Incidenti sulle spiagge toscane

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incidenti sulle spiagge toscane"

Transcript

1 Incidenti sulle spiagge toscane Roma 27 maggio 2013 Dr. A. Nicolini U.O. Centrale Operativa 118 A.U.S.L. 12 Viareggio

2 Monitoraggio La Regione Toscana inizia l attività di monitoraggio degli incidenti balneari nel 1999; con pochi strumenti e nessun lavoro specifico a riferimento.. quindi nessuna esperienza con la quale confrontarsi!

3 La storia Ci sono voluti 4 anni per affinare strumenti omogenei di rilevazione; trovare elementi comuni da porre a confronto anche con altre elaborazioni scientifico/epidemiologiche; individuare strumenti tecnologici, potenzialità operative e istruire gli Operatori in merito alle modalità da attuare.

4 La storia In ultimo l aspetto sanitario è stato messo in relazione con quello territoriale: ambiente strutture attività rischi

5 Obbiettivo del progetto ELEVARE LA SICUREZZA Attraverso Conoscenza del fenomeno (infortunio) Conoscenza delle dinamiche (modalità e tempistica) Conoscenza degli ambienti (caratteristiche specifiche) Per ottenere Elementi necessari ad impostare adeguate campagne di prevenzione Indicazioni utili per il personale dei servizi di soccorso Elementi che inducano un miglioramento delle strutture presenti sul territorio

6 Gioco di squadra

7 Gruppo di Coordinamento Dipartimento del Diritto alla Salute: settore Formazione, Comunicazione e supporto al Governo Clinico della Regione Toscana Centrale Operativa 118 dell Azienda Sanitaria Locale 12 di Viareggio

8 Strutture interessate Servizi 118 delle Aziende USL di: Massa Pisa Livorno Grosseto Viareggio Dipartimento Marittimo della Toscana (Guardia Costiera Capitanerie di Porto) Agenzia Regionale Sanità area di Epidemiologia Sociale Comuni costieri della Toscana

9 Programma annuale Aprile-Maggio: incontri con le componenti del progetto e verifica degli strumenti informatici 25 Aprile: inizio periodo di rilevamento 30 Settembre: termine periodo di rilevamento Ottobre: raccolta dei dati Novembre Gennaio: assemblaggio e ripulitura Febbraio Marzo: elaborazione statistico epidemilogica

10 Informazioni database CO 118 Comune, località, obiettivi Tipo luogo: stabilimento balneare spiaggia libera (sorvegliata si/no) spiaggia attrezzata piscina porto foce di fiume mare Data e orario dell evento Attività svolta dall infortunato: turista lavoro - ecc... Stato del mare e del tempo La causa di intervento: infortunio o malattia acuta Codifica della criticità dell evento Valutazioni immediate della Persona soccorsa Ospedalizzazione in Pronto Soccorso: SI / NO Prognosi Ricovero o Dimissione

11 Aspetti tecnologici Applicativo informatizzato LIFECALL (Realizzato appositamente dal Gruppo Informatico) Trasmissione dati: su Web Server Archiviazione: su sistema Cluster

12 Incidenti balneari per codice di presunta gravità in Toscana dal 2006 al 2009 (ARS Toscana) Codice di gravità N % Bianco Verde Giallo Rosso Totale

13 Luogo Incidenti balneari per codice di presunta gravità e luogo di accadimento in Toscana dal 2006 al 2009 (ARS Toscana) Bianco Verde Giallo Rosso N % N % N % N % Fiume Mare Piscina Porto Scogliera Spiaggia attrezzata Spiaggia libera Stabilimento balneare Stabilimento termale Totale

14 Analisi Fiume: 12 interventi 60% rossi Mare: 146 interventi 42% rossi Piscina: 58 interventi 48% rossi Porto: 173 interventi 16% rossi Scogliera: 158 interventi 22% rossi Spiaggia a.: 399 interventi Spiaggia l.: 299 interventi Stab. Baln.:1654 interventi 26% rossi 28% rossi 27% rossi

15 Decessi per Incidenti balneari in Toscana dal 2006 al 2009 (ARS Toscana) Conseguenza dell incidente N % Deceduto Non deceduto Totale

16 Decessi per Incidenti balneari e luogo di accadimento in Toscana dal 2006 al 2009 Luogo (ARS Toscana) Deceduto Non deceduto N % N % Fiume Mare Piscina Porto Scogliera Spiaggia attrezzata Spiaggia libera Stabilimento balneare Stabilimento termale

17 Decessi per Incidenti balneari e causa in Toscana dal 2006 al 2009 (ARS Toscana) Causa Deceduto Non deceduto N % N % Arresto cardio circolatorio Annegamento Lipotimia Trauma Cause rimanenti

18 118 Livorno - rilevamento per comune 118 Grosseto - rilevamento per comune San Vincenzo Rosignano Marittimo Rio Marina Portoferraio Portoazzurro Pisa*** Piombino Marciana Marina Livorno Cecina Cavo Castagneto Carducci Capraia Isola Capoliveri Campo Nell'Elba Bibbona ANNO Scarlino Roccastrada Orbetello M. Argentario Manciano Magliano in Toscana Isola Del Giglio Grosseto Gavorrano Follonica Civitella Paganico Castigl. Della Pescaia Capalbio 118 Viareggio - rilevamento per comune 118 Pisa - rilevamento per comune 1 Massa 59 Viareggio 118 Massa - rilevamento per comune 3 Vecchiano Pietrasanta Forte dei Marmi 1 Montignoso 1 Pontedera 52 Camaiore 1 7 Massa 79 Pisa 2 Carrara

19 Dove sono avvenuti gli infortuni nel ? Fiume Mare Piscina Porto Scogliera Spiaggia attrezzata Spiaggia libera Stabilimento balneare Stabilimento termale

20 Decessi mortalità nr 2 decessi per azione autolesiva

21 Presenze sulle coste della Toscana Oltre 600 Km di costa, isole comprese 222 Km di costa balneabile Presenza tra aprile e settembre di circa 36 milioni di bagnanti bagnanti presenti giornalmente

22 Spiagge in concessione Bagnini di salvataggio ogni 80 metri di arenile Attrezzature per il soccorso in mare Attrezzature per RCP Mantenimento costante della sorveglianza

23 Spiagge libere Non obbligatorietà di servizio con bagnini di salvataggio Sitema di segnaletica dei rischi e dei pericoli spesso non appropriato

24 Iniziative Defibrillatore semiautomatico (DAE) Attività BLSD

25 Esperienza della Versilia Formati BLSD oltre 400 tra bagnini di salvataggio e altro personale 124 DAE agli stabilimenti balneari (circa 1 ogni 3 stabilimenti) 4 arresti cardio-circolatori rianimati con successo

26 Protocollo 118-Guardia Costiera

27 Conclusioni Prevenzione Obbligatorietà di un servizio di sicurezza con bagnini di salvataggio sulle spiagge libere Sistema adeguato di segnaletica dei rischi e dei pericoli Campagne informative ed educative alla popolazione

28 Conclusioni Professionalità Bagnini di salvataggio: aggiornamento periodico obbligatorio BLSD e diffusione capillare dei DAE Cooperazione operativa tra Istituzioni (Bagnini di salvataggio, 118, Guardia Costiera) Eventi formativi congiunti

29 Grazie per l attenzione

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.***

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** * Dipartimento di Architettura, Laboratorio di Cartografia, Università di Firenze ** LaMMA, Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica

Dettagli

ANBI - Associazione Nazionale, Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari

ANBI - Associazione Nazionale, Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari Elenco Destinatari LIVELLO REGIONALE REGIONE TOSCANA Direzione Generale Presidenza Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e Cambiamenti Climatici Direzione Generale Governo del Territorio Settore

Dettagli

Zonizzazione del territorio. Per l'individuazione delle zone e degli agglomerati si è fatto riferimento ai confini amministrativi a livello comunale.

Zonizzazione del territorio. Per l'individuazione delle zone e degli agglomerati si è fatto riferimento ai confini amministrativi a livello comunale. Allegato 1 Zonizzazione del territorio Il territorio regionale è stata suddiviso in zone e agglomerati secondo l art. 3 del D.Lgs. 155/2010 nel rispetto dei criteri di cui all appendice I dello stesso

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Montecatini Terme

OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Montecatini Terme Coordinatrice Prof.ssa Patrizia Romei Ricerca, analisi ed elaborazione dati Dott.ssa Annaluisa Capo OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Montecatini Terme Montecatini Terme OTD Fase 2 Report

Dettagli

Allegato 3 ACQUE DI BALNEAZIONE STAGIONE 2015

Allegato 3 ACQUE DI BALNEAZIONE STAGIONE 2015 ACQUE DI BALNEAZIONE STAGIONE 2015 Allegato 3 Prov Comune Numind Denominazione Area MS Carrara IT009045003003 MARINA DI CARRARA OVEST MS Carrara IT009045003001 MARINA DI CARRARA MS Massa IT009045010005

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 4 febbraio

Richieste di personale aggiornate al 4 febbraio ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO La sede regionale, i Cs di Livorno e Grosseto sono certificati per la progettazione e l erogazione di corsi di formazione lkajlkjalfdkjalfkjalfk Richieste di personale aggiornate

Dettagli

10 i punti critici rilevati dai tecnici dell associazione ambientalista

10 i punti critici rilevati dai tecnici dell associazione ambientalista Firenze, 13 agosto 2010 Comunicato stampa Goletta Verde di Legambiente presenta le criticità della coste e del mare toscano 10 i punti critici rilevati dai tecnici dell associazione ambientalista Legambiente:

Dettagli

RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA

RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA Dati diffusi dall Agenzia Regionale Recupero Risorse il 14/1/213 - www.arrr.it RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE ANNUA IN TONNELLATE Andamento della produzione

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 20 aprile 2011

Richieste di personale aggiornate al 20 aprile 2011 Richieste di personale aggiornate al 20 aprile 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 29 aprile 2011

Richieste di personale aggiornate al 29 aprile 2011 Richieste di personale aggiornate al 29 aprile 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

12 giugno 2009 23 luglio ROMA ELBA LUNI

12 giugno 2009 23 luglio ROMA ELBA LUNI venerdì 12 giugno ROMA \ prologo [ km 13 ] 1. 14.30 15.00-15-30 - -1 20.30-23.00 Stazione FS Termini Colosseo ( passando da S. Maria Maggiore ) Fontana di Trevi ( via dei Fori Imperiali, via del Corso)

Dettagli

Azienda USL 6 di Livorno Dipartimento di Prevenzione DI COSA CI OCCUPIAMO?

Azienda USL 6 di Livorno Dipartimento di Prevenzione DI COSA CI OCCUPIAMO? Azienda USL 6 di Livorno Dipartimento di Prevenzione UNITA FUNZIONALE VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE DI COSA CI OCCUPIAMO? Ambito igiene degli alimenti e sicurezza alimentare Controllo igienico sanitario

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 7 luglio 2011

Richieste di personale aggiornate al 7 luglio 2011 Richieste di personale aggiornate al 7 luglio 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 20 febbraio

Richieste di personale aggiornate al 20 febbraio ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO La sede regionale, i Cs di Livorno e Grosseto sono certificati per la progettazione e l erogazione di corsi di formazione lkajlkjalfdkjalfkjalfk Richieste di personale aggiornate

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 27 maggio 2011

Richieste di personale aggiornate al 27 maggio 2011 Richieste di personale aggiornate al 27 maggio 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

Richieste di personale aggiornate all 8 aprile 2011

Richieste di personale aggiornate all 8 aprile 2011 Richieste di personale aggiornate all 8 aprile 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno ESTATE SICURA 2013

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno ESTATE SICURA 2013 ESTATE SICURA 2013 - Piano Collettivo di Salvataggio: servizi ed attività per la sicurezza sulle spiagge - Definizione del contesto Castagneto Carducci fa parte della, confina a Nord con il Comune di Bibbona,

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 31 marzo 2011

Richieste di personale aggiornate al 31 marzo 2011 Richieste di personale aggiornate al 31 marzo 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 27.2.2002 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 27.2.2002 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 SEZIONE I CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 27.2.2002 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 DELIBERAZIONE 29 gennaio 2002, n. 18 Legge regionale 6 aprile 2000, n. 56 (Norme per la conservazione

Dettagli

LA PROVINCIA DI GROSSETO E L ECONOMIA DEL MARE

LA PROVINCIA DI GROSSETO E L ECONOMIA DEL MARE LA PROVINCIA DI GROSSETO E L ECONOMIA DEL MARE A cura di: Koinè MultiMedia - Pisa I FATTORI DI DEBOLEZZA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO STANNO DIVENENDO ARMI VINCENTI NATURA AGRICOLTURA ALIMENTARI ARTIGIANATO

Dettagli

REPORT SALVATAGGI STAGIONE 2014 VERSILIA

REPORT SALVATAGGI STAGIONE 2014 VERSILIA REPORT SALVATAGGI STAGIONE 214 VERSILIA Questo report rappresenta una casistica degli interventi di soccorso realizzati in Versilia durante la stagione balneare 214. La raccolta è stata compiuta da 28

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 11 giugno

Richieste di personale aggiornate al 11 giugno ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO La sede regionale, i Cs di Livorno e Grosseto sono certificati per la progettazione e l erogazione di corsi di formazione lkajlkjalfdkjalfkjalfk Richieste di personale aggiornate

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 19 maggio 2011

Richieste di personale aggiornate al 19 maggio 2011 Richieste di personale aggiornate al 19 maggio 2011 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie le candidature da inserire

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Regione Toscana: informativa alla clientela per la sospensione delle rate dei mutui nei comuni alluvionati OCDPC n. 157 05/03/2014 Informativa alla Clientela per la sospensione delle

Dettagli

DAL 6 AGOSTO 2012 LINEA FIRENZE - PISA - VIAREGGIO - LA SPEZIA VARIAZIONI ORARIO TRENI

DAL 6 AGOSTO 2012 LINEA FIRENZE - PISA - VIAREGGIO - LA SPEZIA VARIAZIONI ORARIO TRENI LINEA FIRENZE - PISA - VIAREGGIO - LA SPEZIA VARIAZIONI ORARIO TRENI Da lunedì 6 agosto 2012, i seguenti treni Regionali subiranno variazioni. Da Firenze per Pisa/Viareggio/La Spezia e Pontremoli R 23351/

Dettagli

BAGNINI TORNATE A SCUOLA di Stefano Mazzei

BAGNINI TORNATE A SCUOLA di Stefano Mazzei BAGNINI TORNATE A SCUOLA di Stefano Mazzei L ultimo rapporto 2008 del Ministero della Salute, indica che il 96,2% delle coste balneabili nazionali, sono risultate esenti da inquinamento. L Italia, può

Dettagli

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI Allegato A PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLE VIOLENZE NEI CONFRONTI DEI SOGGETTI DEBOLI, DELLE DONNE E DELLA VIOLENZA DOMESTICA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO

Dettagli

SMART MOBILITY TRA TERRA E MARE: L ECONOMIA DEL TURISMO ACCESSIBILE

SMART MOBILITY TRA TERRA E MARE: L ECONOMIA DEL TURISMO ACCESSIBILE SMART MOBILITY TRA TERRA E MARE: L ECONOMIA DEL TURISMO ACCESSIBILE Provincia di Livorno Dott.ssa Irene Nicotra Resp. U.O. Programmazione Trasporti, Porti e Logistica I-NOFARACCESS INVESTIMENTI A FAVORE

Dettagli

Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti. C.1 Rifiuti

Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti. C.1 Rifiuti Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti C.1 Rifiuti Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti C.1.1 Quadro conoscitivo Il monitoraggio della gestione

Dettagli

Guida ai servizi sanitari per l emergenza-urgenza in Toscana

Guida ai servizi sanitari per l emergenza-urgenza in Toscana Regione Toscana Guida ai servizi sanitari per l emergenza-urgenza in Toscana Informazioni e numeri utili Lucca Montecatini Terme Fiesole Pistoia Firenze In occasione dei Mondiali di ciclismo 2013 Toscana,

Dettagli

800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana)

800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana) Se avvisti un incendio di bosco chiama subito uno dei seguenti numeri: 800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana) 1515 CORPO FORESTALE DELLO STATO 115 CORPO NAZIONALE

Dettagli

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione Area Economico/Finanziaria - Unità Organizzativa Patrimonio - Ufficio Demanio Marittimo File: demaniointranetcopia Le misure per la sicurezza della balneazione - Premessa Nell ambito del conferimento agli

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI DELLA PROVINCIA (PAERP)

PIANO DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI DELLA PROVINCIA (PAERP) PROVINCIA DI GROSSETO DIPARTIMENTO TERRITORIO, AMBIENTE E SOSTENIBILITA SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO Garante della Comunicazione per il PA.E.R.P. tel. 0564484772 - fax 056420845 e-mail: d.crescenzi@provincia.grosseto.it

Dettagli

Comune di San Vincenzo

Comune di San Vincenzo PROSPETTO ATTIVITA DI ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PUNTI DI SALVATAGGIO PUBBLICI E PRIVATI DENOMINATO SARAGO 2014 NEL COMUNE DI SAN VINCENZO RELAZIONE TECNICA Il Comune di San Vincenzo è caratterizzato

Dettagli

Gianni Vivoli Architetto

Gianni Vivoli Architetto Gianni Vivoli Architetto 1) PREMESSA Prima di analizzare la distribuzione delle strutture turistiche di Follonica è utile riassumere alcuni aspetti e caratteristiche del turismo di Follonica. Follonica

Dettagli

Protezione civile PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROVINCIA DI LIVORNO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

Protezione civile PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROVINCIA DI LIVORNO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROVINCIA DI LIVORNO E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE L anno duemilaundici e questo giorno cinque del mese di Settembre in Livorno, nella

Dettagli

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana)

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Dr. Alessandro Barchielli Unità di epidemiologia Asl 10 Firenze alessandro.barchielli@asf.toscana.it Causa principale di non autosufficienza

Dettagli

MASTER PLAN LA RETE DEI PORTI TOSCANI

MASTER PLAN LA RETE DEI PORTI TOSCANI ALLEGATO A - elaborato 5 MASTER PLAN LA RETE DEI PORTI TOSCANI DOCUMENTO DI PIANO 216 La rete dei porti toscani tra piattaforma logistica costiera e autostrade del mare Il Programma di Sviluppo Regionale

Dettagli

,-*!./- 012"3*(#4# '*5.%#

,-*!./- 0123*(#4# '*5.%# !"#$%%&'()#*#+ ###+")## 2"3*(#4# '*5.%# L ASSETTO ORGANIZZATIVO chi siamo #'*#-."))*/.4#. 7#*)*"(#8 Articolato in: -Unità Operative a carattere professionale -Strutture organizzative funzionali (Settori-AFP-UF)

Dettagli

ACQUE MARINE E EROSIONE COSTIERA

ACQUE MARINE E EROSIONE COSTIERA FINALITÀ Gestire in maniera integrata la fascia costiera e il mare INDICATORE UNITÀ DI MISURA DPSIR FONTE DEI DISPONIBILITÀ DEI COPERTURA TEMPORALE LIVELLO MASSIMO DI DISAGGREGAZIONE DISPONIBILE TREND

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Ivan Aringhieri 57033 Marciana Marina (LI) Telefono(i) 0565/99002 Cellulare: E-mail Cittadinanza ivan.aringhieri@marcianamarina.toscana.it

Dettagli

TELEMEDICINA in AUSL6

TELEMEDICINA in AUSL6 TELEMEDICINA in AUSL6 Telerefertazione (progetti gi (progetti già attivati) Radiologica (RIS-PACS su tutte le sedi) Neurochirurgica (teleconsulto per AUSL12 Viareggio) Trasfusionale (televalidazione sacche)

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI 118 NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE D.P.R. 27 MARZO 1992 ISTITUISCE LE CENTRALI OPERATIVE 118 UNICHE PER L ALLARME SANITARIO Il sistema di allarme sanitario

Dettagli

Formazione per l apprendistato. Vademecum del giovane apprendista. Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio Serafin, Stefania Milani

Formazione per l apprendistato. Vademecum del giovane apprendista. Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio Serafin, Stefania Milani Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista A cura del Centro per l Impiego di Grosseto: Roberta Giulietti, Massimo Caramelli, Lorella Dragoni Testi: Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio

Dettagli

Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista

Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista A cura del Centro per l Impiego di Grosseto: Roberta Giulietti, Massimo Caramelli, Lorella Dragoni Testi: Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. lami gabriele Data di nascita 10/04/1968 Qualifica Amministrazione. Nome

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. lami gabriele Data di nascita 10/04/1968 Qualifica Amministrazione. Nome INFORMAZIONI PERSONALI Nome lami gabriele Data di nascita 10/04/1968 Qualifica Amministrazione Dirigente ex art. 110 TUEL COMUNE DI FOLLONICA Incarico attuale Dirigente - V Settore Polizia Municipale -

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 IL SISTEMA DI MONITORAGGIO HIV/AIDS IN TOSCANA E IL NUOVO APPLICATIVO WEB Fabio Voller Osservatorio di Epidemiologia,

Dettagli

Richieste di personale aggiornate al 2 luglio 2010

Richieste di personale aggiornate al 2 luglio 2010 ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO Richieste di personale aggiornate al 2 luglio 2010 L ENTE BILATERALE DEL TURISMO TOSCANO, accreditato dalla Regione Toscana per lo svolgimento dei servizi al lavoro, raccoglie

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR L ISOLA CHE C E 2014. Settore di intervento del progetto:

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR L ISOLA CHE C E 2014. Settore di intervento del progetto: Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR L ISOLA CHE C E 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la collaborazione

Dettagli

Grazie al network che caratterizza la struttura dinamica della società, INNOLABS Srl è in grado di offrire i seguenti servizi:

Grazie al network che caratterizza la struttura dinamica della società, INNOLABS Srl è in grado di offrire i seguenti servizi: Chi siamo INNOLABS Srl nasce nel 2011 come spin off del progetto europeo Laboratori di governance per l innovazione e lo sviluppo locale sostenibile all interno del gruppo di lavoro del Dipartimento di

Dettagli

Report ARPAT. Il controllo delle acque di balneazione

Report ARPAT. Il controllo delle acque di balneazione Report ARPAT Il controllo delle acque di balneazione Stagione 2014 Il controllo delle acque di balneazione Stagione 2014 INSIEME PER UN FUTURO SOSTENIBILE Il controllo delle acque di balneazione - Stagione

Dettagli

Gruppo Arezzo 5 ANDATA RITORNO. Stazione di Partenza: Treno speciale n 31380. Partenza ore: 11,35 Arrivo a Viareggio: 15,29. Treno speciale n 31391

Gruppo Arezzo 5 ANDATA RITORNO. Stazione di Partenza: Treno speciale n 31380. Partenza ore: 11,35 Arrivo a Viareggio: 15,29. Treno speciale n 31391 Gruppo Arezzo 5 AREZZO Treno speciale n 31380 Partenza ore: 11,35 Arrivo a Viareggio: 15,29 Treno speciale n 31391 Partenza ore: 16,30 Arrivo a Arezzo: 20,05 Gruppo Arezzo 8 AREZZO Treno speciale n 31380

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI CASTELLACCI MAURIZIO COLLABORATORE AMMINISTRATIVO PROFESSIONALE UFFICIO FORNITORI E CLIENTI 0586/223847 0586/614370.

INFORMAZIONI PERSONALI CASTELLACCI MAURIZIO COLLABORATORE AMMINISTRATIVO PROFESSIONALE UFFICIO FORNITORI E CLIENTI 0586/223847 0586/614370. INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASTELLACCI MAURIZIO Data di nascita 15 MAGGIO 1974 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE AMMINISTRATIVO PROFESSIONALE UFFICIO FORNITORI E

Dettagli

Valutazione del numero di accessi al Pronto Soccorso in seguito ad incidente stradale: sperimentazione nella Regione Toscana di una tecnica rapida

Valutazione del numero di accessi al Pronto Soccorso in seguito ad incidente stradale: sperimentazione nella Regione Toscana di una tecnica rapida www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Francesco Cipriani, Chiara Lorini,

Dettagli

Responsabile - STRUTTURA SEMPLICE FARMACEUTICA TERRITORIALE " ZONA LUNIGIANA " e GOVERNO CLINICO DIPARTIMENTALE

Responsabile - STRUTTURA SEMPLICE FARMACEUTICA TERRITORIALE  ZONA LUNIGIANA  e GOVERNO CLINICO DIPARTIMENTALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GALEAZZI STEFANO Data di nascita 20/09/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE ASL DI MASSA Responsabile - STRUTTURA SEMPLICE

Dettagli

COSTA TOSCANA dai dati ufficiali al sistema turistico reale

COSTA TOSCANA dai dati ufficiali al sistema turistico reale COSTA TOSCANA dai dati ufficiali al sistema turistico reale Costa Toscana: tante anime e identità VERSILIA Camaiore Forte dei Marmi Massarosa Pietrasanta Seravezza Stazzema Viareggio Calci Cascina Pisa

Dettagli

13/10/15. NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine

13/10/15. NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine La rete regionale della Toscana: l'osservatorio Toscano per la Biodiversità Venezia 8 ottobre 2015 Sergio

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE

OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Monsummano Terme OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE MONSUMMANO TERME Terme Grotta Giusti LE ORIGINI Rete Necstour: NECSTouR è una rete di regioni europee impegnate per la realizzazione di

Dettagli

L economia della città e del territorio

L economia della città e del territorio verso il Piano Strutturale L economia della città e del territorio La distribuzione della Struttura turistica Le strutture ricettive Esercizi alberghieri Esercizi Extralberghieri - Alberghi - Residenze

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio Rapporto per le Aziende Sanitarie Locali del Lazio nell ambito del Progetto regionale Programma di sorveglianza e prevenzione degli incidenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BANDUCCI RICCARDO QUALIFICHE PROFESSIONALI Medico Chirurgo. Iscritto all Albo dei Medici Chirurghi della

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013 NOVEMBRE 2013 di assenza 22 25 550 32 13 34 10 89 9 648 36 // // // 36 DICEMBRE 2013 di assenza 22 20 440 // 99 11 3 113 6 432 24 // // 6 30 GENNAIO 2014 22 25 550 12 54 24 19 109 7 504 3 // 2 1 6 FEBBRAIO

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI periodo : mese di GENNAIO 2014 50 1099 170 929 15,47 84,53 periodo : mese di FEBBRAIO 2014 50 1029 91 938 8,84 91,16 periodo : mese di MARZO 2014 50 1075 92 983 8,56 91,44 periodo : mese di APRILE 2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO Assenze NOVEMBRE 2013 101 202 assenza 8,00% presenza 92,00% 25 100 assenza 16,00% presenza 84,00% Assenze OTTOBRE 2013 101 162 assenza 5,94% presenza 94,06% 25 106 assenza 15,70% presenza 84,30% Assenze

Dettagli

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011 del mese di Gennaio 2011 area unica 684 136 548 19,88% 80,12% 32 del mese di Febbraio 2011 area unica 684 97 587 14,18% 85,82% 32 del mese di Marzo 2011 area unica 768 95 673 12,37% 87,63% 32 del mese

Dettagli

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S GENNAIO 2015 D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MARZOTTO GIAMPAOLO. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI MARZOTTO GIAMPAOLO. Nome INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARZOTTO GIAMPAOLO Data di nascita 26/11/52 Qualifica Medico Veterinario Incarico attuale Veterinario Dirigente Numero telefonico 0586 223574 dell ufficio Fax dell ufficio 0586

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASCALE ERIKA Indirizzo VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI, 11 00144 ROMA Telefono Cellulare: 333/4078836

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

deliberazione n. 3 del 26 gennaio 2011

deliberazione n. 3 del 26 gennaio 2011 anno 2011 Società della Salute Colline Metallifere Giunta del Consorzio Società della Salute Colline Metallifere deliberazione n. 3 del 26 gennaio 2011 Oggetto: Approvazione bozza di convenzione tra Società

Dettagli

********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA

********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA ********************************************************************************** * SI-13-SM-PDO2B * * SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE * * SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO * *

Dettagli

Violenza di genere in provincia di Siena Le domande di aiuto ai Centri Antiviolenza. Evoluzione del fenomeno e dinamiche recenti

Violenza di genere in provincia di Siena Le domande di aiuto ai Centri Antiviolenza. Evoluzione del fenomeno e dinamiche recenti Provincia di Siena Osservatorio Sociale Provinciale Violenza di genere in provincia di Siena Le domande di aiuto ai Centri Antiviolenza. Evoluzione del fenomeno e dinamiche recenti Moreno Toigo (OPS Siena)

Dettagli

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord"

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata Toscana Nord Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord" Abetone Aulla Bagni Di Bagnone Barga Borgo A Mozzano Camaiore Camporgiano Careggine Carrara Casola In Lunigiana

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea in Filosofia conseguita presso l Università degli Studi di Pisa il13.11.79;

CURRICULUM VITAE. Laurea in Filosofia conseguita presso l Università degli Studi di Pisa il13.11.79; CURRICULUM VITAE Dati Personali: Fausta Vitagliano nata a San Martino V.C. (AV) il 28.05.52, coniugata, con due figli, residente a Viareggio, Via Indipendenza 8, tel. cell. 335-5333026. Studi Compiuti:

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ARCIDOSSO STUDI DENTISTICI APERTI NEL MESE DI AGOSTO 2015 Dott.ssa MIHAYLOVA HRISTOVA NATALIYA Studio sito in Via David Lazzaretti

Dettagli

Pronto soccorso. Capoverso 1

Pronto soccorso. Capoverso 1 Indicazioni relative all ordinanza 3 concernente la legge sul lavoro Art. 36 Articolo 36 Pronto soccorso 1 I mezzi necessari per il pronto soccorso devono essere stabilmente disponibili, proporzionatamente

Dettagli

40% 44% 0% 2% 144 TICINO SOCCORSO Redatto da: O. Herrchen. Ripartizione missioni secondo urgenza iniziale SETTORE STATISTICA. Approvato da: 20.gen.

40% 44% 0% 2% 144 TICINO SOCCORSO Redatto da: O. Herrchen. Ripartizione missioni secondo urgenza iniziale SETTORE STATISTICA. Approvato da: 20.gen. 144 TICINO SOCCORSO Redatto da: O. Herrchen Approvato da: SETTORE STATISTICA 20.gen.15 Missioni 01.01.2014 31.12.2014 per servizio nero verde giallo arancione rosso blu Totali Croce verde Lugano 18 3773

Dettagli

FPG 2012 Regione Toscana Azione II

FPG 2012 Regione Toscana Azione II Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale Settore Politiche per i Giovani FPG 2012 Regione Toscana Azione II Azione I A sistema per i Mestieri

Dettagli

Campagna informativa nazionale e regionale sul corretto uso dei servizi di emergenza urgenza

Campagna informativa nazionale e regionale sul corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Campagna informativa nazionale e regionale sul corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Area dei Servizi Sanitari territoriali ed Ospedalieri 20/12/2011 Dott. Alessandro Fanzutto Dott.ssa Anna Paola

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Versilia tra terra e mare 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto alle criticità individuate al punto precedente,

Dettagli

SOMMARIO REGOLAMENTO

SOMMARIO REGOLAMENTO SOMMARIO REGOLAMENTO IL SERVIZIO PRENOTAZIONE LIBRI SCOLASTICI USATI (U) IL SERVIZIO PRENOTAZIONE LIBRI SCOLASTICI NUOVI ON LINE (N) IL SERVIZIO PRENOTAZIONE LIBRI SCOLASTICI USATI (U) Unicoop Tirreno

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MARANTO ROSA

INFORMAZIONI PERSONALI MARANTO ROSA INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARANTO ROSA Data di nascita 12/01/58 Qualifica Incarico attuale Medico I livello dirigenziale Attività Sanitarie di Comunità Responsabile f.f Zona Distretto Livornese Coordinatore

Dettagli

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore La chirurgia dell anca Strumenti e metodi di valutazione della qualità dell assistenza Firenze, 4 aprile 2006 I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore Paolo Francesconi

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

PIANO STRATEGICO PROVINCIALE PER LA

PIANO STRATEGICO PROVINCIALE PER LA PIANO STRATEGICO PROVINCIALE PER LA RIDUZIONE DEL RANDAGISMO CANINO http://www.ibriwolf.it/ PIANO STRATEGICO PROVINCIALE per la RIDUZIONE del RANDAGISMO CANINO documento di pianificazione di carattere

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Assegnazione Comuni e Parchi MASSA-CARRARA ENTE PARCO REGIONALE DELLE ALPI APUANE TRESANA

Assegnazione Comuni e Parchi MASSA-CARRARA ENTE PARCO REGIONALE DELLE ALPI APUANE TRESANA MASSA-CARRARA ENTE PARCO REGIONALE DELLE ALPI APUANE Descrizione A01 DOTAZIONI E MANUTENZIONE DI MEZZI E ATTREZATURE ANTINCENDIO 3,000.00 2,000.00 1,000.00 2,000.00 1,000.00 750.00 TRESANA Totale 5,000.00

Dettagli

Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana

Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Linee progettuali preliminari 4 luglio 2008

Dettagli

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Settore Epidemiologia dei Servizi Sociali Integrati OSSERVATORIO DI EPIDEMIOLOGIA (http://www.arsanita.toscana.it) Firenze, 10 Dicembre 2009 I FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI

I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI La salute ai tempi della crisi XXXVI Congresso Annuale AIE Bari, 29 ottobre 2012 I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI Innocenti F, Voller F Settore Servizi Sociali Integrati

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli