Procedura Aziendale per la gestione PA.DS.22. Procedura Aziendale per la gestione. delle autopsie per Riscontro Diagnostico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura Aziendale per la gestione PA.DS.22. Procedura Aziendale per la gestione. delle autopsie per Riscontro Diagnostico"

Transcript

1 Pag. 1/12 Copia in distribuzione controllata N.ro... Copia in distribuzione non controllata REFERENTI DEL DOCUMENTO: Dott.ssa Tiziana Pistoresi Dott.ssa Paola Apicella Rev. Data Autorizzazioni Redatto Verificato Approvato U.O. medicina Legale Tiziana Pistoresi Dir. Dipart. Rischio Clinico Dr. Raffaella Giannini Il Direttore Sanitario Silvia Briani 0 15/02/2011 F.to Firma Dir. UO Anat. Patologica Paola Apicella F.to F.to Firma Sez. Accredit. Istituzionale e Sicurezza del Paziente Ivano Cerretini F.to F.to Firma Firma Firma

2 Pag. 2/12 Indice 1. Oggetto Scopo Campo di applicazione Definizioni Responsabilità (Matrice delle Responsabilità) Modalità operative Premessa Richiesta di R.D Procedura Operativa di Riscontro Diagnostico Avvio della procedura Esecuzione del Riscontro Diagnostico Redazione della scheda ISTAT e del Certificato Necroscopico Redazione relazione conclusiva Conclusione della procedura Condivisione Monitoraggio Modalità di aggiornamento Documenti di riferimento Modulistica... 12

3 Pag. 3/12 1. OGGETTO Oggetto della presente Procedura Aziendale è l autopsia per riscontro diagnostico finalizzata all accertamento della diagnosi clinica (Normativa: RD 592/1993, Testo Unico Leggi sull istruzione superiore, art. 32; Legge 83/1951, Norme per il riscontro diagnostico sui cadaveri; DPR 285/1990, art. 37). L istruzione è stata elaborata identificando gli aspetti da approfondire in relazione alla rilevanza del fenomeno ed alle criticità riscontrate nella prassi con i professionisti coinvolti. 2. SCOPO Obiettivo della presente procedura è quello di stabilire modalità di gestione dell attività in oggetto omogenee nell ambito dei tre presidi ospedalieri e del territorio della Azienda USL 3 e condivise con tutti gli operatori coinvolti (richiedenti ed esecutori della procedura), in modo che il riscontro diagnostico venga richiesto ogni qual volta se ne ravvisi l opportunità, con tempi e modalità stabilite dalla vigente normativa. 3. CAMPO DI APPLICAZIONE La presente Istruzione Operativa deve essere applicata da tutto il personale medico dell Azienda USL 3 e dal personale medico e sanitario coinvolto nell esecuzione degli esami autoptici ogni volta che, in caso di decesso di paziente assistito nell ambito di una struttura ospedaliera/territoriale o in caso di decesso a domicilio nell ambito territoriale di competenza, si renda necessaria l esecuzione di un Autopsia per Riscontro Diagnostico (RD) al fine di chiarire la reale causa di morte. Il R.D. ha ESCLUSIVAMENTE FINALITÀ CLINICHE e deve essere richiesto ogni volta che il medico ha dubbi sulle cause della morte, sul decorso della malattia, sugli effetti della terapia instaurata in quanto nessuno deve essere sepolto senza che si conoscano le cause di morte. La parola dubbi va intesa nel senso clinico. Laddove emergono IPOTESI DI RESPONSABILITÀ DI TERZI va inoltrato rapporto all Autorità Giudiziaria e il R.D. NON PUÒ ESSERE EFFETTUATO. In caso di decesso in ambito territoriale le autopsie per R.D. hanno principalmente le seguenti finalità: In base alla normativa vigente si distinguono: 1. Riscontri obbligatori: identificazione e denuncia delle cause di morte di persone decedute senza assistenza medica e trasportati ad un ospedale o ad un deposito di osservazione o ad un obitorio (art.1, comma 1, L.83/1961; art.37, comma 1, D.P.R.285/90) 2. Riscontri facoltativi: a. in caso di morte in ospedale, su richiesta del Direttore, primario o medico curante allo scopo di: - chiarire la diagnosi; - chiarire quesiti medico scientifici. b. in caso di morte a domicilio su richiesta del coordinatore sanitario ai fini di identificazione e denuncia delle cause di morte di persone decedute a domicilio a richiesta del medico curante quando sussistono dubbi (nel senso di non conoscenza) sulle cause della morte (art.1, comma 3, L.83/1961; art.37, comma 2, D.P.R.285/90) in particolare in caso di: - malattia infettiva o diffusiva o sospetta di esserlo; - dubbio sulla causa di morte.

4 Pag. 4/12 4. DEFINIZIONI Ai fini di questa Istruzione operativa si intendono per : Riscontro Diagnostico (R.D.): l esame post-mortale dei vari organi ed apparati per accertamento e/o conferma della causa di morte e correlazione anatomo-clinica. Autopsia Giudiziaria: l esame post-mortale disposto dall Autorità Giudiziaria ai fini dell accertamento di epoca e causa della morte, natura entità e causa delle lesioni, riconoscimento del cadavere o di parti di esso. Controllo Diagnostico: controllo, verifica di una diagnosi già formulata almeno orientativamente in vita e/o chiarimento di quesiti clinico-scientifici quali ad es. valore di un sintomo, valutazione di validità ruolo ed adeguatezza di procedure diagnostiche o terapeutiche ecc. (art.1, comma 2, L.83/1961; art.37, comma 1, D.P.R.285/90) Verifica Diagnostica: accertamento disposto su cadaveri di persone decedute a domicilio quando la morte sia dovuta a malattia infettiva diffusiva o sospetta di esserlo (finalità primaria di natura igienistica (art.1, comma 3, L.83/1961; art.37, comma 2, D.P.R.285/90) Soggetti coinvolti: 5. RESPONSABILITÀ (matrice delle responsabilità) DSP AP ML DM CPSE + O Direttore Sanitario di Presidio Direttore Anatomia Patologica Medicina Legale Dirigenti Medici Capo Sala Esperto + Ostetrica INF N R.SAISP Infermiere Necroforo Responsabile Sez. Accreditamento Istituzionale e Sicurezza del Paziente Attività Elaborazione della procedura Attori DSP AP ML DM CPSE + O INF N R. SAISP R C Revisione della procedura R R Approvazione della procedura R Applicazione procedura R R R R C C Vigilanza rispetto procedure nelle UU.OO. Vigilanza rispetto procedure obitorio R R R R R R C R = responsabile azione; C = collabora.

5 Pag. 5/12 6. MODALITÀ OPERATIVE 6.1 Premessa L attività di riscontro diagnostico, di norma gestita dalla U.O Anatomia patologica, nei paesi anglosassoni è considerata un indicatore utile per definire la qualità delle cure e, di fatto, si rende necessaria per definire la causa della morte in tutti quei casi in cui, sia in ospedale che sul territorio, il medico che si trova a dover redigere il certificato di cause di morte non sia in grado di identificarne la causa. Il Riscontro Diagnostico ha finalità di: controllo diagnostico: controllo, verifica di una diagnosi già formulata almeno orientativamente in vita e/o chiarimento di quesiti clinico-scientifici quali ad es. valore di un sintomo, valutazione di validità ruolo ed adeguatezza di procedure diagnostiche o terapeutiche ecc. (art.1, comma 2, L.83/1961; art.37, comma 1, D.P.R.285/90) verifica diagnostica: accertamento disposto su cadaveri di persone decedute a domicilio quando la morte sia dovuta a malattia infettiva diffusiva o sospetta di esserlo (finalità primaria di natura igienistica) (art.1, comma 3, L.83/1961; art.37, comma 2, D.P.R.285/90) identificazione e denuncia delle cause di morte di persone decedute senza assistenza medica e trasportati ad un ospedale o ad un deposito di osservazione (art.1, comma 1, L.83/1961; art.37, comma 1, D.P.R.285/90) identificazione e denuncia delle cause di morte di persone decedute a domicilio a richiesta del medico curante quando sussistono dubbi (nel senso di non conoscenza) sulle cause della morte (art.1, comma 3, L.83/1961; art.37, comma 2, D.P.R.285/90) 6.2 Richiesta di RD a. Chi può richiedere il RD: il Direttore Sanitario, dal Direttore o da un medico della U.O. in cui interviene il decesso quando si tratta di morti in ambiente ospedaliero il Direttore Sanitario in caso di morte avvenuta per malattia infettiva-diffusiva il Medico Curante (MMG) nei casi di morte avvenuta al domicilio. il Medico Necroscopo NON HA facoltà di richiedere il R.D. con due eccezioni: - ai sensi dell art.103 del T.U. delle Leggi Sanitarie: in pratica si tratta di una denuncia al Coordinatore Sanitario di fatti che possono interessare la Sanità Pubblica ed è comunque il Coordinatore Sanitario a disporre il R.D.; - nei casi di morte senza assistenza medica (art. 1 comma 4 D.P.R. 285/90) quando è di sua competenza la redazione della scheda ISTAT. b. Quali sono le modalità di richiesta: la richiesta è scritta e deve contenere i dati anagrafici del paziente, la data e l ora della morte, precise domande rivolte al patologo. Per semplificare le procedure ad ogni U.O. viene fornito un modulo prestampato, differenziato per la U.O. Ostetricia e Ginecologia, da riempire a cura del medico richiedente che provvederà ad inoltrarlo alla Direzione Medica di Presidio. Oltre alle generalità del defunto, la data e l ora del decesso, dovranno essere indicati la U.O. dove il decesso si è verificato, la motivazione della richiesta, l ipotesi diagnostica ed ogni altra notizia clinica utile all anatomopatologo che dovrà inoltre poter accedere ai dati contenuti nella cartella clinica. Per i medici operanti sul territorio è sufficiente una richiesta sul ricettario personale indirizzata al Direttore Sanitario in cui saranno riportate dettagliatamente tutte le notizie in possesso del sanitario ed esplicitato il quesito clinico. (allegato A)

6 Pag. 6/12 c. Quando va richiesto: non essendo possibile prevedere tutti i casi in cui procedere a R.D. si raccomanda di richiederlo ogni volta che: 1. non è possibile determinare la causa della morte 2. esistono dubbi sul concatenamento di eventi morbosi che ha portato all exitus 3. è necessario chiarire un quesito clinico. In particolare tenere conto di: ETÀ: non vi sono limiti di età. Comunque maggior attenzione per i soggetti giovani quando non c è una storia clinica sufficiente a giustificare il decesso (importante: raccolta anamnestica dettagliata dai familiari e dal medico curante). DIAGNOSI DI INGRESSO IN OSPEDALE: quando non vi è concordanza fra quanto segnalato dal curante sulla scheda di accesso e l obiettività riscontrata, nei casi in cui il decesso interviene senza che vi sia stata la possibilità di effettuare approfondimenti diagnostici e giungere ad una diagnosi (N.B. la causa di morte spesso non coincide con il motivo di accesso in ospedale) INTERVENTI CHIRURGICI: decesso entro 30 giorni dall intervento anche non in continuità di ricovero MORTI IN CORSO DI PROCEDURA DIAGNOSTICA E/O TERAPEUTICA MORTE IN CASO DI SPERIMENTAZIONE TERAPEUTICA MORTE IMPROVVISA GIUNTO CADAVERE AL P.S. quando non è possibile giungere alla compilazione dell ISTAT neppure raccordandosi con il Medico Curante. MORTI INATTESE: persone trovate morte nel letto o in limine vitae quando la causa del ricovero e/o le patologie riscontrate non sono sufficienti a spiegare il decesso. MORTE DI GRAVIDA O PUERPERA entro 7 giorni dal parto. Si dovrà tenere presente che il nuovo modello ISTAT prevede apposita voce al punto 3 stato di gravidanza della deceduta negli ultimi 12 mesi di vita con cinque sottocategorie: 1. Nessuna gravidanza 2. Morte in gravidanza; 3. Morte entro 42 giorni dall esito della gravidanza; 4. Morte tra 43 giorni e un anno dall esito della gravidanza; 5. informazione sconosciuta. MORTE DA CAUSA MALFORMATIVA E PRENATALE MORTE NEONATALE: (da valutare ed integrare con le previsioni della legge N.31 del 26 febbraio 2006 Disciplina del riscontro diagnostico sulle vittime della sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) e di morte inaspettata del feto ). MORTE IN REPARTO PSICHIATRICO MORTE DA CAUSE CONTAGIOSE N.B.: il Riscontro Diagnostico NON VA RICHIESTO quando si ipotizza che sussista responsabilità di terzi (incidenti stradali, infortuni sul lavoro, risse, maltrattamenti, ecc.) in questi casi sarà necessario inoltrare il REFERTO ALL AUTORITÀ GIUDIZIARIA.

7 Pag. 7/ Procedura Operativa di Riscontro Diagnostico Avvio della procedura Il Direttore di Presidio riceve la richiesta scritta di R.D. redatta dal Direttore/DM della UO di decesso (modulo MD//01) e la inoltra alla UO Anatomia Patologica (modulo MD//02). Per i decessi avvenuti sul territorio la richiesta potrà essere effettuata anche su ricettario bianco o barrando l apposita casella prevista sul modello ISTAT. L Anatomopatologo incaricato dell effettuazione del R.D. deve preventivamente effettuare le seguenti operazioni: verifica dell identità della salma: si accerta dell identità della salma da sottoporre a riscontro verificando la corrispondenza dei dati presenti sul bracciale di identificazione con quelli presenti sulla richiesta di riscontro verifica del Periodo di Osservazione: si accerta che sia trascorso il periodo di osservazione in quanto non si può procedere a riscontro diagnostico prima che siano trascorse 24 ore o 48 ore in caso di morte improvvisa, fatti salvi i casi particolari previsti dal Regolamento di Polizia Mortuaria (decapitazione, maciullamento). In deroga l anatomopatologo (che in questo caso assume la veste anche di medico necroscopo) può procedere all accertamento di morte mediante registrazione elettrocardiografica protratta per almeno 20 minuti (fatto salvo quanto previsto dalla L.644/1975 e successive modificazioni e Decreto 582/1994). esame della documentazione: esamina la completezza della richiesta e la cartella clinica, compreso la scheda di accesso in ospedale, il referto del 118, il referto del Pronto Soccorso e si accerta che NON ESISTANO REFERTI ALL AUTORITÀ GIUDIZIARIA ponendo particolare attenzione che in anamnesi non risultino fattispecie che comportino responsabilità di terzi. raccordo con il richiedente: - Medici della UO che ha richiesto il R.D., con programmazione congiunta della data ed ora di effettuazione del RD, informando i colleghi che in loro assenza non si procederà alle operazioni di R.D. In questo caso la compilazione della scheda ISTAT sarà demandata al Direttore della UO richiedente. - in caso di R.D. richiesto dal MMG/PLS dovrà parimenti concordare con lui data e ora di effettuazione del R.D. qualora il decesso si sia verificato sul territorio, in quanto il Regolamento di Polizia Mortuaria dà la facoltà ai Medici che richiedono il R.D. di poter assistere allo stesso. Si raccorda con il MMG/PLS quando trattasi di giunto cadavere o in caso di morte avvenuta poche ore dopo il ricovero e comunque ogni qualvolta sia necessario acquisire una anamnesi più completa. Valutazione dell efficienza e la completezza dello strumentario predisposto dall operatore necroforo. Valutazione dell opportunità di preliminari esami radiografici da richiedere alla U.O. Radiologia Esecuzione del Riscontro Diagnostico Nelle procedure che seguono l anatomopatologo è affiancato e coadiuvato dal personale tecnico appositamente formato. IMPORTANTE: contrariamente alla normale procedura adottata, dalle salme destinate a R.D. non devono essere rimossi cateteri, sondini, agocannule o qualsivoglia presidio terapeutico posizionato in vita.

8 Pag. 8/12 N.B.: quando l attesa del periodo di osservazione potrebbe compromettere i risultati del R.D. (alterazione della diagnosi istopatologica per fenomeni di autolisi e putrefattivi), soprattutto nel periodo estivo, l anatomopatologo valuta il ricorso all abbreviazione di detto periodo con il tanato- ECG. a. Esame esterno del cadavere: Svestizione della salma. Rilievo delle caratteristiche generali (età, sesso, stato di nutrizione, ecc.). Rilievo dei segni tanatologici: rigor mortis, macchie ipostatiche, temperatura. Rilievo di reperti indicativi di pregresse patologie o pregressi interventi chirurgici. Rilievo di segni semeiologici indicativi di stati morbosi in atto al momento del decesso (es. petecchie, edemi, gangrene, varici, focolai flogistici di varia natura, ecc.). Descrizione delle ferite chirurgiche e del numero e della posizione dei presidi. b. Esame interno: il Medico procede al R.D. vero e proprio secondo quanto previsto dai manuali di tecnica settoria, effettuando un esame completo senza fermarsi al riscontro della prima possibile causa di morte, con il seguente ordine: 1) cavità toracica e collo; 2) cavità addominale; 3) scatola cranica; 4) eventuale esame dell apparato locomotore e del sistema vascolare periferico quando richiesto da specifica patologia. L esame macroscopico dovrà comprendere le seguenti valutazioni: situazioni e rapporti tra i vari organi, visceri e strutture; forma di organi e visceri; volume; peso; colore ed aspetto della superficie, degli involucri, dei margini; consistenza; formazioni particolari; colore, aspetto della superficie di taglio, disegno di struttura; nel caso di organo cavo: caratteri del contenuto, colore e aspetto della superficie interna, spessore delle pareti; limitatamente al cervello e al midollo spinale il Medico decide se procedere al taglio a fresco o a fissazione preventiva in toto degli organi non tagliati N.B.: si dovrà dare atto, in caso di interventi chirurgici o procedure invasive, dello stato delle suture interne nonché della localizzazione degli eventuali presidi. c. Effettuazione di prelievi: il Medico valuta la necessità o meno di procedere a prelievi per il riscontro microscopico e/o esami particolari (microbiologici, citogenetici, tossicologici, ecc) sui reperti per chiarire eventuali dubbi sulla causa della morte e/o sull esistenza di patologie rilevanti. Se non ritiene utile effettuare ulteriori accertamenti provvede a formulare direttamente la diagnosi anatomopatologica definitiva. Laddove il Medico ritenga necessario provvedere all effettuazione degli esami microscopici e/o esami particolari, effettuerà prelievi di frammenti e raccolta di liquidi biologici provvedendo ad inserirli in appositi contenitori e ad accertarsi delle modalità corrette di fissazione e conservazione degli stessi. d. Casi particolari:

9 Pag. 9/12 1. il R.D. su cadaveri portatori di radioattività: deve essere effettuato adottando le prescrizioni di legge vigenti in materia di controllo della radioattività (art.38 Regolamento di Polizia Mortuaria). 2. Denuncia di malattia infettiva: se la causa di morte risulta essere una malattia infettivadiffusiva prevista nell elenco del Ministero della Sanità e non ancora denunciata il Medico deve notificarla con urgenza alla Direzione Sanitaria (denuncia ai sensi art. 254 T.U. Leggi sanitarie). 3. Sospensione della procedura in caso di morte con sospetto di reato: se nel corso dell effettuazione del R.D. il medico ha motivato sospetto che la morte sia attribuibile a reato, sospende il R.D. e dà immediata comunicazione all Autorità Giudiziaria (Referto) informando immediatamente la Direzione di Presidio. Una copia del Referto dovrà essere archiviata assieme alla Richiesta di Riscontro Diagnostico. Il cadavere dovrà essere lasciato nelle condizioni in cui si trovava al momento della sospensione della procedura. 4. R.D. su feti/prodotti abortivi di età gestazionale inferiore a 20 settimane o tra 20 e 28 settimane compiute ma non dichiarati nati morti: il R.D. dovrà essere richiesto ogni qualvolta che il Medico della U.O. Ostetricia e Ginecologia non è in grado di indicare una causa di morte sul certificato di nascita. I genitori dovranno essere informati ma non hanno facoltà di opporsi all effettuazione del R.D. 5. Nati morti, nati e morti: il R.D. dovrà essere sempre effettuato (attenzione alle previsioni della L.31/2006 di cui al punto 6) 6. L. 31/2006 Disciplina del riscontro diagnostico sulle vittime della sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) e di morte inaspettata del feto : - i lattanti deceduti improvvisamente entro un anno di vita senza causa apparente devono essere sottoposti a R.D. da effettuarsi nei centri autorizzati secondo le indicazioni della Delibera della Giunta Regionale Toscana n del 14/12/2009 S.I.D.S. Percorsi organizzativi finalizzati all esecuzione del riscontro autoptico nel caso di morte improvvisa ed inattesa del lattante. - i feti deceduti senza causa apparente dopo la venticinquesima settimana di gestazione devono essere sottoposti a R.D. da effettuarsi ad opera di personale specializzato, secondo le indicazioni della Direzione di Presidio N.B.: in entrambi i casi di cui al punto 6) dovrà essere richiesto e formalizzato il consenso di entrambi i genitori e. Ricomposizione del cadavere: al termine del R.D. l operatore tecnico provvederà alla ricomposizione del cadavere e al suo trasferimento nella camera mortuaria per le successive operazioni funerarie Redazione della scheda ISTAT e del Certificato Necroscopico Iil Medico compila la scheda di denuncia delle cause di morte (ISTAT) quando il medico richiedente il R.D. non ha provveduto alla sua compilazione o quando ritiene di dover apportare modifiche sulla base della diagnosi che emerge dal R.D. Provvede inoltre alla compilazione del Certificato Necroscopico, del Nulla Osta al seppellimento e, in caso di cremazione, del relativo certificato. Se la salma era portatrice di Pace Maker dovrà dare atto dell avvenuta asportazione dello stesso. Nel caso in cui il RD si trasformi in AG, il medico incaricato avrà cura di compilare l ISTAT ed ogni altra documentazione di pertinenza. N.B. Qualora il Perito o l Anatomo patologo non siano in grado di formulare diagnosi di certezza, potranno indicare la causa di morte come probabile aggiungendo la dizione In corso ulteriori accertamenti e richiamare successivamente la scheda ISTAT dal Comune o dalla Prefettura per la sua Integrazione.

10 Pag. 10/ Redazione relazione conclusiva Una volta terminato il R.D. il Medico formula una diagnosi anatomopatologica. 1) Diagnosi anatomopatologica provvisoria: quando sono stati effettuati prelievi per gli esami microscopici e/o per ulteriori accertamenti di laboratorio il Medico formulerà una diagnosi provvisoria in attesa dei risultati di detti esami, procedendo alla compilazione della scheda ISTAT. 2) Diagnosi anatomopatologica definitiva: sulla base dei reperti macroscopici, dei reperti microscopici e degli eventuali esami specialistici effettuati, il Medico formula la diagnosi definitiva relativa al caso in esame redigendo una relazione su cui saranno indicati: numero del R.D. nome e cognome età U.O. o MMG richiedente diagnosi clinica certa o presunta data e ora del decesso data e ora dell effettuazione del R.D. diagnosi anatomopatologica Conclusione della procedura La procedura di Riscontro Diagnostico dovrà concludersi al massimo entro 40 giorni. Il referto definitivo sarà redatto in triplice copia: - una copia verrà archiviata presso la U.O. di Anatomia Patologica assieme ai referti degli eventuali esami effettuati; - le altre due copie saranno inoltrate alla Direzione di Presidio che provvederà ad inserirne una nella cartella clinica e ad inviare l altra al Medico che ha richiesto il riscontro. I risultati del riscontro diagnostico verranno illustrati e discussi alla presenza del Direttore di Presidio o suo delegato, dell anatomopatologo che ha effettuato il riscontro, del Direttore Medicina Legale o suo delegato in appositi audit clinici con i medici delle U.O. richiedenti. Correzione e/o integrazione scheda ISTAT: laddove la diagnosi anatomopatologica definitiva si discosti in maniera significativa da quella provvisoria relativamente alla causa della morte e/o ai principali fenomeni morbosi, la Direzione di Presidio provvede alla correzione della scheda ISTAT già inoltrata al Comune. 7. CONDIVISIONE La condivisione della procedura avviene attraverso: Corsi di formazione per gli operatori Diffusione continua di informazioni inerenti la valutazione delle cause della morte e la compilazione delle schede ISTAT Analisi degli eventi ed interventi di miglioramento, come ad esempio audit clinici La diffusione del cartaceo agli interessati La pubblicazione sul sito intranet della procedura

11 Pag. 11/12 8. MONITORAGGIO E necessario delineare e monitorare l evento RD utilizzando i seguenti indicatori : N RD/N pazienti accolti nell anno N audit realizzati/n audit richiesti dal GRCA nell anno 9. MODALITÀ DI AGGIORNAMENTO Per la presente procedura sono previste revisioni con cadenza biennale.

12 Pag. 12/ DOCUMENTI DI RIFERIMENTO T.U. Leggi Sanitarie (art.103): R.D. n del 27/7/1934 Ordinamento dello Stato Civile (artt ): R.D. n.1238 del 9/7/1939 Regolamento di Polizia Mortuaria: D.P.R. 285/1990 Regolamento per la revisione e semplificazione Ordinamento dello Stato Civile (Titolo IX): D.P.R. n.396 del 3/11/2000 (a norma dell art.2 comma 2 L. n.127 del 15/5/1997) Circolare del Ministero della Sanità n. 24 del 24/06/1993 Disposizioni su Riscontro Diagnostico: L. n.83 del 15/2/1961 Codice Penale, art. 365 Codice di procedura penale, art. 331 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri: Legge n.130 del 30/3/2001 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti: L.R. TOSCANA n.29 del 31/5/2004 Disciplina del trasporto di salme e cadaveri: L.R. n.18 del 4/4/2007 e disposizioni applicative (Deliberazione Giunta R.T. n.612 del 27/8/07) L.R. 23 giugno 2009 n. 31: modifiche alla legge regionale 4 aprile 2007 n.18 (Disciplina del trasporto di salme e di cadaveri) Decreto n. 219 del 26/06/2000: Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari D.P.R. 254/2003 (Parti anatomiche riconoscibili) L. 31 del 20 febbraio 2006: Disciplina del riscontro diagnostico sulle vittime della sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) e di morte inaspettata del feto Delibera della Giunta Regionale Toscana n del 14/12/2009: S.I.D.S. Percorsi organizzativi finalizzati all esecuzione del riscontro autoptico nel caso di morte improvvisa ed inattesa del lattante Decreto 11 aprile 2008: Aggiornamento del decreto 22 agosto 1994, n.582 relativo al <<Regolamento recante le modalità per l accertamento e la certificazione di morte>>. 11. ALLEGATI (MODULISTICA) MD//01: modulo richiesta riscontro diagnostico (R.D.) MD//02: modulo R.D. Direttore di Presidio MD//03: modulo richiesta R.D. per prodotto abortivo/feto/feto nato morto

Protocollo Operativo

Protocollo Operativo Rev. 1/6 EMISSIONE Redatto da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò, Dr. Alessandro Aiello ( Resp. Uffic. Infer.) Emesso da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò (Dirigente Medico di Direzione Sanitaria) Firma del Coordinatore Sanitario

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE.

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. Dr Mario Spinelli Direttore S.C. Medicina Legale ASL n. 15 Cuneo NORMATIVA T.U delle Leggi Sanitarie n. 1265 del 27 luglio 1934 ( Tit. VI) D.

Dettagli

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990 La legge n.31/2006 Legge SIDS Scopo della relazione è 1) analizzare i rapporti tra Autorità

Dettagli

Medicina Necroscopica in ambito ospedaliero PA.DS.21. Procedura Aziendale per la Gestione della

Medicina Necroscopica in ambito ospedaliero PA.DS.21. Procedura Aziendale per la Gestione della Procedura Aziendale per la Gestione della Medicina Pag. 1/23 Procedura Aziendale per la Gestione della Medicina Necroscopica relativa ai pazienti deceduti in ospedale, feti, prodotti abortivi e parti anatomiche

Dettagli

PROCEDURA. Attività di Medicina Necroscopica e di Polizia Mortuaria

PROCEDURA. Attività di Medicina Necroscopica e di Polizia Mortuaria Pag. 1/13 Polizia Mortuaria Data di applicazione 11/03/2014 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 19/02/2014 Dirigente. Medico Dott. Michele Ciardiello Dr. M. Ciardiello Dirigente Medico

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.)

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.) Pagina 1 di 11 REGIONE LAZIO PROCEDURA PER LA NECROSCOPICA RELATIVA AI (C.O.B.) Data Rev. Redatto Verificato e approvato 10/10/2003 01/12/2011 0 1 Dott. Luca Guerini Dirigente Medico D.S. COB Dott. Franco

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Regolamento aziendale di polizia mortuaria

Regolamento aziendale di polizia mortuaria Allegato alla deliberazione n. 1267 del 30 agosto 2012 Regolamento aziendale di polizia mortuaria Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 DI PISTOIA. Via Sandro Pertini, 708 51100 Pistoia C.F./P. Iva 01241740479

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 DI PISTOIA. Via Sandro Pertini, 708 51100 Pistoia C.F./P. Iva 01241740479 Avviso pubblico per assunzione a tempo determinato di n. 2 OPERATORI TECNICI NECROFORI CATEGORIA B PERIODO DI PUBBLICAZIONE DAL 31 Gennaio 2011 AL 7 Febbraio 2011 PUBBLICA AMM/NE UNITA RICHIESTE PROFILO

Dettagli

Più Trasparenza, meno rischi. Carta della qualità Cartella Clinica

Più Trasparenza, meno rischi. Carta della qualità Cartella Clinica Più Trasparenza, meno rischi Scelta del titolo del workshop: diritti al centro Necessità approfondire il tema nel giorno del Trentennale: segnalazioni dei cittadini, proposte di miglioramento condivise

Dettagli

Modalità operative di vigilanza sui farmaci stupefacenti

Modalità operative di vigilanza sui farmaci stupefacenti Corso residenziale interattivo a cura della sezione regionale SIFO Emilia Romagna «La vigilanza ispettiva territoriale e la vigilanza ospedaliera in contesti tradizionale e di nuova istituzione» Modalità

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma

Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma G.Umani Ronchi G.Umani Ronchi 1 R.P.M. 1990. art 1 (denuncia causa di morte) 1. Ferme restando le disposizioni sulla dichiarazione e sull'avviso

Dettagli

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel APPROVATO CON DELIBERAZIONE N.2002/67 DEL 3/12/2002 I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel raccoglitore

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

Donazioneetrapiantoditessuticorneali. Normativa e aspetti medico legali

Donazioneetrapiantoditessuticorneali. Normativa e aspetti medico legali Donazioneetrapiantoditessuticorneali Normativa e aspetti medico legali Prof. Carlo Moreschi Dr.ssa Antonia Fanzutto L importanza del dono Le malattie della cornea sono circa 80. A livello mondiale sono

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA ART. 1 L Asp Centro Servizi alla Persona di Ferrara gestisce, in nome e per conto del Comune di Ferrara, la Camera Mortuaria ubicata a Ferrara in Via Fossato

Dettagli

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto e finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

IL PROTOCOLLO REGIONALE

IL PROTOCOLLO REGIONALE IL PROTOCOLLO REGIONALE C.P.S.I. Vera Sabrina Ufficio di Coordinamento Infermieristico per l attività di prelievi Ospedale S. Giovanni Battista I criteri per la selezione dei donatori sono quelli della

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 nei casi previsti dalla normativa la sorveglianza sanitaria è altresì finalizzata alla verifica di assenza di assunzione di sostanze stupefacenti e di condizioni di alcol

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Emanuela Balocchini Servizi di Prevenzione in sanità Pubblica e veterinaria Regione Toscana 1 Quali ambiti

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA

POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA Il presente modulo deve essere inviato a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento

Dettagli

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

DENUNCIA INFORTUNI. Procedura per la denuncia infortunio o decesso

DENUNCIA INFORTUNI. Procedura per la denuncia infortunio o decesso Procedura per la denuncia infortunio o decesso DENUNCIA INFORTUNI 1 Inviare denuncia a mezzo raccomandata postale con ricevuta di ritorno entro 30 giorni dall accaduto a SDM Broker Via Arbia, 70-00199

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA DONAZIONE MULTIESSUTO la nostra esperienza. COORDINAMENTO OSPEDALIERO TRAPIANTI, ULSS7 Laura Barazza

ORGANIZZAZIONE DELLA DONAZIONE MULTIESSUTO la nostra esperienza. COORDINAMENTO OSPEDALIERO TRAPIANTI, ULSS7 Laura Barazza ORGANIZZAZIONE DELLA DONAZIONE MULTIESSUTO la nostra esperienza COORDINAMENTO OSPEDALIERO TRAPIANTI, ULSS7 Laura Barazza LA NOSTRA REALTA AZIENDA ULSS7 COMPRENDE: - Il P.O. S.M. Dei Battuti a Conegliano,

Dettagli

Percorso di attivazione della procedura sanitaria

Percorso di attivazione della procedura sanitaria PROTOCOLLO OPERATIVO SPERIMENTALE PER ACCERTAMENTI SANITARI PER MINORI DA AFFIDARE A FAMIGLIE O A SERVIZI RESIDENZIALI (in temporanea sostituzione del protocollo regionale approvato con Delibera n 489

Dettagli

Redazione Cognome/Nome Funzione

Redazione Cognome/Nome Funzione DIPARTIMENTO DIREZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA Procedura LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA OSPEDALIERA Redazione Cognome/Nome Funzione Dip. Direzione Assist. Osped. Di Giorgio Antonio Dirigente Medico

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI PROCURA della REPUBBLICA Presso il TRIBUNALE per i minorenni di TORINO LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI Codice di procedura penale Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Relazione. La documentazione sanitaria

Relazione. La documentazione sanitaria e-mail serv.infermieristico@ausl6palermo.org La professione infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente Relazione La documentazione sanitaria Palermo,

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n.

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n. Mod. 1 DICHIARAZIONE DI INCARICO Il sottoscritto nato a il residente a in via n. consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 in caso di dichiarazioni mendaci,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

LE DENUNCE SANITARIE

LE DENUNCE SANITARIE LE DENUNCE SANITARIE DENUNCIA SANITARIA E l atto con cui il medico informa una pubblica Autorità di fatti o notizie appresi nell esercizio della professione, di cui è obbligato a riferire per disposizione

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

PROGETTAZIONE AON S.p.A.

PROGETTAZIONE AON S.p.A. NORME DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO CONVENZIONE CONI In caso di infortunio compilare il modulo di denuncia in ogni sua parte in stampatello ed inviare lo stesso a mezzo raccomandata postale con ricevuta

Dettagli

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE Azienda USL Pescara Direttore Generale Dott. C. D Amario U.O.S. Risk Management Responsabile Dr.ssa Annamaria Ambrosi Rev. 0 2015 PROCEDURA OPERATIVA GESTIONE DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE e/o ACUSTICHE.

Dettagli

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione SISTEMA DI CONTROLLO MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Proc. 01/2012/2013 Revisione 2 Pag. 1 di 10 /2014 STATO DATA FIRMA APPROVATO 28.03.2014 ARCH. ROSARIO DI MUZIO Sommario Introduzione... 3 Contenuti

Dettagli

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE L esecuzione delle visite periodiche, nonché di quelle svolte su richiesta dei lavoratori, rimane uno dei compiti più qualificanti dell attività del medico competente.

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Scopo Assicurare la corretta gestione e distribuzione di farmaci disciplinati dal D.L. 22 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione.

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. CIRCOLARE n. 16 26 luglio 2012 GDV/fp Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. Con nota dello scorso

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN)

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Firenze 26 Settembre 2014 Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Regolamento (UE) n. 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sulla

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

POLIZZA INFORTUNI AXIS n.937800214 RCT/O LLOYD S n. A2LIA01126G

POLIZZA INFORTUNI AXIS n.937800214 RCT/O LLOYD S n. A2LIA01126G NORME DA SEGUIRE IN CASO DI SINISTRO (indistintamente per tutte le categorie di tesserati) compilare in stampatello i moduli di denuncia in ogni parte ed inviare gli stessi a mezzo raccomandata postale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 321/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 321/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 321/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 OGGETTO: Convenzione con l Istituto di psicologia psicoanalitica di Brescia per lo svolgimento di tirocini pratici professionalizzanti da parte di

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all.

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all. ACCORDO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI NORMATIVI ED ECONOMICI PER LA REDAZIONE DELLE CERTIFICAZIONI RESE A FAVORE DEGLI INFORTUNATI SUL LAVORO E TECNOPATIOCI PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE. Premesso

Dettagli

"IL DONATORE DI TESSUTI"

IL DONATORE DI TESSUTI "IL DONATORE DI TESSUTI" Udine 30/01/2015 La realtà dell Ospedale di Palmanova Tipologie di donazioni: Donazione multitessuto Donazione tessuti oculari Donazione cordone ombelicale Chi è il donatore multitessuto?

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 54.2015/00046 del 20/05/2015 OGGETTO Intervento tecnico

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

VADEMECUM SINISTRI INFORTUNI TESSERATI

VADEMECUM SINISTRI INFORTUNI TESSERATI VADEMECUM SINISTRI INFORTUNI TESSERATI NOZIONE E considerato infortunio l'evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna, che produca lesioni corporali obiettivamente constatabili, le quali abbiano

Dettagli

! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &*

!  #!! $ % &$! ' (  ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* C.A.P. 09070 - Via Umberto I n. 16 - tel. 0783.410219 fax: 0783.411176 - P.I.: 00070490958! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* Approvato con deliberazione C.C. n in data INDICE: Art.1 OGGETTO

Dettagli

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia.

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. Trasferimento salme e ceneri fuori dal Comune di Ceresara Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. E possibile trasportare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 28.11.2008) 1 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

Rev. N Data Descrizione modifiche

Rev. N Data Descrizione modifiche A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale codice: PR-ANP-002-ICB MANUALE DELLE PROCEDURE pag. 1 di pag. 6 S.C. ANATOMIA PATOLOGICA DIRETTORE Dr. STEFANO TARAGLIO PROCEDURA 2 INVIO CAMPIONI BIOLOGICI Nome Firma

Dettagli

Mansioni a rischio nel settore del TPL:

Mansioni a rischio nel settore del TPL: Mansioni a rischio nel settore del TPL: A. Conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida delle categorie C-D-E. B. Personale direttamente addetto alla circolazione

Dettagli

MOD 36 Regolamento Contrattuale per le Verifiche Periodiche e Straordinarie di Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10

MOD 36 Regolamento Contrattuale per le Verifiche Periodiche e Straordinarie di Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10 MOD 36 Regolamento Contrattuale Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10 (MOD 04) Stato delle Revisioni Rev. Data Motivo Aggiornamento RQ Approvazione DT 00 27-04-2013 Definizione

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli