CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 E in pieno svolgimento la campagna assicurativa grandine ed avversità atmosferiche 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 E in pieno svolgimento la campagna assicurativa grandine ed avversità atmosferiche 2014"

Transcript

1 Poste Italiane Spa Sped. In Abb post. DL 353/ (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) - Art. 1 comma 1 DCB VERONA Notiziario Mensile di Confagricoltura Verona Il giornale è stato chiuso il giorno CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 E in pieno svolgimento la campagna assicurativa grandine ed avversità atmosferiche 2014 Lo scopo del nuovo Piano assicurativo agricolo è quello di estendere ulteriormente l utilizzo delle polizze agevolate per la difesa dai danni atmosferici e meteorologici ed in particolare per una maggiore affermazione delle polizze multi rischio e pluririschio. Per questo i produttori che non assicurano le colture riportate dal piano assicurativo contro i danni causati dalle seguenti avversità: alluvione, colpo di sole, eccesso di neve, eccesso di pioggia, gelo e brina, grandine, sbalzi termici, siccità, venti forti e venti sciroccali, nel caso in cui dovessero verificarsi danni superiori ai limiti stabiliti, non potranno comunque richiedere l attivazione delle procedure di stato di calamità per la conseguente applicazione degli interventi compensativi. Rispetto all anno scorso sono state introdotte alcune novità. Per ottenere l aiuto da parte della Comunità europea sarà necessario stipulare una polizza pluririschio (con almeno tre rischi) o multirischio. Quindi non è più prevista la polizza monorischio. Le polizze pluririschio con almeno tre rischi (grandine più altri eventi) potranno percepire un contributo fino al 65 per cento, mentre le polizze pluririschio con quattro o più eventi fino al 70 per cento. Il Fondo di solidarietà nazionale, quindi anche le polizze assicurative agevolate, è finanziato, oltre al finanziamento nazionale, dall art. 68 del Reg. (CE) 73/2009) e la misura del contributo è determinata a consuntivo tenuto conto delle disponibilità di bilancio. Sono state introdotte delle date limite entro le quali stipulare le polizze agevolate: 31 marzo, prorogata al 30 aprile, per le colture autunno primaverili (come il frumento) e permanenti (vite, frutta, ecc.); 30 maggio per le colture primaverili (mais, soia, tabacco, ecc.); 15 luglio per i secondi raccolti. Il rischio gelo-brina, inoltre, non potrà essere agevolato nelle polizze pluririschio. Viene confermato che per i nuovi assicurati, al fine di incentivare la copertura, il parametro ministeriale coinciderà con la tariffa assicurativa. La sottoscrizione dei contratti assicurativi è volontaria e può avvenire in forma individuale o in forma collettiva. Per la sottoscrizione delle polizze collettive sono abilitati i Consorzi di difesa e gli Enti riconosciuti dalla Regione Veneto. Sulla scorta dell esperienza dello scorso anno e considerata la soddisfazione degli associati sia in termini di risparmio che di gestione dei sinistri, Confagricoltura Verona ha rinnovato l accordo con una primaria società di brokeraggio assicurativo al fine di poter garantire ai propri associati le migliori condizioni economiche e tecniche esistenti sul mercato. Per avere ulteriori informazioni in materia, per consigli sulla migliore tipologia di polizza in base alle nuove disposizioni o, anche semplicemente, per un preventivo, gli associati possono rivolgersi quanto prima (visto le nuove scadenze sopra citate) al proprio ufficio di zona o nella sede di Confagricoltura Verona, in via Sommacampagna 63 d/e a Verona, al dott. Dino Boni. NEWSLETTER E NUOVO SITO INTERNET Da fine marzo parte la nuova newsletter di Confagricoltura Verona, che sarà inviata a tutti gli associati della provincia. La newsletter, che avrà cadenza settimanale, mira ad essere un servizio di comunicazione veloce e agile, che consenta a tutti di essere aggiornati su novità normative e fiscali, corsi e formazione, fondi e finanziamenti, vita associativa, convegni e assemblee. Ogni venerdì la newsletter arriverà al vostro indirizzo e mail. Chi non la riceve ne faccia richiesta a o al proprio ufficio zona. Nuovo sito Internet. E siamo anche su facebook e twitter Da marzo anche il sito internet ha una nuova veste, in linea con quella nazionale, arricchito di contenuti. Nella pagina iniziale si possono trovare notizie locali e nazionali sul mondo dell agricoltura. Il nuovo indirizzo è Confagricoltura Verona è anche su facebook (basta digitare il nome nella casella in alto e compariranno sia la pagina che il profilo) e twitter CONTRIBUTO NUOVO IMPIANTO VIGNETO Si avvisano i gentili soci viticoltori che è uscito il nuovo bando relativo al piano di ristrutturazione e riconversione dei vigneti. Si tratta di ricevere un contributo a fondo perduto, da parte della regione veneto, di circa il 50% delle spese sostenute per l impianto di un nuovo vigneto (da quest anno è compresa anche la spesa relativa all impianto di irrigazione). Per coloro che fossero interessati ad avere informazioni più dettagliate contattare al più presto il nostro ufficio viticolo di sede (al terzo piano) da Anna Rudari (045/ e Sabrina Calafiore (045/

2 2 PSR PSR Presentazione domande di conferma degli impegni pluriennali Con la Deliberazione della Giunta Regionale n. 153 del 20/02/2014, si aprono i termini per la presentazione delle domande di conferma per il 2014 degli impegni pluriennali assunti, sia nelle precedenti che nell attuale programmazione. Con il presente provvedimento vengono stabiliti i termini di presentazione per la conferma degli impegni pluriennali delle misure e azioni di seguito specificate, secondo la tempistica riportata nello schema qui sotto. Per quanto riguarda le domande di conferma relative gli impegni di imboschimento sottoscritti ai sensi del Reg. CE 2080/92, si ricorda alle aziende che non hanno subito variazioni (ad es. la denominazione, la situazione catastale dei terreni, la superficie oggetto di impegno) rispetto la situazione dell anno precedente, che possono rinunciare alla presentazione materiale delle domande di pagamento, in quanto provvederà Avepa a confermare i dati loro pervenuti nel Per le adesioni contattare l ufficio tecnico (tel ) previo aggiornamento del proprio fascicolo aziendale presso gli uffici zonali. PSR PSR MISURA SCADENZA Mis. 6 Agroambiente (az. CE) 10 giugno 2014 Mis. 6 Vecchio regime Reg. CEE 2078/92 10 giugno 2014 Mis. 8 Imboschimento dei terreni agricoli 10 giugno Agroambiente (sottomisure a,b,c,d,e,f,g,i) 15 maggio Pagamenti agroambientali (sottom. a, b, c, d, e, f az. 2) settimo anno 15 maggio Benessere animale 15 maggio Primo imboschimento dei terreni agricoli (az. 1 e 2) Premio di manutenzione e premio perdita di reddito 223 Primo imboschimento dei terreni non agricoli (az. 1 e 2) Premio di manutenzione 15 maggio maggio Pagamenti silvoambientali 15 maggio 2014 QUALE AGRITURISMO DOPO LE DUE RECENTI LEGGI REGIONALI? Tema della riunione tenutasi negli uffici della Regione per iniziativa di Confagricoltura Veneto Si è svolto in un clima di piena collaborazione l incontro che, su richiesta di Confagricoltura Veneto, ha visto riuniti alcuni tecnici e funzionari dell Associazione con Renato Francescon, storico funzionario della Regione Veneto responsabile dell agriturismo. In discussione le novità introdotte dall ultima legge regionale di materia, la n.35/2013, in un contesto normativo che aveva ancora bisogno di chiarimenti dopo l entrata in vigore della l.r. n.28/2012. E dunque una difficile situazione di transizione quella che stanno attraversando non solo le aziende agrituristiche, in attesa di punti di riferimento certi su Notiziario mensile di Confagricoltura Verona Direzione e Redazione Amministrativa Verona - Via Sommacampagna, 63 D/E Tel. 045/ Fax 045/ Editrice: di Confagricoltura Verona Autorizzazione del Tribunale di Verona n in data 22/12/98 Direttore Responsabile: Andrighetti Adolfo Direttore Editoriale: Luigi Bassani Redazione: Simonetta Manara Anno 16 - numero 3 marzo-aprile 2014 Stampa: Mediaprint Srl - Via Brenta, 7 San Giovanni Lupatoto (VR) - Tel. 045/ Abbonamento 15 euro cui basare la loro attività, ma anche la stessa struttura pubblica, provinciale e regionale, che deve disporre di strumenti precisi per esercitare le proprie competenze autorizzative e di controllo. Al centro del dibattito, in primo luogo, il provvedimento attuativo della legge regionale n.35/2013, provvedimento la cui approvazione è attesa per la fine di marzo e la cui entrata in vigore determinerà anche la piena applicazione della nuova legge. Il punto più delicato di tale provvedimento sarà rappresentato dalla tabella di conversione delle quantità prodotte nel numero massimo di pasti che l azienda potrà offrire nel corso dell anno: un aspetto da studiare con attenzione e realismo, per la cui realizzazione è stata chiesta anche la collaborazione di Veneto Agricoltura. Alla riunione, cui ha partecipato anche il presidente di Agriturist Veneto David Nicoli, si è discusso di svariati argomenti, fra i quali: il turismo rurale, la nuova categoria, introdotta dalla l.r. n.35/2013, che comprende le attività tradizionalmente definite ricreative e culturali, alle quali si applicherà la normativa agrituristica se svolte da aziende provviste di tale autorizzazione, ma che potranno essere esercitate anche dal semplice agricoltore e da imprese turistiche; il sistema di vigilanza e controllo, che si svolgerà non più secondo criteri di casualità ma sulla base di aree di rischio individuate tenendo conto di parametri di vario tipo; la percentuale del 65% di prodotto di provenienza propria che deve essere osservato dalle aziende che praticano la ristorazione e le difficoltà che incontreranno a rispettarlo, a meno che tale percentuale non possa essere calcolata anche con riferimento ad una rete di aziende, eventualmente confinanti fra loro. Al di là degli argomenti trattati e delle discussioni anche vivaci che hanno suscitato, è apparso evidente che questo incontro ha rappresentato un esempio virtuoso di quella collaborazione fra pubblico e privato che è indispensabile per un proficuo svolgimento dell attività di impresa anche nel campo agrituristico. Nuovo Presidente per Agriturist Verona: è stato eletto il dott. Alessandro Tebaldi dell agriturismo Corte Attìlea che va a sostituire Giovanni Mattia Ederle. Il neopresidente Tebaldi potrà contare oltre che sul vicepresidente Giacomo Murari Brà unito all attuale consiglio direttivo, anche sulla preziosa nuova collaborazione diretta dell ing. Alberto Sartori come Segretario Provinciale. Mario Pasti è stato eletto presidente della Deputazione della Borsa merci della Cciaa di Verona.

3 3 INASPRITE LE SANZIONI PER IL LAVORO SOMMERSO E IRREGOLARE Dal 22 febbraio 2014 è in vigore il Decreto Destinazione Italia che ha inasprito le misure per il contrasto del lavoro sommerso e irregolare. Di seguito, si riepilogano le predette misure. 1. aumento del 30% dell importo delle sanzioni amministrative connesse all impiego di lavoratori subordinati irregolari nonché l esclusione, in tali ipotesi, della che permetteva il pagamento della sanzione minima se effettuato entro determinati tempi; Restano soggette alla predetta le violazioni commesse prima del 22 febbraio l aumento del 30% dell importo delle somme aggiuntive da versare per la revoca del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale disposta dagli organi di vigilanza (inclusi quelli delle ASL) Lavoro irregolare Le ipotesi sanzionabili sono quelle caratterizzate dall impiego di lavoratori subordinati senza la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto da parte del datore di lavoro privato. Rimangono esclusi dalla previsione in oggetto i datori di lavoro domestico Violazioni commesse fino al da euro a euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorata di euro 150 per ciascuna giornata di lavoro effettivo ammessa Sanzioni amministrative lavoro nero Violazioni commesse dal al da euro a euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorata di euro 195 per ciascuna giornata di lavoro effettivo ammessa Violazioni commesse dal da euro a euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorata di euro 195 per ciascuna giornata di lavoro effettivo non ammessa da euro a euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorato di euro 30 per ciascuna giornata di lavoro irregolare, nel caso in cui il lavoratore risulti regolarmente occupato per un periodo lavorativo successivo ammessa da euro a euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorato di euro 39 per ciascuna giornata di lavoro irregolare, nel caso in cui il lavoratore risulti regolarmente occupato per un periodo lavorativo successivo ammessa da euro a euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorato di euro 39 per ciascuna giornata di lavoro irregolare, nel caso in cui il lavoratore risulti regolarmente occupato per un periodo lavorativo successivo non ammessa Sospensione attività imprenditoriale E stato aumento del 30% anche dell importo delle somme aggiuntive da versare per la revoca del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale in diverse ipotesi, da corrispondere all Erario per ottenere la revoca del provvedimento stesso fino al 23 dicembre 2013 e a decorrere dal 24 dicembre Somme aggiuntive revoca provvedimento di sospensione attività imprenditoriale fino al dal Provvedimento adottato a fronte del riscontro di impiego di personale in nero in misura pari o superiore al 20 per cento del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro Provvedimento adottato a fronte del riscontro di gravi e reiterate violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro euro euro euro euro A seguito delle modifiche introdotte dal Decreto Destinazione Italia e confermate in sede di conversione in legge, a partire dal 24 dicembre 2013, la revoca del provvedimento è, dunque, subordinata: - in presenza di lavoratori irregolari - 1. alla regolarizzazione degli stessi - 2. al pagamento della somma aggiuntiva di euro - in presenza di gravi e reiterate violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro in presenza di lavoratori irregolari: 1. all accertamento del ripristino delle regolari condizioni di lavoro e al pagamento della somma aggiuntiva di euro Orario di lavoro Viene disposto che alcuni importi delle sanzioni amministrative previste in relazione alle violazioni in materia di orario di lavoro siano raddoppiati Nello specifico sono raddoppiati gli importi delle sanzioni amministrative previste per la violazione: 1. della durata media massima dell orario di lavoro che non può in ogni caso superare le 4 compreso lo straordinario e inteso come media pluriperiodale; 2. della disciplina dei riposi settimanali in base alla quale il lavoratore ha diritto ad un periodo di riposo di almeno 24 ore consecutive, di regola in coincidenza con la domenica, da cumulare con le 11 ore di riposo giornaliero e, in ogni caso, calcolato come media in un periodo non superiore a 14 giorni; 3. della disciplina dei riposi giornalieri in base alla quale il lavoratore ha diritto a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore. La violazioni sopra citate, comportano l applicazione di sanzioni amministrative in misura gradualmente crescente in ragione della gravità dell illecito.

4 4 GLI OBBLIGHI PREVIDENZIALI DEI COLTIVATORI DIRETTI E DEGLI IAP Chiunque eserciti un attività- anche in forma societaria- ha l obbligo di iscrizione all INPS. In agricoltura esistono due figure previdenziali riferibili a chi esercita l attività agricola: il Coltivatore diretto e l Imprenditore agricolo professionale (IAP). Quando si avvia l attività agricola sia essa l unica attività lavorativa del soggetto o quella prevalente, c è l obbligo di versare all INPS i contributi previdenziali nella gestione lavoratori autonomi agricoli. L importo dei contributi da versare si calcola sulla base del reddito agrario a cui corrisponde una delle quattro fasce di reddito convenzionale stabilite dalla legge. Valore del reddito agrario: fino a 232,40 euro da 232,41 euro a 1.032,91 euro da 1.032,92 euro a 2.324,05 euro oltre 2.324,05 euro 1a Fascia 2a Fascia 3a Fascia 4a Fascia Se non ci si iscrive Qualora, nonostante l inizio dell attività agricola e ricorrendone i presupposti, non si fosse provveduto all iscrizione previdenziale, l interessato deve provvedere in tempi brevi all iscrizione. L Inps richiede anche il versamento dei contributi arretrati con il limite della prescrizione quinquennale maggiorati di sanzioni e interessi che variano da un minimo del 35% ad un massimo del 70% del valore dei contributi e in proporzione agi anni di evasione. Coltivatori diretti e IAP già iscritti all INPS: variazione superfici In caso di aumento o diminuzione della superficie condotta c è l obbligo di comunicare la variazione all INPS per consentire la corretta contribuzione. CAMPO In caso di diminuzione del reddito agrario potrebbe diminuire l importo dei contributi dovuti. In caso di aumento del reddito agrario, potrebbe aumentare l importo dei contributi dovuti. Se l aggiornamento non è tempestivo l aumento contributivo sarà maggiorato delle sanzioni e degli interessi.

5 5 Pensionati coltivatori diretti e IAP che continuano a lavorare Il pensionato che continua a lavorare deve continuare a versare i contributi INPS che gli daranno diritto ad un supplemento di pensione ogni 5 anni. Dopo 2 anni se il pensionato ha già compiuto i 65 anni. Infortunio sul lavoro del coltivatore diretto e dei coadiuvanti. L infortunio è un evento occorso al lavoratore per causa violenta che comporti l astensione dal lavoro per più di 3 giorni. Denuncia entro 2 giorni all INAIL e all Autorità di Pubblica Sicurezza Il ritardo nella denuncia di infortunio: 1. comporta la perdita dell indennità economica per il titolare 2. comporta una sanzione pesante con multe da euro a euro se l infortunio riguarda il coadiuvante Per ulteriori informazioni telefonate al Patronato Enapa (045/ ) o all ufficio zona più vicino a voi

6 6 CORSI GRATUITI finanziati nell ambito della Misura 331, Azione 1 del Gal Pianura Veronese in partenza MARZO DICEMBRE 2014 Sede: Ufficio Zona Isola della Scala VR (da confermare) INTERVENTI INFORMATIVI Imprenditori agricoli e membri della famiglia agricola, Titolari e dipendenti microimprese operanti o residenti nell ambito territoriale designato del Gal Pianura Veronese; Dipendenti di Enti locali, Strade del vino e prodotti tipici, Partenariati tra soggetti pubblici e privati, Proloco, Consorzi di promozione turistica, Associazioni agrituristica, Enti parco, Fondazioni, ONLUS. Titolo corso Contenuti Ore Avvio e gestione di un piccolo caseificio aziendale Il commercio dei prodotti: promozione e tecniche di vendita Metodi e strumenti di vendita dei prodotti Approcciarsi alle reti d impresa Comunicazione e accoglienza - in lingua inglese Internet, il canale di promozione Reti di impresa: opportunità di lancio per le aziende e i territori PROGETTO OPEN MARKET Normativa di settore, igiene e sicurezza ; Strumenti di progettazione e gestione (struttura, attrezzature e macchine); Tecnologia casearia, formaggi e altri derivati dalla trasformazione del latte. Comprendere e valutare i punti di forza della propria azienda; Conoscere le dinamiche di mercato di base e le tendenze dei consumatori; Piano di marketing e strategia; Contatto del cliente e fidelizzazione; Comunicare in inglese commerciale. Normativa europea e nazionale; Igiene degli alimenti; Strumenti di gestione: manuale di autocontrollo e HACCP; Controlli e sanzioni. Le reti e i loro scopi (cos è, chi può confluire, finalità); Le forme di collaborazione e le tipologie di rete (esempi); Strumenti organizzativi ed economici per progettare una rete; Vantaggi raggiungibili attraverso la costituzione di una rete. PROGETTO RURAL EMOTION - REM Vocabolario e abilità di pronuncia; Conversazione telefonica e pianificazione degli incontri; Linguaggio turistico; Simulazione di dialoghi in lingua inglese. Casella di posta, , mailing-list; Fondamenti di sviluppo del web; Come si crea una pagina web, un sito aziendale e le sue caratteristiche; Posizionamento dei motori di ricerca; Strumenti di comunicazione informatici: face book, twitter, e altri social network. Le reti di comunicazione del territorio; Cooperazione strumento del territorio; Confronti tra operatori esterni e partecipanti, condividere un obiettivo; Vantaggi del cooperare in rete. 24 ore 13 ore 24 ore 24 ore 16 ore L arte culinaria agricola Le ricette tipiche agricole; Le materie prime locali; Cucinare per il cliente. 11 ore Come promuovere il territorio Come promuovere il territorio; Descrizione territori del GAL, paesaggi e morfologia; Offerta turistica sostenibile, legata al territorio; Tipologie di turismo: opportunità di sviluppo. 10 ore Accoglienza turistica e promozione del territorio e dei prodotti - in lingua inglese Il territorio GAL, opportunità culturali ed enogastronomiche Marketing del territorio e turismo Strumenti informatici per la promozione e commercializzazione Trasformazione e lavorazione di prodotti derivati Degustare per promuovere TUR RIVERS Terminologia turistica di base in inglese, terminologia turistica per l accoglienza; terminologia di marketing e settore alimentare; pratica e simulazione di dialoghi. Presentazione del territorio del GAL, storia della Pianura Veronese, paesaggio e natura; le opportunità del proprio territorio (strade, itinerari, percorsi turistici); descrizione di prodotti tipici; manifestazioni culturali ed enogastronomiche, musei, eventi artistici locali, fieristici. Marketing aziendale, territoriale e comunicazionale; come sviluppare l attitudine di un territorio: opportunità e criticità; strumenti di lavoro: itinerari, prodotti e risorse. Comunicare nel web: canali pubblicitari, social web, booking, group on, twitter, face book, ecc; tecniche di comunicazione: modalità, gestione, utilizzo, impatti sul cliente e per l impresa; creare una pagina web: spunti e idee progettuali; campagne di comunicazione (social media, mailing list, ecc). Potenzialità del territorio e colture adatte alla trasformazione; norme igienico sanitarie per la trasformazione; tecniche di trasformazione e attrezzature; alcuni prodotti derivati: frutta sciroppata, confetture, sott aceti e sott olio, salse, essicazione di erbe aromatiche. I prodotti tipici del territorio GAL Pianura Veronese, ortofrutticoli, cerealicoli, carne, latte, pesce; degustazione di prodotti locali; tecniche di degustazione, analisi sensoriale, esaltazione delle proprietà organolettiche; accostamento a vini e ricette. INTERVENTI FORMATIVI Imprenditori agricoli e membri della famiglia agricola; Titolari e dipendenti microimprese; Dipendenti Strade del vino e prodotti tipici, Proloco, Consorzi di promozione turistica, Associazioni agrituristica, Fondazioni, ONLUS. Microimpresa e diversificazione; quali attività per diversificare: agriturismi, fattorie, Diversificare in azienda per mettersi agrinidi, micronidi aziendali, ecc; ecosostenibilità aziendale: anche le energie in rete nel territorio rinnovabili come strumento di diversificazione; vendita dei prodotti: canali e modalità; gli animali: opportunità di diversificazione; visita aziendale. PER INFORMAZIONI AGRICOLTORI VERONA SERVIZI S.R.L. Società Unipersonale di Confagricoltura Verona Servizio Formazione - Tel. 045/ Fax 045/ ore 25 ore

7 7 DOCUMENTAZIONE PER MODELLO UNICO 2014 Variazione di residenza (certificato di residenza) e variazioni stato civile Variazione di componenti del nucleo familiare: codice fiscale dei nuovi componenti Tutti i mod. F24 presentati/pagati nel 2013/2014 CODICE IBAN X TUTTI COLORO A CUI INVIAMO TELEMATICAMENTE F24 Dichiarazione IVA e quota INAIL dipendenti ai fini IRAP per chi tiene contabilità e/o paghe presso terzi REDDITI 1. Terreni e Fabbricati: atto notarile relativo all acquisto, vendita, donazione, successione, permuta, esproprio, usufrutto, variazioni catastali, ecc. fatti nell anno 2013 e nel F24 di pagamento IMU (calcolo IMU 2013 se gestito presso terzi) 2. Ruralità fabbricati: copia dell istanza di ruralità inviata al Catasto per l attribuzione della categoria A6/D10 al fine del riconoscimento della ruralità dei fabbricati (se presentata presso studi esterni) 3. Rivalutazione dei terreni e imposta sost. 4% : perizia di stima e modello F24 di pagamento 4. Affitto di terreni: contratto di affitto con indicato il reddito agrario o Visura catastale 5. Locazione di Fabbricati: canoni di locazione distinti per ogni unità immobiliare + COPIA CONTRATTO 6. Cedolare Secca: raccomandata inviata all inquilino x comunicare la non applicazione dell aumento ISTAT + copia contratto e modello 69 (registrazione) 7. Contratti di locazione convenzionali L.431/1998 art.2 comma3: contratto di locazione registrato 8. Reddito di pensione, lavoro dipendente, infortuni, disoccupazione, collaborazioni coordinate :modello CUD 9. Assegno di mantenimento ex coniuge in caso di separazione 10. Prestazioni occasionali: certificazione del compenso e della ritenuta subita 11. Utili : certificazione del dividendo distribuito rilasciata dalla società erogante 12. Plusvalenze o Minusvalenze da partecipazioni: certificazione rilasciata dal gestore 13. Partecipazioni in società di persone: prospetto di ripartizione dei redditi; (Quadro H) SPESE DETRAIBILI E DEDUCIBILI Spese mediche(visite specialistiche, esami di laboratorio, analisi cliniche, apparecchi sanitari, ecc.): ricevute, fatture, anche se pagate per familiari a carico Medicinali (scontrino fiscale farmacia con indicato codice fiscale, qualità, quantità e natura del farmaco acquistato) Assistenza sanitaria specifica per non autosufficienti e invalidi (infermiere, fisioterapista ecc.) : ricevuta o fattura + certificazione medica Contributi INPS per addetti a servizi domestici e familiari(colf, badanti, baby sitter,): ricevute di versamento Acquisto di auto per portatori di handicap, per trasporto sordomuti o non vedenti: fattura e certificazione dell handicap o autocertificazione Assicurazione vita/infortuni: (quietanze di pagamento e dichiarazioni rilasciate dalle compagnie di assicurazione). Le assicurazioni stipulate o rinnovate dopo il 31/12/2000 sono detraibili solo per l importo che copre il rischio morte/invalidità permanente > 5% Spese veterinarie: fatture Interessi passivi per prestiti agrari di qualsiasi durata: documento da richiedere alla Banca erogante; (in cui si specifica che si tratta di forme di finanziamento AGRARIO) Interessi passivi per mutui ipotecari acquisto/costruzione abitazione principale (atti di mutuo + atto compravendita + spese accessorie + dichiarazione interessi sostenuti nell anno) Spese di istruzione secondaria o universitaria: ricevute di versamento Spese per canoni locazione studenti universitari fuori sede (contratto affitto + ricevute pagamento) Spese frequenza asili nido, spese per l attività sportiva dei ragazzi dai 5 ai 18 anni Spese intermediazione immobiliare per acquisto abitazione principale Contratto di locazione se abitazione principale in affitto per una maggiore detrazione Spese per interventi di recupero 36% -41%- 50% + acquisto mobili/elettrodomestici classe A contemporanei a tale ristrutturazione: Dati catastali (foglio, mappale, sub) dell immobile ristrutturato, bonifici bancari, copia delle fatture, certificazione dell amministratore di condominio Spese di manutenzione di immobili storici: certificato della Sovrintendenza, fatture e ricevute Spese per interventi di riqualificazione energetica su edifici esistenti per le quali è riconosciuta la detrazione del 55%-65% (copia delle fatture, bonifico, attestato di certificazione energetica,ricevuta dell invio della documentazione all ENEA, asseverazione rilasciata da tecnico abilitato) Erogazioni liberali a favore delle ONLUS, partiti politici, istituzioni religiose, ONG, associazioni sportive dilettantistiche, attività colturali/artistiche, istituti scolastici, Fondo ammortamento titoli di Stato: ricevute, versamenti postali o bancari Spese funebri: fatture dell agenzia di pompe funebri per decesso familiari (coniuge,figli, genitori, suoceri, fratelli) Spese per adozioni internazionali: documenti comprovanti le spese sostenute Contributi assistenziali obbligatori (inps): ricevute dei versamenti effettuati nel 2013(4^ rata 2011 e 1,2,3 del 2013) anche se sostenuti per familiari a carico; (F24 + Frontespizio dell INPS) e assicurazione INAIL casalinghe Contributo SSN pagato all interno dell assicurazione auto: certificato versamento premio (solo se supera 40,00) Contributi previdenziali volontari/ somme versate a forme pensionistiche complementari e individuali (ricevute dei versamenti effettuati e lettera accompagnatoria dell ente pensionistico) Assegni alimentari al coniuge (no per figli): ricevuta del coniuge, vaglia, bonifici, codice fiscale dell ex coniuge Riscatto anni di laurea la detrazione del 19% spetta solo ai familiari fiscalmente a carico mentre per i contributi che riguardano il dichiarante restano sempre deducibili dal reddito complessivo

8 8 SCADENZE FISCALI Aprile-maggio 2014 a cura di Simonetta Manara Mercoledì 16/4 Liquidazione e versamento dell IVA dei contribuenti a periodicità mensile relativa al mese di marzo (fattura differita con data aprile ma con ddt di marzo entra nella liquidazione di marzo). Versamento delle ritenuta d acconto operate nel mese di marzo sui compensi di lavoro autonomo, di lavoro dipendente e sulle provvigioni; Versamento contributi previdenziali e assistenziali relativi alle retribuzioni dei lavoratori dipendenti di competenza del mese precedente. Sabato 26/4 Presentazione degli elenchi riepilogativi (INTRASTAT) delle cessioni e/o acquisti intracomunitari di beni nonché delle prestazioni di servizi intracomunitari effettuati nel mese precedente e/o nel trimestre precedente. Mercoledì 30/4 Presentazione dichiarazione al catasto dei fabbricati che non risultano dichiarati o che abbiano subito variazione di consistenza o di destinazione, nonché dei fabbricati che abbiano perduto i requisiti di ruralità. Venerdì 16/5 Ultimo giorno utile per emettere le fatture differite relative ai beni consegnati o spediti nel mese di aprile; Ultimo giorno utile per la regolarizzazione, con sanzione ridotta al 3,75% del versamento dell Iva relativo al mese di marzo 2014, non effettuato o effettuato in misura ridotta; Liquidazione e versamento dell IVA dei contribuenti a periodicità mensile relativa al mese di aprile (fattura differita con data maggio ma con ddt di aprile entra nella liquidazione di maggio); IVA periodicità trimestrale: versamento dell IVA dovuta per il primo trimestre 2014 maggiorata del 1%; Versamento delle ritenuta d acconto operate nel mese di aprile sui compensi di lavoro autonomo, di lavoro dipendente e sulle provvigioni; Versamento contributi lavoratori dipendenti previdenziali e assistenziali relativi alle retribuzioni di competenza del mese precedente. Lunedì 25/5 Presentazione elenchi intrastat mensili delle cessioni e/o acquisti intracomunitari effettuati nel mese di aprile. ISTAT: indice dei prezzi per rivalutazioni di febbraio 2014 : +0,5% Visita il sito Troverai molte notizie per usufruire al meglio dei servizi che ti offre la tua associazione Noi del Consorzio Agrario siamo in campo da più di cento anni. Dalla fine del XIX secolo, perseguiamo lo stesso obiettivo: sostenere l agricoltura dei nostri territori introducendo innovazione, promuovendo sviluppo, diffondendo valore. E comunicando il Made in Italy, in tutto il mondo. Siamo fieri di essere tra i protagonisti del comparto primario e di essere al fianco, tutti i giorni, degli Imprenditori Agricoli che consideriamo dei veri e propri eroi di questo Paese. Dalla fusione del Consorzio Agrario Lombardo Veneto e del Consorzio Agrario di Padova e Venezia, nasce il CONSORZIO AGRARIO DEL NORDEST Società Cooperativa. Ora siamo più strutturati, più presenti, più vicini ai nostri soci e ai nostri clienti. Ora siamo più vicini al futuro dell Agricoltura italiana.

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO Dal 2015 l Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 parzialmente precompilato; conterrà infatti i dati del reddito da lavoro

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli