L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target"

Transcript

1 Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005

2 Agenda Premessa La valutazione del potenziale territoriale L evoluzione dello strumento di Geo-marketing (2)

3 Premessa Le informazioni a livello territoriale vengono tipicamente utilizzate per effettuare analisi di benchmarking e analisi di natura commerciale come, per esempio: il monitoraggio dell andamento delle quote di mercato sui principali mercati di riferimento del sistema creditizio (sportelli, impieghi, raccolta) la valutazione del potenziale territoriale l individuazione del target per le campagne commerciali Le basi dati territoriali utilizzate forniscono informazioni di natura bancaria, economica e socio-demografica e sono predisposte periodicamente dalla Banca d Italia (Segnalazioni di Vigilanza), dall ISTAT (base dati Istat e censimenti) e da alcuni list broker (come ad esempio, CEMIT, CERVED, ecc.) (3)

4 Agenda Premessa La valutazione del potenziale territoriale L evoluzione dello strumento di Geo-marketing (4)

5 La valutazione del potenziale territoriale Per poter valutare pienamente il livello di performance raggiunto dalla Rete Commerciale, si ritiene utile associare ai tradizionali indicatori economico-patrimoniali di natura gestionale una valutazione sul grado di potenzialità espressa dalle zone territoriali di insediamento L analisi integrata dei risultati consente, quindi, di valutare in maniera critica le performance raggiunte e, soprattutto, l effettivo potenziale di crescita della filiali della Banca La valutazione del potenziale territoriale, effettuata tramite l utilizzo di informazioni a livello territoriale, risulta particolarmente utile non solo nelle tipiche analisi di benchmark interno, ma anche : nel processo di budget (nella fase di ripartizione degli obiettivi di Istituto) nelle fasi di razionalizzazione/potenziamento della Rete Commerciale nella fase di acquisizione/apertura di nuove filiali (5)

6 La valutazione del potenziale territoriale: metodologia di calcolo Una delle metodologie utilizzate nell ambito del Gruppo BPVI per misurare il potenziale di un area territoriale si articola nelle seguenti tre fasi: I. I. Definizione dell area territoriale I. Definizione dell area territoriale di riferimento, che può essere il singolo comune o l insieme dei comuni attribuiti alla sfera di influenza commerciale di ciascuna filiale II. II. Estrazione dati dati territoriali II. Estrazione di alcuni dati bancari, economici e sociodemografici necessari per calcolare una serie di indicatori rappresentativi del livello di ricchezza e competitività di ciascuna area territoriale III. III. Calcolo della della potenzialità III. Calcolo dell indicatore sintetico di potenzialità dell area territoriale (6)

7 La valutazione del potenziale territoriale: definizione dell area territoriale Per area territoriale di riferimento si intende il bacino d utenza tipico di ciascuna filiale I I Il mercato di riferimento della filiale è definito come area di attrazione commerciale ed è costituito: dal solo comune di insediamento della filiale, oppure dal comune di insediamento unito ad altri comuni limitrofi L area di attrazione commerciale della filiale viene definita sulla base delle indicazioni provenienti dai responsabili commerciali della Banca e tiene conto di: la presenza di altre filiali operanti nella stessa zona l effettiva operatività, rilevata tramite l analisi dei flussi di Centrale Rischi il numero dei dipendenti assegnati alla filiale (7)

8 La valutazione del potenziale territoriale: estrazione dati territoriali Il grado di potenzialità di un comune/area territoriale può essere definito tramite una serie di indicatori calcolati utilizzando sia dati del Sistema bancario sia dati socio-demografici ed economici disponibili a livello comunale II II - Dati territoriali - - Indicatori - Dati bancari Sportelli, impieghi, depositi, obbligazioni, addetti bancari, Dati socio-demografici Popolazione residente, popolazione attiva, famiglie, classi di età, titolo di studio, Dati economici Imprese, addetti imprese, reddito imponibile, contribuenti, Ricchezza Prodotto bancario (impieghi + racc. dir.)/popolazione Reddito pro-capite Addetti impresa/popolazione Competitività Popolazione/addetti bancari Imprese/addetti bancari (8)

9 La valutazione del potenziale territoriale: calcolo della potenzialità L obiettivo di questa fase è quello di sintetizzare in un unico indicatore la potenzialità del territorio, tenendo conto sia della ricchezza sia del livello di competitività Il calcolo dell indicatore sintetico di potenzialità viene effettuato in tre passaggi: III III viene effettuata la somma ponderata dei risultati degli indicatori selezionati il valore ottenuto (espresso su base 100 ) viene rettificato in funzione della dimensione assoluta (popolazione) del comune il comune/area territoriale sarà considerato ad alta, media o bassa potenzialità a seconda che il valore sintetico di potenzialità risulti maggiore, uguale o minore rispetto al valore medio dei comuni su cui la Banca è già posizionata L adozione di questa metodologia di valutazione a tavolino non può comunque prescindere da una fase di condivisione/validazione dei risultati con i responsabili commerciali che hanno una conoscenza diretta delle diverse zone di operatività (9)

10 La valutazione del potenziale territoriale: una possibile applicazione Dall incrocio tra l indice sintetico di potenzialità del comune/area territoriale e la penetrazione sui principali mercati creditizi di riferimento (rapporto tra quota di mercato sul prodotto bancario e quota di mercato dipendenti) si possono individuare dei gruppi omogenei di filiali sui quali si possono ipotizzare strategie omogenee di intervento Potenzialità Bassa Media Alta Area di forte sviluppo Area di mantenimento Bassa Penetrazione Alta (10)

11 Indicatore sintetico di potenzialità: pro e contro Di seguito si evidenziano, in sintesi, gli aspetti positivi e negativi dell indicatore sintetico di potenzialità Pro Contro Consente di disporre rapidamente di una valutazione obiettiva della potenzialità del territorio Non tiene conto di particolarità morfologiche ed infrastrutturali del territorio che possono incidere sull effettiva potenzialità dello stesso Èdi facile costruzione e comprensibilità Alcune informazioni territoriali utilizzate non hanno un aggiornamento recente Risulta adattabile alle diverse esigenze di analisi commerciale Non tiene conto di informazioni rilevanti, ma attualmente non disponibili con il dettaglio necessario (ad esempio: raccolta postale) (11)

12 Agenda Premessa La valutazione del potenziale territoriale L evoluzione dello strumento di Geo-marketing Le prime esperienze L evoluzione attuale (12)

13 Premessa Per incrementare i ritorni delle azioni commerciali è indispensabile intervenire a monte targetizzando maggiormente le azioni sul territorio di riferimento delle filiali Un azione commerciale efficace non può prescindere dalla conoscenza della distribuzione geografica dei suspect/prospect e dei clienti (13)

14 Metodologia Approccio sperimentale: apprendimento mediante realizzazione (14)

15 Agenda Premessa La valutazione del potenziale territoriale L evoluzione dello strumento di Geo-marketing Le prime esperienze L evoluzione attuale (15)

16 Le prime esperienze Focus su suspect/prospect Geomarketing al servizio del marketing diretto Uso software non professionale (16)

17 Le prime esperienze - Obiettivo Accrescere l efficacia e l efficienza delle azioni commerciali della banca con l introduzione di Maggiori supporti operativi verso la rete di vendita finalizzati a facilitare le opportunità di successo dei contatti verso suspect/prospect CONDIVISIONE BACINO DI GRAVITAZIONE PER SVILUPPO COMMERCIALE PRE-IDENTIFICAZIONE DI TARGET- SUSPECT/PROSPECT DISPONIBILI LISTE MIRATE E CIRCOSCRITTE TERRITORIALMENTE (17)

18 Le prime esperienze - Obiettivi concreti Minimizzare i costi delle singole iniziative confezionando target a più elevata potenzialità Massimizzare i ritorni commerciali in termini di redemption Coinvolgere le filiali in un clima di orientamento commerciale rendendo disponibili supporti operativi strutturati Definire un micromercato che tenga conto dell effettiva capacità di sviluppo di ciascuna filiale Identificare micromercati differenti correlati all approccio commerciale adottato verso i diversi target (18)

19 Le prime esperienze - Il lavoro svolto Approccio alle ripartizioni del territorio... COMUNE al servizio del marketing diretto Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Il primo contatto con le problematiche legate al territorio ha comportato la presa di coscienza delle unità classiche utilizzate per la ripartizione dello stesso, dei loro aspetti positivi e negativi ASPETTI POSITIVI Standard utilizzabile per l acquisizione di dati (19)

20 Le prime esperienze - Il lavoro svolto Approccio alle ripartizioni del territorio... CAP al servizio del marketing diretto Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Il primo contatto con le problematiche legate al territorio ha comportato la presa di coscienza delle unità classiche utilizzate per la ripartizione dello stesso, dei loro aspetti positivi e negativi ASPETTI POSITIVI Standard utilizzabile per l acquisizione di dati (20)

21 Le prime esperienze - Il lavoro svolto Approccio alle ripartizioni del territorio... Comune al servizio del marketing diretto Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Il primo contatto con le problematiche legate al territorio ha comportato la presa di coscienza delle unità classiche utilizzate per la ripartizione dello stesso, dei loro aspetti positivi e negativi ASPETTI NEGATIVI Utilizzabili solo per territori monofiliale Ampia estensione del territorio ricompreso (21)

22 Le prime esperienze - Il lavoro svolto Approccio alle ripartizioni del territorio... CAP al servizio del marketing diretto Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Il primo contatto con le problematiche legate al territorio ha comportato la presa di coscienza delle unità classiche utilizzate per la ripartizione dello stesso, dei loro aspetti positivi e negativi ASPETTI NEGATIVI Utilizzabili solo per territori monofiliale Ampia estensione del territorio ricompreso (anche in presenza di città pluricap) Mancanza di univocità (più località possono avere medesimo CAP) (22)

23 Le prime esperienze - Il lavoro svolto La creazione di zone isocrone al servizio del marketing diretto Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Anche in questo caso emergono vantaggi e svantaggi, questi ultimi legati principalmente alla tecnologia (non professionale) utilizzata VANTAGGI Possibilità di assegnare un micromercato a tutte le filiali Possibilità di associare una lista di suspect/prospect a tutte le filiali (23)

24 Le prime esperienze - Il lavoro svolto La creazione di zone isocrone al servizio del marketing diretto Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola SVANTAGGI Necessità di utilizzo di nomi via, ripartite anche per numero civico Scarso dettaglio cartografia, in particolare al di fuori dei grandi centri Difficoltà colloquio con fornitori (mancanza standard definito per scambio dati territoriali) Elevata manualità nel processo di creazione e gestione dei micromercati (24)

25 Le prime esperienze - Il lavoro svolto Nuove esigenze Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Approfondendo lo studio del territorio e valutando le variabili da prendere in considerazione, si avverte la necessità di individuare aree differenti legate al segmento di riferimento (Corporate, Small Business, Retail), alle modalità di approccio utilizzate nei confronti di quest ultimo, ed alla capacità di contatto esistente presso le filiali (25)

26 Le prime esperienze - Un bilancio Approssimazione nella definizione dei micromercati Impossibilità di disporre di dati attendibili sulla popolazione dei micromercati individuati dalle isocrone Difficoltà nel correlare il bacino di suspect/prospect alle capacità di contatto delle strutture periferiche Difficoltà nell acquisizione di banche dati esterne descrittive del territorio (26)

27 Agenda Premessa La valutazione del potenziale territoriale L evoluzione dello strumento di Geo-marketing Le prime esperienze L evoluzione attuale (27)

28 L evoluzione attuale Attenzione a suspect/prospect e clienti Geomarketing come strumento per definire meglio le caratteristiche del target Uso software professionale (28)

29 L evoluzione attuale Strumenti professionali: perché Integrazione con gli strumenti di CRM Superamento limiti individuati nella fase precedente: Automatizzazione delle lavorazioni Correlazione tra le dimensioni dei micromercati e le capacità di contatto delle strutture periferiche Standardizzazione delle unità di misura utilizzate per favorire lo scambio di informazioni con i fornitori esterni e l acquisizione di banche dati Estensione delle analisi di Geomarketing alla clientela (29)

30 L evoluzione attuale Obiettivi incrementali Analizzare la distribuzione territoriale della clientela (studio/definizione della zona di attrazione) Porre in relazione le caratteristiche bancarie della clientela (dati banca) con le variabili pertinenti al territorio di appartenenza Valutare le caratteristiche dei micromercati in relazione alle caratteristiche demografiche e socioeconomiche dei residenti ed alle peculiarità della struttura imprenditoriale per verificare la congruenza con gli obiettivi assegnati Individuare e monitorare le zone dove concentrare le attività di sviluppo con particolare riguardo a differenti target di clientela (es. giovani, imprenditori, anziani) Stimare la propria quota di mercato all interno delle differenti zone di attrazione individuate per definire i propri obiettivi strategici (raggiungimento di una determinata quota di clientela affari, ecc.) ed avere un sistema di indicatori statistici per misurarli Possibilità di consultazione da parte delle strutture periferiche dei dati di geomarketing di pertinenza (30)

31 L evoluzione attuale Sintesi Accrescere l efficacia e l efficienza delle azioni commerciali della banca con l introduzione di Nuove metodologie di lavoro per la determinazione dei piani operativi legati alla pianificazione commerciale DEFINIZIONE INGEGNERISTICA DEI TARGET ANALISI DELLA COMPONENTE TERRITORIALE VALUTAZIONE POTENZIALE DI SVILUPPO COMMERCIALE Maggiori supporti operativi verso la rete di vendita finalizzati a facilitare le opportunità di successo dei contatti con la clientela e verso i suspect/prospect CONDIVISIONE BACINO DI GRAVITAZIONE PER SVILUPPO COMMERCIALE VERSO SUSPECT/PROSPECT PRE-IDENTIFICAZIONE DI TARGET - SUSPECT/PROSPECT DISPONIBILI LISTE MIRATE E CIRCOSCRITTE TERRITORIALMENTE (31)

32 L evoluzione attuale - Il lavoro svolto L adozione di soluzioni professionali Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Per mantenere la massima flessibilità nell elaborare variabili territoriali poste in relazione alla operatività dell Istituto si è deciso di utilizzare un software di Geomarketing integrato da funzionalità pensate ad hoc per la banca (32)

33 L evoluzione attuale - Il lavoro svolto L adozione di soluzioni professionali Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola La definizione dei micromercati afferenti a diversi punti vendita può essere effettuata mediante l impostazione di parametri generali gestione automatizzata del disegno delle zone (33)

34 L evoluzione attuale - Il lavoro svolto L adozione di soluzioni professionali Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Per uniformare la qualità delle liste provenienti da fonti esterne viene utilizzato un modulo di normalizzazione. Il software di Geomarketing consente poi il posizionamento geografico automatico degli elementi precedentemente normalizzati (34)

35 L evoluzione attuale - Il lavoro svolto L adozione di classificazioni standard del territorio Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Grazie al nuovo software i micromercati relativi a suspect/prospect sono stati ridefiniti utilizzando come riferimento i limiti delle sezioni ISTAT Abbandono della classificazione su base via/civico Possibilità di condividere le definizioni del territorio con fornitori esterni (35)

36 L evoluzione attuale - Il lavoro svolto Micromercati e capacità di offerta Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Nell individuare i micromercati relativi a suspect/prospect si sono utilizzati dei parametri soglia per il calcolo, quali, ad esempio: Popolazione residente totale Imprenditori e liberi professionisti totali Famiglie residenti totali (36)

37 L evoluzione attuale - Il lavoro svolto Micromercati e capacità di offerta Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Per ciascuna struttura sul territorio si sono individuati micromercati diversi che tengano conto delle caratteristiche del target e delle modalità operative di interazione con lo stesso (37)

38 L evoluzione attuale L analisi della clientela Studio delle caratteristiche della clientela Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Utilizzando le possibilità offerte dal nuovo software è iniziata la fase di studio delle caratteristiche spaziali della clientela partendo dal posizionamento sul territorio Si sono poste in relazione le caratteristiche bancarie della clientela con le descrizioni sociodemografiche ISTAT. La definizione di un quadro di informazioni più attendibile sarà possibile grazie ai dati ISTAT relativi all ultimo censimento (38)

39 L evoluzione attuale L analisi della clientela Studio delle caratteristiche della clientela Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola Sfruttando le possibilità di importazione ed esportazione di dati geografici sulla base di standard in essere, sono stati condotti i primi test di acquisizione di informazioni da banche dati esterne, finalizzati ad arricchire ulteriormente la conoscenza dei diversi target (suspect/prospect e clientela) (39)

40 L evoluzione attuale L immediato futuro Copiare ed incollare il grafico in questa zona della tavola (40)

GeoDomino. Il sistema di geomarketing

GeoDomino. Il sistema di geomarketing GeoDomino Il sistema di geomarketing GeoDomino Cos è GeoDomino è uno strumento di analisi territoriale di supporto alle decisioni che permette di adeguare le strategie di sviluppo e la gestione operativa

Dettagli

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director I servizi di Marketing Marco Vecchiotti - Director 2012 Data4Value: Soluzioni di Marketing nel gruppo CRIF 2 3 2012 I servizi Data4Value Ottimizzazione delle performance di business sul territorio Ottimizzazione

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO pag 3 RADAR BANK: IL SUO LINGUAGGIO pag 4 I TEMI ESPLORATI LE FONTI: UN SISTEMA INTEGRATO DI INFORMAZIONI pag 5 DESCRIZIONE STRUTTURA E METODOLOGIA

Dettagli

MARKETfinder. Geomarketing web-based per tutta l'azienda!

MARKETfinder. Geomarketing web-based per tutta l'azienda! MARKETfinder Geomarketing web-based per tutta l'azienda! MARKETfinder è uno strumento di geomarketing che consente all'azienda di mettere in relazione il proprio business con il territorio, confrontando

Dettagli

1 Contesto...3 2 La soluzione...4

1 Contesto...3 2 La soluzione...4 Indice 1 Contesto...3 2 La soluzione...4 2.1 CARATTERISTICHE FUNZIONALI... 5 2.2 PANNELLO DI AMMINISTRAZIONE... 9 2.3 TECNOLOGIA...11 2.4 ARCHITETTURA APPLICATIVA...12 businessup 2 di 12 1 Contesto Sempre

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE

MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE Innovative tecniche statistiche che consentono di mirare le azioni di marketing, vendita e comunicazione valorizzando i dati dei database

Dettagli

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Raul Mattaboni, Direttore Generale Prometeia Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 Febbraio 2007 Questo documento

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company La nuova voce del verbo CRM La soluzione ideale per il marketing e le vendite A WoltersKluwer Company Player il cliente al centro della nostra attenzione. Player: la Soluzione per il successo nelle vendite,

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica CRM Strategico Cedacri ha sviluppato

Dettagli

Progetto Screening. Postel. Antonio Federici ASP Lazio Fabio Lotti Postel

Progetto Screening. Postel. Antonio Federici ASP Lazio Fabio Lotti Postel Progetto Screening Postel Antonio Federici ASP Lazio Fabio Lotti Postel Modello organizzativo di riferimento : Comunicazione di massa: tra una istituzione e una popolazione. La variabilità è data dalle

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO Processo Tutela, valorizzazione, conservazione e gestione dei beni

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Nell attuale contesto competitivo, la conoscenza del cliente e dei suoi bisogni di servizi e prodotti bancari a 360 diventa fondamentale

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

E NATO GEOVALUE, LO STRUMENTO CHE PERMETTE :

E NATO GEOVALUE, LO STRUMENTO CHE PERMETTE : Lo Studio, tramite un network di consulenti che da anni collabora con gli Enti datoriali ha realizzato una ricerca sui nuovi fabbisogni del mondo associativo finalizzato alla corretta impostazione della

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Credito al consumo e migranti

Credito al consumo e migranti Credito al consumo e migranti Kirsten van Toorenburg, Responsabile Studi, Statistiche e Formazione ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

Glossario 18. CREDITO, ASSICURAZIONI, MERCATO MONETARIO E FINANZIARIO

Glossario 18. CREDITO, ASSICURAZIONI, MERCATO MONETARIO E FINANZIARIO Glossario 18. CREDITO, ASSICURAZIONI, MERCATO MONETARIO E FINANZIARIO Accordato operativo Ammontare del credito direttamente utilizzabile dal cliente in quanto derivante da un contratto perfezionato e

Dettagli

1. La ratio della legge. Le politiche regionali a favore dei piccoli comuni in situazione di disagio: cinque anni di attuazione della l.r.

1. La ratio della legge. Le politiche regionali a favore dei piccoli comuni in situazione di disagio: cinque anni di attuazione della l.r. Luglio 2010 Consiglio Regionale della Toscana Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 17 a cura del Settore Analisi della normazione Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

GEOBusiness Geoma Geom rketing rketing e Geolo calizz lizz zione: qua qu ndo l ndo l a cartogr rtogr fi a a fi digit digit le

GEOBusiness Geoma Geom rketing rketing e Geolo calizz lizz zione: qua qu ndo l ndo l a cartogr rtogr fi a a fi digit digit le Geomarketing e Geolocalizzazione: quando la cartografia digitale entra in Azienda L AZIENDA 13 anni di esperienza al servizio delle Aziende Private e Pubbliche Nata nel 1997, TELLUS opera nel settore dei

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne Roma, Palazzo Altieri 12/13 febbraio 2007 La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne (Centro Studi e Ricerche ABI - Associazione Bancaria Italiana)

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica La tua Software House in Canton Ticino La piattaforma per garantire l efficienza energetica Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Gestione campagne di Marketing per il C.R.M.

Gestione campagne di Marketing per il C.R.M. Caratteristiche principali: Preselezione di nominativi basati scremandoli con opportuni filtri basati su informazioni di rischio provenienti da fonti esterne. Analisi grafica tramite sintetiche distribuzioni

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che:

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che: VERBALE DI INCONTRO L Azienda premette che: il collocamento di prodotti e servizi offerti alla clientela richiede processi di formazione e aggiornamento continuo per le figure di rete commerciale, a tale

Dettagli

Lo sviluppo dei ricavi

Lo sviluppo dei ricavi Lo sviluppo dei ricavi Programma di potenziamento e propulsione commerciale della rete: - diagnostico della rete di vendita - progetto di potenziamento commerciale Collaborazione tra la rete bancaria e

Dettagli

DEFINIZIONE DEL POTENZIALE DI MERCATO DI UN PUNTO VENDITA DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: UN CASO CONCRETO

DEFINIZIONE DEL POTENZIALE DI MERCATO DI UN PUNTO VENDITA DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: UN CASO CONCRETO Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it DEFINIZIONE

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

Case Study Case Study Case Study Case Study Case Study

Case Study Case Study Case Study Case Study Case Study Il Gruppo ALFA REFRATTARI, attivo nel settore dell edilizia dagli anni 70, è leader nel campo dei prodotti refrattari (caminetti, barbecue, forni, malte, rivestimenti, ecc.). E un gruppo in costante espansione

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Sistemi di remunerazione Raccolta di dati presso banche e SIM in attuazione degli orientamenti dell EBA

Sistemi di remunerazione Raccolta di dati presso banche e SIM in attuazione degli orientamenti dell EBA Sistemi di remunerazione Raccolta di dati presso banche e SIM in attuazione degli orientamenti dell EBA 1. Premessa La direttiva 2010/76 (cd. CRD 3) ha introdotto regole armonizzate in materia di politiche

Dettagli

SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE

SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE Arricchimento dei dati del sottoscrittore / user Approccio Tradizionale Raccolta dei dati personali tramite contratto (professione, dati sul nucleo familiare, livello

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT V I N F I N I T Y P R O J E C T CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Infinity CRM Il Cliente a 360 CRM COMMUNICATION CMS E COMMERCE B2B AD HOC E COMMERCE B2C ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di G.C. n. 27 del 12/04/2011 INDICE FINALITA... 1 MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL SEGRETARIO

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

Modello distributivo BPN S.p.A. Modello organizzativo

Modello distributivo BPN S.p.A. Modello organizzativo Modello distributivo BPN S.p.A. Modello organizzativo Novara, 15 Novembre 2002 Indice Linee guida per l adozione di un Modello distributivo di B.P.N. S.p.a. Articolazione territoriale Mobilità professionale

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Informazione Multifocus Quando il marketing diventa intelligence

Informazione Multifocus Quando il marketing diventa intelligence Informazione Multifocus Quando il marketing diventa intelligence Relatore: d.ssa Francesca Negri - f.negri@lince.it Macerata 7 Novembre 2003 2003 Lince SpA - Tutti i diritti riservati PREMESSA In un mercato

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Previsione e monitoraggio del posizionamento competitivo sul sistema. Analisi comparata della propria rete di vendita e penetrazione sul territorio

Previsione e monitoraggio del posizionamento competitivo sul sistema. Analisi comparata della propria rete di vendita e penetrazione sul territorio Essbase XTD e Pk.ben Pagina 1 Una sinergia vincente Previsione e monitoraggio del posizionamento competitivo sul sistema. Analisi comparata della propria rete di vendita e penetrazione sul territorio Cesare

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE. Al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Per sapere - premesso che:

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE. Al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Per sapere - premesso che: INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE Al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Per sapere - premesso che: l agricoltura rappresenta un settore fondamentale per lo sviluppo sostenibile,

Dettagli

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE PIANIFICARE LE AZIONI DI LOCAL & STORE MARKETING: UN ESEMPIO CONCRETO NEL SETTORE BEVERAGE Alessandra Vultaggio alessandra.vultaggio@valuelab.it Alessandra Vultaggio è Consultant in Value Lab (), innovativa

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela ABI CRM 2005 Roma, 14 dicembre 2005 Il Gruppo Banca CR Firenze Cassa di Risparmio di Firenze Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Dettagli

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli. I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.it e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere

Dettagli

Digital Marketing Technologies

Digital Marketing Technologies Digital Marketing Technologies La piattaforma MAILMAKER è una piattaforma leader di mercato, alla quale si sono affidati Editori, Agenzie di comunicazione e marketing, Concessionarie di pubblicità, Banche

Dettagli

successful Leve motivazionali e incentivi: la scelta è una dimanica retributiva premiante

successful Leve motivazionali e incentivi: la scelta è una dimanica retributiva premiante Leve motivazionali e incentivi: la scelta è una dimanica retributiva premiante ragione sociale: Clima Gas Snc provincia: Forlì-Cesena addetti: 18 settore: Gestione e manutenzione di impianti di riscaldamento

Dettagli

CRM e imprese: un connubio attuale e attuabile. Simone Capecchi Roma, 12 febbraio 2007

CRM e imprese: un connubio attuale e attuabile. Simone Capecchi Roma, 12 febbraio 2007 CRM e imprese: un connubio attuale e attuabile Simone Capecchi Roma, 12 febbraio 2007 Agenda Abstract CRIF: numeri Alcuni aspetti strategici ed operativi sullo Small Business Le opportunità da esplorare

Dettagli

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ABI benchmarking Costing Benchmark Estratto del Rapporto Generale Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ESTRATTO RAPPORTO INDIVIDUALE [ ] Il cost/income, risulta, in media ponderata, pari al 67,3%

Dettagli

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia 9 maggio 2005 Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER S SATISFACTION E DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER S SATISFACTION E DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER S SATISFACTION E DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Sommario I principi di riferimento... 2 Misurazione dei risultati delle strutture ante D.L. n. 78/2010...

Dettagli

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI Ideale anche per la tua azienda CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI La soluzione CRM semplice e flessibile MarketForce CRM è una soluzione di Customer Relationship Management (CRM) affidabile,

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee Il Customer e Il Customer Contenuti marketing e per le per il CRM 2 Il Customer I punti principali: L attività bancaria sta sperimentando una serie di profondi mutamenti a causa dell accentuarsi delle

Dettagli

La suite a supporto dell Associazione di categoria che si rinnova

La suite a supporto dell Associazione di categoria che si rinnova La suite a supporto dell Associazione di categoria che si rinnova 1. Come nasce Come nasce Le Associazioni di categoria vivono oggi in un contesto di accresciuta competitività che impone loro di ripensare

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

La gestione della clientela, soprattutto quando questa è numerosa, è un attività delicata e complessa che normalmente porta via molto tempo.

La gestione della clientela, soprattutto quando questa è numerosa, è un attività delicata e complessa che normalmente porta via molto tempo. B-B CUSTOMER FOCUS La gestione della clientela, soprattutto quando questa è numerosa, è un attività delicata e complessa che normalmente porta via molto tempo. Il credit manager, o comunque la persona

Dettagli

Front End Unico. Soluzione integrata per l operatività di filiale

Front End Unico. Soluzione integrata per l operatività di filiale Front End Unico Soluzione integrata per l operatività di filiale Canali e Core Banking Front End Unico Soluzione integrata per l operatività di filiale Internet e Mobile Banking Soluzioni evolute per la

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

SMS Strategic Marketing Service

SMS Strategic Marketing Service SMS Strategic Marketing Service Una piattaforma innovativa al servizio delle Banche e delle Assicurazioni Spin-off del Politecnico di Bari Il team Conquist, Ingenium ed il Politecnico di Bari (DIMEG) sono

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli