrint pdffactory versione dimostrativa Esempio di interrogazione sui principi attivi (Coltura e campionamento) figura 14 Fig.14 Come si vede dall'esempio sopra riportato, il programma filtra le analisi effettuate in funzione della coltura,

Dettagli

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 6 novembre 2015 (OR. en)

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 6 novembre 2015 (OR. en) Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 6 novembre 2015 (OR. en) 13789/15 DENLEG 144 AGRI 576 SAN 368 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Commissione europea Data: 5 novembre 2015 Destinatario: n. doc. Comm.:

Dettagli

L ESPOSIZIONE A PFAS ATTRAVERSO LA CATENA ALIMENTARE

L ESPOSIZIONE A PFAS ATTRAVERSO LA CATENA ALIMENTARE L ESPOSIZIONE A PFAS ATTRAVERSO LA CATENA ALIMENTARE Antonella Semeraro Dipartimento di Sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria Istituto Superiore di Sanità Report EFSA: PFOS e PFOA

Dettagli

Osvaldo Matteucci Farindola 22 marzo 2014

Osvaldo Matteucci Farindola 22 marzo 2014 REGOLAMENTO (CE) 2073/2005 MODIFICATO DAI REGOLAMENTI (CE) 1441/2007, 365/2010, 1086/2011 E 209/2013: : CRITERI MICROBIOLOGICI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Osvaldo Matteucci Farindola 22 marzo 2014

Dettagli

Piano Regionale relativo al controllo degli Alimenti triennio : alcune considerazioni

Piano Regionale relativo al controllo degli Alimenti triennio : alcune considerazioni Ce.Re.M Piano Regionale relativo al controllo degli Alimenti triennio 2010-2012: alcune considerazioni Il Piano In generale Le matrici inserite per la determinazione di parametri chimici sono state precisamente

Dettagli

Comunicazione: variazione dei Limiti Massimi Ammessi (LMA) di residui della sostanza attiva clorpirifos etile

Comunicazione: variazione dei Limiti Massimi Ammessi (LMA) di residui della sostanza attiva clorpirifos etile Bologna, 10 Febbraio 2016 Comunicazione: variazione dei Limiti Massimi Ammessi (LMA) di residui della sostanza attiva clorpirifos etile Gentile Cliente, con la presente siamo a comunicare un aggiornamento

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 12.6.2015 L 147/3 REGOLAMENTO (UE) 2015/896 DELLA COMMISSIONE dell'11 giugno 2015 che modifica l'allegato IV del regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione

Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione WORKSHOP 2016 LNR latte e prodotti a base di latte Istituto Superiore di Sanità 1 aprile 2016 - Aula Marotta Dott.ssa Maria Felicita

Dettagli

Ministero del Lavoro,della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro,della Salute e delle Politiche Sociali VII Convegno Attività dell amministrazione pubblica in materia di controllo dei residui di fitofarmaci negli alimenti 28 novembre 2008 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione

Dettagli

Il sistema della sicurezza degli alimenti a livello europeo e nazionale

Il sistema della sicurezza degli alimenti a livello europeo e nazionale Il sistema della sicurezza degli alimenti a livello europeo e nazionale Parma 5 aprile 2011 Workshop sulla sicurezza degli alimenti Dr. Silvio Borrello Direttore generale della sicurezza degli alimenti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Uff. 7 Sicurezza e regolamentazione dei prodotti fitosanitari DECRETO Adeguamento delle autorizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Risulta in Italia per l anno 2014 Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Direttore Generale dott. Giuseppe Ruocco CONTROLLO UFFICIALE SUI RESIDUI

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 12 marzo 2014. Disposizioni per la designazione dei laboratori che possono eseguire l analisi dei campioni prelevati durante i controlli

Dettagli

Ministero della Salute Decreto 1 aprile 2015 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 20 aprile 2015, n. 91

Ministero della Salute Decreto 1 aprile 2015 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 20 aprile 2015, n. 91 Ministero della Salute Decreto 1 aprile 2015 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 20 aprile 2015, n. 91 Autorizzazione all'immissione in commercio del prodotto fitosanitario "Bismark" a nome dell'impresa

Dettagli

Comunicazione Medico Competente

Comunicazione Medico Competente Comunicazione Medico Competente Panoramica dell applicativo Roma 22 maggio 2013 Obiettivi Finalità dell applicativo Comunicazione Medico Competente Adempimento all obbligo dell articolo 40 del Testo Unico

Dettagli

LIMITI MASSIMI DEI RESIDUI DEI PRODOTTI FITOSANITARI DEFINITI DAI REGOLAMENTI DELL UNIONE EUROPEA. Angela Santilio

LIMITI MASSIMI DEI RESIDUI DEI PRODOTTI FITOSANITARI DEFINITI DAI REGOLAMENTI DELL UNIONE EUROPEA. Angela Santilio LIMITI MASSIMI DEI RESIDUI DEI PRODOTTI FITOSANITARI DEFINITI DAI REGOLAMENTI DELL UNIONE EUROPEA Angela Santilio Istituto Superiore di Sanità Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria angela.santilio@iss.it

Dettagli

REGOLE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 002 UTENTE PA RICEZIONE FATTURE

REGOLE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 002 UTENTE PA RICEZIONE FATTURE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI REGOLE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 002 UTENTE PA RICEZIONE FATTURE ART. 7-BIS DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, N. 35 Versione 1.0 del 06/06/2014 Sommario 1.

Dettagli

REGOLE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 002 UTENTE PA RICEZIONE FATTURE

REGOLE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 002 UTENTE PA RICEZIONE FATTURE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI REGOLE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 002 UTENTE PA RICEZIONE FATTURE ART. 7-BIS DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, N. 35 Versione 1.1 del 10/06/2014 Sommario 1.

Dettagli

Ordinanza concernente le tasse dell Ufficio federale dell agricoltura

Ordinanza concernente le tasse dell Ufficio federale dell agricoltura Ordinanza concernente le tasse dell Ufficio federale dell agricoltura (Ordinanza sulle tasse UFAG) Modifica del 28 ottobre 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 giugno 2006 1

Dettagli

Film estensibili. Maria Rosaria Milana

Film estensibili. Maria Rosaria Milana Film estensibili Maria Rosaria Milana Provvedimenti legislativi adottati in Italia Decreto 30 settembre 1999 del Ministro dell Industria del Commercio e dell Artigianato; Decreto 17 dicembre 1999 n 538

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1237/2007 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1237/2007 DELLA COMMISSIONE 24.10.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 280/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1237/2007 DELLA COMMISSIONE del 23 ottobre 2007 che modifica il regolamento (CE) n. 2160/2003 del Parlamento europeo e del

Dettagli

U.F. sanità pubblica veterinaria e Sicurezza alimentare

U.F. sanità pubblica veterinaria e Sicurezza alimentare Pag. 1 di 12 Tema : REG 882/04/CE. Procedura controllo OSA nei riguardi dell acqua potabile proveniente da approvvigionamento autonomo e nei riguardi della definizione di acqua pulita di cui all allegato

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 28-8-2007 GAllETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 13 giugno 2007. Prodotti fitosanitari : recepimento della direttiva 2006 / 60/CE della Commissione e aggiornamento

Dettagli

ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario

ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario supporto analitico e tecnico-scientifico alle ASL e agli altri organi di vigilanza, per i controlli di acque destinate al consumo umano, alimenti e bevande,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Uff. VII - PRODOTTI FITOSANITARI DECRETO Autorizzazione in deroga per situazioni di emergenza fitosanitaria,

Dettagli

Accesso al portale. Richiesta accesso SIEV

Accesso al portale. Richiesta accesso SIEV Piano SCRAPIE Accesso al portale Indirizzo: http://siev.izslt.it oppure www.izslt.it click sul bottone SIEV in basso a sinistra. Richiesta accesso SIEV Click sul bottone ENTRA Click sul bottone REGISTRATI

Dettagli

Gli additivi alimentari e il campionamento: aspetti generali e criticità

Gli additivi alimentari e il campionamento: aspetti generali e criticità Corso di formazione sugli Additivi Alimentari 23 Gennaio 2013 I Edizione 24 Gennaio 2013 II Edizione Benevento Gli additivi alimentari e il campionamento: aspetti generali e criticità Ilaria Altieri Dipartimento

Dettagli

Seminario sicura 2014 EXPO 2015:NUTRIRE IL PIANETA,ENERGIA PER LA VITA. Dr Piero Frazzi - Dirigente U.O. Veterinaria

Seminario sicura 2014 EXPO 2015:NUTRIRE IL PIANETA,ENERGIA PER LA VITA. Dr Piero Frazzi - Dirigente U.O. Veterinaria Seminario sicura 2014 EXPO 2015:NUTRIRE IL PIANETA,ENERGIA PER LA VITA Dr Piero Frazzi - Dirigente U.O. Veterinaria 2 Gruppi di lavoro Expo controlli Direzione Generale Salute Importazione alimenti area

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 30.1.2016 IT L 24/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2016/124 DELLA COMMISSIONE del 29 gennaio 2016 che approva il PHMB (1600; 1.8) come principio attivo esistente destinato

Dettagli

Corrette modalità di campionamento e problematiche di laboratorio per l analisi l dei MOCA

Corrette modalità di campionamento e problematiche di laboratorio per l analisi l dei MOCA Bologna 24 ottobre 2012 Corrette modalità di campionamento e problematiche di laboratorio per l analisi l dei MOCA Simonetta Menotta Reparto Chimico degli Alimenti Bologna Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Si trasmette in allegato, per le delegazioni, il documento D039828/03 ANNEX 1.

Si trasmette in allegato, per le delegazioni, il documento D039828/03 ANNEX 1. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 15 luglio 2015 (OR. en) 10927/15 ADD 1 AGRILEG 149 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Commissione europea Data: 10 luglio 2015 Destinatario: Segretariato generale del

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 377 del 31/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 377 del 31/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 377 del 31/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 2 Veterinario Oggetto dell'atto: NUOVE PROCEDURE PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI STABILIMENTI DISCIPLINATI DAL REGOLAMENTO

Dettagli

Valutazione e gestione del rischio per la sicurezza alimentare

Valutazione e gestione del rischio per la sicurezza alimentare Valutazione e gestione del rischio per la sicurezza alimentare Carlo Donati Segretariato Nazionale della Valutazione del Rischio della Catena Alimentare Primo Workshop Progetto PREVIENI - Roma, 27 ottobre

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 90 del 25/06/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 90 del 25/06/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 90 del 25/06/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 16 giugno 2015, n. 220 Programmazione regionale

Dettagli

Agli Assessorati alla Sanità delle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano LORO SEDI. Agli USMAF LORO SEDI

Agli Assessorati alla Sanità delle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano LORO SEDI. Agli USMAF LORO SEDI Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

Attività del LNR per i metalli pesanti negli alimenti: aggiornamenti. Marina Patriarca, Paolo Stacchini

Attività del LNR per i metalli pesanti negli alimenti: aggiornamenti. Marina Patriarca, Paolo Stacchini Attività del LNR per i metalli pesanti negli alimenti: aggiornamenti Marina Patriarca, Paolo Stacchini Compiti dei Laboratori Nazionali di Riferimento a) collaborare con il laboratorio comunitario di riferimento

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 3.2 SELEZIONE...

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE UFFICIO VII Prodotti Fitosanitari Decreto Autorizzazione in deroga per situazioni di emergenza fitosanitaria

Dettagli

RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI E MANGIMI

RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI E MANGIMI Regione del Veneto Sezione Veterinaria Servizio Sanità Animale e Igiene Alimentare 203 RELAZIONE DATI ATTIVITA SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI E MANGIMI Data pubblicazione documento: Indice. Premessa

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti"

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai Nuovi alimenti Normativa Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti" Regolamento (UE) N. 1019/2013 della Commissione del 23 ottobre 2013 che modifica

Dettagli

Alimenti e salute. M. Fridel

Alimenti e salute. M. Fridel Alimenti e salute Malattie trasmesse da alimenti Tasso medio annuo di incidenza di circa 1,1 casi su 10.000 abitanti Veicoli Eziologia Sede di preparazione dell alimento Fattori di Rischio individuati

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti Lavoro

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti Lavoro www.asloristano.it Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti Lavoro Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA PIANO INTEGRATO SIAN/SPRESAL

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro

Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO SCIENZE DELLA PREVENZIONE APPLICATE ALL IGIENE DEGLI ALIMENTI (11 CFU) AREA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale RELAZIONE ANNUALE RIESAME ATTIVITÀ DI AUDIT REGIONALI ANNO 2009 x Audit Autorità competente regionale verso Autorità competente territoriale D Audit interno SGQ Autorità competente regionale D Audit interno

Dettagli

Il campionamento ufficiale degli additivi per mangimi

Il campionamento ufficiale degli additivi per mangimi Il campionamento ufficiale degli additivi per mangimi iister dea Saute Dipartimento della Sanitàpubblica veterinaria, dellasicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE OPERATO DALLE AUTORITÀ COMPETENTI LOCALI: L ESEMPIO DEL S.I.A.N. DELL A.S.L. DI NOVARA

IL CONTROLLO UFFICIALE OPERATO DALLE AUTORITÀ COMPETENTI LOCALI: L ESEMPIO DEL S.I.A.N. DELL A.S.L. DI NOVARA ASSOGASTECNICI IL CONTROLLO UFFICIALE OPERATO DALLE AUTORITÀ COMPETENTI LOCALI: L ESEMPIO DEL S.I.A.N. DELL A.S.L. DI NOVARA Giornata formativa Assogastecnici sui Gas Alimentari Aspetti normativi, autorizzativi

Dettagli

Oggetto : Determinazione n. G12150 del Ti agosto 2014 "Macellazione d'urgenza - Aggiornamento Procedure Operative." PRECISAZIONE CAMPIONAMENTO

Oggetto : Determinazione n. G12150 del Ti agosto 2014 Macellazione d'urgenza - Aggiornamento Procedure Operative. PRECISAZIONE CAMPIONAMENTO REGIONE i ^ *&,4 I...... A.rea Sanità Veterinaria Prot.n GR//750U /I I/IO Roma, lì O 9 DIC. 014 Coordinatori Servizio Veterinario Ausi del Lazio Istituto Zooprofìlattico Sperimentale Lazio e Toscana -

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RAPPORTI DI PROVA

VALUTAZIONE DEI RAPPORTI DI PROVA I CRITERI MICROBIOLOGICI E LA VALUTAZIONE DEI RAPPORTI DI PROVA Pistoia 5-6 Dicembre 2016 Costanza Pierozzi Centro di Riferimento Regionale per le Tossinfezioni Alimentari CeRRTA Centro di Riferimento

Dettagli

Adeguamento della normativa italiana ai Regolamenti dell Unione Europea in relazione ai residui di fitofarmaci negli alimenti di origine vegetale

Adeguamento della normativa italiana ai Regolamenti dell Unione Europea in relazione ai residui di fitofarmaci negli alimenti di origine vegetale AAAF- Gruppo di lavoro ARPAT-ARPA-APPA Fitofarmaci FITOFARMACI NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE: NORMATIVA EUROPEA ED ITALIANA FIRENZE, 7 maggio 2008 Sede ARPAT Adeguamento della normativa italiana ai

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

SIN. Controllo delle modifiche

SIN. Controllo delle modifiche Gestione delle domande nell ambito della sottomisura 17.1 del PSRN Assicurazione agricole agevolate - Produzioni vegetali - Campagna assicurativa 2015 Manuale utente agosto 2017 Manuale utente - Edizione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 8.4.2004 L 104/135 IT RETTIFICHE Rettifica della direttiva 2003/113/CE della Commissione, del 3 dicembre 2003, che modifica gli allegati delle direttive 86/362/CEE, 86/363/CEE e 90/642/CEE del Consiglio,

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (FATTURA PA)

FATTURAZIONE ELETTRONICA ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (FATTURA PA) FATTURAZIONE ELETTRONICA ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (FATTURA PA) Coloro che hanno rapporti di fornitura con la Pubblica Amministrazione e necessitano di fatturare nei confronti di tali soggetti sono

Dettagli