Architettura degli Elaboratori B Introduzione al corso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura degli Elaboratori B Introduzione al corso"

Transcript

1 Componenti di un calcolatore convenzionale Architettura degli Elaboratori B Introduzione al corso Salvatore Orlando Studieremo il progetto e le prestazioni delle varie componenti di un calcolatore convenzionale processore (CPU) - parte operativa (datapath) - parte controllo (control) memoria principale - DRAM, SRAM e gerarchie Input/Output (I/O) - mouse, tastiera (I) - video, stampante (O) - dischi (I/O) - CD (I/O o I) - rete (I/O) - bus per i collegamenti Processore Control Datapath I/O Memoria Arch. Elab. - S. Orlando 1 Arch. Elab. - S. Orlando 2 Contenuti del corso Progetto della CPU CPU in grado di eseguire un sottoinsieme di istruzioni MIPS in un singolo ciclo di clock CPU in grado di eseguire un sottoinsieme di istruzioni MIPS in più cicli di clock (multi-ciclo) Introduzione del parallelismo a livello delle istruzioni Più istruzioni sono eseguite concorrentemente dalla CPU Memoria Gerarchie di memoria Cache e memoria virtuale I/O Dispositivi fisici e bus Tecniche hw / sw per la programmazione dell I/O Valutazione delle prestazioni Studieremo come i tipi e il numero delle istruzioni eseguite, la frequenza del processore, il parallelismo interno al processore, le gerarchie di Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS) Salvatore Orlando memorie e l I/O influenzano il tempo di esecuzione di un programma Arch. Elab. - S. Orlando 3 Arch. Elab. - S. Orlando 4

2 Livelli di astrazione Scendendo di livello, diventiamo più concreti e scopriamo più informazione Il livello astratto omette dettagli, ma ci permette di trattare la complessità Quali sono i dettagli che via via scopriamo scendendo di livello? Istruzioni Macchina Linguaggio della Macchina Più primitivo dei Linguaggi ad Alto Livello es., controllo del flusso poco sofisticato (non ci sono for, while, if) Linguaggio molto restrittivo es., istruzioni aritmetiche del MIPS sono solo 3 operandi Studieremo l ISA del MIPS simile ad altre architetture (RISC) sviluppate a partire dagli anni 80 usato da NEC, Nintendo, Silicon Graphics, Sony Arch. Elab. - S. Orlando 5 Scopi di progetto dell ISA: massimizzare le prestazioni - minimizzare i costi, anche riducendo i tempi di progetto Arch. Elab. - S. Orlando 6 Istruzioni Aritmetiche del MIPS Tutte le istruzioni hanno 3 operandi L ordine degli operandi è fisso l operando destinazione in prima posizione Esempio: C code (interi): A = B + C MIPS code: add $8, $9, $10 Linguaggio Assembler (operandi associati con variabili dal compilatore) Istruzioni Aritmetiche MIPS Principio di Progetto: semplicità favorisce la regolarità Ma la regolarità può complicare le cose. C code: A = B + C + D; E = F - A; MIPS code: add $8, $4, $5 add $8, $8, $6 sub $9, $7, $8 Operandi devono essere registri: solo 32 registri da 4B (1W) $0, $1, $2, $3,. Principio di progetto: più piccolo è anche più veloce Arch. Elab. - S. Orlando 7 Arch. Elab. - S. Orlando 8

3 Registri e Memoria Instruzioni di load / store Le istruzioni aritmetiche operano su registri solo 32 registri ogni registro 1 word (4B) Compilatore associa variabili con registri Cosa succede con programmi con tanti dati (tante variabili, o array)? Usiamo la memoria, che contiene anche i programmi Memoria MIPS indirizzata al Byte Control Datapath Processor Input Output I/O Arch. Elab. - S. Orlando 9 sw (Store Word): lw (Load Word): Esempio: C code: reg word in memoria word in memoria reg A[8] = h + A[8]; MIPS code: lw $15, 32($4) add $15, $5, $15 sw $15, 32($4) Indirizzo della word in memoria &A[8]: $ Nota che sw ha la destinazione come ultimo operando Ricorda: gli operandi delle istr. aritmetiche sono registri, non celle di memoria! Arch. Elab. - S. Orlando 10 Riassumendo Linguaggio Macchina MIPS load/store word, con indirizzamento al byte aritmetica solo su registri Instruzioni Significato add $4, $5, $6 $4 = $5 + $6 sub $4, $5, $6 $4 = $5 $6 lw $4, 100($5) $4 = [$5+100] sw $4, 100($5) [$5+100] = $4 Anche le istruzioni sono rappresentati in memoria con 1 word (4B) Esempio: add $8, $17, $18 Formato istruzione (R-type): op rs rt rd shamt funct Arch. Elab. - S. Orlando 11 Arch. Elab. - S. Orlando 12

4 Linguaggio Macchina Formato istruzioni lw e sw necessario introdurre un nuovo tipo di formato I-type (Immediate) diverso dall R-type (Register) usato per le istruzioni aritmetico-logiche Esempio: lw $9, 32($18) Istruzioni sono stringhe di bit Programmi sono sequenze di istruzioni Programmi (come i dati) memorizzati in memoria La CPU legge le istruzioni dalla memoria (come i dati) CPU Concetto di Stored Program memoria per dati, programmi (compilatori, editor, etc.) op rs rt 16 bit number Compromesso di progetto anche lw/sw sono lunghe 4B, con displacement costante (operando immediato di 16 b) inserito direttamente nell istruzione Arch. Elab. - S. Orlando 13 Ciclo Fetch & Execute CPU legge (fetch) istruzione corrente (indirizzata dal PC=Program Counter), e la pone in un registro speciale interno CPU usa i bit dell istruzione per "controllare" le azioni da svolgere, e su questa base esegue l istruzione CPU determina prossima istruzione e ripete ciclo Arch. Elab. - S. Orlando 14 Istruzioni per prendere decisioni sul futuro alterano il controllo di flusso (sequenziale) cambiano quindi la prossima" istruzione da eseguire (PC) Istruzioni MIPS di salto condizionato: beq $4, $5, Label bne $6, $5, Label Istruzioni di controllo Esempio: if (i==j) h = i + j; # branch if equal # branch if not equal bne $4, $5, Label add $19, $4, $5 Label:... Salto non condizionato j label Esempio: Istruzioni di controllo if (i!=j) beq $4, $5, Lab1 h=i+j; add $3, $4, $5 else j Lab2 h=i-j; Lab1: sub $3, $4, $5 Lab2:... Arch. Elab. - S. Orlando 15 Arch. Elab. - S. Orlando 16

5 Riassumendo Istruzione Significato add $4,$5,$6 $4 = $5 + $6 sub $4,$5,$6 $4 = $5 $6 lw $4,100($5) $4 = [$5+100] sw $4,100($5) [$5+100] = $4 bne $4,$5,Label Prossima istr. caricata dall indirizzo Label, ma solo se $s4 $s5 beq $4,$5,Label Prossima istr. caricata dall indirizzo Label, ma solo se $s4 = $s5 j Label Prossima istr. caricata dall indirizzo Label Formati: R I J op rs rt rd shamt funct op rs rt 16 bit address op 26 bit address Arch. Elab. - S. Orlando 17 Abbiamo visto: beq, bne ma come facciamo per esprimere Branch-if-less-than? Nel MIPS c è un istruzione aritmetica slt: Set-if-Less-Than slt può essere usata in congiunzione con beq e bne Istruzione slt $10, $4, $5 Istruzioni di controllo Significato if $4 < $5 then $10 = 1 else $10 = 0 Arch. Elab. - S. Orlando 18 Costanti Costanti piccole sono molto frequenti (50% degli operandi) es.: A = A + 5; B = B + 1; C = C - 18; costanti piccole trovano posto all interno delle istruzioni come operandi immediati Instruction Set Architecture (ISA) alternativi Istruzioni MIPS aritmetico/logiche con operandi immediati: addi $29, $29, 4 slti $8, $18, 10 andi $29, $29, 6 ori $29, $29, 4 Formato I ancora istruzioni regolari rappresentabili su 32 bit Arch. Elab. - S. Orlando 19 Arch. Elab. - S. Orlando 20

6 Caratteristiche ISA Abbiamo visto le principali istruzioni del MIPS simili a quelle presenti nell ISA di altri processori ISA possono essere categorizzati rispetto a: Modi di indirizzamento Tipi di operandi Numero di operandi Stile dell architettura CISC (Complex Instruction Set Computers) vs. RISC (Reduced..) Modalità di indirizzamento descrive gli operandi permessi e come sono usati Ogni tipo di istruzione può avere modalità multiple di indirizzamento Esempio, l add del processore SPARC ha una versione a 3-registri, una a 2-registri e una con un operando immediato I nomi dei vari modi di indirizzamenti sono parzialmente standardizzati Arch. Elab. - S. Orlando 21 Arch. Elab. - S. Orlando 22 Modi di indirizzamento nel MIPS Modi di indirizzamento: SPARC Immediate: Constant & register(s) addi Register: Only registers add Base/displacement: [Register + Constant] lw, sw PC-relative: PC + Constant beq Pseudodirect: Constant (PC s upper bits) j 1. Immediate addressing op rs rt Immediate 2. Register addressing op rs rt rd... funct 3. Base addressing op rs rt Address Register 4. PC-relative addressing op rs rt Address PC 5. Pseudodirect addressing op Address PC + + Registers Register Byte Halfword Word Word Word L architettura Sun (SPARC) è di tipo RISC, come il MIPS. Ha modalità di indirizzamento simili al MIPS, con in più.. Indexed: [Register + Register] ld, st Base Indice Arch. Elab. - S. Orlando 23 Arch. Elab. - S. Orlando 24

7 Modi di indirizzamento: altri ISA di tipo CISC Stili architetturali 80x86: VAX: Ogni classificazione è chiaramente imperfetta,a causa delle innumerevoli variazioni Register indirect: [Register] Semplificazione del modo base Scaled index (diverse versioni): [Register + Register * Immediate] Per indicizzare grandi array Register- {register,immediate,memory} & {register,immediate} Non è possibile avere 2 operandi di memoria nella stessa istr. Altri modi, come i seguenti: Autoincrement & autodecrement: [Register] che anche incrementa/decrementa contestualmente il registro. Utile per indici di loop. Le motivazione: comandi C come x++, ++x, x--, --x I trend di sviluppo delle architetture sono: Hardware meno costoso, più facile da costruire Possimo complicare il progetto Aumentare lo spazio di indirizzamento Memoria meno costosa Miglioramento della tecnologia dei compilatori Miglior uso dell hardware Non è necessario codificare in assembler per ottimizzare Gap sempre più grande tra velocità dei processori & lentezza relativa della memoria Valutiamo l evoluzione degli stili architetturali - usando la traduzione A=B+C come esempio Arch. Elab. - S. Orlando 25 Arch. Elab. - S. Orlando 26 Stile Accumulatore Stile Registro-Memoria Solo un registro Accumulatore source & destination di ogni istruzione. L altro source in memoria o costante Altri registri specialpurpose: SP, PC, Esempio per A=B+C: load B add C store A Esempio di processori: Intel 8086 Zilog Z80 Semplice da progettare e implementare Dimensione del codice medio Svantaggi: Relativamente lento Molti accessi alla memoria Molti movimenti di dati: non ci sono registri temporanei Istruzioni più potenti Un operando in memoria Più 1/2 operandi nei registri. Ci sono registri generalpurpose. Esempio per A=B+C: load r1, B add r1, r1, C store A, r1 Esempio di processori: Intel 80386: Estende l 8086 con istruzioni register-memory Più veloce Meno accessi alla memoria & meno movimenti di dati Dimensione del codice medio Meno istruzioni Istruzioni più lunghe, a formato variabile Istruzioni più potenti Arch. Elab. - S. Orlando 27 Arch. Elab. - S. Orlando 28

8 Stile Memoria-Memoria Stile linguaggio ad alto livello Tutti gli operandi possono essere in memoria Ci sono anche registri general-purpose Esempio per A=B+C: add A, B, C Esempio di processore: Dec VAX: Uno degli ISA più flessibili Facile da programmare Dimensione del codice piccolo Meno istruzioni Istruzioni più lunghe, a formato variabile Svantaggi: HW complicato, molte opzioni di esecuzione per ogni istr. I compilatori spesso sceglievano le traduzioni più semplici, non le più veloci I compilatori erano portati a sotto-utilizzare I registri Troppi movimenti di dati con la memoria Migliorare l implementazione & i compilatori Semplificare il progetto Supporto diretto di linguaggi ad alto livello Esempio di processori: Burroughs 5000: Algol Diverse macchine Lisp Facile da programmare Senza compilatore Potrebbe essere veloce? Svantaggi: HW complicato Economicamente non ammissibile Costoso, poca domanda Progetti sperimentali abortiti Arch. Elab. - S. Orlando 29 Arch. Elab. - S. Orlando 30 Stile Registro-Registro (Load/Store) CISC vs RISC Tutti gli operandi = registri o costanti Istruzioni separate di load & store Esempio per A=B+C: load r1, B load r2, C add r0, r1, r2 store A, r0 Esempio di processori: CDC 6600 Molto/Troppo innovativo. MIPS, SPARC Più semplice da progettare/implementare Di solito molto veloce Più facile ottimizzare l HW Ciclo di clock più corto Svantaggi: Grandi dimensioni del codice CISC: Molteplici modi di indirizzamento Solitamente stili register-memory o memory-memory 2-, 3-, o più operandi Pochi registri Molte istruzioni (set complesso di istr.) Tipicamente istruzioni a formato variabile Più complessi da implementare RISC: Solo alcuni modi di indizzamento Solitamente, stile registerregister 2- o 3-operandi Molti registri Poche istruzioni (set ridotto di istr.) Tipicamente istruzioni con dimensione 1 word Più facile da implementare Arch. Elab. - S. Orlando 31 Arch. Elab. - S. Orlando 32

Architettura degli Elaboratori Modulo 2

Architettura degli Elaboratori Modulo 2 Architettura degli Elaboratori Modulo 2 Salvatore Orlando http://www.dsi.unive.it/~architet Arch. Elab. - S. Orlando 1 Contenuti Approfondiremo il progetto e le prestazioni delle varie componenti di un

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici ISA di riferimento: MIPS Massimiliano Giacomin 1 DOVE CI TROVIAMO Livello funzionale Livello logico Livello circuitale Livello del layout istruzioni macchina, ISA Reti logiche:

Dettagli

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali Prof. Gian Luca Marcialis Corso di Laurea di Ingegneria Elettronica Capitolo 5 Linguaggio Assembly Fonti principali: Patterson, A.D., Hennessy, J., "Struttura, organizzazione e progetto dei calcolatori

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler Indice Linguaggio ad alto livello, linguagio assembler e linguaggio macchina Il linguaggio assembler MIPS: istruzioni aritmetiche, di trasferimento dati e di salto Conversione linguaggio assembler in linguaggio

Dettagli

Architettura di tipo registro-registro (load/store)

Architettura di tipo registro-registro (load/store) Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC (Reduced Instruction Set Computer) Esegue soltanto istruzioni con un ciclo base ridotto, cioè costituito da poche

Dettagli

Architettura MIPS (RISC) Architetture dei Calcolatori (Lettere. Principi di Progettazione ISA MIPS MIPS R3000 ISA. Il Set di Istruzioni MIPS

Architettura MIPS (RISC) Architetture dei Calcolatori (Lettere. Principi di Progettazione ISA MIPS MIPS R3000 ISA. Il Set di Istruzioni MIPS Architettura MIPS (RISC) Architetture dei Calcolatori (Lettere A-I) Il Set di Istruzioni MIPS Ing.. Francesco Lo Presti Sviluppata e progettata a Stanford (USA) Progettata nei primi anni 80 Prodotta e

Dettagli

Architettura del Set di Istruzioni (ISA)

Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Instruction Set Architecture (ISA) Software instruction set Hardware Maurizio Palesi 2 1 Instruction Set Architecture (ISA) Applicazioni

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Classificazione dei calcolatori elettronici Sistemi basati sull architettura di Von Neumann Sistemi basati sull architettura Harward Architettura dei calcolatori: definizioni Evoluzione

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

Il Modello di von Neumann (2) Prevede 3 entità logiche:

Il Modello di von Neumann (2) Prevede 3 entità logiche: Introduzione all Architettura degli Elaboratori Sommario Macchina di von Neumann Esecuzione dei programmi Rappresentazione dei dati Dati numerici Dati alfabetici 1 2 Il Modello di von Neumann (1) L architettura

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (prima parte) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Problema:

Dettagli

Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for Advanced Study, anni 40).

Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for Advanced Study, anni 40). RCHITETTUR DI UN ELORTORE Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for dvanced Study, anni 40). MCCHIN DI VON NEUMNN UNITÀ FUNZIONLI fondamentali Processore (CPU) Memoria

Dettagli

Linguaggio Assembler MIPS

Linguaggio Assembler MIPS Linguaggio Assembler MIPS Corso di Calcolatori Elettronici Corso di Calcolatori Elettronici A A.A. 2000/2001 Dr. Daniela Fogli Notazione Operazioni aritmetiche: Somma add a, b, c fa la somma di b e c e

Dettagli

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@dsi.unimi.it Università degli Studi di Milano 1/45 Sommario Le costanti

Dettagli

Linguaggio Assembler MIPS

Linguaggio Assembler MIPS Linguaggio Assembler MIPS Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.net Architettura MIPS Architettura RISC sviluppata

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI GLI ERANDI NELLA CPU? 2 QUANTI ERANDI SONO CHIAMATI IN MODO ESPLICITO 3. DOVE

Dettagli

Il calcolatore. Architettura di un calcolatore (Hardware)

Il calcolatore. Architettura di un calcolatore (Hardware) Il calcolatore Prima parlare della programmazione, e' bene fare una brevissima introduzione su come sono strutturati i calcolatori elettronici. I calcolatori elettronici sono stati progettati e costruiti

Dettagli

Software Hardware. Livello ISA

Software Hardware. Livello ISA Livello ISA Instruction Set Architecture: l insieme delle istruzioni eseguibili dal processore: linguaggio macchina Presentazione generale dei linguaggi macchina. Elenco degli aspetti salienti di un linguaggio

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Software Hardware. Livello ISA. Progettisti hardware. Progettazione di un ISA

Software Hardware. Livello ISA. Progettisti hardware. Progettazione di un ISA Livello ISA Instruction Set Architecture: l insieme delle istruzioni eseguibili dal processore: linguaggio macchina Presentazione generale dei linguaggi macchina. Elenco degli aspetti salienti di un linguaggio

Dettagli

Informatica Teorica. Macchine a registri

Informatica Teorica. Macchine a registri Informatica Teorica Macchine a registri 1 Macchine a registri RAM (Random Access Machine) astrazione ragionevole di un calcolatore nastro di ingresso nastro di uscita unità centrale in grado di eseguire

Dettagli

Il linguaggio del calcolatore: linguaggio macchina e linguaggio assembly

Il linguaggio del calcolatore: linguaggio macchina e linguaggio assembly Il linguaggio del calcolatore: linguaggio macchina e linguaggio assembly Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin ORGANIZZAZIONE DEL CALCOLATORE:

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

(1) (2) (3) (4) 11 nessuno/a 9 10. (1) (2) (3) (4) X è il minore tra A e B nessuno/a X è sempre uguale ad A X è il maggiore tra A e B

(1) (2) (3) (4) 11 nessuno/a 9 10. (1) (2) (3) (4) X è il minore tra A e B nessuno/a X è sempre uguale ad A X è il maggiore tra A e B Compito: Domanda 1 Per l'algoritmo fornito di seguito, qual è il valore assunto dalla variabile contatore quando l'algoritmo termina: Passo 1 Poni il valore di contatore a 1 Passo 2 Ripeti i passi da 3

Dettagli

Come caricare costanti lunghe 32 bits. Caricamento di costanti. Indirizzamento nei salti. Indirizzamento nei salti

Come caricare costanti lunghe 32 bits. Caricamento di costanti. Indirizzamento nei salti. Indirizzamento nei salti Come caricare costanti lunghe 32 bits Si procede in due passi. Esempio: caricare 0xaabbccdd. Si caricano i 16 bit piu significativi lui $t0, 1010 1010 1011 1011 Bit meno significativi posti a zero Si caricano

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU MEMORIZZAZIONE DEGLI OPERANDI DOVE SONO MEMORIZZATI GLI OPERANDI NELLA CPU? ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI

Dettagli

COMPITINO #1 di CALCOLATORI ELETTRONICI 1 del 03-11-09 COGNOME NOME

COMPITINO #1 di CALCOLATORI ELETTRONICI 1 del 03-11-09 COGNOME NOME MATRICOLA COGNOME NOME 1) [28/40] Trovare il codice assembly MIPS corrispondente dei seguenti micro-benchmark (utilizzando solo e unicamente istruzioni dalla tabella sottostante), rispettando le convenzioni

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova.

Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Programmi applicativi Un programma applicativo (o applicativo) è un eseguibile che può essere utilizzato dall utente e che ha funzionalità di alto livello (word processor, spreadsheet, DBMS) Univ. Milano-Bicocca

Dettagli

L architettura del calcolatore (Prima parte)

L architettura del calcolatore (Prima parte) L architettura del calcolatore (Prima parte) Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Calcolatore astratto e reale Concetto astratto

Dettagli

Caratteristiche di un PC

Caratteristiche di un PC Caratteristiche di un PC 1 Principali porte presenti sui personal computer PC Una porta è il tramite con la quale i dispositivi (periferiche o Device ) vengono collegati e interagiscono con il personal

Dettagli

Lecture 1: Course Overview -Introduzione al corso - Course Schedule - Administration

Lecture 1: Course Overview -Introduzione al corso - Course Schedule - Administration [http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] Modulo di Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori con Laboratorio Docente: H. Muccini Lecture 1: Course Overview

Dettagli

Il file system. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato.

Il file system. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato. Il File System Il file system È quella parte del Sistema Operativo che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa. Realizza i concetti

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Calcolatore: sottosistemi Processore o CPU (Central Processing

Dettagli

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 ISA e LINGUAGGIO ASSEMBLY MIPS Massimiliano Giacomin 1 Architettura MIPS Architettura RISC e load-store sviluppata da John Hennessy nel 1981 Usata da NEC, Nintendo,

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Classificazione dei calcolatori elettronici Sistemi basati sull architettura di von Neumann rchitettura dei calcolatori: definizioni Evoluzione dell architettura rchitettura della

Dettagli

La gestione dell I/O (Cap. 5, Tanenbaum)

La gestione dell I/O (Cap. 5, Tanenbaum) La gestione dell I/O (Cap. 5, Tanenbaum) Prestazioni e generalità Gestione software Supporti su disco Orologi Lezione Architettura degli Elaboratori - 1 - A. Sperduti Pagina 1 Prestazioni e generalità

Dettagli

Modulo: Elementi di Informatica

Modulo: Elementi di Informatica ARCHITETTURA DI VON NEUMANN Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Fisica medica e statistica Modulo: Elementi di Informatica A.A. 2009/10 Lezione

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Lezione 3 Assembly MIPS (2)

Lezione 3 Assembly MIPS (2) Lezione 3 Assembly MIPS (2) http://www.dii.unisi.it/~giorgi/didattica/calel All figures from Computer Organization and Design: The Hardware/Software Approach, Second Edition, by David Patterson and John

Dettagli

Il processore N.12. Vediamo come è strutturato un microprocessore e con quale sequenza esegue le istruzioni dettate da un programma assembler.

Il processore N.12. Vediamo come è strutturato un microprocessore e con quale sequenza esegue le istruzioni dettate da un programma assembler. Il processore N.12 Struttura di base di un microprocessore Il microprocessore (detto comunemente CPU, per Central Processing Unit) è preposto al coordinamento di tutte le componenti che formano l'architettura

Dettagli

Introduzione. Un calcolatore digitale è costituito da un sistema interconnesso dei seguenti dispositivi:

Introduzione. Un calcolatore digitale è costituito da un sistema interconnesso dei seguenti dispositivi: Appunti di Calcolatori Elettronici Organizzazione dei sistemi di elaborazione Introduzione... 1 La CPU... 2 Ciclo di esecuzione delle istruzioni... 3 Insieme delle istruzioni... 4 Organizzazione della

Dettagli

Architettura di un calcolatore: introduzione

Architettura di un calcolatore: introduzione Corso di Calcolatori Elettronici I Architettura di un calcolatore: introduzione Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Immagini in movimento 2 Immagini in movimento Memorizzazione mediante sequenze di fotogrammi.

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

interoperabilità fra dispositivi forniti da diversi produttori; superare i problemi legati alla limitazione del numero di risorse.

interoperabilità fra dispositivi forniti da diversi produttori; superare i problemi legati alla limitazione del numero di risorse. Capitolo 7 Le infrastrutture SoftWare Funzioni del sistema operativo Rendere utilizzabili le risorse fisiche presenti nel sistema informatico: correttezza e precision; anywhere, anytime; affidabilità,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo 1 4-Rappresentazione di informazioni non numeriche 1 Prerequisiti Struttura del sistema di elaborazione Evoluzione dei sistemi di elaborazione Uso elementare della multimedialità

Dettagli

Cenni ad Assembly Intel

Cenni ad Assembly Intel Cenni ad Assembly Intel Luca Abeni April 17, 2015 Architerrura Intel Utilizzata sulla maggior parte dei laptop, desktop e server moderni Lunga storia Dagli anni 70 (Intel 8080-8 bit!)......fino ad oggi

Dettagli

I dischi ottici. Istituzioni di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Istituzioni di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La Pipeline Superpipeline Pipeline superscalare Schedulazione dinamica della pipeline Processori reali: l architettura Intel e la pipeline dell AMD Opteron X4 Ricapitolando Con

Dettagli

Sistemi operativi. Motivazione. Tipi di software. Sistemi operativi. Un sistema operativo (SO) e un insieme di programmi che gestiscono le funzioni

Sistemi operativi. Motivazione. Tipi di software. Sistemi operativi. Un sistema operativo (SO) e un insieme di programmi che gestiscono le funzioni Motivazione Sistemi operativi Molte attivita in parallelo su un singolo calcolatore Es.: stampa di un documento e scrittura di un altro Il sistema operativo serve a coordinare queste attivita e far comunicare

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

Linguaggio Assembly. Architettura di riferimento Formato istruzioni Classi di istruzioni Modalità di indirizzamento Direttive Codice macchina

Linguaggio Assembly. Architettura di riferimento Formato istruzioni Classi di istruzioni Modalità di indirizzamento Direttive Codice macchina Linguaggio Assembly Architettura di riferimento Formato istruzioni Classi di istruzioni Modalità di indirizzamento Direttive Codice macchina Modello di architettura di riferimento Nel seguito faremo riferimento

Dettagli

Le aree dell informatica

Le aree dell informatica Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2006/07 Le aree dell informatica Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Memoria cache, interrupt e DMA

Memoria cache, interrupt e DMA FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Memoria cache, interrupt e DMA 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide

Dettagli

DISPENSE DI CALCOLATORI ELETTRONICI 1

DISPENSE DI CALCOLATORI ELETTRONICI 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA MODULO PROFESSIONALIZZANTE "TECNOLOGIE PER IL KNOWLEDGE MANAGEMENT" A.A. 2005/2006 DISPENSE DI CALCOLATORI

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Uniamo VM e CACHE. Physically addressed. Physically Addressed. Prestazioni. Ci sono varie alternative architetturali. Sono quelle piu semplici

Uniamo VM e CACHE. Physically addressed. Physically Addressed. Prestazioni. Ci sono varie alternative architetturali. Sono quelle piu semplici Uniamo VM e CACHE Physically addressed Ci sono varie alternative architetturali physically addressed virtually addressed virtually indexed Sono quelle piu semplici un dato puo essere in cache solo se e

Dettagli

Un semplice commutatore a pacchetto

Un semplice commutatore a pacchetto Realizzazione di commutatori a pacchetto: cosa c e dentro un router IP? Prof. Ing. Carla Raffaelli Un semplice commutatore a pacchetto Una workstation con schede di rete e software per ricevere pacchetti

Dettagli

La codifica. dell informazione

La codifica. dell informazione La codifica dell informazione (continua) Codifica dei numeri Il codice ASCII consente di codificare le cifre decimali da 0 a 9 fornendo in questo modo un metodo per la rappresentazione dei numeri Il numero

Dettagli

Microelettronica. Architettura del processore ARM. Stefano Salvatori. Università degli Studi Roma Tre. (salvator@uniroma3.it) Microelettronica

Microelettronica. Architettura del processore ARM. Stefano Salvatori. Università degli Studi Roma Tre. (salvator@uniroma3.it) Microelettronica Microelettronica Architettura del processore ARM Stefano Salvatori (salvator@uniroma3.it) Microelettronica Sommario Architettura ARM Differenze con i RISC Programmer s model Sistemi di sviluppo Microelettronica

Dettagli

Interpreti e compilatori La macchina di Von Neumann

Interpreti e compilatori La macchina di Von Neumann Interpreti e compilatori La macchina di Von Neumann Informatica@Matematica Simone Martini a.a. 2014-2015 1 / 38 Parte I Interpreti e compilatori 2 / 38 Macchine astratte Una macchina astratta è un esecutore

Dettagli

PARTE III MACCHINE A REGISTRI

PARTE III MACCHINE A REGISTRI PARTE III MACCHINE A REGISTRI Macchine a registri (RAM) Modelli di costo RAM e macchine di Turing Macchine a registri elementari 1 3.1 MACCHINE A REGISTRI (RAM: Random Access Machines) Introdotte da Shepherdson

Dettagli

Hazard sul controllo. Sommario

Hazard sul controllo. Sommario Hazard sul controllo Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento al Patterson: 4.7, 4.8 1/28 Sommario Riorganizzazione

Dettagli

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento o Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. o Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati

Dettagli

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof.

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Gianluca Amato Architettura degli elaboratori Architettura Hardware Architettura

Dettagli

Architettura. Indice:

Architettura. Indice: Architettura Indice: Architettura 1 Architettura degli elaboratori (3 / 10 / 2006)...4 Livelli di astrazione...4 Architettura di Von Neumann...4 La CPU...5 La memoria...5 Rappresentare gli interi...6 Rappresentazione

Dettagli

Architettura degli Elaboratori (modulo II e B) (Compito 24 Giugno 2009)

Architettura degli Elaboratori (modulo II e B) (Compito 24 Giugno 2009) Architettura degli Elaboratori (modulo II e B) (Compito 24 Giugno 2009) Usare un foglio separato per rispondere a due delle domande seguenti, specificando nell intestazione: Titolo del corso (Architettura

Dettagli

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo)

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) - Introduzione Il modo migliore per affrontare un problema di automazione industriale (anche non particolarmente complesso) consiste nel dividerlo in

Dettagli

Aumentare il parallelismo a livello di istruzione (2)

Aumentare il parallelismo a livello di istruzione (2) Processori multiple-issue issue Aumentare il parallelismo a livello di istruzione (2) Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nei processori multiple-issue vengono lanciate più istruzioni

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo

Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo Prof. Gianmaria De Tommasi Lezione 8 I Controllori a Logica Programmabile Corso di Laurea Codice insegnamento Email docente Anno accademico N39 N46 M61

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO

CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO L architettura di un calcolatore Informatica Linguaggi ad alto livello/applicazioni Sistema operativo Assembler ISA Architettura

Dettagli

Cosa è l informatica

Cosa è l informatica Cosa è l informatica Informazione + automatica Scienza del trattamento automatico delle informazioni Insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile Elaborare (trasformare) l informazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Nucleo di un SO. Il Nucleo. Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher. 06.

SISTEMI OPERATIVI. Nucleo di un SO. Il Nucleo. Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher. 06. SISTEMI OPERATIVI 06.a Il Nucleo Nucleo di un SO Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher 1 Architettura di base dei SO Due le strutture di riferimento: a

Dettagli

CDA www.xdatanet.com

CDA www.xdatanet.com CDA è l applicazione per tablet che permette di gestire i Consigli di Amministrazione in modo interattivo, verificando i documenti in digitale ed eliminando la carta www.xdatanet.com Avere i vantaggi dei

Dettagli

Architetture dei Calcolatori (Lettere. Installazione di SPIM. Interfaccia Grafica

Architetture dei Calcolatori (Lettere. Installazione di SPIM. Interfaccia Grafica SPIM Architetture dei Calcolatori (Lettere A-I) SPIM Ing.. Francesco Lo Presti Simulatore che esegue programmi assembler per architetture RISC MIPS R2000/R3000 Legge programmi in assembler MIPS e li traduce

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Assembly. Motivazioni. Programmazione Assembly

Assembly. Motivazioni. Programmazione Assembly Assembly Programmazione in linguaggio macchina (o meglio in assembly): programmare utilizzando istruzioni direttamente eseguibili dal processore. Questa parte del corsi si accompagna a lezioni in laboratorio:

Dettagli

Sistemi Web per il turismo - lezione 3 -

Sistemi Web per il turismo - lezione 3 - Sistemi Web per il turismo - lezione 3 - Software Si definisce software il complesso di comandi che fanno eseguire al computer delle operazioni. Il termine si contrappone ad hardware, che invece designa

Dettagli

Algebra di Boole Algebra di Boole

Algebra di Boole Algebra di Boole 1 L algebra dei calcolatori L algebra booleana è un particolare tipo di algebra in cui le variabili e le funzioni possono solo avere valori 0 e 1. Deriva il suo nome dal matematico inglese George Boole

Dettagli

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT)

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati nella

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE

ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Dati e Programmi ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Unità funzionali Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for Advanced Study, anni 40)(Burks, Goldstine, von Neumann) 2 HARDWARE

Dettagli

Memorie Caratteristiche principali

Memorie Caratteristiche principali Memorie Caratteristiche principali Locazione: processore, interna (principale), esterna (secondaria) Capacità: dimensione parola, numero di parole Unità di trasferimento: parola, blocco Metodo di accesso:

Dettagli

Architetture CISC e RISC. Misura della potenza di calcolo. Cos'è la potenza di calcolo. Prestazioni della CPU. Fondamenti di Informatica

Architetture CISC e RISC. Misura della potenza di calcolo. Cos'è la potenza di calcolo. Prestazioni della CPU. Fondamenti di Informatica FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici CPU a singolo ciclo assimiliano Giacomin Schema del processore (e memoria) Unità di controllo Condizioni SEGNALI DI CONTROLLO PC emoria indirizzo IR dato letto UNITA DI ELABORAZIONE

Dettagli

Somma di numeri floating point. Algoritmi di moltiplicazione e divisione per numeri interi

Somma di numeri floating point. Algoritmi di moltiplicazione e divisione per numeri interi Somma di numeri floating point Algoritmi di moltiplicazione e divisione per numeri interi Standard IEEE754 " Standard IEEE754: Singola precisione (32 bit) si riescono a rappresentare numeri 2.0 10 2-38

Dettagli