(Edizione a cura del Lions Amedeo Calenzo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Edizione a cura del Lions Amedeo Calenzo)"

Transcript

1 We Serve The International Association of Lions Clubs Distretto 108 L I.T.A.L.Y. Governatore: Ing. Enrico CESAROTTI Anno Sociale Pensiero Azione - Innovazione (Edizione a cura del Lions Amedeo Calenzo) Service distrettuale Contributo dei Lions per l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro Presidente: dott. Armando Di Giorgio

2 Presentazione L Assemblea dei Delegati al Congresso del Distretto 108 L (I.T.A.L.Y.) del Lions International, tenuta a Selargius (Cagliari) dal 12 al 14 maggio 2000, ha deliberato di reiterare per l anno sociale , il Service distrettuale: CONTRIBUTO DEI LIONS CLUBS PER L INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Il Service, già sviluppato lo scorso anno con notevole successo di partecipazione dei Clubs, ha conseguito apprezzamento e unanimi consensi per la pubblicazione del Dizionario del lavoro, uno strumento dedicato ai giovani e finalizzato alla diffusione dell informazione sulle prassi e sulle opportunità per l inserimento nel mondo del lavoro. Il Governatore, Ing. Enrico Cesarotti, quest anno, ha costituito il Comitato Distrettuale nominando responsabili per le rispettive Circoscrizioni i Lions: Amedeo Calenzo (I^), Francesco Rocchi (II^), Giuseppe Seganti (III^), Marcello Parroni (IV^), Simonetta Staico Todde (V^), Giuseppe Tito Sechi (VI^), Anna Lunani (VII^) e Giovanni Ceccarani (VIII^) ed affidandomene la Presidenza. Il Comitato, nell ottica della continuità del Service, dopo averne ribadito lo scopo e sottolineato il fondamentale ruolo dei Lions Clubs nello sviluppo del Service in ambito locale, ha sottolineato, e posto come prima azione del programma di sviluppo, la necessità di arricchire il Dizionario, sia implementando il vocabolario, i siti WEB e gli Indirizzi Utili, sia aggiornando e incrementando le segnalazioni sulla normativa comunitaria, nazionale e, soprattutto, regionale anche alla luce della recente devoluzione di funzioni in materia di lavoro dallo Stato alle Regioni ed agli Enti locali. L intero Comitato ha contribuito a segnalare le innovazioni rispetto alla prima edizione del Dizionario, a raccogliere nuova documentazione e, come già era avvenuto lo scorso anno, ha ritenuto indispensabile affidare il lavoro di revisione, aggiornamento ed ottimizzazione del Dizionario ad un'unica persona, al fine di ottenere un linguaggio omogeneo ed una più coerente trattazione nella stesura della 2^ edizione; desidero in questa sede ringraziare, anche a nome del Comitato, l amico Amedeo Calenzo, che, come già in occasione della 1^ edizione, con disponibilità e spirito di servizio ha accettato di effettuare il lavoro. Il Comitato auspica che questa seconda edizione del Dizionario possa avere la più ampia diffusione possibile, sia tra i giovani che si avvicinano al mondo del lavoro, sia tra le istituzioni pubbliche (università, scuole, province, comuni) e private (unioni industriali, camere di commercio, ecc.) che operano nell attuazione delle politiche attive del lavoro. Il Presidente del Comitato Lions Armando Di Giorgio 2

3 Premessa Il Comitato per il Service Distrettuale Contributo dei Lions Clubs per l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, per dare continuità all attività svolta dal Comitato che ha portato alla stesura e alla diffusione del Dizionario del lavoro, ha deciso di assegnarmi il compito di riprendere quell esperienza per offrirla, attraverso i Clubs, ai giovani in cerca di lavoro con i dovuti aggiornamenti ed ampliamenti. Desidero, perciò, ringraziare innanzi tutto coloro che lo scorso anno, a vario titolo, mi hanno aiutato nella stesura e nella redazione della 1^ edizione del Dizionario, in particolare gli amici Lions Giuseppe Azzarà, Armando Di Giorgio e Martino Taviano, oltre al P.D.G. Carlo Padula Coordinatore del Service. Siamo tutti convinti che la questione disoccupazione sia anche un problema d informazione, ed è per questo motivo che il Comitato ha voluto rilanciare il Dizionario del lavoro con il preciso intento di offrire ai giovani che cercano di inserirsi attivamente nel mondo del lavoro uno strumento, utile ed efficace, per meglio orientarsi verso l occupazione possibile. Il contenuto di questo lavoro si pone come un primo sussidio sia per i neo diplomati e neo laureati in cerca di una prima occupazione, sia per quanti, animati da spirito imprenditivo, siano interessati ad affrontare la sfida del libero mercato. Nel nostro Paese, e per molteplici attività, ci si trova spesso a fare i conti con una grave mancanza d informazioni, soprattutto quando esse provengano dalla Pubblica Amministrazione, e di chiari punti di riferimento, oggi solo in parte ricercabili sul Web; tale situazione è ancora più vera nel mondo del lavoro dove sembra quasi impossibile, a chi sia alla ricerca di un opportunità per divenire parte attiva nel processo di crescita produttiva, districarsi nella selva di norme, date, concorsi, documenti, sigle, promesse di finanziamento, adempimenti burocratici, ecc., per non parlare delle sedi, uffici, sportelli e quant altro messo in atto da Regioni, Province, Comuni. Dal miglior modo di stilare un curriculum, a come affrontare un colloquio di selezione, dalla spiegazione della terminologia tecnica d uso più comune, alle caratteristiche delle diverse tipologie di contratto di lavoro, dalle opportunità per avviare un iniziativa imprenditoriale autonoma, al funzionamento delle strutture di mediazione tra domanda e offerta di lavoro, il Dizionario propone una vasta gamma di suggerimenti, indicazioni e informazioni per meglio sfruttare le capacità e la curiosità di ciascuno in funzione delle possibilità offerte dal mondo del lavoro. Il panorama di riferimenti, informazioni, definizioni sui principali istituti giuridici, indirizzi, leggi, ecc. non è certamente esaustivo, ed è innegabilmente perfettibile, di sicuro, però, il Dizionario si pone come punto di partenza nella ricerca di un lavoro. Particolare cura è stata data allo studio e alla segnalazione di siti Web attivi nella ricerca e nell offerta di lavoro; lungo i sottilissimi fili della Rete elettronica, che ci avvolge e coinvolge sempre più, sarà possibile, a quanti lo vogliano veramente, ricercare e trovare la propria dimensione lavorativa. Dr. Amedeo Calenzo Lions Club Formia 3

4 Indice Presentazione.... pag. 2 Premessa. pag. 3 I Lions: chi sono, perché.... pag. 10 Dizionario... pag Abilità 2. Abruzzo lavoro 3. Accert. fisico-psicoattitudinale 4. Accordo di progr. quadro 5. Addestramento 6. Agenda Agente d assicurazione 8. Agente di commercio 9. Agenzia Lazio lavoro 10. Agenzia reg.le per il lavoro 11. Agricommercio 12. A.I. (Artificial Intelligence) 13. Alienazione 14. Ambizione 15. Amministrazioni pubbliche 16. Analisi 17. Analista finanziario 18. Animatore 19. Annunci economici 20. Annuncio 21. Apatia 22..Apprendimento 23. Apprendistato 24. Artigianato 25. ASFOR 26. Aspettative 27. Asse prioritario 28. Assessment Center 29. Assotelema 30. Assunzioni obbligatorie 31. Atteggiamento 32. Audit (Revisione 33. Autoimprenditorialità contabile) 34. Automazione 35. Azioni Trasversali 36. Bacino d impiego 37.Back up (to) 38. Badge 39. Balance sheet 40. Bancario telematico 41. Basic 42. B.I.C. (Business Inn. Center) 43. Bilancio 44. Blue chips 45. Borsa lavoro 46. Borsa di studio 47. Box Sorting Test 48. Brainstorming 49. Brand manager 50. Broker 51. Budget 52. Buonsenso 53. Burocrazia 54. Burocratese 55. Business 56. Business plan 57. C.A.D. 58.Call Center 59. Campagna pubblicitaria 60. Capacità (le) 61. Capitale 62. Capitale umano 63. Capo 64. Capogruppo 65. Carattere 66. Centri per l impiego 67. Centro di costo 68. Centro di responsabilità 69. Change Manager 70. CILO Centro In. Loc. 71. Cluster Analysis 72. COBOL Occ. 73. Collocamento 74. Collocamento 75. Colloquio di selezione Obbligatorio 76.COMENIUS 77. COMETT 78. Commercio 79. Comm.ne Reg.le per 80. Comm. Reg.le Politiche 81. Competenza Impiego Lav. 82. Comportamento umano 83. Computer Graphics 84. Computer System 85. Concorso 86. CONSOB 87. Consulente aziendale 88. Consulente del lavoro 89. Contratto 90. Contratto atipico 91. Contratto a tempo determ.to 92. Contratto collettivo di lavoro 93. Contratto d Area 4

5 94. Contratto d Agenzia 95. Contratto di formaz.-lavoro 96. Contratto fornitura lav. temp. 97. Contratto di Know How 98. Contratto d inserimento 99. Contratto di outsourcing 100. Contratto di Programma 101. Contratto di reinserimento 102. Contratto di solidarietà 103. Contratto d opera 104. Contratto individuale di 105. Controller lav Controllo di qualità 107. Cooperativa 108. Coop. di prod.ne e lavoro 109. Copy editor 110. Copy writer 111. Corsi di aggiornamento 112. Curriculum vitae 113. Datore di lavoro 114. Decision maker 115. Direct Marketing 116. Disoccupato 117. Disoccupazione 118. Distribuzione 119. Documentarista 120. Domanda di lavoro 121. E-commerce 122. Efficacia 123. Efficienza 124. E.I.C. Euro Info Centre Empowering 127. Empowerment 128. ENASARCO 129. Engineering, 130. ERASMUS 131. Esperienza 132. EUREKA 133. EURES 134. Europa Lavoro 135. Eurosportello 136. EURYDICE 137. Excelsior 138. Factoring 139. FEOGA 140. FESR (Fondo Eur. Sv Fideiussione Reg.) 142. Fiscalizzazione 143. Flessibilità 144. Flow Chart 145. Follow up 146. Fondo per l occupazione 147. Fondo reg.le di occupazione 148. FORCE 149. Formazione 150. Formazione professionale 151. Forza lavoro 152. Franchise 153. Franchisee 154. Franchising 155. Fringe benefits 156. FSE Fondo Sociale Eur Full immersion 158. Futures 159. GEIE Gr. Eur. Inter. Eco 160. Gestione 161. Gestori di patrimoni 162. Gioventù per l Europa 163. Gruppi di lavoro 164. Hard disk 165. Hardware 166. Hart on the Job 167. High Tech 168. Holding 169. Home based 170. Hostess 171. Imprenditore 172. Imprenditore artigiano 173. Imprenditoria Femminile 174. Imprenditoria Giovanile 175. Impresa 176. Impresa Artigiana 177. Incentivazione 178. Incentivo 179. Indennità 180. Information Technology 181. Innovazione 182. Inoccupazione 183. Inserimento prof.le giovani 184. Insight 185. Institore 186. Intelligenza 187. Internet 188. Intesa Ist.le di 189. Investimento Programma 190. ISFOL 191. Job creation 192. Job on line 193. Job sharing 194. Know How 195. Lapin 196. L.S.U. Lavori Social Lavoro 198. Lavoro a domicilio Utili 199. Lavoro Autonomo 200. Lavoro: Coll. coord. e 201. Lavoro di Pubblica Utilità cont Lavoro Femminile 203. Lav. Interinale o Tempor Lavoro Minorile 205. Lavoro Nero 206. Lavoro Parasubordinato 207. Lavoro Pubblico 208. Lavoro Stagionale 209. Lavoro Subordinato 210. Layoff 211. Layout 212. Leadership 213. Leasing 214. Leonardo da Vinci 215. Lettera di Presentazione 216. Liberismo Economico 217. Libretto di lavoro 218. List Broker 219. Liste di disoccupazione 220. Mailing List 221. Management 222. Manager 5

6 223. Mansione 224. Marketing 225. Marketing Oriented 226. Mass Media 227. Master 228. M.B.A. Master Bus. Adm Mediatore Marittimo 230. Mercato del lavoro 231. Minimo retributivo 232. Mobilità del lavoro 233. Mobility Manager 234. Motivazione 235. Network 236. Newsletter 237. Non Profit 238. NOW New opport. women 239. Offerta di lavoro 240. Office Automation 241. Omnibus 242. Operatore 243. Opinion Leader 244. Orario di Lavoro 245. Organizzazione 246. Organizzazioni sindacali 247. Orientamento 248. Orientamento al cliente 249. Osserv. reg.le mercato lav PacchettoTreu 251. Panel 252. Pari Opportunità 253. Partecipazione agli utili 254. Partenariato 255. Part Time 256. Patto Territoriale 257. Pensiero Analitico 258. Pensiero Creativo 259. Periodo di prova 260. PETRA 261. Piani di inserim. profession PIL Prodotto Int. Lordo 263. PIM Progr. Integr. Medit PIP Piano Insed. Produtt P.O. Program Politiche attive del lavoro 267. Posta elettronica Operativo 268. Premio di Produttività 269. Prestito d onore 270. Previdenza 271. Previdenza integrativa 272. Procedure reclutam. P.A Produttività 274. Professionalità 275. Professioni 276. Professioni nuove 277. Progetto 278. Progettualità 279. Programmatore 280. Programmazione 281. Programm.ne negoziata 282. Project Man. di e- commerce 283. Promotore Finanziario 284. Quadro comun.rio 285. Qualifica professionale sostegno 286. Qualità totale 287. Raccomandatario marittimo 288. Rappresentante commercio 289. Rapporti speciali di 290. Reclutamento personale 291. Reinserimento lavoro PA 292. Riqualificazione 293. Risorse Telelavoro 294. Ruolo 295. Selezione 296. Sicurezza sul lavoro 297. SIL Sistema Inf.tivo Lavoro 298. SOCRATES 299. Soc. Imprend. Giovanile 300. Software 301. Sostituto d imposta 302. Spin Off 303. Sportello Unico 304. Staff 305. Stage 306. Statuto dei lavoratori 307. Target 308. TCA Telework Telec Team leadership Ass Telelavoro 311. Telemarketing 312. TEMPLE 313. Terzo settore 314. Test di selezione 315. TFR Tratta.to Fine Rapp Tirocinio 317. Trial Balance 318. Tutor 319. TWE Tele Work Europa 320. VIRGILIO 321. Web 322. Web Designer 323. Web Master 324. Web Producer Alcuni siti Web pag. 86 6

7 Le Sigle.... pag. 93 Indirizzi e numeri utili.. pag. 97 Raccolta normativa pag. Norme Costituzionali... pag. 120 Codice Civile.. pag. 121 Libro Quarto delle obbligazioni (dall art all art. 1765) Libro Quinto del lavoro (dall art all art. 2642) Normativa europea.. pag. 161 Ris. 29 giugno 2000: Risoluzione del Consiglio e dei ministri incaricati dell'occupazione e della politica sociale, riuniti in sede di Consiglio concernente la partecipazione equilibrata delle donne e degli uomini all'attività professionale e alla vita familiare. Dec. 2000/228/CE del 13 marzo 2000 : Decisione del Consiglio relativa agli orientamenti per la politica degli Stati membri in materia di occupazione per il 2000 Racc. 2000/164/CE del 14 febbraio 2000: Raccomandazione del Consiglio riguardante l'attuazione delle politiche in materia di occupazione degli Stati membri. Dec. 2000/98/CE del 24 gennaio 2000: Decisione del Consiglio che istituisce il comitato per l'occupazione. Dec. 1999/51/CE del 21 dicembre 1998: Decisione del Consiglio relativa alla promozione di percorsi europei di formazione integrata dal lavoro, ivi compreso l'apprendistato. Ris. 17 giugno 1999: Risoluzione del Consiglio relativa alle pari opportunità di lavoro per i disabili 7

8 Dir. Cons. UE n. 99/70/CE del : Accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato Normativa nazionale pag. Legge , n Disciplina dell'apprendistato D.P.R , n Approvazione del regolamento per l'esecuzione della disciplina legislativa sull'apprendistato l. 20 mag. 1970, n Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento Legge , n Provvedimenti per l occupazione giovanile Legge , n Istituzione e funzionamento dell'albo nazionale degli agenti di assicurazione. l. 14 maggio 1981, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 marzo 1981, n. 75, recante ulteriori interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del novembre 1980 e del febbraio Provvedimenti organici per la ricostruzione e lo sviluppo dei territori colpiti l. 3 mag. 1985, n Disciplina dell'attività di agente e rappresentante di commercio l. 11 apr. 1986, n Piano straordinario per l occupazione giovanile DM 9 ott Attuazione del piano straordinario per l occupazione giovanile nel settore marittimo l. 28 feb. 1987, n Norme sull'organizzazione del mercato del lavoro d.p.c.m. 18 set. 1987, n Modalità e criteri per l'avviamento e la selezione dei lavoratori ai sensi dell'art. 16 della legge 28 febbraio 1987, n. 56, recante norme sull'organizzazione del mercato del lavoro. Legge , n Ordinamento delle autonomie locali. D.Lgs , n Attuazione della direttiva 86/653/CEE relativa al coordinamento dei diritti degli Stati membri concernenti gli agenti commerciali indipendenti, a norma 8

9 dell'art. 15 della legge 29 dicembre 1990, n. 428 (Legge comunitaria 1990) l. 25 feb. 1992, n Azioni positive per l'imprenditoria femminile D.lgs. 3 aprile 1993, n Trasferimento delle competenze dei soppressi Dipartimento per gli interventi straordinari nel Mezzogiorno e Agenzia per la promozione dello sviluppo del Mezzogiorno, a norma dell'art. 3 della legge 19 dicembre 1992, n. 488 D.P.R , n Regolamento recante estensione agli animatori dei villaggi turistici dell'obbligo di iscrizione all'ente nazionale di previdenza ed assistenza per i lavoratori dello spettacolo DM 31mag. 1994, n Disposizioni urgenti per la ripresa delle attività imprenditoriali DM 24 nov. 1994, n 695 -Regolamento recante modalità per la concessione di agevolazioni all'imprenditoria giovanile (1/a) DL 31 gen. 1995, n 26 - Disposizioni urgenti per la ripresa delle attività imprenditoriali DM 11 mag Definizione dei criteri e delle modalità di concessione delle agevolazioni all'imprenditoria giovanile. DM 8 nov. 1996, n Regolamento recante: criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro autonomo presentate da soggetti inoccupati e disoccupati residenti nei territori di cui all'obiettivo uno dei programmi comunitari. DM 19 feb Istituzione, presso gli uffici del Ministro per le pari opportunità, della commissione per la promozione e lo sviluppo dell'imprenditorialità femminile e dell'osservatorio per l'imprenditorialità femminile. Legge , n Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa. Legge , n Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo l. 24 giu. 1997, n 196 -Norme in materia di promozione dell'occupazione. 9

10 D. Lgs. 7 ago. 1997, n Attuazione della delega conferita dall'articolo 26 della l. 24 giugno 1997, n. 196, in materia di interventi a favore di giovani inoccupati nel Mezzogiorno. DM 29 ago Definizione di ambiti e tipologia dei progetti di lavori di pubblica utilità. D. Lgs. 1 dic. 1997, n 468 -Revisione della disciplina sui lavori socialmente utili, a norma dell'articolo 22 della l. 24 giugno 1997, n. 196 D. Lgs. 23 dic. 1997, n 469 -Revisione della disciplina sui lavori socialmente utili, a norma dell'articolo 22 della l. 24 giugno 1997, n. 196 DM 25 mar. 1998, n 142 -Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all'articolo 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento. D.Lgs , n. 114 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59. D.M Disposizioni concernenti i contenuti formativi delle attività di formazione degli apprendisti D. Lgs. 6 ott. 1998, n 379 -Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali in materia di mercato del lavoro, a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo 1997, n. 59. Legge 12 marzo 1999, n Norme per il diritto al lavoro dei disabili. D. LGS. 30 marzo 1999, n Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni D.M Individuazione dei contenuti delle attività di formazione degli apprendisti D. Lgs , n. 61 -Attuazione della direttiva 97/81/CE relativa all'accordo-quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall'unice, dal CEEP e dalla CES Normativa regionale.. pag. 302 Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia 10

11 Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria Valle d Aosta Veneto Provincia di Bolzano Provincia di Trento Bibliografia... pag. 386 W e s e r v e T h e I n t e r n a t i o n a l A s s o c i a t i o n o f L i o n s C l u b s 11

12 I LIONS chi sono e perché Introduzione Lo slogan della nostra Associazione è (nella lingua inglese): Liberty, Intelligence, Our Nations Safety che possiamo liberamente tradurre in Libertà e comprensione degli altri sono la salvaguardia delle nostre Nazioni. Esso significa che, attraverso il rispetto di tutte le libertà e la pratica della tolleranza, i Lions credono nella possibilità di orientare l evoluzione della condizione umana e di creare rapporti armoniosi tra tutti gli uomini. Il Lions Club International è la più grande associazione mondiale di Club-Service. Istituito con finalità morali e spirituali che riuniscono uomini e donne di buona volontà, uniti nel comune sentire e nell amicizia, finalizzati al miglioramento delle relazioni umane. Il Lionismo è un nuovo modo di essere e di comportarsi, un aprirsi col cuore e con l anima, un interesse rivolto all uomo e ai suoi bisogni, senza discriminazione di razza, di nazionalità, di religione o logiche di vita. Il Lionismo è la promozione della persona umana. Il Lionismo è anche la coscienza della solidarietà, un modo generoso di concepire il mondo, la volontà di operare alla conoscenza e alla comprensione reciproca fra gli uomini, tutto ciò finalizzato ad un comportamento più generoso nei rapporti interpersonali. Ma affinché tutto ciò non rimanga una mera astrazione, è necessario che trovi espressione nell azione dei Lions e si realizzi in applicazioni concrete: opere sociali e umanitarie che realizzino nei fatti i principi fondamentali dell Associazione. Contrariamente alle associazioni di beneficenza, consacrate unicamente alle opere caritative, l azione del Lionismo si esplica in tutti i settori in cui sia possibile migliorare il benessere dell umanità. In tal modo, accanto alla lotta che essi conducono per far fronte ai bisogni materiali delle popolazioni meno favorite, i Lions si sforzano di difendere i valori morali della nostra civiltà, valori fondanti della nostra azione. Il Service Lions è una tra le varie forme della solidarietà umana, non una solidarietà imposta, ma una solidarietà cosciente, che può essere esercitata solamente in un clima di libertà e che esige da coloro che la praticano comprensione, tolleranza e spirito di pace. E così che i Lions, riuniti nelle unità di base costituite dai Clubs, e tuttavia appartenenti ad una comunità mondiale, scelti per cooptazione ma entrati a far parte di questa Associazione in piena libertà e gradimento, avendone accettato senza alcuna riserva di seguirne le regole, sono riuniti con il solo scopo di SERVIRE. Chi sono i Lions? I Lions, sono uomini e donne che offrono con gioia il proprio tempo a sostegno delle cause umanitarie, sia nell ambito della propria comunità, che a livello nazionale e internazionale. Attraverso la realizzazione di azioni sociali e la raccolta di fondi, i Lions si sforzano di aiutare i bisognosi là dove i bisogni si manifestano. Il motto dei Lions è: Noi Serviamo. Sin dalla Convention Internazionale del 1925, il Service a sostegno dei ciechi e dei portatori di problemi alla vista è divenuto una delle iniziative più rilevanti dell Associazione. Da questo Service ha preso il via il Sight First, un programma mondiale che mira alla soppressione della cecità. Da settantacinque anni i Lions sono conosciuti in tutto il mondo, per i Services che essi svolgono in favore dei non vedenti e di coloro che hanno problemi di vista. La maggior parte delle banche degli occhi sono sovvenzionate dai Lions, come pure alcune centinaia di cliniche, ospedali e centri di ricerca oftalmologica. Nelle loro comunità, i Lions offrono ogni anno a migliaia di persone cure 12

13 oculistiche gratuite, occhiali, ecc.; si raccolgono le lenti e le montature usate, si sovvenzionano le ricerche sul diabete e sulla retinite diabetica. I Lions partecipano anche ad altre opere sociali in numerosi settori: lotta al diabete, trasmissione di conoscenze e ricerche; lavoro con i portatori di handicap mentali e con gli invalidi; protezione dell ambiente; benessere della comunità; comprensione internazionale e i giovani. Per i Lions We serve è non solo un motto, ma anche una ragion d essere e un principio ordinatore. Breve storia del Lions Club International La nostra Associazione nasce da un sogno di un giovane assicuratore di Chicago - Illinois (U.S.A.), Melvin Jones, il quale si chiese perché le associazioni di uomini d affari dello Stato, di cui lui stesso faceva parte attiva, non avevano mai pensato di estendere i propri orizzonti al di là della loro preoccupazione puramente professionale al fine di migliorare la loro comunità e, più in generale, il mondo. L idea di Melvin Jones fece riflettere i membri della sua associazione, il Business Circle of Chicago, ed essi lo incoraggiarono a promuovere il suo disegno parlandone con le altre associazioni similari in tutti gli Stati Uniti d America. Grazie ai suoi sforzi si organizzò una riunione il 7 giugno del I dodici uomini che parteciparono alla riunione riuscirono a vincere il senso di lealtà che li legava ai Clubs di appartenenza e si espressero in favore della creazione della Associazione dei Lions Clubs, contestualmente convocarono una Convention nazionale che avrebbe avuto luogo a Dallas Texas (U.S.A.) nel mese di ottobre di quello stesso anno. Trentasei delegati, in rappresentanza di ventidue clubs di nuova costituzione, risposero all invito, approvarono l attribuzione della ragione sociale Lions Clubs ed elessero il Dr. William P. Woods, dello Stato dell Indiana, come primo Presidente. Melvin Jones, guida e fondatore del movimento, fu nominato Segretario supplente, cominciando in tal modo la sua affiliazione al Lionismo che terminò solo con la sua morte avvenuta nel Fu a partire da quella prima Convention che i fondatori cominciarono a definire il significato del Lionismo. Essi adottarono una Costituzione ed uno Statuto, approvarono i colori ufficiali, porpora e oro, e avviarono la formulazione degli Scopi e dell Etica del Lionismo. Uno degli Scopi, in particolare, era di notevole rilievo per un epoca che faceva dell individualismo e del liberismo economico e finanziario il proprio credo; tale Scopo è rimasto uno dei grandi principi del Lionismo fino ai nostri giorni: Nessun Club avrà per scopo il profitto finanziario dei propri soci. Ben presto si cominciò ad organizzare Clubs in tutti gli Stati Uniti, e l Associazione divenne realmente Internazionale allorché fu istituito il Lions Club di Windsor, Ontario (Canada) nel Le tappe dello sviluppo del Lions Clubs International 8 ottobre 1917, a Dallas Texas (U.S.A.), la Prima Convention riunì 23 Clubs Agosto 1918, a Saint Louis Missouri (U.S.A.), la seconda Convention riunì 48 Clubs. I Lions Clubs si sviluppano su tutto il territorio degli Stati Uniti d America. 1920, istituzione del Club di Windsor Ontario (Canada). L Associazione diviene Internazionale. Tra il 1920 e il 1930, i Lions Clubs si affermano in Canada e in Messico. Tra il 1935 ed il 1936, i Lions Clubs si affermano nell America centrale e nell America del Sud. Nel 1947, i Lions Clubs si sviluppano in Australia. Nel 1948, essi si installano in Europa (il primo Club europeo fu creato a Stoccolma (Svezia), il primo Club italiano è stato il Club di Milano, istituito nel

14 Nel 1953, è istituito il primo Club in Africa. Nel 1968 la grande famiglia del Lionismo s ingrandisce grazie ad un importante innovazione: la creazione di Leo Clubs che raggruppano ragazzi e ragazze dai 18 ai 27 anni che si incontrano in un clima di amicizia per svolgere anche loro attività di servizio. Nel 1975 si ha una nuova innovazione: la creazione di Lioness Clubs; Clubs di donne che hanno parimenti per Scopo il servizio disinteressato in favore della comunità. Nel 1987, i Delegati riuniti nella Convention Internazionale di Taipei votano la soppressione del termine maschile dai criteri di ammissione. I Lions Clubs si aprono alla partecipazione sia di uomini sia di donne. Al 30 giugno 1999, l International Association of Lions Clubs conta unmilionecinquecentomila soci in oltre quarantamila Clubs presenti in re centoottantacinque paesi diversi o aree geografiche. Il Nome La denominazione ufficiale è International Association of Lions Clubs abbreviato Lions Clubs International L Emblema L Emblema comprende una L in oro su fondo circolare color porpora. Il cerchio color porpora è bordato in oro e, ai due lati, un profilo di leone guarda verso l esterno. In alto, si legge la parola Lions e, in basso, la parola International. Simbolicamente, i Lions sono rivolti, nello stesso tempo, al passato con fierezza e al futuro con ottimismo. Il Motto Il Motto dei Lions e We Serve (Noi serviamo) Lo Slogan Lo Slogan dell Associazione è: Liberty, Intelligence, Our Nations Safety. Colori Ufficiali I colori ufficiali sono il porpora e l oro. Il color porpora rappresenta la lealtà verso gli amici e verso se stessi, l integrità del cuore e dello spirito. L oro simbolizza la sincerità delle motivazioni, il rispetto e la tolleranza, la purezza della vita e la generosità materiale e spirituale verso i propri simili. Gli Scopi dell International Association of Lions Clubs Creare e sviluppare uno spirito di comprensione tra i popoli del mondo Promuovere i principi di buon governo e di buona cittadinanza Prendere attivo interesse al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità Unire i Clubs con i vincoli dell amicizia e della reciproca comprensione Stabilire una sede per la libera ed aperta discussione di tutti gli argomenti di interesse pubblico, con la sola eccezione della politica di parte e del settarismo religioso Incoraggiare le persone disponibili al servizio a migliorare la propria comunità senza scopo di lucro ed a promuovere un costante elevamento del livello di efficienza e di serietà morale, nel commercio, nell industria, nelle professioni, lavori pubblici ed anche nel comportamento privato 14

15 Codice dell Etica del Lions Clubs International Dimostrare con l eccellenza delle opere e la solerzia del lavoro, la serietà della vocazione al servizio Perseguire il successo, domandare le giuste retribuzioni e conseguire giusti profitti senza pregiudicare la dignità e l onore con atti sleali ed azioni meno che corrette Ricordare che nello svolgere la propria attività non si deve danneggiare quella degli altri: essere leali con tutti, sinceri con se stessi Affrontare con spirito di altruismo ogni dubbio o pretesa nei confronti di altri e, se necessario, risolverlo anche contro il proprio interesse Considerare l amicizia come fine e non come mezzo, nella convinzione che la vera amicizia non esiste per i vantaggi che può offrire, poiché essa non chiede nulla e accetta i benefici con lo spirito che li anima Avere sempre presenti i doveri di cittadino verso la Patria, lo Stato, la Comunità nella quale ciascuno vive: prestare loro con lealtà sentimenti, opere, lavoro, tempo e denaro Essere solidale con il prossimo mediante l aiuto ai deboli, i soccorsi ai bisognosi, la simpatia ai sofferenti Essere cauto nella critica, generoso nella lode, sempre mirando a costruire e non a distruggere Le azioni umanitarie L obiettivo principale da ricercare è l efficacia Nel 1917, allorché Melvin Jones creò la nostra Associazione, pensò che gli uomini che avrebbe riunito sarebbero stati, non solo uomini di buona volontà ma anche uomini disponibili al servizio. Il suo sogno era che i Lions fossero uomini d azione capaci, con il loro comportamento, di influire sull evoluzione delle cose in un senso più favorevole allo sviluppo dell uomo. E il dono di sé, così come definito nel Codice dell Etica Sionistica. Può trattarsi della partecipazione attiva a iniziative con finalità morali, sociali o filantropiche, generalmente a sostegno di organismi privati o anche pubblici aventi come scopo l aiuto a persone bisognose, il sostegno alla ricerca medica, o altro. Il dono di sé E un modo di servire gli altri, di essere orientati ai progressi dell altro. E un mezzo sovente più efficace, più valido e più sentito d altri cui normalmente ci rivolgiamo, più stringente e maggiormente motivante di quanto non sia compilare un assegno o di mettere mano al portafogli. Esso richiede una grande, accresciuta disponibilità del Lions, una ricca e piena consapevolezza dell impegno assunto e della responsabilità che ne deriva. La presenza del Lions accanto all assistito dovrà essere discreta e desiderata, giammai imposta. Le azioni umanitarie Sono costituite da idee generose. Sono generatrici di un Lionismo più attento, più intenso, più attraente; permettono, grazie alla possibilità di mettere in comune i mezzi di tutti, di raggiungere obiettivi di maggiore ampiezza. Tuttavia, occorre prestare attenzione a non porsi obiettivi troppo ambiziosi ed essere realisti; limitare le proprie ambizioni alle reali possibilità del Club, all ardore e alla disponibilità dei suoi membri. Non si dica mai chi troppo vuole nulle stringe. Le azioni umanitarie occupano un posto di primo piano nel quadro delle attività dei Clubs, pur presentando grandi difficoltà sia organizzative sia gestionali; esse necessitano, per raggiungere un elevato livello di efficacia, di molto tempo, di rilevanti sacrifici, di grande generosità. Scelta dell iniziativa 15

16 Un Comitato del Club svolge un indagine sull interesse delle iniziative di cui si ha conoscenza, sulla natura di un eventuale partecipazione finalizzata al raggiungimento degli obiettivi o dei bisogni che esse intendono raggiungere o soddisfare, sull opportunità d aiuti immediati, sulla qualità delle persone responsabili dei progetti, ecc. E una grandissima responsabilità poiché le decisioni assunte impegnano il Club e tutti i suoi membri. Tutte degne, a priori, della massima considerazione, è sovente necessario distinguere le iniziative e classificarle in almeno due categorie: a) quelle che per la loro natura si trovano in linea con le direttive e gli orientamenti promossi e sostenuti dalla Convention Internazionale, dai Congressi Nazionale e Distrettuale, dai Seminari di studio, e b) quelle che assumono rilevanza per la sola valutazione del Club. Queste ultime sono spesso differenti tra loro e in rapporto con la collocazione geografica del Club o, più semplicemente, con l interesse meramente locale al bisogno da soccorrere. Le attività sociali I Lions Clubs di tutto il mondo progettano e realizzano moltissime attività (Services) rivolte al sociale. I Clubs sono incoraggiati a svolgere iniziative a beneficio non solo delle proprie comunità locali ma anche del contesto internazionale. Attualmente la lotta alla cecità e alle patologie della vista è un iniziativa sociale di rilevante ampiezza del Lions Clubs International. Quest iniziativa si chiama Sight First, essa coinvolge le attività di tutti i Clubs che operano nella profilassi delle malattie della vista e in particolare della cecità. Sight First E un Service internazionale orientato alla lotta alla cecità nel mondo. I Clubs agiscono autonomamente e nell ambito del Distretto di appartenenza per ricercare o trattare le cause che provocano la cecità nella loro regione. Prevenzione dalle tossicodipendenze Le minacce che rappresentano le tossicodipendenze e l abuso di alcool sono universali. I Lions Clubs si sono impegnati nella lotta a questi due flagelli, proponendo programmi educativi concepiti per contrastare l uso delle droghe e aiutare i giovani a fare scelte giuste nella loro vita; si ricordano i corsi Lions Quest Chiavi per crescere, indirizzati ai bambini fino a dieci anni, e Chiavi per l adolescenza, rivolti ai fanciulli dai dieci ai quattordici anni. I Lions Clubs patrocinano, oltre ai corsi, numerose altre iniziative contro la droga a livello mondiale. Lotta al Diabete Milioni di persone, al mondo, sono malate di Diabete e non sanno di essere afflitti dalla malattia. I Lions svolgono una penetrante azione di sensibilizzazione verso tutti i cittadini ai segni premonitori e ai pericoli delle conseguenze del Diabete. Attraverso la LCIF (Lions Club International Foundation), si sovvenzionano le istituzioni mediche e la ricerca scientifica sul trattamento e la prevenzione della retinite diabetica, principale causa di cecità. Protezione della vista e lavoro con i non-vedenti I Lions Clubs hanno istituito cliniche per la ricerca e cura del glaucoma, banche degli occhi e centri di riabilitazione. Finanziano centri di formazione professionale, e offrono borse di studio agli studenti meritevoli non vedenti. Grazie alle iniziative dei Lions Clubs è stato introdotto l uso del bastone bianco, divenuto ormai conosciutissimo, e si forniscono cani guida. Services civici 16

17 I Lions collaborano parimenti con le ONLUS nell organizzazione di programmi e progetti a sostegno degli emarginati, degli anziani e dei portatori di handicap, della comunità in cui operano. Il rispetto della legge e la prevenzione della delinquenza giovanile sono parimenti ambiti di azione dei Lions. Services educativi I Lions offrono centinaia di borse di studio ogni anno. I Clubs organizzano anche incontri di orientamento professionale con gli studenti delle ultime classi degli Istituti superiori e invitano personalità del mondo del lavoro e della cultura a parlare agli alunni del loro futuro. Campagne d alfabetizzazione e di formazione professionale nelle aree in via di sviluppo rientrano tra le iniziative di numerosi Clubs. Services ecologici I Clubs ricercano i modi per sensibilizzare il grande pubblico ai problemi della contaminazione dell ambiente e per motivare i cittadini, come individui e come comunità, ad agire in modo concreto, sia per quanto attiene all ambiente naturale (contaminazione dell aria, dell acqua, della terra) che all ambiente culturale e sociale (pianificazione demografica, prevenzione dall alcoolismo e dalle tossicodipendenze, etica). I Lions in questo campo sono incoraggiati a collaborare con le agenzie governative, con le associazioni ambientaliste e con i privati. Services sanitari I Lions finanziano cure mediche nelle regioni povere e organizzano programmi di analisi epidemiologica e di prevenzione. La ricerca medica ha parimenti beneficiato di numerose donazioni da parte dei Lions. Services internazionali I Lions hanno stabilito numerosi legami d amicizia internazionale e partecipano a programmi di aiuto a livello mondiale. I Lions offrono un sostegno finanziario alla L.C.I.F. (Lions Clubs International Foundation), accordano il loro sostegno a progetti umanitari delle Nazioni Unite e gestiscono il concorso internazionale un poster per la pace cui possono partecipare gli alunni delle scuole medie. Un numero sempre maggiore di giovani partecipano al programma Lions di scambi giovanili su un piano internazionale. Services sociali I Lions patrocinano numerosi programmi a sostegno dei portatori di handicap mentali e fisici, delle persone anziane o bisognose. I Clubs e i Distretti hanno anche costruito orfanotrofi, case di riposo e centri di rieducazione per i portatori di handicap. Leo Clubs Dalla creazione di questo programma, i Leo Clubs hanno avviato numerose attività destinate ad aiutare coloro che sono in situazione di bisogno e al miglioramento delle condizioni di vita nella propria comunità. Offrendo Leadership, Esperienza e Occasioni di servizio, i Leo Clubs forniscono ai giovani l opportunità di diventare adulti coscienti del proprio ruolo nella società. Scambi Giovanili I Lions Clubs contribuiscono allo sviluppo della comprensione internazionale partecipando al Programma mondiale di Scambi giovanili. I ragazzi e le ragazze scelti dal proprio Club padrino trascorrono un periodo di soggiorno all estero, dove sono accolti dai Lions locali. In tal modo essi 17

18 possono vivere un importante esperienza che li porterà a conoscere nuovi e diversi costumi e modi di vivere. Campi internazionali della gioventù Il primo campo della gioventù Lionistica fu organizzato dai Lions del Distretto Multiplo 101, Svezia, nel Da allora migliaia di giovani hanno avuto l occasione di dividere con altri il piacere di un soggiorno all estero. L Affiliazione L affiliazione ad un Lions Club avviene per invito. I Clubs si riuniscono, di norma, due volte il mese ed eleggono i propri officers ogni anno. Parimenti ogni anno, nel corso del Congresso Distrettuale, è eletto il Governatore del Distretto; ancora, ogni anno viene anche eletto il Presidente Internazionale nel corso della Convention Internazionale alla quale sono rappresentati tutti i Lions del Mondo. 18

19 DIZIONARIO DEL LAVORO 1. ABILITA Per abilità s intende la destrezza acquisita nel compiere prestazioni motorie o mentali che possono essere molto complicate, ma danno l impressione di essere eseguite senza sforzo. 2. ABRUZZO LAVORO Riferimenti normativi: l. R. Abruzzo 16 settembre 1998, n 76 recante Disciplina dell organizzazione del sistema regionale integrato dei servizi dell impiego Agenzia istituita con l. r. 16 settembre 1998, n 76; ha il compito di erogare alla Regione ed alle Province servizi di assistenza tecnica e assolve funzioni di monitoraggio del Mercato del lavoro. 3. ACCERTAMENTO FISICO-PSICO-ATTITUDINALE E il complesso delle prove tendenti all accertamento del livello culturale, dell efficienza intellettuale, delle qualità caratteriali e delle attitudini dei candidati a ricoprire determinati incarichi nell ambito di una pubblica amministrazione, impresa, azienda, ecc. Tali accertamenti sono effettuati normalmente mediante la somministrazione di test e l effettuazione di un colloquio. 4. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO E l'accordo con enti locali ed altri soggetti pubblici e privati promosso dall amministrazione centrale, regionale o delle province autonome, in attuazione di un intesa istituzionale di programma per la definizione di un programma esecutivo di interventi di interesse comune o funzionalmente collegati. L'accordo di programma quadro indica in particolare: 1) le attività e gli interventi da realizzare, con i relativi tempi e modalità di attuazione e con i termini ridotti per gli adempimenti procedimentali; 2) i soggetti responsabili dell'attuazione delle singole attività ed interventi; 3) gli eventuali accordi di programma ai sensi dell'articolo 27 della legge 8 giugno 1990, n. 142; ; 4) le eventuali conferenze di servizi o convenzioni necessarie per l'attuazione dell'accordo; 5) gli impegni di ciascun soggetto, nonché del soggetto cui competono poteri sostitutivi in caso di inerzie, ritardi o inadempienze; 6) i procedimenti di conciliazione o definizione di conflitti tra i soggetti partecipanti all'accordo; 7) le risorse finanziarie occorrenti per le diverse tipologie di intervento, a valere sugli stanziamenti pubblici o anche reperite tramite finanziamenti privati; 8) le procedure ed i soggetti responsabili per il monitoraggio e la verifica dei risultati. L'accordo di programma quadro è vincolante per tutti i soggetti che vi partecipano. I controlli sugli atti e sulle attività posti in essere in attuazione dell'accordo di programma quadro sono in ogni caso successivi. Limitatamente alle aree di cui all'obiettivo uno del Regolamento CEE n. 2052/88, nonché alle aree industrializzate realizzate a norma dell'articolo 32 della legge 14 maggio 1981, n. 219,, che presentino requisiti di più rapida attivazione di investimenti di disponibilità di aree attrezzate e di risorse private o derivanti da interventi normativi. Gli atti di esecuzione 19

20 dell'accordo di programma quadro possono derogare alle norme ordinarie di amministrazione e contabilità, salve restando le esigenze di concorrenzialità e trasparenza e nel rispetto della normativa comunitaria in materia di appalti, di ambiente e di valutazione di impatto ambientale. Limitatamente alle predette aree di cui all'obiettivo uno del Regolamento CEE n. 2052/88, nonché alle aree industrializzate realizzate a norma dell'articolo 32 della legge 14 maggio 1981, n. 219,, determinazioni congiunte adottate dai soggetti pubblici interessati territorialmente e per competenza istituzionale in materia urbanistica possono comportare gli effetti di variazione degli strumenti urbanistici già previsti dall'articolo 27, commi 4 e 5, della legge 8 giugno 1990, n. 142; 5. ADDESTRAMENTO Apprendimento e maturazione delle abilità richieste dalle condizioni concrete in cui si svolge il lavoro. Integra l esperienza posseduta dal soggetto, indirizzandola verso obiettivi. E bene distinguerlo dalla più ampia formazione,, anche se da questa non sembra nettamente scindibile. Ciò che più distingue l addestramento dalla formazione è la mancanza, nel primo, della produzione iterativa di complessità: nell addestramento, infatti, man mano che si manifestano i progressi, la prestazione diviene più facile, e, nonostante il programma possa prevedere fasi di crescente complessità, esiste un limite oggettivo ai risultati che si possono ottenere; esso è pertanto un processo chiuso, mentre la formazione è un processo aperto, non essendoci dei limiti alla produzione continua e reiterata di situazioni complesse. 6. AGENDA 2000 E così denominata la comunicazione che la Commissione Europea ha predisposto per definire le strategie di azione necessarie a rafforzare la crescita, la competitività e l occupazione, a modernizzare le politiche chiave e ad estendere i confini orientali dell Unione fino all Ucraina, la Bielorussia e la Moldavia. Gli obiettivi fondamentali che la Commissione si pone sono: A. Proseguire le riforme istituzionali e riesaminare l organizzazione e i metodi di lavoro della Commissione stessa. B. Sviluppare le politiche interne per favorire la crescita economica, l occupazione e la qualità della vita Al fine di perseguire tali obiettivi la Commissione ha definito le seguenti priorità: creare le condizioni per una crescita sostenibile e per l occupazione sviluppare politiche per la conoscenza dando nuovo impulso alla ricerca e allo sviluppo tecnologico modernizzare i sistemi di occupazione migliorare le condizioni di vita salvaguardare la coesione economica e sociale dando maggiore efficacia ai fondi strutturali proseguire la riforma della Politica Agricola Comune (PAC) avendo come obiettivo una sempre maggiore competitività internazionale, maggiore attenzione al consumatore, rispetto per l ambiente e sviluppo rurale. 7. AGENTE DI ASSICURAZIONE l. 7 febbraio 1979, n. 48 concernente: Istituzione e funzionamento dell'albo nazionale degli agenti di assicurazione. D.M. 28 aprile 1980 concernente: Programmi e modalità della prova d idoneità di cui all'art. 4 della l. 7 febbraio 1979, n. 48, istitutiva dell'albo nazionale degli agenti di assicurazione, nonché funzionamento della relativa commissione d'esame. L. 28 novembre 1984, n. 792 concernente: Istituzione e funzionamento dell'albo dei mediatori d assicurazione. E colui che, su incarico di imprese autorizzate all'esercizio dell'assicurazione ai sensi delle norme vigenti, svolge l'attività nel campo del servizio distributivo delle assicurazioni, con l'onere di gestione a suo rischio e spese; l'attività di agente di assicurazione non può essere esercitata da chi non è iscritto all'apposito albo istituito con l. 7 febbraio 1979, n AGENTE DI COMMERCIO Riferimenti normativi: Codice civile - CAPO X - Del contratto di agenzia - art Nozione. 20

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41%

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41% COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani entra nel vivo: sono 110.333 i giovani che si sono registrati, 10.241 sono stati già chiamati dai servizi per il lavoro per il primo colloquio e profilazione; 2.743 le

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO Direzione Generale Servizio Programmazione, monitoraggio, valutazione PROT. N. 188 DETERMINAZIONE N. 9 DEL 11/01/2011 Oggetto: L. 135/2001, art. 5, comma

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Progetto PON Governance Regionale e Sviluppo dei servizi per il lavoro

Progetto PON Governance Regionale e Sviluppo dei servizi per il lavoro Progetto PON Governance Regionale e Sviluppo dei servizi per il lavoro L Autorizzazione e l Accreditamento ai Servizi al Lavoro Modelli attuali e prossimi per l ampliamento dei soggetti sul Mercato del

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV. Arpa Toscana Arpa Veneto Arpa Piemonte LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ Arpa Emilia-Romagna Comitato Pari Opportunità Arpa Campania Arpa Lombardia Comitato

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale Cagliari, 1 febbraio 2006 Iscritti all università per regione Anno 2004 - tasso di iscritti all università per regione di residenza

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

CARTA EUROPEA DELLO SPORT

CARTA EUROPEA DELLO SPORT CONSIGLIO D EUROPA CDDS Comitato per lo Sviluppo dello Sport 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CARTA EUROPEA DELLO SPORT Articolo 1 Scopo della Carta Articolo

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA :

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : il ruolo di un soggetto del terzo settore a sostegno del caregiving familiare 31/03/2014 ANZIANI E NON SOLO soc. coop Loredana Ligabue 1.Premessa Quasi l'80%

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 8 novembre 1996, n. 591 (pubblicato nella G.U.R.I. del 22 novembre 1996, n. 274) "Regolamento recante criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari Roma, 15 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY LE FASI DEL PROGETTO

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio Fondazione AVANTEA ONLUS Art. 1 - Origini, denominazione, sede e durata Art. 2 - Scopi ed attività Art. 3 - Patrimonio Art. 4 - Mezzi finanziari Art. 5 - Bilancio

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL COMITATO DISTRETTUALE LEO CLUB

PRESENTAZIONE DEL COMITATO DISTRETTUALE LEO CLUB THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS DISTRETTO 108L (ITALY) Anno Sociale 2000-2001 GOVERNATORE ING. ENRICO CESAROTTI PRESENTAZIONE DEL COMITATO DISTRETTUALE LEO CLUB RIUNIONE DELLE CARICHE Pagina

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme per la promozione del lavoro artigianale N. 4428. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme per la promozione del lavoro artigianale N. 4428. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4428 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Norme per la promozione del lavoro artigianale Presentata il 16 giugno 2011 ONOREVOLI

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

Regolamento IMPRENDOCOOP - IDEE COOPERATIVE DI NUOVA GENERAZIONE

Regolamento IMPRENDOCOOP - IDEE COOPERATIVE DI NUOVA GENERAZIONE Regolamento IMPRENDOCOOP - IDEE COOPERATIVE DI NUOVA GENERAZIONE ARTICOLO 1 - Il progetto Imprendocoop IMPRENDOCOOP Idee cooperative di nuova generazione è un progetto che nasce dalla collaborazione tra

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Compiti istituzionali dell'ordine:

Compiti istituzionali dell'ordine: ORDINE PROVINCIALE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CARTA DEI SERVIZI Cos è l Ordine dei Farmacisti e cosa fa L Ordine, a differenza delle altre organizzazioni fra farmacisti, è un Ente

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli