CAPO I DENUNCIA DELLA CAUSA DI MORTE ED ACCERTAMENTO DEI DECESSI. Art. 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPO I DENUNCIA DELLA CAUSA DI MORTE ED ACCERTAMENTO DEI DECESSI. Art. 1"

Transcript

1 CAPO I DENUNCIA DELLA CAUSA DI MORTE ED ACCERTAMENTO DEI DECESSI Art Ferme restando le disposizioni sulla dichiarazione e sull avviso di morte da parte dei familiari e di chi per essi contenute nel titolo IX del D.P.R , n.ro 396, i medici, a norma dell art. 103 sub a) del T.U. Leggi sanitarie, approvato con R.D , n.ro 1265, debbono per ogni caso di morte di persona da loro assistita denunciare al sindaco la malattia che, a loro giudizio, ne sarebbe stata la causa. 2. Nel caso di morte per malattia infettiva compresa nell apposito elenco pubblicato dal ministero della Sanità, il comune deve darne informazione alla A.S.L. nel cui territorio di competenza è avvenuto il decesso. 3. Nel caso di morte di persona cui sono stati somministrati nuclidi radioattivi la denuncia della causa di morte deve contenere le indicazioni previste dall art. 100 del D.P.R , n.ro Nel caso di decesso senza assistenza medica, la denuncia della presunta causa di morte è fatta dal medico necroscopo di cui all art L obbligo della denuncia della causa di morte è fatta anche ai medici incaricati di eseguire autopsie disposte dall autorità giudiziaria o per riscontro diagnostico. 6. La denuncia della causa di morte deve essere fatta entro 24 ore dall accertamento del decesso, su apposita scheda di morte stabilita dal Ministero della Sanità, d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica. 7. copia della scheda di morte deve essere inviata, entro 30 giorni, dal comune dove è avvenuto il decesso all A.S.L. nel cui territorio detto comune è ricompreso. Art Fermo restando per i sanitari l obbligo di cui all art. 365 del codice penale, ove dalla scheda di morte risulti o sorga comunque il sospetto che la morte sia dovuta a reato, il sindaco deve darne immediata comunicazione all autorità giudiziaria e a quella di pubblica sicurezza. Art Le funzioni di medico necroscopo di cui all art. 74 del D.P.R , n.ro 396, sono esercitate da un medico nominato dalla A.S.L. competente. 2. Il medico necroscopo ha il compito di accertare la morte, redigendo l apposito certificato previsto dal citato art La visita del medico necroscopo deve sempre essere effettuata non prima di 15 ore dal decesso, salvo i casi previsti dagli articoli 7, 8 e 9, e comunque non dopo le 30 ore. Art Nel caso di rinvenimento di parti di cadavere o anche di resti mortali o di ossa umane, chi ne fa la scoperta deve informarne immediatamente il sindaco, il quale ne dà subito comunicazione all autorità giudiziaria, a quella di pubblica sicurezza e all A.S.L. competente per territorio. 1

2 2. Salvo diverse disposizioni dell autorità giudiziaria, l A.S.L. incarica dell esame del materiale rinvenuto il medico necroscopo e comunica i risultati degli accertamenti eseguiti al sindaco ed alla stessa autorità giudiziaria perché questa rilasci il nulla osta per la sepoltura. Art L autorizzazione per la sepoltura nel cimitero è rilasciata dall ufficiale dello stato civile. 2. La medesima autorizzazione è necessaria per la sepoltura nel cimitero di parti di cadavere ed ossa umane di cui al precedente articolo. Art Per i nati morti, ferme restando le disposizioni dell art. 37 del D.P.R , n.ro 396, si seguono le disposizioni stabilite dagli articoli precedenti. 2. Per la sepoltura dei prodotti abortivi di presunta età di gestazione tra le 20 e le 28 settimane complete e dei feti che abbiano presumibilmente compiuto 28 settimane di età intrauterina e che all ufficiale di stato civile non siano stati dichiarati come nati morti, i permessi di trasporto e di seppellimento sono rilasciati dalla A.U.S.L. 3. A richiesta dei genitori, nel cimitero possono essere raccolti con la stessa procedura anche prodotti del concepimenti di presunta età inferiore alle 20 settimane. CAPO II PERIODO DI OSSERVAZIONE DEI CADAVERI Art Nessun cadavere può essere chiuso in cassa, né sottoposto ad autopsia, a trattamenti conservativi, a conservazione in celle frigorifere, né tumulato, inumato, cremato, prima che siano trascorse 24 ore dal momento del decesso, salvo i casi previsti dall art. 8 del regolamento di polizia mortuaria, approvato con D.P.R , n.ro 285. Art Nei casi di morte improvvisa ed in quelli in cui si abbiano dei dubbi di morte apparente, l osservazione deve essere protratta fino a 48 ore, salvo che il medico necroscopo non accerti la morte nei modi previsti dall art. 8 del citato regolamento di polizia mortuaria. Art Nei casi in cui la morte sia dovuta a malattia infettiva-diffusiva compresa nell apposito elenco pubblicato dal Ministero della Sanità o il cadavere presenti segni di iniziata putrefazione, o quando altre speciali ragioni lo richiedano, su proposta del coordinatore sanitario dell A.S.L. il sindaco può ridurre il periodo di osservazione a meno di 24 ore. Art.10 2

3 1. Durante il periodo di osservazione il corpo deve essere posto in condizioni tali da non ostacolare eventuali manifestazioni di vita. CAPO III DEPOSITI DI OSSERVAZIONE ED OBITORI Art Il comune deve disporre di un locale per ricevere e tenere in osservazione per il periodo prescritto le salme di persone: a) morte in abitazioni inadatte; b) morte in seguito a qualunque accidente nella pubblica via o in luogo pubblico; c) ignote, delle quali si debba fare esposizione al pubblico per il riconoscimento Art Il comune deve disporre di un obitorio per l assolvimento delle seguenti funzioni: a) mantenimento in osservazione e riscontro diagnostico dei cadaveri di persone decedute senza assistenza medica; b) deposito per un periodo indefinito dei cadaveri a disposizione dell autorità giudiziaria; c) deposito, riscontro diagnostico o autopsia o trattamento igienico conservativo di cadaveri portatori di radioattività Art I depositi di osservazione e gli obitori possono essere istituiti dal comune nell ambito del cimitero, o presso ospedali o altri istituti sanitari, ovvero in particolare edificio rispondente allo scopo per ubicazione e requisiti igienici. CAPO IV TRASPORTO DEI CADAVERI Art Trovano applicazione le norme del Capo IV del regolamento di polizia mortuaria, approvato con D.P.R , n.ro Il trasporto delle salme è: Art. 15 3

