Oggetto: Aspetti fiscali del parco macchine di imprese e lavoratori autonomi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Aspetti fiscali del parco macchine di imprese e lavoratori autonomi"

Transcript

1 A tutti i clienti Circolare Bolzano, 23 settembre 2013 n. 33/2013 Oggetto: Aspetti fiscali del parco macchine di imprese e lavoratori autonomi A causa della complessità della materia e delle frequenti modifiche normative in tema di deducibilità fiscale dei costi delle autovetture sorgono nei contribuenti dubbi ed incertezze. Con questa circolare abbiamo voluto fare il punto della situazione in argomento. Tra l altro l uso privato di veicoli aziendali da parte di familiari o soci, se non tassato per trasparenza, deve essere considerato e dichiarato separatamente. Infine particolare attenzione deve essere prestata nell utilizzo dei cosiddetti autocarri che sono finiti nel mirino dell Amministrazione Finanziaria in recenti verifiche. I. Panoramica sulla deducibilità dei costi di autovetture Base giuridica La deducibilità fiscale dei costi di acquisto e di gestione di autovetture per imprenditori e lavoratori autonomi è disciplinata dall art.164 del TUIR. Piena deducibilità I costi d acquisto nonché tutti gli altri costi relativi ad autovetture, autocaravan (come definiti dall art.54 del codice stradale), ciclomotori e motocicli destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell attività propria dell impresa sono interamente deducibili. Il Ministero ha interpretato utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell attività propria dell impresa sempre in modo molto restrittivo. In concreto significa che le spese sono riconosciute solo se il mezzo è es-

2 senziale per l attività, cioè conta il principio di stretta inerenza e necessità per l attività d impresa/lavoro autonomo, come in concreto avviene per le scuole guida, i noleggiatori di auto o per l utilizzo pubblico dei tassisti. Deducibilità limitata Per la generalità degli imprenditori e dei lavoratori autonomi vale la seguente regola: sia i costi d acquisto e che i costi di gestione di autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli, a partire dal periodo d imposta 2013, sono fiscalmente deducibili soltanto nella misura del 20%. Quali costi di gestione si considerano carburante, assicurazione, manutenzione, bollo, riparazioni e spese di parcheggio. I costi d acquisto possono essere ammortizzati al 25 per cento. Il tetto massimo dei costi d acquisto riconosciuto dal fisco è: - Euro ,99 per autovetture e autocaravan, - Euro 4.131,66 per ciclomotori e - Euro 2.065,83 per motocicli. Il tutto sempre e comunque con il limite del 20%. L ammortamento dei costi che supera uno di questi limiti non può essere riconosciuto ai fini fiscali. Ne consegue che imprese e lavoratori autonomi, indipendentemente dell ammontare dei costi d acquisto, possono far valere annualmente un massimo di Euro 903,80 di ammortamenti ai fini fiscali; per gli agenti tale limite è di Euro 5.164,45. Le stesse regole valgono per i contratti di leasing: per determinare la quota deducibile bisogna fare la proporzione tra i limiti deducibili, gli importi delle rate di leasing e la durata. In tale contesto va ricordato, che fino al 29 aprile 2012 i contratti leasing dovevano avere una durata minima di 4 anni; da tale data in poi la durata del contratto è divenuta irrilevante. Quindi anche se la durata del contratto è inferiore a 4 anni la deducibilità fiscale va comunque ripartita su 4 anni. Agenti di commercio Le nuove disposizioni non hanno modificato la deducibilità dei costi relativi alle autovetture utilizzate dagli agenti e rappresentati di commercio, e pertanto la stessa è confermata nella misura dell 80% (e non al 20%) con riferimento al limite del costo fiscalmente rilevante pari a Euro ,84. Tale limitazione alle deducibilità vale anche per i promotori finanziari e per gli agenti di assicurazione. Veicoli concessi in uso promiscuo a dipendenti per la maggior parte Una percentuale di deducibilità più elevata si ottiene quando il veicolo viene dato in uso promiscuo ad un dipendente (il dipendente può anche utilizzare il mezzo a scopo privato). In questo caso ai sensi dell art.164 c.1 2) b-bis del TUIR i costi d acquisto e di gestione ai fini fiscali non sono deducibili al 20% ma bensì al 70% (fino al 2012 al 90%). In più detta percentuale di deducibilità si applica al costo d acquisto dell auto senza i limiti di costo, non trovando applicazione la limitazione relativa al costo di Eu- Pagina - 2 -

3 del periodo d imposta ro Infine, secondo la recente dottrina prevalente, i costi riguardanti il leasing, non devono necessariamente essere ripartiti in quattro anni, ma su un periodo minimo di 2/3 del periodo di ammortamento previsto dalla regola generale per i beni mobili. Tale agevolazione è valida se il veicolo viene concesso al dipendente in uso promiscuo per la maggior parte del periodo d imposta. Secondo la circolare n. 48/1998 dell Agenzia delle Entrate il presupposto è dato, se la concessione in uso si riferisce a piè della metà del periodo di imposta. Attenzione: il trattamento agevolativo sopra descritto vale solo per i dipendenti e non per collaboratori, quali per esempio gli amministratori. Per questi, anche in caso di uso promiscuo, la deducibilità fiscale dei costi è limitata al 20%, con una limitazione dei costi riconosciuti a Euro Quando le autovetture aziendali vengono concesse in uso promiscuo a dipendenti e collaboratori (!), deve essere calcolato il fringe-benefit (beneficio in natura), sotto forma di riaddebito dell utilizzo (o in busta paga o con fattura). Il riaddebito si calcola sulla base delle tabelle ACI per km/anno aggiornate annualmente. In particolare l art. 51 c. 4 del TUIR stabilisce, che in caso di utilizzo promiscuo di veicoli aziendali il riaddebito corrisponde al 30 per cento dei costi chilometrici per 15 mila chilometri (desumibili dalle tabelle ACI) al netto degli importi eventualmente trattenuti al dipendente/collaboratore. Questo principio vale sia per i dipendenti che per i collaboratori, in particolare anche per gli amministratori. Noleggio di veicoli I limiti suindicati valgono anche per il noleggio di veicoli. Per motivi fiscali il tetto massimo annuale della deducibilità dei relativi costi è: - Euro 3.615,20 per autovetture, - Euro 774,69 per ciclomotori e - Euro 413,17 per motocicli. Ne consegue che per il noleggio di un autovettura ad esempio si possono considerare Euro 9,90 al giorno, e di questi soltanto il 20 % è fiscalmente riconosciuto. In pratica per il noleggio di un autovettura si deducono Euro 1,98 al giorno, e per un anno sono Euro 723,04. E di tutta evidenza che a tali condizioni non è conveniente noleggiare autovetture. Anche in questo caso però non trovano applicazione le suddette limitazioni se l auto è concessa ai dipendenti in uso promiscuo, salvo il limite del 70% di deducibilità dei costi in generale. Va notato che nel cosiddetto contratto di locazione a servizio completo (full-service), il limite superiore di Euro 3.615,20 riguarda il canone di noleggio in senso stretto. Pagina - 3 -

4 Quindi non comprende i costi accessori come manutenzione, assicurazione, bollo, ecc., a condizione che tali costi accessori siano esposti separatamente in fattura. Tuttavia per questi costi accessori vale il limite generale del 20% (o 70% per l uso promiscuo o 80% per agenti di commercio) per la detrazione fiscale. Noleggio di veicoli per una specifica trasferta Se il veicolo viene noleggiato per una specifica trasferta al di fuori dal comune, non valgono né il limite annuo di Euro 3.615,20, né la limitazione alla deducibilità del 70%. L art. 95 co. 3 DPR 917/86 prevede per questo tipo di noleggi l intera deducibilità del costo anche ai fini fiscali qualora il - lavoratore dipendente o - il titolare di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa sia stato autorizzato ad effettuare la trasferta. Ai fini fiscali la spesa è deducibile nel limite del costo di percorrenza relativo agli autoveicoli alimentati a benzina di potenza pari a 17 cavalli fiscali e 20 cavalli fiscali per gli autoveicoli alimentati a diesel. Si evidenzia che ciò vale naturalmente per le trasferte al di fuori del comune in cui il datore di lavoro ha la propria sede. Riassunto per le autovetture Qui di seguito si riporta la tabella riassuntiva delle limitazioni sopra elencate: Utilizzo del veicolo Limiti per il costo d acquisto mento / costi d esercizio Detraibilità ammorta- Utilizzo esclusivo all interno della propria attività Veicoli con utilizzo pubblico Furgoni, camion, muletti ecc. Auto aziendali - proprietà Auto aziendali noleggio Autovetture di professionisti Autovetture di agenti e rappresentanti Auto concesse in uso a dipendenti proprietà Auto concesse in uso a dipendenti noleggio nessuno nessuno nessuno , , , ,84 nessuno nessuno 100% 100% 100% 20% 20% 20% 80% 70% 70% IVA L IVA sul costo di acquisto e di gestione di autovetture, camper, moto e motorini non ha subito modifiche e resta detraibile nella misura del 40%. La restante quota del 60% non è detraibile e comporta quindi un pari incremento del costo di acquisto o di gestione. I limiti illustrati nei paragrafi precedenti non valgono ai fini IVA, mentre la sopra menzionata indetraibilità del 60% dell IVA non vale per gli agenti. È consentita l intera detraibilità dell IVA anche nei seguenti casi: per i mezzi di trasporto utilizzati esclusivamente per l attività propria dell impresa e per quelli che, seppur ad utilizzo promiscuo, prevedono la fatturazione all utilizzatore della compo- Pagina - 4 -

5 nente di utilizzo privato con applicazione dell IVA. Quindi se viene fatturato con IVA al lavoratore dipendente o al collaboratore l uso del veicolo aziendale per l utilizzo privato, l IVA sui costi di acquisto e di gestione del veicolo aziendale è detraibili al 100%. Ai fini IVA è pertanto consigliabile, soprattutto in presenza di elevati costi di acquisto e di gestione, non cedere a titolo gratuito la vettura al dipendente o collaboratore ma addebitare in fattura la componente di utilizzo privato applicando l IVA del 22%. Questa regola vale per i mezzi dati in uso ai lavoratori dipendenti e quelli ad essi equiparati, quindi i collaboratori e anche gli amministratori. Se l addebito dell utilizzo privato del veicolo aziendale non avviene tramite fattura al dipendente ma tramite busta paga, l IVA sui costi di acquisto e gestione è detraibile con il limite del 40%. Considerando che nella norma la fatturazione è in ogni caso legata alla retribuzione del collaboratore o dipendente, va presa in esame ogni singola situazione. In linea di massima la fatturazione dell utilizzo privato delle vetture è tanto più vantaggiosa quanto maggiori sono i costi di acquisto e di gestione dei mezzi di trasporto. Al fine di godere interamente della detraibilità IVA è attualmente sufficiente fatturare un utilizzo privato pari a km annui, utilizzando la tariffa ACI prevista per una percorrenza annua complessiva di km. Avvertenza per la fatturazione: si ricorda che la tariffa ACI è considerata comprensiva dell IVA, che al momento di emissione della fattura andrà quindi scorporata. IVA e trasferte: secondo la dottrina prevalente è possibile portare integralmente in detrazione l IVA relativa ai noleggi di autovetture effettuati esclusivamente tramite il datore di lavoro per una specifica trasferta del dipendente/collaboratore al di fuori dal comune. In questo caso si tratta infatti di un utilizzo esclusivamente aziendale dell automezzo. Particolari limitazioni per i liberi professionisti Rimborso spese per l utilizzo dell auto privata per l azienda Per i professionisti e le associazioni di professionisti è previsto che ciascun professionista può detrarre ai fini fiscali i costi e l IVA relativi ad un solo mezzo di trasporto (quindi ad esempio o un autovettura o una moto). Con riferimento all utilizzo dell autovettura da parte di lavoratori dipendenti o collaboratori su incarico dell azienda devono essere prese in considerazione le seguenti disposizioni: - il rimborso chilometrico per viaggi al di fuori del comune rappresenta per il dipendente o collaboratore un reddito imponibile solo per la parte di rimborso eccedente la tariffa ACI specifica relativa al veicolo utilizzato. Il datore di lavoro o il committente al contrario può detrarre dalla base imponibile solo Pagina - 5 -

6 l importo previsto dalla tariffa ACI per un auto con 17 cavalli fiscali se alimentata a benzina e 20 cavalli fiscali se alimentata a diesel. Se al dipendente o al lavoratore autonomo viene rimborsato un importo chilometrico superiore al suddetto limite ma comunque coerente alla tariffa ACI relativa al veicolo utilizzato, il differenziale è comunque non imponibile per il lavoratore dipendente o collaboratore mentre tale importo non rappresenta un costo aziendale per il datore di lavoro o committente e pertanto non è detraibile. I limiti di 17 cavalli fiscali per le autovetture alimentate a benzina e 20 cavalli fiscali per quelle a diesel viene aggiornato due volte all anno, in allegato riportiamo una tabella con i dati attualmente in vigore (aggiornati a fine marzo 2013). In questo caso è necessario predisporre un riepilogo spese in cui si riporta la tipologia di veicolo utilizzato, la destinazione, i chilometri percorsi e la data del viaggio. Considerazione: le disposizioni sempre più restrittive in materia di detraibilità fiscale dei costi di acquisto e gestione delle auto spingono in molti casi a preferire il pagamento di rimborsi chilometrici piuttosto che acquistare un veicolo aziendale. Gli aspetti penalizzanti dei rimborsi chilometrici sono che il collaboratore non può detrarre l IVA, i costi di finanziamento non possono essere dedotti e che l impresa non può sostenere i costi di manutenzione dei veicoli, nemmeno in caso di un sinistro importante. Gli aspetti vantaggiosi di questa impostazione sono che non è dovuta alcuna comunicazione riguardante l utilizzo privato del veicolo, in caso di vendita non si realizzano plusvalenza tassabili (ma al contrario eventuali minusvalenze non sarebbero deducibili) e non sussistono limiti superiori di spesa con riferimento alla deducibilità fiscale. Da tenere in considerazione è anche l evidenza della capacità patrimoniale per l acquisto del veicolo da parte del dipendente/collaboratore. II. Uso privato Concentriamoci ora sull uso privato dei mezzi; anche l uso privato da parte di soci e familiari del socio è tassabile. Con l art. 2, comma 36-terdecies e 36-duodevicies del D.L. 138/2011 è stata infatti introdotta una norma che prevede che, a fronte dell uso privato di mezzi aziendali da parte di soci di società di persone o di capitali nonché da parte di familiari di imprenditori individuali, tale beneficio debba essere tassato quale reddito diverso, fintantoché i mezzi aziendali vengano utilizzati senza il pagamento all azienda di un congruo corrispettivo. Contestualmente, sono state previste più stringenti aliquote di deducibilità delle spese di gestione e di acquisto di questi veicoli in capo alle aziende. Calcolo del valore normale Per quanto riguarda le automobili, l amministrazione finanziaria, con Circolare nr. 36/E, ha chiarito come il valore del beneficio ottenuto dall utilizzo privato del mezzo sia da calcolarsi secondo i costi chilometrici determinati secondo tariffa ACI, ipotiz- Pagina - 6 -

7 zando un utilizzo forfetario del mezzo pari a 4.500km/anno. Tale importo è da depurare degli eventuali pagamenti effettuati alla società per l utilizzo del mezzo. I costi chilometrici dei veicoli in circolazione, validi per il 2013, Vi sono stati comunicati con ns. circolare nr. 6 del 19 gennaio Nessuna limitazione aggiuntiva alla detraibilità Come chiarito dalla Circolare nr. 24/E del 15 giugno 2012, nel caso di beni (in questo caso veicoli) per i quali sia prevista la deducibilità ridotta delle spese di acquisto e dei costi di gestione, la concessione degli stessi in uso privato non determina ulteriori riduzioni dei coefficienti di deducibilità. La concessione in uso promiscuo di veicoli aziendali, non comporterà dunque un aumento della base imponibile fiscale dell azienda e lascerà invariato il coefficiente di deduzione dei veicoli che, nella norma, è fissato al 20%. Più complessa è invece la tassazione in capo all utilizzatore del mezzo. Veicoli del socio amministratore I soci amministratori che utilizzano a fini privati veicoli aziendali a titolo gratuito (contratto di comodato), devono tassare tale benefit secondo il sopra esposto metodo forfetario (4.500 km/annui per la tariffa ACI del mezzo utilizzato) in qualità però di reddito di lavoro dipendente (assimilato) e non, come nel caso generale, quale reddito diverso. Anche nel caso l uso privato del mezzo venga fatturato all amministratore, i limiti alla deducibilità dei costi non operano. Attenzione: se si decidesse di optare per il benefit da tassare in qualità di reddito da lavoro, è bene ricordarsi di includere tale benefit nella delibera con la quale viene fissato il compenso dell amministratore. Tassazione del reddito in capo all utilizzato re Due sono i casi tra i quali distinguere: 1. Imprenditori individuali, società di persone e società di capitali che hanno optato per la tassazione per trasparenza, 2. Società di capitali A differenza del primo caso, nel secondo si viene a creare una doppia tassazione, come di seguito illustrato. Utilizzo di veicoli in imprese individuali, società di persone e società di In questo caso, i costi operativi nonché di acquisto dei veicoli in oggetto sono, per l impresa acquirente, deducibili nel limiti del 20%, 70% o 80% (come illustrato nel capitolo precedente) senza però che debba necessariamente essere tassato l uso privato del mezzo in capo al socio o familiare. Da una parte infatti, i costi sono parzialmente indeducibili in capo alla società (aumentando di conseguenza l utile fiscale che viene tassato per trasparenza in capo al socio) dall altra, viene tassato in capo al socio un reddito diverso (art. 67 comma 1 lettera Pagina - 7 -

8 capitale trasparenti h-ter del TUIR) pari alla differenza tra il valore di mercato dell uso del mezzo (ACI) e l eventuale corrispettivo pagato all azienda. Il problema si risolve nel modo seguente: il socio o familiare tassa il benefit nella misura della differenza tra il valore normale/di mercato dell uso del mezzo (ACI) e l eventuale corrispettivo pagato all azienda e la quota di maggiore utile allo stesso attribuito in seguito alla indeducibilità dei costi auto. La parte di costo indeducibile viene quindi attribuita al socio utilizzatore. Tale importo non deve anche essere tassata in capo al socio come reddito diverso. Esempio: Una SNC con due soci al 50%, A e B, concede in uso ai propri soci una Audi A4 TDI ed una VW Golf 2.0 TDI. Il beneficio privato all uso dei mezzi (30% della tariffa ACI per km) ammonta per l Audi ad e per la Golf ad I costi non deducibili delle automobili (art. 164 TUIR) ammontano, a titolo di esempio, ad per l Audi e ad per la Golf. Il calcolo dei redditi diversi è il seguente: Socio A Socio B Valore d uso del mezzo Assegnazione dei costi non deducibili per l azienda (9.000 * 50%) (1.390 * 50%) Redditi diversi in capo al socio Doppia tassazione in capo alle società di capitali Ciò non vale per le società di capitali non trasparenti. Per queste infatti la deducibilità dei costi resta ferma al 20%. I soci che utilizzano un veicolo aziendale gratuitamente, dovranno tassare l intero valore ACI (il 30% della tariffa convenzionale ACI per km di percorrenza/anno). Comunicazione dell uso privato del mezzo L uso privato degli automezzi da parte di soci o familiari ecc. dovrà essere comunicato entro il 12 dicembre L argomento sarà oggetto di una nostra prossima circolare dedicata. In tema di automobili, vale la pena ricordare come una recente modifica del Codice della strada (Ordinanza 198 del 28 settembre 2012, in vigore dal 7 dicembre 2012) abbia reso obbligatorio riportare sulla carta di circolazione l evenienza in cui il mezzo venga messo a disposizione di terzi (persona diversa la proprietario del mezzo riportato sulla carta di circolazione stessa) per un periodo superiore ai 30 giorni. Questa previsione riguarda anche tutti quei casi in cui il mezzo viene messo a disposizione Pagina - 8 -

9 di dipendenti, amministratori e soci. Ai fini dell applicazione pratica di questa nuova disposizione, di natura non tributaria, si attendono ancora indicazioni e chiarimenti ufficiali. Raccomandazione: l uso privato di autovetture da parte di imprenditori individuali o soci di società di persone o società di capitale che hanno adottato il regime della tassazione per trasparenza in capo ai soci non vi è esigenza di fare alcunchè: nella misura in cui l automezzo non sia del tutto ammortizzato e non abbia costi di gestione elevati, di norma i costi indeducibili assegnati al socio sopravanzano il valore normale di uso dell auto, cosicchè non non residuano importi da tassare come reddito diverso in capo al socio. La fattispecie cambia per le società di capitali che non adottano la tassazione per trasparenza in capo ai soci (ciò accade nella maggior parte dei casi): i soci devono tassare quindi l uso privato dell autovettura (autoconsumo) quale reddito diverso, salvo che non paghino alla società un corrispettivo pari al valore normale del benefit. Si consiglia in tale caso di fare emettere fattura da parte della società l uso privato dell auto con IVA. Cosi facendo si assicura la piena deducibilità dell IVA sul costo di acquisto e sui costi di gestione dell autovettura (100% invece del 40%). III. Autocarri Le restrizioni sopra descritte riguardano autovetture, camper, motociclette ecc. ma non gli autocarri: in relazione a questi ultimi in passato si sono spesso verificati abusi relativi all uso degli stessi. A fronte di ciò con il Decreto Bersani del 4 luglio 2006 sono stati modificati i criteri di individuazione ai fini fiscali degli autocarri. In concreto taluni tipi di automezzi, che ai sensi del Codice della Strada sono inquadrati come autocarri non vengono riconosciuti come tali fiscalmente e sono equiparati alle autovetture. L Amministrazione Finanziaria ha stabilito con provvedimento del 6 dicembre 2006 dei criteri tecnici, in base ai quali un primo gruppo di automezzi che ai sensi del codice della strada sono considerati autocarri ma che ai fini fiscali sono equiparati alle autovetture, con la conseguente deducibilità ridotta dell IVA e dei relativi ammortamenti e costi di gestione. Il provvedimento si riferisce in particolare agli automezzi con le seguenti caratteristiche: 1. immatricolati nella categoria N1 2. con carrozzeria del tipo Fo, c.d. furgoni e 3. con 4 o più posti a sedere. Gli automezzi con queste caratteristiche sono definiti fiscalmente come autocarri soltanto se la proporzione tra potenza del motore (espressa in kw) e la portata (differenza tra peso complessivo e peso a vuoto dell automezzo, espresso in tonnellate) non supera 180 (centoottanta). Mentre la categoria, il tipo di carrozzeria e i posti a sedere sono semplicemente riportati sulla carta di circolazione, il calcolo della proporzione tra potenza e portata non è sempre facile. In merito le seguenti indicazioni: - La potenza del motore (in kw) è derivabile dalla carta di circolazione. - La portata (P) non è sempre indicata sulla carta di circolazione, se si essa è riportata nella casella 3. Spesso però sono indicati separatamente il peso massimo (MC) e il peso del veicolo a Pagina - 9 -

10 vuoto, tara (T), in kg. In questo caso la portata è calcolata facendo la differenza tra peso massimo (MC) e tara (T). Per il corretto calcolo della proporzione bisogna fare la conversione in tonnellate; p.e kg = 2,55 t. - Alla fine si deve fare la divisione tra la potenza del motore (in KW) con la portata (in t) quindi potenza/portata e il risultato non deve superare 180 per assicurarsi la piena deducibilità di tutti i costi relativi all automezzo. Attenzione: in questo contesto bisogna tener conto degli ultimi aggiornamenti del Codice della Strada: l autocarro ai sensi dell art. 54 del codice della strada è adibito al trasporto di beni e personale di servizio/dell azienda. Da ciò consegue che il trasporto di amici, familiari o comunque di persone che non rientrano nell ambito dell attività imprenditoriale è vietato; in caso di infrazione sono previsti, ai sensi dell art. 82 del codice della strada, il ritiro della patente da uno a sei mesi e sanzioni pecuniarie da 78 a 389 Euro. I controlli in questo senso sono sempre più frequenti, pertanto raccomandiamo di prestare la massima attenzione. IV Superbollo su autovetture: Imposta su beni di lusso (Art. 16) Dal 1. Gennaio 2012 è stata inasprita l imposta su automobili di lusso, introdotta con il DL98/2011, per ogni KW ulteriore alla soglia di 185 KW sono dovuti 20 Euro. Esempio: Per un automobile con 280 KW è dovuta un imposta aggiuntiva pari a Euro ( =95*20) ulteriormente al normale bollo di circolazione. È stata però prevista una riduzione dell imposta per le automobili più vecchie come segue: - 40% passati 5 anni dall anno di produzione dell automobile, - 70% passati 10 anni dall anno di produzione dell automobile, - 85% passati 15 anni dall anno di produzione dell automobile - 100% passati 20 anni dall anno di produzione dell automobile. Restiamo naturalmente a Vs. disposizione per qualsiasi informazione. Cordiali saluti, Dott. Josef Vieider Allegato: Tariffe per il rimborso kilometrico ACI, aggiornata a marzo 2013 Pagina

11 Allegato A) Marzo Limiti di deducibilità fiscale dal reddito d'impresa delle spese di trasferta L'art. 33 del decreto-legge 23/2/1995 n. 41 (convertito con legge 22/3/1995 n. 85) ha limitato al costo di percorrenza o alla tariffa di noleggio di autoveicoli di 17 hp (se a benzina) o di 20 hp (se diesel) la deducibilità dal reddito d'impresa delle spese per trasferte di dipendenti o di titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, autorizzati a servirsi di autovettura propria o noleggiata. Le tabelle che seguono indicano i valori del costo medio di percorrenza per gli autoveicoli di 17 hp a benzina o di 20 hp a gasolio. Possono quindi costituire un utile riferimento per quantificare, nei limiti previsti dalla legge, le spese di trasferta da dedurre dal reddito d'impresa. Trattandosi di materia avente rilevanza fiscale, estranea ai compiti del nostro Ente, suggeriamo di prendere contatto, per ogni esigenza di chiarimento, con gli Uffici della locale Amministrazione Finanziaria. Autovetture in produzione alimentate a benzina con 17 CVF prezzo costi non proporzionali alla percorrenza costi proporzionali alla percorrenza prezzo prezzo quota inte- tassa assicuraz. TOTALE quota carbur. pneum. manut. TOTALE listino strada ressi autom. RCA capitale ripar , ,29 973,75 222, , ,76 0, , , , ,32811 Costo complessivo di esercizio in Euro al km Percorrenza media annua Costo di esercizio 1, , , , , , , , , ,40049 Autovetture in produzione alimentate a gasolio con 20 CVF prezzo costi non proporzionali alla percorrenza costi proporzionali alla percorrenza prezzo prezzo quota inte- tassa assicuraz. TOTALE quota carbur. pneum. manut. TOTALE listino strada ressi autom. RCA capitale ripar , , ,80 261, , ,75 0, , , , ,28869 Costo complessivo di esercizio in Euro al km Percorrenza media annua Costo di esercizio 0, , , , , , , , , , ,33165

Auto in uso promiscuo all amministratore

Auto in uso promiscuo all amministratore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 276 08.10.2014 Auto in uso promiscuo all amministratore Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette È frequente l ipotesi che le società concedano

Dettagli

Le modifiche alla disciplina fiscale delle auto

Le modifiche alla disciplina fiscale delle auto Dott. Luca Bilancini Le modifiche alla disciplina fiscale delle auto 1 Nozione fiscale La nozione fiscale di autoveicoli La nozione fiscale di autoveicolo trascende dalla mera classificazione codicistica,

Dettagli

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 GIANCARLO DELLO PREITE 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI

Dettagli

Cessione auto per i minimi

Cessione auto per i minimi Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 358 04.12.2014 Cessione auto per i minimi Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dal momento dell'uscita del contribuente

Dettagli

Le novità del modello Unico ENC

Le novità del modello Unico ENC Variazioni in aumento L articolo 3, comma 16-quater del D.L. 16/2012, ha modificato l articolo 102, comma 6, del TUIR eliminando la disposizione in base alla quale per i beni ceduti, nonché per quelli

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 28/02/2016 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture)

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Al fine di stimolare gli investimenti da parte delle imprese e dei professionisti, la Legge di Stabilità 2016 ha introdotto la possibilità

Dettagli

CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 33/2006. CONVERSIONE IN LEGGE (N. 286 del 24/11/2006) DEL DECRETO N. 262/2006 COLLEGATO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2007

CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 33/2006. CONVERSIONE IN LEGGE (N. 286 del 24/11/2006) DEL DECRETO N. 262/2006 COLLEGATO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2007 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Bologna, 29 novembre 2006. CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 33/2006 CONVERSIONE IN LEGGE (N. 286 del 24/11/2006) DEL DECRETO N. 262/2006 COLLEGATO ALLA LEGGE FINANZIARIA 2007 In

Dettagli

Riassumiamo qui di seguito in ordine cronologico, gli interventi normativi che hanno colpito tale categoria di beni:

Riassumiamo qui di seguito in ordine cronologico, gli interventi normativi che hanno colpito tale categoria di beni: N. 10 2007 TRATTAMENTO FISCALE AUTOMEZZI Il legislatore negli ultimi mesi ha puntato molto l attenzione sugli autoveicoli aziendali, stravolgendo completamento lo scenario del loro trattamento fiscale.

Dettagli

Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili

Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili Articolo 36, comma 7, del D.L. n.223/2006 Ai fini del calcolo delle quote di ammortamento deducibili il costo complessivo dei

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/ COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI

COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/ COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI A tutti i clienti LL.SS Ravenna, 19/10/2015 COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/ COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI Entro il prossimo 30 OTTOBRE è previsto l invio telematico delle due Comunicazioni

Dettagli

Circolare N.133 del 12 ottobre DL 138/2011. Ecco cosa cambia per le cooperative

Circolare N.133 del 12 ottobre DL 138/2011. Ecco cosa cambia per le cooperative Circolare N.133 del 12 ottobre 2011 DL 138/2011. Ecco cosa cambia per le cooperative DL 138/2011: ecco cosa cambia per le cooperative Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che con la

Dettagli

Ai sensi dell art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 così come risultante dopo le modifiche apportate dall art. 1, comma 715, Finanziaria 2014:

Ai sensi dell art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 così come risultante dopo le modifiche apportate dall art. 1, comma 715, Finanziaria 2014: INFORMATIVA N. 142 14 MAGGIO 2015 DICHIARAZIONI LA DEDUCIBILITÀ DELL IMU 2014 Art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 1, comma 508, Legge n. 190/2014 Art. 1, comma 9-quater, DL n. 4/2015 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Nuovo Regime Forfetario

Nuovo Regime Forfetario Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Nuovo Regime Forfetario Slide a cura di Valentina Falzaresi 1 Sommario Premessa Il regime forfetario introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 Le novità della

Dettagli

PER I CONTRIBUENTI MINIMI NON VALGONO LE NOVITÀ SULLE SPESE ALBERGHIERE E DI RISTORAZIONE

PER I CONTRIBUENTI MINIMI NON VALGONO LE NOVITÀ SULLE SPESE ALBERGHIERE E DI RISTORAZIONE PER I CONTRIBUENTI MINIMI NON VALGONO LE NOVITÀ SULLE SPESE ALBERGHIERE E DI RISTORAZIONE a cura Antonio Gigliotti La manovra estiva (D. L. n. 112/2008, conv. con modiff. L. 133/2008) ha sancito, a partire

Dettagli

Lo scorporo del terreno nel leasing immobiliare

Lo scorporo del terreno nel leasing immobiliare Lo scorporo del terreno nel leasing immobiliare Premessa Lo scorporo del terreno dal costo del fabbricato è obbligatorio anche nel caso in cui l acquisto dell immobile avvenga mediante la stipula di un

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

Come accennato, sono tenuti al versamento del secondo acconto, con le diverse modalità di cui si dirà in seguito:

Come accennato, sono tenuti al versamento del secondo acconto, con le diverse modalità di cui si dirà in seguito: (fonte Agenzia Entrate) Il 30 novembre è il termine ultimo per versare la seconda o unica rata dell acconto IRPEF da parte delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico e dell acconto

Dettagli

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti;

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti; Fiscalità differita ed anticipata: casi e soluzioni L iscrizione delle imposte differite attive e passive ad integrazione delle imposte correnti è necessaria al fine di rappresentare correttamente nel

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 20 28.05.2014 La rateizzazione delle plusvalenze Aspetti contabili e fiscali Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili Le plusvalenze

Dettagli

OGGETTO: I SUPER AMMORTAMENTI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI

OGGETTO: I SUPER AMMORTAMENTI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI OGGETTO: I SUPER AMMORTAMENTI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI Gentile Cliente, con la presente circolare le forniamo un approfondimento sull agevolazione, introdotta con la legge di Stabilità per il 2016,

Dettagli

DIVIDENDI E PLUSVALENZE: IMPONIBILITÀ DEL 49,72%

DIVIDENDI E PLUSVALENZE: IMPONIBILITÀ DEL 49,72% DIVIDENDI E PLUSVALENZE: IMPONIBILITÀ DEL 49,72% a cura Dott. Antonio Gigliotti La legge Finanziaria 2008, a seguito della riduzione dell aliquota nominale dell Ires, ha demandato al Ministero dell Economia

Dettagli

CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI

CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI Do#. Pietro Ungari L ires, è l imposta sui redditi delle società di capitali relativa al reddito maturato nell esercizio, insieme all Irap

Dettagli

Circolare informativa 4/2016. ( a cura di Sara Razzi)

Circolare informativa 4/2016. ( a cura di Sara Razzi) Roma, 15 febbraio 2016 Circolare informativa 4/2016 ( a cura di Sara Razzi) RIMBORSI SPESE DIPENDENTI È prassi comune quella di riconoscere rimborsi spese ai dipendenti che svolgono alcune delle loro mansioni

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le imposte Riferimenti PRINCIPIO CONTABILE n. 25 (da fare tutto) DOCUMENTO INTERPRETATIVO AL P.C. 25 (N.2) (da fare: 1-15, 18-42) 2 Le imposte

Dettagli

Nuovo costo per le auto

Nuovo costo per le auto Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 19 21.01.2014 Nuovo costo per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la chiusura del 2013 è necessario porre attenzione alle

Dettagli

Silvano Nieri Commercialista, Ragioniere, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Silvano Nieri Commercialista, Ragioniere, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Circolare n 7 2014 Poggio a Caiano, marzo 2014 A tutti i Clienti Loro Sedi DETRAIBILITA e DEDUCIBILITA AUTOVEICOLI Sono stati emanati numerosi provvedimenti normativi che hanno interessato le auto aziendali

Dettagli

Oggetto: LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DI OMAGGI, SPESE DI RAPPRESENTANZA E SPESE PROMOZIONALI IN VIGORE DAL 2009

Oggetto: LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DI OMAGGI, SPESE DI RAPPRESENTANZA E SPESE PROMOZIONALI IN VIGORE DAL 2009 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DI OMAGGI, SPESE DI RAPPRESENTANZA E SPESE PROMOZIONALI IN VIGORE DAL 2009 Le modifiche normative intervenute nel corso del 2008 tanto

Dettagli

RISOLUZIONE n.95/e. Roma,21 marzo 2002

RISOLUZIONE n.95/e. Roma,21 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Persone Fisiche RISOLUZIONE n.95/e Roma,21 marzo 2002 Oggetto: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articoli 48, commi 2, lett d) e comma

Dettagli

Voce Conto economico VA = variazioni in aumento VD = variazioni in diminuzione. VA adeguamento studi/parametri VA assegnazione beni merce ai soci

Voce Conto economico VA = variazioni in aumento VD = variazioni in diminuzione. VA adeguamento studi/parametri VA assegnazione beni merce ai soci Si analizzano, a partire dalle voci del Conto Economico, le principali variazioni fiscali ai fini IRES e IRAP (metodo da bilancio). Si precisa che talune voci di CE sono irrilevanti ai fini IRAP; per tali

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

VEICOLI A DEDUCIBILITÀ TOTALE

VEICOLI A DEDUCIBILITÀ TOTALE AUTOVEICOLI Le modifiche alle norme sulla deducibilità dei costi relativi agli automezzi innescate dalla condanna UE. sulla detraibilità IVA hanno in poco tempo subito continue variazioni creando una situazione

Dettagli

I VEICOLI AZIENDALI: LE RILEVAZIONI

I VEICOLI AZIENDALI: LE RILEVAZIONI I VEICOLI AZIENDALI: LE RILEVAZIONI Acquisto Per i soggetti diversi da coloro che svolgono abitualmente l attività di compravendita di tali beni, i veicoli acquistati devono essere classificati tra le

Dettagli

NOVITÀ PER I REDDITI FONDIARI E ACCONTO IMU 2013. Dott. Stefano Spina

NOVITÀ PER I REDDITI FONDIARI E ACCONTO IMU 2013. Dott. Stefano Spina NOVITÀ PER I REDDITI FONDIARI E ACCONTO IMU 2013 Dott. Stefano Spina IMPOSTE DIRETTE NOVITÀ OPZIONE PER LA CEDOLARE SECCA Contratti in essere al 7.4.2011 Opzione in sede di UNICO 2012 Conferma mediante

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

PROPOSTA AGGIORNAMENTO DEI VALORI LIMITE PER LA DEDUCIBILITA DI ALCUNI COSTI E SPESE

PROPOSTA AGGIORNAMENTO DEI VALORI LIMITE PER LA DEDUCIBILITA DI ALCUNI COSTI E SPESE PROPOSTA AGGIORNAMENTO DEI VALORI LIMITE PER LA DEDUCIBILITA DI ALCUNI COSTI E SPESE Art. 66, comma 4, TUIR Art. 164, comma 1, lettera b TUIR Art. 102, comma 5, TUIR PREMESSA 1/8 Già da tempo si è palesata

Dettagli

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1 Prot. n. F89/RNS Bologna, 07 giugno 2012 Oggetto: DEDUCIBILITA DEI CANONI DI LEASING ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DELLA DURATA MINIMA DEL CONTRATTO NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITA Modifica apportata, al comma

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE PREVIBANK iscritto all Albo dei Fondi Pensione al n. 1059 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 Luglio 2014) Pagina 1 di 6 Versione Luglio 2014 PREMESSA Le informazioni fornite nel

Dettagli

Leasing finanziario Fiscalità e SUPER AMMORTAMENTO

Leasing finanziario Fiscalità e SUPER AMMORTAMENTO Leasing finanziario Fiscalità e SUPER AMMORTAMENTO Silvia Baroni, Tax Leader GE Capital Italy Febbraio, 2016 Imagination at work. L acquisizione di beni strumentali In proprietà Beni a disposizione in

Dettagli

La disciplina fiscale della cessione di azienda

La disciplina fiscale della cessione di azienda La disciplina fiscale della cessione di azienda Imposte dirette Ai fini delle imposte sui redditi, vi sono le seguenti modalità di tassazione della plusvalenza (pari alla differenza tra il corrispettivo

Dettagli

OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili

OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili Cedolare locazioni Il Decreto sul federalismo municipale ha introdotto la disciplina della c.d. cedolare secca che costituisce, per le persone

Dettagli

del 7 marzo 2012 Trattamento di fine mandato degli amministratori di società - Modalità di tassazione - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

del 7 marzo 2012 Trattamento di fine mandato degli amministratori di società - Modalità di tassazione - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE Circolare n. 11 del 7 marzo 2012 Trattamento di fine mandato degli amministratori di società - Modalità di tassazione - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa...2 2 Esclusione della tassazione

Dettagli

Deducibilita` dei costi degli autoveicoli in UNICO 2010

Deducibilita` dei costi degli autoveicoli in UNICO 2010 Deducibilita` dei costi degli autoveicoli in UNICO 2010 di Paolo Parisi (*) L ADEMPIMENTO " UNICO PF, SP, SC: Quadri RF, RG e RE Nella compilazione del modello UNICO e, in particolare, in sede di determinazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 85/E. Roma, 12 agosto 2011

RISOLUZIONE N. 85/E. Roma, 12 agosto 2011 RISOLUZIONE N. 85/E Roma, 12 agosto 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Richiesta di rimborso per somme erogate a titolo di incremento della produttività negli anni 2008 e 2009. Compilazione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 44 04.12.2013 Assegnazione beni ai soci Disciplina contabile e fiscale Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie L assegnazione dei beni

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE Servizio V

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE Servizio V In data 11/12/012 è stata sottoscritta l ipotesi di accordo integrativo relativo al personale dirigente di 2^ fascia dell area 1^ concernente il fondo dei dirigenti per l anno 2011. L ipotesi di accordo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 13/E QUESITO RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 02 marzo 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Cessione di bene immobile strumentale e successiva stipula

Dettagli

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO DIRITTO TRIBUTARIO Dr. Maurizio Tambascia REDDITI DI LAVORO AUTONOMO REDDITI DI LAVORO AUTONOMO. 1 - DEFINIZIONE. Il reddito di lavoro autonomo è quello derivante dall esercizio di attività lavorative

Dettagli

Olbia 25 maggio 2016. Francesco Marcetti Dottore Commercialista - Giurista d Impresa

Olbia 25 maggio 2016. Francesco Marcetti Dottore Commercialista - Giurista d Impresa Olbia 25 maggio 2016 Francesco Marcetti Dottore Commercialista - Giurista d Impresa LA RISPOSTA DEL LEGISLATORE ALLA RICHIESTA DI SOSTEGNO AL LEASING SI E CONCRETIZZATA CON I PROVVEDIMENTI SUL SETTORE

Dettagli

INDICE. Introduzione... pag. 9 L EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 2006 AD OGGI CAPITOLO PRIMO CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI

INDICE. Introduzione... pag. 9 L EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 2006 AD OGGI CAPITOLO PRIMO CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI INDICE Introduzione... pag. 9 L EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 2006 AD OGGI 1. Novità in tema di imposta sul valore aggiunto... pag. 13 1.1 Incompatibilità della legislazione nazionale con il diritto comunitario:

Dettagli

VERIFICA DEL PARCO AUTO CENSITO AL 2011

VERIFICA DEL PARCO AUTO CENSITO AL 2011 Chiudi Stato: Salvato in versione definitiva Credenziali non riconosciute o sessione scaduta, si prega di chiudere la finestra, grazie. 3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

http://areariservata.censimentoautopa.gov.it/quest2013.aspx

http://areariservata.censimentoautopa.gov.it/quest2013.aspx http://areariservata.censimentoautopa.gov.it/quest23.aspx Page of 5 24/7/23 Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 22 Tabella

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI Già da qualche anno sono stati cambiati i parametri con i quali i pensionati possono ottenere le prestazioni pensionistiche legate al reddito.

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Trasformazione delle imposte differite attive in crediti d imposta Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Marco Ciavattini Art.

Dettagli

Agosto 2009. Confronto tra Noleggio a Lungo Termine, Proprietà e Leasing ALD Automotive

Agosto 2009. Confronto tra Noleggio a Lungo Termine, Proprietà e Leasing ALD Automotive Agosto 2009 Confronto tra Noleggio a Lungo Termine, Proprietà e Leasing ALD Automotive Imprese: Uso strumentale all'attività d Impresa o adibito ad uso pubblico Proprietà e Leasing Finanziario Noleggio

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DOTT. SAURO BALDINI. News di approfondimento

STUDIO PROFESSIONALE DOTT. SAURO BALDINI. News di approfondimento News di approfondimento N. 3 09 Marzo 2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Ente collegato: COMUNE DI POVOLETTO Chiudi Stato: Salvato in versione definitiva 3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE VERIFICA DEL PARCO AUTO CENSITO AL 2011 Le tabelle

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n.6275 /2011 Modalità per il versamento dell imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale dovuta per i contratti di locazione finanziaria di immobili in corso di esecuzione alla

Dettagli

La Legge di Stabilità 2016 ha previsto una misura per la promozione dell acquisto di abitazioni

La Legge di Stabilità 2016 ha previsto una misura per la promozione dell acquisto di abitazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 27 04.02.2016 Telefisco e la nuova detrazione Iva delle abitazioni Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2016 La Legge di Stabilità 2016 ha previsto

Dettagli

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Anagrafica Ente CF: 800290308 Tipologia: UNIVERSITÀ PUBBLICHE Denominazione: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Indirizzo: Via Santa Maria in Gradi, 4 Ufficio: Economato 3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI

Dettagli

Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016

Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016 Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 14 dell 29.11.2016,

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 - Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 - La disponibilità di

Dettagli

Risoluzione n. 340/E. OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA- Irap soggetti passivi- articoli 2 e 3 del D. Lgs del 12 dicembre 1997, n. 446.

Risoluzione n. 340/E. OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA- Irap soggetti passivi- articoli 2 e 3 del D. Lgs del 12 dicembre 1997, n. 446. Risoluzione n. 340/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA- Irap soggetti passivi- articoli 2 e 3 del D. Lgs del 12 dicembre 1997, n. 446.

Dettagli

ESERCIZI - ECONOMIA PUBBLICA LZ 2016

ESERCIZI - ECONOMIA PUBBLICA LZ 2016 ESERCIZI - ECONOMIA PUBBLICA LZ 2016 Esercizio 1 (IVA) Si consideri la seguente situazione: - l'impresa A vende all'impresa B un bene intermedio, che ha prodotto utilizzando solo il fattore lavoro, al

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE 1/5 OGGETTO DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE CLASSIFICAZIONE DT ART. 164 TUIR RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 19 BIS1, COMMA 1, D.P.R. 26 OTTOBRE

Dettagli

IL TRATTAMENTO IVA DELLE PROVVIGIONI DOPO L APPROVAZIONE DELLA LEGGE COMUNITARIA 2008

IL TRATTAMENTO IVA DELLE PROVVIGIONI DOPO L APPROVAZIONE DELLA LEGGE COMUNITARIA 2008 IL TRATTAMENTO IVA DELLE PROVVIGIONI DOPO L APPROVAZIONE DELLA LEGGE COMUNITARIA 2008 Come noto il comma 325 della Finanziaria 2007 ha introdotto nell art. 7, comma 4, DPR n. 633/72, la lett. f-quinquies)

Dettagli

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 "Differenza" del mod. Unico 2015 PF.

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 Differenza del mod. Unico 2015 PF. Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2015 Si illustrano le modalità di determinazione e versamento della seconda o unica rata dell acconto IRPEF, IRAP ed IRES e della cedolare

Dettagli

Rag. Renzo Del Rosso. Massa e Cozzile, li 12 dicembre Circolare informativa. Oggetto: Trattamento fiscale degli omaggi

Rag. Renzo Del Rosso. Massa e Cozzile, li 12 dicembre Circolare informativa. Oggetto: Trattamento fiscale degli omaggi Massa e Cozzile, li 12 dicembre 2012 Circolare informativa Oggetto: Trattamento fiscale degli omaggi In occasione dell arrivo delle festività natalizie è consuetudine delle imprese distribuire gratuitamente

Dettagli

ATTIVITA DI LAVORO AUTONOMO

ATTIVITA DI LAVORO AUTONOMO EVOLUZIONE DELLA MISURA DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI OBBLIGATORI DOVUTI PER L ISCRIZIONE ALLA GESTIONE SEPARATA INPS DI CUI ALL ART. 2, C. 26, DELLA L. 335/95 - ATTIVITA DI LAVORO AUTONOMO - RAPPORTI DI

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 328 12.11.2014 Cedolare secca e secondo acconto imposte Metodo previsionale, per coloro che adottano il regime della cedolare secca Categoria:

Dettagli

IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE

IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE Caso 5 IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE Oggetto ed obiettivi: oggetto del caso sono le imposte differite. Calcolarle è necessario per la corretta imputazione a Conto Economico delle imposte di competenza.

Dettagli

Elementi del reddito d impresa. Anno Accademico 2010/11

Elementi del reddito d impresa. Anno Accademico 2010/11 Elementi del reddito d impresa Anno Accademico 2010/11 Elementi reddituali Gli elementi reddituali possono: Positivi Negativi; Tipici Atipici; Con valenza periodica o multi periodica; Tassabili in misura

Dettagli

Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015

Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015 Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 57 dell 11.03.2015,

Dettagli

NOVITA' PER LA DEDUCIBILITA' INTERESSI PASSIVI

NOVITA' PER LA DEDUCIBILITA' INTERESSI PASSIVI NOVITA' PER LA DEDUCIBILITA' INTERESSI PASSIVI NOVITÀ PER LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI Nell ambito del c.d. Decreto Internazionalizzazione, pubblicato recentemente sulla G.U., il Legislatore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 09 febbraio 2011

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 09 febbraio 2011 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 09 febbraio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Applicazione dell imposta di bollo alle procure speciali di cui all art. 63 del DPR 600 del 1973 e

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

VERIFICA DEL PARCO AUTO CENSITO AL 2011

VERIFICA DEL PARCO AUTO CENSITO AL 2011 Chiudi Stato: Salvato in versione definitiva Credenziali non riconosciute o sessione scaduta, si prega di chiudere la finestra, grazie. 3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA (Artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000)

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA (Artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000) Collaborazione coordinata e continuativa MOD. CCC il.././., Codice fiscale residente a in Via /Piazza n... C.A.P. DICHIARA di essere Dipendente pubblico in attività di servizio e di avere ricevuto l incarico

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 31 14.02.2014 Artigiani e commercianti: le aliquote contributive 2014 Fornite le aliquote contributive dovute per l anno in

Dettagli

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

SOMMARIO. imposte e tasse IMPOSTE INDIRETTE

SOMMARIO. imposte e tasse IMPOSTE INDIRETTE SOMMARIO ESEMPI SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI INDIVIDUAZIONE DEI VEICOLI TRATTAMENTO AI FINI IVA VEICOLI DATI IN USO A DIPENDEN- TI E AMMINISTRATORI FISCALITÀ IVA VEICOLI AGENTI E RAPPRESENTANTI Artt.

Dettagli

Credito di imposta per gli investimenti in aree svantaggiate del Sud Italia

Credito di imposta per gli investimenti in aree svantaggiate del Sud Italia Credito di imposta per gli investimenti in aree svantaggiate del Sud Italia 1 A R T. 1 CO. 9 8-1 0 8 L E G G E N. 2 0 8 D E L 2 8 / 1 2 / 2 0 1 5 ( L E G G E D I S T A B I L I T À D E L 2 0 1 6 ) Che cosa

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

comune di SCANDICCI CONTATTO > COMUNE INFOTRIBUTI IMU - TASI - TARI GUIDA ALLE IMPOSTE COMUNALI 2014

comune di SCANDICCI CONTATTO > COMUNE INFOTRIBUTI IMU - TASI - TARI GUIDA ALLE IMPOSTE COMUNALI 2014 comune di SCANDICCI CONTATTO > COMUNE INFOTRIBUTI IMU - TASI - TARI > GUIDA ALLE IMPOSTE COMUNALI 2014 INDICE Imposta unica comunale pag. 4 TASI - Tributo per i Servizi Indivisibili pag. 5 TARI - Tassa

Dettagli

Fiscal Approfondimento La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal Approfondimento La circolare di aggiornamento professionale Fiscal Approfondimento La circolare di aggiornamento professionale N. 42 17.11.2015 Legge di Stabilità 2016: maxi ammortamento auto aziendali A cura di Pasquale Pirone Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte

Dettagli

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Anagrafica Ente CF: 00324130194 Tipologia: AMMINISTRAZIONI COMUNALI Denominazione: COMUNE DI VESCOVATO Indirizzo: PIAZZA ROMA 4 Ufficio: TECNICO 3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

SOSTITUTI D IMPOSTA RITENUTA D ACCONTO SULLE PROVVIGIONI

SOSTITUTI D IMPOSTA RITENUTA D ACCONTO SULLE PROVVIGIONI SOSTITUTI D IMPOSTA RITENUTA D ACCONTO SULLE PROVVIGIONI Pubblichiamo un breve opuscolo informativo in materia di ritenuta d acconto; l obiettivo è di fornire un agevole ausilio agli Associati in merito

Dettagli

N. 25 FISCAL NEWS. 16.01.2012 Le fatture dei minimi dal 2012. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 25 FISCAL NEWS. 16.01.2012 Le fatture dei minimi dal 2012. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 25 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 16.01.2012 Le fatture dei minimi dal 2012 Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

Periodico informativo n. 112/2013

Periodico informativo n. 112/2013 Periodico informativo n. 112/2013 Beni aziendali in uso a soci/familiari: aspetti contabili e fiscali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo fare chiarezza in merito

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l News per i Clienti dello studio del 16 Gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Iscritti alla Cassa geometri: incremento al 5% del contributo integrativo,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 55 25.02.2016 Super ammortamento auto: le regole Legge di Stabilità 2016 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2016 A cura di Gioacchino De Pasquale

Dettagli

Iva detraibile per spese vitto e alloggio

Iva detraibile per spese vitto e alloggio Roma, 8 settembre 2008 Iva detraibile per spese vitto e alloggio L'Iva sulle spese sostenute per alberghi e ristoranti si può detrarre totalmente. La circolare dell'agenzia delle Entrate del 5 settembre

Dettagli

S E A V OGGETTO: I VEICOLI IN COMODATO E LA COMUNICAZIONE ALLA MOTORIZZAZIONE CIVILE

S E A V OGGETTO: I VEICOLI IN COMODATO E LA COMUNICAZIONE ALLA MOTORIZZAZIONE CIVILE Bergamo, ottobre 2014 CIRCOLARE N. 18/consulenza aziendale OGGETTO: I VEICOLI IN COMODATO E LA COMUNICAZIONE ALLA MOTORIZZAZIONE CIVILE Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha fornito

Dettagli