Corso di Marketing Industriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Marketing Industriale"

Transcript

1 U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni La distribuzione e i canali di marketing I Mktg-L16

2 Contents list Produttori e intermediari Forme distributive e strategia di copertura Le forme distributive del commercio al dettaglio Copertura e penetrazione della clientela commerciale Varietà e selezione dei canali distributivi La lunghezza del canale La composizione del canale e la politica multicanale La configurazione della forza di vendita Personale di vendita dell'impresa e agenti esterni Specializzazione e dimensionamento della forza di vendita Concorrenza, conflitto e cooperazione nei canali di marketing Lo sviluppo della grande distribuzione e della distribuzione organizzata Trade marketing e consumer marketing Lo sviluppo dei sistemi verticali di marketing pagina 2

3 Che cosa è un canale di distribuzione Un canale di distribuzione è costituito da un insieme di istituzioni indipendenti che svolgono il complesso di attività [funzioni] necessarie per trasferire un prodotto e il relativo titolo di proprietà dal produttore al consumatore. [ Stern e El Ansary ] pagina 3

4 Una definizione La distribuzione è quell insieme di sistemi che trasferiscono informazioni e prodotti da un produttore ad un cliente e viceversa al fine di concludere una transazione commerciale. Alcune sottolineature: insieme di sistemi informazioni e prodotti concludere una transazione commerciale pagina 4

5 I distributori AGENTI operano in nome e per conto del produttore percepiscono una commissione (fatturato o margine) consegna e fatturazione direttamente da produttore a Cliente, se tengono scorte è solo in conto deposito BROKER guidano l accordo tra Produttore e Cliente possono percepire compensi da entrambi, in base alle consuetudini di mercato o del committente effettivo es: materie prime, computer, ecc. DISTRIBUTORI (ingrosso o dettaglio) acquistano e rivendono i prodotti assumono rischi di credito commerciale e di obsolescenza possono essere esclusivi o plurimarche OEM - VAR inglobano nel proprio prodotto, in modo riconoscibile, componenti di altri produttori e ne diventano distributori es: installatori, softwarehouse, camper, ecc. Gli intermediari sono nati per sviluppo geografico / demografico dei mercati massa critica del singolo punto di distribuzione specializzazione delle attività pagina 5

6 Una visione tradizionale La distribuzione è la struttura atta a mettere fisicamente a disposizione del Cliente (anche potenziale) il prodotto o il servizio considerato. produttore canale distributivo pagina 6 Cliente

7 Produttori e intermediari I produttori si servono di intermediari commerciali per portare i propri prodotti sul mercato. Ciò si giustifica con la loro maggiore efficienza. Gli intermediari commerciali costituiscono una canale commerciale o di distribuzione, un canale di marketing che trasforma l eterogeneità dell offerta in assortimenti di merci significative per il consumatore I produttori che impiantano propri canali di distribuzione spesso possono realizzare una redditività maggiore pagina 7

8 in verità... In una transazione commerciale, oltre al flusso fisico della merce, si riscontrano almeno altri due flussi importantissimi: il flusso informativo, necessario a definire il contenuto della transazione il flusso finanziario relativo al pagamento, per il quale entrano in gioco anche operatori terzi. = Flusso di merce = Flusso informativo = Flusso finanziario pagina 8

9 Contempla aspetti di quindi la distribuzione logistica distributiva, relativamente al flusso di merci architettura di canale, relativamente agli aspetti di flussi informativi e di pagamento, andando ad intersecare i campi della Comunicazione e del Personal Selling Logistica distributiva La distribuzione Personal Selling Architettura di canale Comuncazione pagina 9

10 I canali B2C Dettagliante Produttore Grossista Dettagliante Cliente Grossista Jobber Dettagliante pagina 10

11 I canali B2B Distributore Industriale Produttore Rappresentante Acquirente Ind.le Rappresentante Jobber pagina 11

12 Prodotti e contenuti informativi La prevalenza dei contenuti fisici o informativi dipende dal grado di personalizzazione e dal contenuto e complessità tecnologici. Prevalenza fisica: l importante è fare giungere il prodotto al Cliente al costo più basso possibile Prevalenza informativa: la definizione delle necessità e del contenuto della transazione prevale sulla consegna fisica del prodotto personalizzazione prevalenza fisica abbigliamento grocery sartoria materie prime utensileria macchine utensili personal computer I.T. prevalenza informativa grandi impianti telefonia domestica contenuto e complessità tecnologici pagina 12

13 Scelta di un canale E necessario definire tre variabili: 1. La tipologia del canale 2. La dimensione del canale 3. L allocazione delle responsabilità lungo il canale in base a: costi controllo del produttore sui canali e sui Clienti possibilità di adattamento nel tempo livello di servizio supporto tecnico disponibilità dei prodotti copertura geografica / settoriale strategie vincoli / consuetudini pagina 13

14 Le tipologie di canale canale diretto PRODUTTORE canale indiretto Canali di informazione e promozione Vendita diretta: venditori, corrispondenza, e - commerce telemarketing Agente (Broker, procacciatore) Distributore grossista Distributore Dettagliante OEM VAR I flussi delle merci e dei pagamenti possono coinvolgere altri attori (spedizionieri, magazzini, trasportatori, banche, assicurazioni, ecc.) CLIENTE pagina 14

15 Scegliere il canale appropriato Le aziende devono riuscire a individuare i clienti "potenzialmente redditizi" in modo da formulare offerte adeguate. Scegliere il canale appropriato: Una crescente maggioranza di aziende, soprattutto nel mercato business-to-consumer, comunica con i clienti attraverso una varietà di canali, dai punti vendita ai call center fino ai siti Web. Un'azienda deve conoscere il comportamento dei clienti in tutti questi canali, in modo tale da ricavare una visione a tutto campo dei comportamenti e della redditività dei clienti al fine di incoraggiare la giusta interazione attraverso il canale appropriato. Alternative di canale Gestione dei canali Selezione e motivazione degli intermediari La distribuzione multicanale Vulnerabilità delle imprese monocanale pagina 15

16 La modifica dei canali di marketing Crescita del mercato alta bassa alto Declino Vendita Postale Negozi Discount Maturità Grandi Magazzini Catene Low profile basso Introduzione Negozi specializzati Boutique Sviluppo Catene specializzate High profile Valore aggiunto del canale pagina 16

17 Canale diretto o canale indiretto? canali diretti Numero Clienti pochi molti Modalità d acquisto grandi lotti piccoli lotti Valore unitario del bene alto basso Standardizzazione prodotti bassa alta Gamma di produzione ampia ristretta Risorse finanziarie disponibili abbondanti scarse canali indiretti pagina 17

18 La dimensione del canale Definire il numero di punti di contatto (forza vendita interna, distributori, punti vendita, ecc) Distribuzione Intensiva: molti punti di contatto, con ampia copertura geografica, con ampio assortimento (più marche) per acquisti correnti o su piazza Distribuzione Esclusiva: pochi punti di contatto, specializzati, mono-marca immagine, contenuti tecnici e margini più elevati Distribuzione Selettiva: numero medio di distributori specializzati. pagina 18

19 La allocazione dei compiti E necessario allocare questi compiti (non eludibili) lungo il canale distributivo:. Ricerca informazioni sul mercato Promozione delle vendite Consulenza tecnica Contatto con i Clienti (attuali o potenziali) Adattamento commerciale del prodotto quantitativo (acquisto all ingrosso e rivendita al dettaglio) qualitativo (personalizzazione, taglio, ecc.) Negoziazione specifiche prezzo condizioni commerciali Distribuzione fisica trasporto ed immagazzinamento installazione Finanziamento / riscossione Assunzione del rischio commerciale. pagina 19

20 Le strategie pull e push STRATEGIA PUSH Produttore concentra sforzi sul distributore che a loro volta convinceranno il Cliente finale ruolo più attivo dei distributori (e maggiori margini) produttore effettua supporto alle vendite (tecnico, logistico, ecc.) più facile in un canale selettivo tipico per prodotti da installare o adattare (OEM) STRATEGIA PULL Produttore concentra sforzi sul Cliente finale che a sua volta chiederà la merce al distributore distributore reattivo produttore investe soprattutto in pubblicità e promozione più facile in un canale intensivo tipico per prodotti finiti. E una scelta di enfasi, non dicotomica: Le due strategie molto spesso coesistono pagina 20

21 Strategia push o strategia pull? Caratteristica del mercato Strategia push Strategia pull Segmentazione Elevata Mercato indifferenziato (Bassa) Personalizzazione del bene Elevata Bassa Dimensione del mercato Ridotta Elevata Possibilità di accesso ai Clienti finali Esistenza di canali di promozione e comunicazione diretta al Cliente finale Ridotta Ridotta Elevata Elevata pagina 21

22 I sistemi ibridi Raggiungere Clienti diversi con canali diversi es. Computer: Clienti grandi: vendite dirette Clienti medi: agenti / VAR Clienti piccoli: Concessionari / rivenditori Raggiungere il medesimo Cliente con canali diversi per prodotti diversi es. Computer su Grandi Clienti: vendite dirette per hardware e software di base Mainframe vendite con Agenti /VAR per minisistemi e prodotti di nicchia (es. CAD) vendite per corrispondenza per prodotti di consumo Obiettivo: utilizzare il canale più economico / efficiente per ogni segmento Problema: gestire i conflitti fra i canali. pagina 22

23 Prima fase: relazioni conflittuali produttori / distributori Seconda fase: relazione Cliente / Fornitore, maggior rispetto, ma ampia autonomia Terza fase: integrazione da canale filtro a canale partner ridurre i costi complessivi della catena sviluppare vantaggi competitivi assortimenti, definizione dei prodotti, finanziamenti, controllo del produttore sui Clienti finali rapidità di risposta, ecc. In sintesi pagina 23

24 La distribuzione fisica. 1 Può essere completamente svincolata dal canale delle informazioni Presenza di operatori esterni: spedizionieri magazzini trasportatori, ecc. Impatto maggiore: tempi di consegna. Storicamente legata alla produzione orientamento alla riduzione dei costi non ottimale: basso livello di servizio Passo avanti: Total distribution cost: packaging, trasporto e stoccaggio scorte deterioramento ed obsolescenza processamento ordini perdita di opportunità. pagina 24

25 La distribuzione fisica.2 La distribuzione fisica è la messa a disposizione dei prodotti giusti nel posto giusto, al tempo giusto e al minor costo possibile Le scorte Il trasporto Il dettaglio Diverse tipologie Grande Magazzino Superette Maximercati e Ipermercati Discount Mailing Teleselling L Ingrosso Diverse tipologie Broker e Agenti pagina 25

26 Customer Intelligence In un mercato sempre più omogeneo, nel quale i prodotti possono essere copiati rapidamente e i servizi non bastano a fare la differenza, solo la Customer Intelligence offre alle imprese un reale vantaggio competitivo. Per un'azienda passare dalla vendita prodotto-centrica alla vendita incentrata sul cliente presuppone molto di più di un semplice cambiamento della filosofia di business. Le aziende devono ri-orientare tutti i processi e le infrastrutture tecniche di supporto per fornire i prodotti e i servizi che i clienti desiderano. Un buon rapporto con i clienti è vitale per il successo del business. Per costruire rapporti reciprocamente vantaggiosi con i clienti, le aziende devono tener conto di alcuni elementi [ funzioni e flussi dei canali di Mktg] Individuare i clienti redditizi: molte aziende non possedendo una fotografia completa della loro clientela, non sono in grado di determinare la redditività né di sviluppare adeguate strategie di marketing Individuare la futura redditività: i clienti che non sono redditizi potranno diventarlo se saranno contattati con le offerte giuste nel momento giusto. pagina 26

27 Trade Marketing Information System I produttori lavorano con i servizi retail, consumer panel, e con le ricerche ad-hoc per: Sapere, grazie a informazioni tempestive, cosa acquistano i loro clienti e dove lo acquistano Misurare e valutare le tendenze dei mercati e le dinamiche competitive. Capire e valutare perché un cliente decide di acquistare in un determinato punto di vendita e perché acquista un determinato prodotto. Anticipare dove e che cosa acquisteranno i clienti in futuro Valutare tutti gli aspetti dei comportamenti del consumatore in base alla quota di spesa, alla quota di consumo Sviluppare programmi di marketing che influenzino le decisioni di acquisto e di spesa dei consumatori Programmare e condurre campagne di marketing e di vendita che incrementino il revenue e il profitto. Ottenere informazioni qualitative e quantitative sulle abitudini e sui comportamenti d'acquisto del consumatore, sulla soddisfazione del cliente, sulla notorietà e sul valore della marca, sull'efficacia della pubblicità ed altre informazioni di marketing. pagina 27

28 Alla scoperta del genoma del consumatore Sempre di più, le aziende prendono coscienza che l'elemento più prezioso è costituito dalle informazioni relative ai propri consumatori presenti nel data base; i programmi di loyalty ben gestiti permettono di generare importanti e tangibili benefici quali: Migliorare la comprensione delle aspettative dei consumatori circa prodotti e servizi; cosa si aspetta il mio consumatore in termini di offerta di prodotto e quale livello di servizio? Guidare i comportamenti; dove devo indirizzare il mio consumatore rispetto alle guido linee strategiche della mia azienda?. pagina 28

29 Il loyalty marketing Le aziende ogni giorno affrontano migliaia di micro decisioni e quasi tutte impattano su clienti e consumatori. La complessità delle interazioni degli elementi del sistema aziendale è paragonabile a quella che si può riscontare in un sistema biologico. Da questa considerazione è partita la filosofia operativa di Epipoli che ci ha guidato nella ricerca ed identificazione del Genoma del Consumatore, inteso come sistema in grado di ottimizzare i processi decisionali per incrementare il business e la fedeltà Il loyalty marketing è, quindi, la strategia, flessibile ma di lungo periodo, che permette alle aziende di identificare, ritenere ed aumentare la propria base di Clienti Migliori attraverso attività di comunicazione mirata e da sistemi in grdao di riconoscere e premiare i consumatori rispetto al loro comportamento d'acquisto. pagina 29

30 Marketing campaign Individuare le campagne di maggior successo: L'avvento del marketing multicanale di tipo "event-based" ha aumentato, spesso in maniera esponenziale, tanto la complessità quanto il volume delle campagne che le divisioni marketing hanno il compito di attuare. Le divisioni marketing - che raramente dispongono di risorse supplementari per fronteggiare questo incremento di attività - devono monitorare l'andamento della campagna e stabilire accuratamente quali sono le campagne di maggior successo. Il successo di una campagna di marketing è direttamente proporzionale alla qualità della "customer intelligence", ovvero le conoscenze sul cliente che alimentano la campagna. Più queste informazioni sono accurate ed esaustive, maggiori probabilità avrà la campagna di rivolgersi alle persone giuste, con i prodotti giusti, nel momento giusto. pagina 30

31 Il Business-in-place, gestione della forza vendita 'Il tempo è denaro': un antico adagio che ben si adatta alla professione del venditore, in particolare a quelle vendite che avvengono direttamente presso il cliente. Queste categorie di transazioni al giorno d'oggi sono definite come B2B, anche se sono ben più di vecchia data delle terminologie moderne; le principali problematiche della gestione della forza vendita sul territorio, infatti, sono ben note: innanzitutto in che modo portare il proprio business, così come è stato ideato, fin sul luogo di vendita, in secondo luogo come raccogliere informazioni strutturate e confrontabili che possano essere da guida per definire le proprie strategie operative. L'organizzazione della forza vendita è sempre stata senza dubbio una delle aree di maggior sfruttamento della tecnologia, alla ricerca di un'automazione che permetta di disporre in loco di un articolato pacchetto di informazioni per rispondere a tutte le domande dei clienti, realizzando di fatto un intero sistema di CRM. pagina 31

32 Il co-marketing Tanti ne parlano, pochi lo conoscono veramente e soprattutto pochissimi lo interpretano nel modo corretto:fare comarketing non vuol dire fare cambi merce a prezzi convenienti. Il comarketing è molto di più: è una partnership strategica, che ha un respiro temporale medio-lungo, tra aziende con prodotti e servizi affini per target, posizionamento e occasioni di consumo. E' uno strumento innovativo per raggiungere meglio i propri obiettivi di marketing, che possono essere molteplici: selettività del target distribuzione/copertura di nuovi canali penetrazione e fedeltà di marca brand image e brand awarness cost saving pagina 32

33 Il co-marketing Lavorare in partnership vuol quindi dire quindi seguire un approccio innovativo nei confronti dell'interlocutore finale, sia esso azienda o persona fisica, avere originalità e innovazione così come distintività e attrattività nella meccanica, immagine per entrambi i partner ma anche savings di costo e risultati finali qualitativi (di vendite, di awareness, eccetera) veramente consistenti. L'obiettivo finale è instaurare un circolo virtuoso fra sinergie commerciali, cost-saving ed efficacia. pagina 33

34 In store marketing Soluzioni e strategie di comunicazione per il punto vendita Fare la differenza, considerare l interlocutore come un soggetto unico e in continua evoluzione è uno dei più difficili problemi che si trova a gestire un azienda quando immette un prodotto sul mercato. Solo mettendosi nei panni del consumatore e affidandosi a specialisti della strategia di marketing, si può sbaragliare la concorrenza. Il consumatore infatti è diventato sempre più consapevole, perché ora - a differenza dei decenni passati - ha a disposizione un informazione globale. Negli anni 90 si è scatenata una vera guerra fra produttori e distributori riguardo il punto vendita. La capacità di interagire con la persona, direttamente nel luogo in cui questa si reca per gli acquisti permette di emozionarla, di stimolarla all acquisto. Avvicinarsi alla distribuzione e diventare parte integrante del punto di vendita, è quello che le aziende richiedono oggi per sviluppare il marketing relazionale coi clienti. Il negozio, o meglio ancora il grande magazzino - diventa dunque il medium per interpretare da un lato l esigenza dei manager di marketing di pubblicizzare il prodotto, dall altro il bisogno nuovo dei consumatori di comprare divertendosi [ Merchandising- P.O.P.] pagina 34

35 Il franchising: cosa é Il franchising è un accordo di collaborazione tra due aziende, il franchisor (o affiliante, o casa madre) e il franchisee ( o affiliato), formalizzato da un contratto (il contratto di franchising), attraverso il quale il franchisor concede al franchisee il pacchetto di affiliazione (vedi sotto), mantenendosi giuridicamente ed economicamente indipendente. Cosa significa "giuridicamente indipendente": Entrambe le aziende hanno una loro e diversa partita iva, ognuno è responsabile delle proprie obbligazioni che nascono dalle attività (debiti, crediti, ecc.) Cosa significa "economicamente indipendente": Ognuna ha un proprio e distinto patrimonio economico. Il fatturato derivante dalla gestione è dell'affiliato, idem i costi (affitto locale, dipendenti, utenze, ecc.). Franchising al dettaglio promosso dal produttore Franchising all ingrosso promosso dal produttore Franchisng al dettaglio promosso da un impresa di servizi pagina 35

36 McDonalds, Burger King, Wendys Diverse strategie, lo stesso obiettivo : Mc Donalds, Burger King e Wendys concorrono per abbassare i prezzi in quasi tutti i mercati, soprattutto negli Stati Uniti, dove realizzano più della metà della fatturazione. Le 3 catene di fast food più importanti del mondo si scontrano per avere maggiore redditività. Burger King ha iniziato la battaglia proponendo un menu a 99 centesimi di dollaro ed è stato seguito dal suo principale rivale, Mc Donalds, che offre menu a 1 dollaro. Dietro di loro Wendys che ha nel suo menu diversi prodotti a 99 centesimi di dollaro. Come conseguenza Mc Donalds ha un piano di riduzione di costi che le costerà 435 milioni di dollari, per il quale chiuderà 175 ristoranti e licenzierà 600 impiegati. Non si vedono buoni risultati, il giro d'affari è cresciuto solo dell' 1% fino a novembre e le sue azioni nella Borsa di New York crollano. In definitiva, ognuno dei tre concorrenti sta adottando diverse e aggressive strategie di marketing, ma tutti con uno stesso obiettivo : sopravvivere nel mercato. pagina 36

37 Un modello di confronto dei mercati Il franchising è diventato un punto di riferimento nelle strategie di espansione imprenditoriale in tutto il mondo. Ci sono situazioni di cambiamenti generali e di conseguenza anche il franchising cambia e attraversa diversi stadi di sviluppo a seconda della parte del mondo che vogliamo analizzare. Un confronto di mercati sviluppati e maturi, e mercati in via di sviluppo. Ognuno con le sue caratteristiche economiche e commerciali, diversi dagli altri. Pertanto conoscere le situazione e lo sviluppo del franchising nel mondo ci permette prevedere con più chiarezza le tendenze che si presenteranno nel nostro paese e sfruttare meglio le opportunità. pagina 37

38 Sistemi di franchising nel mondo STATO N. SISTEMI STATO N. SISTEMI USA SPAGNA 400 CINA OLANDA 360 CANADA NUOVA ZELANDA 350 KOREA DEL SUD INDONESIA 267 GERMANIA AUSTRIA 320 GIAPPONE PORTOGALLO 250 AUSTRALIA 747 MALAYSIA 235 REGNO UNITO 613 SVIZZERA 150 FRANCIA 530 SINGAPORE 140 PHILLIPINE 508 DANIMARCA 134 ITALIA 500 HONG KONG 124 pagina 38

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it L IMPORTANZA DELLA VARIABILE DISTRIBUTIVA È CRESCENTE, SOPRATTUTTO

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali. Marco Roccabianca

Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali. Marco Roccabianca Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali Marco Roccabianca pagina 1 di 10 La scelta del canale di marketing Uno dei fattori critici di successo per la realizzazione ottimale

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

POLITICHE DISTRIBUTIVE

POLITICHE DISTRIBUTIVE POLITICHE DISTRIBUTIVE DISTRIBUZIONE INDICE 1. DEFINIZIONE E FUNZIONE 2. FLUSSI DELLA DISTRIBUZIONE 3. OPERATORI DELLA DISTRIBUZIONE 4. STRUTTURA DEI CANALI (diretto, indiretto) 5. TIPOLOGIE DISTRIBUTIVE

Dettagli

7.C. Strategie di canale e gestione della rete di vendita (La Distribuzione - Place)

7.C. Strategie di canale e gestione della rete di vendita (La Distribuzione - Place) Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2014-2015 Corso di Marketing Industriale e dei Servizi prof. Marco Daz 7.C. Strategie di canale e gestione della rete di vendita

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari Il marketing dei servizi La gestione degli intermediari Gli intermediari nei servizi: canali diretti Le imprese di servizi distribuiscono la propria offerta in alcuni casi direttamente, in altri casi si

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

XMART per gestire il retail non food

XMART per gestire il retail non food XMART per gestire il retail non food Le aziende retail che oggi competono nei mercati specializzati, sono obbligati a gestire una complessità sempre maggiore; per questo, hanno bisogno di un valido strumento

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Lezione 12 Il marketing mix: i canali distributivi Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

Vendilo S.p.A. Internet, trend in crescita

Vendilo S.p.A. Internet, trend in crescita Vendilo S.p.A La società Vendilo, fondata nel 2006, nasce con l obiettivo di implementare ed offrire soluzioni che aiutino i Privati e le Aziende ad avvicinarsi al mondo di internet e alle vendite online.

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa Store.Valtellina.it Descrizione iniziativa Sondrio, 28 Maggio 2010 1 STORE.VALTELLINA.IT - INFORMATIVA ALLE IMPRESE 1.1 Introduzione Store.Valtellina.it nasce per promuovere i prodotti di eccellenza del

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

L IMPRESA NELL AMBIENTE

L IMPRESA NELL AMBIENTE L IMPRESA NELL AMBIENTE General environment P Settore e mercati del settore (task environment) D O ORGANIZZAZIONI OVUNQUE E SISTEMI OVUNQUE General environment 2 SETTORE, MERCATI E IMPRESA L ambiente viene

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Come cambia la distribuzione in rete

Come cambia la distribuzione in rete E-COMMERCE Come cambia la distribuzione in rete Ruolo degli intermediari commerciali: trasferire prodotti e servizi secondo le modalità preferite dal cliente e al prezzo per lui accessibili CRITICITA DELLA

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO FotoDigitalDiscount è la più grande catena di negozi di fotografia in franchising in Italia. Un marchio nato solo nel 2005 che già conta oltre 250 punti vendita distribuiti su tutto il territorio italiano

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

IL MARKETING 26/05/2015 Dr Chiara Civera 1

IL MARKETING 26/05/2015 Dr Chiara Civera 1 IL MARKETING Dr Chiara Civera 1 IL MARKETING: Programma incontri Introduzione al marketing definizione e sviluppo del concetto interazione con le altre funzioni d'impresa gli elementi del marketing mix

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand MAURO SANTINATO Presidente Teamwork Sviluppo del prodotto hotel Analisi di mercato Studi di fattibilità Studio dei trends Ricerche sul territorio

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

Marketing relazionale

Marketing relazionale Marketing relazionale Introduzione Nel marketing intelligence assume particolare rilievo l applicazione di modelli predittivi rivolte a personalizzare e rafforzare il legame tra azienda e clienti. Un azienda

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il I Mktg-L02 Marketing B2C vs Marketing B2B Business to Consumer (B2C): l acquirente

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli