SSB un middleware basato su JMS per l'invocazione di servizi remoti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SSB un middleware basato su JMS per l'invocazione di servizi remoti"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di calcolatori LS prof. Antonio Corradi SSB un middleware basato su JMS per l'invocazione di servizi remoti Enrico Pirazzini

2 Indice Introduzione...3 Architettura...4 Client...4 Provider...4 Broker... 4 La comunicazione...4 Implementazione... 6 tlayer...6 mlayer...7 mblayer...8 BusBroker... 9 Lookup Registration Unregistration...10 StillAlive QoS...11 Note realizzative...12 Note sul testing Conclusione e ulteriori sviluppi...12

3 Introduzione Pensando ad un ambiente applicativo eterogeneo, distribuito su diverse località connesse da in'infrastruttura di rete, un paradigma di interazione fortemente considerato è quello basato sull'invocazione di servizi: uno o più nodi mettono a disposizione parte delle proprie risorse per eseguire, su richiesta, un determinato servizio (applicativo). La comunicazione tra questi provider e gli eventuali client che generano le richieste, avviene tipicamente con un protocollo basato su richiesta/risposta. Considerando più a fondo il modello delineato appare evidente come in un ambiente "dinamico", in continua evoluzione, la conoscenza da parte dei vari client dei servizi disponibili in ogni momento sia uno degli aspetti da tenere in maggiore considerazione nella realizzazione di una tale infrastruttura. Oltre a ciò va considerato che i provider a cui il client può rivolgersi per tale servizio non siano fissi e stabili, ma possano variare, sia in numero che in località. Nell'ottica di un sistema flessibile risulta dunque inaccettabile che per ogni richiesta un client debba andare a cercare chi implementa quel servizioe legarsi ad esso in modo temporaneo poichè non vi è certezza che alla prossima richiesta tale provider risulti raggiungibile. Occore dunque un'entità intermedia che si prenda carico di tale responsabilità e fornisca all'esterno, oltre all'indicazione dei servizi disponibili, un punto di comunicazione fisso per ogni servizio, in grado di mettere in collegamento il client con il provider di volta in volta disponibile, in modo trasparente e possibilmente affidabile. Un modo per realizzare tale entità, chiamata broker, può essere individuato nell'utilizzo di un Message Oriented Middleware (MOM) che si occupi di smistare le richieste e le relative riposte ai servizi, realizzate appunto sottoforma di messaggi, attraverso un insieme di canali di comunicazione (tipicamente code) creati per l'occorrenza e sempre disponibili. Un approccio di questo tipo consente diversi vantaggi: la possibilità di avere un'infrastruttura di comunicazione che prescinde dai formati effettivi delle richieste e delle risposte dei singoli servizi; la facilità nel definire interazioni sia di tipo sincrono che asincrono (tipica quest'ultima del modello a scambio di messaggi); Passando al lato strettamente realizzativo si è pensato di utilizzare Java Message Service come interfaccia al sistema di messaging poichè risulta un'interfaccia stardard che consente di astrarre il più possibile dall'implementazione concreta realmente utilizzata consentendo la massima portabilità ed interoperabilità del sistema. 3

4 Architettura In quella che può essere definita l'architettura logica del sistema si evidenziano tre entità fondamentali: il client che richiede un servizio, il provider che fornisce il servizio il broker che permette la comunicazione tra i due attraverso canali bidirezionali (coppie di code) su cui vengono depositati e prelevati messaggi. Client Il client rappresenta un'applicazione che necessita di un servizio che si suppone fornito da un provider remoto. Per ottenere tale servizio il client deve prima interrogare il broker, in modo da conoscere la lista dei servizi disponibili e delle relative code a cui inoltrare le richieste corrispondenti. L'invocazione del servizio deve poter avvenire sia in in modo sincrono che asincrono, attraverso un entità listener a cui viene delegata la ricezione. Provider Il provider rappresenta un componente in grado di fornire uno o più servizi ad entità esterne. Per essere raggiunto dalla richieste di eventuali client deve prima registrarsi presso il broker dichiarando il servizio (o i servizi) che intende fornire e ricevendo da questo i riferimenti alle code su cui attendere la richieste e fornire le risposte. Oltre a ciò deve poter essere interrogato periodicamente dal broker che intente verificarne l'effettiva funzionalità (ed individuare eventuali cadute). Qual'ora il provider debba essere rimosso in modo esplicito, dovrà comunicare al broker la sua intenzione di sospendere la fornitura del servizio. Broker E' l'entità che gestisce il sistema permettendo ai provider di rendersi disponibili ed ai client di poterli interrogare. Parte fondante è il mantenimento di un elenco dei servizi forniti, e delle code ad essi associate, oltre che dei provider che li forniscono. Tale elenco è reso disponibile dal broker attraverso un servizio di lookup. Altri servizi forniti direttamente dal broker, chiamati servizi "interni", sono la registrazione e la deregistrazione in tale elenco di un provider come fornitore di un determinato servizio. Infine il broker deve interrogare periodicamente i provider registrati per accertare che non si siano verificate cadute improvvise. La comunicazione Come già accennato precedentemente, il sistema in esame prevede di utilizzare lo scambio di messaggi come forma di comunicazione su cui basare tutte le interazioni. Per fare ciò si è pensato utilizzare per ogni servizio una coppia di canali (tipicamente chiamati code) per la trasmissione di messaggi, in modo da ottenere un comportamento del tipo request/reply. Tipicamente il client che necessita di un servizio deporrà nella relativa coda delle richieste il proprio messaggio di richiesta e attenderà su quella delle risposte il risultato dell'esecuzione (in modo sincrono o asincrono). Il client saprà sempre quale risposta estrarre dalla coda poiché ogni messaggio avrà un'indicazione della richiesta che lo ha generato. Dall'altra parte il provider sarà in 4

5 attesa sulla coda delle richieste e, una volta ricevutane una, eseguirà il servizio riponendo il relativo risultato nella coda delle risposte. provider_a client_1 client_2 RequestQ ResponseQ provider_b provider_c In tal modo si ottiene un disaccopiamento tra client e provider: il client non sà chi eseguirà la propria richiesta ed il provider non ne conosce il mittente, ma sarà l'infrastuttura di comunicazione (MOM) a permettere la trasmissione, che avverrà appunto attraverso l'utilizzo di tali canali condivisi. Sarà dunque il MOM ad occuparsi della consegna dei messaggi e della gestione del traffico, in particolare in presenza di più provider che attendono sulla stessa coda. Esso inoltre potrà essere configurato in modo da ottenere una comunicazione affidabile. 5

6 Implementazione Partendo da un approccio bottom-up si è partiti considerando le primitive di comunicazionee costruendo sopra di essi tre livellidi funzionalità in modo da avere la massima configurabilità ed estendibilità del sistema. Service Requester Service Provider mblayer SSBClient SSBProvider mlayer BusAccessCore BusAccessCore SSBSession SSBMessages SSBSession tlayer javax.jms.session javax.jms.message javax.jms.session tlayer Nel tlayer (o livello di trasporto/sessione) si sono realizzate le primitive base che estendono le funzionalità fornite da JMS in modo da adattarle alle esigenze del sistema. In particolare vi hanno trovato posto le astrazioni di sessioni dotate di una semantica request/reply sia per un uso provider, che per l'uso client (sincrono e asincrono). In concreto ogni istanza della classe ProviderReqReplySession all'atto della creazione viene messa subito in attesa di una richiesta, inviando poi la risposta solo dopo la ricezione e l'esecuzione del servizio; mentre la classe ClientReqReplySession si mette in attesa di una risposta solo dopo l'invio di una richiesta, attesa che può essere sincrona o asincrona a seconda della specifica classe concreta utilizzata: (ClientSynchReqReplySession o ClientASynchReqReplySession). 6

7 + id : String SSBSession + createmessage() : Message + send(mesg : Message) + receive() : Message + setlistener(listener : MessageListener) + commit() + rollback() + close() ReqReplySession - responsequeue : Destination - requestqueue : Destination GeneralSession ClientReqReplySession ProviderReqReplySession ClientSynchReqReplySession ClientASynchReqReplySession E' inoltre presente una libreria (SSBMessages) in grado di creare il formato di messaggi più opportuno per ogni servizio richiesto. In particolare si sono distinte le tipologie di messaggi secondo due direzioni ortogonali: una relativa alla tipologia semantica ovvero request o reply una relativa alla funzionalità, ovvero secondo i quattro servizi "interni" lookup, registrtion, unregistration, stillalive, più il generico servizio applicativo service. mlayer Nel mlayer (livello di gestione) si trova il cuore del sistema lato user, ovvero la classe BusAccessCore, che come dice il nome, consente di accedere all'astrazione del bus di servizi fornendo non solo le sessioni necessarie al livello superiore, ma anche eseguendo direttamente le richieste dei servizi "interni" come lookup, stillalive, ecc... Essa inoltre mantiene una copia locale delle informazioni sullo stato del bus (servizi disponibili e relative destinazioni) in modo da evitare ogni volta il lookup. 7

8 - services : List<ServiceRecord> BusAccessCore + accesstobus() + connect() + disconnect() + close() + createsynchclientsession(id : String, servicename : String) : ClientSynchReqReplySession + createasynchclientsession(id : String, servicename : String) : ClientASynchReqReplySession + createprovidersession(id : String, servicename : String) : ProviderASynchReqReplySession + creategeneralsession(id : String) : GeneralSession + lookup() + registerservice(providername : String, servicename : String) + unregisterservice(providername : String, servicename : String) + stillalive(providername : String, servicename : String) + getserviceslist() mblayer Nel mblayer (meta-business) sono contenuti le entità in grado di fornire l'interfaccia di alto livello per utilizzare il bus di servizi. Il componente base è rappresentto dalla classe SSBAgent, che consente di dialogare con BusAccessCore. A seconda dei soggetti interessati si ha poi una distinzione tra client e provider: SSBClient permette di effettuare le richieste di servizi, in modo sia sincrono che asincrono, nascondendo tutti i dettagli sottostanti SSBProvider consente di attivare un fornitore di servizio, di registrarlo (e deregistrarlo) presso il broker e di permettergli di rispondere alle richieste di lookup. SSBAgent + connecttobus() + disconnectfrombus() + serviceslookup() SSBClient + synchservice(servicename : String, args : String) : String + asynchservice(servicename : String, args : String, listener : MessageListener) SSBProvider + registerforservice(listener : MessageListener, servicename : String) + unregisterfromservice(servicename : String) 8

9 BusBroker Il broker è stato pensato come un'entità che permette, attraverso i quattro servizi "interni" di gestire il sistema, in particolare le informazioni relative alle coppie servizio-provider registrate e le coppie di code relative ad ogni servizio presente. Per queste si è pensato dunque di realizzare due gestori interni dedicati: DataManager che gestisce le informazioni relative alle coppie servizio-provider memorizzandole in modo persistente e regolandone l'accesso, la distruzione e la creazione; DestinationManager che controlla la creazione e distruzione delle coppie di code di comunicazione interfacciandosi con il MOM sottostante al sistema; ai quali i quattro servizi "interni" si rivolgono per espletare i servizi richiesti. Lookup RO Data Registration Unregistration RW Data manager Stillalive Destination manager In altre parole i servizi "interni" possono essere assimilati a provider applicativi lato user (in quanto come quelli sono accessibili tramite coppie di code con semantica request/reply), che svolgono il servizio richiesto interagendo con i due gestori sopraccitati. DataManager + removeservice(servicename : String) + removeprovider(providername : String) + deleteproviderforservice(providername : String, servicename : String) + addproviderforservice(providername : String, servicename : String) DestinationManager + createqueue(queuename : String) + removequeue(queuename : String) 9

10 Lookup Come già detto tale servizio fornisce l'elenco dei servizi disponibili registrati presso il broker e le relative code su cui attuare l'invocazione. Poichè esegue interrogazioni in sola lettura non è necessario che richiami il DataManager, ma può interrogare direttamente la base dati. Registration Quando riceve una richiesta di registrazione verifica che il provider ed il servizio risultino già esistenti nella base dati, se non è così incarica il DataManager ci crearli ed in seguito di registrare l'associazione tra i due. Se il servizio non era già disponibile il DataManager incarica il DestinationManager di creare le due code necessarie alla comunicazione. Infine tutte le informazioni relative alle code vengono mandate al provider richiedente che può così mettersi in ascolto delle nuove richieste. Unregistration A fronte di una richiesta di deregisrtazione da parte di un provider per un servizio, rimbalza l'operazione sul DataManager. Al termine della cancellazione il servizio non risulta più fornito da alcun provider, il DataManager lo rimuove dalla base dati ed incarica il DestinationManager di rimuovere le relative code. StillAlive É incaricato di inviare periodicamente a tutti i provider registrati una richiesta di conferma dei servizi forniti. Se per una coppia servizio-provider tale conferma non arriva entro un tempo massimo stabilito, il sistema reagisce eliminandola come se si fosse verificata una richiesta di deregistrazione. 10

11 QoS Il sistema è stato pensato come in grado di garantire un certo livello di affidablità, soprattutto verso i client che richiedono servizi. Innanzitutto, al fine di evitare il blocco dei client in attesa di risposte sincrone, ogni sessione corrispondente è impostata con un timeout limite, oltre il quale l'operazione di ricezione viene interrotta e la situazione di fallimento viene comunicata al livello soprastane (che deciderà poi come gestirla). Per una maggiore configurabilità è possibile specificare per ogni richiesta un timeout personalizzato (comunque inferiore a quello massimo predefinito). Da segnalare che, per evitare l'accumulo di messaggi "spuri" sulle code, il timout della ricezione determina anche il TimeToLive del messaggio di richiesta corripondente; l'infrastruttura JMS si prende la responsabilità di rimuovere dalle code tutti i messaggi che hanno superato il loro ttl, evitando congestioni delle stesse. Sul lato provider, per garantire che una volta ricevuta una richiesta, questa porti all'esecuzione con successo del sevizio e all'invio della relativa risposta, si utilizza il concetto della transazione: ricezione, esecuzione del servizio e invio della risposta vengono considerate come un'unica azione logica indivisibile. Qual'ora in qualunque delle tre fasi si abbia un malfunzionamento si ha rollback, ovvero si ritorna allo stato iniziale riposizionando il messaggio di richiesta nella coda d'origine; consentendo così un nuovo tentativo di servizio da parte dello stesso o di un altro provider. Combinando tale comportamento con l'utilizzo del timeout si ha un compostamento del tipo atmost-once, ovvero la richiesta o viene servita con successo, oppure non viene servita (per ripetuti malfunzionamenti) e scatta il timeout senza che si abbiano conflitti sul sistema. provider response request Anche il servizio "interno" Stillalive contribuisce a fornire QoS in quanto garantisce che, entro i limiti dettati dall'intervallo di controllo, i provider segnalati dal broker siano tutti e soli i provider effettivamente disponibili. 11

12 Note realizzative Poiché il servizio JMS viene tipicamente fornito all'interno del framework J2EE, si è pensato di usufruire di tale supporto per la realizzazione del broker e dei relativi componenti. I provider dei quattro servizi "interni" non sono dunque stati realizzati utilizzando SSBProvider, ma tramite MessageDrivenBean, un componente fornito da J2EE. Esso può essere schematizzato come un'entità che può essere configurata per attivarsi ogni volta che su una determinata coda arriva un messaggio; confrontandosi con lo schema precedentemente proposto, non necessita di una sessione tramite la quale agganciarsi ad una coda, ma d'altro canto non consente una registrazione all'atto dell'attivazione. Questo aspetto, che risulta inaccettabile per un provider applicativo, risulta ammissibile per un provider "interno" se si procede ad una registrazione (statica) dello stesso all'atto dell'avvio del broker. Anche per quanto riguarda i manager ci si è appoggiati al framework J2EE: sia DataManager che DestinationManager sono stati realizzati tramite bean di sessione, ed i dati relativi a provider e servizi sono resi disponibilit da bean di entità. Si precisa però che tali scelte sono state effettuate per motivi di convenienza realizzativa: il sistema di per sè può essere realizzato anche senza ricorrere ad un framework esterno, sebbene con maggior dispendio di tempo ed energia. L'implementazione J2EE utilizzata è quella fornita da JBoss AS Note sul testing Per verificare il sistema sono state piccole applicazioni che consentono di verificarne facilmente tutte le funzionalità. Entrambe consistono in una finestra-console che permette di eseguire un picccolo set di comandi su istanze rispettivamente di client e provider. La prima, chiamata ClientConsole, consente di comandare un'istanza di SSBClient, eseguendo lookup ed invocazione di servizi in modo sia sincrono che asincrono, visualizzandone poi il responso. Le seconda, ProviderConsole, consende di comandare un'istanza SSBProvider, eseguendo lookup, registrazione e deregistrazioni di relative a uno o più servizi. Conclusione e ulteriori sviluppi Il sistema realizzato vuole essere una prima realizzazione di un'infrastruttura che per l'invocazione remota di servizi in modo il più possibile trasparente. Rispetto alle tematiche base affrontate sicuramente ve ne sono altre che restano ancora insolute ed aspetti che risultano migliorabili al fine di ottenere un sistema totalmente flessibile. In particolare possono essere citati i seguenti ampliare i servizi "interni", in particolare fornendo in fase di lookup una descrizione dell'interfaccia di invocazione, attuare una gestione oculata della replicazione considerando provider dotati di stato. 12

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Un ambiente di esecuzione che gestisce o naming di oggetti, sicurezza, concorrenza, transazioni, persistenza, distribuzione oggetti (location

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Una panoramica su HL7

Una panoramica su HL7 HL7 è uno standard ANSI di integrazione molto importante per tutto il Sistema Informativo Sanitario in generale e per il sistema RIS/PACS in particolare. L'acronimo HL7 sta per Health Level Seven, ossia

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Ver. 1.0 11 Gennaio 2006 Riferimenti Documentazione CART - Regione Toscana [RT-PDK] Proxy Developer

Dettagli

1. ABSTRACT 2. INTRODUZIONE PROGETTO DI UN INFRASTRUTTURA GERARCHICA PER SERVIZI DI FILE HOSTING

1. ABSTRACT 2. INTRODUZIONE PROGETTO DI UN INFRASTRUTTURA GERARCHICA PER SERVIZI DI FILE HOSTING PROGETTO DI UN INFRASTRUTTURA GERARCHICA PER SERVIZI DI FILE HOSTING 1. ABSTRACT Al giorno d oggi, l enorme diffusione di contenuti multimediali quali, ad esempio, video ad alta definizione piuttosto che

Dettagli

L'architettura di rete TCP/IP OSI: Fisico - Data link

L'architettura di rete TCP/IP OSI: Fisico - Data link Pagina 1 di 11 L'architettura di rete TCP/IP OSI: Fisico - Data link Per poter rendere sicura una rete bisogna prima aver capito molto bene in quale modo funziona. Ecco quindi che in questa breve lezione

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 Panoramica L'attuale sistema IGRUE è composto da: Il

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Architetture a oggetti distribuiti

Architetture a oggetti distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture a oggetti distribuiti Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo

Dettagli

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI SCAMBIO DI MESSAGGI Sia che si guardi al microkernel, sia a SMP, sia ai sistemi distribuiti, Quando i processi interagiscono fra loro, devono soddisfare due requisiti fondamentali:

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativi/Contabile Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

Cod. SWUM_00399_it RCCL

Cod. SWUM_00399_it RCCL Cod. SWUM_00399_it RCCL Libreria di comunicazione CISS Manuale utente Aggiornamento 2/9/2008 Sommario 1. Presentazione... 3 2. Installazione del prodotto... 3 3. Applicazione di esempio... 4 4. Per iniziare

Dettagli

Introduzione alla consultazione dei log tramite IceWarp Log Analyzer

Introduzione alla consultazione dei log tramite IceWarp Log Analyzer Introduzione alla consultazione dei log tramite IceWarp Log Analyzer L Analizzatore di Log è uno strumento che consente un'analisi statistica e logica dei file di log generati dal server. Lo strumento

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi C1_2 V3.3. Connettori

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi C1_2 V3.3. Connettori Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi C1_2 V3.3 Connettori Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e per

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Architetture e applicazioni web

Architetture e applicazioni web Architetture e applicazioni web L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Cosa è un'applicazione web E' un particolare tipo di applicazione che si appoggia sulle tecnologie,

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

CdLM Informatica (DM 270/2004) Sistemi Distribuiti. Publish Subscribe. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso

CdLM Informatica (DM 270/2004) Sistemi Distribuiti. Publish Subscribe. Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso CdLM Informatica (DM 270/2004) Sistemi Distribuiti Publish Subscribe Angelastro Sergio Diomede Antonio Viterbo Tommaso Outline Messaging System Messaging Benefits Synchronous and Asynchronous Call Semantics

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli Il livello Data-Link e i suoi protocolli Modulo 5 (Integrazione) Livello Data-Link Abbiamo visto che il Livello Data link provvede a: o offrire servizi al livello network con un'interfaccia ben definita;

Dettagli

L interoperabilità anagrafica nei sistemi informativi sanitari Il progetto HCIF. Pierfrancesco Ghedini http://www.informaticasanitaria.

L interoperabilità anagrafica nei sistemi informativi sanitari Il progetto HCIF. Pierfrancesco Ghedini http://www.informaticasanitaria. L interoperabilità anagrafica nei sistemi informativi sanitari Il progetto HCIF Pierfrancesco Ghedini http://www.informaticasanitaria.it Simboli Utilizzati nella presentazione Nella presentazione potranno

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Architetture software

Architetture software Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2013-2014 Architettura software 1 Architetture software Sommario Definizioni 2 Architettura Definizione. L architettura

Dettagli

Basi di Dati Distribuite

Basi di Dati Distribuite Basi di Dati Distribuite P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone (McGraw-Hill Italia) Basi di dati: architetture linee di evoluzione - seconda edizione Capitolo 3 Appunti dalle lezioni SQL come DDL

Dettagli

Enterprise Application Integration

Enterprise Application Integration POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Specialistica Enterprise Application Integration Studio e realizzazione

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione Concetto di processo

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

Java Remote Method Invocation

Java Remote Method Invocation Java Remote Method Invocation Programmazione in Rete e Laboratorio Comunicazione distribuita Port1 Java VM1 Java VM2 Port 2 Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria. Tecnologie Web L-A A.A. 2014 2015. Esercitazione 08 DAO e Hibernate

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria. Tecnologie Web L-A A.A. 2014 2015. Esercitazione 08 DAO e Hibernate Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Tecnologie Web L-A A.A. 2014 2015 Esercitazione 08 DAO e Hibernate Agenda Pattern DAO e framework Hibernate progetto d'esempio relativo alla gestione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Modellidi SistemiDistribuiti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Service Oriented Architecture what and why? QuickTime and a decompressor are needed to see this picture.

Service Oriented Architecture what and why? QuickTime and a decompressor are needed to see this picture. Service Oriented Architecture what and why? Service Oriented Architecture : architettura In quanto architettura, non è soltanto un insieme di nuove tecnologie, ma un insieme di componenti, di modelli e

Dettagli

SERVICE MANAGER. Architettura Client-Server e Web based di Servizi Specializzati per la Gestione di Periferiche e Connettività

SERVICE MANAGER. Architettura Client-Server e Web based di Servizi Specializzati per la Gestione di Periferiche e Connettività SERVICE MANAGER Architettura Client-Server e Web based di Servizi Specializzati per la Gestione di Periferiche e Connettività è il prodotto di Regulus che permette un accesso generalizzato ad alto livello

Dettagli

19 aprile 2013. Activ1st Descrizione prodotto

19 aprile 2013. Activ1st Descrizione prodotto 19 aprile 2013 Activ1st Descrizione prodotto Le informazioni contenute in questo documento sono da considerarsi CONFIDENZIALI e non possono essere utilizzate o riprodotte - sia in parte che interamente

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Replicazione. Requisisti di consistenza i clienti devono ricevere risposte consistenti e coerenti. Motivazioni

Replicazione. Requisisti di consistenza i clienti devono ricevere risposte consistenti e coerenti. Motivazioni Replicazione Replicazione dei dati: gestione e manutenzione di un insieme di copie dei dati Motivazioni: - disponibilità - tolleranza ai guasti - prestazioni aching diverso da replicazione aching non aumenta

Dettagli

Uno strumento per il deployment automatico di performance test su piattaforme per la distribuzione di dati

Uno strumento per il deployment automatico di performance test su piattaforme per la distribuzione di dati tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Controneo correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato Antonella Niola Matr. 534/158 .:: Contesto ::. www.cosmiclab.it Il

Dettagli

T E O R I A D I P R O G E T T A Z I O N E D E L S O F T W A R E

T E O R I A D I P R O G E T T A Z I O N E D E L S O F T W A R E Threading T E O R I A D I P R O G E T T A Z I O N E D E L S O F T W A R E Caratteristiche principali dei thread Consentono di eseguire elaborazioni simultanee in un programma scritto in C#. Possono essere

Dettagli

Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni

Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni Luca Cabibbo Architetture Software Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni Dispensa ASW 430 ottobre 2014 Una specifica d interfaccia di buona qualità deve essere semplice, non ambigua,

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Architettura di conferenza SIP con spettatori multicast e supporto per streaming

Architettura di conferenza SIP con spettatori multicast e supporto per streaming Architettura di conferenza con spettatori multicast e supporto per streaming Viene proposta una architettura realizzativa di un servizio di conferenza centralizzata, in grado di permettere la comunicazione

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. Albert Einstein 1

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5 Manuale d'uso e.compliance Versione 0.5 31/12/2007 1 Indice generale Scopo del manuale...5 e.toscana Compliance...6 Introduzione...7 I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana...7 Tipologie di RFC...7

Dettagli

Supporto per servizi di File Hosting

Supporto per servizi di File Hosting Supporto per servizi di File Hosting Progetto per il corso di Reti di Calcolatori LS a.a 2005-2006 Valerio Guagliumi 0000236769 Abstract Questa relazione descrive il progetto realizzato di un sistema di

Dettagli

Modulo 8. Architetture per reti sicure Terminologia

Modulo 8. Architetture per reti sicure Terminologia Pagina 1 di 7 Architetture per reti sicure Terminologia Non esiste una terminologia completa e consistente per le architetture e componenti di firewall. Per quanto riguarda i firewall sicuramente si può

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA XVI LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA

REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA XVI LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA XVI LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA PASSIVA SECONDO NORMA DI LEGGE

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti 1 DOCUMENTO:. v 1.1 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Luca Menegatti firma Verificato da: Giancarlo Savoia Approvato da: Angelo

Dettagli

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento LUCA VACCARO Politecnico di Milano S2MS Guida di Riferimento L U C A V A C C A R O S2MS Guida di Riferimento Software sviluppato da Luca Vaccaro luck87@gmail.com Progetto del corso Internetworking TCP/IP

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

Modello Concettuale del Portale di un Comune

Modello Concettuale del Portale di un Comune Modello Concettuale del di un Comune Sistema Informativo e World Wide Web Il Comune è dotato di un suo Sistema Informativo. Utenti Sistema Informativo Ogni sistema informativo è costruito per fornire determinati

Dettagli

Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE A.A. 2011-2012

Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE A.A. 2011-2012 Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso di Laurea in Ingegneria dei Sistemi Informatici

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Analisi e sviluppo di un componente per un ESB open source

Analisi e sviluppo di un componente per un ESB open source tesi di laurea Anno Accademico 2010/2011 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Ciro Romano candidato Rosario Celotto Matr. 534/1459 Introduzione L attività svolta è stata l analisi

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI VERTICALI CON IL SISTEMA DOCUMENTALE REGIONALE

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI VERTICALI CON IL SISTEMA DOCUMENTALE REGIONALE LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI VERTICALI CON IL SISTEMA DOCUMENTALE REGIONALE INDICE DEL DOCUMENTO 1 INTRODUZIONE... 4 2 Architettura generale del sistema di gestione documentale regionale...

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sockets e DatagramSocket Windows Phone prevede un interfaccia di programmazione per garantire agli sviluppatori

Dettagli