Riduttore MOTOX per convogliatori aerei BA Istruzioni operative 12/2012 MOTOX. Answers for industry.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riduttore MOTOX per convogliatori aerei BA 2515. Istruzioni operative 12/2012 MOTOX. Answers for industry."

Transcript

1 Riduttore MOTOX per convogliatori aerei Istruzioni operative 12/2012 MOTOX Answers for industry.

2

3 Avvertenze generali e di sicurezza 1 2 Descrizione tecnica MOTOX Riduttori dei convogliatori aerei Istruzioni operative Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3 4 Montaggio 5 Messa in servizio 6 Esercizio Anomalie, cause e rimedi 7 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8 9 Smaltimento 10 Dati tecnici 11 Parti di ricambio Dichiarazione d'incorporazione 12 12/2012

4 Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli di rischio. PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche. AVVERTENZA il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte o gravi lesioni fisiche. CAUTELA indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare lesioni fisiche non gravi. ATTENZIONE indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali. Nel caso in cui ci siano più livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello più elevato. Se in un avviso di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, può anche essere contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali. Personale qualificato Il prodotto/sistema oggetto di questa documentazione può essere adoperato solo da personale qualificato per il rispettivo compito assegnato nel rispetto della documentazione relativa al compito, specialmente delle avvertenze di sicurezza e delle precauzioni in essa contenute. Il personale qualificato, in virtù della sua formazione ed esperienza, è in grado di riconoscere i rischi legati all'impiego di questi prodotti/sistemi e di evitare possibili pericoli. Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens Si prega di tener presente quanto segue: AVVERTENZA I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi d impiego previsti nel catalogo e nella rispettiva documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere consigliati oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto, un magazzinaggio, un installazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione appropriati e a regola d arte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere osservate le avvertenze contenute nella rispettiva documentazione. Marchio di prodotto Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto citati in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi può violare i diritti dei proprietari. Esclusione di responsabilità Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti. Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche vengono inserite nelle successive edizioni. Siemens AG Industry Sector Postfach NÜRNBERG GERMANIA P 06/2013 Con riserva di eventuali modifiche tecniche Copyright Siemens AG Tutti i diritti riservati

5 Indice del contenuto 1 Avvertenze generali e di sicurezza Avvertenze generali Diritti di autore Utilizzo conforme alle disposizioni Doveri essenziali Pericoli speciali Descrizione tecnica Descrizione generale Trattamento della superficie Istruzioni generali per il trattamento della superficie Esecuzione verniciata Esecuzione con mano di fondo Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio Entrata della merce Trasporto Istruzioni generali per il trasporto Fissaggio per il trasporto sospeso Magazzinaggio Istruzioni generali per il magazzinaggio Magazzinaggio fino a 36 mesi con conservazione a lungo termine (opzionale) Indicazioni generali per il magazzinaggio fino a 36 mesi Riduttore riempito con olio motore e conservante Riduttore riempito completamente con olio Montaggio Disimballaggio Indicazioni generali per il montaggio Coppie di serraggio per le viti di fissaggio del riduttore Fissaggio in caso di forti carichi impulsivi Riduttori con piedi di fissaggio Azionamenti con piede e flangia Montare sull'albero del riduttore l'elemento di azionamento o l'elemento di trasmissione Messa in servizio Avvertenze generali per la messa in servizio Controllo del livello dell'olio prima della messa in servizio...31 Istruzioni operative, 12/2012 3

6 Indice del contenuto 5.3 Filtro per la ventilazione e lo sfiato dell'aria Esercizio Anomalie, cause e rimedi Manutenzione ordinaria e straordinaria Indicazioni generali di manutenzione Controllo e sostituzione dei lubrificanti Avvertenze di sicurezza generali per controllare e sostituire i lubrificanti Controllare il livello dell'olio Controllo del livello dell'olio con il vetro-spia (opzionale) Controllo del livello dell'olio con l'asta di livello (opzionale) Controllare le condizioni dell'olio Sostituzione dell'olio Avvertenze di sicurezza generali per la sostituzione dell'olio Scarico dell'olio Lavaggio dei riduttori in caso di sostituzione dell'olio con olii non compatibili Öl einfüllen - Titel unterdrücken Rabbocco dell'olio Rilubrificazione del cuscinetto volvente Sostituzione del grasso per i cuscinetti volventi Durata di impiego dei lubrificanti Lubrificante consigliato Sostituire i cuscinetti Controllare la tenuta del riduttore Pulizia del filtro di ventilazione e sfiato dell'aria Pulire il riduttore Controllo della saldezza delle viti di fissaggio Ispezione del riduttore o del motoriduttore Smaltimento Dati tecnici Denominazione del tipo Dati tecnici generali Peso Livello di potenza sonora Forme costruttive Riduttori a vite senza fine elicoidale CHF Riduttori ad assi ortogonali BHF38, BHB Riduttori a vite senza fine elicoidale CHZ48, CHF48, CHF Riduttori ad assi ortogonali KHZ48, KHF48, KHF Quantità olio Parti di ricambio Gestione dei pezzi di ricambio Istruzioni operative, 12/2012

7 Indice del contenuto 11.2 Liste dei pezzi di ricambio Riduttori ad assi ortogonali BHF38, BHB38, KHF48, KHF46, KHZ Riduttori a vite senza fine elicoidale CHF28, CHF48, CHF68, CHZ Dichiarazione d'incorporazione Istruzioni operative, 12/2012 5

8 Indice del contenuto 6 Istruzioni operative, 12/2012

9 Avvertenze generali e di sicurezza Avvertenze generali Nota Siemens AG non risponde dei danni e delle anomalie funzionali risultanti dalla mancata osservanza delle presenti Istruzioni operative. La presenti Istruzioni operative sono fornite insieme al riduttore e devono essere conservate in prossimità dello stesso. Le presenti Istruzioni operative si riferiscono all'esecuzione standard dei riduttori dei convogliatori aerei MOTOX BHF38, BHB38, KHF48, KHF68, KHZ48, CHF28, CHF48, CHF68 e CHZ48. Tabella 1-1 Codici di ordinazione Riduttore MOTOX Struttura delle cifre e lettere che formano il numero di ordinazione Codice Riduttore ad assi ortogonali B e K 2 K J 1 5 Riduttore a vite senza fine elicoidale C 2 K J 1 6 Convogliatore aereo H Flangia F Esecuzione con piede / con flangia B Flangia di centratura Z F B Z G00 Nota Per quanto riguarda le esecuzioni speciali dei riduttori e dei loro dispositivi supplementari, oltre a quanto contenuto nelle presenti Istruzioni operative, valgono anche gli accordi contrattuali speciali e le documentazioni tecniche. Tenere conto di quanto indicato nelle altre Istruzioni operative fornite. Al momento della stampa delle presenti Istruzioni operative, i riduttori qui descritti corrispondono allo stato della tecnica. Per poter sviluppare ulteriormente il prodotto, Siemens AG si riserva il diritto di modificare singole unità e parti accessorie. Tali modifiche sono volte a migliorare le prestazioni e la sicurezza, pur mantenendo inalterate le caratteristiche essenziali. Istruzioni operative, 12/2012 7

10 Avvertenze generali e di sicurezza 1.1 Avvertenze generali Contattare il Technical Support per qualsiasi questione tecnica. Europa - Germania Telefono: +49 (0) Telefax: +49 (0) America - USA Telefono: Asia - Cina Telefono: Sito Internet in tedesco: Sito Internet in inglese: Istruzioni operative valide Tabella 1-2 Istruzioni operative del riduttore MOTOX Titolo BA 2010 BA 2011 BA 2012 BA 2019 BA 2510 Prodotto Riduttore MOTOX Riduttori a vite senza fine MOTOX SC Riduttori a vite senza fine MOTOX S Gruppi di azionamento MOTOX Componenti esterni opzionali MOTOX Riduttori MOTOX per convogliatori aerei Tabella 1-3 Istruzioni operative dei motori Titolo BA 2310 BA 2320 Prodotto Motori trifase, motori monofase in corrente alternata e motori asincroni autofrenati con accessori Motori LA / LG e LAI / LGI 8 Istruzioni operative, 12/2012

11 Avvertenze generali e di sicurezza 1.2 Diritti di autore 1.2 Diritti di autore I diritti di autore delle presenti Istruzioni operative sono di proprietà di Siemens AG. Senza l'autorizzazione di Siemens AG, le Istruzioni operative - nella loro integrità o anche limitatamente a singole parti - non possono essere utilizzate o divulgate a terzi per scopi di concorrenza. 1.3 Utilizzo conforme alle disposizioni I riduttori MOTOX descritti nelle presenti Istruzioni operative sono stati sviluppati per l'impiego come azionamento della trazione nei convogliatori aerei. Se non altrimenti concordato, i riduttori sono previsti per l'impiego in macchine e impianti del settore industriale. I riduttori sono stati costruiti secondo il più recente stato della tecnica e vengono forniti in condizioni di esercizio sicuro. Qualsiasi modifica non autorizzata può pregiudicare la sicurezza d'esercizio e pertanto non è consentita. Nota Tutti i dati si riferiscono ad una temperatura ambiente da -20 C a +40 C e un'altitudine di installazione fino a m s.l.m. In caso di temperature ambiente e altitudini di installazione diverse, contattare il Technical Support. I riduttori sono progettati per il campo di impiego descritto nel capitolo Dati tecnici (Pagina 59). Essi non possono essere fatti funzionare al di fuori dei limiti di potenza predefiniti. Nel caso di condizioni d'esercizio non previste nei dati tecnici è necessario stipulare nuovi accordi contrattuali. Non salire con i piedi sul riduttore e non appoggiarvi sopra altri oggetti. Istruzioni operative, 12/2012 9

12 Avvertenze generali e di sicurezza 1.4 Doveri essenziali 1.4 Doveri essenziali Il gestore deve fare in modo che tutte le persone che devono lavorare con il riduttore leggano, comprendano e rispettino queste Istruzioni operative, allo scopo di: Evitare che possano insorgere pericoli per l'incolumità e la vita dell'operatore e di altre persone. Assicurare la sicurezza funzionale del riduttore. impedire che si verifichino guasti o danni per l'ambiente in seguito a manovre errate. Attenersi alle seguenti avvertenze di sicurezza: Qualsiasi intervento sul motoriduttore deve essere eseguito solo a motore fermo e in assenza di tensione. Proteggere il gruppo di azionamento bloccando ad es. l'interruttore a chiave per impedire una riaccensione accidentale. Applicare un cartello vicino al comando di accensione per segnalare che sono in corso lavori sul motoriduttore. Tutti gli interventi devono essere eseguiti con la massima cura, tenendo conto dell'aspetto "sicurezza". Rispettare per tutti i lavori le prescrizioni vigenti di sicurezza sul lavoro e di tutela dell'ambiente. Rispettare le avvertenze presenti sulle targhette dei dati tecnici del motoriduttore. Le targhette devono essere pulite e prive di tracce di vernice. Sostituire le targhette mancanti. In caso di modifiche durante il funzionamento è necessario disattivare immediatamente il gruppo di azionamento. Per mezzo di dispositivi di protezione idonei, impedire che si possa venire a contatto con gli elementi rotanti degli azionamenti, ad es. giunti, ruote dentate o trasmissioni a cinghia. Proteggere adeguatamente contro i contatti accidentali le parti della macchina o dell'impianto che in esercizio possono superare una temperatura di +70 C. Custodire al sicuro le chiavi e altri sistemi di blocco e di protezione. Prima della messa in servizio, rimontare i dispositivi di blocco rimossi. Raccogliere e smaltire l'olio usato in modo conforme alle prescrizioni. Rimuovere subito per mezzo di una sostanza legante l'olio fuoriuscito dall'impianto per evitare un possibile inquinamento. 10 Istruzioni operative, 12/2012

13 Avvertenze generali e di sicurezza 1.4 Doveri essenziali Non eseguire saldature sul riduttore. Non utilizzare il riduttore come punto di massa per lavori di saldatura. Fare eseguire da elettrotecnici specializzati la compensazione di potenziale in base alle norme e direttive vigenti. Non pulire il riduttore con getti ad alta pressione o con attrezzi appuntiti. Rispettare le coppie di serraggio ammesse delle viti di fissaggio. Sostituire le viti divenute inutilizzabili con altre di identica fattura e classe di resistenza. La garanzia di Siemens AG copre unicamente i ricambi originali. Il costruttore che integra i motoriduttori in un impianto è tenuto ad inserire nelle sue Istruzioni operative anche le indicazioni contenute in queste Istruzioni operative. Istruzioni operative, 12/

14 Avvertenze generali e di sicurezza 1.5 Pericoli speciali 1.5 Pericoli speciali AVVERTENZA Temperature superficiali estreme Con temperature superficiali superiori a +55 C sussiste il rischio di ustione. Con temperature superficiali inferiori a 0 C sussiste il pericolo di danni dovuti al gelo. Non toccare un riduttore o un motoriduttore senza le adeguate protezioni. AVVERTENZA Fuoriuscita di olio surriscaldato Prima di eseguire qualsiasi attività, attendere che l'olio si sia raffreddato ed abbia raggiunto una temperatura inferiore a +30 C. AVVERTENZA Vapori tossici nelle lavorazioni con solventi Quando si lavora con solventi, non inspirare i vapori. Assicurarsi che vi sia una ventilazione sufficiente. AVVERTENZA Pericolo di esplosione nelle lavorazioni con solventi Assicurarsi che vi sia una ventilazione sufficiente. Non fumare. AVVERTENZA Pericolo di lesioni oculari Particelle di materiali estranei come sabbia o polveri possono essere proiettate all'indietro dalle parti rotanti. Indossare occhiali protettivi. Oltre all'equipaggiamento protettivo prescritto, indossare guanti e occhiali protettivi adeguati. 12 Istruzioni operative, 12/2012

15 Descrizione tecnica Descrizione generale Il riduttore viene fornito come riduttore a vite senza fine elicoidale CH., riduttore ad assi ortogonali BH. a 2 stadi o riduttore ad assi ortogonali KH. a 3 stadi. È dotato di un giunto ad innesto meccanico. Il riduttore è adatto all'impiego come riduttore dei convogliatori aerei secondo la direttiva VDI I tipi di riduttore CHF28 e BH.38 sono conformi alla direttiva VDI Il loro campo d'impiego nell'industria è quello del trasporto merci al coperto. L'impiego all'aperto è possibile previo accordo contrattuale. Il riduttore può essere installato in diverse posizioni. Verificare che il livello dell'olio sia corretto. Scatola La scatola del riduttore è realizzata in ghisa grigia. Pezzi dentati I pezzi dentati sono temprati. Nei riduttori a vite senza fine elicoidale, la vite elicoidale senza fine è temprata e rettificata, mentre la ruota è realizzata in lega pregiata di bronzo. I denti della ruota dentata del riduttore ad assi ortogonali sono lappati a coppie. Lubrificazione Gli elementi della dentatura vengono sufficientemente riforniti di sostanza lubrificante per mezzo di un sistema di lubrificazione a sbattimento. Cuscinetti degli alberi Tutti gli alberi sono alloggiati in cuscinetti volventi. La lubrificazione dei cuscinetti volventi avviene tramite lubrificazione a sbattimento o lubrificazione a getto d'olio. I cuscinetti che durante questa procedura non vengono riforniti di grasso, sono chiusi ed ingrassati. Guarnizioni degli alberi L'anello di tenuta radiale dell'albero, l'anello di tenuta combinato, le guarnizioni a labirinto e ad anello scorrevole situate nell'area di rotazione degli alberi impediscono la fuoriuscita di sostanza lubrificante dalla scatola e la penetrazione di impurità all'interno della stessa. Istruzioni operative, 12/

16 Descrizione tecnica 2.1 Descrizione generale Raffreddamento ATTENZIONE I depositi di polvere pregiudicano la dissipazione del calore e surriscaldano la scatola del riduttore Normalmente i riduttori non necessitano di un raffreddamento supplementare. L'estesa superficie della scatola è sufficiente per dissipare le perdite di calore in condizioni di convezione naturale. Se la temperatura della scatola supera il valore di +80 C, rivolgersi al Technical Support. Giunto elastico ATTENZIONE Un giunto con velocità periferica sul diametro esterno fino a 30 m/s deve essere equilibrato staticamente Un giunto con velocità periferica sul diametro esterno superiore a 30 m/s richiede un'equilibratura dinamica. Per l'ingresso e l'uscita del riduttore è previsto di norma un giunto elastico. L'impiego di un giunto rigido o di un altro elemento di ingresso o uscita che genera anche forze radiali e / o assiali (come ruote dentate, pulegge) deve essere previsto nel contratto. Attenersi alle Istruzioni operative specifiche dei giunti. Giunto ad innesto meccanico per convogliatori aerei Azionando la leva si interrompe il flusso di forza nell'innesto a denti frontali ad accoppiamento geometrico sull'albero di uscita. L'albero di uscita può quindi girare liberamente, mentre il motore si ferma o gira a vuoto. Targhetta dei dati tecnici La targhetta dei dati tecnici dei riduttori o dei motoriduttori è realizzata in lamiera di alluminio verniciata. Su di essa viene applicata una speciale pellicola di copertura che garantisce la resistenza permanente della targhetta ai raggi ultravioletti e a molte sostanze di diversa natura (olii, grassi, acqua marina, detergenti, ecc.). La sostanza adesiva e il materiale di cui è costituita garantiscono un'adesione estremamente stabile ed una leggibilità permanentemente buona in un campo di temperatura d'impiego compreso tra -40 C e +155 C. I bordi della targhetta dei dati tecnici sono verniciati con la stessa vernice. In casi speciali vengono utilizzate targhette metalliche chiodate o avvitate. 14 Istruzioni operative, 12/2012

17 Descrizione tecnica 2.2 Trattamento della superficie 2.2 Trattamento della superficie Istruzioni generali per il trattamento della superficie Tutte le vernici sono applicate per mezzo della verniciatura a spruzzo. ATTENZIONE Mancato funzionamento della protezione esterna Qualsiasi danno alla verniciatura provoca la corrosione e compromette l'efficacia della protezione esterna. Non danneggiare lo strato di vernice. Nota Le indicazioni relative alla possibilità di applicare un ulteriore strato di vernice su quello esistente non rappresentano in alcun modo una garanzia della qualità della vernice consegnata dal vostro fornitore. Per la qualità e la compatibilità della vernice è responsabile esclusivamente il produttore della stessa Esecuzione verniciata Il sistema di protezione dalla corrosione è realizzato in conformità ai requisiti per le categorie di corrosività specificati nella norma DIN EN ISO Tabella 2-1 Verniciatura secondo le categorie di corrosività Sistema di verniciatura Descrizione Verniciatura per la categoria di corrosività C1 per un livello normale di inquinamento dell'ambiente Vernice di fondo resistente all'acqua Installazione in ambienti chiusi Vernice ad acqua monocomponente Edifici con riscaldamento con atmosfera neutra Resistenza contro i grassi e limitatamente contro olii minerali e solventi alifatici Verniciatura standard Istruzioni operative, 12/

18 Descrizione tecnica 2.2 Trattamento della superficie Sistema di verniciatura Descrizione Verniciatura per la categoria di corrosività C2 per un livello ridotto di inquinamento dell'ambiente Vernice di fondo resistente all'acqua Installazione in ambienti chiusi e all'aperto Vernice di rifinitura bicomponente poliuretanica Edifici senza riscaldamento con condensa, ambienti di produzione con umidità ridotta, come magazzini e palestre Atmosfere con presenza ridotta di impurità, principalmente ambienti rurali Resistenza contro grassi, olii minerali, acido solforico (10 %), soda caustica (10 %) e in modo limitato contro i solventi alifatici Verniciatura per la categoria di corrosività C3 per un livello medio di inquinamento dell'ambiente Vernice di fondo resistente all'acqua Vernice di fondo bicomponente poliuretanica Vernice di rifinitura bicomponente poliuretanica Installazione in ambienti chiusi e all'aperto Ambienti di produzione con umidità elevata e presenza di impurità, ad esempio impianti di produzione di generi alimentari, caseifici, birrifici e impianti di lavaggio Atmosfera urbana e industriale, livello moderato di impurità dovute alla presenza di anidride solforosa, zone costiere a salinità moderata Resistenza contro grassi, olii minerali, solventi alifatici, acido solforico (10 %), soda caustica (10 %) Verniciatura per la categoria di corrosività C4 per un livello elevato di inquinamento dell'ambiente Vernice di fondo resistente all'acqua Vernice epossidica bicomponente al fosfato di zinco Vernice di rifinitura bicomponente poliuretanica Installazione in ambienti chiusi e all'aperto Impianti chimici, piscine, impianti di depurazione, galvanica e di verniciatura imbarcazioni per acqua di mare Ambienti industriali e zone costiere a salinità moderata Resistenza contro grassi, olii minerali, solventi alifatici, acido solforico (10 %), soda caustica (10 %) 16 Istruzioni operative, 12/2012

19 Descrizione tecnica 2.2 Trattamento della superficie Sistema di verniciatura Descrizione Verniciatura per la categoria di corrosività C5 per un livello molto elevato di inquinamento dell'ambiente Vernice di fondo resistente all'acqua Installazione in ambienti chiusi e all'aperto Vernice epossidica bicomponente al fosfato di Edifici ed ambienti con condensa quasi zinco costante ed elevata presenza di impurità, ad Laccatura epossidica bicomponente micalizzata esempio malterie e ambienti asettici Vernice di rifinitura bicomponente poliuretanica Ambienti industriali ad alta umidità e atmosfera aggressiva, zone costiere e offshore con salinità elevata Resistenza contro grassi, olii minerali, solventi alifatici, acido solforico (10 %), soda caustica (10 %) Per la categoria di corrosività C1, riverniciabile dopo la lucidatura con una vernice monocomponente ad acqua. Per la categoria di corrosività da C2 a C5 riverniciabile dopo la lucidatura con vernice epossidica bicomponente e vernice acrilica bicomponente Esecuzione con mano di fondo Tabella 2-2 Verniciature di fondo secondo le categorie di corrosività Sistema di verniciatura Non verniciato (categoria di corrosività C1 G) parti in ghisa grigia con vernice di fondo, parti in acciaio con vernice di fondo o zincate, parti in alluminio e plastica non trattate Riverniciabile con Vernice sintetica, vernice in resina artificiale, vernice ad olio Verniciatura bicomponente poliuretanica Verniciatura bicomponente epossidica Vernice di fondo secondo la categoria di corrosività C2 G Vernice di fondo metallica bicomponente, spessore standard dello strato 60 μm Vernice bicomponente poliuretanica Vernice bicomponente epossidica, a indurimento con acidi Vernice bicomponente acrilica Vernice di fondo secondo la categoria di corrosività C4 G Vernice epossidica al fosfato di zinco bicomponente, spessore standard dello strato 120 μm Vernice bicomponente poliuretanica Vernice bicomponente epossidica, a indurimento con acidi Vernice bicomponente acrilica Istruzioni operative, 12/

20 Descrizione tecnica 2.2 Trattamento della superficie Nell'esecuzione con applicazione della mano di fondo e in quella non verniciata del riduttore o del motoriduttore, la targhetta dei dati tecnici ed il foglio di copertura sono dotati di una pellicola protettiva per la verniciatura. Questo consente di eseguire la riverniciatura senza dover svolgere attività preparatorie, ad es. scollatura. Rimuovere il foglio protettivo per la verniciatura La vernice deve essersi indurita prima di togliere il foglio protettivo per la verniciatura (deve essere almeno "solida al tatto") Logo aziendale Foglio di copertura Targhetta dei dati tecnici Foglio protettivo per la verniciatura Linguetta di rimozione Figura 2-1 Targhetta dei dati tecnici con foglio protettivo per la verniciatura Procedura 1. Sollevare la linguetta di rimozione Rimuovere con cautela il foglio protettivo 4 per la verniciatura nella direzione della freccia, diagonalmente e partendo da un angolo (non parallelamente alla targhetta). 3. Asportare tramite getto d'aria i residui di colore oppure rimuoverli utilizzando un panno pulito. Il foglio protettivo per la verniciatura è stato rimosso. 18 Istruzioni operative, 12/2012

21 Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio Entrata della merce ATTENZIONE I danni dovuti al trasporto pregiudicano la funzionalità del riduttore Non mettere in servizio riduttori o motoriduttori danneggiati. Nota Non aprire né danneggiare le parti dell'imballaggio previste per la conservazione. Nota Verificare che l'esecuzione tecnica corrisponda a quella ordinata. Subito dopo la consegna della merce, verificare la completezza della fornitura ed eventuali danni dovuti al trasporto. Segnalare immediatamente alla ditta di spedizioni tutti i danni dovuti al trasporto, poiché in caso contrario non è possibile provvedere alla riparazione gratuita dei danni. Siemens AG non fornisce alcuna garanzia per danni non denunciati subito. Il riduttore o il motoriduttore vengono forniti già montati. Gli equipaggiamenti supplementari vengono a volte forniti in confezioni separate. Il contenuto della fornitura è indicato nei documenti di spedizione. Istruzioni operative, 12/

22 Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3.2 Trasporto 3.2 Trasporto Istruzioni generali per il trasporto ATTENZIONE Gli urti e i colpi violenti danneggiano i riduttori e i motoriduttori Trasportare con cautela i riduttori e i motoriduttori ed evitare gli urti. Solo prima della messa in servizio, rimuovere e conservare oppure disattivare i blocchi di sicurezza per il trasporto presenti. In occasione di ulteriori trasporti riutilizzare o riattivare i dispositivi di cui sopra. A seconda del percorso di trasporto e delle dimensioni, i riduttori e i motoriduttori vengono imballati in confezioni diverse. Se non diversamente previsto dal contratto, per il trasporto marittimo la confezione corrisponde alle direttive sull'imballaggio dell'hpe (Unione federale per imballaggi in legno, pallet e confezioni per l'esportazione). Tenere conto dei simboli presenti sulla confezione. Essi hanno il seguente significato: In alto Baricentro Merce fragile Vietato l'impiego di ganci Proteggere dall'umidità Applicare qui Proteggere dal calore 20 Istruzioni operative, 12/2012

23 Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3.2 Trasporto Fissaggio per il trasporto sospeso AVVERTENZA Riduttori o motoriduttori fissati in modo inadeguato Rispettare il carico massimo previsto per i golfari 3 del riduttore ad assi ortogonali o dell'asse delle viti ad anello 4. Per il trasporto dei riduttori o dei motoriduttori utilizzare solo i golfari 3 o le viti ad anello 4 del riduttore. Non utilizzare per il trasporto gli occhielli saldati sul motore 1 poiché sussiste il rischio di rottura. Utilizzare le viti ad anello 2 presenti sul motore solo per il trasporto del motore non ancora montato o smontato. Se necessario, per il trasporto o l'installazione utilizzare idonei mezzi di trasporto supplementari. In caso di imbragatura con più catene o funi, anche solo due tratti di fune o catena devono essere in grado di sopportare il carico complessivo. Fissare i mezzi di trasporto in modo che non possano spostarsi. ATTENZIONE Non utilizzare la filettatura frontale situata nelle estremità dell'albero per alloggiare le viti ad anello impiegate per il trasporto Golfari sul riduttore ad assi ortogonali Vite ad anello sul riduttore a vite senza fine elicoidale Occhielli saldati sul motore Vite ad anello sul motore Golfari sul riduttore ad assi ortogonali Vite ad anello sul riduttore a vite senza fine elicoidale Figura 3-1 Fissaggio del riduttore o del motoriduttore per il trasporto sospeso Istruzioni operative, 12/

24 Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3.3 Magazzinaggio Il carico massimo m in kg dal motoriduttore da trasportare sospeso per un tiro in direzione F è riportato nelle seguenti tabelle: Tabella 3-1 Carico massimo dei golfari sul riduttore ad assi ortogonali Grandezza m d2 Grandezza m d2 costruttiva [kg] [mm] costruttiva [kg] [mm] KH KH Tabella 3-2 Carico massimo dell'asse delle viti ad anello sul riduttore a vite senza fine elicoidale CH68 Dimensioni del filetto m [kg] [mm] M d2 Procedura 1. Sollevare il motoriduttore in corrispondenza del dispositivo per il trasporto con il peso di aggancio massimo ammesso. Questo si trova normalmente sul riduttore principale. 2. Controllare che la sede della vite ad anello sia stabile. Il motoriduttore è a questo punto agganciato per il trasporto. 3.3 Magazzinaggio Istruzioni generali per il magazzinaggio AVVERTENZA Pericolo di lesioni gravi per la caduta di oggetti Pericolo di danneggiare il riduttore per impilamento Non impilare i riduttori o i motoriduttori l'uno sopra l'altro. ATTENZIONE Mancato funzionamento della protezione esterna I danni di natura meccanica, chimica oppure termica (come graffi, acidi, soluzioni alcaline, scintille, perle di saldatura, calore) hanno effetti corrosivi. Non danneggiare lo strato di vernice. 22 Istruzioni operative, 12/2012

25 Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3.3 Magazzinaggio Se non diversamente previsto dal contratto, il periodo di garanzia per la conservazione standard è di 6 mesi e decorre dal giorno della fornitura. In caso di magazzinaggio provvisorio superiore a 6 mesi è necessario adottare misure speciali per la conservazione. Rivolgersi all'assistenza tecnica. Conservare il riduttore o il motoriduttore in un ambiente asciutto, privo di polvere e a temperatura stabile controllata. Nel luogo di magazzinaggio non devono verificarsi oscillazioni e vibrazioni. Le estremità dell'albero libere, gli elementi di tenuta e le superfici flangiate devono essere protette con uno strato di protezione Magazzinaggio fino a 36 mesi con conservazione a lungo termine (opzionale) Indicazioni generali per il magazzinaggio fino a 36 mesi Conservare il riduttore o il motoriduttore in un ambiente asciutto, privo di polvere e a temperatura stabile controllata. In questo caso non è necessario predisporre imballaggi speciali. In assenza di un ambiente idoneo, imballare il riduttore o il motoriduttore con un film plastico o avvolgerlo ermeticamente con altri involucri e materiali sigillati. Le pellicole e i materiali di imballaggio devono poter assorbire l'umidità. Prevedere una copertura di protezione contro il calore, l'irraggiamento solare diretto e la pioggia. La temperatura ambiente ammessa va da -25 C a +50 C. La durata della protezione anticorrosione è di 36 mesi dalla consegna Riduttore riempito con olio motore e conservante ATTENZIONE Danneggiamento del riduttore a causa di quantità di olio errate Prima della messa in servizio controllare il livello dell'olio. Rispettare le avvertenze e la procedura descritte nel capitolo Controllare il livello dell'olio (Pagina 42). Il riduttore è riempito con olio motore conformemente alla posizione di montaggio e chiuso ermeticamente con un tappo di chiusura o con un dispositivo di sfiato della pressione con blocco di sicurezza per il trasporto. Per il magazzinaggio fino a 36 mesi viene aggiunto un anticorrosivo VCI (Volatile Corrosion Inhibitor). Istruzioni operative, 12/

26 Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3.3 Magazzinaggio Riduttore riempito completamente con olio ATTENZIONE Danneggiamento del riduttore a causa di quantità di olio errate Prima della messa in servizio, far fuoriuscire l'olio in eccesso fino a raggiungere il livello corretto. Rispettare le avvertenze e la procedura descritte nel capitolo Controllare il livello dell'olio (Pagina 42). Se si utilizzano olii biodegradabili o alimentari, il riduttore viene riempito completamente con olio per motori. Il riduttore è chiuso ermeticamente con un tappo o un dispositivo di sfiato della pressione con blocco di sicurezza per il trasporto. Per una messa in servizio breve non è necessario abbassare il livello dell'olio per 10 minuti in funzionamento a vuoto. 24 Istruzioni operative, 12/2012

27 Montaggio Disimballaggio ATTENZIONE I danni dovuti al trasporto pregiudicano la funzionalità del riduttore Non mettere in servizio riduttori o motoriduttori danneggiati. Verificare che il riduttore o il motoriduttore sia completo e non danneggiato. Segnalare immediatamente eventuali parti mancanti o danneggiamenti. Rimuovere e smaltire il materiale d'imballaggio e le attrezzature per il trasporto conformemente alle norme. 4.2 Indicazioni generali per il montaggio AVVERTENZA Avviamento o decelerazione incontrollati dell'impianto sotto carico Onde evitare pericoli durante i lavori, l'intero impianto non deve essere sotto carico. ATTENZIONE Distruzione di elementi della dentatura e del cuscinetto causata da saldatura Non eseguire alcuna attività di saldatura sul motoriduttore. Non utilizzare il motoriduttore come punto di massa per lavori di saldatura. ATTENZIONE Surriscaldamento del motoriduttore causato da forte irraggiamento solare Prevedere l'impiego di adeguate protezioni, come coperture o tettoie. Evitare l'accumulo di calore stagnante. Istruzioni operative, 12/

28 Montaggio 4.2 Indicazioni generali per il montaggio ATTENZIONE Guasti funzionali dovuti a corpi estranei Il gestore deve garantire che nessun corpo estraneo comprometta il funzionamento del motoriduttore. ATTENZIONE Superamento della temperatura ammessa della coppa dell'olio dovuto a un errore di impostazione della sorveglianza di temperatura Quando viene raggiunta la temperatura max. della coppa dell'olio, deve essere emesso un avviso. Quando viene superata la temperatura max. della coppa dell'olio, il motoriduttore deve essere disinserito. Questa disinserzione può provocare l'arresto dell'impianto. Nota Per fissare il motoriduttore, utilizzare viti senza testa della classe di resistenza 8.8 o superiore. Eseguire il montaggio con la massima accuratezza. I danni causati da un'esecuzione inappropriata del montaggio comportano l'esclusione della responsabilità. Assicurarsi che intorno al motoriduttore vi sia uno spazio sufficiente per poter eseguire le attività di montaggio, di manutenzione e di riparazione. Per i riduttori con ventilatore, lasciare uno spazio libero sufficiente per l'ingresso dell'aria. Rispettare le condizioni di installazione per il motoriduttore. Predisporre un numero sufficiente di dispositivi di sollevamento prima di iniziare i lavori di montaggio. Rispettare la forma costruttiva indicata sulla targhetta dei dati tecnici. In questo modo si può garantire la disponibilità della quantità corretta di lubrificante. Utilizzare tutte le possibilità di fissaggio che sono previste per la rispettiva forma costruttiva. In alcuni casi, per mancanza di spazio, non si possono utilizzare viti con testa. Rivolgersi in questi casi al Technical Support specificando il tipo di riduttore. 26 Istruzioni operative, 12/2012

29 Montaggio 4.3 Coppie di serraggio per le viti di fissaggio del riduttore 4.3 Coppie di serraggio per le viti di fissaggio del riduttore La tolleranza generica per la coppia di serraggio in Nm è del 10 %. Il coefficiente di attrito è pari a 0,14 μ. Tabella 4-1 Coppia di serraggio per le viti di fissaggio Dimensioni del filetto Coppia di serraggio per classe di resistenza [Nm] [Nm] [Nm] M M M M M M M M M M M Fissaggio in caso di forti carichi impulsivi In caso di forti carichi impulsivi, prevedere l'impiego di elementi di collegamento ad accoppiamento geometrico supplementari idonei come, ad esempio, spine ad intagli cilindriche o spine elastiche. ATTENZIONE Non utilizzare mai rondelle elastiche, rosette di sicurezza dentate a ventaglio, rosette elastiche, pulegge dentate, molle a tazza o molle Belleville per sostituire i suddetti elementi di collegamento ad accoppiamento geometrico Non serrare eccessivamente la scatola del riduttore durante l'avvitamento delle viti di fissaggio. Istruzioni operative, 12/

30 Montaggio 4.5 Riduttori con piedi di fissaggio 4.5 Riduttori con piedi di fissaggio ATTENZIONE Non serrare eccessivamente le viti di fissaggio del riduttore Il basamento deve essere piano e non deve presentare impurità e sporcizia. Lo scostamento di planarità della superficie d'appoggio del riduttore non può superare i seguenti valori: per i riduttori fino alla grandezza costruttiva 88: 0,1 mm per i riduttori dalla grandezza costruttiva 108: 0,2 mm Realizzare il basamento in modo che non possano prodursi risonanze e non possano essere trasmesse vibrazioni provenienti dalle fondazioni vicine. Il basamento su cui viene montato il riduttore deve essere resistente alla torsione. Deve essere inoltre progettato in funzione del peso e della coppia, tenendo conto delle forze che agiscono sul riduttore. Una struttura di base non sufficientemente rigida provoca un disassamento radiale o assiale non misurabile a motore fermo. Per il fissaggio del riduttore su di un basamento in calcestruzzo, prevedere l'esistenza di corrispondenti aperture nel basamento utilizzando ceppi per fondazione. Gettare le guide di fissaggio in modo che siano allineate con il basamento in calcestruzzo. Allineare con cura il riduttore rispetto ai gruppi situati sul lato di azionamento e di uscita. Tenere conto delle deformazioni elastiche generate dalle forze che intervengono durante il funzionamento. Impedire che possa verificarsi uno slittamento a causa di forze esterne, ad esempio urti laterali. Per il fissaggio al suolo utilizzare viti prigioniere o viti senza testa con gambo parzialmente filettato della classe di resistenza 8.8 o superiore. Rispettare la coppia di serraggio. 4.6 Azionamenti con piede e flangia ATTENZIONE Non serrare eccessivamente la scatola del riduttore con gli elementi applicati esternamente sul piede o sulla flangia Gli elementi applicati esternamente non devono trasferire forze, momenti di coppia oppure oscillazioni al riduttore. Per evitare tensioni eccessive sulla scatola del riduttore, il fissaggio del riduttore per la trasmissione della forza e della coppia deve avvenire solo sulla flangia o sui piedi; vedere Riduttori con piedi di fissaggio (Pagina 28). La seconda possibilità di fissaggio tramite piede o flangia è prevista normalmente per gli elementi applicati esternamente, ad es. per la copertura protettiva con peso proprio massimo corrispondente al 30 % del peso dell'azionamento. 28 Istruzioni operative, 12/2012

31 Montaggio 4.7 Montare sull'albero del riduttore l'elemento di azionamento o l'elemento di trasmissione. 4.7 Montare sull'albero del riduttore l'elemento di azionamento o l'elemento di trasmissione. AVVERTENZA Pericolo di ustioni dovute a parti surriscaldate Indossare indumenti protettivi prima di toccare il riduttore ATTENZIONE Danneggiamento degli anelli di tenuta dell'albero causato da solventi o benzina solvente Evitare assolutamente il contatto. ATTENZIONE Danni agli anelli di tenuta dell'albero in caso di temperatura superiore a 100 C Schermare gli anelli di tenuta dell'albero per evitare che si riscaldino per effetto del calore irradiato. ATTENZIONE Gli errori di allineamento dovuti a sfasamento angolare o assiale eccessivo delle estremità d'albero da accoppiare provocano un'usura prematura o danni materiali Accertarsi di allineare con precisione i singoli componenti. ATTENZIONE Danni ai cuscinetti, alla scatola, all'albero ed agli anelli di fissaggio dovuti a manipolazione impropria Non inserire sull'albero gli elementi di azionamento e di trasmissione esercitando colpi o urti. Nota Sbavare i fori e le scanalature degli elementi da montare. Valore consigliato: 0,2 x 45 Per i giunti che vengono montati quando sono caldi, tenere conto di quanto indicato nelle Istruzioni operative del rispettivo giunto. Se non diversamente prescritto, il riscaldamento può avvenire in modo induttivo, con cannello o in forno. Utilizzare i fori di centraggio sulle estremità d'albero. Istruzioni operative, 12/

32 Montaggio 4.7 Montare sull'albero del riduttore l'elemento di azionamento o l'elemento di trasmissione. Montare l'elemento di azionamento e l'elemento di trasmissione con un dispositivo di montaggio. Figura 4-1 Esempio di un dispositivo di montaggio Rispettare la corretta disposizione di montaggio per ridurre al minimo il carico sull'albero e sul cuscinetto dovuto a forze trasversali. Corretto Errato a F Mozzo Forza Figura 4-2 Disposizione di montaggio per ridurre al minimo il carico sull'albero e sul cuscinetto Procedura 1. Rimuovere lo strato di vernice anticorrosione sulle estremità dell'albero e le flange utilizzando della benzina solvente o un solvente e rimuovere la pellicola protettiva esistente. 2. Montare l'elemento di azionamento e l'elemento di trasmissione sugli alberi ed eventualmente fissarli. Il montaggio dell'elemento di azionamento e dell'elemento di trasmissione è terminato. 30 Istruzioni operative, 12/2012

33 Messa in servizio Avvertenze generali per la messa in servizio AVVERTENZA Pericolo di lesioni gravi in seguito all'avviamento accidentale del gruppo di azionamento Proteggere il gruppo di azionamento contro la messa in servizio involontaria. Apporre un cartello nel punto di inserzione. AVVERTENZA Lo smaltimento dell'olio usato eseguito in modo non appropriato costituisce un pericolo per l'ambiente e per la salute Nel caso di perdite di olio, eliminarle subito con l'apposito legante. ATTENZIONE Se nel gruppo di azionamento vi sono cuscinetti a rulli cilindrici, un superamento in negativo della forza radiale minima può danneggiarli I cicli di prova a vuoto possono essere solo molto brevi. 5.2 Controllo del livello dell'olio prima della messa in servizio Prima della messa in servizio controllare il livello dell'olio e, se necessario, apportare le dovute correzioni, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41). I riduttori destinati ad un immagazzinaggio a lungo termine vengono consegnati completamente riempiti di olio. Per periodi di magazzinaggio superiori a 24 mesi si consiglia un cambio dell'olio completo; vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41). Istruzioni operative, 12/

34 Messa in servizio 5.3 Filtro per la ventilazione e lo sfiato dell'aria 5.3 Filtro per la ventilazione e lo sfiato dell'aria Filtro di ventilazione e di sfiato dell'aria linguetta di sicurezza Nel caso di riduttori con sfiato dell'aria nella scatola, il filtro di ventilazione e di sfiato dell'aria o la valvola di sfiato necessari vengono forniti non montati e senza linguetta di protezione. Prima della messa in servizio del riduttore, sostituire quest'ultima con la vite di sfiato. Osservare il simbolo nelle figure della forma costruttiva, vedere Forme costruttive (Pagina 63): Sfiato Procedura 1. Estrarre la vite di sfiato. 2. Richiudere il riduttore con il filtro di ventilazione e di sfiato dell'aria o con la valvola di sfiato senza linguetta di sicurezza. Il filtro di ventilazione e di sfiato dell'aria o la valvola di sfiato senza linguetta di sicurezza sono stati sostituiti con la vite di sfiato. Valvola di sfiato con linguetta di sicurezza Nei riduttori per i quali è necessario uno sfiato dell'aria nella scatola, la valvola di sfiato con linguetta di sicurezza 1 è già montata. Figura 5-1 Valvola di sfiato con linguetta di sicurezza Rimuovere il blocco di sicurezza per il trasporto tirando la linguetta di sicurezza 1 nella direzione indicata dalla freccia. 32 Istruzioni operative, 12/2012

35 Esercizio 6 CAUTELA I guasti possono provocare danni al riduttore o alle persone In caso di variazioni durante l'esercizio, disattivare immediatamente il gruppo di azionamento. Individuare la causa dell'anomalia sulla base della tabella dei guasti nel capitolo "Anomalie, cause e rimedi". Riparare o far riparare il guasto. Durante l'esercizio controllare il riduttore in relazione a: temperatura d'esercizio eccessiva rumori d'esercizio non abituali perdite di olio dalla scatola del riduttore e dalle guarnizioni degli alberi. Utilizzo del giunto inseribile AVVERTENZA Il freno motore non è attivo quando il giunto non è inserito ATTENZIONE Danni del riduttore a seguito di sollecitazioni impulsive di accelerazione Evitare le sollecitazioni impulsive durante l'innesto. La progettazione del'elettronica deve garantire che all'avviamento il freno motore sia ventilato. Istruzioni operative, 12/

36 Esercizio Il riduttore in funzione può essere disaccoppiato sotto carico. Il giunto inseribile permette di innestare la trasmissione nei seguenti casi: Arresto del motore e dell'albero di trasmissione Basse velocità di trasmissione e pesi ridotti Piccole differenze di velocità prima e dopo l'innesto. Ad esempio nell'innesto e disinnesto a bassa velocità in un nastro trasportatore o simile impianto convogliatore, se il giunto viene attivato tramite barre. Figura 6-1 Leva del giunto Innesto: spostare la leva fino alla battuta in direzione 1. Disinnesto: spostare la leva fino alla battuta in direzione 2. Forza di commutazione necessaria sulla leva del giunto I valori F della forza di commutazione si riferiscono allo stato di fermo. I valori elencati nella tabella seguente sono valori di riferimento. Se durante l'accoppiamento viene trasferito un momento torcente all'albero di trasmissione, le forze necessarie possono moltiplicarsi. Tipo di riduttore CHF28 BH.38 CH.48 CHF68 KH.48 KHF68 F [N] Istruzioni operative, 12/2012

37 Anomalie, cause e rimedi 7 Nota I guasti che si verificano durante il periodo di garanzia e che richiedono lavori di riparazione sul riduttore possono essere risolti solo dal personale del Technical Support. Consigliamo ai nostri clienti di richiedere l'intervento del personale del servizio di assistenza anche dopo il periodo di garanzia per i casi di anomalia / guasto le cui cause non possono essere individuate con esattezza. In caso di necessità, si prega di contattare il nostro Technical Support indicando quanto segue: dati della targhetta entità e portata del guasto causa ipotizzata. Tabella 7-1 Anomalie, cause e rimedi Anomalie Cause Rimedio Rumore insolito sul riduttore Livello dell'olio troppo basso Corpi estranei nell'olio (rumore non uniforme) Gioco dei cuscinetti eccessivo e/o cuscinetti difettosi Dentatura difettosa Viti di fissaggio allentate Carico esterno eccessivo sugli elementi di azionamento e di trasmissione Danni dovuti al trasporto Danni causati dal blocco della macchina durante la messa in servizio Verificare il livello dell'olio, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Verificare la composizione dell'olio, vedere Controllare le condizioni dell'olio (Pagina 43). Pulire il riduttore. Sostituire l'olio, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Controllare i cuscinetti e se necessario sostituirli Controllare la dentatura e se necessario sostituirla Serrare le viti / i dadi; vedere Controllo della saldezza delle viti di fissaggio (Pagina 55). Controllare i dati di carico nominali, ad es. regolare la tensione della cinghia Verificare che il riduttore non presenti danni dovuti al trasporto Contattare il Technical Support Istruzioni operative, 12/

38 Anomalie, cause e rimedi Anomalie Cause Rimedio Rumore insolito sull'unità di azionamento Rumore insolito del motore Fuoriuscita di olio Il cuscinetto dell'unità di azionamento non è lubrificato (a partire da motori della grandezza costruttiva 160). Gioco dei cuscinetti eccessivo e/o cuscinetti difettosi Viti di fissaggio allentate Gioco dei cuscinetti eccessivo e/o cuscinetti difettosi Il freno del motore raschia Impostazione dei parametri del convertitore Livello dell'olio errato per la forma costruttiva impiegata Sovrapressione causata dalla mancanza di sfiato dell'aria. Sovrapressione causata dallo sfiato dell'aria sporco. Anelli di tenuta dell'albero difettosi Viti del coperchio o della flangia allentate Tenuta ermetica della superficie difettosa (ad es. sul coperchio o sulla flangia). Danni dovuti al trasporto (ad es. incrinature capillari) Rilubrificare i cuscinetti, vedere Sostituzione del grasso per i cuscinetti volventi (Pagina 49) Controllare i cuscinetti e se necessario sostituirli Serrare le viti / i dadi; vedere Controllo della saldezza delle viti di fissaggio (Pagina 55). Controllare i cuscinetti e se necessario sostituirli Controllare il traferro e adattarlo, se necessario Correggere l'impostazione dei parametri Verificare la forma costruttiva, vedere Forme costruttive (Pagina 63). Verificare il livello dell'olio, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Installare la ventilazione in funzione della posizione di montaggio, vedere Auto- Hotspot Pulire la ventilazione, vedere Pulizia del filtro di ventilazione e sfiato dell'aria (Pagina 54) Sostituire gli anelli di tenuta dell'albero Serrare le viti / i dadi; vedere Controllo della saldezza delle viti di fissaggio (Pagina 55). Continuare a sorvegliare il riduttore Rieseguire la tenuta ermetica Verificare che il riduttore non presenti danni dovuti al trasporto 36 Istruzioni operative, 12/2012

39 Anomalie, cause e rimedi Anomalie Cause Rimedio Fuoriuscita di olio dallo sfiato del riduttore Il riduttore si surriscalda L'albero motore non gira quando il motore è attivato. Livello dell'olio errato per la forma costruttiva impiegata e/o posizionamento errato dello sfiato dell'aria. Frequenti avviamenti a freddo, durante i quali l'olio schiuma La calotta del ventilatore del motore e/o del riduttore è troppo sporca. Livello dell'olio errato per la forma costruttiva impiegata L'olio impiegato non è quello corretto (ad es. viscosità sbagliata). Olio troppo vecchio Gioco dei cuscinetti eccessivo e/o cuscinetti difettosi Il blocco d'inversione non funziona liberamente. Flusso di forze interrotto a causa di una rottura nel riduttore. Verificare la posizione dello sfiato e la forma costruttiva; vedere Forme costruttive (Pagina 63). Verificare il livello dell'olio, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Contattare il Technical Support Pulire la calotta del ventilatore e la superficie del motoriduttore; vedere Pulire il riduttore (Pagina 54) Verificare la forma costruttiva, vedere Forme costruttive (Pagina 63). Verificare il livello dell'olio, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Controllare l'olio impiegato; vedere Controllare le condizioni dell'olio (Pagina 43) Controllare quando è stato effettuato l'ultimo cambio dell'olio e se necessario sostituire l'olio; vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Controllare i cuscinetti e se necessario sostituirli Sostituire il blocco d'inversione Contattare il Technical Support Istruzioni operative, 12/

40 Anomalie, cause e rimedi Anomalie Cause Rimedio Il motoriduttore non può essere avviato oppure si avvia con difficoltà Gioco eccessivo sull'azionamento e sulla trasmissione Gioco elevato sulla leva del giunto Dopo aver azionato la leva del giunto, quest'ultimo non si disinnesta / non si innesta Livello dell'olio errato per la forma costruttiva impiegata L'olio impiegato non è quello corretto (ad es. viscosità sbagliata). Carico esterno eccessivo sugli elementi di azionamento e di trasmissione Il freno del motore non è ventilato Il motoriduttore urta contro il blocco d'inversione Il riduttore è disaccoppiato Gli elementi elastici sono logorati (ad es. i giunti) Il collegamento ad accoppiamento geometrico è deviato a causa del sovraccarico La leva del giunto si è allentata Quando il giunto è innestato i denti sono perfettamente contrapposti La leva del giunto è malposizionata Verificare la forma costruttiva, vedere Forme costruttive (Pagina 63). Verificare il livello dell'olio, vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Controllare l'olio impiegato; vedere Controllare le condizioni dell'olio (Pagina 43) Controllare i dati di carico nominali, ad es. regolare la tensione della cinghia Controllare l'azionamento / il collegamento dei freni. Verificare lo stato di usura dei freni, ed eventualmente regolarli Invertire il senso di rotazione del motore o del blocco d'inversione Innestare il giunto Sostituire gli elementi elastici Contattare il Technical Support Serrare il dado di fissaggio della leva Ruotare l'albero di uscita fino a far innestare il giunto Contattare il Technical Support. Il giunto deve essere regolato o sottoposto a manutenzione 38 Istruzioni operative, 12/2012

41 Manutenzione ordinaria e straordinaria Indicazioni generali di manutenzione AVVERTENZA Pericolo di lesioni gravi in seguito all'avviamento accidentale del gruppo di azionamento Proteggere il gruppo di azionamento contro la messa in servizio involontaria. Apporre un cartello nel punto di inserzione. ATTENZIONE Danni materiali dovuti a manutenzione impropria La manutenzione e le riparazioni devono essere eseguite esclusivamente da personale specializzato autorizzato. Per le riparazioni possono essere utilizzati soltanto pezzi originali di Siemens AG. Tutte le attività di ispezione, manutenzione e riparazione devono essere eseguite con accuratezza, da parte di personale addestrato. Attenersi alle indicazioni del capitolo Avvertenze generali e di sicurezza (Pagina 7). Tabella 8-1 Misure di manutenzione Provvedimento Intervallo di tempo Descrizione dei lavori Osservazione e controllo del riduttore per verificare la presenza di rumori insoliti, vibrazioni e variazioni Ogni giorno, se possibile più sovente durante l'esercizio vedere Esercizio (Pagina 33) Controllare la temperatura della scatola del riduttore Controllare il livello dell'olio Dopo 3 ore il primo giorno, quindi una volta al mese Dopo il primo giorno e in seguito una volta al mese vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) Controllare le condizioni dell'olio Ogni 6 mesi vedere Controllare le condizioni dell'olio (Pagina 43) Istruzioni operative, 12/

42 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.1 Indicazioni generali di manutenzione Provvedimento Intervallo di tempo Descrizione dei lavori Prima sostituzione dell'olio dopo la messa in servizio Dopo circa ore d'esercizio, al più tardi dopo 2 anni Successivi cambi di olio ogni 2 anni oppure ogni ore d'esercizio 1) Controllare la tenuta del Dopo il primo giorno e in seguito riduttore una volta al mese Pulire ed eventualmente sostituire lo sfiato dell'aria del riduttore Pulire il riduttore A seconda del grado di sporcizia, almeno ogni 6 mesi vedere Controllo e sostituzione dei lubrificanti (Pagina 41) vedere Controllare la tenuta del riduttore (Pagina 53) vedere Pulizia del filtro di ventilazione e sfiato dell'aria (Pagina 54) vedere Pulire il riduttore (Pagina 54) Controllare il giunto La prima volta dopo 3 mesi Tenere conto di quanto indicato nelle Istruzioni operative separate Eseguire un'ispezione completa del motoriduttore Controllare che le viti di fissaggio dei riduttori e degli elementi applicati esternamente siano saldamente avvitate. Controllare che le coperture ed i tappi di chiusura siano fissati in modo sicuro Rilubrificare i cuscinetti volventi nelle unità di azionamento Sostituire il grasso per i cuscinetti volventi Ogni 12 mesi Dopo 3 ore e in seguito a intervalli regolari almeno ogni 12 mesi oppure ogni ore d'esercizio Contemporaneamente alla sostituzione dell'olio vedere Ispezione del riduttore o del motoriduttore (Pagina 56) vedere Controllo della saldezza delle viti di fissaggio (Pagina 55) vedere Rilubrificazione del cuscinetto volvente (Pagina 48) vedere Sostituzione del grasso per i cuscinetti volventi (Pagina 49) Sostituire i cuscinetti - vedere Sostituire i cuscinetti (Pagina 52) 1) Con gli olii sintetici i tempi possono raddoppiarsi. Le indicazioni valgono per una temperatura dell'olio di +80 C. Gli intervalli di sostituzione dell'olio per temperature differenti sono indicati nella figura "Valori di riferimento per gli intervalli di sostituzione dell'olio". 40 Istruzioni operative, 12/2012

43 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Avvertenze di sicurezza generali per controllare e sostituire i lubrificanti AVVERTENZA Pericolo di ustione causato dalla fuoriuscita di olio surriscaldato Prima di eseguire qualsiasi attività, attendere che l'olio si sia raffreddato ed abbia raggiunto una temperatura inferiore a +30 C. AVVERTENZA Lo smaltimento dell'olio usato eseguito in modo non appropriato costituisce un pericolo per l'ambiente e per la salute Nel caso di perdite di olio, eliminarle subito con l'apposito legante. ATTENZIONE Quantità di olio errate possono provocare danni al riduttore La quantità di olio e la posizione degli elementi di chiusura dipendono dalla forma costruttiva. Dopo la rimozione del tappo di livello dell'olio, fino alla grandezza costruttiva 128 il livello dell'olio deve trovarsi a un massimo di 3 mm e a partire dalla grandezza costruttiva 148 a un massimo di 5 mm sotto il livello di riempimento prescritto. ATTENZIONE I fori dell'olio aperti possono favorire la penetrazione di sporcizia e atmosfere dannose nel riduttore. Chiudere immediatamente il riduttore dopo il controllo del livello dell'olio o il cambio dell'olio. Nota I dati relativi al tipo di olio, alla viscosità e alla quantità richiesta sono riportati sulla targhetta. Per la compatibilità degli oli, vedere Lubrificante consigliato (Pagina 51). Nota I riduttori delle grandezze costruttive 18 e 28 sono lubrificati in modo permanente. Non è necessario sostituire l'olio. Istruzioni operative, 12/

44 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Nota Nel caso di riduttori doppi, considerare singolarmente ciascun riduttore. I riduttori delle grandezze costruttive 28 e 38 del 2º riduttore sono lubrificati in modo permanente. Non è necessario sostituire l'olio Controllare il livello dell'olio ATTENZIONE Il volume dell'olio per il riduttore si modifica in funzione della temperatura Quando la temperatura aumenta, aumenta anche il volume. In caso di forti differenze di temperatura e di grandi quantità di riempimento, la differenza può essere di alcuni litri. Per questo motivo è necessario controllare il livello dell'olio circa 30 minuti dopo aver disattivato il gruppo di azionamento, quando la macchina è ancora leggermente calda. Figura 8-1 Livello dell'olio nella scatola del riduttore Procedura 1. Mettere fuori tensione il gruppo di azionamento. 2. Svitare il tappo di livello dell'olio; vedere Forme costruttive (Pagina 63). 3. Controllare il livello dell'olio Correggere eventualmente il livello dell'olio 1 e controllarlo nuovamente. 5. Controllare lo stato dell'anello di tenuta situato presso l'elemento di chiusura ed eventualmente sostituire l'anello di tenuta. 6. Richiudere il riduttore per mezzo dell'elemento di chiusura. Il controllo del livello dell'olio nella scatola del riduttore è completato. 42 Istruzioni operative, 12/2012

45 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Controllo del livello dell'olio con il vetro-spia (opzionale) Se è disponibile un vetro-spia, il livello dell'olio 1 una volta raffreddato deve essere visibile a metà dello stesso. Quando l'olio è caldo, il livello dell'olio 1 aumenta fino a metà del vetro-spia. Quando l'olio è freddo, il livello dell'olio 1 si trova sotto la metà del vetro-spia. Figura 8-2 Livello dell'olio nel vetro-spia Correggere eventualmente il livello dell'olio 1 e controllarlo nuovamente Controllo del livello dell'olio con l'asta di livello (opzionale) Misurare il livello dell'olio con l'astina di livello appoggiata e non avvitata. Il livello dell'olio deve trovarsi tra la marcatura inferiore e quella superiore (min-max) dell'asta di livello. Se si impiega un dispositivo elettrico di sorveglianza del livello dell'olio, quest'ultimo deve trovarsi presso la marcatura superiore (max) dell'asta di livello. Correggere eventualmente il livello dell'olio e controllarlo nuovamente Controllare le condizioni dell'olio Per mezzo di un esame visivo è possibile riconoscere i segni degli effetti a cui viene sottoposto l'olio. L'olio fresco è trasparente, ha un odore tipico ed il colore specifico per il prodotto. Le torbidità e le formazioni di fiocchi segnalano la presenza di acqua e/o di impurità nell'olio. Il colore scuro oppure nero dell'olio segnala la formazione di residui, una forte decomposizione termica oppure la presenza di impurità. Osservare i simboli nelle figure della forma costruttiva; vedere Forme costruttive (Pagina 63): Sfiato Riempimento di olio Livello di olio Procedura 1. Far funzionare il motoriduttore per breve tempo. Poco dopo la disinserzione, i residui dovuti all'usura e le impurità restano in sospensione nell'olio. 2. Mettere fuori tensione il gruppo di azionamento. Istruzioni operative, 12/

46 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti 3. Ruotare ed estrarre l'elemento di chiusura situato presso il punto contrassegnato da uno dei simboli indicati. 4. Prelevare una piccola quantità d'olio, ad es. mediante una pompa aspirante e un tubo flessibile. 5. Controllare lo stato dell'anello di tenuta situato presso l'elemento di chiusura ed eventualmente sostituire l'anello di tenuta. 6. Richiudere il riduttore per mezzo dell'elemento di chiusura. 7. Verificare che l'olio non presenti anomalie. Se si riscontrano anomalie, l'olio deve essere sostituito immediatamente. 8. Controllare il livello dell'olio. 9. Correggere eventualmente il livello dell'olio e controllarlo nuovamente. Il controllo delle condizioni dell'olio è completato Sostituzione dell'olio Avvertenze di sicurezza generali per la sostituzione dell'olio ATTENZIONE La miscelazione di olii non compatibili provoca opacità, formazione di depositi, formazione di schiuma, modifica della viscosità o la riduzione della protezione dalla corrosione o dall'usura Durante la sostituzione dell'olio con olio dello stesso tipo, mantenere il più ridotto possibile il livello di residui nel riduttore. Residui in quantità ridotta non causano normalmente problemi. Oli per riduttori di diverso tipo e di produttori diversi non possono essere mescolati. Richiedere confermare dal produttore del nuovo olio circa la compatibilità con i resti del vecchio olio. In caso di sostituzione dell'olio con un tipo di olio estremamente diverso da quello impiegato in precedenza oppure con un olio che ha additivi completamente diversi, risciacquare sempre il riduttore con dell'olio nuovo. Se si sostituisce un olio minerale con olio a base di poliglicoli (PG), o viceversa, è indispensabile effettuare un doppio lavaggio. I resti del vecchio olio devono essere completamente rimossi dal riduttore. 44 Istruzioni operative, 12/2012

47 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti ATTENZIONE Le impurità possono pregiudicare la capacità lubrificante dell'olio per riduttori Gli olii per riduttori non vanno mai mescolati con altre sostanze. Non risciacquare con petrolio o altri detergenti, poiché in questo caso restano sempre residui nel riduttore. Nota L'olio deve essere caldo poiché la scarsa capacità di scorrimento dell'olio freddo rende difficile l'esecuzione di uno svuotamento corretto. Eventualmente azionare per minuti il riduttore affinché l'olio possa riscaldarsi Scarico dell'olio Osservare i simboli nelle figure della forma costruttiva; vedere Forme costruttive (Pagina 63): Sfiato Riempimento di olio Livello di olio Scarico dell'olio Procedura 1. Mettere fuori tensione il gruppo di azionamento. 2. Estrarre la vite di sfiato. 3. Estrarre il tappo di livello dell'olio. 4. Posizionare un recipiente di raccolta idoneo e sufficientemente grande al di sotto della vite di scarico dell'olio. 5. Svitare la vite di scarico dell'olio e scaricare completamente l'olio nel recipiente di raccolta. 6. Controllare lo stato dell'anello di tenuta situato presso l'elemento di chiusura ed eventualmente sostituire l'anello di tenuta. 7. Richiudere il riduttore per mezzo degli elementi di chiusura. A questo punto l'olio è stato fatto defluire dal riduttore. Istruzioni operative, 12/

48 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Lavaggio dei riduttori in caso di sostituzione dell'olio con olii non compatibili AVVERTENZA I residui pregiudicano le caratteristiche dell'olio nuovo Per gli olii biodegradabili e gli olii fisiologicamente neutri è necessario eseguire un lavaggio. I residui dell'olio anticorrosione non devono superare l'1 % del livello dell'olio motore. Nota L'olio a base di poliglicoli ha una densità maggiore rispetto all'olio minerale. Il primo si deposita sul fondo in direzione dello scarico dell'olio e l'olio minerale scorre sopra di esso. Questo comportamento rende più difficile l'esecuzione dello svuotamento completo, necessario, dell'olio minerale dal riduttore. Nota Si consiglia di far controllare la qualità del lavaggio dopo il secondo ciclo di lavaggio da un laboratorio di analisi. Osservare i simboli nelle figure della forma costruttiva; vedere Forme costruttive (Pagina 63): Sfiato Riempimento di olio Scarico dell'olio Procedura 1. Potendo accedere al riduttore, rimuovere i resti del vecchio olio minerale con uno straccio dopo aver fatto defluire l'olio. 2. Svitare ed estrarre la vite di sfiato e di riempimento. 3. Riempire il riduttore di olio di lavaggio utilizzando un filtro di riempimento (grado di finezza max. del filtro 25 μm). Come olio di lavaggio utilizzare olio fresco oppure un olio adatto compatibile. 4. Far funzionare il riduttore da 15 a 30 minuti a carico ridotto. 5. Posizionare un recipiente di raccolta idoneo e sufficientemente grande al di sotto della vite di scarico dell'olio. 46 Istruzioni operative, 12/2012

49 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti 6. Svitare la vite di scarico dell'olio e scaricare completamente l'olio nel recipiente di raccolta. 7. Richiudere il riduttore per mezzo degli elementi di chiusura. 8. Ripetere queste operazioni per il secondo ciclo di lavaggio. Sono stati eseguiti due cicli di lavaggio per il riduttore ed è possibile riempire il riduttore con olio nuovo Öl einfüllen - Titel unterdrücken ATTENZIONE La miscelazione di olii diversi può pregiudicare la capacità lubrificante Per il rabbocco, utilizzare un olio dello stesso tipo e con la stessa viscosità. Se per la sostituzione dell'olio si utilizzano oli non compatibili, è necessario effettuare dei cicli di lavaggio; vedere Lavaggio dei riduttori in caso di sostituzione dell'olio con olii non compatibili (Pagina 46). Osservare i simboli nelle figure della forma costruttiva; vedere Forme costruttive (Pagina 63): Sfiato Riempimento di olio Procedura 1. Svitare ed estrarre la vite di sfiato e di riempimento. 2. Riempire il riduttore con olio nuovo utilizzando un filtro di riempimento (grado di finezza max. del filtro 25 μm). Per quest'operazione, utilizzare olio dello stesso tipo e della stessa viscosità. Se per la sostituzione dell'olio si utilizzano oli non compatibili, è necessario effettuare dei cicli di lavaggio; vedere Lavaggio dei riduttori in caso di sostituzione dell'olio con olii non compatibili (Pagina 46). 3. Correggere eventualmente il livello dell'olio e controllarlo nuovamente. 4. Controllare lo stato dell'anello di tenuta situato presso l'elemento di chiusura ed eventualmente sostituire l'anello di tenuta. 5. Richiudere il riduttore per mezzo dell'elemento di chiusura. A questo punto il riduttore è stato riempito di olio. Istruzioni operative, 12/

50 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Rabbocco dell'olio il rabbocco dell'olio può rendersi necessario se si modifica la forma costruttiva del riduttore o se si verificano perdite di olio. In caso di perdite occorre individuare il punto da cui fuoriesce l'olio e sigillarlo. Controllare il livello dell'olio ed eventualmente correggerlo. Al momento della pubblicazione, gli oli utilizzati per il primo riempimento di olio del riduttore sono i seguenti: CLP ISO VG220: Castrol Alpha SP 220 CLP ISO PG VG220: Castrol Tribol 1300/220 CLP ISO PG VG460: Castrol Tribol 1300/460 CLP ISO PAO VG68: Addinol Eco Gear 68S-T CLP ISO PAO VG220: Addinol Eco Gear 220S CLP ISO E VG220: Fuchs Plantogear Bio 220S CLP ISO H1 VG460: Klüber Klüberoil 4 UH1 460 N Se i riduttori sono stati riempiti di lubrificante speciale da parte del produttore, conformemente agli accordi intervenuti e per casi di impiego predefiniti, ciò viene indicato sulla targhetta dei dati tecnici Rilubrificazione del cuscinetto volvente ATTENZIONE Durante la rilubrificazione non è permesso mescolare grassi realizzati sulla base di tipi diversi di saponi Una rilubrificazione delle unità di azionamento è richiesta a partire da motori di grandezza 160 per K2 e 225 per K4. I gruppi di azionamento in queste grandezze costruttive sono perciò dotati di un nipplo di lubrificazione. Effettuare la lubrificazione almeno ogni 12 mesi o dopo ore di esercizio. Il primo ingrassaggio dei cuscinetti è già stato eseguito. Come grasso lubrificante viene normalmente impiegato un grasso a base di olio minerale, saponificato al litio, della classe NLGI 3/2. Figura 8-3 Nipplo di lubrificazione Per mezzo di una pompa di ingrassaggio, pressare il grasso nella posizione in cui si trova il cuscinetto attraverso l'apposito nipplo di lubrificazione. Per ogni punto di lubrificazione, in assenza di altre indicazioni nelle vicinanze del punto di lubrificazione, immettere a pressione 50 g di grasso. 48 Istruzioni operative, 12/2012

51 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Sostituzione del grasso per i cuscinetti volventi I cuscinetti volventi vengono riempiti dal produttore con apposito grasso saponificato al litio. Pulire il cuscinetto, prima di applicare nuovo lubrificante. Per quanto riguarda i cuscinetti dell'albero di uscita o degli alberi intermedi, la quantità di grasso da applicare deve riempire i 2/3 della cavità situata tra i corpi volventi, 1/3 per i cuscinetti situati sul lato azionamento Durata di impiego dei lubrificanti Nota In caso di condizioni ambientali che si discostano dalle condizioni normali (ad es. elevate temperature, forte umidità dell'aria, agenti ambientali aggressivi), è necessario abbreviare gli intervalli di sostituzione dell'olio. In questo caso contattare il Technical Support allo scopo di determinare i singoli intervalli per la sostituzione del lubrificante. Nota Per temperature della coppa dell'olio superiori a +80 C la durata utile può essere minore. In questo caso vale la regola che un aumento della temperatura di 10 K dimezza la durata utile, come indicato nella figura "Valori di riferimento per gli intervalli di sostituzione dell'olio". Per una temperatura della coppa dell'olio di +80 C si può prevedere la seguente durata utile se vengono rispettate le proprietà richieste da Siemens AG: Tabella 8-2 Durata di impiego degli olii Tipo di olio Olio minerale Olio biodegradabile Olio fisiologicamente neutro secondo USDA-H1/-H2 Olio sintetico Durata di impiego ore di esercizio oppure 2 anni ore di esercizio oppure 4 anni Istruzioni operative, 12/

52 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti 1 2 T I Olio minerale Olio sintetico Temperatura permanente del bagno di olio [ C] Intervallo di sostituzione dell'olio in ore d'esercizio [h] Figura 8-4 Valori di riferimento per gli intervalli di sostituzione dell'olio Durata del grasso per i cuscinetti volventi I cuscinetti volventi e lo spazio libero che li precede devono essere riempiti di grasso. Alle condizioni operative e alle temperature ambientali ammesse non è necessaria una rilubrificazione. Al cambio dell'olio o degli anelli di tenuta dell'albero si consiglia di sostituire anche il grasso dei cuscinetti. 50 Istruzioni operative, 12/2012

53 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.2 Controllo e sostituzione dei lubrificanti Lubrificante consigliato PERICOLO I lubrificanti più diffusi non dispongono di omologazione USDA -H1/-H2 (United States Department of Agriculture). Essi non sono ammessi (o lo sono solo in parte) per l'industria alimentare e l'industria farmaceutica In caso di impiego nell'industria alimentare o farmaceutica, utilizzare solo i lubrificanti riportati nell'elenco dei lubrificanti per riduttori T 7300 approvati e consigliati con omologazione USDA -H1/-H2. ATTENZIONE Temperature di esercizio al di fuori di quelle previste possono pregiudicare la capacità lubrificante dell'olio per riduttori In caso di impiego a temperature non comprese negli intervalli indicati nelle Istruzioni operative BA 7300, per la scelta dell'olio rivolgersi al Technical Support. Se la temperatura della scatola supera il valore di +80 C, rivolgersi al Technical Support. Nota Di norma i lubrificanti e le guarnizioni dell'albero sono adattati gli uni agli altri in base alle condizioni operative. Rivolgersi al Technical Support in caso di modifica delle condizioni operative o dei tipi di olio oppure di utilizzo di nuove guarnizioni dell'albero. Nota I lubrificanti più comuni non sono biodegradabili oppure lo sono solo in parte. Se sono richiesti lubrificanti biodegradabili, utilizzare solo i lubrificanti riportati nell'elenco dei lubrificanti per riduttori T 7300 approvati e consigliati con le classificazioni corrispondenti. Nota Queste raccomandazioni non rappresentano un'autorizzazione nel senso di una garanzia della qualità del lubrificante consegnato dal vostro fornitore. Ogni produttore di lubrificanti deve garantire la qualità dei propri prodotti. Istruzioni operative, 12/

54 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.3 Sostituire i cuscinetti Determinante per la selezione dell'olio è solo la viscosità (classificazione ISO VG) indicata nella targhetta dei dati tecnici. La viscosità indicata è parte integrante delle condizioni d'esercizio stipulate contrattualmente. In caso di condizioni d'esercizio differenti, prendere accordi con il Technical Support. Se i riduttori sono stati riempiti di lubrificante speciale da parte del produttore, conformemente agli accordi intervenuti e per casi di impiego predefiniti, ciò viene indicato sulla targhetta dei dati tecnici. La qualità dell'olio utilizzato deve soddisfare i requisiti delle Istruzioni operative BA 7300, altrimenti viene invalidata la garanzia fornita da Siemens. Si raccomanda vivamente di utilizzare uno degli oli riportati nell'elenco dei lubrificanti per riduttori approvati e consigliati T 7300 (http://support.automation.siemens.com/ww/view/en/ ), i quali sono stati opportunamente testati e sono risultati conformi ai requisiti. Gli oli dell'elenco vengono sottoposti a verifiche costanti. Per questo motivo può accedere che alcuni di questi oli raccomandati vengano eliminati dall'elenco o sostituiti con prodotti più recenti. Si consiglia di verificare regolarmente se il lubrificante scelto è ancora raccomandato da Siemens. In caso contrario è necessario cambiare prodotto. 8.3 Sostituire i cuscinetti Nota La durata della funzionalità dei cuscinetti dipende fortemente dalle condizioni d'esercizio. Per questo motivo è molto difficile poterla calcolare in modo affidabile. Quando l'utente indica le condizioni d'esercizio, la durata della funzionalità dei cuscinetti può essere calcolata e può essere indicata sulla targhetta dei dati tecnici. Quando non si dispone delle suddette indicazioni, la presenza di vibrazioni e rumori segnala la necessità di sostituire immediatamente i cuscinetti. 52 Istruzioni operative, 12/2012

55 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.4 Controllare la tenuta del riduttore 8.4 Controllare la tenuta del riduttore Nota Da una valvola di sfiato o da una guarnizione a labirinto può fuoriuscire olio nebulizzato a causa del funzionamento. Le fuoriuscite di piccole quantità olio / grasso dall'anello di tenuta dell'albero devono essere considerate normali nella fase di avviamento (24 ore di esercizio). In caso di perdite di entità maggiore oppure quando le perdite continuano anche dopo la fase di avviamento, l'anello di tenuta dell'albero deve essere sostituito allo scopo di evitare danni. Gli anelli di tenuta dell'albero sono soggetti all'usura naturale. La durata della funzionalità dipende dalle condizioni di impiego. Si raccomanda di includere anche gli anelli di tenuta dell'albero nei regolari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto. Perdita / tenuta Tabella 8-3 Descrizione e provvedimenti Stato Descrizione Provvedimenti Avvertenze Sottile strato di umidità sull'anello di tenuta dell'albero Sottile strato di umidità dovuto al funzionamento (perdita apparente) Piccolo gocciolio visibile, formazione di gocce anche dopo la fase di avviamento Pulire con un panno pulito e tenere sotto controllo. Non si tratta di un guasto; spesso l'anello di tenuta si asciuga da sé durante l'esercizio. Durante la fase di avviamento l'anello di tenuta dell'albero si inserisce sull'albero. Sull'albero è visibile una traccia. I presupposti ottimali per una perfetta tenuta si creano dopo la fase di avviamento. Perdita sull'anello di tenuta dell'albero Sostituire l'anello di tenuta, determinare la causa possibile dell'avaria dell'anello di tenuta ed eliminarla. Istruzioni operative, 12/

56 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.5 Pulizia del filtro di ventilazione e sfiato dell'aria 8.5 Pulizia del filtro di ventilazione e sfiato dell'aria Pulire il filtro di ventilazione e sfiato dell'aria a seconda del grado di sporcizia, ma almeno ogni 6 mesi. Procedura 1. Svitare ed estrarre il filtro di ventilazione e sfiato dell'aria. 2. Lavare il filtro di ventilazione e sfiato dell'aria con benzina solvente o con un detergente di tipo simile. 3. Sottoporre il filtro di ventilazione e sfiato dell'aria ad un getto di aria compressa. 4. Richiudere il riduttore con il filtro di ventilazione e sfiato dell'aria. A questo punto il filtro di ventilazione e sfiato dell'aria è stato pulito. 8.6 Pulire il riduttore ATTENZIONE I depositi di polvere pregiudicano la dissipazione del calore e surriscaldano la scatola del riduttore Mantenere il motoriduttore esente da sporcizia e polvere. ATTENZIONE La pulizia con getti ad alta pressione può far penetrare acqua nel riduttore. Le guarnizioni rischiano di essere danneggiate Non pulire il motoriduttore con getti ad alta pressione. Non impiegare utensili con spigoli vivi. Prima di eseguire le operazioni di pulizia, mettere fuori tensione il gruppo di azionamento. 54 Istruzioni operative, 12/2012

57 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.7 Controllo della saldezza delle viti di fissaggio 8.7 Controllo della saldezza delle viti di fissaggio Nota Le viti senza testa ormai inutilizzabili devono essere sostituite da viti della medesima classe di resistenza ed esecuzione. Mettere fuori tensione il gruppo di azionamento e controllare che le viti di fissaggio siano salde servendosi di una chiave dinamometrica calibrata. La tolleranza generica per la coppia di serraggio in Nm è del 10 %. Il coefficiente di attrito è pari a 0,14 μ. Tabella 8-4 Coppia di serraggio per le viti di fissaggio Dimensioni del filetto Coppia di serraggio per classe di resistenza [Nm] [Nm] [Nm] M M M M M M M M M M M Istruzioni operative, 12/

58 Manutenzione ordinaria e straordinaria 8.8 Ispezione del riduttore o del motoriduttore 8.8 Ispezione del riduttore o del motoriduttore Esaminare il motoriduttore una volta all'anno conformemente alle disposizioni elencate nel capitolo Anomalie, cause e rimedi (Pagina 35). Controllare il motoriduttore rispetto ai criteri descritti nel capitolo Avvertenze generali e di sicurezza (Pagina 7). Riparare a regola d'arte i danni allo strato di vernice. 56 Istruzioni operative, 12/2012

59 Smaltimento 9 AVVERTENZA Lo smaltimento dell'olio usato eseguito in modo non appropriato costituisce un pericolo per l'ambiente e per la salute Dopo l'impiego, l'olio usato deve essere portato in un apposito centro di raccolta. È vietato mescolare all'olio usato qualsiasi sostanza estranea come solventi, liquidi per freni e liquido refrigerante. Evitare il contatto prolungato con la pelle. Scaricare l'olio usato dal riduttore. L'olio utilizzato deve essere raccolto, conservato temporaneamente, trasportato e smaltito secondo le procedure previste. Non mischiare poliglicoli con olii minerali. I poliglicoli devono essere smaltiti separatamente. Rispettare le norme specifiche del paese. In base al diritto tedesco, non si devono mischiare olii con codici di smaltimento diversi, in modo che lo smaltimento dell'olio possa avvenire nel modo corretto ( 4 VI relativo all'olio usato). Raccogliere e smaltire l'olio usato in modo conforme alle prescrizioni. Rimuovere subito per mezzo di una sostanza legante l'olio fuoriuscito dall'impianto per evitare un possibile inquinamento. Smaltire i pezzi della scatola, le ruote dentate, gli alberi e i cuscinetti volventi del motoriduttore come rottami di acciaio. Questo vale anche per i pezzi in ghisa grigia, a meno che non sia prevista una raccolta separata. Le ruote elicoidali sono in parte realizzate in metallo non ferroso. Eseguire lo smaltimento in modo corrispondente. Smaltire il materiale di imballaggio conformemente alle disposizioni o riciclarlo. Tabella 9-1 Codice di smaltimento per gli olii dei riduttori Tipo di olio Denominazione Codice di smaltimento Olio minerale CLP ISO VG Poliglicoli CLP ISO PG VG CLP ISO PG VG460 Poly-Alpha-Olefine CLP ISO PAO VG CLP ISO PAO VG220 CLP ISO H1 VG460 Oli biodegradabili CLP ISO E VG Istruzioni operative, 12/

60 Smaltimento 58 Istruzioni operative, 12/2012

61 Dati tecnici Denominazione del tipo Tabella 10-1 Esempio di struttura della denominazione del tipo Riduttore principale Gruppo di azionamento Esempio: B H F 38 - K4 (100) Tipo di riduttore B Convogliatore aereo H Fissaggio F Grandezza costruttiva 38 Gruppo di azionamento (per grandezza costruttiva del motore) K4 (100) Tabella 10-2 Codice di denominazione del tipo Tipo di riduttore C Riduttori a vite senza fine elicoidale B Riduttori ad assi ortogonali, a due stadi K Riduttori ad assi ortogonali, a tre stadi Fissaggio F Esecuzione con flangia (tipo A) B Esecuzione con piede / con flangia Z Flangia della scatola (tipo C) Gruppo di azionamento K4 Lanterna del giunto con connessione a bloccaggio per il collegamento di un motore IEC Istruzioni operative, 12/

62 Dati tecnici 10.2 Dati tecnici generali 10.2 Dati tecnici generali I dati tecnici di maggiore importanza sono indicati sulla targhetta dei dati tecnici dei riduttori o dei motoriduttori. Questi dati, insieme agli accordi contrattuali relativi ai motoriduttori, determinano i valori limite dell'impiego conforme alle prescrizioni. Per quanto riguarda i motoriduttori, normalmente viene impiegata, per l'azionamento nel suo complesso, una targhetta dei dati tecnici applicata sul motore. Eventualmente sul riduttore e sul motore possono essere applicate targhette dei dati tecnici separate. SIEMENS IEC60034 KAF108-LA160L4-L150/100GH 2KJ1506-5JR13-2FD1-Z IP55 FDU1001/ nnn 254kg (IM) H-01-A G. 6.2L OIL CLP PG VG220 i= Hz 113/min 60Hz 136/min 1266Nm fb= Nm fb=1.5 3~Mot. ThCl.155(F) TP-PTC 100Nm V AC 50Hz 400/690V D/Y 60Hz 460V Y 29/16.74A cosphi A cosphi kW IE1-90% 1460/min 15kW 1755/min SIEMENS Figura 10-1 Esempio di targhetta dati 1 Marchio CE o eventualmente altro contrassegno 2 Norma di riferimento 3 Tipo - Costruzione - Grandezza costruttiva 4 Numero di ordinazione 5 Numero di fabbrica 6 Peso m [kg] 7 Grado di protezione secondo IEC o IEC Forma costruttiva (IM) 9 Quantità di olio [l] riduttore principale / riduttore intermedio + flangia dell'estrusore 10 Tipo di olio 11 Viscosità dell'olio classe ISO VG secondo DIN / ISO Trasmissione totale i Frequenza 1 13 Frequenza nominale f [Hz] 14 Numero di giri sull'uscita n2 [min -1 ] 15 Coppia sull'uscita T2 [Nm] 16 Fattore di esercizio fb 60 Istruzioni operative, 12/2012

63 Dati tecnici 10.3 Peso Frequenza 2 17 Frequenza nominale f [Hz] 18 Numero di giri sull'uscita n2 [min -1 ] 19 Coppia sull'uscita T2 [Nm] 20 Fattore di esercizio fb Dati motore 21 Numero delle fasi e tipo di corrente del motore 22 Classe termica Th.Cl. 23 Protezione motore (TP) 24 Simboli (IEC ): = Freno 25 Coppia di frenatura TBr [Nm] 26 Tensione di collegamento freni U [V] Frequenza 1 27 Frequenza nominale f [Hz] 28 Tensione nominale / campo di tensione nominale U [V] 29 Collegamento elettrico e relativi simboli secondo DIN EN Parte 6 / IEC Corrente nominale I [A] 31 Fattore di potenza cos φ 32 Potenza nominale P [kw], modo operativo (se S1) 33 Codifica delle classi di rendimento 34 Numero di giri nominali n1 [min -1 ] Frequenza 2 35 Frequenza nominale f [Hz] 36 Tensione nominale / campo di tensione nominale U [V] 37 Corrente nominale I [A] 38 Fattore di potenza cos φ 39 Collegamento elettrico e relativi simboli secondo DIN EN Parte 6 / IEC Potenza nominale P [kw], modo operativo (se S1) 41 Codifica delle classi di rendimento 42 Numero di giri nominali n1 [min -1 ] 10.3 Peso Il peso dell'intero motoriduttore è indicato nei documenti di spedizione. Se supera i 30 kg, il peso dell'intero motoriduttore è indicato sulla targhetta dei dati tecnici del riduttore o del motoriduttore. In presenza di più targhette dei dati tecnici su un motoriduttore, risulta determinante l'indicazione presente sul riduttore principale. Le indicazioni riguardanti il peso si riferiscono unicamente allo stato del prodotto al momento della fornitura. Istruzioni operative, 12/

64 Dati tecnici 10.4 Livello di potenza sonora 10.4 Livello di potenza sonora I livelli di potenza sonora LWA, classificati A, di una serie di riduttori nella figura seguente sono stati misurati secondo DIN EN ISO 1680 mediante strumenti di misura conformi a DIN IEC Il rumore dipende essenzialmente dal numero di giri, dalla potenza e dalla trasmissione. Figura 10-2 Livelli di potenza sonora dei motoriduttori MOTOX I livelli di potenza sonora dei motoriduttori MOTOX si trovano per lo più nel settore contrassegnato dal colore scuro. I livelli di rumorosità relativi a riduttori con rapporti di trasmissione molto bassi, alta potenza ed elevato numero di giri di entrata possono essere compresi nel settore tratteggiato. In caso di misurazioni successive nel luogo d'installazione che tecnicamente non possono essere eseguite con esattezza, valgono le misurazioni effettuate sui banchi di prova di Siemens AG. Rumori esterni I rumori che non vengono prodotti dal riduttore, ma che da esso si irradiano, non vengono qui presi in considerazione. Anche i rumori che vengono emessi dalle macchine di azionamento e trasmissione o dal basamento non sono qui considerati, nonostante siano trasmessi dal riduttore. 62 Istruzioni operative, 12/2012

65 Dati tecnici 10.5 Forme costruttive 10.5 Forme costruttive Le sigle che indicano la forma costruttiva sono conformi a IEC (Code I). I motoriduttori possono essere fatti funzionare soltanto nella forma costruttiva indicata sulla targhetta dei dati tecnici. In questo modo si può garantire la disponibilità della quantità corretta di lubrificante. Nota In base al funzionamento, ad es. con un movimento diagonale, non è presente uno sfiato dell'aria. Spiegazione dei simboli nelle figure della forma costruttiva: Sfiato Livello di olio Scarico olio A, B Posizione dell'albero di trasmissione V I riduttori della grandezza costruttiva 38 sono dotati (di serie) di un solo tappo di chiusura situato nella posizione "V"; lo sfiato non è necessario. * Sul lato opposto 1 Accoppiato 2 Disaccoppiato Istruzioni operative, 12/

66 Dati tecnici 10.5 Forme costruttive Riduttori a vite senza fine elicoidale CHF28 Figura 10-3 Forme costruttive per CHF28 64 Istruzioni operative, 12/2012

67 Dati tecnici 10.5 Forme costruttive Riduttori ad assi ortogonali BHF38, BHB38 Figura 10-4 Forme costruttive per BHF38, BHB38 Figura 10-5 Posizione dell'albero di trasmissione Istruzioni operative, 12/

68 Dati tecnici 10.5 Forme costruttive Riduttori a vite senza fine elicoidale CHZ48, CHF48, CHF68 Figura 10-6 Forme costruttive per CHZ48, CHF48, CHF68 Figura 10-7 Posizione dell'albero di trasmissione 66 Istruzioni operative, 12/2012

69 Dati tecnici 10.5 Forme costruttive Riduttori ad assi ortogonali KHZ48, KHF48, KHF68 Figura 10-8 Forme costruttive per KHZ48, KHF48, KHF68 Figura 10-9 Posizione dell'albero di trasmissione Istruzioni operative, 12/

70 Dati tecnici 10.6 Quantità olio 10.6 Quantità olio ATTENZIONE Una quantità di olio sbagliata provoca il danneggiamento del riduttore Le quantità di olio in litri riportate nella tabella hanno valore indicativo per la sostituzione dell'olio. Esse sono utili, ad esempio, ai fini dell'approvvigionamento e dell'acquisto del lubrificante. I valori esatti dipendono dal numero di rapporti e dal rapporto di trasmissione del riduttore. Controllare il livello dell'olio prima della messa in servizio. Tabella 10-3 Quantità d'olio [l] per i riduttori dei convogliatori aerei Tipo Forma costruttiva B5-01 B5-03 B5-02 B5-00 V1-00 V3-00 CHF28 0,4 0,6 0,8 0,45 0,8 0,6 BHF38, BHB38 0,5 1,2 1,6 1,1 1,3 1,0 CHZ48, CHF48 1,4 2,0 2,1 1,9 1,5 1,8 CHF68 3,0 3,9 4,6 3,7 3,3 3,4 KHZ48, KHF48 1,4 2,3 2,4 1,8 2,0 2,2 KHF68 3,2 3,6 4,4 3,0 3,3 3,5 68 Istruzioni operative, 12/2012

71 Parti di ricambio Gestione dei pezzi di ricambio Una scorta delle più importanti parti di ricambio e di quelle soggette ad usura assicura un esercizio senza interruzioni del riduttore o del motoriduttore. ATTENZIONE Per tale ragione l'installazione e/o l'utilizzo di parti meno pregiate può in certi casi modificare negativamente le caratteristiche costruttive del motoriduttore, alterandone la sicurezza attiva e/o passiva Si ricorda espressamente che le parti di ricambio e gli accessori forniti da terze parti non sono stati controllati e omologati da Siemens. Siemens AG non assume responsabilità o garanzia alcuna per danni risultanti dall'impiego di ricambi ed accessori non originali. Assumiamo garanzia solo per i pezzi di ricambio originali da noi forniti. Si prega di tenere presente che spesso nel caso di singoli pezzi sussistono particolari specificazioni di produzione/consegna e che noi forniamo pezzi di ricambio sempre secondo il più recente livello della tecnica e le ultime prescrizioni vigenti in materia. Nell'ordinare le parti di ricambio si prega di indicare i dati seguenti: Per il numero di stabilimento vedere la targhetta dei dati tecnici 5 Per la denominazione del tipo vedere la targhetta dei dati tecnici 3 Numero del pezzo (numero di posizione a 3 cifre inserito nella lista dei ricambi, numero categorico a 6 cifre oppure numero dell'articolo a 7 cifre) Numero di pezzi SIEMENS IEC60034 KAF108-LA160L4-L150/100GH 2KJ1506-5JR13-2FD1-Z IP55 FDU1001/ nnn 254kg (IM) H-01-A G. 6.2L OIL CLP PG VG220 i= Hz 113/min 60Hz 136/min 1266Nm fb= Nm fb=1.5 3~Mot. ThCl.155(F) TP-PTC 100Nm V AC 50Hz 400/690V D/Y 60Hz 460V Y 29/16.74A cosphi A cosphi kW IE1-90% 1460/min 15kW 1755/min SIEMENS Figura 11-1 Esempio di targhetta dei dati tecnici MOTOX Per i motori delle serie 1LA / 1LG con targa propria resta valida la documentazione dei ricambi nelle Istruzioni operative originali. Istruzioni operative, 12/

72 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio Riduttori ad assi ortogonali BHF38, BHB38, KHF48, KHF46, KHZ48 Figura 11-2 Riduttori ad assi ortogonali BHF38, BHB38 70 Istruzioni operative, 12/2012

73 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio Figura 11-3 Riduttori ad assi ortogonali KHF48, KHF68, KHZ Scatola del riduttore Istruzioni operative, 12/

74 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio 020 Cuscinetto 022 Rondella di sostegno / rasamento 027 Anello di sicurezza 030 Cuscinetto 031 Anello di sicurezza 032 Rondella di sostegno / rasamento 050 Coperchio della scatola 051 Vite 055 Guarnizione 101 Albero di uscita 105 Chiavetta 118 Tappo / cappuccio 130 Cuscinetto 131 Rasamento 132 Anello distanziatore 135 Anello di sicurezza 140 Cuscinetto 144 Rasamento 146 Anello di sicurezza 160 Anello di tenuta dell'albero 173 Pezzo del giunto 174 Molla a compressione 182 Eccentrico 183 Perno cilindrico 184 O-ring 185 O-ring - ricambio opzionale, non incluso nella dotazione di base 186 Rondella di sostegno / rasamento 187 Anello di sicurezza 188 Anello elastico di arresto 190 Bullone 205 Vite 210 Dado 220 Guarnizione 301 Pignone di innesto 305 Ruota dentata cilindrica 320 Coppia di ruote coniche 331 Chiavetta 335 Anello di sicurezza 401 Tappo a vite Lista delle parti di ricambio per riduttori ad assi ortogonali BH.38, KH Istruzioni operative, 12/2012

75 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio Riduttori a vite senza fine elicoidale CHF28, CHF48, CHF68, CHZ Scatola del riduttore 020 Cuscinetto 021 Anello di sicurezza 022 Rondella di sostegno / rasamento 023 Anello distanziatore 025 Cappuccio Istruzioni operative, 12/

76 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio 030 Cuscinetto 031 Anello di sicurezza 032 Rondella di sostegno / rasamento 035 Cappuccio 040 Cuscinetto 050 Coperchio della scatola 051 Vite 055 Guarnizione 101 Albero di uscita 105 Chiavetta 118 Cappuccio 130 Cuscinetto 135 Anello di sicurezza 140 Cuscinetto 146 Anello di sicurezza 160 Anello di tenuta dell'albero 173 Pezzo del giunto 174 Molla a compressione 182 Eccentrico 183 Perno cilindrico 184 O-ring 185 O-ring - ricambio opzionale, non incluso nella dotazione di base 186 Rondella di sostegno / rasamento 187 Anello di sicurezza 188 Anello elastico di arresto 190 Bullone 301 Albero a vite senza fine 305 Ruota elicoidale 306 Cuscinetto a sfere scanalate 307 Anello di sicurezza 308 Anello di sicurezza 309 Rondella di sostegno / rasamento 312 Anello di tenuta dell'albero 313 Anello lanciaolio 340 Albero a pignone 345 Ruota dentata cilindrica 351 Rasamento 401 Tappo a vite Figura 11-4 Riduttori a vite senza fine elicoidale CHF28 74 Istruzioni operative, 12/2012

77 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio 001 Scatola del riduttore 020 Cuscinetto 030 Cuscinetto 032 Rondella di sostegno / rasamento 035 Anello di sicurezza 037 Anello di sicurezza 040 Flangia di uscita 045 Vite 070 Cappuccio 101 Albero di uscita 105 Chiavetta 130 Cuscinetto a rulli cilindrici 131 Rondella di sostegno / rasamento 132 Anello distanziatore Istruzioni operative, 12/

78 Parti di ricambio 11.2 Liste dei pezzi di ricambio 135 Anello di sicurezza 140 Cuscinetto 141 Rondella di sostegno / rasamento in CHF Rondella di sostegno / rasamento 145 Anello di sicurezza 146 Anello di sicurezza 160 Anello di tenuta dell'albero 170 Mozzo del giunto 171 Rondella di sostegno / rasamento in CH.48 ) 172 Anello di sicurezza in CH Pezzo del giunto 174 Molla a compressione 175 Chiavetta 176 Perno di spinta 177 Rondella di sostegno / rasamento in CHZ Coperchio 181 Vite 182 Pezzo curvo 184 O-ring 185 O-ring - ricambio opzionale, non incluso nella dotazione di base 186 Rondella di sostegno / rasamento 187 Anello di sicurezza 190 Leva di comando 191 Vite 192 Spina elastica 193 Bullone 194 Manicotto / bussola 195 Dado 196 Anello di sicurezza 201 Piastra di adattamento 205 Vite 210 Vite 220 Guarnizione 225 Guarnizione 301 Pignone di innesto 305 Ruota dentata cilindrica 331 Chiavetta 335 Anello di sicurezza 340 Albero a vite senza fine 345 Ruota elicoidale 346 Chiavetta 430 Vite ad anello Figura 11-5 Riduttori a vite senza fine elicoidale CHF48, CHF68, CHZ48 76 Istruzioni operative, 12/2012

79 Dichiarazione d'incorporazione 12 Dichiarazione d'incorporazione secondo la Direttiva 2006/42/CE Appendice II 1 B. Il costruttore Siemens AG, Tübingen, Germania, dichiara quanto segue per le macchine incomplete riduttori dei convogliatori aerei MOTOX BHF38, BHB38, KHF48, KHF68, KHZ48, CHF28, CHF48, CHF68, CHZ48: Sono state prodotte le documentazioni tecniche speciali secondo l'appendice VII B. Sono applicate e rispettate le norme fondamentali di sicurezza e i requisiti per la protezione della salute espressi nella Direttiva 2006/42/CE Appendice I: 1.1, 1.1.2, 1.1.3, , , 1.3.2, 1.3.3, 1.3.4, 1.3.6, , 1.4.2, , 1.5.2, 1.5.4, 1.5.5, 1.5.6, 1.5.8, 1.5.9, , , , , , , 1.7.2, 1.7.3, 1.7.4, , , Una macchina incompleta può essere messa in servizio solo se è stato stabilito che la macchina nella quale deve essere incorporata è conforme alle prescrizioni della Direttiva 2006/42/CE. Il costruttore si impegna a trasmettere alle autorità nazionali, dietro richiesta specifica motivata, la documentazione tecnica speciale relativa alla macchina incompleta in forma elettronica. Responsabile della documentazione tecnica specifica: Georg Böing, Head of Research and Development Gears. Tübingen, il Georg Böing Head of Research & Development Gears Lothar Hirschberger Head of Quality Management Istruzioni operative, 12/

Motori LA / LG BA 2320. Istruzioni operative 12/2012 MOTOX. Answers for industry.

Motori LA / LG BA 2320. Istruzioni operative 12/2012 MOTOX. Answers for industry. Motori LA / LG Istruzioni operative 12/2012 MOTOX Answers for industry. Avvertenze generali e di sicurezza 1 2 Descrizione tecnica MOTOX Motori LA / LG Istruzioni operative Entrata della merce, trasporto

Dettagli

INDICAZIONI PER LA SICUREZZA Funzionamento Trasporto Manutenzione

INDICAZIONI PER LA SICUREZZA Funzionamento Trasporto Manutenzione INDICE 1.0 Indicazioni per la sicurezza 1.1 Obblighi fondamentali 1.2 Tutela ambientale 1.3 Pericoli particolari ed equipaggiamenti di protezione personale 2.0 Trasporto 2.1 Volume della fornitura 2.2

Dettagli

IT_100225283 / Rev. Stand 004

IT_100225283 / Rev. Stand 004 Istruzioni per l'uso Riduttore epicicloidale standard PLS / WPLS / PLV / PLS-HP / PLF-HP PLN / WPLN / WGN / PLFN PSN / PSFN PLE / WPLE / PLFE PLPE / WPLPE / PLHE IT_100225283 / Rev. Stand 004 1 Sommario

Dettagli

BA 2330 SIMOGEAR. Motori LA/LE/LES per montaggio su riduttore SIMOGEAR BA 2330. Avvertenze generali e di sicurezza. Descrizione tecnica

BA 2330 SIMOGEAR. Motori LA/LE/LES per montaggio su riduttore SIMOGEAR BA 2330. Avvertenze generali e di sicurezza. Descrizione tecnica Avvertenze generali e di sicurezza 1 Descrizione tecnica 2 SIMOGEAR Motori LA/LE/LES per montaggio su riduttore SIMOGEAR Istruzioni operative Entrata della merce, trasporto e magazzinaggio 3 Montaggio

Dettagli

4. STATO DI FORNITURA

4. STATO DI FORNITURA 4. STATO DI FORNITURA 4.1 Targhetta di identificazione e codice Ogni riduttore è dotato di una targhetta di identificazione che riporta le principali informazioni. La targhetta deve essere mantenuta visibile

Dettagli

PRESCRIZIONI SULLA SICUREZZA USO E MANUTENZIONE DEL PRODOTTO

PRESCRIZIONI SULLA SICUREZZA USO E MANUTENZIONE DEL PRODOTTO ISTRUZIONI DI SERVIZIO PRESCRIZIONI SULLA SICUREZZA USO E MANUTENZIONE DEL PRODOTTO 12/2001-1 - Indicazioni sulle misure di sicurezza ed istruzioni speciali per i motori trifase, motori autofrenanti, motori

Dettagli

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE MORATTO S.R.L. Electrical Machinery I 31030 PERO DI BREDA (Treviso) Italy Via A Volta, 2 Tel. +390422904032 fax +39042290363 www. moratto.it - moratto@moratto.it MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE

Dettagli

19 Ispezione e Manutenzione del MOVI-SWITCH

19 Ispezione e Manutenzione del MOVI-SWITCH Intervalli di ispezione e di manutenzione Ispezione e Manutenzione del MOVISWITCH Utilizzare solo parti di ricambio originali secondo la lista delle parti di ricambio valida. Attenzione pericolo di ustioni:

Dettagli

BMW-Motorrad. Smontaggio della protezione motore

BMW-Motorrad. Smontaggio della protezione motore Smontaggio della protezione motore Smontare le viti (8) e (7) con la rondella (6). Togliere i dadi (9) e rimuovere la protezione del motore (1). Smontare il tampone (3). Smontare il dado (5). Estrarre

Dettagli

Traduzione delle istruzioni d'uso originali Dispositivo di sollevamento Z 70 /...

Traduzione delle istruzioni d'uso originali Dispositivo di sollevamento Z 70 /... Traduzione delle istruzioni d'uso originali Dispositivo di sollevamento Z 70 /... Indice 1. Dispositivo di sollevamento / uso previsto 2. Basi giuridiche 3. Indicazioni ed informazioni generali 4. Indicazioni

Dettagli

Istruzioni per l'uso. Presa da muro / presa volante > 8575/13 > 8575/14

Istruzioni per l'uso. Presa da muro / presa volante > 8575/13 > 8575/14 Istruzioni per l'uso Presa da muro / presa volante > 8575/13 > 8575/14 Indice 1 Indice 1 Indice...2 2 Dati generali...2 3 Avvertenze per la sicurezza...3 4 Conformità alle norme...3 5 Funzione...4 6 Dati

Dettagli

FILTRO PER LA DISAREAZIONE AUTOMATICA DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

FILTRO PER LA DISAREAZIONE AUTOMATICA DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO CB AQA THERM FILTRO PER LA DISAREAZIONE AUTOMATICA DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

Dettagli

Manuale d'istruzioni Tagliagiunti FSG620

Manuale d'istruzioni Tagliagiunti FSG620 Manuale d'istruzioni Indice 001 10987480 it / 07.11.2008 Congratulazioni! Con HYDROSTRESS Lei ha scelto un apparecchio di sperimentata efficacia e costruito secondo standard tecnologici di avanguardia.

Dettagli

Rinvii angolari. Catalogo 01/12

Rinvii angolari. Catalogo 01/12 Rinvii angolari Catalogo 01/12 INDICE Descrizione rinvii angolari... pag. 2 Caratteristiche costruttive... pag. 2 Materiali e componenti... pag. 3 Selezione di un rinvio angolare... pag. 4 Potenza termica...

Dettagli

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella /I Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri Questo manuale di uso e manutenzione è valido solo per cilindri idraulici Atos e si propone di fornire utili informazioni

Dettagli

R35/8G R60/8G R120/3G. Istruzioni per l uso Operatori tubolari a corrente continua. Informazioni importanti per l allacciamento elettrico.

R35/8G R60/8G R120/3G. Istruzioni per l uso Operatori tubolari a corrente continua. Informazioni importanti per l allacciamento elettrico. R35/8G R60/8G R120/3G IT Istruzioni per l uso Operatori tubolari a corrente continua Informazioni importanti per l allacciamento elettrico. Istruzioni per l uso Indice Introduzione... 4 Garanzia... 4 Istruzioni

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO (Traduzione) Argano a fune Tipo 4202.0,5 4585.0,5 4585.0,75

ISTRUZIONI PER L'USO (Traduzione) Argano a fune Tipo 4202.0,5 4585.0,5 4585.0,75 1. Gruppi utente Mansione Operatore Personale specializzato ISTRUZIONI PER L'USO (Traduzione) Argano a fune Tipo 4202.0,5 4585.0,5 4585.0,75 Uso, controllo visivo Montaggio, smontaggio, riparazione, manutenzione

Dettagli

Direttiva per trasporto, imballo e handling

Direttiva per trasporto, imballo e handling Direttiva per trasporto, imballo e handling La presente direttiva contiene disposizioni di carattere generale per quanto concerne il trasporto, l'imballo e l'handling di macchine e forniture della ditta

Dettagli

MANUALE D USO VENTILATORI CENTRIFUGHI. MA.PI Sas PADERNO DUGNANO (MI) Via F.lli DI Dio, 12 Tel. 02/9106940 Fax 02/91084136

MANUALE D USO VENTILATORI CENTRIFUGHI. MA.PI Sas PADERNO DUGNANO (MI) Via F.lli DI Dio, 12 Tel. 02/9106940 Fax 02/91084136 MANUALE D USO VENTILATORI CENTRIFUGHI MA.PI Sas PADERNO DUGNANO (MI) Via F.lli DI Dio, 12 Tel. 02/9106940 Fax 02/91084136 AVVERTENZE TECNICHE DI SICUREZZA SULL' ASSISTENZA MANUTENTIVA Questo Manuale d'uso

Dettagli

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE ELECTRO ADDA S.p.A COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE 23883 BEVERATE di BRIVIO (LECCO) ITALY Via Nazionale, 8 Tel. 039 / 5320621 Fax 039 / 5321335 E-mail electro.adda@electroadda.it Istruzioni per l uso e la

Dettagli

Manuale di istruzioni Sega a muro EX

Manuale di istruzioni Sega a muro EX Manuale di istruzioni Sega a muro EX Indice 005 10989048 it / 10.05.2010 Congratulazioni! Con TYROLIT Hydrostress avete scelto un apparecchio di sperimentata efficacia costruito secondo standard tecnologici

Dettagli

VDLPROM2 SET LUCI DISCO MANUALE UTENTE

VDLPROM2 SET LUCI DISCO MANUALE UTENTE VDLPROM2 SET LUCI DISCO MANUALE UTENTE 1. Introduzione MANUALE UTENTE A tutti i residenti nell Unione Europea Importanti informazioni ambientali relative a questo prodotto Questo simbolo riportato sul

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI Rev. 00 del 04/10/2013 LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI La LGB s.r.l. Vi ringrazia per l acquisto dei propri prodotti. Per un uso sicuro, efficace, efficiente e corretto del Vostro prodotto LGB s.r.l.,

Dettagli

CP-Ares. Manuale operativo. 2022-D020863 Revisione: 04

CP-Ares. Manuale operativo. 2022-D020863 Revisione: 04 2022-D020863 04 Manuale operativo 2022-D020863 Revisione: 04 Cronologia delle revisioni Revisione Data Commento Capitolo 01 22.11.2005 Nuova versione Tutti 02 01.07.2008 Layout WITTENSTEIN Tutti 03 01.08.2009

Dettagli

FLENDER gear units. Trasmissione per cilindri levigatori. GHZP, GHDP Grandezza da 360 a 2680

FLENDER gear units. Trasmissione per cilindri levigatori. GHZP, GHDP Grandezza da 360 a 2680 Trasmissione per cilindri levigatori GHZP, GHDP Grandezza da 360 a 2680 Istruzioni per il montaggio e d esercizio FLENDER gear units Trasmissione per cilindri levigatori GHZP, GHDP Grandezza da 360 a 2680

Dettagli

Istruzioni di montaggio e installazione

Istruzioni di montaggio e installazione 1.26 1.45 TIP Aerotermi 1.57 Aerotermo con ventilatore trifase a 2 velocità Custodire con cura per l utilizzo futuro! Leggere con cura prima della messa in servizio! I 369/01/10/1 IT 1.57 TIP Aerotermi

Dettagli

Istruzioni per il montaggio

Istruzioni per il montaggio Istruzioni per il montaggio Indicazioni importanti sulle Istruzioni per il montaggio VOSS Per ottenere dai prodotti VOSS un rendimento ottimale e la massima sicurezza di funzionamento, è importante rispettare

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI INDICAZIONI SULL USO E LA SICUREZZA

MANUALE DI ISTRUZIONI INDICAZIONI SULL USO E LA SICUREZZA I MANUALE DI ISTRUZIONI INDICAZIONI SULL USO E LA SICUREZZA I PREMESSA Questo manuale è conforme alle disposizioni della direttiva macchine 98/37/CE. Il manuale è da considerarsi parte integrante della

Dettagli

SIMATIC. Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software. Aggiornamento software 1

SIMATIC. Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software. Aggiornamento software 1 Aggiornamento software 1 SIMATIC Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software Manuale di installazione Valido solo per l'aggiornamento del software SIMATIC

Dettagli

SC3195 SC3110 SC705 SC3195 SC710. KF-SC750-R0 PAG 2 di 15. max. 2700 mm. max. 100 kg. 10 mm

SC3195 SC3110 SC705 SC3195 SC710. KF-SC750-R0 PAG 2 di 15. max. 2700 mm. max. 100 kg. 10 mm SC3195 SC705 SC3195 SC710 max. 100 kg 10 mm max. 2700 mm KF-SC750-R0 PAG 2 di 15 Informazioni sui prodotti per sistemi di porte scorrevoli: Conformemente alla responsabilità del produttore per i suoi prodotti,

Dettagli

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2.

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2. Manuale d istruzioni 1 Sommario 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2 3 Sicurezza 2 4 Trasporto e immagazzinamento 2 4.1 Sollevamento 2 4.2 Immagazzinamento

Dettagli

Istruzioni d uso e di montaggio

Istruzioni d uso e di montaggio Edizione 04.06 Istruzioni d uso e di montaggio Freno a molla FDW Classe di protezione IP 65 - modello protetto contro la polvere zona 22, categoria 3D, T 125 C (polvere non conduttiva) Leggere attentamente

Dettagli

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale.

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Viega Megapress Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Descrizione sistema Impiego previsto Il sistema Megapress è adatto all impiego per impianti di riscaldamento, raffreddamento

Dettagli

S.p.A. VASCA AUTOMATICA. art. 165 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE MANUALE PEZZI DI RICAMBIO L1651IS001

S.p.A. VASCA AUTOMATICA. art. 165 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE MANUALE PEZZI DI RICAMBIO L1651IS001 S.p.A. VASCA AUTOMATICA I T A L I A N O art. 165 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE MANUALE PEZZI DI RICAMBIO L1651IS001 I T A L I A N O Prima dell utilizzo applicare sulla macchina le targhette

Dettagli

DVG-H / DVG-V. F200, F300, F400 EN 12101-3 (400 c, 120 min) MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

DVG-H / DVG-V. F200, F300, F400 EN 12101-3 (400 c, 120 min) MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE DVG-H / DVG-V F200, F300, F400 EN 12101-3 (400 c, 120 min) DVG-H/F400 DVG-V/F400 MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE Indice 1 Applicazioni... 3 2 Descrizione tecnica... 3 3 Trasporto e immagazzinamento...

Dettagli

Servomotore Brushless Serie-Y

Servomotore Brushless Serie-Y Istruzioni per l installazione Servomotore Brushless Serie-Y (Numero Catalogo Y-1002-1, Y-1002-2, Y-1003-1, Y-1003-2, Y-2006-1, Y-2006-2, Y-2012-1, Y-2012-2, e Y-3023-2) Queste istruzioni d installazione

Dettagli

Al fine di ottimizzare le condizioni di lavoro e prolungare la durata del riduttore si consiglia una velocità di entrata < 1400 rpm.

Al fine di ottimizzare le condizioni di lavoro e prolungare la durata del riduttore si consiglia una velocità di entrata < 1400 rpm. G SIMBOLI P = Potenza (Kw) i = Rapporto T = Coppia (Nm) n = Numero giri (giri/min) Fr = Carico Radiale (N) Fa = Carico Assiale (N) f.s. = Fattore di Servizio D = Diametro (mm) 1 Kw = 1,36 HP 9,81 N= 1

Dettagli

Sega a disco idraulica. HCS14 Pro HCS16 Pro HCS18 Pro. HYCON A/S Juelstrupparken 11 DK-9530 Støvring Danimarca

Sega a disco idraulica. HCS14 Pro HCS16 Pro HCS18 Pro. HYCON A/S Juelstrupparken 11 DK-9530 Støvring Danimarca Sega a disco idraulica HCS14 Pro HCS16 Pro HCS18 Pro HYCON A/S Juelstrupparken 11 DK-9530 Støvring Danimarca Tel: +45 9647 5200 Fax: +45 9647 5201 Mail: hycon@hycon.dk www.hycon.dk Indice Pagina 1. Misure

Dettagli

Istruzioni d'esercizio Ingranaggio elicoidale

Istruzioni d'esercizio Ingranaggio elicoidale GFC AntriebsSysteme GmbH Grenzstr. 5 01640 Coswig Tel.: +49 (0) 3523 94-60 Fax: +49 (0) 35 23/74-142 email: gfc-antriebe@gfc-antriebe.de Internet: www.gfc-antriebe.de Istruzioni d'esercizio Ingranaggio

Dettagli

TP + Manuale operativo. 2022-D033543 Revisione: 02

TP + Manuale operativo. 2022-D033543 Revisione: 02 2022-D033543 02 TP + Manuale operativo 2022-D033543 Revisione: 02 TP + Cronologia delle revisioni Revisione Data Commento Capitolo 01 07.05.09 Nuova versione Tutti 02 01.08.09 Direttiva macchine 1, 2,

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza

Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Leonardo Vita Leonardo.vita@ispesl.it Marco Pirozzi marco.pirozzi@ispesl.it L albero cardanico L albero cardanico é un organo meccanico

Dettagli

Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad entrata dall'alto

Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad entrata dall'alto Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad entrata dall'alto Agitatori Serie 10 L'agitatore della ben sperimentata serie 10 non è un comune agitatore. In migliaia di installazioni e centinaia

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo.

Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo. Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo. www.meyle.com Chi ha subito questo danno, dovrebbe al più presto possibile procurarsi dei pezzi di ricambio rinforzati. Supporti idraulici

Dettagli

Istruzioni per la manutenzione X-Ercise

Istruzioni per la manutenzione X-Ercise Istruzioni per la manutenzione X-Ercise Procedure di manutenzione X-Ercis 1/9 Kompan A/S 21122011 KylHam Istruzioni per la manutenzione INTRODUZIONE 3 PROCEDURE DI MANUTENZIONE SPECIFICHE 4 NOTE GENERALI

Dettagli

Progetto di un riduttore ad ingranaggi

Progetto di un riduttore ad ingranaggi DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE Laurea in Ingegneria Meccanica (N.O.) Progetto di un riduttore ad ingranaggi Specifiche tecniche del progetto - rapporto di trasmissione 0.3 < τ < 0.5 - interasse 150mm

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP Prefazione Guida alla documentazione dell'et 200SP 1 SIMATIC ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Manuale del prodotto Panoramica del prodotto 2 Parametri/area di indirizzi 3 Dati tecnici 4 Set

Dettagli

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr.

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr. Modell 1256 03.0/2011 Art.-Nr. 684112 560725 Fonterra Kleinflächenregelstation A 2 Fonterra Kleinflächenregelstation B C D E F G 3 Istruzioni per l uso della stazione di regolazione per superfici ridotte

Dettagli

Volano bimassa GUIDA ALLA DIAGNOSI

Volano bimassa GUIDA ALLA DIAGNOSI Volano bimassa GUIDA ALLA DIAGNOSI Il volano bimassa è ormai montato su quasi tutte le diesel e su molte auto a benzina e a differenza di quello classico talvolta manifesta rumorosamente il suo cattivo

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2.

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2. Manuale d istruzioni 1 Sommario 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2 3 Sicurezza 2 4 Trasporto e immagazzinamento 2 4.1 Sollevamento 2 4.2 Immagazzinamento

Dettagli

POZZETTO TERMOMETRICO

POZZETTO TERMOMETRICO Industrial instrumentation for Pressure and Temperature ITA Manuale d uso MI-TW-ITA_2 10/2014 Copyright Nuova Fima S.p.A. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta

Dettagli

Tenuta meccanica RG-4 stazionaria, doppia, con sistema otturatore

Tenuta meccanica RG-4 stazionaria, doppia, con sistema otturatore Serie SCK ISTRUZIONI D'USO E MONTAGGIO Traduzione delle istruzioni originali Tenuta meccanica RG-4 stazionaria, doppia, con sistema otturatore Conservare per impieghi futuri! Osservare scrupolosamente

Dettagli

MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE

MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE MANUALE ISTRUZIONI PARTI FRENANTI MM-2CA-rev 00-IT AVVERTENZE GENERALI SULLA SICUREZZA...3 I MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI...4

Dettagli

Tablet PC. Indicazioni di securezza. Questo opuscolo di sicurezza fa parte della documentazione. Conservarlo insieme al resto della documentazione.

Tablet PC. Indicazioni di securezza. Questo opuscolo di sicurezza fa parte della documentazione. Conservarlo insieme al resto della documentazione. Tablet PC Indicazioni di securezza Questo opuscolo di sicurezza fa parte della documentazione. Conservarlo insieme al resto della documentazione. MSN 4004 6473 1. Informazioni relative al presente manuale

Dettagli

Alternatori Bassa Tensione - 4 poli Stoccaggio

Alternatori Bassa Tensione - 4 poli Stoccaggio Questo è il manuale dell alternatore che avete appena acquistato. Ora, desideriamo richiamare la vostra attenzione sul contenuto di questo manuale di manutenzione. LE MISURE DI SICUREZZA Prima di mettere

Dettagli

specialvetroserramenti s.r.l.

specialvetroserramenti s.r.l. specialvetroserramenti s.r.l. SEDE AMMINISTRATIVA E STABILIMENTO IN: 20020 SOLARO (MI) - VIA DELLA FERROVIA, 3 TEL. 02.9621921/2 - TELEFAX 02.96702078 www.specialvetroserramenti.it - e-mail: info@specialvetroserramenti.it

Dettagli

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2 Istruzioni per l uso Interruttore salvamotore > Indice 1 Indice 1 Indice...2 2 Dati generali...2 2.1 Costruttore...2 2.2 Dati relativi alle istruzioni per l uso...2 2.3 Conformità a norme e disposizioni...3

Dettagli

ATTUATORE PNEUMATICO A CILINDRO SERIE 1-X-431 con COMANDO MANUALE SERIE 1-X-4006 ISTRUZIONI PER INSTALLAZIONE - IMPIEGO - MANUTENZIONE

ATTUATORE PNEUMATICO A CILINDRO SERIE 1-X-431 con COMANDO MANUALE SERIE 1-X-4006 ISTRUZIONI PER INSTALLAZIONE - IMPIEGO - MANUTENZIONE ISTRUZIONI PER INSTALLAZIONE - IMPIEGO - MANUTENZIONE MAN0059I / Rev.0 LIMITAZIONI D'USO: NTG 76/556 ATTUATORE PNEUMATICO A CILINDRO SERIE 1-X-431 con COMANDO MANUALE SERIE 1-X-4006 - 2 - MAN0059I / Rev.0

Dettagli

Unità lineari KGT Istruzioni di montaggio

Unità lineari KGT Istruzioni di montaggio Unità lineari KGT Istruzioni di montaggio Indice 1. Indicazioni generali 1.1 Indicazioni generali di pericolo 3 1.2 Uso previsto 3 1.3 Scelta delle unità con viti a ricircolo di sfere adeguate 4 1.4 Utilizzo

Dettagli

Istruzioni d uso. Unità elettronica VEGASWING 66. Document ID: 44768

Istruzioni d uso. Unità elettronica VEGASWING 66. Document ID: 44768 Istruzioni d uso Unità elettronica VEGASWING 66 Document ID: 44768 Sommario Sommario 1 Il contenuto di questo documento 1.1 Funzione... 3 1.2 Documento destinato ai tecnici... 3 1.3 Significato dei simboli...

Dettagli

Manuale d istruzioni Sega a filo CCE25 / CCH25

Manuale d istruzioni Sega a filo CCE25 / CCH25 Manuale d istruzioni Sega a filo Indice 003 10991957 it / 08.08.2011 Congratulazioni! Con TYROLIT Hydrostress Hydrostress avete scelto un apparecchio di sperimentata efficacia costruito secondo standard

Dettagli

Istruzioni di manutenzione

Istruzioni di manutenzione Istruzioni di manutenzione CR, CRN 120 e 150 50/60 Hz 3~ 1. Identificazione del modello... 2 1.1 Targhetta identificativa... 2 1.2 Codice del modello... 2 2. Coppie di serraggio e lubrificanti... 3 3.

Dettagli

Viti a ricircolo di sfere KGT Viti trapezoidali TGT

Viti a ricircolo di sfere KGT Viti trapezoidali TGT Istruzioni per il montaggio e la manutenzione Viti a ricircolo di sfere KGT Viti trapezoidali TGT Indice 1.1 Significato delle istruzioni per l uso... 2 1.2 Uso conforme alla destinazione... 3 1.3 Obblighi

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio. Unità di azionamento. Avvertenze sulla sicurezza. al personale specializzato. per Vitoligno 300-C

VIESMANN. Istruzioni di montaggio. Unità di azionamento. Avvertenze sulla sicurezza. al personale specializzato. per Vitoligno 300-C Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Unità di azionamento per Vitoligno 300-C Avvertenze sulla sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente alle avvertenze sulla sicurezza

Dettagli

CAB 0029; 0030; 0031

CAB 0029; 0030; 0031 CAB 0029; 0030; 0031 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 3 II. III. IV. SCHEMI ELETTRICI........ 1. Schema elettrico AC 3-N-400 50/60 Hz.. 2. Schema elettrico AC 3-230 50/60 Hz.. 3. Schema elettrico

Dettagli

Deceleratori per Carichi Pesanti LDS 25. Tecnica d ammortizzo. CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D. F m. www.weforma.com

Deceleratori per Carichi Pesanti LDS 25. Tecnica d ammortizzo. CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D. F m. www.weforma.com Deceleratori per Carichi Pesanti Tecnica d aortizzo CLCOLO on-line e download CD 2D / 3D F m V S Principio di funzionamento Testina in acciaio Stelo del pistone Valvola di riempimento per l zoto Guarnizione

Dettagli

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI CONTENUTO INTRODUZIONE Pag. 3 INGRASSARE

Dettagli

Taglierina elettrica K3952

Taglierina elettrica K3952 Taglierina elettrica K3952 INDICE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA... 3 INSTALLAZIONE... 4 DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO... 4 SPECIFICHE TECNICHE DELLE TAGLIERINE ELETTRICHE... 4 TRASPORTO... 5 SISTEMAZIONE

Dettagli

SPRAYFILM WB II SC. Caratteristiche tecniche e prestazioni

SPRAYFILM WB II SC. Caratteristiche tecniche e prestazioni Sprayfilm WBII SC è un prodotto verniciante intumescente a base acqua, per la protezione contro il fuoco di strutture in acciaio, con formulazione specifica per sezioni cave ed applicabile su ogni tipo

Dettagli

UNITÀ DI SOSPENSIONE ZPMZ 120/292 Manuale d'uso

UNITÀ DI SOSPENSIONE ZPMZ 120/292 Manuale d'uso UNITÀ DI SOSPENSIONE ZPMZ 120/292 Manuale d'uso Edizione 08/2010 Valida per i componenti in versione R- Traduzione del manuale originale 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Informazioni generali...3 1.2 Caratteristiche

Dettagli

Istruzioni per l'uso DRT - "Utensile rotante"

Istruzioni per l'uso DRT - Utensile rotante Istruzioni per l'uso DRT - "Utensile rotante" Versione Menu 003 1.20 DRT Serie G3 Indice 1 Introduzione.................................................3 2 Descrizione del prodotto.......................................4

Dettagli

Istruzioni d installazione

Istruzioni d installazione Istruzioni d installazione Accessori Tubazioni di collegamentocaldaia-accumulatore Logano plus GB225-Logalux LT300 Per i tecnici specializzati Leggere attentamente prima del montaggio. 6 720 642 640 (01/2010)

Dettagli

Alimentazione pellet con coclea flessibile

Alimentazione pellet con coclea flessibile Istruzioni di montaggio e di servizio per il personale specializzato VIESMANN Alimentazione pellet con coclea flessibile per Vitoligno 300-P Avvertenze sulla sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

Passione per servizio e comfort.

Passione per servizio e comfort. Istruzioni di montaggio e manutenzione SK750 - SK1000-1 ZB Modelli e brevetti depositati Réf.: 6 70 615 13 Passione per servizio e comfort. Note 1 Note generali...............................................

Dettagli

Manuale di uso e manutenzione

Manuale di uso e manutenzione Manuale di uso e manutenzione INDICE 1 - INTRODUZIONE...pag. 4 1.1 - Simbologia utilizzata nel manuale... pag. 4 2 - SICUREZZA...pag. 5 2.1 - Informazioni generali di sicurezza... pag. 5 2.2 - Dispositivi

Dettagli

Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina

Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina - Trasmissioni Industriali S.a.s. - Via Lago di Annone,15 36015 Z.I. Schio ( VI ) Tel. 0445/500142-500011 Fax. 0445/500018 NUOVO SITO GIFLEX GF CON MANICOTTO

Dettagli

Impianti di trasporto a nastro

Impianti di trasporto a nastro Gli esperti in soluzioni di lubrificazione Impiego dei sistemi di lubrificazione perma Impianti di trasporto a nastro Lubrificazione con nastro in funzione Gli impianti di trasporto a nastro vengono utilizzati

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE STIRATRICE EASY IRON

MANUALE D USO E MANUTENZIONE STIRATRICE EASY IRON MANUALE D USO E MANUTENZIONE STIRATRICE EASY IRON IMESA S.p.A. Via degli Olmi 22 31040 Cessalto (TV), Italia tel. +39.0421.468011 fax +39.0421.468000 www.imesa.it Indice AVVERTENZE 3 1. Descrizione dell'apparecchio

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Capitolo 3 (71-108):Pag. 231/276 26-05-2008 10:03 Pagina 71. C a t a l o g o t e c n i c o C i r c o l a z i o n e D U E - 2 0 0 9

Capitolo 3 (71-108):Pag. 231/276 26-05-2008 10:03 Pagina 71. C a t a l o g o t e c n i c o C i r c o l a z i o n e D U E - 2 0 0 9 Capitolo (71-108):Pag. 21/276 26-05-2008 10:0 Pagina 71 C a t a l o g o t e c n i c o C i r c o l a z i o n e D U E - 2 0 0 9 Etanorm / Etanorm SYA Capitolo (71-108):Pag. 21/276 26-05-2008 10:0 Pagina

Dettagli

Macchine speciali ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO PRESSORE 1913. 2 086 530 x Indice AB x 2006/02 x ITALIANO P05

Macchine speciali ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO PRESSORE 1913. 2 086 530 x Indice AB x 2006/02 x ITALIANO P05 ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO PRESSORE 2 086 530 x Indice AB x 2006/02 x ITALIANO P05 Attualità del manuale Questa bordatrice è dotata di un raggruppamento fisso. Il manuale presente descrive

Dettagli

CB KKN Maxi ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO. Filtro neutralizzatore per caldaie a condensazione MANUTENZIONE ORDINARIA NOTE GENERALI DATI TECNICI

CB KKN Maxi ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO. Filtro neutralizzatore per caldaie a condensazione MANUTENZIONE ORDINARIA NOTE GENERALI DATI TECNICI CB KKN Maxi Filtro neutralizzatore per caldaie a condensazione NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO 2 AVVERTENZE

Dettagli

SCAMBIATORI DI CALORE A PIASTRE ISPEZIONABILI (art. PHE) SCAMBIATORI DI CALORE A PIASTRE SALDOBRASATI (art. SB) ISTRUZIONI TECNICHE

SCAMBIATORI DI CALORE A PIASTRE ISPEZIONABILI (art. PHE) SCAMBIATORI DI CALORE A PIASTRE SALDOBRASATI (art. SB) ISTRUZIONI TECNICHE SCAMBIATORI DI CALORE A PIASTRE ISPEZIONABILI (art. PHE) SCAMBIATORI DI CALORE A PIASTRE SALDOBRASATI (art. SB) ISTRUZIONI TECNICHE 1 ISTRUZIONI PER IL CLIENTE. Gentile cliente, La ringraziamo per la fiducia

Dettagli

Gru Serie CT - CTT City - CTT Manutenzione Generale 1 MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DELLA MACCHINA 1.1 GENERALITA 1.2 REQUISITI PER LA MANUTENZIONE DELLA GRU 1.3 PRECAUZIONI DI SICUREZZA 1.4 GRUPPI SOGGETTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Tenuta meccanica RG-4 stazionaria, singola

Tenuta meccanica RG-4 stazionaria, singola Serie SCK ISTRUZIONI D'USO E MONTAGGIO Traduzione delle istruzioni originali Tenuta meccanica RG-4 stazionaria, singola Conservare per impieghi futuri! Osservare scrupolosamente queste istruzioni durante

Dettagli

Istruzioni per l'uso RotexShoe RO.000.009 e RotexShoe RO.000.013

Istruzioni per l'uso RotexShoe RO.000.009 e RotexShoe RO.000.013 Istruzioni per l'uso RotexShoe RO.000.009 e RotexShoe RO.000.013 Queste istruzioni per l'uso contengono le istruzioni per l'utilizzo del RotexShoe RO.000.009 e del RotexShoe RO.000.013. 2 Istruzioni per

Dettagli

Mod:KCGD1/AS. Production code:kev/1

Mod:KCGD1/AS. Production code:kev/1 02/200 Mod:KCGD1/AS Production code:kev/1 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 4 II. III. IV. SCHEMA ELETTRICO....... 1. Schema elettrico AC 230 50/0 Hz.. CARATTERISTICHE GENERALI...... 1. Descrizione

Dettagli

Macchine speciali ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO DI PULITURA 1940. 2607999 x Indice AA x 05/2003 x ITALIANO P05

Macchine speciali ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO DI PULITURA 1940. 2607999 x Indice AA x 05/2003 x ITALIANO P05 ISTRUZIONI PER L USO BORDATRICE GRUPPO DI PULITURA 2607999 x Indice AA x 05/2003 x ITALIANO P05 Attualità del manuale Questa bordatrice è dotata di un raggruppamento fisso. Il manuale presente contiene

Dettagli

Istruzioni di sollevamento e assemblaggio

Istruzioni di sollevamento e assemblaggio Catalogo 122-I Metrico Istruzioni di sollevamento e assemblaggio UNITÀ CENTRIFUGHE - CONDENSATORI EVAPORATIVI RAFFREDDATORI A CIRCUITO CHIUSO - TORRI APERTE PER INTERVENTI E FORNITURE DI RICAMBI ORIGINALI

Dettagli

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 AVVERTENZE GENERALI Il manuale d installazione, d uso e manutenzione costituisce parte integrante ed essenziale della centrale aspirante monofase e deve essere

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli