Protocollo Attuotivo. regione Umbrio" "la realizzazione dî un impianto solore sperimentole dimostrotivo nel territorio dello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo Attuotivo. regione Umbrio" "la realizzazione dî un impianto solore sperimentole dimostrotivo nel territorio dello"

Transcript

1 Protocollo Attuotivo tra ll Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Roma, Via cristoforo Colombo n.44 di seguìto per brevità denominato semplicemente anche "Ministero" o "Amministrazione" (Codice Fiscale n ), legalmente rappresentato dal Dr. Corrado Clini, in qualita di Direttore Generale della Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l'energia del medesimo Ministero e La Società Archimede Solar Energy con sede legale in Villa San Faustino - località Pisciaretlo, Massa Martana (PG), Codice Fiscale n , nella persona del Presidente Dott, Gianluigi AnBelantoni, di seguito per brevità denominata semplicemente "ASE" o "Beneficiario"i per "la realizzazione dî un impianto solore sperimentole dimostrotivo nel territorio dello regione Umbrio" PREMESSo che la legge 8luglio 1986, n.349, relativa all'istituzione del Ministero dell'ambiente, attribuisce allo stesso il compito di assicurare la promozione, la conservazione ed il recupero delle condizioni ambientali conformi agli interessi della collettività ed alla qualità della vita, nonché di garantire la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale nazionale e la difesa delle risorse naturali dall'inquinamento compiendo e promuovendo studi, indatini e rilevamenîi interessanti l'ambiente; la legge 17 luglio 2006, n. 233 di conversione del Decreto Legge 18 matgio 2006, n. 181 contenente "Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della Prèsidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri", modifica tra l'altro la denominazione del Minastero dell'ambiente in "Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare"; nel Decreto del Presidente della Repubblica 3 agosto 2009, n. 14O si definisce il "Regolamento di organizzazione del Ministero dell'ambiente e della lutela delterritorio e del Mare"; con l'articolo 2, comma 322, della Legge del 24 dicembre 2OO7, n.244 recante "Disposizioni per ra folmazione del Bilancio annuale e pluriennale dello Stato" (Legge Finanziaria 2008) è stato istituito, a decorrere dall'anno 2008, il "Fondo per la Promozione delle Energie Rinnovabili e dell'efficienza Energetica - Solare Termodinamico" destinato allè Regioni ed Enti locali o altri soggetti, pubblici o

2 privati, per fa realizzazione di interventi dediti alla promozione delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica attraverso il controllo e la riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti, nonché alla incentivazione della produzione di energia elettrica da solare termodinamico; il Ministfo, con proprio decrelo n.166 del 2 aprile 2008, registrato alla cone dei conti,8 aprile 2008, Reg. n.3, Fog. 31, ha, ai sensi del richiamato articolo 2, comma 322, individuato le modalità di utilizzazione del Fondo in questione destinando le risorse alla realizzazione di interventi Der la promozione delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica, oltre ad interventi per la promozrone e produzione di enertia elettrica da solare termodinamico, utili al controllo ed alla riduzione de e emissioni inquinanti e climalteranti; con successivo decreto direttoriale n.468 del 19 maggio 21, registrato alla Corte dei Conti il 5lutlio 21, Re8. n. 11, Fog. 179, sono individuate, ai sensi e per gli effettidell'articolo 5 del sopra richiamaro decreto 166/2008, le misure di intervento per il consetuímento delle finalità indivìduate nel richiamato decreto 166/2008; CONSIDERATO che il controllo del consumo di energia e il maggiore ricorso all'energia da fonti rinnovabili costituiscono parti importanti del pacchetto di misure necessarie per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e, conseguentemente, per rispettare il Protocollo di Kyoto e gli ulteriori impegni assunti a livello comunitario e internazionale per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra oltreil2o'r.2; al conseguimento delle suindicate finalità, si contribuisce anche attraverso la promozione di progettì di ricerca e sviluppo mirati ad acquisire nuove conoscenze nonche a sviluppare innovazione Oi pàootti, processi e servizi sul tema; il Ministero è impegnato nel perseguimento dei sopra delineati obiettivi, promuovendo specifiche ínazaaîive progettuali mirate al raggiungimento dei migliori risultati in termini di riduzione delle emissioni anche mediante la promozione della ricerca scientifica e tecnologica; dunque, istituzionalmente appropriato, raccordarsi con le istituzioni rappresentative del territorio, rag8iungendo opportune intese di programma mirate, in spirito di partenariato, alla realiz2azione, nei settori deflo sviluppo e della ricerca in materia ambientale, di un quadro sinergico di apporti reciprocl volti al persetuimento del sopra citato comune obiettivo owero la riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra; VISTO, che il Ministro dell'ambiente e della Tutela del lerritorio e del Mare e t'assessore all,ambiente deila Regione umbria, in data 27 dicembre 22, hanno sottoscritto un protocoflo teso a[o sviruppo di un progetto sperimentale ovvero alla realizzazione di un impianto solare dimostrativo, nel tlrritorro regionale, replicabile a livello nazionale (di seguito anche,,progetto,,); l'obiettivo di detta intesa, in una logica dicooperazione tra amministrazioni centrali e locali, è quello di promuovere rutirizzo dele fonîi rinnovabiri inrensificando ir recrproco rmpegno posto sur tema dell'innovazione e dello sviluppo tecnofogico; nell'ambiîo della stessa intesa, è coínvorto anche ir mondo de l,imprenditoria, in quanto sorte l'interesse di promuovere lo svituppo della ricerca e dell'industrializzazione di sistemi tecnologtci innovativi owero la sperimentazione di nuove soruzioni tecnorogiche sur rema de[e energre rinnovabili; Archimede Solar nerty (di seguito anche "AsE"), ner citato protocolo di Intesa, si propone quare soggetto Attuatore del sopra richiamato progetto sperimentare, in quanto ricenziatario, in vra esclusiva, del brevetto ín possesso di ENEA sul rivestimento spettralmente seletîivo di cui sono ricoperti itubi ricevitori per cenîrali solari termodinamiche a collettori parabolici lineari, caratterizzati da una elevata assorbanza n llo spettro solare oltre che riflettenza nell,infrarosso:

3 ai sensi dell'articolo 4 del citato Protocollo di intesa, le Amministrazioni firmatarie condividono l'interesse per il Progetto proposto e, quindi, l'intenzione dicofinanziarne la realizzazione; in osservanza al richiamato articolo 4, ASE ha trasmesso, in data 13 febbraio 23 n , il Programma di Lavoro acquisito, in pari data al Protocollo n.12550, della Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile, ilclima e l'energia; ai sensi del successivo articolo 5, con decreto direttoriale n del 15 marzo 23, è stato istituito il Comitato di indirizzo e monitoraggio deputato ad assicurare la piena attuazione dell'intesa raggiunta, oltre che a valutare ed approvare il Programma di [avoro redatto da ASE e sopra richiamato; IENUTO CONTO, che ll Regolamento (CE) n. 8oo/2008 della Commissione del 6 agosto 2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione europea L 214 del 09 agosto 2008, (di seguito anche per brevità denominato "Regolamento") dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 87 e 88 del trattalo (regolamento generale di esenzione per categoria); ai sensi dell'anicolo 3 del richiamato Regolamento possono essere concessi aiuti ad hoc che soddisfano tutte le condizioni di cui al capo ldel medesimo Regolamento nonché le rilevanti disposizioni del capo ll; VISTO, inoltre, che il Comitato di indirizzo e monitoraggio, insediatosi in data 21 marzo [J.s., come rileva da Verbare redatto in tale occasione, ha esaminato e approvato icontenuti del Programma di Lavoro richiedendo, in tale sede, la trasmissione dello sîesso integrata del dettaglio tecnico esposto in seno al Comitato, di una puntuale descrizione delle diverse fasi nonché di pianificazioni temporali ed economicne aggiornate oltre che la trasmìssione di dichiarazioni, rese ai sensi dell'articolo 46 e 47 del DpR 445/2OOO e smi, attestanti il possesso dèi requisiti di accesso al beneficio ai sensi e per gli effetti del richiamato Regolamento; come rilevato dal Programma di Lavoro trasmesso in data 13 giugno 23, le attività avranno una durata triennale a decorrere dal gennaio 23 ovvero successivamente alla definizione del Protocollo di intesa sopra richiamato; il quadro economico aggiornato, redatto a cura di ASE e allegato al Programma di Lavoro menzionato, espone le seguenti voci di costo: Progettazione, Realizzazione Opere civili, Acquisito e realizzazione apparecchiature e sistemi, Montaggio apparecchiature e piping, Commissionint e Costi indiretti per un valore complessivo dell'investimento pari ad ,00; nel sopra menzionato quadro economico si da, peraltro, evidenza dei costi ammissibilí ai sensi dell'articolo 31, comma 5, del Regolamento quantificati, nel suo complesso, in ,00 di cui 3.L26.42O,ú è individuata quaie intensità massima di aiuto riconoscibile per progetti di ricerca industriale, ai sensi dèlcomma 3 del richiamato articolo 31; il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, come stabilito in seno al Comitato di cui sopra, ha quantificato il massimale di contributo riconoscibile, a titolo di sowenzione, in favore del Progetto, nella misura di ,00 previa verifìca, da parte dell'amministrazione, dei requisiti di accesso aisensi del richiamato Regolamento; {a la Regione Umbria, con Determinazione dirigenziale n.3021 del 9 maggio 23, ha stabilito in ,00 la soglia dì aiuto concedibile per la realizzazione del ProSetto;

4 CONSIDERATO che come si evince dalla Dichiarazione resa, ai sensi del DPR 445/2000 e s.m.i., in data 13 giugno 23, ASE figura, sulla base dei parametri dimensionali prescritti dal Decreto del Ministero delle Attivita Produttive del 18 aprile 2005 pubblicato sulla cazzetta Ufficiale n. 238 del 12 ottobre 2005, quale Grande lmpresa, regolarmente iscritta al Registro delle lmprese, operante nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposta ad alcuna procedura concorsuale, ad accordi stratiudiziali né a piani attestati ex arîicolo 67 1.F., ne ad accordi di ristrutturazione ex art. 182 bis 1.F., e non avendo, peraltro, presentato richiesta di concordato in bianco ex anicolo 33 Decreto sviluppo - D.L. n. 83/22, in corso o nel quinquennio antecedente alla data di sottoscrizaone dell'intesa di cui al Protocollo del 27 dicembre 22: nella medesima Dichiarazione, ASE attesta di trovarsi in retola con la disciplina in materia contributiva, di sicurezza sui luoghi di lavoro nonché di salvaguardia dell'ambiente e di non presentare le caratteristiche di impresa in difficoltà ai sensi del punto 10 della Comunicazione della Commissione "Orientamenti Comunitari susli Aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (20Ù1lc ); in ossequio all'articolo 7 del Regolamento, ASE dichiara di non aver ottenuto, sullo stesso progetto, altre agevolazioni pubbliche contributive o finanziarie, oltre quanto stabilito nel Protocollo di Intesa del 27 dicembre 2.2, prendendo atto che non rientrano tra le fattispecie per le quali è previsto il divieto di cumulo le agevolazioni concesse in forma digaranzia; allo stesso tempo, conferma di non aver ricevuto, neanche secondo la regola "de minimis", aiuti dichiarati incompatibili con le decisioni della Commissione europea di cui all'articolo 4 del DPCM 23 maggio 2OO7 adottato ai sensi dell'articolo 1, comma 1223 della L. 27 Dicembre 2006, n.296 e pubblicato nella curl n. 160 del 12 luglio 2007; nella medesima Dichiarazione, segnatamente al Progetto, ASE attesta che trattasi di progetto di ricerca industriale ìn osservanza all'articolo 31, comma 2, lettera b) del Retolamento; STABILITO, infine, che 8li aiuti concessi sotto forma di sowenzioni sono considerati trasparenti ai sensi delt'articolo 5 del Regolamento; alla luce delle dichiarazioni rese e sopra richiamate, si evid nzia che trattasi di progetto di ricerca industriale ai sensi dell'articolo 31 del Regolamento owero di ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti; ai sensi del richiamato articolo 31, comma 3, l'intensiîà di aiuto, per la ricerca industriale, non può superare il 50% dei costi ammissibili declinati nel succ ssivo comma 5 in: spese di personale, costi della strumenîazione e delle attrezzature utilizzate per il progetto di ricerca e per la sua durata, costi di fabbricati e terreni utilizzati per il progetto di ricerca e per la sua durata, costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, sp se generali supplementari direttamente imputabili al progetto di ricerca, altri costi di esercizio, inclusi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi direttamente imputabili all'attività di ricerca; in caso di aiuti individuali concessi ad hoc, laddove trattasi di progetto di ricerca industriale, il ReSolamento è applicabile laddove l'equivalente sowenzione lordo non superi la soglia di 10 milioni di euro per impresa, per progelto/studio di fattibilità;

5 ai sensi dell'articolo 4 del Regolamento, ai fini del calcolo dell'intensità di aiuto, tutte le cifre utilizzate sono intese al lordo di qualsiasi imposta o altro onere, mentre icosti ammissibili devono essere accompagnati da prove documentarie chiare e suddivise per voci; come previsto nell'articolo 7 del Regolamento, per verificare il rispetto delle soglie stabilite nel richiamato articolo 6 e delle intensità di aiuto previste nel citato articolo 31, si tiene conto dell'importo totale degli aiuti pubblici, a favore del progetto o dell'attivita sowenzionati, provenienti da risorse locali, regionali, nazionali o comunitariej il Regolamento esenta unicamente gll aiuti che hanno un effetto di incentivazione ai sensi dell'articolo 8: pergarantife la trasparenza ed il controllo è assicurata, in osservanza all'articolo 9 del Regolamento, la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell'unione europea di una sintesi dèlle informazioni relative alla misura di aiuto in questione e, allo stesso tempo, la Commissione controlla le misure di cui è stata informata richiedendo allo Stato membro tutte le necessarie informazioni; perdipiù, ai sensi dell'articolo 11 del Regolamento, lo Stato membro redige, su base annuale, una Relazione sull'applicazione del Regolamento; RITENUTO, pertanto, a fronte dell'intesa raggiunta con il sopra richiamato Protocollo del 27 dicembre 22 e come successivamente indicato nel Verbale del Comitato di indirizzo e monitoraggio del 21 marzo 23, effetluate le necessarie verifiche rispetto alla documentazione trasmessa e sopra menzionata, di riconoscere, in favore di ASE, un contributo a fondo perduto sulle spese sostenute per la realizzazione del Progetto di ricerca industriale proposto, nella misura massima di ,00, che trova copertura, nel corrente esercizio finanziario, nello stato di previsione del Minisîero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e, nello specifico, a valere sul Capitolo 8407 "Fondo peí la promozione delle energie rinnovabili"; di procedere nella definizione del presente Protocollo attuetivo nel quale sono regolamentati i rapporti tra il Minìsîero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e Archimede Solar Energy Srl quale Soggetto Attuatore del Progetto "Reolizzozione di un impionto solore dimostrotivo, nel teíitorio regionole, îeplicobile o livello nozionole" e, peraltro, benèficiario del contributo a fondo perduto quantificato nella misura massima di ,00; TUTTO quanto CIO' PREMESSO, VISTO E CONSIDERATO SI CONVIENE quanto SEGUE Articolo 1 Premesse L, Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente Protocollo Atîuativo e si intendono inlegralmente trascritte a tuttigli effetti nel presente Articolo. Articolo 2 Ammissione a finanziamento 1. E' riconosciuto un finanziamento, a fondo perduto, ad Archimede Solar Energy Srl per la realizzazione del Progetto di ricerca andustriale, ai sensi dell'articolo 31, comma 2, lettera b) del Regolamento (CE) n. 80O/20O8 della Commissione del 6 agosto 2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione europea L 2f4 del 09 agosto 2008, dal titolo "Reolizzazione di un impianto solore dimostrotivo, nel territoíio regionole, replicobile o livello nazionale", proposto nell'ambito del Protocollo d'intesa

6 sottoscritto in data 27 dicembre 22 con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e con la Regione Umbria. 2. Archimede Solar Energy 5rl, in qualità di Soggetto Attuatore del Progetto e Beneficìario del finanziamento di cui al precedente comma 1, è responsabile dell'awio, dell'attuazione e completamento del Progetto secondo le modalità e tempistiche declinata nel Programma di lavoro allegato al presente Atto e dello stesso facente parte intetrante. 1. Articolo 3 Durata ll Progetto dovrà essere realizzato, pena la revoca del finanziamento, entro e non oltre il 31 dicembr 25, come rappresentato nel cronoprogramma annesso al Programma di lavoro qui allegato- Articolo 4 Risorse e relatíva copertura finanziarla ll Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Direzione Generale pèr lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia riconosce un finanziam nto, nella misura massima di OO,00 (un milione cinquecentomilo/o1\, a copertura dei costi sostenuti da ASE per la realizzazione del Progetto e ritenuti ammissibili ai sensi dell'articolo 31., comma 3 e 5, del Regolamento in quanto ricadenti nelle tipologie di cui al successivo articolo 5. ll quadro di detîaglio dei costi ammissibili per iquali è assicurata la copertura di cui al precedente comma 1 è allegato al presente Atîo e ne costituisce parte integrante. 3. Dette risorse trovano copenura nello stato di Drevisione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, a valere sul Capitolo 8407 "Fondo per la promozione delle enertie rinnovabili e dell'efficienza Energetica - Solare T rmodinamico" - Esercizio finanziario 23. Resta inteso che ilfinanziamento è concesso non superando i massimali di cui all'articolo 31, comma 3, lettera b del ReSolamento e, comunque, nel pieno rispetto delle soglie di notifica stabilite negli articoli 6 "soglie di notifica individuali" e 7 "Cumulo" del medesimo Regolamento. Articolo 5 Costi ammissibili Ai sensi e per gli effetti dell'articolo 31, comma 5, del Regolamento, ai fini della concessione del finanziamento dì cui ai precedenti articoli L e 4, sono ritenuti ammissibili icosti del Progetto ricadenti nelle sottostantl lipolotie: a. personole interno impegnato nelle attività di ricerca e,/o sviluppo e in quelle di gestione tecnicoscientifica. ll relaîivo costo è determinato sulla base delle ore lavorate sul Progetto. b. strumentozione e ottrezzoture da utilizzare per la realizzazione del Protetto e per l'intera durata di vita dello stesso. Trattasi di attrezzature e strumenta2ioni di nuovo acquisto da utilizzare esclusivamente per il Progetto owero di nuove atlrezzature ilcui uso è necessario ma non esclusivo per il Progelto. c. altricosti di esercizio, inclusi icosti dei materiali, delleforniture e di prodotti analoghi direttamente imputabìli all'attività di ricerca. In tale tipologia sono, ad esempio, riconducibili: forniture di materie prime, semilavorati, componenti, materiali di consumo specifici. d. spese generoli supplementari direttomente imputobili ol Proqetto dí ricerco owero costi dei materiali minuti necessari per la funzionalità operativa quali ad esempio: altrezzi di lavoro, minuteria metallaca ed eleîtrica, articoli per la protezione del personale (guanti, occhiati, ecc,), cana per stampantì. Sono ammissibili le spese sostenute a decorrere dal giorno successivo alla data di sottoscrizione del richiamato Protocollo di lntesa tra il Minisîero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, la

7 Retione Umbria e ASE sino al 31 dicembre 25, quale data ultima indicata nel cronoprotramma qui allegato. Sono ammissibili soltento i cosli attribuíbili per competenza a date comprese nel periodo indicato per lo svolsimento della rìcerca, a condizione che siano stati effettivamente sostenuti, liquidati e quietanzati in detto periodo. E'fatto salvo quanto stabilito nel successivo articolo 9 in tema di proroghe. 3. Non costituisce un costo ammissibile l'imposta sul valore aggiunto, qualsiasi altro onere accessorio fiscale o finanziario (bolli, dazi...) oltre che tutti quei costi non riconducibili alle tipologie indicate nel orecedente comma 1. Articolo 6 Erogarioni 1- llfinanziamento di cui al precedente articolo 4 è erogato da parte del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Direzione cenerale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia ad ASE secondo le modalità diseguito rappresentate: a. sino alla concorrenza dell'80% del finanziamento ríconosciuto, sono erogati ratei non inferiori al 20% dell'importo impegnato previa trasmissione di una Rendicontazione redaîta da ASE e pari almeno al 20% dei costi ammissibili del Progetto. Detta Rendicontazione consta di:. Rapponi tecnici sullo stato di attuazione del Progetto nel suo complesso articolati sulla base delle fasi previsîe nel Programma di Lavoro; o labelle di Rendicontazione accompagnate da documenti giustificativi della spesa; r Formale richiesta di erogazione;. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/20OO e s.m.i. attestante che: i. la spesa è ammissibile, sostenuta, quietanzata e debitamente documentata; ii. la spesa sostenuta è pertinente e congrua ed è slata effettuata entro i termini di elessibilità; iii. sono stati rispettati tutti i regolamenti e le norme comunitarie e naziona li vige nti sul lavoro, prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell'ambiente nonché in materia di informazione e pubblicità; iv. sono sîate adempiute tutte le prescrizioni di legge re8ionale, nazionale, in materia di edilizia e urbanistica, ivicompres quelle in materia fiscale; v. non sono stati ottenuti né richiesti ulteriori rimborsi, contrabuti ed integrazioni di altri soggetti, pubblici o privati, nazionali, regionali, provinciall e/o comunitari (ovvero sono stati ottenuti o richiesîi quali e in quale misura). b. L'erogazione a saldo, della restante quota paîi al 20% dell'importo impegnato, awiene ad \,.-_ ultimazione del Progetîo previa trasmissione della Rendicontazione finale così composta: i. Formale comunicazione della data di conclusione delle attivita progettuali; ii. Rapporto finale del Progetto articolato sulla base delle fasi previste nel Programma di Lavoro e nel quale saranno, peraltro, indicate, al fine di valutare al meglio l'effetto di incentivazione di cui all'articolo 8 del Regolamento, le attivita di ricerca aggiuntive avviate grazie al finanziamento ricevutoiii. Tabella di Rendicontazione finale accompagnata da documenti giustifìcativi della spesa;

8 iv. Formale Richiesta di erogazione del saldo; v. Dichiarazione resa ai sensi del DPR 445/2000 e s.m.i. attestante, oltre a quanto già stabilito nel precedente comma 1 lettera d), che le attività progettuali sono state completate nel rispetto degli obiettivi di progetto prefissati. L'erogazionè del finanziamento assegnato non poîrà superare il valore massimo concesso e avverrà, comunque, nei limiti delle spese ammissibili realmente rendicontate. 3. Resta, infine, inteso che ciascuna erogazione awerrà previa approvazione, da pa rte del Comitato di indirizzo e monitoraggio, delle Rendicontazioni rese nonché previa positiva verifica, da parte dell'amministrazione, della regolarità contributiva nonché della regolarità fiscale, ai sensi dell'anicoto 48 bis del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 6c.2 (introdotto dall'articolo 2, comma 9 del Dècreto 2 ottobre 2006 convenito con modificazioni dalla Legge 24 novembre 2006, n. 286) Articolo 7 Fldeiussione Enîro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente Protocollo, ASE trasmette Fidejussione Bancaria o Polizza assicurativa paîi al20 % del finanziamento concesso dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Direzione Generale per lo svlluppo sostenibile, il clima e l'energia. Detta garanzia deve essere rilasciata in favore dello stesso Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione General per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l'energía e deve avere una durata pari a quella del progetto. La garanzia può essere costituita con una delle seguenti modalità, a scelta del Soggetto proponènte:. medianîe fìdejussione bancaria (rilasciata da lstituti di Credito di cui al Testo Unico Bancario approvato con il D.Lgs 385/93) o assicurativa (rilasciata da impresa di assicurazioni, debitamente autorizzata all'esercizio del ramo cauzioni, ai sensi del D.P.R , rr.449 e successive modificazioni e/o integrazioni),. mediante polizza rilasciata da Società di intermediazione finanziaria iscritte nell'elenco speciale di cui all'articolo 107 del D.Lgs. n.385/93, che svolgono in via escluslva o prevalente attivita di rilascio digaranzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell'economia e delle Finanze. La taranzia deve essere incondizionata e riferirsi esplicitamente al presente Protocollo Attuativo. L'operatività della medesima deve essere garantita enîro 15 giorni solari a semplice richiesta scrítta del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia senza che il garante possa sollevare eccezione alcuna e con l'obbligo di versare la somma richiesta entro il limite dell'importo tarantito. A tal fine la garanzia deve prevedere l'espressa rinuncia al beneficio della preventiva escussaone del debitore princapale di cui all'articolo L944 del codice civile e la rinuncia alle eccezioni dl cui all'articolo 1957 del codice civile. La garanzia deve essere corredata da idonea dichiarazione sostitutiva rilasciata, ai sensi del DPR 445/20co, dai sogbetti firmatari il medesimo titolo ditaranzia ed attestante l'identità, la qualifica ed i poteri conferiti agli stessi. ll mao ato rilascio della garanzia, nei termini e modalità di cui al presente articolo, comporta la revoca del beneficio erariale. 7. La garanzia è svincolata una volta pagato il saldo del finanziamento concesso. Articolo 8 Adempimenti del Benef iciario 1. ASE, in qualità di Soggetto Attuatore Beneficiario del finanziamento di cui al precedente anicolo 4, è tenuto a:

9 realizzare il Progetto nella sua interezza e, comunque, anche nella restante misura percenîuale dell'importo non coperto dal finanziamento concesso dal Minastero; b. realizzare il Progetto entro il termine stabilito nel precedente articolo 3 e, comunque, nel rispetro delle tempistiche previste dal cronopfogramma; c. realizzare il Progetto conformemente agli obiettivi e modalítà rappresentate nel programma di d. e. f. Lavoro qui allegato; assicurare il pieno rispetto delle disposizioni di cui al Regolamento (ce) n. 8oo/2008 delta commissione del 6 agosto 2008, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'unione eurooea L 214 del 09 agosto 2m8, osservandone le relative limitazioni; fornire, su richiesta del Ministero, la documentazione utile ai fini della Relazione annuale redatta ai sensi dell'articolo 11 del Retolamento; prendere atto delle cause di revoca ivi rappresentaîe, impegnandosi, in particolare, a restituire i contributi risultanti non dovuti a seguito di revoca del fina nzia me nto; curare la conservazione di tutti gli elaborati tecnici, della documentazione amministrativa e contabile relativa al ProSétto. Detta archiviazione deve essere accessibile senza limitazioni ai fini di controllo alle persone e agli organismi che hanno diritto di controllarla e deve rimanere archiviata per i cinque anni successivialla conclusione del progetto; comunicare tempestivamente all'amministrazione, via pec (se in possesso di firma digitale) all'indirizzo oppure a mezzo raccomandata A.R., con awiso di ricevimento, all'indirizzo: Ministero dell'ambiente della Tutela del rerritorio è del Mare - Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile il clima e l'energia - via capitan Bavastro, Roma, l'intenzione di rinunciare al finanziamento di cui al precedente articolo t; mantenere la proprieta dell'impianto per un periodo non inferiore a cinque anni a far data dal collaudo dello stesso conservandolo, duranle il suddetto periodo, nelle mibliori condizioni di esercizio/ avendo cura di attuare le necessarle precauzioni per preservarlo da atti vandalici o. comunque, da azioni dirette a causare danni all'impianto stesso, alle persone e alle cose circostanti; impegnarsi a comunicare tempestivamente al Ministero ogni evento che possa determinare il venir meno dei presuppostidi fatto e di diritto per la concessione dell,agevolazione; riportare, in tutte le comunicazioni afferenti il protetto medesimo, il codice unico di progetto (cup) rilasciato dal Ministero dell'ambiente e de a tutela del territorio e del mare - Direzìone Generale per lo sviluppo sostenibile, ilclima e l,enertia. 1. Articolo 9 Modifìche del Progetto e proroghe Eventuali modifiche al Progetto dovranno esseíe preventivamente comunicate al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e I'energia via PEc (se in possesso di firma dibitale) oppure a mezzo raccomandata A.R. con avviso di racevimento, agli indirizzi menzionati nel precedente articolo g. Dette modifiche dovranno essere adeguatamente motivate e integrate da idonea documentazione giustificativa, al fine di dimostrare che non vengano meno iprèsupposti di fatto e di diritto per la concessione dell'agevolazione. 3. Detta comunicazione è esaminata dai competenti Uffici della Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia, che prowede a comunicarne gli esiti. Nel caso in cui, da a [^. documentazione trasmessa emerga che, per la realizzazione det progetto sono previsti costi ammissibili inferiori a quetli sulla cui base è assegnato il cofinanziamento del Ministero, quest,ultimo sarà diminuito in proporzione, nel pieno rispetto dell'articolo 31, comma 3, del Regolamento. L'approvazione dell'istanza di variante non comporta, in nessun caso, l,aumento del contributo grà concesso al Protetto originariamente ammesso a finanziamento, 5. L'eventuale istanza di proroga dovrà essere debitamente sottoscritta e motivata e andra spedrta tempestivamente dal Beneficiario via pec (se in possesso di firma digitale) oppure a mezzo raccomandata A.R. con awiso di ricevimento, agli indirizzi menzionati nel precedente articolo g, La

Allegato 1. 1.Finalità

Allegato 1. 1.Finalità Allegato 1 Bando finalizzato all efficientamento del parco dei generatori di energia elettrica prodotta nei rifugi di montagna rientranti nelle categorie C, D ed E cui al titolo IV della regola tecnica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Bando Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 944 del 29/07/2011 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare BANDO per il finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia

Dettagli

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ -

PON SICUREZZA 2007-2013 - FAQ - PON SICUREZZA 20072013 FAQ 1. Quale è la procedura di presentazione dei progetti aventi valenza territoriale? La procedura di presentazione delle proposte progettuali nell ambito del PON è sempre aperta

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l energia DECRETO PER LA PROMOZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni DOCUMENTO A) Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni Il presente documento disciplina le modalità e le condizioni di accesso ai contributi previsti ai sensi della l.r. n. 1/2010 e s.m.i.

Dettagli

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE Allegato 3B INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 DELLA REGIONE MOLISE DISCIPLINARE DI CONCESSIONE conforme allo

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART.

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE N. 241/90 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI ART. 1 - SCOPI, FINALITA

Dettagli

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSE PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA ( L.R. 7 ottobre 2002,

Dettagli

Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare

Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE, IL CLIMA E L ENERGIA BANDO PUBBLICO PER L ACCESSO AL FINANZIAMENTO, IN REGIME DI DE MINIMIS,

Dettagli

FONDO SPERIMENTALE PER IMPIANTI A BIOMASSA PER LE FAMIGLIE DELLA PROVINCIA DI UDINE FSB3 CRITERI DI DETTAGLIO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

FONDO SPERIMENTALE PER IMPIANTI A BIOMASSA PER LE FAMIGLIE DELLA PROVINCIA DI UDINE FSB3 CRITERI DI DETTAGLIO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI FONDO SPERIMENTALE PER IMPIANTI A BIOMASSA PER LE FAMIGLIE DELLA PROVINCIA DI UDINE FSB3 CRITERI DI DETTAGLIO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 1 Finalità 1. Il presente testo disciplina le procedure

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PROMOZIONE DEGLI INTERVENTI DI UTILIZZO DI FONTI DI ENERGIE RINNOVABILI, CALDAIE ALIMENTATE A BIOMASSA BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI NEL COMUNE DI VICOPISANO Anno 2012 LA RESPONSABILE DEL

Dettagli

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro;

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro; DECRETO 15 MARZO 2001 (Pubblicato sulla G.U. del 9.6. 2001- Serie generale n. 132) Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità

Dettagli

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali,

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali, ALLEGATO A L.R. 26/09 - Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna - Anno

Dettagli

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 Allegato 1) 1. FINALITA E RISORSE FINANZIARIE 1.1. Finalità La Regione Umbria, nell ambito delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere

Dettagli

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del ALLEGATO B L.R. 26/09 Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 6 ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna senza fini di lucro - Anno 2013.

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 2846 Proponente: Politiche energetiche, difesa del suolo e protezione civile Classificazione: 09-06-02 2010/20 del 28/08/2012

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE

BANDO PER LE IMPRESE BANDO PER LE IMPRESE - Interventi a sostegno dell occupazione erogazione di bonus assunzionali - lavoratori/lavoratrici in Cigs della A. Merloni in A.S. 1. FINALITA Con il presente bando, in attuazione

Dettagli

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento recante la definizione di criteri e modalità per la concessione di

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Associazione Nazionale dei Comuni Italiani L'anno 2013, il giorno j/ì del mese di TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri - C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via della Ferratella in Laterano

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/11

ALLEGATOB alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/11 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/11 BANDO PUBBLICO PER INTERVENTI DI EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO - EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

1 Come integrato ai sensi del Decreto Legge del 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n.

1 Come integrato ai sensi del Decreto Legge del 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO IN EURO A TASSO FISSO, AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 1110-1115, DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2007, N. 296 - FONDO ROTATIVO PER IL FINANZIAMENTO DELLE MISURE FINALIZZATE ALL

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario 1. Obiettivi 2 2. Dotazione finanziaria 2 3. Soggetti beneficiari

Dettagli

definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1, della legge 11 agosto

definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1, della legge 11 agosto Prot.uscita Mipaaf N.272 del 13/01/2015 Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico e Il Ministro dell'economia e delle finanze VISTO

Dettagli

Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO

Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE TECNICA E AMMINISTRATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI A VALERE SULLA LEGGE 20 febbraio

Dettagli

per la realizzazione del progetto per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze e delle abilità

per la realizzazione del progetto per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze e delle abilità Allegato 5 (schema di) CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO per la realizzazione del progetto selezionato a mezzo Avviso pubblico del / /, per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze

Dettagli

Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza

Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI E/O SOLARI TERMICI - 2010 Art.1 (Finalità) Il presente bando

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Allegato A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 007-013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

POR FESR SARDEGNA 2007-2013 ASSE III ENERGIA - LINEA DI ATTIVITA 3.1.2.B

POR FESR SARDEGNA 2007-2013 ASSE III ENERGIA - LINEA DI ATTIVITA 3.1.2.B POR FESR SARDEGNA 2007-2013 ASSE III ENERGIA - LINEA DI ATTIVITA 3.1.2.B AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI COMUNI DELLA SARDEGNA A PARTECIPARE AL PROGETTO

Dettagli

BANDO MICROCREDITO F.A.Q.

BANDO MICROCREDITO F.A.Q. BANDO MICROCREDITO Fondo finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati LR 4/2011 art. 7 F.A.Q. INDICE 1. Modalità di

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/13

ALLEGATOA alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/13 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/13 BANDO PUBBLICO PER INTERVENTI DI EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO - RETI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA - Fondo per lo

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

- l'articolo 3, che ha istituito, presso la struttura regionale competente, l'elenco regionale delle Organizzazioni del commercio equo e solidale;

- l'articolo 3, che ha istituito, presso la struttura regionale competente, l'elenco regionale delle Organizzazioni del commercio equo e solidale; Deliberazione Giunta Regionale 5 ottobre 2015 n. 1060 L.R. n. 32/2007 - Approvazione delle modalità e dei criteri per la concessione di contributi a favore del settore del commercio equo e solidale per

Dettagli

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare:

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare: Nota di approfondimento Il Fondo Kyoto Cambia la disciplina del Fondo rotativo Kyoto, istituito dalla Legge Finanziaria 2007 e originariamente regolamentato dal D.M. 25 novembre 2008 e s.m.i. e dalla relativa

Dettagli

Regolamento CAPO I ARTICOLAZIONE DEL PROCEDIMENTO CONTRIBUTIVO. Articolo 1 (Finalità, ambito di applicazione e regime di incentivazione)

Regolamento CAPO I ARTICOLAZIONE DEL PROCEDIMENTO CONTRIBUTIVO. Articolo 1 (Finalità, ambito di applicazione e regime di incentivazione) Regolamento-APPROVATO Regolamento recante requisiti, criteri e modalità in materia di concessione di contributi assegnati dalle Province per sostenere le spese di attività organizzate e svolte nelle fattorie

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provvedimento n. 3836 Proponente: Politiche energetiche e sicurezza del territorio Classificazione: 09-10-05 2009/5 del 23/12/2014 Oggetto: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 1, commi 56 e 57, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014),

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA g~~~~~ + i dlll:l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO L'anno 2014, il giorno.$.3... del mese di~p TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri- C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015 FONDO STABILE PRO RIFUGI (Istituito dall Assemblea dei Delegati di Varese 2006) BANDO 2015 (*) Importo presunto per il 2015: euro _751.000,00 SOMMARIO 1 Finalità 2 Soggetti beneficiari (requisiti soggettivi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE ALLEGATO A POR CReO FESR 2007-2013 LINEA DI INTERVENTO 5.4.a Sostegno per la tutela, la valorizzazione e la promozione delle risorse naturali e culturali ai fini dello sviluppo di un turismo sostenibile

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 23 settembre 2014 (1). Attuazione dell'art. 6, comma 1, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014, n. 9, relativo al contributo tramite

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

Regolamento Regionale

Regolamento Regionale Regolamento Regionale Ulteriori modifiche al Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione della Regione Puglia n. 1 del 19 gennaio 2009 come modificato dall art. 1 del Regolamento Regionale n.

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO

CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO (Schema tipo) CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO Tra Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, rappresentato dal Commissario ad acta per le attività ex Agensud, ing. Roberto IODICE, di seguito

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

1. Le presenti linee guida fanno riferimento ad altri documenti ed in particolare:

1. Le presenti linee guida fanno riferimento ad altri documenti ed in particolare: Linee guida per l erogazione degli incentivi previsti dal Piano Operativo di Dettaglio (P.O.D.) dell Accordo di Programma Incentivi per la promozione dei carburanti per autotrazione a basso impatto ambientale

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI AL SERVIZIO DI IMMOBILI DI PROPRIETA PUBBLICA

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI AL SERVIZIO DI IMMOBILI DI PROPRIETA PUBBLICA Allegato A REGIONE LOMBARDIA BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI AL SERVIZIO DI IMMOBILI DI PROPRIETA PUBBLICA 1 INDICE 1. FINALITA...3 2. RISORSE E MODALITA DI AGEVOLAZIONE...3 3. DESTINATARI...3

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

Prot. n. 106207 Treviso, 06 ottobre 2014

Prot. n. 106207 Treviso, 06 ottobre 2014 Prot. n. 106207 Treviso, 06 ottobre 2014 BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI Approvato con Delibera di Giunta

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto il decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A POR Obiettivo "ICO" FSE 2014-2020 Attività B.2.1.1.A. Avviso pubblico per il sostegno alla domanda di servizi educativi per la prima infanzia (3-36 mesi) buoni servizio - a.e. 2015/2016 Riferimenti

Dettagli

Luogo di emissione. Ancona DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 329/CTC DEL 06/08/2015

Luogo di emissione. Ancona DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 329/CTC DEL 06/08/2015 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 329/CTC DEL 06/08/2015 Oggetto: L.R. n. 8/08, art. 6 DGR.n.569/2015-Programma degli interventi per il sostegno e la promozione

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

ART. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI PRESSO ABITAZIONI PRIVATE NELLA PROVINCIA DI GORIZIA ANNO 2013 ART. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento per la concessione di contributi alle PMI per l'adozione di sistemi di gestione ambientale, della responsabilità sociale, della salute e sicurezza sui luoghi di

Dettagli

INCENTIVAZIONE DEI SOGGETTI PRIVATI RIQUALIFICAZIONE CONDOMÌNI: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E IMPIEGO DI FONTI RINNOVABILI

INCENTIVAZIONE DEI SOGGETTI PRIVATI RIQUALIFICAZIONE CONDOMÌNI: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E IMPIEGO DI FONTI RINNOVABILI ALLEGATO 1 Legge provinciale 4 ottobre 2012, n. 20 legge provinciale sull energia art. 14 bis DISPOSIZIONI APPLICATIVE INCENTIVAZIONE DEI SOGGETTI PRIVATI RIQUALIFICAZIONE CONDOMÌNI: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

Dettagli

Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare

Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE, IL CLIMA E L ENERGIA BANDO PUBBLICO PER L ACCESSO AL FINANZIAMENTO, IN REGIME DI DE MINIMIS,

Dettagli

Dipartimento IV Servizio 3 Tutela Aria ed Energia AVVISO PUBBLICO

Dipartimento IV Servizio 3 Tutela Aria ed Energia AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 NORME PER L ATTUAZIONE DEL PIANO ENERGETICO NAZIONALE IN MATERIA DI USO RAZIONALE DELL ENERGIA, DI RISPARMIO ENERGETICO E DI SVILUPPO DELLE FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Conto Termico: arrivano le regole applicative per accedere agli inventivi

Conto Termico: arrivano le regole applicative per accedere agli inventivi Conto Termico: arrivano le regole applicative per accedere agli inventivi Il D.M. 8 dicembre 01, cosiddetto "Conto Termico" (v. articolo BibLus-net "Conto Energia Termico: arrivano incentivi fino al 40%

Dettagli

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione ALLEGATO 2 BANDO RICERCA, INNOVAZIONE E CRESCITA Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione delle spese sostenute

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 Incentivi all'occupazione ANNO 2014 IL DIRIGENTE

Dettagli

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR 991/2013 ( CRITERI E MODALITA PER UTILIZZO RISORSE DESTINATE ALL EDILIZIA SCOLASTICA - BILANCIO DI PREVISIONE 2013, PROGRAMMA OPERATIVO ANNUALE APPROVATO

Dettagli

Il Ministro dell 'Economia e delle Finanze

Il Ministro dell 'Economia e delle Finanze Il Ministro dell 'Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO l articolo 4, commi 42, 43 e 44, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e successive

Dettagli

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO PROGETTI DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE NELLE AREE DI CRISI E NEI TERRITORI SVANTAGGIATI ALLEGATO A (PFSL) Progetto di Sviluppo Locale dell Area di Crisi di Tossilo (D.G.R. n. 12/15 del 25/03/2010) ACCORDO

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la casa d'abitazione dell'imprenditore? L'energia auto consumata dal

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA Art. 1 SCOPO DELL AVVISO PUBBLICO 1. La Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato

Dettagli

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione Allegato alla Delib.G.R. n. 28/41 del 17.7.2013 Modifica delle direttive in materia di aiuto all avviamento delle organizzazioni dei produttori (OP), delle loro unioni (OC) non ortofrutta e dei consorzi

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO.

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. FOTOCOPIA DEL DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO IN CORSO DI VALIDITA E DEL CODICE FISCALE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE E DEI SOCI DELLA SOCIETA.

Dettagli

Repubblica Italiana REGOLAMENTO

Repubblica Italiana REGOLAMENTO FONDO REGIONALE DI COGARANZIA E CONTROGARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA Legge regionale 7 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4 P.O. FERS 2007-20132013 - Linea di Attività A Obiettivo operativo 6.2.2 Sostenere

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

SCHEMA DI FIDEIUSSIONE

SCHEMA DI FIDEIUSSIONE SCHEMA DI FIDEIUSSIONE Schema di fideiussione bancaria/polizza assicurativa per la richiesta dell'anticipazione dell aiuto concesso a valere su operazioni della Programmazione 2014-2020 ai sensi dell art.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 182 del 25-11-2008

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 182 del 25-11-2008 20530 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 182 del 25-11-2008 REGOLAMENTO REGIONALE 21 novembre 2008, n. 26 Regolamento per aiuti agli investimenti delle PMI nel risparmio energetico, nella cogenerazione

Dettagli