N. 01/13 GENNAIO Indicatori macroeconomici 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 01/13 GENNAIO 2013. Indicatori macroeconomici 2"

Transcript

1 Indicatori macroeconomici 2 Approfondimento legislativo Emendamento della Legge sull IVA parte III..5 - Modifiche gfhkjbhkfkjdjhd ai rapporti commerciali debitori....8 Notizie dalla Slovacchia....9 N. 01/13 GENNAIO 2013 Viaggio attraverso la Slovacchia Ruzomberok...12 Notizie dall Italia Notizie dal mondo Nuove regole per lavoratori stranieri in Brasile Aumento del salario minimo brasiliano Imposta sul reddito derivante dalla partecipazione degli util EDAS NEWS GENNAIO

2 INDICATORI MACROECONOMICI DATI RELATIVI AI TRASPORTI E ALLA LOGISTICA Classificazione per ramo di attività economiche TRASPORTO E LOGISTICA Unità di misura Milioni euro 2012 GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Anno 483,3 516,2 564,5 555,7 579,8 592,4 607,8 593,9 601,2 628,6 598,8 indice 107,8 104,1 99,0 104,4 106,6 110,7 117,5 115,2 108,8 114,4 110,0 Trasporto su gomma e ferroviario Milioni euro 266,6 285,7 300,6 300,7 308,1 297,7 302,8 293,6 300,2 325,0 312,0 indice 107,4 102,9 94,2 99,4 102,4 98,2 106,2 104,0 98,7 108,2 105,0 Milioni 2,5 4,8 4,2 4,5 6,1 21,8 34,3 35,9 19,0 6,8 4,8 euro Trasporto aereo indice 72,4 178,7 94,4 104,3 119,6 294,4 402,1 302,8 255,09 106,7 111,3 Note: i valori assoluti e gli indici sono ai prezzi correnti; gli indici corrispondenti al periodo dell'anno precedente=100 Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2013 Fonte: Ufficio Statistico della Repubblica Slovacca DATI RELATIVI ALL INFLAZIONE Andamento della "core inflation" e "net inflation" nel 2012 in comparazione con il corrispondente periodo del precedente anno, in % INDICATORI 2012 GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Prezzi al consumo (totale) 3,9 3,8 3,8 3,6 3,4 3,6 3,7 3,7 3,6 3,8 3,4 3,2 Prezzi regolati 8,3 8,3 7,2 7,4 7,2 7,1 6,8 5,9 5,3 5,3 3,7 3,6 Core inflation 2,6 2,4 2,7 2,4 2,2 2,5 2,8 2,9 3,1 3,2 3,1 3,0 Prezzi per alimenti 2,7 1,9 2,9 2,0 1,4 3,2 4,1 4,5 5,0 5,9 5,7 5,8 Net inflation (senza cambi tasse indirette) 2,6 2,6 2,7 2,6 2,5 2,4 2,5 2,6 2,6 2,6 2,5 2,3 Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2013 Fonte: Ufficio Statistico della Repubblica Slovacca EDAS NEWS GENNAIO

3 DATI RELATIVI ALL OCCUPAZIONE Occupati registrati nel 2012 MESE TOTALE INDUSTRIA MINIERE E CAVE PRODUZIONE INDUSTRIALE DI CUI FORNITURA ELETTRICITA E GAS COSTRUZIONI INGROSSO escluso automobili VENDITE AL DETTAGLIO escluso automobili ALLOGGIO RISTORANTI TRASPO RTI E IMMAG AZZINA GGIO DI CUI POSTE E CORRIERI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC MEDIA Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2013 Fonte: Ufficio Statistico della Repubblica Slovacca EDAS NEWS GENNAIO

4 DATI RELATIVI ALLA DISOCCUPAZIONE Disoccupati registrati INDICATORI NUMERO TOTALE DISCOCCUPATI (migliaia di persone) INDICE (rispetto anno precedente) TASSO DI DISOCCUPAZIONE (%) trimestre 2. trimestre 3. trimestre 4. trimestre 380,3 368,0 371,3 102,2 104,2 104,7 14,1 13,6 13,7 Ultimo aggiornamento: 06 dicembre 2012 Fonte: Ufficio Statistico della Repubblica Slovacca MESE TOTALE INDUSTRIA DATI RELATIVI AI SALARI Media dei salari nominali mensili in settori selezionati per mese nel 2012 MINIERE E CAVE DI CUI PRODUZIONE INDUSTRIALE FORNITURA ELETTRICITA E GAS (calcolato per persona in ) COSTRUZIONI INGROSSO escluso automobili VENDITE AL DETTAGLIO escluso automobili ALLOGGIO RISTORANTI TRASPORTI E IMMAGAZZINAGGIO DI CUI POSTE E CORRIERI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC MEDIA Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2013 Fonte: Ufficio Statistico della Repubblica Slovacca EDAS NEWS GENNAIO

5 APPROFONDIMENTO LEGISLATIVO EMENDAMENTO N. 246/2012 DELLA LEGGE N. 222/2004 G.U. SULL'IVA CON VALIDITÀ DAL O ( 85L DAL ) TERZA PARTE Garanzia per l'imposta 21. Viene reso più rigido l'istituto della garanzia per l'imposta. Il debitore acquirente garantisce l'imposta riportata nella sua fattura di acquisto, nel caso in cui il venditore non abbia pagato l'imposta ed il debitore acquirente ne fosse al corrente, oppure se in base alle informazioni sufficienti possedute lo avrebbe dovuto o potuto sapere. Le ragioni sufficienti sono le seguenti: l'importo sulla fattura non è economicamente giustificato (inadeguatamente elevato o modesto), l'acquirente ha ricevuto l'avviso da parte dell'ufficio fiscale sulla cancellazione della registrazione del venditore [ 81 comma 4 lett. b) punto 2] tuttavia ha continuato a negoziare con il venditore, l'acquirente aveva un collegamento personale con il venditore attraverso la funzione dell'organo statutario o del socio ( 69 comma 14). 22. L'imposta riportata sulla fattura che non è stata pagata dal venditore entro la scadenza deve essere pagata dal garante acquirente ( 69 comma 14). L'ufficio fiscale tramite una decisione ordinerà al garante di pagare l'imposta non pagata; è possibile ricorrere contro tale decisione, ma senza effetto sospensivo. Se il garante applica una detrazione eccessiva, tale detrazione viene utilizzata per il pagamento dell'imposta garantita. Il garante ha diritto di visionare l'atto relativo all'imposta non pagata nei limiti necessari ad opporre un'eccezione ( 69b). 23. Il rinnovo delle disposizioni sul sostituto d imposta è volta a ridurre le frodi all'importazione di merci. L'Ufficio fiscale di Bratislava provvederà alla revoca della registrazione per l'imposta al sostituto d imposta, qualora ad esempio non presenti le dichiarazioni sulle imposte oppure i prospetti complessivi, disponga di una procura falsa oppure non abbia rappresentato alcun importatore per 12 mesi ( 69a comma 8). EDAS NEWS GENNAIO

6 Importazione di autoveicoli 24. Il debitore che compra un autoveicolo in un altro Stato membro, il quale è stato ivi registrato, da un debitore in quello Stato ai fini della successiva rivendita, e l'autoveicolo è stato spedito o trasportato nello stato nazionale, esso è obbligato a tenere registri di tale autoveicolo; i registri devono essere compresi per esempio dell'identificazione del venditore, il valore della merce, il codice VIN del veicolo, il numero dei chilometri percorsi, la data della prima messa in servizio, la data di emissione della fattura, la data del ricevimento della merce, il dato sulla consegna della merce, e quindi se la merce è stata consegnata in esenzione oppure applicando la normativa particolare relativa ai beni usati ( 70 comma 6). 25. Il debitore è obbligato a consegnare all'ufficio imposte i registri sull'acquisto di autoveicolo da un altro Stato membro per ogni periodo imponibile ( 70 comma 7). L'ufficio imposte può comminare una multa per violazione della verità e della presentazione tempestiva fino all'ammontare di 1000 ( 70 comma 8); nella definizione dell'ammontare della multa l'ufficio imposte tiene conto della gravità della violazione. Rilascio delle fatture efficacia dal La Repubblica Slovacca è obbligata ad adottare le disposizioni della direttiva 2010/45/UE del Consiglio sulla fatturazione. Per ragioni di chiarezza avviene quindi un ampio rinnovo delle intere disposizioni dal 71 fino al 76 della legge sull'iva. Lo scopo di tali disposizioni è quello di ottenere un trattamento uniforme delle fatture cartacee e delle fatture elettroniche. La fattura elettronica è la fattura che è stata emessa e ricevuta in qualsiasi formato elettronico con l'accordo dell'acquirente [ 71 comma 1 lett. b)] efficacia dal Il soggetto imponibile è obbligato a garantire l'affidabilità dell'origine, l'integrità del contenuto e la leggibilità della fattura dal suo rilascio fino alla fine del periodo di archiviazione della fattura (di solito 10 anni). Per affidabilità dell'origine della fattura si intende la conferma d'identità del fornitore. Per integrità del contenuto della fattura si intende la conservazione del contenuto della fattura. Qualsiasi formato tecnico della fattura deve essere trasferibile in forma leggibile da un essere umano ( 71) efficacia dal EDAS NEWS GENNAIO

7 28. Una delle possibilità di garantire l'affidabilità dell'origine, l'integrità del contenuto e la leggibilità della fattura è anche quella di utilizzare strumenti di controllo aziendali che garantiscano sicuramente l'assegnazione (pareggio) della fattura ai relativi documenti. In base alla nota esplicativa, la fattura del fornitore dovrebbe essere collegata per esempio all'ordine, alla conferma di rilascio di merce, al suo trasporto ed alla ricezione del pagamento; invece presso il cliente la fattura dovrebbe essere collegata alla conferma dell'ordine, al documento di trasporto, alla conferma di pagamento effettuato, al ricevimento della merce a magazzino (ricevuta) [ 71 comma 3 lett. a)] efficacia dal Viene istituita la fattura semplificata, la quale non deve contenere l'identificazione dell'acquirente ed il prezzo unitario del bene o del servizio. Per fattura semplificata si intende per esempio un documento per la prestazione fino a 100 imposta compresa oppure un documento rilasciato per obbligo dalla cassa elettronica di registrazione per i pagamenti in denaro fino a 200 oppure per i pagamenti con bancomat fino a ( 74 comma 3) - efficacia dal Viene modificato in parte il contenuto obbligatorio della fattura la fattura dovrà contenere anche le informazioni in parole, per es. "consegna in eccezione dell'imposta" oppure "fattura rilasciata da parte del cliente" oppure "trasferimento del debito fiscale, oppure correzione dell'imposizione beni usati oppure correzione dell'imposizione agenzie di viaggio ( 74 comma 1) efficacia dal Fonte: Emendamento n. 246/2012 della Legge sull IVA n. 222/2004 EDAS NEWS GENNAIO

8 MODIFICHE AI RAPPORTI COMMERCIALI DEBITORI Le modifiche più importanti relative ai rapporti commerciali debitori consistono innanzitutto nei seguenti nuovi istituti giuridici in vigore dal 1 febbraio 2013: Determinazione di un rimborso forfettario dei costi legati all esercizio del diritto di credito, Per gli organi statali viene stabilito un periodo di scadenza massimo di 30 giorni per un debito pecuniario, dal quale è possibile discostarsi tramite un contratto soltanto a condizione che tale periodo prorogato non sia evidentemente sproporzionato rispetto ai diritti e ai doveri previsti dal rapporto debitorio per il creditore; questa pattuizione individuale può essere motivata dalla natura dell oggetto dell adempimento del debito e il periodo di scadenza pattuito non può superare i 60 giorni, Per i rapporti debitori tra gli imprenditori viene definito un periodo di scadenza massimo che possa essere pattuito nel contratto, della durata di 60 giorni, con la possibilità di pattuizione individuale anche di un termine più lungo per un debito pecuniario del debitore che, tuttavia, è condizionato dal fatto che tale pattuizione non sia notevolmente sfavorevole per il creditore, Viene introdotto l istituto delle condizioni contrattuali disoneste e delle pratiche commerciali sleali. Il testo della legge è conforme alla Costituzione della Repubblica Slovacca, alle leggi costituzionali, alle convenzioni internazionali vincolanti per la Repubblica Slovacca, e, contestualmente, è conforme al diritto dell Unione Europea. Il nuovo regolamento giuridico non ha impatto finanziario, economico, ambientale o sociale, né influisce sull ambiente imprenditoriale o sull informatizzazione della società. Fonte:www.nrsr.sk, Dissegno di legge del governo 229 EDAS NEWS GENNAIO

9 NOTIZIE DALLA SLOVACCHIA Il Presidente slovacco Gasparovic ha ratificato il nuovo Trattato Fiscale Europeo La Slovacchia ha siglato il Trattato Europeo di Stabilità Fiscale, approvato dal Parlamento alla fine dell anno Il Trattato introduce regole fiscali restrittive per i paesi firmatari (tutti i paesi EU tranne UK e Rep. Ceca), che si impegnano a mantenere il bilancio statale in pari o in surplus, con un deficit strutturale annuale non superiore a 0.5 del PIL, o 1% in caso il debito pubblico sia molto inferiore al 60% e vi sono pochi rischi in relazione alla sostenibilità delle finanze nel lungo periodo. Il debito pubblico deve comunque essere inferiore al 60% del PIL. In caso di violazione da parte di qualche Paese, qualunque altro Paese può adire la Corte Europea di Giustizia, la quale si pronuncerà con un verdetto non impugnabile che se violato, può dar luogo a sanzioni per lo Stato trasgressore. Fonte: TASR Slovacchia al quinto posto UE per la disoccupazione Il tasso di disoccupazione in Slovacchia è stato il quinto più alto tra i Paesi UE, nel mese di novembre 2012, con un tasso del 14.5%. Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda i primi tre, alle prese con gravissimi problemi di crisi economica. La disoccupazione è destinata a salire nei primi mesi del 2013, in cui non ci si aspetta una ripresa economica, tuttavia un miglioramento è previsto per la fine dell anno. Fonte: TASR EDAS NEWS GENNAIO

10 Inflazione al 3,2% in Slovacchia a dicembre su base annua L inflazione in Slovacchia ha raggiunto il 3,2% nel mese di dicembre 2012, secondo l annuncio recente dell Ufficio di Statistica slovacco. L inflazione core è al 3%, mentre l inflazione netta è al livello del 2,3%. I prezzi al consumo a dicembre sono incrementati del 3,2% su base annua. Rispetto al dicembre 2011, i prezzi al consumo sono aumentati nel settore dell istruzione (6%), prodotti alimentari e bevande analcoliche (5,6%), sanità (5,5%), bevande alcoliche e tabacchi (4,2%), altri beni e servizi (3,6%), alberghi, bar e ristoranti (3,2%), abitazione, acqua, elettricità, gas e altri combustibili, e ricreazione e cultura (entrambi del 2,9%), abbigliamento e calzature (1,8%), trasporti (1,2%); poste e telecomunicazioni (0,08%), e mobili, elettrodomestici e manutenzione casa ordinaria (0,07%). In un confronto con il mese precedente, tuttavia, i prezzi al consumo a dicembre sono calati dello 0,1%, con cali più marcati nei trasporti (-0,8%), bevande alcoliche e tabacchi (-0,2%), abbigliamento e calzature (-0,1%). Un rincaro ha invece interessato i prezzi al consumo per alloggio, acqua, elettricità, gas e altri combustibili, e per alberghi, bar e ristoranti (entrambe le categorie dello 0,1%). 3,6% rispetto al I prezzi al consumo nel 2012 sono aumentati in media del Fonte: Buongiorno Slovacchia Commercio estero: saldo attivo a novembre, record per la Slovacchia nel 2012 Il saldo del commercio estero slovacco ha segnato nel mese di novembre un attivo di 294,2 milioni di euro, informa l Ufficio di Statistica slovacco, in netto calo tuttavia rispetto ad ottobre, quando l avanzo commerciale è stato di 513,5 milioni. Le esportazioni nel mese di novembre 2012 hanno raggiunto i 5,7 miliardi, in crescita del 7,3% su base annua, mentre le importazioni sono aumentate del 3,9% a 5,4 miliardi di euro. Rispetto al novembre 2011, il saldo netto attivo è cresciuto di 188 milioni. Nel complesso, i primi 11 mesi del 2012 hanno visto esportazioni totali per 58 miliardi di euro (+10,8%) e importazioni per 54 miliardi (+6,4%), con un avanzo di 3,4 miliardi, ben 2,4 miliardi in più rispetto allo stesso periodo gennaio- novembre del EDAS NEWS GENNAIO

11 Negli ultimi tre anni la bilancia commerciale estera della Slovacchia è stata sempre in attivo, con un avanzo annuale dal Il record attivo si è registrato nel 2011, per un ammontare di quasi 1 miliardo. Fonte: Buongiorno Slovacchia Nuove monete per la Slovacchia o no? La Slovacchia, come tutti nell Eurozona, adotta le banconote comuni ma conia monete con immagini legate a cultura e tradizione nazionali. Ed è per questo che, a sorpresa, il centrosinistra (guidato dal suo premier Fico) aveva pensato di coniare una nuova moneta da due Euro raffigurante i due Santi Cirillo e Metodio. Purtroppo, da Bruxelles è arrivato, però, un netto rifiuto. Anche la Slovacchia, come tutti gli altri Paesi, avrebbe dovuto, secondo loro, rispettare i canoni di laicità dell Europa e dell Eurozona. Tra Bruxelles da una parte e Slovacchia dall altra, si è combattuta una guerra asperrima. Santi sì o Santi no? La Slovacchia si è difesa dicendo che il 2013 è l anno giubilare di questi due santi che, col cristianesimo, portarono agli slavi alfabeti e culture occidentali, l idea del diritto, insomma, elementi d Occidente che la ancorarono ad esso. Alla fine la Commissione Europea ha dovuto cedere e Bratislava ha ottenuto i suoi santi sulle monete da due euro. Fonte: la Repubblica Divieto di fumare esteso Il 23 gennaio il Consiglio dei Ministri della Slovacchia ha approvato una proposta per una maggiore protezione delle persone contro il fumo passivo. Con questa modifica, il governo ha stabilito il divieto di fumo nei centri commerciali, oltre che a tutte le strutture che offrono cibo inclusi bar, caffè e ristoranti all interno di tali complessi, e non solo per quelli che preparano i pasti come è successo finora. Se il disegno di legge passa in Parlamento e viene firmato dal Presidente, entrerà in vigore nel luglio di quest anno. Fonte: Buongiorno Slovacchia EDAS NEWS GENNAIO

12 VIAGGIO ATTRAVERSO LA SLOVACCHIA...insieme a Rosangela Libertini RUŽOMBEROK SECONDA PUNTATA Ed eccoci ancora insieme alla scoperta di questa città che attraversiamo ogni volta che viaggiamo in direzione Nord-est/Nord-ovest della Slovacchia. Nella prima puntata avevo raccontato un po di storia della città oggi darò invece qualche indicazione utile per chi di passaggio voglia fermarsi anche solo un ora. Arrivando da Zilina, incontrerete, poco dopo la scritta Ružomberok, un semaforo con una ex caserma che è attualmente una delle sedi dell Università cattolica. Non potete sbagliare, avrete a destra l università Cattolica e sempre a destra dall altro lato della strada, un benzinaio e un grande magazzino. Imboccate quella via e dopo pochi metri vi troverete ad una rotonda; se volete trattenervi un ora in mezzo al verde e fare due passi, andate dritto. Dopo mezzo chilometro vi troverete ai piedi degli impianti di risalita per le piste da sci con palazzine in stile alpino, due laghetti e tanto verde intorno. Se volete invece andare in città, alla rotonda prendete la terza uscita. Dopo circa un chilometro vi troverete sulla destra uno strano parallelepipedo di cemento: siete quasi arrivati. Ancora pochi metri e potrete parcheggiare l auto in una bella piazza alberata nella quale potrete ammirare la fontana con la carta geografica del mondo e, se siete fortunati, vederla fare dei giochi d acqua (non funziona sempre). Nella piazza c è anche un piccolo ma attrezzatissimo parco giochi per bambini. Adesso proseguite a piedi e, dopo un centinaio di metri, troverete sulla sinistra l Hotel Cultura e quasi di fronte uno strano fungo di travertino. Andando dritto, camminerete per Via Mostova, una delle poche strade rimaste più o meno come alla fine dell ottocento. Sono pochi metri, ma se alzate gli occhi per vedere l architettura dei palazzi, sarete contenti di averli fatti. Fra l altro proprio all inizio della strada si trova una cioccolateria di altissimo livello che confeziona anche cioccolate fatte a mano con diversi gusti e forme. Tornando al fungo di travertino prendete a sinistra, o a destra se venite dall hotel Cultura, e vi troverete su Ul. Podhora. Andate dritto e vedrete sulla destra un negozietto antikvariat nel quale vendono libri usati e, per chi non sa lo slovacco o l ungherese, è possibile trovare foto e stampe a volte anche quadretti molto carini e a buon prezzo. EDAS NEWS GENNAIO

13 Nel frattempo avrete fame: andate ancora avanti per circa venti metri e vedrete un cartello che recita: 89 tipi di pizze... siete arrivati, e a destra al primo piano vi troverete nella pizzeria del mio amico Andrea. Da fuori, per vedere la scritta u taliana dovrete alzare lo sguardo, ma una volta aperta la porta saprete di essere nel posto giusto. Bene, con la pancia piena dovete decidere se volete camminare un po o tornare alla macchina e ripartire. Nel primo caso, uscendo da Andrea prendete a destra e alla prima stradina girate ancora a destra. Vi troverete davanti uno sperone di roccia spaccato da 112 scalini, nel quale è scavato il mausoleo del sacerdote e padre della Patria Andrej Hlinka, di cui abbiamo già parlato nella scorsa puntata. Comune. La fatica nel salire tutti i gradini sarà ricompensata dal panorama che vi troverete davanti quando sarete arrivati sulla cima della collina. Dalla balaustra vedrete i Bassi Tatra e la valle che va in direzione di Donovaly, mentre se darete le spalle alla balaustra vi troverete sulla piazza con la chiesa di S.Andrea (non sembra, ma risale al 13.secolo) e il palazzo del In sintonia con il nome di Ruzomberok (colle o mercato delle rose), il Comune è di color rosa, e davanti vi è una bella aiuola con le rose selvatiche che danno il nome alla città. Guardate ora la piazza grande: è il cuore della città vecchia, con le casette che risalgono agli inizi del XX secolo ed un maestoso viale di ippocastani e platani. Andando dritto arrivate alla prima sede della Università cattolica con il bel collegio dei padri gesuiti (in seguito dei padri piaristi). Per tornare alla vostra auto non dovrete tornare indietro di molto, accanto all Università vedrete la sede della polizia. Da li parte la scalinata che vi riporta direttamente sulla piazza nella quale avete parcheggiato. E ora torniamo al nostro parallelepipedo: è la casa museo di Ludovit Fulla, Grande artista slovacco nato nel 1902 e morto nel Nella sua pittura (ed anche in tutti gli altri mezzi artistici da lui usati, fra cui le tappezzerie) ha unito un desiderio di novità e di modernità con le tradizioni e le storie della propria terra. Il risultato è fantastico e gli ha fatto vincere, nel 1937, il Gran Premio dell Esposizione Mondiale a Parigi). Per riprendere il viaggio girate intorno alla piazza e subito dopo il parallelepipedo girate a destra: percorrete quella via fino in fondo, e vi troverete sulla Strada Statale, a destra andate verso Poprad, dritto verso Dolny Kubin (direzione Polonia). Per andare verso Zilina vi conviene invece tornare alla sede dell Università Cattolica, passando dalla prima rotonda e da li, al semaforo girare a sinistra. Buon viaggio! Fonte: Rosangela Libertini EDAS NEWS GENNAIO

14 NOTIZIE DALL ITALIA Nuovi fondi per i terremotati Lo scorso dicembre la Commissione europea ha dato il via libera al governo italiano per l'erogazione di un fondo di 670 milioni di euro per il terremoto che nella scorsa primavera ha colpito l'emilia. Lo ha annunciato un comunicato di Palazzo Chigi. I fondi sbloccati dalla Commissione serviranno, tra le altre cose, per garantire il ripristino immediato delle infrastrutture scolastiche e sanitarie e per gli interventi urgenti sul sistema idraulico, idrico, elettrico, fognario e stradale", dice il governo. Ma serviranno anche a spese per soccorso e assistenza, per pagare gli alloggi alternativi a chi ha perso la prima casa e per la messa in sicurezza del patrimonio culturale In Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto. È arrivato dalla Camera il sì definitivo all'emendamento che modifica la legge 122 e porta al 100% il rimborso delle spese sostenute per il ripristino o la ricostruzione degli immobili nei comuni colpiti dal terremoto. Il commissario delegato e presidente della Regione Vasco Errani ha espresso la soddisfazione per il provvedimento e ha aggiunto: "Lavoreremo in questa direzione anche per le imprese". Dalla Regione Emilia Romagna 15 milioni di euro per favorire, attraverso un apposito bando, l espansione della capacità produttiva e la riqualificazione produttiva delle piccole e medie imprese dell area terremoto. Questo con il sostegno degli investimenti e i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo. Con il provvedimento, la Regione punta a sostenere la ripresa e lo sviluppo del tessuto produttivo delle aree colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio Fonte: EDAS NEWS GENNAIO

15 L Italia rimane indietro sui servizi digitali Di strada da fare per raggiungere gli obiettivi dell'agenda digitale europea (l agenda propone di sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie dell informazione e della comunicazione per favorire l innovazione, la crescita economica e il progresso) ce n'è ancora tanta e in alcuni casi bisognerà compiere un'impresa per non fare brutte figure. Sulla banda larga il primo obiettivo Ue è garantire entro il 2013 a tutti i cittadini la possibilità di collegarsi alla banda larga ad una velocità di almeno 1 megabit/secondo. Preoccupante anche il dato italiano (47%) rispetto al target Ue del 75% di popolazione che entro il 2015 dovrà usare regolarmente internet. Siamo addirittura terzultimi per e-commerce nei Paesi Ue, con un deprimente 15% di persone che hanno acquistato online nell'ultimo anno mentre Bruxelles chiede di raggiungere il 50% entro tre anni. Situazione critica anche per le Pmi, con l'11% che effettuano acquisti e solo il 4% che vendono online, molto distanti dall'obiettivo al 2015 del 33 percento. E non va meglio per i servizi di e- government, utilizzati dal 22% della popolazione con l'italia che si colloca al penultimo posto della classifica europea. Fonte: Il Sole 24 ore EDAS NEWS GENNAIO

16 NOTIZIE DAL MONDO NUOVE REGOLE PER LAVORATORI STRANIERI IN BRASILE Il Consiglio Nazionale dell'immigrazione -CNIG- ha approvato la Risoluzione n.99 del 19/12/2012 che disciplina l'autorizzazione al lavoro per stranieri e l ottenimento del visto. Nel valutare la domanda di visto sarà esaminata la compatibilità tra la qualifica e l'esperienza professionale svolta all'estero e attività che si esercita nel paese. Gli stranieri dovranno dimostrare di avere formazione ed esperienza adeguate al settore, mentre i sudamericani sono esenti dall'obbligo. Per occupare posizioni che non richiedono un livello superiore di formazione, i migranti devono avere una formazione minima di nove anni e l'esperienza di due. Concorrono anche i corsi post-laurea di 360 ore o i master per provare l'esperienza. Le aziende devono giustificare il motivo per cui hanno scelto di impiegare manodopera straniera e, se richiesto, ottenere una proroga del visto o la residenza permanente dei relativi lavoratori. Il Consiglio prenderà in considerazione il personale del datore di lavoro sia brasiliano sia straniero, al momento della valutazione. Le persone a carico dei migranti che godono del visto temporaneo non guadagnano di diritto il visto per lavorare in Brasile. L autorizzazione è quindi da intendersi come individuale. Il Segretariato per gli Affari strategici della Presidenza proporrà a marzo una serie di misure per aumentare l'ingresso di manodopera qualificata straniera in Brasile e aumentare la competitività del Paese. Fonte: EDAS NEWS GENNAIO

17 Il governo brasiliano ha annunciato l aumento del 9 per cento del salario minimo nel Dal 1 gennaio sarà di 678 Reais (circa 253,80 Euro) Per stabilire il nuovo salario minimo si è tenuto contro, tra l altro, del tasso di inflazione registrato nel gigante sudamericano nel 2011, pari al 6%, e della crescita economica, che ha toccato il 2,73%. In base a una legge voluta dalla Rousseff e approvata lo scorso anno, ma già emersa al livello di proposta durante il governo del suo predecessore Lula, questi indici, corrispondenti di norma all anno precedente, devono essere sempre presi in considerazione per questo tipo di misure. Imposta sul Reddito derivante dalla partecipazione degli utili Il governo, a partire dal 2013, ha esentato dall'imposta sul redditoi valori fino a 6 mila dollari derivanti dalla partecipazione agli utili. Oltre i 6 mila dollari e fino a 9 mila dollari, il tasso sarà del 7,5 per cento. Tra e dollari il tasso sarà del 15 per cento. Oltre i 12 mila dollari e fino a dollari il tasso sarà del 22,5 per cento. Oltre i 15 mila dollari l aliquota sarà al 27,5 per cento. Il governo stima che agevolazioni fiscali varranno circa 1,7 miliardi di dollari nel Tabella riepilogativa aliquote imposte sul reddito da partecipazione agli utili dal 1 gennaio 2013 (Euro cambio arrotondato per eccesso a valori ) Aliquote Imposta sul Reddito da Partecipazione agli Utili dall 1 Gennaio 2013 (USD) > ESENTI > < ,5% > < % > < ,5% > ,5% Fonte: Reuters EDAS, a.s. EDAS NEWS GENNAIO

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita'

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' - Settembre 2009 - Tassi tendenziali e mensili A Bologna nel mese di tembre 2009 l indice dei prezzi al consumo per l intera collettività

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Glossario Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Forze di lavoro: comprendono le persone occupate e quelle in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

Overview Vantaggi del paese Romania:

Overview Vantaggi del paese Romania: Overview Vantaggi del paese Romania: Mercato e posizione geografica Risorse umane e del territorio Politici ed economici (membro NATO ed UE; fondi strutturali, fiscalità, costo del lavoro, ecc.) Rapporti

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

LA REVOCA DELLA FIRMA DIGITALE PER LE PERSONE NON FISICHE

LA REVOCA DELLA FIRMA DIGITALE PER LE PERSONE NON FISICHE INDICE: Convegno Top Legal Milano 27 Giugno 2013 h 16,30 : LUSSEMBURGO OLTRE IL SEGRETO BANCARIO 2 Ultimi sviluppi sulla procedura del Brevetto Unitario Europeo 3 La revoca della firma digitale per le

Dettagli

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 . Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 I cinesi fuori dalla Cina 9,3 milioni sono i cinesi emigrati nel mondo oggi, pari allo

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Indicatori macroeconomici 2

Indicatori macroeconomici 2 Indicatori macroeconomici 2 Approfondimento legislativo. 5 - Emendamento gfhkjbhkfkjdjhd della Legge sulla tutela dei dati personali..5 - Emendamento della Legge sul soggiorno degli stranieri...6 Come

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. L Imposta sul Valore Aggiunto (IVA)

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. L Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) Albez edutainment production Economia Aziendale I L Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) 1 Sommario L IVA Il valore aggiunto Facciamo un esempio I presupposti dell IVA Riassumendo Le operazioni ai fini IVA

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 01.04.15 SETTORI: TESSILE, ABBIGLIAMENTO, MODA, CALZATURE, PELLI E CUOIO (PICCOLA INDUSTRIA) AUMENTO MINIMI CONTRATTUALI: seguiranno apposite circolari con nuovi

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto IVA. Prof. Sartirana

L imposta sul valore aggiunto IVA. Prof. Sartirana L imposta sul valore aggiunto IVA Prof. Sartirana L IVA è una imposta Indiretta (in quanto non colpisce il reddito ma una sua manifestazione mediata, ovvero il consumo o la produzione di ricchezza) Proporzionale

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 Illustrissimi soci, confidiamo farvi cosa gradita nel comunicarvi le principali novità giuridiche e fiscali di inizio anno, per la cui elaborazione dobbiamo ringraziare

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE

LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE Allarme prezzi e osservatori: l esperienza della Provincia di Rovigo Rosalba Sterzi Il dibattito sui prezzi e il progetto Istat/Provincia di Rovigo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

Eventi e indicatori. 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo

Eventi e indicatori. 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Eventi e indicatori 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 30 giugno 2014 Eventi e indicatori e Catalogo pubblicazioni Unità di

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: le principali novità in materia di IVA

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: le principali novità in materia di IVA Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: le principali novità in materia di IVA Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Legge finanziaria per il 2008 Le principali novità riguardano: I. Aliquote

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Casa 2 La crisi della nuova edilizia e delle infrastrutture e la crescita della riqualificazione delle abitazioni Investimenti in costruzioni*

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

Costo Industriale e Budget per Linee di produzione

Costo Industriale e Budget per Linee di produzione Costo Industriale e Budget per Linee di produzione E un Software decisamente innovativo che, ancora più degli altri, offre alle PMI la possibilità di avvicinarsi alla problematica della determinazione

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Circolare n. 1/2013 Legge di stabilità 2013 e ultime novità In sintesi: Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Riaperti i termini per rivalutare terreni e partecipazioni societarie

Dettagli

Studio Carlin e Laurenti & associati

Studio Carlin e Laurenti & associati Studio Carlin e Laurenti & associati C O M M E R C I A L I S T I 45014 PORTO VIRO (Rovigo) Palazzo Europa - Via XXIV Maggio n. 3/A Tel. e Fax 0426.025.010 (6 linee r.a.) alla cortese attenzione dei Sigg.

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori. Roberto liscia Presidente Netcomm

Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori. Roberto liscia Presidente Netcomm Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori Roberto liscia Presidente Netcomm 10-11 Ottobre 2012 SOCI Le attività del Consorzio Netcomm ATTIVITÀ DI LOBBYNG RICERCHE NETWORKING AREA BLOG WORKSHOP

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Giugno 2013 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 54 Agosto 2013 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 28 febbraio 2014 Febbraio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di febbraio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX. Evoluzione degli acquisti online degli italiani. Una ricerca di Human Highway www.humanhighway.

EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX. Evoluzione degli acquisti online degli italiani. Una ricerca di Human Highway www.humanhighway. EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX Evoluzione degli acquisti online degli italiani Una ricerca di Human Highway www.humanhighway.it NET RETAIL Alcuni indicatori del fenomeno in Italia 16,9 milioni

Dettagli