Il salvatore dei Nuovi Cantieri Apuania potrebbe essere Onorato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il salvatore dei Nuovi Cantieri Apuania potrebbe essere Onorato"

Transcript

1 SPAZIO DISPONIBILE Direttore Responsabile: Angelo Scorza FERRY Il salvatore dei Nuovi Cantieri Apuania potrebbe essere Onorato Moby ha in programma un piano d investimenti per la costruzione di 6 nuovi traghetti Anno VII, N.29 - Genova, 19 Luglio 2010 TERMINAL OPERATOR Potrebbe arrivare da Moby la scialuppa di salvataggio per la cantieristica italiana, o, quanto meno, per i Nuovi Cantieri Apuania. Secondo indiscrezioni che circolano negli ambienti milanesi potrebbe essere proprio la struttura cantieristica di Marina di Carrara la più accreditata ad aggiudicarsi una commessa relativa alla costruzione di sei traghetti per il gruppo guidato da Vincenzo Onorato. Da Moby e dai Nuovi Cantieri Apuania nessuna commento ufficiale alla notizia, ma fonti vicine alle società confermano che effettivamente era in piedi una trattativa, che fino a inizio giugno procedeva a ritmo spedito salvo poi subire una brusca frenata, anche in concomitanza con la scelta di posticipare la quotazione a Piazza Affari della balena blu. A complicare le cose c è poi la concorrenza dei cantieri asiatici, sempre pronti a sfornare navi in serie praticando prezzi molto competitivi. Le strutture sudcoreane più accreditate ed esperte nella costruzione di navi passeggeri sono Daewoo Shipbuilding (dove nel 2000 lo stesso Onorato aveva commissionato i due traghetti Moby Wonder e Moby Freedom) e Hyundai Mipo Dockyard (struttura specializzata in navi ro-ro e ro-pax, impegnata nella costruzione di diverse navi per conto del Gruppo Grimaldi di Napoli). Probabilmente sondata anche l alternativa Fincantieri, che a Castellammare di Stabia ha appena consegnato l ultima nave in costruzione (il ro-pax Cruise Olympia), ma difficilmente il Gruppo guidato da Giuseppe Bono sembra in grado di potersi aggiudicare la commessa. Il valore del piano di nuove costruzioni studiato da Vincenzo Onorato si aggirerebbe almeno sui 150/200 milioni di euro complessivi per 6 traghetti di dimensioni medio-piccole, che andrebbero a rinnovare la flotta di Moby impegnata sui collegamenti cosiddetti minori, ma molto redditizi, tra Sardegna e Corsica segue a pag.2 Navi che consumano il 15% di carburante in meno? Certamente. TOP THREE Gli articoli più letti della settimana scorsa 1 - Bogazzi mette in palio la Porto di Carrara 2 - Tirrenia mette in vendita due traghetti 3 - Venduta all asta la nave Mariano Lauro di Peninsula

2 2 TERMINAL OPERATOR Gavio sbarca sulle banchine savonesi Il gruppo tortonese forma una Scrl con alcuni operatori locali, fra cui il terminal BuT, per gestire i traffici del bitume destinato alle autostrade Nuova bandierina nella mappa portuale del gruppo Gavio. Già presente a Genova, al Terminal San Giorgio e presto (salvo rivoluzioni giudiziarie) anche al Multipurpose, e in corsa a La Spezia per la concessione del terminal Speter, il colosso tortonese conclude un altra tappa del proprio percorso di colonizzazione degli scali liguri, con un operazione che lo porterà a lavorare direttamente sulle banchine di Savona. Nei giorni scorsi la locale Autorità Portuale ha infatti annunciato in una nota la nascita di un soggetto consortile per i traffici specializzati del bitume su Savona, senza fare nomi e usando termini piuttosto sfumati, in attesa di una formalizzazione per la quale occorrerà attendere il parere al riguardo del Comitato Portuale previsto in settimana. Secondo le indiscrezioni raccolte, tuttavia, si tratterebbe di una Scrl - Società consortile a responsabilità limitata, di cui faranno sicuramente parte il Gruppo Gavio e BuT Scrl, anche se non è chiaro se sia stata creata una nuova realtà o se una qualche controllata del network tortonese sia entrata nella compagine sociale di BuT, magari rilevando quote di quelli che fino alla scorsa settimana risultavano come soci: Pacorini Silocaf Srl (appare quasi superfluo ricordare i molteplici intrecci fra Pacorini e Gavio, da Trieste fino, non a caso, al VIO di Vado Ligure, dove l ex azionista Pacorini continua ad operare come cliente e Gavio come socio) e Penta Srl, compagine guidata, come maggioranza, da Oikos Srl, società facente a sua volta capo al presidente di Isomar (la locale associazione di agenti marittimi), Gerardo Ghiliotto. Secondo fonti vicine a BuT, Pacorini avrebbe peraltro manifestato recentemente l intenzione di uscire dalla società. Quali che siano i dettagli formali i soggetti coinvolti hanno preferito mantenere uno stretto riserbo il fine dell operazione sarà la gestione di un nuovo traffico marittimo di bitume, con tutta probabilità destinato alle autostrade gestite dal Gruppo Gavio nel nordovest del paese. Interessante sarà inoltre approfondire maggiormente gli aspetti tecnici dell operazione, perché, ad oggi, il bitume in arrivo veniva movimentato al porto petroli di Vado Ligure e non a Savona. Secondo quanto appreso da Ship2Shore l attracco utilizzato dovrebbe essere il 33, in radice alla diga, ma resta da capire come I nuovi traffici di bitume del porto di Savona approderanno all attracco 33 verranno effettuate le operazioni di scarico e di stoccaggio: il bitume viaggia a circa 80 per mantenerne elevata la fluidità e, una volta pompato dalla nave, ha bisogno, durante le operazioni di trasferimento verso gli eventuali serbatoi di stoccaggio (non presenti ad oggi al BuT), di esser mantenuto a tale temperatura mediante sofisticati sistemi realizzati appositamente. Andrea Moizo Traffici in crescita tra gennaio e giugno L Autorità Portuale ha reso noto l andamento dei traffici nel porto di Savona nei primi sei mesi dell anno: in forte ripresa soprattutto quelli a banchina, che hanno registrato indicatori positivi in tutti i comparti (acciai + 70%; auto +28,4%; + 8% al Savona Terminal; +11% dell ortofrutta e +19,3% del traffico contenitori). Di segno positivo anche i prodotti petroliferi grezzi (+5% di Sarpom), mentre registrano una non precisata flessione quelli raffinati. In crescita il traffico crocieristico, salito dell 11,7%, mentre quello di Corsica Ferries ha registrato un lieve calo (-5%). Le rinfuse energetiche presentano numeri positivi per quanto riguarda Terminal Rinfuse Italia e una flessione per il comparto Funivie e Alti Fondali, peraltro ampiamente prevista dopo la messa fuori esercizio di Miramare e l attivazione del nuovo impianto, non ancora a regime. Da ultimo l Autorità Portuale ha comunicato di aver accettato la proposta del Gruppo Campostano di costruire, nella zona 16, una nuova struttura destinata ai prodotti siderurgici: i dettagli tecnici e finanziari, tuttavia, non sono ancora noti, perché l Authority ha imposto alcune condizioni che costringeranno a modificare il progetto iniziale. Il terminalista realizzerà in ogni caso l opera. segue da pag.1 (Bonifacio Santa Teresa di Gallura) e fra Toscana ed Elba (Piombino Porto Ferraio e Piombino Cavo). Tutte le navi impegnate su queste rotte sono state costruite fra il 1966 e il 1981 e hanno una capacità per passeggeri e auto piuttosto contenuta. Facile immaginare che il programma di rinnovamento della flotta sia inoltre propedeutico alla partecipazione da parte di Moby alla gara ormai prossima per la privatizzazione di Toremar, l ex controllata regionale di Tirrenia in Toscana, che dovrebbe passare in mani private entro il prossimo autunno. D altronde Onorato non ha mai fatto mistero del proprio interesse verso i collegamenti marittimi per l Elba in mano a Toremar, diversamente dallo scetticismo che da SNAV e Ustica Lines mettono in vendita tre traghetti Il mercato dei ferries offre anche altri segnali di dinamismo. Secondo le indiscrezioni che giungono da diversi broker internazionali, SNAV e Ustica Lines avrebbero messo in vendita alcuni traghetti delle rispettive flotte. La compagnia napoletana guidata dal Com.te Raffele Aiello sarebbe pronta a cedere le due unità gemelle Snav Sicilia e Snav Campania con eventuale consegna a partire dal prossimo mese di ottobre (dunque dopo il termine della sempre ha espresso sulla capogruppo Tirrenia. Un business plan arricchito da un piano di rinnovamento della flotta mediante sei nuove costruzioni avrebbe ottime possibilità di essere giudicato tra i migliori. Per i Nuovi Cantieri Apuania, nonostante pare ci siano anche altre trattative sul tavolo con gruppi armatoriali stranieri, questa commessa rappresenterebbe un importante boccata d ossigeno in vista dell ultima consegna a Grimaldi Holding fissata per il prossimo autunno. Dopo quella data, fatta eccezione forse per qualche lavoro di refitting sulle navi blu di Aldo Grimaldi, gli slot del cantiere marinello sarebbero desolatamente vuoti. Nicola Capuzzo stagione estiva). I traghetti in oggetto, per cui non viene rivelato il prezzo richiesto, sono stati costruiti nel 1974 in Germania (con successive modifiche strutturali) e hanno una capacità di passeggeri e un garage da 600 auto ciascuno. Anche la compagnia di traghetti trapanese guidata da Vittorio Morace avrebbe messo sul mercato il traghetto Gianni Morace: costruzione del 1980 con capacità 670 passeggeri e 150 auto.

3 3 TANKER Le veloci mosse dello Scorpio Presentati i dati del primo trimestre (prima dell IPO), la quotata del gruppo monegasco continua lo shopping di navi e si ricompra un corposo pacchetto delle proprie azioni Nel rispetto degli obblighi di trasparenza imposti dall ingresso in borsa dello scorso aprile (S2S n.8 e 14/2010), Scorpio Tankers, costola dell omonimo gruppo armatoriale monegasco guidato da Emanuele Lauro, ha diffuso i dati finanziari relativi ai primi tre mesi del 2010, anche se, naturalmente, il valore degli stessi è relativo, dato che l esordio a Wall Street ragione stessa della creazione della società è successivo al periodo considerato. In ogni caso i numeri rispecchiano il trend negativo del settore, con un calo del fatturato, da 9,54 a 6,16 milioni, e del reddito netto, da 2,77 a 1,16 milioni di dollari, rispetto al primo trimestre Più interessanti saranno sicuramente i dati relativi al secondo trimestre. Dalla cessione di 12,5 milioni di azioni piazzate a 13 dollari; oggi il titolo viaggia intorno agli 11 la società, dedotti oneri e spese di quotazione, ha infatti incassato circa 150 milioni di dollari, con cui, ripianato un debito residuo di 38,9 milioni per un finanziamento ottenuto nel 2005 per l acquisizione delle 3 navi (Noemi, Senatore e Venice) poi conferite dal gruppo Scorpio a Scorpio Tankers, ha avviato un imponente piano di potenziamento e rinnovamento della flotta. Le prime new entry sono state la products tanker medium range Panna da dwt del 2007, acquistata dal gruppo bancarioassicurativo fiammingo Fortis (la nave operava per il gruppo Zacchello) per 27 milioni di dollari, e le tre gemelle da dwt Felix G, Rose G (ribattezzate STI Matador e STI Conqueror) e Carlos G, rilevate da Gestioni Armatoriali per 76 milioni di euro complessivi (S2S n.17 e 20/2010). Panna e Carlos G devono ancora essere prese in consegna da Scorpio e saranno ribattezzate STI Highlander e STI Sti Heritage, una delle ultime acquisizioni di Scorpio Tankers, qui ancora con la vecchia livrea Sanko Gladiator. A inizio giugno sono entrate in flotta le product tanker LR1 ice class STI Harmony e STI Heritage da dwt, unità del 2007 e 2008 acquistate da Sanko Steamship per 92 milioni di dollari (comprensivi di un contratto di time charter in essere del valore di circa 2,5 milioni). Nei giorni scorsi Scorpio Tankers si era inoltre interessata al resale di una handymax in costruzione (consegna prevista nella seconda metà del 2010) presso i cantieri sudcoreani SLS Shipyard. L unità, che pare fosse stata originariamente ordinata da Ionia Ship Management nell agosto 2007 per 44 milioni di dollari, è stata però acquistata dalla sudafricana Unicorn Shipping per una cifra di circa milioni di dollari. Nel frattempo il consiglio di amministrazione di Scorpio Tankers ha autorizzato un programma di buyback azionario sul mercato del valore di 20 milioni di dollari (corrispondenti, considerato il valore attuale, a circa il 14% delle azioni messe sul mercato tre mesi e mezzo fa). Andrea Moizo

4 4 CONTAINER Aponte cala un settebello al porto di Rotterdam MSC ha annunciato di voler portare da due a sette le sue toccate settimanali nello scalo olandese CONTAINER CMA CGM torna a scommettere su Amburgo La nuova ammiraglia della compagnia francese Christophe Colomb presentata nel porto tedesco CMA CGM ha scelto non a caso di festeggiare ad Amburgo la portacontainer da teus Christophe Colomb, nuova ammiraglia della compagnia francese, che al momento del battesimo nel porto di Le Havre ha avuto come madrina d eccezione Christine Lagarde, ministro francese degli Affari economici, Industria ed Occupazione. La mega portacontainer (lunghezza di 365 metri e larghezza di 51 metri), la Barra del timone dritta su Rotterdam per la navi di MSC che ha deciso di portare da 2 a 7 le toccate settimanali, aggiungendo agli attuali servizi per il Sud America e il Far East altri due collegamenti con l estremo Oriente, un collegamento con il Sud Africa e un servizio Mediterraneo. Fino ad oggi i container di MSC diretti al mercato olandese sbarcavano a parte le due toccate dirette menzionate al porto belga di Anversa, da dove partivano poi per la loro destinazione finale su strada, ferrovia e arterie fluviali. Ora però ha spiegato Theo van Ravesteyn, managing director dell ufficio MSC di Rotterdam il nostro terminal di Anversa è giunto a saturazione. Rotterdam assume quindi una nuova valenza strategica, disponendo di strutture assolutamente adeguate a ricevere le nostre navi e sostenere l aumento di traffico. La scelta della shipping company ginevrina non è, in realtà, un guizzo isolato. Secondo le informazioni diffuse dalla Rotterdam Port Authority anche i colossi Maersk e CMA CGM vi posizioneranno infatti, durante l estate, ulteriori unità (con capacità superiore ai TEUs), in previsione recita la nota di un nuovo servizio Asia-Europa che verrà operato in joint-venture e scalerà per la prima il nostro porto il prossimo 8 agosto. F.B. più grande che abbia mai navigato sotto bandiera francese, è la prima di una serie di 8 gemelle che prenderanno il nome di grandi esploratori. Il porto tedesco, grazie all adozione di un sistema tariffario più conveniente, è nuovamente il principale hub di transhipment per il Nord Europa di CMA CGM, che vi ha già riportato il 20% dei volumi dirottati lo scorso anno su altri porti. Lo scalo della Christoph Colomb è il primo del rinnovato servizio FAL 5 French Asia Line tra Asia ed Europa, che effettua la rotazione: Ningbo, Shanghai, Yantian, Tanjung Pelepas, Port Kelang, Le Havre, Amburgo, Rotterdam e Zeebrugge. Eckardt Herbert Arndt Registri_8x10:Gen :53 Pagina 1 dal Divisione Navale Divisione Certificazione Rina Industry... giorno dopo giorno, in ogni singolo incarico attraverso ciascuno dei suoi professionisti, RINA opera consapevolmente per migliorare la qualità e la sicurezza della vita umana e per preservare lʼambiente per le generazioni future. TOGETHER FOR EXCELLENCE

5 5 TANKER Socomar prosegue nel ringiovanimento della flotta La compagnia sorrentina vende una petroliera del 1987 e aspetta la consegna di quattro nuove unità La notizia non è stata confermata o commentata dai diretti interessati, ma il mercato l ha ormai data per certa, tanto da esser stata ripresa anche dalle avrebbe venduto l unità Goldie, costruita nel 1987, dwt, all indonesiana Waruna Shipping per circa 2,7 milioni di dollari. consegna nel 2012 e Nel frattempo So.Co.Mar. ha provveduto anche alla rottamazione della Dindi, dwt, costruita nel 1990, e alla cessione della Ruby, unità del 2005 da dwt, passata nello scorso novembre ad una compagnia di Hong Kong, ma, fra 2009 e 2010 ha anche preso in consegna le products tanker gemelle Emerald e Zapphire da dwt, costruite da Onomichi. La flotta odierna è completata dalle chemical and products tanker Jade del 2007 ( dwt) e Pink Coral del 2003 ( dwt) e dalla crude/ oil products tanker Silverie del 1991 ( dwt). maggiori testate internazionali. La compagnia di Sorrento So.Co. Mar. (Società di Consulenza Marittima), specializzata nella gestione tecnica e commerciale di product tanker e, secondo diversi database internazionali, direttamente proprietaria di cinque chemical and product tanker handymax in esercizio, L operazione, peraltro, risponderebbe al programma di rinnovamento della flotta avviato da qualche anno con l ordine di due 2 chemical and product da dwt al cantiere giapponese Onomichi, previste in consegna nel 2012 (S2S n.37/2008), e di altre due unità della stessa tipologia, da dwt, al cantiere STX Jinhae, in Andrea Moizo Four Earth passerà di mano Anche in questo caso la notizia non ha un carattere di piena ufficialità, ma sembra perfettamente consona alla strategia della compagnia genovese: Premuda avrebbe infatti concluso anche se la consegna non avverrà prima della fine dell anno - la cessione della bulker Four Earth da , ultima unità anziana (del 1984) della flotta di Four Handy Ltd, controllata (al 100%) del gruppo ligure. Secondo quanto riferito da diversi broker e riportato da alcune testate estere il compratore sarebbe greco, mentre il prezzo è stato quantificato in 9,4 milioni di dollari. Il portafoglio delle newbuildings di Premuda prevede per il settore dry cinque handymax da dwt in costruzione presso i cantieri coreani SPP e in consegna fra 2011 e 2012 e due bulk carrier gruate da dwt in via di realizzazione presso i cantieri vietnamiti Vinashin, con consegne nel primo trimestre 2011 e nel primo trimestre Sul fronte liquidi, invece, la consegna delle residue 2 aframax product-carriers da dwt ordinate a Samsung in partnership col Gruppo Messina è stata posticipata di 12 mesi al maggio 2012 e al febbraio Non si è ancora concluso, infine, l aumento di capitale di Premuda Spa, previsto già dal bilancio 2009, dall attuale valore di 70,42 milioni di euro fino ad un massimo di 93,89 milioni di euro, da realizzarsi mediante offerta in opzione agli attuali azionisti, in ragione di una nuova azione ogni tre azioni possedute, al prezzo di 0,75 euro per azione (di cui 0,25 euro a titolo di sovrapprezzo), per un importo complessivo massimo di circa 35,2 milioni di euro.

6 6 PORTI Autoproduzione, nessuno cerca lo scontro Dopo il secco niet al fai da te decretato da Merlo, il Console della Compagnia Unica Benvenuti ragiona a voce alta sulle richieste avanzate a Genova da Grimaldi Napoli La premessa è che il Gruppo Grimaldi di Napoli intendeva, con legittimo orgoglio, presentare la nuova nave Eurocargo Genova - prima di 10 navi ro-ro appena consegnata dal cantiere coreano Hyundai Mipo ed entrata Antonio Benvenuti in servizio sulla linea tra Genova, Catania e Malta (S2S n. 27/2010) - approfittando del primo scalo sotto la Lanterna previsto il 17 luglio al ponte Libia gestito dalla società Terminal San Giorgio. Una cerimonia semplice e tecnica poi frettolosamente annullata e rimandata a data da destinarsi, sebbene la nave, proveniente da Catania, sia arrivata regolarmente a Ponte Libia alle 6.00 del mattino, agenziata, da AMU, per ormeggiare in radice sulla banchina di Levante e sbarcare 1673 tonnellate di veicoli prima di imbarcare altre 1820 tonnellate di veicoli. Comprensibile, infatti, l imbarazzo di chi si era prodotto in uno sforzo d investimento ulteriore che avrebbe dovuto compiacere la port community locale, allorquando viceversa giungeva voce che a Genova si era diffuso il malcontento dei camalli genovesi, irritati dalla volontà di procedere all autoproduzione dei servizi portuali dichiarata dalla stessa Grimaldi (che all uopo aveva depositato regolare istanza all Autorità Portuale di Genova; una richiesta peraltro finora inesitata). Il caso sorto intorno alla questione dell autoproduzione richiesta dalla società di Napoli non è certo un falso problema. È invece sbagliata la supposta posizione di scontro frontale tra camalli e armatori, spesso attribuita ai primi troppo frettolosamente o per strumentalizzazioni mediatiche. Lo chiarisce a Ship2Shore il Console della Compagnia Unica, Antonio Benvenuti, da un anno e mezzo impegnato a governare la storica compagnia genovese, senza alcuna velleità di cercare di far scordare l indimenticabile Console per eccellenza, Paride Batini - la cui figura carismatica anzi aleggia quotidianamente in Sala Chiamata in maniera spirituale ma sudando le fatidiche sette camicie a far quadrare i conti in un momento congiunturale di piena crisi per tutto il mercato, che rischia di travolgere, ben al di là di propri eventuali demeriti specifici, i circa mille soci dell ex-culmv. Qualcun altro ha montato la polemica, che non nasce certo a casa nostra. Non cerchiamo la rissa con la compagnia Grimaldi, con la quale abbiamo già fissato 7 scali. Tanto è vero che ci siamo incontrati col loro rappresentante Giampaolo Polichetti e abbiamo ragionato insieme in termini costruttivi. segue a pag.7

7 7 segue da pag.6 Dal nostro canto possiamo mettere in campo una professionalità conclamata che è nel nostro DNA e soprattutto la massima flessibilità, soprattutto in termini di orario, con squadre pronte a intervenire a qualunque ora del giorno e della notte. Più di così, che possiamo fare? domanda fuor di retorica Benvenuti, il quale si spinge sino a una garbata provocazione. Se non va bene, che provino a portare le navi alla Stazione Marittima, come fanno altri; voglio vedere dove li metteranno 70 trailer Il punto nodale è: il cliente intende porre una questione di principio sull autoproduzione ovvero una questione economica? Se l interpretazione che vale è la seconda, come spero, allora possiamo comprendere il ragionamento dell imprenditore e dunque anche cercare di venire incontro alle loro richieste, almeno sino ad un certo punto. Il prezzo del lavoro non si può certo toccare, ma eventualmente possiamo agire sulle ralle, magari ci dividiamo a metà il costo afferma un capo azienda visibilmente preoccupato dal declino sensibile del monte di giornate uomo sperimentato dalla Compagnia Unica negli ultimi tempi. Ma basterà a limare i costi di quel delta di un 30-40% (sono stime ufficiose) che al momento penalizza una compagnia armatoriale che intenda sbarcare i propri rotabili a Genova rispetto ad altri scali più convenienti? Non lo so, di certo non possiamo svendere le nostre prestazioni. Bisognerebbe anche chiedere al terminalista ragione dei suoi conti, i nostri costi per le prestazioni sono trasparenti, li sanno tutti. Ma è chiaro che l obiettivo comune non è certo quello di speculare sulle singole toccate ma piuttosto di mantenere, e anzi incrementare, i traffici portati da un cliente importante come Grimaldi. Solo così il porto, e implicitamente noi, possiamo risorgere e prosperare. Da uomo intelligente e pragmatico, ben lontano da quegli schemi veteromarxisti un po ottusi che alcuni osservatori del mercato portuale, storicamente vicini alle questioni dei camalli, attribuiscono a sproposito ad una CULMV vecchio stampo che di fatto non esiste più, il Console del Terzo Millennio afferma ancora. Avete visto la dichiarazione congiunta della triplice in merito alla questione. Dunque risulta non facile per me dire ai miei ragazzi facciamo quello che ci pare e conviene, al limite anche contraddicendo le prese di posizione ufficiali dei sindacati. La richiesta di autoproduzione in effetti riguarda solo il rizzaggio e derizzaggio, dunque il rischio di perdere business sembrerebbe limitato. Vero sino a un certo punto; se si afferma questo principio, il passo successivo, sino al coinvolgimento delle operazioni portuali nella loro integralità, è lapalissiano spiega Benvenuti, che prova a chiudere la stalla prima che tutti i buoi siano scappati. Ma se la situazione è incerta la colpa è anche di chi non decide. Invece che informare di avere portato la questione in comitato portuale, occorrerebbe un po più di interventismo termina Benvenuti rilanciando una palla, sempre più rovente, a Palazzo San Giorgio. Da un punto di vista istituzionale sarei contrario ad accogliere la richiesta di autoproduzione avanzata da Grimaldi Napoli perché minerebbe un equilibrio nel lavoro portuale che abbiamo inseguito per tanto tempo ha detto Luigi Merlo. Il mio è solo un punto di vista istituzionale, per i pareri tecnici attendo di sapere quali saranno i giudizi dei funzionari che stanno valutando il caso. Se andasse avanti questa interpretazione mi domando: che senso ha allora l art.17 della legge 84/94?. Angelo Scorza Ci preme precisare - per doverosa chiarezza di informazione - che l oggetto del contendere che coinvolge Grimaldi Group Napoli non è la totale autoproduzione dei servizi portuali ma è limitato al rizzaggio e derizzaggio a bordo nave, operazioni che peraltro il nostro cliente afferma di svolgere da tempo in altri terminals di porti sia nazionali che esteri. Ciò significa che Grimaldi ha richiesto all Autorità Portuale di Genova l autorizzazione allo svolgimento con personale di bordo di tale attività mentre rimane assolutamente una prerogativa del personale del terminal (o della Compagnia Unica) l attività di sbarco e imbarco nave esordisce nella sua lucida analisi della problematica Sindacati nazionali irremovibili: no alla richiesta di Grimaldi! Le segreterie nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti si schierano contro la richiesta di autoproduzione nel porto di Genova da parte di Grimaldi Napoli. Il ricorso all autoproduzione di fatto non determina un incremento dei traffici, ma produce unicamente la mancata utilizzazione di manodopera portuale a favore di lavoratori che operano in settori non propri Tale pratica appare essere oggi solo una forma di concorrenza al ribasso, basata su standard professionali disomogenei e che consente a soggetti professionalmente non qualificati di operare in segmenti non propri alla loro Maurizio Anselmo, Direttore Commerciale di Terminal San Giorgio. La posizione della nostra società è di assoluto rispetto per quelle che saranno le decisioni assunte. Comunque, consci del fatto di trovarci in presenza di una fattispecie che riveste un ambito più generale che lo stretto perimetro delle nostre banchine, abbiamo investito della questione anche il vertice della sezione locale Terminal Operators di Confindustria, in quanto la materia coinvolge ora incidentalmente Terminal San Giorgio ma deve essere trattata nella sua generalità e astrattezza, poiché ciò che oggi riguarda noi, domani potrà probabilmente riguardare altri continua il manager genovese con pacata ma ferma risolutezza, funzione recita la nota che porta la firma congiunta di Massimo Ercolani, Ettore Torzetti, Claudio Tarlazzi, mettendo in guardia contro un duplice effetto negativo: il sovraccarico di lavoro per il personale di bordo, con conseguenti ricadute sulla sicurezza, la sostituzione dei lavoratori dei porti con evidenti ricadute sul tasso di occupazione ed effetti dirompenti sul piano sociale. L autoproduzione non risponde alle esigenze di sviluppo dei traffici, determina rischi per la sicurezza sul lavoro e mina fortemente gli equilibri occupazionali nei porti, dunque va fortemente respinta. Anselmo (Terminal San Giorgio): È un problema generale, non solo genovese, dunque occorre guardare oltre al proprio naso mostrando idee chiare e sagge che in questo frangente sembrano invece mancare forse perché ha le mani legate? - a chi invece avrebbe istituzionalmente il compito di prendere decisioni in maniera più rapida e rigorosa, vincolanti per tutti gli attori. Termino con un auspicio: che questa vicenda non diventi causa né di conflitti sociali né di perdita di competitività per il porto di Genova. In una fase così delicata della congiuntura economica e di debolezza dei traffici marittimi nessuno degli operatori della filiera portuale può permettersi di fare passi falsi in quanto siamo ormai tutti consci del fatto che non è vero come un tempo si credeva - che le navi a Genova devono passare comunque.

8 8 CROCIERE Costa fa tris in Germania Nell estate 2011 la Magica sarà la terza nave della compagnia genovese ad avere un homeport tedesco (ad Amburgo, dove già approda la MSC) Costa, per la stagione estiva 2011, rafforza il suo presidio in terra tedesca. D altra parte Foschi l aveva ribadito nei giorni scorsi, in un intervista a tutto campo sul Corsera, che la ripresa delle crociere parte da Berlino. La compagnia genovese del gruppo Carnival ha quindi deciso di posizionare la Costa Magica (2.720 passeggeri) ad Amburgo, affiancandola alle altre tedesche Costa Pacifica e Costa Atlantica, i cui homeport sono rispettivamente Kiel e Warnemund. La Magica, tra il 28 maggio e il 26 agosto 2011, effettuerà 9 crociere da 10 giorni ciascuna, scalando, tra gli altri, i porti di Dover, Le Havre, Copenaghen, Oslo ed Edimburgo. L approdo di Costa sulle banchine anseatiche un ritorno in realtà, dato che la compagnia aveva già scalato questo porto nel 2007 darà probabilmente il via a una sfida all ultimo crocierista con la rivale italiana MSC, che ha deciso di stabilire proprio ad Amburgo l homeport tedesco per le sue navi (S2S n ). Le Havre sarà anche il porto d imbarco per i passeggeri francesi e secondo quanto riportato da alcune testate transalpine verrà probabilmente scelto come homeport della nuovissima Costa Deliziosa (S2S n.5/2010) per la stagione estiva F.B. Terminal e marketing : la ricetta di Foschi per il mercato cinese Il cosiddetto gap culturale esiste anche nel settore delle crociere, come ha spiegato Pier Luigi Foschi in un intervista rilasciata recentemente al Wall Street Journal. Espugnare il mercato asiatico è infatti una sfida difficile. Il consumo cinese di prodotti turistici sta crescendo solo adesso, mentre grandi serbatoi potenziali come Giappone e Corea del Sud restano esclusi a priori, perché i loro cittadini hanno un modo di concepire la vacanza troppo distante da quello occidentale. Ma anche i cinesi tendono a vedere ancora la nave solo come un mezzo di trasporto e non riescono ad appropriarsi del tutto del nostro concetto di crociera, che fa coincidere il momento stesso dell imbarco con l inizio della vacanza. Bisogna poi adattare anche aspetti più pratici, ma comunque importanti, come il cibo, che non può essere quello occidentale, e il sole: gli orientali, a differenza nostra, ne voglio prendere il meno possibile, così dobbiamo attrezzare i ponti esterni con teli e ombrelloni. Ma è comunque un periodo di cambiamento e di apertura, legislativa oltre che culturale. Pechino ha da poco abolito il divieto per le navi straniere di scalare più di un porto cinese nell arco dello stesso viaggio. Oggi questo è possibile, anche se effettuare crociere che tocchino solo porti cinesi resta appannaggio esclusivo delle navi che battono bandiera della Repubblica Popolare. Sul fronte commerciale Foschi ritiene che per sviluppare la regione asiatica non solo come destinazione ma anche come nuovo bacino d utenza, servono innanzitutto strutture portuali adatte a ricevere le grandi navi di ultima generazione. Il tutto accompagnato da una capillare azione di marketing e promozione del prodotto crociera, altrimenti rischiamo di trovarci con nuovi terminal, enormi ma vuoti.

9 9 CROCIERE Martinoli non abbandona NCL Confermato l incarico in GNV dal 1 agosto, il manager rimane consulente per la compagnia di crociere americana Hellespont sale al 100% della divisione shipmanagement Papachristidis acquisisce l intero capitale della controllata di Amburgo specializzata nella gestione tecnica Il gruppo Hellespont della HCI Capital e la compagnia famiglia Papachristidis di navigazione Peter Döhle si prepara a cogliere le opportunità delle ripresa in Schiffahrts. Il controllo del 100% di atto acquisendo il 100% Harmonia, che è stata poi (tramite la parent company ribattezzata Hellespont Ship Hellespont AG&Co KG, Management ha spiegato rinominata Hellespont il Presidente e Direttore Deutschland) della propria Generale del gruppo Phrixos società amburghese di Papachristidis ci garantirà shipmanagement, la maggiore agilità e libertà Hellespont Hammonia, di di movimento, condizioni cui controllava già metà del Phrixos Papachristidis necessarie in una congiuntura capitale. Il restante 50% era economica in rapido suddiviso in parti uguali tra il fondo tedesco mutamento come quella attuale. Le nostre SHIPMANAGEMENT attività sono concentrate soprattutto nel settore delle navi cisterna e questo ci ha consentito di subire gli effetti negativi della crisi in modo meno pesante rispetto al resto del cluster marittimo tedesco, focalizzato in larga misura sul trasporto dei container. Perciò ora siamo pronti a ripartire e cogliere le opportunità che la ripresa globale offrirà. L obiettivo della società è crescere ancora ad Amburgo, dove a partire dal 2004 ha fissato la sede di buona parte delle sua attività (ha uffici anche al Pireo e a Singapore). La città si è dimostrata un ottima base per gestire un grande gruppo marittimo come il nostro conclude Papachristidis. Sheehan e Martinoli, coppia non destinata a separarsi nell immediato Confermando quanto aveva anticipato in piena confidenzialità, non essendo ancora maturi i tempi per alcuna dichiarazione ufficiale, Roberto Martinoli non rescinderà del tutto il cordone ombelicale con la NCL, compagnia di crociere che ha contribuito a rilanciare alla grande, seguendo passo per passo la nascita e la crescita dell ambizioso progetto F3, concretizzatosi nella nuova ammiraglia Norwegian Epic (S2S n. 27/2010). A partire dal 1 agosto, primo giorno di lavoro ufficiale con il nuovo incarico di CEO presso GNV Grandi Navi Veloci, il manager genovese assumerà anche un ruolo consulenziale a favore di Norwegian Cruise Line, per la quale continuerà a sorvegliare il programma di nuove costruzioni nonché ad operare, ad interim, quale assistente del CEO Kevin Sheehan, sulle marine operations. Sheehan, che aggiungerà il titolo di presidente oggi ancora ricoperto da Martinoli, nell annunciare il cambiamento interno ha definito il suo braccio destro italiano una risorsa straordinaria per la società nel corso dell anno passato, in particolare nella costruzione e nel lancio della Norwegian Epic. Un vero peccato che debba abbandonare il posto proprio ora e per ragioni esclusivamente personali.

10 10 TANKER Altra doppietta per RBD Rizzo Bottiglieri De Carlini L armatore torrese ci mette Anema e Core nei suoi vari Un altra doppietta cinese per RBD Rizzo Bottiglieri De Carlini Armatori S.p.A. che nello stretto giro di 24 ore ha firmato due vari ai ai cantieri Zhonghua. L 11 Luglio si è tenuto il varo e battesimo della Mariolina De Carlini, una Postpanamax Bulk Carrier da dwt, con madrina la giovanissima ingegnere navale Mariolina De Carlini, figlia di Orsola Bottiglieri e Ugo De Carlini. Il 12 luglio è stata la volta del battesimo e consegna della RBD Anema e Core, una Aframax Product Tanker LR2 da dwt, che ha avuto come madrina la Presidente del Gruppo, il Cavaliere del Lavoro Grazia Bottiglieri Rizzo; un nome certamente singolare, quello della nuova petroliera, dedicato ad un noto chansonnier di Capri, Guido Lembo Tra i numerosi ospiti che RBD è solita invitare ai vari di famiglia, cui solitamente partecipa l intero Board come nelle migliori tradizioni armatoriali italiane, responsabili di Unicredito Mediocredito Centrale e di Monte Paschi di Siena. Con queste due navi, dall ottobre 2009 in soli 10 mesi sono state varate 8 delle 20 unità ordinate dalla compagnia armatoriale di Torre del Greco, per un valore di 1,3 miliardi di Euro. Abbiamo già battuto significativi primati: le Capesize Roberto Rizzo e Ugo De Carlini sono le più grandi navi da carico della Marina Mercantile Italiana, mentre le Post Panamax Bulkcarrier in costruzione e quelle già consegnate e varate (Giuseppe Mauro Rizzo, Maria Cristina Rizzo, Adele Marina Rizzo) sono le prime portarinfuse a doppio scafo con bandiera italiana, oltre a risultare le più sicure dal punto di vista ecologico in forza alla Marineria Europea sottolinea l Amministratore Delegato e Direttore Generale, Giuseppe Mauro Rizzo. Varo della M/T RBD Anema e Core, Amministratore Delegato e Direttore Generale Ing. Giuseppe Mauro Rizzo, il Presidente Grazia Bottiglieri Rizzo (Madrina della Nave) e Guido Lembo Non solo Armatori e il noleggio continua Oltre all attività armatoriale pura, che si esplicita nell ordinare navi in nome proprio, RBD è attivissima sul fronte commerciale, ovvero il noleggio di questi giganti dei mari. Ed anche se trattasi di un attività che la società considera quasi di routine sono operazioni commerciali che facciamo regolarmente con i nostri consolidati partner, ne abbiamo fatte varie negli ultimi anni e mesi - si schermisce Giuseppe Mauro Rizzo - ad esempio, in aprile abbiamo preso in consegna a noleggio da MC Shipping, divisione armatoriale di Mitsubishi Corporation, nostro primario partner commerciale giapponese, la Super Panamax Bulkcarrier da 82,000 mt dwt RBD Think Positive, costruita nel prestigioso cantiere giapponese Universal (ex Hitachi Zosen) di Maizuru. Una nave, battezzata da mia sorella Adele Marina Rizzo, noleggiata per periodo lungo al nostro primario cliente statale cinese, il colosso di trading minerario Minmetals - ben altra enfasi ne danno i cantieri. Così la scorsa settimana è stato ufficialmente annunciato da COSCO Shipyard Group un altro movimento che ha per oggetto una nave di RBD. Il 1 luglio la terza rinfusiera da dwt, la n. 251, in costruzione per Noble Group, è stata battezzata al cantiere di Dalian. La RBD Ocean of Joy ha dimensioni di 229,2m x 38m x 20,7m e velocità di 14,1 nodi. COSCO (Da Lian) è il maggiore cantiere navale di COSCO Shipyard Group e può svolgere lavorazioni su 200 navi annualmente, potendo disporre del più grande bacino galleggiante al mondo da dwt e di altre spettacolari facilities all interno di un area di 1,2 milioni di mq.

11 11 TANKER Una nuova bettolina per Civitavecchia Rimorchiatori Laziali ritira la Magic Duba a Chioggia e attende l AHTS Falisca dalla Spagna FORNITORI Nuovi ordini dal settore navale a Rolls-Royce Commessa da Rosetti Marino spa per altri due mezzi di Augusta Offshore insieme ad altri 4 ordini internazionali Sarà consegnata alla fine del corrente mese la nuova bettolina Magic Duba, varata presso i cantieri Cillani di Chioggia alla fine di giugno per conto della società Rimorchiatori Laziali (S2S n.19/2009). La tanker entrerà poi in servizio presso il porto di Civitavecchia in tempo per la seconda parte della stagione estiva e quindi del picco dell attività per quel che riguarda le operazioni di bunkeraggio commenta l armatore Alessandro Russo. Questa nuova bunker barge clean air è una nave a doppio scafo da dwt e dotata di 3 pompe da 350 tonnellate/ ora cadauna afferma il Com. Salvatore Celentano, responsabile della flotta, ricordando che Duba è un nome che, come prefisso o suffisso, ricorre in tutte le navi della mini-flotta di bettoline del Gruppo Cafimar: Duba, Duba One e Big Duba i nomi delle altre tre unità. Non sono invece ancora determinati i tempi di consegna del nuovo rimorchiatore in costruzione in Spagna per conto della società controllata Somat, a causa di una serie di ritardi del cantiere iberico. Il Falisca, in costruzione allo stabilimento Astillerose Rias de Aviles (Oviedo), è un unità da altura, un AHTS ibrido, da BHP e Kw, con le seguenti caratteristiche principali: 37 metri di lunghezza, 14 metri di larghezza, 5 metri di pescaggio spiega ancora Celentano. Stiamo negoziando il noleggio afferma A. Russo e S. Celentano Russo, la cui Cafimar, con questa nuova unità, conterà su una flotta di 13 rimorchiatori, così ripartiti a seconda della base portuale di impiego e delle funzioni: 6 unità a Civitavecchia, 3 a Palermo, 2 a Trapani, 1 mezzo d altura ed 1 supply vessel. È invece attualmente congelato il progetto di espansione di Cafi-lift, la joint venture realizzata con il gruppo Fagioli di Reggio Emilia nel settore del trasporto heavy lift e project cargo (S2S n. 28/2007), come conferma lo stesso armatore. Ci siamo fermati dopo la terza unità consegnata in Turchia, anche perché il momento non è certo propizio a nuovi investimenti. Nuovi ordini, per un valore di 80 milioni di sterline (comprese le opzioni), sono stati aggiudicati, in ambito navale, da Rolls- Royce, società attiva a livello globale in sistemi di propulsione ed energia. Il gruppo anglosassone ha ricevuto la commessa per progettare ed equipaggiare 5 unità offshore e per impieghi speciali, basati sul progetto navale UT Design. Rolls-Royce ha stipulato un contratto con il cantiere romagnolo Rosetti Marino per la fornitura di un sistema integrato, compresi il sistema propulsivo, i timoni, i macchinari di coperta, i thrusters, i sistemi di automazione e controllo, per un anchor handler UT 712 CD, rimorchiatore d altura per la gestione dei sistemi di ancoraggio di piattaforme semisommerse che la società di Ravenna costruirà per Augusta Offshore SpA di Napoli, la cui consegna è prevista per il terzo trimestre del L accordo prevede anche un opzione per un altra unità gemella. Tre unità UT 515 CD design sono state ordinate invece da un nuovo cliente con la consegna prevista verso la fine del Si tratta di imbarcazioni specializzate in operazioni oceaniche di salvataggio, soccorso, anti-incendio ed anti-inquinamento. Ciascun mezzo avrà lunghezza di 86 metri e larghezza di 17,5 metri e sarà dotato di un sistema integrato, compresi i motori, i sistemi di propulsione, i timoni, i macchinari di coperta, i thrusters, i sistemi di automazione e controllo e le apparecchiature di posizionamento dinamico. Il contratto comprende un ampio programma di addestramento presso il nuovo centro formazione Rolls-Royce a Aalesund in Norvegia. Infine, un unità UT 755 L3X la serie UT 755, lanciata nel 1996, è la piattaforma più richiesta, con oltre 160 esemplari in servizio o ordinati - equipaggiata con sistemi Rolls-Royce sarà costruita al cantiere Caspian Energy Projects LLC in Russia. Angelo Scorza

12 12 DAL MERCATO Allo shipping servono ancora 5 anni per tornare alla normalità Lo dicono le analisi di mercato fatte da Venice Shipping & Logistics sul dry e sul liquid bulk Dry Bulk Sector Al mese di maggio scorso la flotta totale di navi bulk carrier operative in giro per il mondo si aggirava intorno alle unità, per complessivi 484 milioni di tonnellate di portata lorda e un età media inferiore ai 10 anni. Oltre il 50% della flotta dry è composta da navi handysize (il 35% delle quali ha più di 20 anni, mentre il 32% ne ha meno di 5) e il size medio a livello mondiale si aggira sulle tonnellate di portata. Nel segmento delle Capesize, navi che stanno soffrendo molto in questi giorni se è vero che un unità della greca Empire Navigation è stata fissata per un viaggio Cina-Australia a dollari al giorno, addirittura il 42% delle navi già in acqua ha un età inferiore ai 5 anni. L orderbook complessivo per le bulkcarrier rimane enorme: da qui al 2014 sono previste in consegna nuove costruzioni, pari a 289 milioni di tonnellate di portata lorda ed equivalenti al 60% delle portarinfuse attualmente operative. Secondo VSL l orderbook nel dry bulk andrà però riducendosi, grazie a cancellazioni e posticipi delle consegne. In particolare si prevede che nel 2010 mancheranno all appello il 40% delle newbuildings previste in consegna (30% cancellate e 10% ritardate), mentre nel 2011 questa percentuale si ridurrà sensibilmente. Una ripresa significativa dell orderbook è attesa a partire dal Passando a esaminare i traffici mondiali di rinfuse, VSL si sofferma sull ironore, sottolineando come dal 2002 le importazioni da parte dei paesi più Il rapporto tra orderbook e flotta operativa nel dry bulk per il 2010 sviluppati in Europa, Asia e Giappone siano rimaste sostanzialmente stabili, mentre la Cina è progressivamente cresciuta a ritmi del 25% annuo. Australia, India e Brasile incidono per l 80% sulla produzione mondiale della materia prima, mentre in secondo piano ci sono Canada, Sud Africa, Perù e Svezia. Fino al 2008 la Cina non era particolarmente affamata di coking coal, salvo risultare oggi il più grande importatore, così come il Giappone rimane un importante consumatore. L Australia si mantiene saldamente in testa ai paesi produttori con il 65% della quota mondiale, seguita da Usa e Canada. Per quanto riguarda i traffici di granaglie l Asia resta una destinazione importante anche se la Cina, in questo caso, risulta fra i produttori (guidati sempre dagli Stati Uniti), mentre i paesi africani (Algeria ed Egitto su tutti) sono gli importatori più rilevanti. La domanda di tonnellaggio per navi bulk carrier aumenterà al ritmo del 2% annuo per tutte le rinfuse secche, ma la flotta mondiale di navi dry è prevista in crescita almeno fino al 2013, per poi stabilizzarsi nel 2014 e L oversupply di stiva rispetto a una domanda di trasporto comunque in crescita manterrà i noli sottopressione ancora per diverso tempo. VSL, traducendo l offerta di stiva da dwt a numero di navi, stima in 992 le unità in eccesso sul mercato a fine 2010 (con previsioni in salita per gli esercizi successivi). Se non si verificheranno condizioni esterne tali da alterare la valutazioni fatte dagli analisti guidati da Fabrizio Vettosi, il tempo necessario per far tornare il dry bulk in equilibrio sarà quindi di 5 anni. Tanker Sector L andamento del mercato second hand per le cisterne Ad oggi la flotta complessiva di navi cisterna che operano in giro per il mondo è composta da unità per 444 milioni di tonnellate di portata lorda; di queste, solo il 6,6% ha un età superiore ai 20 anni mentre quelle costruite negli ultimi 5 anni sono più del 40%. L orderbook di tankers in costruzione rappresenta circa il 28,5% della flotta attualmente operativa ed è composto da newbuildings, per una media della portata lorda vicina alle tonnellate. Gran parte delle consegne sono fissate per il 2010 e il Le rate time charter per le navi cisterna hanno raggiunto i minimi degli ultimi 10 anni crollando del 51% tra fine 2008 e inizio 2010, dopo che per diversi anni i noli erano stati molto alti, generando cash flow notevoli che hanno spinto le shipping company a rivolgersi in massa ai cantieri. Le proiezioni dei trend di mercato per i prossimi anni non sono particolarmente confortanti visto che almeno fino a metà 2011 la rate di nolo non si discosteranno molto dai livelli attuali. Per le navi second hand, dopo una violenta caduta arrivata dopo anni di vacche grasse, negli ultimi mesi si è affacciata una timida ripresa che lascia intravvedere, solo da molto lontano, i livelli del Esaminando i traffici di crude oil e liquid fuel dove la domanda è rimasta sostanzialmente stabile negli ultimi 10 anni (+1% ogni anno), il Medio Oriente rimane ancora la regione più importante per l esportazioni con il 30% circa di produzione mondiale. I consumi sono però crollati in seguito alla recente crisi economica e finanziaria, ma le previsioni dell EIA (Energy Information Administration) per il 2010 e il 2011 sono positive. L Asia ha fatto da contraltare aumentando i consumi, guidati sempre dalla Cina che ha visto tassi di crescita del 6,2% all anno. La produzione di greggio nei prossimi anni è data in crescita soprattutto nel Middle East, ma VSL consiglia di tenere sott occhio anche il Sud America, che da importatore diventerà esportatore. Rispetto alle petroliere in costruzione, solo un 23% potrebbe non entrare segue a pag.13

13 13 LOGISTICA A Pacorini il 100% di Pacorini Toll Pte A Trieste ufficializzata la nuova compagine societaria a tre per lo Scalo Legnami Pacorini preferisce fare da sé anche in Asia. Fonti ufficiali riferiscono la notizia che il gruppo Toll abbia ceduto la propria partecipazione del 50% nella joint venture Pacorini Toll Pte Ltd, lasciando in mano al partner italiano il 100% dell azienda che opera sul mercato del Far East nel settore della logistica per metalli, commodities e prodotti finiti. L acquisto della partecipazione di Toll all interno della Pacorini Toll è conseguenza della volontà del nostro gruppo di avere il controllo anche delle società attraverso le quali opera in Asia, in linea con quanto già avviene in Europa e negli Stati Uniti fa sapere Lorenzo Pacorini. Quasi contestualmente il gruppo australiano Toll ha comprato per circa 130 milioni di dollari le due case di spedizione britanniche WT Sea Air Group e Genesis Forwarding Group, che danno lavoro complessivamente a circa 650 Federico e Lorenzo Pacorini persone nel Regno Unito, Irlanda, Asia e Nord America. Secondo le previsioni, quest anno WT totalizzerà ricavi per circa 170 milioni di dollari australiani, mentre il volume d affari della Genesis si attesterà a circa 80 milioni di dollari australiani. Maggio d oro per i traffici a Trieste Riguardo alle strategie di Pacorini in Italia, il giovane manager triestino conferma l evoluzione anticipata da Bruno Binasco del Gruppo Gavio sul definitivo cambio dell assetto societario di GCT (General Cargo Terminal), la società concessionaria dello Scalo Legnami e partecipata da Agentimar 36%, Ocean 18%, Pacorini 18%, TFT 18% e Friulia 10% (S2S n.27/2010).: Per quanto riguarda lo Scalo Legnami vi è stata una modifica della compagine sociale ha spiegato Pacorini precisando che Agentimar, società che rappresenta gli agenti marittimi locali, ha valutato non strategica per i propri fini sociali la partecipazione in GCT e ha deciso pertanto di cedere la totalità delle proprie quote (36%) al Gruppo Pacorini e al Gruppo Gavio che, insieme alla Ocean della famiglia Cattaruzza, stanno portando a termine il nuovo piano industriale per il rilancio del terminal. N.C. segue da pag.12 in acqua nel 2010 (6% ritardate e 17% cancellate) e ancora meno saranno le commesse non eseguite fra quelle previste in consegna nel Nonostante nessun nuovo ordine per navi tankers di grande portata sia stato firmato in questi primi sei mesi dell anno, si prevede che la flotta mondiale rimanga comunque in crescita fino al 2014, per poi tornare in equilibrio dal Traducendo la domanda e l offerta di stiva nel liquid bulk in numero di navi, sarà di almeno 328 tankers il disavanzo del 2010, che si prevede crescerà ancora nel 2011 e negli anni seguenti. I pronostici sull andamento delle rate time charter rimangono negativi anche per il 2011, mentre solo dal 2012 dovrebbero assumere un andamento più stabile con una modesta crescita solo dal Guardando, invece, al comparto delle product tankers, saranno circa 5,8 milioni le tonnellate di stazza lorda cancellate dal portafoglio ordini con consegna 2010, mentre per le navi con consegna prevista nel 2011 la percentuale di ritardi e cancellazioni andrà riducendosi intorno ai 2,4 milioni di tonnellate. La flotta mondiale di navi cisterna porta-prodotti crescerà del 2,8% all anno per i prossimi 5 anni. A partire da quest anno l oversupply sarà di almeno 153 tankers, con possibilità di crescita ulteriore nel L equilibrio di mercato fra domanda e offerta di stiva verrà raggiunto prima nel segmento delle navi products tankers che nelle petroliere di size maggiore. Prendendo in esame il time charter di una Aframax da dwt le proiezioni per il futuro rimangono molto volatili, con una sofferenza che durerà ancora fino al 2011, per poi stabilizzarsi per qualche anno in attesa di capire quale direzione prenderanno i mercati. N.C. Anche a maggio i traffici nel porto di Trieste confermano il trend di crescita videnziato nel primo quadrimestre del 2010: lo scalo giuliano continua con un + 13,5% rispetto a maggio L Autorità Portuale comunica che la movimentazione della merce nei primi cinque mesi dell anno è aumentata del 9% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, con oltre un milione e mezzo di tonnellate in più ( tonnellate di merce contro del 2009). Il mese di maggio è stato senza dubbio il migliore del 2010 con tutti gli indicatori di traffico in netta crescita; in particolare le rinfuse liquide (+6% ), le rinfuse solide (+49%, grazie principalmente all aumento consistente dello scambio di carboni) e la merce varia in colli (+40% ). Il settore Ro-ro/Ferry, inoltre, continua a registrare performance in crescita con un consistente aumento sia dei mezzi imbarcati/sbarcati (da unità a dall inizio dell anno rispetto al 2009) che, soprattutto, delle tonnellate trasportate sui tir ( da gennaio a maggio 2010 contro le tonnellate dei primi cinque mesi del 2009, + 29% circa). Nel mese di maggio cresce, di oltre il 12,5%, il movimento di contenitori, che da inizio anno continua a registrare performance positive confermando la ripresa dei traffici già emersa nel primo quadrimestre del 2010.

14 14 SHIPMANAGEMENT Tourné asiatica per InterManager e mirino sull Italia Debutta con un impegnativo Regional Meeting in Far East il nuovo segretario generale Kuba Szymanski Fare quasi il porta a porta dei soci di InterManager - e dei potenziali nuovi membri sparsi nel mondo è la missione che si è assegnato il Capt. Kuba Szymanski, recentemente nominato segretario generale di InterManager sebbene designato a marzo 2010, è ufficialmente in carica dal 1 giugno dunque con la pesante eredità di non far rimpiangere il suo poliedrico predecessore Guy Morel, che ha da poco lasciato l incarico (pur confermando la piena disponibilità a collaborare attivamente ai progetti lasciati in sospeso, a cominciare da quello pluriennale sui KPI, S2S n. 23/2010). Per avere un miglior riscontro diretto è necessario visitare i nostri membri attuali e futuri a casa loro; si ottengono molti più risultati che non invitando le imprese ad un congresso mondiale che a volte può non essere facile o comodo da raggiungere spiega mentre si trova a Monaco, dove ha sede l associazione internazionale delle società di shipmanagement (presieduta da Roberto Giorgi di V.Ships), alla vigilia di un altro raduno collettivo organizzato nel Principato. Laureato con Master presso l Università Marittima di Szczecin (Polonia), dopo aver preso la via del mare nel 1985 e aver lavorato all ombra del gruppo Dorchester Maritime per tutta la carriera, da cadetto a DPA, Syzmanski che ora risiede all Isola di Man - ha cominciato ad assaggiare le scrivanie di terra nel 2001, con un ultima parentesi quale General Manager di MOL Tankship Management Europe a Londra. Il merito di avere ideato gli incontri regionali di InterManager si deve ascrivere a Morel, che ha condotto il primo all inizio di quest anno, organizzandone uno a febbraio 2010 qui a Montecarlo che ha visto la partecipazione di 25 aziende locali e di Nizza afferma Szymanski, che proviene da una tourné di successo Capt. Kuba Szymanski effettuata in Estremo Oriente, precisamente nelle Filippine - dove ha partecipato alla Conferenza diplomatica dell IMO mirata a produrre modifiche alla normativa STCW del 1995 ad Hong Kong ed a Singapore. Un viaggio anche assai educativo, che ha dato la possibilità di imparare come la gente di mare sia fortemente preoccupata delle questioni della sicurezza, pirateria e condizioni di lavoro a bordo. È stata molto interessante la visita al NYK Training Center di Singapore ricorda Szymanski. Ai tre diversi incontri hanno partecipato da 25 a 35 aziende, tra quelle già membri e quelle membri potenziali. Ma non è solo la quantità che conta; bisogna ricordare che, anche se alcune aziende di Shipmanagement sono basate in Europa, molti centri decisionali sono in Estremo Oriente. Questi Regional Meeting non hanno alcun costo d accesso per i soci e inoltre permettono di assistere alle interessanti presentazioni di alcune aziende e fornitori del settore. L ideale sarebbe potere organizzare questi meeting in ciascuna area regionale ogni due mesi, in modo da incontrare i membri almeno 6 volte l anno. Dove? I gangli nodali dell industria marittima sono Amburgo, Atene, Cipro, Singapore, Manila (che è in rapida crescita) e, nel Regno Unito, Glasgow. Ma anche la Polonia sta emergendo velocemente ricorda, forse con un pizzico di patriottismo, il capitano Szymanski. Queste riunioni hanno lo scopo di poter ascoltare in presa diretta i veri bisogni ed i problemi reali delineati dalle aziende e, inoltre, sono molto utili per la creazione di opportunità di business e di networking. Per individuare quali siano le prossime frontiere dello sviluppo di InterManager, non occorre andare troppo lontano. L Italia è un mercato molto rilevante, così come lo è la Grecia, entrambi estremamente importanti per raggiungere il cuore dell industria. Ad InterManager oggi aderiscono 32 soci (e 50 membri associati) che gestiscono oltre navi e lavoratori marittimi. Numeri grossi, ma ancora insoddisfacenti per InterManager, che cerca di consolidare i rapporti con la base associativa e che pure mira ad ingrandirla. Un compito arduo, ma che certamente non preoccupa Kuba, che si descrive come fortemente auto-motivato, creativo, responsabile, organizzato ed in possesso di eccellente comunicazione e capacità di problem solving. E d altronde gli sforzi prolungati sembrano essere una sua specialità, visto che nel tempo libero il manager polacco, oltre che valido sciatore ed autentico maniaco della vela con la sua barca ha vinto numerose regate internazionali è corridore amatoriale impegnato su distanze lunghissime come la terribile no-stop Paris Walk (135 km), sulla quale vanta un record di 22,5 ore. Risultato migliorabile Non dissentiamo in principio con Cesare d Amico circa quanto egli afferma - al convegno Wista di Livorno, ndr - riguardo alla necessità che lo shipmanagement di navi cisterna debba poggiare su solide basi anche ai fini di garantire la massima sicurezza nelle procedure (S2S n. 26/2010). Ma logicamente non siamo d accordo che questa asserzione segni l addio all outsourcing nella gestione tecnica delle petroliere afferma Kuba Szymanski, ergendosi a difensore della categoria. Il segretario generale di InterManager sciorina alcuni dati a suffragio della sua arringa. Trovo che sia sempre molto utile, per verificare ogni situazione nella sua realtà, esaminare i dati statistici. Al riguardo si evince che quasi il 50% di tutte le petroliere operate dalla major petrolifere in contratti a lungo termine sono attualmente gestite da manager terzi. In effetti, la tendenza del mercato mostra un aumento costante del numero di navi cisterna (greggio, Guy Morel e Kuba Szymanski sostiene l incontentabile Szymanski. Angelo Scorza Una risposta alle osservazioni di Cesare d Amico sull outsourcing delle petroliere prodotti, chimici, LPG e LNG) gestito da aziende di shipmanagement. InterManager è a conoscenza di casi in cui le major del petrolio hanno raccomandato agli armatori alcuni nostri soci proprio in virtù dei loro eccellenti rendimenti sul campo. Diciamoci la verità, quando si tratta di navi cisterna, un team di ufficiali altamente motivati e di marittimi adeguatamante preparati è un fattore chiave di successo. In alcuni casi, con flotte relativamente piccole, è impossibile per gli armatori avere questi risultati facendo tutto in proprio. E per sottolineare il fatto che i gestori terzi di navi sono partner davvero basilari per l industria marittima, Szymanski ricorda che alcune compagnie petrolifere hanno esse stesse direttamente ingaggiato i servigi di soci di InterManager. Perciò credo di poter tranquillamente concludere che la gestione tecnica in outsourcing nel mercato delle navi cisterna sia un settore vivo e vegeto!

15 15 RIMORCHIO Un battesimo da vero Champion Ancora un nuovo rimorchiatore per la croata Jadranski Pomorski Servis, in attesa di Titan Rijeka (Croazia) A un anno di distanza dal Lukas (S2S n. 30/2009) anch esso costruito in Turchia ma dal gruppo olandese Damen prosegue la politica di rafforzamento e ammodernamento della flotta voluta dal patron della compagnia, Ante Maras col battesimo del nuovo rimorchiatore di Jadranski Pomorski Servis (JPS), Champion, costruito dai cantieri Eregli (gruppo Med Marine) e certificato dal Bureau Veritas, del valore di 8 milioni di euro.. La nuova unità (GT 485,2 e loa 32 metri, progetto Ramparts Robert Alan Ltd.) è mossa da due motori principali Caterpillar da 3840 kw totali che consentono una velocità massima di 13 nodi e un tiro da punto fisso di 69 tonnellate ed è dotata Champion arriva al suo battesimo di 2 cannoni antincendio da 1436 m 3 /ora. Champion è il 12 rimorchiatore nella flotta JPS, che include 2 piccoli tanker, 3 chiatte marine e una gru galleggiante. La società, che opera nei settori rimorchio, salvataggio, trasporto costiero di prodotti petroliferi e interventi ecologici, ha in concessone esclusiva tutti i servizi di rimorchio nei porti commerciali del Golfo del Quarnero, da Pola a Kraljevica, inclusi i quattro principali cantieri (Uljanik, 3. Maj, Viktor Lenac e Kraljevica). Noi siamo però operativi in tutto l Adriatico e oltre, offrendo servizi anche nel resto del Mediterraneo e nel Mar Nero, dove contiamo di espanderci fa notare Maras che secondo indiscrezioni avrebbe in consegna dallo stesso cantiere fra un anno un altro rimorchiatore da battezzarsi Titan e di potenza superiore. Mauro A. Bogdanović M. Üçüncü, D. De Noto, R. Sala Sinergie italo-turche a supporto dell operazione Si tratta della prima newbuilding che abbiamo trattato per JPS, con cui abbiamo rapporti dagli anni 90 afferma Riccardo Sala della genovese Banchero Costa, shipbroker nell operazione. Rapporti che risalgono all acquisizione dei due tanker di fabbricazione giapponese, Bakar e Urinj, costruiti, rispettivamente, da Sasaki Shipyard nel 1993 e Watanabe Zosen nel 1992, entrambi ora in vendita.. Altro ruolo chiave nell operazione - quello di brokeraggio finanziario - l ha avuto Daniel De Noto della sede triestina di Banca Generali. Per Champion abbiamo contattato diversi operatori specializzati in Italia, Croazia e Svizzera, riscontrando subito particolare interesse da parte di Stefano Melazzini, responsabile Settori Specialistici Mediocredito Navale (IntesaSanpaolo) a Milano, la quale ha poi preferito passare la pratica alla controllata croata Privredna Banka Zagreb (PGZ) di Zagabria, che ha perfezionato l operazione a condizioni molto competitive per il mercato croato: leasing a 10 anni per l 80% del valore del rimorchiatore (8 milioni di euro) spiega De Noto. L esperto intermediario si occupa da anni di private banking tra Italia, Croazia e Svizzera, supportando famiglie e imprese in tutte le attività bancarie al di fuori del territorio d origine. Collaboriamo con JPS da diversi anni, in particolare per ciò che concerne le attività bancarie attinenti alle compravendite di navi usate tramite il broker navale Banchero Costa. Attualmente ci stiamo occupando del finanziamento per il prossimo rimorchiatore di JPS, Titan, per cui abbiamo già ricevuto un interessamento particolare da parte della Spitska Banka Zagreb rivela De Noto, che può registrare al suo attivo rimarchevoli operazioni, tra cui quella da 35 milioni di euro portata a termine da Rimorchiatori Riuniti Panfido (Calderan) e Smit di Rotterdam per la costruzione di 4 mezzi, di cui 2 presso i cantieri San Marco di La Spezia (di proprietà della famiglia Calderan) e gli altri 2 presso i cantieri Bogazici di Istanbul da destinarsi al terminal di rigassificazione di Rovigo e al porto di Venezia. L intera operazione è stata seguita da Unicredit Banca d Impresa. Un conferma a mezza bocca per Titan ( le trattative non sono ancora concluse ) viene anche dalla sales manager del gruppo turco Med Marine, Melis Üçüncü, fiera della prima consegna in Croazia per la sua società: Eregli è specializzato in rimorchiatori e tanker ed è il più grande cantiere privato in Turchia. Quest anno abbiamo già consegnato 8 rimorchiatori alla norvegese BOA e altri 4 seguiranno a breve. Inoltre, abbiamo consegnato 2 tanker e altre 3 sono state già varate. M.A.B.

16 16 EVENTI Le sfide future del lavoro portuale D Aste (AP Genova): Bisogna ridiscutere ruoli e competenze della Compagnia Genova Il lavoro portuale non è paragonabile al lavoro somministrato (cosiddetto interinale) e deve godere di un trattamento particolare. Il concetto è stato espresso a più riprese da Giambattista D Aste, segretario generale dell Autorità Portuale di Genova, intervenuto al convegno intitolato Il lavoro nei porti d Europa durante il Lo hanno fatto, invece, i tecnici dell Autorità Portuale genovese analizzando nel dettaglio l equilibrio che difficilmente si è riusciti a trovato all ombra della Lanterna con la scelta da parte della Compagnia Unica di uniformarsi ai dettagli dell art.17. Secondo la nostra interpretazione la fornitura di manodopera in porto è cosa diversa altre attività industriali inerenti sempre il porto. Allargare i servizi offerti anche alla logistica per capirci. Temi interessanti che riprendono gli argomenti discussi da Notteboom nella sua presentazione. La formazione e la preparazione saranno i temi chiave nel futuro del lavoro portuale ha detto il professore dell Università di Anversa. Le riforme che si stanno portando avanti nei porti a livello europeo sono per certi versi simili e le compagnie per riuscire a sopravvivere dovranno specializzarsi e offrire la massima flessibilità. La flessibilità, però, è un servizio aggiuntivo che merito di essere retribuito al giusto prezzo dall utenza. Nicola Capuzzo ASSOCIAZIONI Battistello passa la mano a Bonz Termina dopo 5 anni il più lungo mandato al vertice europeo di Feport quale è stato presentato direttamente dal suo autore Theo Notteboom nuovo presidente IAME - il rapporto 2010 dell ESPO (European Sea Ports Organization). Uno studio approfondito sul rapporto tra attività terminalistiche e lavoro portuale negli scali europei con diversi case study per approfondire le peculiarità dei diversi sistemi nazionali e l Italia, purtroppo, non è stata presa in considerazione. Theo Notteboom rispetto al lavoro interinale normato dalla legge Biagi e contemporaneamente non si può definire esattamente appalto ha spiegato D Aste annunciando sviluppi futuri interessanti per le Compagnie. In occasione dei prossimi comitati portuali ragioneremo sulla possibilità di chiamare squadre invece che singole persone e soprattutto analizzeremo se e come le Compagnie possano allargare la propria sfera di competenza anche ad Ha ricoperto l incarico per oltre 5 anni - il periodo più lungo nella storia della federazione dei terminalisti privati europei (Feport - Federation of European Private Port Operators) - Cecilia Battistello (Contship Italia/Eurokai) prima di passare la mano a Gunther Bonz, diventato nuovo presidente. Il tedesco, ben noto negli ambienti politici nazionali per essere stato Ministro dell Economia e del Lavoro della Città-Stato di Amburgo, è da poco (giugno 2009) anche il CEO del gruppo terminalistico Eurogate. La Battistello, in occasione del passaggio delle consegne, ha evidenziato l importanza che, anche in periodi di crisi, la Commissione Europea e il settore portuali e degli operatori terminalistico-portuale terminalistici. Le abbiano obiettivi comuni condizioni contrattuali ed ha sottolineato la necessità che in questo sono pertanto concordate dalle parti contraenti e momento il legislatore così dovrebbe essere europeo prenda atto che anche in futuro. il comparto deve ancora Un ulteriore livello risollevarsi dalla crisi. legislativo dell UE La concorrenza nel Gunther Bonz sulle concessioni non settore portuale e tra i vari porti è molto stretta, i terminal operator devono investire tenendo conto dei connessi rischi commerciali rileva Bonz. I contratti di concessione riflettono questa mutua assunzione di rischio da parte delle autorità accrescerebbe il valore del mercato delle attività portuali. La discussione sugli aiuti di Stato dovrebbe essere focalizzata sull impatto sul mercato affinché prevalga la miglior soluzione possibile.

17 17 LOGISTICA Bonatesta invoca l unione per far fronte alla crisi attuale Traffici dirottati (a malincuore) da Brindisi a Bari guatando il business con la Bulgaria Sig. Bonatesta, in che termini il suo Gruppo ha risentito della crisi dei traffici marittimi degli ultimi anni? Considerando i miei sforzi di creare in una ventina d anni tutte queste aziende che si adattassero alle esigenze del sistema trasporti mare-strada-ferrovia, può ben capire quanto mi rincresca dovervi dire che dal 1 Gennaio 2010 i trasporti intermodali non passano più per Brindisi, ma da Bari, per proseguire nell Est Europa e in Grecia. Questo perché il servizio multimodale a Brindisi è diventato molto oneroso a tal punto da perdere competitività per eccessivi costi ferroviari. Inoltre subiamo la concorrenza anche di compagnie marittime che si improvvisono anche trasportatori terrestri di container pur non essendo autorizzati a farlo, perchè non hanno licenze comunitarie per il trasporto combinato. E ciò rappresenta per noi una concorrenza sleale. A breve avremo un incontro con l Assessore Regionale dei Trasporti, Minervini, in occasione della riunione di FITA-CNA. Intanto, per affrontare la crisi, stiamo dirigendo le nostre risorse verso l attività terminalistica e di vettore multimodale, trasportando unità intermodali in arrivo alla stazione di Bari e su gomma a Brindisi per destinarli a Patrasso e Igoumenitsa. A maggio 2009 si è svolta la missione delle imprese brindisine presso le omologhe bulgare a Sofia, nell ambito del progetto The Near East. Brindisi è dunque la vera candidata a diventare protagonista del famoso Corridoio VIII? È ciò che tutti noi del cluster marittimo brindisino ci auguriamo, ma per adesso vi sono ancora problemi per le aziende bulgare ad entrare nel mercato europeo, in quanto i loro costi nelle attività di trasporto sono di gran lunga inferiori alle nostre. Pensi che il personale costa meno del 20% rispetto all Italia e le tasse sono solo il 5% dell utile. Brindisi soffre molto della concorrenza di aziende internazionali che riescono ad appropriarsi di lavoro che spetterebbe ad aziende locali. In conclusione cosa chiede alle istituzioni locali e all Autorità Portuale affinché il suo Gruppo possa sperare di continuare a crescere nei trasporti nazionali e internazionali? La mia speranza è che vengano organizzati presto dei tavoli di lavoro con tutti i protagonisti del sistema logistico e L intraprendenza di Giovanni Bonatesta, che ha avuto l intuizione di evolvere verso un sistema trasportistico intermodale, ha fatto sì che nel corso degli anni 80 e 90 si sviluppassero le aziende Bontrans (impresa portuale che movimenta e coordina anche il flusso merci su strada fondata nel 1990), Bonatesta (gestisce il trasporto su rotaia, 1993) e T.I.B. (specializzata nella trazione di semirimorchi e casse mobili, 1996). Alla fine degli anni 90, il Gruppo ha completato la catena logistica con la creazione di Bonatesta Srl e con la nascita della compagnia di navigazione LogBrin Shipping. Il coordinamento e l integrazione sistemica dei servizi multimodali è garantita dal Consorzio LogBrin, cui tutte le aziende del Gruppo aderiscono. La principale base operativa del Gruppo Bonatesta è a Brindisi, snodo strategico del Mediterraneo Meridionale per i traffici verso i Balcani, la Grecia, gli altri Paesi del Mar Egeo, nonché per i traffici verso il Nord Africa e il Medio Oriente. Il Gruppo brindisino opera nella zona portuale doganale di Sant Apollinare, area recintata di proprietà di mq, trasporti per trovare la soluzione ai reali problemi e in cui si possa spendere nei progetti qualcosa che ritorni utile a tutti gli operatori di Brindisi. Ciò che noto è la mancanza di unione e di spirito di gruppo per ottenere dei risultati positivi o per opporsi alle azioni che non si condividono. Francesco Fischetto Il gruppo LogBrin si è evoluto parallelamente al sistema trasportistico internazionale ma ora rischia il soffocamento adiacente a banchina di 280 m., e dista 2 km dal terminal ferroviario Cemat e 8 km dall aeroporto civile e militare. Ivi sono presenti capannoni con superficie complessiva di 6000 mq, di cui 500 mq adibiti a deposito doganale, mq utilizzati per stoccare merci prive di vincoli doganali. Nel porto medio di Brindisi, località Costa Morena, è presente l area demaniale di mq in concessione per deposito merci in attesa di imbarco e distribuzione. Anche in Grecia, in prossimità del porto di Patrasso, il Gruppo detiene un area recintata di mq per stoccaggio materiale e manovra mezzi dove ha sede operativa l azienda Bonatesta Srl. Il Gruppo negli anni è riuscito a costituire un articolato parco mezzi che comprende: la nave Sabrina, una ro-ro self-sustained da dwt, idonea al trasporto di contenitori, casse mobili, cisterne, trailers e general cargo; 2 reach staker da 45 tonnellate per movimentazione container di 20 /30 /40 /45 ; 1 tug master per movimentazione trailers a bordo e a terra, 300 unità di carico di 45 per trasporto intermodale; 150 container di 20,30 e 40 ; 50 trattori stradali per trasporto container e casse mobili; 10 carrelli elevatori con portata 2-15 tonnellate; 2 autogru da 25 tonnellate e un carroponte da 5 tonnellate. Bonatesta opera sia in ambito nazionale che internazionale e oggi può contare su di una collaudata rete di corrispondenti che permette di collegare agevolmente i principali mercati europei ed extraeuropei. I maggiori clienti sono importanti aziende italiane ed internazionali come Polimeri Europa, Colgate Grecia, Johnson&Johnson, P&O Ferry Master, Cemat Spa, e altri ancora. Attualmente il Gruppo conta una sessantina di dipendenti ed è un operatore intermodale che utilizza una catena logistica integrata per offrire servizi di trasporto door to door: la merce presa in carico viene movimentata dal luogo di origine fino alla destinazione finale combinando modalità diverse di trasporto, strada-ferrovia-mare. In questo ambito l azienda T.I.B. svolge l attività di trazione dei semirimorchi e delle casse mobili che assicura la disponibilità tempestiva all imbarco delle diverse tipologie di unità carico e garantisce la massima integrazione tra le diverse modalità di trasporto. Il flusso merci marittimo e stradale è gestito e coordinato dalle altre aziende del Gruppo, Bontrans, Bonatesta Srl e LogBrin Shipping. Quest ultima società di navigazione nel 2002 ha inaugurato la linea marittima Brindisi-Patrasso destinata esclusivamente al traffico mercantile non accompagnato, e dall iniziale collegamento bisettimanale, è passata a garantire partenze giornaliere da entrambi i porti fino al Ma oggi per la crisi del traffico nel porto brindisino e per una serie die venti che non sto qui ad indicare, la nave è ferma da oltre due anni. F.F.

18 18 CROCIERE Malta mon amour: l isola piace sempre di più ai crocieristi di tutti il mondo Nel primo semestre del 2010 sbarchi quasi raddoppiati rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Ormai, per scalare il porto di La Valletta, le compagnie di crociera devono mettersi in fila ordinata e aspettare il loro turno. Le banchine del Valletta Cruise Terminal (VCT) sono state infatti piuttosto affollate di recente: solo nel mese di giugno 2010 hanno toccato la capitale maltese 24 navi, per un totale di passeggeri sbarcati sulla piccola isola mediterranea, il 38% rispetto ai di giugno Tra Riccardo Fuochi, presidente di CONFAPI Trasporti lancia il suo grido d allarme: siamo in Europa e le regole devono essere uguali per tutti: se noi (italiani) siamo troppo burocratici, il lavoro lo fanno gli altri Paesi Europei. Ogni qualvolta lo spedizioniere italiano dovrà pagare il suo corrispondente estero in ognuno dei 73 Paesi elencati nella Gazzetta Ufficiale come black list, dovrà predisporre un documento extra per comunicare all Agenzia delle Entrate ciò che potrebbe essere tranquillamente controllato in banca. Poiché pare non vi sia una qualche normativa analoga in altro paese europeo sostiene Fuochi, non è possibile protestare vivacemente, magari anche tramite una raccolta di firme, contro l emanazione di un tale decreto? Tutte le transazioni bancarie con l Estero, infatti, risultano già nei documenti bancari, quindi la richiesta dell Agenzia delle Entrate di una copia di documenti già esistenti comporta soltanto un aggravio burocratico che va a togliere tempo prezioso all attività primaria di ogni singola azienda. Nell ultimo anno prosegue Fuochi abbiamo assistito alla creazione di tutta una serie di nuove procedure burocratiche che contraddicono i programmi/progetti del Ministero della Semplificazione. Nel nostro settore, quello dei trasporti internazionali, abbiamo avuto l introduzione della scheda di trasporto, dell INTRASTAT, nuove normative IVA, nuove normative per le dichiarazioni sulla radioattività dei materiali esportati e sui contratti di trasporto. E adesso ci si mettono anche con nuove dichiarazioni (BLACK LIST) che servono solo a riempire di carta altri moduli totalmente inutili. Ma quando lo troviamo poi il tempo per lavorare e produrre? le tante unità approdate il mese scorso c è stata la Spirit of Oceanus della compagnia americana Cruise West, al suo debutto maltese, la Golden Iris dell israeliana Mano Maritime e la Costa Allegra, con il VCT per la prima volta come homeport. Scafi illustri quindi, come quello di Silver Spirit, l ultima nata della compagnia specializzata in luxury cruises Silversea, che lo scorso 6 luglio ha scelto la capitale della minuscola repubblica sud-europea per la toccata inaugurale della sua prima stagione. La partenza della nave è stata salutata da una rievocazione storica dei cavalieri dell Ordine di Malta e da una serie di cannonate a salve, sparate dagli Upper Barrakka Gardens. Nei primi 6 mesi del 2010 sono stati i passeggeri che hanno scalato il porto di La Valletta, quasi il 50% in più rispetto ai visitatori sbarcati nel primo semestre dello scorso anno. Numeri che il CEO di VISET Malta (la società che ha in gestione il Valletta Cruise Terminal) John Portelli commenta con soddisfazione: Negli ultimi anni abbiamo consolidato sempre più la nostra reputazione di destinazione crocieristica, confermata anche dal recente premio Best International Port in the Mediterranean. Merito dell elevata qualità dei servizi che offriamo sia alle navi che ai loro ospiti: sempre più compagnie vogliono inserire il nostro porto nei loro itinerari. I rottami fanno scintille sulla rotta Augusta-Marghera Lo strano caso del carico di una nave di GMD Shipping che è stato giudicato in maniera diversa nei porti di partenza e di destinazione Materia prima secondaria o rifiuti ferrosi? Trasporto illecito di rifiuti o concorrenza sleale? Il caso della nave ispezionata a Porto Marghera e rispedita ad Augusta dov è tuttora bloccata con il carico sotto sequestro tiene banco tra gli operatori di shipping siciliani, che chiedono maggiore chiarezza su questo tipo di traffici. La vicenda ha inizio a Venezia dove viene sequestrato un ingente carico di rottami (circa tonnellate fra la stiva e il materiale in banchina) provenienti da Augusta e diretti ad alcune acciaierie del Triveneto. Le irregolarità relative al materiale stivato riguarderebbero la documentazione presentata, dove si attestava che il carico fosse materia prima secondaria (MPS), mentre, secondo i rilievi della Forestale, erano stati imbarcati anche numerosi resti di autovetture derivanti dalla demolizione, in totale difformità con quanto stabilito dalla normativa CECA sulla tutela dell ambiente. Vista la loro presenza, il materiale trasportato dalla nave general cargo Cristin (di proprietà appartenente alla neonata società armatoriale napoletana GMD Shipping Spa, tra i cui soci figura Vincenzo Lubrano, ex Vima Ship) avrebbe dovuto essere classificato come rifiuti, contrassegnato dal relativo codice CER e accompagnato dalla relativa documentazione di trasporto. La Forestale ha stabilito che il punto di partenza dei rifiuti era una ditta di Catania, che, assieme ad un acciaieria di Vicenza, aveva messo in piedi questa rotta di trasporto marittima, in alternativa ai mezzi stradali che finora attraversavano GENERAL CARGO la penisola. Qualcuno, infatti, parla già di concorrenza più o meno sleale da parte di un altra società, anch essa specializzata nello smaltimento di rottami, che cercherebbe di mettere i bastoni fra le ruote a questo nuovo collegamento. Ad Augusta ci si chiede, infatti, perché sia stato sollevato questo polverone parlando di ecomafia se si trattava già della terza spedizione via mare effettuata e soprattutto se la Capitaneria di porto e l Autorità Portuale di Augusta (oltre all ARPA di La general cargo Cristin della società napoletana GMD Shipping Siracusa) avevano sempre autorizzato l imbarco della merce e l utilizzo delle banchine dell area di Punta Cugno. Sia l ARPA che i Vigili del Fuoco, non avendo rilevato la presenza di eventuali sostanze radioattive, avevano attestato si trattasse di materie prime secondarie (MPS). Le stesse, dunque, che secondo il Corpo Forestale a Porto Marghera sono diventate rifiuti ferrosi. Gli operatori del porto di Augusta pretendono più chiarezza e regole certe per evitare in futuro vicende simili. Nicola Capuzzo

19 19 SAFETY Collisione mortale per una nave cisterna italiana Coinvolta la chemical tanker Martina della società livornese Cabotaggio di Navigazione Tragico incidente in mare per la products chemical tanker Martina di proprietà della società livornese Cabotaggio di Navigazione. Un pescatore di 54 anni è morto a seguito della collisione tra la nave gestita dalla compagnia facente capo alla famiglia Castaldi e un imbarcazione da diporto, avvenuta qualche giorno fa al largo di Santa Marinella, di fronte alle coste laziali. Secondo la ricostruzione fatta dalle autorità locali, nonostante le ottime condizioni di visibilità la nave cisterna Martina, partita dal porto di Livorno e diretta ad Augusta, ha investito il natante lungo circa 8 metri con a bordo due uomini. Mentre uno dei due, finito in mare, era stato immediatamente recuperato e soccorso dall equipaggio della nave, l altro per qualche ora pareva disperso fino a quando, poche ore dopo, è stato trovato morto tra i rottami dell imbarcazione da diporto. I due mezzi sono stati sequestrati dalla Capitaneria di Porto, che conduce l inchiesta avviata dalla magistratura per accertare le cause della collisione ed eventuali responsabilità. I due diportisti coinvolti nella collisione rientravano da una battuta di pesca a traino in notturna, quando il motoscafo sul quale erano a bordo è entrato in collisione con la nave cisterna, che fortunatamente era priva di carico e ha prontamente allertato la Capitaneria di Porto di Civitavecchia lanciando l SOS e iniziando le operazione di salvataggio. La collisione è avvenuta poco dopo che il natante aveva iniziato la rotta per fare ritorno nel porticciolo turistico di Riva di Traiano. La Capitaneria di Porto ha confermato che i due amici erano soliti uscire in mare per battute di pesca notturne, arrivando a spingersi anche fino a 16 miglia dalla costa. INTERMODALE CEMAT incrementa la circolazione Maggiore frequenza su tre collegamenti domestici durante l estate In considerazione della crescente domanda del mercato ed in previsione degli aumenti di traffico per il periodo estivo, a partire dal 1 luglio Cemat ha incrementato le circolazioni dei treni riguardanti tre suoi servizi nazionali, che ora effettuano 6 partenze settimanali per senso per garantire ai clienti un servizio continuativo ed una migliore offerta. I servizi in questione sono: Milano Bari, Milano Bicocca (Catania) e Novara Pomezia (Latina). Complessivamente Cemat in Italia effettua 8 servizi regolari con partenze giornaliere o programmate. Oltre ai tre servizi appena upgraded, esistono i seguenti: Busto Pomezia, Milano Marcianise, Novara Bari, Verona Bari, Bologna Bari. Fondata nel 1953 ed attiva nel trasporto combinato dal 1976, la società di Milano ha attualmente un capitale sociale di 7 milioni di Euro cui partecipano i seguenti azionisti: FS Logistica SpA 53,28%, HUPAC SA 34,47%, operatori privati del trasporto 12,25%. L ultimo fatturato dichiarato (2008) vedeva ricavi per 253,55 milioni di Euro e volumi di traffico così ripartiti: trasporti nazionali (ovvero unità di carico), trasporti internazionali ( unità di carico), treni in traffico nazionale, in traffico internazionale. La flotta a disposizione è di carri, pari a moduli (di cui di proprietà) utilizzati sia nel traffico nazionale che in quello internazionale.

20 20 FERRY Ponza, riparte la compagnia autoctona Riattivate da Terracina la linea turistica della SNAP e quella commerciale della SNIP Mentre non manca la concorrenza, latita il sostegno della pubblica amministrazione Buone notizie per i flussi di traffico (turistici e commerciali) diretti alle isole pontine. Il binomio aziendale SNAP SNIP, che fa capo all armatore Guido De Martino, con sede a Terracina (Latina), ha annunciato l attivazione di nuovi collegamenti. La linea turistica che connette Terracina all isola di Ponza (via isola di Ventotene) esercita dalla SNAP è stata riattivata il 30 giugno mediante il ferry Carloforte (costruzione del 1973), che consente l imbarco di mezzi e passeggeri. In aggiunta il mezzo veloce monocarena Ischiamar II (solo per passeggeri), di proprietà delle Linee Buono Srl dell armatore campano Giuseppe Buono di Ischia, è attivo su questa stessa rotta, offrendo anche pacchetti turistici per escursioni e gite. Inoltre la linea Terracina-Ponza-Ventotene è ora anche percorribile ai mezzi commerciali con autisti al seguito e merci, servizio al quale è adibita la nave Maria Maddalena. E non è tutto. Dal 30 luglio SNAP annuncia che sarà attiva anche la nuova linea veloce Formia - Forio d Ischia (via Ventotene), esercita con il mezzo monocarena veloce Benedetta II. Grazie a queste nuove partenze si rinnova una concorrenza già vivace, che da questi paraggi vede anche impegnate, con destinazione le Isole Pontine (Ponza, Palmarola, Gavi, Zannone, Ventotene e Santo Stefano), le seguenti società: SNAV (da Napoli Mergellina a Ponza e Ventotene, da Ischia Casamicciola a Ponza e Ventotene, da Ponza a Ventotene); Vetor Aliscafi (da Anzio a Ponza Ventotene) e la società statale Caremar (da Anzio a Ponza, da Formia a Ponza e Ventotene). L iniziativa SNAP Società Navigazione Arcipelago Ponziano - successivamente replicata in SNIP Società Navigazione Isole Ponziane, con lo stesso assetto societario - nasce nel 2001 dall idea di un comandante di lungo corso, Antonio Romano, e per volontà dell imprenditore ponzese Guido De Martino, per offrire il collegamento per le isole Ponziane. Immediatamente viene acquistata la Carloforte, che inizia ad operare sulla linea Terracina-Ponza. Nel gennaio 2005, al termine di una complessa trattativa, vengono acquistate le unità Maria Maddalena (costruita nel 1955 ad Aeroskobing in Danimarca) e Rio Marina (1960, Rospiggen, Danimarca) insieme a tutto il ramo di attività delle Linee Mazzella, che fanno capo allo storico armatore autoctono Giuseppe Mazzella, sorta di istituzione a Ponza (le sue navi operavano sotto lo slogan, un po Da San Felice Circeo opera invece la Pontina Navigazione srl, fondata nel 1994, che iniziò i servizi per Ponza l anno successivo con l acquisto della motomave Hipponion Princess (300 passeggeri), e che oggi è l unica società demagogico, Mazzella parte sempre, a prescindere dalle condizioni meteomarine). E quest anno a Ponza si schiera nuovamente la Navigazione Libera del Golfo dell armatore Aponte di Sorrento, già da tre anni impegnato sulle isole pontine, che dopo avere utilizzato il Tremiti jet (440 posti), ora vi opera il Vesuvio jet (500 posti). Ma se gli imprenditori sembrano avere fatto la loro parte nel corso degli anni, ai lenti traghetti convenzionali della compagnia pubblica si sono sostituiti i mezzi veloci immessi dai privati le istituzioni ancora latitano; lo si vede nelle questioni spicciole sulle banchine, quali i parcheggi, l accoglienza, i servizi igienici ecc. D altronde il rapporto tra mano pubblica ed imprenditoria navale non è mai stato troppo idilliaco. Le cronache locali narrano, nel corso degli anni, di ripetute difficoltà in cui la SNAP è incorsa in buona parte addebitabili al mancato sostegno, contrariamente agli impegni sottoscritti, di Comune e Regione. Ancora all inizio del 2010 la prefettura di Latina era intervenuta, rispondendo all appello della società di navigazione privata, i cui lavoratori senza stipendio Dal Circeo un mezzo veloce a espletare i collegamenti tra il Circeo e l isola pontina con cadenza giornaliera. da parecchi mesi minacciavano il fermo totale dei servizi. Causa del ritardo nell erogazione dei salari era il consueto differimento da parte della Regione Lazio dell erogazione bimestrale delle sovvenzioni a favore della SNAP (diritto ereditato rilevando l attività della Mazzella nel 20005). Analogo intervento era stato già svolto dalla prefettura del capoluogo latino nella primavera del Nel 2009 SNIP si era fortemente esposta rilevando per circa 2,5 milioni di euro dalla flotta Alilauro di Ischia il catamarano Airone Jet, che raggiunge 34 nodi di velocità e trasporta 300 passeggeri. E in attesa che il nuovo acquisto entrasse in linea, dopo aver effettuato in cantiere doverosi interventi di manutenzione, veniva noleggiata la Ischiamar II, con capienza di 319 passeggeri. Una nave che poi, come visto, si è fermata stabilmente a Ponza. Un altra questione che l armamento pontino vive sulla propria pelle è quella dei costanti problemi di attracco alla banchina di Terracina. Ancora a fine 2008 il Maria Maddalena, di ritorno dalla corsa su Ponza, si era nuovamente incagliato all ingresso del porto laziale causa i bassi fondali. Angelo Scorza

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

RASSEGNA STAMPA GENNAIO 2014

RASSEGNA STAMPA GENNAIO 2014 RASSEGNA STAMPA GENNAIO 2014 COMPARTO AEREO: Vuoi essere sempre aggiornato sulle notizie e le curiosità relative all' Aeroporto "C. Colombo"? Iscriviti GRATUITAMENTE alla Newsletter inviando una e- mail

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2011 Risposte Turismo realizza per il secondo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare all analisi dell andamento del settore

Dettagli

Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato. pag. 1

Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato. pag. 1 Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato pag. 1 Strategie di sviluppo in mercati maturi e competitivi pag. 2 La società Costituita nel 1992, Grandi Navi Veloci é una delle principali compagnie

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE

RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROVVEDITORI APPALTATORI NAVALI RELAZIONE DEL PRESIDENTE Catania, 22 Maggio 2015 1 Signore, Signori, Autorità, gentili Ospiti, Cari Colleghi e Cari Amici Un cordiale saluto ed un

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia LO SVILUPPO DEI NUOVI MERCATI PER IL CLUSTER MARITTIMO: LE POTENZIALITÀ DEL BACINO DEL MEDITERRANEO E FOCUS SU TURCHIA Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia Alessandro

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo Trasporto marittimo Veicoli di trasporto marittimo Vie e terminali di trasporto marittimo 1 Trasporto marittimo Natanti (Veicoli) 2 natanti - classificazione per trasporto merci o passeggeri lenti o mezzi

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2013 Risposte Turismo realizza per il quarto anno lo speciale dedicato al turismo crocieristico, in particolare all analisi dell andamento del settore in Italia

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope. Facoltà di Economia. Laudatio. per il conferimento delle laurea ad honorem

Università degli studi di Napoli Parthenope. Facoltà di Economia. Laudatio. per il conferimento delle laurea ad honorem Università degli studi di Napoli Parthenope Facoltà di Economia Laudatio per il conferimento delle laurea ad honorem in Economia marittima e dei trasporti a Gianluigi Aponte Napoli, 8 marzo 2003 1 Magnifico

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI SETTORE MACCHINARI Nel primo semestre del 2010 le importazioni coreane di macchinari e componenti elettromeccanici (V. doganale merceologica 84, 85) hanno totalizzato 52 miliardi USD, con un aumento del

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna La Nuova Venezia mercoledì 6 novembre 2013 L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna di ENRICO TANTUCCI 06 Novembre 2013 20 Grandi navi, stop dal governo di Enrico Tantucci Incontro

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA dell 11 maggio 2011; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA dell 11 maggio 2011; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 11 maggio 2011; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTO l articolo 101 del Trattato sul Funzionamento dell

Dettagli

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana FEDERTRASPORTO L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana I dati dell interscambio con l estero e le tendenze delle M&A e degli Accordi sul mercato globale e nazionale DATI

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q4 26 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q4/6 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE

MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE anonima petroli italiana SICUREZZA DEL MARE: ELEMENTO DELLA COMPATIBILITÀ TERRITORIALE IL GRUPPO API E L AMBIENTE:

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

ANDAMENTO DEL COSTO DEL TRASPORTO MARITTIVO E TREND DI SVILUPPO

ANDAMENTO DEL COSTO DEL TRASPORTO MARITTIVO E TREND DI SVILUPPO Lewitt Insight - White Paper ANDAMENTO DEL COSTO DEL TRASPORTO MARITTIVO E TREND DI SVILUPPO Agosto 2015 www.lewitt.it info@lewitt.it Obiettivo dell analisi è la rappresentazione dell andamento del costo

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Aspetti organizzativi

Aspetti organizzativi Molo Vespucci 00053 Civitavecchia Tel. 0766 366201 fax 0766 366243 Via del Pesce Volante 00054 Fiumicino Tel 06 65047931 fax 06 65047931 Lungomare Caboto 04024 Gaeta Tel 0771 471096 fax 0771 712664 www.portidiroma.it

Dettagli

ING.ULDERICO CONSOLE

ING.ULDERICO CONSOLE ING.ULDERICO CONSOLE METODOLOGIE DI ESTIMO NAVALE Criteri estimativi per la valutazione del naviglio nelle Procedure Fallimentari, Assicurative, Bancarie etc. Febbraio 2013 80132 NAPOLI - Via Monte di

Dettagli

Trasporto Navale. I soggetti. Le interazioni. Veicoli di trasporto marittimo Vie di trasporto marittimo Terminali di trasporto marittimo

Trasporto Navale. I soggetti. Le interazioni. Veicoli di trasporto marittimo Vie di trasporto marittimo Terminali di trasporto marittimo Trasporto Navale E da sempre il modo più vantaggioso per gli scambi commerciali; riduce notevolmente i costi, soprattutto per le lunghe distanze permette di raggiungere aree geografiche altrimenti impossibili

Dettagli

I vantaggi della liberalizzazione per Malpensa

I vantaggi della liberalizzazione per Malpensa idee per il libero mercato di Andrea Giuricin La caduta del Governo Prodi avrà sicuramente delle conseguenze sulla partita aperta tra Alitalia e Malpensa. Se da un lato è positivo il fatto che la riforma

Dettagli

Corso di Implicazioni economico finanziarie delle scelte armatoriali. Il nolo. Genova, Ottobre 2011

Corso di Implicazioni economico finanziarie delle scelte armatoriali. Il nolo. Genova, Ottobre 2011 Corso di Implicazioni economico finanziarie delle scelte armatoriali Il nolo Genova, Ottobre 2011 Il nolo In una impresa armatoriale, nella norma, il principale flusso di ricavi derivante dall attività

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA

LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA Arianna Buonfanti, Ricercatrice Area Infrastrutture SRM XV Conference of the Italian Association of Transport Economics and

Dettagli

Compagnia delle Isole S.p.A

Compagnia delle Isole S.p.A Compagnia delle Isole S.p.A 1 Compagnia delle Isole S.p.A. Servizi di trasporto marittimo con le isole minori della Sicilia - Convenzione con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti - 2 Premessa

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Lettera-Notiziario n. 4 2011 Edizione Flash Situazione del mercato mondiale al 30 settembre 2011 *

Lettera-Notiziario n. 4 2011 Edizione Flash Situazione del mercato mondiale al 30 settembre 2011 * ASSONAVE Lettera-Notiziario n. 4 2011 Edizione Flash Situazione del mercato mondiale al 30 settembre 2011 * * Elaborata dall Ente Studi e Analisi Sistema Competitivo di Fincantieri 0 ANDAMENTO DEL MERCATO

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE SISTEMI OPERATIVI QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE Venezia, settembre 1997 INDICE SINTESI DEI CONTENUTI 0 PREMESSA 1 IL PORTO DI CHIOGGIA OGGI E DOMANI 1.1 LE INFRASTRUTTURE E LE

Dettagli

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI INTERNAZIONALIZZAZIONE POMPEO TRIA CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI Pompeo Tria del gruppo Step Impianti presenta la strategia per il prossimo triennio. Tre parole chiave: internazionalizzazione, innovazione

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO

AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO ESTERO AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO Uno dei più importanti scali del nord Europa vede la progressiva crescita del traffico contenitori, che con 2 milioni di teu per anno e la previsione di un sostanziale

Dettagli

Il mercato del lapideo. Passato e presente

Il mercato del lapideo. Passato e presente Il mercato del lapideo Passato e presente Il mercato per il settore lapideo è il mondo che noi dividiamo in macro aree: Europa, America, Medio Oriente e Africa, Estremo Oriente e Australia. Massa Carrara

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

CRISI ECONOMICA: SOLUZIONI FINANZIARIE, ASSICURATIVE E LEGALI PER LE COSTRUZIONI NAVALI

CRISI ECONOMICA: SOLUZIONI FINANZIARIE, ASSICURATIVE E LEGALI PER LE COSTRUZIONI NAVALI CRISI ECONOMICA: SOLUZIONI FINANZIARIE, ASSICURATIVE E LEGALI PER LE COSTRUZIONI NAVALI GENOVA, 13 MAGGIO 2011 Studio Casani & Associati, Dottori Commercialisti - Largo XXV Aprile 8, - 54033 Carrara (MS)

Dettagli

Auto TEU's Gen. Cargo

Auto TEU's Gen. Cargo Esigenze dell Armamento Dr.Ing. Giancarlo Coletta Direttore acquisti Direttore R&D Grimaldi Group AGENDA Il Gruppo Grimaldi Napoli Le esigenze per sviluppo & competitività Il ruolo degli utenti e dei fornitori

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SITUAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

COMUNICATO STAMPA SITUAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 COMUNICATO STAMPA SITUAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 Il Consiglio di Amministrazione della Saipem S.p.A. in data odierna ha esaminato la situazione trimestrale consolidata del Gruppo (non oggetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015 COMMENTO DEL MANAGEMENT

COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015 COMMENTO DEL MANAGEMENT COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di d Amico International Shipping S.A. approva i risultati del primo semestre e del secondo trimestre 2015: DIS REALIZZA IL SUO MIGLIORE RISULTATO SEMESTRALE

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO Titolo elaborato: RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE "A3" ANALISI DELLA DOMANDA

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 Risultati 2011 in crescita rispetto all esercizio 2010 Ricavi gestionali 1 : 579,3 milioni di Euro (+5,3%) EBITDA gestionale 1

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS TRASPORTOS ASSESSORATO DEI TRASPORTI

ASSESSORADU DE SOS TRASPORTOS ASSESSORATO DEI TRASPORTI CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PUBBLICO DI COLLEGAMENTO MARITTIMO PER IL TRASPORTO DI PERSONE, VEICOLI E MERCI SULLA TRATTA PORTO TORRES ISOLA DELL ASINARA (CALA REALE)

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna. Ravenna, 5 Maggio 2009

I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna. Ravenna, 5 Maggio 2009 I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna Ravenna, 5 Maggio 2009 Sommario La nuova indagine: metodologia e soggetti coinvolti Contesto di riferimento La visione da parte degli autotrasportatori

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Il motore diesel per la propulsione navale

Il motore diesel per la propulsione navale 1 Schede di Impianti Navali Il motore diesel per la propulsione navale ver 1.1 A cura di Franco Quaranta 2 Il motore diesel per la propulsione navale versione: 1.1 file originale: Il motore diesel per

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Inserto bimestrale della rivista Regioni&Ambiente. Promosso da

Inserto bimestrale della rivista Regioni&Ambiente. Promosso da Inserto bimestrale della rivista Regioni&Ambiente Promosso da SETTEMBRE 2003 La rivista bimestrale I Porti d Italia a settembre fa scalo a Livorno, Savona, Genova. Nel primo approdo viene presentato l

Dettagli

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi Convegno autunnale Assofermet Capri 12 ottobre 2002 Intervento del Presidente di Eurometrec, Fernando Duranti Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi La congiuntura

Dettagli

RIPARTIZIONE ORDINI GLOBALI 2015 PER PAESE

RIPARTIZIONE ORDINI GLOBALI 2015 PER PAESE A fronte degli oltre 410 yacht di lunghezza oltre i 30 metri che vanno a comporre il portafoglio ordini globale, è ancora una volta di soddisfazione per il nostro Paese il dato relativo alla ripartizione

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

L aggiornamento delle informazioni sui traffici portuali Il presente testo rappresenta un aggiornamento statistico e un arricchimento dei dati già

L aggiornamento delle informazioni sui traffici portuali Il presente testo rappresenta un aggiornamento statistico e un arricchimento dei dati già L aggiornamento delle informazioni sui traffici portuali Il presente testo rappresenta un aggiornamento statistico e un arricchimento dei dati già presentati nello Studio sui porti pubblicato dal DIPE

Dettagli

Il rilancio della portualità e della logistica italiana come leva strategica per la crescita e la competitività del Paese

Il rilancio della portualità e della logistica italiana come leva strategica per la crescita e la competitività del Paese Roma, 18 giugno 2013 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Il rilancio della portualità e della logistica italiana come leva strategica per la crescita e la competitività del Paese Paolo

Dettagli

PREMIO ANGELO SCRIBANTI. Cerimonia per il conferimento del premio Angelo Scribanti 2015 a: Ingegneri Navali Franco Porcellacchia e Stefano Tortora

PREMIO ANGELO SCRIBANTI. Cerimonia per il conferimento del premio Angelo Scribanti 2015 a: Ingegneri Navali Franco Porcellacchia e Stefano Tortora Scuola Politecnica Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni PREMIO ANGELO SCRIBANTI Cerimonia per il conferimento del premio Angelo Scribanti 2015 a: Ingegneri

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Il bimestre Giugno-Luglio 2015 Rapporto di sintesi Il team di T.R.A.V.E.L.-EXPO, Settembre 2015 1 Tassi di partecipazione alla

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

DESTINAZIONE ITALIA 2020

DESTINAZIONE ITALIA 2020 DESTINAZIONE ITALIA 2020 Promuovere e comunicare lo stile italiano nel mondo Il ruolo delle imprese Cav. Dott. Grazia Bottiglieri Rizzo Torino, 30 gennaio 2009 . IL BOARD DELLA RIZZO BOTTIGLIERI DE CARLINI.

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

GENNAIO 2013 COMPARTO AEREO:

GENNAIO 2013 COMPARTO AEREO: GENNAIO 2013 COMPARTO AEREO: L aeroporto Cristoforo Colombo di Genova è tra i dieci aeroporti strategici a livello nazionale. È quanto emerge dall atto di indirizzo del Piano per lo sviluppo aeroportuale

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

ASSONAVE. Lettera-Notiziario n. 1 2013 * * Elaborata dall Ente Studi e Analisi Sistema Competitivo di Fincantieri

ASSONAVE. Lettera-Notiziario n. 1 2013 * * Elaborata dall Ente Studi e Analisi Sistema Competitivo di Fincantieri ASSONAVE Lettera-Notiziario n. 1 2013 * * Elaborata dall Ente Studi e Analisi Sistema Competitivo di Fincantieri ASSONAVE EXECUTIVE SUMMARY Andamento ordini Nel corso del primo trimestre del 2013, gli

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Genova, 17 Febbraio 2014 No. 1601

Genova, 17 Febbraio 2014 No. 1601 Genova, 17 Febbraio 2014 No. 1601 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova

LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova Autorità Portuale di Genova PORT&SHIPPINGTECH 2012 Dimens ioni del Porto di Genova Il Porto di Genova: dimensioni Superficie operativa 700

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Illustrazione ai cittadini Prospetto passeggiata a mare da Porto Vado La piattaforma e il

Dettagli