4 a) a pagamento, secondo una tariffa stabilita dall autorità comunale, quando vengano richiesti servizi o trattamenti speciali; b) a carico del comune in ogni altro caso, secondo modalità che garantiscano il decoro del servizio. 2. L A.S.L. competente vigila e controlla il servizio di trasporto delle salme, riferendone annualmente al sindaco e proponendo i provvedimenti necessari. Art Il trasporto di un cadavere, di ossa umane o di resti mortali entro l ambito del comune in luogo diverso dal cimitero o fuori dal comune è autorizzato dal sindaco. 2. Il decreto di autorizzazione è comunicato al sindaco del comune in cui deve avvenire il seppellimento, nonché ai sindaci dei comuni intermedi nei quali eventualmente dia richiesta la sosta della salma per il tributo di speciali onoranze. Art Il trasporto di un cadavere in altro comune per essere cremato ed il trasporto delle risultanti ceneri al luogo di definitivo deposito sono autorizzati con unico decreto dal sindaco del comune nella cui circoscrizione è avvenuto il decesso. 2. All infuori del caso suesposto, il trasporto delle ceneri da un comune ad un altro è sottoposto all autorizzazione di cui all art. 16. Art L incaricato del trasporto di un cadavere fuori comune deve essere munito del decreto di autorizzazione del sindaco dove è avvenuto il decesso. CAPO V SERVIZIO DEI CIMITERI Art A norma dell art. 337 del T.U. Leggi sanitarie, approvato con R.D , n.ro 1265, il comune deve avere almeno un cimitero con un reparto a sistema di inumazione, scelto tenendo conto delle prescrizioni dettate dall art. 68 del regolamento di polizia mortuaria, approvato con D.P.R , n.ro 285. Art Ogni cimitero deve avere un ossario consistente in un manufatto destinato a raccogliere le ossa provenienti dalle esumazioni o che si trovino nelle condizioni di cui al comma 5 dell art. 86 del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R , n.ro 285, e per le quali i familiari non abbiano richiesto altra destinazione. 4

5 Art Nei cimiteri presenti nella circoscrizione territoriale del comune devono essere ricevuti, sempre che non venga richiesta altra destinazione: a) i cadaveri delle persone morte nel territorio del comune, indipendentemente dalla loro residenza in vita; b) i cadaveri delle persone morte fuori comune, ma aventi in esso la residenza al momento del decesso; c) i cadaveri di persone non residenti in vita nel comune e morte fuori di esso, ma aventi diritto al seppellimento in forma privata nel cimitero del comune (tomba di famiglia); d) i nati morti ed i prodotti del concepimento di cui all art. 6; e) i resti mortali dei soggetti sopra elencati. Art La manutenzione, l ordine e la vigilanza dei cimiteri spettano al sindaco. 2. Il coordinatore sanitario della A.U.S.L. controlla il funzionamento dei cimiteri e propone al sindaco i provvedimenti necessari per assicurare il regolare servizio 3. Nel periodo dal 1 novembre al 31 marzo di ogni anno l orario per il compimento delle operazioni di inumazione, tumulazione, estumulazione, esumazione è così individuato: dalle ore 7.30 alle ore Nel periodo dal 1 aprile al 31 ottobre di ogni anno l orario per il compimento delle operazioni di inumazione, tumulazione, estumulazione, esumazione è così individuato: dalle ore 7.30 alle ore e dalle ore alle ore Nessuna operazione di polizia mortuaria può essere compiuta al di fuori del predetto orario. Art Concorrono all esercizio delle varie attribuzioni in materia cimiteriale: a) per la parte amministrativa l Ufficio Servizi Demografici; b) per la parte sanitaria il coordinatore sanitario della A.S.L.; c) per la parte tecnica (opere edilizie per nuove costruzioni, completamenti ed ampliamenti, manutenzione,...) l Ufficio Tecnico. Art Il cimitero deve avere un custode. 2. Il custode, per ogni cadavere ricevuto, ritira e conserva presso di sé, l autorizzazione al seppellimento di cui all art. 5 del presente regolamento; inoltre, iscrive giornalmente sopra apposito registro vidimato dal sindaco in doppio esemplare: a) le inumazioni eseguite, precisando nome, cognome, età, luogo e data di nascita del defunto, la data e l ora dell inumazione, il numero del cippo ed il numero del permesso di seppellimento; b) le tumulazioni eseguite, precisando nome, cognome, età, luogo e data di nascita del defunto, la data e l ora della tumulazione, la localizzazione del tumulo ed il numero del permesso di seppellimento. c) le operazioni di collocazione di resti o ceneri in cellette, precisando nome, cognome, età, luogo e data di nascita del defunto, la data e l ora della collocazione nella celletta, la localizzazione della stessa ed il numero del permesso di seppellimento. 5

6 d) qualsiasi variazione avvenuta in seguito ad esumazione, estumulazione, cremazione, trasporto di cadaveri o di ceneri. Art I registri di cui al precedente articolo debbono essere presentati ad ogni richiesta degli organi di controllo. Art L incaricato del servizio di custodia è alle dipendenze dell Ufficio Servizi Demografici per quanto riguarda i servizi cimiteriali e quelli relativi ai funerali, e dal coordinatore sanitario della A.S.L. per quanto riguarda le norme igienico-sanitarie. Art Il responsabile del servizio di custodia del cimitero è incaricato di assolvere specifici compiti attribuitigli dal regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R , n.ro 285, nonché del presente regolamento comunale. CAPO VI SEPOLTURE Art Le sepolture possono essere a inumazione o a tumulazione. 2. Sono a inumazione le sepolture nella terra, secondo le norme del Capo XIV del regolamento di polizia mortuaria, approvato con D.P.R , n.ro Sono a tumulazione le sepolture in loculi, cripte, celle, tombe individuali in muratura, cappelle, edicole, secondo le norme del capo XV del regolamento di polizia mortuaria, approvato con D.P.R , n.ro 285. Art Le inumazioni vengono accordate gratuitamente per la sepoltura di coloro che possiedono i requisiti di cui all art. 20 del presente regolamento ogni qual volta non sia richiesta una diversa sepoltura privata a pagamento. 2. La durata ordinaria delle inumazioni è fissata in dieci anni. 3. Alla scadenza del termine decennale, è data facoltà alla parte interessata di chiedere il rinvio, secondo i modi ed i tempi di cui all art. 34, comma 1; il rinnovo viene concesso compatibilmente con la capienza dei campi destinati alle inumazioni, ed è in ogni caso fatta salva la facoltà di revoca qualora ciò si rendesse necessario per dar luogo a nuove inumazioni. In caso di necessità di procedere ad esumazioni delle salme seppellite da oltre dieci anni, si segue l ordine cronologico delle operazioni di inumazione. 3. Le salme seppellite con il sistema dell inumazione da meno di dieci anni possono essere esumate per esigenze di pubblico interesse o per una diversa sistemazione dei campi del cimitero: in tal caso dovrà essere assegnata un altra sepoltura. 6

7 Art Sono sepolture a sistema diverso dall inumazione e costituiscono materia di concessione amministrativa da parte del Comune: 2. Tumulazione delle salme in loculi individuali; durata della concessione, secondo la volontà espressa dal concessionario: a. anni trenta; b. anni venti; b) collocazione dei resti mortali o delle ceneri in cellette; durata della concessione: anni venti; c) tumulazione delle salme, collocazione dei resti mortali o delle ceneri in tombe o cappelle di famiglia edificate su aree interne al cimitero individuate dall amministrazione comunale; durata della concessione: anni novantanove. Art Le concessioni relative alle sepolture a sistema diverso dall inumazione vengono disposte, previa presentazione di regolare istanza, con apposito atto da stipularsi fra il responsabile dell area amministrativa ed il concessionario e sono soggette al pagamento di una tariffa determinata con atto della Giunta Comunale. 2. Prima della stipulazione dell atto il concessionario deve versare l importo della concessione, le spese ed i diritti contrattuali. Art La concessione è subordinata alla accettazione e osservanza delle norme, istruzioni, tariffe attuali e future di qualsiasi natura in materia di polizia mortuaria, nonché delle disposizioni particolari relative alle singole specie di concessione e delle condizioni risultanti dall apposito contratto e dai progetti, qualora richiesti. 2. Le spese di manutenzione delle sepolture a sistema diverso dall inumazione sono a carico dei concessionari. Art Le concessioni di qualsiasi tipo hanno decorrenza dalla data di stipulazione delle stesse. 2. Alla scadenza delle singole concessioni, i concessionari od i loro successori aventi diritto, potranno chiedere il rinnovo della concessione: a) per i loculi per un periodo pari a dieci ovvero a quindici anni previo pagamento di quota parte della tariffa cimiteriale vigente al momento del rinnovo rapportata alla durata del rinnovo stesso, soggetta, ove ricorra il caso, alle maggiorazioni previste dagli articoli 36 e 37 del presente regolamento; b) per le cellette per un periodo pari a venti anni, previo pagamento della tariffa cimiteriale vigente al momento del rinnovo, soggetta, ove ricorra il caso, alle maggiorazioni previste dagli articoli 36 e 37 del presente regolamento; c) per le aree su cui sono state edificate tombe di famiglia, per un periodo uguale a quello stabilito all atto della prima concessione, dietro pagamento della tariffa cimiteriale vigente. Art. 34 7

8 1. La mancanza della richiesta di riconferma, da farsi entro tre mesi dalla scadenza, costituisce legale presunzione di abbandono; in tale caso il Comune non è tenuto ad effettuare ricerche per rintracciare gli interessati, ma provvederà ad affiggere al cimitero sei mesi prima della scadenza della concessione apposito avviso recante l elenco delle concessioni in scadenza. 2. Quanto posto sulle sepolture oggetto di concessione scaduta cade in proprietà del comune. 3. Il loculo o la celletta o l area oggetto di concessione scaduta rientrano in possesso del comune; la salma eventualmente non ancora riducibile verrà inumata, i resti mortali o le ceneri verranno posti nell ossario comune. 4. Nei casi di cui al comma precedente, è data facoltà agli eredi di chiedere la concessione di un loculo per la tumulazione della salma non ancora riducibile, o di una celletta per la collocazione dei resti o delle ceneri. Art Il diritto di sepoltura è riservato alla sola persona per la quale venne stipulata la concessione. Non può quindi essere ceduto in alcun modo ed a qualsiasi titolo ad altri. Art Il responsabile dell area amministrativa individua annualmente con propria determinazione, in base alla disponibilità di ciascun cimitero, il numero di loculi ed il numero di cellette ossario/cinerarie che possono essere destinati a ricevere le salme o i resti mortali di coloro che, pur non avendo i requisiti di cui all articolo precedente, si trovano tuttavia in una delle seguenti condizioni: a) siano nati nel comune; b) siano stati, in vita, residenti nel comune, pur non essendolo al momento del decesso; c) abbiano sepolti nel comune il coniuge o parenti o affini fino al 2 grado. 2. Nei casi elencati al comma precedente, la concessione del loculo, o della celletta ossario, o della celletta cineraria è subordinata alla presentazione di regolare istanza ed è soggetta al pagamento della tariffa cimiteriale in vigore maggiorata del 50%. 3. Il responsabile dell area amministrativa procede alla concessione osservando quale criterio per l accoglimento delle istanze l ordine cronologico di acquisizione delle stesse al protocollo comunale, fino a concorrenza del numero di loculi e cellette determinato ai sensi del primo comma. 4. Nel caso di acquisizione a protocollo di una o più istanze in pari data, viene seguito l ordine cronologico di decesso e, qualora neanche tale criterio fosse discriminante, si procede per sorteggio.. Art Il responsabile dell area amministrativa individua annualmente, in base alla disponibilità di ciascun cimitero, con propria determinazione il numero di loculi ed il numero di cellette ossario/cinerarie che possono essere destinati a ricevere le salme o i resti mortali di coloro che non possiedono i requisiti di cui all articolo precedente. 2. Nei casi elencati al comma precedente, la concessione del loculo, o della celletta ossario, o della celletta cineraria è subordinata alla presentazione di regolare istanza ed è soggetta al pagamento del triplo della tariffa cimiteriale in vigore. 3. Il responsabile dell area amministrativa procede alla concessione osservando quale criterio per l accoglimento delle istanze l ordine cronologico di acquisizione delle stesse al protocollo comunale, fino a concorrenza del numero di loculi e cellette determinato ai sensi del primo comma. 4. Nel caso di acquisizione a protocollo di una o più istanze in pari data, viene seguito l ordine cronologico di decesso e, qualora neanche tale criterio fosse discriminante, si procede per sorteggio.. Art. 38 8

9 1. Il responsabile dell area amministrativa individua annualmente, in base alla disponibilità di ciascun cimitero, con propria determinazione il numero di loculi ed il numero di cellette ossario/cinerarie che possono essere destinati, quando tempo verrà, a ricevere le salme o i resti mortali di coloro di persone ancora in vita che abbiano compiuto il 70 anno di età e che abbiano sepolto nel cimitero il coniuge, o un genitore o un figlio. 2. Qualora ricorra uno dei casi previsti dal precedente comma, la concessione del loculo, o della celletta ossario, o della celletta cineraria è subordinata alla presentazione di regolare istanza ed è soggetta al pagamento: a) della tariffa cimiteriale in vigore, maggiorata del 50%, nel caso in cui la persona la cui salma/resti, quando tempo verrà, saranno destinati alla sepoltura risieda nel Comune; b) del triplo della tariffa cimiteriale in vigore in tutti gli altri casi. 3. Il responsabile dell area amministrativa procede alla concessione osservando quale criterio per l accoglimento delle istanze l ordine cronologico di acquisizione delle stesse al protocollo comunale, fino a concorrenza del numero di loculi e cellette determinato ai sensi del primo comma. 4. Nel caso di acquisizione a protocollo di una o più istanze in pari data, viene data precedenza all istanza presentata dalla persona più anziana e, qualora neanche tale criterio fosse discriminante, si procede per sorteggio. Art Qualora il concessionario o i suoi eredi lo richiedano, è possibile collocare in un loculo ove sia già tumulata una salma un urna contenente i resti o le ceneri di un defunto, dietro versamento di una somma pari al 20% della tariffa vigente per i loculi, nel rispetto degli articoli 36 e 37, rapportata al periodo mancante alla scadenza della concessione. 2. Qualora la capienza del loculo lo consenta, è data la possibilità di collocare nel loculo, secondo le modalità di cui al precedente comma, anche più di un urna. 3. Nel caso di rinnovo della concessione alla sua scadenza, oltre alla tariffa di rinnovo dovrà essere versata per ognuna delle urne riposte nel loculo un ulteriore somma pari al 20% della tariffa stessa. Art Qualora il concessionario o i suoi eredi lo richiedano, è possibile collocare in un celletta ove sia già collocata un urna contenente i resti o le ceneri di un defunto un altra celletta contenente resti o ceneri, dietro versamento di una somma pari al 25% della tariffa vigente per le cellette, nel rispetto degli articoli 36 e 37, rapportata al periodo mancante alla scadenza della concessione. 2. Qualora la capienza della celletta lo consenta, è data la possibilità di collocare nella stessa, secondo le modalità di cui al precedente comma, anche più di un urna. 3. Nel caso di rinnovo della concessione alla sua scadenza, oltre alla tariffa di rinnovo dovrà essere versata per ognuna delle urne aggiuntive riposte nella celletta un ulteriore somma pari al 25% della tariffa stessa. Art Per ottenere la concessione dell area per la costruzione di una tomba di famiglia, l interessato dovrà presentare istanza in carta legale al Sindaco. 2. Nel caso in cui le domande siano superiori al numero di aree disponibili, per l assegnazione si seguono, nell ordine, i seguenti criteri: a) residenza nel comune; b) data di acquisizione dell istanza a protocollo comunale; c) sorteggio 3. Le tombe di famiglia dovranno essere realizzate in conformità al progetto tipo redatto dall Ufficio Tecnico Comunale, sia per tipo di materiali che di caratteristiche costruttive. Art. 42 9

10 1. L area viene assegnata dal responsabile dell area amministrativa, con proprio provvedimento, in base ad un prezzo a mq stabilito dall amministrazione comunale; lo stesso responsabile stipula per conto del comune il contratto con il concessionario. 2. La concessione dell area ha durata pari a novantanove anni a far data dalla stipulazione del contratto. 3. Il progetto di costruzione deve essere presentato all Ufficio Tecnico comunale entro e non oltre trenta giorni dalla comunicazione di esecutività del provvedimento di assegnazione dell area. 4. La stipula del contratto deve avvenire entro un mese dal rilascio della concessione edilizia. Art La concessione dell area decade di diritto nei seguenti casi: a) soppressione del cimitero; in tal caso il concessionario ottiene il rimborso del prezzo pagato per la concessione dell area; b) mancato inizio dei lavori di costruzione entro 12 mesi dalla data della concessione edilizia; in tal caso il concessionario ottiene il rimborso del 50% del prezzo pagato per la concessione dell area; c) mancata ultimazione dei lavori entro 36 mesi dall inizio degli stessi; in tal caso il concessionario ottiene il rimborso del 50% del prezzo pagato per la concessione dell area e rientrano nella piena disponibilità del Comune i manufatti eventualmente realizzati; d) totale difformità dell opera rispetto al progetto autorizzato; non si ha alcun rimborso dell importo versato e sono a carico del concessionario gli oneri per la demolizione delle opere. 2. La parte interessata può richiedere, tanto per l inizio quanto per l ultimazione dei lavori, proroga motivata, che viene accordata una sola volta in presenza di cause di forza maggiore dalla competente autorità comunale. Art L area concessa a norma dell art. 41 non è trasferibile a nessun titolo, salvo quanto disposto dall art. 47 Art Le spese per il perfezionamento del contratto di concessione sono a carico del concessionario. Art In ciascuna tomba di famiglia è consentita la tumulazione - o la collocazione di resti e ceneri - del concessionario, del coniuge e di persone legate da vincoli di parentela od affinità riconosciuti dalla legge ai sensi dell articolo 74 e seguenti del codice civile. Art Ove la sepoltura privata - anche se edificata in forza di concessione perpetua antecedente all entrata in vigore del presente regolamento - risulti in stato d abbandono, il Comune, previa diffida al concessionario o ai suoi familiari rimasta ineseguita decorsi sei mesi, può procedere alla rimozione totale o parziale dei manufatti, a spese del concessionario e degli altri aventi diritto. 2. Qualora il concessionario o gli aventi diritto non intendano sostenere gli oneri della manutenzione o rimozione e rinuncino alla concessione, il comune ottiene la piena disponibilità dell area e dei manufatti, provvedendo altresì a propria cura e spese a diversa sistemazione delle salme e dei resti deposti nella tomba di famiglia. 10

11 3. Nel caso di difficile identificazione e reperibilità degli aventi diritto e nel caso in cui la tomba risulti in stato di abbandono ed incuria da almeno cinque anni, e siano trascorsi almeno trent anni dall ultima tumulazione, la notifica della diffida avviene mediante affissione di idoneo avviso all albo pretorio del comune e ai cancelli del cimitero. CAPO VII CREMAZIONE Art La cremazione avviene nel rispetto delle norme del vigente regolamento nazionale di polizia mortuaria. CAPO VIII ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI Art Le esumazioni ordinarie si eseguono dopo un decennio dall inumazione e sono regolate dal sindaco, fatta salva la facoltà di cui all art. 29, comma Le fosse liberate dai resti sono utilizzate per nuove inumazioni. Art Le salme possono essere esumate prima del turno decennale di rotazione per ordine dell autorità giudiziaria o, previa autorizzazione del sindaco, per trasportarle in altre sepolture o procedere a cremazione. 2. Tali esumazioni devono essere eseguite alla presenza del coordinatore sanitario della A.S.L e dell incaricato del servizio di custodia. 3. Salvo i casi ordinati dall autorità giudiziaria, non si può dar luogo ad esumazioni straordinarie: a) nei mesi di maggio, giugno, luglio. agosto, settembre; b) qualora si tratti di decesso avvenuto per malattia infettiva contagiosa, a meno che, trascorsi almeno due anni, il coordinatore sanitario dichiari l assenza di ogni pregiudizio per la salute pubblica. Art Le ossa rinvenute in occasione delle esumazioni ordinarie vengono raccolte e collocate nell ossario comune, a meno che coloro che vi abbiano interesse richiedano di deporli in luoghi di sepoltura avuti in concessione, ai sensi delle norme di cui al Capo VI del presente regolamento Art Le estumulazioni si eseguono allo scadere del periodo della concessione e sono regolate dal sindaco. 11

12 2. I feretri estumulati devono essere inumati dopo aver praticato nella cassa metallica un opportuna apertura. 3. Qualora l estumulazione avvenga allo scadere di concessione almeno ventennale, il periodo di inumazione può essere inferiore a dieci anni, ma deve almeno essere quinquennale. 4. Qualora le salme estumulate siano completamente mineralizzate, può provvedersi direttamente alla raccolta dei resti mortali in urne ossario su parere del coordinatore sanitario. Art Il sindaco può autorizzare, in ogni momento e dopo qualunque periodo di tempo dalla tumulazione, l estumulazione di feretri destinati al trasporto in altra sede, previa dichiarazione circa la perfetta tenuta del feretro e l assenza di pericolo per la salute pubblica da parte del coordinatore sanitario. 2. Si applicano alle estumulazioni le disposizioni previste per le esumazioni dall art. 51, commi 1 e 2, del presente regolamento. CAPO IX DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE Art Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento, si fa rinvio alle disposizioni contenute nel regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R , n.ro 285, e alle disposizioni che verranno eventualmente approvate in sostituzione di quelle attualmente vigenti. Art Coloro che hanno ottenuto, alla data di entrata in vigore del presente regolamento, la concessione ventennale di un loculo, hanno facoltà di estendere la durata della concessione a trenta o quarant anni, integrando proporzionalmente il corrispettivo a suo tempo versato. Art E fatto obbligo ad ognuno di osservare e far osservare il presente regolamento, che si compone di 57 articoli. Art Il presente regolamento è soggetto ad approvazione da parte del Consiglio Comunale e diverrà esecutivo nel rispetto delle norme vigenti. 12

CIVICO OBITORIO DI TORINO

CIVICO OBITORIO DI TORINO Struttura Complessa Medicina Legale Civico Obitorio Via Bertani 112/A 10137 Torino T 011.4099.664 F 011.4099.619 e-mail: civico.obitorio@aslto1.it SEDE LEGALE: Via San Secondo, 29-10128 TORINO C.F. - P.I.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE 11 NOVEMBRE 1967, N 133 ABROGATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.31 DEL 2.10.98 ESECUTIVA 6.11.98 N.B.

Dettagli

Tariffario per i servizi e concessioni cimiteriali 2014

Tariffario per i servizi e concessioni cimiteriali 2014 (In vigore dal 1/3/201_ - delibera di Giunta Comunale n. del ) Parte prima - Servizi Cimiteriali Concessione o rinnovo della concessione del diritto d uso di aree per la Imponibile2014 IVA costruzione

Dettagli

C O M U N E DI V I N O V O POLIZIA MORTUARIA

C O M U N E DI V I N O V O POLIZIA MORTUARIA C O M U N E DI V I N O V O POLIZIA MORTUARIA DENUNCIA ARRIVO SALMA O RESTI DENUNCIA ARRIVO SALMA/ RESTI (Mod.1) TUMULAZIONE/ ESTUMULAZIONE TUMULAZIONE IN TOMBA PRIVATA (Mod.2) TUMULAZIONE IN LOCULO/OSSARIO

Dettagli

IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA

IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA La descrizione del servizio pag. 2 Condizioni generali del servizio luce votiva pag. 3 La richiesta di installazione della luce votiva pag. 7 1 LA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 213 Registro Deliberazioni Oggetto: Autorizzazione alla voltura di concessione in uso di sepoltura per tomba posta nel cimitero di Tradate.

Dettagli

DICHIARA. 1. che il minore* per il quale richiede l erogazione dell assegno è: Cognome Nome Nat a in data

DICHIARA. 1. che il minore* per il quale richiede l erogazione dell assegno è: Cognome Nome Nat a in data AL COMUNE DI AYMAVILLES (spazio riservato all Ufficio protocollo) DOMANDA PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO POST-NATALE, ai sensi della legge regionale 27.05.1998, n. 44 Iniziative a favore della famiglia

Dettagli

COMUNE DI MONTIRONE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LE AFFISSIONI DIRETTE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

COMUNE DI MONTIRONE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LE AFFISSIONI DIRETTE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI COMUNE DI MONTIRONE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LE AFFISSIONI DIRETTE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI INDICE Art. 1 Affissione diretta..... pag. 3 Art. 2 Manifesti esclusi dall affissione diretta.

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 10 del 28.04.2004) Art 1 Il presente Regolamento disciplina l utilizzo dell area comunale ubicata in località

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO Adottato con, e allegato alla, deliberazione C.C. n 14 del 9 aprile 2014 INDICE Art. 1 => Scopo e finanziamento Art. 2 =>

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI LOMBRIASCO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO PROVINCIA DI TORINO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 31 OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE CIMITERIALI L anno duemilaquindici addì sei del mese di agosto alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per l utilizzazione della palestra e delle attrezzature annesse al centro scolastico della fraz. Piazza Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.20 DEL 25.11.2015 COMUNE DI VALLEPIETRA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI SOMMARIO CAPO I

Dettagli

Regione Piemonte Provincia di Novara. Comune di Cerano

Regione Piemonte Provincia di Novara. Comune di Cerano Regione Piemonte Provincia di Novara Comune di Cerano Art. 92 del D.lgs 163/2006 e s.m.i. Regolamento per la disciplina degli incentivi per la progettazione di opere, lavori e attività accessorie e per

Dettagli

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI Già da qualche anno sono stati cambiati i parametri con i quali i pensionati possono ottenere le prestazioni pensionistiche legate al reddito.

Dettagli

COMUNE di CREDARO Provincia di Bergamo

COMUNE di CREDARO Provincia di Bergamo COMUNE DI CREDARO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE di CREDARO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL TRASPORTO SCOLASTICO Il presente Regolamento è stato approvato con C.C. n 20 del 28/11/2007 in sostituzione

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Prestazioni escluse Articolo 3 - Fornitura di beni e servizi a rimborso Articolo 4 - Convenzioni.

Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Prestazioni escluse Articolo 3 - Fornitura di beni e servizi a rimborso Articolo 4 - Convenzioni. REGOLAMENTO SUI SERVIZI NON ESSENZIALI CON RIMBORSO DA PARTE DELL UTENZA E SERVIZI A PAGAMENTO PER CONTO TERZI Approvato con Delibera di Consiglio N. 11 del 12.02.2009 INDICE Articolo 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 52 In data 26/03/2015 COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO *************** Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Con la presente procedura si definiscono le modalità

Dettagli

via Iasolino n.1 80077 Ischia (NA) - telefono 0813333111 telefax 0813333201 sito web :www.comuneishia.it

via Iasolino n.1 80077 Ischia (NA) - telefono 0813333111 telefax 0813333201 sito web :www.comuneishia.it via Iasolino n.1 80077 Ischia (NA) - telefono 0813333111 telefax 0813333201 sito web :www.comuneishia.it REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità del

Dettagli

COMUNE DI RIESE PIO X

COMUNE DI RIESE PIO X COMUNE DI RIESE PIO X (PROVINCIA DI TREVISO) Via G. Sarto 31 31039 Riese Pio X (TV) P.I.00840050264 C.F.81002490266 TEL.0423/483842 FAX.0423/454303 REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI

Dettagli

Agevolata 19% in caso di contratti di locazione concordati in comuni ad alta densità abitativa

Agevolata 19% in caso di contratti di locazione concordati in comuni ad alta densità abitativa AFFITTO APPARTAMENTI MILANO : CEDOLARE SECCA PRINCIPI NORMATIVI: Il D.LGS N 23 1473/2011 Art 3 È entrato in vigore a seguito della pubblicazione delle istruzioni operative da parte dell agenzia delle entrate-

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 21/08/2014 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di celebrazione del matrimonio

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 13 del 31-03-2015 1 Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

INDICE. Art. 1 - Oggetto... 3. Art. 2 - Obblighi al momento dell assunzione della carica... 3

INDICE. Art. 1 - Oggetto... 3. Art. 2 - Obblighi al momento dell assunzione della carica... 3 Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI AGLI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO PER LA PUBBLICAZIONE DEI DOCUMENTI E DELLE INFORMAZIONI INERENTI LA SITUAZIONE PATRIMONIALE

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE. Per l illuminazione votiva dei cimiteri

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE. Per l illuminazione votiva dei cimiteri COMUNE DI POPPI PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE Per l illuminazione votiva dei cimiteri Approvato con Deliberazione di C.C. n. 91 del 07/12/2005 1 SOMMARIO Articolo DESCRIZIONE CAPO I - NORME

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITA (art. 8 Regolamento Edilizio e D.p.r.380/2001)

DOMANDA DI AGIBILITA (art. 8 Regolamento Edilizio e D.p.r.380/2001) AREA 3 PIANIFICAZIONE, GESTIONE, TUTELA DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO : Sportello Unico Edilizia ed Attività Produttive Il Responsabile TITOLO VI CLASS 3 Aggiornato il 05/05/14 Marca da bollo

Dettagli

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE DELLE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ROVATO REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEL SINDACO, DEGLI ASSESSORI E DEI CONSIGLIERI COMUNALI

COMUNE DI ROVATO REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEL SINDACO, DEGLI ASSESSORI E DEI CONSIGLIERI COMUNALI COMUNE DI ROVATO REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEL SINDACO, DEGLI ASSESSORI E DEI CONSIGLIERI COMUNALI (ai sensi dell'art. 41Bis del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267)

Dettagli

MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI

MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI ( per i promotori) ADEMPIMENTI CHE PRECEDONO LE MANIFESTAZIONI Per lo svolgimento di manifestazioni di sorte locale i promotori devono presentare comunicazione (senza marca

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI CARATE URIO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n del..) Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI AMMINISTRATORI COMUNALI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO MISSIONI AMMINISTRATORI COMUNALI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI 1 - I N D I C E - Art. 1 - Contenuto del Regolamento; Art. 2 - Missioni di durata inferiore a 48 ore; Art. 3 - Missioni di durata superiore a 48 ore; Art.

Dettagli

Prov. di Vibo Valentia

Prov. di Vibo Valentia COMUNE DI SANT'ONOFRIO Prov. di Vibo Valentia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 31-7-2013 Regolamento di Polizia Mortuaria Pag. 1 SOMMARIO TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI COMUNE DI MASSA LUBRENSE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI Approvato con deliberazione consiliare n.46 del 17.9.2007 In vigore dall 1.1.2008 1 Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Associazione di Diritto Privato Via Mantova, 1 00198 Roma C. F. 80021670585

Associazione di Diritto Privato Via Mantova, 1 00198 Roma C. F. 80021670585 Associazione di Diritto Privato Via Mantova, 1 00198 Roma C. F. 80021670585 DOMANDA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE EVENTI SISMICI INTERVENUTI DAL 20 MAGGIO 2012 PER I SOGGETTI RESIDENTI E/O AVENTI SEDE OPERATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

GESTIONE EREDITARIA IMPRESA INDIVIDUALE (Il presente modello deve essere presentato in n. 2 copie + una per l interessato)

GESTIONE EREDITARIA IMPRESA INDIVIDUALE (Il presente modello deve essere presentato in n. 2 copie + una per l interessato) GESTIONE EREDITARIA IMPRESA INDIVIDUALE (Il presente modello deve essere presentato in n. 2 copie + una per l interessato) AL COMUNE DI Il sottoscritto Cittadinanza Consapevole che le dichiarazioni false,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E SERVIZI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E SERVIZI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E SERVIZI CIMITERIALI E APPENDICE SULLA DISCIPLINA DELLE CREMAZIONI, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE CENERI E TRASPORTO SALMA. Approvazione: delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI BRENDOLA (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI BRENDOLA (Provincia di Vicenza) COMUNE DI BRENDOLA (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazioni consiliari: - n. 38 di reg. del 25.09.2001 - n. 24 di reg. del 02.04.2002 - n. 40 del 30.04.2009

Dettagli

Attività di vendita Commercio in forma itinerante

Attività di vendita Commercio in forma itinerante Attività di vendita Commercio in forma itinerante Descrizione In questa tipologia sono comprese tutte le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande effettuate in forma

Dettagli

Richiesta di contributo per il sostegno alla locazione di cui all art. 11, L. 431/98 e s.m.i.

Richiesta di contributo per il sostegno alla locazione di cui all art. 11, L. 431/98 e s.m.i. COMUNE DI TORTONA Richiesta di contributo per il sostegno alla locazione di cui all art. 11, L. 431/98 e s.m.i. Esercizio finanziario 2011 (canone anno 2010) Il sottoscritto, intestatario di contratto

Dettagli

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio assunta con i poteri del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Prot. n. 70420 Terni, 26/05/2015

Prot. n. 70420 Terni, 26/05/2015 GENERALI CONSILIARE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AFFARI II COMMISSIONE UFFICIO DI PRESIDENZA P.zza Mario Ridolfi, 1-05100 Terni Tel. Fax+39 0744.549.534 comune.terni@postacert.umbria.it Prot. n. 70420 Terni,

Dettagli

Oggetto: regolamento per l assegnazione di posti auto - approvazione. Il Consiglio Comunale

Oggetto: regolamento per l assegnazione di posti auto - approvazione. Il Consiglio Comunale Oggetto: regolamento per l assegnazione di posti auto - approvazione. Il Consiglio Comunale Premesso che l articolo 42, comma 2, lettera a), del D.Lgs. 18 agosto 2000 numero 267 T.U.EE.LL. attribuisce

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI INTEGRAZIONE DEI TRATTAMENTI PENSIONISTICI

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI INTEGRAZIONE DEI TRATTAMENTI PENSIONISTICI COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI INTEGRAZIONE DEI TRATTAMENTI PENSIONISTICI Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del 28 febbraio 2013 Modificato con deliberazione consiliare n. 13 del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. protocollo 2008/23681 Individuazione di determinate situazioni oggettive in presenza delle quali è consentito disapplicare le disposizioni sulle società di comodo di cui all articolo 30 della legge

Dettagli

COMUNICAZIONE (ad efficacia differita)

COMUNICAZIONE (ad efficacia differita) AL COMUNE DI U Sportello Unico per le Attività Produttive 1. Dati impresa Cognome: COMUNICAZIONE (ad efficacia differita) Nome: Codice Fiscale: Data di nascita Cittadinanza Sesso M F Luogo di nascita:

Dettagli

CASTEL SAN PIETRO TERME

CASTEL SAN PIETRO TERME Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d Anagrafe Seminario di aggiornamento professionale LA MORTE MAI NON MUORE LA DISCIPLINA E LE PROCEDURE NEI DECESSI, NELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE

Dettagli

ELLISSE AL VOSTRO FIANCO PER LA SICUREZZA

ELLISSE AL VOSTRO FIANCO PER LA SICUREZZA Organismo Abilitato Il primo organismo abilitato dal Ministero delle Attività Produttive ad effettuare le verifiche di legge degli impianti ai sensi del DPR 462/01 AL VOSTRO FIANCO PER LA SICUREZZA Abilitazione

Dettagli

Tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all entrata in funzione degli archivi informatici

Tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all entrata in funzione degli archivi informatici Decreto Ministeriale 27 febbraio 2001 Tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all entrata in funzione degli archivi informatici Visto l'articolo 109 del decreto del presidente della

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE)

COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina le concessioni di loculi, di ossari e

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito - Fondazione Montel

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito - Fondazione Montel Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito - Fondazione Montel Pergine Valsugana - Provincia Autonoma di Trento - Regolamento del servizio RSA Posti letto non convenzionati con l APSS Approvato

Dettagli

COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia N 22 del 20-04-2016 OGGETTO: Proroga tecnica del servizio di gestione illuminazione votiva del cimitero comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI CERSOSIMO (Provincia di Potenza) 1 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 30.04.2012 2 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI TERRA, PROTEZIONE DAI FULMINI E IMPIANTI ELETTRICI PERICOLOSI

LE NUOVE PROCEDURE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI TERRA, PROTEZIONE DAI FULMINI E IMPIANTI ELETTRICI PERICOLOSI LE NUOVE PROCEDURE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI TERRA, PROTEZIONE DAI FULMINI E IMPIANTI ELETTRICI PERICOLOSI PREMESSA In data 8 gennaio 2002 (in Gazzetta Ufficiale n. 6), è stato pubblicato il D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO

COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO 1 ART.1 Composizione del Servizio Ispettivo 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Servizio Ispettivo,

Dettagli

COMUNE DI POSSAGNO Provincia di Treviso REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E DEI SERVIZI CIMITERIALI

COMUNE DI POSSAGNO Provincia di Treviso REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI POSSAGNO Provincia di Treviso REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E DEI SERVIZI CIMITERIALI Approvato con deliberazione consiliare n. 31 del 30/09/2013 1 INDICE GENERALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Beni culturali. Giancarlo Lo Schiavo

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Beni culturali. Giancarlo Lo Schiavo CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI Beni culturali Giancarlo Lo Schiavo Notaio in Prato Componente Commissione Studi Tributari Consiglio Nazionale

Dettagli

COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 34 del 20-02-2007 Oggetto: TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI VARI - ANNO 2007 -. L'anno duemilasette

Dettagli

Art. 27 TRATTAMENTO IN CASO DI MALATTIA

Art. 27 TRATTAMENTO IN CASO DI MALATTIA Art. 27 TRATTAMENTO IN CASO DI MALATTIA In caso di malattia, l operaio non in prova ha diritto alla conservazione del posto per un periodo di nove mesi consecutivi, senza interruzione dell anzianità. Nel

Dettagli

COMUNE di BASIANO. PROVINCIA di MILANO REGOLAMENTO USO SALA CONSILIARE PER CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI

COMUNE di BASIANO. PROVINCIA di MILANO REGOLAMENTO USO SALA CONSILIARE PER CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI COMUNE di BASIANO PROVINCIA di MILANO REGOLAMENTO USO SALA CONSILIARE PER CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 26.7.2010 Regolamento uso sala consiliare

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE INDICE Articolo 1 Articolo 2 - Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. Art. 12 Legge 7 agosto 1990 n.241 Approvato con delibera di Consiglio comunale n.44 del

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nei CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nei CIMITERI COMUNALI COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di Verona REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nei CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione Consiliare n. 20 del 19/04/2013-1

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO

PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO Al servizio di gente REGIONE unica FRIULI VENEZIA GIULIA PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO UDINE 13/09/2011 DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI Domanda Richiesta

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DIMORE ATIPICHE ED IL SOVRAFFOLLAMENTO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DIMORE ATIPICHE ED IL SOVRAFFOLLAMENTO ABITATIVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DIMORE ATIPICHE ED IL SOVRAFFOLLAMENTO ABITATIVO Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 11 del 23.03.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI RIVOLTA D ADDA REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delib. C.C. n. 64 del 23 dicembre 2005 Modificato con delib.

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2004 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14) Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime fiscale Edizione 11.2014

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO CACCIA E PESCA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO CACCIA E PESCA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO CACCIA E PESCA DISPOSIZIONI IN ORDINE ALL IMPIANTO E ALL ESERCIZIO DEGLI ALLEVAMENTI DI FAUNA SELVATICA A SCOPO DI RIPOPOLAMENTO O A SCOPO ALIMENTARE. (ART. 22 L.R. 4 SETTEMBRE

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta Comune Insignito della Medaglia d Argento al Merito Civile

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta Comune Insignito della Medaglia d Argento al Merito Civile Prot n. 78/S del 11.03.2016 D.Legvo COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta Comune Insignito della Medaglia d Argento al Merito Civile VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N.

Dettagli

COMUNE DI ANDORNO MICCA Provincia di Biella

COMUNE DI ANDORNO MICCA Provincia di Biella COMUNE DI ANDORNO MICCA Provincia di Biella REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE Adottato con Deliberazione C.C. n. 12 del 19.05.2010 Approvato definitivamente con deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI SESTO AL REGHENA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI SESTO AL REGHENA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI SESTO AL REGHENA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione consiliare n. 59 del 28.11.2009 Indice generale Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO MOROSITA

REGOLAMENTO MOROSITA UFFICIO SUPPORTO AGLI ORGANI AMMINISTRATIVI E AL CONTROLLO DI GESTIONE Premessa: REGOLAMENTO MOROSITA I Servizi dell ATERP provvedono all applicazione delle norme del presente regolamento secondo le competenze

Dettagli

COMUNE DI MASSIGNANO

COMUNE DI MASSIGNANO COMUNE DI MASSIGNANO Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA APPROVATO CON ATTO CONSILIARE N. 40 DEL 26-11-2008 RESO IMMEDIATAMENTE ESECUTIVO INDICE: CAPO I - DICHIARAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese. Regolamento di Polizia Mortuaria

COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese. Regolamento di Polizia Mortuaria COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 24/09/2013 1 S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L ACCESSO AGLI INCENTIVI PER LA SOSTITUZIONE O INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE DI ESRCIZIO NEL CONCENTRICO DELLA CITTA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L ACCESSO AGLI INCENTIVI PER LA SOSTITUZIONE O INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE DI ESRCIZIO NEL CONCENTRICO DELLA CITTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L ACCESSO AGLI INCENTIVI PER LA SOSTITUZIONE O INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE DI ESRCIZIO NEL CONCENTRICO DELLA CITTA APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 28 IN DATA 21.03.2008

Dettagli

Comune di Abbadia San Salvatore Provincia di Siena

Comune di Abbadia San Salvatore Provincia di Siena Comune di Abbadia San Salvatore Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Via Verdi 13-56041 Castelnuovo Val di Cecina (PI)

Via Verdi 13-56041 Castelnuovo Val di Cecina (PI) BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FINALIZZATI ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI DI MANUTENZIONE E RESTAURO DELLE FACCIATE AI FINI DEL RECUPERO E DELLA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

Comune di Orzivecchi Provincia di Brescia

Comune di Orzivecchi Provincia di Brescia Comune di Orzivecchi Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n 14 del 07.04.2014 Pubblicato all Albo Pretorio dal 10.05.2014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO Approvato: delibera Consiglio Comunale n. 67 del 29/11/2004 esecutiva il 13/12/2004 IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VIGASIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VIGASIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VIGASIO Scuola infanzia primaria- secondaria 1^ grado con sedi staccate di Fagnano Trevenzuolo- Roncolevà-Erbè Viale Bassini

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE ROTTAPHARM S.P.A. (L OFFERTA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE ROTTAPHARM S.P.A. (L OFFERTA ) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE ROTTAPHARM S.P.A. (L OFFERTA ) Il /La sottoscritto/a Codice Fiscale _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ di aver preso conoscenza del Prospetto Informativo

Dettagli

COMUNE DI COSIO VALTELLINO REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI COSIO VALTELLINO REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Allegato alla Delib. C.C. n. 06 del 15/02/2010 COMUNE DI COSIO VALTELLINO REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Aggiornato con: - D.P.R. 15 luglio 2003, n.

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

PROCEDURE PER IL SUBENTRO NELLA TITOLARITA DI ALLOGGI SU AREE CONCESSE IN DIRITTO DI SUPERFICIE/PROPRIETA, FRUENTI/ NON FRUENTI DI CONTRIBUTO PUBBLICO

PROCEDURE PER IL SUBENTRO NELLA TITOLARITA DI ALLOGGI SU AREE CONCESSE IN DIRITTO DI SUPERFICIE/PROPRIETA, FRUENTI/ NON FRUENTI DI CONTRIBUTO PUBBLICO PROCEDURE PER IL SUBENTRO NELLA TITOLARITA DI ALLOGGI SU AREE CONCESSE IN DIRITTO DI SUPERFICIE/PROPRIETA, FRUENTI/ NON FRUENTI DI CONTRIBUTO PUBBLICO PARTE RISERVATA AL VENDITORE 1. Domanda in carta bollata

Dettagli

DECRETO DI CONFERIMENTO DELL INCARICO DI SEGRETARIO. Decreto n. 1 del 02 / 10 / 2015

DECRETO DI CONFERIMENTO DELL INCARICO DI SEGRETARIO. Decreto n. 1 del 02 / 10 / 2015 DECRETO DI CONFERIMENTO DELL INCARICO DI SEGRETARIO Decreto n. 1 del 02 / 10 / 2015 IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DEI COMUNI DELLA VALLE D'AOSTA RICADENTI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DELLA DORA BALTEA (BIM)

Dettagli

Comune di Bianco (Provincia di Reggio Calabria )

Comune di Bianco (Provincia di Reggio Calabria ) Comune di Bianco (Provincia di Reggio Calabria ) REGOLAMENTO DI POLIZIA CIMITERIALE ( approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del ) INDICE PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato Prot. Gen. n 1198 Data 17/11/2011 Prot. Det. n 176/11 OGGETTO:

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero presso le residenze sanitario assistenziali per anziani (R.S.A.

Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero presso le residenze sanitario assistenziali per anziani (R.S.A. Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero presso le residenze sanitario assistenziali per anziani (R.S.A.) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 4 del 07/05/2015

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 485

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 485 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 485 OGGETTO: Concessione di ampliamento occupazione suolo pubblico per edicola di vendita giornali, ricevitoria

Dettagli

SPETT. Dichiarazione di cambiamento di abitazione nell'ambito dello stesso comune

SPETT. Dichiarazione di cambiamento di abitazione nell'ambito dello stesso comune SPETT. C/A COMUNE DI MONTEROTONDO UFFICIO ANAGRAFE Cambi Indirizzo DICHIARAZIONE DI CAMBIO DI INDIRIZZO Dichiarazione di cambiamento di abitazione nell'ambito dello stesso comune IL SOTTOSCRITTO 1) Cognome

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ATTIVITÀ TEMPORANEA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del d.lgs. n.59/2010 (art. 64) e della legge n. 287/1991 (artt. 3 e 5) e del

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli