BILANCIO AMBIENTALE e SOCIALE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO AMBIENTALE e SOCIALE 2013"

Transcript

1 BILANCIO AMBIENTALE e SOCIALE 2013 Marzo 2014

2

3 Benvenuti alla quinta edizione del Bilancio Ambientale e Sociale Zuegg. Più di un report, la dimostrazione tangibile del nostro impegno, sostenuto dall entusiasmo di tutti i dipendenti, impiegati e partner, a mantenere alta non solo la qualità dei nostri prodotti ma anche la trasparenza dell informazione su tutto ciò che ci compete, dalle attività produttive a quelle parallele. Attività fondate sul rispetto dell ambiente, rispetto per i consumatori, rispetto per chi lavora la terra e per chi partecipa quotidianamente alla trasformazione della frutta in prodotti il più vicino possibile agli ideali di salute, genuinità e vitalità. Princìpi condivisi in tutta Europa e che ben si riconoscono nel nostro messaggio istituzionale Passione per la frutta, Amore per la vita. Una scelta decisamente schierata dalla parte della natura e che si è dimostrata vincente, anche nel 2013, per l ulteriore consolidamento del Gruppo e, soprattutto, per la straordinaria maturità dei nostri progetti di indipendenza e sostenibilità agronomica della filiera, intrapresi in modalità sperimentale soltanto pochi anni fa. Grazie a questa esperienza, collaudata su campi di proprietà e su altre aree gestite in collaborazione con agricoltori locali, solo nel 2013 si sono coltivati, raccolti e processati oltre 20 milioni di chilogrammi di frutta italiana, mentre altri importanti quantitativi sono stati realizzati nelle nuove filiere a controllo diretto Zuegg create in Serbia, Germania e Polonia. Ovviamente, in questo documento potrete valutare tanti altri parametri della nostra dimensione, ma il dato che per noi rimane più interessante è quello relativo alla sensibilità che dedichiamo al nostro lavoro. Una qualità che non è mai cambiata e mai saremo disposti a cambiare. Buona consultazione

4

5 Il Gruppo Zuegg 6 Da oltre 120 anni Solo buoni frutti 8 I prodotti firmati zuegg (B2C) 9 I PRODOTTI PER L INDUSTRIA ALIMENTARE (B2B) Il gruppo zuegg. La frutta, la vita Il Bilancio Ambientale 10 Nell attesa del cambiamento zero sprechi, massima consapevolezza 12 politica ambientale e strumenti operativi gestione ambientale negli stabilimenti Elementi ambientali significativi 13 Siti produttivi verona luogosano elne werneuchen zörbig afanasovo Il Bilancio Sociale 26 Sostenibilità e consumo valori di responsabilità sociale risorse umane e responsabilità sociale The work-life Balance profilo del personale Modello organizzativo Codice Etico e Organismi di controllo Salute e sicurezza sul lavoro Informazione e comunicazione

6 DA OLTRE 120 ANNI... Zuegg nasce a Lana d Adige (Sud Tirolo) nella seconda metà dell Ottocento come attività familiare ed artigiana guidata da Karl Zuegg. Per tutto il 900 l azienda si sviluppa in modo significativo, ma solo dagli anni cinquanta i suoi prodotti cominceranno ad essere distribuiti su tutto il territorio nazionale, trainati dal famoso Fruttino e dai primi succhi di frutta. Negli anni settanta, prima in Italia, Zuegg introduce un innovativa linea di confezionamento asettico di succhi di frutta in Tetra Pak. Nel 1985 viene inaugurato a Luogosano, Avellino, lo stabilimento per la lavorazione della frutta fresca e tre anni dopo vengono proposti al mercato italiano i succhi di frutta a marchio Zuegg Skipper. Nel 1991 diventa operativo lo stabilimento di Werneuchen (Berlino) dedicato alla produzione di semilavorati industriali per l industria alimentare. Da quel momento l azienda si affaccia sui mercati europei: nel 2002 acquisisce la Zörbiger Konfitüren Gmbh di Lipsia e l anno successivo la Elnia SA di Elne in Francia. Nel 2007, l azienda getta le basi per un nuovo insediamento industriale in Russia, destinato alla produzione di semilavorati, inaugurato nel giugno 2011 ad Afanasovo, nella regione Kaluga. Al 2013 il Gruppo, guidato da Oswald Zuegg, si avvale di 6 stabilimenti produttivi in Europa, due sedi commerciali, in Austria e in Svizzera, per un totale di 541 dipendenti ed un fatturato annuo complessivo di oltre 257 milioni di Euro. _6

7 Il Gruppo Zuegg... SOLO BUONI FRUTTI Il Gruppo Zuegg produce una vasta gamma di prodotti per il consumo diretto, a marchio Zuegg e Zuegg Skipper, e una altrettanto vasta e specializzata serie di prodotti derivanti dalla prima e seconda trasformazione della frutta, destinati alla grande industria alimentare. Tutta la produzione è garantita da procedure di elevatissima qualità, il famoso Metodo Zuegg, confortato da molti riconoscimenti ufficiali, tra cui la certificazione ISO 9001, l ISF (International Food Standard) e il BRC (Global Standard Food), disciplinati rispettivamente dalla Federal Association of German Trade Companies e dal British Retail Consortium. Nel 2013 la divisione brand Zuegg (B2C) ha generato circa 148 milioni di Euro, pari al 57,7% del fatturato globale, segnando un incremento del 8% rispetto al La divisione industria (B2B) ha invece prodotto oltre 108 milioni di Euro, pari al 42,3% del fatturato globale, con un trend di +13,6% rispetto all anno precedente. 257 FATTURATI in milioni di euro INDUSTRIA BRAND 232,2 95,3 108,6 FATTURATO TOTALE 2013 euro 257 milioni + 10,7% rispetto all anno precedente B2B B2C 136,9 148,4 42,3% 57,7% FATTURATO 2013 b2c per categoria di prodotto , , TREND Brand +8,3% Succhi +5,1% Confetture +13,7% 7_

8 Il Gruppo Zuegg I PRODOTTI FIRMATI ZUEGG (B2C) LE CONFETTURE Costituiscono da sempre i prodotti più naturali e genuini per tutta la famiglia e, in 120 anni di buona tradizione, si sono evolute in tante linee specializzate. Sono a marchio Zuegg le classiche confetture che tutti conoscono, poi ci sono le 100% da Frutta, prodotte solo con ingredienti provenienti dalla frutta, per una scelta più naturale che mai, le vellutate Zuegg perfette per un consumo famigliare e per la preparazione dei dolci, le praticissime monoporzione, le confetture e le passate in mastello dedicate alla pasticceria professionale e la nuova linea Zuegg Bio Cremose, morbidissime confetture con purea di frutta senza pezzi. Senza scordare il Fruttino, pratico snack di confettura per una carica di energia sempre a portata di mano. I SUCCHI I succhi di frutta esprimono tutta la vocazione Zuegg per il naturale: una scelta davvero completa e adatta ad ogni palato. Ai puristi dell alimentazione consigliamo la nostra linea benessere, nei gusti mirtillo, melograno e carota nera - ribes nero, la linea 100% Frutta Frullata, disponibile in 3 gustose ricettazioni (frutti di bosco, pera - mela - banana, pesca - arancia - mango), la serie di nettari Zuegg in confezione da tre minidosi e la linea Premium da 200 ml dedicata al canale HoReCa. Infine, oltre alla classica linea Skipper litro in brik, dal 2014 sarà disponibile una nuova linea Skipper litro in PET, completamente rinnovata nella grafica, nella forma del packaging e nella proposta di nuovi gusti a basso contenuto calorico, per soddisfare un mercato sempre più giovane ed esigente. I PRODOTTI PER L INDUSTRIA ALIMENTARE (B2B) La produzione di cinque stabilimenti del Gruppo è dedicata a prodotti di trasformazione, ovvero alla lavorazione della frutta che prepara le sostanze di base necessarie all industria alimentare. Sono amalgami di frutta (prima trasformazione) o semilavorati (seconda trasformazione) destinati a diventare parte integrante di gelati, yogurt, merendine, dolci, torte e tante altre deliziose specialità da forno. _8

9 IL GRUPPO ZUEGG. LA FRUTTA, LA VITA UN MONDO DI VALORI I valori cui Zuegg si ispira, vive, trasmette sono quelli relativi al lavoro fondato sulla collaborazione reciproca, sul rispetto interpersonale e sulla condivisione di ogni beneficio all interno del Gruppo. Tali valori, divenuti regole di comportamento ufficiali e sancite da uno statuto etico, nel 2013 sono stati portati a regime in tutte le sedi del gruppo, grazie alla consapevolezza ed il comportamento di una comunità sempre responsabile: la grande famiglia Zuegg. IL METODO ZUEGG Con l entusiasmo del fare artigianale ed una centenaria esperienza in materia di frutta, Zuegg costituisce un solido riferimento del settore, incentivando un consumo più consapevole di frutta e verdura. L attenzione per la qualità, sia nella scelta delle materie prime che in ogni singola fase di raccolta e trasformazione del prodotto, è un aspetto garantito dal nostro metodo che, con l integrazione verticale delle linee di produzione, cerca sempre, compatibilmente al tipo di frutta e alla stagionalità, di conservare pieno controllo sul sapore, il gusto, e proprietà organolettiche e salutari di ogni prodotto. LA NUOVA FILIER A ZUEGG A monte del processo produttivo, Zuegg ha da tempo avviato un progetto di approvvigionamento diretto ed autonomo della frutta. Un percorso ecologicamente sostenibile, a chilometri zero, praticato sia su campi di proprietà che su campi di agricoltori selezionati, finalizzato al totale controllo della coltivazione e della raccolta della frutta. E sono molti, nel 2013, i coltivatori che in Italia, in Germania, e nell est Europa hanno scelto Zuegg come garante del naturale passaggio dall albero alla frutta che tutti ci auspichiamo. A questi consociati, Zuegg ha dedicato tutta una serie di servizi specializzati (dalla scelta della coltivazione ottimale alla consulenza di esperti agronomi, solo per citarne alcuni) che hanno avuto l unico scopo di alimentare una filiera più breve, caratterizzata da una frutta più buona e quindi di maggior valore, nell interesse di tutti. 9_

10 Il Bilancio Ambientale NELL ATTESA DEL CAMBIAMENTO Per molti il 2012 non è stato un anno facile. Probabilmente tra pochi anni, il 2013 verrà archiviato come un anno di transizione. Se da una parte timidi segnali di ripresa economica si sono registrati in Europa, in Italia la situazione non è cambiata di molto rispetto all anno precedente. Troppe incertezze sul futuro rendono le previsioni aperte a qualsiasi scenario. Per questi motivi, il 2013 è risultato, in termini di produzione industriale, fluido e discontinuo, a riflesso di un mercato piuttosto teso e nervoso. Altrettanto discontinue sono state quindi le numerose messe a punto delle linee di produzione di alcuni stabilimenti, in seguito alle frequenti variazioni degli ordinativi. In Zuegg, il susseguirsi di produzioni diverse ha, in alcuni casi, vanificato la perfetta messa a regime delle linee produttive, producendo inevitabilmente maggior consumi ed una maggiore quantità di rifiuti prodotti. L aumento dei rifiuti, che nel nostro caso costituiscono per il 90% pregiata materia prima nei mercati del riciclo, qui difficilmente viene vissuta come negatività. Lo stabilimento di Luogosano ad esempio, nel 2013, è riuscito a fare di necessità virtù, separando e stoccando il 50% delle bucce e delle parti fibrose della frutta processata (pari a 300 t di potenziale rifiuto) per ottenere un sottoprodotto destinato all alimentazione zootecnica. Parallelamente, nello stesso periodo, lo stabilimento di Verona ha raccolto l inizio e la fine produzione dei semilavorati di frutta per sottrarli alla voce rifiuti e venderli come combustibile utile a generare biogas. La semplice dimostrazione di come Zuegg sappia fare tesoro anche dei momenti difficili, trasformando i problemi inattesi in opportunità da cogliere con intelligenza. ZERO SPRECHI, MASSIMA CONSAPEVOLEZZA I sistemi produttivi contemporanei considerano l eliminazione degli sprechi un criterio fondamentale di efficienza, senza il quale non si può parlare di qualità integrale. Inoltre, evitare di sprecare energia oggi è equivalente a produrre energia pulita. In Zuegg la corretta gestione delle risorse, ed ancora una più scrupolosa gestione degli smaltimenti, è ormai parte integrante della cultura individuale di ogni operaio, dipendente e dirigente. In tutti gli stabilimenti esistono norme e richiami continui ad un corretto uso dell acqua e l energia elettrica. Diversi sistemi automatici di prevenzione degli sprechi sono presenti in tutti reparti produttivi e amministrativi, dove viene anche praticata la raccolta differenziata dei rifiuti. Piccoli accorgimenti che rendono grande la consapevolezza di contribuire ad un mondo migliore. _10

11 11_

12 Il Bilancio Ambientale POLITICA AMBIENTALE E STRUMENTI OPER ATIVI Il presidente del Gruppo, Oswald Zuegg, considera il rispetto verso l ecosistema una peculiare garanzia dello sviluppo dell azienda. Per questo, sin dal 2001, ha voluto che i suoi ideali fossero trasmessi a tutti gli stabilimenti attraverso il direttore generale, Giovanni Maria Desenzani. Da quella data, Zuegg ha quindi orientato la sua produzione verso programmi di sostenibilità ambientale volti alla salvaguardia delle risorse e dell ambiente. Ovviamente, tutto il Gruppo è partecipe e parte attiva di queste scelte: amministratori e collaboratori sono impegnati, ciascuno nell ambito delle proprie competenze e mansioni, nel perseguimento, e a volte nel superamento, degli standard ambientali richiesti. GESTIONE AMBIENTALE NEGLI STABILIMENTI Ogni stabilimento ha tradotto la politica ambientale in azioni concrete e, attraverso l analisi dei processi produttivi, sono stati stabiliti gli aspetti ambientali da tenere sotto controllo. A tale scopo è stata inaugurata una piattaforma informatica comune, accessibile via intranet, mediante la quale condividere e confrontare i propri dati per stabilire le migliori strategie volte alla riduzione dei consumi e all ottimizzazione delle risorse. Con la misurazione sistematica dell acqua potabile, dell energia elettrica, del consumo di gas metano e dei rifiuti prodotti, si prefiggono obiettivi di miglioramento che annualmente vengono discussi con la Direzione Generale. A fronte dei risultati, si perfezionano poi gli impegni preposti a garanzia di un costante progresso degli stessi, coinvolgendo, quando è possibile, tutti i quadri e le risorse umane del Gruppo. ELEMENTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI ACQUA ENERGIA ELETTRICA GAS METANO Negli ultimi cento anni il fabbisogno di acqua è aumentato ad una velocità più che doppia rispetto all incremento della popolazione mondiale. E nel futuro la richiesta presto trasformerà questa risorsa nella materia più preziosa del pianeta. Appare quindi indispensabile mettere in atto sistemi che ne consentano un utilizzo razionale; per questo la gestione dei consumi e dei reflui produttivi rientra ormai tra i doveri ambientali di maggior rilevanza del Gruppo. È una risorsa fondamentale di elevato impatto ambientale che il Gruppo ha deciso di razionalizzare sia in termini di utilizzo, con la riduzione dei consumi, sia in termini di rinnovamento delle fonti, puntando sull adozione di impianti ad alto rendimento energetico, sistemi di illuminazione a basso consumo ed una politica di risparmio sistematica in grado di abbattere il più possibile i carichi energetici necessari alla produzione. Il gas metano è un combustibile naturale a basso potere inquinante, perché non contiene composti solforosi. La sua combustione risulta, come è di tutti i combustibili gassosi, facilitata dal fatto che si miscela più facilmente con l aria comburente. Ne deriva così anche un più elevato rendimento e, soprattutto, l assenza di incombusti nei fumi, ineliminabili invece nell uso di combustibili solidi o liquidi. Per questo Zuegg ha scelto di investire sul gas metano come combustibile ideale per tutto il Gruppo. ANIDRIDE CARBONICA Per contribuire a frenare il rilascio di gas dannosi all atmosfera, dal 2010 il Gruppo Zuegg ha avviato un processo di monitoraggio delle emissioni di CO 2, attivando programmi di riduzione su base annuale in fase produttiva, ottimizzando il proprio sistema di trasporti e distribuzione, con un nuovo sistema logistico di consegne. RIFIUTI INDUSTRIALI _12 I rifiuti complessivi prodotti da Zuegg sono costituiti, per circa il 90%, da imballaggi in cartone, involucri di plastica e barili in acciaio, tutte confezioni di approvvigionamento della frutta, ovvero preziose materie prime del mercato del riciclo. Il rimanente residuo organico liquido è costituito per la maggior parte dall acqua impiegata per i lavaggi delle linee produttive. Quindi la corretta gestione dei rifiuti (diversificazione e separazione alla fonte) concretizza sensibili vantaggi economici, limitando l impatto ambientale al minimo. Nello stabilimento di Verona, ad esempio, solo nel 2013, l appropriata gestione dei rifiuti ha ricavato un utile netto pari a Euro.

13 SITI PRODUTTIVI ITALIA Verona Luogosano GERMANIA Werneuchen Zorbig FRANCIA Elne RUSSIA Afanasovo AUSTRIA Graz sede commerciale SVIZZERA Coira sede commerciale 13_

14 Il Bilancio Ambientale VERONA DATI DI STABILIMENTO Posizione area industriale di Verona, Italia Anno di fondazione 1958 Area industriale mq Capacità produttive 24 ore per 3 turni lavorativi. 5 giorni su 7 Risorse ed approvvigionamenti Smaltimenti 3 pozzi idrici autonomi; elettrodotto a media tensione; metanodotto della zona industriale pubblica fognatura, depurazione mediante impianti cittadini Attività e produzione Lo stabilimento di Verona produce succhi e semilavorati di frutta, quello che viene chiamato seconda trasformazione della frutta. Quest ultima tipologia di prodotto, poco nota al consumatore finale, è destinata alle industrie alimentari ed in particolare a quelle operanti nel settore dolciario e nel settore lattiero caseario (gelati, yogurt). Le materie prime utilizzate per la produzione del succo sono le puree di frutta, i concentrati e il succo fresco che, combinati con acqua, zucchero, additivi e aromi, permettono di ottenere il prodotto finito. A seconda della loro miscelazione si possono ottenere differenti prodotti: succhi, aventi colore, aroma e gusto caratteristici del frutto da cui derivano; bevande, ovvero prodotti preparati con acqua, succo di frutta, estratti di frutta, aromatizzanti, zucchero e additivi; nettari, ottenuti dall aggiunta d acqua e zucchero a succo di frutta, purea o concentrato. Nella linea dei semilavorati, invece, è richiesta la frutta surgelata, intera o a pezzi con l aggiunta di zucchero, addensanti, additivi, coloranti e aromi. Sono semilavorati per yogurt, ovvero preparati a base di frutta da aggiungere allo yogurt e semilavorati per l industria dolciaria, preparati a base di frutta per prodotti dolciari, e preparati destinati alla produzione di gelati. _14

15 6,68 6,15 6,24 109,37 102,81 103,42 31,19 28,41 30, CONSUMO DI ACQUA rapportato alla produzione (m3/t prod.) CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA rapportato alla produzione (kw/t prod.) CONSUMO DI GAS METANO rapportato alla produzione (m3/t prod.) 12,57 11,42 12,56 0,118 0,106 0,110 RIFIUTI PRODOTTI rapportati alla produzione (kg/t prod.) EMISSIONI DI CO2 EQUIVALENTE (kg CO2/kg prod.) COMMENTO DEI DATI I dati energetici in ascesa sono conseguenti alle nuove richieste di mercato per le quali è stato necessario operare con lotti produttivi estremamente ridotti, il che ha comportato un inevitabile aumento dei tempi di fermo degli impianti e ripetuti lavaggi tra una lavorazione e l altra. 15_

16 Il Bilancio Ambientale LUOGOSANO DATI DI STABILIMENTO Posizione area San Mango sul Calore, 38Km da Avellino, Italia Anno di fondazione 1985 Area industriale mq Capacità produttive 24 ore per 3 turni lavorativi. 5 giorni su 7 bassa stagione, 6 su 7 alta stagione Risorse ed approvvigionamenti Smaltimenti acquedotto, elettrodotto a media tensione e metanodotto della zona industriale impianto di scarico acque interno, con depuratore biologica Attività e produzione Lo stabilimento è impegnato nella trasformazione della frutta fresca in materia prima per l industria alimentare. Si tratta di frutta surgelata in pezzi o intera, purea di frutta, purea concentrata di frutta e succhi di agrumi; ulteriori produzioni dopo la trasformazione della frutta sono il Fruttino e i semilavorati per le industrie dolciarie in mastelli. L attività di trasformazione è prevalentemente stagionale, concentrata nelle fasi di massima disponibilità: gennaio/aprile per la trasformazione in particolare delle arance, maggio/ottobre per le altre produzioni. La frutta fresca - ciliegie, fragole, albicocche, pesche, pere, prugne, mele, mele cotogne e arance - coltivata prevalentemente nell Italia centro-meridionale, subisce due tipi di trasformazione: dalla frutta fresca alla purea di frutta congelata; e dalla frutta fresca alla frutta surgelata intera o in pezzi. In Luogosano è importante ricordare la felicissima applicazione del programma Agronomo di sostenibilità Zuegg che prevede campi di proprietà e una stretta collaborazione con coltivatori locali. Una sinergia che ha coinvolto oltre 120 selezionati coltivatori di frutta in un raggio di 180 chilometri attorno allo stabilimento, procurando un notevole indotto sociale su tutto il territorio, riconosciuto anche dalle autorità locali. Non a caso, una via a 500 metri dallo stabilimento è stata inaugurata il 4 luglio 2013 a nome di Karl Zuegg, padre dell attuale presidente Oswald Zuegg. _16

17 5,73 6,20 6,35 142,19 142,08 151,22 39,60 40,91 45, CONSUMO DI ACQUA rapportato alla produzione (m3/t prod.) CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA rapportato alla produzione (kw/t prod.) CONSUMO DI GAS METANO rapportato alla produzione (m3/t prod.) 36,04 0,174 0,178 0,188 27,78 27,46 RIFIUTI PRODOTTI rapportati alla produzione (kg/t prod.) EMISSIONI DI CO2 EQUIVALENTE (kg CO2/kg prod.) COMMENTO DEI DATI Dati energetici in ascesa, ad eccezione dei rifiuti. La diminuzione del 15% della produzione totale, dovuta ad una stagione particolarmente sfavorevole per le arance, le albicocche e le pesche, ha diminuito i rifiuti ma anche le ore di lavorazione della frutta che deve essere trasformata in giornata, mantenendo però tutti i classici consumi energetici di una produzione a pieno regime. 17_

18 Il Bilancio Ambientale ELNE DATI DI STABILIMENTO Posizione Elne, Perpignan, Languedoc Roussillon, Francia Anno di fondazione 2002 Area industriale mq Capacità produttive 24 ore per 3 turni lavorativi. 5 giorni su 7 Risorse ed approvvigionamenti Smaltimenti acquedotto di proprietà, elettrodotto a media testone e metanodotto di zona pubblica fognatura, trattamento per le acque confluenti in zona agricola Attività e produzione Lo stabilimento di Elne, come quello di Verona, si occupa della seconda trasformazione: va ripetuto che Zuegg ha equipaggiato le fabbriche che producono semilavorati (Verona, Elne, Werneuchen e Afanasovo) con le stesse linee e le stesse procedure, in modo di ottenere un benchmarking produttivo e, insieme, la possibilità di trasferire le produzioni in caso di necessità. Linee e processi produttivi sono controllati con i più moderni sistemi di tracciabilità ed anche i programmi di manutenzione sono stati unificati a quelli degli altri stabilimenti Zuegg. _18

19 6,76 204,63 197,33 39,15 36,02 32,49 5,01 4,79 157, CONSUMO DI ACQUA rapportato alla produzione (m3/t prod.) CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA rapportato alla produzione (kw/t prod.) CONSUMO DI GAS METANO rapportato alla produzione (m3/t prod.) 22,48 21,65 28,30 0,109 0,104 0,096 RIFIUTI PRODOTTI rapportati alla produzione (kg/t prod.) EMISSIONI DI CO2 EQUIVALENTE (kg CO2/kg prod.) COMMENTO DEI DATI A fronte di un leggero aumento dei rifiuti lo stabilimento di Elne ha raggiunto, rispetto all anno precedente, un notevole aumento della produttività, un generale abbattimento dei consumi e, in particolare, un netto risparmio di acqua potabile. 19_

20 Il Bilancio Ambientale WERNEUCHEN DATI DI STABILIMENTO Posizione Werneuchen, Barnim (Berlino), Brandeburgo, Germania Anno di fondazione 1991 Area industriale mq Capacità produttive 24 ore per 3 turni lavorativi. 5 giorni su 7 Risorse ed approvvigionamenti Smaltimenti pozzo idrico di proprietà, elettrodotto a media testone e metanodotto di zona trattamento delle acque mediante processo di lagunaggio Attività e produzione Anche lo stabilimento di Werneuchen si occupa della seconda trasformazione, pertanto è dotato degli stessi impianti ed utilizza le stesse metodiche produttive degli altri tre stabilimenti Zuegg dediti a questo processo. _20

21 4,66 4,69 186,74 193,44 33,85 34,01 33,51 3,51 170, CONSUMO DI ACQUA rapportato alla produzione (m3/t prod.) CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA rapportato alla produzione (kw/t prod.) CONSUMO DI GAS METANO rapportato alla produzione (m3/t prod.) 45,65 35,33 39,94 0,188 0,188 0,175 RIFIUTI PRODOTTI rapportati alla produzione (kg/t prod.) EMISSIONI DI CO2 EQUIVALENTE (kg CO2/kg prod.) COMMENTO DEI DATI Similmente a quanto accaduto a Verona, Elne e Afanosovo, lo stabilimento di Werneuchen segnala un lieve aumento dei rifiuti rispetto al A parte ciò, lo stabilimento presenta una produzione in aumento e tutti i parametri energetici in discesa - i migliori in assoluto degli ultimi tre anni - segno di una ottima gestione delle linee produttive. 21_

22 Il Bilancio Ambientale ZÖRBIG DATI DI STABILIMENTO Posizione Zörbig, Schortewitz, Sassonia-Anhalt, Germania Anno di fondazione 1873 (in Zuegg dal 2002) Area industriale mq Capacità produttive 24 ore per 2 turni lavorativi. 5 giorni su 7 Risorse ed approvvigionamenti Smaltimenti pozzo idrico di proprietà, elettrodotto di zona, caldaie a gasolio pubblica fognatura, depuratore comunale Attività e produzione Lo stabilimento sorge in una zona tradizionalmente dedita alla produzione di confetture e marmellate. Dall acquisizione in Zuegg nel 2002, i prodotti vengono confezionati a marchio Zuegg e Orignal Zörbiger. Tre sono i formati classici di produzione: la confezione 100% da frutta senza aggiunta di saccarosio, nel formato 250 g; il formato da g di confettura per la prima colazione o spuntino; e infine il formato da 700 g destinato a preparati ad uso dolciario, ottimi per realizzare torte o crostate di frutta. Nel 2013 sono state introdotte nuove linee di packaging per rispondere adeguatamente alle nuove richieste del mercato delle confetture in Germania e in Europa. Vi si producono inoltre anche sciroppi a base di frutta, da utilizzare diluiti con acqua o per la preparazione di cocktail. _22

23 2,51 2,34 2,24 145,68 126,69 130,53 41,82 53,33 39, CONSUMO DI ACQUA rapportato alla produzione (m3/t prod.) CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA rapportato alla produzione (kw/t prod.) CONSUMO DI GAS METANO rapportato alla produzione (m3/t prod.) 16,78 15,49 23,59 0,228 0,240 0,208 RIFIUTI PRODOTTI rapportati alla produzione (kg/t prod.) EMISSIONI DI CO2 EQUIVALENTE (kg CO2/kg prod.) COMMENTO DEI DATI In un quadro generalmente positivo, gli unici dati in controtendenza risultano essere gli aumenti di consumo di energia elettrica e di rifiuti, dovuti principalmente all aggiunta delle nuove linee di confezionamento. 23_

24 Il Bilancio Ambientale AFANASOVO DATI DI STABILIMENTO Posizione Afanasovo, Oblast di Kaluga (130 Km circa da Mosca), Federazione Russa Anno di fondazione 2010 Area industriale mq Capacità produttive 24 ore per 3 turni lavorativi. 5 giorni su 7 Risorse ed approvvigionamenti Smaltimenti due pozzi idrici di proprietà, elettrodotto di zona, caldaie a gasolio impianto di depurazione biologica interno Attività e produzione La tipologia di produzione, le linee industriali e i relativi processi, rispecchiano fedelmente quelli degli stabilimenti di Verona, Elne e Werneuchen. Come differenza, Afanasovo rappresenta un centro produttivo modello, di recente costruzione e ancora in fase di ottimizzazione per quanto riguarda i consumi energetici, l efficienza produttiva e il conseguimento di tutti i parametri ambientali Zuegg. Nonostante questo, ed il mancato allacciamento al metanodotto di zona, i dati del 2013 sono altamente confortanti, registrando un quadro di rapido e netto miglioramento rispetto agli anni precedenti. _24

25 6,99 6,95 473,18 133,96 5,81 343,44 99,40 275,49 69, CONSUMO DI ACQUA rapportato alla produzione (m3/t prod.) CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA rapportato alla produzione (kw/t prod.) CONSUMO DI GAS METANO rapportato alla produzione (m3/t prod.) 37,48 0,352 10,45 26,59 0,267 0,195 RIFIUTI PRODOTTI rapportati alla produzione (kg/t prod.) EMISSIONI DI CO2 EQUIVALENTE (kg CO2/kg prod.) COMMENTO DEI DATI Il confronto con il 2012 testimonia lo sforzo intrapreso da tutte le iniziative di ottimizzazione finalizzate ad aumentare le performance produttive nel rispetto degli standard economici ed ambientali Zuegg. 25_

26 Il Bilancio Sociale SOSTENIBILITÀ E CONSUMO Decenni di trasformazione del modello industriale hanno generato imprese sempre più mature e responsabili, in cui il profitto non è l unico obiettivo da conseguire. La crescente sensibilità per l ambiente, ad esempio, è divenuto in Zuegg uno dei valori cardine della nuova rivoluzione gestionale e comportamentale. In particolare, il delicato rapporto tra sostenibilità e consumo qui non è mai stato un esercizio utopico ma piuttosto una realtà vissuta quotidianamente, realizzata da piccoli atti concreti piuttosto che da radicali atteggiamenti di vita. D altronde la crisi è oggi il più forte incentivo all assunzione di comportamenti più sostenibili, intelligenti e responsabili; e noi tutti, le persone, siamo in attesa di una grande svolta. Per questo ci attendiamo che le imprese guidino gli atteggiamenti di mercato, non solo economicamente ma soprattutto in senso etico e sociale. Il che si traduce, per Zuegg, nel diventare parte attiva della collettività, offrendo prodotti e servizi accessibili, rintracciabili e sostenibili. Soluzioni che non comportino rinunce o sacrifici, ma solo una scelta più adulta e consapevole. VALORI DI RESPONSABILITÀ SOCIALE Nell ottobre del 2011, la Commissione Europea ha ridefinito la Responsabilità Sociale di un impresa come la responsabilità causata dal suo impatto con la società. La nuova impostazione, apporta una doverosa discussione attorno al termine impatto che, essendo interpretabile in modo ampio e non definito, di fatto aumenta la portata della responsabilità a tutte le attività d impresa realmente a contatto con il mondo circostante, facendo presupporre un dovere quasi automatico conseguente alle responsabilità dirette che comunque si vengono a generare. Gli adeguamenti sociali e ambientali che l impresa ha il dovere di adottare, costituiscono allora quei valori aggiunti capaci di consolidare il ritorno di immagine e reputazione utile a rafforzare tutta la marca. In Zuegg tali adeguamenti si materializzano a partire dal forte senso di responsabilità individuale, comune a tutto il personale del Gruppo, si confrontano con il Codice Etico Aziendale e si mettono alla prova con i criteri di selezione e di scelta di tutto il sistema fornitori, oltre che attraverso il rigoroso controllo dei sistemi salute e sicurezza sul lavoro. _26

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli